...

interventi in favore di persone affette da sclerosi amiotrofica (sla)

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

interventi in favore di persone affette da sclerosi amiotrofica (sla)
DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RMG2
COMUNE CAPOFILA: COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO
AVVISO PUBBLICO
INTERVENTI IN FAVORE DI PERSONE AFFETTE DA SCLEROSI
AMIOTROFICA (SLA)
RENDE NOTO
Che la Regione Lazio, con D.G.R. n° 233/2012 e con Determinazione n°
B08766 del 12/11/2012, ha promosso e finanziato un Programma di
interventi a favore di persone affette da sclerosi laterale amiotrofica (SLA),
il cui scopo è facilitare e supportare la permanenza del paziente nel
proprio contesto familiare.
BENEFICIARI
Possono presentare istanza di accesso le persone affette da SLA residenti
nel Distretto Socio-Sanitario RMG2.
OBIETTIVI
Sostenere l’impegno delle famiglie nelle attività di cura e di assistenza,
attraverso l’erogazione di prestazioni in favore delle persone affette dalla
SLA, con PARTICOLARE riferimento ad interventi domiciliari gestiti in forma
indiretta mediante piani personalizzati redatti nell’ambito dell’integrazione
socio-sanitaria.
IMPORTI
Ai sensi della Determinazione dirigenziale n. B08766/2012, in caso di assistenza
domiciliare diretta o indiretta, gli importi massimi del contributo economico
mensile da erogare al singolo utente affetto da SLA, sulla base della stadiazione
della malattia, correlata alle funzioni compromesse e al grado di compromissione,
sono i seguenti:
Stadiazione malattia
I livello
Deficit moderato
€ 300.00
II livello
Deficit medio-grave
€ 500.00
III livello
Deficit grave
€ 1200.00
IV livello
Deficit completo
€ 2000.00
INTERVENTI
Il presente Avviso Pubblico prevede l’attivazione di interventi a sostegno
della domiciliarità e di riconoscimento del lavoro di cura di
familiari/caregiver, di durata annuale, tramite l’erogazione di un contributo
economico denominato “assegno di cura”.
L’assegno di cura dovrà essere finalizzato a realizzare uno dei seguenti
interventi:
Il contributo massimo mensile stabilito nella tabella verrà decurtato del 50%
qualora venga scelta l’assistenza da parte di un familiare/caregiver.
Il contributo spettante sarà erogato con cadenza trimestrale, per la durata di un
anno dalla data di accettazione dell’istanza.
Assistenza domiciliare diretta (fornita da organismi del Terzo Settore in
possesso dei requisiti stabiliti dalla legge per lo svolgimento dei
servizi di assistenza domiciliare ed aiuto personale a non
autosufficienti);
www.pianodizonarmg2.it
Assistenza domiciliare indiretta tramite assunzione di uno o più assistenti
familiari ( esterni alla rete familiare) adeguatamente formati che
svolgano attività di cura e aiuto al malato di SLA. Nella gestione
indiretta l’utente è libero di scegliere i propri assistenti personali,
anche avvalendosi di organizzazioni di sua fiducia. In ogni caso è
tenuto a regolarizzare il rapporto con i proprio assistenti personali
mediante un contratto di lavoro nel rispetto della normativa
vigente. Resta a carico dell’utente ogni onere assicurativo e
previdenziale riguardante gli operatori impegnati nelle attività
assistenziali. A tale scopo l’utente dovrà stipulare idonea polizza
assicurativa contro infortuni e RCT a favore degli operatori
sollevando il Distretto interessato da ogni onere e responsabilità
relativamente all’osservanza di disposizioni di legge e regolamenti
per qualsiasi azione o omissione.
MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
I cittadini con diagnosi SLA potranno presentare la domanda su apposito modello
reperibile sul sito istituzionale dei Comuni del Distretto sociosanitario RMG2
;
www.guidonia.org o
attraverso il segretariato sociale, sito presso i Servizi Sociali del Comune di
Guidonia Montecelio via Numa Pompilio, 37 - 39 il martedì dalle ore 9.00 alle ore
12.00 e il giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e il pomeriggio dalle ore 15.00 alle
ore 17.00 fino alle ore 12.00 del 31/12/2013.
Al “ Modello di istanza per contribuiti economici SLA” deve essere allegata la
seguente documentazione:
Assistenza prestata da un familiare (individuato dal richiedente) per
l’impegno di cura in favore dello stesso.
1.
Certificazione di uno dei Presidi/centri di riferimento regionali (
Policlinico “A.Gemelli” e Azienda Ospedaliera “San Filippo Neri”)
che documenti la diagnosi di SLA;
2.
Certificazione che attesti la stadiazione della malattia rilasciata dai
suddetti Presidi/Centri di riferimento regionali, da strutture
ospedaliere pubbliche che hanno in carico il paziente o dalla ASL
che hanno in carico il paziente per prestazione di tipo domiciliare:
3.
Documento di identità in corso di validità del richiedente il
contributo qualora diverso dal beneficiario.
Il Delegato al P.D.Z.
Consigliere Mirko Benetti
Contributo mass
Il Dirigente
Il Sindaco.
Arch. Eligio Rubeis
Dr. Gerardo Argentino
Fly UP