...

DISCIPLINA FISCALE DELLE EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

DISCIPLINA FISCALE DELLE EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE
DIS CIP LINA FIS CA LE D ELLE ER OGAZIONI LIBER ALI A FAVOR E DELLE ONLUS
LEGGE + DAI E - VER S I
Il
tes to
del l ’arti col o
1 4 Dl n. 3 5 /2 0 0 5,
è prova del l a gran de c res ci ta e del l a
ri conos ci uta i mportanz a del s ettore non profi t i n I tali a: l a poss i bi li tà di dedurre dal
reddi to pers onal e l e donaz i oni effettuate a favore di organi z z az i oni non profi t fi no al
10% del reddi to compl es s i vo di chi arato e con un l i mi te mas s i mo di € 70. 000, dà res pi ro
al s ettore del fund rai s i ng che ha ancora a mpi traguardi da raggi u nge re i n termi ni di
l i vel l o del l e donaz i oni ri s petto ad al tri paes i dal l a tradi z i one fi l antropi ca pi ù ac cent uata e
con capa ci tà di rac col ta fondi comprovata da anni di es peri enz a.
Per effe tto del l a di s pos i z ione contenu ta nel l ’arti col o 14 del decreto l egge n. 35/2005,
converti to con modi fi c az i oni dal l a l egge n. 80/2005, i contri b uenti (s i a pri vati che
operatori commer ci al i ) che i nten dono effe ttuare erogazi oni l i b eral i nei confronti
del l e ONLUS s i dovranno confrontare co n regol e di fferenti al fi ne di s tab i l i re l a
mas s i ma conveni enza fi s cal e deri vante dal l a erogazi one l i b eral e medes i ma .
Si os s erva, i nfatti , che l a normat i va fi s cal e gi à prevede - da di vers i anni - s peci fi c he
di s pos i zi oni che regol ano l a detrai bi l i tà o la deduci bi l i tà del l e erogaz i oni l i berali che
pri vati (arti col o 15 T UI R) ed i mpres e (art. 100 T ui r) effettuano nei con fronti del l e
O NLU S.
Q ui ndi , come vedremo i n s egui to, l e nuove di s pos i z i oni contenute nel l ’arti col o 14 del
D. L. n. 35/2005, s i affi ancano ed al l o s tes s o tempo s i pongono i n al ternati va al
s i s tema del l e detraz i oni /deduz i oni gi à previ s to i n pas s ato.
LE AGEVOLAZIONI CONT ENUT E NEL T UIR
Le norme di r i feri mento s ono di vers e a s econda che i l s oggetto erogante s i a una pers ona
fi s i ca oppure un s oggetto che produ ce red di to d’i mpres a. I n parti col are:

competono l e detraz i oni (dal l ’i mpos ta l orda) previ s te dal l a l ettera i -bi s (O NLU S)
del comma 1 del l ’arti col o 15 del T U I R, s e l e erogaz i oni l i beral i (di i mporto non s u peri ore
a 2. 065, 83 euro) s ono pos te i n es s ere da pe rs one fi s i che no n ti tol ari di parti ta I VA o d a
s oci età s empl i ci di cui al l ’arti col o 5 del T U I R (s i os s erva che, s tan te i l tenore l etteral e
del l a di s posi z i one, ques ti ul ti mi s oggetti non pos s ono benefi ci are del l a nuova di s ci pl i na
di cui al l ’arti col o 14 del DL 35/2005);

competono l e deduz i oni (dal reddi to) previ s te dal l a l ettera h (O NLU S) del comma
2 del l ’arti col o 100 del T U I R, s e l e erogaz i oni l i bera l i (non s uperi ori a 2. 065, 83 euro o a l
2% del reddi to d’i mpres a) s ono pos te i n es s ere da s oggetti che producono reddi to
d’i mpres a e qui ndi , ti pi camente, l e pers one fi s i che ti tol ari di parti ta I VA, l e s oci età di
capi tal i , gl i enti non commerci al i e non (i n c as o di s vol gi mento di atti vi tà d’i mpres a) e l e
s oci età di pers one (ques te ul ti me non s embrano ri entrare nel novero dei s oggetti che
pos s ono godere del l ’agevol az i oni contenute n el l ’arti col o 14 del DL 35/2005).
Nel l e i potes i di detraz i one di cui al prec ed e nte pu nto a) l ’agevol az i one compete, s e i l
vers amento del l e erogaz i oni vi ene effettuato a mez z o banca o pos ta, oppure uti l i z z ando i
s i s temi di pagamento previ s ti dal l ’art. 23 del D. Lgs n. 241/1997 (carte di debi to, di
credi to e prepagate, as s egni bancari e ci rc ol ari ). Per l e i potes i di deduz i one di cui al
punto b), l ’erogaz i one l i beral e p uò es s ere ef f ettuata s enz a s eg ui re parti col ari modal i tà.
LA NUOVA A GEVOLA ZI ONE CO NT ENUT A NELL’ ART . 1 4 D.L. 3 5 /2 0 0 5
I s oggetti che effettua no l e erogaz i o ni l i beral i nei confronti del l e
O NLU S
(s ono
compres e
le
c. d.
“O NLU S di
di ri tto”
come
le
organi z z az i oni di volontari ato, l e organi z z azi oni non governati ve
e l e cooperati ve s oci al i e l e cosi ddette “O NLU S parz i al i ”) pos s ono
es s ere:
AMBIT O

pers one fi s i che s ogget te a l l ’I RPE F (pri vati );
SOGG ET TI V O

enti s oggetti al l ’I RE S (s oggetti ri chi amati dall ’art. 73 T UI R
e, i n parti col are, s oci età ed e nti commer ci al i e non com merci al i ).
Da una i nterp retaz i one s trettamente l ettera l e del l a di s pos i zi one
pare non s i ano ri compres i i s oggetti di cui al l ’arti col o 5 del T U I R
(s oci età i n nome col l etti vo, s oci età i n accomandi ta s empl i ce,
s oci età s empl i ci e as s oci az i oni profes s i onali ).
I n meri to ai conte nuti del l a agevol az i one, l e erogaz i oni l i beral i
che dan no di ri tto al l a deduci bi l i tà pos s ono es s ere effettuate s i a
in
denaro
che
in
natura,
nel
l i mi te
del
10%
del
reddi to
compl es s i vamente di chi arato e comun que n el l a mi s ura mas s i ma
di 70. 000, 00 euro ann ui . A tal propos i to, l ’Agenz i a del l e entr ate
ha
CONT E NUT O
DEL L’AGE VOLAZI ONE
chi ari to
(vedi
deduci bi l e fi no
CM
39/2005)
al mi nore dei
che
l ’er ogaz i one
l i beral e
è
due l i mi ti . Pertanto, l ’i mporto
mas s i mo di 70. 000, 00 euro val e s ol o nel cas o i n cui l a s omma
erogata
corri s ponda
o
sia
i n feri ore
al
10%
del
reddi to
compl es s i vo del s oggetto erogante (qui ndi per redd i ti ugual i o
s uperi ori
a
700. 000,00
euro).
Nel
cas o
in
cui
il
reddi to
del l ’erogante s i a i nf eri ore a 700. 000, 00 euro i l l i mi te che s i deve
prendere
in
co ns i deraz i one
è
comunq ue
il
10%
del
reddi to
medes i mo.
MODALI TÀ
DI
Per
benefi ci are
del l a
deduz i one
il
s oggetto
erogatore
deve
EF FE T TUAZ IONE
effett uare l ’erogaz i one l i beral e a mez z o banca o pos ta oppure
DEL L’ER OGAZI ONE
avval endos i dei si s temi di pagamento previ s ti dal l’art. 23 del
LIBERALE
D. Lgs n. 241/1997 (carte di debi to, di credi to e prepagate,
as s egni bancari e ci rcol ari ).
Per l e erogaz i oni l i beral i n nat ura, con ri fer i mento al val ore cui
commi s urare l a dedu ci bi l i tà, l a ci tata CM 39/2005 ha preci s ato
che oc corre fa re ri feri me nto al con cetto di “val ore normal e” di
cui al l ’art. 9, c. 3 del T U I R. Si dovrà qui ndi fare ri feri men to al
val ore
des umi bi l e
in
modo
oggetti vo
da
l i s ti ni ,
tari ffari ,
mercuri al i o s i mi l i . I n cas o di beni i l cui val ore è di ffi ci l mente
i ndi vi duabi l e
uti l i zz ando
cri teri
oggetti vi
(ad
es empi o
opere
EROGAZI ONI
d’arte, gi oi e l li , ecc) l a CM 39/2005 s uggeri s ce i l ri cors o all a s ti ma
LIBERALI IN
di un peri to. I l ci tato documento di pras s i , i nfi ne, attri bui s ce
NAT URA
doveri anche a cari co del s oggetto erogante: l o s tes s o dovrà
acqui s i re, a com prova del l e e ffetti vi tà del l a donaz i one e del l a
congrui tà del val ore attri b ui to al bene ogget to del l a donaz i one i n
natura, i n aggi un ta al l a documentaz i one attes tante i l val ore
normal e come s opra determi nato (l i s ti ni , tari ffari o mercuri al i ,
peri z i a, etc…), anche una ri cev uta da part e del donatari o che
contenga l a des cri z i one anal i ti ca e dettagl i at a dei be ni donati con
l ’i ndi caz i one dei rel ati vi val ori .
Affi nc hé i l
s oggetto
che ef fett ua l ’erogaz i one l i beral e pos s a
godere del l ’agevol az i one è neces s ari o c he l a O NLU S ri s petti
determi nat i obbl i ghi che pres ci n dono dal l a natura gi uri di ca e
dal l e di mens i oni reddi tual i del l a O NLU S s tes sa.
T al i
obbli ghi
cons i s tono
nel l a
tenuta
di
s cri tture
con tabi l i ,
compl ete e anal i ti che, rappres entati ve dei fa tti di ges ti one (l a CM
39/2005 ri ti ene che ci ò s i veri fi chi s i curamente i n cas o di tenuta
del l a contabi l i tà ordi nari a) e nel l a redaz ione, entro quattro mes i
OBBLIGHI
DEL LE
dal l a
A CARICO
O NLUS
chi us ura
rappres entati vo
del l ’es erci z i o,
del l a
di
s i tuaz i one
un
a ppos i to
patri moni al e,
documento
economi ca
e
fi nanz i ari a (s econdo l a CM 39/200 5 i l documento ri chi es to dal l a
norma, rappres enta ti vo del l a s i tuaz ione patri moni al e, economi ca
e
fi nanz i ari a,
potrebbe
es s ere
rappre s entato
da
s tato
patri moni al e e rendi conto ges ti onal e). I n aggi unta agl i obbl i ghi
contabi l i precedent emente des cri tti , l a CM 39/2005 aus pi ca l a
predi s pos i z i one da parte del l ’ente di una r el az i one s ul l a ges ti one
che pos s a fung ere da docu mento qual i tati vo avente una f unz i one
es pl i cati va del l e voci di bi l anci o e nel contempo di forni re ai terz i
che ha nno rappor ti con l ’ente ( uti l i z z atori dei s ervi z i, s ovventori ,
organi di control l o) i nformaz i oni uti l i rel ati vamente ai ri s ul tati , i n
termi ni non monetari , e ai ri fl es s i s oci al i generati dal l ’atti vi tà
i s ti tuz i onal e.
L’i nos s ervanz a degl i obbl i ghi contabi l i da parte del s oggetto che
ri ceve l ’erogaz i one comporta per i l s oggetto b enefi ci ari o l a
perdi ta del l a deduzi one fi s cal e . T al e di spos i z i one, i ntrodotta
per evi denti es i genz e di tutel a fi s cal e s tant e l ’el evato l i mi te di
INOS SE RVA NZA
deduci bi l i tà
che
l a nuova di s ci pl i na ri co n os ce,
rappres enter à
DEGL I OBB LIG HI
anche – come è f aci l e i ntui re – i l pri nci pal e freno al l a s ua
POS TI A CA RIC O
appl i caz i one. I nfatti , chi (i mpres a o pri vato) deci derà di compi ere
DEL LA
ONLUS
una erogaz i one l i beral e a d u na O NLU S avval endos i del l e nuove
regol e di deduci b i l i tà, dovrà es s ere cos ci ente del fatto che una
eventual e
i nadem pi enz a
da
parte
del
s oggetto
che
ri ceve
l ’erogaz i one comporterà l a perdi ta del diri tto al l a deduz i one
operata con cons egue nte r ecup ero fi s cal e del l e rel ati ve i mpos te.
I l quarto comma del l ’arti col o 14 del DL 35/2005 i ntroduce i n capo
al s oggetto erogante un a ppes anti men to del l e s anz i oni previ s te.
I n parti col are, i n cas o di es pos i zi one nel l a propri a di chi araz i one
dei reddi ti di ded uz i oni operate i n vi ol az i one dei pres u ppos ti
s oggetti vi
(non
appartenenz a
dei
s oggetti
benefi ci ari
del l e
erogaz i oni al l e categori e di e nti es pres s a mente i n di cate dal l a
norma) e oggetti vi (ma ncato ri s petto dei l i mi ti quanti tati vi al l a
deduci bi l i tà dal reddi to del l e l i beral i tà erog ate) di deduci bi l i tà, l a
s anz i one ammi ni s trati va previ s ta dal l ’art. 1, c. 2, d el D. Lgs . n.
SANZIONI
471/1997 (dal 100 al 200 per cento del la maggi ore i mpos ta
A CARICO
l i qui data i n bas e al l ’accertamento) è mag gi orata del 200 per
DEL SOGG E TT O
cento. Preci s a l a CM 39/2005, tuttavi a, che tal e maggi oraz i one
ER OGA NT E
non è appl i cabi l e i n cas o di mancato ri spetto degl i obbl i ghi
contabi l i da parte del l ’ente ch e ri ceve l ’er ogaz i one l i beral e. Nel
cas o i n cui l ’ente che ri ceve l ’erogaz i one l i beral e evi denz i i n
comuni caz i oni
ri vol te
al
pubbl i co
o
rapp res enti
ai
s oggetti
erogatori caratte ri s ol i dari s ti ci e s oci al i , che poi s i ri vel ano
i ns us s i s tenti , l a norma prevede una res pons abi l i tà s ol i dal e tra i l
s oggetto erogatore e l ’ente be nefi ci ari o e i s uoi ammi ni s tratori
per l e maggi ori i mpos te accertate e per l e s anz i oni appl i cate.
T al e res pons abi l i tà sol i dal e s i aggi unge ad ogni al tra s anz i one
previ s ta dal l e l eggi tri butari e.
R APP OR T I TR A VECCHIE E NUOVE AGEV OLAZIONI
I n rel az i one ai rapporti co n l e al tre a gevol az i oni contenute nel T U I R, l a CM 39/2005
forni s ce l e s e gue nti i mportanti i n di caz i oni :

l ’obbl i go di tenere l a contabi l i tà pe r l ’ente c he ri ceve l ’erogaz i one l i beral e, no n
val e per l ’appl i caz ione del l a di s pos i zi one recata dal l ’arti col o 15, comma 1, l ettera i bi s ) del T U I R che prevede u na det raz i one d al l ’i mpos ta l orda di un i mporto pa ri al 19
per ce nto, tra l ’al tro, del l e erogaz i oni l i be ral i i n denaro effe ttuate a favore del l e
O NLU S per i mporto non s uperi ore a 4 mi l i oni di l i re (2. 065, 83 euro). Il pri vato che,
qui ndi ,
in
detraz i one
rel az i one
previ s ta
all a
s ua
dal l ’arti col o
erogazi one
15
del
l i beral e
TU I R
in
opt a
l uogo
in
di chi araz i one
del l a
per
deduz i one
di
la
cui
al l ’arti col o del 14 DL 35/2005, ri marrà al ri paro dal l e ri chi amate co ns eguenz e
deri vanti dal negl i gente comportam ento del s oggetto che ri ceve l ’agevol az i one;

i l terz o comma del l ’arti col o 14 del DL 35/2005 s tabi li s ce l a facol tà per
l ’erogante, ti tol are di reddi to d’i mpr es a, di avval ers i , i n rel az i one al l e l i beral i tà
erogate e i n l uogo del l a di s pos i z i one previ s ta dal l ’arti col o 14 i n es ame, di quel l a
recata dal l ’arti col o 100, comma 2, del T UIR. Q ui ndi , os s erva l a CM 39/2005 che
qual ora i l ti tol are di reddi to d’i mpres a effettui l i beral i tà a favore di s oggetti i ndi cati
s i a nel comma 1 del l ’arti col o 14 del DL 35/2005, s i a nel l ’arti col o 100, comma 2, del
T U I R, l o s tes s o ha l a facol tà di appl i care, in al ternati va, l ’una o l ’al tra di s posi z i one
nel ri s petto del l e rel ati ve condi z i oni . Sec ondo l a CM 39/2005 l a l ettura l ogi co s i s temati ca del l e due di s pos i zi oni i n argomento i nduc e a ri tenere c he l a s cel ta
effett uata deb ba ri mane re fe rma per tutto i l peri odo d’i mpos ta;

l a nuova di s ci pl i na, i nol tre, i ntroduce un di vi eto di cumul o tra l e di vers e
agevol az i oni previ s te, per cui s e i l s oggetto erogatore us u frui s ce d el l e deduz i oni
previ s te dal comma 1 del ci tato arti col o 14 no n potrà us ufr ui re, per anal og he
erogaz i oni effett uate a bene fi ci o dei s ogg etti i ndi cati nel predetto comma 1, di
deduz i oni o detraz i oni fi s cal i previ s te da al tre norme agevol ati ve. La CM 39/2005
preci s a c he l a non cum ul abi l i tà pres ci nde da l l ’i mporto del l e l i beral i tà erogate per c ui
nel cas o che i l con tri bue nte erog hi (anc he a pi ù bene fi ci ari ) l i beral i tà per u n val ore
s uperi ore al l i mi te mas s i mo cons en ti to di 70. 000, 00 euro, non potrà avval ers i , i n
rel az i one al l a parte eccedente tal e l i mi te, del benefi ci o de l l a deduz i one o detraz ione,
neppur e ai s ens i di al tre di s pos i z i oni di l egge.
ENT R ATA IN VIG OR E D ELLE NUOVE DIS P OS IZIONI
Le erogaz i oni l i beral i di s ci pl i nate dal l ’arti colo 14 del DL 35/2005, contrari ame nte a
quel l e
previ s te
in
al tre
di s pos i z i oni
(T UIR),
potranno
es s ere
dedotte
s ol o
se
effettuate a par ti re dal 1 7 marzo 2 0 0 5 (data di entrata i n vi gore del decret o
l egge). Pertanto, l a s cel ta del l ’appl i caz i one del l ’una o del l ’al tra di s pos i z i one potrà
es s ere al ternati vamente operata s ol o per l e erogaz i oni effe ttuate a pa rti re da tal e
data. Per quel l e operate i n pre cede nz a, qui n di , i l soggetto erogante potrà u ni camen te
avval ers i del l e dis pos i zi oni agevol ati ve contempl ate nel T U I R. Va, peral tro, s egnal ato
che, s tante i l di vi eto di cumul o s opra ri chi amato, non a pp are cos ì s contata l a
“convi venz a” nel peri odo d’i mpos ta 2005 di agevol az i oni deri vanti da erogaz i oni
l i beral i compi ute pri ma del 17 marz o 2005 e godute n eces s ari amente i n appl i caz i one
del l e
di s posi z i oni
del
TUIR
con
quel l e
s ucces s i ve
benefi ci ate
in
appl i ca z i one
del l ’arti col o 14 del DL 35/2005.
Si ri portano di s egui to al c uni fa c-s i mi l i di modul i s ti ca che l e orga ni z z az i oni di
vol ontari ato (O NLU S di di ri tto) pos s ono ri l as ci are al l ’atto del l a erogaz i one l i beral e.
ONLUS che può fa r ap pl i care l a deduci b i l i tà ex a rt 1 4 D.L. 3 5 /0 5
Carta
i ntes tata
del l ’as soci az i one
Data
Ri cevuta
L’As s oci az i one
N.
…………….
nel l a
pers ona
del
/ANNO
s uo
rappres entante
l egal e
pro -tempo r e
……. . . . . . . .. . . . .. . . .. . . . .. . . .. . ………. di chi ara di aver ri cevuto i n data odi erna / (ALT RA DAT A
ANT E RI O RE ) E uro (i n ci fre). …… ………… …(i n l ettere) ……… ………… ……… …………… ………… …
trami te
As s egno
banca ri o
B oni fi co
su
C. C. P.
n°
C. C. B
[]
n°
[
n°
[
]
]
Da:
Nomi nati vo……………………… ……. . . .
I ndi ri z z o…………………………… …….
Cap………… …………… ……………. . . .
C. F.
o
P. I VA……………… ……………. .
L’As s oci az i one ……. . . .. . . .. . . . .. . . .. . . . .. . . . è I s critta al l a Sez i one Provi nci al e di ……. Regi s tro
Regi onal e
del
Vol ontari ato
fogl i o
…. .
N.
progr es s i vo
I n quanto O rga ni z z az i one di Vol ontari ato i scri tta, l ’As s oci az i one è O nl us di di ri tto (Art
10, c 8, D Lgs 460/97); l e pers one fi s i che e l e pers one gi uri di c he pos s ono pertan to
detrarre o de durs i l e erogaz i on i eff ettuate a favore del l a nos tra as s oci az i one nei l i mi ti e
con l e modal i tà s ta bi l i te per l egge (Art 15, c 1, l ett i -bi s , DPR 917/86, Art 14, DL 35/05
come
converti to
da
L
80/05
e
art
100.
c
2,
l ett
h,
DPR
917/86).
L’As s oci az i one attes ta di poss edere tutt i i requi s i ti s oggetti vi e oggetti vi ri chi es ti dall e
normati ve ci tate, com pres e l a ten uta di c ontabi l i tà adeguata e l a predi s pos i z i one di
bi l anci o.
Fi rma e ti mbro (per l ’As s oci az i one)
E s ente da bol l o ai s ens i del l ’art 8, c 1, L 266/91.
ONLUS che non può far ap pl i care l a dedu ci b i l i tà ex art 1 4 D.L. 3 5 /0 5
Carta i ntes tata del l ’as s oci az i one
Data
Ri cevuta N. /ANNO
L’As s oci az i one . . .. . . .. . . . .. . . .. . . . .. . . . ……………. nel l a pers ona del s uo rappres e ntante l egal e
pro -tempore … ……. . . . . . . . . .. . . . .. . . .. . ……. di chi ara di aver ri cevuto i n data odi er na / (ALT RA
DAT A ANT E RI O RE ) E uro (i n ci fre). …… ………… …(i n l ettere) … ………… ……
……………… …………… ……
trami te
As s egno banca ri o n°
[]
B oni fi co s u C. C. B n°
[]
C. C. P. n°
[]
Da:
Nomi nati vo……………………… ……. . . .
I ndi ri z z o…………………………… …….
Cap………… …………… ……………. . . .
C. F. o P. I VA…………………… ………. .
L’As s oci az i one ……………. . è I s cri tta al l a Sez i one Provi nci al e di ……. Re gi s tro Regi onal e
del Vol ontari ato fogl i o …. . N. progres s i vo …. .
I n quanto O rga ni z z az i one di Vol ontari ato i s cri tta, l ’As s oci azi one è O nl us di di ri tto (Art
10, c 8, D Lgs 460/97); l e pers one fi s i che po s s ono pertanto de trars i l e erogaz i oni
effett uate a favore del l a nos tra as s oci az i one nei l i mi ti e con l e modal i tà s tabi l i te per
l egge (art 15. c 1, l ett i - bi s , DPR 917/86).
Le pers one gi uri di c he pos s ono i nvece dedurs i l e erogaz i oni effettuate a favore del l a
nos tra as s oci az i one nei l i m i ti e con l e modal i tà s tabi l i te per l egge (art 100. c 2, l ett h,
DPR 917/86).
L’As s oci az i one attes ta di pos s edere tutti i re qui s i ti s oggetti vi e oggetti vi ri chi es ti dal l e
normati ve ci tate.
Fi rma e ti mbro (per l ’As s oci az i one)
E s ente da bol l o ai s ens i del l ’art 8, c 1, L 266/91.
__________________________________________________________________________
_________________________________ ___________________________
Informati va del l ’ Organi zzazi one di vol ontari ato
che può far appl i care ai pro pri dona tori l a deduci b i l i tà ex ar t 1 4 , DL 3 5 /0 5
Genti l e donatore,
l a nos tra organi z z az i one ha a cuor e l a corrett a appl i caz i one del l a compl es s a normati v a
che agevol a l e donaz i oni a favore del non pr ofi t.
Le s uggeri amo di pre ndere vi s i one del l e i nformaz i oni s i nteti che qui ri portate che ci
auguri amo pos s ano es s erl e di ai uto pe r capi r e s e e i n qual e mi s ura l a s ua don az i one può
permetterl e un ri s parmi o d’i mp os ta.
I l nos tro ente è formal me nte una orga ni z z az ione di vol ontari ato i s cri tta al l a Sez i one
Provi nci al e di …. . . . . . . .. . . . .. . . …. Regi s tro Regi onal e del Vol ontari ato fogl i o …. . . . . . N.
progres s i vo …. . .
Sul s i to del l a Regi one e negl i u ffi ci s i a del l a Regi one c he del l a Provi nci a può t rovare
conferma del mant eni mento di detta i s cri z i one.
I l nos tro ente, es s endo un a organi z z az i one di vol ontari ato i s cri tta, è O nl us di di ri tto; al l e
condi z i oni che s eguo no, i l nos tro ente p uò fa rl e appl i care i n al ter nati va due normat i ve
rel ati ve al l e donaz i oni .
La pri ma normati va per mette al l e pers one fi s i che dona tri ci di erogaz i oni i n dena ro di
detrars i al 19% s omme fi no a erogaz i one ma s s i ma di € 2. 065, 83; ci ò comporta un
ri s parmi o mas s i mo di € 392, 51.
La s econda norma ti va ri chi ede u na precon di z i one che noi ri s petti amo, ovvero che i l
nos tro ente te nga – come i n e ffetti ti en e - u na conta bi l i tà i n parti ta doppi a e re di ga –
come redi ge - u n bi l anci o cons u nti vo con i n fo rmaz i oni fi nanz i ari e, economi che e
patri moni al i .
Detta norma ti va l e co ns ente di ded urre l ’i nte ra s omma dal reddi to s ul q ual e cal col erà l e
i mpos te; l a deduz i one è ammes s a ent ro i l l i mi te del 10% del s uo reddi to e com unq ue
non ol tre i 70. 000 euro.
I n entrambi i cas i , l a erogaz i one deve es s ere effett uata tra mi te ban ca o u ffi ci o pos tal e,
o con as s egni , carte di debi to, carte di cre di to.
Di s egui to l e ri porti amo i ri feri menti di l egge rel ati vi al l e due normati ve e l e pri nci pal i
i ndi caz i oni del l ’Agenz i a del l e E ntrate a ri guar do.
Detraz i one del l a erogaz i one:

Arti col o 15, comma 1, l e ttera i -bi s , DPR 917/ 86

Ci rcol are Mi ni s teri al e n. 168/E /1998
Deduz i one del l a erogaz i one:

Arti col o 14, Decreto Legge n. 35/2005, conve rti to con modi fi caz i oni da Legge n.
80/2005

Ci rcol are Agenz i a del l e E ntrate n. 39/E /2005
Le rammenti amo che non p uò det rars i né ded urs i s omme maggi ori di ci ò che ha
effetti vame nte erogato, e che nel compl es s o non può s ommare i di ffe renti regi mi
agevol ati vi . I n meri to ai cas i di deduci bi l i tà, l a i nformi amo ch e i n cas o di i n debi ta
deduz i one s ono tri pl i cate l e s anz i oni previ s te dal l a l egge.
Fly UP