...

Per la felicità dei miei, i miei prescelti

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Per la felicità dei miei, i miei prescelti
PER LA FELICITÀ DEI MIEI, I MIEI PRESCELTI.
GESÙ
Gamba Edizioni
Via Camozzi. 10/12
24049 Verdello (Bg) - Italia
Tel. +39 035.4829515
Fax +39 035.4829595
[email protected]
www.gambedit.com
ISBN 88-88351-02-7
Léandre Lachance
Per la felicità dei miei,
i miei prescelti. Gesù
COLLOQUI SPIRITUALI
Volume II
Nota dell’editore
Ho conosciuto Léandre Lachance lo scorso anno, in occasione del suo viaggio in Italia, per un incontro di spiritualità a
Lozio, in Valcamonica (Bs).
Ho letto con molto interesse il suo primo volume e sono
stato colpito dalle parole che il Signore ad un certo punto gli
dice: « voglio che tu rimanga nel mondo degli affari, perché
voglio che tu sperimenti in profondità come deve comportarsi
un essere d’Amore nel tuo ambiente…».
Sono davvero cosciente, e Lachance me lo conferma, che
Dio si occupa di noi anche nei più piccoli dettagli della
nostra vita, in tutti i settori, compreso quello degli affari.
E quando Lachance mi ha chiesto di essere il suo editore
di questo secondo volume, ho avuto la certezza che Dio ci
vuole davvero “missionari senza frontiere”.
Mi auguro che il lettore accoglierà questo volume, il cui
contenuto è soprattutto un invito ad impegnarsi nelle piccole Comunità d’Amore e di Condivisione, come un “tesoro
inestinguibile di beni” che sviluppa una spiritualità intorno
al “sì” da dare al Signore, ad imitazione del “Fiat” della
nostra Madre Maria, che da solo ha segnato il corso della storia di Salvezza dell’umanità.
Francesco Gamba
GAMBA EDIZIONI
5
PROLOGO
«Come ho detto sovente, quando Io ti parlo, parlo a tutti i
lettori e lettrici. Nonostante ciò, ognuno di voi ha un modo
diverso di comprendere questi insegnamenti; non solo diverso ma unico per ciascuno di voi.»
«Creati “unici”, è normale che la trasformazione per
diventare degli esseri d’Amore sia altrettanto unica così
come la missione affidata a ciascuno dal Padre. Ciò che è
importante è di dargli il vostro “sì”…».
(n. 30)
6
PREFAZIONE
L’Anno 2000 è arrivato. Siamo stati testimoni del tam tam
mediatico riguardo al “virus”. La sera del 31 dicembre
regnava una grande effervescenza. Il mondo degli affari era
inquieto per la paura che tutto crollasse.
Dall’altro lato, Papa Giovanni Paolo II invitava il mondo
a non aver paura, ad aprire il cuore. Per lui, l’Anno 2000 è
un anno di speranza, un anno di grazie.
Decretando questo anno come Anno Santo, il Papa desidera che gli esseri umani alzino gli occhi chiedendosi: “È ben
orientata la mia vita? Ho scelto il cammino che conduce alla
Vita vera?”.
In questo mondo che continua a preoccuparsi della materia, della volgarità, di ciò che luccica, il Cristo rimane la
nostra sorgente. Dal suo costato aperto, vuole riversare nei
nostri cuori, in abbondanza, le grazie di salvezza.
Nel primo volume, “Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù”, Léandre Lachance ci invita ad aprire il nostro
cuore per diventare degli esseri d’Amore. Oggi, replica per
condurci a rimanere costantemente in ascolto di Dio, per
costruire un Mondo nuovo e ad impegnarci in questo.
Poiché siamo esseri umani, ci succede di lasciarci accaparrare da numerose attività che ci disperdono. L’essenziale
7
è la nostra relazione con questo Dio d’Amore che vuole
donarci la sua Vita in pienezza.
Una pioggia di grazie cadrà su di una infinità di cuori se
daranno il loro “sì” al Signore. Il secondo volume, “Per la
felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù”, incita tutti i cristiani a
lasciarsi trasformare dallo Spirito Santo che opera per la
costruzione di un Mondo nuovo, una Chiesa nuova, più apostolica. Chiesa che sarà lievito nella pasta, luce nel Mondo.
Che la benedizione di Dio discenda su di voi.
Guy Giroux (sacerdote)
8
1999
17 gennaio, ore 6.20
1. IL TUO TESORO: LA MIA INTIMITÀ
«Mio piccolissimo, il regalo più bello che ti posso offrire in
occasione del tuo compleanno è l’intimità con me. Non finirai più di scoprirne la bellezza, la ricchezza, anche perché
esso diventerà sempre più fecondo in te e attraverso di te. A
proposito di noi due, più saremo uniti intimamente e più tu
beneficerai di ciò che Io possiedo. Siccome ho tutto, il tutto
che possiedo diventerà accessibile anche a te.
La porta che ti permette di entrare in questo tutto è l’amore. Tale porta ti consente di entrare nella stanza dove si trovano i doni del mio Spirito, i miei carismi, la mia pace. Continua
ad utilizzare con assiduità questa porta, così attingerai sempre
di più ai miei tesori. Voglio essere un tutt’uno con te allo stesso modo che formo un tutt’uno con il Padre. E siccome quello che è del Padre è anche mio, il tutto che noi possediamo
sarà anche tuo. La porta dell’amore è spalancata, e vi puoi
entrare ogni volta che lo desideri. Quando varchi questa
soglia ti inoltri ogni volta un po’ più lungi, e scopri ogni volta
qualcosa di più. È così che tu diventi amore, sempre di più.
Voi diventate amore. Tu diventi amore.
Teneramente, ti amo».
9
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
22 gennaio, ore 4.50
2. RIMANERE IN ASCOLTO DELLA MIA VOLONTÀ
Signore Gesù, desidero presentarti la situazione che tu già
conosci a proposito della stampa del tuo volume. Ci sono delle
divergenze d’opinione riguardo alle maiuscole e riguardo a
quel che si potrebbe togliere. Tu conosci la mia incompetenza
in questo campo, la mia incapacità, la mia piccolezza.
Per supplire a questa mia insufficienza e al fine di completare questo lavoro tu mi hai scelto tre persone, un editore e due
dei tuoi figli di predilezione. Ti ringrazio e ti glorifico per queste tre persone. Tu conosci la loro bella fede ed il loro sincero
desiderio di fare la tua volontà.
Rimango in ascolto per conoscere ciò che ti piacerà insegnarmi in questa circostanza, e ciò che vorrai far scoprire a ciascuno di noi. Desidero che tutto il lavoro si svolga sotto il tuo
sguardo, in un clima di pace, di gioia, d’amore e d’unità. Ci
illumini la tua luce e ci ispiri lo Spirito santo.
Grazie di esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, che gioia per il mio cuore quando ti vedo
così piccolo e così preoccupato di tutto aspettare da me,
anche quando devo passare attraverso altri! Molti dei miei
eletti sono pronti ad accogliere la mia volontà quando mi
manifesto a loro direttamente, tramite loro stessi, ma si chiudono quando passo tramite altri, o attraverso gli avvenimenti.
Ti avevo detto all’inizio che Io, che sono perfetto, voglio
renderti perfetto. Ciò che voglio per te lo voglio anche per
10
ANNO 1999
tutti i miei piccoli della terra, ma lo desidero soprattutto per
coloro che ho scelto per aiutarti a completare questo volume.
C’è dunque un passo importante da fare, sia per il gruppo che per ognuno di voi in particolare. È il passo di cui ti
ho parlato il 6 gennaio 1997 1. Esso diventa ancora più
importante quando si ha a che fare con competenze ed opinioni preconcette. La cosa richiede moltissima abnegazione
da parte di ognuno.
Devi innanzitutto verificare che tutti siano pronti ad accogliere i primi tre punti, senza restrizioni né condizioni di alcun
genere. Se la risposta è “sì”, potete continuare. Se la risposta
(1) 6 gennaio, ore 5.50
34. QUINDICI CONSIGLI SU COME AGIRE AL MEGLIO
Signore Gesù, come sai oggi ricomincio a lavorare. Ci sono diversi documenti che a quanto pare richiedono il mio intervento. Quasi quasi non oso riprendere il comando. Forse
dovrei lasciare agire te che sei il mio Signore e il mio Dio! D’altro canto mi sembra necessario fare la mia parte, cioè quella che spetta a me quando tu mi ispiri. Sono due mesi che
attraverso le pagine di questo quaderno tu mi insegni ad ascoltarti. Non potresti, questa
mattina, insegnarmi a discernere ciò che viene da te e ciò che viene da me a proposito del
mio lavoro? Vorrei tanto essere sicuro che compio la tua opera e non la mia, che le mie azioni non sono contrarie alla tua volontà. Mi sento così fragile su questo punto, soprattutto
adesso che riprendo il lavoro. Ho bisogno del tuo aiuto. Vieni in mio soccorso. Grido a te,
rispondimi. Grazie di ascoltare la mia preghiera. Ti amo.
«Piccolo mio, come posso non ascoltare colui che amo, e che mi grida di ascoltarlo? Ti
ho già detto ed ora ti ripeto: non devi preoccuparti di niente. Sono sempre con te, e mi
occupo di te nei minimi dettagli. Questo vale per il lavoro e per tutto il resto.
Prima di prendere una decisione rivolgiti a me. Chiedimi di ispirarti ed Io lo farò. Poi
passa all’azione secondo quello che il cuore ti suggerisce di fare. Fidati di me proprio come
fai ora nello scrivere. Tu conosci il cammino che ti ho scelto: quello del tuo cuore. Non devi
far altro che agire fidandoti di me: quando una nuova strada ti si presenta davanti, passa
all’azione dopo avermi ripetuto le tue domande. Ti ispirerò su quale direzione prendere.
Una volta incamminato, se incontri ostacoli o intoppi ciò non significa che tu non sia sulla
buona strada. Continua a pensare che Io ti guido e ti accompagno. Le difficoltà che incontri sul tuo cammino servono a far risplendere su di te la mia potenza, servono a farti delle
sorprese, e ad unirti a me, tuo Dio.
11
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
è “no”, vi dovete fermare per pregare e per attendere che
l’unità sia totale. Farete la stessa cosa per ogni punto che volete discutere. La risposta Io la voglio dare al gruppo e attraverso il gruppo, così che tutti divengano un po’ più “comunitari
e collegiali”. A questo incontro ti chiedo di invitare Marta ed
Elisabetta. È importante che ognuno già si renda conto della
sua appartenenza alla nuova Chiesa, che è bella e pura, e che
per rimanere tale ha bisogno che ognuno dimentichi il suo
modo di vedere e di pensare per adottare quello scelto dal
Padre. Ciò significa rimettere tutto nelle sue mani, tutto chiedere a lui, tutto attendere da lui.
Ricorda dunque questo:
1. comincia sempre col rivolgermi la tua domanda;
2. che il tuo cuore sia sempre pronto ad accogliere la risposta, poco importa la direzione
che ti ispirerò;
3. accetta gli ostacoli e le difficoltà sapendo che Io sono con te per aiutarti a trovare la
soluzione;
4. ripeti la tua domanda ad ogni nuova svolta;
5. fidati di me nei minimi dettagli;
6. agisci nella certezza che Io sono con te;
7. riconosci la tua impotenza;
8. rendimi grazie per tutti i successi, ed anche per i fallimenti apparenti;
9. spera sempre nonostante tutto;
10. non dimenticare mai che Io sono il Dio dell’impossibile;
11. agisci con amore, comprensione, giustizia e bontà verso coloro che sono implicati nei
tuoi dossiers;
12. sii sempre prudente: quando ti vien fatta una proposta nuova, verifica se non si tratti
di una trappola del Nemico. Chiedi la mia luce ed essa ti sarà accordata;
13. non dimenticare che se tu sei unito a me, sei dalla parte del vincitore qualunque siano
le apparenze;
14. rimani umilissimo; non essere mai arrogante;
15. rileggi questi insegnamenti, e mantieni il contatto con me. Il resto ti verrà detto a tempo
debito. Non avere paura, non temere, abbi fiducia in me. Sono sempre lì, in te, nel tuo
intimo, poco importa dove sei e quello che fai. Sii certo della mia alleanza. Io non
abbandono i miei amici. Ti amo».
12
ANNO 1999
Non temete. Continuate ad avanzare nella fede. Saprete
di essere sulla buona strada dalla pace che sentirete in voi.
Questa pace vi aiuterà a procedere e a prendere delle decisioni conformi alla volontà del Padre.
Voi siete coloro che ho scelto per una bellissima e grande
missione. È la vostra docilità allo Spirito santo che determina il vostro grado di utilità. Lasciatevi trasformare
dall’Amore. Voi diventate amore. Io vi amo. Io ti amo».
Signore Gesù, grazie di ricordarmi il ruolo importante che
Marta sostiene nella trascrizione di questo volume. Grazie di
ricordarmi l’aiuto costante ed insostituibile di Elisabetta, la
mia cara sposa. Grazie ancora di venire a sostenere la mia
debolezza. Le mie lacune, per un miracolo del tuo amore,
saranno trasformate in grazie e benedizioni su Elisabetta e su
Marta. Ti amo.
25 gennaio, ore 2.15
3. ACCOGLI IL MIO PROGETTO,
PUR SENZA COMPRENDERE
«Mio piccolissimo, avanza nella fede pura. È quanto ti ho
chiesto nei momenti più intimi dei nostri incontri, fin dall’inizio. Oggi continuo a chiederti la stessa cosa.
Stiamo entrando in una nuova fase durante la quale continuerò a guidarti, ad ispirarti, con dei mezzi che scoprirai un
13
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
po’ alla volta. È importante che tu rimanga in ascolto, che tu
non ti limiti alle modalità che già conosci, dicendoti: “questo
è il sistema che il Signore usa con me”. Quel sistema è solo
uno fra tanti.
Non ti sbagli: il messaggio del 10 gennaio termina questo
volume. Alla domanda che ti stai ponendo se ce ne saranno
altri, rispondo che non è necessario che tu sappia subito la
risposta. Ispirato da me hai appena finito un libro che produrrà frutti succulenti, abbondanti e duraturi. Questi si moltiplicheranno senza che tu riesca a capire veramente come
avranno fatto per moltiplicarsi. Cominci appena a renderti
conto di ciò che sto compiendo servendomi di te.
Conosco fin troppo il tuo istinto di organizzare, pianificare, strutturare – altroché se lo conosco! – e so benissimo che
se Io ti dessi una visione anticipata del mio progetto, nello
slancio di fare tu prenderesti delle iniziative che mi toglierebbero il controllo dei mezzi che mi sono scelto, compromettendo così il mio progetto, o per lo meno ritardandolo.
Invece, non conoscendo tu né il progetto mio né ciò che da
te mi aspetto, dipendi intieramente da me, ti trovi nella
necessità di chiedermi tutto rimanendo poi in ascolto per
sapere qual è la mia risposta. Non c’è modo migliore per
essermi utile, un modo che mi consenta di operare più di
questo. In più questo sistema ha il vantaggio di mantenerti
umile. Potresti forse inorgoglirti di qualcosa che si realizza a
tua insaputa? Così per me sei molto prezioso.
Di nuovo riverso nel tuo cuore un fiume d’amore. Senza
di me saresti e rimarresti un niente, un niente di niente, mentre con me e tramite me non finirai mai di scoprire i tesori
14
ANNO 1999
che il Padre ha deposto in te al momento della tua creazione.
Accogli la tua trasformazione anche se non la comprendi.
Accogli di essere amato anche se non l’hai meritato.
Accogli la mia saggezza anche se non sai ciò che produce in te.
Accogli la mia pace anche se non la comprendi pienamente.
Accogli il fatto di diventare uno con me, anche se il perché ti
sfugge.
Accogli la mia tenerezza anche se non la percepisci.
Accogli tutto anche se non capisci, perché sai che ti amo.
Teneramente ti amo».
30 gennaio, ore 13.25
4. SUL SENTIERO DEL PADRE
«Mio piccolissimo, sono tanto contento di vedere che avanzi
sul sentiero che il Padre ha tracciato per te. È un cammino
che ti conduce alla santità, alla pienezza nell’amore.
Testimonia, e senza timore, che non sei tu che agisci, ma
che è lo Spirito santo che si attiva in te, intorno a te e attraverso di te, e per questo ringraziamo insieme il Padre. Se tu rimani piccolo e continui ad accogliere il mio amore sarai sempre
più testimone dell’azione dello Spirito Santo. Anche se ti succedesse di non vedere più nulla all’esterno, ti accorgeresti della
sua azione dentro di te, e nella fede sapresti che a partire dal
tuo “sì” a lasciarlo agire senza restrizioni o condizioni, Egli è
attivo nell’interiorità invisibile di una moltitudine di cuori.
15
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Lasciati guidare dalla mia mano. Volgi il tuo sguardo
verso il Padre. Contempla insieme a me la sua tenerezza nel
servirsi di te allorché potrebbe benissimo agire da solo.
Contempla la sua misericordia nel servirsi di te malgrado la
tua imperfezione. Contempla la sua potenza. Osserva quello
che realizza a partire da un “sì” piccolo e semplice dato da te
sinceramente.
Contempla con me la sua grandezza nel donare così tanto
servendosi di così poco. Il suo amore senza limiti, senza fine,
senza frontiere, contempliamolo insieme: è un amore che si
espande di continuo e in abbondanza ovunque ci sia una piccola apertura, una mezza fessura. Il suo grande desiderio è di
colmare i suoi figli rimettendo a nuovo la loro terra, rifacendola tutta pura e tutta bella, in grado di accogliermi per
quando sarò di ritorno, il che avverrà fra non molto. Per questo è importante che diciate “sì” a lasciarlo agire liberamente, riconoscendovi piccoli nell’accogliere il suo amore.
Ti amo teneramente».
5. LA MIA PRESENZA TI TRASFORMA
Signore Gesù, nella mia piccolezza mi rivolgo a te per presentarti ancora una volta la mia incapacità ad essere totalmente tuo.
Troppo spesso sono preso dalle mie preoccupazioni. Voglio affidartele tutte. Rimango in ascolto per essere completamente inspirato e liberato da te. Grazie di ascoltarmi e di esaudire la mia preghiera. Ti amo.
16
ANNO 1999
«Mio piccolissimo, vieni più vicino. Il mio cuore brucia
d’amore per te. Il tuo cuore a contatto del mio si purifica e si
riscalda. I lunghi momenti d’intimità che mi consacri uniscono il tuo cuore al mio. Il tuo essere finisce per essere unito a
me completamente.
Rimani con me il più a lungo possibile, nell’intimità. Non
ti preoccupare dell’ora, del sonno, del riposo. In questa
nostra intimità la mia presenza è per te di grande riposo.
Beato te che ti lasci trasformare dalla mia presenza! In questo modo ti prepari alla pienezza dell’amore.
Se tu sapessi la gioia che c’è qui in paradiso in grazia proprio di questi momenti di intimità che mi concedi di avere
con te! È un fuoco d’amore fuoco che nel tuo cuore si sviluppa sempre di più, e non solo nel tuo cuore ma anche in quello di molti altri. Fra non molto la terra sarà completamente
trasformata, rinnovata, pronta ad accogliermi, pronta per il
mio Ritorno. Grazie di essere questo canale che mi permette
di essere sempre più presente in una moltitudine di cuori. Ti
amo teneramente».
4 febbraio, ore 2.50
6. LA COMUNIONE DEL MONDO NUOVO COL CIELO
«Mio piccolissimo, non permettere alle cose del mondo di
addolorarti al punto di renderti inquieto. Anche se sei ancora nel mondo, non ne fai più parte. Sei già nel Mondo nuovo
17
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
che è in costante relazione con il Cielo, con i santi, le sante,
e con gli angeli. Sei sotto la protezione della mia santissima
Madre. Sei continuamente ispirato dallo Spirito Santo, intimamente unito al mio cuore. La nostra intimità è tale che il
cuore che batte in te e in molti altri, è il mio. Il tutto si svolge sotto lo sguardo costante, benevolo, misericordioso e
pieno d’amore del Padre. Ecco il mondo nuovo nel quale ti
trovi, ed il cammino per entrarvi è quello che ti ho insegnato: quello che conduce nella profondità del tuo essere.
Dapprima la tua missione si svolge nell’invisibile, in
comunione coi santi, le sante, e con gli angeli, presso coloro
che il Padre ti invia quando lui vuole, al momento più opportuno per il tipo d’azione o intervento che Lui ha scelto. Lui
solo è padrone, ed è così che la sua volontà si fa in terra come
in Cielo, che il suo Regno viene, che il suo nome è santificato.
Quando la missione che si svolge nell’invisibile è terminata (la grande missione, quella vera, è proprio quella che si
svolge nell’invisibile), nel visibile il Padre affida delle piccole missioni che la persona compie sotto l’influenza diretta
dello Spirito Santo. Non è che la persona abbia una nozione
esatta di ciò che fa, perché non ha un piano, e perché il suo
sforzo umano non appare veramente, proprio come avviene
con te in questo momento mentre sei utilizzato per scrivere.
In altre occasioni si tratta magari di parlare, o di fare un gesto
concreto presso una o più persone. Il tutto è però da farsi
con amore e nella più perfetta docilità allo Spirito Santo,
dopo lunghi momenti di preghiera, d’adorazione, d’intimità
con me, e frequentando regolarmente i sacramenti, specialmente la Riconciliazione e l’Eucarestia.
18
ANNO 1999
In questo Mondo nuovo vi sono missioni per tutti, ognuna delle quali ha un grande valore; ma nessuno è arruolato
con la forza. L’adesione dev’essere libera, spontanea e senza
remore. Che il “sì” che date sia un vero “sì” e il “no” che
date un vero “no”. La decisione, come pure gli atti, siano poi
conformi a questa vostra scelta, la quale merita di essere realizzata a partire dal vostro “sì” e non dai modi di pensare del
mondo, o per abitudine, o dal vostro attaccamento alle cose
del mondo!
Beati e beate voi che già vi trovate all’interno di questo
Mondo nuovo che è pienezza d’amore! Adesso che l’avete
scoperto, che sapete che c’è, potete rimanerci oppure abbandonarlo. La scelta spetta a voi. O l’uno, o l’altro, ma non
l’uno e l’altro. Le porte sono spalancate. L’amore vi aspetta
con braccia e cuore aperti affinché possiate diventare anche
voi degli esseri pieni d’amore. L’Amore vi ama e voi diventate amore. Vi amo teneramente. Ti amo teneramente.»
7 febbraio, ore 5.15
7. LA SOFFERENZA HA FECONDATO LA MIA MISSIONE
Signore Gesù, ti presento la mia difficoltà ad accettare la pubblicazione del volume “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”, ed i numerosi dubbi e paure che mi abitano. Mi
sento debole, piccolo e vulnerabile. Ti offro questa sofferenza e
la unisco alle tue per la mia purificazione e per quella dei miei
19
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
fratelli, in particolare per quelli che stanno per perdersi e che
moriranno oggi. Grazie di ascoltare e di esaudire la mia povera preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, se tu conoscessi il grande valore della sofferenza per penetrare più profondamente nell’amore! Le sofferenze si trasformano in grazie e benedizioni quando vengono accolte ed offerte al Padre in unione con le mie. Beato te
che provi questa sofferenza prima dell'uscito di questo libro.
La sofferenza accolta e offerta sta fecondando ciò che questo
libro produrrà nei cuori dei lettori e delle lettrici. Renditi
conto che la mia grande sofferenza, nel momento dell’agonia
nell’Orto degli ulivi, ha reso feconda la mia missione e la mia
morte. Sì, la mia missione dovette essere resa feconda tramite la sofferenza, non è normale che la tua propria sofferenza
fecondi la tua missione?
I discepoli non sono più grandi del maestro. Devono
accettare, nel loro cuore, di passare per la stessa via che Io ho
percorso. Non possono diventare uno con me senza prendere la loro croce e seguirmi. Hanno però il grande vantaggio
di essere stati riscattati da me. Ogni volta che risentono il
peso della sofferenza essi possono affidarmi questi pesi per
scoprire che il mio giogo è leggero.
Continua a rimettermi le tue sofferenze non appena le
senti. Scoprirai sempre di più la mia presenza che viene ad
alleggerire il tuo fardello. Ricordati che non sei mai solo. Io
sono sempre con te. Insieme abbiamo scritto questo libro “Per
la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”, e insieme affronteremo le tribolazioni, ma sempre insieme vivremo le “gioie” che
20
ANNO 1999
questo volume ci porterà, tra cui la più grande è quella della
nostra intima unione che ti consente di diventare l’Amore.
Ti amo teneramente».
9 febbraio, ore 4.55
8. TUTTO A LUI, TUTTO A TE, TUTTO AGLI ALTRI
Signore Gesù, voglio affidarti lo scritto che mi è stato chiesto
di preparare sull’argomento del “tutto a tutti”. Tu conosci la
mia incapacità, i miei limiti e le mie debolezze. Faccio affidamento unicamente sulla tua onnipotenza. Mi metto totalmente tra le tue mani e conto solo su di te. Voglio ascoltarti totalmente. Grazie di comprendere ed esaudire la mia preghiera.
«Mio piccolissimo, ecco qualche regola fondamentale che
non devi dimenticare. È bene desiderare di essere tutto per
tutti, ma prima di volersi dare agli altri bisogna essere, poiché tu non potrai mai dare più di quel che tu stesso sei.
Se non sei una persona di fede, come potrai suscitare la
fede?
Se non sei una persona piena di speranza, come potrai
farla nascere negli altri?
Se non sei una persona piena d’amore, come potrai trasmetterlo?
Non potendo dare che ciò che tu stesso sei, bisogna che
tu lo diventi prima di poter dare. E come puoi essere ciò che
21
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
vorresti dare? Ho usato apposta la parola “essere” e non
“imparare”; la differenza è sostanziale. Da solo puoi imparare una moltitudine di cose. Dio te ne dà la possibilità grazie
ai talenti che hai ricevuto.
Ma quando si tratta del tuo essere, le cose sono differenti: la sola possibilità che hai è quella di dare il tuo “sì” per
essere trasformato dal tuo Creatore. Accogliendo ciò che il
Padre ti ha dato e ti dà direttamente durante i momenti d’intimità con la santa Trinità, tramite altri o tramite avvenimenti vissuti, tu diventi un essere nuovo e completamente libero,
della grande libertà dei figli di Dio.
È solamente allora, quando sarai completamente distaccato dal modo di pensare del mondo, che ti viene dato di
essere pienamente te stesso, che ti viene dato di scoprire la
tua bellezza originaria creata così dal Padre e rimessa totalmente tra le sue mani.
Essendo totalmente tra le sue mani, Lui ti permette di
essere totalmente te stesso, e tu puoi donarti agli altri. In
altre parole: tutto a Lui, tutto a te, tutto agli altri.
Poiché tu sei in continua trasformazione, donandoti sempre ed ancora di più a Lui, diventi sempre di più te stesso e
puoi donarti di più agli altri.
Poiché tu non sei in grado di vedere l’avvenire, per ben
vivere il momento presente e convincerti di quanto ti sto insegnando, getta uno sguardo sul tuo proprio passato e ti renderai conto che ogni volta che hai accettato di donarti di più a
Dio, tu hai donato di più a te stesso e di conseguenza agli altri.
Tu ti dai all’Amore, diventi l’Amore, trasmetti l’Amore.
Ti amo teneramente».
22
ANNO 1999
16 febbraio, ore 4.05
9. NON CERCARE UN ALTRO MAESTRO
Signore Gesù, voglio presentarti la richiesta di T. a proposito di
ciò che tu ti aspetti da lei. Mi pongo al tuo ascolto. Grazie di
ascoltare ed esaudire la mia preghiera e la sua. Ti amo.
«Piccola T. del mio cuore, vieni a gettarti tra le mie braccia,
tu che io aspetto da tanto tempo per condurti più vicino a
me. Il mio cuore brucia d’amore per te. Come sono felice di
vederti accettare la tua piccolezza, la tua fragilità, la tua
debolezza, la tua vulnerabilità e la tua impotenza! È solo così
che Io posso stringere il tuo cuore al mio e versarvi un flutto
d’Amore Fuoco. Insieme, piccola perla del mio cuore, entriamo in un mondo nuovo, in una Chiesa nuova. Non cercare
un altro maestro. Sono Io il maestro assoluto capace di condurti là dove vuoi andare per rispondere alla chiamata che Io
stesso ho deposto nella profondità del tuo cuore.
Troverai la risposta che cerchi solamente all’interno di te
stessa, durante dei lunghi momenti d’intimità con me. Non è
col fare che rispondi alla mia chiamata ma piuttosto con l’essere. Il tuo essere, modellato dall’Amore per diventare
amore, non può essere condotto alla propria realizzazione
che attraverso l’Amore.
Tu hai dato molti “sì”. Il Padre te ne domanda altri per terminare il capolavoro d’amore che sei. Non perdere tempo a
guardarti e neppure ad interrogarti. Tieni lo sguardo fisso sul
Padre, contempla la sua bontà, la sua misericordia ed il suo
23
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
amore. Non cercare di rendertene degna né di meritarlo, è una
missione impossibile perché mai e poi mai tu sarai degna di
tanto amore, mai potrai meritare un amore così perfetto.
Accogli, accogli, accogli la sua bontà, la sua misericordia
ed il suo amore perché Lui vuole che sia così. Piccola perla
del mio cuore, affida a me il tuo fardello, sei stanca di portarlo, lasciamelo prendere sulle mie spalle per donarlo al Padre.
Diventa libera. L’Amore ti rende libera.
Beata tu, piccola perla del mio cuore, di lasciarti condurre sul cammino della libertà per diventare amore in questo
modo. Con me, tu diventi amore. Che vuoi di più?
Tu diventi l’Amore. Ti amo follemente».
19 febbraio, ore 3.00
10. LA TUA VERA MISSIONE È L’AMORE
«Mio piccolissimo, rimani sempre di più al mio ascolto; scoprirai che ti sono sempre più vicino. I tuoi pensieri saranno
continuamente ispirati da me. Ti voglio tutto per me. Se tu
sei tutto mio, non devi più preoccuparti di niente perché
sono Io che ti porto, che t'ispiro, che ti guido, che ti conduco e, infine, che mi attivo attraverso di te.
Si tratta quindi di una grandissima trasformazione che,
presentemente, si opera in te; tu ne sei più o meno cosciente, ma che tu lo sia o no questo non è importante. Ciò che è
importante è che tu ti lasci trasformare, che tu mi ridia con24
ANNO 1999
tinuamente il tuo consenso, che tu ti riconosca sempre più
piccolo e sempre più amato da me.
È l’Amore che si occupa di tutto quando ha la libertà di
agire. Si prende carico della persona, la trasforma secondo la
sua immagine. Quando la sua immagine è ben impressa nella
persona, una moltitudine di persone vengono visitate, nell’invisibile ed anche nel visibile, per sollecitare i loro consensi a lasciarsi trasformare sempre secondo la sua immagine.
Questo processo continuerà fintanto che la terra intera sia
totalmente trasformata. È importante sottolineare che la missione, o le missioni, che vi sono affidate nel visibile, si realizzano più per ciò che la persona è come creatura, a immagine
dell’Amore, che per ciò che la stessa persona dice o fa.
Ecco dunque la vostra missione, la tua missione. Che si
tratti di un lettore, di una lettrice o del piccolo commissionario che tu sei, non c’è differenza; siete tutti amati dello stesso Amore, per diventare a vostra volta l’Amore.
Vi amo follemente. Follemente, ti amo».
20 febbraio, ore 3.45
11. L’ESSERE NUOVO SI COSTRUISCE IN TE
(IN TE STA NASCENDO UN NUOVO ESSERE)
Padre, voglio ringraziarti per la grande pace e gioia che provo
durante la realizzazione del libro “Per la felicità dei miei, i
miei prescelti. Gesù”, prima della stampa finale.
25
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Anche se l’ho riletto per dieci o forse quindici volte, mi
appare sempre nuovo, e mi sembra di scoprire la ricchezza del
suo contenuto per la prima volta.
D’altro canto, ho l’impressione, per quel che mi riguarda, di
essere cambiato molto poco rispetto agli affari ed al lavoro, di
essere ancora pieno di preoccupazioni, quando non sono intento a pregare, a scrivere o a rileggere.
Ti ringrazio per la buona notizia, assolutamente imprevedibile che ho ricevuto ieri a proposito di quelle due transazioni.
Grazie di occuparti dei miei affari e di darmene la prova.
Supplisci tu alla mia debolezza, alla mia mancanza di fede ed
agli attaccamenti che non riesco ad abbandonare.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Caro bambino del mio Cuore, se tu sapessi quanta gioia
provo a venire ad aiutarti nella tua debolezza. Se tu sapessi
come tutte le situazioni o preoccupazioni sono sotto il mio
perfetto controllo, grazie alle tue ripetute richieste, al tuo
abbandono ed ai tuoi consensi. Sei sulla buona strada che ti
conduce alla pienezza dell’amore. Devi imparare ad integrare e a lasciar vivere l’essere nuovo che si sta realizzando dentro di te.
Guarda il tempo che occorre ad un bambino per diventare adulto, o il tempo che serve ad un albero per crescere.
Quello al quale occorre più tempo per crescere è quello di
qualità migliore; è più robusto e resiste meglio alle intemperie. Devi rallegrarti e non rattristarti del tempo che ti è necessario per diventare amore. Più il tempo è lungo più sarai
forte per affrontare le tempeste.
26
ANNO 1999
Per vivere questa trasformazione che vi conduce verso
questa nuova Chiesa, verso questa nuova Società, bisogna
che voi siate di qualità molto buona per poter resistere. E per
far questo ci vuole tempo. Non perdere tempo a guardare
quello che ti manca, guarda piuttosto ciò che ho fatto e ciò
che sto facendo ora in te, attorno a te e tramite te.
Mio amato figlio, sei colmato di grazie e d’amore, lascia
al tempo il potere di integrarle dentro di te. Voi diventate, e
tu diventi, amore. Accogli, accogli, accogli il mio amore.
Mio piccolo, Io ti amo. Tuo Padre».
21 febbraio, ore 3.35
12. COME IN CIELO COSÌ IN TERRA
«Mio piccolissimo, tu diventi l’amore. Lasciati condurre dal
tuo cuore che è il solo che può essere in relazione costante
con l’Amore. Le tue facoltà devono essere al servizio del
cuore e mai il contrario. Sei stato creato dall’Amore per
diventare uno con Lui. Il tuo cuore è la connessione. Ti serve
quindi imparare a vivere a questo livello ed è ciò che impari
quando ti trovi solo a solo con me nella profondità del tuo
essere. Più segui questa via, più questa ti diviene familiare, più
ti viene facile accedervi e più sentirai in te pace, gioia e amore.
Questa relazione d’intimità ti mette in comunicazione con
la santa Trinità, con la mia santa Madre, che è anche la tua,
con la corte celeste formata dai santi e dalle sante del paradi27
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
so, dai santi angeli, e da tutti i santi e le sante che vivono
attualmente sulla terra, a cominciare da Giovanni Paolo II.
Ecco la grande e bella famiglia alla quale appartieni. In
questa famiglia l’unità è perfetta, la gioia è totale, la pace è
completa. È l’amore che si rinnova continuamente con un
Fuoco d’Amore Fuoco. Tutti sono al servizio gli uni degli
altri, e contemporaneamente sono al continuo servizio del
Padre per un’infinità di missioni che egli affida a tutti e ad
ognuno, affinché una moltitudine di cuori possano essere
raggiunti dagli appelli e dalle inspirazioni ad entrare essi stessi in questa grande famiglia della comunione dei santi e delle
sante.
Essendo i Cieli aperti, questo rende la comunicazione
così facile. Ed è sempre questo che permette a tutti coloro
che si lasciano trasformare dall’amore di diventare dei missionari senza frontiere, unicamente grazie ai loro consensi.
Beati e beate siete voi di essere già dentro questa bella e
grande famiglia dei Cieli mentre ancora state vivendo sulla
terra. Così si compie la volontà del Padre sulla terra come in
cielo.
Questo insegnamento che si situa al livello del cuore,
nella fede pura, aiuta le vostre facoltà a comprendere l’importanza di questi lunghi momenti d’intimità con l’Amore,
ed anche il senso dell’espressione della piccola scorciatoia:
“Poiché l’Amore ti ama, tu diventi amore”.
Ecco ciò che produce l’Amore quando lo si accoglie e gli
si lascia la libertà di agire. La nostra Famiglia diventa la tua
Famiglia. Voi diventate l’Amore. Tu diventi l’Amore.
Teneramente, vi amo. Teneramente, ti amo».
28
ANNO 1999
22 febbraio, ore 2.40
13. IO SONO LA TUA SICUREZZA
Signore Gesù, voglio presentarti i sentimenti di insicurezza che
mi assalgono in questo momento a tutti i livelli, prima dell'uscito del libro: “Per la felicità dei miei, i miei prescelti.
Gesù”. Mi sento troppo piccolo, debole e peccatore per una tale
missione; inoltre temo di tradire dei segreti, di svelare cose che
devono rimanere nascoste.
Vieni in mio aiuto. Grazie di ascoltare ed esaudire la mia
povera preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, vieni tra le mie braccia. Io sono la tua
sicurezza. Accogli i sentimenti d’insicurezza che ti invadono
in questo momento; ti sono necessari per mantenerti nell’umiltà e nell’abbandono totale tra le mie mani.
Tu hai dato i tuoi “sì” a lasciarti condurre dal Padre.
Adesso devi dare i tuoi “sì” a vivere questi sentimenti d’insicurezza che ti servono a non farti mettere alcun ostacolo alla
sua volontà.
Nel medesimo tempo in cui tu accogli questi sentimenti
d’insicurezza, accogli il suo amore, perché l’amore che ti
invade in questo momento è molto più potente di queste
insicurezze, ed è Lui che le allontana. Mentre le allontana, ti
fa fare un passo in più nel grande passaggio che conduce
all’amore.
Prenditi il tempo di integrare bene dentro di te l’amore
che ti abita. È così che diventi amore. Ti amo teneramente».
29
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Grazie, perché già non sento più quell’insicurezza che m’invadeva. Grazie Signore Gesù.
24 febbraio, ore 3.35
14. CON LA DISPONIBILITÀ DEL CUORE
SI OTTIENE LA RISPOSTA
Signore Gesù, voglio presentarti la chiamata che ho ricevuto ed
alla quale non ho dato seguito. Quale deve essere il mio comportamento di fronte a questo genere di domanda allo scopo di
servire da intermediario per ottenere delle risposte dal Signore;
io voglio essere al tuo servizio. Temo di farmi invadere, e così
di allontanarmi da te.
Vieni ad illuminarmi e a dirigermi. Grazie di esaudire la
mia povera preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, di per te stesso tu sei incapace di aiutare
chicchessia. Malgrado ciò il Padre può compiere grandi cose
tramite te. I carismi che ti dona non sono per te, anche se,
all’occasione, tu puoi trarne beneficio.
È necessario che tu preghi continuamente per ben distinguere se si tratta di una persona che ti viene inviata dal
Signore o di una persona che si è inviata da sola, o ancora di
una persona che il nemico ti invia per accaparrarti e impedirti di restare all’ascolto del Padre e di agire secondo le ispirazioni dello Spirito santo.
30
ANNO 1999
Il tuo comportamento dev’essere quello che ti è stato
insegnato il 6 gennaio 1997 e ripreso nel messaggio n. 2 del
presente libro. È importantissimo restare molto disponibili
ad accogliere la risposta, sia in un senso che nell’altro. Non
devi passare da un estremo all’altro, cioè rifiutare per paura
che ciò possa disturbarti, o lasciarti invadere da persone che
diventerebbero delle consumatrici del tuo tempo.
È coll’essere e col rimanere molto disponibile che il tuo
cuore può captare la risposta che ti sarà ispirata. Quando la
comunicazione sarà durata a sufficienza, la decisione diventerà chiara.
Voi vivete nell’epoca in cui l’amore deve poter circolare
liberamente attraverso di voi per raggiungere altre persone,
“dapprima, certamente, nell’invisibile”. Dovrete anche vivere delle esperienze visibili per diverse ragioni:
Superarvi nella generosità.
Verificare se lasciate passare l’amore.
Essere testimoni dell’azione di Dio.
Riconoscere la vostra impotenza ed i vostri limiti.
Domandare costantemente l’aiuto di Dio.
Presentare la persona a Dio.
Rendere gloria a Dio per la trasformazione che Egli compie.
Si potrebbero aggiungere molte altre ragioni, ma queste
sono le principali, quelle che devi ricordare prima di agire
troppo rapidamente.
Sì, devi rispondere alla chiamata che hai ricevuto affinché
la persona possa formularti la sua domanda. In seguito agirai
secondo la tua ispirazione. Lasciati trasformare da questi
avvenimenti. Tu diventi amore. Ti amo teneramente».
31
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
25 febbraio, ore 5.10
15. FELICI QUEI LETTORI CHE ACCOLGONO LE GRAZIE!
Signore Gesù, voglio ringraziarti, renderti onore ed offrirti le
due belle testimonianze che ho ricevuto da parte di due lettrici
consacrate, prima dell'uscito del libro “Per la felicità dei miei,
i miei prescelti. Gesù”. Le due mi hanno detto che, leggendo,
si sentono trasformare dal tuo amore, ed invadere da una grande pace e da una grande gioia. Inoltre hanno scoperto un modo
privilegiato di “unirsi a Gesù” mai sperimentato prima.
Grazie di farmi essere ancora una volta testimone del tuo
agire. Grazie per questi doni che fai piovere su di noi, grazie
per tanto amore. Ti amo.
«Mio piccolissimo, continua a riportarmi i commenti che
ricevi su questo libro, perché non sono tuoi, sono miei, per
la gloria del Padre. Fai lo stesso anche in caso di commenti
meno elogiativi o distruttivi.
Ricordati che non sei che uno strumento tra le mani del
Padre, come un martello lo è tra le mani di un falegname.
Beato te che sei questo strumento! Beati i lettori che accolgono o accoglieranno le grazie che il Padre riverserà su tutti,
senza eccezioni. Coloro che rifiuteranno di aprire il loro
cuore, non potranno trarre beneficio da queste grazie.
Insieme, pian piano, stiamo entrando in una Chiesa
nuova, in una nuova Società, per vivere l’amore che il Padre
vuole donare a tutti i suoi figli della terra, per viverlo in grande intimità. Ringraziamolo insieme per ciò che sta avvenen32
ANNO 1999
do per il bene di tutti i suoi figli, e per la sua propria gloria.
Grazie, Padre, di dare ancora una volta ai tuoi piccoli ciò che
non concedi ai grandi. Grazie, Padre, di rivelare ai tuoi piccoli ciò che hai nascosto ai grandi di questo mondo.
Lettori e lettrici di “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”, voi diventate amore. Tu diventi amore.
Vi amo follemente. Follemente, ti amo».
6 marzo, ore 5.50
16. SIETE ALLA MIA SCUOLA
Signore Gesù, voglio ringraziarti per il gruppo di lavoro che hai
utilizzato per la preparazione del volume “Per la felicità dei
miei, i miei prescelti, Gesù”. La pace e l’amore regnavano in
ognuno di questi incontri. Inoltre, ti ho visto all’opera. Mi hai
confermato l’autenticità delle ispirazioni.
Quando qualcuno dei presenti trovava difficoltà ad accettare qualche opinione espressa, ce n’era sempre un’altra per confermare il valore di quell’opinione senza che io dovessi intervenire. E questi scambi di pensiero si effettuavano sempre in una
grande serenità. Grazie, Signore Gesù, di consentirmi, ancora
una volta, di essere testimone del tuo agire. Ti amo.
«Mio piccolissimo, come hai potuto constatare, tutto diventa facile e gradevole allorché un individuo od un gruppo si
lasciano guidare da me; quando i cuori sono pronti ad acco33
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
gliere l’orientamento che io dò, anche se ciò è contrario a
quanto la persona ha già affermato.
Voi siete realmente alla mia scuola per vivere in questa
nuova Società, in questa nuova Chiesa. Voi siete alla scuola
dell’amore. Voi siete testimoni di ciò che produce l’amore
quando gli si lascia il campo libero; quando l’amore si può
esprimere senza limite, né regola, né opinioni preconcette.
Questo nuovo modo di agire, che ha come base l’amore,
richiede molta abnegazione, spirito di rinuncia e umiltà da
parte di ognuna delle persone che compongono un gruppo,
ma produce dei frutti al cento per uno. Produce una gioia
immensa, una pace completa, totale e consente così di realizzare molto in poco tempo.
Beati e beate voi che potete sperimentare ciò che produce
l’amore quando è accolto, e che gli vien data la completa libertà di agire. Voi diventate amore. Tu diventi amore. Siete amati
teneramente e follemente. È così che vi amo, che ti amo».
8 marzo, ore 5.40
17. TUTTO MI APPARTIENE
«Mio piccolissimo, sii in pace riguardo alla prossima pubblicazione del libro. Sono Io che ti ho spinto a scrivere. Sono Io
che mi occupo dell’edizione. Sono ancora Io che mi occuperò della diffusione. Sono sempre Io che ispirerò le persone a
leggerlo o a non leggerlo. Sono Io che inonderò di grazie il
34
ANNO 1999
lettore o la lettrice nel momento della lettura, affinché la persona dia il suo consenso a riconoscere la propria piccolezza e
ad accogliere il mio amore.
Ridammi le tue preoccupazioni a questo proposito. Non
ti appartengono, così come non ti appartengono i commenti
su questo libro.
Tutto viene da me. Tutto mi appartiene. Tutto deve ritornare a me. Tu, accogli il mio amore, e sii testimone del mio agire.
Ti amo teneramente».
10 marzo , ore 4.55
18. IL TEMPO STRINGE… DIVENTATE AMORE
«Mio piccolissimo, tu sei per me, tuo Dio, uno strumento di
grande valore. Nello stesso tempo in cui parlo al tuo cuore,
ti utilizzo per parlare ad una moltitudine di cuori. Ciò avviene dapprima nell’invisibile, senza che tu ne sia cosciente. Ciò
che ti faccio scrivere, lo deposito in una moltitudine di cuori
nell’invisibile. Lo stesso avviene quando tu lo rileggi lasciandoti trasformare.
Avverrà lo stesso per tutte le persone che leggeranno e rileggeranno questi testi nella fede, riconoscendo la loro piccolezza, lasciandosi amare, dando il loro consenso a lasciarsi trasformare per diventare amore. A distanza, dei cuori coscienti della loro piccolezza si sentono amati, danno il loro consenso a lasciarsi trasformare, e diventano amore.
35
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Il tempo stringe. Il Padre accelera il passo nella preparazione del mio grande Ritorno. Questo mezzo che usa con te,
e tramite te, non è che uno dei tanti mezzi utilizzati presentemente per raggiungere i cuori. Beato te, beati quei lettori e
quelle lettrici che si lasciano trasformare in questo strumento tanto prezioso nel piano d’amore del Padre. Diventando
amore uno, è una moltitudine di cuori che lo diventa.
Accogliete l’amore; diventate l’amore; spandete l’amore.
Il mio Cuore brucia d’amore per voi. I vostri cuori sono
bruciati al fuoco del mio Amore-fuoco. A distanza, una moltitudine di cuori si bruciano al fuoco del mio Amore-fuoco.
Teneramente e follemente Io vi amo. Ti amo».
13 marzo, ore 5.10
19. IO PRESENTO AL PADRE LA TUA PREGHIERA
Grazie, Signore Gesù, per questi preziosi insegnamenti, in particolare per l’ultimo, quello del 10 marzo, e per l’esperienza che
mi hai permesso di vivere mentre rileggevo dei testi passati,
facendo di ogni frase una preghiera, non solamente per me, ma
in favore di tutto l’universo, in modo che nell’invisibile i cuori
si aprano a ciò che è scritto e, in special modo, i cuori di coloro che leggono o leggeranno questi testi. Grazie per questi
nuovi sentieri pieni di speranza che mi colmano di felicità. Che
sia così anche per tutti i lettori presenti o futuri. Grazie di
ascoltare ed esaudire la mia preghiera.
36
ANNO 1999
«Mio piccolissimo, accolgo la tua preghiera e la presento al
Padre. Ciò che mi chiedi è iniziato già ad accadere in alcuni
cuori. Se tu sapessi cosa succede quando questi testi vengono pregati, così come hai iniziato a fare! Non vorreste fare
niente altro, tanto ciò che avviene è imponente.
Questa esperienza ti permette d’intravvedere ciò che si
può realizzare tramite te, ma solo dopo averlo ben integrato
dentro di te. Come puoi ben vedere ciò supera di molto tutto
ciò che avevi potuto concepire ed immaginare. Non puoi
inorgoglirtene perché non sei tu che agisci, ma solo ed esclusivamente Io che agisco in te e tramite te.
Continua a rileggere trasformando queste riletture in preghiere per tutti i cuori dell’universo. Ogni volta, tu diventi un
po’ più l’amore, quindi uno strumento migliore per lasciar
passare l’amore. Il tuo cuore s’infiamma sempre di più man
mano che viene bruciato al fuoco del mio Amore-fuoco.
Ti amo follemente e teneramente».
14 marzo, ore 3.15
20. ASSOCIATO ALLA CREAZIONE DEL PADRE
«Mio piccolissimo, è al tuo cuore che voglio sempre parlare.
Si dilata continuamente, diventando sempre più disponibile
ad accogliere il mio amore e, di conseguenza, più disponibile a donarlo. È un procedimento lungo, che si può conseguire solo dedicandogli del tempo, molto tempo, oltre ad aver
37
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
dato ed a ridare continuamente tutti i tuoi “sì”. Si tratta veramente dell’opera del Padre che ricostruisce il tuo essere,
come ricostruisce la sua creazione. Tu hai un’anima, un
cuore, uno spirito, un’intelligenza ed un corpo.
La grande libertà che il Padre ti ha dato ti permette o di essere associato alla sua creazione, o di essere nocivo al suo piano
d’amore.
Per ciò che Lui ti consente di compiere, tu contribuisci
ad abbellire la sua creazione, così come i rifiuti contribuiscono ad imbruttirla. Renditi conto che ogni persona che vive su
questa terra, se risponde all’appello del Padre, ha un ruolo
da svolgere per abbellire la creazione. Disgraziatamente,
molti non rispondono; sfuggono alla chiamata che ricevono
continuamente per rispondere al richiamo del mondo, un
mondo di tenebre.
Il Padre sta preparando una grande armata per combattere tutte le forze del male ed annientarle completamente con
l’amore. È questo che stai facendo con la tua docilità a scrivere quello che depongo nel tuo cuore. Questo è cio che fa o
farà il lettore o la lettrice accogliendo l’amore e le grazie, leggendo con devozione affinché questo stesso amore venga
riversato in tutti i cuori dell’universo.
Il tempo stringe, lasciatevi infiammare dal mio Amorefuoco per infiammare la terra intera.
Beati e beate siete voi di essere stati scelti per una missione tanto grandiosa, di cambiare la faccia della terra per farne
una terra d’amore secondo il disegno del Padre.
Voi diventate amore. Vi amo teneramente.
Ti amo teneramente».
38
ANNO 1999
16 marzo, ore 5.50
21. PREGA PER L’UNIVERSO
«Mio piccolissimo, se tu sapessi ciò che succede in te quando
ti metti alla mia presenza, scendendo nelle profondità del tuo
essere. Se tu sapessi ciò che compio in te ed il modo in cui ti
utilizzo per raggiungere dei cuori nell’invisibile, scopriresti
che questi momenti privilegiati sono di una ricchezza inestimabile. Se tu sapessi ciò che compio nei cuori quando scrivi
e rileggi pregandomi per l’universo. Ogni volta sono delle
pioggie di grazie che cadono in una moltitudine di cuori.
Cuori che erano chiusi… e che si aprono per accogliere la
grazia.
Persone affondate nella più grande disperazione… e che
scoprono una nuova speranza.
Persone che vivevano delle autentiche angosce… e che
scoprono una nuova pace e serenità.
Persone piene di odio e di violenza… e che scoprono che
in loro c’è dell’amore e della dolcezza.
Persone che non si accettavano… e che scoprono di avere
valore agli occhi di Dio loro Creatore.
Persone che non hanno mai conosciuto il vero Amore…
e che, per la prima volta, riconoscono nel loro cuore di essere amati.
Potrei continuare ancora a lungo ad enumerare ciò che
produce l’amore quando viene accolto da un cuore aperto al
consenso, disponibile ad intercedere affinché venga ridato a
tutto l’universo ciò che lui stesso ha ricevuto.
39
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Ecco ciò che produce l’amore quando è accolto. Ecco la
tua vera missione. Ecco la vera missione di ciascuno dei bambini di questa terra 2. È così che la faccia della terra sarà completamente cambiata e che voi entrerete in questa Terra
nuova, in questa Chiesa nuova.
Accogliendo l’amore, voi diventate amore, voi spargete
amore. Teneramente, vi amo. Teneramente, ti amo».
17 marzo, ore 2.00
22. PICCOLO PULCINO MALATO CON LE ALI SPEZZATE
Signore Gesù, non so come ringraziarti per la testimonianza di
grande trasformazione dei cuori che mi hai consentito di ascoltare ieri sera. Ciò che tu compi nei cuori, a partire dai testi del
libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”, supera
tutto ciò che avrei potuto immaginare. Grazie di permettermi
di essere testimone del tuo agire.
Ti sottopongo le due intenzioni che una persona mi ha chiesto di inviarti, una per lei e l’altra per un suo amico.
Allo stesso modo depongo nel tuo Cuore misericordioso
l’atteggiamento che ho assunto ieri, di fronte a certe situazioni
i lavoro che mi preoccupano ancora, e la mia mancanza di fede
(2) La parola “bambino” si applica a tutti i figli di Dio, quindi a tutte le persone che vivono su questa terra.
40
ANNO 1999
dopo tanti favori. Invia i tuoi santi angeli per trasformare questi “no” all’amore in dei “sì” all’amore.
Grazie per la tua grande misericordia. Grazie di ascoltare
ed esaudire la mio povera preghiera. Confido in te e ti amo.
«Mio piccolissimo, accolgo la tua debolezza, la tua fragilità e
la tua vulnerabilità, unitamente alle sofferenze che ciò ti procura. Le associo alle mie. Le depongo nelle mie sante piaghe
come un bel mazzo di rose di cui tu potrai respirare il profumo, consentendoti così di vivere dentro di te una grande
gioia attraverso queste tribolazioni.
La vera ed unica soluzione è che tu viva sempre di più
raccolto in te stesso. Tu sei un po’ come un piccolo pulcino
malato dalle ali spezzate. È al sicuro nel nido, al caldo sotto
le ali della madre, ma è molto vulnerabile all’esterno quando
deve prendere il proprio posto in mezzo agli altri. Sotto le ali
della madre, recupera le sue forze e, molto presto, sarà abbastanza forte interiormente per vivere all’esterno.
Poiché stai vivendo la trasformazione del tuo essere per
diventare amore, questo nuovo essere prende le sue forze
dentro di te nei lunghi momenti d’intimità con me. In seguito, potrai affrontare i problemi esterni continuando a rimanere in un grande giubilo.
Accolgo anche le tue domande per presentarle al Padre.
Resta in pace. Ho tutte queste situazioni saldamente in mano
e sarete sempre di più testimoni del mio agire. Quando mi
presentate i vostri desideri, Io entro in azione.
Lasciandoti trasformare da me, tu penetri sempre di più
nel cuore di Dio. Come conseguenza, Dio, sempre di più,
41
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
agisce attraverso te, dopo aver agito in te. È così che si
costruisce una nuova terra, piena d’amore, per la gloria del
Padre, partendo da dei cuori nuovi, dei cuori pieni d’amore.
Vi amo teneramente. Ti amo teneramente».
19 marzo, ore 5.50 (San Giuseppe)
23. PER QUESTA GRANDE TRAVERSATA,
IL PADRE PROVVEDE
Signore Gesù, ti presento una volta ancora tutte le preoccupazioni che ho riguardo agli affari e dalle quali non riesco a staccarmi per entrare in questa grande intimità con Te. Buon San
Giuseppe, tu che hai provveduto a Maria e a Gesù, nell’occasione della tua festa, ti chiedo d’intercedere per me, affinché io
riceva le buone ispirazioni ed i buoni consiglieri che mi consentano di compiere le azioni giuste al momento giusto, preoccupato solo di corrispondere ai desideri del Padre.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Léandre, piccolo bimbo amato dal Padre e da Gesù, ho sentito la tua richiesta ed intercedo per te. È importante che tu
sappia che il fatto di incontrare delle difficoltà sulla terra non
significa che Dio ti ha abbandonato; al contrario, guarda le
difficoltà che abbiamo affrontato Maria ed Io anche se Gesù
era sempre con noi. Guarda le difficoltà che lo stesso Gesù
ha vissuto. Guarda le difficoltà dei Santi e delle Sante. Tutti
42
ANNO 1999
senza eccezione hanno dovuto vivere dei momenti difficili;
perché, per te, dovrebbe essere diverso?
È grazie alle difficoltà e alle sofferenze che possiamo scoprire i nostri limiti, le nostre debolezze, la nostra impotenza.
È questo ciò che ci mantiene piccoli e che ci obbliga ad
aspettare tutto dal Padre. Hai lavorato tutta la vita mettendo
la tua sicurezza nei beni materiali e vivi in un ambiente dove
i beni materiali sono molto stimati.
Nel grande passaggio che il Padre ti domanda di fare, tu
devi porre la tua confidenza in Lui. Tutta la tua confidenza
in Lui. È grande il combattimento che vivi nel tuo interiore,
eppure è sempre là che si esercitano le tue scelte. Non hai
nulla da temere dando al Padre tutta la tua confidenza. Gli
hai dato i tuoi “sì”, bisogna che gli attaccamenti vengano
tagliati uno dopo l’altro. È un processo lungo che non si
attua senza dolore.
Per questa grande traversata, talvolta burrascosa e dolorosa, il Padre ha messo ai tuoi fianchi molti Angeli, ed i Santi
e le Sante sono tutti disposti ad aiutarti per sostenerti nella
fede e condurti in porto.
Come un piccolo bimbo, impara a lasciarti condurre.
Continua ad avanzare nella fede pura, questa è la via che il
Padre ha scelto per te, è quella che ti conduce all’Amore.
Poiché l’Amore ti ama, tu diventi l’Amore. Dall’alto del
Cielo, siamo in tanti a guardarti camminare e ad accompagnarti. Noi ti proteggiamo e ti amiamo».
43
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
20 marzo, ore 5.05
24. L’UMILTÀ RENDE I PESI PIÙ LEGGERI
«Mio piccolissimo, per essere fedele alla tua missione, devi
continuare ad avanzare senza vedere né comprendere dove ti
sto conducendo».
Ti presento la mia infelicità a continuare il cammino senza
sapere dove vado. Questo viaggio mi appare sempre più pesante, soprattutto rispetto agli affari. Mi dispiace, ma non riesco a
staccarmi dalle mie preoccupazioni. Nonostante i miei sforzi
mi sembra di bloccarmi invece di avanzare, quasi come un’auto in marcia che s’affonda sempre di più nel fango.
Vieni in mio aiuto, da solo non posso niente. Grazie di
ascoltare la mia preghiera, Ti amo.
«Accolgo la tua preghiera e la presento al Padre. Molto presto capirai meglio ciò che stai vivendo ora. Devi aspettarti
tutto dal Padre. Ti ripeto che la soluzione non è nelle cose
esteriori, ma all'interno di te.
Guarda il bene che ricevi in questo stesso momento,
accogliendo le grazie e l’Amore che vengono riversati nel tuo
cuore. Ti dono una grazia d’umiltà; è questa grazia che ti aiuterà, che alleggerirà il peso che porti, peso rappresentato dal
tuo orgoglio. Sei profondamente amato. È l’Amore che sta
ricostruendo tutto».
Poiché l’Amore ti ama, tu diventi l’Amore.
Ti amo teneramente e follemente».
44
ANNO 1999
23 marzo, ore 5.00
25. RICONOSCI COLUI CHE TI CONDUCE
Signore Gesù, desidero presentarti la preparazione del lancio
del volume “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”,
così come l’opuscolo pubblicitario, affinché tutto si svolga come
vuoi Tu. Ispirami ed ispira tutte le persone che dovranno prendere delle decisioni perché queste siano conformi alla Volontà
del Padre in ogni punto: sia per quel che riguarda l’ambiente,
lo svolgimento o le persone che desideri siano presenti.
Apri le porte che devono essere aperte, chiudi quelle che
devono essere chiuse affinché tutto si svolga secondo i tuoi
desideri. Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera.
«Mio piccolissimo, con gioia accolgo la tua preghiera.
Continua ad avanzare restando ben cosciente della tua piccolezza e dei tuoi limiti, ma sappi che Io sono con te e che ti
accompagno affinché tutto si svolga secondo la Volontà del
Padre.
Sarai sempre di più testimone di ciò che Egli compie nei
cuori. Ciò di cui sarai testimone non rappresenta che un’infima porzione della realtà. Ogni volta che ti assale un timore
od una paura, sappi che ciò non viene da Me. RioffriMi continuamente tutti questi sentimenti che abitano in te così
come tutti i commenti che ascolti.
Ti voglio interamente libero per continuare ad avanzare
nella fede pura. Camminare senza sapere dove ti conduco ti
farà diventare una guida per una moltitudine di persone sulla
45
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
via del Signore. Quello che è importante, per te, non è sapere dove vai, ma sapere chi è che ti guida. Come per un bimbo
piccolo, ciò che è importante non è sapere dove va ma con chi
andrà. L’essenziale è che tu mi hai dato i tuoi “sì”. Mi prendo
cura di te e tu diventi lo strumento che Io voglio che tu sia. È
sempre nella più grande docilità che puoi diventare questo
strumento, avanzando, gli occhi fissi verso il Padre, evitando
di lasciarti influenzare dalle correnti di pensiero del mondo.
Condotto da Me ed inspirato dal Santo Spirito, accompagnato dalla mia Santa Madre, dai Santi e dalle Sante, sotto la
protezione dei Santi Angeli, ti dirigi così, poco a poco, incontro a Me per il mio grande Ritorno nella Gloria. Una moltitudine si sta mettendo in cammino per accompagnare tutti
quelli e quelle che vengono ad incontrarmi.
Che gioia pensare che quel momento tanto atteso è ormai
prossimo. Prepariamoci alla Festa accogliendo la grande
esultanza, per vivere pienamente le grazie che precedono il
mio Grande Ritorno».
25 marzo, ore 4.20
26. AFFIDATEMI I VOSTRI DESIDERI,
NE FARÒ IL MIO AGIRE
Signore Gesù, Ti sottopongo il suggerimento dell’editore di
preparare un opuscolo pubblicitario per il volume: “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”. Vieni a chiarirci ed a
46
ANNO 1999
farci conoscere la tua Volontà. In anticipo, Ti diamo il nostro
“sì” senza condizioni. Grazie di ascoltare ed esaudire la mia
preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, scrivere questo libro non è opera tua e
tanto meno la sua diffusione. Chiedi all’editore di sospendere
l’idea dell’opuscolo pubblicitario. Che prepari solamente un
segnalibro con la foto del volume e l’indirizzo dove è possibile procurarselo. Io non ho bisogno di pubblicità umana per
raggiungere i cuori. Posso farlo direttamente. Se volete essere
testimoni del mio intervento, affidatemi i vostri desideri.
Vi chiedo di far conoscere l’esistenza di questo volume
solo con la foto, il prezzo e il luogo per procurarselo, senza
altra presentazione e commento.
Siete alla mia scuola, restate piccoli e lasciatevi condurre.
Grazie di accogliere nei vostri cuori ciò che il vostro intelletto fa fatica a comprendere; è così che diventate l’Amore.
Vi amo teneramente».
26 marzo, ore 5.25
27. VIVRAI UNA PASQUA NUOVA
«Mio piccolissimo, consacra del tempo a Me, tuo Dio, per
lasciarmi preparare il tuo cuore alla grande Festa di Pasqua
che si avvicina. Mentre preparo il tuo cuore, cioè rendendolo sempre più puro, purifico contemporaneamente una mol47
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
titudine di cuori, che vengono rinnovati nel mio Amore, che
diventano capaci di accogliermi in modo diverso. Realmente
si tratta di una Pasqua nuova per questi cuori. Se insisto sulla
tua preparazione, è perché anche tu vivrai una nuova Pasqua.
Tu sei nel grande passaggio che ti conduce in questa
Chiesa nuova, così come il popolo ebraico ha dovuto fare la
traversata del Mar Rosso per raggiungere la Terra Promessa.
Tu, tu devi fare il passaggio dalla vita esteriore a quella interiore. Loro furono condotti da una nube, tu sei guidato dalla
Luce del mio Amore, tramite il mio Spirito. La nube li
accompagnava giorno e notte, la luce del mio Amore ti
accompagna giorno e notte.
Questa luce ti permette di vedere tutti gli avvenimenti
che ti si presentano con occhi diversi, con occhi nuovi. Tutto
cambia sotto il tuo sguardo e nel momento in cui tutto si trasforma nel tuo modo di vedere, si costruisce una terra nuova
per una Chiesa nuova.
È inimmaginabile ciò che il Padre compie con un cuore
rinnovato da un “sì” sincero, Io sono il Risorto e voglio risorgere in tutti i cuori. Il tempo stringe. Ho bisogno di molti
cuori resuscitati per aprire i cuori che sono lontani da Me.
Nella fede, lasciati trasformare e guidare, è così che
diventi l’Amore. Ti amo teneramente».
48
ANNO 1999
30 marzo, ore 4.00
28. NELL’UMILTÀ, RICEVI SAGGEZZA
E DISCERNIMENTO
«Mio piccolissimo, rimani nella più grande umiltà. Più scendi nell’umiltà, più ti avvicini a me e diventi capace di accogliere il mio amore. Più il mio amore ti trasforma e più tu
puoi essere riempito di carismi. Più sei capace di captare la
luce che proviene da me, più ottieni la saggezza e il discernimento che dona lo Spirito santo, e più tu assomigli al Padre
diventando un essere pieno d’amore.
È pure nell’umiltà più grande che puoi essere utilizzato
dal tuo Dio, diventando uno strumento efficace nelle sue
mani. Lasciati penetrare da questa grande umiltà, che in questo momento ti abita. È così che diventi l’amore.
Teneramente ti amo».
Sabato Santo, 3 aprile, ore 4.55
29. LA SPERANZA DELL’ELETTO DEGLI ULTIMI TEMPI
«Mio piccolissimo, dal mio sepolcro è fiorita una nuova via
sulla terra, proprio quando i miei persecutori credevano di
aver ottenuto la vittoria. Il corpo di Lazzaro era in decomposizione quando l’ho resuscitato. Voglio che questi fatti siano
ben integrati in te perché ti insegnano fino a che punto la tua
49
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
speranza e la tua fede si possono estendere.
Ricordati che i fatti passati sui quali si basa la tua fede
sono esplosi in potenza a partire da una disfatta apparentemente totale. Più il fallimento è sembrato grande agli occhi
degli uomini, più la potenza di Dio è stata eclatante. Oggi è
lo stesso di ieri. Un vero credente non perde mai la speranza. Ecco la speranza che deve avere un eletto degli ultimi
tempi; beneficia della ricchezza degli avvenimenti passati per
rendere solida la sua fede e la sua speranza.
È sempre accogliendo l’Amore che si fa luce su questi
avvenimenti e che si costruiscono la fede e la speranza capaci
di affrontare qualsiasi prova, sofferenza o sconfitta apparenti.
Diventando l’Amore, voi ottenete la fede e la speranza.
Lasciatevi amare, lasciati amare. Teneramente ti amo».
5 aprile, ore 6.10
30. TU SEI UNICO… ED UNICA È LA TUA MISSIONE
«Mio piccolissimo, devi continuare ad avanzare sempre nella
pura fede, senza sapere dove ciò ti condurrà. Il cammino che
abbiamo percorso insieme è unico, come tu sei unico. È
unico anche ciò che ti viene richiesto.
Come ti ho ripetuto spesso, quando parlo a te Io parlo a
tutti i lettori e lettrici; ciò nonostante il vostro modo di vivere questi insegnamenti è diverso, non solamente diverso, ma
unico per ciascuno di voi.
50
ANNO 1999
Per compiere la Volontà del Padre, non ti devi basare su ciò
che il Padre compie attraverso altri (anche se trovi ciò molto
bello) per sapere quello che vuole compiere in te o tramite te.
Anche se vi sono certe rassomiglianze tra certe piante,
alberi o animali, questi sono tutti diversi, quindi unici. Creati
“unici”, è normale che la trasformazione per diventare degli
esseri d’Amore sia altrettanto unica, così come la missione che
il Padre ha riservato a ciascuno. Ciò che conta è di dargLi i
tuoi “sì” perché si operi in te la trasformazione che Egli ha stabilito unicamente per te, adatta particolarmente a te, perché tu
solo possa compiere la tua specifica missione, così come la
missione di un altro non può essere compiuta che da questi.
Così tutti saranno degli esseri d’Amore, pur essendo tutti
diversi l’uno dall’altro, con delle missioni differenti. L’Amore
che il Padre riversa in te in questo preciso momento è unico
come tu sei unico. È questo che ti consente di essere così colmato dal suo Amore. Tu solo puoi ricevere l’Amore che ricevi in questo momento. Con questo Amore unico solo per te,
tu diventi l’Amore. Ti amo follemente e teneramente».
14 aprile, ore 5.45
31. LA COMUNIONE DEI SANTI
Grazie Signore Gesù per l’uscita del volume “Per la felicità dei
miei, i miei prescelti, Gesù”. Grazie per la calorosa accoglienza che ha ricevuto.
51
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Grazie per i doni che hai distribuito in abbondanza. Grazie
per le testimonianze straordinarie che sono state date. Voglio
ridare tutto, tutto, tutto a Te. Non permettere che io tenga per
me neanche una piccola parte di queste lodi o apprezzamenti.
Voglio deporre tutto nel tuo Cuore: complimenti o future
critiche. Ti chiedo la grazia di vivere distaccato da tutti questi
commenti.
Grazie per tutti coloro che pregano per i lettori, le lettrici e
per me stesso. Grazie per tanto Amore.
«Mio piccolissimo, è nella più viva gioia che accolgo la tua
preghiera. Beato sei tu di essere testimone del mio agire,
beato sei tu soprattutto di essere diventato e di diventare uno
strumento utilizzabile nelle mani del Padre. Non ti scordare
mai che solo riconoscendo ed accettando ben volentieri la
tua piccolezza, il tuo niente, puoi essere questo strumento.
Appena vedi sorgere in te sentimenti di fierezza e d’orgoglio, affrettati a ritornare nelle profondità del tuo essere per
ritrovare la tua piccolezza ed accogliere l’Amore che il Padre
ti dona regolarmente. Ciò che tu sei e ciò che tu diventi permette al Padre di affidarti una missione tanto bella e grande.
Non temere, non sei solo, come hai ben potuto vedere
ieri sera. Ma la vera comunità che ti sostiene tu non puoi
vederla con gli occhi anche se la intuisci con il cuore. È la
comunione dei Santi.
Continua a ringraziare il Padre per tutto questo e ridona
tutto a Lui accogliendo il suo Amore; è così che diventi
l’Amore.
Ti amo follemente e teneramente».
52
ANNO 1999
18 aprile, ore 0.35
32. LA MIA PRESENZA VUOLE ESSERE MOLTO DISCRETA
«Mio piccolissimo, l’Amore e la Pace che senti in questo
momento sono per te la conferma della mia Presenza. La mia
Presenza vuole essere molto discreta, talvolta anche difficile da
palpare o percepire. Ti voglio spiegare perché è così: è per
rispettare la grande libertà che il Padre ha voluto dare a ciascuno dei suoi figli della terra. La mia Presenza discreta, nella
persona che consente a ricevermi, occupa sempre più spazio in
essa. La persona che non Mi desidera o che non è pronta ad
accogliermi, agisce come se non la percepisse e tentasse di convincersene. Quando la mia Presenza si vede ben accolta e desiderata, diventa sempre più palpabile e sempre più percepita.
La mia Presenza accolta e desiderata, percepita o meno che
sia, produce tutti i suoi frutti; trasforma e libera. È lei che produce degli essere pieni d’amore, di pace, di gioia e di virtù proprie della santità. Grazie di accogliermi in te, di desiderarmi
sempre di più. È così che tu diventi l’Amore. Quanto ti amo».
20 aprile, ore 5.05
33. LA VERA VITA
Grazie Signore Gesù per la bella testimonianza di suor T. e di
ciò che sento dire regolarmente in merito alle effusioni di Pace
53
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
e d’Amore che Tu metti nei cuori dei lettori e delle lettrici.
Grazie per questo grande dono che ci fai di essere testimoni del tuo agire. Ti chiedo di colmare in un modo molto speciale i lettori e le lettrici, sia oggi stesso che nei giorni a venire.
Depongo nel tuo Cuore ed in Quello della Mamma Maria
questi incontri di adorazione, di preghiera e di testimonianza.
Appena possibile, delle Eucarestie verrano celebrate per le
intenzioni dei lettori e delle lettrici di questo libro.
Grazie di ascoltare la mia preghiera. Grazie per tanto
Amore. Ti amo.
«Mio piccolissimo, sono nella più grande gioia vedendo dei
cuori aprirsi sempre di più a Me e che sempre di più accolgono il mio Amore; è questo il vero cammino della vita, della
vera Vita.
Sarete sempre più numerosi ad accogliere questa sovrabbondanza d’Amore del Padre che passa sia direttamente da
Me, suo Figlio, tramite l’azione dello Spirito Santo, e sia da
Maria, la mia Santa Madre, così come dai Santi e dalle Sante
del Paradiso e della Terra, dai Santi Angeli e dalle anime del
purgatorio. Infine, questo Amore passa da tutti coloro che
l’accolgono, che se ne lasciano penetrare e che danno un “sì”
totale a Dio. Più vi saranno delle Eucarestie vissute nella
fede, dei tempi di adorazione, di preghiera e di testimonianza alla Gloria di Dio e solo a Lui, più rapidamente diventerete numerosi per entrare in questa Chiesa nuova, in una
nuova Società basata sull’Amore.
Molto presto, sarete testimoni di ciò che produce
l’Amore quando è accolto e vissuto. Prestate molta attenzio54
ANNO 1999
ne al soffio dello Spirito che farà esplodere davanti agli occhi
del mondo la grande potenza di Dio tramite i gruppi capaci
di accogliere questa nuova rinascita continua.
Restate in pace e disponibili ad accogliere questo spirito
nuovo. Vi amo teneramente e follemente».
24 aprile, ore 4.40
34. LA NUOVA SOCIETÀ
«Mio piccolissimo, insieme stiamo entrando in un Mondo
nuovo, in una Chiesa nuova. Vi è una grande gioia in Cielo
nel vedere questa nuova Chiesa che si sta sviluppando giorno dopo giorno, creando così una Società nuova. Si tratta di
una società mai vista prima su questa terra. Questa società
che si sta formando presentemente non rassomiglia a niente
che voi abbiate conosciuto fino ad oggi.
Ciò che voi avete conosciuto è una società dove la potenza dell’uomo è stata in primo piano. La sua abilità, la sua
intelligenza, il suo saper fare, la sua capacità sono degenerate in una corsa al potere, che a sua volta ha prodotto la competizione, le lotte di tutti i tipi, le guerre ecc. La nuova
Società sarà basata sulla potenza di Dio, potenza d’Amore,
potenza di Misericordia.
L’uomo riconoscerà infine la sua impotenza, la sua piccolezza e i suoi limiti; si rallegrerà di avere un Padre tanto
buono, pieno d’Amore e di Misericordia, sarà colmo di gioia
55
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
di avere il Figlio come Salvatore e Redentore, di avere lo
Spirito Santo che lo ispira e lo illumina, sotto la protezione
della mia Santa Madre, di tutti i Santi e le Sante e dei Santi
Angeli.
Grazie di lasciarvi trasformare per diventare dei costruttori di questa nuova Società, non per quello che voi fate, ma
unicamente per ciò che diventate lasciandovi trasformare
dall’Amore. Io vi amo, Io ti amo».
25 aprile, ore 4.30
35. FERMATI AD ASCOLTARMI
«Mio piccolissimo, tu, da Me scelto, sempre di più devi
lasciarti condurre da Me.
Per ottenere ciò, è necessario che tu ti metta ad ascoltarmi con sempre maggior frequenza. Come si può ascoltare
Dio perfettamente? Questa è la domanda che ti stai ponendo. Ecco qualche chiarimento che dovrebbe aiutarti ad
ascoltarmi sempre meglio.
Cominciamo col riassumere ciò che ti ho già insegnato:
- Offrimi qualsiasi preoccupazione nel momento stesso che
questa ti si presenta.
- Riconosci la tua piccolezza e la tua impotenza.
- Accogli tutte le situazioni che ti si presentano.
- Benedici il Padre in tutte le situazioni della tua vita,
buone o cattive.
56
ANNO 1999
- Tieni sempre il tuo sguardo rivolto verso il Padre.
- Attendi tutto da Lui e da Lui solo, poco importa il mezzo
utilizzato.
- RendiGli grazie per tutto ciò che ricevi e ringraziaLo in
anticipo per ciò che ti darà.
- Che il tuo cuore sia sempre ben disposto ad accogliere ciò
che Egli vorrà darti, poco importa il mezzo e poco importa il contenuto.
- Rimani ben attento alle tue ispirazioni, chiedendo sempre
il discernimento per stabilire e riconoscere ciò che viene
da Lui o da altre fonti.
- Dedica sempre più tempo alla preghiera, alla contemplazione, all’adorazione ed alla pratica dei sacramenti.
- Non lasciarti mai influenzare dalle correnti di pensiero
del mondo.
- Dimentica ciò che sei, quello che fai o possiedi per desiderare unicamente ciò che Dio vuole.
- Sii sempre disposto a perdere la tua immagine, la tua
reputazione e tutto ciò che ti appartiene.
- Sii sempre disposto ad abbandonare i tuoi pensieri o le
tue credenze per accogliere quelle di Dio.
- Quando preghi o adori, che vi sia sempre un lungo
momento di silenzio per essere totalmente all’ascolto di
Dio.
Percorsi questi quindici punti, non credere di aver terminato. Rimani ad ascoltarmi per scoprire ciò che ti resta da
imparare, soprattutto a praticare e ad essere, per restare
totalmente al mio ascolto.
57
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Restare ad ascoltarmi, ecco la via più sicura per diventare
l’Amore ed entrare in pieno nella Chiesa e nella Società
nuove. Ti amo teneramente».
29 aprile, ore 5.00
36. TU CONTRIBUISCI ALLA PURIFICAZIONE
DELLA TERRA
«Mio piccolissimo, è con una gioia sempre rinnovata che il
mio Cuore ed il tuo si uniscono per diventare un solo cuore.
Rimani sempre nella pace, non lasciarti disturbare da ciò che
vedi o ascolti all’esterno di te. Accogli tutto rendendoMi grazie, per tutto offrirmi. Non devi trattenere nulla per te; tu
ricevi, tu rendi grazie a Dio e tu offri.
Per aiutarti a comprendere quello che ti sto insegnando
questa mattina, ricordati del ruolo che avevi quando eri a
scuola e dovevate fare la catena per mettere la legna dentro
la rimessa; il tuo ruolo era di ricevere un pezzo di legna, di
prenderlo e di passarlo immediatamente al tuo vicino, senza
trattenerlo.
È la stessa cosa oggi; ciò che ti chiedo in più è di rendere
grazie per quello che ricevi; perché è così che la terra sara
purificata. Ecco come:
Ciò che ricevi dal Cielo è già puro: renderne grazie aiuta
la tua purificazione personale; offrendolo, contribuisci alla
purificazione degli altri e di tutta la terra.
58
ANNO 1999
Ciò che ricevi dagli altri, buono o cattivo, non può contribuire a darti un effetto negativo se non lo trattieni per te;
ma al contrario, offrendolo immediatamente a Dio, tutto
viene interamente purificato.
Così facendo diventi uno strumento inutile e contemporaneamente di valore tra le mani del Padre; inutile perché,
per te stesso, non sei in grado di purificare niente; di valore
perché, allorché tu accogli ed offri, contribuisci alla purificazione della terra.
Quanto più accogli l’Amore che viene dal Padre, tanto
più diventi tu stesso l’Amore. Più ne doni e più ne puoi ricevere. Più ne ricevi e più puoi donarne.
Entrando in questo grandioso processo di accoglienza e
di offerta, rendendone gloria al Padre, tu entri sempre più
profondamente nella Gioia, nella Pace, nell’Amore; e contribuisci a spandere questa gioia, questa pace e questo amore
intorno a te, attraverso te, così in Terra come in Cielo.
Beato sei tu, e beati e beate siete voi di essere così colmati dall’Amore, per diventare l’Amore e donare l’Amore.
Siete amati follemente. Follemente, ti amo».
3 maggio 1999, ore 4.10
37. LA TUA SOFFERENZA FECONDA LA TUA MISSIONE
Signore Gesù, Ti presento la sofferenza che vivo in questo
momento e che Tu conosci. La unisco alle tue Sante Piaghe
59
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
affinché essa ricada in grazie e benedizioni su tutti i lettori e le
lettrici del libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti,
Gesù” e su tutti coloro che sono uniti al mio cuore.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, ricordati di ciò che ti ho insegnato: la tua
sofferenza è necessaria per fecondare la tua missione.
Non ti dico altro, questa mattina, affinché tu possa ben
approfondire questo insegnamento dentro di te.
Ti amo teneramente.»
4 maggio, ore 6.10
38. IO SONO CON TE
«Mio piccolissimo, ricordati che poco importa dove sei o
quello che fai, Io sono con te. Insieme entriamo in questa
Chiesa nuova, in questo Mondo nuovo. La porta d’entrata è
il tuo cuore. È quando tu entri dentro di te, nelle profondità
del tuo essere che riconosci la tua piccolezza e che ti lasci
amare profondamente dal Padre.
È un esercizio che devi ripetere, ripetere e ripetere ancora,
fino al giorno in cui ti accorgerai di essere sempre al livello del
cuore, nelle profondità del tuo essere, in stretta intimità con Me.
In questa grande intimità con Me il Padre può usarti dove
vuole, per il tipo di missione che vuole, e nei confronti di chi
vuole. È quindi la sua Volontà che si esprime liberamente
60
ANNO 1999
tramite te, senza un reale sforzo da parte tua.
Tu non devi far altro che essere testimone dell’azione di
Dio in te, attorno a te e attraverso te. È tutto il tuo essere che
resta continuamente innestato sull’Amore, sapendo di essere
amato e di divenire l’Amore.
Ecco ciò che voglio dirti questa mattina dicendolo contemporaneamente ai lettori ed alle lettrici.
Tu diventi l’Amore. Ti amo follemente e teneramente».
9 maggio, ore 2.45
39. È IL PADRE LA SORGENTE DELL’AMORE
«Mio piccolissimo, senza rendertene troppo conto, tu stai
entrando in una nuova via; e questa nuova via si diffonderà
su tutta la terra. Questa nuova via è l’Amore e la sorgente
stessa dell’Amore sono il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo
che è stato donato in pienezza a mia Madre, ai Santi ed alle
Sante del Paradiso e della terra.
Spesso ti chiedi come vivere in questa reale dimensione
dell’Amore, sempre ed ovunque. È impossibile farlo se non
sei ancora diventato l’Amore. Per diventare l’Amore, non vi
è che un unico modo: lasciarsi trasformare dalla sorgente, in
una relazione intima con la Santa Trinità, in comunione con
i Santi, le Sante, e sotto la protezione dei Santi Angeli.
La preghiera, la pratica dei sacramenti, il digiuno e l’adorazione sono i mezzi principali a vostra disposizione. Per
61
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
beneficiarne pienamente, il vostro “sì” deve essere totale. Il
vostro impegno deve essere completo, senza equivoci. Le
vostre azioni devono essere conformi al vostro impegno. Lo
stesso vale per il tempo, che dovete usare secondo il piano
del Padre e non secondo quello che vi propone il mondo.
Per entrare in questa nuova via, bisogna uscire dalla via
del mondo attuale. Questo grande cambiamento inizia
dando il proprio consenso; in seguito, sono i desideri ed i
pensieri che cambiano, trasformando così l’essere che propone un nuovo modo di utilizzare il tempo, una nuova maniera
di parlare e di agire. Così, voi siete sulla via dell’Amore
diventando l’Amore. Ti amo teneramente».
11 maggio, ore 5.50
40. ACCETTA DI SCOMPARIRE
E LO SPIRITO SANTO AGIRÀ
Signore Gesù, voglio ringraziarti di avermi dato, ieri, il soccorso del tuo Spirito. Sì, nella fase di preparazione a quell’incontro di affari, mi è venuta l’ispirazione di ascoltare una cassetta
di insegnamenti spirituali, invece di intraprendere un lavoro
arduo per trovare delle soluzioni ad un problema.
Con mia grande sorpresa e meraviglia, il risultato è stato
tale che ho potuto proporre un piano di azione in tre punti, i
cui primi due non erano mai stati pensati prima di allora.
Grazie Signore di consentirmi di essere testimone del tuo
62
ANNO 1999
agire e, in anticipo, voglio ringraziarti per ciò che realizzerai.
Voglio rimanere totalmente al tuo ascolto. Ti amo.
«Mio piccolissimo, tu stai solo cominciando a scoprire ciò
che produce e può produrre lo Spirito Santo in te quando ha
la libertà di agire. Ottiene questa libertà quando tu accetti di
sparire per lasciarGli tutto il posto. Tu gli lasci tutto il posto
quando sei desideroso di intrattenere una stretta relazione di
intimità con Me e non sei preoccupato per i tuoi affari.
Ecco ciò che hai sperimentato ieri. Più sarai in intimità con
Me e più sarai testimone dell’azione dello Spirito Santo in te,
attorno a te e attraverso te. Se tu conoscessi la gioia del Cielo
vedendoti fare questa scoperta. Può paragonarsi alla gioia di
una famiglia che vede l’ultimo nato fare delle nuove scoperte,
mentre cammina, parla o gioca. La gioia viene nel constatare
lo sviluppo del bambino per diventare adulto. È lo stesso nel
Cielo: è una gioia vedere lo sviluppo degli esseri viventi sulla
terra, per diventare sempre più l’Amore. Insieme, ringraziamo
il Padre che così sia. Tu scopri l’azione dello Spirito Santo e
diventi l’Amore. Ti amo follemente e teneramente».
12 maggio, ore 4.55
41. NON È LA TUA OPERA
Signore Gesù, vorrei deporre nel tuo Cuore la domanda dell’editore, riguardo alla traduzione inglese del volume e di tutta
63
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
la questione del finanziamento di questo progetto. Accetto in
anticipo i tuoi desideri, poco importa la loro direzione.
Grazie di ascoltare la mia richiesta e mi pongo al tuo ascolto. Ti amo ed accolgo il tuo amore.
«Mio piccolissimo, domandami tutto, sii sempre disposto ad
accogliere la risposta, e sarai sempre guidato. Ciò che tu farai
e dirai, sarà sempre la Volontà del Padre mio che si realizzerà tramite te. Resta bene in ascolto per intendere e percepire
la risposta allorquando questa ti sarà data.
Ho a mia disposizione molte persone che posso utilizzare. Per il momento, Io non ti domando niente di più di ciò
che hai già accettato di fare e che tu accetti continuando a
scrivere, a leggere e rileggere pregando per i lettori e le lettrici, a offrire o presentare, occasionalmente, questi scritti.
Sono Io che agisco nei cuori affinché il mio progetto si
realizzi interamente secondo il mio piano, utilizzando ciò che
voglio, al momento giusto per l’azione desiderata. Resta nella
più grande pace, non è la tua opera. Continua ad accogliere
il mio Amore riconoscendo la tua piccolezza, è qui dove Mi
sei più gradito perché ho molto, molto Amore da darti affinché tu possa diventare une essere traboccante e raggiante del
mio Amore.
Ti amo teneramente».
64
ANNO 1999
15 maggio, ore 4.45
42. INFIAMMATI DEL SUO FUOCO
Signore Gesù, desidero offrirti i due primi inviti ricevuti per
presentare il volume, prima a Quebec e poi vicino a
Montebello. Che risposta dobbiamo dare per essere in accordo
con la Volontà del Padre? Non ho che un desiderio: fare la sua
Volontà.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Mi pongo
in ascolto ed accolgo il tuo Amore. Ti amo.
«Mio piccolissimo, la Volontà del Padre mio è che il suo
Regno si espanda su tutta la terra. Tu sei uno dei suoi figli
scelti per espandere il suo Amore. Ti rendi ben conto, grazie
ai commenti ed alle testimonianze ricevute, che non sei tu
che avresti potuto scrivere un libro capace di toccare così
profondamente i cuori. Solo Dio ha un tal potere, sia riguardo a colui che scrive che a colui che legge.
Ti ho detto di non fissarti sui modi che il Padre usa tramite te. Scrivere è uno dei tanti. È importante che tu resti
disponibile. Gli inviti che hai ricevuto sono uno degli altri
modi in cui il Padre vuole servirsi di te. Tu devi continuare
ad avanzare in tutta semplicità, senza sapere dove ciò ti porterà, rimanendo totalmente disponibile alla sua Volontà.
Non devi temere nulla perché non sarai solo a rispondere a questi inviti, sarai accompagnato dalla Corte Celeste e,
ancor più vicina a te, dalla mia Santa Madre.
Rispondi ad entrambi gli inviti e sarai testimone, ancora
65
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
una volta, dell’azione di Dio in te, intorno a te, ed anche tramite te e la tua cara sposa Elisabeth.
Vi copro con il mio mantello, con quello della mia Santa
Madre e di San Giuseppe, per questa nuova missione che inizia per voi.
Lodate il Padre per aver trovato grazia ai suoi occhi. Vi
benedico e proteggo nel mio Amore. Insieme intraprendiamo questa nuova missione per diffondere l’Amore del Padre
sulla terra.
Al momento presente, molti Fuochi d’Amore sono accesi; più ardentemente bruceranno più rapidamente la terra
intera sarà infiammata dal Fuoco del suo Amore Fuoco.
Grazie di rispondere al mio appello. Vi amo teneramente
e follemente. Teneramente e follemente Ti amo».
16 maggio, ore 23.30
43. TU SEI UN BALSAMO PER IL MIO CUORE FERITO
«Mio piccolissimo, grazie di rispondere alla mia richiesta
accettando di scrivere a quest’ora insolita. Non voglio che tu
ti fissi con abitudini o modi di fare perché, con il Padre, è
sempre un rinnovamento continuo.
Se ti chiedo di scrivere, è perché voglio usarti per parlare
a qualcuno molto vicino al mio Cuore, che amo con amore di
predilezione e che Mi colma all’infinito. Tu sai che si tratta
del tuo amico e mio amico G., con il quale hai parlato al tele66
ANNO 1999
fono questa sera. Voglio dirgli questo:
G., da molto tempo ti ho scelto, tu che sei un figlio
beneamato del Padre, secondo il mio Cuore. Ti ho tenuto da
parte per colmarti in un modo molto particolare, sia con ciò
che ti ho insegnato direttamente, sia utilizzandoti per raggiungere una moltitudine di cuori nell’invisibile ed anche nel
visibile.
Ciò di cui sei testimone non è che una piccolissima parte
della realtà. Ad ogni momento tu mi colmi di felicità, sei un
balsamo per il mio Cuore ferito. Se tu sapessi come sono felice di vederti finalmente accogliere l’Amore che voglio riversare nel tuo cuore.
Sì G., io ti amo così come sei. Accogli ancor di più l’Amore
che voglio riversare nel tuo cuore, direttamente ed anche tramite gli altri, principalmente attraverso la tua amata sposa C.
Sto per fare della vostra coppia un modello perfetto del
mio Amore. Voi siete, al presente, e ancor più lo sarete in
futuro, dei testimoni abbaglianti del mio Amore. Scoprirete,
ogni giorno di più, la grande libertà dei figli di Dio. Più scoprirete la libertà che il Padre vi ha donato, più sarete colmi
del suo Amore e sempre più sarete testimoni delle trasformazioni che Egli compirà intorno a voi, ma sempre nella più
grande libertà.
Beati e beate siete voi di essere così colmati e già abbigliati per il Grande Banchetto che ben presto vi attende, in occasione del mio Grande Ritorno. Brucio d’Amore per voi, in
voi e attraverso voi.
Teneramente e follemente vi amo, amo personalmente te
G., personalmente amo te, C.».
67
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
20 maggio, ore 3.35
44. COLUI CHE LAVORA ALLA MIA OPERA
RICEVERÀ LA SUA RICOMPENSA
Signore Gesù, ti presento questa proposta di fare una tavola
delle materie all’interno del volume: “Per la felicità dei miei,
i miei prescelti, Gesù”. Grazie di ascoltare ed esaudire questa
domanda.
Mi pongo al tuo ascolto, accolgo il tuo Amore e Ti amo.
«Mio piccolissimo, sempre con gioia accolto le tue richieste.
È mio desiderio che l’Amore si espanda sulla terra. Tu sei
testimone che questo libro è uno strumento che ho scelto per
raggiungere i cuori. Sai altrettanto bene che la trasformazione di un cuore può richiedere un periodo abbastanza lungo.
Un cuore, raggiunto da una parola e da un insegnamento, ha
bisogno di ritornare su questo stesso insegnamento più volte
prima di integrarlo totalmente in tutto il suo essere.
Data la ricchezza di questi insegnamenti, la tavola delle
materie permette di orientarvisi rapidamente. Sono Io che ho
messo in alcuni cuori il desiderio di compiere questo lavoro.
Una volta terminato questo lavoro, sarete testimoni della sua
importanza. Puoi autorizzare la realizzazione di questo progetto.
Grazie di essere altrettanto disponibile a lavorare alla mia
opera. Chiunque lavorerà alla mia opera riceverà la sua
ricompensa.
Ricevete il mio amore. Vi amo teneramente».
68
ANNO 1999
21 maggio, ore 5.30
45. LE PORTE DEL CIELO SONO APERTE PER LUI
«Mio piccolissimo, questa mattina voglio servirmi di te per
portare una grande consolazione alla famiglia M., dopo il suicidio di C. Desidero dire loro quanto segue:
Piccoli figli del mio Cuore, voi state affrontando una
grande sofferenza, che molti con difficoltà accetterebbero.
La vita è un dono di Dio, la sofferenza anche. La vita: per
imparare a conoscere, servire ed amare Dio; la sofferenza:
perché la vita sia conforme alla Volontà di Dio. Essere conformi alla volontà di Dio significa essere capaci di accogliere
le persone e gli avvenimenti per offrirli al Padre per ottenere
una completa purificazione e, finalmente, entrare nella pienezza dell’Amore.
La vostra attuale sofferenza è doppia, perché oltre a soffrire per la scomparsa di C., voi soffrite per il gesto fatale che
ha compiuto. È molto importante comprendere bene che voi
non potevate fare nulla per impedirlo. È lui e solo lui che ha
preso questa decisione. Non tocca a voi giudicare; d’altro
canto non avete in mano gli elementi per giudicare.
Voi l’amate e volete aiutarlo; ecco ciò che ciascuno di voi
deve fare: perdonategli il suo gesto e chiedete allo Spirito
Santo di venire a perdonare in voi perché il vostro perdono
sia totale. Domandate allo Spirito Santo di liberarvi di ogni
sentimento di colpa che sentite e, subito, affrettatevi ad
offrirlo alla Misericordia del Padre. Pregate, all’occasione
digiunate e offrite delle Eucarestie per il riposo della sua
69
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
anima. Più voi l’offrirete alla Misericordia del Padre, più
rapidamente entrerà nella pienezza dell’Amore, perché le
porte del Cielo sono aperte per lui.
Voi credete di amarlo, ma l’Amore del Padre è molto più
grande del vostro. Poiché l’Amore del Padre è grande per
ciascuno di voi, accoglietelo: per voi, per coloro che vi circondano, ma anche per C. Ecco il cammino per entrare pienamente nell’Amore del Padre e diventare l’Amore. Vi amo
teneramente e follemente. Ti amo.
25 maggio, ore 3.50
46. QUESTA TERRA NUOVA
Grazie Signore di aver toccato il cuore di J. Con il libro “Per
la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”. Grazie per questa presentazione meravigliosa che ha fatto sull’“Informatore Cattolico”. Grazie per i cuori che tu colmerai tramite questo articolo.
Come ringraziarti per questo grande favore di essere ancora una volta testimone del tuo agire? Grazie anche alla
Mamma Maria di custodirci sotto il suo Mantello e di gratificarci con le sue numerose intercessioni. Ti amo e mi dispongo
ad ascoltarTi, Mi sento sempre più piccolo.
«Mio piccolissimo, come ti ho già detto, tu sei sempre più
testimone del fatto che stiamo affrontando una nuova tappa.
Tu sei e sarai sempre più testimone di ciò che produce la
70
ANNO 1999
nostra relazione amorosa, di ciò che Io posso realizzare a partire da un semplice piccolo “sì” sincero e totale.
In seguito a questa esperienza, che sta solo cominciando,
una moltitudine di cuori mi daranno il loro “sì” sincero e
totale, permettendomi di stabilire con ciascuno di loro una
relazione amorosa di una potenza capace di cambiare la faccia della terra.
Tu puoi testimoniare che noi siamo già in questa Terra
nuova all’interno di questa Chiesa nuova.
Questa Chiesa nuova si costruisce iniziando dalla grande
intimità con Me che ognuno ottiene quando mi offre il proprio “sì” sincero e totale.
Questa nuova Chiesa è sotto la protezione del Mantello
della mia Santa Madre.
Questa nuova Chiesa è in comunione di cuore e di spirito con i Santi e le Sante del Paradiso e della Terra.
Questa nuova Chiesa è accompagnata dai Santi Angeli
del Paradiso.
Questa nuova Chiesa è continuamente guidata ed ispirata dalla Spirito Santo.
Questa nuova Chiesa è sotto la direzione di Giovanni
Paolo II.
Questa nuova Chiesa sta nascendo sotto lo sguardo benevolente e misericordioso del Padre.
Tutto viene da Lui, tutto deve essergli presentato, offerto
e sottomesso con delle richieste continue, accompagnate da
ringraziamenti e lodi per tutto ciò di cui siete testimoni,
buono o meno buono che sia, da ora e fino a quando la terra
sia completamente purificata.
71
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Ogni “sì” donato sinceramente al Padre contribuisce alla
purificazione della terra. Insieme, ringraziamo e lodiamo il
Padre che così sia, Tutto si trasforma con l’Amore, diventando l’Amore. Voi divenite l’Amore, tu diventi l’Amore.
Vi amo, ti amo».
28 maggio, ore 5.50
47. RESTATE IN ASCOLTO DEL VOSTRO CUORE
«Mio piccolissimo, ti ho insegnato che la tua missione era di
accogliere l’Amore, di divenire l’Amore e di dare l’Amore
nell’invisibile come nel visibile. Ti ho chiesto di rispondere
positivamente a certi inviti che ricevi per portare l’Amore a
delle persone. Tu sei lo strumento che ho scelto per donare
l’Amore ad una moltitudine di miei scelti.
L’Amore che ho dato a te ed alla tua cara sposa Elisabeth,
Amore che continuo a riversare in quantità sempre maggiore nei vostri cuori, voglio che serva a nutrire altri cuori che
hanno fame e sete di questo Amore.
Se accettate di agire con piena fiducia, sarete testimoni di
ciò che compirò tramite voi. Per quel che riguarda le persone
che vogliono utilizzarvi per soddisfare i loro bisogni finanziari, restate in ascolto del vostro cuore per dare là dove il Signore
lo desidera e non unicamente perché vi viene richiesto.
Molti credono che ciò di cui hanno bisogno sia il denaro,
ma quello che veramente reclamano è soprattutto l’Amore;
accogliendo l’Amore, diventeranno esseri pieni d’Amore.
72
ANNO 1999
Diventando esseri pieni d’Amore, vorranno donare l’Amore
aiutando gli altri. Donando l’Amore ed aiutando gli altri,
soddisferanno i loro bisogni finanziari.
È la grande povertà spirituale che sta alla base della grande povertà materiale. Voler soddisfare la povertà materiale
senza rimediare alla povertà spirituale, è come mettere dell’acqua in una vasca senza aver chiuso il tappo.
La grande missione è di espandere l’Amore per colmare i
cuori e combattere la povertà spirituale. Il tuo essere ed i tuoi
averi debbono prima essere utilizzati per questa missione.
Agisci secondo il tuo cuore; è così che, poco a poco, diventi
l’Amore. Ti amo follemente e teneramente».
4 giugno, ore 5.35
48. DISCENDI PIÙ PROFONDAMENTE DENTRO DI TE
«Mio piccolissimo, discendi sempre più profondamente in
te, per entrare in una maggiore intimità con Me. Non ti preoccupare dei pensieri del mondo, anche se si tratta di sante
persone alle quali il Padre ha confidato una o più missioni.
Ricordati che una sola ed unica cosa è importante: l’intimità
che abbiamo insieme, questa intimità che ti conduce là dove il
Padre vuole che tu sia e che gli consente di compiere il progetto che vuole realizzare tramite te. Medita questo insegnamento
per approfondirlo bene dentro di te; è molto importante, molto
più di quanto credi. Ti amo follemente e teneramente».
73
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
6 giugno, ore 5.00
49. BRUCIO DI DIFFONDERE L’AMORE DEL PADRE
Grazie, Signore Gesù, per ciò che sento ogni giorno, per le
meraviglie che compi con il volume ““Per la felicità dei miei, i
miei prescelti, Gesù”. Veramente Tu mantieni la promessa di
dare ai lettori ed alle lettrici che danno il loro consenso lo stesso Amore che è stato riversato in me.
Per quello che mi viene raccontato, ho spesso l’impressione
che la persona che racconta riceva l’Amore con più abbondanza
di me e, ogni volta, ciò mi colma di felicità e di gioia. Grazie per
tanto amore. Ti offro tutta la mia vita, fanne quello che vuoi. Non
ho che un solo desiderio, che essa serva per la gloria del Padre.
Grazie per questo grande favore che mi fai di usarmi e di
essere testimone del Tuo agire. Ti amo e accolgo il tuo amore.
«Mio piccolissimo, Io brucio sempre di più dal desiderio di
espandere l’Amore del Padre nei cuori che vivono attualmente su questa terra. Perché ciò possa realizzarsi, non chiedo che due cose: dei consensi totali ed incondizionati e che
la persona riconosca la propria piccolezza e impotenza.
Tu sei uno di quelli che ho scelto e che utilizzo per fare
conoscere queste Mie richieste. Con grandissima gioia accetto
il dono della tua vita per questa bella e grande missione. Rimani
nella piccolezza e nella disponibilità. Tu sarai sempre più testimone del Mio agire e sempre più colmato dal Mio Amore
Se tu sapessi quanto sei amato perché Io ti amo follemente
e teneramente».
74
ANNO 1999
9 giugno, ore 6.25
50. TU IN ME ED IO IN TE
«Mio piccolissimo, è alla mia amata D. a cui voglio parlare
questa mattina tramite te.
D., piccola perla preziosa che porto sul mio Cuore, voglio
esprimerti la gioia di guardarti, di contemplarti giorno e
notte; tu sei un balsamo per il mio Cuore ferito. Amo questi
momenti d’intimità che Mi permetti di avere con te; sì, noi
siamo una sola persona, tu in Me, Io in te. Il tuo cuore e tutto
il tuo essere sono pronti per questa Chiesa nuova e questa
Terra nuova.
Non devi temere nulla. Io ho tutto previsto per la bella e
grande missione che ti viene affidata, missione che è già
cominciata e che tu esegui perfettamente bene nell’invisibile.
Se tu sapessi ciò che il Padre realizza tramite te nell’invisibile, in seguito ai tuoi “sì” perfetti alla sua Volontà, ed ai tuoi
“no” al modo di pensare del mondo… non ti sarà sufficiente l’eternità per ringraziarLo, lodarLo e renderGli grazie.
Per ciò che riguarda la tua missione visibile, essa ti sarà
svelata al tempo voluto. Ciò che ti chiedo è di rimanere
molto accogliente riguardo a quello che depongo nel tuo
cuore o a ciò che posso domandarti tramite gli altri o tramite gli avvenimenti. Non ti fissare dicendoti: ho avuto la tale
ispirazione, ho preso la tale decisione ed è lì dove il Signore
mi vuole. Ricordati del consenso di Abramo, alla richiesta del
Padre di immolare suo figlio Isacco. Ciò che Egli voleva era
il suo “sì” e non l’immolazione.
75
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Per quello che ti verrà richiesto, non dirti che non ne sei
capace, perché è insieme che compiremo la tua missione visibile. Io in te e tu in Me. Continua a vivere pienamente il
momento presente accogliendo sempre di più il mio Amore,
che è ciò che ti prepara alla tua bella e grande missione.
Beata sei tu di aver trovato grazia ai miei occhi e di accogliere così tanto Amore, Lasciati cullare dalla mia Mamma,
che è la tua Mamma che ti ama follemente, e ascolta bene le
parole che Lei ti sussurra dolcemente all’orecchio e che provengono dal mio Cuore e da quello del Padre.
Io ti amo. Io ti amo D., Ti amo teneramente, ti amo follemente. Tu diventi l’Amore».
15 giugno, ore 5.10
51. UNITI AL PADRE, CON IL CUORE
«Mio piccolissimo, unisciti al Padre nei tuoi pensieri, parole
ed azioni. Essendo il Padre la sorgente infinita dell’amore,
tutto deve partire da Lui, e tutto deve essergli ridato.
Quando una persona accetta che sia così, per se stessa e
per tutto quello che le gravita intorno, essa entra nel piano
d’amore del Padre e viene interamente purificata. Diventa
uno strumento tra le mani del Padre affinché siano purificati quelli e quelle che sono uniti al suo cuore, sia per legami di
sangue, di adozione, o per la Volontà del Padre di unire tramite il cuore.
76
ANNO 1999
Tu non puoi immaginare ciò che il Padre realizza con un
solo cuore che si purifica in seguito al consenso dato. La
società si allontana da Dio a causa dell’indurimento del
cuore, sprofondando sempre di più nella sofferenza fino
all’autodistruzione. Questo è ciò che sta avvenendo nella
vostra società, sotto i vostri occhi.
Grazie all’apertura dei cuori, una società può essere interamente rinnovata nella pace, la gioia e l’amore in totale
unione con l’Amore del Padre. Di questo voi sarete sempre
più testimoni nei giorni a venire.
Beati e beate siete voi di vivere con questa certezza di
essere già in una Società nuova costruita da questa Chiesa
nuova. Più la vostra certezza aumenta, più i vostri occhi possono vedere, e le vostre orecchie intendere le meraviglie che
avvengono in questa nuova Società.
Voi state diventando, con una gioia sempre crescente,
degli esseri d’amore. Riverso nel tuo cuore un flusso d’amore. Ti amo teneramente e follemente».
20 giugno, ore 6.35
52. UN ESSERE NUOVO, PER UNA CHIESA NUOVA
«Mio piccolissimo, vieni più vicino a me, resta in questa
grande intimità con me, tuo Dio. È sempre in questa grande
intimità che si costruisce l’essere nuovo che è in te, e che cresce sempre di più. Questo essere nuovo è interamente ispira77
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
to e guidato da me, ed ha lo sguardo rivolto verso il Padre,
sempre. Non è minimamente influenzato dal modo di pensare del mondo. Vive continuamente in uno stato di lode, di
adorazione, di ringraziamento e d’azione di grazie. Ciò lo
mantiene sempre nel giubilo, sapendo che tutte le contrarietà, sofferenze, malattie o altre tribolazioni contribuiscono
alla sua purificazione. Ciò gli consente di rallegrarsi anzichè
intristirsi sugli avvenimenti infelici che gli si presentano.
È questo essere nuovo che viene al mio incontro, che
costruisce una Chiesa nuova, una Terra nuova. Questo essere nuovo è tutto amore, perché continuamente collegato
all’Amore, per ricevere e diffondere amore.
Insieme a te ringrazio il Padre per questo nuovo essere
che cresce sempre di più in te, e che forma un tutt’uno con
me. Esso è alimentato dal mio amore, continuamente, ed
ascolta mormorare al suo orecchio le parole che non smetto
di ripetergli: Io ti amo, ti amo, ti amo».
28 giugno, ore 4.05
53. AFFRETTARE IL PROGETTO D’AMORE
CON IL CONSENSO E LA PREGHIERA
Grazie Signore Gesù per le meraviglie che compi tramite il
volume “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”, per le
meraviglie che mi vengono riferite da un’infinità di fonti e luoghi diversi; anche per le meraviglie che tu compi a mia insapu78
ANNO 1999
ta nei cuori, e che probabilmente resteranno nascoste fintanto
che sarò su questa terra. Grazie Signore. Grazie per questo
grande privilegio che mi dai di essere testimone del tuo agire.
Ti amo e mi dispongo ad ascoltarti.
«Mio piccolissimo, ti ho detto e ridetto che già siete su questa Terra nuova, in questa Chiesa nuova. Ciò che vedete e
sentite non è che un piccolo assaggio di ciò che vedrete e sentirete, e ciò che sentirete e vedrete non sarà che una minima
parte della realtà.
Ogni volta che ti si presenta l’occasione, chiedi alle persone il cui rinnovamento è iniziato con questo libro, di pregare per quelle che lo stanno leggendo e per quelle che lo leggeranno in futuro.
Questa è opera mia, ma più consensi e più preghiere
ottengono che si realizzi più rapidamente questo bel progetto d’amore. In comunione con i santi e le sante del cielo e
della terra, e dei santi angeli, ringraziamo e lodiamo il Padre
per questo. Grazie al suo amore, voi diventate amore, tu
diventi amore. Io ti amo, ti amo, ti amo».
3 luglio, ore 6.20
54. RIMANETE NELLA LODE
«Mio piccolissimo, tu vivi sempre di più nel giubilo, nella
lode e nella meraviglia vedendo e sentendo ciò che il Padre
79
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
compie nei cuori con questo libro “Per la felicità dei miei, i
miei prescelti, Gesù”.
Ciò che sai è molto poco rispetto alla realtà, e tutto ciò è
appena iniziato. Più vi sono cuori trasformati che pregano e
lodano il Signore, che danno regolarmente i loro consensi
alla Divina Volontà, più altri cuori si trasformeranno.
Da principio tutto avviene nell’invisibile. Questo volume
non è che un mezzo fra tanti per confermare quanto una persona già credeva o desiderava nel proprio cuore.
Beati e beate siete voi di essere stati scelti per questa missione tanto bella e tanto grande. Rimani e rimanete nella
lode, nell’azione di grazie, per vivere sempre più nel giubilo,
anche attraverso le peggiori tribolazioni. Accogliendo l’amore che scende regolarmente dal Cielo, voi diventate l’amore.
Aprite ancor più i vostri cuori e le vostre braccia per
accoglierne in misura sempre crescente, perché voi siete follemente amati. Sì, Io vi amo. Sì, mio piccolo, Io ti amo».
4 luglio, ore 4.10
55. LE COMUNITÀ D’AMORE E DI CONDIVISIONE
Per le mani del Signore Gesù, per l’intercessione della
Mamma, Maria, in comunione con i santi e sante del cielo e
della terra, in compagnia dei santi angeli, voglio presentare al
Padre i lettori e le lettrici del volume “Per la felicità dei miei,
i miei prescelti, Gesù”, che sentono il bisogno di condividere
80
ANNO 1999
e d’approfondire con altre persone ciò che hanno appreso attraverso queste letture, e di ricevere dagli altri il frutto delle loro
riflessioni.
Che lo Spirito Santo si degni di versare la sua luce nel cuore
delle persone desiderose di sperimentare vicendevolmente questo nuovo modo di vivere, e di lasciar vivere questo nuovo essere d’amore che in essi prende sempre più spazio, e che riconoscono il loro bisogno di solidarietà per realizzarsi completamente. Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Amato figlio, sono felice di inchinarmi su di te per rispondere alla tua domanda. Prima di poter vivere in questa nuova
Società, bisogna far parte della nuova Chiesa. Quando si
parla di Chiesa, si parla di collegialità, di comunità.
L’amore che io riverso nei cuori ha bisogno di essere condiviso con gli altri. Da qui l’importanza di ritrovarsi in piccole comunità per condividere e ricevere l’amore che è stato
accolto da una persona o dall’altra.
Vi è comunità quando vi sono due persone o più. E perché vi sia una buona condivisione, il gruppo non deve oltrepassare le quindici persone. Queste piccole comunità d’amore e condivisione possono formarsi grazie all’iniziativa di una
o più persone.
Dopo un tempo di preghiera, un membro del gruppo
può fare la lettura di uno degli insegnamenti contenuti nel
volume. In seguito i partecipanti potrebbero esprimersi per
condividere con il resto della comunità sia sulla comprensione che sul modo di viverla, oppure su di un’esperienza vissuta da uno dei membri.
81
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
La regola di base sarà l’accoglienza dell’altra persona in
ciò che essa è, in modo che ognuno si senta rispettato, accolto, amato. I conflitti e le difficoltà devono essere accolti come
delle opportunità per dimostrare la vulnerabilità che è la
vostra, la debolezza che è la vostra, ed invitarvi a rivolgervi a
me, vostro Padre, per tutto rimettere nelle mie mani, e tutto
attendere da me.
Non vi è che un unico e solo cammino per entrare in questa nuova Chiesa, quello d’accogliere il mio amore, diventare
l’amore e diffondere l’amore. Queste piccole comunità
saranno luoghi d’apprendimento per sperimentare ciò che
ogni persona desidera vivere nel fondo del suo essere in crescita di questo vero amore, sempre e ovunque.
Non abbiate timore, datemi il vostro consenso e l’amore
si incaricherà di tutto. Ricevete il mio bacio di tenerezza e
d’amore. Vostro Padre, tuo Padre».
6 luglio, ore 5.50
56. OBIETTIVI PRATICI DELLE PICCOLE COMUNITÀ
«Mio piccolissimo, lasciati sempre più penetrare dalla mia
intimità. L’intimità con Me è la base della tua trasformazione. La relazione che hai con gli altri, e che dovrebbe sempre
essere vissuta in questo clima d’Amore, ne è il complemento.
Come è difficile per voi vivere questa relazione con le persone che incontrate sulla vostra strada. Avete bisogno di eserci82
ANNO 1999
tarvi con persone che condividono le vostre stesse aspirazioni, ecco perché le piccole comunità d’Amore e di condivisione sono importanti, perché vi consentiranno di apprendere e
di sperimentare nel quotidiano i punti seguenti:
- Accettare se stessi così come si è, con le proprie lacune e
debolezze.
- Accogliere l’altro così come è, senza volerlo cambiare.
- Imparare ad ascoltare l’altro in ciò che vive e ciò che è.
- Accettare che siete tutti uguali.
- Che ciascuno possa esprimersi secondo il proprio desiderio senza esservi costretto.
- Che ciascuno sia invitato ad animare l’incontro.
- Che ciascuno possa esprimersi secondo i propri bisogni,
senza ritrovarsi in un quadro troppo rigido.
- Che ciascuno scopra l’importanza di ricercare la verità e
non di cercare di aver ragione ad ogni costo, difendendo
la propria opinione.
- Che ciascuno impari ad aver confidenza nel gruppo e in
ognuna delle persone che lo compongono.
- Che ciascuno accetti l’altro che esprime un’opinione contraria alla sua, senza sentirsi rifiutato.
- Imparare a perdonarsi e a perdonare gli altri.
- Gioire di sentirsi amato ed apprezzato dalle altre persone
che fanno parte della piccola comunità.
- Esternare agli altri il proprio apprezzamento ed il proprio
amore.
- Scoprire l’importanza di vivere questi incontri in grande
intimità con Gesù che si esprime sia attraverso uno che
attraverso un altro.
83
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
- Essere costantemente guidati ed ispirati dallo Spirito
Santo domandandogli continuamente le sue luci.
- Tutto chiedere e tutto attendere dal Padre.
Ecco alcuni dei principali punti che dovranno guidare questi
incontri, ricordandosi che ciò che è essenziale e deve avere la
precedenza su tutto è: l’Amore. Accogliendo l’Amore del
Padre una persona può viverlo e donarlo agli altri.
Beati siete voi di essere su questa via che conduce alla pienezza dell’Amore. Teneramente, vi amo. Teneramente, ti amo».
7 luglio, ore 4.30
57. PER DIVENTARE DEGLI ESSERI D’AMORE
«Mio piccolissimo, ho detto ai miei apostoli che sarebbero stati
riconosciuti come miei seguaci per l’amore che avrebbero
avuto l’uno per gli altri. Sempre per questo stesso segno, oggi,
voi sarete riconosciuti come i miei scelti. Nello stesso modo,
grazie all’Amore che voi avete per gli altri potrete constatare da
voi stessi se siete o non siete degli esseri pieni d’Amore.
Anche se non dite parole sgradevoli o offensive per l’altro, se i vostri pensieri sono critici, negativi od imbevuti di
pregiudizi, impedite all’Amore di circolare liberamente in
voi ed attraverso voi. Appena siete presi da tali pensieri
distruttivi, dovete offrirli alla misericordia del Padre,
domandandoGli di cambiare il vostro cuore per renderlo
84
ANNO 1999
capace di accogliere l’altro così com’è, per lasciare che
l’Amore circoli liberamente tra voi.
Non potete compiere questa trasformazione da voi stessi,
soprattutto se siete stati persone facilmente disponibili alla
critica, molto esigenti con gli altri e con voi stessi. Solo
l’Amore ha il potere di effettuare una tale trasformazione, a
condizione che gli venga data libertà di agire e di cambiare le
vostre abitudini di vedere, pensare e giudicare gli altri.
Le piccole comunità d’Amore e di condivisione saranno
dei luoghi di apprendimento insieme a persone che sono animate dallo stesso desiderio, che non guarderanno alla trasformazione degli altri ma unicamente alla propria trasformazione interiore, per scoprire cosa deve essere offerto alla
Misericordia del Padre per divenire degli esseri pieni
d’Amore, che lasciano circolare l’Amore del Padre liberamente attraverso loro.
Beati e beate siete voi di essere su questa strada che vi
conduce all’Amore. Accettate di essere follemente amati. Io
vi amo, Io ti amo».
9 luglio, ore 5.45
58. CAMMINARE NELLA FEDE PURA
Signore Gesù, desidero presentarti la domanda di una lettrice
di Quebec riguardo al tuo Grande Ritorno. Desidero solamente che Tu mi suggerisca la risposta da darle. Desidera ascoltar85
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
ti. Grazie di esaudire la sua preghiera e la mia. Ti amo
Mio piccolissimo, ti ho insegnato a camminare nella fede
pura, senza sapere dove ciò ti conduce. Questo è lo stesso
insegnamento che voglio dare a J. Ciò che è importante non
è di sapere ciò che succede, ma di vivere in pienezza il
momento presente, così come ti ho insegnato nel messaggio
del 29 settembre 1998 (n. 219) 3 affinché i cuori siano pronti
ad accogliermi, perché il mio Ritorno è per molto presto.
Voglio dire a J. questo:
Piccola figlia del mio Cuore, accogli l’Amore che il Padre,
tuo Padre, mio Padre, nostro Padre vuole riversare nel tuo
cuore e ne sarai interamente colmata. I Cieli sono ora aperti
e tutto ciò che il tuo cuore desidera e reclama può essere
esaudito e soddisfatto.
Trova il tempo per assimilare bene l’Amore che ti trasmetto, leggendo il libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”. È al tuo cuore che parlo attraverso questo libro.
Accogli il mio Amore e le mie grazie e sarai saziata.
(3) Estratto del messaggio: «…Dovete imparare a vivere pienamente il momento presente,
fare astrazione totale del passato, buono o cattivo, poiché, essendo stato dato alla misericordia del Padre, non ha più importanza. Una sola cosa è realmente importante: è il
momento presente, è l’Amore che viene riversato nel tuo cuore e l’intimità che abbiamo
insieme, tu in Me e Io in te.
Quando prendi coscienza dell’importanza del momento presente, delle grazie e dell’Amore riversati in te in ogni istante, il tuo cuore si dilata e diventa dunque capace di ricevere di più per l’istante che segue. Questo ti fa essere in una continua crescita.
Come sai, il Padre non ritira mai le Sue grazie e il Suo Amore, ma al contrario ne dà sempre di più; allora, come oseresti tu preoccuparti o angosciarti per il futuro, sicuro come sei
di venire sempre più colmato nel tuo interno, malgrado le apparenze o ciò che dovrai vivere all’esterno…».
86
ANNO 1999
Aspetterai il mio Grande Ritorno nel giubilo.
Voglio bruciare il tuo cuore al Fuoco del mio Amore
Fuoco. Stringo il tuo cuore contro il mio dicendoti: “ Io ti
amo, Io ti amo».
11 luglio, ore 6.00
59. REQUISITI PER PARTECIPARE
ALLE PICCOLE COMUNITÀ
Signore Gesù, mi pongo al tuo ascolto per conoscere i tuoi desideri riguardo a queste piccole Comunità d’Amore e di Condivisione, sia per quel che riguarda la frequenza, la durata, il contenuto, le modalità per parteciparvi, o qualsiasi altro insegnamento che riterrai utile o necessario.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, cominciamo ad esaminare l’importanza di
queste piccole comunità. Vivete in un mondo che ha messo la
propria fiducia nella potenza dell’uomo; il Mondo nuovo
metterà la propria fiducia nell’Onnipotenza d’Amore di Dio.
Si deve quindi effettuare una importante trasformazione
partendo dall’interiorità di ognuno, sia nel modo di pensare,
che di essere e di agire. Questa trasformazione inizia con una
grande “sì” totale, incondizionato ed irrevocabile, unito ad una
miriade di piccoli “sì”, ad una infinità di “no” a tutto ciò che
non è conforme o che ostacola la piena realizzazione dei “sì”.
Fate parte di un mondo strutturato ed operante a livello
87
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
intellettuale, che esige molto sapere e molta capacità di fare
basati sulla capacità e sulla competizione, con tutto ciò che
questo porta con sé: rivalità, divisioni, guerre. State entrando
in un mondo che vivrà principalmente al livello del cuore.
Questo stato di essere esige abnegazione, generosità e devozione da cui risulteranno: pace, gioia ed unità.
Tutte le vostre abitudini devono essere messe in discussione, a cominciare dal vostro modo di pregare, di pensare, di
ascoltare e di parlare. Questo nuovo modo di fare dovrà essere esperimentato insieme ad altre persone che hanno dato il
proprio “sì” a Dio per la trasformazione del loro essere.
Questo “ sì” sarà dunque la sola ed unica esigenza per far
parte di queste Comunità di Amore e Condivisione. Per una
miglior comprensione di questo “sì”, sarebbe preferibile, per
i partecipanti, aver letto gli insegnamenti dati fino ad oggi
con questi scritti ed aderirivi totalmente.
Per quanto possibile, questi incontri dovrebbero essere
settimanali. Sarebbe bene dedicare sempre un certo tempo
ad entrare in relazione di intimità con la Santa Trinità, sia con
la preghiera, di una durata dai 45 minuti ad un’ora,“tempo
consacrato all’Eucarestia o all’adorazione”, secondo le possibilità. Quando vi è adorazione, questa dovrebbe essere in
parte silenziosa ed in parte animata. La base della preghiera
animata potrebbe farsi intorno alla parola “ARDOR” che sta
per: “adorazione”, “riparazione”, “domande”, “offerte”,
“ringraziamenti”.
Un secondo tempo dovrebbe essere d’insegnamento o
semplicemente di lettura di questi scritti o della parola di Dio
– un periodo di circa quarantacinque minuti–. La terza ora
88
ANNO 1999
sarà quella della condivisione. Il tutto dovrebbe essere interrotto da una pausa di circa venti minuti – per rilassarsi e
ristorarsi –. Questi incontri non dovrebbero superare le tre
ore. Per quanto possibile, è raccomandabile che un certo
numero di questi incontri si tengano, alternandole, nelle abitazioni dei membri della comunità.
L’Amore sarà presente ad ognuno di questi incontri; così
più rapidamente diventerete l’Amore. Sarò sempre all’appuntamento per esprimervi il mio Amore perché vi amo follemente.
18 luglio, ore 6.30
60. IMBEVUTO DEL MIO AMORE,
LASCIA PASSARE IL MIO AMORE
«Mio piccolissimo, noi siamo sempre più uniti l’uno all’altro.
La tua interiorità è il nesso privilegiato per i nostri incontri.
- Insieme, penetriamo in questa Chiesa nuova e Società
nuova.
- Insieme, la faremo conoscere ed amare questa Chiesa,
questa Società nuova che sarà fondata sull’Amore.
Insieme, vivremo delle nuove esperienze in cui l’Amore
circolerà liberamente nei cuori,
- Insieme, conosceremo la Gioia, la Pace che produce
l’Amore quando viene accolto.
- Insieme, conosceremo il Giubilo di essere condotti, diretti e guidati dall’Amore.
89
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
- Insieme, conosceremo anche la sofferenza dell’Amore
respinto.
- Insieme, scopriremo che l’Amore è più forte e più potente di tutto e tutti.
Vivremo dunque molte belle cose, unite ad altre meno belle,
prima che tu possa conoscere la beatitudine celeste. Rimani
questo piccolo strumento docile e malleabile tra le mani del
Padre. Con questa docilità e disponibilità scoprirai la tua
vera missione che è quella di lasciar passare l’Amore.
Ricordati dell’esempio della spugna: tu puoi diffondere
l’Amore nella misura in cui ne sei tu stesso ben imbevuto.
Lasciati impregnare dal mio Amore, perché ti amo follemente.
21 luglio, ore 4.07
61. AGIRE COME UOMO DI FEDE
O COME UOMO DI MONDO
«Mio piccolissimo, resta sempre molto attento e disponibile
a tutto ciò che ti capita. Tramite questi avvenimenti vissuti si
completa la trasformazione del tuo essere.
Il tuo comportamento, di fronte ad un avvenimento felice od infelice, ti permette di constatare se hai agito come un
uomo di fede o come un uomo di mondo. Se ti rendi conto
di aver agito come uomo di fede, devi rendere grazie al Padre
lodandoLo e ringraziandoLo di questo grande favore che ti
fa di essere testimone del suo agire tramite te.
90
ANNO 1999
Se constati di aver avuto un comportamento contrario a
quello di un uomo di fede e simile alla maggior parte della
gente, affrettati ad offrirlo alla Misericordia del Padre. A
seconda dell’importanza o della gravità del gesto, ti confesserai, perché sia totalmente perdonato e si effettui in te la trasformazione completa del tuo essere, per diventare questa
creatura piena d’Amore, di Bontà e di Misericordia che lascia
passare liberamente l’Amore del Padre.
La qualità delle tue reazioni è un indice importante per
aiutarti a scoprire se è il vecchio uomo che si è manifestato o
il nuovo essere d’Amore.
L’umiltà è la via che conduce all’Amore. Poiché l’Amore ti
ama, tu diventi l’Amore. Ti amo, follemente e teneramente».
24 luglio, ore 4.50
62. CIÒ CHE VIENE DALLO SPIRITO SANTO È LUCE
Signore Gesù, rileggendo il messaggio del 4 Luglio sulle piccole comunità d’Amore e Condivisione, viene detto di fare la lettura di uno degli insegnamenti dati nel libro, senza parlare
della parola di Dio. È una dimenticanza? Devo aggiungerlo,
sapendo che la parola è la base di ogni insegnamento?
«Mio piccolissimo, ti ho detto e ti ripeto che la parola di Dio
e l’interpretazione data dalla Chiesa restano il fondamento di
qualsiasi altro insegnamento o scritto, e può, in qualsiasi
91
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
momento, sostituire i messaggi dati nel libro.
Da sempre, lo Spirito Santo ispira l’uno o l’altro a parlare o a scrivere per aiutare delle persone a vivere una relazione più stretta o più intima con Me, in accordo con il piano
d’Amore del Padre.
Quando questi insegnamenti sono ispirati dallo Spirito
Santo, non sono mai contrari alla parola di Dio e, se qualche
volta vi fosse ambiguità da parte di una persona, bisogna
attenersi alla parola di Dio, riconosciuta dalla Chiesa, diretta
presentemente da Giovanni Paolo II. Ciò che viene dallo
Spirito Santo è Luce, Gioia, Amore, e lo riconoscerete dalla
grande Pace interiore che abita in voi.
Poiché vivete in un tempo che vi prepara al mio Grande
Ritorno, è normale che vi siano degli insegnamenti presentati in modo nuovo per aiutarvi a lasciarvi preparare adeguatamente. Una sola cosa è veramente importante, che voi diveniate degli esseri pieni d’Amore per accogliermi.
Vi amo follemente e teneramente. Ti amo».
26 luglio, ore 3.30
63. ANNA E GIOACCHINO TI ACCOMPAGNANO
«Amato figlio, sono io, sant’Anna che il Padre ha incaricato
per venire a rispondere alle domande che ti poni e per le
quali non hai risposta.
L’appoggio che tu desideri da certe persone che sono stati
92
ANNO 1999
strumenti tra le mani del Signore, per farti crescere nella
fede, è normale per qualcuno che si colloca al livello umano.
A livello divino questo appoggio non è necessario. Questo
bisogno umano ti rivela i legami ai quali ti sei ancorato per
essere certo di essere ben guidato. Anche se questi attaccamenti riguardano delle sante persone, che ti hanno aiutato a
progredire nella fede, che ti hanno dato sicurezza, arriva un
momento in cui questi legami devono essere tagliati.
Devi acconsentire a questi distacchi che ti danno l’impressione di cadere nel vuoto. È solo un’impressione, necessaria per scoprire la tua grande libertà di figlio di Dio, pur
rimanendo innestato nel Cuore della Santa Trinità e nella
comunione dei Santi, accompagnato dai Santi Angeli.
Come potresti essere totalmente al servizio del Padre se
sei obbligato ad ottenere la conferma di ciò che ti viene
richiesto da una persona in particolare, invece di accogliere
le guide che Egli mette sul tuo cammino per la tua missione
specifica. Per aiutarti a capire ciò che stai vivendo presentemente, ricordati dell’aquilotto che si ritrova nel vuoto, fuori
dal nido, dopo esservi stato gettato da sua madre.
Per lui, è una catastrofe, ma è il solo modo giusto per
imparare a volare da solo. È lo stesso per te, in questo
momento. Anche se questi legami ti sono stati benefici e ti
hanno dato sicurezza, come il nido per l’aquilotto, arriva il
momento in cui bisogna lasciare il proprio nido per imparare
a volare. Tu devi abbandonare questi buoni legami per compiere la tua missione. Il Padre non ti lascia solo; guarda come
ti circonda. Ti ha dato due dei suoi figli di predilezione per
accompagnarti nella pubblicazione di questi scritti, oltre a
93
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
farti confermare il valore della tua missione da diversi dei suoi
santi sacerdoti, da varie religiose, e da laici impegnati nella
fede. La tua missione è appena cominciata e già tu hai ricevuto molti più aiuti di Gioacchino e me durante il tempo che
eravamo sulla terra per compiere la nostra propria missione.
Oggi, in occasione della nostra Festa, abbiamo il compito
di accompagnarti in un modo speciale, così come tutti i lettori e le lettrici del libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti,
Gesù”, oltre a tutti quelli che sono innestati nel tuo cuore.
Tocca alla nonna ed al nonno occuparsi, per questo giorno, del
piccolissimo che tu sei. Accogli la nostra tenerezza e l’Amore
che vogliamo dimostrarti. È il nostro giorno per ricolmarti
dell’ Amore che riceviamo continuamente dal Padre, per le
mani ed il Cuore di Maria e di Gesù. Non giocare a fare il
grande o l’indipendente, resta quel bimbo affettuoso che si
lascia coccolare dai suoi nonni. I tuoi nonni che ti amano».
30 luglio, ore 4.35
64. DOMANI, IL MIO GRANDE RITORNO
«Mio piccolissimo, Io guido i tuoi pensieri, le tue azioni e le
tue parole. Non devi temere nulla perché Io guido ciascuno
dei tuoi passi. E lo stesso faccio con qualunque persona che
accetta di prendere il cammino che ho già insegnato, che
passa per i due piccoli binari, quello della piccolezza e quello di accogliere il mio Amore.
94
ANNO 1999
Questa via, accessibile a chiunque, facile da prendere, è
quella che conduce alla Chiesa nuova che Mi verrà incontro
il giorno del mio Grande Ritorno.
Ti ho ispirato a dire che non mancava che un attimo per
il mio Grande Ritorno: “domani”, per vivere l’oggi come se
fosse l’ultimo giorno per prepararti al mio Grande Ritorno.
È oggi stesso che devi prendere questa via dei due binari, l’uno è l’accoglienza della tua piccolezza e l’altro l’accoglienza del mio Amore 4. Ciò che è importante non è di sapere esattamente dove sei in questo cammino, ma di assicurarti di essere su questa via; e tu sei su questa via quando dici
“sì” alla tua piccolezza, alla tua impotenza, ai tuoi limiti, ed
il tuo “sì” ad accogliere il mio Amore.
Ogni volta che ti trovi su questa strada Mi incontri, ed il
tuo cuore si dilata, Diventa quindi sempre più capace di
accogliere il mio Amore e sempre più pronto per il mio
Grande Ritorno. È così che diventi l’Amore, accettando che
Io ti amo follemente e teneramente.”
8 agosto, ore 6.05
65. IO TI ISPIRERÒ
Eterno Padre, voglio ringraziarti per le meraviglie che hai compiuto ieri a Quebec, a Montmartre Canadese, in occasione
(4) Volume 1, messaggio n. 114.
95
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
della tua Festa. Grazie per questo grande favore che ci fai di
essere testimoni delle tue opere.
Grazie per utilizzarci per espandere il tuo Amore.
Grazie delle meraviglie che compi con il libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”.
Io credo di non essere rimasto sufficientemente al tuo ascolto, prima di presentare la relazione, in modo da trasmettere
con tutta fedeltà quanto Mi hai chiesto di esporre.
Metto tutto questo nel tuo Cuore Misericordioso e Ti chiedo di occupare tutto il mio essere e di ispirarmi totalmente
nelle conferenze future che dovrò tenere. Così, secondo il
tempo che mi verrà concesso, potrò rispondere all’essenziale
dei tuoi propri desideri. Trasforma le mie mancanze in grazie e
benedizioni per i tuoi scelti degli ultimi tempi.
Mi metto al tuo ascolto. Grazie di ascoltare ed esaudire la
mia preghiera.
«Mio amato figlio, sono Io, come Padre, che ti ringrazio di
accettare di essere un piccolissimo strumento tra le mie Mani.
Il piccolo strumento che sei, e che sarebbe senza valore se agisse solo, Io voglio utilizzarlo affinché altri diano il loro consenso perché Io possa trasformarli in miei strumenti, per missioni
diverse: così, la faccia della terra sarà cambiata, una Terra
nuova per una Chiesa interamente rinnovata. Non temere, ciò
non sarà mai troppo pesante per te; ho la situazione sotto il
mio totale controllo e Mi occupo dei minimi dettagli.
Ancora e sempre accetta di lasciarti condurre. Ogni volta
che incontri un gruppo od una persona domandaMi ciò che
voglio che tu dica ed Io t’ispirerò. Dopo aver parlato, non
96
ANNO 1999
lasciarti influenzare dal Nemico che usa due tattiche per tentare di neutralizzare ciò che io desidero da te: sia suggerendoti che ciò che hai detto non andava bene e non corrispondeva a quanto il Padre ti aveva richiesto, cercando così, in
ogni modo possibile, di scoraggiarti per farti rinunciare; sia
affermando che sei tu che sei bravo, sei tu che hai ben parlato, per farti gonfiare d’orgoglio. Si presenterà sia in un modo
che nell’altro.
Se non riuscirà con queste due tattiche, ne inventerà altre
cercando di creare delle paure o di creare divisioni in te o
attorno a te. Una volta avvertito dei pericoli che ti circondano, non perdere tempo con il Nemico. Continua a guardarmi, a contemplare la mia Misericordia, la mia Gioia, la mia
Pace ed il mio Amore. Restando con gli occhi volti sempre a
Me sarai sempre più testimone del mio operare e potrai sempre più essere utilizzato da Me.
Io sono con te e ti dono tutto ciò di cui hai bisogno per
proseguire il tuo cammino, e per compiere la missione che ti
ho affidato per Amore dei miei figli.
Ricevi il mio Bacio di Padre al suo figlio amato e tutta la
sua tenerezza con l’Amore che il tuo cuore può accogliere in
questo momento. Maria, la mia piccolissima ancella, ha il compito di accompagnarti e di guidare i tuoi passi. Lei è con te; e
con te è il mio Figlio unico, Gesù, che ti è sempre vicinissimo.
Se i tuoi occhi si aprissero e potessero vedere i Santi e le
Sante e questa grande armata di Angeli, sapresti di non essere solo, ma ben protetto. Non temere, continua ad avanzare
nella fede pura.
Ti do la mia benedizione di Padre insieme al mio Amore».
97
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
15 agosto, ore 4.50
66. IL TEMPO STRINGE – ACCOGLIETE L’AMORE
«Mio amato piccolo, figlio scelto del Padre, questa mattina ti
chiedo di comunicare quanto segue 5.
Miei cari piccoli figli, è grande la gioia del Cielo nel vedevi tutti riuniti in occasione della mia Grande Festa dell’Assunzione. La vostra presenza qui testimonia il vostro fervore,
il vostro grande desiderio di compiere la Volontà di Nostro
Padre, di unirvi sempre di più a mio Figlio Gesù, e di lasciarvi ispirare sempre e dappertutto dallo Spirito Santo.
La Vostra mamma desidera ringraziarvi, non solamente
per questo fine settimane, ma anche per ciò che siete, lasciandovi trasformare dall’Amore che il Padre versa nei vostri cuori
ad ogni momento ed in abbondanza in questo stesso istante.
È al livello del cuore che ricevete questo Amore, mai a
livello mentale. Ciò che apre il vostro cuore per ricevere questo Amore è quando riconoscete la vostra piccolezza, i vostri
limiti, la vostra debolezza, e che date il vostro “sì” totale,
incondizionato ed irrevocabile al Padre.
Questo “si” deve essere più che un “sì” dato con le labbra, deve venire da tutto il vostro essere a lasciarvi domare,
trasformare, spogliare ed anche, se necessario, impastare
dalla sofferenza, perché il Progetto del Padre possa realizzarsi in voi, intorno a voi ed, in seguito, tramite voi.
(5) Questo testo è stata dato per la chiusura di un triduo di preghiere nella parrocchia di
Nostra Signora di Guadalupe, a Beauce.
98
ANNO 1999
Miei cari piccoli, non abbiate alcun timore, Io veglio su
ciascuno di voi, vi cullo sul mio Cuore di Madre, supplicandovi di lasciarvi amare, mentre vi dico ancora e ancora: poiché l’Amore ti ama tu diventi l’Amore.
Accogliendo questo Amore, oltre a creare molta Gioia
nel Cielo, voi diventate un balsamo per i Nostri Due Cuori
feriti, quello di Gesù ed il mio. Permettete che la vostra
Mamma Celeste si faccia mendica, in ginocchio anche davanti a voi, perché il tempo è breve per accogliere l’Amore.
Con il mio Cuore di Madre, traboccante d’Amore per
ciascuno di voi, Io dico ad ognuno e ad ognuna: Ti amo.
Follemente, vi amo. Tua Madre Maria».
23 agosto, ore 5.05
67. COME UNA BUONA MADRE, IO VEGLIO
«Mio piccolissimo, è sempre una gioia nuova chinarmi su di
te, come una madre si china sul suo infante, per testimoniargli il suo affetto e rispondere a tutti i suoi bisogni.
Per Me è lo stesso nei tuoi confronti. Io sono continuamente chinato su di te. Tu avverti di più l’affetto che ti offro
ed io rispondo a tutte le tue necessità, spesso ancor prima che
tu le abbia palesate. Tu ti senti insicuro ed un poco inquieto
di fronte alla tua missione che cominci a percepire sempre più
chiaramente. Sono reazioni puramente umane che spariranno
una dopo l’altra nella misura in cui verrà approfondita
99
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
l’Unione di Alleanza tra te e Me, quando tu sarai sull’altro
lato della riva, ed avrai terminato la traversata del grande passaggio di cui ti ho parlato, nel quale ti trovi adesso.
Questo passaggio ti conduce alla pienezza dell’Amore e ti
consente di gustare e di accedere sempre di più a questa pienezza. Non temere. Come una buona Madre, Io veglio continuamente su di te. Sono sempre con te. Lasciati colmare e
guidare. Continuando a riconoscere la tua impotenza e la tua
piccolezza puoi compiere al meglio questa bella e grande
missione.
Non cercare di capire. Accogli e lasciati amare. Ecco il
cammino che il Padre ti presenta, la via che ti conduce alla
pienezza dell’Amore. Ti amo follemente».
24 agosto, ore 4.20
68. NONNO FELICE
Grazie, Signore Gesù, di avermi trasmesso tanto Amore, Gioia
e Pace attraverso i miei nipotini, ieri, nelle circostanze che
adesso espongo:
Ho dovuto passare la giornata in città per affari, anche per
incontrare l’editore in vista della preparazione di una scaletta
di argomenti. Verso le tre, telefono ad Elisabetta e vengo informato che una delle nostre figlie si trova a casa nostra con i suoi
bambini. Anche se io ho un grande desiderio di vederli, Elisabetta mi dice che sono obbligati a partire prima di cena.
100
ANNO 1999
Il giorno prima mi ero impegnato ad incontrare un lettore,
che arrivava da Chicoutimi il quale, possedendo il libro “Per la
felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù” e trovandosi nelle vicinanze, era desideroso di conoscermi. Ho accettato perché veniva da lontano, ma questo tipo di richiesta non mi entusiasma
affatto, perché ho paura di essere invaso nella mia intimità
famigliare e nei tempi riservati al Signore.
Ero quindi molto tentato di telefonargli per annullare l’appuntamento e poter incontrare così i miei nipotini, pur ricordandomi della mia decisione di dare la priorità al Signore, poi
alla mia famiglia ed in ultimo ai miei affari, ovviamente nei
limiti del possibile.
Sono andato quindi ad incontrare quest’uomo, che era
accompagnato dalla moglie e dalla cognata. Ho affidato al
Signore la cura di organizzare Lui l’incontro con i miei cari..
Dopo una quarantina di minuti di scambi fruttuosi, mi sono
scusato informandolo della visita dei miei nipotini a casa.
Cosciente della mia piccolezza, ero certo che la mia presenza
non avrebbe apportato loro neppure l’1% dei benefici che
avrebbero tratto dalla lettura e dalla meditazione del libro.
Sono quindi ritornato a casa verso le diciassette e, con mia
grande sorpresa, vi erano due delle mie figlie con sei dei nostri
nipotini, tre femmine e tre maschi, di un'età variabile dai sei ai
tredici anni. Mi hanno tutti accolto con premura e amore. Ho
fatto il bagno. Ho giocato nell’acqua con loro. Ho fatto fare dello
sci nautico a due di loro e ho preparato una cenetta sulla griglia.
Ero felice al massimo: non ho risentito nessuna stanchezza.
Trovavo tutti molto amabili ed ero pieno d’amore per tutti loro.
Il solo fatto di farmi chiamare “nonno” mi colmava di felicità.
101
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Grazie Signore Gesù di avermi trasmesso tanto amore tramite i miei nipotini e di avermi fatto dire, dalla mia nipotina
di undici anni, queste parole: “grazie, nonno, per il tuo libro.
Mi piace molto e, ogni sera, se non è troppo tardi e non sono
troppo stanca, ne leggo un brano. Amo tanto farlo”.
Sento il mio cuore farsi bruciante d’Amore. Ti amo.
«Mio piccolissimo, è una grandissima gioia per Me colmarti
così, e sempre di più voglio farlo. Ciò che faccio per te, lo
farò per tutti i lettori e le lettrici che mi daranno il primo
posto nella loro vita.
È arrivato il momento in cui l’Amore del Padre circoli
liberamente nei cuori della Terra. Beati e beate siete voi di
essere abbastanza piccoli per accoglierlo e farne la priorità
della vostra vita.
Sarete sempre più ricolmi d’Amore. Poiché l’Amore vi
ama, voi diventate l’Amore.
Follemente, vi amo. Follemente, ti amo».
1 settembre, ore 2.50
69. IO TI AMO, HO BISOGNO DI TE
Signore Gesù, ti presento la riunione con il gruppo di redazione del giornale “L’Informatore Cattolico”, prevista per il 4 settembre prossimo, e che verterà sullo spazio che intendono riservare al libro.
102
ANNO 1999
Desiderando tuttavia accordare la totale priorità ai tuoi
desideri, mi pongo in ascolto per conoscere la tua Volontà.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera. Ti
amo.
«Mio piccolissimo, non aver paura di questa richiesta. Sono
Io che ho messo nei cuori l’idea di convocare questa riunione.
E sempre Io sarò la fonte di ispirazione al momento giusto e per quel che riguarda lo svolgimento.
Ciò che ti chiedo, è di disporti ad accogliere le idee che
verranno espresse dall’una o dall’altra persona. All’inizio,
dovrete quindi mettervi d’accordo sui punti seguenti:
- Domandarmi l’orientamento che desidero, Io, per questo
giornale,
- Essere disposti ad accogliere la risposta, poco importa la
direzione che suggerirò.
Questo atteggiamento richiede molta abnegazione da parte
di ogni componente del gruppo perché, anche con la certezza di aver compiuto un buon lavoro, di aver scoperto il modo
giusto per realizzarlo, deve essere pronto ad abbandonare le
proprie idee per accogliere un nuovo modo di pensare, di
vedere o di agire, che potrebbe essere proposto, dietro mia
ispirazione, da un altro partecipante.
I membri del gruppo di questo giornale sono stati degli
ottimi strumenti di evangelizzazione per la fine del ventesimo
secolo, nella società e nella Chiesa attuale, conosciute dal
mondo.
103
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
La domanda, in tre punti, che voglio sottoporre a queste
persone tramite te, è la seguente:
- Accettate di scomparire per lasciarmi tutto il posto?
- Accettate di essere completamente destabilizzati nel
vostro modo, di vedere, di pensare e di agire?
- Accettate di abbandonare le vostre abitudini, anche se
sono buone?
I “sì,” senza condizione alcuna, a questa tripla richiesta,
sono necessari e condizionali affinché Io possa utilizzare
questo gruppo e questo giornale come guide per costruire
questa Società nuova, con questa Chiesa nuova che si prepara a venirmi incontro molto presto, in occasione del mio
Grande Ritorno.
Voglio dire a ciascuna delle persone di questo gruppo
quanto sia preziosa ai miei occhi! Se sapesse quanto l’amo!
Se sapesse quanto ho bisogno di lei per aiutarmi a costruire
questo Mondo nuovo, secondo il Piano d’Amore del Padre!
Con il vostro “sì” senza restrizioni, vi darò tutto ciò di cui
avrete bisogno per essere questa guida, cominciando col fare
di ciascuno di voi degli esseri d’Amore, capaci di accogliere
il mio Amore, per diventare l’Amore e donare l’Amore.
Ecco la vostra bella e grande missione. Vi affido alla mia
Santissima Madre che vi copre con il suo Manto per proteggervi dagli attacchi del nemico e condurvi nel Cuore del Padre.
Voi diventate l’Amore. Vi amo teneramente e follemente.
Ti amo».
104
ANNO 1999
6 settembre, ore 3.10
70. GUARDAMI, E ATTINGERAI NUOVE FORZE
«Mio piccolissimo, è il mio Amore che, essendo sempre più
presente in te, ti rende più vulnerabile quando ti confronti
con delle persone che sono influenzate dalle correnti di pensiero del mondo.
Io ho già vissuto questo e continuo a viverlo attraverso le
persone che si donano totalmente a Me. Molto presto, questa situazione sarà completamente diversa; il cuore delle persone che vivono su questa terra non sarà più lo stesso.
Più vi sono persone che accettano di diventare vulnerabili, più vi saranno persone che vengono interpellate nei loro
cuori e più rapidamente la terra si trasforma. Sono i miti che
possederanno la terra.
Deponi nel mio Cuore tutte queste situazioni che devi
vivere, dove pensi di essere sfruttato; evita il più possibile i
confronti. Guarda il comportamento che ho avuto davanti a
quelli che Mi affrontavano. Tu vi attingerai una forza nuova
che ti permetterà già di assumere il comportamento della
Società nuova, molto diverso da quello della società attuale.
Da solo non puoi raggiungere questo livello di santità, cioè
un comportamento perfetto davanti agli affronti. Unicamente
abbeverandoti di continuo alla sorgente delll’Amore del Padre
e lasciandoti trasformare da questo Amore potrai avere il comportamento desiderato. In altre parole, solo chiedendo e
lasciando che l’Amore del Padre agisca in te tutto diventa possibile, anche ciò che sembrava impossibile.
105
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
È sempre accogliendo l’Amore che tu diventi l’Amore.
Non temere perché ti amo follemente e teneramente».
14 settembre, ore 5.15
71. IL PICCOLO FATTORINO DEL PADRE
«Mio piccolissimo, continuando a camminare nella pura fede
scopri ciò che il Padre compie tuo tramite e, allo stesso
tempo, scopri le trasformazioni che avvengono in te.
Questa mattina voglio che tu scriva per la mia amatissima
figlia M. :
M., dolce piccolo fiore, tu che sei così vicina al mio
Cuore, hai appena affrontato la più grande delle prove della
tua fede. Senza cedere un solo istante, sei rimasta attaccata a
Me, tuo Dio. Voglio offrirti come dono, questa mattina, la
mia grandissima Pace che già abita in te, ma che tu sentirai
più profondamente.
Il tuo caro sposo P., che il Padre ha chiamato a Sé, dimora in questa Pace in pienezza. È diventato l’Amore. È nella
grandissima gioia della felicità eterna.
Tu sei stata al suo servizio durante la sua lunga malattia.
Adesso è lui ad essere al tuo servizio per portarti tutto ciò
che il Padre vuole accordarti in questo momento.
È diventato il piccolo fattorino, instancabilmente devoto,
del Padre. Appena egli percepisce un tuo desiderio od una
tua necessità, corre dal Padre per supplicarLo di soddisfarti
106
ANNO 1999
e, appena il Padre lo chiama, si precipita per impadronirsi
del regalo che il Padre vuole offrirti e portartelo immediatamente.
M., tu non devi temere nulla. Mai come adesso P. è stato
vicino a te, è al tuo servizio per soddisfarti secondo i tuoi
desideri ed i tuoi bisogni. La vostra coppia è unita come mai
prima d’ora. Pur essendo rimasta sulla terra, tu puoi beneficiare delle numerose grazie che sono adesso accessibili a P.
Ringrazia il Padre che così sia. Con il suo Amore e con P.
come intermediario, tu diventi l’Amore.
Io vi amo. Io ti amo».
20 settembre, ore 5.05
72. LE PICCOLE COMUNITÀ SONO LANCIATE 6
Signore Gesù, Ti presento il progetto delle Piccole Comunità di
Amore e Condivisione. Io mi sento incapace. Vi sono delle precisazioni da aggiungere? In che modo devono cominciare?
Come riconoscere il segnale di partenza?
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, ricordati che è sempre nella fede pura che
devi proseguire: senza sapere né vedere dove ti conduco. Nella
pura fede hai cominciato a scrivere. Nello stesso modo questi
(6) Consultare l’allegato 1 di questo volume.
107
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
scritti sono stati diffusi. Osserva quello che ha prodotto, attualmente, il gesto o meglio i gesti di fede che tu hai compiuto.
È un bene che tu non ti sia lasciato guidare dai momenti
di paura o di sofferenza che hai provato. Sempre continuando ad avanzare nella fede pura puoi essere testimone dell’azione di Dio. Lo stesso avverrà per le Piccole Comunità
d’Amore e di Condivisione.
Vedi bene che il tempo della partenza è arrivato. Te lo
confermo con il desiderio che i lettori del libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù” ti hanno espresso. Ciò che
tu hai udito non è che una piccola parte della realtà. Ti ricordo che si tratta della mia opera e non della tua. Tu devi solo
dare il segnale di partenza ed Io farò il resto parlando al
cuore di quelli che saranno i capofila che ho già preparato o
degli altri che ne devono far parte.
La regola di base è l’accoglienza dell’altro nell’Amore.
Affinché l’Amore possa regnare, dovrà esserci molta flessibilità riguardo agli altri punti, soprattutto rispetto alla durata, che
deve essere considerata come il tempo massimo, ma possibilmente ridotta di molto, specialmente agli inizi. In ogni caso, il
tempo riservato per entrare in intimità col Signore deve essere
rispettato, ma mai eccedere i quarantacinque minuti.
La durata del periodo d’insegnamento potrà essere fissata dai partecipanti ed eventualmente ridotta secondo il parere dell’animatore di turno, ma mai superare i quarantacinque
minuti.
Sarà lo stesso per il tempo dedicato alla condivisione, che
avverrà secondo le necessità ed i desideri del gruppo, senza
tuttavia superare mai l’ora.
108
ANNO 1999
Queste piccole Comunità d’Amore e di Condivisione non
hanno lo scopo di sostituire una comunità o un gruppo di
preghiera già bene avviato e nemmeno di modificarlo.
Le piccole Comunità hanno la finalità di rispondere alle
reali esigenze di coloro che hanno dato il proprio “sì” totale,
incondizionato e irrevocabile.
Ognuno di questi ha bisogno dell’aiuto di altre persone
che, a loro volta, hanno dato il loro “sì”, per lasciarsi nutrire
continuamente dalla preghiera, dal digiuno, dalla pratica dei
sacramenti, dai lunghi momenti d’intimità con il Signore e
dai buoni insegnamenti su questo nuovo modo di pensare, di
essere e di agire.
Inoltre, ognuno ha bisogno di fare esperienza con altre
persone che hanno dato il loro “sì” a questo nuovo modo di
vivere, prima di poterlo integrare nel quotidiano, in ogni
momento, in qualsiasi luogo.
È raccomandato che le piccole Comunità si formino il più
naturalmente possibile con le persone di uno stesso ambiente, di una stessa regione, di una stessa città o paese, di uno
stesso quartiere, di uno stesso settore di vicinanza.
Le piccole Comunità rimpiazzeranno, per coloro che
hanno dato il proprio “sì”, gli incontri sociali, spesso vuoti di
senso, di valori o di vero amore, con degli incontri che saranno un reale nutrimento per il cuore, l’anima e lo spirito.
Quando ci si renderà conto, all’interno di una piccola
Comunità, che la stessa non produce i frutti previsti, bisognerà sempre rivolgersi al Padre per affidare tutto nelle sue
mani e tutto attendere da Lui, dopo averGli tutto richiesto.
Ogni partecipante dovrà esaminarsi partendo dai nume109
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
rosi insegnamenti contenuti in questi scritti. Se questa analisi diventa troppo difficile da sopportare, è preferibile ritirarsi temporaneamente, con dolcezza, per prendersi più tempo
in intimità con il Signore, piuttosto di voler imporre la nostra
volontà al gruppo o di tentare di cambiare l’uno o l’altro dei
partecipanti.
È normale che vi siano dei momenti più difficili per vivere la vera dimensione del perdono e constatare che l’Amore
è più forte di tutto. Ciò che è meno normale, è la continuità
del malessere.
Ricordatevi che la soluzione non verrà da voi, ma da Me,
vostro Dio. È unicamente perché l’Amore vi ama che potete
diventare degli esseri pieni d’Amore. Tutto ciò che sentirete
essere contrario all’Amore, offritelo alla Misericordia del
Padre perché Egli lo trasformi in Amore.
Imparate a guardare le bellezze che il Padre opera
negli altri, piuttosto di osservarne le mancanze e le colpe.
Diventando degli esseri d’Amore, voi diffonderete
Amore e gli altri saranno trasformati, non per ciò che direte,
ma unicamente per ciò che sarete.
Beati e beate siete voi di essere su questa via che vi conduce alla pienezza dell’Amore. Voi diventate l’Amore.
Vi amo follemente e teneramente. Ti amo».
110
ANNO 1999
27 settembre, ore 1.20
73. UNA MOLTITUDINE SI METTE IN CAMMINO
«Mio caro piccolo, senza che tu ne sia veramente cosciente,
Io ti sto conducendo sulla via della pienezza dell’Amore. La
tua docilità al mio Spirito mi consente di guidarti così.
Mentre tu procedi su questa via, una moltitudine di persone
si mette in marcia per questo stesso cammino.
La grande difficoltà per molte persone consiste nel donare
un “sì” totale, incondizionato ed irrevocabile, indispensabile
per poter intraprendere questa strada. La seconda difficoltà
consiste nel mantenersi fermi dicendo “no” alle varie correnti
di pensiero del mondo. Attraverso queste difficoltà si esercita
la scelta dell’individuo. A lui ed a lui solo spetta la scelta.
Il Padre, nel suo piano d’Amore, ha dato questa grande
libertà a ciascuno dei suoi figli. La persona che dona sinceramente e liberamente il proprio “sì”, ottiene all’istante la grazia necessaria per affrontare le difficoltà che dovrà vivere. Il
suo impegno fermo gli permette di cominciare a gustare ciò
che produce l’Amore quando Gli si lascia la libertà di agire.
I benefici che si provano in seguito alla trasformazione
della persona, confermano alla stessa di essere sulla buona
strada e l’incoraggiano a perseverare su questa via che la
appagherà sempre di più.
Questo appagamento crescente è esattamente quello che
tu provi ora nell’intimità che viviamo insieme. Questo è
quanto ottiene e otterrà chiunque dà o darà il proprio sincero consenso.
111
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Continua a lasciarti amare senza averlo meritato.
Continua a lasciarti trasformare.
Continua a lasciarti guidare.
È così che l’Amore ti ama e che tu diventi l’Amore. Ti
amo follemente e teneramente».
2 ottobre, ore 3.40
74. IL “SÌ” CHE CAMBIA TUTTO
«Mio piccolissimo, Io Gesù, voglio usarti per parlare al cuore
dei lettori e delle lettrici de “L’Informatore Cattolico” dicendo ad ognuno quanto segue.
Tu che stai leggendo queste righe. È a te personalmente che
parlo. Purtroppo, se non ascolti con il cuore, tu non puoi sentire la mia parola né percepire ciò che Essa desidera produrre
in te. La tua mente, le tue facoltà ed il tuo intelletto devono
mettersi al servizio del cuore e mai il contrario. Collocandoti al
livello del cuore, tu puoi capire, comprendere e beneficiare
dell’Amore che voglio riversare in te in questo momento.
Non ti invito tra un anno, tra sei mesi, il mese prossimo o
domani ad aprire il tuo cuore per accogliere l’Amore che vi
voglio deporre. Sappi che è adesso, in questo istante medesimo. Ti potresti domandare come puoi aprire il tuo cuore. La
risposta è semplice, da solo non puoi.
Il tuo primo passo consiste nel riconoscere la tua impotenza, i tuoi limiti e la tua debolezza. In altre parole, devi
112
ANNO 1999
riconoscere che, davanti al tuo Dio, tu non sei niente.
Riconosci la tua piccolezza.
Il tuo secondo passo consiste nel riconoscere di essere
una creatura profondamente amata dal tuo Dio. Sei stato
creato da un grido d’Amore del Padre e, poiché hai gustato
questo Amore al momento della tua creazione, da quel
momento soffri questa sete d’Amore. Riconoscendo e accettando l’Amore che Io riverso in te in questo momento, tu
bevi alla sorgente stessa dell’Amore che estingue la tua sete.
Per trarre beneficio ed accogliere questo Amore, devi
aver dato il tuo “sì” totale ed incondizionato al Padre. A questo tuo “sì” il Padre, tuo Padre, mio Padre, nostro Padre, si
china verso di te per operare le trasformazioni necessarie
affinché tu possa vivere al livello del cuore e mettere le tue
facoltà al servizio dello stesso.
Il tempo stringe! Dai il tuo “ sì” immediatamente. Il
padre ha urgente bisogno di te per espandere il suo Amore
sulla terra affinché venga il suo Regno e la sua Volontà si faccia.
Beato sei tu di aver dato il tuo “sì” e di essere tanto colmato dal suo Amore. Accetta che Io, Gesù, mi chini verso di
te e ti dica, piano piano, all’orecchio: Bambino del mio
Cuore, ti amo, ti amo, ti amo».
P.S. Siete invitati a dare una breve testimonianza scritta delle
meraviglie che Gesù ha compiuto in voi, intorno a voi o tramite voi in seguito al vostro “sì”, a beneficio di tutti i lettori e le
lettrici, ma soprattutto per la sua stessa Gloria. Diventiamo dei
testimoni viventi del suo Amore.
113
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
8 ottobre, ore 3.15
75. INNESTATI SULL’AMORE
Signore Gesù, ti presento le numerose richieste che ricevo ed il
mio desiderio di rispondere ad ognuna di esse, cosciente dei
miei limiti e della mia piccolezza a svolgere un tale compito.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo
«Mio piccolissimo, non temere, Io il tuo Dio so chi sei,
conosco tutto di te, conosco le tue debolezze e la tua impotenza e ciò che posso compiere attraverso di te, poiché me ne
hai dato il permesso.
Non caricarti di una responsabilità che è mia. Sono Io
che ti ho ispirato a scrivere; sempre Io ho messo sulla tua
strada le persone per la preparazione del libro; sono Io che
mi occupo della sua diffusione; ed ancora Io che tocco i cuori
attraverso la lettura; sono Io che accompagnerò queste persone affinché possano continuare a camminare nella fede
verso di Me.
È importante che nessuna di loro si attacchi a te e tu non
devi consentire a nessuno un tale comportamento. Tu non sei
un salvatore, ma un piccolo strumento tra le mie mani, che
uso come voglio, per il tipo di missione che voglio e con chi
voglio.
Voglio compiere nei lettori e nelle lettrici la stessa cosa
che compio in te, lo stesso tipo di strumento che tu sei o che
tu diventi. Hanno tutti gli stessi doni che hai tu per intendere e comprendere ciò che voglio da loro. Se non capiscono,
114
ANNO 1999
non devono far altro che verificare la qualità del loro “sì”, di
scegliersi un buon consigliere spirituale per guidarli nel loro
impegno, di riprendere e approfondire gli insegnamenti dati
attraverso questi messaggi.
Io ed Io solo sono il loro Salvatore e non ve ne sono altri.
Devono imparare a chiedere tutto a Me e tutto attendere da
me, compreso il mezzo che voglio usare per rispondere alle
loro domande, sia direttamente, sia tramite l’una o l’altra
delle persone che scelgo, o sia tramite gli avvenimenti.
Se una persona si accontentasse di passare attraverso te,
sarebbe limitata da ciò che tu sei, mentre essendo innestata
in Me e direttamente su di Me che sono Uno con il Padre, è
connessa direttamente con l’Amore. Non vi sarà quindi
alcun limite ad impedirle di diventare ciò che è chiamata ad
essere e a realizzare pienamente la sua missione.
Rimanendo connessi alla sorgente stessa dell’Amore, le
difficoltà e gli ostacoli si trasformano in occasioni di crescita
e di superamento per divenire degli esseri pieni d’Amore.
Sono amati teneramente e follemente.
Ti amo teneramente e follemente».
12 ottobre, ore 5.25
76. L’URGENZA PER LA PREPARAZIONE DEI CUORI
«Mio piccolissimo, tu vedi con sempre maggior chiarezza la
trasformazione che si sta compiendo in te, perché mi hai dato
115
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
il permesso di operare una tale trasformazione. Non solamente questo avviene in te, ma contemporaneamente tu
diventi uno strumento tra le mani del Padre affinché la trasformazione si realizzi in molte altre persone. È così che si
costruisce questa Società nuova, questa Chiesa nuova, con
dei cuori completamente rinnovati, cambiati e trasformati.
Rimane poco tempo. Siete proprio all’ultimo minuto per
partire prima dei grandi avvenimenti. Siete talmente vicino a
questi grandi avvenimenti che tutto il resto, cioè tutto ciò che
è fuori dei vostri cuori, non ha alcuna importanza.
Una unica e sola cosa è importante ed urgente, cioè la
preparazione dei cuori. Un cuore preparato è un cuore capace di entrare in grande intimità con il suo Dio.
Questa intimità che la persona scopre all’interno di se
stessa, nelle profondità del proprio essere, le permette di
avere un vero rifugio per ritrovare la Pace, la Gioia, la
Serenità e l’Amore a cui essa aspira dal momento della sua
creazione.
Questo rifugio che la appaga ogni volta che vi penetra,
oltre a soddisfarla immediatamente, la prepara a vivere nel
giubilo tutte le tribolazioni, che sono molto vicine.
Beati e beate siete voi di poter captare all’interno di voi
stessi ciò che è essenziale e primario per i tempi in cui vivete.
È la via che vi conduce all’Amore, che fa di voi degli esseri pieni d’Amore. Voi diventate l’Amore. Tu diventi l’Amore.
Vi amo follemente. Follemente ti amo».
116
ANNO 1999
13 ottobre, ore 4.25
77. L’ABBANDONO TOTALE NELLE MANI DEL PADRE
Signore Gesù, il 22 febbraio 1997 mi hai informato che il
Padre voleva che io restassi ancora nel mondo degli affari, per
insegnarmi un altro modo di vedere i problemi e di risolverli,
per vedere tutto con gli occhi della fede e tutto abbandonare tra
le mani di Dio… “Tu resta nello stupore, nella lode e nella
gioia e sarai testimone del suo agire”.
Anche se in svariate occasioni ho visto le tue opere, e te ne
rendo grazie, voglio presentarti ancora una volta le due pratiche che non trovano soluzione: l’una mi costa una grossa
somma ogni mese ed è così da quasi due anni; nell’altra, la
situazione non fa che peggiorare: gli acquirenti desistono o
ritardano. Io so che queste questioni di denaro non hanno
importanza, ma se ne fossi liberato, mi sembra che sarei più
libero per essere al tuo servizio.
Cosa devo scoprire e cambiare per compiere la Volontà del
Padre? Apri i miei occhi, il mio cuore, il mio spirito e la mia
intelligenza affinché possa capire ciò che vuoi insegnarmi con
queste situazioni che io considero infelici e pesanti come una
palla al piede. Anche se credo di essere stato fedele alle tue raccomandazionii, non vi scorgo alcun insegnamento valido per
me o per gli altri.
Ti offro la mia impotenza, i miei limiti e le mie debolezze.
Grido verso di te, vieni in mio aiuto.
Grazie di ascoltare ed esaudire le mie povere preghiere, Ti
amo e voglio esserti fedele.
117
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
«Mio piccolissimo, mio caro piccolino, prima di tutto vieni a
buttarti tra le mie braccia per lasciarti inondare dalla mia
Pace e dalla mia Gioia che tu cerchi, poco importa ciò che
avviene intorno a te.
È questo il vero insegnamento: l’abbandono totale tra le
mani del Padre. Tu puoi vivere nella Pace e nella Gioia una
situazione che è causa di angoscia, smarrimento ed ansietà
per la maggior parte della gente. Guardando tutto con gli
occhi della fede, sapendoti piccolo e amato da Dio, ricevi
dentro di te ciò di cui hai bisogno per sopportare quello che
avviene all’esterno e che non puoi controllare.
Stai tranquillo, queste situazioni che ti fanno soffrire sono
sotto il controllo totale del Padre.L’ora non è ancora arrivata. Devi solo agire secondo le tue ispirazioni, niente di più e
niente di meno. È per mezzo di queste situazioni difficili ai
tuoi occhi che vieni formato interiormente e che viene verificata la qualità del tuo “sì”.
Tu cerchi di capire tramite gli avvenimenti esterni, allorchè la risposta si trova dentro di te. Credevi di vedere delle
meraviglie compiersi nei tuoi affari per condividere questo
insegnamento con gli altri; no, le meraviglie che vedi compiersi in te ti permettono di vivere bene gli avvenimenti spiacevoli esterni a te. Questo è quanto dovrai testimoniare agli altri.
Quando questi fatti spiacevoli avranno prodotto in te la
trasformazione desiderata dal Padre, vedrai che queste situazioni si aggiusteranno da sole.
Come l’oro deve passare per il crogiolo, tu dovrai passare per varie sofferenze e difficoltà per diventare questo essere pieno d’Amore in cui il Padre vuole trasformarti.
118
ANNO 1999
Resta nella lode perche così sia. Con il suo Amore tu
diventi l’Amore. Ti amo follemente e teneramente».
14 ottobre, ore 5.15
78. L’INSEGNAMENTO DELLA TUA VITA
Signore Gesù, come mi hai chiesto il 6 gennaio 1997 7, accetto
questa situazione di scacco che sto vivendo nelle due pratiche
di cui ti parlavo ieri, e te ne ringrazio. Io so che Tu sei là per
aiutarmi a risolverle. Ancora una volta, ti offro la mia impotenza ed attendo tutto da Te. Grazie di ascoltare ed esaudire la
mia povera preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, questo scacco che ti sembra totale è e sarà
per te uno dei più importanti insegnamenti della tua vita.
Continua ad agire come un piccolissimo, lasciandoti interamente condurre da Me, tuo Dio.
Ieri ti avevo detto che tu avresti voluto vedere la mia azione nei fatti esterni, mentre tu devi prima di tutto vedere delle
trasformazioni dentro di te. Oggi ti dico che tu avresti voluto vedermi all’opera con delle azioni eclatanti, mentre tu
vedrai solo dei piccoli segni. Avresti voluto vedermi agire
rapidamente, mentre Io agisco lentamente. Mi hai dato la tua
(7) Volume 1, messaggio n. 34.
119
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
volontà, hai riconosciuto la tua impotenza e la tua piccolezza, ma vorresti che Io operassi secondo la tua volontà e che
Io ti dessi le ispirazioni giuste per agire con potenza e forza.
Ciò che soprattutto desideri è che, agendo, Io ti salvi la
faccia perché intorno a te si possa dire: «Léandre aveva ragione fidandosi di Dio». E se il Padre volesse il contrario, il tuo
“sì” sarebbe ancora forte?
Il Padre ti affida una grande missione che tu cominci ad
intravvedere. Più la missione è grande, più è necessario verificare l’autenticità del “sì”. Tu sei sempre totalmente libero,
ed è attraverso questa libertà che passa l’Amore. Quando
l’Amore passa, trasforma, e così tu diventi un essere pieno
d’Amore. Ti amo teneramente e follemente»
Il mio “sì” rimane, poco importa quello che succede. Voglio che
la mia libertà serva per rispondere all’appello del Padre, poco
importa il risultato o gli avvenimenti felici o infelici che siano.
Mi fido di Te totalmente, perché sono sicuro del tuo Amore.
Vieni in mio aiuto affinché il mio “sì” non vacilli mai.
Grazie di tutto, Ti amo.
15 ottobre, ore 5.10
79. È IL PADRE CHE TRASFORMA
Signore Gesù, voglio presentarti questo Centro e le persone,
incontrate ieri, che vi si dedicano e cercano di sapere ciò che Tu
vuoi da loro e da questo Centro.
120
ANNO 1999
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera. Ti
amo.
«Mio piccolissimo, questo Centro esiste perché lo Spirto
Santo lo ha ispirato. E lo stesso Spirito e nessun altro gli indicherà una nuova direzione.
Prima di essere un Centro di evangelizzazione per la mia
Chiesa, deve essere un Centro evangelizzato puramente
secondo il mio Spirito, da un soffio nuovo pieno di Pace, di
Gioia e di Amore, così come lo desidero per la mia Chiesa
interamente rinnovata.
Prima di essere un Centro puramente evangelico, le persone che vi assumono delle responsabilità, persone che ho
scelto e in cui sono incluse quelle che Io chiamo al volontariato o ad offrire il loro aiuto a questo Centro, devono essere esse stesse interamente evangelizzate, cioè trasformate dal
mio Spirito, persone che vivono in grande intimità con Me.
Ognuno deve capire che il Centro non sarà mai migliore
delle persone che lo gestiscono. La trasformazione del
Centro passa per la trasformazione della gente che vi opera.
Nessuna di loro può trasformarsi da sola; solo donando il
proprio “sì” totale, incondizionato ed irrevocabile al Padre,
Egli stesso verrà ad operare questa trasformazione.
Vorrei dire a ciascuna delle persone che operano al
Centro:
Tu sei colui che ho scelto per una bella e grande missione chiamandoti a questo Centro, per l’Amore profondo che
ho per te e che voglio riversare in te, prima di poterlo, tramite te, riversare sugli altri.
121
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Nella misura in cui tu diventi e sei trasformato in un essere pieno d’Amore, questo stesso Amore passa attraverso te
per raggiungere gli altri.
Per diventare, essere e rimanere questo essere pieno
d’Amore non vi è che un unico cammino: quello di alimentarsi direttamente alla sorgente.
Nel suo progetto d’Amore il Padre ha permesso che Io sia
sempre con voi con la mia Presenza Eucaristica. Passando
quindi del tempo, molto tempo, davanti alla mia Santa
Presenza, anche senza dire una parola, voi sarete trasformati.
Nell’immediato questo Centro deve essere un Centro
d’Adorazione dove le persone vengono ad adorarmi. Quanto
maggiore sarà il tempo consacrato all’adorazione, più rapidamente le persone saranno trasformate e più rapidamente
questo Centro diventerà un Centro di Evangelizzazione, non
solo per quel che le persone vi potranno imparare, ma
soprattutto per ciò che diventeranno restando in contatto
con voi, in contatto con esseri pieni d’Amore.
Ecco la bella missione alla quale siete chiamati:
Accogliere l’Amore, diventare l’Amore, espandere
l’Amore.
Se sapeste quanto vi amo! Brucio dal desiderio di riempirvi del mio Amore e d’infiammare tutta la Chiesa col mio
Fuoco d’Amore Fuoco.
Voi diventate l’Amore. Tu diventi l’Amore.
Vi amo teneramente e follemente. Ti amo».
122
ANNO 1999
19 ottobre, ore 4.45
80. LA PURIFICAZIONE ACCOGLIENDO IL MIO AMORE
Mio Buon Papà Celeste, so che tutte le difficoltà e le sofferenze che incontro sono assolutamente indispensabili alla mia
purificazione. Con la tua grazia, accolgo tutto come proveniente direttamente da Te e Te ne rendo grazie.
Grazie perché così è. A tua maggior Gloria Ti offro tutto
per la mia purificazione e per quella di tutti i peccatori del
mondo, e in particolare per i lettori e le lettrici del libro “Per
la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”. Ti amo.
«Mio amatissimo figlio, con il Cuore pieno di gioia accolgo ciò
che Mi offri, Tutto ciò che mi viene offerto è accolto e purificato per essere restituito sulla terra in grazie e benedizioni per
te e per tutte le persone che scelgo in ogni momento.
Sarete sempre più testimoni della purificazione della
terra. Quanto desidero vedere operarsi questa purificazione
tramite l’accoglienza del mio Amore! I “sì” che mi vengono
dati contribuiscono a ridurre al minimo i periodi di tribolazione che sono attualmente necessari per entrare in questa
Società nuova dove regnerà il mio Amore.
Cari piccoli figli del mio Cuore di Padre e di Madre, il
tempo è breve. In tutta fretta venite a gettarvi tra le mie braccia. Se voi sapeste come sono spalancate. Io non guardo nessuna delle vostre mancanze né delle vostre colpe.
Riconoscete che siete peccatori, datemi i vostri “sì”, accogliete il mio Amore. Io Mi incarico del resto con lo scopo di
123
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
guidarvi, sia per ispirazione, sia mettendo sulla vostra via le
persone che saranno strumenti tra le mie mani, sia per gli
avvenimenti che dovrete vivere, affinché la purificazione sia
completa, affinché possiate scoprire la vera libertà dei figli di
Dio e godere della felicità che ho riservato per voi ancor
prima della vostra creazione.
Col mio dito di Creatore, taglio i legami che vi impediscono di gioire di questa libertà che vi ho dato con tanto Amore.
Vi ridò la vostra beltà originaria. È così che termino la
Creazione che ho iniziato, facendo di ognuno dei miei figli
della terra degli esseri pieni d’Amore.
Non vi è che una sola strada, non ve ne sono altre, è con
il mio Amore che si costruirà la nuova Società dell’Amore
che passerà dalla mia Chiesa interamente rinnovata dal mio
Amore, bruciata al Fuoco del mio Amore Fuoco.
È grande la mia gioia, l’ora è arrivata, il mio Cuore è spalancato per accogliervi, per prendervi tra le mie braccia di Padre e
di Madre, per stringervi contro il mio cuore bruciante
d’Amore, perché voi sentiate mormorarvi dolcemente all’orecchio: Io vi amo. Io ti amo, Io ti amo, Io ti amo. Vostro Padre,
tuo Padre».
24 ottobre, ore 3.20
81. IL GRANDE COMBATTIMENTO
Signore Gesù, ti voglio ringraziare per questo grande favore
che ci fai di essere testimoni delle tue opere. Grazie per le belle
124
ANNO 1999
testimonianze che ascoltiamo ogni giorno; grazie per quella che
ho sentito ieri a Quebec.
Ti presento la richiesta di questo ingegnere che desidera
delle informazioni più ampie. Che vuoi che gli dica di più?
Grazie di ascoltare ed esaudire questa preghiera. Ti amo.
«Mio piccolissimo, tu stai solo cominciando ad essere testimone delle mie azioni. Il Fuoco d’Amore che ho acceso in te
diventa sempre più bruciante, e si propaga già ad una velocità altissima. Non devi far altro che lasciarlo fiammeggiare
rispondendo agli appelli che ricevi secondo le ispirazioni che
metto nel tuo cuore.
Per quel che riguarda la domanda particolare di G, quando ti dice: (mi sembra, dopo aver letto il vostro libro, che sia
ben possibile essere tra coloro che sono stati scelti per compiere una bella e grande missione), tu puoi rispondergli così:
Non temere, hai capito bene: voglio confermarti che proprio tu sei stato scelto per compiere una bella e grande missione.
Alle domande che ti fai, cioè di sapere se questa missione
si realizzerà e quando, la risposta è nelle tue mani: dipende
dai tuoi “sì” e dalla qualità dei tuoi “sì”. Perché i “sì” siano
di buona qualità, bisogna saper dire “no” a tutto ciò che è
inconciliabile con i “sì”.
Il “sì” a vivere a livello del tuo cuore non è completo se
non dici “no” al tuo desiderio di sicurezza che aspettavi ed
ancora aspetti, “no” al tuo desiderio di accordare il primo
posto al tuo intelletto ed alle tue facoltà. Questa è la grande
battaglia che stai affrontando ora. Da solo non puoi compie125
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
re questa trasformazione; il Padre attende il tuo consenso
prima di agire.
Questo consenso sarebbe facile se tu sapessi quanto sei
amato. Praticando le due vie, cioè l’accoglienza della tua piccolezza e quella del mio Amore 8 e offrendo i tuoi “sì” al
Padre, si aprirà per te il grande passaggio che ti condurrà alla
tua grande e bella missione.
Tu hai trovato grazia ai miei occhi. Non giocare più a fare
il grande. Accetta di essere piccolissimo affinché Io possa
prenderti tra le mie braccia, stringere il tuo cuore al mio per
riversarvi un fiume di Amore; allora sentirai quel dolce mormorio dentro di te che dice: “Io ti amo”.
Capisci, G., ti amo follemente. Ti amo teneramente».
(8) Estratto dal volume 1, messaggio N. 86:
- Dire “sì” all’Amore, è dire “sì” al Padre per ciò che tu sei, accettandoti tale e quale come
Lui ti ha creato.
- Dire “sì” all’Amore, è anche dire “sì” al Padre per ciò che sono gli altri, accettandoli così
come Dio li ha creati.
- Dire “sì” all’Amore, è anche dire “sì” al Padre per la situazione nella quale ti trovi adesso,
felice o infelice che sia.
- Dire “sì” all’Amore, è anche dire “sì” al Padre per gli avvenimenti che si presenteranno a
te, buoni o meno buoni essi siano.
- Dire “sì” all’Amore, è anche dire “sì” al Padre per la tua impotenza.
- Dire “sì” all’Amore, è anche dire “sì” al Padre a lasciarti trasformare.
- Dire “sì” all’Amore, è anche dire “sì” al Padre a lasciarti spogliare di tutto l’equipaggiamento che hai accumulato su di te: bagagli intellettuali, bagagli di conoscenze, di superiorità,
di immagine, di reputazione, di beni materiali e anche di buone relazioni di amicizia.
- Infine dire “sì” all’Amore, è accettare che una sola cosa sia importante: la Volontà del
Padre, riconoscendo che tutto il resto è senza importanza, senza importanza, senza importanza.
126
ANNO 1999
27 ottobre, ore 3.20
82. VIENI A BERE ALLA SORGENTE
Signore Gesù, ti offro tutti i problemi di ordine materiale che
sto affrontando in questi ultimi giorni.
Ti presento la mia impotenza ed il mio desiderio di essere
in accordo con la logica della tua Volontà, e non con la logica
degli affari, che sono divenuti per me un obbligo che devo
accettare in quanto non vedo altre soluzioni, non essendovi
alcun acquirente.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera.
Attendo tutto da Te. Ti amo.
«Mio piccolissimo, se tu sapessi quanto sono importanti per
te e per la tua specifica missione queste situazioni che ti
dispiacciono.
Questi affari, di nessuna importanza rispetto alla trasformazione del tuo essere interiore, sono necessari ed obbligatori anche per consentirti di lasciarti trasformare secondo il
progetto d’Amore del Padre.
Accogliendo queste situazioni che ti dispiacciono e che
sono esterne a te, tu impari ad accettare te stesso così come
sei con la tua impotenza e con i tuoi limiti. Apprendi anche
ad accettare gli altri, così come sono, con le loro debolezze.
Con questo atteggiamento di accoglienza, unito a quello
di accettare l’Amore che il Padre riversa continuamente in te,
il tuo essere interiore si trasforma. Così tu diventi un essere
pieno d’Amore.
127
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Ognuna delle difficoltà che incontri sulla tua strada ti
obbliga a scendere più profondamente in te per alimentarti
di più o per abbeverarti alla sorgente stessa dell’Amore che
il Padre ha deposto dentro di te.
Beato sei tu di scoprirne la ricchezza. Ricchezza che ti trasforma in un essere nuovo, pieno d’Amore. Tu diventi l’Amore
con il mio Amore. Ti amo follemente e teneramente».
28 ottobre, ore 5.30
83. TI RINGRAZIO DI AVER FIDUCIA IN ME
Signore Gesù, Ti presento questo progetto del video e le persone che hai messo sulla mia strada per la sua realizzazione e, in
particolare, M., che dovrò incontrare di nuovo, per questo progetto, verso la fine della settimana.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Mi pongo
in ascolto per comprendere tutto ciò che vorrai insegnarmi su
questo argomento. Ti amo.
«Mio piccolissimo, ancora una volta, prosegui nella pura
fede. Vedi bene che sono Io che ti ispiro. Sempre Io ho dato
conferma alle tue ispirazioni tramite Elisabeth e le altre persone che ho messo sulla tua strada a questo proposito. Sono
ancora Io che ti mando M. per realizzare questo lavoro.
Non devi far altro che andare avanti e continuerai a
vedermi all’opera, sia al momento della realizzazione di que128
ANNO 1999
sta videocassetta che dopo la sua diffusione.
Per quel che riguarda quello che realizzerò nei cuori, ti
permetterò di intravvederne qualche piccolo segno per confermarti che sono proprio Io che agisco.
Mio caro piccolo, ti ringrazio di aver fiducia in Me e di
continuare ad avanzare senza sapere dove ti porto. Vedi bene
che tu cammini e che sono Io che ti guido.
L’importante per te è sapere che Io sono sempre con te.
Io sono con te ed in te per trasformarti in un essere colmo del
mio Amore, perché ti amo teneramente e follemente».
2 novembre, ore 3.25
84. UN APOSTOLO DAL CUORE DI FUOCO
Signore Gesù, Ti presento J. ed il suo libro, insieme a tutte le
sue difficoltà.
Vieni in suo aiuto,Te ne prego. Se vuoi usarmi per parlargli
mi metto al tuo ascolto.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera. Ti
amo.
«Mio piccolissimo, Mi chino verso di te per dire a J., il mio
amato figlio, queste parole:
Mio piccolo J., tu che ho scelto per essere al servizio del
Padre, non hai esitato a darmi il tuo “sì” e a diventare un mio
discepolo.
129
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Io, il tuo Dio, ti ho guardato, ti ho amato e ti ho scelto.
Tu hai trovato grazia ai miei occhi. Cammino con te. Non
devi temere nulla. Io sono sempre con te.
Tu hai voluto essere uno dei miei discepoli, Io voglio più
di questo per te. Grazie ai tuoi “sì” farò di te un apostolo, un
apostolo dal cuore di fuoco, capace di incendiare una gran
parte dell’universo.
Tu hai creduto di potermi essere utile grazie al tuo sapere ma Io ti dico che è il tuo cuore, questo cuore che, attraverso le tue sofferenze, brucio al Fuoco del mio Amore Fuoco.
DamMi il tuo fardello, scoprirai che il mio giogo è leggero.
Non ti allontanare da Me, tuo Dio, vieni incontro a Me.
Io sono là, dentro di te, nelle profondità del tuo essere. Non
cercarmi in altri luoghi, Io sono in te. La via passa per il tuo
cuore, sempre il tuo cuore, mai per i tuoi talenti, anche se
questi sono importanti nella misura in cui, uniti alle tue
conoscenze, vengono messi al servizio del tuo cuore.
Tu hai lasciato tutto per seguirMi; adesso ti resta solo di
abbandonare le tue capacità ed il tuo sapere affinché il cuore
d’apostolo che ti ho dato occupi sempre e ovunque il primo
posto. Riconosci di essere piccolo. Soprattutto, riconosci ed
accetta che Io ti ami. Sì, J., mio piccolo J., Io ti amo. Ti amo
teneramente e follemente.
Ogni volta che incontrerai una difficoltà, ripeti nel tuo
cuore: poiché l’Amore mi ama, io divento l’Amore. Sentirai
la mia Presenza e sarai sempre più appagato.
Tu diventi l’Amore. Che vuoi più di questo? Te lo dico
ancora una volta, perché fai fatica ad accettarlo:
Ti amo teneramente e follemente».
130
ANNO 1999
4 novembre, ore 3.00
85. UN’OSSERVAZIONE BEN ACCOLTA
PRODUCE SEMPRE LA LUCE
Spirito Santo e Signore, tu che sei stato mandato per essere la
Luce del mondo, vieni ad illuminarmi a proposito delle diverse osservazioni che mi vengono fatte da una settimana circa.
Due persone mi dicono che le difficoltà che incontro in certe
situazioni di affari rivelano la mia debolezza in questo campo
e che dovrei quindi affidare la gestione dei miei affari a qualcun altro.
Un’altra persona mi indica che i discorsi che faccio, quando
incontro dei gruppi, sono troppo strutturati, tecnici, razionali,
non a livello del cuore. Lei dice che il non voler parlare di me
rivela una falsa umiltà; essendo l’umiltà la verità.
Una quarta mi dice che, quando utilizzo il “Voi” parlando
con Il Signore, non sono nella linea di pensiero del Vaticano II
che chiede di usare il “Tu” per una maggiore intimità, allorchè
io, pur usando il “Tu” nelle mie preghiere verbali, l’ho trasformato in “Voi” scrivendo,giudicandolo più rispettoso.
Un’ultima persona mi ha invitato a chiedere la conferma
del Signore prima di lasciare circolare i messaggi che sono
seguiti alla pubblicazione del libro.
Spirito Santo, vieni a farmi luce affinché io diventi uno
strumento docile tra le mani del Padre e affinché il mio orgoglio non mi sia di ostacolo..
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera.
Ti amo.
131
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
«Bambino amatissimo del Padre, continua a chiedere tutto e
ad aspettarti tutto da Dio.
Queste osservazioni servono, come primo risultato, ad
accrescere la tua umiltà. Accetti facilmente o difficilmente di
farti mettere in discussione? Sei aperto o chiuso a questo tipo
di critiche? Sei pronto a riconoscere i tuoi errori? Sei pronto
a correggerli?
Perché tu possa essere totalmente nella luce, è necessario
ed obbligatorio accogliere con gioia queste osservazioni, giuste o sbagliate che siano. Una osservazione ben accolta produce sempre la luce. Se è vera, permette di correggersi. Se è
falsa, favorirà una maggior presa di coscienza su ciò che deve
essere fatto in tutta chiarezza.
Un’osservazione non accolta impedisce la via alla luce. È
come una porta chiusa che non permette di vedere cosa c’è
dall’altro lato.
Per quel che riguarda le risposte alle domande che ti poni
in seguito a queste osservazioni, sii certo che quando il tuo
cuore è ben aperto ad accogliere la risposta, poco importa la
direzione, la luce ti sarà data in abbondanza, nel tempo deciso dal Padre.
Rimani in pace. Diventando l’Amore entri nella luce: la
porta d’ingresso è l’umiltà. Beato sei tu di scoprirla e di aprirla.
Insieme al Padre che ti riempie del suo Amore per i Cuori
di Gesù e Maria, Io, Spirito Santo, t’inondo di Luce.
E così tu diventi un essere di Luce e di Amore.
Sei teneramente e follemente amato».
132
ANNO 1999
9 novembre, ore 2.10
86. DEI “SÌ” VENGONO DATI AD OGNI ISTANTE
«Mio piccolissimo, l’ Amore che in questo momento ti conduce, condurrà una moltitudine di anime. Sono le anime che
si lasciano guidare, che hanno dato i loro “sì” senza alcuna
restrizione nè condizione. Ogni momento del giorno o della
notte vengono dati dei “sì”. Grazie a questi “sì” totali ed irrevocabili, una infinità di persone si mette in cammino ed
entrano in questo grande passaggio che le conduce
all’Amore.
In questo grande passaggio della purificazione che li prepara a venirmi incontro, tutti dovranno vivere dei momenti di
tribolazione e di giubilo. Molti provano paura e timore perché
si vedono in una strada nuova che non sanno dove li porta.
Tramite te, Io voglio,in questo momento, raggiungerli
nell’Invisibile – ed in seguito nel visibile – dicendo loro così:
Tu che sei stato scelto dal Padre prima ancora del tuo
concepimento, che sei stato creato da un grido d’Amore di
tuo Padre, mio Padre, nostro Padre e del Quale hai sentito
l’Amore nel momento della tua creazione, non aver paura dei
“sì” che hai offerto all’Amore.
Il passaggio nel quale ti senti impegnato – a meno che tu
dica “no” e ritorni indietro – ti conduce alla pienezza dell’Amore, questo stesso Amore che tu hai sentito per un istante nel momento della tua creazione. Adesso, tu potrai viverlo per periodi sempre più lunghi e sempre più frequenti, con
una intensità sempre più forte.
133
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Offri le tue paure alla Misericordia del Padre. Non provengono da Lui, sono infondate perché tu ti stai dirigendo
verso quella felicità alla quale aspiri dal momento in cui sei
stato creato. Questa felicità si trova all’interno di te, man
mano che ti lasci trasformare dall’Amore, per divenire tu
stesso l’Amore. Beati e beate siete voi di essere così colmati
accogliendo il mio Amore. Tu diventi l’Amore.
Ti amo teneramente e follemente. Vi amo».
12 novembre, ore 5.00
87. PROSEGUI NELLA PURA FEDE
Signore Gesù, voglio ringraziarTi, renderti lode per Padre
David, che hai messo sulla mia strada come accompagnatore,
guida e consigliere per l’avvio delle Comunità d’Amore e di
Compartecipazione, (così come vengono presentate nell’allegato 1), e per altre svariate grazie.
È stato un aiuto preziosissimo per me: sono addolorato al
pensiero che deve ritornare al suo paese molto presto. Affido al
tuo Cuore il desiderio di organizzargli una festa per testimoniargli il nostro apprezzamento ed il nostro amore. Puoi mettere nel cuore di qualcuno il desiderio di aiutarmi o di occuparsi dell’organizzazione di questa piccola festa, e farci conoscere
il tuo volere sia nel contenuto che per il luogo ed il giorno di
questo avvenimento?
Grazie di ascoltare ed esaudire questa preghiera. Ti amo.
134
ANNO 1999
«Mio piccolissimo, tu devi sempre proseguire nella pura
fede, senza sapere in anticipo dove ti conduco.
Sì, sono proprio Io che ho deposto nel tuo cuore questo
desiderio. Quando metto un desiderio in un cuore e questo
viene accolto, Io agisco.
Rimani attento a ciò che continuerò ad ispirarti attraverso gli altri, attento alle porte che chiuderò ed a quelle che
aprirò. Ascolta e rimani nel mio Amore.
Vi amo teneramente e follemente. Ti amo».
17 novembre, ore 4.15
88. VERSO QUESTA CHIESA NUOVA,
TUTTA BELLA, TUTTA PURA
«Sono io, Santa Gertrude, che sono stata incaricata dal Padre
per ispirarti a scrivere quanto segue:
La Chiesa che avete conosciuto cade a pezzi e continuerà
a crollare pezzo dopo pezzo per fare spazio a questa nuova
Chiesa che sarà tutta bella e tutta pura, senza rughe nè niente di simile.
Ora, questa nuova Chiesa sta crescendo a grande velocità. Questo cambiamento si verifica nell'Invisibile, ma ci è
dato di essere testimoni della trasformazione dei cuori, resa
possibile da:
- l’accoglienza dell’Amore che il Padre vi depone;
- diventando degli intimi con i Cuori di Gesù e Maria;
135
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
- ispirati dallo Spirito Santo;
- in comunione con il Santi e le Sante del Cielo e della
Terra; sotto la protezione costante dei Santi Angeli.
Nessun essere vivente su questa terra potrà vantarsi di aver
ricostruito la Chiesa nuova. Non si tratta di un’iniziativa
umana ma bensì di un’iniziativa divina. Questa iniziativa
divina può essere accelerata solo da una docile accoglienza.
L’accoglienza, prima di tutto, viene dai “sì” senza condizioni
ed irrevocabili; dalla preghiera e dalla pratica dei sacramenti, principalmente quello dell’Eucarestia; dai lunghi momenti di intimità con il Signore per lasciarsi trasformare da Lui.
Un cuore, una volta trasformato, diventa uno strumento tra
le mani del Padre per trasformarne altri.
Non cercate di essere o diventare questo strumento da
soli, non ci riuscirete, solo il Padre può agire in voi e compiere questa trasformazione.
Se il Padre mi ha incaricato di ispirarti, è per confermarvi che i Cieli sono aperti e che i Santi del Paradiso hanno
l’Ordine di agire adesso e prontamente sulla terra, come mai
prima d’ora, perché il tempo è poco.
Il Grande Ritorno di Gesù è previsto per molto presto.
La grande preparazione si compie cominciando dai cuori che
si lasciano trasformare.
Beato sei tu di appartenere a questo gruppo.
Attraverso l’Amore, tu diventi l’Amore».
136
ANNO 1999
24 novembre, ore 2.20
89. CIÒ CHE FA DI TE UN APOSTOLO
«Mio piccolissimo, il mondo nel quale vivete sarà trasformato. Il Padre sta preparando questo nuovo mondo. Sceglie
molte persone per prepararle ad assumere delle responsabilità in questo nuovo mondo e diventare delle guide per gli altri.
Il Padre David è uno dei suoi scelti. Ha lasciato il suo
paese per ricevere una formazione e vivere delle esperienze
concrete, che gli permettono di integrare in sè le basi che
favoriranno l’accoglienza di ciò che il Padre, nel suo piano
d’Amore, vuole trasmettergli direttamente, facendo di lui un
apostolo dal cuore di Fuoco, bruciato al Fuoco del suo
Amore Fuoco. Voglio quindi dirgli quanto segue:
Mio amatissimo David, tu che ho scelto e messo da parte,
ti sto preparando ad una bella e grande missione. Non credere che la tua formazione sia terminata, è appena cominciata.
A partire da oggi, tu non avrai che un solo ed unico
Maestro, Professore, Formatore, Guida ed Educatore: sono
Io, il tuo Dio. Dovrai quindi consacrarmi molto tempo, ogni
giorno, per ascoltarmi.
Solo a solo con Me ti trasmetterò, ogni giorno, ciò che ti
serve per compiere la tua missione. Ricordati che non è il tuo
sapere che fa di te un apostolo, ma bensì ciò che tu sei.
Io, tuo Dio, sono nella tua interiorità profonda. È sempre
là che ti do appuntamento affinché noi due possiamo diventare sempre più intimi e perché tu percepisca sempre più il
mio Amore.
137
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
David, tu che sei tanto amato da Me, non giocare a fare il
grande. Resta piccolo, ancora e sempre più piccolo perché Io
possa, senza fine e sempre di più, riversare in te il mio
Amore.
Voglio fare di te la mia reale dimora, sempre e dappertutto.
I consensi che continuamente Mi dai ti renderanno sempre più testimone del fatto che sono proprio Io che vivo,
parlo e agisco in te. Sempre più meravigliato, vedrai la mia
opera in te, intorno a te e attraverso te. Insieme, stiamo
cominciando una nuova vita amorosa, vita di comunione,
contagiosa per ogni persona che si avvicinerà a te.
Beato sei tu, David, figlio prediletto secondo il mio
Cuore. Tu diventi l’Amore. Facendoti piccolo, accetta che Io
ti dica all’orecchio: tu sei il mio scelto, Io ti amo. Ti amo
teneramente. Ti amo follemente».
26 novembre, ore 22.45
90. TU NON DEVI CAPIRE, TU DEVI BENEDIRE
Signore Gesù, questa sera sento il bisogno di mettermi al tuo
ascolto perché Tu mi aiuti a capire ciò che sto vivendo ora, ed
a dissipare le preoccupazioni che provo. Grazie di ascoltare ed
esaudire la mia preghiera.
«Mio piccolissimo, tu non devi capire cio che stai vivendo, tu
devi accettarlo, tu devi benedire il Padre per questa situazio138
ANNO 1999
ne. Capirai molto più tardi. Non devi temere nulla, tu hai
dato il tuo “sì” e lo ridoni regolarmente. Sai di aver trovato
grazia ai miei occhi e che Io mi occupo dei minimi dettagli
della tua vita.
Le preoccupazioni non vengono da Me. Quando entri
dentro di te ed accogli l’Amore che il Padre effonde in te, in
quel momento si effettua la trasformazione del tuo essere. Tu
diventi l’Amore. Ti amo follemente e teneramente».
5 dicembre, ore 3.10
91. LA VITA SENZA DI ME NON HA SENSO
Signore Gesù, Ti presento la situazione difficile di B. e di R,.
unitamente a tutte le coppie che vivono delle situazioni simili.
Vieni in loro aiuto; manda in abbondanza il tuo Spirito sopra
di loro; fai esplodere la potenza del loro sacramento matrimoniale; guarisci le loro ferite, apri i loro occhi affinché scoprano
la potenza del tuo Amore.
Grazie di ascoltare ed esaudire questa povera preghiera.
Rimango al tuo ascolto e Ti amo.
«Mio piccolissimo, la vita senza di Me non ha senso, Io sono
il centro dell’Amore. Io sono l’Amore. Il Padre Mi ha affidato la missione di espandere il suo Amore sulla terra. In questi tempi che sono gli ultimi, tutti devono scoprire la realtà e
verità di questo.
139
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Molti credono che, con i propri mezzi o con altri, al di
fuori di quelli che ho affidato ai miei Apostoli e che la mia
Chiesa ha trasmesso, possono raggiungere la felicità. Si sbagliano, lasciano il certo per l’incerto. Intraprendono il cammino della sofferenza e delle tenebre. Poiché non sono nella
luce, le tenebre gli impediscono di vedere il loro smarrimento ed essi tendono a perdersi sempre di più, nella speranza di
riuscire a costruire la propria felicità da soli.
La sofferenza è presente per far loro scoprire di non essere
sulla buona strada. Alcuni, quando cominciano a vivere nella
sofferenza, vengono a gettarsi tra le mie braccia per scoprirvi
che Io sono la Via, la Verità e la Vita. Altri, influenzati dal
modo di pensare del mondo, persistono su questa falsa strada
e solo dopo numerose sofferenze accettano di venire a Me.
Ad ogni persona, e a lei sola, essendo un essere libero,
tocca decidere il proprio orientamento. Voglio peraltro servirmi di te per dire a B e ad R. quanto segue:
Bambini del mio Cuore,
- Voi che ho scelto prima del vostro concepimento per
riempirvi del mio Amore;
- Voi che ho unito con il sacramento del matrimonio per
ricevere e dare questo Amore;
- Voi che ho colmato in tanti modi diversi;
- Voi che Io inseguo continuamente per trasmettervi questo Amore;
- Voi che ora soffrite perché vi siete allontanati da Me,
Non cercate, con i vostri propri mezzi o con quelli del
mondo, di costruire la vostra felicità: non ci riuscirete.
140
ANNO 1999
Venite a gettarvi immediatamente tra le mie braccia.
Riconoscete la vostra impotenza ed i vostri limiti.
Riconoscete che Io, Gesù, sono il vostro Salvatore e non
ve ne sono altri.
Riconoscete che Io vi amo di un Amore molto più grande di quello che potete accogliere presentemente.
B., accetta questa situazione senza capire. DamMi tutto e
sarai testimone del mio agire in te, intorno a te, e tramite te.
R., senza che tu lo sappia, sono Io, il tuo Dio, che stai cercando. Io sono in te, nelle profondità del tuo essere.
L’amore che desideri non può venire che da Me, e la persona che ho scelto per trasmettertelo è B. Non cercare altrove.
Se tutti e due voi sapeste quanto vi amo, verreste a gettarvi tra le mie braccia e la vostra vita cambierebbe. Oltre a
vivere una nuova felicità, diventereste dei testimoni del mio
Amore. Ricevete il mio Bacio di Tenerezza, di Misericordia e
di Amore. B., ti amo così come sei.
R., ti amo così come sei. Vi amo tutti e due».
10 dicembre, ore 4.55
92. L’AMORE È ALL’OPERA A VOSTRA INSAPUTA
«Mio piccolissimo, l’Amore che occupa sempre più spazio
dentro di te ed in una moltitudine di cuori che hanno dato il
loro “sì” è continuamente all’opera, ma molto spesso senza
che lo sappiate.
141
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Non è importante che voi ne siate o non ne siate coscienti. Ciò che importa è che la trasformazione si realizzi.
I mezzi usati dal Padre sono molto diversi da quelli che
voi potete immaginare e concepire. E variano molto da una
persona all’altra. Lui solo sa ciò che ognuno ha bisogno di
vivere, di capire e di ricevere come ispirazioni o altro, affinché la trasformazione si realizzi in pienezza nelle profondità
dell’essere.
Solo quando questa trasformazione è ben stabilita la persona constata il cambiamento, sia perché non ha lo stesso
genere di comportamento che aveva prima, o sia perché non
giudica più le persone o gli avvenimenti nello stesso modo.
Ecco un esempio tra molti altri: quando riceve una testimonianza di riconoscenza ed apprezzamento – per le quali in
passato aveva la tendenza ad inorgoglirsi o a rifiutarle –, oggi
constata che può accettarla per offrirla al Padre. Invece di
gonfiarsi d’orgoglio, la circostanza le consente di approfondire di più l’umiltà.
Una persona può verificare e comprendere la trasformazione avvenuta dentro di sè solo attraverso le proprie esperienze di vita.
Beati e beate siete voi di vivere questa trasformazione
mentre siete ancora su questa terra e prima che avvengano i
grandi avvenimenti, previsti per molto presto.
Poiché l’Amore vi ama, voi diventate l’Amore, perché
siete amati teneramente e follemente.
Io vi amo. Io ti amo».
142
ANNO 1999
11 dicembre, ore 3.30
93. IL REGNO DI DIO È MOLTO VICINO
«Mio piccolissimo, miei bambini amatissimi, siate nella gioia
e nell’allegria; alzate la testa perché il Regno di Dio è vicinissimo. Solo un piccolo velo vi impedisce di vedere questo
Regno.
La trasformazione del vostro essere vi prepara a questa
grande entrata. La porta d’ingresso è il vostro cuore. Ciò che
apre questa porta sono i vostri “sì” irrevocabili e senza condizioni.
Sono Io che ho la missione di aprire questa porta. Ciò che
favorisce l’apertura è il tempo che Mi consacri per restare da
solo con Me. Durante questi lunghi momenti d’intimità che
viviamo insieme si compie la trasformazione con l’Amore che
il Padre ha riversato in Me e che si riversa in te.
Ciò ti fa diventare un essere pieno d’Amore. Sono questi
esseri pieni d’Amore che hanno l’incarico di accogliermi al
mio Grande Ritorno, che avverrà molto presto.
In quel momento il velo cadrà, farete esperienza del mio
Amore. Voi Mi vedrete. Scoprirete quanto siete amati e il
significato di ciò che vi sto ripetendo da molto tempo:
Io vi amo»
143
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
17 dicembre, ore 3.00
94. IL PADRE HA PREVISTO TUTTO
«Mio piccolissimo, voi siete sempre più prossimi a dei grandi avvenimenti che vi condurranno all’interno di questa
nuova Società, guidata da una nuova Chiesa, che sarà interamente rinnovata.
Non abbiate paura, perché tutti questi avvenimenti
saranno sotto il controllo del Padre. Egli ha previsto tutto;
nessun dettaglio Gli sfuggirà.
Voi siete già testimoni della sua azione. Vedete bene che
Egli agisce in una moltitudine di cuori. Più vi sono cuori che
hanno dato il proprio “sì” a diventare intimi con il Signore,
più altri cuori vengono chiamati, danno il loro “sì” e sono
trasformati.
Questo è il grande processo che vi conduce e vi permette di entrare in questa Società nuova.
I grandi avvenimenti interpelleranno con maggior forza i
cuori più induriti e purificheranno ancor più quelli che sono
già impegnati su questo cammino di purificazione.
Mentre vivrete questa purificazione tramite le tribolazioni, sarete sempre più nel gaudio, che molti già hanno iniziato a sentire e sempre più sentiranno man mano che si compie la purificazione .
Vi invito ad accogliere nel vostro cuore questo gaudio che
vi da una speranza nuova ed una forza senza precedenti per
affrontare le tribolazioni e la purificazione.
Poco a poco scoprirete la bellezza, la grandezza, la lar144
ANNO 1999
ghezza, l’altezza e la profondità dell’Amore infinito del
Padre. Scoprirete l’Amore mentre Lui vi trasforma. Così
come un buon cibo si scopre mangiandolo, scoprirete
l’Amore lasciandoGli occupare tutto lo spazio dentro di voi.
Beati e beate siete voi di essere così vicini al traguardo e di
sentirne già gli effetti o di essere sul punto di sentirli. È così
che diventate l’Amore.
Vi amo teneramente e follemente. Ti amo».
21 dicembre, ore 3.30
95. LA TUA SOFFERENZA SARÀ TRASFORMATA IN GIOIA
Signore Gesù, questa notte voglio presentarti le sofferenze di
mio fratello A e della sua sposa, J. Da un lato: la paralisi che
affligge mio fratello e, dall’altro, il pesante compito che incombe
sulla sua sposa di prodigargli tutte le cure che la situazione esige.
Ti prego affinché queste sofferenze non siano inutili, ma che
siano benefiche per loro, per la loro famiglia e per tutte le persone che si trovano in una situazione simile.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera. Ti
amo.
«Mio piccolissimo, accolgo la tua preghiera per presentarla
al Padre, insieme a tutte le persone che Mi raccomandi, in
primo luogo quelle di cui parli oggi. Voglio dire a tuo
fratello questo:
145
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
A., figlio amatissimo del Padre, tu che sei stato scelto dall’inizio della tua vita di adulto per farmi conoscere ed amare;
tu che hai risposto alla chiamata dedicando più di un anno
della tua vita a questa missione che ti era stata affidata, non
temere. Accogli la Misericordia e l’Amore del Padre. La mia
Santa Madre ti porta tra le sue braccia di Madre e
Mediatrice, Lei intercede continuamente per te.
Le tue sofferenze sono presentate al Padre per essere trasformate in grazie e benedizioni su di te e sui tuoi, su tutti
coloro che tu mi raccomandi e che sono in una situazione
simile alla tua.
J., ricordati di questa parola: “Tutto ciò che fate ad uno
dei miei, voi lo fate a Me.”
Poco importa il passato, quando è offerto alla Misericordia del Padre viene cancellato.
Il futuro è tra le mani di Dio. Ciò che conta per te è il
momento presente. Accettando di essere e rimanere al servizio
del tuo sposo paralizzato, di prodigargli tutte le cure necessarie e di farlo con Amore, tu esegui la Volontà del Padre.
In questo momento stai vivendo il periodo più importante della tua vita. La tua sofferenza si trasformerà in gioia. La
tua prigionia si tramuterà in grande libertà interiore. La tua
pena sarà trasformata nello sbocciare del tuo essere.
Beati siete voi di vivere un così bel periodo di purificazione e di santificazione. Essendo ridotti all’impotenza, state scoprendo il più bello ed il più importante dei tesori, che prima
era nascosto dentro di voi. Questo tesoro è il vero Amore, è
la scoperta di essere profondamente amati dal Padre e capaci
di accogliere il suo Amore per esserne trasformati.
146
ANNO 1999
Quando il vostro giogo diventa troppo pesante, datelo a
Me. Vedrete che il mio fardello è leggero. Venite a gettarvi
tra le mie braccia. Sono spalancate per accogliervi, per stringervi contro il mio Cuore e dirvi:
A., ti amo così come sei. J., ti amo così come sei.
Vi amo teneramente e follemente».
22 dicembre, ore 2.10
96. È LA MIA CHIESA, NON LA TUA
«Mio piccolissimo, ti chiedo di proseguire sempre e solo
nella pura fede. Questa notte voglio servirmi di te per una
missione molto particolare, e ti chiedo di riferire ciò che
segue a Padre P: Vedo bene che esiti e che vorresti farne a
meno. Grazie di continuare a scrivere senza sapere quello
che ti detterò. Voglio dire a P. quanto segue:
P., figlio mio amatissimo, ti ho scelto molto prima del tuo
concepimento per affidarti una bella e grande missione
all’interno della mia Chiesa. Ti ho preparato fin dal seno di
tua madre per essere uno dei miei figli di predilezione più
vicini al mio Cuore. Tu hai risposto alla mia chiamata con
generosità e te ne ringrazio.
In questi tempi che sono gli ultimi, mi servo di un piccolissimo strumento, un laico, per dirti quanto sei prezioso per
Me, tuo Dio. Se tu sapessi l’Amore che ho per te e per la missione che ti ho affidato.
147
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Con il Grande Giubileo che sta per cominciare, voglio
riversare un soffio nuovo, uno spirito
Nuovo. Voglio prendere sulle mie spalle il fardello che
porti in questo momento. Ricordati che questa Chiesa non è
la tua Chiesa, ma la mia.
Tu puoi ben testimoniare che Io sono un Dio che agisce.
Ciò che compio in piccolo dentro dei gruppi ristretti o in
certi ambienti, posso compierlo dappertutto e in tutti i livelli della mia Chiesa.
Io solo posso realizzare, agendo nei cuori, ciò che tu desideri per questa Chiesa che ti ho affidato e per la quale lavori con tanto ardore.
Io ricostruisco i cuori durante i lunghi momenti d’intimità con Me davanti alla mia Santa Presenza.
Tu che sei affaticato, vieni più spesso e più a lungo a riposarti davanti alla mia Santa Presenza. Più tempo passerai
davanti a Me, più sarai testimone della mia Presenza operante in te, attorno a te e tramite te.
Sei tu che ho scelto per ridare una nuova bellezza alla mia
Chiesa; è attraverso te che voglio passare.
Aspetto la tua risposta! Con il tuo “sì” vedrai che agirò
rapidamente, perché il tempo è breve. Una infinità di anime
beneficeranno di questo “sì”. Non temere, tu hai trovato grazia ai miei occhi e Io sono sempre con te.
Ti amo follemente e teneramente».
148
ANNO 1999
27 dicembre, ore 4.00
97. VIENI A RIPOSARTI SUL MIO CUORE
Signore Gesù, ti presento la signora T., e la sua lettera che testimonia ciò che stai compiendo in lei, insieme alla domanda che
mi ha fatto.
Grazie di ascoltare ed esaudire la sua richiesta e la mia. Ti
amo.
«Mio piccolissimo, accolgo questa domanda per presentarla
al Padre. Questo è quanto voglio dire a T.:
T., bambina cara del Padre, ricolmata dal suo Amore e
ancor più in questi ultimi tempi, ti invito a fermarti più a
lungo ad ascoltarmi. Devi avere più fiducia nelle risposte che
metto nel tuo cuore.
Tu che sei stata scelta per espandere il mio Amore su questa terra, devi dedicare più tempo, molto più tempo a diventare intima con Me. In questi lunghi momenti d’intimità Io
riverserò nel tuo cuore l’Amore che il Padre riversa continuamente nel mio. Accogliendo il mio Amore, diventerai un
essere pieno d’Amore e sarai testimone di ciò che realizzerò
attraverso te, dopo aver visto ciò che ho realizzato in te.
Il mio Cuore brucia d’Amore per te. Non perdere tempo
a guardarti. Volgi il tuo sguardo verso di Me, tuo Dio. Non
temere, tu hai trovato grazia ai miei occhi.
Vieni a riposarti sul mio Cuore. Accogli il mio Amore,
diventerai l’Amore perché ti amo follemente e teneramente».
149
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
29 dicembre, ore 5.20
98. ACCETTARE DI CONSACRARE DEL TEMPO A DIO
«Mio piccolissimo, l’Amore che ricevete nei vostri cuori, in
questi tempi che sono gli ultimi, è di una potenza che supera tutto quanto potete immaginare.
- L’Amore, quando viene accolto in un cuore, vi stabilisce
la sua dimora.
- L’Amore trasforma il cuore e la persona per renderla trasparente dell’Amore di Cristo.
- L’Amore trasforma, attorno a questa persona, le altre persone.
- L’Amore trasforma anche gli avvenimenti che accadono
intorno a questa persona.
- L’Amore trasforma utilizzando questa persona per delle
missioni sia nel visibile che nell’Invisibile.
- L’Amore trasforma, tramite questa persona, sia che ella
ne sia cosciente o no.
- L’Amore colma i cuori di Pace, di Gioia e di Amore.
Ecco, in breve, ciò che produce l’Amore quando viene accolto in un cuore. È accolto quando la persona riconosce la propria piccolezza per lasciargLi lo spazio necessario per agire.
È pienamente accolto quando la persona accetta di scomparire, rinunciando a se stessa per permettere all’Amore di
occupare tutto lo spazio, di dirigere i suoi pensieri, i suoi
desideri e le sue azioni.
150
ANNO 1999
Perché sia totalmente accolto, è importante consacrare
dei lunghi momenti di preghiera, di contemplazione, per
entrare in grande intimità con il Signore. Accettare di consacrare del tempo, molto tempo a Dio,
In altre parole, rallentando, la persona permette
all’Amore di attivarsi in lei, intorno a lei e tramite lei.
Benedite il Padre che così sia e vivete pienamente questi
momenti di grazie eccezionali che fanno di voi degli esseri
d’Amore.
Voi diventate l’Amore. Tu diventi l’Amore.
Ti amo follemente e teneramente».
151
2000
4 gennaio, ore 2.40
99. IL PASSAGGIO ALL’ANNO 2000
Grazie Signore Gesù, per la grande protezione che hai concesso a tutta la terra in occasione del passaggio all’anno 2000.
Ti presento l’umanità che attribuisce questa situazione al
proprio saper fare ed alle proprie conoscenze e che si dimentica di ringraziarTi. Molti hanno scordato di volgersi a Te, quando il principale avvenimento del momento era proprio il tuo
Anniversario. Molti hanno dato la precedenza ai festeggiamenti mondani e terra terra. Grazie per la tua grande tolleranza e
Misericordia. Sono al tuo ascolto. Ti amo.
«Mio piccolissimo, avete vissuto delle grandi celebrazioni in
occasione del cambio di millennio; non si tratta che di un
cambio di cifre nella compilazione degli anni. Ciò che importa non è la data che scrivete su di un calendario ma quello
che avviene nella vostra interiorità.
Voi siete i miei scelti per essere alla base del grande rinnovamento che è prossimo, vi chiedo con molta insistenza di
non lasciarvi distrarre dagli avvenimenti esterni di cui sarete
testimoni. Non sono questi avvenimenti, nè l’importanza che
gli viene attribuita dalla gente, che devono attirare l’attenzio153
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
ne, ma solo la trasformazione dei cuori. Un solo ed unico
cuore trasformato dall’Amore è più importante, agli occhi del
Padre, di tutti gli avvenimenti esterni. È un piccolo “sì” sincero dato al Padre che innesca il processo di trasformazione.
Da solo, il “Sì” della mia Santa Madre, il suo gioioso “Fiat”,
ha marcato il corso della storia di salvezza dell’umanità!
Ogni piccolo “sì” sincero ha una grande ripercussione
sugli avvenimenti in corso. Il suo effetto si realizza dapprima
nell’Invisibile per diventare progressivamente visibile.
Dovete guardare agli avvenimenti esterni come il risultato dei “sì” che vengono dati o come delle richieste a dare dei
“sì” senza condizioni ed irrevocabili. Più sarete numerosi a
dare i vostri “sì”, più potrete vedere l’azione del Padre.
Beati e beate siete voi di essere o di star diventando degli
strumenti così importanti nelle mani del Padre per costruire
questo Mondo nuovo, pieno d’Amore.
Riconoscete di essere profondamente amati dal Padre per
diventare a vostra volta degli esseri pieni d’Amore.
Vi amo teneramente e follemente. Ti amo».
6 gennaio, ore 5.05
100. LA PRIORITÀ DELLE PRIORITÀ
«Mio piccolissimo, è sempre restando ad ascoltarmi che scoprirai, poco a poco, ciò che il Padre vuole da te.
La tua missione principale rimane nell’Invisibile. È im154
ANNO 2000
portante che tu non dimentichi questo punto di vista, anche
se sei sempre di più testimone dell’azione del tuo Dio; ciò
potrebbe farti credere che la tua missione sia visibile, allorchè quello che appare non è che un piccolo riflesso di ciò che
avviene nell’Invisibile.
Non bisogna invertire le cose ed arrivare a credere che
ciò che succede visibilmente sia quello a cui bisogna dare la
priorità. La priorità delle priorità rimane ciò che avviene
nell’Invisibile, sia la profonda relazione intima che c’è tra
Me e te, sia la trasformazione del tuo cuore e di tutto il tuo
essere.
Ancorato sulla via di questa trasformazione sempre in
movimento, il Padre ti affida delle piccole missioni visibili,
che agli occhi del mondo possono sembrare enormi, pur
essendo in realtà piccolissime; ma grazie all’ampiezza dell’intervento nell’Invisibile “riguardo alla preparazione dei
cuori”, il risultato visibile può sembrare eclatante, pur rappresentando la missione visibile una parte minima.
Resta al mio ascolto e sii sempre più attento a ciò che ti si
presenta nello svolgersi degli avvenimenti e riguardo alle persone che il Padre mette sulla tua strada per farti scoprire e
comprendere ciò che vuole da te. Tieni presente nel tuo
cuore e nel tuo spirito ciò che è prioritario e ciò che è secondario.
Tu sai bene ciò che è prioritario: che tu accolga il mio
Amore, che tu diventi l’Amore per espandere il mio Amore.
Ti amo follemente e teneramente».
155
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
9 gennaio, ore 2.15
101. LASCIA CHE IL TUO DIO AGISCA IN TE
«Mio piccolissimo, la Pace, la Gioia, l’Amore del Padre siano
con te. Ecco quel che ti inabiterà ogni volta che discendi
nelle profondità del tuo essere.
Tu hai appena cominciato a gustare questa Pace, questa
Gioia e questo Amore del Padre e non finirai mai di scoprire la bellezza, la bontà, la dolcezza, la serenità, la confidenza
e la potenza che sono all’interno di questa Pace, Gioia ed
Amore, oltre a molte altre qualità che ti verrà concesso di
scoprire, dopo aver dato il tuo grande “sì”, molti piccoli “sì”
e molti “no”.
La grande scoperta non può avvenire che durante i lunghi momenti d’intimità con Me, uniti a dei brevi momenti
d’intimità appena hai un istante per ritrovarti solo con te
stesso, poco importa dove sei o quello che devi fare.
Questa trasformazione, già iniziata, continuerà a meno
che tu non la blocchi volontariamente. Ciò che ne determina
la qualità o la profondità è la tua disponibilità ad accogliere
e a permettere che il tuo Dio agisca in te. È sempre attraverso la tua piccolezza e la tua impotenza che Egli agisce con
potenza e forza.
Così voi diventate e tu diventi un essere d’Amore.
Poiché l’Amore ti ama, tu diventi l’Amore.
Ti amo follemente e teneramente».
156
ANNO 2000
10 gennaio, ore 3.55
102. MISSIONARI SENZA FRONTIERE
«Mio piccolissimo, voglio rivolgermi a tutti i missionari.
Tu, che Io ho scelto per una bella e grande missione,
ricordati che il mio più grande desiderio nei tuoi confronti è
l’intimità che abbiamo insieme: tu con Me, Io con te; tu in
Me, Io in te.
- Grazie di avermi dato il tuo consenso.
- Grazie di riconoscere la tua piccolezza.
- Grazie di accogliere l’Amore che il Padre effonde continuamente nel tuo cuore.
- Grazie di essere e di diventare, sempre di più, un piccolo
fattorino del mio Amore.
- Grazie di testimoniare agli altri ciò che ho compiuto in te,
intorno a te e tramite te.
- Grazie di accettare di essere rifiutato e respinto per offrire tutto al Padre.
- Grazie di accogliere le testimonianze di riconoscenza, di
gratitudine e di apprezzamento per offrire tutto al Padre.
Una sola anima che si salva grazie a te, non solamente assicura la tua salvezza, ma ti offre un posto più bello nel mio Regno.
Tu pensi di essere stato colmato da questa intimità con
Me e da ciò che hai ricevuto rispondendo al mio appello con
generosità… In realtà, ciò che hai ricevuto è molto poco
rispetto a ciò che riceverai in futuro.
157
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Le grazie e l’Amore del Padre ti vengono date sempre in
abbondanza. L’apertura del tuo cuore determina ciò che ricevi. Poiché sei entrato in questo grande processo di apertura
del cuore, riceverai sempre di più.
Ho una richiesta importante da farti:
Oltre ad essere questo piccolo messaggero della Buona Novella di questo libro, voglio che tu diventi un missionario
senza frontiere, che prega per l’universo e, in modo particolare, per le persone che sono state toccate nel cuore da questo libro, che lo sono oggi o che lo saranno domani.
Nella comunione dei Santi e dei Santi Angeli, insieme alla
mia Santa Madre, mi unisco a te per dire ad ognuno:
“Poiché l’Amore ti Ama tu diventi l’Amore”.
A te personalmente voglio dire: Beato sei tu di essere
sulla via che ti conduce alla pienezza dell’Amore. “Poiché
l’Amore ti ama, tu diventi l’Amore”.
Io, il tuo Dio, brucio d’Amore per te dicendoti: “Ti amo
follemente e teneramente”».
22 gennaio, ore 2.40
103. IL PICCOLO RESTO
«Il mio cuore di Madre si china su di te, mio piccolissimo, e
su tutti i piccoli della terra.
Voglio prendervi tra le mie braccia, stringere il vostro
cuore al mio per lasciar passare l’Amore che ricevo continua158
ANNO 2000
mente dalla sorgente stessa dell’Amore. È il Padre che me lo
chiede, Il tempo stringe. Vedo il Padre che accelera il passo.
Non vorrebbe perdere nessuno dei suoi figli della terra, il
lavoro è immenso, molti sono sulla via della perdizione.
Il grande movimento della trasformazione dei cuori,
attualmente in corso, è iniziato da un piccolissimo resto. Il
numero era molto esiguo. Quelli e quelle che accettavano di
dare il loro “sì” totale, senza condizioni ed irrevocabile,
erano molto rari.
Ogni qualvolta vi è un consenso sincero, che vi è preghiera, digiuno, e pratica dei sacramenti, Il Padre fa esplodere
questi gesti, queste azioni, questi consensi, in una moltitudine di cuori in tutto il mondo.
Ciò fa crescere il gruppo a vista d’occhio. Al presente vi
è una immensa gioia in Cielo vedendo la velocità con la quale
si propagano questi consensi.
Voi siete testimoni della rapidità con la quale si diffonde
il libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”… Questa attività visibile è minima se comparata a quanto accade
nell’Invisibile.
Grazie all’accoglienza di enorme sofferenza da parte di
alcuni grandi santi, attualmente viventi, i consensi si propagano altrettanto rapidamente nell’invisibile.
Trasformatevi in cuori di preghiera, di rendimento di grazia, di lode, per accompagnare queste anime sofferenti che
hanno come capofila nientedimeno che il Papa Giovanni
Paolo II. Se voi sapeste quanto è grande la sua sofferenza in
questo momento. Se vi fosse consentito di vedere la moltitudine di cuori che ricevono delle grazie in abbondanza per
159
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
merito delle loro sofferenze, sareste nello stupore più totale
vedendo il gigantesco movimento in corso.
Vieni a riposarti sul cuore della tua Mamma, affinché
insieme possiamo rendere grazie al Padre per questa grande
attività del suo Spirito, che prepara il Grande Ritorno di mio
Figlio Gesù per molto presto.
Lascia il tuo cuore aprirsi totalmente per poter accogliere sempre più Amore. Tu sei profondamente amato e per
questo Amore riversato in te tu diventi l’Amore.
Con il mio Cuore di Madre e stringendoti tra le mie braccia, ti cullo dicendoti ancora una volta che, teneramente e
follemente. Io ti amo».
Maria
31 gennaio, ore 4.30
104. AFFINCHÉ ALTRI VENGANO RAGGIUNTI
Io lascio circolare il mio Amore in te.
Signore Gesù, ti presento i buoni auguri di Sr. J. Mi sono
realmente sentito ricolmo del tuo Amore grazie a questa delicata attenzione. Sono nella più completa meraviglia constatando l’Amore che tu riversi in lei e tramite lei.
Non sapendo come ringraziarla, ti chiedo di venire in aiuto
alla mia incapacità ispirandomi affinché, a sua volta, lei sia
ancor più ricolma del tuo Amore. Grazie di ascoltare ed esaudire la mia povera preghiera. Ti amo.
160
ANNO 2000
«Mio piccolissimo, con un Cuore bruciante d’Amore per la
mia amatissima rispondo alla tua domanda dicendole questo:
J. del mio Cuore,
Io ti ho scelto da sempre per bearmi di ciò che tu sei, grazie all’Amore che mi permetti di riversare nel tuo cuore, e
che, attraverso te, viene accolto da una infinità di altri cuori.
Tu sei testimone del fatto che Io ti uso spesso per espandere il mio Amore. Se tu potessi vedere l’Amore che Io riverso in una infinità di cuori nell’universo tramite te!
Con i tuoi “sì” senza condizioni ed irrevocabili tu sei
diventata una missionaria senza frontiere. Ti brucio al Fuoco
del mio Amore Fuoco prendendoti tra le mie braccia per
stringere il tuo cuore contro il mio e lasciare che l’Amore vi
circoli liberamente, sussurandoti dolcemente all’orecchio:
Sposa amatissima, tu mi rendi beato col tuo amore ogni giorno, ti amo follemente e teneramente».
31 gennaio, ore 20.35
105. PARTECIPARE CON LA PREGHIERA
Signore Gesù, ti presento l’invito che mi è stato fatto di dare la
mia testimonianza ad un congresso, il prossimo aprile.
Ti chiedo il favore della tua presenza a questo congresso,
Quanto a me, ti prego di indicarmi chiaramente cosa ti aspetti
da me riguardo a questo.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti ascolto.
161
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
«Mio piccolissimo, tu sei testimone che Io desidero servirmi di
te e che lo faccio sempre più visibilmente. Il che non vuol dire
che tu devi accettare tutti gli inviti che ti vengono proposti.
Ogni volta che ricevi una richiesta, devi presentarMela e
farmi la tua domanda. Il tuo ruolo per questo congresso sarà
di essere presente invisibilmente, con la tua preghiera.
Voglio anche usarti per dire ai responsabili di questo congresso quanto segue: Bambini del mio Cuore, vi ho scelto per
lavorare alla mia opera, grazie di rispondere con generosità
alla mia chiamata. Ricordatevi che ciò che più desidero è
essere in intimità con ogni cuore. Ciò può realizzarsi quando
una persona Me lo permette, dandoMi il suo consenso.
Non crediate che il successo di questo congresso sia proporzionale al numero dei partecipanti o al numero degli oratori che saranno presenti. Il successo di questo congresso
sarà proporzionale a ciò che Io opererò nei cuori. Le parole
degli oratori servono per invitare le persone a dare il proprio
“sì” e ad accogliere l’Amore che Io desidero riversare nei
loro cuori, dopo che hanno riconosciuto la propria piccolezza e la propria impotenza.
Perché questo possa avvenire, si deve consacrare molto
tempo alla preghiera, all’adorazione ed al silenzio. In tutta
libertà, siete invitati a leggere questo messaggio a coloro che
parteciperanno al congresso.
Con la mia Santa Madre, nella comunione dei Santi e
degli Angeli, io sarò presente a questo congresso e voi sarete
testimoni del mio agire.
Sarebbe bene consentire ad alcuni dei partecipanti di
testimoniare le meraviglie del Signore constatate dopo aver
162
ANNO 2000
dato il loro “sì”. Beati e beate siete coi di entrare nella pienezza dell’Amore.
Poiché l’Amore vi ama, voi diventate l’Amore.
A ciascuno di voi voglio dire:
Tu che sei qui a questo congresso, ti amo così come sei.
Non aver paura di venirti a gettare tra le mie braccia. Io sono
un Dio d’Amore.
Ti amo follemente e teneramente».
31 gennaio, ore 23.00
Signora O.
Cara Signora, allego alla presente ciò che sono stato ispirato a
scrivere dopo aver pregato per il vostro “congresso”.
Mi sembra chiaro che il mio ruolo non sia quello di parteciparvi personalmente.
Sarò presente attraverso il pensiero e la preghiera e, se Dio
vuole, attraverso certi testimoni.
Non è importante la mia presenza, ma quella di Gesù. Lui
sarà presente, Lo ha detto e ciò che dice fà. Lui non mente.
La ringrazio del suo cortese invito; Chiedo a Dio di colmarla con le sue Grazie e Benedizioni.
Fraternamente in Gesù, L.L.
163
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
1 febbraio, ore 24.10
106. A PADRE D., FIGLIO PREDILETTO DEL MIO CUORE
«Mio piccolissimo, grazie di essere questo piccolo strumento, malgrado il tuo desiderio di andarti a riposare.
Voglio servirmi di te per inviare questo messaggio ad uno
dei miei figli di predilezione, il quale è molto, molto vicino al
mio Cuore.
Sai bene che si tratta del mio e tuo amico Padre D., al
quale dico:
Tu che sei stato bruciato al Fuoco del mio Amore Fuoco;
tu che vivi già più nel Cielo che sulla terra;
tu che mi hai permesso di occupare tutto lo spazio in te;
tu che non vivi altro che per Me;
tu che io uso per espandere il mio Amore solo grazie alla tua
presenza,
tu che già vivi pienamente nella nuova Chiesa;
tu che mi colmi di felicità ogni volta che respiri:
Voglio ringraziarti di essere, per Me e per il mio Vicario
Giovanni Paolo II, un balsamo per i nostri cuori che soffrono per lo sbandamento del nostro popolo e di molti dei
nostri figli di predilezione.
I tuoi giorni sono stati prolungati affinché tu propaghi
ancora il mio Amore su questa terra ed ottenga un posto
ancor più vicino al mio Cuore in Cielo.
Ringrazio il Padre per la meraviglia che sei.
Sento una gioia immensa al pensiero del grande gaudio
164
ANNO 2000
che avrò nel presentarti al Padre, quando sarà arrivato il
momento.
Brucio d’Amore per te. Tu sei diventato l’Amore.
Piccolo tesoro del mio Cuore, ti amo».
7 febbraio, ore 2.35
107. LA SCALA DEI VALORI
Signore Gesù, voglio presentarti la piccola conferenza che
dovrò tenere questa sera, ad una sezione della C.di C. il cui
tema é: Come vivere la nostra fede nel mondo degli affari.
Allo stesso tempo, ti presento la persona che s’interroga a
proposito del danaro depositato in un conto bancario. Mi cita
un passaggio del libro “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù” dove si definisce il danaro una questione di nessun
valore! – Devo regalarlo?… Metterlo a frutto?… Che devo
fare? –
Ti chiedo di illuminarmi a questo riguardo o di dare luci
direttamente alle persone coinvolte affinché il piano d’Amore
del Padre sia pienamente realizzato. Grazie di ascoltare ed
esaudire la mia povera preghiera.
Ti amo.
«Mio piccolissimo, nella vostra attuale società il danaro, i
beni materiali, le comodità, gli agi, gli alloggi, la tecnologia e
tutti i beni di consumo hanno assunto un valore eccessivo
165
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
rispetto al loro uso.
È impossibile per una persona vivere pienamente la propria fede dando tanta importanza alle cose del mondo come
il danaro, i beni materiali ecc. È molto difficile, per chiunque,
cercare di gestire i propri beni facendo dei compromessi;
alcune volte mettendo Dio al primo posto, altre volte il danaro, oppure i beni materiali, o le comodità, la casa, i viaggi ecc.
Al contrario, diventa molto facile vivere la propria fede –
anche nella vostra società – quando si è stabilito chiaramente nel proprio spirito, e senza nessun dubbio, che il primo
valore è “Dio” e che a Lui si è dato un “sì” totale e senza condizioni. Una volta preso questo orientamento, bisogna mettersi a pregare e ascoltare il Signore per scoprire ciò che Lui
vuole si faccia con i propri beni o denaro, in una totale disponibilità ad accogliere la risposta:
- che si tratti di fare dei doni o di gestirli;
- di tentare di farne un buon uso o una buona gestione, non
a causa del loro valore, ma unicamente in virtù del fatto che
essi sono stati affidati da Dio e che ognuno ha la missione di
compiere bene e regolarmente i piccoli compiti quotidiani.
Per compiere bene questa missione, è necessario aver bene
integrato in sè i valori che ti furono insegnati all’inizio della
tua vita d’affari e che consistevano in questo:
Ogni decisione che devi prendere deve rispettare l’ordine dei
valori così come il Creatore lo ha stabilito e che possono
essere elencati in una breve scaletta facile da ricordare:
Dio
L’uomo
I beni materiali
166
ANNO 2000
Il danaro
Il danaro non ha di per sè alcun valore, ma è semplicemente un’invenzione degli uomini per consentire lo scambio
di beni materiali,
I beni materiali sono al servizio dell’uomo per permettergli di nutrirsi, vestirsi, ripararsi ecc.
L’uomo è un essere creato da Dio per conoscerLo,
amarLo e servirLo.
Se l’ordine della Creazione fosse rispettato, nessuna decisione sarebbe contraria alla Volontà di Dio. L’essere umano
avrebbe sempre la precedenza rispetto ai beni materiali o al
danaro. Disgraziatamente, a causa dei falsi valori che vengono
diffusi, molti intraprendono la vita invertendo questi valori.
Il danaro
I beni materiali
L’uomo
Dio
Quello che le persone desiderano più di tutto è di possedere
del danaro per procurarsi tutto ciò che può comprare. Segue
la corsa ai beni materiali ed a tutto ciò che ne consegue.
Dopo che questi due desideri saranno soddisfatti, ci si
occupa dell’essere umano; solamente dopo si pensa a Dio. Il
che è un contro senso: Dio non può essere collocato alla base
della scala. Questa inversione dei valori è la causa di tante
miserie e sofferenze.
Con questa spiegazione non vi sto chiedendo di voler
cambiare il mondo, ma di acconsentire ad essere trasformati
dal Vostro Dio
- per essere capaci di vivere rispettando l’ordine da Lui sta167
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
bilito al momento della Creazione;
- affinché ciascuna delle vostre decisioni o scelte sia esercitata in conformità con la vostra fede, per la Gloria di Dio.
Accogliendo totalmente ciò che l’Amore vuole compiere
in voi diventerete degli esseri pieni d’Amore.
Vi amo follemente e teneramente».
18 febbraio, ore 4.10
108. L’UMILTÀ LASCIA SPAZIO A DIO
«Mio piccolissimo, le mie braccia sono spalancate per accoglierti, così come sei, con le tue miserie. Più tu riconosci le
tue miserie, più ti senti piccolo, debole e vulnerabile, più
posso occupare spazio dentro di te.
Ti ho detto che la porta d’ingresso è il tuo “sì”. Una volta
traversata la porta, Io occupo il posto che è libero. La virtù
che favorisce lo spazio per Me è l’umiltà. Quindi, più vi è
umiltà, piu vi è spazio per Me.
Ti invito a meditare questo insegnamento; è la base di una
relazione sempre più intima tra di noi. Ti avevo chiesto di
scrivere: riconosci di essere niente, niente, niente. Adesso lo
devi vivere. Questo non vuol dire che tu sia buono a nulla; al
contrario, hai un grande valore agli occhi del Padre. Sei profondamente amato.
L’umiltà, non solamente accolta ma vissuta, ben vissuta,
mette in risalto le grandi ricchezze che il Padre ha deposto in
168
ANNO 2000
te al momento della tua creazione.
Beato sei tu di essere alla scoperta di queste ricchezze e di
ciò che impedisce la loro manifestazione.
Piccolo tesoro, ricevi il mio Amore. È proprio te che Io
amo».
29 febbraio, ore 3.20
109. LASCIARSI “SMONTARE”
PER ESSERE “RICOSTRUITI”
«Mio piccolissimo, non essere incredulo, Ti guido sempre di
più. Diventando uno strumento sempre più docile tra le mie
mani, posso ispirarti meglio, sia a livello di pensiero che di
parola o di azione.
Inoltre Mi è più facile ispirare le persone che si rivolgono
a te e far luce sugli avvenimenti che gravitano intorno a te. Il
che non significa che tu ascolterai sempre le parole che desideri udire o vedrai gli avvenimenti svolgersi come vuoi tu.
Ciò che tu vuoi non è sempre il meglio per te. Quello che
conta è il mio desiderio e non il tuo. Io conosco quello che
tu devi vivere per diventare uno strumento docile e perfetto
tra le mani del Padre, mentre tu non lo sai, Ed è proprio non
sapendolo che ti lasci guidare e che puoi diventare ciò che Io
voglio tu sia.
Avete vissuto in un mondo di tenebre, siete sul punto di
lasciare questo mondo per entrare in un Mondo di Luce. In
169
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
questo nuovo Mondo avete tutto da scoprire. Questa scoperta si fa man mano che voi vi lasciate “smontare” per essere
“ricostruiti” secondo il progetto del Padre.
Non è un’opera umana, ma bensì divina. Non cercare di
comprendere, non puoi, non ne sei capace, ma puoi accogliere questo nella fede. Accogliendolo, riceverai tutte le grazie
di cui hai bisogno per lasciare questo mondo di tenebre ed
entrare nel Mondo di Luce.
Il tuo “sì” a riconoscere la tua piccolezza e ad accogliere
l’Amore, ti fa diventare un essere d’Amore capace di entrare
in questo nuovo Mondo di Luce.
State vivendo in un periodo di grazie straordinarie. Non
vi basterà l’eternità per ringraziare il Padre di avervi fatto
vivere sulla terra in questo tempo di trasformazione che vi
conduce all’Amore.
Ti amo follemente e teneramente».
8 marzo, ore 3.15
110. INSIEME PER DIFFONDERE L’AMORE
Grazie, Signore Gesù, per le mie miserie e le difficoltà che sono
più grandi di me.
Grazie per questo grande favore che Mi fai di essere testimone del tuo agire.
Grazie per le numerose testimonianze che mi permetti di
ascoltare e che parlano delle meraviglie che Tu compi tramite
170
ANNO 2000
il volume “Per la felicità dei miei, i miei prescelti, Gesù”.
Grazie per il volume n. 2, che ben presto uscirà.
Grazie di fare tanto usando uno strumento così fragile, peccatore, debole e vulnerabile.
Grazie di dimostrarci l’Onnipotenza del tuo Amore.
Grazie di tutto. Ti amo.
«Mio piccolissimo,
Insieme camminiamo;
Insieme scriviamo;
Insieme parliamo;
Insieme incontriamo delle persone;
Insieme le amiamo, perché insieme ci siamo lasciati
amare dal Padre;
Insieme siamo in missione nell’Invisibile per raggiungere
una moltitudine di cuori;
Insieme rendiamo grazie al Padre di effondere tanto
Amore.
Il grande combattimento con le forze delle tenebre è in pieno
corso: La nostra sola ed unica Arma è l’Amore. Voi state solo
cominciando ad intravvedere la grande potenza di questa
Arma che è l’Amore.
Più voi la userete, dopo esservene lasciati penetrare e trasformare, più ne constaterete la potenza.
Ricevete ancora questo flusso di grazie e d’Amore che il
Padre riversa nei vostri cuori in questo stesso momento.
Prestissimo vi sarà il Grande Banchetto del mio Grande
Ritorno. È urgente che vi lasciate abbigliare con la veste
171
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
adatta a questo Banchetto, quella dell’Amore. Al pensiero di
questo Banchetto brucio d’Amore per voi.
Accogliete, accogliete, accogliete il mio Amore. Il tempo
è breve: fatelo oggi, perché domani potrebbe essere troppo
tardi.
Vi ho ripetuto spesso che vi amo teneramente e follemente. Oggi voglio dirvelo ancor più con queste parole:
Vi amo divinamente.
Ti amo divinamente».
15 marzo, ore 4.00
111. GIUBILO, TRIBOLAZIONE, PURIFICAZIONE
«Mio piccolissimo, il tempo è breve. Convertitevi e credete
alla Buona Novella.
La vera ed unica Buona Novella è il mio Grande Ritorno
per molto presto.
Questo non toglie nulla a quanto è contenuto nelle Sacre
Scritture; al contrario, questa unica Buona Novella realizza
ciò che è già presente nelle Scritture.
Il mio Cuore, Uno con il Cuore del Padre,è sempre più
bruciante d’Amore.
Presentemente, il Santo Spirito è di una potenza mai uguagliata su questa terra. Ciò vi consente di essere testimoni del
suo agire, in modo fulminante, in una moltitudine di cuori.
Ve ne supplico, smettete di guardarvi, di guardare le
168
ANNO 2000
vostre miserie, di guardare quello che va male intorno a voi.
Alzate la testa.
Credete al mio Grande Ritorno.
Credete all’Amore del Padre.
Credete all’azione dello Spirito Santo.
Diventate dei ricevitori del mio Amore.
Diventate dei veri testimoni del mio Amore.
Diventate dei trasmettitori del mio Amore.
Sentitevi sicuri come il neonato tra le braccia di sua
madre o di suo padre.
Siate delle luci in questo mondo di tenebre.
Siate degli esseri di Pace, di Gioia e di Amore.
Ecco la grande e bella missione affidata a coloro che danno
il loro “sì” totale, senza condizioni ed irrevocabile al Padre.
È attraverso l’accettazione della vostra piccolezza e impotenza che:
- passa l’Amore che il Padre vuole riversare in voi;
- diventate dei veri missionari senza frontiere;
- potete attraversare la tribolazione nel gaudio.
Così si attua la purificazione, che vi permette di essere sempre più nella gioia nelle tribolazioni.
Alzate la testa. Siate nella gioia.
Molto presto sarò con voi.
Vi amo divinamente».
173
ALLEGATO 1
La Comunità d’Amore
e di Condivisione
Dopo la pubblicazione del libro “Per la felicità dei miei, i miei
prescelti, Gesù”, ho ricevuto diversi commenti positivi da
parte delle persone che avevano dato il loro “sì” al Signore e
che cercavano dei modi per continuare nel cammino e rimanere fedeli al loro “sì”.
Il 4 luglio 1999, ho fatto questa preghiera:
“Per le mani del Signore Gesù, per l’intercessione della
Mamma Maria, in comunione con i Santi e Sante del Cielo e
della Terra, in compagnia dei Santi Angeli, voglio presentare al
Padre i lettori e le lettrici del volume “Per la felicità dei miei,
i miei prescelti, Gesù”, che sentono il bisogno di condividere e
d’approfondire con altri ciò che hanno appreso attraverso queste letture, e di ricevere dagli altri il frutto delle loro riflessioni.
Che lo Spirito Santo si degni di versare la sua Luce nel
cuore delle persone desiderose di sperimentare vicendevolmente questo nuovo modo di vivere e di lasciar vivere questo nuovo
essere d’Amore che prende sempre più spazio in essi e che riconoscono il loro bisogno di condivisione con gli altri per realizzarsi completamente.
Grazie di ascoltare ed esaudire la mia preghiera. Ti amo”.
Quanto segue è stato tratto dai cinque messaggi ricevuti
nelle date del 4, 6, 7, 11 luglio e 20 settembre 1999, che troverete raggruppati al fine di facilitare l’avvio delle piccole
Comunità d’Amore e di Condivisione.
175
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Sono stati scritti in una disposizione di ascolto del Signore.
Bisogna quindi leggerli con lo stesso atteggiamento.
L.L.
L’IMPORTANZA DELLE PICCOLE COMUNITÀ
Scopo particolare: diventare un essere d’Amore
«Fate parte di un mondo strutturato ed operante a livello intellettuale, che esige molto sapere e molta capacità di fare basati
sulla capacità e sulla competizione, con tutto ciò che questo
porta con sé: rivalità, divisioni, guerre. State entrando in un
mondo che vivrà principalmente al livello del cuore, dove l’intelligenza, la conoscenza ed il saper fare saranno al servizio del
cuore. Questo stato di essere esige abnegazione, generosità e
devozione da cui risulteranno: pace, gioia ed unità».
Scopo generale. Entrare in questa Chiesa
ed in questa Società nuove
“Vivete in un mondo che ha messo la propria fiducia nella
potenza dell’uomo; il Mondo nuovo metterà la propria fiducia nell’Onnipotenza d’Amore di Dio.
Prima di poter vivere in questa Società nuova, bisogna far
parte di questa Chiesa nuova. Quando si parla di Chiesa , si
parla di collegialità, di comunità.
176
ALLEGATO 1
L’Amore che io riverso nei cuori deve potersi condividere con gli altri, da qui l’importanza di ritrovarsi in piccole
comunità per condividere e ricevere l’Amore che è stato
accolto dall’una o dall’altra delle persone.
Non vi è che un unico e solo cammino per entrare in questa nuova Chiesa, quello d’accogliere il mio Amore, diventare l’Amore e diffondere l’Amore. Queste piccole comunità
saranno luoghi d’apprendimento per condividere ciò che
ogni persona sperimenta in sè, per arrivare a vivere questo
vero Amore, sempre e dappertutto.”
DESCRIZIONE DELLE PICCOLE COMUNITÀ
Definizione
«Le piccole comunità d’Amore e di condivisione saranno dei
luoghi di apprendimento insieme a persone che sono animate dallo stesso desiderio, che non guarderanno alla trasformazione degli altri ma unicamente alla propria trasformazione interiore, per scoprire cosa deve essere offerto alla
Misericordia del Padre per divenire degli esseri pieni
d’Amore, che lasciano circolare l’Amore del Padre liberamente attraverso e tra di loro. Vi è comunità quando vi sono
due persone o più. E perché vi sia una buona condivisione, il
gruppo non deve eccedere le quindici persone. Queste piccole comunità d’Amore e condivisione possono formarsi grazie all’iniziativa di una o più persone.”
177
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Modalità
«Si raccomanda che le piccole Comunità si formino il più
naturalmente possibile con le persone di uno stesso ambiente, di una stessa regione, di una stessa città o paese, di uno
stesso quartiere, di uno stesso settore di vicinanza.
Affinché l’Amore possa regnare, dovrà esserci molta flessibilità riguardo agli altri punti, soprattutto rispetto alla
durata, che deve essere considerata come il tempo massimo,
ma possibilmente ridotta di molto, specialmente agli inizi.
In ogni caso, il tempo riservato per entrare in intimità col
Signore deve essere rispettato, ma mai superato. Per quanto
possibile, questi incontri dovrebbero essere settimanali».
Svolgimento in tre tempi
«Si comincia con un primo tempo per entrare in relazione di
intimità con la Santa Trinità, sia con la preghiera, che dovrebbe durare circa un terzo del tempo totale dell’incontro –
tempo consacrato all’Eucarestia o all’adorazione – secondo le
possibilità. Quando vi è adorazione, questa dovrebbe essere in
parte silenziosa ed in parte animata. La base della preghiera
animata potrebbe farsi intorno alla parola “ARDOR” (adorazione, riparazione, domande, offerte, ringraziamenti)».
«Il secondo tempo (tempo consacrato all’insegnamento,
di una durata massima di quarantacinque minuti) , si suggerisce di cominciare con la lettura di un brano della parola di
Dio, anche un salmo, secondo l’ispirazione. La seconda lettura può essere tratta dal libro “Per la felicità dei miei, i miei
178
ALLEGATO 1
prescelti, Gesù”. Come alternativa: un testo o una cassetta che
trattano di spiritualità adatta per la crescita spirituale del
gruppo. Il compito dell’insegnamento può essere svolto con
la collaborazione dei partecipanti. Il tempo può anche essere ridotto a discrezione di chi lo conduce».
«La terza parte sarà dedicata alla condivisione. I partecipanti potranno scambiarsi opinioni sia sulla comprensione
dei testi presentati, sia sul modo di integrarli nel proprio vissuto, sia sulle esperienze vissute dai membri della comunità».
Luogo e durata degli incontri
«Il gruppo sceglierà un luogo adatto per questi incontri. Le
residenze private sono dei luoghi molto appropriati, a condizione di non disturbare o essere disturbati dagli altri occupanti. Si raccomanda di stabilire un’alternanza dei luoghi di
raduno, tenendo conto della disponibilità, e senza obblighi
per nessuno.
Il gruppo deciderà la durata di questi incontri, variabile
da un’ora a tre ore, secondo il numero ed il desiderio dei partecipanti e le loro abitudini di preghiera.
Quando gli incontri durano due ore e più, si preveda un
intervallo per ristorarsi.
Regole di base
«Tutte le vostre abitudini devono essere messe in discussione, a cominciare dal vostro modo di pregare, di pensare, di
ascoltare e di parlare.
179
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
- Si deve quindi effettuare una importante trasformazione
partendo dall’interiorità di ognuno, sia nel modo di pensare, che di essere e di agire. Questa trasformazione inizia
con un grande “sì” totale, incondizionato ed irrevocabile,
unito ad una miriade di piccoli “sì”, ad una infinità di
“no” a tutto ciò che non è conforme o che ostacola la
piena realizzazione dei “sì”.
- Questo “ sì” sarà dunque la sola ed unica esigenza per far
parte di queste Comunità di Amore e Condivisione. Per
una miglior comprensione di questo “sì”, sarebbe preferibile, per i partecipanti, aver letto gli insegnamenti dati
fino ad oggi con questi scritti ed aderirivi totalmente.
- Le piccole Comunità hanno la finalità di rispondere alle
reali esigenze di coloro che hanno dato il proprio “sì”
totale, incondizionato e irrevocabile.
- Ognuno di questi ha bisogno dell’aiuto di altre persone,
che a loro volta, hanno dato il loro “sì”, per lasciarsi
nutrire continuamente dalla preghiera, dal digiuno, dalla
pratica dei sacramenti, dai lunghi momenti d’intimità con
il Signore e dai buoni insegnamenti su questo nuovo
modo di pensare, di essere e di agire.
- Inoltre, ognuno ha bisogno di fare esperienza con altre
persone che hanno detto “sì” a questo nuovo modo di
vivere, prima di poterlo integrare nel quotidiano, in ogni
momento, in qualsiasi luogo.
- La regola di base sarà l’accoglienza dell’altro in ciò che
egli è, in modo che ciascuno si senta rispettato, accolto ed
amato.
- Le piccole Comunità rimpiazzeranno, per coloro che
180
ALLEGATO 1
hanno dato il proprio “sì”, gli incontri sociali, spesso
vuoti di senso, di valori o di vero amore, con degli incontri che saranno un reale nutrimento per il cuore, l’anima
e lo spirito.
- Queste piccole Comunità d’Amore e di Condivisione non
hanno lo scopo di sostituire una comunità o un gruppo di
preghiera già bene avviato e nemmeno di modificarlo.
SEDICI OBIETTIVI PRATICI
«Mio piccolissimo, lasciati sempre più penetrare dalla mia
intimità. L’intimità con Me è la base della tua trasformazione. La relazione che hai con gli altri, e che dovrebbe sempre
essere vissuta in questo clima d’Amore, ne è il complemento.
Come è difficile per voi vivere questa relazione con le persone che incontrate sulla vostra strada.
Avete bisogno di esercitarvi con persone che condividono le vostre stesse aspirazioni, ecco perché le piccole comunità d’Amore e di condivisione sono importanti, perché vi
consentiranno di apprendere e di sperimentare nel quotidiano
i punti seguenti:
1. Accettare se stessi così come si è, con le proprie lacune
e debolezze.
2. Accogliere l’altro così come è, senza volerlo cambiare.
3. Imparare ad ascoltare l’altro in ciò che vive e ciò che è.
4. Accettare che siete tutti uguali.
181
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
5. Che ciascuno possa esprimersi secondo il proprio desiderio senza esservi costretto.
6. Che ciascuno sia invitato ad animare l’incontro.
7. Che ciascuno possa esprimersi secondo i propri bisogni,
senza ritrovarsi in un quadro troppo rigido.
8. Che ciascuno scopra l’importanza di ricercare la verità e
non di cercare di aver ragione ad ogni costo, difendendo la propria opinione.
9. Che ciascuno impari ad aver confidenza nel gruppo e in
ognuna delle persone che lo compongono.
10. Che ciascuno accetti l’altro che esprime un’opinione
contraria alla sua, senza sentirsi rifiutato.
11. Imparare a perdonarsi e a perdonare gli altri.
12. Gioire di sentirsi amato ed apprezzato dalle altre persone che fanno parte della piccola comunità.
13. Esternare agli altri il proprio apprezzamento ed il proprio amore.
14. Scoprire l’importanza di vivere questi incontri in grande
intimità con Gesù che si esprime sia attraverso uno che
attraverso un altro.
15. Essere costantemente guidati ed ispirati dallo Spirito
Santo domandandogli continuamente le sue luci.
16. Tutto chiedere e tutto attendere dal Padre.
Ecco alcuni dei principali punti che dovranno guidare questi
incontri, ricordandosi che ciò che è essenziale e deve avere la
precedenza su tutto è: l’Amore.
Accogliendo l’Amore del Padre una persona può viverlo
e donarlo agli altri.
182
ALLEGATO 1
Beati siete voi di essere su questa via che conduce alla pienezza dell’Amore. Teneramente, vi amo. Teneramente, ti
amo».
OFFRIRE TUTTO ALLA MISERICORDIA DEL PADRE
Per diventare degli esseri d’Amore
«Mio piccolissimo, ho detto ai miei apostoli che sarebbero
stati riconosciuti come miei seguaci per l’amore che avrebbero avuto l’uno per gli altri. Sempre per questo stesso segno,
oggi, voi sarete riconosciuti come i miei scelti. Nello stesso
modo, grazie all’Amore che voi avete per gli altri potrete
constatare da voi stessi se siete o non siete degli esseri pieni
d’Amore.
Ricordatevi che la soluzione non verrà da voi, ma da Me,
vostro Dio. È unicamente perché l’Amore vi ama che potete
diventare degli esseri pieni d’Amore. Tutto ciò che sentirete
essere contrario all’Amore, offritelo alla Misericordia del
Padre perché Egli lo trasformi in Amore».
Se i vostri pensieri sono negativi
«Anche se non dite parole sgradevoli o offensive per l’altro,
se i vostri pensieri sono critici, negativi od imbevuti di pregiudizi, impedite all’Amore di circolare liberamente in voi ed
attraverso voi. Appena siete presi da tali pensieri distruttivi,
dovete offrirli alla misericordia del Padre, domandandoGli
183
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
di cambiare il vostro cuore per renderlo capace di accogliere
l’altro così com’è, per lasciare che l’Amore circoli liberamente tra voi.
Imparate a guardare le bellezze che il Padre opera negli
altri, piuttosto di osservarne le mancanze e le colpe».
Se vi sono conflitti
«I conflitti e le difficoltà devono essere accolti come delle
occasioni che vi dimostrano la vostra vulnerabilità, la vostra
debolezza e che vi invitano a rivolgervi a Me, vostro Padre,
per tutto offrirmi e tutto attendere da Me.
Non potete compiere questa trasformazione da voi stessi,soprattutto se siete stati persone facilmente disponibili alla
critica, molto esigenti con gli altri e con voi stessi. Solo
l’Amore ha il potere di effettuare una tale trasformazione, a
condizione che gli venga data libertà di agire e di cambiare le
vostre abitudini di vedere, pensare e giudicare gli altri».
Se vi sono delle difficoltà gravi
«Quando ci si renderà conto, all’interno di una piccola
Comunità, che la stessa non produce i frutti previsti, bisognerà sempre rivolgersi al Padre per affidare tutto nelle sue
mani e tutto attendere da Lui, dopo averGli tutto richiesto.
Ogni partecipante dovrà esaminarsi partendo dai numerosi insegnamenti contenuti in questi scritti. Se questa analisi diventa troppo difficile da sopportare, è preferibile ritirarsi temporaneamente, con dolcezza, per prendersi più tempo
180
ALLEGATO 1
in intimità con il Signore, piuttosto di voler imporre la nostra
volontà al gruppo o di tentare di cambiare l’uno o l’altro dei
partecipanti.
È normale che vi siano dei momenti più difficili, per vivere la vera dimensione del perdono e constatare che l’Amore
è più forte di tutto. Ciò che è meno normale, è la continuità
del malessere».
In conclusione
«Diventando degli esseri d’Amore, voi diffonderete Amore e
gli altri saranno trasformati, non per ciò che direte, ma unicamente per ciò che sarete.
L’Amore sarà presente ad ognuno di questi incontri; così
più rapidamente diventerete l’Amore. Sarò sempre all’appuntamento per esprimervi il mio Amore perché vi amo follemente.
Beati e beate siete voi di essere su questa via che vi conduce alla pienezza dell’Amore.
Non abbiate timore, date il vostro consenso e L’Amore si
incaricherà di tutto. Ricevete il mio Bacio di tenerezza e
d’Amore».
185
ALLEGATO 2
Preghiere di ieri… e di oggi
La preghiera è…
“Quell’attenzione di amore che ci mantiene di
fronte al Volto unico”.
Maurice Zundel, sac.
“L’Amore è un fuoco. La preghiera è il legno che
l’alimenta”.
Stan Rougier
187
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Preghiera d’abbandono
Padre mio, io mi abbandono a te. Fai di me ciò
che ti piacerà.
Qualunque cosa tu faccia di me, io ti ringrazio.
Sono pronto a tutto, accetto tutto, purché la
tua Volontà si compia in me ed in tutte le tue
creature…
Non desidero niente altro, mio Dio.
Rimetto la mia anima tra le tue mani. Te la
dono, mio Dio, con tutto l’amore del mio cuore,
perché ti amo ed è per me un bisogno d’amore il
donarmi, il rimettermi senza misura tra le tue
mani, con una confidenza infinita, perché Tu sei
il Padre mio.
P. Charles de Foucauld
188
ALLEGATO 2
Preghiera di Gesù al Padre,
nostro Padre
Padre, Io Ti glorifico per l’abbondanza di grazie
che riversi in questo momento sui tuoi prescelti.
Padre, Io Ti glorifico perché completi la tua
creazione nei tuoi prescelti.
Padre, Io Ti glorifico perché ne fai degli esseri d’Amore, uniti al mio Cuore e a quello di mia
Madre.
Padre, Io Ti glorifico per la moltitudine dei
cuori che Tu raggiungerai attraverso loro.
Padre, Io Ti glorifico per questa Chiesa nuova
che Tu ricostruisci in questo momento.
Padre, Io Ti glorifico per questa società nuova
che viene ricostruita attraverso i tuoi prescelti.
Padre, Io Ti glorifico perché rendi manifesto
in loro, attorno a loro e attraverso loro, la tua.
Misericordia, il tuo Amore e la tua Onnipotenza.
Grazie, o Padre, per tanto Amore, per questo
Fuoco d’Amore Fuoco che arde in questo
momento nel cuore dei tuoi prescelti.
Ti chiedo che questo Fuoco d’Amore si propaghi in tutti i cuori.
Grazie Padre, perché esaudisci sempre la mia
preghiera.
189
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Colma ancora i tuoi prescelti del tuo Amore.
Colma in modo speciale il piccolissimo che
scrive queste righe, e tutti coloro che porta nel
suo cuore, o che Noi abbiamo unito al suo cuore.
Che siano ricolmi del Nostro Amore
Trinitario lui e tutti i suoi. Amen»
(Volume 1, n. 71)
190
ALLEGATO 2
Preghiere
allo Spirito Santo
1. Vieni, Spirito Santo, Santificatore onnipotente,
Dio d’Amore.
Tu che hai colmato di grazie immense la
Vergine Maria, e hai trasformato prodigiosamente il cuore degli Apostoli, vieni a santificarci.
Tu che hai che hai dotato di un miracoloso
eroismo, illumina il nostro spirito, fortifica la
nostra volontà, purifica la nostra coscienza, correggi il nostro giudizio, infiamma il nostro cuore,
e preservaci dal male di resistere alle tue ispirazioni. Amen.
Nostra Signora della Vita interiore:
O Sposa immacolata dello Spirito Santo,
ottienici la fedeltà a tutte le ispirazioni della grazia.
2. O Spirito Santo,
Anima della mia anima, Ti adoro.
Illuminami, guidami, fortificami, consolami.
Dimmi ciò che devo fare, dammi i tuoi ordini.
Ti prometto di sottomettermi a tutto ciò che desideri da me, e di accettare tutto ciò che permetterai
che mi capiti. Fammi solo conoscere la tua Volontà.
Cardinal Mercier
191
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Magnificat
“L’anima mia magnifica il Signore
ed il mio spirito esulta in Dio mio Salvatore!
Perché ha guardato l’umiltà della sua Serva;
d’ora in poi tutte le generazioni
mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente
E Santo è il suo Nome!
Di generazione in generazione
La sua Misericordia si stende
Su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore.
Ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili.
Ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo ed alla sua discendenza per sempre”.
Cantico di Maria (Lc. 1)
192
ALLEGATO 2
Preghiera a San Michele Arcangelo
San Michele Arcangelo, Vieni in nostro aiuto.
Difendici nella battaglia contro la malizia
e gli inganni di Satana.
Fa’, te ne preghiamo, che Dio eserciti su di lui
il suo impero.
E tu principe della Milizia celeste,
con il potere che Dio ti ha dato
precipita nell’inferno Satana
e tutti gli spiriti maligni
che si aggirano nel mondo per la perdizione
delle anime.
Amen.
scritta da Papa Leone XIII
per sconfiggere l’armata dei demoni
193
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
San Michele Arcangelo,
vieni a preparare
il ritorno di Gesù!
San Michele Arcangelo, principe della Milizia
celeste, vieni a preparare il ritorno di Gesù
Cristo.
Che le tue legioni di Angeli sfreccino nei cieli.
Che facciano intendere ovunque, in ogni spirito
ed in ogni cuore, il supremo appello del Signore.
Che ci impongano il segno dei figli di Dio. Che
marchino con il segno della Misericordia quelli
che rifiutano di rispondere alla chiamata. Per le
nostre preghiere e le nostre suppliche, noi speriamo che vengano salvati dal Signore.
(Breve silenzio per raccomandare queste persone)
Noi accettiamo già ora, di appartenere alla tua
armata alleandoci alla tua Milizia celeste, e ci
uniamo a tutti gli Angeli, i Santi, i Martiri e gli
Eletti, per proclamare e cantare la gloria del
Signore Nostro Gesù Cristo. Alleluia.
194
ALLEGATO 2
Preghiera del mattino
Signore, nel silenzio di questo giorno che nasce,
ti domando la pace, la saggezza e la forza.
Voglio guardare oggi il mondo con occhi pieni
d’amore; essere paziente, dolce e saggio; vedere al
di là delle apparenze i tuoi figli come li vedi Tu
stesso, e vedere in ciascuno di loro solo il bene.
Chiudi le mie orecchie ad ogni calunnia, frena
la mia lingua da ogni maldicenza.
Che solo pensieri di benedizione siano nel
mio spirito.
Che io sia così benevolente e così gioioso, che
tutti quelli che mi si avvicinano sentano la tua
presenza.
Rivestimi della tua bellezza, Signore, e che nel
corso della giornata io ti riveli.
Cardinal Suenens
195
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Preghiera della sera
Padre, io vengo a te questa sera a nome di tutti i
tuoi figli, per ringraziarti dei benefici di cui ci hai
colmati, implorare il tuo perdono per le nostre
colpe, e amarti per tutti quelli che non ti amano.
Padre buonissimo, ai malati ed ai sofferenti
dona sollievo, forza e speranza. A coloro che questa notte saranno chiamati a comparire innanzi a
Te, concedi una morte santa e serena, affinché,
tutti insieme, possiamo un giorno cantare eternamente la tua infinita Misericordia.
Mio Dio, per i miei fratelli che devono comparire innanzi a te questa notte io ti offro tutte le
Messe che si celebrano nel mondo intero. Che il
Sangue prezioso di Gesù redentore ottenga loro
misericordia.
Amen.
Cardinal Suenens
192
A testimonianza del rispetto e dell’obbedienza verso il
decreto del Sovrano Pontefice Urbano VIII, dichiariamo che ai fatti narrati in questo libro non deve essere
attribuita che la fede riservata a qualsiasi testimonianza
umana.
Dichiariamo inoltre che i giudizi espressi non intendono
anticipare quello della nostra santa Madre Chiesa, alla
quale l’autore si sottomette devotamente.
197
RINGRAZIAMENTI
Desidero esprimere la mia riconoscenza verso le persone che
mi hanno aiutato nella stesura di questo secondo volume. In
primo luogo ringrazio il Signore Gesù, per le sue innumerevoli grazie, e poi ringrazio le persone che hanno collaborato
a questo progetto, soprattutto mia moglie Elisabetta, Padre
Guy Giroux che è stato mio consigliere spirituale, Marthe
Roberge che ha ricopiato i manoscritti, e i lettori del primo
volume che mi hanno confortato con le loro testimonianze e
preghiere…
L.L.
199
TESTIMONIANZE
dei lettori del primo volume
Quando ho ricevuto il vostro libro, mi sono messo subito a
leggere, credendo di terminare in poco tempo. Ma ho capito
presto che non si trattava di un romanzo, di una biografia o
di un documentario. Ho ricominciato quindi a leggere poco
alla volta, come se, in vostra compagnia, facessi degli incontri intimi con il Padre Eterno.
Diversamente dalla maggior parte delle letture che faccio,
qui non cerco di comprendere ma piuttosto di lasciarmi cullare come un bimbo, di accogliere e di abbandonarmi come
nella vostra storia della respirazione. Non ho ancora terminato di leggere il vostro libro. È molto più lungo da leggere con
il cuore che con la testa. Certamente, il tempo necessario per
leggerlo sarà più lungo di quello occorso per scriverlo.
G. F., Granby
*****
Ho comprato il libro da circa un mese e desidero esprimervi
tutta la pace, la gioia e la speranza che mi danno la sua lettura e meditazione. È come se lo stessi aspettando da tanto
201
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
tempo. Molti dei messaggi e degli insegnamenti mi colpiscono personalmente perché vi riconosco delle situazioni che
sto vivendo da qualche anno.
Quello che soprattutto mi tocca, è l’applicazione semplificata di questi insegnamenti accessibili a tutti i figli di Dio ed
offerti nel rispetto della loro libertà. Vi si riconosce bene
Nostro Padre che si occupa di tutti i suoi figli.
M. T., Charlesbourg
*****
È impensabile che un essere umano abbia potuto scrivere un
testo tanto liberatorio e sereno. È un dialogo con la sorgente
o le radici di ognuno. È un viaggio verso il “piccolo bimbo”
che sonnecchia dentro di noi.
Questo dialogo, pieno di tenerezza, di apertura, di accoglienza e d’incoraggiamento, ci riporta all’essenziale e cioè: la
Fede, la Speranza e l’Amore.
Imparare a staccarsi o accettare di liberarsi dai propri
attaccamenti non è facile, soprattutto quanto si tratta di una
persona abituata a “trattare affari” come nel caso di Leandre.
Si sente la lotta che affronta, questo combattimento, questi
conflitti tra il sue essere esteriore “reputazione, agio, successo”, ed il suo essere interiore “tenerezza, dolcezza, sensibilità”. Che battaglia!
J.-M. A., Sherbrooke
202
TESTIMONIANZE
Io trovo questo libro stupefacente, sia nella forma che nel
contenuto. Nella forma, mi ha fatto dapprima pensare
all’Imitazione di Cristo, dove il Fedele dialoga con Gesù. Ma
è molto diverso. Quanto al contenuto, penso che Leandre
Lachance ha dovuto fare un grande sforzo su sè stesso per
accettare di pubblicare un’esperienza spirituale così personale, così profonda e così intima. Grazie! Che testimonianza in
un mondo indifferente come il cemento!
Nel mio paese, sono la catechista dei bambini dai quattro
ai sei anni, con i quali lavoro un’ora a settimana.
A.-M. H., Francia
*****
Leandre, ti ho già scritto il mio apprezzamento sul tuo libro
e mi ripeto su di un altro tono: è più di un piatto di pasticcini per il cuore, è una sorgente di vitamine per l’anima, una
mangiata di luce celeste.
Tocca a te, adesso, Elisabeth: Tu conosci il detto: “Dietro
ogni grande uomo c’è una gran donna”. Non è solamente un
proverbio, è una legge del Creatore… il Creatore della coppia.
Uomo e donna, a immagine di Dio, Lui li ha fatti.... non simili ma complementari. Quando leggo un messaggio del libro di
Leandre, ringrazio il Signore per l’opera della sua coppia spirituale. Si può ammirare una quercia e dimenticarsi delle radici che l’hanno nutrita e che la mantengono diritta e ferma?
P. M. Montreal
203
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Per puro caso, ho ricevuto con la posta un libro di colloqui
spirituali, scritto da un uomo di Quebec della regione di
Sherbrooke, Leandre Lachance, perfetto sconosciuto per me,
ma del quale il mittente del volume mi diceva un gran bene.
Per educazione, si legge qualche riga per dimostrare, eventualmente, che si sa di che si tratta, ma non più di questo.
Piccola sorpresa: si ha subito l’impressione che il contenuto ci tocca personalmente e che, le brevi lezioni possono
“forse” aiutarci nella nostra vita di tutti i giorni. Perché non
leggere qualche pagina in più, non farà male a nessuno…
Più si legge e più si vuole continuare a leggere: un pò
come uno divora uno dei propri autori preferiti, che si mette
da parte solo con difficoltà. Qui si tratta di una conversazione intima, non di colui che ha redatto il testo, ma di noi stessi con l’Autore reale dei testi: Nostro Padre…
R. L., Lac Simon
*****
I vostri scritti mi hanno aiutato a riannodare la mia relazione
con Dio.
In seguito ad un grande sforzo, che mi ha condotto ad
una depressione, avevo perso il gusto di vivere e di pregare.
Realizzo oggi, dopo questi momenti di sofferenza, che attraverso queste prove il Signore non mi ha mai abbandonata.
Quando dei momenti più scuri si presentano e la depressione si riaffaccia, apro nello Spirito una pagina del vostro
libro… questo mi aiuta molto.
204
TESTIMONIANZE
Ogni volta che Gesù vi dice che vi ama follemente, mi
approprio della sua parola e ne traggo beneficio.
Sr B. D., St-Elie
*****
Rendo grazie al Signore per la disponibilità del vostro cuore
e per l’abbandono che vivete nella fede. Voi, Leandre ed
Elisabeth, siete degli strumenti docili ed il Signore passa
attraverso questi messaggi per raggiungere il mio cuore.
Mi sono ritrovata in questi scritti e, spesso, ho dovuto
farmi violenza per smettere di leggere ed accogliere la preghiera di lode e di adorazione che sorgeva in me. Sono dei
messaggi nutrienti e semplici che ci conducono sempre più
profondamente nell’intimità con la SS.ma Trinità.
M. D.-L., Thetford
*****
Ci tengo a ringraziarvi per questo prezioso libro. La lettura
attenta di questo libro stimola la mia fede. So che “sto correndo il rischio di lasciarmi acchiappare dall’Amore”. Che
possa Egli continuare a trasformarmi… questo è il mio desiderio! Mi auguro che tante persone traggano beneficio da
questi messaggi d’Amore.
G. T., St-Damien
205
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
Continuo a nutrirmi degli scritti di Gesù che ti vengono dati.
La parola è nuova ogni mattina e attuale per la mia vita quotidiana con i miei diciotto giovani del primo e secondo anno.
Sono meravigliosi ed assetati di Dio. Io gli parlo dell’Amore
infinito che Gesù ha per ciascuno di loro.
Sr J. J., Portage
*****
Ho scoperto da poco il libro e sono scossa da ciò che Gesù
sta per preparare per i nostri cuori. Giorno e notte, ho
anch’io il gusto di dirGli: sì! sì! sì! Bisogna che il Fuoco si
accenda nei cuori, dice Gesù!
Vi ha scelto per far parte della sua Armata che va alla conquista di altri cuori (come Giovanna d’Arco). Gesù vuole
usarvi a causa del suo AMORE incontenibile.
O. C., Francia
206
INDICE
Prologo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1999
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
Il tuo tesoro: la mia intimità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Rimanere in ascolto della mia volontà . . . . . . . . . . . . . . . .
Accogli il mio progetto, pur senza comprendere . .
Sul sentiero del Padre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La mia presenza ti trasforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La comunione del Mondo nuovo col Cielo . . . . . . . . .
La sofferenza ha fecondato la mia missione . . . . . . . . .
Tutto a Lui, tutto a te, tutto agli altri . . . . . . . . . . . . . . . . .
Non cercare un altro maestro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La tua vera missione è l’amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L’essere nuovo si costruisce in te
(in te sta nascendo un nuovo essere) . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Come in Cielo così in Terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Io sono la tua sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Con la disponibilità del cuore
si ottiene la risposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Felici quei lettori che accolgono le grazie! . . . . . . . . . . .
Siete alla mia scuola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
207
2
3
5
6
9
11
12
13
15
17
19
20
21
23
25
26
28
29
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30.
31.
32.
33.
34.
35.
36.
37.
38.
39.
40.
41.
42.
43.
44.
Tutto mi appartiene . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il tempo stringe… diventate amore! . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Io presento al Padre la tua preghiera . . . . . . . . . . . . . . . . .
Associato alla creazione del Padre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Prega per l’universo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Piccolo pulcino malato con le ali spezzate . . . . . . . . . .
Per questa grande traversata il Padre provvede . . .
L’umiltà rende i pesi più leggeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Riconosci Colui che ti conduce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Affidatemi i vostri desideri, ne farò il mio agire . . .
Vivrai una Pasqua nuova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nell’umiltà, ricevi saggezza e discernimento . . . . . . .
La speranza dell’eletto degli ultimi tempi . . . . . . . . . . .
Tu sei unico… ed unica è la tua missione . . . . . . . . . . .
La comunione dei Santi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La mia Presenza vuole essere molto discreta . . . . . . .
La vera Vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La nuova Società . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fermati ad ascoltarmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tu contribuisci alla purificazione della Terra . . . .
La tua sofferenza feconda la tua missione . . . . . . . . . .
Io sono con te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
È il Padre la sorgente dell’Amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Accetta di scomparire e lo Spirito Santo agirà . . . . .
Non è la tua opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Infiammati del suo Fuoco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tu sei un balsamo per il mio Cuore ferito . . . . . . . . . .
Colui che lavora alla mia opera
riceverà la sua ricompensa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
208
30
31
32
33
35
36
38
40
41
42
43
45
45
46
47
49
49
51
52
54
55
56
57
58
59
61
62
64
INDICE
45.
46.
47.
48.
49.
50.
51.
52.
53.
54.
55.
56.
57.
58.
59.
60.
61.
62.
63.
64.
65.
66.
67.
68.
69.
70.
Le porte del Cielo sono aperte per lui . . . . . . . . . . . . . . . .
Questa Terra nuova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Restate in ascolto del vostro cuore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Discendi più profondamente dentro di te . . . . . . . . . . .
Brucio di diffondere l’amore del Padre . . . . . . . . . . . . . .
Tu in Me ed Io in te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uniti al Padre, con il cuore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Un essere nuovo, per una Chiesa nuova . . . . . . . . . . . . . .
Affrettare il progetto d’amore
con il consenso e la preghiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Rimanete nella lode . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le comunità d’amore e di condivisione . . . . . . . . . . . . . .
Obiettivi pratici delle piccole comunità . . . . . . . . . . . . . .
Per diventare degli esseri d’Amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Camminare nella fede pura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Requisiti per partecipare alle Piccole Comunità . . .
Imbevuto del mio Amore,
lascia passare il mio Amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Agire come uomo di fede
o come uomo di mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ciò che viene dallo Spirito Santo è Luce . . . . . . . . . . . .
Anna e Gioacchino ti accompagnano . . . . . . . . . . . . . . . . .
Domani, il mio Grande Ritorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Io ti ispirerò . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il tempo stringe – Accogliete l’Amore . . . . . . . . . . . . . . . .
Come una buona Madre, Io veglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Nonno felice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Io ti amo, ho bisogno di te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
GuardaMi, e attingerai nuove forze . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
209
65
66
68
69
70
71
72
73
74
75
76
78
80
81
83
85
86
87
88
90
91
94
95
96
98
101
Per la felicità dei miei, i miei prescelti. Gesù
71.
72.
73.
74.
75.
76.
77.
78.
79.
80.
81.
82.
83.
84.
85.
86.
87.
88.
89.
90.
91.
92.
93.
94.
95.
96.
97.
98.
Il piccolo fattorino del Padre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Le Piccole Comunità sono lanciate . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Una moltitudine si mette in cammino . . . . . . . . . . . . . . .
Il “sì” che cambia tutto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Innestati sull’Amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L’urgenza per la preparazione dei cuori . . . . . . . . . . . . .
L’abbandono totale nelle mani del Padre . . . . . . . . . . .
L’insegnamento della tua vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
È il Padre che trasforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La purificazione accogliendo il mio Amore . . . . . . . .
Il grande combattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Vieni a bere alla sorgente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ti ringrazio di aver fiducia in Me . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Un apostolo dal cuore di Fuoco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Un’osservazione ben accolta
produce sempre la luce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dei “sì” vengono dati ad ogni istante . . . . . . . . . . . . . . . .
Prosegui nella pura fede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Verso questa Chiesa nuova, tutta bella, tutta pura . .
Ciò che fa di te un apostolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tu non devi capire, tu devi benedire . . . . . . . . . . . . . . . . .
La vita senza di Me non ha senso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L’Amore è all’opera a vostra insaputa . . . . . . . . . . . . . . . .
Il Regno di Dio è molto vicino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il Padre ha previsto tutto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La tua sofferenza sarà trasformata in gioia . . . . . . . . .
È la mia Chiesa, non la tua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Vieni a riposarti sul mio cuore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Accettare di consacrare del tempo a Dio . . . . . . . . . . . .
210
102
103
107
108
110
111
113
115
116
119
120
123
124
125
127
129
130
131
133
134
135
137
139
140
141
143
145
146
INDICE
2000
99.
100.
101.
102.
103.
104.
105.
106.
107.
108.
109.
110.
111.
Il passaggio all’anno 2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La priorità delle priorità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lascia che il tuo Dio agisca in te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Missionari senza frontiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Il piccolo resto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Affinché altri vengano raggiunti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Partecipare con la preghiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
A Padre D., figlio prediletto del mio Cuore . . . . . . . .
La scala dei valori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
L’umiltà lascia spazio a Dio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Lasciarsi “smontare” per essere “ricostruiti” . . . . . . .
Insieme per diffondere l’Amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Giubilo, Tribolazione, Purificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . .
149
150
152
153
154
156
157
160
161
164
165
166
168
Allegato1
Le Comunità d’Amore e di Condivisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
Allegato2
Preghiere di ieri… e di oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
211
Fly UP