...

La socializzazione sul posto di lavoro

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

La socializzazione sul posto di lavoro
Organizzarsi
La socializzazione
sul posto di lavoro
La socializzazione è un processo sociologico e psicologico tramite il
quale l’uomo diventa membro di una società. Ogni rapporto si basa
sulla fiducia reciproca che i soggetti hanno gli uni verso gli altri. Sul
posto di lavoro la socializzazione in primo luogo è di tipo
organizzativo, solo successivamente diventa di tipo personale ed è
legata alla capacità degli individui di socializzare fra di loro. Da questo
doppio legame nascono le organizzazioni «umane» vincenti
di Teresa Tardia
Socializzazione significa, pertanto, far parte di un gruppo di persone e condividere opinioni e
obiettivi per raggiungere uno
specifico risultato; invece socializzare significa relazionarsi con
gli altri: entrare in sintonia al fine
di creare uno spirito di gruppo.
In un posto di lavoro dove molte
volte prevale astio ed estrema
competitività fra le persone,
con irritazione e stress risultati
raggiunti sono al di sotto delle
potenzialità delle risorse e dell’organizzazione nel suo complesso; molte volte la mancanza
di fiducia e di collaborazione
(aspettiamo sempre che gli altri
compiano il primo passo verso di
noi) possono rendere vani gli
sforzi compiuti.
Ogni individuo deve essere franco e sincero, ogni impulso differente si percepisce sul viso della
persona, poiché si tendono i muscoli che si irrigidiscono e si rendono visibili le sensazioni e le
emozioni.
Cosa significa realmente socializzare? Quale vantaggio genera?
Socializzare da dizionario significa entrare e far parte di una comunità, si stringono legami di ti-
po affettivo. Purtroppo le esigenze della vita economica fanno sı̀
che si trascorre più tempo sul
posto di lavoro rispetto al tempo
che si passa con i propri famigliari, quindi anche sul posto di lavoro si deve entrare in sintonia con
gli altri e relazionarsi positivamente per ottenere dei risultati.
Proprio per questo spesso è necessario operare senza conflittualità nel rispetto di ruoli posizioni, ma soprattutto degli individui.
Al centro del processo di socializzazione ci sono proprio gli individui con una propria struttura, carattere, abilità e competenza e atteggiamento.
Nella maggior parte dei casi ci si
comporta in base a un cliché che
ci è stato trasmesso e spesso
confondiamo il lavoro con la vita,
ossia come se ognuno di noi non
avesse una vita privata, ma il lavoro diventa la vita. Tutti affermano che il lavoro è una delle
componenti della vita, ma queste
due parti non possono essere
scisse radicalmente. Molto spesso si tende a dividere la sfera
privata dal lavoro come se l’infelicità o le difficoltà nella vita
quotidiana non hanno alcuna interferenza sulla vita professionale e viceversa.
Questa demarcazione dei confini
apparentemente sembra più agile
e netta nella psicologia maschile
rispetto a quella femminile.
È comunque più semplice sul
posto di lavoro socializzare con
i colleghi dello stesso sesso rispetto a quelli di sesso opposto,
anche perché la storia insegna
che non sempre i rapporti fra i
sessi opposti sono stati franchi
e sinceri. Casi di molestie e di
mobbing sono molto frequenti e
fortunatamente oggi sono denunciati con maggiore facilità rispetto al passato.
Socializzare in questo articolo
comunque è inteso come la costruzione di un clima sereno sul
posto di lavoro fatto di tutte
quelle componenti che possono
rendere un posto di lavoro accogliente, coinvolgente, sincero e umano. Invece molte
volte i posti di lavoro sono impostati sull’assenza della relazioni
fra le persone, sono poco accoglienti e coinvolgenti sullo stile
«il lavoro è solo il lavoro» e sono
prive del requisito della collaborazione e umanità intesa come la
capacità di entrare in relazione
sincera con gli altri.
Di seguito saranno analizzate le
singole componenti della definizione data e si tenterà di effettuare una analisi conoscitiva dei
singoli propositi che possono
rendere una organizzazione vincente sia dal punto di vista professionale che umano. Oggi si
parla sempre più di bilancio sociale o di bilancio delle risorse
umane, dunque bisogna riporre
la giusta enfasi sulle persone e
far in modo di «centrare» le ri-
PMI n. 5/2007
31
Organizzarsi
sorse umane con tutti i punti di
forza e di debolezza per creare
organizzazioni forti.
In particolare si tratta di analizzare quelle che sono le dinamiche sociali dell’impresa e le sue
componenti caratterizzanti che
sono differenti per ogni azienda.
In generale i modelli di socializzazione sul posto di lavoro sono
sostanzialmente due:
socializzazione passiva in
cui il soggetto non conosce
il suo ruolo all’interno dell’organizzazione e si adatta al
contesto;
socializzazione attiva in
funzione del suo ruolo tende
ad assumere una posizione
precisa, tuttavia tale aspetto
può scontrarsi con la rigidità
del ruolo.
L’organizzazione
accogliente
Certamente la capacità di socializzare di un individuo è indipendente dal posto di lavoro in cui
opera e si costruisce lungo la vita.
Ci sono persone più inclini alla
socializzazione rispetto ad altre:
ci sono gli introversi e gli estroversi, ci sono gli egocentrici e coloro che si vorrebbero nascondere, gli audaci e i timorosi. Una
organizzazione ha bisogno di
equilibrio per cui funziona quando ci sono anche gli opposti, ma
tutti devono essere in grado nella
propria individualità/socialità di
accogliere il collega diverso e farne parte dell’organizzazione.
Spesso lavoriamo come se fossimo in «trance da lavoro». Siamo
cosı̀ concentrati che non ci accorgiamo di quello che ci circonda e degli altri. Certamente questo aspetto aiuta ad essere per-
32
PMI n. 5/2007
fezionisti, ma allontana le persone che ci circondano in virtù dell’incremento di produttività tanto auspicato da tutte le organizzazioni aziendali.
Quando una nuova persona entra in una organizzazione bisogna essere solleciti nel coinvolgerla e interessarsi alle sue esigenze. Infatti, passa sempre del
tempo prima che ci si ambienti
in un nuovo posto di lavoro.
Quanto più gli altri aiutano le
persone verso questo tipo di
adattamento tanto prima si riuscirà a rendere agevole il ruolo
della persona nell’ambito dell’organizzazione. Una organizzazione accogliente è anche quella
che permette alle persone di
esprimersi e di poter scambiare
opinioni, spazi per break ricreativi e scambi informali aiutano le
persone a lavorare e socializzare
meglio fra di loro.
L’organizzazione
coinvolgente
I quattro assi portanti dell’azienda che punta alla socializzazione
sono: la collaborazione, la fiducia, la competitività e la capacità
di gestire il rapporto conflitto/
consenso. Ognuno di questi
aspetti deve essere utilizzato in
modo adeguato. L’assenza di fiducia può minare il rapporto dipendente-azienda, Cosı̀ come
l’eccesso di competizione può
generare stress ed elevati livelli
di irritazione, conflitti individuali
e interpersonali; l’assenza di collaborazione o come l’eccesso di
collaborazione possono isolare e
nascondere specifici aspetti i cui
risultati si vedono nel lungo periodo. Infine il rapporto conflitto/
consenso va gestito: possedere
opinioni diverse è discuterne civilmente conduce a specifici risultati il conflitto costante risulta demotivante per chi opera in
una organizzazione e provoca
l’uscita dal luogo del lavoro per
trovare spazi più adeguate e più
confortevoli per lavorare.
La socializzazione sul posto di
lavoro è un processo di acquisizione di conoscenze, capacità,
valori e motivazioni necessarie
per divenire membro a pieno titolo di una organizzazione. Si
tratta in sostanza di un percorso
di formazione.
Gli individui quando coinvolgono
le persone generalmente scambiamo informazioni nell’ambito
di un processo di comunicazione. La sfera del Knowledge ne
risulta in questo ambito rafforzata. L’insieme delle informazioni
scambiate attiva dei processi di
formazione on the job nell’ambito dell’organizzazione.
In generale e nella media, quando una nuova risorsa entra a far
parte di una organizzazione, apparentemente tutti sembrano
positivamente predisposti ad
aiutarla: bisogna chiedersi quando lo fanno incondizionatamente, e quanti sono coloro che lo
fanno, ma nutrono un sentimento di ostilità seppure velato (per
le più svariate motivazioni che
possono andare dal voler occupare il ruolo oppure dall’applicazione che un certo risultato va
«guadagnato» senza aiuti).
Osservare scrupolosamente questi aspetti favorisce i processi di
socializzazione che hanno un impatto sulla:
possibilità di carriera;
chiarezza del compito;
rapporti con i colleghi;
rapporto con i superiori;
Organizzarsi
clima aziendale e possibilità
di mobilità.
I motivi per cui incontriamo i
«mostri colleghi» possono essere
palesi ed esplicitamente concordati e condivisi, oppure possono
essere nascosti o mascherati.
Possono riguardare la sfera dell’identità personale, quando confidiamo un progetto a un collega
per ricevere consigli o approvazione; possono riguardare quella
sociale, quando sono invitati a
cena per avere il suo supporto
per organizzare una convention
o ancora possono riguardare
l’ambito professionale, quando
desideriamo
convincere
un
cliente a sponsorizzare un evento importante.
Tecnologia e socializzazione
Nell’ambito delle strutture organizzative si usa sempre maggiormente la tecnologia che rispetto
alla comunicazione faccia a faccia, ha ridotto certamente i contatti diretti, ma ha migliorato le
relazioni interpersonali, anche se
ha ridotto i momenti di socializzazione fra le persone. Oggi per
motivi economici si fa sempre
maggiore uso di strumenti di comunicazioni virtuali poiché il
modo di lavorare è più esteso e
coinvolge persone che operano
in nazioni e città distanti fra loro.
La distanza fra le persone certamente riduce la possibilità di socializzare, alcuni strumenti utilizzati nella pratica professionale
quotidiana aiutano a ridurre il divario della semplice e-mail associando anche in rete le conversazioni telefoniche. Certamente risulta più difficile entrare in empatia rispetto alla comunicazione
diretta e riuscire a dare la rispo-
sta giusta al momento opportuno.
La tecnologia dall’altro canto
aiuta a tenere più frequentemente i contatti con le persone. Infatti, scambiarsi una e-mail spesso è può semplice che telefonare
o vedersi direttamente. Sopratutto quanto le organizzazioni
sono grandi e decentrate sul territorio risulta alquanto dispendioso e improduttivo vedersi direttamente.
I valori
devono essere condivisi
Ciò che una organizzazione deve
fare è quello di valorizzare la posizione del soggetto. Deve essere
inoltre in grado di scambiare informazioni e di comunicare. Non
si può non tener conto delle
aspettative del soggetto. Ogni
soggetto deve comunque riuscire
a dividere la realtà sociale da quella ipotetica al fine di comprendere
le relazioni fra i differenti soggetti,
aspettative, visioni e realtà.
Condivisione dei valori non significa possedere la medesima
opinione, anzi spesso le critiche
se costruttive sono positive, condividere i valori significa far parte di una organizzazione ed essere credibili, etici, possedere una
reputazione, essere onesti, laboriosi ecc.
I valori sono gli assi portanti su
cui si basa l’azienda e sono i motivi per cui l’azienda aiuta i clienti a crescere e soddisfa un loro
bisogno.
Va sottolineato che ogni incontro
tra due o più persone contiene
infatti degli elementi di negoziazione. È proprio su quella che
viene chiamata elasticità che si
basa spesso un buon rapporto
fra tutte le parti.
Il senso di appartenenza
Il senso di appartenenza è un
istinto di altruismo, ossia la capacità di prestare attenzione. Segue ai valori aziendali il senso di
appartenenza. L’azienda ha più
team e più squadre che lavorano
per raggiungere un risultato. Il
team deve sentirsi unico per poter raggiungere l’obiettivo prefissato. Appartenere a un team significa anche avere una certa
identità, anzi dotarsi di una specifica identità. Quando si fa parte di un team ognuno deve contribuire in base alla proprie capacità pensando di essere il migliore. Un team è legato all’obiettivo da raggiungere e ognuno
opera in questa direzione: tutte
le idee sono orientate in una unica direzione. Tutti gli ostacoli
devono essere superati perché
non è importante da chi proviene la soluzione a un ostacolo,
l’importante è che sia proposta.
Cosa fare per enfatizzare il senso
di appartenenza? Certamente il
senso di appartenenza si costruisce con il senso di affinità, similarità ecc. Riunioni, incontri al di
fuori del rapporto stimolano il
senso di appartenenza e aiutano
la creazione di un buon team di
lavoro.
Va distinto che le condizioni dei
gruppi sono differenti in funzione della numerosità: in situazioni
di piccolo o grande gruppo, in
presenza di poche persone che
interagiscono e si influenzano
reciprocamente, o con numerose
persone il cui potere di influenzamento reciproco si è disperso
e quindi attenuato. Nel piccolo
PMI n. 5/2007
33
Organizzarsi
gruppo vi sono delle dinamiche
interpersonali, regole di interazione specifiche a quel contesto
che vanno riconosciute e gestite,
e che sono diverse da quelle di
un gruppo numeroso che richiedono approcci relazionali e comportamentali di diverso tipo.
Quando si va agli incontri di lavoro bisogna essere preparati.
Arrivare preparati agli incontri
consente di monitorare quanto
accade in tempo reale e di esercitare il proprio potere di influenza per dare all’incontro la
direzione desiderata sia dal punto di vista sociale che emotivo.
Il rapporto di lavoro sincero
La sincerità è una caratteristica,
ma anche un requisito che distingue le persone responsabili.
Un rapporto franco generalmente è sempre auspicato, perché
permette di avere una visione
chiara di ognuno di sé nell’ambito dell’organizzazione. In genere
le persone che non sono sincere
sono quelle che si nascondono o
che tendono a privilegiare una
ottica individualista piuttosto
che di gruppo. Sincerità e trasparenza sono fattori importanti
in un gruppo di lavoro. Quando
non si è sinceri i colleghi si sentono traditi. Rientrano in questo
caso le casistiche sulle promozioni, quando non sappiamo come dirlo al collega/collaboratore
che la meritava quanto noi, e
che purtroppo non è stata premiata.
Insomma devono essere esplicitate tutte quelle regole implicite
di cooperazione, di cortesia, di
reciprocità e di ascolto che ogni
buon comunicatore deve rispet-
34
PMI n. 5/2007
tare nei confronti degli altri per
avere un risultato positivo.
L’essere umano al centro
Gli individui sono al centro dell’organizzazione, infatti la realizzazione di prodotti, servizi, progetti o opere è il risultato del
senso di appartenenza e di identità che si riesce a costruire tra
le persone. Ogni persona ha una
sua specifica identità che comunque si spalma con quella
del gruppo.
Secondo Roland Laing, l’identità
di un soggetto non può mai essere completamente astratta da
quella che è la sua identità per
gli altri Certamente socializzano
con maggiore facilità le persone
che hanno maggiori affinità, interessi e problemi.
Questo implica che modifichiamo alcuni aspetti della nostra
identità secondo le persone con
le quali interagiamo, soprattutto
quando esercitiamo un ruolo, recitiamo delle parti: ossia ci comportiamo in modo specifico con i
nostri collaboratori e diversamente con i dirigenti a cui rispondiamo del nostro operato:
aspetto importante è non perdere la propria identità.
Tutti gli individui hanno una identità sociale che è un retaggio dei
diversi ruoli sociali agiti nell’ambito della famiglia di provenienza o
di quella scelta, all’intemo di una
classe sociale, di un ceto ecc.
Ogni organizzazione è fatta di individui che imparano attraverso il
lavoro, e per definizione possono
sbagliare, ma le vere organizzazioni vincenti sono quelle che da
un errore imparano e trovano una
soluzione e si rafforzano.
Ogni comunicazione ha un aspet-
to di contenuto e uno di relazione. Quando due o più persone
comunicano tra loro si scambiano un certo contenuto e contemporaneamente inviano dei messaggi che implicitamente tendono a qualificare la relazione in
corso. Il livello di contenuto è
trasmesso da ciò che diciamo,
dagli argomenti che si stanno
trattando, dalle informazioni che
si trasferiscono. Il livello relazionale è veicolato da come ci si
esprime e indica come si desidera che l’interlocutore ci consideri
e che tipo di rapporto si vorrebbe
instaurare.
Dunque possiamo dire tutto, l’unica differenza è come la diciamo.
Quando si evita
la socializzazione
Fra i comportamenti da evitare
ci sono certamente certi atteggiamenti che diventano di difesa
come quello di scaricare le responsabilità o ritardare il raggiungimento di un obiettivo.
Quando in una organizzazione il
leader si accorge che mancano
gli elementi di socializzazione
fra le risorse dovrebbe intervenire per ripristinare una condizione serena di lavoro. Si dovrebbero ascoltare tutte le parti coinvolte, trovare delle soluzioni ed
essere comunque risoluti nelle
decisioni da prendere.
Ciò dovrebbe essere fatto, poiché nelle organizzazioni ostili o
le persone ostili potrebbero contribuire a creare un divario e
sentirsi legittimate a non intervenire per il raggiungimento degli obiettivi o ad avere un comportamento deviante.
Un altro danno alquanto forte è
Organizzarsi
l’eccesso di narcisismo aziendale
che porta i colleghi ad essere cinici, spietati e a distorcere le informazioni e a dare giudizi frettolosi sui colleghi e collaboratori.
Questo comportamento cinico si
ripercuote sull’intera organizzazione e non genera a lungo termine risultati concreti, poiché il
senso di grandezza personale
danneggia quello del gruppo di
appartenenza. Infatti, si nascondono verità e fatti che poi quando emergono sono distorti e hanno già incrinato le relazioni con
le persone.
I FATTORI DELLA SOCIALIZZAZIONE
QUANDO SOCIALIZZARE
Conclusioni
In questo articolo abbiamo visto
che la comunicazione come relazione sociale. Sono emersi gli attori/risorse umane consapevoli
del processo di mutua influenza
che rappresenta il collante delle
relazioni di affiliazione, appartenenza, adattamento. La socializzazione rafforza le organizzazione
perché attiva un canale di comunicazione interpersonale fondamentale per generare rapporti di
collaborazione all’interno dell’impresa e che siano in grado di dare
il meglio di sé all’esterno, in particolare ai clienti che riconoscono
il valore fornito dall’impresa.
La comunicazione interpersonale aiuta il professionista a migliorare il suo modo di relazionarsi
coi diversi interlocutori e questo
facilita il raggiungimento dei risultati che si propone da e con
questi contatti.
Infine, per concludere socializzazione sul posto di lavoro significa
comunque grande abilità delle
persone di negoziare per trovare
il percorso verso un obiettivo comune da raggiungere.
GLI ASSI DELLA SOCIALIZZAZIONE
PMI n. 5/2007
35
Fly UP