...

siamo tutti pedoni

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

siamo tutti pedoni
SIAMO
TUTTI PEDONI
Campagna nazionale per la sicurezza
degli utenti deboli della strada
Foto: M.D’Angelo
Sulla strada dell’educazione permanente
L’inverno è in tutti i sensi una stagione buia per i pedoni:
meno ore di luce si traducono infatti in un aumento di morti
tra chi si muove a piedi, soprattutto in città. E così la maggior
parte dei 600 decessi e dei 20.000 feriti che ogni anno si registrano tra chi si muove a piedi, viene coinvolta in incidenti
tra i mesi di novembre e marzo. I più colpiti? Gli anziani.
Per questo è ora più che mai necessaria un’azione culturale
ed educativa permanente che restituisca le città a una dimensione sicura del camminare, per tutte le età. Un’azione che
vada dall’educazione degli automobilisti, perché accendano
prima di tutto il motore del rispetto, a quella dei pedoni di
tutte le età, affinché non dimentichino i piccoli accorgimenti
di prudenza che rendono il camminare più sicuro. Passando
per l’educazione, quest’anno richiamata dalla campagna
ONU #SaveKidsLives2015, dei bambini e dei ragazzi, che
devono potersi muovere per la città in sicurezza e autonomia.
Rieduchiamoci a costruire città a misura di persona e non di
automobile: in fondo, lo ripeto per il settimo anno consecutivo, prima e dopo il volante, Siamo Tutti Pedoni.
Piero Angela
3
Ricordando BDA
BDA è la firma di Bruno D’Alfonso uno dei più grandi disegnatori
umoristici italiani, “nato con la matita” come ha scritto di lui Jiga Melik.
Siamo Tutti Pedoni lo ricorda con due delle tante vignette con le quali,
negli anni, è stato in grado di farci sorridere e riflettere, specialmente
sulla sicurezza stradale.
4
Pedonalità e vivibilità
Siamo Tutti Pedoni torna anche quest’anno sulle strade italiane, o sarebbe meglio dire sui marciapiedi e sulle strisce
di attraversamento: la nutrita rete che sostiene da sette anni
la campagna rinnova il suo impegno, che anche alla luce
degli ultimi dati relativi alle grandi città assume un triste e
crescente interesse nello scenario nazionale della sicurezza
stradale.
La campagna mira a unire l’azione informativa e comunicativa finalizzata a sviluppare un maggiore senso civico sulle
nostre strade a un’azione educativa permanente, offrendo
percorsi e strumenti formativi sempre più efficaci, che accompagnino tutta la durata della vita dei cittadini. Dai bambini agli anziani, momenti di aggiornamento ripetuti che li
portino a vivere la strada in modo consapevole oltre che
prudente e rispettoso.
Siamo Tutti Pedoni in questo senso vuole anche essere un
nuovo approccio sinergico alla progettazione della sicurezza stradale, in una visione che integri discipline e settori che
operano sul territorio su questi temi. Agire sulla pedonalità
significa infatti agire non solo sulla mobilità e sui trasporti
ma anche sulla qualità della città, sulla sua vivibilità, sull’accessibilità e la socialità. Di giorno come di notte, una città
popolata di persone che camminano è più sicura sotto ogni
aspetto.
Marco Pollastri, Vice Presidente Centro Antartide
5
Alessandro Baronciani
I pedoni ancora al centro
È noto che gli ultimi anni hanno confermato una consistente
riduzione del numero di vittime della strada, il cui totale, in
Italia, è più che dimezzato rispetto ai primi anni 2000, ma in
questo contesto i pedoni restano tra i soggetti più vulnerabili:
infatti, in controtendenza rispetto al numero complessivo di
persone coinvolte in incidenti stradali, tra il 2012 e il 2013
sono aumentati gli utenti della strada deceduti mentre si spostavano a piedi. Un dato che si fa più grave in città e nei
mesi invernali.
In questo quadro, una particolare attenzione va riservata
alla due fasce d’età “opposte”: i bambini e gli anziani, che
presentano ambedue i più alti livelli di rischio , e per le quali
il Ministero ha posto in essere apposite iniziative, sia come
obiettivo del nuovo PNSS (sulla strada: nessun bambino
deve morire), sia come azioni educative specificamente mirate agli over 65.
E quindi un sentito apprezzamento va all’impegno del Centro Antartide e a tutta la rete degli aderenti di Siamo Tutti
Pedoni in tal senso perché, se si vuole realmente progredire
su questo fronte, accanto ai provvedimenti in campo normativo e urbanistico è più che mai doveroso avviare progetti
di educazione permanente, che coinvolgano tutte le diverse
fasce di età e le differenti tipologie di utenti della strada.
In altre parole, occorre una forma di sensibilizzazione continua e per realizzarla è necessario porre in essere sinergie
sempre nuove tra tutti i soggetti coinvolti nella grande sfida
di riduzione dell’incidentalità.
Sergio Dondolini, Direttore Generale Sicurezza Stradale
del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
7
Bianco, rosso e... pedone?
Carlo Verdone
strada, siamo tutti uguali: pedoni, motocilisti e au“ Sulla
tomobilisti. La chiave della sicurezza è una convivenza
prudente e rispettosa.
”
8
Lunga vita ai piedi
Più di un terzo dei pedoni che perdono la vita sulle strade
italiane ha più di 60 anni: in altre parole, gli anziani che
si muovono a piedi in città sono sensibilmente più a rischio
delle altre fasce di età, segno di una mobilità urbana spesso
aggressiva, a misura di automobile o di pedone scattante,
il cui impatto va ben oltre al tragico computo delle vittime.
Troppo spesso infatti la strada viene vissuta come un luogo
pericoloso e l’effetto è quello di limitare la mobilità di tanti,
con gravi effetti sulla socialità e sulla salute.
Eppure le nostre vite fortunatamente si allungano, ed è importante preservare l’autonomia di ogni persona il più a
lungo possibile attraverso la possibilità di spostamento sicuro e indipendente, a piedi ma anche in auto, condizione
necessaria per mantenere una qualità della vita buona e
appagante. Per questo è fondamentale, accanto a politiche
che limitino la velocità nei centri urbani mettendo al centro
le persone, insistere su un’educazione permanente che tenga
conto del mutare delle capacità percettive e sensoriali nel
corso del tempo e che supporti tutti, pedoni e autisti, a vivere
con maggiore consapevolezza i rischi e le opportunità della
città.
Non è mai troppo tardi per ricominciare ad imparare e non
è mai troppo tardi per ripensare a città sicure in cui i pedoni
vengano prima di tutto.
Carla Cantone, segretario Spi-Cgil
Gigi Bonfanti, segretario Fnp-Cisl
Romano Bellissima, segretario Uilp-Uil
9
Gli utenti vulnerabili
Ogni anno nel Mondo muoiono oltre 1,24 milioni di persone
per Incidenti Stradali; per il 22% sono pedoni. Si tratta di
oltre 270mila persone, soprattutto bambini ed anziani. Oltre
5.500 sono i pedoni morti nell’Unione Europea, il 21% di
quanti perdono la vita in incidenti stradali in generale.
Pedoni in Italia
In Italia dal 2001 al 2013 sono deceduti 9.758 pedoni,
pari al 14.5% del totale della mortalità per incidenti stradali (67.453): certo c’è stata una diminuzione del 46,8%, da
1.032 a 549 casi, ma la flessione è decisamente inferiore a
quella riportata dal totale degli incidenti stradali (−53,2%).
Le regioni del Centro presentano tassi di mortalità elevati,
più del doppio rispetto alle regioni del Sud (19,9 vs. 9,9 x
1.000.000 ab./anno) e circa il 50% superiore alle restanti
regioni del Nord (19,9 vs 10,2 x 1.000.000 ab./anno).
I più coinvolti sono soprattutto maschi (62,2%), anziani (≥ 65
anni: 54,0%) e residenti principalmente in Lazio (15,3%) e
Lombardia (14,0%), dove le città sono più estese e caotiche.
10,2
19,9
10
9,9
Non a caso il maggior
numero di pedoni deceduti nel 2013 si è registrato a Roma, seguito da
Milano e il tasso di mortalità nei grandi comuni è
più del 50% superiore al
tasso medio nazionale.
Anziani e bambini tra i più colpiti
Se andiamo a vedere chi viene coinvolto come pedone negli
incidenti stradali, gli anziani (≥65 anni) mostrano dei tassi di
mortalità 23 volte superiori rispetto ai bambini (0-14 anni)
e 7 volte superiori ai giovani adulti (15-54 anni). Rispetto al
2012 anche il numero di vittime tra i bimbi tra gli 0 e i 4 anni
è più che quadruplicato.
2012
2013
Città sempre meno a misura d’uomo, esigenze di continua
interconnessione col mondo (pensiamo al cellulare che, anche da pedoni, spesso “ruba” gran parte della nostra attenzione), stimoli complessi che la circolazione stradale impone
a livello cognitivo, richiedono capacità di attenzione divisa e
veloce e processamento di informazioni che a volte possono
superare le capacità cognitive di ciascuno.
È necessario educare anche i pedoni al riconoscimento dei
pericoli, aumentando il livello di consapevolezza, sensibilizzandolo alle conseguenze dei comportanti ed anche ai
cambiamenti dovuti all‘età che possono avere ripercussioni
sulla sicurezza stradale.
Marco Giustini, Istituto Superiore di Sanità
11
VELOCITÀ &
COLPITO DA UNA MACCHINA A
30
COLPITO DA UNA MACCHINA A
50
COLPITO DA UNA MACCHINA A
65
km/h
km/h
km/h
Fonte: Manuale “Pedestrian Safety”, Organizzazione Mondiale della Sanità
VELOCITÀ
&
MORTALITÀ
Fonte: Rapporto Istat sugli Incidenti Stradali 2013
12
MORTALITÀ
9 PEDONI SU 10 SOPRAVVIVONO
5 PEDONI SU 10 SOPRAVVIVONO
SOLO 1 PEDONE SU 10 SOPRAVVIVE
IL 30% DEI PEDONI PERDE
LA VITA MENTRE
ATTRAVERSA
SULLE
STRISCE
13
Save Kids Lives
L’Automobile Club d’Italia
è sempre fortemente impegnato nella promozione della
sicurezza stradale e nella protezione degli utenti della strada,
di cui i bambini rappresentano
una delle categorie più a rischio. Sulle nostre strade muore un bambino ogni
settimana e oltre 200 rimangono feriti. La
causa maggiore di questi decessi è il mancato uso
dei seggiolini, ma è fin troppo rilevante il coinvolgimento
dei bambini tra i pedoni feriti o deceduti.
L’ONU ha deciso di dedicare alla sicurezza dei bambini la Settimana della sicurezza stradale del 2015 ed ACI ha portato nel
nostro Paese la campagna di sensibilizzazione #SaveKidsLives, in
collaborazione con la FIA - Federazione Internazionale dell’Automobile, organizzando tanti eventi su tutto il territorio nazionale che
hanno visto la partecipazione di tantissimi bambini che con i loro
disegni e messaggi colorati hanno voluto sollecitare l’attenzione
di adulti e genitori per rendere più sicura la mobilità dei bambini.
È infatti assolutamente necessario un impegno sempre maggiore
per radicare in tutti gli utenti della strada la cultura dell’attenzione
ai più piccoli: la mobilità sicura e sostenibile è un obiettivo raggiungibile con l’impegno dell’intera filiera della sicurezza stradale, di
cui ACI è capofila a livello nazionale e locale. L’Automobile Club
d’Italia, insieme con l’ONU e la FIA, invita adulti e bambini di ogni
Paese del mondo a sottoscrivere sul sito: www.SaveKidsLives2015.
org la Dichiarazione per la sicurezza stradale.
Angelo Sticchi Damiani,
Presidente ACI
14
Guida pratica per giovani pedoni
A partire dai 5 anni il bambino desidera andare alla scoperta
dell’ambiente circostante; il suo mezzo di locomozione privilegiato sono i piedi.
La scoperta dell’ambiente, gli incontri con i compagni di scuola, il
sentimento d’appartenenza ad un mondo a lui familiare sono le
basi di questo apprendistato di autonomia. Il bisogno di spostarsi
in maniera indipendente, giocando e vivendo con gli altri, assume una funzione importante nello sviluppo globale del bambino.
Gli adulti devono quindi impegnarsi a stimolare lo sviluppo
dell’autonomia dei bambini in piena sintonia con l’ambiente
che li circonda e chiaramente in sicurezza facendoli confrontare
con i propri limiti dovuti allo sviluppo fisico e alla mancanza di
esperienza. Questo accompagnamento, in particolare per l’autonomia in strada, può e deve essere aiutato con semplici prove
pratiche che permettano al bambino di sviluppare delle vere e
proprie abitudini che poi si porterà avanti per tutta la vita.
Differenze di campo
Il campo visivo di un bambino è limitato e corrisponde a meno
della metà di quello di un adulto: 70° anziché 180°.
Quando attraversate la strada assieme ad un bambino non
distraetevi, ma ricordatevi di ruotare a destra e a sinistra la
testa per insegnare ai bambini a ripetere il gesto.
Potete anche insegnare ai bambini a determinare da soli il
loro angolo visivo. Fategli distendere le braccia in avanti con i
pollici alzati. Quindi fategliele allargare lentamente verso l’esterno, mantenendo lo sguardo fisso di fronte, fino a quando
non riusciranno più a vedere i pollici.
In questo modo il bambino potrà determinare il proprio angolo visivo, e confrontarlo con quello di un adulto.
16
Dammi una mano
È importante verificare il livello di autonomia del bambino nel
suo muoversi in città ed in particolare nell’attraversamento di
strade. Ma come fare senza rischiare di mettere in pericolo la
sua incolumità e allo stesso tempo farlo sentire libero? Tenetelo
per mano e chiedete a lui di indicare il momento giusto per attraversare una strada, sarà lui quindi ad avere la sensazione
di portarvi a passeggio ma allo stesso tempo potrete verificare
le sue capacità.
Il passo successivo sarà quello di lasciarlo uscire da solo per
andare a fare delle commissioni su percorsi sicuri già conosciuti e familiari. Gli farà acquistare maggiore autonomia in
vista di affrontare ambienti meno conosciuti.
Fisso negli occhi
Non è facile insegnare ad un bambino a valutare con precisione le distanze ed i tempi di spostamento delle auto. Per
questo la pratica è importante, magari facendo qualche primo esercizio percorrendo distanze abituali conteggiando il
trascorrere dei secondi; a questo scopo si possono contare
i passi. Un altro utile consiglio da suggerire ai bambini, ma
non solo, è quello di cercare lo sguardo dell’automobilista
che sopraggiunge per sincerarsi che ti abbia visto e, una
volta verificato che l’auto rallenta o si ferma, si può affrontare l’attraversamento sempre camminando e mai correndo.
Tratto da “Bimbinstrada – Manuale per la prevenzione
degli incidenti stradali” Ed. Antartide
17
Siamo nati per camminare
Siamo Nati per Camminare è una campagna che promuove la
mobilità pedonale nei percorsi casa-scuola a partire dai tanti progetti, come i Pedibus, attivi sui vari territori. La campagna stimola il
dialogo con il Sindaco della propria città raccogliendo le proposte
dei bambini per il miglioramento dell’ambiente urbano in modo da
permettergli di muoversi in maniera sostenibile ed in autonomia.
Un’occasione per coinvolgere attivamente i bambini e le famiglie sui
temi della mobilità sostenibile e degli spazi urbani ma soprattutto per
sviluppare la loro partecipazione civica.
La campagna si svolge in Emilia-Romagna, grazie all’impegno della
Regione e del Centro Antartide e nel Comune di Milano con i Genitori Antismog.
18
A scuola in sicurezza... in Pedibus
È come uno scuolabus ed ha un capolinea, orari fermate un
autista ed un controllore: si muove però a piedi, come una
lunga fila per due che si sposta sui marciapiedi e sulle strisce pedonali della città, guidata da genitori o volontari, in
accordo con la scuola e, a volte, con le istituzioni locali. Garantito, con il sole o con la pioggia e tutti i giorni dell’anno
scolastico, l’arrivo in classe per il suono della campanella.
È il Piedibus, una modalità semplice ma efficace per organizzare il trasporto da casa a scuola favorendo la pedonalità in tutti i suoi aspetti, dalla sostenibilità alla socialità,
dall’autonomia alla salute. Ma il Piedibus è soprattutto uno
strumento educativo trasversale per ripensare gli spostamenti quotidiani a partire dai piedi, per diffondere stili di mobilità dolci e, insieme ai bimbi, reinventare città in cui i piedi
siano i primi mezzi di trasporto.
www.piedibus.it
20
Disegno di Darko Perovic © 2015 Sergio Bonelli Editore.
Camminare per le città italiane in piena autonomia e sicurezza, per una persona non vedente o ipovedente, costituisce una vera e propria sfida quotidiana, a causa delle troppe
barriere fisiche e culturali. Semplici gesti quali attraversare
una strada od un incrocio, muoversi su un marciapiede, individuare una fermata dell’autobus, affrontare una rotonda,
sono azioni quasi automatiche per un comune cittadino, ma
non per chi è affetto da disabilità visiva. Questa categoria,
infatti, dev’essere messa nelle condizioni di fare tutto ciò in
totale indipendenza, evitando di incorrere in rischi molto pericolosi per la propria incolumità, al fine di garantire loro
una vera inclusione sociale ed un’effettiva dignità al pari
degli altri. Innanzitutto, le amministrazioni locali dovrebbero
dimostrare una maggior attenzione nelle fasi di pianificazione degli interventi urbanistici nel rispetto delle normative
vigenti: implementare l’installazione di percorsi tattili e di
semafori sonori, che sono pochi e spesso non funzionanti,
nonché evitare di collocare pali od arredi urbani in mezzo al
percorso. Ma la vera chiave di volta è il senso civico di ognuno di noi, la determinazione a non ostacolare chi già ha un
handicap, evitando di posteggiare la propria auto in mezzo
ad un marciapiede o in un passaggio vietato o sistemando
biciclette e ciclomotori in mezzo ai percorsi pedonali. Con
qualche piccolo gesto di attenzione da parte di tutti si può e
si deve migliorare la qualità di vita di molti.
Stefano Tortini, Presidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e
degli Ipovedenti Regionale dell’Emilia-Romagna
22
Foto Romolo Eucalitto
Con gli occhi del senso civico
Manifesto per città amiche dei pedoni
Siamo nati per camminare, siamo tutti pedoni. Chi guida
è solo momentaneamente un “non pedone”. Camminare fa
bene alla salute del corpo e della mente. Chi cammina non
inquina e consuma energia rinnovabile.
La città amica dei pedoni:
• Rende piacevole e sicuro il camminare
• Educa al rispetto di chi usa i piedi
• Educa tutti alla coscienza dei diritti ma anche dei doveri
sulla strada
• Fa rispettare le regole che tutelano chi si muove a piedi
• Reprime i comportamenti aggressivi di chi guida
• Modera la velocità dei veicoli
• Ripensa le strade con gli occhi di chi cammina
• Costruisce isole che spezzano lo spazio stradale
• Abbatte le barriere architettoniche e rende più facile la
mobilità dei disabili
• Insegna a camminare con prudenza e rispettando le regole
• Riserva sempre più strade e piazze a chi cammina
• Restituisce ai bambini la possibilità di recarsi a scuola a
piedi, da soli o in gruppo, con i piedibus
• È anche amica della bicicletta e del trasporto pubblico
Comuni firmatari: Ancona, Arezzo, Bari, Barletta, Bologna, Bolzano, Brescia, Cesena, Cosenza, Enna, Fermo,
Ferrara, Forlì, Grosseto, La Spezia, Latina, Lecce, Lodi,
Macerata, Mantova, Matera, Milano, Modena, Monza,
Napoli, Novara, Padova, Parma, Pavia, Piacenza, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Taranto, Torino, Trapani, Trento, Udine, Verbania, Verona
24
Il mezzo di trasporto più antico
“
Vito
Possiamo avere tutte le patenti, dalla A alla Z, ma dopo
aver spento il motore, Siamo Tutti Pedoni! Proviamo a
guardare con simpatia chi si sposta con questo mezzo di
trasporto antichissimo che sono i piedi: in fondo, camminando, fa un favore anche a noi e alla città!
”
25
26
TEENAGERS SAFETY
I TEENAGERS MENTRE ATTRAVERSANO
LA STRADA SONO DISTRATTI DA:
42%
ASCOLTO DELLA MUSICA
CON AURICOLARI
21%
CHIAMATE
AL CELLULARE
21%
UTILIZZO DI SUPPORTI
PER LA MESSAGGISTICA
LA METÀ DEI TEENAGERS AFFERMANO
CHE SPESSO SI TROVANO IN GIRO A
PASSEGGIO QUANDO FUORI FA BUIO:
TRE-QUARTI DEGLI INCIDENTI FATALI CHE
COINVOLGONO PEDONI TEENAGERS
ACCADONO TRA LE
19:00 E LE 7:00
7:00
19:00
Fonte: Safe Kids Worldwide – www.savekids.org
27
La mobilità dolce
La mobilità “dolce” è un’idea semplice: sono gli spostamenti a piedi, in bicicletta, su ferrovie minori, percorsi da chi
ha voglia di andare a bassa velocità per vivere le città e il
territorio, non più solo da attraversare. È mobilità dolce il
cammino sulla via Francigena, l’avventura a piedi di Paolo Rumiz sul percorso dell’Appia da Roma a Brindisi, una
pedalata sulla greenway tra Spoleto e Norcia, un viaggio
sulla ferrovia Transiberiana d’Italia tra Abruzzo e Molise, è
andare a spasso per Bologna con i racconti storici di Eugenio Riccòmini.
Il viaggiatore “slow” è un utente debole per definizione, che
va incoraggiato e protetto da chi ancora oggi si muove ad
alta velocità sulle strade, mettendo a rischio la vita di tante
persone. Ogni giorno tra chi si muove in città, ben il 24%
non fa più di 2 km ed un altro 22% non supera i 5 km: ma i
pedoni sono solo il 16% degli spostamenti. Quindi i percorsi
a piedi potrebbero aumentare molto: fa bene alla salute, fa
bene alla città, fa bene al pianeta. Ma ci vuole sicurezza:
la strada deve ritornare ad essere uno spazio pubblico da
condividere.
Anna Donati, presidente onoraria di
CoMoDo - Confederazione Mobilità Dolce
28
Che città pesti?
Raccontaci la tua città (ma anche la campagna, gli spazi
verdi, strade o vicoli) vista attraverso i tuoi piedi!
Fai un selfie ai tuoi piedi mentre cammini e unisciti alla campagna Siamo Tutti Pedoni! Raccontaci dove sei e inviacelo
con un breve messaggio con una di queste modalità:
- postalo sui tuoi social con l’hashtag #SiamoTuttiPedoni
- postalo o invialo sulla pagina Facebook www.facebook.
com/SiamoTuttiPedoni
- spediscilo a [email protected]
E tu, dove cammini?
#SiamoTuttiPedoni
I selfie di tutti i pedoni saranno pubblicati sulla pagina
Facebook www.facebook.com/SiamoTuttiPedoni
29
Patrocini
Senato della Repubblica , Camera dei Deputati, Ministero della
Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome,
ANCI, Regione Emilia-Romagna - Osservatorio per
l’Educazione alla Sicurezza Stradale, ACI
Campagna promossa da
Centro Antartide
SPI Cgil, FNP Cisl, UILP Uil
Aderenti
Comune di: Bologna, Cesena, Campagnola Emilia, Catania,
Cosenza, Faenza, Ferrara, Forlì, Desenzano del Garda, Legnano,
Modena, Novara, Piacenza, Pistoia, Ravenna, Sassari, Trento,
Udine, Verbania, Verucchio
Osservatorio Provinciale Sicurezza Stradale di Reggio Emilia
AUSER – Associazione per l’Invecchiamento Attivo; ADA – Associazione per i Diritti degli Anziani
Agenzia per la Mobilità Metropolitana e Regionale - Torino
FAI Emilia-Romagna
ADP – Associazione Diritti Pedoni; AICE - Associazione Italiana
contro l’Epilessia; AIFVS - Associazione Italiana Familiari e Vittime
della Strada Onlus sedi di Boretto, Perugia e Venezia; Associazione Italiana Medici per l’Ambiente – ISDE Italia; ANCESCAO
Coordinamento Provinciale di Bologna; Associazione Enigma
2002 (VB); Associazione La Città Possibile (TO); Associazione La
Strada Siamo Noi (GE); Co.Mo.Do. - Confederazione Mobilità
Dolce; Ecoistituto del Veneto “Alex Langer”; Genitori Antismog
(Mi); Legambiente Bologna; UIC Emilia-Romagna – Unione Italiana
dei Ciechi e degli Ipovedenti
ACU - Associazione Consumatori Utenti; Adiconsum; ADOC Associazione Difesa Orientamento del Consumatore; Codacons;
Confconsumatori; Federconsumatori; Federconsumatori sedi di
Bologna, Modena e Rimini; Movimento Consumatori; Movimento
Difesa del Cittadino; Unione Nazionale Consumatori
ISS - Istituto Superiore di Sanità; Azienda SS2 Bassa
30
Friulana-Isontina/Dipartimento di Prevenzione;
Azienda USL di Reggio Emilia
Conad, Coop Adriatica, Tper
www.lastradasiamonoi.info, ww.piedibus.it, www.sicurauto.it,
www.sicurmoto.it
Comuni firmatari del
Manifesto per una città amica dei pedoni
Ancona, Arezzo, Bari, Barletta, Bologna, Bolzano, Brescia,
Cesena, Cosenza, Enna, Fermo, Ferrara, Forlì, Grosseto, La
Spezia, Latina, Lecce, Lodi, Macerata, Mantova, Matera, Milano,
Modena, Monza, Napoli, Novara, Padova, Parma, Pavia, Piacenza, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Taranto,
Torino, Trapani, Trento, Udine, Verbania, Verona
Siamo Tutti Pedoni 2015
Ideazione e coordinamento: Centro Antartide
A cura di: Vittorio Beccari, Sara Branchini,
Alessio Castellani, Grazia Locritani, Marco Pollastri
Immagine di copertina: Gastone Mencherini
Si ringraziano: Raffraela Brusia, Alessandra Mangalaviti,
Mario Gomboli e la casa editrice Astorina; Ornella Castellini, Davide Pettani, Gianfranco Manfredi per la serie di
Adam Wild e la Sergio Bonelli Editore; Nicoletta Zavattini
della redazione di Superquark; Francesca Magnolfi.
Stampato nel mese di ottobre 2015 presso
Mig-Moderna Industrie Grafiche srl (BO)
Info e adesioni:
Centro Antartide, via Santo Stefano 67 Bologna
051/260921, [email protected]
www.siamotuttipedoni.it
www.facebook.com/SiamoTuttiPedoni
#SiamoTuttiPedoni
31
Con il patrocinio di:
Ministero della Salute
PER L’EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE
CONFERENZA DELLE REGIONI E
DELLE PROVINCE AUTONOME
Con il contributo di:
PENSIONATI
Ideazione e coordinamento:
#SiamoTuttiPedoni
www.siamotuttipedoni.it
Fly UP