...

Nano… e allora - TA

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Nano… e allora - TA
TECHNOLOGY ASSESSMENT
Opuscolo informativo
www.ta-swiss.ch
Nano… e allora?
publifocus «Le nanotecnologie e il loro significato
per la salute e l’ambiente»
Sommario
Editoriale
Editoriale
P. 1
Nano – una dimensione
all’attacco
P. 4
Un nuovo mondo tecnico
P. 6
Dal vetro della finestra
all’antitumorale
P. 8
Nanoparticelle
problematiche
P. 10 Prospettive per l’ambiente
e la società
P. 11 Discussione sui rischi e
nanoricerca in Svizzera
P. 12 Obiettivi e approfondimenti
Impressum
Quesso opusculo può essere comandato presso TA-SWISS o sul sito internet
www.ta-swiss.ch.
Copertina: fonte BASF
«Nanocubi» provvisti di pori all’interno: potrebbero essere utilizzati per immagazzinare
idrogeno.
Le nanotecnologie sono considerate
le tecnologie chiave del Ventunesimo
secolo. Le conoscenze delle nanoscienze e i nuovi nanoprodotti possiedono un enorme potenziale economico.
Modificheranno la nostra quotidianità
e avranno delle ripercussioni anche
sull’ambiente. Nell’ambito dei lavori su
scala nanometrica si verificherà inoltre
una «fusione» tra i settori di ricerca e
le tecniche della fisica, della chimica,
della medicina, della biotecnologia,
dell’informatica, delle scienze elettroniche e delle scienze dei materiali.
Nell’opinione pubblica, il significato
delle nanotecnologie è tuttavia ancora
poco noto.
Nelle nanotecnologie, la ricerca e le
sperimentazioni vertono su singoli atomi e molecole. In questa dimensione,
da uno a 100 miliardesimi di metro, le
proprietà delle sostanze cambiano in
parte radicalmente. È proprio questo a
schiudere nuove possibilità alla tecnica.
Ma vi sono anche dei rischi. Ciò che è
innocuo a livello di microparticelle (milionesimi di metro) può essere pericoloso per l’uomo e per l’ambiente a livello
di nanoparticelle. Negli Stati Uniti, nel
maggio 2006 otto associazioni di protezione dell’ambiente e dei consumatori
hanno esortato il governo a ritirare dal
mercato tutti i cosmetici contenenti nanoparticelle di sintesi (biossido di titanio
e ossido di zinco) perché potrebbero
costituire un rischio per la salute. Le autorità sanitarie americane e l’industria
cosmetica negano tuttavia possibili rischi per l’uomo. Anche in Svizzera sono
in corso discussioni simili attorno alle
creme solari contenenti nanoparticelle. Benché anche qui le autorità gettino acqua sul fuoco, alcuni aspetti della
regolamentazione e della dichiarazione
delle nanotecnologie sono irrisolti. Vi è
ancora molto da fare e da decidere.
La politica segue con attenzione i
progressi tecnici. Come per tutte le nuove tecnologie, anche per le nanotecnologie si tratta di scoprire quali possibilità offrono e dove sono i limiti. Occorre
inoltre determinare quali vantaggi fanno
sì che sia ragionevole assumersi anche
certi rischi. Gli studi contribuiscono a
ponderare le opportunità e i rischi e a
valutarne le conseguenze. Le eventuali
leggi necessarie devono però tener conto anche dell’opinione della popolazione. TA-SWISS, il Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche, intende
mostrare come e con quali argomenti la
popolazione valuta le nanotecnologie
nel 2006. A tal fine, nel settembre 2006
TA-SWISS organizza un publifocus con
incontri in tutte le regioni della Svizzera.
In occasione di ogni serata publifocus,
15 persone scelte a caso discuteranno
di vari aspetti delle nanotecnologie. Il
presente opuscolo informativo rappresenta una base per le discussioni del
publifocus: spiega cosa sono le nanotecnologie, quali applicazioni e progetti
esistono, dove sono le opportunità e i
rischi e chi partecipa alle nanotecnologie in Svizzera. Le opinioni dei partecipanti al publifocus saranno riassunte in
un rapporto distribuito al Parlamento e
al pubblico interessato entro la fine del
2006.
Il publifocus «Le nanotecnologie e il loro significato per la salute e
l’ambiente» è promosso attivamente
dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), dall’Ufficio federale
dell’ambiente (UFAM) e dalla Zürcher
Hochschule Winterthur (ZHW). Un ampio gruppo di esperti in materia di politica, ricerca, scienza, economia, società,
media e protezione dei consumatori segue criticamente il progetto.
Michael Emmenegger,
capoprogetto publifocus
«Le nanotecnologie e il loro significato
per la salute e l’ambiente»
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Con la «nanotecnologia» è nato un nuovo settore di sviluppo, che suscita già un
grande interesse economico. La ricerca svizzera fa parte dei pionieri di questa
tecnica rivoluzionaria.
Lo shampoo «Nanoguard» riduce sensibilmente la caduta dei capelli già dopo
30 giorni di applicazione. Un finestrino
dell’automobile sigillato con «Aaabsolut Nano» fa scivolare via la pioggia e
la neve. La racchetta da tennis «NanoSpeed» della ditta Yonex trasmette alla
pallina una spinta energetica supplementare.
Ultimamente, promesse del genere
trovano sempre più spazio nei media.
La parola «nano» ha l’effetto di una formula magica – una tecnologia chiave
del Ventunesimo secolo, che finirà con
l’influenzare quasi tutti i settori della nostra quotidianità.
Cosa significa «nano»?
Ma cosa significa «nano»? Letteralmente, il significato della parola nano è
semplice: indica l’ordine di grandezza
un miliardesimo (10-9). Nel caso della
nanotecnologia s’intende un nanometro
(nm), e cioè un miliardesimo di metro (un
milionesimo di millimetro). Il rapporto tra
la grandezza di una molecola di zucchero di circa un nanometro e una mela è
uguale a quello tra una mela e la terra.
Il nanomondo è il mondo degli atomi e
delle molecole. Un atomo di idrogeno ha
un diametro di 0,1 nanometri. La molecola del DNA, vettore dell’informazione
genetica nel nucleo delle cellule, ha
uno spessore di 2,5 nanometri contro i
50’000 nanometri di un capello umano.
Oggi l’etichetta «nanotecnologie» raggruppa tutti i materiali e le strutture di dimensioni comprese tra 0,1 e 100 nanometri ottenuti in modo mirato mediante
processi tecnici.
Nella prassi, tuttavia, il concetto di
«nanotecnologia» non è ancora definito
esattamente. La nanograndezza di una
particella ne fa già una nanoparticella, ad esempio nel caso della fuliggine
nel fumo del fuoco a legna? O si deve
parlare di nanoparticelle solo quando
le particelle sono di sintesi, e cioè prodotte artificialmente? Un’altra condizione è che i nanomateriali presentino
proprietà fisiche o chimiche innovative,
dovute unicamente alla piccolezza delle
particelle. Il biossido di titanio in polvere
utilizzato nelle pitture da imbianchino,
ad esempio, è di colore bianco. Sotto
forma di nanoparticella, ad esempio per
schermare i raggi UV nelle creme solari,
invece, è incolore e trasparente. È ne-
cessario trovare definizioni vincolanti a
livello internazionale per dare una base
inequivocabile alle regolamentazioni e
prescrizioni giuridiche future. Ciò vale in
particolare per i prodotti e le applicazioni
con nanoparticelle di sintesi.
Nano o non nano?
«Nano» è anche una parola alla moda,
che talvolta può generare una gran
confusione. Alla fine di marzo 2006, lo
spray per uso domestico «Magic Nano»
appena immesso sul mercato tedesco
ha fatto scalpore su tutti i giornali: pubblicizzato come sigillante per le superfici di vetro e ceramica, il prodotto ha
provocato un’insufficienza respiratoria
su oltre 110 persone; sei pazienti hanno dovuto essere ricoverati per edema
polmonare. Si temeva che i problemi
di salute fossero stati causati da nanoparticelle contenute nello spray. Indagini hanno poi rivelato che lo spray
per uso domestico sotto accusa non
conteneva nessuna nanoparticella. Ad
aver provocato i disturbi erano le gocce finissime generate dal propellente e
i prodotti chimici che contenevano. Lo
spray è comunque un nanoprodotto
perché la pellicola sigillante che lascia
sulla superficie è «spessa» solo alcuni
nanometri.
Anche in natura
Il nanomondo non è un’invenzione
dell’uomo. Una nanostruttura sulla superficie delle foglie del fiore di loto fa
scivolare via le gocce d’acqua molto
velocemente, in modo che trascinino
con loro anche le particelle di sporco (figura p. 2). Nel caso dei finestrini
dell’automobile autopulenti, questo
«Aktuell»-Nr. 2/2005 – Alles Nano oder was?
Kan. Lehrmittelverlag St. Gallen
Nano –
una dimensione all’attacco
1
«effetto loto» è imitato da nanoprodotti industriali, che sigillano la superficie.
Sotto le zampe del geco, numerosi peluzzi sottilissimi gli permettono di aderire alla superficie a pochi nanometri di
distanza. A questa distanza minima le
forze d’attrazione tra le molecole dei
peli e la superficie agiscono consentendo al geco di passeggiare tranquillamente a testa in giù sul soffitto (figura p.
2). Le nanodimensioni possono anche
rendere forti: se sotto forma di gesso
per la lavagna il carbonato di calcio è
piuttosto molle, in una struttura stratificata di spessore nanometrico conferisce un’estrema durezza alla conchiglia
abalone.
L’accesso alle nanodimension
Il microscopio ottico, utilizzato a partire
dal Diciassettesimo secolo, è stato molto utile per le scoperte nel campo della
biologia e della medicina. Le lunghezze
d’onda naturali dei raggi luminosi limita-
New World Landscapes
www.lotusan.de
Kellar Autumn, Lewis & Clark College
Le nanoparticelle sono presenti
sotto forma di colloidi naturali (piccoli
ammassi di molecole) anche in innumerevoli prodotti alimentari, come la caseina (100 nm) e la proteina di siero di
latte (3 nm) nel latte. E proprio grazie
alle loro dimensioni di norma inferiori
a 100 nanometri, i virus possono insinuarsi e imperversare all’interno delle
cellule del corpo (figura a destra). Le
nanostrutture e le nanoparticelle hanno
quindi sempre fatto parte della nostra
quotidianità – anche se è da poco che
parliamo di «nano». Il fatto che il tema
«nano» sia diventato d’attualità ha anche radici svizzere. Fino a non molto
tempo fa, il mondo degli atomi e delle
molecole era ancora invisibile all’occhio
umano. Grazie a innovativi microscopi
sviluppati in Svizzera è finalmente stato
possibile vedere anche le nanostrutture
e addirittura manipolare in modo mirato
singoli atomi.
Modello di virus, University of California
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
www.lotuseffect.de
BASF
2
no tuttavia la visibilità ad alcune centinaia di nanometri, il che corrisponde a
un ingrandimento di circa 1500 volte.
Sono così visibili le cellule dei tessuti
e i batteri, ma non i virus o le singole
molecole. Un netto passo avanti è stato fatto con lo sviluppo del microscopio
elettronico, negli anni Trenta, che ha
aumentato di 100-1000 volte il fattore
d’ingrandimento per raggiungere la
gamma dei nanometri, il che permette
di osservare ad esempio i filamenti molecolari del DNA (acido desossiribonucleico) portatori dell’informazione genetica nel nucleo delle cellule.
Nel 1981, il microscopio a effetto tunnel (STM, Scanning Tunneling
Microscope) ha aperto nuove possibilità
alla ricerca. Heinrich Rohrer e Gerd Binnig del laboratorio di ricerca di Rüschlikon, nei pressi di Zurigo, hanno costruito
un microscopio con un ago di tungsteno
mobile, la cui punta termina con un unico atomo metallico. Avvicinando questa
sonda di scansione nanometrica a una
superficie elettricamente conduttrice,
a una distanza di circa un nanometro
gli atomi della sonda e della superficie
sono così vicini che gli elettroni iniziano a fluire, benché i due materiali non
si tocchino. Più la superficie e la son-
da sono vicine, più questa «corrente di
tunnel» (spiegabile solo con la teoria
della meccanica dei quanti) è intensa.
Facendo passare questa sonda sulla
superficie da analizzare a griglia (e cioè
riga per riga) e rilevando man mano la
corrente che fluisce, si ottiene un disegno tridimensionale della superficie. Il
microscopio STM permette di guardare
dimensioni di centesimi di nanometro
– un paesaggio in cui gli atomi si distinguono come palle da biliardo.
Il microscopio STM permette non
solo di «vedere» gli atomi, ma anche
di «catturarli». Se infatti si appoggia
la punta della sonda direttamente sul
materiale da analizzare, gli atomi vi restano attaccati. La nanosonda riesce
quindi ad afferrare individualmente gli
atomi e a ridepositarli sulla superficie
in un altro punto. Un metodo che trova
ora impiego nelle nanoscienze e nelle
nanotecnologie. Il microscopio a forza
atomica (AFM), un perfezionamento del
STM, permette di analizzare anche materiali non conduttori e ha quindi aperto
una finestra sugli atomi del biomondo
(figura p. 3).
Enorme potenziale economico
Grazie ai nuovi microscopi, il nanomondo si è aperto alla ricerca e allo sviluppo
in tutta la sua varietà. L’incremento dei
fondi di promozione negli ultimi anni è
impressionante: se nel 1998 i governi
del mondo intero hanno investito sui
600 milioni di dollari nella ricerca e nello
sviluppo nelle nanotecnologie, nel 2002
tale importo ha raggiunto 2,1 miliardi e
nel 2006 dovrebbe arrivare a 6 miliardi.
L’Europa, gli Stati Uniti e il Giappone
investono somme dello stesso ordine
di grandezza. Anche l’industria spende
ormai almeno la stessa cifra per progetti nanotecnologici. Negli Stati Uniti, due
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Laboratorio Hans-Josef Hug, NCCR Nanoscale Science
volume di mercato globale attualmente
è ancora di 80 miliardi di dollari, per il
2015 si prevedono circa 1000 miliardi di
dollari.
Il fatto che anche roba vecchia sia
abbellita con l’etichetta «nano» è l’altra
faccia di questa atmosfera da cercatori
d’oro. Qualsiasi fabbricante di pneumatici o anche il fornitore di colore di stampa
nero può vantare nanoprodotti, dal momento che questi prodotti contengono
già da decenni particelle di fuliggine di
nanodimensioni. E se adesso l’«iPod
nano» memorizza 1000 canzoni in una
scatolina elettronica grande quanto un
accendino, questo portento è senz’altro
«incredibilmente piccolo» (come dice la
pubblicità), ma ha ben poco a che vedere con la nanotecnologia. Nel frattempo anche la scienza ha imparato come
ottenere fondi per la «nano»ricerca. Un
ricercatore svedese, ad esempio, ha
ammesso di aver ricevuto recentemente
1,7 milioni di euro dall’UE nell’ambito di
un programma di «nanobiotecnologia»
– benché la descrizione del suo progetto di fabbricazione di strutture miniaturizzate di sostegno di tessuti artificiali avrebbe anche potuto fare a meno
dell’etichetta «nano».
Nanosurf, Liestal
terzi delle 30 maggiori aziende hanno
già avviato nanoprogrammi. E a livello
mondiale circa 2000 neoimprese sviluppano nanoprodotti. Solo in Germania,
oggi circa 100‘000 posti di lavoro dipendono direttamente o indirettamente
dalla nanotecnologia. Il polo di ricerca
nazionale Nanoscienze parte dal presupposto che in Svizzera circa 500 persone sono attive nella nanoricerca e altrettante nella nanoindustria. Stando alle
stime, ogni anno lo Stato investe circa
50 milioni di franchi nella ricerca nanotecnologica e in settori affini. Secondo il
seco, la Svizzera è così al primo posto
della classifica mondiale in rapporto al
numero di abitanti. Il fatturato annuo dei
prodotti nanotecnologici è molto difficile
da quantificare poiché non esiste una
definizione esatta di ciò che comprende
questo mercato. In Svizzera dovrebbe
però aggirarsi sui 150 milioni di franchi
e la tendenza è al rialzo. Il miliardo di
dollari investito nel frattempo come capitale di rischio dal mondo finanziario è un
ulteriore segno delle enormi aspettative.
Nel caso della nanotecnologia, sul mercato mondiale inizia a diffondersi una
crescente ondata di nuovi prodotti. Se il
3
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Un nuovo mondo tecnico
L’estrema piccolezza dà alle nanoparticelle proprietà assolutamente innovative.
Particolarmente interessanti sono i nanotubi e le nanosfere cave di carbonio.
Ogni elemento chimico ha le sue proprietà, che percepiamo sotto forma di
colore, durezza, elasticità, conducibilità
elettrica, temperatura di fusione, ecc.
Fabbricando oggetti sempre più piccoli
di un determinato materiale, nel passaggio dal macro e dal micromondo al
nanomondo le proprietà possono cambiare radicalmente. Un anello d’oro, ad
esempio, è di colore giallo, mentre le
nanoparticelle d’oro sono rosse. Il carbonio sotto forma di grafite nella mina
delle matite è relativamente molle. Il
carbonio sotto forma di tubicini nanometrici è invece cento volte più resistente dell’acciaio. L’alluminio delle lattine è innocuo. Se tuttavia si producono
particelle nanometriche di alluminio, si
ottiene una sostanza esplosiva utilizzabile come catalizzatore nei carburanti
dei razzi.
Perché nano è diverso
In alcuni casi, il motivo di questa trasformazione è il passaggio ad altre leggi
fisiche. Se nel macromondo della no-
www.nccr-nano.org/nccr
4
stra quotidianità vigono le leggi della
meccanica classica, nel nanouniverso
dominano gli effetti della meccanica dei
quanti, che esplicano un’azione percettibile solo a dimensioni minime.
Un altro motivo della diversità nanotipica sta nella lunghezza d’onda della
luce visibile. Vediamo i colori quando le
onde luminose si riflettono su un materiale. Siccome la luce visibile ha una lunghezza d’onda compresa tra 400 e 800
nanometri, certi nanomateriali composti
da particelle più piccole appaiono trasparenti, come abbiamo visto nel caso
del biossido di titanio nella crema solare. In molti casi, il nanoeffetto si basa
sul rapporto mutato tra la superficie e
il volume. Se una sfera diventa sempre
più piccola, il rapporto tra la superficie
e il volume diventa sempre più grande
(figura a destra). Un cubo di un micrometro (1000 nm) di lato è composto da
circa un miliardo di molecole, di cui lo
0,6 per cento si trova sulla superficie
del cubo. Un cubo di 10 nanometri di
lato contiene solo 1000 molecole, di cui
però il 50 per cento è in superficie. È
questo incremento enorme di superficie
a trasformare sostanze di norma chimicamente poco attive in nanoparticelle altamente reattive. E ciò fa sì che il
materiale fonda molto più velocemente,
assorba molto di più (ad esempio i raggi UV nella crema solare o le molecole su un biosensore) o diventi appunto
esplosivo. Così persino l’oro, un metallo
nobile, che nel macromondo è molto inerte chimicamente, alle nanodimensioni
è impiegato come catalizzatore reattivo
nelle celle a combustibile.
Una sintesi pubblicata dal Woodrow
Wilson International Center for Scholars
di Washington nel marzo 2006 descrive
212 nanoprodotti offerti come beni di
consumo nel mondo (128 negli Stati
Uniti, 42 in Asia orientale, 35 in Europa
e 7 nel resto del mondo). A ciò si aggiungono approssimativamente 600 materie
prime e componenti del nanosettore.
Nessuno sa quanti altri prodotti contengono nanoparticelle o nanostrutture non
5
www.nccr-nano.org/nccr
University of Illinois at Urbana-Champaign
www.nccr-nano.org/nccr
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
dichiarate dalle ditte produttrici. Nella
descrizione dei 212 nanoprodotti sono
menzionati quali materiali principali il
carbonio (29 prodotti), l’argento (25),
il quarzo (14), il biossido di titanio (8),
l’ossido di zinco (8) e l’ossido di cerio (1).
Nanotubi e buckyballs
Il carbonio, il materiale più utilizzato, ha
delle strutture completamente innovative alle nanodimensioni, che ne fanno
il cavallo di battaglia (ma anche la spina
nel fianco, come vedremo più avanti)
della nanotecnologia. Nel 1991, il gruppo elettrico giapponese NEC ha sviluppato i primi nanotubi di carbonio (figura
p. 4). Inviando un impulso di corrente o
un lampo laser in una camera ad alta
pressione riempita con un gas ricco
di molecole di carbonio, dagli atomi di
carbonio si formano dei cilindri cavi allungati (figura sopra).
Con un diametro compreso tra uno
e alcune migliaia di nanometri, questi
«spaghetti di carbonio» sono sei volte
più leggeri, ma cento volte più resistenti
dell’acciaio e tuttavia flessibili. Sono estremamente resistenti alla alte temperature e conducono il calore meglio del diamante (un altro ottimo conduttore fatto
di carbonio) e possono essere elettroconduttori, semiconduttori o isolanti, a
seconda del metodo di produzione. I
nanotubi sono diventati la quintessenza
delle possibilità nanotecniche. Rendono più leggeri e rigidi attrezzi sportivi,
come le racchette da tennis e le mazze
da golf, e permettono di ottenere filati
estremamente resistenti e fogli trasparenti, in grado di cedere calore o fare
luce. I nanotubi si prestano anche come
contenitori molecolari per trasportare
principi attivi ad esempio in medicina.
In futuro potrebbero anche sostituire i
transistori in chip informatici ultrarapidi e assicurare la massima risoluzione
delle immagini negli schermi televisivi.
Altre nanosuperstrutture sono i fullereni buckminster (C60), detti «buckyballs» in gergo nanotecnologico. Sono
composti da 60 atomi di carbonio disposti (come i lembi di pelle pentagonali
o esagonali di un pallone da calcio) in
modo da formare una sfera cava del diametro di 0,7 nanometri (figura sopra).
In futuro si pensa di utilizzare queste
nanosfere per il trasporto di sostanze
mediche e altri principi attivi. È anche
previsto l’impiego in celle solari ad alto
rendimento.
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Una carrellata sulla gamma dei nanoprodotti esistenti nonché sulle idee e sui
progetti a cui si sta lavorando mostra la varietà e le possibilità della nanotecnologia.
vetro, ceramica, metallo o vernice con
uno strato solido di nanoparticelle (ad
esempio di biossido di titanio), si ottiene una superficie estremamente liscia,
che fa scivolare via l’acqua e impedisce
alle particelle di sporco di aderire. Oggi
esistono quindi finestre e facciate autopulenti, cabine della doccia senza macchie di calcare, piani di lavoro di acciaio
inossidabile per la cucina a prova di impronte. Un nanorivestimento può anche
rendere la vernice dell’automobile resistente ai graffi e proteggere le superfici
metalliche dalla ruggine. In Germania
è già stata sviluppata una crema per i
denti sensibili al freddo o al caldo: un
principio attivo a base di nanofosfato di
calcio e proteina imita il materiale naturale dei denti sigillando le sottili crepe
nello smalto all’origine del dolore.
La sintesi pubblicata dal Woodrow Wilson Center menziona anche i campi
d’applicazione dei 212 beni di consumo nanotecnici. Più della metà (125)
trova impiego nel comparto «salute e
fitness», seguito da «elettronica e computer» (30), «casa e giardino» (21) e
«alimenti e bevande» (19); nel settore
dell’automobile rientrano circa 10 prodotti; tre prodotti sono stati sviluppati
appositamente per i bambini. Esaminando più da vicino il principale gruppo
di prodotti «salute e fitness» emerge
un predominio del settore dei tessili (34
prodotti), seguito dagli articoli sportivi
(33), dalla cosmetica (31), dalla cura
del corpo (23) e dalla protezione solare
(8). Sono già molto diffuse le sigillature
di oggetti d’uso con rivestimenti di un
nanometro di spessore. Riempiendo
le cavità microscopiche su superfici di
Un nanostrato d’argento sul lato interno del frigorifero può agire contro i
batteri e i funghi. Si ottiene lo stesso effetto anche con nanoparticelle d’argento
inserite nelle fibre sintetiche di prodotti
tessili, ad esempio pantaloncini e magliette da ciclista o calze da sport, allo scopo di inibire la crescita dei batteri mentre
s’indossa questi capi contrastando così
l’odore del sudore. Sul mercato sono
stati immessi saponi con nanoargento e
lavatrici, in cui durante il lavaggio sono
rilasciati ioni d’argento allo scopo di «disinfettare» il bucato.
Il biossido di titanio o l’ossido di
zinco sono già ampiamente diffusi come
schermo UV nelle creme solari. Riflettono o assorbono i raggi UV come minuscoli specchi minerali proteggendo
così la pelle. L’impiego dei pigmenti su
scala nanometrica ha innanzitutto motivi estetici, dato che le nanoparticelle
risultano trasparenti, mentre le particelle di microdimensioni utilizzate in precedenza lasciavano sulla pelle una pellicola bianca. In una crema per il viso,
i fullereni C60 aumentano la durata di
conservazione facendo in modo che le
www.lancome-usa.com
Dal vetro della finestra all’antitumorale
molecole all’origine dell’irrancidimento
delle sostanze grasse si depositino
sulla superficie delle nanosfere di carbonio. Da poco è tecnicamente possibile rivestire facciate, finestre, mobili, tappeti o pareti del soggiorno con biossido
di titanio. Per effetto della luce solare,
questa tecnica permette di eliminare lo
sporco e le macchie di grasso, caffè o
inchiostro. Lo stesso metodo consente
anche di ridurre le sostanze nocive di
natura organica nell’aria all’interno del
locale – perlomeno in teoria.
Spirig Pharma AG
Nano nell’industria alimentare
www.eddiebauer.com
6
Nanoparticelle di argilla, biossido di silicio, ossido di zinco o biossido di titanio
inserite nelle pellicole e nei contenitori
di plastica rendono questi imballaggi
più resistenti agli strappi e agli urti o
ne riducono la permeabilità al vapore
acqueo, all’ossigeno e alle radiazioni
UV. Se sono muniti di nanoparticelle
d’argento, attraverso lo scambio di ioni
d’argento è possibile ridurre la formazione di germi sulla superficie dei prodotti
alimentari che contengono, in modo da
prolungarne la conservabilità. Un nano-
rivestimento interno delle bottiglie e delle lattine di birra può invece impedire la
perdita di acido carbonico, prolungando
anche in questo caso la conservabilità
del prodotto. Si sognano già imballaggi protettivi che cambiano di colore una
volta che il contenuto è andato a male.
Nanoparticelle possono essere inserite anche direttamente negli alimenti.
Già oggi si avvolgono coloranti naturali,
aromi e vitamine in nanocapsule da miscelare alle bevande. In questo modo, gli
additivi si sciolgono meglio nel liquido
e l’organismo può assorbirli e trasformarli più rapidamente. È tuttavia ancora
distante all’orizzonte la molto discussa
pizza surgelata con varie nanocapsule
che, attivate nel forno a microonde a
seconda della potenza selezionata, assumono un sapore specifico: 400 W per
la margherita, 800 W per la prosciutto e
funghi e 1200 W per la quattro stagioni.
Benché i gruppi alimentari si occupino intensamente del nanofood, il settore si mostra discreto nei confronti del
nanomondo – a differenza dell’industria
degli articoli sportivi. Presumibilmente
non da ultimo vista l’esperienza fatta
con gli alimenti transgenici, quando qua
e là i critici nonché i dubbi dei consu-
TA-SWISS
www.sharperimage.com
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
matori quanto alla sicurezza hanno
bloccato il lancio di prodotti.
Speranze mediche
Le possibilità nanotecniche sono oggetto
di intense ricerche nella medicina. Con
il «Lab-on-a-Chip» sono in fase di sviluppo apparecchi che su una superficie
di pochi centimetri quadrati racchiudono
centinaia di tipi di molecole reagenti tali
da poter analizzare in brevissimo tempo
tutta una serie di sostanze contenute
in una goccia di sangue. Sono in preparazione anche «nanocristalli» che si
accendono sotto l’azione dei raggi UV.
Unendo questi nanocristalli agli anticorpi che si formano nel corpo durante
un’infezione, questi sintomi di infezione
sono identificabili in campioni di sangue
o di urina già quando sono presenti in
quantità minime.
Si mira anche a nanomedicinali.
Strutture cave di nanodimensioni potrebbero diventare vettori di trasporto
di principi attivi e, munite di specifiche
molecole di ricerca, essere inviate direttamente nel focolaio della malattia. Una
medicazione di questo tipo avrebbe bisogno di una frazione delle attuali quantità di principio attivo. La nanotecnologia
potrebbe inoltre rendere più agevoli per
i pazienti le medicazioni permanenti.
Ha già superato i primi test una nanocapsula sviluppata negli Stati Uniti,
che contiene cellule che rilasciano insulina. Sotto forma di un futuro medicinale, capsule di questo tipo circolerebbero
continuamente nel sangue dei diabetici
fornendo costantemente l’insulina necessaria al paziente.
Sono riposte speranze nella nanotecnologia anche in relazione alla terapia delle malattie tumorali. In Germania
è già stata sperimentata sull’uomo una
terapia con molecole di ossido di ferro,
nell’ambito della quale le nanoparticelle magnetizzabili sono iniettate direttamente nel tessuto tumorale. Applicando
un intenso campo magnetico esterno
nel punto corrispondente, le particelle
di ossido di ferro iniziano a vibrare danneggiando con il calore così prodotto
le cellule tumorali maligne. I primi test
clinici sono stati effettuati su tumori cerebrali, cancro alle ovaie, carcinomi al
collo dell’utero nonché tumori alla prostata. Non si può tuttavia ancora dire se
questa «MagForce Nanocancer Therapy» soddisfi realmente le gradi aspettative che suscita.
Nanosphere, Inc.
Northbrook USA
Altre sperimentazioni riguardano
antitumorali che sono iniettati nel tumore e si depositano sulle cellule tumorali.
Sono ad esempio stati curati con successo tumori alla prostata su topi avvolgendo gli antitumorali in nanosferette di materia sintetica, che aderiscono
direttamente alla superficie delle cellule
tumorali e sono poi inghiottite dalle cellule assieme al contenuto letale.
La speranza è che, una volta iniettati
nella circolazione sanguigna, questi cavalli di Troia farmaceutici possano forse
combattere anche i tumori le cui cellule
sono già distribuite in tutto il corpo sotto
forma di metastasi.
7
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Nanoparticelle problematiche
Per quanto le nanotecnologie possano essere promettenti, oggi si sa ancora
poco sugli eventuali effetti collaterali nocivi. Potrebbero rivelarsi pericolose le
strutture e le superfici speciali dei nanomateriali, ma soprattutto le nanoparticelle di sintesi.
La grande preoccupazione che fa discutere gli specialisti è la possibilità che
le nanoparticelle penetrino nel corpo
umano e vi provochino dei danni. Dove
le nanoparticelle sono saldamente fissate su un materiale di supporto, come
nel caso delle nanoparticelle nella vernice delle automobili o dei nanotubi nelle
racchette da tennis, i prodotti suscitano
meno timori rispetto ai casi in cui le
nanoparticelle si muovono liberamente
nell’ambiente. Queste nanoparticelle libere possono essere inalate attraverso
i polmoni o assorbite attraverso la pelle o il tratto gastrointestinale. Si pensi
in particolare ai prodotti vicini al corpo,
come i cosmetici, i tessili o gli imballaggi dei prodotti alimentari. E dove le
nanoparticelle sono impiegate direttamente negli alimenti o nelle bevande,
l’assorbimento da parte del corpo è
addirittura la regola. A destare preoccupazione non sono tanto le nanoparticelle digerite ed eliminate dal corpo
come altre molecole biologiche – ad
esempio le vitamine o i coloranti avvolti
in opportune nanosostanze addizionate
agli alimenti. Se però le particelle sono
costituite da nanostrutture estranee al
corpo, che non si sciolgono nel corpo
e di conseguenza non possono essere
eliminate dall’organismo, è inevitabile
una presenza prolungata di queste sostanze estranee all’interno del corpo.
Accanto alle nanoparticelle non solubili
potrebbero rivelarsi una spina nel fianco
in particolare i nanotubi di carbonio e i
fullereni.
Prime indicazioni da
sperimentazioni su animali
Sperimentazioni su topi e ratti negli Stati Uniti mostrano una possibile minaccia per i polmoni a causa dei nanotubi.
Dopo l’applicazione di grandi quantità
di nanotubi di carbonio nelle vie respiratorie degli animali, si sono verificate
infiammazioni e mutazioni patogene
nel tessuto polmonare. In che misura
questi risultati siano proiettabili su una
realtà in cui sono inalati tutt’al più quantitativi nettamente più piccoli resta un
punto interrogativo. Sperimentazioni su
giovani persici trota indicano un potenziale di pericolosità anche per i fullereni. Buckyballs (C60) sciolte nell’acqua
dell’acquario hanno infatti causato perturbazioni delle funzioni cerebrali dei
pesci.
Dannoso per l’ambiente?
Vi sono ancora molti punti in sospeso anche in relazione a un possibile
rischio per l’ambiente attribuibile alle
nanoparticelle e ai prodotti nanotecnici. A seconda del metodo di produzione
e del tipo di prodotto, nanoparticelle
potrebbero disperdersi nei laghi e nei
corsi d’acqua, nell’aria, nel suolo e
nelle acque sotterranee – ad esempio
nanoparticelle d’argento lavate via dagli
indumenti. Per l’uomo queste particelle
sono praticamente innocue, per gli
organismi acquatici le nanoparticelle
d’argento sono invece molto tossiche,
come ha rivelato sul Washington Post
nel giugno 2006 un’organizzazione
ambientalista americana che promuove un miglioramento della qualità
dell’acqua. Le nanoparticelle trovano
anche un impiego crescente in articoli
usa e getta, che prima o poi sono smaltiti o riciclati. Anche le nanoparticelle a
prima vista saldamente legate ai prodotti possono essere liberate in seguito ad abrasione, corrosione o usura.
Molte delle nanoparticelle di sintesi
sono sconosciute all’ambiente per tipo
e quantità. Potrebbero costituire una
nuova classe di sostanze nocive non
biodegradabili. Il loro impatto a lungo
termine sull’ambiente non è praticamente studiato per il momento ed è
quindi difficile da valutare. Non si può
neanche dire se eventuali danni sarebbero irreversibili e se in una prospettiva
a lungo termine un effetto dannoso potrebbe essere annullato. Nanoparticelle disperse nell’ambiente potrebbero
diventare un problema per l’uomo e per
gli animali soprattutto se nel corso del
tempo dovessero accumularsi nelle piante, negli animali e nell’uomo attraverso la catena alimentare. Sappiamo da
tempo come simili sostanze estranee
possono ripercuotersi negativamente
sull’ambiente: basti pensare alle particelle ultrafini, come la fuliggine liberata
nell’atmosfera ad esempio dai motori
diesel. Le particelle di carbonio di queste polveri ultrafini sono più piccole di
100 nanometri. Più è elevato il numero
di particelle in un metro cubo di aria re-
spirata e più elevate sono l’incidenza
delle malattie e la mortalità nella popolazione locale.
E per l’uomo?
In merito alla pericolosità delle nanoparticelle e delle nanostrutture per l’uomo si
conoscono ancora troppo pochi dettagli. Sperimentazioni su culture cellulari
con nanotubi di carbonio hanno tuttavia
mostrato che buona parte dei nanotubi
uniti alle culture è assorbita dalle cellule e resta nelle cellule, dove potrebbero verificarsi danni. In collaborazione
con il laboratorio di ricerca sui materiali
Empa
8
funzionali del Politecnico di Zurigo, un
team di ricerca dell’Empa di San Gallo ha analizzato varie nanoparticelle e
nanotubi utilizzati a livello industriale
per valutarne la tossicità per le cellule
polmonari umane in test di breve durata (< sei giorni). A titolo di paragone è
stato testato anche un materiale di riferimento, il cui effetto tossico per le cellule è noto da tempo. Le sperimentazioni
dell’Empa hanno rivelato che le nanoparticelle di ossido di silicio, ossido di
titanio e ossido di cerio compromettono
temporaneamente il metabolismo delle
cellule polmonari. Le particelle di ossido
di ferro e zinco hanno invece messo a
dura prova le cellule polmonari umane.
E i nanotubi? Pur essendo mille volte
più piccoli delle fibre di amianto, negli
esperimenti dell’Empa si sono uniti fino
a formare aghi più grandi simili alle fibre
di amianto sia per l’aspetto che per la
tossicità e sono apparsi particolarmente
dannosi per le cellule.
Nell’uomo si teme una penetrazione
indesiderato di nanoparticelle nella circolazione sanguigna soprattutto per inalazione. Negli alveoli polmonari, dove
si verifica lo scambio di gas tra l’aria respirata e la circolazione sanguigna, nei
punti più sottili lo strato di tessuto che
separa l’aria e il sangue è spesso solo
100 nanometri. Attraverso il sangue le
nanoparticelle potrebbero raggiungere
anche il cervello, dove presumibilmente
trapasserebbero la barriera sanguecervello, che normalmente blocca le sostanze nocive. In merito all’azione delle
sostanze estranee insolubili nel cervello
si sa ancora poco. Vi sono tuttavia già
primi segnali di alterazioni infiammatorie del tessuto cerebrale.
È possibile anche un passaggio di
nanoparticelle attraverso la mucosa
9
Infineon Technologies AG, Neubiberg DE
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
dello stomaco e dell’intestino, benché
qui i tessuti divisori siano spessi 10‘000
e più nanometri. Un assorbimento sembra possibile anche attraverso la pelle,
ad esempio nel caso dei cosmetici e dei
prodotti solari: è ipotizzabile una penetrazione attraverso i bulbi piliferi e i pori
delle ghiandole sudoripare nonché attraverso lesioni della pelle.
Assenza di regolamentazione
Secondo la legislazione in materia di
derrate alimentari, sanità e protezione
dell’ambiente, in Svizzera le ditte produttrici devono fare in modo che i loro
prodotti non mettano in pericolo la vita,
la salute e l’ambiente. La diversità fisica
delle nanostrutture esula tuttavia dalla
cornice delle leggi e delle prescrizioni
esistenti, il che rende ancora difficile per
il momento l’adempimento dell’obbligo
di diligenza previsto dalla legge da parte della nanoindustria. Per la tossicologia delle nanoparticelle, a causa della
loro reattività il numero di particelle, la
loro superficie complessiva nonché la
natura delle superfici sono presumibilmente più importanti rispetto ai criteri
tradizionali della massa e del volume
totale. A livello nazionale e internazionale si moltiplicano gli sforzi della nanoindustria e delle ditte che immettono sul
mercato nanoprodotti ad adottare misure precauzionali e coordinare le analisi
dei rischi.
Per il momento, le valutazioni dei
nanorischi sono ostacolate non solo
dalla mancanza di conoscenze tossicologiche ma anche da leggi non ancora
adattate: nei laboratori di sviluppo nanotecnico mancano anche le attrezzature
di prova adeguate. Non si sa neanche
quali test siano opportuni né come realizzarli. Ciò fa sì che in alcuni luoghi
siano immessi sul mercato prodotti contenenti nanoparticelle di sintesi, senza
che si abbia un’idea anche solo approssimativamente affidabile dei possibili
rischi. Di fronte a questi deficit, vari ambienti sociali intravedono un crescente
bisogno d’intervento. L’organizzazione
ambientalista canadese ETC Group, ad
esempio, il 6 aprile 2006 ha ribadito il
suo appello a favore di una moratoria
sia per i nanoprodotti che per la ricerca
nei laboratori di nanotecnologia. Altri
organismi auspicano una ricerca più
intensa sui rischi e sulla sicurezza e
chiedono l’elaborazione di una gestione responsabile delle nanotecnologie
a tutti i livelli sociali, politici ed economici. Prescrizioni e tecniche di produzione adeguate devono mantenere i
rischi entro limiti accettabili. Anche il
settore delle assicurazioni è interessato a ottenere maggiori conoscenze.
Siccome la nanotecnologia rappresenta
una tecnica completamente innovativa,
la sua applicazione e diffusione future
nonché i potenziali rischi sono difficili da
stimare.
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Prospettive: ambiente e società
I prodotti nanotecnologici potrebbero offrire dei vantaggi dal profilo ecologico.
Applicazioni nell’elettronica e nelle telecomunicazioni promettono grandi vantaggi, ma suscitano anche dubbi nella società.
nell’agricoltura. Biosensori nanotecnologici che sfruttano onde acustiche superficiali possono dimostrare la presenza
di batteri Legionella e Coli nei serbatoi
dell’acqua già in concentrazioni minime.
Un nanopolimero di amido di mais utilizzato come materiale rapidamente biodegradabile per imballaggi, bicchieri e
sacchetti contrasta l’inquinamento delle
acque e del paesaggio a causa dei rifiuti
di plastica.
Benché si tema che le innovative nanoparticelle artificiali che si disperdono
nell’ambiente causino danni ecologici,
la nanotecnologia ha anche un potenziale rispettoso dell’ambiente. Recentemente, il governo australiano ha presentato in un opuscolo prodotti della
nanoindustria locale vantaggiosi dal
profilo ecologico. Uno scambiatore di
ioni nanotecnologico riesce ad esempio a sottrarre alle acque di scarico il 99
per cento dell’indesiderata ammoniaca,
che è poi impiegata come fertilizzante
Nanovernici e motori parsimoniosi
Empa
10
Studi di casi realizzati dall’Istituto di
ricerca economica ecologica di Berlino illustrano i potenziali vantaggi
ecologici delle nanotecnologie. Partendo dall’esempio delle nanovernici
nell’industria automobilistica, ferroviaria
e aerea, gli studi mostrano come grazie
al rivestimento nettamente più sottile
sia possibile un’efficienza delle risorse
di cinque volte superiore, valori energetici sensibilmente migliori e un consumo
nettamente ridotto di solventi. Gli obiettivi di sviluppo futuro sono riduzioni del
peso dei veicoli attraverso l’impiego di
nanotubi nelle leghe metalliche e nelle
materie sintetiche, pneumatici migliori
grazie alla nanotecnologia nelle miscele
di gomma nonché un’ottimizzazione dei
processi di combustione nei motori mediante nanocatalizzatori. Altri progetti
sono celle a combustibile che immagazzinano l’idrogeno in nanotubi, celle so-
lari con un elevato rendimento luminoso
nonché sorgenti luminose con OLED
(diodi elettroluminescenti organici) sotto
forma di fogli di grandi superfici.
Aspettative nei confronti della
nanoelettronica
Sono riposte grandi aspettative anche
nella nanoelettronica. La continua miniaturizzazione dei chip di memoria e
dei processori hanno portato a strutture
minime di neanche 100 nanometri, al
punto che l’unico problema rimasto è
quello del calore di scarico prodotto in
uno spazio minimo. Impiegando nanotubi si spera di poter finalmente effettuare
l’elaborazione dei dati con miliardi di
trasduttori per ogni chip. Ciò permetterebbe alla tecnologia dell’informazione
non solo sensibili risparmi energetici,
ma anche applicazioni completamente
innovative. Negli oggetti d’uso o negli
indumenti si potrebbe così integrare
componenti elettroniche che verifichino
costantemente la qualità degli oggetti o
la salute dell’utente e le trasmettano mediante telecomunicazioni. All’orizzonte
della nanotecnologia si delineano anche
applicazioni militari. Negli Stati Uniti,
l’industria degli armamenti sta svolgendo ampie ricerche su armi chimiche e
attrezzature nanotecnologiche.
Dubbi sociali
Nei confronti dell’informatica e delle telecomunicazioni onnipresenti sono tuttavia avanzati dubbi etici e sociali, dato
che la tutela della personalità e i diritti
dell’uomo potrebbero essere minacciati dal «grande fratello». Il collegamento
di reti di microscopici sensori, computer, videocamere e microfoni potrebbe
ampliare enormemente le possibilità di
sorveglianza. Come sarà possibile evitare abusi e risolvere i nuovi problemi di
protezione dei dati? Lo stesso vale per
l’impiego di strumenti in nanoscala nella
diagnostica medica. Tra l’altro qui si aggiunge anche il fatto che lo sviluppo di
metodi diagnostici nuovi e migliori procede nettamente più in fretta dello sviluppo di nuove terapie. Vi è il rischio che
i pazienti non possano più far valere il
loro diritto a non sapere. Progetti medici
descrivono anche l’impiego di nanoimpianti, collegati direttamente alle cellule nervose. Benché queste innovazioni
siano state concepite come possibilità
per migliorare la qualità della vita vi è da
chiedersi se e quando sarà superata la
linea di confine verso ibridi uomo-macchina.
Timori esistenziali sono già stati
suscitati nel 1992 dallo scienziato californiano Eric Drexler, che aveva sviluppato la visione di nanorobot capaci
di produrre rapidamente e in qualsiasi
quantità le più svariate sostanze e strutture partendo da atomi e molecole, analogamente alle cellule del corpo umano.
I critici temevano che una nanotecnologia molecolare del genere potesse
sfuggire di mano e che i nanoassistenti
cominciassero improvvisamente a riprodursi in modo incontrollato e finissero
col consumare il mondo come batteri
divoratori, lasciando solo una poltiglia
grigiastra (Grey Goo). Se queste preoccupazioni non sono molto urgenti visto
che siamo ancora distanti dallo sviluppo
di nanostrutture in caso di replicarsi da
sole, l’esempio mostra tuttavia l’enorme
ventaglio di scenari di rischio nanotecnologico ipotizzabili.
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Discussione sui rischi e
nanoricerca in Svizzera
La Svizzera fa parte delle nazioni leader nella nanotecnologia. Accanto ai numerosi programmi di ricerca e sviluppo, adesso ci si sta curando anche degli aspetti
giuridici e sanitari, nell’ambito di un piano d’azione.
Gli uffici federali della sanità pubblica
(UFSP) e dell’ambiente (UFAM), competenti per la sicurezza dei prodotti
chimici e alimentari, intendono elaborare un piano d’azione «Valutazione
e gestione dei rischi dei nanomateriali di sintesi» in collaborazione con
esperti di vari settori scientifici e un
gruppo d’accompagnamento composto da rappresentanti della politica,
dell’industria, delle associazioni ambientaliste, dei consumatori e dei sindacati entro il 2006. Il piano d’azione
svizzero, inteso come un inventario,
traccerà una panoramica delle utilizzazioni attuali di nanoparticelle in Svizzera e elaborerà degli scenari sulle
modalità e sulle quantità di accumulazione delle nanoparticelle nell’ambiente
nonché confronti di questa esposizione
con i carichi attuali di particelle ultrafini
(come la fuliggine dei diesel). Altri campi d’attività sono l’elaborazione di definizioni armonizzate per poter identificare
giuridicamente i nanomateriali nonché
direttive per la valutazione dei pericoli e
dei rischi per l’uomo e per l’ambiente. Si
vuole motivare la ricerca e l’economia a
un’autoregolamentazione e adeguare la
legislazione, nel caso in cui ciò risultati
necessario per la sicurezza. Devono infine essere prese misure immediate per
proteggere i lavoratori.
Un compito internazionale
Attualmente, la nanotecnologia non è
ancora regolata specificamente in nessun Paese. Le future iniziative legislative
e organizzative dovranno essere coordinate a livello internazionale già per motivi
di politica economica: per questo motivo
anche il piano d’azione svizzero collabora con organismi dell’UE, dell’OCSE
e dell’UNEP. Anche nell’ambito dell’UE
è in corso un piano d’azione «Nanoscienze e nanotecnologie», dal 2005 al
2009. E sia l’Associazione svizzera di
normazione (SNV) che l’Organizzazione
internazionale per la standardizzazione
(ISO) stanno realizzando ampi programmi per controllare meglio le norme, i
metodi di misurazione e gli aspetti legati
alla sicurezza e alla salute nell’ambito
della nanotecnologia.
Nanotecnologia in Svizzera:
forte interdisciplinarità
La Svizzera fa parte delle nazioni leader
nella ricerca e nell’industria nanotecnologica. La nanotecnologia è fortemente
interdisciplinare, forse più di qualsiasi altra
tecnologia del futuro. Riguarda quasi tutti
i settori del sapere e della tecnica, dalla
fisica, la chimica e la biologia alle scienze
dei materiali, la tecnica energetica, i trasporti, l’informatica, la tecnica ambientale,
il settore dei tessili, la cosmetica, il settore
alimentare e la medicina. Per questo mo-
tivo, anche in Svizzera ai programmi di
ricerca nanotecnologici partecipano i più
svariati istituti e imprese.
La seguente sintesi, senza pretese di
completezza, dà un’idea delle priorità e
singoli esempi della nanoricerca in Svizzera.
Priorità e programmi
Polo di ricerca nazionale Nanoscienze (NCCR
Nanoscale Science dal 2001)
Settori: nanobiologia, computer quantici, nanosistemi atomici e molecolari, elettronica molecolare,
materiali funzionali e nanoetica.
Direzione: Università di Basilea. Rete di nove università, istituti di ricerca e partner industriali svizzeri con circa 200 scienziati. Collaborazione con
gruppi di ricerca in Europa, Giappone e Stati Uniti.
Ciclo di studi di diploma in nanoscienze dal 2002.
Laboratorio federale di prova dei materiali e di
ricerca (Empa) Dübendorf, San Gallo, Thun
Microscopi e utensili nanotecnologici, nanoelettronica e nanofotonica, materiali e rivestimenti
nanostrutturati, ricerca sui rischi, sicurezza al
nanoposto di lavoro, nanotecnologia e società.
11
logici per fabbricare nanoparticelle,
utilizzate come materiale di partenza in
altri prodotti.
Esempi di istituti di ricerca
Politecnico federale di Zurigo (PFZ)
Nanorobot dell’Istituto di robotica e sistemi intelligenti del PFZ per interventi chirurgici su singole
cellule o per il trasporto mirato di principi attivi.
Politecnico federale di Losanna (PFL)
Sviluppo di metodi nanotecnologici per celle solari
ad alto rendimento e batterie agli ioni di litio.
Istituto Paul Scherrer (IPS), Villigen
Mediante la litografia a raggi X, la «Sorgente di
luce di sincrotrone Svizzera» incide nei polimeri
strutture fino a meno di 20 nm.
Istituto di anatomia dell’università di Berna
Interazione delle nanoparticelle con il tessuto
polmonare. Assorbimento di particelle nei globuli
rossi.
Centre Suisse d’Electronique et de Microtechnique SA (CSEM), Neuchâtel, Zurigo, Alpnach
Nanoelettronica e nanomeccanica per l’industria
orologiera e nell‘ informatica.
Micro- and Nanosystem Technology (MINAST)
NOSE – Nanotechnology Olfactory Sensor, naso
nanomeccanico che registra numerose sostanze
odorose in basse concentrazioni (IBM, Novartis,
PFZ, Università di Basilea, IPS (1996-2001).
Zürcher Hochschule Winterthur (ZHW)
Ricerca applicata e partecipazione al cicli di master europeo in micro e nanotecnologia: Institut
für Chemie und Biotechnologie (ICB), Center for
Computational Physics (CCP), Kompetenzzentrum für Sicherheit und Risikoprävention (KSR).
Università di Losanna (UNIL)
Nanopublic: piattaforma di scambio interdisciplinare sulle nanotecnologie per la scienza, la ricerca, l’industria, le autorità e la popolazione svizzera
(dall’aprile 2006).
Varie imprese industriali svizzere sviluppano o lavorano con nanotecnologie:
da grandi ditte come Novartis, Roche e
Phonak alla giovane impresa zurighese
HeiQ, che sviluppa additivi antibatterici
a base di nanoparticelle d’argento per
indumenti sportivi e plastiche mediche.
Un pioniere della nanotecnica industriale è la Bühler AG di Uzwil, che utilizza
su vasta scala vari metodi nanotecno-
12
PUBLIFOCUS «LE NANOTECNOLOGIE E IL LORO SIGNIFICATO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE» 2006
Obiettivo publifocus
Questa introduzione mira a contribuire a riconoscere i campi di tensione che
comporta l’ampio tema delle nanotecnologie, a farsi una propria opinione e a
formulare auspici, dubbi e interrogativi.
Come illustrato, nei prossimi anni i nanoprodotti influenzeranno fortemente la
nostra quotidianità e gli sviluppi nanotecnologici nell’industria avranno delle
ripercussioni anche per l’ambiente. Le
esigenze poste alle nanotecnologie
sono elevate. Accanto alle grandi aspettative che devono soddisfare le nanotecnologie, in particolare nella medicina, nell’informatica, ma anche in vista
di una riduzione del consumo di materie
prime ed energia, oggi vi sono ancora
grandi punti interrogativi sull’impatto
delle nanoparticelle di sintesi per la nostra salute e per l’ambiente. In proposito praticamente non esistono dati certi.
Permangono divergenze anche su cosa
si debba misurare e come. Come dovrà
essere impostata un’eventuale regolamentazione? Per i motivi citati sopra
non esiste ancora una risposta a questa
domanda. È su questo che dobbiamo
chinarci ora. Nel frattempo, il numero
di nanoprodotti e nanoapplicazioni non
cessa di aumentare. Anche per la popolazione diventa così sempre più concreta la questione delle conseguenze
positive, ma anche delle possibili conseguenze negative.
Secondo quanto dicono gli specialisti,
il pubblico è tutt’al più interessato alla
nuova tecnologia, ma conserva un atteggiamento perlopiù indifferente nei
suo confronti. A TA-SWISS interessa
sapere come reagiscono gli abitanti
della Svizzera al fatto che una nuova
tecnologia prometta vantaggi e contemporaneamente nasconda dei rischi. Vogliamo sapere dalla gente che ne pensa delle nanotecnologie, dei prodotti e
delle applicazioni attuali e future. Dove
intravede i vantaggi della nuova tecnologia. E quanto pesano i rischi. Ci interessa anche sapere cosa si aspetta da
una regolamentazione della nanotecnologia, come si può costruire la fiducia e
quali sono gli ostacoli. A livello di atomi
e molecole non ci sono più differenze
tra «biologico» (naturale) e «sintetico»
(artificiale). Alle nanodimensioni scompare la separazione tra materia vivente
e materia non vivente. È una novità per
la discussione sociale e solleva anche
interrogativi etici, ad esempio quando si
tratta di migliorare l’efficienza dell’uomo
mediante nanoimpianti – come descritto
in alcuni progetti. Che ne pensano i partecipanti ai vari publifocus nella Svizzera tedesca, nella Svizzera romanda
e in Ticino? Ci aspettiamo discussioni
animate.
Approfondimenti
Panoramiche e prodotti
«Nanotechnologie – eine Zukunftstechnologie mit Visionen», schede informative del Bundesministerium
für Bildung und Forschung, Berlino: www.bmbf.de/de/nanotechnologie.php. Nel sito web è anche possibile ordinare l’opuscolo «Nanotechnologie – Innovationen für die Welt von morgen».
«Nanotechnologie», rapporto del Büro für Technikfolgen-Abschätzung beim Deutschen Bundestag (TAB):
www.tab.fzk.de/de/projekt/zusammenfassung/ab92.htm.
All’indirizzo www.cordis.lu/nanotechnology l’UE offre un’interessante homepage dedicata alla nanotecnologia.
In qualità di «European Nanotechnology Gateway», www.nanoforum.org fornisce documenti e studi, ad
esempio Nanoforum Reports: «Benefits, Risks, Ethical, Legal and Social Aspects of Nanotechnology».
«Part 3: Potential Risks of Nanotechnologies» sulle sperimentazioni su animali e cellule umane.
Il «Project on Emerging Nanotechnologies» è il portale informativo del Woodrow Wilson International
Center for Scholars di Washington, www.nanotechproject.org. Con un inventario sull’attuale offerta di
nanoprodotti: www.nanotechproject.org/44/consumer-nanotechnology.
In francese è disponibile il portale NanoScience et NanoTechnologies: www.nanomicro.recherche.gouv.fr
Nanomedicina
«Nanotechnologie in der Medizin», studio di TA-SWISS (2003) all’indirizzo: www.ta-swiss.ch sotto Publikationen, Berichte, Biotechnologie und Medizin.
Vantaggi ecologici della nanotecnologia
«Nachhaltigkeitseffekte durch Herstellung und Anwendung nanotechnologischer Produkte». Institut für
ökologische Wirtschaftsforschung (IÖW), Berlino: www.ioew.de/index2.html.
Rischi
Nanoscience and nanotechnologies: opportunities and uncertainities. Royal Society e Royal Academy of
Engineering, England. Introduzione completa alle opportunità e ai rischi delle nanotecnologie:
www.nanotec.org.uk/finalReport.htm.
«Nanotechnology – Small matter, many unknows», Swiss Re: www.swissre.com, Research & Publications, Risk & Expertise, Risk perception, Nanotechnology.
«Espace Nano» di «VivantInfo» su scopo, impiego, etica e rischi delle nanoscienze: http://www.vivantinfo.
com/ - Espace Nano.
Critiche
www.etcgroup.org. Sotto Publications, Nanotechnology sono disponibili vari rapporti di ONG canadesi
critiche nei confronti delle nanotecnologie.
Friends of the Earth: www.foe.org. L’organizzazione ambientalista internazionale critica l’impiego delle
nanoparticelle nei cosmetici.
Nanotecnologia in Svizzera
I lavori del polo di ricerca nazionale NCCR Nanoscale Science del Fondo nazionale svizzero sono disponibili all’indirizzo www.nccr-nano.org.
L’Empa presenta la sua nanoricerca all’indirizzo www.empa.ch/nano. Qui è anche possibile ordinare o
scaricare un divertente opuscolo per le scuole: «Reise in die Welt des Nanometers».
L’attività del Laboratory for Micro- and Nanotechnology all’Istituto Paul Scherrer di Villigen è presentata
su Internet all’indirizzo http://lmn.web.psi.ch/.
Le attività avviate dall’Università di Losanna dalla primavera 2006 con la piattaforma interdisciplinare
Nanopublic per la ricerca, la scienza, l’industria, le autorità e gli abitanti sono elencate all’indirizzo
http://www.unil.ch/nanopublic/.
CTI – l’Agenzia per la promozione dell’innovazione della Confederazione sostiene il trasferimento di conoscenze e tecnologie tra scuole universitarie e imprese e la creazione di soluzioni commercializzabili
– anche nella nanotecnologia: http://www.bbt.admin.ch/kti/projektfoerderung/.
TA-SWISS, Centro per la valutazione
delle scelte tecnologiche
Dal 1992, TA-SWISS valuta l’impatto
delle nuove tecnologie e presta consulenza al Parlamento e al Consiglio
federale in materia di scienze e tecnologia, anticipando gli sviluppi. Rileva
le tendenze nella biomedicina, nella
tecnologia dell’informazione e nella nanotecnologia con studi scientifici e coinvolge i cittadini nella discussione con
metodi partecipativi, come il publifocus
«Le nanotecnologie e il loro significato
per la salute e l’ambiente». TA-SWISS
è finanziato dalla Confederazione e fa
capo al Consiglio svizzero della scienze
e della ricerca.
publifocus - metodo
Il publifocus è un metodo di dialogo sviluppato da TA-SWISS, che mira a fornire
un contributo precoce a una discussione obiettiva sulle possibili conseguenze
del progresso tecnologico. Nell’ambito
di un publifocus, circa 15 persone scelte
a caso discutono del campo di tensione di una tecnologia – in questo caso
le nanotecnologie. Ogni publifocus, moderato da un professionista e messo a
verbale, dura quattro ore. All’inizio della
serata esperti tengono brevi relazioni,
che agevolano l’avvio della discussione.
Circa un mese prima dell’incontro, i partecipanti sono informati con un opuscolo elaborato appositamente. Scritto in
modo accessibile e neutrale, questo
opuscolo traccia una panoramica sullo
stato attuale, sulle opportunità future e
sui possibili rischi – in questo caso sullo
stato attuale delle nanotecnologie. Le
opinioni dei partecipanti sono riassunte in un rapporto, destinato a informare
il pubblico interessato e il Parlamento.
Negli incontri publifocus non sono formulate raccomandazioni e i risultati non
hanno la pretesa di essere rappresentativi per l’intera Svizzera. Rispecchiano
tuttavia l’atteggiamento della popolazione e danno indicazioni concrete su altri
settori d’intervento.
publifocus
«nanotecnologie»
Promotori
Zürcher Hochschule Winterthur (ZHW)
www.zhwin.ch
Ufficio federale dell’ambiente (UFAM)
www.umwelt-schweiz.ch
Prof. Dr. Peter Gehr, Istituto di anatomia, Facoltà di medicina dell’Università
di Berna
chimici industriali, Divisione sostanze,
suolo, biotecnologia, Ufficio federale
dell’ambiente (UFAM), Berna
Brigit Hofer, Politica economica/sostenibilità COOP Svizzera, Basilea
Barbara Vonarburg, Redaktion Wissen,
Tages-Anzeiger, Zurigo
Dr. Holger Hoffmann-Riem, network for
transdisciplinarity in sciences and humanities (td-net), Accademie svizzere delle
scienze (CASS/SCNAT), Berna (fino in
giugno 2006)
Josianne Walpen, Bereich Lebensmittel/Kosmetika, Stiftung für Konsumentenschutz, Berna
Prof. Dr. Georg Karlaganis, Divisione
sostanze, suolo, biotecnologia, Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), Berna
Dr. Hans G. Kastenholz, Analisi
dell’innovazione e della tecnica, Divisione
tecnologia e società, Empa, San Gallo
Ufficio federale della sanità pubblica
(UFSP)
www.bag.admin.ch
Alain Kaufmann, Comitato direttivo
TA-SWISS, direttore Interface Sciences
- Société, Università di Losanna
Centro per la valutazione delle scelte
tecnologiche (TA-SWISS)
www.ta-swiss.ch
Prof. Heinrich Kuhn, Kompetenzzentrum für Sicherheit und Risikoprävention
(KSR), Zürcher Hochschule Winterthur
(ZHW), Winterthur
Gruppo d’accompagnamento
Prof. Philipp U. Heitz, Comitato direttivo
TA-SWISS, Au/ZH (presidente del gruppo d’accompagnamento)
Prof. Dr. Ueli Aebi, Comitato direttivo
TA-SWISS, esperto di biologia strutturale, NCCR Nanoscale Science, Biocentro, Università di Basilea
Dr. Sergio Bellucci, Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche (TASWISS), Berna
Dr. Stefan Durrer, Settore prodotti
chimici e lavoro, Segretariato di Stato
dell’economia (seco), Berna/Zurigo
Dr. Thomas Epprecht, Risk Engineering
Services, Swiss Re, Zurigo
Dr. Monika Kurath, Ricerca scientifica
Università di Basilea, Collegium Helveticum PF e Università di Zurigo
Christa Markwalder Bär, Consigliera
nazionale PLR, Burgdorf
Dr. Christian Pohl, network for transdisciplinarity in sciences and humanities
(td-net), Accademie svizzere delle scienze (CASS/SCNAT), Berna (da giugno
2006)
Dr. Klaus Peter Rippe, Ethik im Diskurs
GmbH, Zurigo
Dr. Steffen Wengert, Sezione sostanze commercializzate, Divisione prodotti
chimici, Unità di direzione protezione dei
consumatori, Ufficio federale della sanità
pubblica (UFSP), Berna
Direzione del progetto
Michael Emmenegger, TA-SWISS, Berna
Impressum
Nano… e allora? Opuscolo informativo sul publifocus «Le nanotecnologie e il loro significato per la salute e
l’ambiente». TA-SWISS, Berna, 2006.
Autore: Dr. Herbert Cerutti, giornalista
scientifico, Wolfhausen
Redazione: Michael Emmenegger,
Anne Boesch, TA-SWISS, Berna
Traduzione: Vivian Mauley, Chesallessur-Moudon (f) e Giovanna Planzi, Minusio (i), Swiss Re Language Service,
Zürich (e)
Layout: Fernand Hofer, Rheinfelden
Urs Spahr, Sezione sicurezza biologica,
Divisione biomedicina, Ufficio federale
della sanità pubblica (UFSP), Berna
Stampa: Ufficio federale delle costruzioni e della logistica (UFCL)
Dr. Christof Studer, Sezione agenti
Iuglio 2006
Editore e ordinazioni
Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche presso il Consiglio svizzero
della scienze e della ricerca (TA-SWISS)
Birkenweg 61, CH - 3003 Berna
Tel.: ++41 (0)31 322 99 63
Fax: ++41 (0)31 323 36 59
Email: [email protected]
www.ta-swiss.ch
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazzione Svizera
Confederaziun svizra
Ufficio federale dell’ambiente (UFAM)
Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP)
Fly UP