...

Piano d`Azione Salute per e con le comunità

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Piano d`Azione Salute per e con le comunità
Ministero della Salute
Tavolo nazionale “Salute”
per l’implementazione
mplementazione della strategia
strategia nazionale d’inclusione
dei Rom,
om, dei Sinti e dei Caminanti (RSC)
(attuazione
attuazione comunicazione commissione europea n. 173/2011)
PIANO D’AZIONE SALUTE PER E CON
LE COMUNITÀ
COMUNIT ROM, SINTI E CAMINANTI
maggio 2015
Il presente documento è stato prodotto dal Tavolo Nazionale “Salute” istituito a febbraio 2013 per
l’implementazione della strategia nazionale d’inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti (RSC), in attuazione
comunicazione Commissione europea n.173/2011.
Hanno partecipato alla sua formulazione le seguenti organizzazioni:
Agenas, Anci, Conferenza Stato-Regioni con rappresentanti del Lazio e dell’Emilia Romagna, FIMMG, FIMP,
Federazione Romanì, Federazione Rom e Sinti insieme, Federazione Unirsi, INMP, ISTAT, Ministero
dell’Interno, Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Ministero della Salute, OIM, e UNAR.
In particolare si ringraziano i seguenti referenti delle citate organizzazioni che hanno preso parte
attivamente e costruttivamente ai lavori: Serena Battilomo, Antun Blazevic, Silvana Borsari, Roberto
Bortone, Maja Bova, Angelo Carbone, Rossella Celmi, Giovanni Cerimoniale, Nunziatella Cosentino,
Gianfranco Costanzo, Maria Rosaria Cristallo, Maura Curcio, Raffaele Di Palma, Antonella Fiorelli, Saska
Jovanovic, Monica Lanzillotto, Milena Lo Giudice, Maria Letizia Lorenzini, Giuseppe Mele, Giacomo Milillo,
Concetta Mirisola, Domenico Morelli, Andrea Nigrelli, Camilla Orlandi, Nicoletta Pannuzi, Dijana Pavlovic,
Alessandro Pistecchia, Giuseppina Rizzo, Giuseppe Ruocco, Celeste Russo, Bruno Rusticali, Roberto Sassi,
Francesca Scorsino, Fabio Sturani, Pietro Vulpiani.
Infine si ringrazia la Caritas di Roma, in particolare Salvatore Geraci e Fulvia Motta, per aver generosamente
messo a disposizione del Tavolo l’esperienza maturata sul campo in anni di impegno e sperimentazione di
percorsi finalizzati a favorire l’accesso ai servizi sanitari da parte delle popolazioni Rom e Sinta.
Sommario
Sommario .......................................................................................................................................................... 1
PREMESSA.......................................................................................................................................................... 5
RIFERIMENTI NORMATIVI .................................................................................................................................. 6
QUADRO EPIDEMIOLOGICO .............................................................................................................................. 9
DOMANDA DI SALUTE ..................................................................................................................................... 10
PIANO D’AZIONE IN UN’OTTICA DI MEDIAZIONE DI SISTEMA ........................................................................ 12
MACROAREA 1: FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO E NON ............................................................... 14
Metodologia: il “ponte di fiducia” ........................................................................................................... 15
AZIONE 1.1: CORSI DI FORMAZIONE AL PERSONALE SANITARIO E NON DEI SERVIZI TERRITORIALI ED
OSPEDALIERI ................................................................................................................................................ 15
AZIONE 1.2: CORSI DI FORMAZIONE PER MEDICI DI MEDICINA GENERALE E PEDIATRI DI LIBERA SCELTA 15
AZIONE 1.3: CORSI DI FORMAZIONE PER ALTRI ATTORI SOCIOASSISTENZIALI ........................................... 16
MACROAREA 2: CONOSCENZA E ACCESSO AI SERVIZI PER RSC ...................................................................... 17
Metodologia: relazione diretta con le popolazioni interessate .............................................................. 17
AZIONE 2.1.: MAPPATURA DEI SERVIZI SANITARI TERRITORIALI ................................................................ 17
AZIONE 2.2.: INFORMAZIONE ...................................................................................................................... 18
AZIONE 2.3.: ORIENTAMENTO ..................................................................................................................... 18
MACROAREA 3: SERVIZI DI PREVENZIONE, DIAGNOSI E CURA ....................................................................... 20
Metodologia: il lavoro di rete .................................................................................................................. 20
AZIONE 3.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE ....................................................................... 22
AZIONE 3.2: I PERCORSI DI DIAGNOSI E CURA E LA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE ...................................... 23
FAVORIRE L’EMPOWERMENT DELLA COMUNITA’ .......................................................................................... 23
RISORSE ECONOMICHE.................................................................................................................................... 24
SUPPORTO E MONITORAGGIO ........................................................................................................................ 25
SINTESI DEL PIANO D’AZIONE .......................................................................................................................... 26
Bibliografia ....................................................................................................................................................... 27
Appendice ........................................................................................................................................................ 29
ESPERIENZE DI RICERCA E DI INTERVENTO...................................................................................................... 29
Esperienza n° 1 –“Migrazione: sistemi di accoglienza verso la popolazione immigrata dei servizi sanitari e
verifica dell'osservanza del diritto alla salute di queste popolazioni” ........................................................ 30
Esperienza n° 2 - “Promozione della salute della popolazione immigrata in Italia” ................................... 31
Esperienza n° 3 – “La salute della popolazione immigrata: il monitoraggio dei Sistemi Sanitari Regionali”
..................................................................................................................................................................... 32
Esperienza n° 4 – “Percorso di Integrazione presso lo Sportello Unico - Fase II” ....................................... 33
Esperienza n° 5 – “Un modello per l’integrazione socio-sanitaria delle popolazioni svantaggiate”........... 35
Esperienza n° 6 – “SALUTE SENZA ESCLUSIONE: campagna per l’accessibilità dei servizi socio-sanitari in
favore della popolazione Rom e Sinta a Roma” .......................................................................................... 36
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 3 di 47
Esperienza n° 7 – “Accesso dei servizi sanitari ed educazione alla salute delle popolazioni Rom:
sperimentazione di un modello di intervento attraverso la realizzazione e distribuzione di uno specifico
opuscolo” ..................................................................................................................................................... 38
Esperienza n° 8 – “ROMa: mediazione socio-sanitaria come percorso di inclusione dei Rom nella citta’ di
Roma” .......................................................................................................................................................... 40
Esperienza n° 9 - “La salute e la sicurezza del neonato una guida utile per le famiglie immigrate” .......... 41
Esperienza n° 10 - “Linee di intervento transculturali nell’assistenza di base e nel materno infantile” .... 42
Esperienza n° 11 – “SALUTE SENZA ESCLUSIONE: campagna vaccinale per i bambini Rom e Sinti a Roma”
..................................................................................................................................................................... 43
Esperienza n° 12 - “Prevenzione delle IVG nelle donne straniere” ............................................................. 44
Esperienza n° 13 - “troVARSI (VAccinazioni Rom e SInti in Italia” ............................................................... 45
Esperienza n° 14 - “EQUI-HEALTH” .............................................................................................................. 47
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 4 di 47
PREMESSA
Nonostante le difficoltà che si incontrano a tracciare un profilo epidemiologico della popolazione
RSC, la revisione della letteratura sull’argomento evidenzia come vi sia un accordo in tutto il
mondo nel considerare i gruppi RSC che vivono in condizioni di fragilità sociale ad alto rischio
sanitario. La maggior parte delle comunità si trovano in condizioni di povertà e di degrado
abitativo. Inoltre, la marcata separazione dei Rom, Sinti e Caminanti dalle società ospitanti,
frutto non solo dei pregiudizi e delle discriminazioni di cui sono vittime, ma a volte anche del
loro atteggiamento di autoesclusione, impedisce una reale possibilità di integrazione e
condiziona fortemente l’utilizzo dei servizi sociosanitari. Per esempio molti RSC stranieri, pur
essendo in regola con le norme sul permesso di soggiorno, non esercitano a pieno il loro diritto
di scelta del medico di base. Tutto ciò impedisce l’effettivo godimento dei diritti di tutela della
salute, che pure la legislazione italiana riconosce alle popolazioni immigrate.
La presenza secolare nel nostro territorio di gruppi che soffrono, oramai cronicamente, di
fragilità sociale, esclusione, degrado, produce la percezione che queste caratteristiche
accomunino tutte queste popolazioni. In realtà, anche se permane l’abitudine di considerare le
persone RSC come facenti parte di un’unica categoria umana, ogni piccola comunità è
portatrice di cultura, valori, linguaggi differenti, ma anche di percorsi storici, di inclusione e
dialogo con la società ospitante, che la rendono diversa non solo dalla popolazione locale, ma
anche dalle altre comunità rom. Per questo motivo non è appropriato progettare interventi
sanitari efficaci in maniera standardizzata ma, se si vogliono ottenere risultati visibili e
duraturi, la sanità pubblica deve avere la capacità di adattare ad ogni realtà locale gli
strumenti di intervento finalizzati al miglioramento dello stato di salute. Questo comporta la
necessità di conoscere non solo i bisogni di salute, ma anche gli specifici linguaggi, i valori
culturali, le credenze e le tradizioni che contraddistinguono la comunità per la quale si vuole
intervenire, con lo scopo di formulare di volta in volta gli interventi più idonei.
La strategia nazionale di inclusione di Rom, Sinti e Caminanti, mettendo in atto quanto stabilito
dalla Comunicazione della Commissione Europea n. 173/2011 – e mirando al contempo a
rispondere alle varie Raccomandazioni internazionali, regionali e supra-nazionali di settore stabilisce per l’Asse Salute tre obiettivi specifici:
•
Obiettivo specifico 3.1: “Favorire l’analisi e le modalità di accesso ai servizi sociosanitari di qualità per RSC, con particolare attenzione a donne, fanciulli, adolescenti,
anziani e disabili”;
•
Obiettivo specifico 3.2: “Favorire l’accesso a servizi sociali e di medicina
preventiva, con particolare riferimento alla salute riproduttiva e materno-infantile”;
•
Obiettivo specifico 3.3: “Coinvolgere nei servizi sociali e nei programmi di cura
medica RSC qualificati, anche mediante l’inserimento di mediatori culturali”.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 5 di 47
RIFERIMENTI NORMATIVI
Coerentemente con il mandato costituzionale (art. 32), il Servizio Sanitario Nazionale (SSN)
garantisce adeguati livelli assistenziali per tutti gli individui presenti sul territorio nazionale. Nel
tempo sono stati specificati livelli assistenziali diversificati in base alla cittadinanza e alla
residenza degli individui presenti sul territorio nazionale e sono stati introdotti meccanismi per
garantirne l’equità (codici/tesserini di acceso per categorie fragili, partecipazione alla spesa
diversificata e sistemi di esenzione).
Premesso che con la Strategia Nazionale d’Inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti, le Autorità
italiane hanno riconosciuto il superamento della terminologia applicata alle comunità Rom,
Sinti e Caminanti, occorre tener presente che a livello amministrativo si tende ancora ad
utilizzare – comunque, in modo residuale ed in fase di definitivo superamento – il termine
“nomade”, che afferisce alla più ampia categoria degli stranieri itineranti presenti, presenti in
modo non stanziale ed/ o di passaggio sul territorio nazionale. E dunque, Inizialmente il
“nomade” era indicato nella normativa come specifica categoria: infatti fino al 1998
l’assistenza sanitaria ai cittadini non italiani era normata da tanti e differenti provvedimenti
legislativi e tra questi il Decreto del Presidente della Repubblica del 24 dicembre 1992 che
individuava i “nomadi” (ndr: non residenti) come categoria che aveva garantite le sole
prestazioni urgenti, comunque a pagamento e, in caso di insolvenza, con un intervento
economico di copertura da parte della Prefettura che comunque avrebbe attivato una
procedura di recupero debiti (analoga a quella prevista per turisti). Questa norma, insieme ad
alcune decine di altri provvedimenti legislativi sulla tutela sanitaria degli immigrati, è stata
cancellata e di fatto ricompresa con una filosofia “omogenea ed inclusiva” dalla Legge Turco
Napolitano (Legge n. 40/98), poi confluita nel Testo Unico sull’Immigrazione (Decreto
Legislativo n. 286 del 1998) (1); con l’evoluzione della legislazione in ambito sanitario, il
Romanì segue il diritto legato alla propria cittadinanza: italiano, straniero non comunitario
regolare o non, comunitario iscritto all’anagrafe o non, in possesso di protezione umanitaria,
avente status di rifugiato, o apolide, di fatto o di diritto. Si delineano dunque profili giuridici
differenti indipendentemente dalla durata della presenza (e/o dalla nascita) del Romanì in
Italia (2).
1. Se il Romanì è cittadino italiano, esso ha per intero tutti i diritti sanitari legati alla
cittadinanza (iscrizione obbligatoria al SSN, pediatra e medico di base, livelli
assistenziali garantiti, esenzioni dai ticket previsti). Se non cittadino italiano è
equiparato a ciò che prevede la normativa per gli stranieri (cittadini non comunitari) e
per i cittadini appartenenti all’Unione Europea (comunitari).
2. Sulla carta, i cittadini italiani e gli stranieri con regolare permesso di soggiorno, in
particolare quelli legati al lavoro e/o a motivi familiari e/o di protezione sociale, anche
in fase di rilascio del primo permesso o di regolarizzazione e nelle more del rinnovo, hanno il diritto/dovere di iscrizione al servizio sanitario nazionale. Anche il cittadino
comunitario residente o che ha un regolare lavoro, ed i suoi familiari, hanno questo
diritto. Se un Romanì straniero è privo di permesso di soggiorno, così come per tutti gli
immigrati nelle stesse condizioni di irregolarità giuridica, gli sono garantite cure urgenti,
essenziali e continuative attribuendogli un codice che ha valore temporaneo ma
rinnovabile, sull’intero territorio nazionale (cosiddetto Tesserino STP: Straniero
Temporaneamente Presente). Ai sensi dell'art. 35, comma 3, del D.lgs. 286/98,
garantisce agli STP:
a) la tutela sociale della gravidanza e della maternità, a parità di trattamento con le
cittadine italiane, ai sensi delle leggi 29 luglio 1975, n. 405, e 22 maggio 1978,
n. 194, e del decreto del Ministro della Sanità 6 marzo 1995, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 87 del 13 aprile 1995, a parità di trattamento con i cittadini
italiani;
b) la tutela della salute del minore in esecuzione della Convenzione dei diritti del
fanciullo del 20 novembre 1989, ratificata e resa esecutiva ai sensi della legge
27 maggio 1991, n. 176;
c) le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o comunque essenziali, ancorché
continuative, per malattie ed infortunio.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 6 di 47
Inoltre sono estesi i programmi di medicina preventiva a salvaguardia della salute individuale e
collettiva.
L'assistenza sanitaria è garantita tramite le Aziende sanitarie secondo le modalità stabilite da
apposite indicazioni regionali eventualmente in collaborazione con organismi di volontariato
aventi specifica esperienza, ai sensi dell'art. 43, comma 8, del D.P.R. 394/99.
Il divieto di segnalazione all'autorità di pubblica sicurezza, da parte del personale sanitario e
amministrativo, degli stranieri non in regola con le norme relative all'ingresso e al soggiorno
che si rivolgono alle strutture sanitarie, già previsto dal comma 5 dell'art. 35 del D.Lgs 286/98
(TU) non è stato abrogato, né modificato dalla legge 15 Luglio 2009, n. 94 e conserva, quindi,
piena vigenza. Si evidenzia tra l'altro che la legge 94/2009 ha previsto che l'accesso alle
prestazioni sanitarie di cui all'art. 35 del T.U. non richieda l'esibizione dei documenti inerenti il
soggiorno.
Dal 2007 si sono ridefinite la modalità di tutela sanitaria per i cittadini dell’Unione Europea: il
comunitario che non ha lavorato negli ultimi tempi nel proprio paese (tipicamente la Romania o
la Bulgaria) e quindi non è in possesso della Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM), o
che non lavora regolarmente in Italia o non è formalmente residente, si trova in condizione di
estrema fragilità sociale nel diritto all’accesso ai servizi sanitari. A fronte di indicazioni
nazionali, tardive ed incerte, gran parte delle regioni hanno previsto differenti percorsi di
tutela, più o meno inclusivi, attraverso l’attribuzione di un codice specifico (in genere: codice
ENI: Europeo Non Iscritto) che li paragona agli STP come diritto all’assistenza sanitaria (ma
con obbligo di rendicontazione separata per le amministrazioni sanitarie).
Rimandando a testi specifici l’analisi delle politiche (3,4) e delle norme (5,6,7,8), è certo che
l’impostazione “inclusiva” data dal legislatore rispondendo al citato mandato
istituzionale, deve però necessariamente accompagnarsi ad una “disponibilità” da
parte delle amministrazioni locali, che nel tempo sono divenute le reali “protagoniste” delle
politiche sociali e sanitarie per gli stranieri, i comunitari e i rom, nell’implementarle e renderle
operative; ma è proprio in questo ambito che si evidenzia una preoccupante discontinuità e
difformità applicativa in base agli umori politici nazionali e locali.
Per assicurare un omogeneo accesso alle cure alla popolazione immigrata e rom, facilitare il
lavoro degli operatori sanitari e giungere ad una interpretazione condivisa delle norme, il
20/12/2012 è stato sancito un Accordo Stato-Regioni dal titolo “Indicazioni per la corretta
applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle
Regioni e Province Autonome". Punto saliente dell’accordo è l’iscrizione obbligatoria al SSN
degli under 18 stranieri irregolari.
Nonostante la legislazione, tuttavia, le Regioni continuano ad essere caratterizzate da
procedure di accesso non uniformi (vedi www.simmweb.it). L’Accordo Stato Regioni del 20
dicembre 2012 non ha ancora avuto attuazione, in assenza di linee guida che agevolino
l’applicazione in modo omogeneo e diffuso delle norme nazionali e locali; ciò si riflette anche in
modalità differenti di tutela della salute delle popolazioni RSC.
Una domanda forte emersa anche dalle consultazioni è quella di una mappatura e
omogeneizzazione delle regole di accesso ai sistemi sanitari regionali e dell’organizzazione dei
servizi (percorsi di accoglienza, mediazione ecc.). Questo, tra le altre cose, potrebbe essere un
punto da sviluppare in cooperazione con il tavolo trasversale sugli aspetti giuridico-normativi.
La Comunicazione della Commissione Europea n. 173/2011 “Cornice dell’UE per le strategie
nazionali di integrazione dei Rom, Sinti e Caminanti fino al 2020” sta impegnando le istituzioni
italiane nella programmazione di azioni sinergiche verso l’inclusione delle popolazioni RSC,
obbligandole a prendere in considerazione tutti gli aspetti e le problematiche che ostacolano il
loro effettivo accesso ai servizi.
Il Piano Nazionale d’Inclusione dei RSC approvato il 24/02/2012 dal Consiglio dei Ministri ha
compiuto un passo avanti verso l’integrazione, ha focalizzato l’attenzione in particolare
sull’area materno infantile e sull’area anziani e disabili, e si è posto come obiettivo la rimozione
di pregiudizi e barriere comunicative che ostacolano l’accesso ai servizi socio-sanitari da parte
di queste popolazioni.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 7 di 47
Schema semplificato (e non esaustivo)
delle norme per la tutela della salute delle comunità Rom, Sinti e Caminanti
(tipologia della presenza di cittadini rom non italiani e diritto alla tutela sanitaria alla luce dell’Accordo Stato – Regioni e Province
autonome del 20.12.20121)
Tipologia di immigrato
Straniero
regolare
con
permesso
di
soggiorno - pds (o visto) che richiama lavoro
(anche in fase di disoccupazione; stagionali),
famiglia (anche se per gravidanza o per
accompagnamento minore) o protezione
sociale (sfollati o profughi temporanei)
Straniero regolare con pds per studio, motivi
religiosi,
residenza
elettiva;
ricongiungimento familiare per over 65enni
Straniero detenuto indipendentemente dal
possesso di un pds
Straniero regolare con visto breve (turismo,
affari, ...)
Straniero con visto e/o pds per motivi di cura
Straniero maggiorenne in condizione di
irregolarità giuridica (indipendentemente dal
tempo di permanenza o dalla nascita in
Italia)
Straniero minorenne in condizione di
irregolarità giuridica
Comunitario per soggiorni brevi
Comunitario lavoratore in Italia (anche
disoccupati già lavoratori subordinati o
autonomi nel territorio nazionale; stagionali)
Comunitario familiare di lavoratore in Italia o
a carico di cittadino italiano o in possesso di
“attestazione di soggiorno permanente”
Tipologia di tutela
Note
Iscrizione obbligatoria al
Servizio
Sanitario
Nazionale (SSN)
Garantisce i Livelli Essenziali
d’Assistenza (LEA)
Assicurazione privata o
iscrizione volontaria SSN
L’assicurazione privata copre
solo urgenze; l’iscrizione al SSN
garantisce i LEA.
Iscrizione temporanea SSN
Garantisce i LEA
Assicurazione privata
Copre solo urgenze
A proprio carico o di
sponsor (privati o pubblici
–
progetti
umanitari
regionali o statali)
Copre
esclusivamente
interventi autorizzati
Codice STP - Straniero
Temporaneamente
Presente
Cure
ambulatoriali
e
ospedaliere
urgenti
ed
essenziali, interventi medicina
preventiva e riabilitativa
Iscrizione temporanea SSN
Garantisce i LEA
Tessera
Assicurazione
(TEAM)
Garantisce le cure considerate
medicalmente
urgenti
e
necessarie in relazione alla
durata
del
soggiorno
temporaneo e allo stato di
salute del titolare
Europea
malattia
gli
Iscrizione al SSN
Garantisce i LEA
Iscrizione al SSN
Garantisce i LEA
Comunitario studente in Italia
Assicurazione privata o
iscrizione volontaria SSN
(in alcuni casi estensione
TEAM)
L’assicurazione privata copre
solo urgenze; l’iscrizione al SSN
garantisce i LEA.
Comunitario con residenza in Italia non
avente diritto all’iscrizione obbligatoria
Assicurazione privata o
iscrizione volontaria SSN
Comunitario senza TEAM ed in condizione di
fragilità sociale
Codice ENI – Europeo Non
Iscritto
Comunitario presente specificatamente per
cure mediche non garantite da TEAM
Formulario E112-S2
L’assicurazione privata copre
solo urgenze; l’iscrizione al SSN
garantisce i LEA.
Cure
ambulatoriali
e
ospedaliere
urgenti
ed
essenziali, interventi medicina
preventiva e riabilitativa
Copre solo le cure per le quali è
stato effettuato il trasferimento.
Altre cure che si rendessero
necessarie non riferite alla
patologia in questione vanno
erogate attraverso la TEAM
Da: S. Geraci in “saluteRom”, Pandragon, Bologna, 2014
1
Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome sul Documento: “Indicazioni per la corretta applicazione della
normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle Regioni e province autonome” (Atti n.
255/CSR 20.12.2012). Pubblicato in Gazzetta Ufficiale S.O. n. 32 del 7 febbraio 2013.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 8 di 47
QUADRO EPIDEMIOLOGICO
Sono pochi e non esaurienti gli studi condotti sulla salute dei RSC, anche perché queste
popolazioni sono caratterizzate da elevati tassi di mobilità ed è difficile censirle. Le indagini
epidemiologiche condotte su piccole realtà non consentono confronti né generalizzazioni,
mentre i dati raccolti dai servizi sanitari non sono esaustivi in quanto riguardano solo la
popolazione che ha avuto accesso ai servizi (servizi che, come sappiamo, sono utilizzati poco
ed in modo scorretto dalle popolazioni RSC).
Dovendo delineare un profilo dei bisogni di salute che possa orientare la declinazione degli
interventi in campo sanitario, pur con tutti i limiti citati, ci si deve rifare comunque alle diverse
indagini realizzate presso i c.d. “campi nomadi” dal 1985 ad oggi, dalle quali si possono
individuare alcune problematiche di salute significative e ricorrenti. In estrema sintesi:
• L’aspettativa di vita è inferiore rispetto a quella delle popolazioni ospitanti e la mortalità
infantile maggiore.
• La salute riproduttiva è caratterizzata da matrimoni precoci, bassa richiesta di
contraccezione e maggiore frequenza di aborti, scarsi controlli durante la gravidanza.
Rispetto alle popolazioni non rom, si evidenziano: peso alla nascita inferiore, maggior
numero di nascite premature, abitudine al fumo in gravidanza significativamente più
alta, inferiore uso di supplementi dietetici (9). L’allattamento esclusivo al seno tende a
terminare intorno al 2°-3° mese di vita del bambino (10).
• Nei bambini si riscontra un maggiore prevalenza di malattie congenite rispetto alla
popolazione generale, e un alta percentuale di malattie per le quali è provato il nesso
causale con le condizioni abitative sfavorevoli, la cattiva alimentazione e la povertà in
genere. Queste ultime sono responsabili di due ricoveri su tre: malattie dell’apparato
respiratorio, infezioni intestinali (11), malnutrizione e impetigine. Rispetto ai non rom,
si è rilevata una più alta percentuale di problemi dentali (12), un minore ricorso alla
pratica vaccinale, una più alta percentuale di casi di incidenti domestici, fra cui
avvelenamento e ustioni.
• La dieta dei bambini è caratterizzata da un inadeguato consumo di frutta, verdura, latte
e derivati, cereali, pasta, riso, uova, carne e pesce, e da un abuso di dolci. Negli adulti
si nota un elevato consumo di grassi animali, birra e alcool (13).
• Fra gli adulti, oltre a un’alta prevalenza di patologie metaboliche (ipertensione,
dislipidemie, diabete, gotta, etc.), sono segnalate malattie infettive da attribuire alle
condizioni di vita e di disagio quali tubercolosi, scabbia, infezioni virali e micotiche;
infine, cominciano a essere segnalate, con maggiore frequenza rispetto al passato,
patologie veneree. (14).
• Il tabagismo è molto diffuso anche fra i giovani (15).
Inoltre, alcuni dati significativi sullo stato di salute dell’insieme della popolazione immigrata
presente in 17 regioni italiane, che comprende anche i RSC (provenienti da uno studio
realizzato negli anni 2007-2009 dal Gruppo di lavoro nazionale/CCM “Salute immigrati”)
confermano una maggiore proporzione di ricoveri in urgenza, a causa probabilmente anche di
una scarsa conoscenza ed un utilizzo insufficiente dei servizi territoriali e della medicina
generale.
Il quadro epidemiologico potrebbe essere migliorato dall’utilizzo dei dati derivanti
dall’assistenza pediatrica e medica di base soprattutto dopo la corretta e capillare applicazione
dell’Accordo Stato Regioni del 20/12/2012.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 9 di 47
DOMANDA DI SALUTE
Per delineare la domanda di salute della popolazione RSC, oltre all’analisi dei dati
epidemiologici, nel 2013 sono state effettuate, sia a livello nazionale che a livello locale, delle
consultazioni informali da parte dell’INMP con rappresentanti delle diverse comunità RSC, sulla
percezione del bisogno da parte delle popolazioni stesse.
Obiettivo delle consultazioni era la rilevazione dei fabbisogni di salute realmente percepiti come
tali dalle popolazioni RSC, portati al tavolo di lavoro dai rappresentanti delle diverse comunità
e discussi insieme, al fine di produrre una piattaforma condivisa e organica di proposte utili alla
definizione di politiche per la tutela della salute, nell’ambito della Strategia nazionale di
inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti – Tavolo tecnico salute.
Nelle diverse consultazioni sono stati ascoltati e raccolti i contributi delle seguenti realtà:
Federazione “Rom e Sinti Insieme” (rappresenta 27 associazioni di rom e sinti, presenti
soprattutto nel Nord Italia: Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto); Associazione “Unirsi” (nata
nel 1999, l'Associazione rappresenta la realtà dei bosniaci, presenti a Roma, Torino, Milano e
Napoli, più un piccolo nucleo a Trento. Si tratta per la maggior parte di apolidi “di fatto”, con
passaporto dell'ex Jugoslavia o senza alcun documento, tranne un piccolo numero di ragazzi
nati in Paesi in cui vige lo ius soli - es. il Belgio - che hanno acquisito la cittadinanza del Paese
di nascita); Federazione “Romanì” (nata nel 2009 dalla precedente Federazione Rom e Sinti,
comprende tutti gli appartenenti alle comunità rom e sinte italiane e alle comunità rom
immigrate); Associazione “Phrala Europa” (rappresenta soprattutto la comunità dei rom
romeni, i quali non hanno associazioni vere e proprie a livello nazionale o sovraregionale;
esistono, all’interno dei campi, delle persone/punti di riferimento, i quali hanno collegamenti
con persone della propria famiglia che vivono in altre regioni; per esempio molti collegamenti
tra Roma - Campo de La Cesarina - e Bologna).
Come esplicitato dalle stesse comunità, “Rom e Sinti non hanno le medesime esigenze. Il
mondo dello spettacolo viaggiante dei Sinti merita una attenzione particolare, così come i Sinti
della MEZ (Missione Evangelica Zigana) che non trovano ospitalità dai Comuni, o i Caminanti
che vengono al Nord e non trovano aree attrezzate, infine perfino l’idea stessa di famiglia, di
comunità dei e dei Sinti è profondamente diversa da quella della popolazione maggioritaria.
[…] le comunità rom e sinte di questo paese per affrontare e risolvere il problema dei campi
nomadi, quelli costruiti alle periferie fisiche e spirituali delle città italiane, hanno bisogno di
risolvere prima di tutto il problema dell’emarginazione sociale ed economica che le perseguita.
Non è un caso che le stesse comunità, sia dei campi regolari, sia di quelli spontanei sviluppino
forme di solidarietà e di mutuo sostegno che la dispersione delle famiglie renderebbe
impossibile. Infine e soprattutto le soluzioni, qualunque esse siano, devono essere costruite
insieme a noi e non per noi. […] Noi non ci sentiamo e non siamo inferiori, abbiamo la nostra
cultura, le nostre tradizioni, abbiamo il nostro punto di vista sulla vita e sul mondo. È ora che
tutti quelli che si occupano di noi ne tengano conto e soprattutto ci facciano i conti. […] La
Comunità europea nelle sue direttive e nei suoi programmi mette al primo posto la
partecipazione di rom e sinti e la stessa Strategia nazionale, costruita con un confronto con le
nostre federazioni, ha saputo tener conto delle diverse articolazioni che il nostro mondo
rappresenta.” (dal blog http://comitatoromsinti.blogspot.it/ dell’11 ottobre 2013).
Istanze confermate anche all’interno delle consultazioni informali con le comunità. Secondo la
Federazione Rom e Sinti Insieme, esistono 3 gruppi di interesse, con fabbisogni, situazioni
giuridiche e priorità diverse:
· sinti e rom italiani
· rom dell'ex Jugoslavia
· rom comunitari (prevalentemente romeni e in misura minore bulgari)
L’approccio utilizzato per la rilevazione dei fabbisogni è quello “dal generale al particolare”. Si è
proceduto, innanzitutto, con l’identificazione delle criticità rispetto alla macro area (trasversale)
dell’accesso ai servizi sanitari, finalizzata a rilevare problemi, vincoli o prassi di tipo giuridico
e/o di tipo organizzativo che impediscono, rendono difficile o permettono l'accesso delle
popolazioni RSC alle strutture e ai servizi sanitari territoriali, limitando, in definitiva la fruizione
del bene “salute”. Si è poi passati a un approfondimento verticale nelle aree funzionali della
prevenzione e della diagnosi e cura, quest’ultima intesa anche come gestione delle cronicità e
della non auto-sufficienza. Dagli interventi dei rappresentanti, emergono diverse istanze
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 10 di 47
comuni a tutti i gruppi di riferimento così come alcune specificità. È stata confermata dai
rappresentanti di alcune comunità la paura delle mamme RSC a far vedere/visitare i propri
bambini dai medici delle strutture pubbliche, poiché temono il coinvolgimento dei servizi sociali
e la sottrazione del minore alla famiglia, in conseguenza delle precarie condizioni igienicosanitarie o sociali in cui vivono.
Le aree prioritarie individuate dalle stesse comunità, su cui fare prevenzione, sono: corretta
alimentazione (tutti mangiano molta carne e poca verdura e, soprattutto i bambini, una
quantità enorme di zuccheri, con conseguenti problemi alla dentatura); igiene personale e
degli alimenti; rischi genetici legati ai frequenti matrimoni tra consanguinei (si riferisce, ad
esempio, di un alto tasso di bambini disabili tra i nati delle famiglie Khorakhanè-Rom
musulmani originari soprattutto del Kosovo - meno tra quelli nati nelle famiglie Rom di origine
serba e di religione ortodossa); rischi per la salute derivati dalla combustione della spazzatura
(pratica molto diffusa tra i Rom romeni); salute materno-infantile (salute della donna, diritto al
pediatra di libera scelta, prevenzione ecc.). In particolare, rispetto alle donne, sono stati
evidenziati da più parti i problemi legati alla sfera ginecologica, alla sessualità (mancata
percezione del rischio per rapporti non protetti e tabù della contraccezione, ritenuta dannosa
per la propria salute; difficoltà a parlare di questi temi con altre donne della comunità e/o con
persone che non parlano la loro lingua) e alla gravidanza (difficoltà a essere seguite durante la
gravidanza e nel periodo post-partum).
È emersa la richiesta di un’indagine scientifica sul riferito alto tasso di tumori nei campi rom,
dato avvalorato dalle evidenze epidemiologiche sulla bassa aspettativa di vita della popolazione
RSC (a livello europeo, solo il 33% supera i 60 anni di età).
Inoltre, sarebbe opportuno stimolare l’inserimento della popolazione RSC che rientra nei criteri
di campionatura degli screening/campagne di prevenzione e diagnosi precoce delle Regioni/Asl
(es. donne Sinti e Rom italiane, over 40, residenti nei campi regolari).
Un altro elemento critico è legato alla continuità assistenziale per patologie quali il diabete e la
grave insufficienza renale (che richiede dialisi), per le quali esistono problemi legati sia agli
aspetti economici della cura, sia all’organizzazione logistica (es. garanzia del trasporto in/da
ospedale per i dializzati). Aspetti che determinano una bassa compliance dei pazienti RSC ai
percorsi di cura, fattore influenzato forse – da indagare – anche da una componente questione
“culturale”.
Un problema evidenziato da tutti, trasversale a tutte le fasce di età, è quello odontoiatrico:
dato l’alto costo delle cure (praticamente tutte di natura privata), e la diffusa condizione
disvantaggio economico delle popolazioni RSC, pochissimi di loro riescono a curarsi”.
Inoltre, tra le popolazioni RSC, come evidenziato dalla letteratura sul tema e dai report degli
addetti ai lavori, emergono criticità legate alle dipendenze da sostanze stupefacenti e abuso di
alcool. La questione si acuisce in contesti problematici come i grandi insediamenti dei principali
centri urbani, dove la difficoltà di accesso alle strutture sanitarie territoriali non consente alle
persone di mantenere con costanza i percorsi di cura e prevenzione delle dipendenze. Il tema è
centrale perché riguarda e colpisce ragazze e ragazzi RSC di giovanissima età.
Tra la popolazione femminile si riscontra un ricorso crescente all’uso di psico-farmaci per
combattere stati depressivi ricorrenti, spesso in assenza della consapevolezza necessaria nella
somministrazione dei farmaci.
Altro aspetto degno di menzione è la diffusione e l’abuso del gioco d’azzardo patologico, legato
alla recente moltiplicazione delle occasioni di gioco, con un proliferare dei luoghi di gioco che
occupano e “sostituiscono” altri centri di spazio sociale.
Come già esposto per la problematica delle dipendenze, alcune esplorazioni indicherebbero che
il fenomeno interesserebbe in maniera consistente comunità di migranti e aree a
rischio/contesti marginali, che si potrebbero identificare in alcuni casi con gli insediamenti
collettivi di rom/sinti.
Inoltre, su segnalazione della FIMP, risulta che presso alcuni campi Rom di fede islamica viene
praticata nei bambini la circoncisione rituale, spesso in condizioni assai poco sicure.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 11 di 47
PIANO D’AZIONE
SISTEMA
IN
UN’OTTICA
DI
MEDIAZIONE
DI
Di fronte a situazioni sociali e sanitarie complesse e articolate come l’ambito della tutela della
salute dei RSC, diventa necessario «ragionare in un’ottica di “mediazione di sistema”, cioè di
processo di trasformazione organizzativa, dove la relazione e la corretta comunicazione con
l’utente siano sempre garantite», dove vengano date pari opportunità di accesso, dove le
politiche ed i servizi giochino un ruolo attivo nell’individuare percorsi e metodologie
d’intervento e dove le comunità non siano oggetto passivo ma partecipino con pari dignità
nella definizione e messa in atto di adeguati interventi di promozione della salute. La Pediatria
di Famiglia può rappresentare un nodo fondamentale nella rete per essere di per sé luogo di
facile accesso, mediazione, integrazione, counseling ed empowerment senza discriminazioni.
Il modello ipotizzato dall’ONU nella carta di Ottawa del 1986, assume attualità proprio nella
contestualizzazione della promozione della salute riferita alla popolazione RSC (16).
Le attività e le strategie
per la promozione della salute
"Carta di Ottawa"
1) to enable:
2) to mediate:
3) to advocate:
Le tre attività essenziali
è l’attività finalizzata a mettere in grado gli individui e la comunità di
controllare e migliorare la salute;
è l’attività finalizzata ad attivare la mediazione tra gli interessi diversi e,
non di rado, in contrapposizione tra differenti organizzazioni per il
raggiungimento della salute;
è l’attività finalizzata a patrocinare e sostenere i meno favoriti nella
comunità in nome dell'equità.
1)
2)
3)
4)
5)
Le cinque azioni strategiche
Costruire politiche pubbliche per la salute;
Creare ambienti che favoriscono le scelte delle persone;
Sviluppare e favorire le azioni della comunità;
Aumentare la capacità e le risorse individuali;
Riorientare i servizi sanitari.
OMS, 1986
Le esperienze maturate fino ad oggi dagli organismi che hanno operato con l’obiettivo di
avvicinare ai servizi sanitari le popolazioni RSC suggeriscono proprio la promozione di un
modello di intervento non assistenzialista, ma partecipativo. Da qui l’importanza anche della
mediazione culturale, utilizzando figure di mediatori con il compito di facilitare l’incontro fra
diverse culture, decodificare diversi approcci alla salute e, se necessario, tradurre anche
linguisticamente. In questa logica sarebbe auspicabile la costruzione di una rete di mediatori
culturali2 – partendo da un censimento dei mediatori già esistenti – che permetterebbe di
2
Nell’ambito del Progetto Europeo triennale EQUI Health “Fostering health provision for migrants, the
Roma and other vulnerable groups” finanziato dalla Commissione Europea, Direzione Generale SANCO –
Health Programme 2012 all’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, e relativamente alla
componente “La salute delle Popolazioni Rom” si è svolto a Sofia, l’iniziativa pilota di visita di studio e sul
campo, “La Mediazione in ambito salute e i Rom” (9 – 11 Giugno 2014). L’incontro a livello Europeo,
incollaborazioneconilNNHMNationalNetworkofHealthMediatorsinBulgariaeco-finanziato dal Federal Public
Service for Public Health, Food Chainan d Environment in Belgio, ha coinvolto mediatori culturali di
origine Rom e coordinatori di programmi di accesso alla salute provenienti dalla Bulgaria, Belgio, Francia,
Romania, Italia, Slovacchia e Spagna al fine di confrontarsi sui diversi approcci nazionali e varie
metodologie di lavoro, oltre che condividere curricula formativi e buone pratiche. La visita di studio agli
insediamenti Rom ha consentito di condividere le modalità di lavoro dei mediatori culturali in Bulgaria
direttamente sul campo, per l’Italia ha partecipato l’Istituto Nazionale per le Migrazioni e Povertà. A
margine delle conclusioni si è sottolineato chela mediazione culturale non è riconosciuta ampiamente nei
contesti sanitari e poco definita dai programmi formativi nazionali nonché bisognerebbe omologare
terminologie e concetti quali la “mediazione in salute” o la “mediazione interculturale”. L’obiettivo a lungo
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 12 di 47
avere punti di riferimento in tutto il territorio nazionale e che, adeguatamente formati,
potrebbero favorire il processo di empowerment delle popolazioni RSC.
Da tenere presente che, secondo l’ottica della mediazione di sistema che vogliamo assumere
come metodologia, tutti gli operatori sanitari e non, devono saper individuare gli strumenti
adeguati per costruire una relazione diretta fra personale dei servizi e persona rom con un
bisogno di salute. In questa cornice la figura di mediatore – sia essa di origine RSC o no – pur
necessaria, non può sostituirsi alla relazione diretta, assumendo su di sé l’onere di incarichi di
utilità comune o l’esclusività della relazione fra la gente rom e gli operatori dei servizi, bensì
dovrà rivestire un ruolo specifico quale espressione del bisogno di empowerment da parte del
gruppo, più o meno allargato. L’obiettivo ultimo della strategia di inclusione è infatti quello di
trasformare i RSC da utenti di servizi a tassello/nodo di una rete che sia ottimizzazione di
percorsi assistenziali, ma anche espressione di una comune progettualità di promozione della
salute dell’intera comunità (rom e gagè).
L’attuazione della strategia deve necessariamente prevedere azioni su più fronti. Per favorire
l’accesso ai servizi e la fruizione dell’assistenza sanitaria della popolazione rom e sinta, fino ad
oggi è stato necessario avvalersi di organizzazioni, operatori e strumenti appositamente creati,
che hanno fatto da “ponte” fra la possibile popolazione assistita e i servizi: gruppi legati
all’associazionismo, alla cooperazione sociale e al terzo settore in genere, presenti nei campi
con vari progetti, ma solo raramente legati alla tutela sanitaria; la compartecipazione,
purtroppo occasionale, di rom o di organizzazioni romanì; mediatori, interpreti, animatori di
comunità e altre figure professionali o comunque competenti; materiale informativo
multilingue, cartellonistica, indirizzari, mappature. Tutti elementi e strumenti fondamentali, il
cui utilizzo va certamente valorizzato, perfezionato ed ampliato ulteriormente. L’importante
però è che questi meccanismi di mediazione vengano reimpostati all’interno di un
riorientamento o adeguamento organizzativo e procedurale dei servizi stessi. Ci si deve
adoperare per rendere tutti i servizi culturalmente competenti, producendo dispositivi
organizzativi e occasioni di approfondimento adeguati. È insufficiente ai fini dell’inclusione delle
popolazioni RSC delegare esclusivamente a figure più o meno specializzate, collettive o
individuali, il compito della comunicazione, della mediazione e della relazione. Si deve avviare
un processo dinamico che faccia aumentare le competenze dell’intero sistema sanitario, la
responsabilità organizzativa e individuale degli operatori, la necessità politica e sociale di dare
reali pari opportunità di accesso, la consapevolezza della popolazione rom di una possibile loro
diretta partecipazione nei percorsi di salute.
In questa cornice di “mediazione di sistema” il presente piano individua la suddivisione del
campo di azione in tre macroaree:
1.
2.
3.
Formazione del personale sanitario e non
Conoscenza e accesso ai servizi per RSC
Servizi di prevenzione, diagnosi e cura
Per ogni macroarea sono state individuate le azioni prioritarie da intraprendere, specificando la
metodologia di intervento. Sono poi riportate quale parte integrante del piano d’azione, le
esperienze positive di ricerca e di intervento già maturate sul campo negli ultimi anni (buone
pratiche) che possono quindi essere utilmente valorizzate anche in altre realtà territoriali (es.
materiali informativi).
In questo documento si fa riferimento prevalentemente alla popolazione RSC che vive nei
“Campi” più o meno autorizzati/tollerati, in quanto portatrice di specifiche criticità socio
assistenziali. Nell’auspicio del superamento della “logica dei campi”, va evidenziato come molte
considerazioni valgono comunque per l’intera popolazione RSC.
termine dell’esperienza pilota di EQUI Health è quello di lanciare un Network Europeo di Mediatori di
Comunità in ambito salute sul modello sviluppato dall’NNHM bulgaro.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 13 di 47
MACROAREA 1: FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO E
NON
Uno degli ostacoli al processo di inclusione delle popolazioni RSC nel tessuto sociale delle
società ospitanti sta nell’atteggiamento di chiusura da parte delle popolazioni locali, compresi
gli operatori sanitari. Ai fini dell’inclusione, pertanto, non è sufficiente intraprendere iniziative
sulla popolazione RSC, ma contestualmente è necessario agire sugli operatori sanitari e sociosanitari che devono divenire essi stessi “agenti” del processo di inclusione, accogliere i rom nei
servizi e incoraggiarne il corretto utilizzo. La relazione fra operatori sanitari e popolazioni RSC
è resa problematica soprattutto dal pregiudizio e dalla scarsa conoscenza della cultura e del
contesto di vita delle popolazioni RSC.
Di conseguenza, la formazione è uno strumento fondamentale per cominciare a ragionare in
un’ottica di “mediazione di sistema”, ossia per attuare un processo di trasformazione
organizzativa, dove la relazione e la corretta comunicazione con l’utente siano sempre
garantite. La formazione ha il compito di responsabilizzare gli operatori sul fronte della
mediazione, che non deve essere delegata solamente a figure “altre”. In altre parole per
raggiungere l’obiettivo dell’inclusione non è sufficiente formare mediatori culturali e utilizzare
interpreti e facilitatori; occorre anche che il sistema sanitario si arricchisca con la continua
acquisizione di competenze e un attento lavoro di rete (17).
La realizzazione di Corsi di formazione per operatori sanitari, se da sola non basta ad eliminare
pregiudizi e diffidenze, può però rappresentare un primo passo per un percorso di
comprensione e di inclusione. La formazione deve anche avere come obiettivo il miglioramento
della capacità di relazionarsi con persone provenienti da altri contesti sociali e culturali
(formazione alla relazione transculturale) per tutto il personale sanitario, amministrativo e
tecnico. L’esercizio alla relazione interpersonale, l’eliminazione di luoghi comuni
sull'impermeabilità culturale e l'elaborazione di strategie di comunicazione offrono strumenti
operativi per gestire relazioni spesso fortemente stressanti e all’apparenza inefficaci.
Un possibile percorso formativo va costruito affrontando più argomenti consequenziali che
possono essere combinati diversamente fra loro, secondo i tempi a disposizione e le esigenze
formative dei destinatari, in una formazione transculturale che coinvolga contemporaneamente
destinatati provenienti da aree diverse.
Elementi fondamentali sono:
Profilo della popolazione Rom:
• Complessità del mondo rom
• Gli adolescenti rom
• I rom in condizione di fragilità sociale
• Il target specifico nei progetti dedicati di promozione della salute: Rom stranieri,
che vivono nei campi e negli insediamenti spontanei, Sinti e Rom italiani
particolarmente vulnerabili
• Il diritto internazionale dei diritti umani e la Costituzione italiana.
Profilo di salute:
• Senso e limiti delle indagini sulla salute dei Rom
• Alcuni dati epidemiologici
• Stili di vita e comportamenti a rischio
• Il mancato o inadeguato accesso ai servizi
L’accesso ai servizi sanitari
• Le modalità di accesso ai servizi delle popolazioni RSC
• Le barriere concrete che incontrano i RSC
• La discriminazione e i pregiudizi – il razzismo e l’anti-gitanismo
• Lo scontro culturale e relazionale con il personale Sanitario
Cenni di antropologia
• La concezione Rom della realtà, delle relazioni e della sfera simbolica
• Il rapporto con i “gagé” (termine con cui i Rom chiamano tutti coloro che non
sono Rom)
• La dimensione della malattia e della cura
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 14 di 47
Metodologie di lavoro nella promozione della salute con i Rom - Esempi di interventi che
presuppongono metodologie specifiche:
•
•
•
•
•
rilevazione dei bisogni di salute diversificati, con particolare riguardo alle donne,
alle bambine e agli adolescenti
orientamento ai servizi, ivi compresa la pianificazione familiare,
prevenzione ed educazione sanitaria
screening e vaccinazioni, con particolare riguardo alle giovani fino a 14 anni
(vaccino per il papilloma virus),
lavoro negli insediamenti spontanei.
Inoltre, con l’obiettivo di favorire la progettazione inter istituzionale e intersettoriale, alcune
sezioni dell’attività formativa dovrebbero essere dedicate al lavoro di rete e alla
programmazione e all’approfondimento delle normative che prevedono la tutela della salute
(quadro nazionale e locale, linee programmatiche ed organizzative).
Metodologia: il “ponte di fiducia”
Gli strumenti individuati (corsi lunghi o brevi, workshop, consensus conference, ecc.) e le
tecniche formative potranno essere diverse in rapporto alle esigenze e all'organizzazione, ma
dovranno comprendere un’attività di esperienza diretta sul campo, con lo scopo di creare
una conoscenza reciproca fra il personale dei servizi e le persone destinatarie dei servizi stessi
(18). In altre parole, perché la formazione sia realmente funzionale all’accesso ai servizi da
parte delle popolazioni RSC, è necessario che si ponga fra i suoi obiettivi la costruzione di un
“ponte di fiducia” fra agenti della domanda e dell’offerta dei servizi, che contribuisca ad
abbattere le barriere all’accesso rappresentate da estraneità e ostilità che a volte
caratterizzano i luoghi della cura.
I corsi devono essere organizzati capillarmente in ogni Asl del territorio nazionale e rivolti:
• al personale sanitario e non dei servizi territoriali ed ospedalieri (az. 1.1);
• ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta (az. 1.2);
• altri attori socio assistenziali (az. 1.3).
AZIONE 1.1: CORSI DI FORMAZIONE AL PERSONALE SANITARIO E NON
DEI SERVIZI TERRITORIALI ED OSPEDALIERI
Le tematiche sopraelencate andranno incluse nei percorsi formativi routinari di ogni Azienda
sanitaria: gli uffici Formazione aziendali coordineranno la realizzazione dei corsi/seminari.
Una/due sessioni formative sulla tutela della salute dei RSC saranno inserite nei corsi di
aggiornamento annuale per tutto il personale sanitario (preferibilmente negli aggiornamenti
sugli interventi di salute per le popolazioni immigrate), ma è necessario organizzare dei focus
specifici per alcune categorie professionali che più di altre sono cruciali nella fruizione dei
servizi per RSC:
personale sanitario e non dei servizi di urgenza (pronto soccorso) che sono i più
utilizzati da RSC in situazione di emarginazione;
personale sanitario e non dei servizi a bassa soglia (consultori, ambulatori PDF e MMG,
servizi vaccinali, ambulatori per stranieri, ecc.) che devono trasformarsi, grazie a una
adeguata accoglienza e orientamento, nell’accesso privilegiato a un corretto uso dei
servizi da parte dei RSC;
personale dei PUA, nodo cruciale per l’offerta di informazione e orientamento ai RSC.
AZIONE 1.2: CORSI DI FORMAZIONE PER MEDICI DI MEDICINA
GENERALE E PEDIATRI DI LIBERA SCELTA
La tutela della salute delle persone fragili, fra cui i RSC con le loro specificità, dovranno entrare
nella programmazione curriculare del percorso formativo post-universitario obbligatorio, con
inserimento nel Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale di un seminario specifico
per ogni anno di corso dedicato all’approccio transculturale dei bisogni di salute delle
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 15 di 47
popolazioni migranti con una parte dedicata alla conoscenza degli aspetti normativi della
Mobilità.
Gli stessi seminari potrebbero essere ripresi come offerte nella Educazione Continua in
Medicina.
Di seguito si declina una possibile articolazione degli stessi:
scenari socio-demografici;
scenari socio-sanitari, con la descrizione delle principali evidenze epidemiologiche;
aspetti relazionali-comunicativi, con particolare riferimento ai problemi linguistici,
semantici, alla comunicazione non-verbale, alle aspettative del paziente nei confronti del
sistema sanitario nazionale e degli operatori; alle aspettative degli operatori stessi nei
confronti dei pazienti; ai significati simbolici dei due poli della relazione; ai possibili livelli di
incomprensione, alle diverse concezioni culturali di malattia, che possono giocare un ruolo
significativo nell’ostacolare o, viceversa, nel facilitare la relazione. Focus sul concetto di salute
e malattia per la popolazione RSC;
aspetti normativi (le norme che disciplinano l’assistenza sanitaria per i cittadini stranieri
non U.E. e comunitari), con particolare focus sulle diverse modalità di accesso ai servizi per la
popolazione ROM, SINTI e Camminanti;
aspetti organizzativi nella realtà locale e regionale.
Nell’ambito della salute materno infantile dei RSC è auspicabile l’organizzazione di corsi di
formazione per pediatri di famiglia, omogenei e contemporanei sul territorio nazionale,
individuando come prioritaria l’esigenza formativa sulla salute delle popolazioni RSC.
Coinvolgere in tali corsi professionisti di tutta l’area pediatrica e referenti della scuola e delle
associazioni RSC e altri stakeholders potrebbe realizzare una rapida e uniforme trasformazione
culturale migliorando in tempi brevi e concretamente l’integrazione e le condizioni di salute
delle comunità RSC.
AZIONE 1.3: CORSI DI FORMAZIONE PER ALTRI ATTORI
SOCIOASSISTENZIALI
L’accesso all’atto squisitamente assistenziale, che sia di prevenzione, diagnosi o cura, è
preceduto da una serie di passaggi sia esterni al sistema sanitario, quali il contatto con gli
operatori del sociale che lavorano negli insediamenti rom o con gli assistenti sociali del
Comune, così come interni ai servizi sanitari, quali il personale delle cooperative che gestiscono
gli sportelli amministrativi, i mediatori non rom eventualmente presenti, gli assistenti sociali
della ASL, ecc. Questi attori sono cruciali per il corretto uso dei servizi da parte dei RSC e per
migliorare la qualità dell’accoglienza dei servizi.
È necessario che il lavoro di rete, parte essenziale della mediazione di sistema, preveda
collaborazioni concrete fra le Aziende Sanitarie e gli altri attori sopramenzionati, affinché, a
partire da percorsi formativi condivisi sulle metodologie di orientamento, l’organizzazione di
servizi a bassa soglia e l’offerta attiva, si producano protocolli di comportamento comuni ed
efficaci per una reale fruibilità dei servizi da parte dei RSC.
A tal fine è altresì importante che nel percorso formativo dei mediatori sanitari siano affrontati
anche gli aspetti sociali (vedi scheda progetto “ForMe”).
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 16 di 47
MACROAREA 2: CONOSCENZA E ACCESSO AI SERVIZI PER
RSC
La formazione del personale sanitario è fondamentale per avvicinare l’istituzione pubblica ai
RSC più fragili, ma d’altra parte è altrettanto necessario, per raggiungere l’obiettivo del
miglioramento dell’accesso ai servizi sanitari da parte delle popolazioni RSC, la diffusione delle
informazioni sui servizi esistenti nel territorio e una guida al loro utilizzo. La scarsa conoscenza
del diritto e delle modalità di una sua corretta fruizione, infatti, insieme all’abitudine a ricorrere
ai servizi solo per le emergenze sanitarie, oltre all’analfabetismo diffuso, le complicazioni
burocratiche, ecc., fanno sì che i servizi siano sottoutilizzati dalle popolazioni RSC in condizione
di marginalità sociale.
Inoltre, l’area dell’accesso ai servizi sanitari è caratterizzata da sostanziali differenze locali, sia
per le differenze normative che ancora variano da regione a regione, sia perché le popolazioni
RSC non hanno tutte lo stesso tipo di approccio ai servizi sanitari e non è omogeneo il loro
livello di inserimento nel tessuto sociale. Di tutto ciò la programmazione degli interventi deve
tenere conto, diversificando gli strumenti di informazioni in base alla realtà normativa e sociale
locale.
Metodologia: relazione diretta con le popolazioni interessate
Le azioni progettuali in questo ambito devono partire dal presupposto che anche la semplice
attività informativa per avere efficacia deve basarsi sulla relazione diretta con le
popolazioni interessate: l’esperienza ha dimostrato che l’efficacia degli interventi è
fortemente legata alla qualità della relazione umana fra gli operatori socio-sanitari e le
popolazioni da coinvolgere. Chi effettua l’attività di informazione e orientamento sanitario deve
interagire in modo positivo ed efficace con i destinatari. Molto importante che ci sia uno
scambio, che si riesca a conquistare la fiducia per vincere la diffidenza, poiché affinché
un’informazione venga recepita è necessario che ci si fidi della fonte da cui proviene. Ed inoltre
anche la scelta delle strategie comunicative e del linguaggio – che deve tenere conto della
situazione di vita, della cultura e delle caratteristiche soggettive delle persone destinatarie
degli interventi – dovrebbe essere operata in funzione delle conoscenze che si sono acquisite
attraverso la relazione stessa. Questo non significa che i servizi debbano essere portati nei
campi. Al contrario: anche se può risultare fondamentale recarsi nei campi per instaurare un
occasione di contatto e di apertura nei confronti dei rom, è necessario non perdere di vista che
l’obiettivo è l’inclusione, ossia la normalizzazione dei percorsi attraverso l’educazione
all’utilizzo corretto dei servizi, di cui i RSC devono poter fruire con le stesse modalità della
popolazione locale.
A tal fine sono individuate tre azioni specifiche:
• Mappatura dei servizi sanitari territoriali (az. 2.1)
• Informazione (az. 2.2)
• Orientamento (az. 2.3)
AZIONE 2.1.: MAPPATURA DEI SERVIZI SANITARI TERRITORIALI
In primo luogo è necessario eseguire una mappatura aggiornata dei servizi sanitari territoriali,
selezionando per ogni realtà locale le strutture che rispondono maggiormente ai bisogni
dell’utenza in termini di vicinanza al campo/insediamento, modalità di accesso e documenti
necessari, orari di apertura, ma soprattutto puntando su quei servizi che sono in grado di
garantire l’accoglienza adeguata attraverso personale sanitario preparato e disponibile a
ricevere persone fragili. Una volta eseguita la mappatura, è necessario tradurla in uno
strumento in grado di veicolare le informazioni in modo chiaro ed efficace, come opuscoli o
volantini. È importante che tale strumento sia personalizzato per ogni campo/insediamento,
ossia che vi risultino solo i servizi della zona selezionati, evitando di creare confusione per un
eccesso di informazioni. Inoltre, poiché è rivolto a persone spesso analfabete o che non
conoscono l’italiano è bene privilegiare l’immagine e tradurre il testo scritto nelle lingue
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 17 di 47
principali parlate dal gruppo cui è destinato. La stessa cosa vale qualora si intenda diffondere
materiali informativi di educazione alla salute e ai corretti stili di vita (18).
AZIONE 2.2.: INFORMAZIONE
Gli obiettivi dell’attività d’informazione dovrebbero comprendere la conoscenza dei diritti e
come fare per usufruirne (come entrare in possesso dei tesserini o dell’iscrizione al SSN, per
esempio), oltre alla conoscenza dei servizi disponibili e come fare per accedervi. Il momento
informativo può avvenire sul campo o presso il servizio, ma non può prescindere dalla
relazione diretta con l’utenza. Pur avvalendosi di eventuali strumenti costruiti ad hoc, come gli
opuscoli sopra citati, è fondamentale che la loro distribuzione sia accompagnata da una
spiegazione attenta, assicurandosi che vengano compresi in ogni parte: si ha a che fare con
persone che non hanno dimestichezza con il materiale cartaceo, non si può quindi dare per
scontato che l’interpretazione dei messaggi sia corretta ed immediata.
Tuttavia, l’informazione deve andare in due direzioni, verso i RSC ma anche verso gli operatori.
Se è necessario diffondere indicazioni sui servizi è anche importante acquisire informazioni sui
RSC. L’attività assistenziale infatti deve andare di pari passo con il rilevamento e la
sistematizzazione di dati epidemiologici, relativi ai bisogni sociosanitari e alle condizioni di vita
dei RSC. La raccolta dei dati garantisce, infatti, la continuità nella ricerca e l’accrescimento
della conoscenza del mondo rom e dei rapporti con il sistema sanitario, l’individuazione delle
maggiori criticità e delle risposte possibili.
Ciò va realizzato a due livelli:
-
Il lavoro di campo e quello presso i servizi vengano sempre adeguatamente
documentati attraverso relazioni e strumenti di raccolta dati che permettano un
progressivo lavoro di analisi e comprensione della realtà di intervento. Si potrebbe
pensare a ipotesi di rilevazione dei dati, anche in forma non tradizionale (es. interviste,
racconti, box per messaggi/suggerimenti/opinioni anche in forma anonima ecc.).
Ovviamente quando la raccolta di informazioni specifiche non viene effettuata tramite
indagini formali, ma si basa sui dati raccolti nel corso di visite, colloqui ecc., è
necessario essere discreti in quanto potrebbe avere un impatto negativo nella relazione
con persone che per le precarie condizioni di vita tendono ad essere riservate e
diffidenti. Per quanto riguarda la fascia pediatrica e adolescenziale nel campo va fatta
una promozione dell’accesso agli studi delle cure primarie, PDF e MMG, con iscrizione
anche dei minori irregolari e inizio di un percorso di continuità assistenziale che,
attraverso i programmi di educazione sanitaria, alimentare, agli idonei stili di vita,
attraverso la cura dei minori avrà ripercussioni positive anche sugli adulti.
-
L’organizzazione strutturata dei dati raccolti. Pur non essendo al momento possibile, é
auspicabile ai soli fini epidemiologici, scientifici e socioassistenziali, come per la
popolazione immigrata, una classificazione dei dati su base etnica, in un sistema di rete
fra le istituzioni sanitarie di un territorio, per lo scambio di informazioni su calendari
vaccinali, follow-up diagnostici o terapeutici, situazioni di rischio sanitario, costruito
grazie alla “presa in carico” di una popolazione particolarmente fragile presente in un
dato territorio. La sofisticatezza di elaborazione e di livelli di privacy che i sistemi
informatici oggi possono offrire può permettere una presa in carico rispettosa ed
efficace.
AZIONE 2.3.: ORIENTAMENTO
Attraverso la diffusione fra i RSC –uomini, donne e bambini - delle informazioni sul sistema
sanitario si fa orientamento ai servizi. È preferibile che l’orientamento sanitario avvenga sul
campo affinché venga interpretato e percepito come un’offerta attiva, la risposta ad un
bisogno e l’inizio di una relazione. L’eventuale presenza dei medici sul campo serve proprio a
questo, a favorire l’incontro, creare un contatto positivo, farsi conoscere e ascoltare, gettando
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 18 di 47
le basi per costruire una relazione di fiducia e indirizzare le persone al servizio di competenza
cui hanno diritto, sapendo che presso tale struttura troveranno lo stesso medico o altri
operatori ugualmente disponibili. La prestazione medica in loco può essere un pretesto, ma
l’obiettivo rimane quello di migliorare l’accesso presso le strutture sanitarie pubbliche. Di
conseguenza fare orientamento significa incoraggiare le persone a imparare come
prendersi cura di sé e della propria famiglia, utilizzando i servizi nella maniera più
appropriata, in modo autonomo e consapevole. L’orientamento va oltre la fase
informativa, in quanto prevede l’avviamento di percorsi assistenziali in un’ottica di
empowerment, attraverso un accompagnamento costante e mirato. A tal fine può essere utile
materiale informativo tipo manifesti figurati, con riferimenti ai servizi accessibili nelle vicinanze
e agli studi dei medici e pediatri di base.
10 punti fermi per favorire accessibilità ai servizi sanitari
per le popolazioni Rom e Sinta
1.
Agire sempre sulle popolazioni di riferimento: Rom/Sinti e operatori sanitari.
2.
Lavorare in rete tra istituzioni, all’interno delle istituzioni e, soprattutto, favorire
un’integrazione tra settore pubblico e privato sociale/volontariato.
3.
Progettare interventi e azioni con un approccio multiprofessionale (medico, sociale,
antropologico, psicologico, giuridico) che comprenda anche una componente Rom/Sinta.
4.
Realizzare percorsi di formazione per operatori sia con contenuti tecnico-operativi sia
sul versante dei diritti umani, della relazione, della gestione del pregiudizio e della
comunicazione interculturale.
5.
Favorire il coinvolgimento delle comunità di riferimento attraverso la relazione attenta ai
tempi e modi del mondo rom, la risposta puntuale alle priorità individuate dalle persone
con un bisogno di salute e la promozione di attività concrete e fattibili per le persone
oggetto dell’intervento, in particolare per donne e fanciulle.
6.
Favorire l’incontro diretto tra operatori e popolazione con una presenza sul campo,
fintanto questi non vengano superati, per una reciproca conoscenza e creare contatti
personalizzati tra operatori e Rom e Sinti, assicurando specifico riguardo all’eguaglianza di
genere.
7.
Garantire, quando necessario, in una prima fase, l’offerta attiva di parte dei servizi negli
insediamenti rom/sinti, non solo di prestazioni mediche, ma anche di orientamento
specifico e di educazione sanitaria. Puntare sempre, tuttavia, nel medio periodo, a una
normalizzazione del rapporto tra servizi e comunità.
8.
Rileggere le proprie strutture sanitarie, in un’ottica di accessibilità per le popolazioni più
fragili, in modo da proporre servizi a bassa soglia di accesso e con una buona capacità
relazionale.
9.
Individuare modelli di intervento comunque flessibili e attenti alle realtà specifiche.
10. Ragionare in un’ottica di “mediazione di sistema”, cioè di processo di trasformazione
organizzativa, dove la relazione e la corretta comunicazione con l’utente siano sempre
garantite, sia attraverso eventuali figure professionali specifiche (mediatori, interpreti,
facilitatori), sia tramite la continua acquisizione di competenze e un attento lavoro di rete.
Ministero della salute/CRS Caritas Roma, Progetto nazionale “salute senza esclusioni”, Roma, 2009
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 19 di 47
MACROAREA 3: SERVIZI DI PREVENZIONE, DIAGNOSI E
CURA
È questo forse l’ambito più delicato e qualificante: non si tratta di creare nuovi servizi ma di
rendere permeabili quelli esistenti per tutta la popolazione, riservando particolare attenzione a
coloro che si trovano in condizioni di maggiore fragilità per motivi sociali, economici, culturali,
di status giuridico, di discriminazione a volte anche istituzionale; permeabilità alle domande di
salute più flebili e invisibili e nel contempo garantire accessibilità e acquisire capacità per
rendere fruibili le prestazioni. Tutti i servizi possono essere riorientati, ma è necessario
cominciare da quelli che per propria natura dovrebbero essere a bassa soglia d’accesso, come
il dipartimento materno-infantile ed in genere le strutture dedicate alla salute della donna e del
minore (bambino e adolescente); il dipartimento di salute mentale e i servizi dedicati alla presa
in carico delle dipendenze; tutto l’ambito delle patologie croniche, della continuità assistenziale
ed in modo particolare della prevenzione.
Ciò suggerisce la necessità di provvedere ad un riorientamento dei servizi che si integra con le
precedenti macroaree di intervento. Si vuole con ciò intendere sia un ripensamento
dell'organizzazione interna al servizio stesso sulla base delle dimostrate esigenze della sua
potenziale utenza (flessibilità degli orari di apertura, disponibilità dei servizi di mediazione e/o
interpretariato, sviluppo del lavoro attraverso équipe multidisciplinari, stimolo all'integrazione
socio-sanitaria, offerta attiva ed orientamento sanitario preferibilmente sul campo), che una
sua effettiva apertura all'esterno, in raccordo con altre strutture del volontariato e del privato
sociale afferenti al medesimo territorio, ma anche con altri enti locali. Ciò per arrivare, al di
fuori delle proprie strutture fisiche, a forme concrete di contatto con i soggetti portatori di
bisogni di salute che, per diverse motivazioni, non vi si rivolgono attivamente. Ancora troppo
scarsa o lacunosa è l’informazione degli operatori sulla normativa vigente che regola le diverse
possibilità e modalità di accesso alle prestazioni per gli stranieri ed in particolare per i RSC,
spesso considerati dal punto di vista giuridico, un’entità a sé stante, come a giustificare forme
di marginalità e iniquità subite. Spesso è totalmente assente una formazione di base sulle
specificità assistenziali collegate a questa utenza; rare le iniziative di aggiornamento sul tema.
Anche laddove si registrano particolari motivazioni individuali degli operatori, a fronte della
crescente “multiculturalità” dei servizi e in un’ottica di riduzione delle disuguaglianze, queste
non vengono di norma incoraggiate né adeguatamente incanalate e utilizzate, causando
demotivazione e senso di isolamento. Paradossalmente, ciò accade soprattutto di fronte a
proposte di riorganizzazione dei servizi o di iniziative personali finalizzate ad una maggior
capacità di “presa” rispetto alla popolazione immigrata e RSC, che non comportano per le
Aziende rilevanti aggravi di spesa, in quanto svolte all'interno dell'orario di lavoro e con le
risorse umane e strutturali già presenti. Di contro, si sono a volte registrate forte motivazione
e partecipazione allargata laddove le dirigenze aziendali hanno favorito iniziative
specificamente rivolte a questa utenza, come l'avvio di piccoli osservatori sul tema, al lavoro di
rete anche con incontri fuori dai servizi, allo sviluppo di progetti di studio, promozione della
salute e assistenza, a volte con percorsi innovativi e originali, anche e soprattutto nell’ambito
della prevenzione. Lasciare, anzi promuovere, iniziative specifiche nelle proprie aziende,
metterle a sistema locale e regionale, anche accompagnando le esperienze con interventi
regolamentativi (dalla chiarificazione sui diritti acquisiti e dei percorsi assistenziali, alla
eventuale modifica, ad esempio, delle esenzioni di ticket) e organizzativi puntuali (ad esempio
con l’abbassamento della soglia d’accesso in specifici servizi agendo anche sulla
semplificazione burocratica) è un modo per far crescere competenze e motivazione all’intero
sistema.
Metodologia: il lavoro di rete
Nei fenomeni complessi, o resi complessi da politiche incerte, una delle risposte efficaci è il
lavoro in rete dove attori diversi, con risorse, competenze, ruoli e compiti diversi, hanno una
progettualità comune e concorrono agli stessi obiettivi in una logica partecipativa (19). Nel
nostro caso la rete può essere definita come l’insieme delle relazioni tra la comunità rom, il
territorio e tutti gli enti pubblici e privati che vi operano. In questo senso la rete partecipa del
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 20 di 47
contesto, contribuisce a denotare una particolare realtà identitaria ed è quindi importante
svelarne la trama nel momento della programmazione di un intervento.
La conoscenza della rete esistente, però, è solo la premessa per avviare un lavoro di rete vero
e proprio, che a seconda delle esigenze può avere molteplici finalità. Prima fra tutte quella del
coordinamento tra coloro che su più fronti si inseriscono nella vita dei rom: dall’associazione
incaricata di seguire la scolarizzazione di un campo, alla parrocchia che distribuisce vestiti e
pacchi viveri alle famiglie, ai volontari che svolgono attività ricreative con i più piccini, all’ente
locale che si attiva per risolvere specifiche problematiche ecc.
Un confronto periodico fra i diversi attori coinvolti permette di discutere delle rispettive
esperienze e degli esiti ottenuti in passato, garantisce di non sovrapporre gli interventi e di
mettere in atto strategie condivise o quanto meno compatibili (20). In particolare, per quanto
riguarda gli interventi sanitari, considerare le ASL territoriali, con i suoi operatori, elementi
attivi e non esclusivi della rete legata alla salute, amplifica l’efficacia delle riposte possibili e
avvia un processo di “acculturazione” reciproca. Il confronto costante tra operatori di diversa
estrazione professionale ed esperienza è quella che in letteratura è definita una “Comunità di
pratica” (21) cioè gruppi che riuniti per trovare risposte comuni a problemi inerenti l’esercizio
del proprio lavoro, attraverso la condivisione delle informazioni e del proprio know-how si autoformano costantemente e trasformano la progettualità rendendola sempre più adeguata alle
problematiche rilevate anch’esse in trasformazione per il protagonismo diretto della cosiddetta
“popolazione target” e, se sono reti consolidate, danno continuità all’intervento stesso.
Inserire un passaggio sulla comunità di pratica: valutare l’utilità/operatività in questo senso di
una piattaforma di telemedicina (per la parte sanitaria).
Le reti possono formarsi per l’occorrenza (un progetto, un problema, un finanziamento, …) ma
in genere sono più efficaci laddove sono strutturate come metodologia di lavoro permanente
dei vari gruppi, istituzioni, associazioni che ne partecipano. Esistono reti istituzionali, ad
esempio i vari tavoli operativi degli enti locali o consulte o commissioni, ma assumono la
massima capacità di innovazione e creatività quando sono libera espressione, e in parte
spontanea, della volontà di operatorie/o strutture, gruppi, associazioni di creare uno stabile
collegamento, confronto, condivisione e integrazione al fine di raggiungere obiettivi, nel nostro
caso, di salute della popolazione rom, che possono essere specifici (ad esempio vaccinazioni,
accessibilità, riduzione fattori di rischio, continuità assistenziale, …) ma anche politici (riduzioni
delle disuguaglianze, della discriminazione, …) (22).
Lavorare in rete presuppone la disponibilità a modificare il proprio progetto se si individuano
itinerari più adeguati e efficaci, ma non la propria identità soprattutto in ambito istituzionale.
La rete non da visibilità al singolo elemento che ne fa parte ma premia l’obiettivo, è un
indicatore di processo dove tutti hanno dei vantaggi (nelle motivazioni, nella formazione, nel
fine progettuale, ma anche nella lettura e gestione degli insuccessi e nel monitoraggio e
verifica delle proprie azioni).
Lavorare in rete con i rom significa allenarsi alla “cessione della sovranità” (elemento
metodologico fondamentale in ogni rete) in quanto tutti gli elementi della rete,
auspicabilmente compresi i rom come singoli o gruppi organizzati, hanno pari dignità e
considerazione, seppur con competenze ed esperienze diverse. Chi si trova in situazione di
disagio, e in particolar modo i rom, tendono a mettere in pratica la strategia della richiesta
continua, a chiunque di tutto. Non è raro recarsi presso un campo per intercettare i bisogni
sanitari delle persone ed essere investiti da domande che riguardano il lavoro o la
regolarizzazione giuridica e che ci mettono di fronte alle loro numerose necessità e
all’interdipendenza che esiste fra di esse. Anche in questo senso si può ricorrere al lavoro di
rete.
In Italia l’esperienza di riferimento è certamente quella del GrIS (Gruppo Immigrazione e
salute) Lazio (23), che dal 1995 è attivo grazie alla volontà di operatori dei servizi pubblici
(attualmente aderiscono formalmente tutte le aziende sanitarie regionali), del privato sociale e
del volontariato con specifica attenzione ai temi della tutela sanitaria degli immigrati e dei rom.
Esemplari sono gli interventi realizzati proprio in ambito di tutela sanitaria dei rom sia nel
metodo che nei risultati raggiunti (24,25).
Le strutture sanitarie devono essere in grado di lavorare in rete, sia strutturalmente nel
proprio interno, sia con le altre istituzioni ma soprattutto con quella parte della società civile e
di popolazione che condivide lo specifico obiettivo di salute in una logica di governance chiara e
nel contempo flessibile e dinamica (26).
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 21 di 47
Le azioni necessarie proposte per questa macroarea sono:
• Prevenzione e promozione della salute (az. 3.1)
• Percorsi di diagnosi e cura e continuità assistenziale (az. 3.2)
AZIONE 3.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE
In relazione ai dati epidemiologici in nostro possesso – in assenza di specifiche emergenze
contingenti – gli ambiti della prevenzione riguardano prevalentemente quattro aree:
promozione di corretti stili di vita; ambienti di vita; percorso materno-infantile e tutela della
gravidanza; vaccinazioni.
Ci rendiamo conto che ragionare in termini di corretti stili di vita e ambienti di vita nei confronti
di una popolazione ancora in parte significativamente emarginata e stigmatizzata sembra quasi
offensivo, ma è comunque possibile incentivare la formulazione di progetti specifici costruiti
sulla conoscenza delle realtà locali. Questa attività è complessa perché la modifica dei
comportamenti nocivi non si ottiene con la sola informazione sui danni che tali comportamenti
arrecano alla salute. L’approccio multi professionale è fondamentale come anche la scelta di
prediligere come target prioritario degli interventi le donne e i bambini in età scolare. E non
solo in riferimento ai progetti che riguardano l’area materno-infantile, bensì anche per le
attività di prevenzione primaria (fumo, alcol, alimentazione corretta) che interessano l’intera
popolazione. L’esperienza dei progetti realizzati fino ad oggi, infatti, indica che,
indipendentemente dal territorio in cui sono stati implementati, la fetta di popolazione che ha
dimostrato maggiore disponibilità all’ascolto è stata quella rappresentata da donne e bambini,
mentre gli uomini adulti in maggioranza hanno preso le distanze o mostrato disinteresse verso
i progetti di prevenzione. Le donne si sono rivelate più ricettive, molto probabilmente perché è
demandato loro il compito di occuparsi della salute della famiglia, mentre i bambini e gli
adolescenti forse sono più aperti alla comunicazione con l’esterno perché abituati dalla scuola,
dove da tempo si svolgono programmi di educazione alla salute con metodologie di
coinvolgimento attivo adatte alla popolazione scolastica.
Il rischio di un’azione di prevenzione rivolta ad un’intera popolazione portatrice di cultura e
identità diverse, indipendentemente dai contenuti che veicola, è che venga rifiutata per il
semplice fatto che viene percepita come estranea, calata dall’alto. Dunque, perché gli
interventi trovino accoglienza da parte delle popolazioni RSC, è necessario che la popolazione
RSC sia coinvolta attivamente in tutte le fasi della progetto, dall’analisi alla realizzazione e alla
valutazione stessa dei risultati. L’utilità dell’intervento deve essere condivisa all’interno della
comunità in cui viene realizzato, perché solo in questo caso può realizzarsi quella
legittimazione che crea il clima e le condizioni favorevoli all’implementazione corretta del
progetto.
Tutti i progetti di promozione della salute oltre a definire chi sono gli attori coinvolti, gli
obiettivi da raggiungere, le azioni da intraprendere, devono avere una struttura che ne
permetta la valutazione (obiettivi quantificabili e indicatori di efficacia), perché è necessario
capire se e come il progetto è riuscito a modificare la situazione preesistente, se e cosa può
essere migliorato nei progetti futuri, ecc.
Con questa metodologia partecipativa possono essere implementate azioni specifiche per
l’ambito materno infantile, ad esempio utilizzando gli strumenti messi in campo dall’esperienza
di “Genitori più” (vedi www.genitoripiu.it) adeguatamente contestualizzati e ridefiniti con le
popolazioni di riferimento. Una specifica attenzione va riservata ai percorsi per la gravidanza,
evento frequente in questa popolazione e occasione di contatto qualificato e “accettato”.
Creare occasioni di incontro con le donne e con gli operatori dei consultori negli insediamenti
come atto preliminare alla presa in carico nella struttura socio-sanitaria, o favorire con orari e
spazi adeguati (è probabile che la donna arrivi con altri figli e bambini) l’accesso ai servizi,
possono essere momenti privilegiati di informazione, tutela e, se necessario, cura creando
legami in grado di persistere nel tempo.
Il tema delle vaccinazioni è assolutamente qualificante perché mostra la capacità di relazione
tra strutture e popolazione. Solo in casi particolari (legate ad emergenze epidemiologiche o
situazioni storiche che hanno creato ampie sacche di scopertura vaccinale) si possono
effettuare campagne negli insediamenti, ma normalmente è bene favorire i percorsi ordinari
attivando progetti specifici di orientamento ed eventualmente di accompagnamento.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 22 di 47
Qualunque sia la strategia adottata (indipendentemente dall’attore incaricato che deve
comunque fare riferimento alla ASL territorialmente competente) è fondamentale la
registrazione nelle anagrafi vaccinali formali delle ASL di riferimento, in quanto nel tempo
possono rivelarsi documenti utili non solo in ambito sanitario ma anche per la definizione di
altri percorsi di diritti e di cittadinanza.
AZIONE 3.2: I PERCORSI DI DIAGNOSI E CURA E LA CONTINUITÀ
ASSISTENZIALE
Le persone RSC generalmente si rivolgono ai servizi sanitari nella fase acuta della malattia;
richiedono, pertanto, prestazioni urgenti in tempi stretti che mal si conciliano con la
programmazione temporale nei servizi. Le terapie farmacologiche vengono spesso interrotte
alla scomparsa dei sintomi; in molte occasioni il nucleo familiare allargato interviene
direttamente nella somministrazione della cura, creando attrito con il personale sanitario.
L’incontro tra il paziente RSC e il Servizio Sanitario Nazionale avviene per lo più al pronto
soccorso, che viene utilizzato avvolte in modo improprio e per qualsiasi problema di salute. Le
prestazioni erogate, anche se efficaci, sono slegate dalla storia del paziente e del suo contesto
di vita. Se la persona non è ancorata in una realtà territoriale ma costretta a migrazioni interne
forzate (è un “nomadismo indotto” dalle politiche di non accoglienza) la continuità assistenziale
è resa difficile. Auspicando politiche atte a stabilizzare la popolazione rom o rendere gli
spostamenti svincolati dagli interventi emergenziali, l’obiettivo è di inserire i RSC nei percorsi
di cura ordinari, attraverso il medico di medicina generale e il pediatra di libera scelta (oggi
anche per i minori con genitori non in regola con le norme per il soggiorno), costruendo un
rapporto di fiducia che consenta di evitare l’utilizzo inappropriato dei servizi di emergenzaurgenza ed avviare una presa in carico adeguata per la cronicità.
Permane il problema della tracciabilità dei dati di salute della singola persona (dalle
vaccinazioni, alle malattie croniche, alle terapie effettuate, ecc.) che non può prescindere dalla
consapevolezza individuale e dall’organizzazione di servizi che nella relazione sappiano
informare e motivare il soggetto e possano, su richiesta autorizzata dall’interessato, trasferire
l’informazione al medico e all’eventuale nuova struttura che ha preso in carico l’assistito, anche
utilizzando delle nuove tecnologie come previsto per l’intera popolazione.
FAVORIRE L’EMPOWERMENT DELLA COMUNITÀ
È l’azione di sintesi delle tre macroaree legate alla tutela della salute e agli altri Assi di
intervento della Strategia Nazionale di Inclusione dei RSC. Con il termine empowerment viene
indicato un processo di crescita, sia della singola persona sia del gruppo, e si può declinare in
ambito individuale e psicologico, organizzativo, socio-politico e di comunità (27).
Autodeterminazione, partecipazione, consapevolezza sono le parole chiave del processo che
può trasformare un gruppo con gradi diversi di passività, segregazione ed emarginazione,
esclusione ed autoesclusione, in reale protagonista delle scelte che lo coinvolgono: appare
evidente come tutto ciò abbia una ricaduta immediata sulla salute individuale e collettiva, sui
possibili stili di vita e sull’adesione ai percorsi di prevenzione e tutela (28). Ruolo degli
operatori sanitari è quello dell’assecondare e, per quanto possibile, promuovere tale processo,
favorendo reciproca conoscenza, trasparenza nella comunicazione e nei percorsi assistenziali,
impegno contro le discriminazioni.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 23 di 47
RISORSE ECONOMICHE
Con l’obiettivo di dare attuazione alla Strategia nazionale di integrazione dei Rom, Sinti e
Caminanti, rispetto alla programmazione dei fondi strutturali e d’investimento europei sino al
2020, l’UNAR ha lavorato con le altre amministrazioni competenti per rispondere alle
indicazioni puntuali dell’UE rispetto all’integrazione dei Rom, Sinti e Caminanti, ed identificare
come nella nuova programmazione 2014-2020 potesse essere inserita nella filiera che,
partendo dall’indirizzo strategico, viene verticalizzata nei documenti operativi più recenti.
Il punto di unione è stato individuato, all’interno dell’Accordo di partenariato, nell’obiettivo
tematico 9 “Promuovere l’inclusione sociale e combattere la povertà”, nella declinazione del
sotto obiettivo tematico 9.5 “Riduzione della marginalità estrema e interventi di inclusione a
favore delle persone senza fissa dimora e delle popolazioni rom, sinti e caminanti”.
All’interno del citato risultato atteso 9.5, le azioni dedicate alla Strategia di inclusione RSC sono
le seguenti:
•
•
•
•
•
•
•
Azioni di contrasto dell’abbandono scolastico e di sviluppo della scolarizzazione e prescolarizzazione (Azione 9.5.1)
Interventi infrastrutturali per la sperimentazione e lo sviluppo di servizi di prevenzione
sanitaria e dell’accessibilità (Azione 9.5.2)
Sperimentazione e sviluppo dei servizi di prevenzione sanitaria e dell’accessibilità
(Azione 9.5.3)
Interventi di presa in carico globale, interventi di mediazione sociale e educativa
familiare, nonché di promozione della partecipazione e della risoluzione dei conflitti
(Azione 9.5.4)
Riconoscimento
delle
competenze,
formazione
professionale,
promozione
dell’autoimprenditorialità e mediazione occupazionale finalizzata all’inserimento
lavorativo, sul modello della buona pratica riconosciuta a livello europeo denominata
Programma Acceder (Azione 9.5.5)
Azioni strutturali per favorire l’accesso all’abitare non segregato [da considerare
all’interno di azioni integrate che includano sostegno e facilitazione all’integrazione nella
comunità più ampia dei residenti] (Azione 9.5.6)
Azioni di accompagnamento volte a favorire l’accesso all’abitare non segregato e alla
piena interazione con la comunità più ampia dei residenti (Azione 9.5.7).
Le restanti azioni del risultato atteso 9.5 sono destinate a gruppi bersaglio diversi dalle
comunità RSC.
Per l’intero risultato atteso 9.5, in totale saranno a disposizione dei Programmi Operativi gestiti
da amministrazioni nazionali e regionali 165 Meuro3, di cui:
•
•
•
27 Meuro – per Regioni più sviluppate
2 Meuro – per Regioni in transizione
136 Meuro – per Regioni meno sviluppate
Si tratta di risorse che verranno tradotte in interventi afferenti al PON Inclusione sociale, al
PON Città Metropolitane e ai PO Regionali. Occorre definire la stesura dei PON e dei POR per
quantificare al meglio i relativi importi disponibili e la suddivisione ripartita per risultati attesi.
All’ interno di ciascuna delle macroaree individuate nel presente piano d’azione, ogni progetto
in linea con gli indirizzi forniti potrà trovare applicazione attraverso l’utilizzo dei fondi strutturali
finalizzati all’inclusione sociale.
Un ulteriore ambito di finanziamento per le Regioni può venire dagli Obiettivi di piano su cui
converge una quota del Fondo sanitario nazionale. In particolare nelle “Ulteriori linee
3
Al momento dell’elaborazione del Piano, il negoziato con la Commissione Europea sui singoli PO potrà determinare
spostamenti nella allocazione delle risorse economiche.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 24 di 47
progettuali per l’utilizzo da parte delle Regioni delle risorse vincolate ai sensi dell’art.1, commi
34 e 34 bis, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 per la realizzazione degli obiettivi di
carattere prioritario e di rilievo nazionale per l’anno 2013” è previsto il “Contrasto alle
disuguaglianze in sanità” che, per l’anno 2013, ha previsto un vincolo di 45 milioni di euro.
SUPPORTO E MONITORAGGIO
Per la predisposizione delle specifiche azioni previste in questo Piano le Regioni potranno
richiedere il supporto sia dell’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), che del
Ministero della Salute nonché, per il tramite del Ministero, ai referenti che hanno partecipato
alla sua redazione.
L’UNAR potrà partecipare con azioni di partenariato, avendo già avviato (art.44, comma 12 del
D.Lgs. 286/1998) un percorso di interlocuzione istituzionale con il sistema delle autonomie
locali, per la costruzione di una rete integrata di centri e osservatori territoriali contro le
discriminazioni.
Nella stesura dei Programmi Operativi Regionali è importante inserire il riferimento alle azioni:
• Interventi infrastrutturali per la sperimentazione e lo sviluppo di servizi di
prevenzione sanitaria e dell’accessibilità (Azione 9.5.2)
• Sperimentazione e sviluppo dei servizi di prevenzione sanitaria e dell’accessibilità
(Azione 9.5.3)
per consentire poi la possibilità di utilizzo delle risorse economiche disponibili di cui al
paragrafo precedente.
Al fine di monitorare la progressiva implementazione di questo Piano d’azione, il Ministero della
Salute, a partire dalla fine del 2015, predisporrà un’apposita rilevazione delle iniziative
realizzate o in itinere nelle Regioni, con specifico riferimento alle tre macroaree d’intervento del
Piano:
1.
Formazione del personale sanitario e non
2.
Conoscenza e accesso ai servizi per RSC
3.
Servizi di prevenzione, diagnosi e cura
In particolare, l’attività di monitoraggio rileverà:
1) L’accesso alle risorse disponibili, grazie alla programmazione di progetti specifici,
2) Le
a)
b)
c)
d)
e)
attività programmate e i progetti avviati con riferimento a:
Obiettivi e stato di avanzamento delle azioni;
metodologie utilizzate e coerenza con quelle previste nel Piano,
risorse programmate e impiegate,
eventuali traguardi intermedi e/o finali raggiunti,
verifica fra i risultati raggiunti e quelli attesi.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 25 di 47
SINTESI DEL PIANO D’AZIONE
Macroarea
OBIETTIVO
METODOLOGIA
FORMAZIONE DEL
PERSONALE
SANITARIO E NON
CONOSCENZA E ACCESSO
AI SERVIZI
Rendere tutte le figure
professionali impiegate nei
servizi sanitari capaci di
accogliere i RSC,
incoraggiando il corretto
utilizzo dei servizi.
Migliorare il corretto utilizzo dei
servizi sanitari territoriali da
parte delle popolazione RSC
attraverso la diffusione sul
campo delle informazioni
relative.
Offrire servizi sanitari riorientati
in base alle dimostrate
esigenze della loro potenziale
utenza favorendo
l’empowerment della comunità
RSC.
Approfondire i temi della
conoscenza del mondo rom
nella sua dimensione
socio-culturale, la relazione
transculturale e la
necessità di costruire un
“ponte della fiducia”, i
metodi e le strategie
operative.
Produzione di materiale
informativo personalizzato e
diffusione/spiegazione
attraverso visite sul campo.
Importanza del contatto diretto
con i destinatari, della relazione
e della costruzione di un
rapporto di fiducia tra rom e
personale sanitario/figure con
ruolo di mediazione.
Attenzione alla costruzione di un
sistema informativo specifico ma
rispettoso della privacy, che
permetta di raccogliere dati
epidemiologici validi.
Promozione di un lavoro di rete
interno ed esterno al servizio,
quindi esteso, capillare ed
inclusivo.
Approccio multidisciplinare e
multisettoriale.
Puntare su un modello
partecipativo, che coinvolga
attivamente anche i rom (la
mediazione culturale è parte del
sistema di rete)
Sperimentazione e
incentivazione di proposte e
attività innovative che vengano
messe a sistema locale e
regionale laddove se ne
verifichi l’efficacia.
Lavorare in rete, grazie al
confronto, condivisione e
collaborazione fra tutti gli
attori, individuando obiettivi
comuni e integrando risorse e
competenze.
1. Mappatura dei servizi sanitari
1. Corsi di formazione
rivolti al personale
specifica per ogni territorio
sanitario e non di servizi
limitrofo al
campo/insediamento,
territoriali e ospedalieri
prediligendo gli operatori
selezionando le strutture più
dei servizi di urgenza, a
accoglienti.
bassa soglia e PUA.
2. Informazione ai rom sul diritto
alla salute, i servizi di zona e
2. Inclusione nel curriculum
le modalità di accesso.
post-universitario
obbligatorio per MMG e
Informazione per gli operatori
attraverso raccolta dati e
PLS la formazione sulla
tutela delle persone più
indagini epidemiologiche.
3. Orientamento alle strutture,
fragili
3. Corsi di formazione per
incoraggiando i rom a fidarsi
dell’istituzione sanitaria e
altri attori
socioassistenziali, come
aiutandoli a responsabilizzarsi
nella tutela della salute.
assistenti sociali,
mediatori, privato
sociale.
1. Riorientare i servizi, ossia
rendere permeabili le
strutture anche alle
categorie più fragili come i
RSC, puntando su interventi
di prevenzione e
promozione della salute:
promozione di corretti stili di
vita, ambienti di vita,
percorso materno-infantile e
tutela della gravidanza,
vaccinazioni.
2. Promuovere percorsi di
diagnosi e cura e continuità
assistenziale evitando
l’utilizzo inappropriato dei
servizi di emergenzaurgenza.
Inserire il tema rom nella
programmazione annuale
ordinaria delle aziende
sanitarie.
Impostare la formazione
secondo i bisogni e le
risorse di ogni azienda
sanitaria.
AZIONI
SERVIZI DI
PREVENZIONE,
DIAGNOSI E CURA
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 26 di 47
Bibliografia
(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
(6)
(7)
(8)
(9)
(10)
(11)
(12)
(13)
(14)
(15)
(16)
(17)
(18)
(19)
(20)
(21)
(22)
(23)
(24)
Geraci S. (a cura di): Immigrazione e salute: un diritto di carta? Viaggio nella normativa
internazionale, italiana e regionale. Edizioni Anterem, Roma, 1996
Motta F., Geraci S.: L’accesso di Rom e Sinti al diritto ed alla tutela della salute. In La
condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia. (a cura di Bonetti P., Simoni A., Vitale T.).
Giuffrè Editore. Milano, 2011. 1065:1080.
Geraci S., Bonciani M., Martinelli B.: La tutela della salute degli immigrati nelle politiche
locali. Inprintingsrl, Roma, 2010
Marceca M., Geraci S., Baglio G.: Immigrants’ health protection: political, institutional
and social perspectives at international and Italian level. IJPH - 2012, Volume 9, Number
3; e7498-1:11
Bonetti P., Simoni A., Vitale T. (a cura di): La condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia.
Giuffrè Editore. Milano, 2011.
Morozzo della Rocca P. (a cura di): Immigrazione e cittadinanza. Profili normativi e
orientamenti giurisprudenziali. UTET Giuridica. Milano, 2008 (aggiornamento 2009).
Nascimbene B. (a cura di): Diritto degli stranieri. Cedam, Padova, 2004.
Miele R., Boca C. (a cura di): Codice dell’Immigrazione. Edizioni Studio Immigrazione.
Viterbo, 2011.
Rambouskova’ J, Dlouhy’ P, Krizova’ E, prochazka B, Hrncirova’ D, Andel M: Health
behaviors, nutritional status, and anthropometrics parameters of Roma and no Roma
mothers and their infants in the Czech Republic. I NutrBehav, 2009, Jan-Feb
Llanos de la torre Quiralte M, Garijo Ayestaran C, Poch Olive ML, Perez marrodan JA,
Estudio de una poblacion gitana rural en relacion con la lactancia materna. Una poblation
atipica? An EspPediatr (53), 2000
Diez Lopez I, Ardura Fernandez J, Palacin Minguez E, Cardaba Arranz M, Influencia de la
etnia gitana en el ingreso hospitalario de lactantes y su patologia prevalente, An Esp
Pediatr (57), 2002
Mora Leon L, Martinez Olmos J, Prevalencia de caries y factores asociados en ninos de 25 anos de los Centros de Salud Almanjayar y Cartuja de Granada Capital, Aten Primaria
(26), 2000
G A C Binnie The health of Gypsies, BMJ, 1998
Monasta et al., Ethnicity & Disease, Volume 22, 2012: 367-371
Garcia de Cortazar AR, Cabrera Leon A, Hernan Garcia M, Jimenez Nunez JM, Attitudes of
Adolescent Spanish Roma Toward Noninjection Drug Use and Risky Sexual Behavior,
Qualitative Health Research, Vol. 19, No 5, 605-620, 2009
Ricordy A., Trevisani C., Motta F., Casagrande S., Geraci S., Baglio G, La Salute per i
rom. Tra mediazione e partecipazione, Pendragon, Bologna 2012
Geraci S., Motta F., Ricordy A. (a cura di), Salute senza esclusione. Sperimentazione di
interventi per la promozione dell’accesso ai servizi sanitari e dell’educazione alla salute
per la popolazione Rom e Sinta in Italia, Area Sanitaria Caritas di Roma, Roma 2009
Documento finale del Gruppo Salute e Immigrazione dell'Organismo Nazionale di
Coordinamento per le politiche di integrazione sociale degli Stranieri - CNEL. In Agenzia
Sanitaria Italiana (ASI), n. 13, 29 marzo 2001, 30:46
Bigot G., Russo M.L.: Per una salute senza esclusioni: brevi tratti di un’esperienza
partecipativa. In Migrazioni, salute e crisi. Coesione sociale, partecipazione e reti per una
salute senza esclusioni, Atti dell’XII Congresso Nazionale SIMM. Pendargon, Bologna,
2012; 136:141
Ricordy A., Motta F., Geraci S.: saluteRom. Itinerari possibili. Pendargon, Bologna, 2014
WengerE.: Comunità di pratica. Apprendimento, significato, identità. Ed Cortina, 2006
Bigot, G. e Russo, M.L., Come nasce una politica: gli attori, i processi, in Una rete per la
salute degli immigrati, Roma, Anterem Edizioni, pp. 7-15, 2007
Geraci S., Gnolfo F.: In rete per la salute degli immigrati. Note a margine di un’inaspettata
esperienza. Pendragon, Bologna, 2012
AA.VV.: Salute senza esclusione: campagna vaccinale per i bambini rom e sinti a Roma.
Monografie ASP Lazio. Regione Lazio e GrIS Lazio, 2003
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 27 di 47
(25) Baglio G., Barbieri F., Cacciani L., Certo C., Crescenzi A., Forcella E., Fraioli A., Gnolfo F.,
Geraci S., Motta F., Sestieri M., Sprovieri M., Trillò M.E. (a cura di), Salute senza
esclusione: campagna per l’accessibilità dei servizi socio-sanitari in favore della
popolazione Rom e Sinta a Roma, GrIS Lazio e Area sanitaria Caritas Roma 2008
(26) Battilomo S.: Il ruolo del Ministero della salute nella governance della salute degli
immigrati. In Migrazioni, salute e crisi. Responsabilità ed equità per la salute dei
migranti: un impegno da condividere, Atti dell’XIII Congresso Nazionale SIMM. Pendargon,
Bologna, 2014; 110:115
(27) Zimmerman, M.A.: Empowerment Theory. Psychological, Organizational and Community
Levels of Analysis. In Rappaport J., Seidman, E., Handbook of Community Psychology.
New York: Kluwer Academic/Plenum Publishers, 2000.
(28) AA.VV: Il sistema sanitario e l’empowerment. 6° Supplemento al numero 25 2010 di
Monitor. Trimestrale dell’Agenzia nazionale per I servizi sanitari regionali
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 28 di 47
Appendice
ESPERIENZE DI RICERCA E DI INTERVENTO
ID
1
DESCRIZIONE
Progetto CCM 2006 “Migrazione: sistemi di accoglienza verso la
popolazione
immigrata
dei
servizi
sanitari
e
verifica
dell'osservanza del diritto alla salute di queste popolazioni”
ENTI COINVOLTI
Ministero Salute- ISS
2
Progetto CCM 2006 “Promozione della salute della popolazione
immigrata in Italia”
Progetto CCM 2009 “La salute della popolazione immigrata: il
monitoraggio dei Sistemi Sanitari Regionali”
Progetto FEI “Percorso di Integrazione presso lo Sportello Unico Fase II”
Ministero della Salute
Regione Marche
Ministero
Salute
–
Agenas
Ministero
interno
Ministero della Salute
INMP
Ministero della Salute
Regione
Emilia
Romagna INMP e da
quattro Regioni
Area sanitaria Caritas
di Roma
3
4
5
Progetto CCM 2011 “Un modello per l’integrazione socio-sanitaria
delle popolazioni svantaggiate”
6
“SALUTE SENZA ESCLUSIONE: campagna per l’accessibilità dei
servizi socio-sanitari in favore della popolazione Rom e Sinta a
Roma”
“Accesso dei servizi sanitari ed educazione alla salute delle
popolazioni Rom: sperimentazione di un modello di intervento
attraverso la realizzazione e distribuzione di uno specifico
opuscolo”
Progetto FEI - CRS 2012 “ROMa: mediazione socio-sanitaria come
percorso di inclusione dei Rom nella città di Roma”
Progetto CCM 2007 “La salute e la sicurezza del neonato. Una
guida utile per le famiglie immigrate”
7
8
9
10
12
Progetto biennale CCM 2010 “Linee d’intervento transculturali
nell’assistenza di base e nel materno infantile”
“SALUTE SENZA ESCLUSIONE: campagna vaccinale per i bambini
Rom e Sinti a Roma”
Progetto CCM 2010 “Prevenzione delle IVG nelle donne Straniere”
13
troVARSI (VAccinazioni Rom e SInti in Italia)
14
“EQUI-HEALTH”
11
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Caritas
Caritas
Ministero della SaluteAssociazione
Candelaria
Donne
Immigrate Onlus
INMP
Area sanitaria Caritas
di Roma
Ministero della Salute
Regione Toscana
Ministero della Salute
INMP
OIM, Consiglio
d’Europa, CAHROM,
Ministero della Salute,
Ministero dell’Interno,
Ministero del lavoro e
Politiche sociali, UNAR,
enti territoriali, servizi
sanitari, associazioni di
società civile
Pag. 29 di 47
Esperienza
n°
DESCRIZIONE
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
1 –“Migrazione: sistemi di accoglienza verso la
popolazione immigrata dei servizi sanitari e verifica
dell'osservanza del diritto alla salute di queste
popolazioni”
La finalità del progetto è stata quella di fornire strumenti e chiavi di
lettura per orientare e supportare politiche ed interventi di promozione
e tutela della salute di persone, famiglie e comunità straniere.
Tra gli obiettivi raggiunti: descrivere lo stato di salute della popolazione
immigrata e di specifici target, fornire una panoramica della
legislazione nazionale e delle politiche regionali, nonché individuare
buone prassi assistenziali con particolare attenzione alla fruibilità dei
Servizi sanitari, infine, valutare i percorsi formativi attivati su temi
inerenti la salute della popolazione immigrata.
Ministero Salute- ISS. Coordinamento scientifico: ISS
Il Gruppo di Lavoro, articolato in sei Unità Operative e due Sotto-Unità
è stato costituito da:
- Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed
Immunomediate (ISS), Roma
- Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e
Promozione della Salute (ISS), Roma
- Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma,
- Università Sapienza - Dipartimento di Scienze di Sanità
Pubblica, Roma
- Fondazione Labos, Roma
- Area sanitaria della Caritas di Roma.
È stato necessario il coinvolgimento degli Assessorati alla Salute e alle
Politiche Sociali delle singole Regioni e delle Province Autonome.
Progetto finanziato dal Ministero della Salute CCM-2006.
Iniziato nel 2008 e concluso nel luglio 2010.
http://www.epicentro.iss.it/argomenti/migranti/IniziativeItalia.a
sp
http://www.simmweb.it/fileadmin/documenti/Simm_x_news/20
10/6-SINTESI_PROGETTOMigrazione_e_Salute_CONVEGNO.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 30 di 47
Esperienza
n°
DESCRIZIONE
2 - “Promozione della
immigrata in Italia”
salute
della
popolazione
FINANZIAMENTO e
TEMPI
Il progetto ha proposto una metodologia ed un set di indicatori per
l’analisi dei principali problemi di salute degli immigrati a quanti a
livello nazionale o regionale sono coinvolti nella costruzione del profilo
di salute e nella programmazione di servizi sanitari per la popolazione
immigrata.
Gli indicatori che vengono proposti sono stati calcolati utilizzando fonti
informative che sono a disposizione di tutte le Regioni. Essi sono stati
sperimentati in sei Regioni, due Province (Piemonte, Liguria, EmiliaRomagna, Marche, Lazio, Puglia, province di Reggio Emilia e di Cesena)
e a livello nazionale (Istat, INAIL, Age.na.s) confermandone in tal
modo la fattibilità.
Il risultato conseguito consente di affermare che oggi è disponibile uno
strumento operativo che rende possibile costruire, (e quindi
confrontabile) nelle varie realtà, un profilo di salute degli immigrati
presenti in Italia sia in termini di domanda che in termini di risposta
che i Sistemi Sanitari Regionali forniscono a questa domanda ed il
relativo metodo di calcolo.
Nell’ambito del progetto che ha prodotto un set di indicatori per la
costruzione del profilo di salute dell'immigrato, “La salute della
popolazione immigrata metodologia di analisi”, è stato istituito nel 2008
il Tavolo Interregionale Immigrati che opera presso il Coordinamento
Interregionale in Sanità della Conferenza Stato-Regioni.
Il Tavolo costituisce un momento di confronto e collaborazione tra le
Regioni e P.A. e di concertazione tra le stesse e il Ministero della Salute
sui temi della salute degli immigrati e dell’assistenza sanitaria al fine di
rendere uniforme sul territorio nazionale l’accesso alle cure e
all’assistenza sanitaria da parte della popolazione immigrata.
Partecipano al Tavolo tutte le Regioni e Province Autonome con il
contributo della SIMM (Società Italiana di Medicina delle Migrazioni) e
dell’INPM (Istituto Nazionale per la promozione della salute delle
popolazioni Migranti ed il contrasto delle malattie della Povertà.
Ministero Salute- Regione Marche
Coordinamento Regione Marche
Progetto finanziato dal Ministero della Salute CCM 2006.
Concluso il 31/12/2009.
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
http://www.ccmnetwork.it/documenti_Ccm/prg_area5/Prg_5_Immigrati_metodologia.p
df.pdf
ENTI COINVOLTI
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 31 di 47
Esperienza
n°
DESCRIZIONE
ENTI COINVOLTI
3 – “La salute della popolazione immigrata:
monitoraggio dei Sistemi Sanitari Regionali”
il
L’obiettivo del progetto è stato di conoscere i bisogni di salute della
popolazione immigrata, attraverso un monitoraggio istituzionale e
sistematico da parte dei SSR e del SSN nel suo insieme al fine di
individuare le priorità di intervento. Tra gli obiettivi specifici: svolgere
a livello istituzionale la funzione di lettura sistematica del profilo di
salute della popolazione immigrata; costruire un sistema di
monitoraggio nazionale a partire dal report finale “La salute della
popolazione immigrata metodologia di analisi” del progetto già
concluso, estendere a tutte le regioni la metodologia di analisi già
sperimentata, per costruire un profilo di salute a livello nazionale,
(una adeguata attività di formazione è prevista perle Regioni di nuova
adesione); effettuare una valutazione macroeconomica dell’assistenza
sanitaria agli immigrati; realizzare un confronto con gli altri Paesi
Europei e collaborazione con le istituzioni europee; costruire un
modello per la sorveglianza e controllo delle malattie infettive( Centri
Immigrazione regione Calabria- Crotone e Lamezia Terme).
Accordo Ministero Salute – Agenas- Coordinamento AgenasSono state attive 10 unità operative: Istat, Inail, Regione Marche
(Osservatorio Epidemiologico Diseguaglianze), Regione Piemonte
(Servizio Epidemiologia Asl To3), Regione Emilia Romagna (Agenzia
Regionale Sanitaria Sociale Emilia Romagna, Regione Lazio
(Laziosanità Asp Lazio), Regione Puglia (Osservatorio Epidemiologico
Regionale) Ausl Reggio Emilia (Unità Epidemiologica), Ausl Cesena
(UO Epidemiologia e Comunicazione), Regione Calabria (Dipartimento
Tutela Salute e Politiche Sanitarie).
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
http://www.agenas.it/lea/la-salute-della-popolazione-immigrata-il-monitoraggioda-parte-dei-sistemi-sanitari-regionali-ccm/tag/SALUTE%20IMMIGRATI .
.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 32 di 47
Esperienza n° 4 – “Percorso di Integrazione presso lo Sportello Unico Fase II”
DESCRIZIONE
Il progetto è stato volto a promuovere il percorso d’integrazione sociosanitaria dei cittadini dei Paesi Terzi mediante un’azione d’informazione e
orientamento condotta da 18 mediatori, appositamente formati
dall’INMP, all’interno degli Sportelli Unici per l’Immigrazione (SUI) di 14
Prefetture italiane: Ancona, Bari, Bologna, Cuneo, Firenze, Genova,
Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Teramo, Udine, Verona.
Nel periodo compreso tra il 10 settembre 2012 e il 10 aprile 2013, i
mediatori hanno affiancato e integrato l’attività degli operatori dei SUI al
fine di:
- Accrescere la consapevolezza degli immigrati circa il loro diritto alla
salute;
- Accrescere la loro conoscenza del funzionamento del Servizio Sanitario
Nazionale(SSN);
- Facilitare la loro iscrizione al SSN e la fruizione dei servizi sanitari
territoriali.
L’azione informativa e di orientamento dei mediatori è stata integrata
dalla distribuzione agli utenti di una Guida in 9 lingue (italiano, cinese,
spagnolo, inglese, francese, arabo, albanese, rumeno, ucraino) sul diritto
alla salute e l’accesso al SSN e di 14 Mappature dei principali servizi
sanitari dei territori provinciali d’intervento. I 2 prodotti sono stati
stampati in complessive 102.500 copie.
L’intervento dei mediatori presso i SUI è stato supportato attraverso la
loro formazione specialistica iniziale e l’utilizzo di una piattaforma elearning mediante la quale sono stati garantiti: a) un servizio
continuativo di counseling a distanza, offerto da ulteriori 4 mediatori,
formati inizialmente insieme ai loro colleghi e presenti presso l’INMP; b)
la formazione a distanza attraverso un corso multimediale in 4 moduli; c)
un supporto tecnico/organizzativo continuativo; d) la condivisione delle
informazioni tra i mediatori presso i SUI, i counselor e gli altri operatori
del gruppo di lavoro.
Un’ulteriore azione di informazione/comunicazione è consistita nella
realizzazione di una pagina dedicata al progetto sul sito web dell’INMP,
all’interno della quale sono state rese disponibili le 9 versioni .pdf della
Guida “Informasalute”. Tali materiali sono stati resi disponibili anche sul
sito del Ministero della Salute, sul portale “Integrazione Migranti” del
Ministero del Lavoro, e inviate agli enti che ne hanno fatto richiesta.
Infine, il 22 e 23 aprile 2013 si sono tenute le Giornate conclusive del
progetto, volte alla restituzione del lavoro svolto dai mediatori (22 aprile)
e alla presentazione e condivisione dei risultati raggiunti e delle buone
prassi attivate con i rappresentanti del Ministero dell’Interno, del
Ministero della Salute e delle Prefetture partecipanti (23 aprile).
OUTPUT/RISULTATI DELLE ATTIVITÀ DI
INFORMAZIONE/ORIENTAMENTO/COMUNICAZIONE:
14 interventi di mediazione, informazione e orientamento realizzati
presso altrettanti Sportelli Unici per l’Immigrazione, supportati
dall’attivazione di reti con le Asl e gli attori pubblici e privati del territorio
23.211 cittadini di Paesi Terzi hanno beneficiato degli interventi
informativi e di orientamento realizzati dai mediatori presso i SUI.
102.500 copie della Guida Informasalute e delle Mappature dei servizi
sanitari dei 14 territori di intervento prodotte e distribuite.
2 giornate conclusive per la presentazione e condivisione dei risultati
conseguiti e delle buone prassi realizzate.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 33 di 47
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
Informazioni sul progetto e versioni .pdf delle Guide Informasalute rese
disponibili attraverso il sito dell’INMP e del Ministero della Salute e il
portale “Integrazione Migranti” del Ministero del Lavoro.
Proposto dal Ministero dell’Interno (Autorità responsabile del FEI), è
attuato da un partenariato composto dal Ministero della Salute e
dall’INMP.
Il progetto è finanziato dal FEI (Fondo Europeo per l’Integrazione dei
cittadini dei Paesi Terzi).
http://www.salute.gov.it/portale/documentazione/p6_2_5_1.jsp?lingua=i
taliano&id=118
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 34 di 47
Esperienza n° 5 – “Un modello per l’integrazione socio-sanitaria delle
popolazioni svantaggiate”
DESCRIZIONE
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
Il progetto ha come obiettivo generale quello di migliorare l’interazione
funzionale tra i percorsi diagnostico-terapeutici nonché socioassistenziali delle strutture territoriali di differente livello specialistico a
cui si rivolgono le popolazioni svantaggiate. Gli obiettivi specifici del
progetto sono 1) soddisfare le necessità diagnostico-terapeutiche grazie
all'interazione tra strutture territoriali di diverso livello e 2) soddisfare le
richieste di orientamento di tipo socio assistenziale, con approccio
trans-culturale.
L’architettura del modello di interazione proposto si articola su due
livelli: uno di governance interistituzionale e uno operativo, che prevede
l’utilizzo della telemedicina. Il progetto prevede la messa in rete, con
quattro ospedali ad alta complessità e l’INMP, le strutture del territorio,
gli ospedali a bassa complessità, i consultori, i Medici di Medicina
Generale e che operano in contesti particolarmente svantaggiati (istituti
penitenziari, centri di accoglienza per migranti, ecc.), a cui fanno
riferimento i gruppi di popolazioni a maggior rischio di esclusione
presenti nelle quattro regioni interessate dal progetto. Il servizio
proposto sarà quello del teleconsulto messo a disposizione dei medici
selezionati delle strutture sanitarie partecipanti al fine di soddisfare le
richieste diagnostico-terapeutiche (con particolare riguardo alla
medicina delle migrazioni e alle malattie della povertà) e le richieste di
tipo socio-assistenziale. Risponderanno ai teleconsulti medici specialisti
dei quattro ospedali di riferimento e l’INMP, anche per quel che riguarda
le richieste di orientamento socio-sanitario. L’INMP rappresenta, inoltre,
il Centro dei servizi tecnologici, mettendo a disposizione, oltre alla
piattaforma che consente il servizio, anche tutta la formazione
necessaria all’utilizzo degli strumenti e un servizio di tutoring
continuativo per i medici coinvolti nelle attività.
Il Ministero della Salute/CCM ha promosso e finanziato il progetto in
collaborazione con la regione Emilia Romagna. Il progetto è stato
coordinato da INMP attraverso la costituzione del il Segretariato
Tecnico, con funzioni anche di comunicazione e monitoraggio.
L’INMP è partner attuativo del progetto di Telemedicina insieme ad altre
quattro Unità Operative che si trovano nelle regioni Emilia Romagna,
Lazio, Puglia e Sicilia e che sono in collegamento con le strutture del
territorio a cui si rivolgono i gruppi di popolazione italiana e migrante
più svantaggiati, beneficiari finali dell’attività progettuale.
Finanziato nel 2011.
http://www.inmp.it/index.php/ita/Progetti/Un-modello-per-lintegrazione-socio-sanitaria-delle-popolazioni-svantaggiate-CCM-2011
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 35 di 47
Esperienza n° 6 – “SALUTE SENZA ESCLUSIONE: campagna per
l’accessibilità dei servizi socio-sanitari in favore della
popolazione Rom e Sinta a Roma”
DESCRIZIONE
Il progetto si è proposto di avvicinare il personale socio-sanitario delle
strutture ASL alle comunità rom residenti sul territorio di competenza,
attraverso visite sul campo, volte a promuovere l’utilizzo corretto dei
servizi e diffondere norme per la tutela della salute. I campi sono stati
visitati da équipe multidisciplinari formate da operatori sanitari delle
strutture territoriali, affiancati da operatori del privato sociale
impegnato nelle attività ordinarie di scolarizzazione, orientamento,
gestione del campo, ecc. Il numero e la consistenza delle equipe
variava a seconda della dimensione dei campi e del tipo di setting
utilizzato.
Destinatari diretti: Tutti gli abitanti di 33 insediamenti, attrezzati e
tollerati, presenti a Roma, stimati intorno alle 7800 unità.
Attività e risultati:
Mappatura degli insediamenti rom presenti sul territorio romano e degli
interventi ivi attivi.
•
Disegno delle “mappe di fruibilità”, specifiche per ciascun campo,
con indicazioni dettagliate sulle strutture sanitarie di prima assistenza
distribuite sul territorio intorno all’insediamento, e sui percorsi di
accesso.
•
Definizione degli strumenti operativi con la collaborazione di
rappresentanti delle comunità rom per la redazione degli opuscoli di
educazione sanitaria.
•
Percorso formativo (con rilascio di crediti ECM) per gli operatori
sanitari coinvolti, articolato in due giornate di lezioni in aula sui temi
della società rom, la medicina transculturale e le strategie di intervento
sul campo; un 10 giorni di uscite nei campi nell’arco di due settimane;
una giornata di restituzione finale dei risultati e di riflessione comune
sull’esperienza vissuta e sugli aspetti metodologici.
•
Nel corso delle giornate di attività sul campo, sono stati coinvolti
140 operatori sanitari rappresentanti delle 5 ASL di Roma, che hanno:
offerto attivamente il controllo della pressione arteriosa ai soggetti
adulti e la verifica della copertura vaccinale dei minori; diffuso
informazione sui servizi sanitari disponibili sul territorio e orientato le
persone in relazione ai bisogni rilevati; promosso l’educazione sanitaria
sulla prevenzione di malattie diffusive, la tutela della salute del
bambino, gli stili di vita idonei per la riduzione di malattie
cardiovascolari, attraverso gli opuscoli informativi illustrati.
•
Nel corso del progetto è aumentato l’afflusso di pazienti rom
presso i servizi di riferimento.
•
Presa in carico delle comunità rom residenti sul territorio di
competenza da parte di ciascuna ASL, attraverso la programmazione di
iniziative strutturali per la tutela della salute di questa popolazione.
Criticità:
•
Difficoltà logistiche nell’allestimento del setting nei campi.
•
Problemi nel reperimento della strumentazione medica
necessaria.
•
Difficoltà nell’individuazione di personale medico disponibile ad
affrontare un impegno di lavoro straordinario.
Punti di forza
•
Iter formativi specifici per gli operatori sociosanitari.
•
Lavoro di rete e integrazione tra pubblico e privato.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 36 di 47
•
Approccio multidisciplinare e coinvolgimento attivo della
popolazione
destinataria dell’intervento (sia nella progettazione che nella fase
operativa).
•
Presenza sul campo e creazione di contatti personalizzati tra
operatori e Rom, al fine di superare diffidenza e pregiudizi reciproci.
•
Offerta attiva e attivazione di percorsi socio-sanitari a bassa
soglia d’accesso.
•
Individuazione ed adozione di modelli flessibili ed attenti alle
realtà specifiche.
ENTI COINVOLTI
La campagna è stata promossa dalGrIS Lazio e il suo coordinamento è
stato affidato all’Agenzia di Sanità Pubblica (Laziosanità-ASP), in
collaborazione con le 5 ASL del territorio urbano e sostenuta dal
Comune di Roma e dalla Regione Lazio.
FINANZIAMENTO e
TEMPI
Finanziato da
Febbraio - Dicembre 2006.
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
http://www.asplazio.it/asp_online/att_ospedaliera/fen_migratori_new/i
mmigrazione/pubblicazioni.php?menu=s410&argo=b&migra=immigrazi
one&imm=pub
http://www.piemonteimmigrazione.it/site/images/stories/rom_e_sinti/d
ocumenti/campagna20gris201-49.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 37 di 47
Esperienza n° 7 – “Accesso dei servizi sanitari ed educazione alla
salute delle popolazioni Rom: sperimentazione di un
modello di intervento attraverso la realizzazione e
distribuzione di uno specifico opuscolo”
DESCRIZIONE
Descrizione: Sperimentazione della strategia di promozione della
salute validata a Roma, in più contesti, attraverso l’offerta attiva di
orientamento e di educazione sanitaria sul campo e utilizzando
l’opuscolo prodotto nel corso della campagna del 2006 come
principale strumento di coinvolgimento dei rom. La composizione delle
equipe variava per ogni realtà, ma generalmente ha visto la
collaborazione di personale socio-sanitario delle ASL, medici volontari
e operatori del privato sociale.
Destinatari diretti: Rom e sinti residenti in alcuni insediamenti
presenti sul territorio delle seguenti città: Firenze, Messina, Milano,
Palermo, Roma, Trento, per un totale di circa 5118 tra slavi, rumeni e
italiani.
Attività e risultati:
•
Selezione di 6 realtà di intervento differenti fra loro per
numerosità, provenienza, condizioni abitative e livello di integrazione
dei gruppi rom.
•
Confronto tra le realtà e revisione degli strumenti operativi.
•
Fase operativa di incontro sul campo con la popolazione rom
per: fornire raccomandazioni di educazione sanitaria, attraverso la
distribuzione di opuscoli illustrati e poster narrativi; diffondere le
informazioni relative ai servizi sanitari territoriali e orientare l’utenza,
avviando, quando necessario, percorsi assistenziali specifici; offrire
prestazioni mediche di base, per facilitare il processo comunicativo e
consolidare la relazione con gli operatori; raccogliere dati quantitativi
e qualitativi.
•
Workshop finale in cui sono state condivise esperienze
econsiderazioni socio-antropologiche, identificate le criticità più diffuse
nell’accesso regolare ai servizi e definite delle linee metodologiche di
intervento ritenute efficaci.
•
Elaborazione di 10 punti fermi per la progettazione di interventi
di promozione della salute fra i rom e redazione di un rapporto
conclusivo.
•
Diffusione nazionale del rapporto e degli strumenti di lavoro
prodotti (opuscoli, poster, cd rom).
Criticità:
Le difficili condizioni di vita, la precarietà delle soluzioni abitative,
nonché l’isolamento degli insediamenti, che rendono complicato il
rispetto delle più semplici norme igieniche e di integrazione sul
territorio.
•
L’opuscolo di
educazione sanitaria non ha risposto
efficacemente alle esigenze di tutti i rom coinvolti.
Punti di forza:
•
La flessibilità nelle strategie di attuazione degli interventi
secondo le specificità dei singoli contesti.
•
L’incontro
sul
campo
e
l’attenzione
alla
relazione
interpersonale.
•
La sinergia pubblico-privato.
•
La mediazione linguistico-culturale nei contesti più precari.
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 38 di 47
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
•
La scelta di metodi flessibili (colloqui famiglia per famiglia, di
sessioni di gruppo strutturate, etc.), secondo le caratteristiche delle
comunità e il rapporto pregresso con gli operatori.
•
L’informazione preliminare delle comunità sui principali aspetti
dell’intervento.
•
La promozione della partecipazione delle donne e dei bambini.
Il progetto è stato promosso dal Ministero del Lavoro, della Salute e
delle Politiche Sociali, patrocinato dalla SIMM e coordinato dall’Area
sanitaria della Caritas di Roma, in collaborazione con iGrIS, le ASL e
numerose realtà del privato sociale delle città coinvolte.
Finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche
Sociali
Periodo di realizzazione: Aprile 2008 – Settembre 2009.
http://www2.caritasroma.it/wpcontent/uploads/pubblicazioni/2009_VOL_SALUTE_SENZA_ESCLUSI
ONE.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 39 di 47
Esperienza n° 8 – “ROMa: mediazione socio-sanitaria come percorso di
inclusione dei Rom nella città di Roma”
DESCRIZIONE
Applicazione nel territorio di competenza della ASL RMD di metodologie di
orientamento socio-sanitario già sperimentate con la popolazione rom,
coinvolgendo i destinatari diretti attraverso la formazione di mediatori rom
interni alle comunità. Sensibilizzazione del personale sanitario delle ASL di
Roma attraverso uno specifico percorso formativo sulle metodologie di
intervento con le popolazioni rom a partire dai risultati del progetto. Sono
intervenute sul campo 2 equipe formate da: 1/2 operatrici, operatori del
privato sociale già attivo nei campi, 1/2 medici ASL (occasionalmente).
Destinatari diretti: I rom slavi residenti nei campi autorizzati di via
Candoni e via Ortolani per un totale di circa 600 persone.
Attività e risultati:
Presentazione del progetto e conoscenza della popolazione beneficiaria.
Realizzazione di un’indagine epidemiologica condotta dall’ASP, partner di
progetto, all’inizio, alla fine dell’intervento e a distanza di alcuni mesi dalla
conclusione.
Lavoro di rete con i servizi socio-sanitari del territorio e le realtà
associative operanti nei campi.
Costruzione di strumenti per le attività di orientamento sanitario ed
educazione sanitaria rivolte ai destinatari.
Avviamento di uno sportello di orientamento sanitario nel campo di
Candoni.
Realizzazione di una sessione di incontri di educazione alla salute
materno-infantile condotti dal personale ASL di zona, all’interno dello
sportello di orientamento sanitario attivato nel campo di Candoni.
Realizzazione di un laboratorio teatrale sui temi della salute rivolto ai
minori del campo di Ortolani, comprensivo di uno spettacolo conclusivo
che ha visto la partecipazione dei genitori e del vicinato.
Pubblicazione di un rapporto relativo agli esiti del progetto e alle riflessioni
metodologiche scaturite in seno all’esperienza.
Realizzazione di un percorso formativo per operatori socio-sanitari delle
ASLe del privato sociale, per un totale di circa 100 partecipanti e
diffusione del rapporto.
Criticità:
Conoscenza parziale dei contesti operativi di azione del progetto e dei
beneficiari.
Difficoltà nel coinvolgimento attivo dei rom come mediatori di salute.
Complessità del lavoro di rete.
Punti di forza:
Flessibilità dell’approccio per una riformulazione delle attività secondo i
bisogni rilevati nel corso del progetto.
Ampliamento della rete e integrazione delle attività con possibilità di
sostenibilità futura.
Coinvolgimento degli operatori sanitari della Asl nel lavoro di campo.
ENTI
COINVOLTI
FINANZIAMENT
O e TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIO
NE ONLINE
Coordinato dall’Area sanitaria – Caritas di Roma, in partenariato con
l’Agenzia di Sanità Pubblica (Laziosanità-ASP) e con il sostegno della ASL
RMD.
Finanziato dal Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di paesi terzi
2007-2013. Periodo di realizzazione: Agosto 2011 – giugno 2012.
http://www.caritasroma.it/2012/06/la-salute-dei-rom-tra-mediazione-epartecipazione/
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 40 di 47
Esperienza n° 9 - “La salute e la sicurezza del neonato una guida utile
per le famiglie immigrate”
DESCRIZIONE
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
Il progetto ha previsto la stesura, la pubblicazione e la distribuzione
nelle maternità di un opuscolo, “bambine e bambini del mondo”, in 10
differenti lingue, le più parlate dalle comunità dei migranti in Italia.
Tale opuscolo rappresenta una guida utile all’accudimento del neonato
nel primo anno di vita e fornisce informazioni utili sui servizi dedicati
alla salute del bambino.
Ministero della Salute in partnership con la Associazione Candelaria
Donne Immigrate Onlus.
Progetto finanziato dal Ministero della Salute CCM 2007.
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_29_allegato.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 41 di 47
Esperienza n° 10 - “Linee di intervento transculturali nell’assistenza di
base e nel materno infantile”
DESCRIZIONE
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
Il progetto affronta la problematica dell’accesso degli immigrati
all’assistenza sanitaria ed in particolare dell’area maggiormente a
rischio di esclusione, quella materno infantile. In particolare si è
occupato di assistenza di base, prevenzione, assistenza maternoinfantile e integrazione tra medicina di base, territoriale e ospedaliera
Destinataria indiretta del progetto è la popolazione straniera presente
sul territorio italiano. Destinatari indiretti sono gli operatori sanitari e
socio-sanitari. che operano nei servizi Il progetto ha previsto due
tipologie d’intervento: il primo relativo allo scambio di “buone pratiche”
già operative in alcune aziende partner, il secondo relativo a interventi
miranti ad accrescere la competenza degli operatori e dei mediatori
coinvolti; promuovere l’integrazione fra la medicina di base, servizi
territoriali e ospedali; attivare servizi e azioni che facilitino l’accesso
alle ASL, nell’area della Medicina di Base e Materno Infantile oltre che
far conoscere ai migranti i percorsi strutturati.
A tal riguardo l’INMP si è impegnato nella progettazione ed
organizzazione di appositi pacchetti formativi, accreditati ECM, rivolti
alle diverse professionalità che contribuiscono alla presa in carico della
popolazione straniera nei differenti servizi sanitari. Tra i materiali
prodotti:
Buone prassi- ASP CATANZARO
Locandina del progetto – Formazione INMP
Manifesto del progetto – Formazione INMP
Il Ministero della Salute/CCM ha promosso e finanziato il progetto
coordinato ASP di Catanzaro (capofila), in collaborazione co INMP, ASL
di Cagliari, ASP di Palermo, ASL di Olbia, AO G. Rummo di Benevento.
Progetto finanziato dal Ministero della Salute CCM 2010.
http://www.ccmnetwork.it/documenti_Ccm/programmi_e_progetti/2010/sostegnoPnp&
GS/linee-intervento-transculturali_Calabria.pdf;
http://www.inmp.it/index.php/ita/Eventi-e-Formazione/Corsi-diFormazione/Corsi-di-formazione-ECM/Linee-d-intervento-transculturalinell-assistenza-di-base-e-nel-materno-infantile
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 42 di 47
Esperienza n° 11 – “SALUTE SENZA ESCLUSIONE: campagna vaccinale
per i bambini Rom e Sinti a Roma”
DESCRIZIONE
Il progetto si è proposto di avvicinare l’istituzione sanitaria pubblica alle
comunità rom residenti sul territorio, attraverso l’offerta attiva di
vaccinazioni per i minori, previo controllo dei certificati vaccinali, e/o
l’orientamento delle famiglie ai centri vaccinali di zona. Sono intervenute
sul campo equipe multidisciplinari formate da operatori sanitari delle
strutture territoriali, affiancati da operatori del privato sociale impegnato
a vario titolo con le comunità rom. Il numero e la consistenza delle
equipe variava a seconda della dimensione dei campi e del tipo di
strategia utilizzata (offerta attiva o orientamento ai centri vaccinali).
Destinatari diretti: I minori rom, tra 0 e 14 anni, residenti in 32
insediamenti, attrezzati e tollerati, presenti a Roma per un totale di circa
2400 bambini.
Attività e risultati:
• Mappatura degli insediamenti rom presenti sul territorio romano e
degli interventi ivi attivi.
• Completamento e aggiornamento delle liste anagrafiche dei
minori residenti negli insediamenti.
• Allestimento di un’anagrafe vaccinale informatizzata centralizzata.
• Seminario formativo sulle metodologie di intervento, rivolto agli
operatori socio-sanitari coinvolti, ai volontari e ai rappresentanti
delle comunità rom.
• Sensibilizzazione della popolazione rom per garantire l’adesione
all’iniziativa.
• Attività di vaccinazioni sul campo, eseguite in un periodo di 3
settimane, da parte di 158 operatori delle cinque ASL di Roma,
supportati da 92 mediatori del privato sociale che in tali
insediamenti lavoravano quotidianamente.
• Al termine della campagna sono stati vaccinati 2000 bambini, pari
all’80% dei minori presenti, e si è ottenuta una riduzione della
scopertura vaccinale dal 40% al 9%.
• Raccolta e analisi dei dati prima e dopo l’intervento per valutarne
l’impatto.
Criticità:
•
Difficoltà nel completamento dell’anagrafe vaccinale a causa della
mancanza di censimenti accurati della popolazione residente nei
campi, della mobilità dei nuclei familiari, della incerta
identificazione nominativa dei soggetti e della frequente
mancanza di certificati vaccinali.
•
La dimensione dei campi ha fortemente condizionato lo
svolgimento e l’incisività dell’azione.
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO
e TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZION
E ONLINE
Punti di forza:
• Offerta attiva e presenza sul campo
• Creazione di contatti personalizzati tra operatori e rom,
superare diffidenza e pregiudizi reciproci.
• Lavoro di rete e integrazione tra pubblico e privato.
La campagna è stata promossa dal GrIS-Area Rom e Sinti
coordinamento è stato affidato all’Agenzia di Sanità
(Laziosanità-ASP), in collaborazione con le 5 ASL del territorio
con il patrocinio della Regione Lazio.
Giugno 2001 – Dicembre 2002.
al fine di
e il suo
Pubblica
urbano e
http://www2.caritasroma.it/wpcontent/uploads/pubblicazioni/2003_VOL_SALUTE_SENZA_ESCLUSIONE
_ASP.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 43 di 47
Esperienza n° 12 - “Prevenzione delle IVG nelle donne straniere”
DESCRIZIONE
Il progetto si è posto i seguenti obiettivi specifici: la formazione degli
operatori sociosanitari finalizzata ad approcci interculturali per la tutela
della salute sessuale e riproduttiva; l’organizzazione dei servizi per
favorire l’accesso e il loro coinvolgimento nella prevenzione dell’IVG; la
promozione di una diffusa e capillare informazione per la popolazione
immigrata anche attraverso il coinvolgimento delle comunità di donne
immigrate.
Sono disponibili sul sito del Ministero della salute i materiali informativi
multilingua elaborati nell’ambito del progetto Ccm "Prevenzione delle Ivg
tra le donne straniere", realizzato da Regione Toscana, Istituto Superiore
di Sanità e Università degli Studi di Roma “La Sapienza” in
collaborazione con 10 Regioni.
Il progetto si è posto l’obiettivo di rafforzare la prevenzione delle
interruzioni volontarie di gravidanza operando su tre linee strategiche:
formazione degli operatori, sperimentazione di percorsi organizzativi e
comunicazione.
Proprio nell’ambito delle attività di informazione e sensibilizzazione,
rivolte alle donne straniere, sono stati elaborati due pieghevoli
informativi tradotti in 8 lingue (albanese, arabo, cinese, francese,
inglese, rumeno, spagnolo e ucraino):
Salute: un diritto per tutti. L'assistenza sanitaria in Italia sul diritto di
accesso all’assistenza sanitaria.
Conoscere per scegliere quando avere un figlio sulla contraccezione e la
legge 194/78 (che disciplina la tutela sociale della maternità e
l’interruzione volontaria della gravidanza).
Nei depliant si spiega che anche le donne senza permesso di soggiorno
hanno accesso ai servizi del consultorio, si danno informazioni sui sistemi
contraccettivi, sui diritti della donna che vuole abortire, dare in adozione
il bambino o avere aiuti economici per tenere il nascituro.
Riguardo all'assistenza sanitaria, si precisa cosa comporta l'iscrizione al
servizio sanitario regionale, a quali prestazioni hanno diritto gli stranieri
extracomunitari che si trovano in Italia per motivi di studio, lavoro, o
altre ragioni, e chi non ha un permesso di soggiorno.
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO
e TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZION
E ONLINE
Inoltre, è stato realizzato La salute delle donne. Educare alla salute
attraverso l’apprendimento linguistico, un manuale da utilizzare nei corsi
di italiano per stranieri contenenti informazioni sulla salute della donna e
sui servizi consultoriali.
Il Ministero della Salute/CCM ha promosso e finanziato il progetto
coordinato dalla Regione Toscana, al quale hanno aderito 10 regioni.
Progetto finanziato dal Ministero della Salute CCM 2009.
INIZIO 2010- CONCLUSO DICEMBRE 2012.
http://www.salute.gov.it/portale/documentazione/p6_2_5.jsp?lingua=ita
liano&dataa=2013/12/31&datada=2013/01/01
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_201_allegato.pdf
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_202_ulterioriallegati
_ulterioreallegato_3_alleg.pdf
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_203_ulterioriallegati
_ulterioreallegato_3_alleg.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 44 di 47
Esperienza n° 13 - “troVARSI (VAccinazioni Rom e SInti in Italia”
DESCRIZIONE
Il progetto mira a promuovere le vaccinazioni pediatriche presso le
popolazioni Rom, Sinti e Camminanti (RSC) e, più in generale, a dare un
contributo al programma di interventi per facilitare l’accesso di fasce
fragili della popolazione al Servizio Sanitario Nazionale, inserendosi nel
contesto della Strategia Nazionale di inclusione di Rom, Sinti e
Camminanti (asse prioritario della salute).
Obiettivo generale: l’incremento dei livelli di protezione dei bambini RSC
da malattie infettive prevenibili con vaccinazione, attraverso il
miglioramento della consapevolezza nelle comunità RSC – in particolare
delle mamme - dell'importanza della profilassi vaccinale, e la
valorizzazione di un modello di intervento condiviso tra le ASL partner.
Utilizzando gli strumenti della multiculturalità e della mediazione in
ambito sanitario, il progetto si è sviluppato lungo tre direttrici di azione:
1) Informazione, sensibilizzazione e offerta attiva dei vaccini negli
insediamenti Rom selezionati, per promuovere la tutela della salute
materno infantile, la consapevolezza del valore delle vaccinazioni
(avvio e completamento dei cicli vaccinali obbligatori e consigliati)
e la conoscenza dei diritti e delle modalità di accesso al Servizio
Sanitario pubblico – nazionale e regionali;
2) formazione degli operatori sanitari e socio-sanitari delle ASL
partner di progetto e dei mediatori di origine Rom che affiancano
gli operatori nelle attività informative nei campi e che facilitano
l’accesso e l’interazione delle famiglie RSC con i servizi di
prevenzione territoriali;
3) sperimentazione di uno strumento informativo per la raccolta di
dati su variabili di contesto (abitativo, culturale-linguistico,
migratorio ecc.) da affiancare ai dati sanitari delle vaccinazioni.
Risultati e output:
• IEC e offerta attiva dei vaccini
Mappati gli insediamenti Rom e Sinti nei territori di competenza delle
ASL partner di progetto e raggiunti quelli di via Idro, Cima e CES di via
Lombroso (Milano); campo di via Borgosatollo (Brescia); campi di via
Ancini, via Gramsci, via Genova e 10 famiglie che vivono in abitazioni
(Reggio Emilia); campi di Salone e La Barbuta (Roma); campi di
Secondigliano, Cupa Perillo e via Gianturco (Napoli); abitazioni e nuclei
familiari di Rom romeni (Palermo).
Raggiunti circa 955 minori e vaccinati 476, per un totale di 1.695 dosi di
vaccino somministrate. Azzerata la scopertura vaccinale totale (ovvero
bambini che non avevano ricevuto neppure una dose di vaccino) in 3
ASL (Napoli, Roma, Brescia); incrementata la percentuale di minori con
cicli vaccinali completi (+ 15,4% Napoli, +12,6% Reggio Emilia, +10,6%
Milano, +8,1% Brescia, +6,2% Roma).
Distribuiti 10.000 opuscoli informativi illustrati, con traduzione serba e
romena a fronte, su modalità di accesso al Servizio Sanitario Nazionale,
educazione alla salute e corretti stili di vita, profilassi vaccinale per i
minori e per le mamme.
• Formazione e disseminazione:
Organizzato 1 corso di formazione ECM (6 crediti) “Vantaggi delle
vaccinazioni e della prevenzione primaria per popolazioni Rom, Sinti e
Camminanti” (26 maggio 2014) e 1 workshop finale per mediatori,
facilitatori e operatori sociali “troVARSI: elementi per la mediazione
transculturale e per l’orientamento ai servizi” (16 settembre 2014). Il 17
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 45 di 47
settembre 2014 si è tenuto a Roma, presso l’INMP, il convegno finale di
progetto, mirato alla condivisione dei risultati e delle prospettive di
sviluppo con partner e stakeholder istituzionali e del terzo settore e alla
presentazione del report finale di analisi delle realtà territoriali coinvolte
nel progetto.
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO
e TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZION
E ONLINE
Ministero della Salute, in accordo con l’INMP che è il coordinatore del
progetto. Attuato in partnership con Agenas e con le seguenti Unità
operative, identificate dalle rispettive Regioni: ASL Milano, ASL Brescia,
AUSL Reggio Emilia, ASL Roma B, ASL Napoli 1 Centro, ASP Palermo.
Progetto finanziato dal Ministero della Salute nel dicembre 2012, operativo
da gennaio 2013 al 20 settembre 2014.
Scheda progetto, locandine, programmi e materiali formativi, opuscolo
illustrato italiano-romeno e italiano-serbo, report finale di ricerca:
http://www.inmp.it/index.php/ita/Progetti/Progetto-troVARSIVaccinazioni-Rom-e-Sinti-in-Italia
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 46 di 47
Esperienza n° 14 - “EQUI-HEALTH”
DESCRIZIONE
L’azione ha l’obiettivo a lungo termine di migliorare l’accesso alla salute
e la qualità dei servizi sanitari per le popolazioni migranti, Rom e
minoranze etniche, inclusi i migranti irregolari; in linea con il
raggiungimento degli obiettivi della Strategia Europea 2012-2020 e al
fine di ridurre le disuguaglianze e combattere la discriminazione per le
minoranze.
In particolare, le aree di intervento promosse sono:
1. Promuovere l’integrazione sanitaria per i migranti giunti nei
Paesi Membri del Sud del Mediterraneo: Spagna, Italia, Grecia,
Malta, Croazia.
2. Promuovere il dialogo tra i Governi e gli attori dedicati alla
promozione della salute per le popolazioni Rom.
3. Finalizzare uno studio sui costi dell’assistenza sanitaria per
migranti irregolari e sviluppare linee guida sull’accesso ai
servizi.
ENTI COINVOLTI
FINANZIAMENTO e
TEMPI
MATERIALI E
DOCUMENTAZIONE
ONLINE
Obiettivi specifici della componente 2:
1. Individuare lo “stato dell’arte” sulle attività svolte in ambito salute
per la popolazione Rom in Italia, attraverso l’elaborazione di rapporti
nazionali.
2. Stabilire un meccanismo di networking e scambio di buone pratiche
tra gli Stati Membri con una significativa presenza di popolazione Rom,
oltre la Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Spagna,
Slovacchia, Romania saranno coinvolti l’Italia, Grecia, Francia e UK.
3. Aggiornare la cornice di intervento sia giuridico che politico,
attraverso la revisione del piano nazionale salute e supportare lo
sviluppo di un documento che tenga in considerazione la specifica
situazione della popolazione Rom in Italia.
4. Sviluppare criteri di valutazione e di consenso sulle buone pratiche di
accesso alla salute per la popolazione Rom ed altre minoranze.
5. Rivisitare programmi di formazione e assistenza tecnica per la salute
della popolazione Rom in relazione allo sviluppo di un piano comune di
intervento e di bisogni degli operatori stessi.
Ufficio Regionale OIM Brussels per l’Europa – coordinamento di
progetto da implementare in 27 Stati Membri EU.
Ufficio Nazionale OIM Roma – referente per l’Italia.
Enti coinvolti: Consiglio d’Europa, CAHROM, Ministero della Salute,
Ministero dell’Interno, Ministero del lavoro e Politiche sociali, UNAR,
enti territoriali, servizi sanitari, associazioni di società civile.
Nel Novembre 2011, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni
ha ricevuto in assegnazione diretta fondi dal Programma EU Health
della DG Sanco 2012.
L’iniziativa della durata di 36 mesi, è stata avviata nell’autunno 2012.
I costi dell’iniziativa sono finanziati per il 60% dal contributo EU, pari a
EUR 1 533 000, mentre il restante 40% pari a EUR 1 022 000 è cofinanziato da OIM.
http://equi-health.eea.iom.int/
http://ec.europa.eu/health/social_determinants/docs/ev_20130121_co
06_en.pdf
http://ec.europa.eu/chafea/documents/health/roma-health-report2014_en.pdf
Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti
Pag. 47 di 47
Fly UP