...

Non comprare il telescopio senza avere prima un minima

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Non comprare il telescopio senza avere prima un minima
Consigli per l’acquisto del primo strumento
1. CONOSCIAMO IL CIELO E POI ACQUISTIAMO
Sembra ovvio ma spesso non si ci pensa. Il telescopio, come anche il binocolo, è
un potente mezzo di osservazione, che porta il nostro sguardo verso panorami e
oggetti che vanno ben al di la della nostra quotidianità; ma, se non sappiamo dove
puntarlo, a cosa ci serve?
Per questo è indispensabile una minima conoscenza delle costellazioni, in modo
da potersi orientare tra le tante stelle che ci appaiono in cielo durante le belle
serate; con qualche suggerimento da parte di persone esperte e con l’aiuto di una
mappa del cielo, si ottengono sicuramente buoni risultati. Potete anche farvi
aiutare da un programma per pc che simula in tempo reale la volta celeste.
Stellarium ( http://www.stellarium.org/it/ )è un ottimo esempio.
Per queste conoscenze/esperienze basta l'occhio umano. Ma questo passaggio è
fondamentale per prendere familiarità con il cielo.
2. NON E’ NECESSARIO SPENDERE SOMME IMPORTANTI
Oggi è possibile acquistare telescopi motorizzati e con sistemi di puntamento
facilitati dall’ausilio di un computer apposito (palmare) che, con poche e semplici
manovre di stazionamento, vi portano a spasso per il cielo con una spesa intorno
ai 500€.
Sconsigliamo, comunque, un acquisto che vada al di sotto di questa cifra, pena il
rischio di uno strumento decisamente scadente.
Utilizzare questo tipo di strumenti non è più difficile che usare un telefonino
cellulare ma, comunque, potreste trovare difficoltà se non avete anche una minima
conoscenza di come è fatto uno strumento e di come funziona (vedi sotto).
3. LA CARATTERISTICA PIU’ IMPORTANTE DI UN
TELESCOPIO E’
L’APERTURA-DIAMETRO DELL’OBIETTIVO , NON SONO GLI
INGRANDIMENTI !!
Purtroppo, ancora oggi, alcuni rivenditori di telescopi mettono in evidenza sui
propri prodotti valori di ingrandimento decisamente esagerati, per niente
compatibili con le effettive potenzialità dello strumento. Pertanto riteniamo
opportuno sottolineare che gli ingrandimenti di un telescopio possono essere
variati attraverso l’intercambiabilità degli oculari. Pertanto sono gli oculari che
determinano l’ingrandimento dell’immagine.
I telescopi sono un pò come delle bacinelle messe sotto la pioggia: più la bacinella
è ampia più raccoglie acqua; per corrispondenza, più è grande il diametro
dell’obiettivo di un telescopio (lente o specchio che sia) e tanto maggiore è la
capacità di raccogliere la luce, di vedere i dettagli delle immagini (il potere
risolutivo)
Ingrandimenti troppo elevati provocano spiacevoli inconvenienti che deturpano
l'immagine: aumentano la visibilità dei movimenti atmosferici e diminuiscono
la luminosità dell’oggetto. Di conseguenza lo stesso oggetto apparirà più scuro e
traballante.
In definitiva osservando uno stesso oggetto celeste, sia esso un pianeta o un
ammasso o una Galassia a parità di ingrandimento, un telescopio amatoriale da
200 mm di diametro mostrerà una immagine più nitida e dettagliata di uno con
diametro inferiore (130mm, 150mm).
4. QUELLO CHE SERVE SAPERE SUGLI STRUMENTI ASTRONOMICI
Binocoli e Telescopi
Per osservare il cielo più da vicino, il nostro occhio ha bisogno di strumenti che lo
supportino. Per questo facciamo uso di Binocoli e Telescopi
La caratteristica più importante di uno strumento astronomico è il diametro dell'obiettivo
o apertura, sia esso lente o specchio, come gia’ abbiamo detto; Un'altra caratteristica meno importante - dei telescopi è la lunghezza focale dell'obiettivo, che influenza il
potere d'ingrandimento e la luminosità del sistema nelle applicazioni fotografiche, oltre
che la lunghezza fisica del tubo ottico (ma non in tutti i casi).
L'ingrandimento è l’apparente capacità di "avvicinare" gli oggetti osservati; la sua
importanza viene in genere enormemente sopravvalutata dai profani e dai principianti.
In realtà l'ingrandimento ha un'importanza secondaria nella valutazione delle prestazioni
di uno strumento, e va sottolineato che esso può essere facilmente variato
intercambiando gli oculari, sostituibili a piacere su qualsiasi telescopio. Il massimo
ingrandimento "pratico" di un telescopio dipende dal diametro dell'obiettivo, ed è
all'incirca pari a 1-1,5 del diametro (espresso in mm) per i riflettori, e di 2 volte il
diametro per i rifrattori. L'ingrandimento si calcola dividendo la focale del telescopio per
la focale dell'oculare (esempio: un telescopio con focale di 1000mm ed un oculare da
20mm fornirà un ingrandimento pari a 50X).
Binocoli: cosa è necessario sapere per un eventuale acquisto
Lenti costituenti l’oculare
Il primo numero rappresenta gli
ingrandimenti; nel nostro esempio esso
equivale a 10.
Il secondo rappresenta invece il
diametro dell’obiettivo espresso in
millimetri.
Nel nostro esempio, ogni lente della
coppia che costituisce l’obiettivo dello
strumento, ha un diametro di 50 mm
Lenti costituenti l’obiettivo
Se l’acquisto ricade su di un binocolo con ingrandimenti entro un massimo di 10,
assicurarsi che le lenti obiettivo siano di almeno 50 mm. Ciò consente una buona visione
notturna senza l’ausilio di strumenti di supporto (cavalletti). Lenti minori di 50 mm non
consentono una buona visione notturna fornendo, spesso, immagini distorte e
debolmente luminose .
Se l’acquisto ricade invece su strumenti più onerosi, con lenti che misurano intorno agli
80 mm e con ingrandimenti entro i 20X , è opportuno abbinare al binocolo, un buon
cavalletto. Detto supporto consente di effettuare osservazioni notturne in tutta serenità,
senza tenere costantemente in mano uno strumento che, per la pesantezza e gli
ingrandimenti elevati, richiede uno sforzo delle braccia impossibile da sopportare a
lungo ; purtroppo il minimo tremolio rovina l’osservazione .
Telescopi: cosa è necessario sapere per un eventuale acquisto
Il modo più diretto per distinguere i vari tipi di telescopi è di suddividerli in base al
loro schema di costruzione ottica. In generale i telescopi astronomici si dividono in due
categorie: i rifrattori ed i riflettori.
I primi utilizzano un obiettivo a lenti, nei secondi l'obiettivo è uno specchio concavo.
Entrambi i tipi di telescopi presentano un certo numero di varianti, ma sostanzialmente
sono quattro i tipi più diffusi tra gli appassionati di astronomia: il rifrattore acromatico
(ed una sua importante variante, il rifrattore apocromatico), il riflettore di Newton e due
tipi di telescopi a schema ottico misto tra il rifrattore ed il riflettore, lo SchmidtCassegrain ed il Maksutov-Cassegrain.
Ciascuno di questi schemi ottici è stato sviluppato e perfezionato per offrire immagini
le più nitide, contrastate e luminose possibile. Quattro telescopi di identico diametro,
focale e qualità ottica ma di schema diverso utilizzati in identiche condizioni per
osservare, poniamo, la Luna, genereranno immagini certamente simili, ma non uguali.
Le differenze saranno valutabili solo con una certa attenzione, ma risulteranno alla fine
evidenti. Il rifrattore fornirà immagini più nitide e contrastate, il riflettore Newtoniano
immagini più luminose, mentre lo Schmidt-Cassegrain fornirà immagini leggermente
meno contrastate che negli altri due sopra decritti; esso però è uno strumento più
compatto e, di conseguenza, più maneggevole all’uso. Bisogna anche aggiungere che
questi strumenti richiedono un sforzo economico non sempre alla portata di un
principiante.
Cercatore
Oculare
intercambiabile
Specchio
obiettivo
Cercatore
Lente obiettivo
Oculare
intercambiabile
Riflettore
Rifrattore
Fly UP