...

Quando perdiamo una persona cara

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Quando perdiamo una persona cara
Quando perdiamo una persona cara
«Non puoi fermare le onde
ma puoi imparare a cavalcarle.»
Joseph Goldstein
1
«Non vi è nulla che sia permanente:
il sole e la luna sorgono e poi tramontano,
alla luce chiara e trasparente fa seguito
la notte, buia e opaca.
Tutto cambia di ora in ora.»
Kalu Rinpoche
Cara lettrice, caro lettore,
il dolore con cui è confrontato per l’approssimarsi della
perdita di un persona a lei cara o per il lutto successivo
ad essa, è un’esperienza unica, estremamente privata e
personale.
Questo opuscolo non può sostituire il supporto umano e
professionale necessario in questo momento, ma speriamo
che attraverso le spiegazioni e i consigli contenuti in queste
pagine lei possa trovare, nei tempi a seguire, la giusta
serenità.
Servizio e Unità Cure Palliative EOC
Associazione Hospice Ticino
Contenuti
L’accompagnamento5
Noi e la perdita
La famiglia
Informazioni pratiche
6 – 8
9
10 – 11
Se non ce la faccio
12
Dove posso trovare aiuto?
13
Letteratura e internet
14
4
L’accompagnamento
Come stare vicino alla persona cara negli
ultimi giorni
I famigliari, i parenti e gli amici sono colpiti in modo differente dalla malattia inguaribile e dall’avvicinarsi alla morte
del loro caro.
L’accompagnamento al morente richiede la partecipazione
della famiglia che rappresenta un sostegno essenziale
per il malato affinché si senta amato, confortato ed accudito.
Il malato si aspetta di essere valorizzato come persona,
di poter avere vicino a sé i propri cari, di sentirsi rassicurato,
di poter esprimere le proprie emozioni e morire nel luogo
prescelto in pace e con dignità.
Prepararsi alla perdita
È importante conoscere quali cambiamenti fisici potrebbero
avvenire, in modo da non spaventarsi e poter accogliere
quanto accadrà. Il morente potrà essere sempre più sonnolente e stanco, avere episodi di irrequietezza
o agitazione e difficoltà respiratorie o un respiro rumoroso.
L’aspetto fisico potrà cambiare; mani e piedi potrebbero
diventare più freddi e chiazzati, il viso potrebbe assumere
un colore più livido e gli occhi divenire più infossati e
appannati. Il malato assumerà sempre meno cibi e liquidi
come normale meccanismo che prepara il corpo alla morte.
Tutti questi cambiamenti portano nella famiglia momenti
d’afflizione, che danno origine a sentimenti di
colpa, rabbia, ostilità, incredulità, apatia e talora disperazione.
In questo periodo è particolarmente importante ascoltare
ed approfondire con la persona malata pensieri e desideri
appartenenti alla sfera psicologica, morale e spirituale.
5
Noi e la perdita
La perdita di una persona cara è un evento doloroso
che suscita emozioni profonde e provoca reazioni
che possono toccare la sfera fisica, emotiva e mentale.
senso di vuoto
stanchezza
6
senso di colpa
senso di oppressione
collera
apatia
sollievo
pericolo di dipendenza da
Il corpo
Il dolore e il lutto possono avere delle ripercussioni sul
nostro corpo. Una delle sfere più frequentemente colpite
è quella del sonno con difficoltà nell’addormentarsi o
nel rimanere addormentati; a volte sogni e incubi possono
intensificarsi. Altri cambiamenti possono insorgere
nell’appetito, nell’aumento della stanchezza e dello stress
con un relativo indebolimento del fisico, che rimane
soggetto a maggiori infezioni.
Il periodo del lutto può rendere insofferenti e indurre a trascurare la propria salute e il proprio aspetto. È difficile
dare un significato alla vita senza il proprio caro e quindi
anche trovare un senso nel prendersi cura di sé stessi.
Affrontare la perdita di una persona cara mette a dura prova
coloro che rimangono e per affrontarla è importante
sforzarsi di mantenere buone abitudini nutrendosi correttamente, dormendo regolarmente e continuando a praticare
esercizio fisico.
riconoscenza
inquietudine motoria oppure passività
indifferenza
medicinali o da alcool
disturbi del sonno
perdita dell’appetito
7
Sii gentile con te stesso, non strafare
I pensieri
In questi momenti difficili ci si può sentire confusi o vivere
momenti di smemoratezza e difficoltà di concentrazione.
I pensieri possono ritornare alla persona deceduta,
con domande rimaste aperte, dolore improvviso e paure
che attraversano la nostra mente. Spesso si tende a
rivivere i momenti belli e i lati positivi della persona deceduta, idealizzando il rapporto con essa.
Le emozioni
È frequente essere sottoposti ad un’altalena emotiva
di alti e bassi che si alternano.
Anche nella sofferenza si possono vivere momenti
di ilarità e di ricordo dei bei tempi passati, i quali favoriscono attimi di condivisione e vicinanza. Quando la morte
giunge dopo una lunga malattia può affiorare anche
un senso di liberazione per la molta sofferenza che si è
conclusa.
8
La sensazione di essere in grado di far fronte al lutto può
altalenarsi a momenti in cui ci si sente inadeguati e
si ha paura di non riuscire a riprendere una vita normale.
Potrebbe sembrare che le emozioni si impossessino
di noi in maniera repentina o inaspettata oppure che la
vita non abbia più senso.
A volte la sofferenza potrebbe isolare da un mondo vissuto come estraneo. Le persone confrontate con il lutto
raccontano che è spesso di sollievo esprimere ciò che
si prova e condividere il dolore con familiari e amici,
o all’interno di gruppi di auto mutuo aiuto.
La famiglia
La mia famiglia cambierà?
All’interno della famiglia le relazioni possono modificarsi
in funzione della perdita subita. I modelli famigliari del
giorno d’oggi (famiglia semplice, famiglia ricomposta con
più nuclei, monoparentale) possono rendere le relazioni
più complesse. Fin dall’inizio della malattia possono nascere
incomprensioni con famigliari e amici che si acuiscono
nel lutto per le differenti modalità con cui ognuno elabora
il dolore, talora dimenticandosi di parlarne all’altro.
Ogni membro della famiglia può avere reazioni differenti,
perciò si devono saper comprendere ed accogliere stati
d’animo e comportamenti diversi dai propri.
È importante mantenere il rispetto del dolore altrui e dei
diversi modi di esprimerlo. Non è utile obbligare gli altri a
comportamenti stereotipati o imporre i propri riti.
Come spiegarlo ai bambini?
Spiegare la malattia grave e la morte ai bambini può essere
molto difficile, in particolare se questa avviene in modo
repentino o traumatico. È importante dare ai bambini delle
informazioni accurate, tenendo in considerazione la loro età
e il loro livello di comprensione. Sarebbe preferibile che le
notizie vengano loro comunicate da un famigliare o da un
adulto con il quale hanno un buon rapporto di fiducia.
È meglio informare in maniera onesta, tralasciando dettagli
troppo complessi che potrebbero non essere compresi,
aggiungendo eventualmente «te lo spiegherò quando sarai
più grande». Considerate comunque la possibilità che
i giovani ricerchino informazioni tramite altre vie e che si
interessino al tema della morte più di quanto non si pensi.
Sovente si possono osservare in età adolescenziale
problemi scolastici e improvvise maturazioni o regressioni
a livello comportamentale.
9
Informazioni pratiche
Quando una persona muore il medico ne constata il
decesso e rilascia il relativo certificato. Non è necessario
intervenire subito: se si ha il desiderio di congedarsi in
tranquillità dal proprio caro o se la morte avviene in piena
notte, si può aspettare qualche ora.
Notifica
Il decesso deve essere notificato, entro due giorni dalla
morte, al Municipio del luogo dove è avvenuto.
Sia nel proprio comune di domicilio sia all’ospedale sono
a disposizione professionisti (medici, infermieri, assistenti sociali) che possono fornire un supporto per il disbrigo
delle pratiche amministrative.
10
Onoranze funebri
Per farsi aiutare nelle pratiche necessarie ci si può
rivolgere ad una ditta di onoranze funebri, con la quale
decidere riti e procedure. I nominativi di queste ditte si
trovano nell’elenco telefonico e hanno una reperibilità
di 24/24 ore. È sempre utile richiedere un preventivo per
conoscere le spese da affrontare.
Oggetti personali
Come disporre degli oggetti appartenuti alla persona cara
è un tema estremamente personale e richiede tempistiche
differenti a seconda della situazione. Si consiglia tuttavia
di non prendere decisioni troppo affrettate.
È bene ricordare che a volte parenti e amici amerebbero
avere un ricordo della persona deceduta, ma non
osano chiedere. Valutare questa possibilità può diventare
un piacevole momento di condivisione e di ricordi.
Cerimonia funebre
È importante conoscere le volontà del defunto, talora
espresse nelle direttive anticipate, e consultarle nella scelta
dei riti da organizzare per il commiato. Qualora il defunto
non avesse espresso preferenze, le scelte possono essere
guidate dalla filosofia di vita del proprio caro.
Se il defunto aveva deciso di donare il proprio corpo
all’Istituto di anatomia di Zurigo, è indispensabile l’atto con
firma autenticata, consci del fatto che i tempi di attesa
per la restituzione delle ceneri variano da caso a caso e
potrebbero durare mesi o anni.
Trasporto della salma
Se una salma deve essere trasportata all’estero, i collaboratori dell’ufficio di stato civile sono a disposizione per fornire
le informazioni inerenti il caso particolare. Per il trasferimento
a volte l’aereo può risultare più economico dell’auto.
Le tasse italiane «intercomunali» da pagare per il trasporto,
sono state abolite.
11
Se non ce la faccio
Il lutto diventa patologico quando vi sono delle reazioni
anomali nelle modalità o nel tempo. Potrebbe manifestarsi
entro pochi mesi dal decesso oppure dopo anni.
Non sempre ce ne rendiamo conto, a volte sono gli altri
a renderci attenti ad atteggiamenti a rischio. Se questo
fosse il caso, è di estrema importanza chiedere aiuto
specialistico, partendo da un colloquio con il proprio
medico curante.
12
Dove posso trovare aiuto?
Non esiti a chiedere aiuto: è un atto coraggioso, un primo
passo per affrontare il domani!
Ci sono varie strutture o persone che si possono
contattare a seconda del bisogno e del momento:
• il proprio medico curante
• una figura professionale per il supporto psicologico
• i gruppi di Auto Mutuo Aiuto Ticino (AMA-TI)
Bellinzona Lugano Mendrisio • il telefono amico 143 disponibile 24/24 ore
077 470 48 11
077 470 48 13
077 470 47 86
«Tu sei come una terra
che nessuno ha mai detto.
Tu non attendi nulla
se non la parola
che sgorgherà dal fondo
come un frutto tra i rami.
C’è un vento che ti giunge.
Cose secche e rimorte
t’ingombrano
e vanno nel vento
Membra e parole antiche.
Tu tremi nell’estate»
La terra e la morte di Cesare Pavese
13
Letteratura e internet
Nella letteratura, per adulti e per bambini, esistono molti
spunti sul lutto, dalla poesia all’esperienza personale,
dai racconti alla psicologia sui meccanismi della perdita.
Per queste tematiche di particolare sensibilità è di
maggiore aiuto poter leggere nella lingua madre che
riflette anche la propria cultura.
• Quando si arriva in un nuovo gruppo di discussione,
è bene leggere i messaggi che vi circolano per qualche
tempo prima di inviare i propri, così da rendersi
conto dell’argomento e del metodo con cui viene
trattato da tale comunità.
• È utile ricordare che ciò che viene scritto in Internet
Internet è ricco di siti in cui si possono facilmente trovare
informazioni, sostegno psicologico, gruppi di aiuto e
quant’altro. Nell’utilizzo di Internet ci sono tuttavia delle
piccole regole base a cui fare attenzione:
• Quando si condividono informazioni personali nei
social network, bisogna scegliere con cura cosa rendere
pubblico e cosa ritenere privato, impostando correttamente i livelli di privacy e scegliendo con attenzione
le amicizie con cui accrescere la propria rete e i gruppi
a cui aderire.
14
non si potrà mai cancellare del tutto.
Consulenza presso gli ospedali EOC
Servizio e Unità Cure Palliative
Sede: Ospedale Regionale di Lugano, 6962 Viganello
Tel. 091 811 79 30
[email protected] - www.eoc.ch
Cure a domicilio
Associazione Hospice Ticino
Viale dei Faggi 8, 6900 Lugano
Tel. 091 976 11 78
[email protected] - www.hospice.ch
Stampato su carta FSC
15
«Giorni luminosi.
Non piangere
perché sono passati.
Sorridi,
perché ci sono stati.»
Confucio
A cura di:
Servizio e Unità
cure palliative IOSI
www.eoc.ch
www.hospice.ch
Si ringrazia
per il gentile sostegno:
www.palliative-ti.ch
16
Fly UP