...

1 La CARTA dei SERVIZI del Medico di Medicina Generale

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

1 La CARTA dei SERVIZI del Medico di Medicina Generale
La CARTA dei SERVIZI
del Medico di Medicina Generale
Caro Cittadino, questa breve Carta dei Servizi è stata fatta per fornire tutte le informazioni utili a garantire il rispetto
e la fiducia tra medico e assistito, che si fonda sulla reciproca conoscenza e sulla trasparenza dei rapporti.
LA SCELTA DEL MEDICO DI FIDUCIA
E’ un diritto del cittadino quello di scegliere un proprio medico di fiducia fra quelli iscritti in un apposito
elenco, consultabile presso gli Uffici della USL.
Il Cittadino che non sceglie il medico di Famiglia non ha diritto alla prescrizione farmaceutica e specialistica sul ricettario del Servizio Sanitario Regionale, neanche da parte delle altre strutture del SSR come Ambulatori Specialistici,
Ospedale ecc.
Questi alcuni aspetti generali riguardanti la scelta del medico di famiglia.
La scelta di un medico che ha raggiunto il massimo di assistiti previsto
Il figlio, il coniuge e il convivente dell’assistito già in carico al medico possono effettuare la scelta in favore dello stesso
medico anche in deroga al massimale, purché anagraficamente facenti parte del medesimo nucleo familiare. Non è
consentita questa deroga se il medico ha superato il 5% di comporto previsto rispetto al suo massimale
Cambio di residenza dell’ assistito
In seguito a cambiamenti di residenza da parte dell’assistito (nell’ambito della stessa azienda USL o di aziende limitrofe) si possono configurare i seguenti casi:
1.
2.
3.
4.
nel caso che il cittadino trasferisca la propria residenza in un ambito territoriale limitrofo della medesima
azienda manterrà il medico di fiducia, fino a quando non procederà ad eventuale nuova scelta
nel caso che il cittadino trasferisca la propria residenza in un ambito territoriale limitrofo, ma rientrante nella
competenza di altra azienda, deve essere avvertito (al vecchio indirizzo qualora quello nuovo non sia noto)
della facoltà di mantenere lo stesso medico di fiducia qualora si presenti entro 60 gg presso gli sportelli della nuova azienda di residenza. Trascorso detto termine, senza che sia presentata richiesta di mantenimento dello stesso
medico, si procederà alla cancellazione
nel caso che il cittadino si trasferisca in ambito territoriale non limitrofo, appartenente alla stessa Azienda, il medico a suo tempo scelto viene revocato d’ufficio. L’utente ha però la possibilità di mantenere l’iscrizione
in capo al medico già scelto (che deve manifestare la propria disponibilità) conservando invariato il proprio domicilio sanitario (per motivi di salute, studio o lavoro),. In tal caso l’utente si presenterà agli uffici dell’Azienda per
consentire l’accertamento della sussistenza delle condizioni previste, atte a garantire il diritto al domicilio sanitario
nel caso di trasferimento in comune non limitrofo ed appartenente ad altra Azienda la cancellazione
dall’elenco del medico è immediata, senza che siano opportunamente avviati ulteriori adempimenti
Il domicilio sanitario
L’Assistito può eleggere un “domicilio sanitario” quando si trasferisce temporaneamente (per un periodo superiore a
tre mesi) in un comune diverso da quello di residenza (nel quale deve essere normalmente scelto il medico).
In tal caso il cittadino deve presentarsi allo sportello della USL con la documentazione attestante il possesso dei requisiti previsti per l’acquisizione del domicilio sanitario:
• autocertificazione attestante i motivi di lavoro o di studio, certificato rilasciato dallo specialista USL o dal medico di
famiglia da cui risulti che la persona necessita di assistenza particolare al domicilio del congiunto che lo ospita temporaneamente.
Se viene meno il rapporto di fiducia
Nel caso sia venuto meno il rapporto di fiducia nei confronti del proprio medico è possibile effettuare, negli appositi uffici della azienda sanitaria, la revoca del medico stesso, scegliendo contestualmente un altro medico di fiducia.
Anche il Medico, se ritiene che sia venuto meno il rapporto di fiducia, può ricusare l’Assistito dandone comunicazione
alla Azienda USL; è comunque tenuto a garantire la assistenza ancora per 16 giorni dopo la comunicazione della ricusazione.
Con una esplicita richiesta personale, l’assistito può esigere dal medico revocato la disponibilità di tutte le notizie cliniche relative al proprio stato di salute, rilasciate su supporto informatico, ove possibile, diversamente, su supporto
cartaceo. Nel caso di variazione di scelta a favore di un altro medico facente parte della medesima forma associativa
del medico ricusato la scelta non può essere fatta senza che i competenti uffici acquisiscano la accettazione
scritta della variazione da parte del medico scelto.
MODALITÀ DI LAVORO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE
Prestazioni di emergenza ed urgenza
Il medico di Medicina Generale non eroga prestazioni di emergenza-urgenza.
1
Per tali prestazioni è necessario, a seconda della gravità, recarsi al Pronto Soccorso o attivare il Servizio di Emergenza
Territoriale 118.
Gli orari
Il Medico di Famiglia lavora dal Lunedì al Venerdì dalle 08.00 alle 20.00.
Durante tale periodo è reperibile ogni giorno in orari prestabiliti nel proprio studio medico.
Nelle rimanenti ore non è presente nello studio perché impegnato in altre attività assistenziali sul territorio come le visite domiciliari, gli accessi alle RSA, l’Assistenza Programmata ed eventualmente Integrata con altri operatori al domicilio del paziente (ADP o ADI), i consulti in ospedale. Spesso il Sabato mattina partecipa, anche nel tuo interesse, a
Corsi di Formazione Continua.
Negli orari in cui il Medico di Famiglia non effettua servizio le prestazioni sono garantite dal:
Il servizio di continuità assistenziale
Nelle ore notturne ( 20.00- 08.00 ), nei giorni di Sabato e Domenica (dalle 8.00 alle 20.00) e dalle 10.00 del giorno
prefestivo e per tutto il giorno festivo infrasettimanale, per i motivi per cui ti saresti rivolto al tuo medico ti dovrai rivolgere al Medico di Continuità Assistenziale, tenendo presente che anche lui non svolge funzione di emergenza sanitaria.
Le cose che devi conoscere del modo di lavorare del tuo medico di famiglia:
Queste informazioni sono fornite dalla USL 8 in collaborazione con i medici di famiglia
•
•
•
•
•
se il medico che hai scelto lavora da solo o in associazione con altri colleghi
orario di apertura degli ambulatori convenzionati e indirizzi delle rispettive sedi;
informativa in merito agli orari di ambulatorio con prenotazione e senza prenotazione;
numero di telefono a cui il tuo medico recepisce le chiamate al mattino dalle 8 alle 10 e il numero dal quale
recepisce durante l’orario di attività ambulatoriale;
che quando il medico di famiglia è assente per motivi di salute, riposo, studio o altro deve fornire attraverso avviso lasciato nella segreteria telefonica e apposita informativa affissa negli studi convenzionati, il nome e i recapiti telefonici del sostituto.
Se il medico che hai scelto lavora in associazione con altri colleghi:
•
conoscere le modalità organizzative dell’associazione a cui appartiene il proprio medico al fine di facilitare
l’utilizzazione dei servizi offerti
•
conoscere i nominativi dei colleghi facenti parte della medesima forma associativa e orari dei rispettivi ambulatori convenzionati ( che sono esposti nelle rispettive sale di attesa) ai quali l’assistito in caso di bisogno può accedere;
•
Sapere che di norma ti devi rivolgere al medico che hai scelto come tuo medico di fiducia ma che in caso di bisogno reale in orari in cui il tuo medico non è presente nel suo studio medico:
ciascun medico della forma associativa è impegnato a svolgere la propria attività gratuitamente anche nei
confronti degli assistiti degli altri medici appartenenti alla stessa forma associativa, fatta eccezione per i
medici che aderiscono esclusivamente alla forma in “cooperativa”
l’ambulatorio convenzionato deve garantire un arco di apertura di almeno 6 ore giornaliere distribuite
equamente nel mattino e nel pomeriggio e deve essere aperto almeno fino alle 19,00
i medici della forma associativa realizzano il coordinamento della propria attività di assistenza domiciliare in
modo da garantire la continuità di tale forma assistenziale sia nell’arco della giornata sia nei periodi di assenza del proprio medico
inoltre, per i medici che aderiscono alla forma associativa in rete:
•
deve essere gestita su supporto informatico la scheda sanitaria di ciascun assistito;
•
deve essere assicurato il collegamento reciproco degli studi dei medici per consentire l’accesso alle informazioni
relative agli assistiti dei componenti l’associazione
•
può essere garantito l’utilizzo da parte di ogni singolo medico di sistemi di comunicazione informatica per il collegamento con i centri di prenotazione dell’Azienda sanitaria, qualora l’Azienda stessa attivi il servizio in accordo
con il medico di medicina generale
inoltre, per i medici che aderiscono alla medicina di gruppo:
•
usufruiscono di una sede unica: “la sede del gruppo”, articolata in più studi e che deve garantire l’apertura di
almeno 7 ore giornaliere distribuite nel mattino e nel pomeriggio .
LE PRESTAZIONI EROGATE
All’assistito iscritto negli elenchi di un medico di assistenza primaria spettano, senza alcun corrispettivo da pagare
al proprio medico di fiducia o al suo sostituto, le prestazioni sotto elencate. Nell’erogazione di tali prestazioni sono
garantiti sia i diritti dell’ assistito che quelli riconosciuti al medico :
LE VISITE MEDICHE:
- la visita domiciliare, solo nei casi in cui il paziente non possa recarsi effettivamente all’ambulatorio del medico per
motivi di salute:
effettuata nel corso della giornata, se richiesta entro le ore 10,00 del mattino
effettuata il giorno successivo, entro le 12, se richiesta dopo le 10,00;
La visita deve essere effettuata nel più breve tempo possibile qualora si tratti di una chiamata urgente. Va però sempre tenuto presente che il MMG non svolge il ruolo dell’emergenza medica e che particolari situazioni necessitano di un
intervento con mezzi adeguati (emergenza 118).
2
- la visita ambulatoriale è erogata nel rispetto degli orari di apertura dell‘ambulatorio convenzionato, nel limiti di
numero compatibili con l’arco temporale di ore previste per quell’ambulatorio, fermo restando la disponibilità del medico ad effettuare in soprannumero una prestazione ambulatoriale urgente richiesta.
- le visite programmate al domicilio dell’assistito sono erogate anche in forma integrata con l’assistenza specialistica e riabilitativa, con l’assistenza sociale e con l’assistenza infermieristica. Il programma di assistenza, compreso il
numero degli accessi domiciliari mensili previsto, è concordato con il medico di distretto.
- le visite programmate e occasionali ( in caso di patologia acuta) nelle residenze sanitarie (p.e. Case di Riposo, R.S.A.). Queste riguardano gli assistiti ricoverati temporaneamente o permanentemente nella struttura.
LE CERTIFICAZIONI:
•
le certificazioni obbligatorie per legge ai fini della riammissione alla scuola dell’obbligo, agli asili nido, alla scuola
materna e alle scuole secondarie superiori;
•
la certificazione per incapacità temporanea al lavoro
•
la certificazione per la riammissione al lavoro degli alimentaristi
•
la certificazione per l’idoneità allo svolgimento di attività sportive non agonistiche in ambito scolastico, con richiesta dell’autorità scolastica competente
N.B. Le suddette certificazioni sono rilasciate all’assistito a titolo gratuito.
Tutte le altre certificazioni sono a pagamento
LE PRESTAZIONI SANITARIE aggiuntive:
•
tutte quelle prestazioni sanitarie aggiuntive (medicazioni, terapia infusiva endovenosa, ecc) per la cui esecuzione il
medico ha dato la propria disponibilità e ha adeguata dotazione ambulatoriale;
LE PRESCRIZIONI SUL RICETTARIO REGIONALE:
•
tutte le prescrizioni farmaceutiche e le richieste per indagini specialistiche ritenute necessarie dal medico di medicina generale.
(In quanto garante della salute dell’assistito che lo ha scelto è facoltà del medico, qualora non condivida le indicazioni diagnostiche o le ricette prescritte dallo specialista, non eseguirne la mera “trascrizione”, dando puntuale e
motivata spiegazione al proprio paziente della mancata condivisione. )
•
la richiesta di consulto con il medico specialista, qualora il medico di medicina generale lo ritenga necessario per
conseguire la risposta ad un quesito diagnostico;
•
inoltre, per i casi previsti dalla normativa regionale:
la richiesta di trasporto sanitario
la richiesta di prestazioni termali;
la richiesta di presidi sanitari
LE PRESCRIZIONI SUL RICETTARIO PERSONALE DEL MEDICO:
•
per i farmaci in classe C (non prescrivibili e concedibili attraverso il servizio sanitario regionale).
•
per le prestazioni non comprese nei livelli di assistenza sanitaria , non erogabili attraverso il servizio sanitario regionale
Inoltre il tuo medico, in collaborazione con i servizi della USL 8, potrà fornirti informazioni utili per l’ accesso alle prestazioni erogate dal Servizio Sanitario Regionale e ai diversi percorsi assistenziali previsti
PRECISAZIONI su ALTRI SERVIZI
“SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE NOTTURNA E FESTIVA”
(Guardia Medica)
Garantisce l’assistenza medica di primo livello gratuita a tutta la popolazione, a domicilio e attraverso l’espletamento di
attività ambulatoriale (quando le condizioni strutturali lo consentono) per situazioni cliniche che si verificano al di fuori
degli orari di attività del medico di assistenza primaria, secondo il seguente orario:
dalle ore 20:00 alle ore 8:00 di tutti i giorni lavorativi
dalle ore 8:00 del sabato (e dalle 10,00 di ogni altro giorno prefestivo) alle ore 8:00 del lunedì o del giorno successivo al festivo
I Medici di continuità assistenziale possono :
prescrivere farmaci indicati per terapie d’urgenza, o necessari alla prosecuzione della terapia la cui interruzione
potrebbe aggravare le condizioni della persona, per un ciclo di terapia non superiore a 48/72 ore.
rilasciare certificati di malattia in casi di stretta necessità, in particolare per lavoratori turnisti, e per un periodo
massimo di tre giorni.
proporre il ricovero in ospedale
I Medici di continuità assistenziale non possono:
effettuare trascrizioni di farmaci o richieste di diagnostica strumentale proposte da altri medici, se non quando
l’urgenza clinica ne giustifichi la necessità.
3
Il servizio prestato dal medico di continuità assistenziale configura a tutti gli effetti una prestazione di Medicina
Generale. Pertanto non è necessario il giorno seguente ripetere la chiamata per il proprio medico curante se non
nei casi di effettiva necessità
SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 118
E’ un servizio pubblico e gratuito di pronto intervento sanitario, attivo 24 ore su 24, , che gestisce tutte le chiamate
per interventi urgenti e di emergenza: tramite la centrale operativa invia personale e mezzi adeguati alle specifiche
situazioni di bisogno.
Il 118 è il numero unico valido sull'intero territorio nazionale. La chiamata è gratuita e da un telefono pubblico non c'è
bisogno di monete né della scheda.
Al 118 si ricorre per:
•
grave malore
•
incidente stradale, sul lavoro, in casa, sportivo, ecc.
•
situazioni che richiedono un ricovero d'urgenza
•
situazione, certa o presunta, di pericolo di vita.
4
Fly UP