...

il luogo di culto nell`antichita` cristiana

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

il luogo di culto nell`antichita` cristiana
IL LUOGO DI CULTO NELL’ANTICHITA’ CRISTIANA
www.andreagironda.it
La parola Chiesa viene dal greco ekklesia che significa “luogo dell’assemblea, della riunione”. Inizialmente i primi cristiani
pregavano nel Tempio di Gerusalemme (At 3,1), mentre per la catechesi e per la celebrazione dell’Eucaristia si riunivano
nelle case private.
LA CASA PRIVATA
Tra il I sec. e la metà del II sec. la casa privata rappresentava il primo luogo per la riunione dei cristiani. All’interno,
generalmente nel secondo piano, i cristiani si riunivano per le loro preghiere; fu così in un certo senso anche per Gesù con il
cenacolo.
L’ECCLESIA DOMESTICA
Fra il 150 e il 200 d.C. si registra una stabilizzazione del luogo di incontro, conosciuto come ecclesia domestica (chiesa
domestica). All’interno di una casa privata vi era un luogo destinato esclusivamente alle riunioni liturgiche.
LA DOMUS ECCLESIA
Nel III sec. invece, le fonti cristiane ci parlano di domus ecclesiae (casa-chiesa). All’esterno sembrava un qualsiasi altro
edificio, ma all’interno invece era ad uso esclusivo del culto cristiano. A partire dal VI sec. alcune domus erano intitolate ai
martiri.
il Vestibulum: entrata, dove venivano accolti i visitatori
Atrium: era una grande sala con il tetto a falde spioventi
per permettere l’entrata dell’acqua piovana. Era riservato
ai catecumeni;
peristilium: portico con colonne. Riservato ai fedeli;
cubicola: camere da letto
triclinium: sala da pranzo dove avveniva la celebrazione
liturgica
Solamente nelle catacombe venivano costruite le prime basiliche sotterranee, utilizzati come luoghi di culto.
IL LUOGO DI CULTO DA COSTANTINO AD OGGI
Di estrema importanza fu l’editto di Costantino del 313 che
segna la libertà per i cristiani; di altrettanta importanza fu anche
quello di Teodosio nel 380 che di fatto vietava il culto del
paganesimo per rendere legale quello cristiano. Così a metà del
IV sec. iniziarono i lavori di costruzione delle prime basiliche.
La parola basilica viene dal greco basilikè, con cui veniva
indicata la “reggia dell’Imperatore”. Associata alla religione
questa doveva indicare la “reggia di Cristo” imperatore.
La struttura di una basilica della Chiesa Occidentale, prevedeva
un’aula rettangolare con una navata centrale divisa da file di
colonne. Era preceduta da un atrio la cui parte addossata alla
facciata, il nartece, era riservata a coloro che dovevano
scontare delle penitenze pubbliche. A volte vi si trovano anche
delle immagini che vogliono infondere speranza; tutti, purchè
pentiti, possono trovare il loro posto nella casa del Signore.
C’era poi il quadriportico, che offriva uno spazio per la preparazione prima di assistere alla celebrazione.
Tutti gli elementi, anche quelli architettonici, vogliono richiamare al sacro. Questo perché il cristiano non deve sentirsi
estraneo o lontano alla divinità quando entra in una Chiesa; essa deve essere lo spazio di Dio ma anche lo spazio degli uomini.
Gli spazi sono, infatti, suddivisi da quadrati che simboleggiano la terra con i quattro punti cardinali; l’abside, con la sua
www.andreagironda.it
forma circolare (forma geometrica perfetta) è riflesso della divinità. La cupola invece racchiude in sé sia il divino sia il
terreno.
Con il passare del tempo variano gli stili architettonici e artistici e di conseguenza anche le Chiese vengono costruite
secondo diversi criteri. Nel Rinascimento (fine XIV sec., seconda metà del XVI sec.) si pone particolare attenzione alle
facciate. Nel XVIII sec. le facciate delle chiese dovevano ispirarsi ai grandi palazzi signorili, e così si arricchiranno di un
balcone, dal quale i vescovi potevano rivolgersi ai fedeli. Così è nella Basilica di San Giovanni in Laterano, la mater et caput
omnium ecclesiarium (madre e capo di tutte le Chiese).
I SIMBOLI
Non è affatto difficile, con un po’ d’immaginazione, scorgere nelle piante delle basiliche un
richiamo al corpo umano. L’uomo creato ad immagine di Dio viene preso “a modello” per
l’architettura delle Chiese. Si può anche vedere l’immagine della croce, così da ricordare
Cristo crocifisso.
Lo spazio del presbiterio rappresenta la testa di Cristo; il transetto le braccia; l’altare il cuore; la
navata il corpo.
La porta non rappresenta solo l’entrata di una Chiesa. Dalla porta inizia un percorsopellegrinaggio che porta all’altare. Da ricordare come Cristo stesso si è definito “porta”…;
La navata fa venire in mente la parola “nave”. Ed infatti essa oltre a rappresentare un lungo
spazio longitudinale richiama la “barca” da cui Gesù ammaestrava le folle, o la “barcaChiesa” dove Pietro guida nella tempesta (Mt 7,23-27; Mt 14,24-34). Nelle chiese vi si
trovano anche delle cappelle laterali che rappresentano un luogo di sosta lungo il cammino
spirituale verso l’altare dove c’è il Pane.
L’altare ovviamente è il cuore, dove avviene l’incontro con il divino. I primi altari erano fatti
in legno, poi in pietra. Spesso erano di forma quadrata per indicare che sull’altare si nutrivano i popoli delle quattro parti
del mondo. Dal VI sec. furono poi costruiti sugli altari dei martiri.
Il tabernacolo è il luogo dove si conserva l’Eucaristia. Fu introdotto nell’XI sec. Accanto vi si trova la lampada che arde
sempre per indicare la presenza del Signore.
La cupola è anch’essa importante perché richiama il cielo; il centro di questa cupola è il Cristo (una volta si pensava al
centro del cielo nella stella polare). Spesso nelle cupole c’è proprio il cielo stellato come sfondo con al centro un richiamo a
Cristo.
Un altro elemento è il ciborio o baldacchino. È una struttura cubica sorretta da quattro colonne che ricopre l’altare. È una
sorta di tenda cosmica che vuole proteggere l’altare.
Il fonte battesimale o battistero inizialmente venivano costruiti esternamente alle Chiese, perché non
vi si ammettevano se non cristiani battezzati. Erano edifici dove c’era una vasca che serviva per il
battesimo. La pianta era quadrata o circolare (V-VI sec.) o esagonale. Nel VI sec. cominciò a
prevalere l’edificio a pianta ottagonale (come nell’immagine) sul modello del Battistero di San
Giovanni in Laterano. Anche la vasca era circolare, esagonale o ottagonale. Il fatto che essa possa
essere esagonale richiama al sesto giorno ebraico (il venerdì) che è il giorno della morte di Cristo. La
morte del peccato è fondamentale per entrare nella Chiesa. Con il tempo il battesimo veniva
amministrato anche all’interno delle chiese con delle cappelle ad esso dedicato.
SAN GIOVANNI IN LATERANO
È la cattedrale di Roma e madre di tutte le chiese e la più antica chiesa del mondo. E’ la chiesa titolare del Vescovato di
Roma.
Fu fondata tra il 311e il 314 sul luogo dove gli scavi hanno ritrovato una domus del III e del I secolo d.C. Sarà questo
l’edificio usato per costruire la nuova basilica, il cui schema riprendeva quello di San Pietro. Consacrata nel 342 da
Silvestro I, più volte danneggiata fu ricostruita nell’XI secolo da Urbano V, mentre con Sisto V si aggiunse la Loggia delle
Benedizioni e furono fatte numerose altre opere di ristrutturazione. A Clemente VIII si deve la nuova decorazione del
transetto, a Innocenzo X la rielaborazione delle navate. La facciata risalente al XII sec. resistette fino al 1732 quando fu
sostituita. Quella odierna si presenta coronata da quindici statue di Cristo, dei Ss.Giovanni Battista ed Evangelista e dei
dottori della Chiesa.
L’interno, lungo 130 metri, è diviso in cinque navate scandite da colonne corrispondenti alle porte che sono all’ingresso.
L’ultima porta a destra è definita “santa” e viene aperta togliendo il muro retrostante solo ogni 25 anni in occasione del
Giubileo. Il soffitto della navata centrale fu iniziato nel 1562 ed ultimato nel 1567. Contro i pilastri della navata centrale
spiccano dodici edicole entro le quali furono collocate prima del 1718 colossali statue di apostoli.
La basilica era talmente ricca di argenti e ori che fu chiamata “aurea”; addirittura un’antica leggenda vedeva conservata
all’interno di questa basilica l’arca dell’Alleanza.
Per circa 1000 anni, dalla fondazione fino all’inizio del XIV sec. la basilica fu la sede dei Papi. Quando però dal 1304 al
1377 i Papi decisero di trasferirsi ad Avignone (Francia) il Laterano rimase in uno stato di abbandono. Tornati a Roma i
Papi decisero di trasferirsi prima a Santa Maria in Trastevere e poi a Santa Maria Maggiore e infine in Vaticano. Tra il
1585 e il 1590 fu costruito il palazzo Lateranense come sede estiva del Papa. Allora la zona era in aperta campagna. Ma il
suo splendore non tornò a brillare per lungo tempo e così la basilica fu nuovamente trascurata fino al XVII sec.
Fly UP