...

Tizio, alla guida della sua autovettura a bordo della

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Tizio, alla guida della sua autovettura a bordo della
SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE
PRIMA TRACCIA
Tizio, alla guida della sua autovettura a bordo della quale si trova
anche Caio, a causa della eccessiva velocità perde il controllo del
veicolo che finisce contro un albero.
A seguito dell'urto, Caio riporta la frattura scomposta del bacino
e del femore e viene ricoverato in ospedale, dove viene sottoposto
ad intervento chirurgico.
Dopo l'intervento eseguito dal chirurgo sempronio, a causa
dell'applicazione al femore fratturato di viti eccessivamente
lunghe, si determinavano emorragie, infezione e cancrena che
rendevano necessarie 3 ematotrasfusioni.
Nell'esecuzione di tali trasfusioni, il medico Mevio errava nella
individuazione del gruppo sanguigno e in conseguenza caio
decedeva.
Tizio si reca da un avvocato per conoscere le conseguenze penali
della sua condotta.
Il candidato, assunte le vesti del legale di tizio, rediga motivato
parere nel quale, premessa una ricostruzione della posizione di
tutti i soggetti coinvolti, illustri gli istituti e le problematiche
sottese alla fattispecie in esame.
[email protected]
www.controcampus.it
RIFERIMENTINORMATIVIPRIMATRACCIA
art.40cp
Nessunopuòesserepunitoperunfattoprevedutodallaleggecomereato,se
l’eventodannosoopericoloso,dacuidipendelaesistenzadelreato,nonè
conseguenzadellasuaazioneodomissione..
Nonimpedireunevento,chesihal’obbligogiuridicodiimpedire,equivalea
cagionarlo.
art.41cp
Ilconcorsodicausepreesistentiosimultaneeosopravvenute,anchese
indipendentidall’azioneodomissionedelcolpevole,nonescludeilrapportodi
causalitàfralaazioneodomissioneel’evento.
Lecausesopravvenuteescludonoilrapportodicausalitàquandosonostateda
solesufficientiadeterminarel’evento.Intalcaso,sel’azioneodomissione
precedentementecommessacostituisceperséunreato,siapplicalapenaper
questostabilita.
Ledisposizioniprecedentisiapplicanoanchequandolacausapreesistenteo
simultaneaosopravvenutaconsistenelfattoillecitoaltrui.
CassazionepenaleSez.IVSent.28-07-2015,n.33329
L’approccio fondato sulla comparazione dei rischi consente di escludere
l’imputazione al primo agente quando le lesioni originarie non avevano creato
unpericoloperlavita,mal’erroredelmedicoattivaundecorsomortalechesi
innestasullelesionidibaseeleconduceaprocessinuovieletali:vienecreatoun
pericoloinesistentechesirealizzanell’evento.Discorsoanalogopuòesserfatto
quandolacondottacolposadelmedicointervienedopocheilpericolooriginario
era stato debellato da precedenti cure: anche qui viene prodotto un rischio
mortale nuovo.La teoria del rischio spiega bene l’esclusione dell’imputazione
del fatto nel caso dell’emotrasfusione sbagliata: vi è una tragica
incommensurabilità tra la situazione non grave di pericolo determinata
dall’incidente, che aveva comportato la rottura del femore, e l’esito mortale
determinatodalmacroscopicoerrorenell’individuazionedelgrupposanguigno.
Fonte : http://www.giurdanella.it/
[email protected]
www.controcampus.it
SOLUZIONE PRIMA TRACCIA
La questione sottoposta alla nostra attenzione riguarda l’accertamento della
posizione di responsabilità di Tizio, conducente di un autoveicolo che ha
provocato, a causa dell’eccessiva velocità, un incidente stradale nel quale Caio,
suopasseggero,hariportatodellelesioni.Aseguitodiquesteèstatoricoverato
inospedale,hasubitouninterventochirurgicoedelletrasfusioni,nonprividi
errorimedici,aseguitodeiqualièdeceduto.
Non è possibile prescindere dall’analisi delle posizioni di responsabilità dei
mediciMevioeSempronioaifinididefinirelaposizionediTizio.
Le posizioni di Sempronio e Mevio possono essere ricostruite secondo due
diverse impostazioni: da un lato, possono essere considerati membri di
un’equipe medica, e dunque il loro rapporto può essere ricostruito secondo lo
schema capo equipe – sottoposto; dall’altro, le loro posizioni possono essere
consideratedeltuttoautonome,dalmomentochenonèancorastatoaccertatoil
tipodirapportocheintercorretraiduesanitari.
Se si analizza la questione secondo la prima impostazione, risulta necessario
specificare in cosa consista il lavoro d’equipe e cosa comporti, in termini di
responsabilitàpenale,talerapporto.
Inrelazioneaciò,lasentenzaCass.Pen.33329/2015haaffermatocheillavoro
in equipe è caratterizzato dalla cooperazione di diversi soggetti, coordinati dal
capo-equipe,chenonpuòdisinteressarsidellavorodeglialtriterapeuti,seppure
competentiinaltramateria.Ilcapo-equipeètitolarediunaposizionedigaranzia
verso il paziente, che gli impone di dirigere e coordinare l’attività degli altri
medici, eventualmente ponendo rimedio ad errori altrui evidenti o rientranti
nella sua sfera di competenza. Tale posizione di garanzia si estende, quindi, ad
unasferadiconoscenzachenonsiasettoriale,bensìrientrinelcomunesapere
scientifico del professionista medico, o in una sfera di conoscenze
interdisciplinari; di conseguenza, laddove l’errore del terapeuta componente
l’equipesiabanaleodicompetenza,anche,delcapo,quest’ultimohaildoveredi
vigilareedirigerel’azione,avvalendosidellasuaautorità.
Ciòpremesso,nelcasoconsiderato,nonostantel’azionedelsottopostoMeviosia
direttamentecausativadellamortediCaio,sideveritenerechelaresponsabilità
[email protected]
www.controcampus.it
per la morte di Caio ricada anche su Sempronio, quale capo dell’equipe e
responsabile di vigilare sull’azione di Mevio, che non è espressione di una
competenza settoriale, bensì rientra nel sapere comune di ogni accorto
terapeuta . Sia nei confronti di Sempronio che di Mevio è ipotizzabile, quindi,
un’imputazione per omicidio colposo ex art. 589 c.p, per avere cagionato la
mortediunapersonaconcolpa,equindi,secondoladefinizionedell’art43c.p.
“acausadinegligenzaoimprudenzaoimperizia”.
La posizione di Sempronio potrebbe configurarsi diversamente dalla soluzione
sopra proposta se fosse accertato che i due medici non sono in rapporto di
equipe,cosicomedescrittodallasent.33329/2015.
Infatti secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza della Cassazione n.
7346/2014, la condotta dei due medici Sempronio e Mevio potrebbe
configurarsicomeinterventosanitarioconcorrentenonomologabile,perilquale
la Suprema Corte prevede che non si possa trattare di una responsabilità di
gruppo dei sanitari, e che anzi le loro condotte devono essere analizzate
separatamenteeilnessocausaledeveessereaccertatoincapoaciascunadelle
condottedeiduemedici,nonpotendosiconfigurareunaresponsabilitàdiéquipe
inviaaprioristicasoloperchéimedicilavoranoinsieme.
Accogliendo questa soluzione, la posizione di Sempronio, in seguito
all’accertamento del nesso di causalità tra condotta ed evento e dell’elemento
della colpa ex art. 43 c.p. si configura come reato di lesioni personali colpose
gravissime ex art. 582, 583 e 590 c.p., per il fatto di avere, nell’espletamento
dellapropriaattivitàprofessionale,disattesoiprincipidiprudenza,diligenzae
perizia,chehannocausatoall’offesolelesionigravissime.
La intervenuta condotta di Mevio, negligente ed imperita ha invece causato la
mortediCaio:lasuaazioneinfatti,èdasolaidoneaacagionarel’eventomorte,
ed è interruttiva del nesso di causalità tra la condotta di Sempronio e l’evento
secondo quanto previsto dal secondo comma dell’art. 41 c.p.. Mevio è
responsabile della morte del paziente a causa di una trasfusione di sangue del
gruppodiversodaquellodell’offeso;siconfigura,pertantoasuocaricoilreato
di omicidio colposo, ai sensi dell’art. 589 c.p. Inoltre il giudice in sede di
commisurazione della pena potrebbe avvalersi del disposto dell’art. 133 c.p.
laddove prevede che il giudice, nell’esercizio discrezionale del potere di
applicazione della pena deve tenere conto della gravità del reato desunta dal
[email protected]
www.controcampus.it
gradodellacolpacosicomeprevistodalcomma1n.3.
Passando a considerare la posizione del nostro assistito Tizio, occorre
considerareildispostodell’art.41comma2c.p.,cheprevedel’interruzionedel
nessodicausalitàladdovelecausesopravvenutesianostatedasolesufficientia
determinare l’evento. Nel caso di specie, la condotta di Tizio non può essere
causadell’eventomorte:daunlatolelesioniprovocatedall’incidentenonsono
talidalasciarepresagirelasuccessivamortedell’offeso,dall’altrolacondottadi
Tizio, conformemente all’orientamento della Suprema Corte,sent. n.
33329/2015,siconfiguranoncomefattorecausalemacomesempliceoccasione
dell’evento letale, dal momento che sono successivamente intervenuti eventi
interruttividelnessodicausalità,dasolisufficientiaprovocarelamortediCaio.
LacondottadiTiziointegrainvecelafattispeciedilesionipersonalicolpose(art.
582 c.p.), quali la frattura del bacino e del femore, aggravate dall’aver posto in
essere una condotta colposa in violazione delle norme sulla disciplina della
circolazionestradale(art.590terzocommac.p.).
Fonte : http://www.giurdanella.it/
[email protected]
www.controcampus.it
SECONDA TRACCIA
Tizio, approfittando delle difficoltà economiche in cui versa Caio, presta a questi una
somma di denaro par ad euro 20.000 facendosi promettere in corrispettivo interessi
usurari.
Successivamente, a seguito della mancata restituzione integrale da parte di caio
della somma prestata e degli interessi pattuiti, tizio incarica della riscossione del
credito i suoi amici Mevio e Sempronio.
Questi ultimi, ben consapevoli della natura usuraria del credito, contattano
ripetutamente al telefono caio e gli chiedono il pagamento del credito, minacciando
di ucciderlo.
Poiché Caio risponde di non poter pagare per mancanza di denaro, Mevio e
sempronio si portano presso l'abitazione di questi e dopo aver nuovamente richiesto
il pagamento senza però ottenerlo, lo costringono a salire su di un'autovettura a
bordo della quale lo conducono in aperta campagna.
Dopo averlo fatto scendere dall'auto lo colpiscono entrambi ripetutamente con co
calci e pugni, i due quindi si allontanano minacciando caio che se non pagherà entro
una settimana torneranno da lui.
Caio viene traspostato da un automobilista di passaggio in ospedale ove gli vengono
diagnosticate lesioni consistite nella frattura di un braccio e del setto nasale con
prognosi di guarigione di giorni 40.
Caio decide di rivolgersi alla polizia a cui riferisce nel dettaglio sia la condotta
posta in essere da Mevio e sempronio in suo danno, sia il prestito usurario effettuato
da caio. Attraverso l'individuazione fotografica operata da caio, la polizia identifica
Mevio e sempronio.
Il candidato, assunte le vesti dell'avvocato di Mevio e sempronio, individui le
fattispecie di reato che si configurano a carico dei suoi assistiti e gli istituti giuridici
che trovano applicazione nel caso in esame.
[email protected]
www.controcampus.it
RIFERIMENTINORMATIVISECONDATRACCIA
art.644cp
Chiunque,fuorideicasiprevistidall’articolo643,sifadareopromettere,sotto
qualsiasiforma,perséoperaltri,incorrispettivodiunaprestazionedidenaroo
dialtrautilità,interessioaltrivantaggiusurari,èpunitoconlareclusionedadue
adieciannieconlamultadaeuro5.000aeuro30.000(2).
Allastessapenasoggiacechi,fuoridelcasodiconcorsoneldelittoprevistodal
primocomma,procuraatalunounasommadidenaroodaltrautilitàfacendo
dareopromettere,aséoadaltri,perlamediazione,uncompensousurario.
Art.629cp
Chiunque,medianteviolenzaominaccia,costringendotalunoafareoad
ometterequalchecosa,procuraaséoadaltriuningiustoprofittoconaltrui
danno,èpunitoconlareclusionedacinqueadieciannieconlamultadaeuro
1.000aeuro4.000.
Lapenaèdellareclusionedaseiaventianniedellamultadaeuro5.000aeuro
15.000,seconcorretalunadellecircostanzeindicatenell’ultimocapoverso
dell’articoloprecedente.
582.Lesionepersonale.
Chiunquecagionaadalcunounalesionepersonaledallaqualederivauna
malattianelcorpoonellamente,èpunitoconlareclusionedatremesiatre
anni.
Selamalattiahaunaduratanonsuperioreaiventigiornienonconcorrealcuna
dellecircostanzeaggravantiprevistenegliarticoli583e585,adeccezionedi
quelleindicatenelnumero1enell’ultimapartedell’articolo577,ildelittoè
punibileaquereladellapersonaoffesa
CassazionePenale,Sez.II,21marzo2014(ud.7marzo2014),n.13244
Ilreatodiusuraèannoverabiletraicd.delittia“condottafrazionata”oa
“consumazioneprolungata”e,dunque,puòconcorrerenelreatosolocoluiil
quale,ricevutol’incaricodirecuperareilcreditousurario,siariuscitoa
ottenerneilpagamento.
Fonte : http://www.giurdanella.it/
[email protected]
www.controcampus.it
SOLUZIONE SECONDA TRACCIA
Per una approfondita analisi del parere richiesto occorre individuare
preliminarmente le fattispecie penali rilevanti imputabili ai soggetti Mevio e
Sempronio.
In particolare la condotta in questione coinvolge più fattispecie di reato
penalmenteperseguibili.
Un primo aspetto penale concernente l’incarico di riscuotere consapevolmente
un credito di natura usuraria, richiede una preliminare analisi della fattispecie
deldelittodiusura,incombinatodispostoconl’articolo110c.p.,disciplinanteil
concorso di persone nel reato. Ai sensi dell’articolo 644, comma 1, del c.p., si
configurailreatodiusuraqualoraunsoggetto“…sifadareopromettere,sotto
qualsiasiforma,persèoperaltri,incorrispettivodiunaprestazionedidenaroo
di altra utilità, interessi o anche vantaggi usurari”. Occorre individuare il
momento consumativo del suddetto reato. La giurisprudenza precedente alla
riforma del 1996 attribuiva all’usura natura di reato istantaneo, sia pure con
effettipermanenti.Ilsuccessivoorientamentogiurisprudenzialepostriformaha
rovesciato questa impostazione affermando che “in tema di usura, qualora alla
promessa segua […] la dazione effettiva degli interessi convenuti, questa non
costituisce un post factum penalmente non punibile ma fa parte a pieno titolo
del fatto lesivo penalmente rilevante e segna,[…], il momento consumativo
sostanzialedelreato…”(cass.Pen.Sez.II,n.41045/2005).
La stessa Corte ha successivamente specificato che “risponde del delitto di
concorsoinusurailsoggettocheinunmomentosuccessivoallaformazionedel
pattousurario,ricevutol’incaricodirecuperareilcreditoriesceadottenerneil
pagamento,laddoveinvece,seilrecuperononavviene,l’incaricatorispondedel
reato di favoreggiamento personale o nell’ipotesi di violenza o minaccia nei
confronti del debitore, di estorsione, atteso che in tali casi il momento
consumativo dell’usura rimane quello originario della pattuizione.” (Cass. Pen.
Sez.V,n.42849/2014).
Datalepronunciapuòragionevolmenteescludersilaconfigurabilitàdelreatodi
concorso in usura, venendo piuttosto ad integrarsi una fattispecie penale di
concorsodipersoneintentataestorsioneaisensidelcombinatodispostodegli
artt. 110, 56 e 629, comma 1 c.p. Infatti, si può ritenere consumato il reato di
[email protected]
www.controcampus.it
estorsione solo qualora sia presente, tra gli altri, anche l’elemento oggettivo
dell’ottenimentodell’ingiustoprofittoconl’altruidanno,nonricorrentenelcaso
di specie, dato il mancato pagamento della somma pretesa. Si aggiunga che le
minacce susseguitesi nel tempo risultano assorbite all’interno della fattispecie
estorsiva, la quale prevede la pena della reclusione da cinque a dieci anni e la
multadaeuro1.000aeuro4.000.
SottounsecondoprofilolacondottariguardantelacostrizioneaidannidiCaio
di salire a bordo di un’autovettura per essere rilasciato in aperta campagna
potrebbe integrare il reato di concorso in sequestro di persona, disciplinato
dall’articolo605,comma1,c.p.Inparticolarelagiurisprudenzahaanalizzatoil
requisito temporale della privazione della libertà personale. La Suprema Corte
di Cassazione ha sancito che la configurabilità di tale reato prescinde dalla
duratadellostatodiprivazionedellalibertà,chepuòesserlimitatoancheadun
tempobreve(Sent.Cass.Pen26maggio2014,n.21314).
Sotto un terzo profilo, le lesioni riportate dal Caio a causa dei colpi ricevuti
integrano l’ipotesi di reato disciplinata dall’articolo 582, comma 1 del c.p. ai
sensi del quale “chiunque cagiona ad alcuno una lesione personale, dalla quale
deriva una malattia nel corpo o nella mente è punito con la reclusione da tre
mesiatreanni”.Siaggiungachelaprognosidigiorni40escludel’applicazione
dellecircostanzeaggravantiprevistedall’articolo583,comma1c.p.
In conclusione, alla luce di quanto sopra esposto, la condotta descritta
preliminarmenteappareascrivibileallediverseipotesidireatoprevisteepunite
dagliart.56e629c.p.,dagliartt.582,e605,comma1c.p.unitedalvincolodella
continuazione ex art. 81 c.p. ai sensi del quale “è punito con la pena che
dovrebbeinfliggersiperlaviolazionepiùgraveaumentatafinoaltriplochicon
una sola azione od omissione viola diverse disposizioni di legge ovvero
commettepiùviolazionidellamedesimadisposizionedilegge”.
Fonte : http://www.giurdanella.it/
[email protected]
www.controcampus.it
Fly UP