...

4 La Logica come base di ogni scienza 5 Alla ricerca della forma

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

4 La Logica come base di ogni scienza 5 Alla ricerca della forma
4
La Logica come base di ogni scienza
La Logica è alla base di ogni scienza (o teoria) in quanto è fondamento di ogni scienza non
tanto per i contenuti specifici ma per la loro articolazione deduttiva.
matematica
logica
filosofia
informatica
Infatti la logica si occupa di riconoscere la verità di un enunciato non tanto in quanto corrisponde
ad uno stato del mondo (come avviene per le scienze) quanto di stabilire le condizioni di verità di
un enunciato a partire da altri basandoci solo sulla sua forma logica espressa in un LINGUAGGIO
FORMALE.
Prima di introdurre il linguaggio formale cerchiamo di capire cosa sia una forma logica di un enunciato
intuitivamente.
5
Alla ricerca della forma logica
Intuitivamente la forma logica di una proposizione è la struttura astratta dei legami logici delle proposizioni semplici che la compongono.
Ad esempio la proposizione dell’asserzione
Ammesso che
“se piove, i canali interni vengono chiusi”,
allora, è vero che
“se i canali interni non vengono chiusi, allora non piove”
è complessa ed è composta dalle seguenti proposizioni semplici: “piove” e “i canali interni vengono
chiusi” legate logicamente tramite “ammesso che”, e “allora è vero che”.
La proposizione della seguente asserzione ha la stessa forma logica:
È vero che
“se il tuo vicino di banco non è Napoleone
ne segue che la radice quadrata non canta alla Scala di Milano”
ammesso che
“se la radice quadrata canta alla Scala di Milano
allora il tuo vicino di banco è Napoleone”.
che ha pure la stessa forma e contenuto di esercizio 3. del test.
Mentre l’asserzione
“È vero che c’è silenzio
se tutti dormono
ed se è vero che
se tutti dormono c’è silenzio.”
ha la stessa forma di
19
“Ammesso che Tizio ama Caio
e che se Tizio ama Caio allora Caio ama Tizio.
ne segue che Caio ama Tizio”.
Ora introduciamo un modo più semplice per fare asserzioni complesse come quelle sopra.
Si noti che nelle asserzioni sopra, c’è sempre una conclusione (per esempio Caio ama Tizio nell’asserzione immediatamente sopra) che segue da delle proposizioni assunte come vere, dette premesse,
(nell’asserzione immediatamente sopra le premesse sono Tizio ama Caio e se Tizio ama Caio allora
Caio ama Tizio).
Ora indichiamo tali asserzioni complesse mettendo le premesse in lista sopra una linea che separa la
conclusione come segue: scriviamo
Tizio ama Caio.
Se Tizio ama Caio allora Caio ama Tizio.
Caio ama Tizio.
come forma concisa per
“Ammesso che Tizio ama Caio e che se Tizio ama Caio allora Caio ama Tizio ne segue che Caio
ama Tizio”.
Altro esempio: scriviamo
Tutti dormono.
Se tutti dormono c’è silenzio.
C’è silenzio.
come forma concisa per
“ È vero che “c’è silenzio” se tutti dormono ed se è vero che se tutti dormono c’è silenzio.”
5.1
Necessità di un linguaggio formale
Per descrivere la forma logica di una frase si definisce un linguaggio formale (o linguaggio simbolico).
Ogni linguaggio di programmazione è un esempio di linguaggio formale.
Prima di introdurre il concetto di linguaggio formale torniamo sulla distinzione tra livelli di riferimento
(per approfondimento il lettore legga il capitolo 1 del libro di Sambin “Per Istruire Un Robot:
(ovvero, come costruirsi una logica).”).
5.1.1
Livelli di riferimento in un programma
Nel programma
y = 1;
z = 0;
while (z =
6 x) {
z = z+1
y = y ∗ z;
}
quanti livelli di astrazione o riferimento ci sono?
1. codice del programma, ⇒ livello del “linguaggio” cioè sintassi;
20
2. commento/verifica di ciò che fa, ⇒ livello del metalinguaggio cioè SEMANTICA.
5.2
Livelli di riferimento nel corso
Nel nostro corso parleremo di almeno 2 livelli di riferimento in relazione ai linguaggi formali:
1. livello del linguaggio formale — sintassi
2. livello del metalinguaggio/nostro linguaggio naturale — semantica
Il livello del linguaggio formale è costituito da simboli ed espressioni del linguaggio che possiamo
associare in modo specifico ad una MACCHINA o ROBOT.
Invece il livello del metalinguaggio è dato dal significato dei simboli ed espressioni del precedente
livello che è assegnato da NOI in modo specifico.
Ricordiamo che dobbiamo operare una netta distinzione tra tali livelli di riferimento per non incorrere
in paradossi.
5.3
UNIVERSALITÀ del linguaggio logico formale
Il linguaggio formale utilizzato per rappresentare le formule logiche è UNIVERSALE nel senso che
non fa riferimento a nessun lingua parlata ma anzi potrebbe essere utilizzato per costruire traduttori
automatici tra lingue diverse.
5.4
Spiegazione del carattere ASTRATTO della LOGICA
Ora possiamo capire meglio la citazione di Russell
In logica, come in matematica
non si sa di cosa si parla
nè se ciò di cui si parla sia vero.
ricordando che lo scopo della logica è di introdurre un linguaggio simbolico per studiare la FORMA degli enunciati SENZA RIFERIMENTO al contenuto semantico specifico dei loro componenti
atomici.
Ad esempio l’argomentazione
Nessun falipo è goloso e Giove è un falipo.
Giove non è goloso.
è valida logicamente, come l’esercizio 3. del test anche se la parola “falipo” non compare nel vocabolario
italiano, nè sappiamo se abbia senso attribuirgli l’aggettivo “goloso”.
21
6
Linguaggio formale proposizionale
Costituenti delle nostre asserzioni sono le proposizioni, ove con proposizione si intende un enunciato in
un determinato linguaggio, non solo dotato di senso ma anche di valore di verità (per approfondimento si
rimanda al capitolo 1. del libro di Sambin). La logica formale studia le forme logiche delle proposizioni
e la loro validità.
Ora introduciamo un linguaggio formale contenente segni per denotare le PROPOSIZIONI che si
distinguono in atomiche e composte.
A tal fine usiamo le lettere dell’alfabeto
A, B, C . . . , Z
come NOMI per indicare proposizioni atomiche qualsiasi in modo ASTRATTO. Nel gergo formale
A, B, C . . . , Z si dicono VARIABILI PROPOSIZIONALI.
A partire dalle variabili proposizionali
A, B, C . . . , Z
costruiamo proposizioni composte usando i segni di
connettivo unario della negazione
¬
connettivo binario dell’ implicazione
→
connettivo binario della congiunzione
&
connettivo binario della disgiunzione
∨
6.1
Grammatica delle proposizioni formali
Una proposizione formale
pr
(che è una META-variabile per indicare una proposizione formale generica)
è una stringa di simboli ottenuti in tal modo:
pr ≡ A oppure pr ≡ B oppure una qualsiasi variabile proposizionale, che noi abbiamo fissato essere
una lettera dell’alfabeto;
oppure pr coincide con una delle seguenti proposizioni ottenute da altre due generiche proposizioni pr1
e pr2 come segue:
pr1 &pr2 che sta per pr1 e pr2
pr1 ∨pr2 che sta per pr1 o pr2
pr1 →pr2 che sta per se pr1 allora pr2
ovvero pr1 implica pr2
¬pr1 che sta per NON si dà il caso che pr1
22
6.2
ATTENZIONE: come mettere le parentesi
Nello scrivere le proposizioni simboliche ¬ si lega alla formula più vicina più di ogni altro connettivo,
seguito a pari merito da ∨, &, che a loro volta sono legate alle formule più di →.
Ovvero
¬
lega più di
∨, &
lega più di
→
Esempi:
“(negazione di A ) e B”
si scrive
¬A&B
“negazione di ( A e B )”
si scrive
¬(A&B)
“la ( negazione di A ) implica ( B e C )”
si scrive
¬A→B&C
“la negazione di ( ( A implica B ) e C ) ”
si scrive
¬( ( A→B)&C )
6.3
Esempi di proposizioni simboliche
1. La proposizione
“Oggi è venerdı̀ e domani è sabato”
ha la forma logica di congiunzione di due proposizioni
V&S
ove
V =“Oggi è venerdı̀”
S= “domani è sabato”
2. “Oggi è venerdı̀ e domani è sabato, mentre dopodomani è domenica” si può formalizzare cosı̀
(V &S)&D
ove
V =“Oggi è venerdı̀”
S=“domani è sabato”
D=“dopodomani è domenica”
(si noti che “mentre” ha lo stesso significato di una &)
23
3. “Solo se piove prendo l’ombrello”
si può formalizzare cosı̀
O→P
ove
O = prendo l’ombrello e P = piove.
(Si noti che il fatto che “piova” è la condizione NECESSARIA affinchè io porti l’ombrello...).
4. “Il programma fattoriale termina sull’input 5 perchè ad un certo punto la condizione del while
diventa falsa.”
si può formalizzare cosı̀
F &T
ove
F =“ad un certo punto la condizione del while diventa falsa”
T =“Il programma fattoriale termina sull’input 5”
5. “Solo se ad un certo punto la condizione del while diventa falsa allora il programma fattoriale
termina sull’input 5.”
si può formalizzare cosı̀
T →F
6. “Se ad un certo punto la condizione del while diventa falsa allora il programma fattoriale termina
sull’input 5.”
si può formalizzare cosı̀
F →T
7. “Se e solo se ad un certo punto la condizione del while diventa falsa allora il programma fattoriale
termina sull’input 5.”
si può formalizzare cosı̀
(F → T ) & (T → F )
8. “Ad un certo punto la condizione del while diventa falsa e quindi il programma fattoriale termina
sull’input 5.”
si può formalizzare cosı̀
F &T
(si noti che la frase sopra esprime non solo che vale F &T ma anche c‘è un legame causale tra T
ed F , ovvero che F implica T , ovvero che vale F → T oltrechè F da cui segue T ).
Si noti che da 5) in poi le lettere F e T stanno ad indicare le proposizioni come in 3).
6.4
Cosa traducono & ed →
Si noti che la congiunzione pr1 &pr2 traduce legami tra pr1 e pr2 del tipo
pr1 e pr2
pr1 però pr2
pr1 perchè pr2
pr1 quindi pr2
mentre l’ implicazione pr1 → pr2 traduce legami del tipo
24
pr1 mentre pr2
pr1 ma pr2
se pr1 allora pr2
pr1 solo se pr2
pr2 se pr1
solo se pr2 vale pr1
Trucco per tradurre il solo se
- riscrivere la frase togliendo il “solo”
- tradurre la frase ottenuta usando l’implicazione
- se la frase ottenuta è pr1 → pr2 la traduzione della frase iniziale è ottenuta
SCAMBIANDO antecedente con conseguente, ovvero scrivendo pr2 → pr1
6.5
ATTENZIONE: come mettere le parentesi
Nello scrivere le proposizioni simboliche ¬ si lega alla formula più vicina più di ogni altro connettivo,
seguito a pari merito da ∨, &, che a loro volta sono legate alle formule più di →.
Ovvero
¬
lega più di
∨, &
lega più di
→
Esempi:
“(negazione di A ) e B”
si scrive
¬A&B
“negazione di ( A e B )”
si scrive
¬(A&B)
“la ( negazione di A ) implica ( B e C )”
si scrive
¬A→B&C
“la negazione di ( ( A implica B ) e C ) ”
si scrive
¬( ( A→B)&C )
25
Fly UP