...

finalmente la nuova legge sulla cooperazione

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

finalmente la nuova legge sulla cooperazione
FINALMENTE LA NUOVA LEGGE SULLA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E LE ONG
Avv. Maddalena Tagliabue
È entrata in vigore il 29 agosto 2014 la nuova Legge “Disciplina Generale sulla cooperazione
internazionale per lo sviluppo” (L. 11 agosto 2014 n. 125), che sostituisce l’ormai datata legge n.
49/1987 definendo una nuova architettura del sistema della cooperazione.
Novità per le ONG già riconosciute idonee ai sensi della l. n. 49/87 che dovranno iscriversi in un
nuovo apposito elenco, aperto anche ad altri soggetti, previa verifica della sussistenza di parametri
e requisiti che saranno indicati da un regolamento di cui attendiamo l’emanazione.
Novità anche per le Onlus: potranno qualificarsi come tali anche gli enti che operano nel settore
della “cooperazione allo sviluppo e solidarietà internazionale” (presumibilmente a solidarismo
immanente).
Finalità, attività e destinatari
Significativamente e come richiesto dalla rete di ONG coinvolte nei lavori preparatori, i primi
articoli della nuova legge sono dedicati alla descrizione degli obiettivi fondamentali della
cooperazione allo sviluppo, indicati nei seguenti:
a) sradicare la povertà e ridurre le disuguaglianze, migliorare le condizioni di vita delle
popolazioni e promuovere uno sviluppo sostenibile;
b) tutelare e affermare i diritti umani, la dignità dell'individuo, l'uguaglianza di genere, le pari
opportunità e i principi di democrazia e dello Stato di diritto;
c) prevenire i conflitti, sostenere i processi di pacificazione, di riconciliazione, di stabilizzazione
post-conflitto, di consolidamento e rafforzamento delle istituzioni democratiche.
Destinatari dell’azione di cooperazione sono le popolazioni, le organizzazioni e associazioni civili, il
settore privato, le istituzioni nazionali e le amministrazioni locali dei Paesi partner, individuati in
coerenza con i principi condivisi nell'ambito dell'Unione europea e delle organizzazioni
internazionali di cui l'Italia è parte.
L’insieme delle attività rivolte ad essi (cooperazione pubblica allo sviluppo – CPS) si articola in:
a) iniziative in ambito multilaterale (definite all’art. 5);
b) partecipazione ai programmi di cooperazione dell'Unione europea (art. 6);
c) iniziative a dono, di cui all'articolo 7, nell'ambito di relazioni bilaterali;
d) iniziative finanziate con crediti concessionali (art. 8);
e) iniziative di partenariato territoriale (art. 9);
f) interventi internazionali di emergenza umanitaria art. 10);
g) contributi ad iniziative della società civile di cui al capo VI (art. 23 e seguenti).
Competenze
Il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (nuova denominazione del MAE)
stabilisce gli indirizzi di tutte le iniziative nazionali di cooperazione, nell’ambito delle deliberazioni
assunte dal neo costituito Comitato interministeriale per la cooperazione allo sviluppo (art. 15) che
ha il compito di assicurare la programmazione ed il coordinamento di tutte le attività di cui ai punti
da a) a g) di cui al paragrafo precedente, nonché la coerenza delle politiche nazionali con i fini della
cooperazione allo sviluppo.
Ciò verrà fatto sulla base del documento triennale di programmazione e di indirizzo di cui all’art.
12 approvato dal Consiglio dei Ministri e che indica la visione strategica, gli obiettivi di azione e i
criteri di intervento, la scelta delle priorità delle aree geografiche e dei singoli Paesi, nonché dei
diversi settori nel cui ambito dovrà essere attuata la cooperazione allo sviluppo. Il documento
esplicita altresì gli indirizzi politici e strategici relativi alla partecipazione italiana agli organismi
europei e internazionali e alle istituzioni finanziarie multilaterali.
Il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale conferisce la delega in materia di
cooperazione allo sviluppo ad un vice Ministro; è stato così definito un chiaro riferimento politico
così come richiesto dagli operatori della cooperazione.
Poteri di indirizzo e controllo spettano anche al Parlamento (art. 13).
Con apposito decreto ministeriale sarà istituito il Consiglio nazionale per la cooperazione allo
sviluppo, strumento permanente di partecipazione dei soggetti della cooperazione, di
consultazione e proposta.
L’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo
L’Agenzia è stata istituita (art. 17) per l'attuazione delle politiche di cooperazione allo sviluppo, ha
sede a Roma è dotata di personalità giuridica di diritto pubblico ed è sottoposta al potere di
indirizzo e vigilanza del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale.
Nell'ambito degli indirizzi generali indicati nel documento triennale di programmazione e di
indirizzo, essa svolge le attività a carattere tecnico-operativo connesse alle fasi di istruttoria,
formulazione, finanziamento, gestione e controllo delle iniziative di cooperazione.
L'Agenzia eroga servizi, assistenza e supporto tecnico alle altre amministrazioni pubbliche che
operano nella cooperazione allo sviluppo, regolando i rispettivi rapporti con apposite convenzioni;
acquisisce incarichi di esecuzione di programmi e progetti dell'Unione europea, di banche, fondi e
organismi internazionali e collabora con strutture di altri Paesi aventi analoghe finalità; promuove
forme di partenariato con soggetti privati per la realizzazione di specifiche iniziative; può realizzare
iniziative finanziate da soggetti privati.
L'Agenzia realizza e gestisce una banca dati pubblica nella quale sono raccolte tutte le informazioni
relative ai progetti di cooperazione realizzati e in corso di realizzazione e, in particolare: il Paese
partner, la tipologia di intervento, il valore dell'intervento, la documentazione relativa alla
procedura di gara, l'indicazione degli aggiudicatari.
L'Agenzia opera attraverso i soggetti della cooperazione (vedi paragrafo successivo), selezionati
mediante procedure comparative in linea con la normativa vigente e con i principi stabiliti
dall'Unione europea, o attraverso partner internazionali, salvo quando si richieda il suo intervento
diretto.
Con Regolamento del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, da
emanare entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge è adottato lo statuto
dell'Agenzia nel quale sono disciplinate le competenze e le regole di funzionamento dell'Agenzia,
fra le quali:
a) il conferimento al bilancio dell'Agenzia degli stanziamenti ad essa destinati;
b) le funzioni di vigilanza e controllo da parte del Ministero;
c) le funzioni di controllo interno e di valutazione delle attività;
d) le procedure di reclutamento per il direttore dell'Agenzia e per il restante personale;
e) le procedure comparative sopra menzionate;
f) le procedure di selezione delle organizzazioni della società civile e degli altri soggetti senza
finalità di lucro di cui all'articolo 26;
g) il rapporto fra la presenza dell'Agenzia all'estero e le rappresentanze diplomatiche e
consolari e le condizioni per assicurare il sostegno e il coordinamento tecnico da parte dell'Agenzia
delle attività di cooperazione realizzate con fondi pubblici italiani nei Paesi partner;
h) il numero massimo di sedi all'estero;
i) le modalità di armonizzazione del regime degli interventi in corso, trasferiti dalla Direzione
generale per la cooperazione allo sviluppo all'Agenzia ai sensi dell'articolo 32;
l) le modalità di riallocazione del personale, dei compiti e delle funzioni dell'Istituto
agronomico per l'Oltremare all'interno della struttura dell'Agenzia;
m) la previsione di un collegio dei revisori;
n) le modalità di rendicontazione e controllo delle spese effettuate dalle sedi all'estero;
o) la previsione che il bilancio dell'Agenzia sia pubblicato nel sito internet del medesimo
istituto, dopo la sua approvazione.
I soggetti della cooperazione allo sviluppo (capo VI, artt. 23 e seguenti)
Sono soggetti del sistema della cooperazione allo sviluppo:
a) le amministrazioni dello Stato, le università e gli enti pubblici (art. 24);
b) le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e gli enti locali (art. 25);
c) le organizzazioni della società civile e gli altri soggetti senza finalità di lucro di cui all'art. 26;
d) i soggetti con finalità di lucro, qualora agiscano con modalità conformi ai principi della
legge in esame, aderiscano agli standard comunemente adottati sulla responsabilità sociale e alle
clausole ambientali, nonché rispettino le norme sui diritti umani per gli investimenti internazionali
(art. 27).
Le organizzazioni della società civile e gli altri soggetti senza finalità di lucro
Sono soggetti della cooperazione allo sviluppo le organizzazioni della società civile e gli altri
soggetti senza finalità di lucro di seguito elencati:
a) organizzazioni non governative (ONG) specializzate nella cooperazione allo sviluppo e
nell'aiuto umanitario;
b) organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) statutariamente finalizzate alla
cooperazione allo sviluppo e alla solidarietà internazionale. A questo proposito segnaliamo che nel
decreto legislativo n. 460/1997 è stato inserito il relativo settore di attività;
c) organizzazioni di commercio equo e solidale, della finanza etica e del microcredito che nel
proprio statuto prevedano come finalità prioritaria la cooperazione internazionale allo sviluppo;
d) le organizzazioni e le associazioni delle comunità di immigrati che mantengano con le
comunità dei Paesi di origine rapporti di cooperazione e sostegno allo sviluppo o che collaborino
con soggetti provvisti dei requisiti di cui al presente articolo e attivi nei Paesi coinvolti;
e) le imprese cooperative e sociali, le organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli
imprenditori, le fondazioni, le organizzazioni di volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991, n.
266, e le associazioni di promozione sociale di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 383, qualora i loro
statuti prevedano la cooperazione allo sviluppo tra i fini istituzionali;
f) le organizzazioni con sede legale in Italia che godono da almeno quattro anni dello status
consultivo presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC).
Il neo costituito Comitato congiunto per la cooperazione allo sviluppo (di cui all'articolo 21) fissa i
parametri e i criteri sulla base dei quali vengono verificate le competenze e l'esperienza acquisita
dai soggetti sopra elencati che sono iscritti, a seguito di tali verifiche, in apposito Elenco pubblicato
e aggiornato periodicamente dall'Agenzia. La verifica delle capacità e dell'efficacia dei medesimi
soggetti è rinnovata con cadenza almeno biennale.
Mediante procedure comparative pubbliche disciplinate dal Regolamento, sulla base di requisiti di
competenza, esperienza acquisita, capacità, efficacia e trasparenza, l'Agenzia può concedere
contributi o affidare la realizzazione di iniziative di cooperazione allo sviluppo ad organizzazioni e a
soggetti iscritti nell'Elenco.
Le attività di cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario svolte dai soggetti iscritti nell'Elenco si
considerano, ai fini fiscali, attività di natura non commerciale.
Rilevanti disposizioni transitorie
Riportiamo di seguito la disposizione transitoria relativa alle ONG riconosciute idonee e, come tali,
Onlus di diritto, anche se a nostro parere non è molto chiara: “le organizzazioni non governative
già riconosciute idonee ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49 (abrogata dopo pochi mesi
dall’entrata in vigore del Regolamento), e considerate organizzazioni non lucrative di utilità sociale
(ONLUS) ai sensi dell'articolo 10, comma 8, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, alla
data di entrata in vigore della presente legge sono iscritte nell'Anagrafe unica delle ONLUS, su
istanza avanzata dalle stesse presso l'Agenzia delle entrate. In ogni caso, per i primi sei mesi dalla
data di entrata in vigore della presente legge ovvero fino al momento dell'avvenuta iscrizione,
rimangono validi gli effetti del riconoscimento dell'idoneità concessa ai sensi della legge 26
febbraio 1987, n. 49”.
In particolare, non è chiaro se dopo l’abrogazione della legge n. 49/1987 continuerà a sussistere,
ed in che termini, la categoria delle ONG-Onlus di diritto, poiché la legge n. 125/2014 non è
intervenuta sul comma 8 dell’art. 10 del d.lgs. n. 460/97, il quale però rinvia ad una legge (la 49 del
1987) che a breve non sarà più in vigore.
Fly UP