...

\i pЙiaiie И i a dei l i n i al potere и assolutamente necessaria i l

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

\i pЙiaiie И i a dei l i n i al potere и assolutamente necessaria i l
E E
——i^LE"*™1"'''
E , a
-
Tl
A
Si istruisse i processe contro sei cittadini eli® «reblsere partecipato al Ila*
cioggio di Carretta, tipico delitto di folli.
Ma Ganera e gli altri criminali
del su® staitapt seno ancoro tranquilli
a casa Saro.
>'<!fo"» "6436 - 6648Ì - 6 8 « 8 - 66389
: Un anno . . . .
750
Un semestre . , « i 390
Sostenitore . . . L 1500
t
j « I M M » , 1» a t e t > e « , n t a a l a l *
.
e » n t o e o r r . poat. H 2 S 7 S S
! 'rrì"VU A'k'!S,S'','
?)
.
,
n !> ^
a t « .
e U 10 .
io1»; ,
" »"»»»»>,
i toc
n u
.
>
i 9
J ,1» del
!
! h. io . Oln.m.to.
a
t t.e^nìt.
J
N
»
i Tel e ì j n
OSU
ORGANO DEL PARTITO COMUNISTA
A N N O XXU (Nuova serie) N. 134
ìuA
SABATO 9
»
E
FATTO
ITALIANO
O 1945
Una copia L. 3 -
a L. é
I Tre Grondi 1 parlili politici inglesi
si
oe
o
i
i
a
?
\i p É i a i i e È i a dei l i n i al potere
è assolutamente necessaria i l'avvenire Élla nazisne
I delegati dei C.L.N. del Nord giungerebbero a Roma In giornata
A 8 - (V
S — Nei
e n c o h diplomatici della capitale
b n t m n i c a si n t i e n e che il piossim a m c o n t i o dei
e g l a n d i » 4i
à in F u i o p a , p t o b a b i l m e n t c
a
i imo, fi a il 18 g i u g n o e U 4
luglio Uno degli elementi sui quali & b a c a t a tale
e e che
q u e s t o è pi esso a poco d pei lodo
che
e
a la fine della
Confaien?a di S u i F i a n t i s e o o le
elezioni genoi ih
butannichc
Quasa t u t t i i p i o n o s t i c i <oncoi
d a n o nel! indie n e
o < onie
e sede dei t c i z o
o ino dei t a p i delle
e giandt
e Tali
i sono n i
l i l i a l m e n t e fondati più =u i igieni
di
i t i c s e n i i m c n l a l e che di
indole
a L u n i c a , coaa CL
ta, tino a q u e s t o m o m e n t o e che
i <*Tie gfiandi» non si
ie
t a n n o nelle isoìp b u t a n n i c h c
(Servisse* s p e c i a l e
a
lì i JU us oh e
Ì inpedi n iA 8
dc^ tj "
h Chuunill
te nella nosUd eo-mspondenz i o l l
i A
a a t m n t c nella qu ile N l c '
",[ l
si tvvoìgt l e
i
! ^e oiiiii
i
m
a e iniziano,. l i x is- Ì^Ì
J Ub
segna dello foiz politi eh, b n t a n ? n i n
mp
mebe
o p u l i a t e nel p i l l i l o loool / o i e
dei
n die è og»i ol go l i s t ino h ludi
o
te 1 is a/ uni
Vediamo ogt,i i
i 11 opt
\ ni
i io
ziono
i, ,
, , 1 0 . ,.
u
— Abbiamo
" per
dono
* Unità n>
a'u i.dcil
1
p a s s a t o infausto, i
i
o dell
a
e za degli esponenti dei sei
i
Liberah e laburisti
suto
o u n o bthema d,
m i c h e il
o alla Costio la sede del Comitato
A
dei continui d -adi n
o nte&o a
e
o o le. di
e Nazionale,
tale
tuente
la
a
a che
ni di (
o i jibei ili h inno b
mit-gh
i diienuti
i adunanza
subiva un pi imo i invio
à
e la
a a i c o n t a d i n i * a cau^a degli eventi b d b u nei p a luto una ginve c d i s i i ma pensa
e 18 30 n seguito la
e e
la
a i n d u s t n a i e l a q u a l e d o - g a m e n t o di quoU dei m u ' m
i stata
ci i di p o t è - n*oinaiv. m mge
a
u eh
l i n c i politici del lesto m
à
e
e sa di miglim imen*e o dei
q i
Ai
e dell'mcontio
venuto
i bili* ti p c o m u n i s t i h a n n o
de i m i t i
ui-io 11 pioiTCdimcnto sfdbiii.
un i
o la &ede della d
e
del
a e c o n o m i c a e l a p o t e n - SCL che le
l e m - o t e sottolineato, nel
o di
q u e l l i d i e o n s m to i e quel.
e di m u t u o &t«du
h
sn|
l n p i t . i l de i
o eomiinista \ p t u v a
o noto
eggi !'
z
a
politica
del
e
c
a
p
i
t
a
l
e
*
i
intei
dono
pei
e
n
o
i
p
a
g
a
t
e
i
m
o
«i
m
m
w
m
o
t
fincata
, l'esigenza
a che
che
j congiunta dei due
Liei i t t i
m ino
oosto ti mi Ì li |> i l i o ;i 1
le
e di Su Wifinm
o
o a n n u l l i t i c<i i n l a t i v i
sua
la
e m o n o p o l i s t i c o . E d a n c h e p e q u e - 'i q
paitdi
a siala convocala m
i «i h \ n
p 1 ì l u t ^ uoie cu
di
i
. la lotici su
e
nUies-a di m e i j possono
e
s
t
o
e
i
a
i
n
e
c
c
e
p
ì
b
i
l
e
l
'
e
s
i
?ionc
aìl
a
n
n
u
n
c
i
ito
o
.
n
p
\
t
.
ndustiì
'
otgtsuz
n
U
n
e
l
e
m
e
n
t
o
c
h
e
poti
e
libo
p
i
o
setoluto t quale la
e po(fatiche u v e ce di iie-,aisi come i
g g e t ' o h un n u i v o m u t u o d,ì
d
n attesa di
piv i
de ] 1 t _Utll 1
" ' ih*
p qualche e o m p h c a / i o n e e
e
o ti- te delio stesso istituto m u t u a n t e delc^izione del
i itoti e i
t
su
i
liticii del
o paese deve
e genza che al
questo
o e dei contatti che si
unt i t ~>r t og
h nino < !ìl <- SLì: l
o dalle c o n d ì / a m i di spute
accadi
miLhc
sitlhi
p
i
o
p
u
d
a
d
i
n
'
u
del
n
u
o
\
o
m
u
t
u
o
e
i
7
1
f
e
l
t
l
v
a
m
e
n
t
e
sin
d
a
o
g
g
i
,
i
n
s
i
e
m
e
^ t J i m u i m t n t e affidata alla
i v n i n n o con i componenti della de» s a l u t e del
^ n
n io n pò iz o* ' * v
o degli
i i pubblica o p n v a t a nelle m d u s t i a
ol
e
o di " m m o i t a .azione stessa gli es-ponenti
- F d c n Se E d e n n o n fos.se in
si iiov i t u i l i l u si
di
o lì p u t i t o
g h i ,m t . ' n a t u t i t l e c h e q u e s t a e s i - c o n g l i a i t n , a n c h e q u e i p a l l i t i
i Ut c n d v di tio.,
nto del m u t u o o n g a n a n o e non
hsti
e
comum^ii
a
\
e
v
a
n
o
chiesto
ne
d
i
]
192)
i
1
ibn
'
c et i
di
e
ali
i
o
quasi
i ai
ì c o n e v i d e n z a m c h e n o n h a n n o l e g a m i di n e s s u n può c o m u n q u e e ^ s u e
i già ali-i sogli i del
pote
e ad
11 sospensione e U
o della
~
e
Chuteht
designei i bdAo nel 19(10 come m i h ck i / o
.neo p u
ned» do '
e con
i e c o n i t i u s t anni 10 Sono
e pt
il mioquesto
o
, dopo un
" N l i i d u uiya
come suo
e il
i ne di Ti ide Umons e di
obu
] i biTS' d u n q u e q u e s t a u n ' e b l g e n z i o m i t u o l e stesse o s c v o i a / i o m ehe
v e n t e n n i o ì l e i , q u a l e lo v e c c h i '
o di Stato
d Lau
Ln ci disti n e i vetto 1 impeto
t Ì di le
Non è d a t o
a
e
u/n e
^ i s t ^ mo
11 mutui)
o
a Ed è un'esigenza imd g i u n g e - possibilità -ventilata d a d a s t a i n n a da p i o m c n
classi
i h a n n o in
e
comi
d Sh iw
o d
o s t i l i l e nel q j i n d o i delegati del
ohe
Cloment
Attico
e
even
o i
a et
ò vede che ciò
e ^ n o n si v u o l e che l a
b i d n c \ Webb
G Welìi e m o n e
i«ìmenio dt/li
i
,
o la
a e d in
e
tualmenle
, al convegno m i g l i m i di ignoti
posi, i
e oggi o domani
ì Tii noi i
np m i , l m < \ " '
fallito a l compito di
, e c a d u t a d e l f a s c i s m o significhi pu- w o e e 31 m no-su ( d i p e n d e n t e d-rt
o d g h E s t - i e «tata ac odi o i l l o epettieolo di
Velia m a t t i n i t i di
i e C a s p e - il
i e1 e
lusc belliche *>i
u a piv-ùtiti
se t
e e semplicemente la n e «olta
molto
'
l
e
d
d
a
m
e
n
t
p
dal
i
n
n
o
v
a
a
v
u
t
o
u
n
coltoqxuo
cv>n
Toq u a n d o lo m a s s e
i hanm
u
g
u
a
f
h
i
i
i
e
a
so
i de
che li n i - ' 1
i di c & o t u i o il debito
1 lai s
ì
tifo
a
s
m
t
t
i
s
i
i
m
s
/
ì
o
n
e
de]
e
a
c o n d i v a e convinti che tutti gli u o - j m t l
eliCMJii l U i 0 t
duo può «
e t'Liii/jao
m non
no
o a n c h e a i ciechi.
e nella m « t t m a t a si sono
t u g n i l i po^ i - ' n i
, p u nell'ine
a i n c u i ci pui di c i n q u e c imi uo il ivi com~
l calilo suo il
e idenfe T i u - mini d o v e s s n o
« e l l a lotta, a n t i f a s c i s t a e n e l l a i n i ^uocessicamente ! n <iosa
i vita Oi,gi il p u l i t o
- d >].
i ah
i j
«
m a n h a a n n u n z i a t o di n f i i e i e che b i h t i
e m a n c a n z a di
p
, la loio m a tiene la
pi
li
unente
pi
if
t
o Cioce Nenm e
i
e
bui
i
s
t
i
e
idullo
i
n
e
gì
m
u
ndi
Su p ' o p n t-> dei
o dei
o s a possibile
o le
i e la finzione isi! ti e t'ito
i
p u t i t i a u c ì l o 1 i b u n s t a e eempi
,\u
t l u t i l a politica
a
, noi c o n s u l t a z i o n i
o imo &chc~
e sei s e t t i m a n e
à dei
, noi
- ,i di d e c i c t o iutoii?TOntp
Anicomunisti abbiamo
c h ì a i a n t o n t e della
m i n a l i i ione deìli TV SS j
m
o
d
i
p
o
t
e
o
n
e
s
t
a
m
e
n
t
e
o
o
l'esigenza
delle
e a!?]i
i
mi-ucinid
e t h e la m a g g i o i a n m degli de
nta«so
i di
e
C impania
ì
Cai iitaliani
e
t e s i di q u e l - '
i
c e Sicilie) p a t t e d c l h
<ft<?ltivam&nte a l
e non
L del m
e mobile
è pei"tìiata s o d d i s f a t t a d a l
e
i l ' u o m o politico, d e l q u a l e
feiTovi
a
.tue
1 tlll
^
> o J i
e dS
nome come eventuale
di c o a l i z i o n e s u c c e d u t i s i
- sino fatto
e, lì id
tinf )
i n
n in
l e d e l '44 a d o g g i
o p e i p i e s i d e n t e del c o n i g l i o e secondo
i o n d i ; Olii
unii
il
i
muli
a di Gioliti! s a n bbe
LE
p i civ i l u i e i
in O
i
q u e s t o a b b i a m o a p p o g g i a t o l a e a n - il q u a l e
m m
v
e
n
g
n
o
i
s
l
c
s
m
e
l
i
1
i
i
l'ideale
a
l
q
u
a
l
e
d
o
b
b
i
a
m
o
; in(Uditiwm s o c i a l i s t a a l l a
a
\ i i
n iiil
i > 1
o ( O l imus
e m a g g i o i a n m del pò.
ed abbiamo chìcstu la
o ci
V i -,< n o n e t t i d i v e i t , n e u t t e i l o
del poii i
i di c o m a n d o
a polo i t a l i a n o n o n v u o l e
o il co u n t ) i o e , i ) l a
a d u n i n f a u s t o p a s s a t o m a vuole
polii e i ni tei l i i m i
\ i hnen^
i i pEJtiUdeì O L N .
i n m t n c m dell imminente
i ivo
u
i > i
!( it t o n f i l i e ò s i ] ?
q u a l c o s a di n u o v o - u n a d e m o e i a - a
a di u n i delegazione dei Co«Alio noatia ì & h i e s t e è s t a t o
fi t m z i d U h i l ! / «11 i l 1 ì > du*
mit-atì di T
e Nazionale de zìa sul
,
l i n e ù ( ( w n b i t t u t i (tu
sposti» c o n Tafg-omento
i o
a
a hi
o un e
1 ! 1
i
O
O
e
<^iU i h l s l
nìo nuovo nello sviluppo d e l l i
che
o a l p o t e t e d e l l e vame-lei
i
i d i u v o m i a l t i t st d i
mi
l
e s t a t o asi
e dei soci d i ti e
Chi
a to dalla
a affidata
dei eomuniifì collegata la
nuovi
a ben pochi n m i o p u x l u e
milione degli esponenti dei bu pn~
a im qualsiasi
o a
e
S^NT
, 8 —
e ha e m a n a t o u n i
e uffi- e 3 tuoi
n 1 ^ conclusione po- .lese q u i e d e c i t o l e
d e l i e siedo a quale pa lite to che i \ h m»g-»
negli
ambienti
d
d
l
s
eonffitn^Ej
&i
) li i mattiiitì si a
i
vmie m piopohho in euj t>ì m v sitiva uè he U1Ì.CU&S10V,! t t ! jjuf,., , polacco
umi
, O m questa
dei Vrtii seggi u n w i J io«
t m t o foono c o n t i n u a t e le e o n s m - e i a fatta s t i a d i 1 i d e i che solo
- che, a
e dell
o ^ necc - n g o m e n t o fi a le
o potcn/t insili, a p p u n t o
è
a e a pabi7?o Viminale s e t t o lo
n p p i esentanti
del
o u s i che 1
\ ito Ì
pìx^nUmd
o dei
e capi alleati
e «ma unimmiti
a i membn
~ vìi mti e la
(lenza d^ll on
, il Consiglio ti?Ìoni f u j p u f ì i i du^ mto j d g i 0 ~
h
e unsi nuoe i
o polacco di L u b b n o h a n - e n e i
O n n d i d i t i i libet di di
e
j d i a t U , mm. ilew c o n t o del f a t t o dei m
m i a di
i Wt e i e 17 si sono i
potuto
e l i delicata
q u e - m i n c n t i del C o n s u l m di sicme??-!
i
o piova delli
voionl i e no d u h i n a l o i c n -,ei j , h c
o v e n d g e e di Sincbu i e p u s o m m o
stione del veto si e diffusa iciì i m - secondo q u a n t o stabilivano le de i- della c i p iena delle n a / . o m a l l e i t i
o che la
a da
l
t d e l C onsiffho h a - nlli nelì i e e d e del pattilo comun
munediatimu.
p ^ s j u f i t n i i p e e n e a 30tì m e n i l e gli liti
p ctoìt
in via N ifionah la
e del
i mente hi notizia c h e d o i o - e om di Y i i l i p e t d l ' i i
- ebe h a n n o c o m h u l u l o la
a a otlcncie il
a»! a v a n z a t a n o n
a un'eoi. coidato come dopo lo b b e i?iom
o
del
cottot
gii
poi
—
comunii
Common
p
o
tomunififa
(
una
d
d
e
g
a
n
o
i
b l i m a eia siato
o nel coiv> di menu ì t l i i i v i sei u n i '?ione c o e u - flmco a fi in o eli
del
d d t u h i il gabinetto sia < a
e
k ged insks
VVealf e hbiu d~n i7io i d
o s i ^n
t*en:?o
a ed
a ma una
i
o p i e s e n - alcuni J milioni dei d e h g i t i dei cinid eccc/to ie delle p i ti 'n f- bd-- f o n d i m e n t i i t i l i
o in m ^ e come le e o n v c u a - del p u t i t o
o coli idf diss-iìuFione
m pie iti*
l u n / e n i n del
Foien^
l c«
i
- que
. e&i^enga eononeta Ci &oiti m e n i m i
m menti dei
m fi a i sei
i pei la tostì- tì N u m i C u c i i i t o
. i u n i p ce d i n e
^
u'A f i i i / e n c
un
h«n
J ih i i d i
int> loio che ino 2(! o ì
i
m
)i
v
n
e <led
n
e
Silone
pe
t
s
o
m
b
s
t
i
e
eoo
iglio
di
s
u
m
e
z
z
i
tuzìone
di
i
n
m
a
n
o
o
si
me
le deeijioni pei un i sohmone
" a l c u n i c o m p i t i u n t a n t i c h e bile elteitivi t opc mie n c l l i qu
"Uih l e
t i di ] n
to n q a g i eh ttoji pottnz ih i n
e de.
L imitine e) ufficiale del!
, è chic t
i
c i*c pe ol gliiitti « n e c m n i n 1 i f e n i o
i quc i nei e sd ì di un
f <=t eolia boi ci inno ceti
miiu
ii
! C( j hanno m i - clone
sogna
e e c h e le v e c c h i e
- s t i l o d u o da Steitinnis che aveva imi i - p i o e uc 11 diihi n i/ioin m - comi n n s i o n c i c il i igghingimenN sbe e fi 11
01
I il
pieno
t i c un m i s e
i m i e questo p e n o n i Vi n o n o N c g n v i l l e Spano
0
:/K>n
di
nttes'
no
viv
s
o
i
p
i
e
s
i
pe
t
i
i
e
inata e Silvaii pei | comunisti
classi
i si s o n o
in- do h^nehe h putssi antica conial i t i dei
i m j.
Ù e pn>
o il fauo posto di capo dolisi Stetiinius' — non si
a al i - degli scopi comuni »
te i
e i i me
bab u n e n t e mei o ih
mil e ni d i
h be'1 g<ià da 1
o
ì
a btata d e l c g u i o n e
a
e l e i m m e d i a t e dimissioni i!
d o
i &
e
n t i o che ha q u i h m q u o t n - l o n e et
il
e ae « delegizion so
e (,]
t ssano e n i almesw
e una
m
davanti
il vietica ha
l
o degli
i
o
dichiaiato ali Uniteci
C%
a d ì t u t t o , da
e gabinetto è i inasto in u n i c i p t indetta p e la ste?&a oTa U adunanU
dovici
i
s
aa
J~
t
t
d
pollilin
i
i
t
i
i hanttQ
dai t e m p o «i
i di consjgl a i s !
Consiglio e nessun slngo'o
o
e
11 p a e s e
bisogna
e e
lemoo imo il =5 hi
i nei ehuid?-*
e u n a definitiva soluzione
del Consiglio può d i . ^ o i n p e d i e
a ebe u mondo si convinci
je i
o
t
e to p>c»
e le influente
o che
Lon
o ni h a indi mvitittei ì
! es m e 11 di u w o n c d i p a n che 1 Unii ne So\
spcia che la
n e c h e d ì o i i ; p i -e
i a soUccd n e la soluzione d e l i
a
ciel Ce
) di u n i \ c t c n ? i o e!
^ di s t
d a a l c u n i d e c e n n i e i e m t a n o sulla
n pieno
fcimento
ia fonnnyion© del
o o n d e e*
una situazione ehi v e n g i
i
- t lflt« o e che iti
v i t a p o l i t i c a e s o c i a l e dell
a \ t i c che 1 psame di i m p e l i m i !
3 u i c t i o d i i , i u > li
Ì
! mal
: ita ad ct^a
l e li b isi pei
i
, gli Agnelli e ì
o
e
) m ii i , n o ( U i U i c o e ixi
i ds lìs Na? ont si i a n n s o s i i n / i nrììi f a t t i ' i
ht, ì Hi- ma tuie l o
ija
o
t o s o t t o a g a o t l , b i s o g n a olilite i
n\un«
u i o n c miei o i^ion ile e gin i i/ìonc
pie
i f n u m
m i s ili m n gli
cl^e oi
Ì ì itti ,, i
c potei s o i t o p o n e
n
fi
e id n e del Consiglio h i
w m a i e l a n e f a s t a a b i i t i d l n e d i affft
^i che 1 u n
i ntt t
if\n~
blemi e d \n *cn/e con ibi e n v i o u n s p n t o di b i o n i v
incluso la s m dichi nazione
^ e
e (o non
ii m G 11
e ign i
a compiendone
ni il
o iiitei
i di t o i lolle^hi p e
lopuii
VOÌ e) l
i stando lontani
Si e p i : ilo me he
e pezzi
(.n?d che i i. >uio de i e n
olia c o n n u d e n ente m
i
l m g t i n i d un
qu?1 S i i t i m e m b n peni i t n i i
i
i mento
i
d a i e o n t t o ì l o d e l l e marne nel
- oggettive p n tic
m -ssionc ni il i c n i
Consigli) pos i opnoi"- ,ill^ 1 i i
o dado epnvtnticole e nelle
- l e n d e i i l i pò fiibih la -.oluztonc di
fltUSTT 8 —
s
a e da
xa alcuna
a
a ione ma egni m o v v c d m i n o
n ì o i „ n >f 7i ne jiei (
\ iteli piolùemi e la
e bb<!
die
e delle
i ilìe, v e c c h i o iazione dai \ ineoli tinnisti?! ìi
« .igcn/ic aliente h a n d u i in
i t u jui n t i d d i
h.
i di
mento
à e^s ic s
i t
a dii!us« la notizia che domate italica E questo
o fine
i fleuter n f c ì i s e c d i l u e sto c'i w ! iman m i t i h tufi cu Siati me tu i lo e io o pò \'- \
i
i h i n c h i c d o il no
i
m n n
.
m ito a lleìgiado un
IL D/SCORSO DI PALMIRO TOGLI ATTI
ioli ìa dell
o ciicola e o i b n del Consiglio e'
u u i -"A
) d m m i l i t n n m aj _ en i iim =i
o delia
1 d i i mani
compito, è facile
, non
»
c
la
j.Ìtuaziom
tstens-a
in
città
velo di uno so'o di e si c v dido i ìa di
t
c t i de e pie
dunftstiata nel! t i e n i ? i o delle sue
i
à
e a s s o l t o che d a
impedii ne l e u t u / u n e
ai
c aVc di josi? oni oe i
funzioni
t qitatiio
, iap~ nella Vene&fa d i i d l a
AL_CONVEGNO FEMMINILE_COMONISTA
a l i ! o m o g e n e i delle i s a ^ c la voi a- p t e s e n U m ' i
i pre^ e i »
ilt luto e i poi i si
' nz
i quatito puliti dilCome può idev i j t ! i o ae
o p e
Flnalinante h alalo
o tn
f
o d i e l e nv desimi
font' ic a Ì na/iìti
e doni inde d min b ioni
gbent hanno dito
t a il p u n t o di \ i=.ta i c i m i m e n i " & >- cn
ttiel nel quali non possano
e la eOflUione
O ìì Vaimi-}
>uò t
p S in
o \T
bene
i
n
i
o
i
m
a
i
e
d
i
e
hanno
d
i
t
o
d
i
e
atto
e
io
hanno
e
htcnuto dal i delegazione <.ov a ^o
nitluen/e
e ed
, né
aggiunto teme pi v i citi d un
Etato di
e alla p i e s c n Londi ì la noiosa h o m o
sci ondo ui allo cinque gì i n d i pc
l
O SULLA
A
%
l e gli A g n e l l i n é le
Volili Alhn
i e Etlda
o e «
c pei
e delle dimi^iiom pi i pei che 1
teiì~c che m tgcioimcn e h inno con
v m b i n o i>i( simun nifi e n
e ai p u t i t i eoa 1 uif'u^jo d: t u t t e le pjiiif !
vecchie u l t e h e e
e pòt u m i d o " ì l i \ u l o n t d e b ! a =o i* i
1
q
u
i
i
eh
e
o
di
e
un
e
o
l
e
s
e
ci7
o
de'
d
i
u
t
'
Net
i
utile
al
jondmt
si
n
liliehe
at
o
di velo d i e
* om del Ce isi 1
hi e m e o i a a v u t i
a dell i
a d i s t i n g ^ f » il f a s t i d i n o
di s j u u c / / i d compito d
upuo
l
e d e di n o n t e i l l e e s c i - lotizia
i m
t h e pei epit-sio i t n i o è
n
o 1
e mil
o ne] t a / i o n i d^i
d u e / i o n e d11! i i puoi ti m
n i/ion
V
«ito
i ado -*
ttim dil
i dei q u 1
del .
più
b a inni ì
te s p u n t i t i
u n i i i di u n , mé&
b connesso a l l i ic-pcnsabilita d"
ni a. pi obli
l
a che d
e
e
ì ha pieso 1 impegno di
n i m p o politico come nel c a m p o tio
o s nUin m e n e h
c f l e b m t o i m n o v i m e n t o Quid b d u ì U t e m m
m
l
c
m
m
e
n
t
o
dell
i
o
ice
costituito
u
n
nuovo
comitato
o
n
s
u
i
gbo
c
o
n
s
u
l
t
n
o
cuiopco
e quilehe
o p i n n a eh
t
( i m m i n i a t ì a t i v o e d in quello ecoin on ^1 i e nit u n / 1 n
o del pio t«
, di q uste m u l t e ,
t i \ o eompof-to di
itili un e 9 sìoiuc-i7ion
a 73UÌ di
ìi e
Commentando 1 iceotdo i
o
o nVe dim w-ioni
nomico
vale a dite
lasciandvi
m p u t i t o i di i l t n p u t i t i le U donne i l i h e n i t ^ n m n o e i a a n ' ce m i ' i t o n e l l i s i n pi in-i
net si m CJC n a n
Stet inlii« h a d e t t o
Sono stati esaminati in seguito i l - u n i
/annti amplili*
bidelli e
i l u n i p i o w e d m i nti Su pioposia de] d d m
e h i dello che non toi- O t 11 confi i enza può i
u nel pi
v i pi
donne dei popolo t he si sono s i u p i i
eh i j , u u n t i
a ». d a
imi
O
i casi
e possìi i d n it
che sono i
i o m - i t u t t e o s t i v i l o ^ i; i n no e "^vVù
o n a non i
si u n i t a di n e a v a i 1 d i '
1 eh |)n p a m
fili
e u n ìoTA
bili in
o di \ e i l e p i
i
bittmii
C t d o j \ò
di o c c u p i un
te,-, n e ci me t itìeo e
v ^ i \ i k i i z / a i i il ìoi
l u m i n a l i f a s c i t i p c o l p e n d o inmietili io m o l i
p m d i l u i i ' sohiz une ni t u t t
h
nomiti
e
à tanti aivigogoli ì ge\a
n
m
si
st
ito
f
i
t
l
imo
e
a
) iti ehi gii a l t i p a p a v e i i d e l l a b u W(lHl\
O
»
m i he q u e s t o e n f b i s t o i i i j
o p u l i t o mi i tiie^icinle
a i G a z a l a e i Valle del' n i t li i ni u l t o n u o v o che \ u i
n l ' a t e / z i d ih p u s t t e m m i n t o e sopì a t t u i l o ì
i
m « n d o f io tonipu
v i L , n i i - i i p 1 n i/io eh li u a b me
ì del
o i più t o n o i aiu nte m o i i i
politi o i p i p m c h e l e i o ) ;
di t\n s! i aj>
n a t i dei Uu*5t c h e
a
ni
p i o i o n d o pi
gì nidi l e t i i ' e ? 2 a d bba es-, i ^
i i*t
i domani mìa
un
drììj
putida
aa
pt s pt note a quitta eh? 1919 'a masihtia
flumofìUé
fi g-loiioso gioì >>(<. <id Baìtìc.)
t a n o l a v c i e il l o i o d o n a t o e t a n t a
u ) donne
11 e imi a U
sono si ile | i d i ' m n e < e>3 i i o
naie etcì
o C o m u n i s t a f i a n pollanti
scali munti uni e
una Lsftii ha fatto la ma buona
pioni likta Ai tisici sì i 11 pi poto p i n c e
a
ni
liijihliteiia
acssuiii)
ut
sa
j
ctsf> xipoi l i a m o q u e s t o miei es aiaii(ì(
t
8
<V
. dilli u t
polii e t
. t m i t a b a n e sono p u f o n 1 m i t e le*
e delij loio potenza
flotta
dall'
n
omhattt ndo a fianco dell Ai metta co i itu innato i
sante aiticelo
u n u o v a l*o
i d n i n ì l c h i u ito e
i
U ou
p i n i e di d i - g i t i a l l t ielisione e Ut il e ì.
>
man
deqli t niqiolt
palaci hi fi, i i s i i n l l i
a
e il p a e dei
ha
; ìs,ufo'
k (cossa pi i la liberazione
(
ionia democi alien
d i i iiiii
uiqni
1 e
\
il
1
Ì i ad
i pi i wi a [hi c i e d o p u m a di U t o p e è \ 1
,hc
di jamatn
tutti
La
poìat ca i in p%c /iie;/id enti
campatine
polett die
Da (Ut < uni
ftv a i t U b u e n d o a d o g n i u o m o in
il .
t u i u t e t u t o il ]
( i h
i (ci C a e h m semai m e cieli i &ff
SÌ
ni
i
i
v
m
A
m
i
d
on
riuo\
i
i
d
i
u
e
p
e
i
l
i
j
s
o
n
o
p
u
atomo
ti
loto
i
tana
mai
ol
uà
astisti
La
stampa
<
libera
da
i ? tonlafliitì
potate lì Ì ie
ugni c a m p o della vita nazionale
clip
lisa! i f i b . libi o
Senna s u c c e d u t o i T e in . l a t i n '
. : p u ii
i t m la A n n i ! ica d o v e le donne \m
essendo
e inope a stiVa trai» \i ' c o n l o i
qualsiasi
infila n a
icazuniana i opinioni
eh u n
io
ti
lì pLSO di u n u o m o e n o n , c o m e
^ hi
lilla dii e n o n e dell
< Uni ni u n o fu imo t)(iile di tt}
e
li Vitti i n N e n
d u n e n t e le^a t illi ielu,u>
d( monti s t i p i l i i t o e o o O h m h i ! h lì p u
( tspni/H
l opinioni
dei
dati ma ioni dilla
ineot o Gmctno
ha dato Uno
vino dei imi
i d i i i g o i b ìa
o sposso
a avviene conni
i in t i ie v»u e A i (ne c a t t o h e t o i un il x p oli st n l,(ii
i o m b i i o it i i i l e i c c e do d e i q u
i sociali
(he
unaio w
del
C f l a n e l l e A p p a i e d n a 500 001) C ( ( « J Ì di ima
Liiìtìo u n
e a un banditi.e
nto
( t u t e elite venite f u n n o f i t t o gì nidi n s \ -d\m\l"<p h i l a
i o c h e io conclusioni t i a t t p dui
ìì pttpoìo ptiar o si menta
l i\ 1, p o t o ì) G n e i n o
ano w intuii
(htì tpoi"i
proprie'
Oi iniqui
n'Ha Siena
tndiistiia
to
|
ci
t n
e
7
piì n u l l e o d i e e n n i h i
i ed
il i n u i
di t i i h divent u ' t siilii v u ehi p i n t t
i uvìle
tatuìt
1 a u t o i e si a p p l i c a n o p e i f i t t i t a ì i
U nella -otta opciam di Ladz
nel ei t i tpoiitali i l
( h e ] i i l o t i i fi i n o
si n i o i l l o
non ^olo a*3c telamoni * ' "
o nome - a l l e
politile
t t a p i s * ; de si
una
un Bf,,ì m o pi i mille o d ì e c i m i l i
tinnirsi
non imitano ut a7 in con- d o i l o l o n
ir
ttf-tu,
ioni
e
le
ut
c
h
^
uaimo
di
Dombioua
in
a
ptutu u
td
ì lancia e
! m i anche
i eh t u l l i 'i d o n n e d i f n» ita pei se tiaht
osto n e
i
a
pei
qu* sto
fo
lo
s'alo
uni
dilla
ha
ta
tt
,
hi
ncll
m i n i dei ted
ìnm tediselo
ttnlaam
«t f i n p u tini
quelle ti a
a <
.
rna
ma
la i ita
m i pei c u
i eli f i l e l e n t i e n e l h vii i
11 n i ?ione
t felini e tnnte isidn^mni
connf ? tai \
se (un tonano </nt nella
i iìf? e
t e lordila
sono stati
listala ubbia ana ti] 1 i
st i \ o u p i si f u c s s f
t
st e e u ut
n a sto
thi a tu hi q a a si\
m l d i c e sociali e b i s o g n a a p p o g
gìugiu
Dopo il (/in ntìltì i< tjwiV dilotL
ivtictr
Sì pc tando munita i c t oli
n pò intanto
eh e l ì 11, m ' t e d i t t i u n dei i n s i l i n i i
v e ci*
i t nìo dtt
laa
no
ttdtstht
sono f h m n i f e pio
giat \ dt^tsnmentt
sulle
i nato Art li>3 ) lasciato
/fosso [ piisf
; e 1 npmiont
pubblua
ni da
<h me p i d u i i i b u i i h jii sol d i n m
b
un : lo
doma e eym f sa a
n poltu co 1 tra
ittita
ìfasti'iuia
Ar p ria dillo
stiamantlt
maaqioian
a & duna
oìcnni''7
/ i o n i d i m a s s a p t i coi^ con Unvto
{ÌU
d 1 pop JÌO eoe U t o i t - j i o
pusotubtì
t
me evo
u i
pili
udì
ai
'(noi
un
attndt
Vi
i*
>'
i'al
e
degli
pungati
poi
t
'
spoili si iffiini itipidaaii ntt
noi
ha hbtutto
ìa
in idi- al u j ' o i o scafo di (osi
\ i n u i s i di qui sta e s i g e n z a b i s t a mata pohu<(t
is! mi alle m i m a t i m i fondibile
fui n
eì il
ì n iose
i on il quale ìa hipubl
uà
nan
imi i
o l ne nuli
misn « li
dft
vmìt
delia
Confati!
a
di
tema
n«tn
? e s f n t h e il p u ? ? o di
fa mi i
s-,(
imo e i d u t e pei
<
t
da
ìa
stabilite
buoni
tappai
non
urne
homo
pntenuto
n
i
i
ì alia
o <hc il
Ornano
Un Qu
o ri<. i tot itila o poìat
t v i ti
« m un
e 11 fondazioni e't
i < c pei e s e m p i o n e i
tt m
dilli
dm nu m
Tol i
kl
pi musai io <v mia btist votala pei h talltnl'Hssr
co è stato
mhìtfntt
eosfthufo mne
m o d i t o l i t u t e v ' j dei cesi i n o i he fu ti
i moto
<
i si di Un C l o u Hcm.i
di hai
i dì
suoi
tniio i .Va/ i di maaaluo
e il! la
Ohno t ni v unta
f* stato
1! mano jsto'n la icsliiwto
itali
eie V x c i n s i f i n i ivi ih di ì m n o i ì m o i i s
utte
nfi «
" o"' ^ S " i t U c a
n
dt
h
nidi
a
<
dilatili
a
nto di f i t t o f*
l,as}<nto
et l u n f l i i f l
Quaì i s/u indiislì itili
ed ai
mnfì
u
o a d i n i ioni p j n n t i
i t h ^ ' mio
sui
i ht p e m n u i e n e l l a m a g g i o
piote
tal mime
viof/e da taU G o m i t o palai chi qui ili jìiputtà
cninsias-mo
dal 1>'c'ìl<
morta
tlii i te
'o ai tolto <
i n t u ì Ì l i m v i ebe hi donna ita t a Cai* i i i u i h
pu
tu p t
iltlh q u i n d i
e e c o n o m i c h e m cpwvti quattio
L
N
mesi''
dttihi
anvanu
toro folto Una le- poponi
polacco
l i m i e i i p t c e di i m n o v a i s i è ( a - tu t on u enn pi u n
mpvifli
m u i t u il
e ha
o c h e il
latino
La
fi libi ra La
p i c i eh d m n ile pi ime file il suo i o t i e d i h i t t u . i e n
ha e/ishuteme dciitoi m ' u a sul
i
a < nifi ta
tutti i
Ì,*-VOÌ( ih t u t t i gii
i sìa i m - limato
uà i lai mal ari
pubbiauna
ine
popolo
pò
c o i l t u b u l o i t l i n u o v i si u n d i t a p u i g n u p u b h m i e'
i suoi natta ah confini
ad rt naia i ra,)poitì
U mp i
a » là
u ComunistA di
heììa
a de « 1
toni tìtìh
vnpu
p o s t a t o ii u n a l a t g a b a s e di so- OiUntf
o
t pei hi tua una vai a
li i Ciò
ho esse h inno t i t t o t N o n e i do eiun i u i
e ad Otad ntt
Attinta t l ainminhtta
uh>l>
o ha
o
i le s u e b e l o n i la s o m m a d i h «88 418
t
sso
fui
i
ipif
so
Ja
f<d«
na
suoi
sopì
tlìutU)
il
t,ì
inde
m
m
i
e
i
o
di
b d n h l ? ni/ionale
Jt stata tunta
un Annata
j
i delle d m n t t ù i i
no di (/tu f fionfuu
hai ut alt (s
l^a h i v u m e di
o d e l l a ( b u i n a h a i n v i a t o al s u o g m
d< simi e tonfiaa
nel suo tiuoi o
cpie ti e uni i t t e n t e cosa ci sì s i de h l m >
<h< uni pit ndf eftì 11 si ci
a
e p t o p s t a u l a d nf sa si punaìu
udì
a di intuir
u n /! fei
n a i e 5.. 1000 < gli o p e u t i a d d c t l i a ' i a n e
e della
non si
u
ptr
munì
chi
t tifino
s o i p u n d e non c u d o
inaia d H alita
di non ini bt si Sialo
e qm
h
Ha m
Cabina
i di
oi « i o
a dilli
a devastali n i
n c n t a i e 0 n d a a d ^ s o con
c glande Staio
i'\
ntt ntt ddii ambii ria tonane
chi
Q u m d o l ( i i a „ n nnm i dilli don p o s s i e s s e n un o<*lmi
id e fQJ mia di
t t h iott^
dei i e d e s i h i in
dell
m d e l l a n a s i i t a eli
i di larOonc
aìh t tfutpatftjìati
putto popolale e
a le limi qiiistatn
anctru
a Londra
ane i n d i con <est
e i m p e t o delle d o n n e p ò l i Uno tmanc^pft
e di
- si aiutano
n h a n n o iaccolto
p e 1 « U n i t a » L , 1 33*»*
mi talliti «iTiuifi d* aitialuru
i i l u som» n e c e ^ s a i m i n e n t t fiiìi» t potenti ìitìpamtt
che Qiumdo tah
tm&ie a««it»foJio
nella v i t a d i un popolo vuol d i i e zìone o p e i ì a
a
?$&>
Ha laggtunto
U co-ipìam
Questa
Ai mata à di
aian
o da
i v i a c o l i c o n u n fjict & Umh
lì CD
;
'k\ui-
e e politica
UNA GRANDE VITTORIA DELL'UNITA' FRA GLI ALLEATI
Una ri un ©ne c o m u n e
a
i n srcinlisli
Unanime soddisfazione a San Francisco
per l'accordo sulla questione dei "veto,,
ti filine
Ài Consiglio ilei Ministri
LA
E
e i tinpi itali pitene faetiali* « u s a t a lenii li
i ili Vaila
vincerà^
E
Sarebbe stato raggiunto un accordo
"soddisfaeeote per tutta la parti»
a nei l a i l
La ;ona di occupazione
e
ali e della Commissione
La verità sulla nuova Polonia democratica
o
o con
dltolilara
i Capo ufficio della
fatto
e a
i
m
''
s T'J
a " di <d
trsnx
Sabato 9 Giugno 1045 —
»u, intende (he non
ne tinnenti eh p!
o <<m
e e )ct7ionina est mei
Allunimi della donni ed isti mei
.mi n al \ ( i o ceninutilo i n i
gio ,n
L a v t i a enusa
a
$«11$
, italiane deve e s s u t
muitt
a dei iap
polli economia e quindi
i cmli the
a dei 1
o nel nosbo paese Ciò e
Veto p u m a di fitto pe le etm
pagne m cui i
i del feudalesimo, n&oito unihc là dove p u «itt tendevi a siompauic e i affettatosi
d'ppeituttn, t i a di noi
Qopù iì
, vivono ancata e sono pm o meno sennini»
ìn <iua<n tutte le legioni
lia centi ale i mendionale L ' u a dille donne poi
a
<ìaì fatto (he i u p p o i t i sociali e
Civili
e fiati si ti
o
dalle campagne nelle tittà e a
Spiasi tutti gh s t i a h della popòe mischile e femminile eno
a famiglia e vi
n o
i paititolaic di oisui e di
e dando uligine i u n i famiglia the in
e
i d
a e
a di
tipo schiettamente ftudale
Alfio
motivo che
a
a delle m i m e femmi
SÌU e che m
e non vi è stata
«lui ima vesa vita democialin
vi mno stati
i ini ehe si ehìamavano
i istituti (he &i
ehhmwuano
i ma una
a vita
a e tme una
dilezione dello Stato
a
dalle masse
i
o
ì
o
i libeìamente
eletti sotto il (
o delle
se, una tale vita politica non e
mai
a e noi dobbiamo
i
conquista ice la
o della
donna
e -d e
o negli ali paoì=U euiopei dopo la
a
a mondiale da noi non vi è
stato, an?i,
o in questo momento è
o il fascismo
con una
e dì
e
mmte
studiate e applicate con
a di conti olio e
ne eho. si estendeva a tutto il paese, spingendo la donna di dece i
ni o decenni mdietio Filma di
tutto Sa donna dal fascismo è sta
ta
a
o dall'accesso al
o
o Vi sono state
leggi, ciicolati, dnettive speciali
emanale dalla
i a dei fasci
le quali temìevino a
e le
donno dalle
, dagli impieghi, dalle
m hbeit t
peisino dalle
e Vi 6 stata
una legge fascisti che faceva pae doppie tayse alle studente s
Su delle stuoie medie e delle Unià Vi fu
isino im sedici i
o dal pailito fascista, Augusto
*ftmsU, — dio non capisco coni
non abbia l u n a t o
i il suo
, - the fe"i
o n cui
a polsino
e le donne a n d a t e l o in
Chiosa» n quanto aio le distogli
¥s dai loto compili casalinghi 3
heathih? tumpag-n»
a ho.
fatto il ìesto Le conseguenze di
tutto eia sono state Uagitile pe
1» donna italiana Nelle piovmee
d tonali, nella Campania
in
, in
a il
e
a ha tu
o i! p i a c e v o
di eliminatone dell'analfabetismo
femminile La
a delle donne
che sanno leg-geie e
, dal
'21 al
6 non aumenta più con
eiiente
o eli lavori pubbli
Quattro anni e due mesi di reclusione
"Se nel 1922 sì fosse applicata la legge, noi non
questi processi,, dichiara
il
mo qui a giudicare
l i n o ci n
n <
dopo ! invilo
d i l ìc
lì
duce
o i d n i -,e
i l ] * s t iz-ione
i aitare
1 iti
gUitto'>
To p s g i i — d
o p p i pf i c h t
'
a fjtte come
A n c h e q v a sì i v
i
i Co t
uno
( ^>i li
i £ d c i! b l i t lo A
i d i m i i-,iovi
Que t i volt
hi
s
ini ( i n
p
o .1 l_d!f
o i! d t b u o i h t
i ino
: iato
L, u d i t a ,
C ^i U i
u n i i
o ] ustu1
o
(Giov inni
e
i
,ei i l e
dilli
t
d u :
S t a m p a fl i o -il
!
Ò C O 1 in ~
bo già
n i d i i?in?n
Vil* J ibppn
, tipomfo
dtitj
a
L l i moglie de]! i m p u n to)
i l i p u j o n il
Ctsjit- i
t„li
— è
,i a n e l l o è 111 i i k n i t h e f o i m n
i
i l l i e t u i N t t n e l 1311)
ì ;
1
Ta v a ^ t ì n w i i / i o n e i d< i n q ( i
h a tt i d i t o k le^.^1 d p i ! i d e m u i i
nei
4
ho
i a n i ito
e
litlì
tcìlo
i
q v i e l p u n t o e i , l i s -,i g u e
u „ u
quando e
o e i^i c o m e q u m i
fa il « d t m o n a h o
S u l l o i c a n n o d i il .
U
i vohmn
o ti / i i l o 1
dcfjli s<neh
i"i i t i
! gli
a
o dei
nubbhti
h a n e e v a i l o il c o m p ^ n t
i
o
e i
i esentanti
di
i a d d lm
o di
m i t h e lo
h nno
o s u i pi obi* m i
genti
della
di joeeupa/ionc
^i
e
i
o d i e con i
i d e i u si
d
s
p
o
s
t
o
i
n
b
U
o
l
i
i
o
U
n
t
alto
s.1 p o t i a n n o
oecupait
ollic
di
e un avvotdto
ì
i i Venezia il seguito
l
a
o
-L ) i di pai le p-ovc t t s t m o n i m i d L A
. » della
, Un
piopo&ito iteti
o del s p a
.
n n >n , , h h n m
d Vintnnm appi en! e meo n m
o »» un v i l e ! n ^ i f 1 5 C ] t t i
t e ì u u i i ti iltc d i libii e ài
che oltic del miminosi a l t i !
i c o m p u t i lo stesso dovia o il
m i o eh
e 1
c
e deli i d e m m / i a alle Sb teestbe
vi all/ittlvltà paliìotii\
u< \ a ! ' n ] AV\
e
i deiestbe
svolta d u i i n t e 1 o n p i e l i o n e ic
o come un d u i d ]nn„ ì
.'ibti
a
a eliti Oig*m infezione
imento
l
Clinde&tina
i ed
i di
io
L mteivcntiomo
C ei?li
a
o
Ì
n i n o > che i d e n t i e n c o n t a t t o
Ln
o di j
l di q u e s t a
t c h d i(
i 1 lippo C o n i d o n i io
V i z i o n e si
o paiw
!1 f i s n s m o
L i\ vocilo
o
a del
'i ^>menlo col quale teel i mc ii vniil lee n ce ol n p i laasss si m
w
e
ur
ìstenzi
dellavv
p o h e b b i o U n ' a i o di
i tin- A l e m d i o i & t e f m o ehe faceva pai te
e
e i e l l a b u i d i stci.51
t i b e l e t il i idi c
o la l o t l o
- t g l i dice — h ì f
ca ; m dal 19
i dii n^cie a (lei ma poj
i t istilla di
i e siahv 1 i
1
i i ondt*nna inflitte
i-d i n b a n a k Speciale e chiede la
is^olu/ione Questa e anche l i tesi
he s si fnp 1 imputalo m un ultima
di hi
e
o un oi ) d
a di consi1 o il n «-ideate les^c l a sentenza
i
o si t jiftnuio tolpcvole
Vi
i t w-afiuendo deilc a t t e n u a n t i
1 v sf d i l l i 1 £f,i{ t. condannato
dì j
n i di m m 4 e mesi 2 di
-
UN
E
O
E à tenuto domenica 10 alle e 18 a
CENT0CELLE.
à il compagno
ViliO SPANO
Stnbi
a che gli vvocati d e l i d ti
mandano
e m
cd( d tsi c u p o n e eiu i 4 a n n i -siano toTip i t i t i nei 12 a scontali
o 3* (onci n m i del
e spet
il
e del
À
a crisi di (inverilo
C* ASSISTENZA A l REDUCI
Esempi § solidarietà popolare
Sabato 9 Giugno alle
e 19
Asicniblee
i
o
tenute nelle seguenti sezioni
di , C .
, S. Saba,
,
,
e
,
zini,
, Colonna,
lio,
,
,
, Giamcolense,
tevenle,
,
,
Casilma,
i della
e
a
o sul tema:
« La
i di
o ».
Tutti po&sono
.
Uno spiacevole incidente a Ponte
o
e la sua banda
e
uccisi dai
i
i pressa Gimmo
TS" nS„.*-\'.ìVi; mij;iii a! Cinoma Costello
(Continuai
Quando
i
i
o
e dei
2
e
dello «lasse operaia
—» Jja cellula Aziendale
m
pvm%
A
i ha
o
p e 1"« Vnita » h 1000
-™ o l i
i della
a Ongel
la
e ili l a t t a i a ) inviano al
o gioì naie in
o di solidaà 1 , 1 Oli » m e n o flci compagne
ì
_ (4a
! ai Slesia h a
tà
* J» somma eli
inviato pe
l,. Sì 230,
e
a lt- sue S e a cui s i «on» distinte la
e di Chiusi e la Sezione di
i bonsi
- Xìn
o ( « e n t i dì , 8
ìmteno ^
»
« ^ ,
.- i ! c a m p
e Gaietti,
o
a
»
di S n k n m o di
nW
»
! 1 od » 1
l ì d ' i d o n n e dei Noni
l . imiì
a i «nmv i compagni fie]llUim\
t . -.ni
i t o m i 1 quìlino
%
nìi\ t 1 'Ì50
ÌU
*(*mn*gni delia S e / i o n e Von
i< p u i m e
a hinn»
o
pe, « ì
a »
somma di
2 Olì
- f i thlegate
a
a
ìnnmimh
i hanno
ioha, l% s o m m a di 1. 2 0>9 unga*
e dell* claissc la.
tatui» al
v ut
o
semi*! e
c svi
luppo
- 1 tomiiifinì ì
o e
a
s Visoni di
aj n
l e
a dell
o i
o
o (ieli%
e
o
o
i
o dai naasi
ft**t-i',ll ,,11.-.mi- » . 1 Unità . U 1000
o Unita »
a nod: i ejma É
pe m
m i n c n t o d a l l i G e i m i u» il t i n i i
o i i m p i i n o e e m mie
Alle di
i
i Oi i ci
o mi?; i c il
o
in
i di o l i i m n
mil oni di c e n c i u m i
mbiobn
aspettano
Un tuo ifciiduo
e
Fmiho f t n
e
) u n a signonn
a 1 lt
del
o gioin ih
fa V e d i
e ehi- voi
e ,i n
il
a de i
i O n tutto d
colmo c i ò
o
i Ì Ch islis
questi nostn f tt
s d i e i c i v i e tutti
i
i nf i di
del Sud
i
ni n li
peni i
leu
uinistid
do voci
u n n o
p d u
pe
l i v m ne ntl luo i
n
e
i<
tendono 1 loio e i
i
che
n
il (li.
gneu e d
i(1e
o t
il
e i n o i pi
e h o tu
in
u
i i
"
e
t
i n v o h n ! v oi ( h e t a n t o
© avete ^ i p n ^ i o n i e i l aJhn^l.è
tontinmitc a i
ni
o di tutti i
àiEtan
i filiteli i
Scaloni brctU
aliato dalle due lef? da numerale
alt^e
io
c pe
o ci hta partì o
Troppo
t
nuiiie fi cut
<iqic
di
iiqll
sono t , t a i i
dalia
loro
vita
noi male
e
o
hi "J
i imi
contristi
tpi\t(ìari
s e h hanno
con le
loro
jamiqht
campi
dt
unni
mentono
parlare
di inedia
l'oda
cht
f s s i o i ( i ano
laudato
cr"
dendo
alcuni
di
a piti
grande
am
o altri
dell in ttihia
del l io
e 1 - ' se t o u
p(Jilar<
deìU
i
! in ftininh
d i e ini s a b i t e
e
l
de nini
tornar li p< r din
la
loro
. o i ( i n p s s loiioff e f jffi a « U n t
[ i d n
i t i u delle
idttt
alU honilt
i
ìli laiìpatme
alla
rieduca
ione
Uh una tita
W i>naU
U ìo^o
desi
| d ( n i il
c
tende
insì
aìitn~
t il
t( > CÌS > questa
iVinturath
e ! ansia
fui f i i p p o
pmsti/i
una
di >U Un
fnwol
e «
mollila
e lei
11 al ti sa dt una rapidi
far
o
}
i to
ai
1
etUn
iiii't
i modi
ti
ffnpj>nn
ÌC di q u e s t a gre
i s a n o mi*.vi
o
t
non e
a mo sunbolidte
offerte
di
i t e d e s c h i die
co
me scluni
t dorrebbero
lavorare
per
noi
chiediamo
solo
che le
braccia
dei ?iosfn fjicuam
t CÌ
vengano restituite
perche
la
loro
for^i
a sostenere
ti
peto
p o s s a aiutarci
materiale
e morale
della
nostra
s'
funzione
dolorosa
Nelle scuole e' e
pe g 1
a t onl
o
Cara
«Unita»
ti accludo una v ujnett tolta l i l
d i a n o di un alunno della scuola m e dia alunno che meoia fai diveitc i
se i n e bui
i W
i
(Nclid vipneltct «.otto la data 28 oti e ppi e s e n t i l o il fu duce ce n
i suo q u i d i u m v i n e i suoi s q u i
dnsiu
1 iempo o no di
e la vend i l i 01 libi i t o n t i m m ì t i d i massime
e vignette fasciste' Smuovi e qua ( u n o t h e fa il
i non
e
ni il i
f Giuseppe
Andolfato
Se, one di f
7J
S ,
A itomahili
J
e S
mPCStr-
SALZOLAI
di
l VULi
i J 12
,
u ma
u i t mi,
v(
Per rf potenziamento EieflaCoinmissioiiE
ccu
Uiumom
sindacali
M I la e
i
Convocazioni di Partito
T u l l i t comoasm a r o i i f u t a n d, t i m i i
chd siano distiosli t mei ter It a ti «suoi
none nei v sitare Se* om <!i Ila urovut
Eia sono » c g i t i fli Dassaro rial e m t M .
i,t>o M o m m i uìFinio Prov n n a ttells Fé
rtoraiiotto rti R o n n
Oro M
OenioceHc
SABATO o
libi i u i i - j t c l n i r i a
a
Agitazioni
Se*
o
o dei fitti
LÙ
Che faranno le camionette!
o
li iu
Lo m a a s t i a n z
U comuniia <A seguito
delle decisioni
e nella ì iunioiic
della
a indetta stamane pie &o Eli uffici dì Via pielio Cossa 12 1
la
i dt q u e s t i unione h i
i
^
invitato t u t t i ì
c hmnecl
t
ziti a
o
Nel
o della d e t t a mintone e
siala n o m i n a t i u n i c o m m i * one die
à 1 opei i del piLsìtlenie d d
li
al fine di
e quelli
concessioni che pennett ino il m o i e
a t u l l i 1 camionali stl e sciupi » "
Soc
m
Gna
'
mento
tio\
11
Lf*7tom
r
SOOOtA i
t ! t!' P 1
lnlKr.1
L
IO
d li
ti
1
H
o
St t
» t
O
VIAGI
U
B
pi.i
f
eie ti
l'eie
pel
O - GENOVA
OA
E-
a® 8 & © a u
SANTA
q u i d i t dello
e deli l u d i
esilila u n m u t i
i slni i
mi i
a don
n i o n e in pist i c o n l i
dei m
l c o i l d o i i d i l e t t a n t i e d ti
levi d e l m o m e n t o
e
i que tt
f t h e i-la d i p i s e d e s e c o s t i
n ì più
tuiiscono u n n i o a i i m n n
itti i e t t i e c u l t li
i m cimi ì l e t i e d \ ^ i t etimi
ilo d i d c m i i
si e s i b i i a n n o l i d i e
o sifdilila
la
p d i e si p i e d e e l o e o
pò di
i n e n i m miei i seni
i t e e e s c m i e l i pi i t C Ì di u n o s i n 1
v m m e n e
"ino e
e ilwo
melili
i icle u n
iii t m f i
i mt>,sì Sioi
i i l " e tt i d ì l l i
N e i n n 1 e n ilio
i u n i c u i e 1 ti
111 l i | i c s i t i o n t e d e l l a d t l e i / o n e i n
e d e l ì i q u ile l t m m i t e l i c i o n e
siiti oifnni//i*a
pionuitceia
biev s s u n o dì coiso
a a aaaatì
fitti
ArFRElìftTL-Vl
n iii.topulin in < t o i p t itemi
t posti nuipt ifUi
n ,i d ì s p o s i / u m c
i 1 /m ( 1 indio 16t) ™ To»
1 i d i (-221U
1,0,88 e
c 75
c
* all'Ap
! ilui
- <i(ÌAS nondie p l e s s o
pio in
e del
e
< ttloiin »
della Gioventù
\ i n U e i l n n l leni
'1 d WJJ1
o n o i i ' e dotnunente
la d o l c i , 0
zone (hi
e delli Gioventù Alti n" h e p i e ^ ,
n che si tiovn in questi „io m ( S o d e t a luti i t / i n n i l o l N i M t l i c M à »
i
a h ii'ieiio C w t l l G O
x d d i idilli
i m e it Vii 1 i s i t m i i o i f i i l * ' / ! pei
tlom nifi p ossimi i l ' e oie 1(1 SO u m
i i in ìc m i iifc=li/ione poli p s t i \
popò! n e to 1 i 1 esso gì
o i\
Alotav dodi omo App'o
nido vi'evo pei
'
'
f
t
f
a
/
f
o
n
c
1 to neo
d )
l
l'i 40
-
U
L
a
\m _
u N/
m,i v
m m
\c
i
n
A
mt
a\\
i ttin
pi nnus
', ';',';,," ,ml
n
^-hJ^SJ^ JJL. ^ A N
doli,
0
i
4
O
|>fLtE
*ESSUftll
4
1
1 lfl 11
ì 1! 1
.
„
l alle o i é 3 "
a dAitc
l studeii'l U u l v i s t
i in
™ \V
i 3
a
a
a diiìUS
La
a è upe
a l pubblico
ulti 1
n
dalle
e
alle 20 s i n o a l
o lfl e m
. Uff. Alfiedo
)
1^ 10
Ci
T n dlfT de
del
Loti
O
e
WAilCi
O
c
O
Os-n il e
ubi i -
O
A
p
S itti
colo di b i ì l e l ' l | ]7 U) b u i a fi m
ma» O
Cimi
N no
o c a l e il
a le
i n i: m ^isi
"O » O
e 17 JO
, e n «1
j
e
oi
a » A
T<
15 30
« l a
(tatua
elei
milioni »
Y
N
via « u à « i o
t attui
tutti J
m dalle 10 a l l e **i
!
mento Attiazimj
di m
mar to
E
i
Li
fidanza
o
i i fili i 1 t v ! t
mia
e
e Castle
O FONTANE
e 1730 C o m p a m i T i t o
O
e 17
s ilice e vecchi n i i t i p t t
SALONE
A ni*- 1 JO F ; p ne
o
«
t se m i i l i n t
i bel
lo» A
O
« Tenta/-me
E
G
17 J0 t o m p igni t
ii
cimo m
( f ebdte a z z u n a
VA! CE
o n
2
o i e 1S 0
Z 0
A
e tonti
o e
> d
icc>]i
le t
fìf i di
ni a
o
t
] eie a C i a Ce 6 n
O
a 31
ali A p p i o i S G l i u
in)
a
e 10 J0
o
A
e l i 4 i u n 1 lot,0
. Edi ot alo «*
Cui a n i d o k u t t H-ìri opci igiona
!
i O 501
t
O t
_1il
')»)
O i 8 JO
.
en
. G.
PEI OHI IN FlEìfl
. Giulio
s
-
O
O
,
A
i ss
d
fpt
Ui
nib'-1
S
t
n
1
la
i
Lit
i
ne ne
iifbb
Telefono
ibl Q>t
l al
E
f i
a A
Via S a n Giacomo 25 l e i iOWì
h istituito v m^gi i egoUu t di
anditi o
o con a u t o n i t /
Ù\ veloci pei le se gucnti locjiltta
\
\ \(
4 - T
o
Toi
t
i
o
nett, e i 7 n a n i
tdtsJii d vane
s o
Affilila
mie
a Appli
-nula
s
i
Noti
a con
E
! e Vìtiì A-l iA u g u s t u s LA famiglia S u l l n t n - Automi
n e
à
i
'a p
m a e- s t a t a ' v a
i la
a e ta
o
Castolo
a e villo o s i
e La
O
O
V
L
f C
O
f.ì N T
\
i
T
l i limitata disponibilità
dei p o d i
in t e m p o
e
m
i d i ! ì>ishi!i/ioin
.
LANZ
e
ptlia
<
i
'
a i lì a ?
ij_
l o
il
Gabinetto
m
i
i
i n a a* Sui
o i » a 11)
o
a
i
f stiv
o
u » s » o
t Comm. L,
E
EbSUALl
veNElCE
S
i lied n n a t
Ènflevn
t
A Ql SCOT
11 ( ) «, i
T J m \
Situilo
cit
a
a
ila
Dir Comm Doti U
i «.( i
l'pfie
E
o
clini v e
mi
T-iiia u n i t
e
i
l
nix!
L. i medie m
"U 1 ( - l (
" ^ i ' i
> ( r- * Fon
e t « 17
.
"
i] F i d i l o ConniSe c ah 11 piccis odo
o fi 1 ce e m i l !1 o e u
] m a cititi i i, c^sa e inona
A
A
E
f
MO PESARO VERONA MANTOVA Nf
To n m sono ihitu t i t poli
POLÌ
BARI PESI ARA COSENZA
e m i come si mio s o p o o t t n
"
h
e*
"
1
<
duce» sui muri
e indente
(he
e i dot i quii i ^i pie fes'
o a n c h i e s i a ovuntuie
la
à prima di questi atti
i di
o posedno d ic km
che ned incoscienza d chi h ce ni
i e piccole com miss iati p e i otti
Fiaiw-sco
Luti ì \i
mette m p e t c h i a n a le mattagli? tu
te
n il (
Si
u dei mandanti
nso!« spc so
a quei piofes on e a qieet pievtdi
OV-V
A Ne
91,
l ittcrc di q ic lo n i c ce 1
chi' h a n n o inculcato e « m i n u t a n o ad
Via V i i t c n a
3s (t t fi
l l
inculcare nelle gioì ani minti d v
Telefoni. Cd G72
della propaganda fasci tu
La mutola dive essere epurata da
giql
ardati
pio fasori fascini
dai libri fasi sii
r
Ì gì !. a
dayti otfpfjtjiameittt
fascisti
liti e
o a s i ' > 1!« lotta c e
«frasi storiche
che ancora
mo
flt
pan
e sai
i m molti J<jf t*i
i trai e ddla oro ntii ita 1
crto\\
i puajido questo ara u m '
fi t f i a t i c o m e qitct'o
i
to non i i
o più
e di
crea o i iu
- W d duce
! re ne ÌL. U l i n i irò hUon
; one i di agio nella popola
latrine
degli
i ed i
gioì ani si ab'Uieianno
a inquinare
e on la loro tt-sta Chi ne gnaaaa u r i
S'ara Lentamente 1
che niioi
ra nei suoi fiali p it -jc ni
i la n
paata dt difendei la dm nemici ni
terni < d ertemi
jumo
*
t
i
A SETA
. F.
GENOVA
O
//ii b 1 ushtchio m
o fa la A L
e ut ci lo S il i
is
ni ti / i i :
i
Nomei t a to t e (1 / i e
Ninoml"
t a
Nuovo
O le stuhi
flt
oca
in n tu Olympia C i Jd
i
Otta
u i ce ti j a
i 1 no
i
\
. Off. E
i
A
i
À
J
t Oi y i F
<1 ( n V
liei
a
i '
e ma >toj T < i ( i 57 t,
J
« S ili n ,
ili)
V 1 it
i t i
li, Tt ;g i(
o
t. i n o (i 54 ( m
i F O
e
S JQ
,
0
>i
i
e
s i i ii
Udii
a Oo«
np
tonni
t 2^ 4J T t l G 1
O 9 l i e e 18
A
^
Gì n i l
iocaii
u s
r>w,
ùoìartm
..
A'simj
floniveista
/ i Tamsod
Uì,
n
.
icicton f i i
tH
f m i i t ó w i
ll(
i
'
fl„ctwi,
e
v
l
=
1
'
, 10 SO
,
c o tj
S«3
u H 1^
1
n
O
LA
4
!
1 4"'
i
i
doypis
u vi
A
1
n
3 mila l u e sono
i
i m m
c a n t i i d u n a v e i i l ì c a di t issa o p c
tata ilio spaccio F l a m i n i o tlelli eoo
a « Aldo
i
e punsabnc
d e l l a m m a n c o è b t a l o i k o i i o s c u n n lo
s p a e c l s t a p a o l o V i e c - i l u ? z o 1! q u a l e
n o n a v e n d o s a p u t o ci n e s p i e t ; i / i o n i
suili somma mane m i e e stilo
del
Fljm mo
mato dii ciiablmeii
sotto l i m p u l s i o n e di
"
indebita
a
TLATS
i
p ine al e
c di>
e dei Comitati sindacali
Itaca to t d i l i p
Un commesso infedele
» f mìì
8 CO c e b ^ u » T i
l^l
ne ,
popolari annonarie
o i
U con il tìis n o alle
i n o vìttime
o u n a mez7oia sopì igt, lungo
v i n o alcuni v i i n d m U clic soccone
v i n o il moiente e lo ti
v mo
ali osped ile di Gubbio dove
o
giungevi ciidiveie
Ancoia non e s t a t i a e c e i t a t i t dentila dei ti e uccisi
io pn
Se/ime
1 i00
iti
d i e
nei
piese
7 Ji
1 m o 1 10
1127
d i CT \ O
o 4 000 b " / o n
io 2 0 0 0 ^ e / i o i e d i
v i Si lìOO b e
ìon
ti Ve
) i ? ''OO & c / i i
(1
"olvciui
1O
So/one
d i C»
e
t
si
fat/one
di
i 4
a *~e
i
, csso di p a t n c o l t ì n
lAVà
a
u o g o alla
c in e c o
'one
ti
, uno
f>7" )
^i
iomia
i del G c n o e vile t h e
line ti
i
2 ?0Q S o / i o l e d
i
i d i iddi
a Cime1
" l u n a 000
o 1 eli i « 2 0
e
polla nffidaie
l a v o n con toltimi d e !
O di
m
:mitati su
d e o o 4 8 1 0 Se z o n e d ì
i
;li
i a t o o p c i o l i v c dove non d i e i h d i e d ^ o n o
o 1 0 0 0 S e z i o n e di
c i i s t i ui i
'e
^ia
a tnecialita di mezzi di p i o v u t o 1 L ) i c - 4
at'ivita
dell
l'OOO
b /ione di
o
ncia Q u i n t o al
e ito dei
cileni
L p u
! >10 S e / i o n e t d
i i t i 2 7^^» s / i o
disotupati e s f afo istituito
o il d e l c e s i a d e l l i \ t d
lit
di
i ilbefma
i31
S t f o n e (11
o olle
e pub-bln he
e mo
2 775
Si/lom
til
Cini
C o i s d e i m d o e h " p e i m i j o i .ìt.
l 2 J00
Se
1 O00 S ( V o n e d i
del Lazio un ufficio pei « n e t h e ti L t o n d i ? i o m d i v i l a d e i
i
zioni di
n T00O Sez o n e di
conta*to d d l e o i g m i z / a / i o n i ope- e p e e v i t u e u n i
f
p
mì
i «ft 2 000
i
dì 1 l i m m
i e,
e ali assunzione dei 7 o n e e u p n o i t i m o
u
i,uìn 1 0 0 0 b e l o n e eli O i b d i i l o 9 " 0 ) S
a ^occupati da
e delle
e to
i u n n b i ^ j citi c e s t o d h i v i - / m e d i C i v i i e l
800 Sev o m c i
E 1 questo un p t i m o pu-pSo con e - vi m u c h e a d u n u i m e n l o d h i t e i i s^i 1 8 6 ( J 1 u n z i o n e d i
o i-,
t o che si compie p e la iisolu?ionc l i i b u z u
i «15
S /ione
eli
o
Comildi
Snidatali
de]
a della d i " o t c u p i / i o n e
l
Sezione di S c o l i n o Scilo O
i 10Sd7
4 7 o n c di
i1 q i a l e v i di
o m
o di- h i n n o c i n t a t o e h si no p o i e n z i i t t " v o v d i G
h
ti i l ; J U Z o n i d 11
i ssioni
n
i
1
0
0
0
0
S
e
/
o
n
e
ventando
e più
e
liopola1
e
S e v i o n e di
di
n nm
o t t e n i i si
La
L i l i dallo
o anno
o vuebbcio
'
'
t l d i o rì1'
tv èva chiesto al
o che \ e u n a b u l a e d i e p o l i ibbe
ò n di
U(
e 2
s e / o n e d' S i n
o subito inizili] pianili l a s o me delle
o 400 S z o n e S i so
O ubi
i pubblici p e
c pion Ì0
c di
i le c i "i00 ^ e z o
m e n t e il
a angoscioso della
ni d i
n cello 100 Se? o le i h C v
t e l d c l n i n o 3 0 0 0 ( d i l d m t s e n t e ->oì
disoccupazione
o un anno di
? s o n o d a t o p l t e i e J J a650
e alla
e delle m c - s e si n e c e s s i i o v
o p iene < ano u u
o finamente i p u m i
- U z z a t e n q l e s t o c a m p o le t . - m i n n ei dsip e s e se f ef et ot t udi lme md i e111n F ^Gd' ooit ini/ ot
dimenti t h e fanno
e nel e - z i o n d i 1 i v o i a i o n
de
«limita»!
Segoni
di F o m o
Coi- t
e l i u n 4 0 0 0 l m s n u p p o d i ope
S n d ie i h h i n n o u b i d e l l
n i dì
i mo 1 Jìi
<^ulie q
l a i ^ e t ^ s | , (he
ti t
n e dell m m e i i o d i
i s ; senti
S d m m a tcitatc L
1 7 4 1 7*11
to d i d i n ? o n
c o i e i n u n v i il
e
le oxll
Un inquilino sarà i! responsabile
Orario: dalle 22 alle 6
[ l i i i i » oli arresti i fsscisfi
S
iuemila
a
m i n o
seguilo
a
al i n 1 i v o " i
secondo ] '
pe
cui sono pioni! i pioijetli
Con e fiistem-3 d i e s e c u z i o n e
pc
quei
lavon the non
o i v i quelli
i
i n a i a t i o poi sospesi p e i l i
e1 p e c u i e n e ^ t ^ o n o i i t a l i c i e ( p e i
iasioni tecniche) t d i m p i c c m pos-
i
>t i o n e
i Esqml no
n o
11
Ga i
e
«11
O
h ledei i/icne
v
h /ione
\
tu
C
S cui
C o s e o 4.1 ) 8 0
S
i e
Ì
2 i n
b /loie S koe
m
ta
„no
.
C f
mt fnim
' >00 s /
i ti
e 32 COO b e o i
ih '
l^
C i olo G i o v i m i ,
A
eli G i o ^ e a 9 116
C< n
i
00
el S e u l '
eli
ni ti0(
1 ìli
Luce n e i scile e negli anaroni
pò di die ^n l:-.) i n / i tov-c a e t,U C o
!
i f ^eist,
dell i pi n i oi i vite se s*n U i i o dei
i ÌSU s u t
ò del f:*scio m i l a n e 4
1
o i é m p a di
se' { pò
! in
o del mon consiglio
li i i t i
< ce
vTebbe anco! a
un t i difo eì 8 anni di
i j;
h^
a
o immmemcnte i
Finalmente il p i o b ì t m a della i l U o m n n vvin d i n delitti'
m n i a / i o n e delle scale e degl and <V
Loiatoie * ti
t empio d u ii't
ni
a 1 Stollo 1
a v v e n u t i a S n / i m m i 1*122 500 4 i
a da oggi la
infitti con
Lapitinit] da
i
mvas
commibsione p e il
o suda
itia Tu o p p n l i
L isUn/i
ì o n o dell enei eia
a
t o n i o ì 1 j i i h e q u : il
i
i
del
noid
nono
a
n
d
i
t
i
1
ha
disposto
che
ai
i di
o ni he e impanii n(,p1une(it i timciiiti G-i&tone stabili o ad u n o degli inquilini da
he il
o sveste s i m p i e l e i
i ini
An 1 d i l l i h i n d i
essi
i
a concesso u n f>uagito (n quieto m o d o —
n
i m i t o eli (ompib.nl dell i S t / \ì\z~
h pei
i lem i t o Glulimondi
o plcmento mensile di 15
il f i s t t i n o
nebbe
- /mi
e l e scale e gh a n iniin Alfiulo
i militi dellJ 1 otc
»
i
o Vden- dioni dalle 22 alle 0
i l i nto
L
e conclude 1 impui ilo i ti Oiihlt
e dco Umbeito GiàUna o i d i n a n z a
a vieti
e dei
i i s t u t i i a n q n i i t o y l a u b e t l i l e n m t t ci il coni.
l illuminazione nelle
e non comìL,m f ci illa
S di
ò
ì
l i legge gli s a i o i d a 1 Utcnumft h
o dì
e
(ompignì d i l l i Se?
i E&quU pi ese in questo
ve a ^ u n t o un a t t e p j j i m e n i o osi d e
Tutti
gii
i
devono
o
h
m
n
o
f
eì
m
i
t
o
Claudio
i
1 fasciamo
o dell inizio de lì i
lihuliìe dì Giiwianj
te domanda alla società disti ibu ucwtnte |,iu a
/ m o t t i Otello
o Glo- ee indicando 1 u t e n t e sul
c
o vi chiedo]*! tondetnn i ti W a n - v omini
3 i indio
umnnle p n i
à esseie
collegato
ni di i e d u z i o n e »
ì ì
i ito noto delitoie e ta- del quale
1 impianto dell illuminazione delle
Seguono fili avvocai!
i V,- le i 1 m i o sono i t i t i ali estati
. scale
e o m p m n i di ìestnecio n
i lnedono 1 Tst,oli]?Ìon
S
con li
Lavv
ni
o feobitene the
T omp
di
e
a
no al 3124 le gman-d eo^titn/ioniii
infmt
ito al
i
non sono s t i t t violate ( t h e co a n m 1 ex ufflci.de della Gii
o Ta-
; f^iun|,e
il J O p o l o k t o n o s e il i k m p o
n U 1*122— ( L , 1 J d i t e i los«hi
? a p p l i t li i l a l e f g e
ofj,j n o i m r
o qui a
L u t t p c s t i p i ">
L.%1 T u l l i i f i t t i t o n i t m o l ì l j n c i l
i t g f i t d d 11 l u t i l o 1943
l n v in<
i di paniti di] codice
N t n s i p u i ono
e i p o t e i i UiVo
m
J*
dt
o »
per duemila disoccupali
i
sarem-
o della
.e
e de
!
11
a l s@>*3i*ca C e s a r i n o R o s s i
'
% f Gif i § f U f | £ i < v h t ]
CORTE DI GIUSTÌZIA
10 atesso
o con cui
a aumentata nei 20 o 50 anni
i
11 fascismo ha
o alla donna
a e la schiavitù e l'ha
a con la diffusione dì tutta
lina
a di cattiva lega che
tendeva a
e in me/zo a
le masse di donna tenute lontane
Noi ab'jiamo
e ì i t e m i t o che
a pi omettendo dt
dall'attività
, dei
i 1 assi-sten
i ai
i wlt uomini che 1 o u n i
a
o le
ee
Ì e
i di
,
«oliiliono pe l a
n e d i e O l- i i i l o i m b u l m ^ e non a i n v a n o Si
con
i immessi l i u n inchiesti e si viene i
e
fai* s p a i n e tutto o,ut ito si sulle coi ms ip w1o eknl
delle loio solfe che il l u n lonaiio giunto ella b i n i l a
deve
e tm
e lavoio telile los t. un doveie dì o{,ni i t i - c e» d'ietto i l h lesta delle 3 autou o (he i uiibiihii/e vei^o
i m
o inltgianto della battaglia li tuo AbWinio stmpii
s
t
i
i
d
i
i
d
i
e
p
i
s
^
i
p
e
i
n
- O l i agenti del
i i t o della
Umino nel campo dell
n t d
pe
e della donna lasbistcnzì
i
CSiibìfelìa nnfoizvt.
dal nucleo tete u m i o
i l l u n i , u i d o c o s i 11
pe colino t h e
n
J
eie igli oitlini del d o t i
i hanitaliano Questa battaglia è pe pen l i F i l i l i (Jl itili mi sì t i e \ i * s o d i 14 i n i
n o
pioctduto
i m a t t i n a ali alba al
o n d 11 ( t e s t o d i q u e s t o & i J
m old b n n b n ì
io!, che siamo
i in ino- jo t u t t i uniti f
j n o t e e «.sto s<-mplicementt tinticii- ^ " « » di t u t t i 1 c o m p o n e n t i
deila
vece ehe quali uno n o n n p m s j co
b , | n d a
l i e t t i l d i
du conseguente, di
a vi- Citiamo un fatto avvenuto m i
« C i c c o » con sede i
s i t i n o e n o n s-ippiamo come
l o sii l e l v ì o n t c o n 51 c a m u n l c i t o i n o A s e g u i t o i n i a l ti d i i n tale,
e
o F un
o
e
vnuoti
dilioumi//ij-knie
ciltoìitjv "Ueini e s p i a t e ciici
i
fiuti
t i ivs, poiché (lemme i u n i me
Su la
a
a vuole te
si c o n
il q u i l e il O
p u - evenuti
n l o c d l l à T e s t a c e l o hi
eli
talito c h e deve scompone- se &ì vi ( ì
^ come d e m o u a n a nuo- le
su
iiiiv i n ssiite i / i ai ì e d n c l i n c o l - v e n u t i
i c o n o s c e n z a d i u n a vitata
e quale ho CO p i i
tìnti
legimcnto con 'a
a ^socia/ione a d e l m q u e i c
lesponfiava, antUa^ista popò! ti e e
A
e
o anlv;i n u m i a
e
e e finti
1 ! iv n t o n s c u o t i n o a d a s s i s t e i e b i l e d i
o -i*» !
a dove
e Ja don- t o i m b u l m / a A boi do ei
e duci
u t t i m u t i l i l i o tei ti qu
faono s i i t i a i
i
o
na, Cosi essa poti a a sminici e t u l lii l in
gì u tondi/ ani
Alni
bito
n i t o il 192^ d e t t o
tsClcclo»
evumpit e i p i
quella
a che impongono ì donne
T si m i e i n n o il i e
A l d o Accoifeo
Fiil>lo F i l i
Angelo
duci
1
e
donne
df
11
Ì
i
d
o
m
o
i
d
u
e
i
o
e
S
e
i
i
Gh
opeiai
dehfi
Tiulini
Tilenti
di
tempi f ehe il popolo vuole,
d i loie in un attimo t u l i i l i pi i ~ i poi a » nse hanno ospitato u m i l i i
l del Gobbo
ì una base
e
Z3, è mobll l i t i L un m u iiiiìto
t
i do d l i loio
a e
o
à popolile l i u t i
La
a italiana ha biso- incoio dì
v i supplì nn i i ic i n 120 leduet
le
d
o
n
n
e
p
u
.
e
liti
si
e
m
o
e
loio
Olii e 000 pe i o m sono in tei vegno della donna e
donna ha hi- cane e n e
o con elei v h e i i st
u td u n a
T pioicducì
sogno della
a
Quoto
colgono cosa u o v i e n n e e pisi i
/tti d d C C N
dì
e
e
vuol dhe che tutte le questioni lo- n q u i n i l i à sufficiente U n i t i n t o l i ! o l«t s c j u i d t a d t e i l c i o d i
si oflit di p i e p a i a n ti pi m / o
1
a Ulii n o e i solenti della e
bate alla
e e afietma- educì con i
n
i
\fili ^ sono i i o n t i n t l in u n i p a i Un feioce tleltllo è stato consumassione di mi nuovo legime demon questo momenio u i h i u n t d e l i t i e), e ilcìo
t o plesso Scheggia s.ulli
a
m Gubbio Tic commeiciantl che
, sono
i mente hg*'< ~ chiamalo « piole-isoie » — che co i <,n
n . ,,„ ,. J . « npkl f^nm-n 5'ih
b
1 luto imbuì i n / 1
i «1 iv '
,S" " " " " u
" O no
a su u n camioni di
anche alla emancipazione delle manda
vicina alle donne dell
Ì ( dopo, (calata) h a n n o devoluti i
o s u p - cino
di
i
d
a
vendi
e
a
o
donne, all'avvento delle donne all tangiiUUilo
tìonmth
loio , j )
n t i pa«ta ai tolda ti
i dal Gubbio sono stati
i lungo la
sono donne i p p u tenenti ad m u , .
,,,,..,.
la Vita politica e alla
à in
i da u n a b i n a i di
n
i
" n icisut
i / / i / i o » e c i t t o l i n A v u t i n i>o " "
i e dì
i di fucili
modo che t " w
o atti
- stag a nnegativi
il funzionano diilene
„
,—„—m
i
n
i
quali
apnv
mo un
l o un
e Svolgimento di nan
o luoco bulla macchina che
a sociale e
, ad acqui- t
o a leiinaic a 4 km
a
1
U
da Scheggia
e dei
i
a tei tspiimt il d^sidcno di l u
e nella società italiana il pò1 ) ed Ciiiein i
O
o uccisi t.ui colpo m e n t i e
e U p i a i z o i n d i e quei i e
m /le
c
sto che o stato
o negato fino- duci
i
e i i l l u n e le
i
sul
posto
u
n
alilo
ìestava
e
politica si T
m il « p ofessoie n sde
si
allontanavano
, e che invece sono capaci di due
mentae 1 n banditi
eo ttojx> a v e
sull a u t o a m b u l i i i z i e &i
e uist
teneie,
il
l'Unità
di
^M-J^tJ^
. 2
A
,
d
o
l
i m i e s o n / 1 om\ ^sone dei e
lìat idi
tee tl
\,nv- * a t i f o s e
Ì
Vta Cola di Sion?!, 1,3 ì c l ht
test
e 8-W
od in t u
n
da. e !
16
Tei
m-m
O
Ifalisa Trasporti
u
i e la politica
!
o the
C ' a
il
e u n a dei kmli the
upi,tcma
e m iutte le
h
di
i
e t dopo i i pi es
sione p e 1 i fedivifi di 1 p i t i )
deli i Chn
i
n
i ite
c
o i m ] un s i f v i d o l e follo vsn e m
jo^il tmcntt d i
o \ t l k fin
Dejasi isti '(fi-e la scuola'
Questo
che < ì iene da nioltis i
è ' appi
un
f Oagi ,
gruppo dt s't i denti su eJu tn ta fum m u a i in
class, domani s tic quattro stud ri
ti ihe
speadans
ie spetuianaa
sitili
disgrafie
si a p i l i iv i
dt
'- lastra
{ciano in alto iì un discoi o
rifluito del punici
e pemsabde d> the tosse di p t e / h immauilhi i e
o mvci con
csi.c o e qualche gioì une inconsi- ligtosa, v t e e EÌ!
e
p
'
e
n
e
i
e
di
a cattiderato sorpreso a scrivere
« W il-
.
o dii
« R I O CAMERINI - MiTTOfiiO DE Sitfl
_CIANNf PUCCINI - LOCHINO IMCOMTI
S u a s e Se e d i c o l e ; L,
? ts
a « l'inde «
Qu sto hit!
li
um
hi
in/f
N
h p(
e o n p o q a o loglio
come
moli;
o
i nt
l a
(
ti
autori
i o'i
die
c i ha
detti
i
in]
s
o
.
l
e » 10.080 e h. 16.000}tl{
Fly UP