...

fondo di capitale di rischio partecipazioni

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

fondo di capitale di rischio partecipazioni
FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO
PARTECIPAZIONI MINORITARIE E TEMPORANEE AL
CAPITALE DI RISCHIO DI IMPRESE INNOVATIVE
REGOLAMENTO OPERATIVO
FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007-2013,
PARTE FESR. ASSE
1. LINEA DI INTERVENTO 1.2 “INGEGNERIA FINANZIARIA”. AZIONE 1.2.2.
INDICE
1.
Definizioni.........................................................................................................................
3
2.
Premessa.......................................................................................................................... 4
3.
Ammontare del Fondo......................................................................................................
4
4.
Modalità d’investimento....................................................................................................
5
5.
Periodo di investimento del Fondo...................................................................................
5
6.
Beneficiari......................................................................................................................... 5
7.
Ubicazione degli investimenti...........................................................................................
6
8.
Caratteristiche tecniche delle operazioni.........................................................................
6
9.
Finalità.............................................................................................................................
6
10.
Tipologie di investimento ammesse.................................................................................
7
11.
Regimi di aiuto.................................................................................................................
8
12.
Esclusioni.........................................................................................................................
8
13.
Presentazione della domanda..........................................................................................
9
14.
Valutazione della domanda..............................................................................................
9
15.
Rimborsi, proventi e risultati della gestione......................................................................
14
16.
Spese ed oneri.................................................................................................................. 15
2
1. Definizioni
“Beneficiari”:
Le Piccole e Medie imprese (PMI) che rientrano nei parametri di cui
all’allegato I del Regolamento CE n. 800/2008.
“Convenzione”:
La Convenzione per la costituzione e la gestione del Fondo di
Capitale di rischio tra la Regione ed il Gestore, stipulata a seguito
dell’intervenuta approvazione del presente regolamento operativo.
“Fondo”:
Il Fondo di capitale di rischio, derivante dalla somma della Quota
Regionale e della Quota del Gestore.
“Quota Regionale”:
L’importo complessivo reso disponibile dalla Regione del Veneto con
Bando di gara a procedura aperta, pari a euro 15.000.000,00
(quindicimilioni/00) oltre agli eventuali ulteriori importi resi disponibili
dalla Regione.
“Quota del Gestore”:
L’importo complessivo reso disponibile dal Gestore, aggiudicatario
della Gara a procedura aperta (DGR n. 667 del 17 marzo 2009), pari
a euro 20.000.000,00 (ventimilioni/00) e gli eventuali ulteriori importi
resi disponibili dal Gestore.
“Regione”:
Il soggetto attuatore dell’Azione, l’Amministrazione regionale della
Regione del Veneto.
“Gestore”:
Il soggetto gestore del Fondo: Veneto Sviluppo S.p.A.
“POR”:
Programma Operativo Regionale 2007-2013 (POR) della Regione del
Veneto, Parte FESR, Decisione CE (2007) 4247 del 7 settembre
2007.
“Intermediari
convenzionati”:
“Euribor”:
“Comitato Tecnico
di Valutazione”:
Banche e società di leasing all’uopo convenzionate con il Gestore.
L’Euro Interbank Offered Rate a sei mesi così come rilevato alle ore
11:00 (CET) dall’Euribor Panel Steering Committee e comunicato
tramite il circuito Reuters, attualmente la pagina ATICFOREX06,
nonché sui principali quotidiani economici.
Comitato con funzioni consultive, incaricato di esprimere un parere
non vincolante in ordine al progetto di definizione delle operazioni.
3
2. Premessa
La costituzione e la gestione del “Fondo di capitale di rischio” è prevista dal Programma Operativo
Regionale 2007-2013, parte FESR, asse 1, linea di intervento 1.2 “Ingegneria finanziaria”, azione
1.2.2 “Partecipazioni minoritarie e temporanee al capitale di rischio di imprese innovative”.
Lo scopo del Fondo consiste nell’acquisizione di partecipazioni minoritarie e temporanee al
capitale di rischio di piccole e medie imprese (PMI) con elevato potenziale di crescita, le quali non
hanno sufficiente accesso ai mercati di capitali, sia nelle fasi iniziali del ciclo di vita che nei loro
processi di innovazione.
Il presente Regolamento Operativo definisce modalità attuative conformi al Regime Generale di
Esenzione adottato dalla Commissione Europea in data 7 luglio 2008 (Reg. CE 800/2008).
Il Fondo opera come “Fondo di rotazione” ed è gestito esclusivamente secondo i criteri ordinari
dell’economia di mercato e, comunque, nel rispetto della normativa comunitaria, nazionale e
regionale e del principio di pari opportunità e non discriminazione e della sostenibilità ambientale.
Le decisioni di investimento saranno prese sulla base di criteri commerciali e orientate alla
realizzazione di un profitto.
Gli interventi del Fondo riguardano gli investimenti di seed capital (finanziamento dello studio, della
valutazione e dello sviluppo dell’idea imprenditoriale, che precedono la fase di avvio – start-up), e
di start-up capital (finanziamento per lo sviluppo del prodotto e la commercializzazione iniziale)
nonché di capitale di espansione, quest’ultimo ad esclusione delle imprese di media dimensione.
3. Ammontare del Fondo
Le risorse pubbliche derivanti dal Programma Operativo Regionale 2007-2013, ammontano, per un
importo totale di servizi e prestazioni riferito alla quota pubblica, ad euro 15 milioni
(quindicimilioni/00). A tali risorse si somma la provvista privata, messa a disposizione dal Gestore,
pari ad euro 20 milioni (ventimilioni/00). Il Fondo è pertanto pari ad euro 35 milioni
(trentacinquemilioni/00)
Al Fondo potranno confluire altresì risorse provenienti anche da altri soggetti pubblici, tra cui le
istituzioni comunitarie, che perseguono gli obiettivi e le finalità individuate dal presente
Regolamento Operativo. Tale partecipazione finanziaria avviene nel pieno rispetto della normativa
nazionale, regionale e comunitaria nonché del presente Regolamento Operativo e previo consenso
espresso della Regione e del Gestore. L’incremento della Quota del Gestore, in ogni caso, è
previsto entro un tetto massimo pari al 50% (cinquanta per cento) della Quota Regionale iniziale di
euro 15 milioni (quindicimilioni/00).
Qualora la Quota Regionale stanziata risultasse eccedente rispetto alle richieste dei potenziali
beneficiari, la Regione provvederà alla rimodulazione della stessa primariamente tra le azioni
previste dalla linea di interventi 1.2 del POR 2007-2013. Le modifiche relative alla dotazione
finanziaria del Fondo non comportano variazioni al compenso nei confronti del Gestore.
Ai fini della verifica sull’utilizzo delle risorse assegnate al Fondo, la Regione, qualora ritenuto
necessario, procederà ad una verifica sull’andamento del fondo stesso. Nel caso in cui le richieste
di fondi superino l’ammontare iniziale, la Regione si riserva di aumentare la Quota Regionale,
mentre il Gestore parteciperà con una ulteriore e paritaria quota nella proporzione di 1:1 con
l’ulteriore quota messa a disposizione dalla Regione ed entro un tetto massimo pari al 50%
(cinquanta per cento) della Quota Regionale iniziale di euro 15 milioni (quindicimilioni/00).
4
4. Modalità di Investimento
La partecipazione del Fondo al capitale è minoritaria, non inferiore al 15% (quindici per cento) e
non superiore al 45% (quarantacinque per cento) del capitale sociale della società partecipata.
Le tranche di investimento non supereranno euro 1.500.000,00 (unmilionecinquecentomila/00) per
ciascuna impresa destinataria su un periodo di 12 (dodici) mesi. L’intervento del Fondo può essere
suddiviso in più tranche.
Le assunzioni di partecipazioni da parte del Fondo possono avvenire esclusivamente in occasione
di un aumento di capitale del Beneficiario, attraverso la sottoscrizione di nuove quote o azioni e
mediante versamento di denaro liquido, anche comprendente un eventuale sovrapprezzo
eccedente il valore nominale delle partecipazioni.
Nella selezione degli investimenti sarà tenuto conto di una opportuna diversificazione del rischio in
ragione dei settori di intervento e delle finalità di cui al successivo articolo 10.
5. Periodo di Investimento del Fondo
Il termine per le assunzioni di partecipazioni da parte del Fondo è stabilito al 31 dicembre 2015,
salvo eventuali proroghe stabilite dall’Amministrazione regionale.
Per gli interventi in corso di attuazione a tale data, e specificamente per gli smobilizzi di
partecipazione, resteranno in vigore la convenzione e il presente Regolamento Operativo ai soli fini
della gestione della partecipazione e gli incassi dei relativi dividendi o utili.
Successivamente al 31 dicembre 2015, il Gestore procederà ad effettuare rimborsi parziali pro
quota a fronte dei disinvestimenti, sulla base dei principi descritti all’articolo 15. Le eventuali
disponibilità liquide rimanenti verranno distribuite pro quota tra i soggetti aderenti al Fondo.
6. Beneficiari
I Beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese (PMI) finanziariamente ed economicamente sane1, in
attività, non in stato di liquidazione volontaria né sottoposte ad alcuna procedura concorsuale:
•
costituite nella forma giuridica di società di capitali;
•
rientranti nei parametri di cui all’allegato I del regolamento (CE) n. 800/2008;
•
iscritte ai pubblici registri pertinenti (Registro delle Imprese presso la CCIAA, Albo delle
Imprese Artigiane, Registro Cooperative);
•
che svolgono attività prevalente nei seguenti settori (classificazione ISTAT ATECO 2007):
B “Estrazione di minerali da cave e miniere”, C “Attività manifatturiere”, D “Fornitura di energia
elettrica, gas, vapore e aria condizionata”, E “Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di
gestione dei rifiuti e risanamento”, F “Costruzioni”, G “Commercio all’ingrosso e al dettaglio;
riparazione di autoveicoli e motocicli”, I “Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione”, J62
“Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse”, J63 “Attività dei servizi di
informazione e altri servizi informatici” limitatamente ai seguenti gruppi: da 63.1 a 63.12.0.
1
PMI per le quali sia stata positivamente valutata ‐ sulla base della consistenza patrimoniale, della redditività e della capacità
gestionale ‐ la possibilità di far fronte, secondo le scadenze previste e tenuto conto degli impegni già assunti, agli impegni finanziari
derivanti dall’operazione, considerando a tal fine anche la capacità di assicurare – direttamente e/o indirettamente – idonea uscita
dall’investimento (capacità di “way out”) per la quale viene richiesta l’ammissione ai benefici del Fondo.
5
Non possono fruire delle agevolazioni le imprese che si trovino in stato di liquidazione volontaria o
in difficoltà finanziaria ai sensi degli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e
la ristrutturazione di imprese in difficoltà (Comunicazione della Commissione 2004/C 244/02,
pubblicata in GUCE del 1° ottobre 2004, n. 244) o sottoposte a procedure di tipo concorsuale.
Dovrà, altresì, essere prodotta la dichiarazione di cui all’art. 6, comma 11, legge 25 febbraio 2008,
n. 34 (cosiddetta clausola Deggendorf).
Le imprese devono operare nell’ambito di una o più delle attività descritte all’articolo 9, previste dal
Programma Operativo Regionale (POR) - parte FESR, approvato con Decisione (CE) (2007) 4247
del 7 settembre 2007, dalla normativa regionale di riferimento e dai criteri di selezione di cui al
Regolamento CE n. 1083/2006 dell’11 luglio 2006 - articolo 65 lettera a).
7. Ubicazione degli investimenti
La sede operativa della PMI Beneficiaria deve essere ubicata nel territorio della regione del
Veneto.
8. Caratteristiche tecniche delle operazioni
Forma tecnica:
La partecipazione del Fondo al capitale è minoritaria, non inferiore al 15%
(quindici per cento) e non superiore al 45% (quarantacinque per cento) del
capitale sociale; può avvenire esclusivamente in corrispondenza di un
aumento di capitale sociale del Beneficiario, attraverso la sottoscrizione di
nuove quote o azioni da liberarsi in denaro liquido, anche con sovrapprezzo.
Importi:
Le tranches di investimento non supereranno l’importo di euro 1.500.000,00
(unmilionecinquecentomila/00) per ciascun Beneficiario su un periodo di 12
(dodici) mesi. L’intervento del Fondo può essere suddiviso in più tranches.
Durata:
La cessione delle quote acquisite deve in ogni caso avvenire entro i 5 anni
dalla data di acquisizione, non appena le condizioni di mercato consentano
di rispettare gli obiettivi dell’investimento.
Modalità di cessione:
a)
b)
c)
acquisto della quota posseduta dal Fondo da parte del Beneficiario,
dei suoi soci e/o di collegati dello stesso, anche sulla base di un
buyback agreement;
mediante la vendita a terzi della quota posseduta dal Fondo o,
eventualmente, mediante cessione dell’intero capitale sociale a
terzi;
attraverso il collocamento del capitale sociale sui mercati
regolamentati.
La modalità di uscita preferita è concordata tra il Gestore del Fondo e l’impresa già nella fase di
acquisizione della partecipazione.
9. Finalità
Gli interventi implementati attraverso la partecipazione del Fondo del capitale sociale, devono
essere strumentali alle seguenti finalità previste dal Programma Operativo Regionale (POR) - parte
6
FESR, approvato con Decisione (CE) (2007) 4247 del 7 settembre 2007, dalla normativa regionale
di riferimento e dai criteri di selezione di cui al Regolamento CE n. 1083/2006 - articolo 65 lettera
a), approvati dal Comitato di Sorveglianza il 31 marzo 2008:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
investimenti nell’ambito dell’innovazione di prodotto o di servizi e nell’ambito dei
prodotti o servizi ad elevata intensità di conoscenza;
innovazione del processo: applicazione di un metodo di produzione o di distribuzione
nuovo o sensibilmente migliorato (inclusi cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle
attrezzature e/o nel software);
innovazione organizzativa: applicazione di un nuovo metodo organizzativo nelle pratiche
commerciali dell’impresa, nell’organizzazione del luogo di lavoro o nelle relazioni esterne
dell’impresa;
processi di innovazione: le azioni, gli interventi ed i progetti nei settori della ricerca
applicata, dello sviluppo sperimentale, dell’innovazione del processo e organizzativa e del
trasferimento tecnologico;
sviluppo sperimentale: acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle
conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e altro, allo
scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o
migliorati. Può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla
pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi. Tali
attività possono comprendere l'elaborazione di progetti, disegni, piani e altra
documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale;
trasferimento tecnologico: l’attività di trasferimento delle innovazioni tecnologiche tra il
sistema della ricerca e il sistema produttivo, al fine di favorire la diffusione e la circolazione
delle informazioni, delle conoscenze e delle competenze;
filiere dell’innovazione: le aggregazioni di soggetti pubblici e privati, a partire dalle
definizioni contenute nella legge regionale 4 aprile 2003, n. 8, e successive modificazioni
ed integrazioni, quali imprese industriali e di servizi, Università, centri di ricerca universitari
e non, pubblici e privati, regionali, nazionali e internazionali, istituti bancari e finanziari,
organizzate in consorzi, società consortili, fondazioni o associazioni temporanee di impresa
o di scopo finalizzate a promuovere specifiche azioni purché rispondenti alla definizione di
PMI;
iniziative tecnologiche congiunte: azioni di ricerca a lungo termine, concernenti uno o
più aspetti scientifici, che presuppongono l’istituzione di partnership pubblico/privato;
poli d’innovazione: raggruppamenti di imprese indipendenti - “start-up” innovatrici, piccole
e medie imprese nonché organismi di ricerca - attivi in un particolare settore o regione e
destinati a stimolare l’attività innovativa, incoraggiando l’interazione intensiva, l’uso in
comune di installazioni e lo scambio di conoscenze ed esperienze, nonché contribuendo in
maniera effettiva al trasferimento di tecnologie, alla messa in rete e alla diffusione delle
informazioni tra le imprese che costituiscono il polo;
ricerca industriale: ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove
conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o
permettere un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. Comprende
la creazione di componenti di sistemi complessi necessaria per la ricerca industriale, in
particolare per la validazione di tecnologie generiche, ad esclusione dei prototipi;
ricerca cooperativa: progetti che raggruppamenti di imprese affidano a un esecutore
esterno di ricerca, conservando la proprietà dei risultati ottenuti.
10. Tipologie di investimento ammesse
Tutte le spese di investimento finanziate con aumento di capitale sono ammissibili, purché
strumentali alle finalità di cui al precedente articolo 9 e subordinatamente alla valutazione di merito
attuata dal Gestore di cui al successivo articolo 14.
7
In particolare dovranno riguardare tipologie di investimento rientranti tra quelle di cui al precedente
articolo 2:
•
•
•
“seed capital” (finanziamento dello studio, della valutazione e dello sviluppo dell’idea
imprenditoriale, che precedono la fase di avvio – start-up);
“start-up capital” (finanziamento per lo sviluppo del prodotto e la commercializzazione iniziale);
espansione, ad esclusione delle imprese di media dimensione. Per espansione si intende
l’aumento della capacità produttiva e/o, il consolidamento dell’immagine del prodotto/servizio,
con il fine di raggiungere dimensioni adeguate al contesto internazionale.
11. Regimi di aiuto
L’accesso al Fondo è regolato dai regimi di aiuto previsti dal Regime Generale di Esenzione
adottato dalla Commissione Europea in data 7 luglio 2008 (Reg. CE 800/2008).
L’intervento del Fondo a favore delle imprese di cui al precedente articolo 6 non esclude, nei limiti
consentiti dai Regolamenti comunitari, l’accesso delle stesse ad altre agevolazioni.
Nel periodo di partecipazione il Beneficiario potrà usufruire di altri aiuti ad altro titolo, relativi al
medesimo progetto di investimento (ad esempio aiuti a finalità regionale), limitatamente al 50%
(cinquanta per cento) dell’intensità del regime considerato.
Eventuali modificazioni ai regimi di aiuto costituiscono modificazione al presente Regolamento
Operativo. E’ facoltà della Regione procedere alla notifica e/o comunicazione di altri regimi di aiuto,
fermo restando che l’operatività degli stessi è condizionata alla positiva conclusione delle relative
procedure.
12. Esclusioni
• Aiuti ad attività connesse all'esportazione, vale a dire gli aiuti direttamente
connessi ai quantitativi esportati, alla costituzione e alla gestione di una rete
di distribuzione o ad altre spese correnti connesse all'attività d'esportazione;
• Aiuti condizionati all'impiego di prodotti interni rispetto ai prodotti
d'importazione.
Regolamento
CE 800/2008
• Aiuti a favore di attività nei settori della pesca e dell'acquacoltura, di cui al
regolamento (CE) n. 104/2000 del Consiglio, fatta eccezione per gli aiuti
alla formazione, gli aiuti sotto forma di capitale di rischio, gli aiuti alla
ricerca, sviluppo e innovazione e gli aiuti a favore di lavoratori svantaggiati
e disabili;
• Aiuti a favore di attività connesse alla produzione primaria di prodotti
agricoli, ad eccezione degli aiuti alla formazione, degli aiuti sotto forma di
capitale di rischio, degli aiuti alla ricerca e allo sviluppo, degli aiuti per la
tutela dell'ambiente e degli aiuti in favore dei lavoratori svantaggiati e
disabili, purché queste categorie di aiuti non rientrino nel campo di
applicazione del regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione;
• Aiuti a favore di attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti
agricoli, nei casi seguenti:
- se l'importo dell'aiuto è fissato sulla base del prezzo o della quantità di tali
8
prodotti acquistati da produttori primari o immessi sul mercato dalle
imprese in questione o
- se l'aiuto è subordinato al fatto di venire parzialmente o interamente
trasferito a produttori primari;
• Aiuti a favore di attività del settore dell'industria carboniera, fatta eccezione
per gli aiuti alla formazione, gli aiuti alla ricerca, sviluppo e innovazione e gli
aiuti per la tutela dell'ambiente;
• Aiuti regionali a favore di attività del settore dell'industria siderurgica;
• Aiuti regionali a favore di attività del settore della costruzione navale;
• Aiuti regionali a favore di attività del settore delle fibre sintetiche.
13. Presentazione della domanda
Termine
Modalità
Bando aperto sino al 31 dicembre 2015.
I Beneficiari presentano apposita domanda al Gestore, anche per il tramite di
Intermediari convenzionati. Alla domanda è allegata la documentazione di cui
al successivo articolo 14.
Il Gestore esamina gli interventi proposti dalle PMI secondo l’ordine
cronologico delle richieste. Per l’istruttoria di ogni istanza presentata, i tempi
di esecuzione sono stabiliti in massimo 90 (novanta) giorni, solari e
consecutivi, salvo eventuali necessarie e opportune integrazioni alla pratica
stessa. In ogni caso, l’istruttoria è portata a compimento entro e non oltre 180
giorni (centottanta), solari e consecutivi, dal ricevimento.
Modulistica e
documentazione
Download dal sito internet di Veneto Sviluppo S.p.A. (www.venetosviluppo.it).
14. Valutazione della domanda e gestione delle partecipazioni societarie
14.1 Fase 1: Screening
Il Gestore valuta la sostenibilità tecnica ed economico-finanziaria dell’investimento sulla base del
corredo informativo dell’impresa e/o dei suoi proponenti, e del business plan presentato che, in
particolare, dovrà contenere informazioni dettagliate sull’impresa, sull’attività e le principali azioni
che la stessa intende intraprendere per l’attuazione del progetto di sviluppo, un’analisi del prodotto
e del mercato, un piano di marketing, l’organizzazione aziendale e gli aspetti economico-finanziari
previsionali del progetto di sviluppo.
I Beneficiari presenteranno quindi oltre al modulo di domanda di cui al precedente articolo 13, gli
ultimi 2 bilanci approvati, una situazione economica-patrimoniale aggiornata (se impresa esistente)
e un dossier informativo del progetto di investimento.
Il Dossier informativo, comprensivo di business plan, dovrà contenere elementi che consentano al
Gestore di valutare:
•
la ricaduta sul sistema produttivo locale;
9
•
•
•
•
•
•
•
•
la capacità di diffusione e sfruttamento dei risultati nel sistema produttivo;
la congruenza economico-finanziaria dell’investimento e dei risultati attesi da esso;
la validità tecnico-economica e completezza del progetto di investimento;
l’adeguatezza dell’organizzazione e della qualificazione del personale rispetto agli obiettivi
dell’investimento;
il grado di innovatività dell’operazione o del progetto e delle metodologie. Per tale fine,
l’impresa potrà anche produrre perizia giurata asseverata redatta da un ingegnere o ad un
perito industriale iscritto nei rispettivi albi professionali o apposite dichiarazioni di conformità
rilasciate dai fornitori;
l’eventuale coinvolgimento di imprenditorialità femminile, giovanile, di lavoratori anziani, di
residenti non italiani, di lavoratori disabili;
l’informazione e la sensibilizzazione rivolta alle donne e alle fasce più deboli della popolazione;
l’eventuale impatto ambientale dell’investimento.
Il Dossier dovrà contenere una autodichiarazione del Beneficiario (ex DPR n. 445/2000) attestante
che l’investimento in questione è conforme ad almeno una delle finalità di cui all’articolo 9.
Il Gestore verifica la sussistenza o meno degli elementi richiesti contestualmente alla
presentazione della domanda. Verifica altresì la compatibilità e la coerenza con gli atti di
programmazione e di sviluppo del territorio e con le filiere produttive acquisendo, qualora previsti,
copia degli atti autorizzativi (ovvero dichiarazione sostitutiva).
Perchè la Fase 1 venga positivamente superata sarà necessario che le PMI richiedenti:
• siano in possesso di tutti i requisiti soggettivi ed oggettivi previsti dal Bando e dal presente
Regolamento Operativo;
• abbiano presentato tutta la documentazione prevista nonché le eventuali integrazioni
richieste dal Gestore;
• presentino iniziative che assicurino una gestione finanziaria sana ed efficiente;
• presentino interessanti prospettive di sviluppo in termini di fatturato e di margini reddituali e
significativa capacità di generare cash flow;
• siano in grado di assicurare - direttamente e/o indirettamente – idonea uscita
dall’investimento (way out).
Proposte d’investimento di importo non sufficiente ad assicurare un’adeguata convenienza al
sostenimento dei costi fissi connessi alla richiesta di intervento del Fondo, saranno considerate
inammissibili. Il Gestore concorderà con la Regione i criteri di inamissibilità, che rimarranno
invariati per tutto il periodo d’investimento del Fondo.
La conclusione della Fase 1 con valutazione positiva determinerà automaticamente l’avvio della
Fase 2.
La conclusione della Fase 1 con valutazione negativa comporterà la predisposizione di un
resoconto da sottoporre al Consiglio di Amministrazione del Gestore, che potrà:
• dichiarare conclusa con esito negativo la Fase 1 e quindi l’attività istruttoria, ovvero;
• dichiarare non ancora conclusa la Fase 1, disponendo un supplemento d’istruttoria.
La conclusione con esito negativo dell’attività istruttoria sarà oggetto di idonea comunicazione
indirizzata all’impresa richiedente l’intervento partecipativo, ai soggetti che partecipano al Fondo
ed all’eventuale intermediario finanziario convenzionato.
14.2 Fase 2: Valutazione del business plan e del dossier informativo
Nella Fase 2 le proposte d’investimento verranno vagliate con maggiore rigore analitico in
relazione ai seguenti elementi chiave: analisi dell’ampiezza del mercato di sbocco e del suo
sviluppo, risultati economico - finanziari attesi, ammontare dell’investimento richiesto.
10
Particolare attenzione verrà dedicata all’analisi dei seguenti aspetti:
• l’imprenditore e il management team: in considerazione del fatto che la competenza e
l’esperienza del management dell’impresa richiedente sono cruciali per il successo
dell’investimento, in via prioritaria, si procederà a valutare l’esperienza, la filosofia
operativa e i piani di sviluppo del management;
• il business: verranno analizzati molto dettagliatamente i punti di forza e di debolezza, la
validità innovativa della business-idea, le potenziali ricadute e gli sviluppi previsti, così da
far emergere gli eventuali limiti del prodotto o del servizio;
• il mercato: verrà effettuata un’analisi riguardante il mercato di riferimento in termini di
dimensione della domanda, di localizzazione e di target; la quota di mercato della società
e la sua difendibilità; i competitors della società; la coerenza del marketing plan (l’insieme
delle azioni riguardanti la pubblicità e la promozione, la distribuzione, la politica dei prezzi,
ecc.) con i tre precedenti aspetti;
• i vantaggi competitivi del business: poichè un progetto risulta di successo soprattutto se
ha le potenzialità di mantenere tale status nel tempo, sarà necessario analizzare quali
siano le possibilità di difendere il vantaggio competitivo del progetto, se sia possibile
erigere barriere all’entrata di potenziali concorrenti ovvero approntare difese idonee in
caso di eventuali “attacchi” da parte di concorrenti gia operanti sul mercato;
• la strategia: l’analisi della strategia permetterà di valutare quali traguardi la società si
prefigge e come intende raggiungerli. È di fondamentale importanza che la strategia risulti
coerente e coordinata con le proiezioni economiche-finanziarie elaborate nel business
plan e che sia affiancata da adeguati piani operativi (a titolo esemplificativo: piano dei
ricavi, piano dei costi, piano degli investimenti e delle relative coperture finanziarie);
• l’equilibrio economico – finanziario: le elaborazioni economico - finanziarie prospettiche
verranno interpretate quale mezzo attraverso cui la strategia si estrinseca. Sebbene,
infatti, il concepimento della strategia e la stima delle grandezze economico - finanziarie
avvengano in due momenti diversi, tra i due aspetti deve esistere un perfetto
coordinamento ed un’attenta coerenza. Fondamentale, quindi, sarà la presenza degli
assunti principali alla base della stima delle grandezze contenute nel conto economico e
nello stato patrimoniale.
La valutazione della proposta imprenditoriale si concretizzerà, pertanto, nell’analisi dettagliata del
business plan predisposto dall’impresa richiedente e del dossier informativo.
Perchè la Fase 2 venga positivamente superata sarà necessario che il business plan ed il dossier
informativo:
• prospettino una visione d’insieme dei fattori che caratterizzano l’azienda, fornendo una
base sulla quale pianificare strategie ed azioni, descrivendo la missione aziendale, cioè la
visione strategica e gli obiettivi da raggiungere ed i mezzi da utilizzare;
• illustrino la formula imprenditoriale (sistema di prodotto, mercato, struttura organizzativa,
ecc.) e non solo la descrizione del prodotto/servizio, in modo da consentire una
valutazione preventiva della fattibilità del progetto;
• evidenzino l’originalità dell’iniziativa imprenditoriale;
• consentano previsioni attendibili simulando le varie ipotesi di sviluppo dell’attività, offrendo
anche sintesi dei dati economico-finanziari storici e prospettici, mediante l’utilizzo, laddove
esistesti, di rendiconti finanziari, conti economici, stati patrimoniali e indici di analisi
finanziaria.
Particolare attenzione verrà data ai business plan che si dimostreranno coerenti, attendibili,
accurati nelle informazioni e nella descrizione delle strategie e che saranno predisposti:
• contemplando ipotesi di più scenari alternativi (ad esempio: ottimistico - medio pessimistico) quantificando, altresì, la probabilità che ciascuno di essi si verifichi;
• da un gruppo manageriale particolarmente motivato, compatto, con esperienze di
successo, con competenze, conoscenze e specializzazioni del settore.
11
La conclusione della Fase 2 comporterà la predisposizione di un resoconto da sottoporre al
Comitato Tecnico di Valutazione per l’acquisizione di un parere motivato e non vincolante in ordine
al progetto di definizione dell’operazione. Il medesimo resoconto, corredato del parere espresso
dal Comitato Tecnico di Valutazione, verrà sottoposto al Consiglio di Amministrazione del Gestore,
che potrà:
• dichiarare conclusa con esito negativo la Fase 2 e quindi l’attività istruttoria, ovvero;
• dichiarare non ancora conclusa la Fase 2, disponendo un supplemento d’istruttoria, ovvero;
• dichiarare conclusa con esito positivo la Fase 2, ma non l’attività istruttoria, disponendo di
dar corso alla Fase 3 (due diligence), ovvero;
• dichiarare conclusa con esito positivo la Fase 2, e quindi l’attività istruttoria, disponendo di
procedere direttamente nella fase di trattativa con l’impresa richiedente per giungere alla
definizione dettagliata degli aspetti caratteristici dell’operazione.
La conclusione dell’attività istruttoria, a prescindere dall’esito, sarà oggetto di idonea
comunicazione indirizzata all’impresa richiedente l’intervento partecipativo, ai soggetti che
partecipano al Fondo ed all’eventuale intermediario finanziario convenzionato.
14.3
Fase 3: Due Diligence
La Fase 3 è uno step eventuale del processo di selezione delle opportunità di investimento. In
quanto tale, avrà luogo solo qualora il Consiglio di Amministrazione del Gestore ritenga necessario
esaminare in maniera specifica aspetti caratteristici particolari. La due diligence potrà essere
eseguita direttamente dal Gestore ovvero per il tramite di professionisti specializzati, utilizzando
informazioni e dati reperiti anche presso fonti esterne rispetto all’impresa richiedente. In funzione
della tipologia di investimento, della complessità del business e dell’organizzazione dell’impresa
richiedente, la due diligence potrà essere completa ovvero focalizzata solo su alcune tematiche. A
titolo esemplificativo e non esaustivo, potranno essere esaminati gli aspetti:
• di mercato (la market due diligence);
• economico – finanziari (financial due diligence);
• legali (legal due diligence);
• fiscali (tax due diligence).
La conclusione della Fase 3 comporterà la predisposizione di un resoconto da sottoporre al
Comitato Tecnico di Valutazione per l’acquisizione di un parere motivato e non vincolante in ordine
al progetto di definizione dell’operazione. Il medesimo resoconto, corredato del parere espresso
dal Comitato Tecnico di Valutazione, verrà sottoposto al Consiglio di Amministrazione del Gestore,
che potrà:
• dichiarare conclusa con esito negativo la Fase 3 e quindi l’attività istruttoria, ovvero;
• dichiarare non ancora conclusa la Fase 3, disponendo un supplemento d’istruttoria, ovvero;
• dichiarare conclusa con esito positivo la Fase 3, e quindi l’attività istruttoria, disponendo di
procedere nella fase di trattativa con l’impresa richiedente per giungere alla definizione
dettagliata degli aspetti caratteristici dell’operazione.
La conclusione dell’attività istruttoria, a prescindere dall’esito, sarà oggetto di idonea
comunicazione indirizzata all’impresa richiedente l’intervento partecipativo, ai soggetti che
partecipano al Fondo ed all’eventuale intermediario finanziario convenzionato.
14.4 Fase 4: Closing
La conclusione con esito positivo dell’attività istruttoria determinerà l’avvio della fase di closing, che
consisterà nello svolgimento di una trattativa con l’impresa richiedente finalizzata a definire in
dettaglio gli aspetti caratteristici dell’operazione.
12
Il positivo esito della trattativa consiste nella definizione di un contratto finalizzato a disciplinare nel
dettaglio i termini dell’accordo tra l’impresa richiedente ed i suoi soci da una parte ed il Gestore
dall’altra.
Inoltre, sarà possibile addivenire alla sottoscrizione di un accordo parasociale, contenente
disposizioni atte a regolare i rapporti tra i soci originari ed i nuovi soci con riferimento ad aspetti di:
• “corporate governance”: definizione delle regole per la nomina e il funzionamento degli
organi sociali, per il funzionamento della reportistica di monitoraggio e per le maggioranze
richieste per atti particolari. Il Gestore richiederà, laddove non sia già presente, l’istituzione
del collegio sindacale;
• disinvestimento (way out): definizione delle regole di disinvestimento e delle modalità di
esercizio delle eventuali put options, intese nel senso di opportunità di disinvestimento
riconosciute ab initio. I meccanismi di disinvestimento saranno impostati in modo da
assicurare una facile liquidabilità delle partecipazioni nonché un congruo tasso di
redditività; in ogni caso, non potranno prescindere dall’applicazione dei criteri di
valutazione normalmente applicati nel mercato di riferimento.
Il Consiglio di Amministrazione del Gestore sarà chiamato a valutare gli esiti della trattativa, con
ciò potendo decidere:
• di non condividere i termini dell’accordo o le relative modalità di svolgimento, dichiarando
conclusa con esito negativo la Fase 4, ovvero;
• di dichiarare non ancora conclusa la Fase 4, ritenendo di condividere in linea di massima i
termini dell’accordo e le relative modalità di svolgimento, ma considerando necessario
ridefinire alcuni aspetti prima di dar corso all’investimento, ovvero;
• di condividere integralmente i termini dell’accordo e le relative modalità di svolgimento,
dichiarando conclusa la Fase 4 e dando quindi corso all’investimento. In tal caso, il
Consiglio di Amministrazione del Gestore, definita l’entità della investimento da effettuare,
delibererà l’assunzione della partecipazione e – qualora previsto - designerà i
rappresentanti in seno agli organi sociali della società partecipata.
La conclusione della Fase 4, a prescindere dall’esito, sarà oggetto di idonea comunicazione
indirizzata all’impresa richiedente l’intervento partecipativo, ai soggetti che partecipano al Fondo
ed all’eventuale intermediario finanziario convenzionato.
14.5
Controllo e monitoraggio
Un’adeguata attività di controllo e monitoraggio sarà necessaria al fine di assicurare una
tempestiva individuazione dei problemi o delle opportunità di crescita, così da poter individuare e
dar corso alle azioni ritenute più adeguate in un’ottica di valorizzazione dell’investimento effettuato.
Il Gestore svolgerà attività di controllo sulle società partecipate sia analizzando i dati di bilancio in
occasione di periodiche verifiche infrannuali, sia partecipando - per il tramite dei propri
rappresentanti - alle riunioni dei Consigli di Amministrazione, alle adunanze assembleari e, in molti
casi, anche alle riunioni dei Collegi Sindacali delle società partecipate e comunque attraverso
forme di presidio che attengono alla governance societaria.
In conformità alle modalità operative adottate dai principali attori bancari e finanziari operanti nel
settore del merchant banking, il Gestore seguirà un approccio hands on nella gestione della
partecipazione. Tale orientamento si caratterizza per una partecipazione attiva alla vita aziendale.
Oltre alla rappresentanza nell’organo esecutivo, il Gestore richiederà un’informativa almeno
trimestrale sui risultati aziendali e procederà ad effettuare visite in loco. Potrà richiedere la nomina
di manager di fiducia nelle posizioni considerate chiave nonchè la certificazione dei bilanci e
l’adozione di sistemi di budgeting e di reporting.
Le attività di controllo e monitoraggio poste in essere dal Gestore saranno finalizzate a verificare
l’andamento delle società partecipate nonché ad accertare la persistenza dei requisiti di validità e
13
redditività dell’investimento effettuato. Qualora tali requisiti dovessero venire meno sarà possibile,
infatti, procedere ad un disinvestimento anticipato rispetto al termine originariamente pattuito, al
fine di tutelare il valore della partecipazione e, pertanto, l’investimento del Fondo. Tale possibilità,
peraltro, in conformità alla normale prassi di mercato, potrà trovare concreta attuazione anche
qualora si manifestino opportunità tali da assicurare un rendimento superiore rispetto a quello
stimato. La facoltà di procedere ad un disinvestimento anticipato, infatti, sarà oggetto di espressa
previsione contrattuale in sede di acquisizione della partecipazione.
I competenti Organi comunitari, statali, della Regione e del Gestore, su indicazione degli Organi
competenti della Regione, potranno effettuare ulteriori controlli documentali anche presso l’impresa
beneficiaria. Per i controlli in loco la Regione potrà altresì avvalersi del Gestore allo scopo di
verificare lo stato di attuazione dei programmi di investimento, il rispetto degli obblighi previsti dalla
normativa vigente nonché del presente Regolamento Operativo e la veridicità delle dichiarazioni e
informazioni prodotte.
14.6
Disinvestimento
Sono di esclusiva competenza del Consiglio di Amministrazione del Gestore tutte le decisioni
inerenti il disinvestimento delle partecipazioni societarie assunte con l’intervento del Fondo, nel
rispetto delle modalità e dei termini previsti dal presente Regolamento Operativo ed eventualmente
specificati negli accordi sottoscritti tra il Gestore e i Beneficiari in sede di acquisizione della
partecipazione.
15. Rimborsi, proventi e risultati della gestione
In corrispondenza della cessione di ciascuna partecipazione (disinvestimento), si procederà alla
determinazione dell’utile o della perdita, calcolato secondo il seguente schema:
a) qualora l’ammontare risultante dalla completa dismissione dell’investimento, al netto di tutti i
costi ad essa connessi, sia uguale o inferiore all’importo risultante dalla capitalizzazione
composta dell’ammontare pro-quota dell’investimento iniziale, al netto delle successive uscite
di cassa (ulteriori investimenti) ed entrate di cassa (eventuali disinvestimenti intermedi e
dividendi distribuiti durante il periodo di investimento), calcolata applicando un tasso pari alla
media semestrale dell’Euribor 6 mesi per il periodo antecedente, rilevato il 30 giugno o il 31
dicembre di ciascun anno, e tenendo conto delle effettive date delle uscite e delle entrate,
l’importo derivante dal disinvestimento della partecipazione verrà interamente riconosciuto proquota alla Regione e al Soggetto Gestore non verrà corrisposto alcun “success fee”;
b) qualora tale ammontare sia invece superiore all’importo risultante dalla capitalizzazione di cui
sopra, la parte eccedente tale importo, di competenza della Regione, spetterà nella misura del
95% (novantacinque per cento) a ciascuno di essi per la propria quota, e nella misura del 5%
(cinque per cento) al Gestore del Fondo, nei limiti indicati nell’articolo 16.
Il contratto di investimento regolerà le modalità di suddivisione dei dividendi o utili distribuiti.
Il Gestore può disporre il reinvestimento, in operazioni di assunzione di partecipazioni aventi le
caratteristiche di cui al precedente articolo 2, degli importi incassati in dipendenza di operazioni di
disinvestimento (anche parziale) - inclusi il ritorno del capitale investito e le plusvalenze realizzate,
al netto dei costi relativi all’operazione di disinvestimento - nonché degli altri importi incassati dal
Gestore in dipendenza delle partecipazioni societarie assunte. Alle operazioni di reinvestimento si
applicano gli stessi criteri di selezione, di durata e di disinvestimento applicabili alle operazioni di
primo investimento.
14
16. Spese ed oneri
Il costo di gestione del Fondo è costituito da:
•
•
una commissione (management fee), annua, pari all’1,9% (uno virgola nove per cento), IVA
esclusa, della Quota Regionale versata al Fondo stesso; tale commissione verrà prelevata dal
Soggetto gestore direttamente sulla Quota Regionale in rate semestrali posticipate, scadenti il
30 giugno e il 31 dicembre di ogni anno per la durata della gestione. Per quanto attiene alla
Quota Regionale, il Gestore darà formale comunicazione alla Direzione Industria della Regione
Veneto degli importi prelevati a titolo di commissione;
un premio legato ai risultati della gestione del Fondo (success fee), calcolato sulla quota di
rendimento che eccede il rendimento prefissato (Euribor 6 mesi); tale premio viene individuato
nel 5% (cinque per cento), IVA esclusa. Tale premio verrà determinato e quindi attribuito al
Gestore in corrispondenza di ciascun disinvestimento effettuato dal Fondo e verrà prelevato
dal Soggetto gestore direttamente sulla Quota Regionale al verificarsi dell’evento, con
scadenza comunque al 30 giugno e al 31 dicembre di ogni anno per tutta la durata della
gestione. Per quanto attiene alla Quota Regionale, il Gestore darà formale comunicazione alla
Direzione Industria della Regione Veneto degli importi prelevati a titolo di commissione.
Il Gestore, nel prelievo della commissione e dei premi eventuali, legati ai risultati della gestione del
Fondo, verificherà e rendiconterà alla Regione riguardo al fatto che i costi di gestione complessivi
a carico della Quota Regionale non superino, su media annua per la durata dell’intervento, il 3%
della medesima Quota Regionale.
15
Fly UP