...

L`obiettivo dell`Impresa, ovvero, sempre meglio sapere dove stiamo

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

L`obiettivo dell`Impresa, ovvero, sempre meglio sapere dove stiamo
I calcoli da effettuare prima di intraprendere un’attività
Parte prima: Break Even Point - la classificazione dei costi
di Anna Maria Pirro
Cosa passa nella testa di un individuo quando decide di intraprendere un’ attivita’ ?
Mettersi in proprio è un sogno comune a molte persone che si trovano troppo strette
nelle vesti di lavoratori dipendenti. Alcune volte, dedicarsi ad un lavoro autonomo è
stato visto dai nostri governanti, ma anche dagli stessi economisti, come un mezzo per
diminuire il tasso di disoccupazione. Non hai un lavoro? Allora inventalo… Oppure, più
semplicemente, si intraprende la strada del lavoro autonomo pensando che, con l’idea
giusta, competenza ed un po’ di fortuna, si faranno un mucchio di soldi. E questo a volte
corrisponde alla verità.
Quale che ne sia la motivazione, mettersi in proprio necessita, oltre che di un capitale
iniziale, anche di una buona capacità di pianificazione e di qualche calcolo tecnico.
Un’iniziativa imprenditoriale, sia che si tratti di produzione di un bene che della
fornitura di un servizio, necessita di un impegno iniziale, sia in termini di
immobilizzazioni materiali che di personale. Pertanto le domande che sorgono
immediatamente sono: Quale sarà il livello di attività che mi consentirà di azzerare la
differenza fra ricavi e costi? In quanto tempo potrò arrivare al pareggio, quando poi
comincerò ad ottenere un rendimento soddisfacente?
Nel caso delle piccole imprese, infatti, il tempo di rientro del capitale investito deve
essere il più breve possibile e a volte, la creazione stessa dell’impresa può essere messa in
www.commercialistatelematico.com
E’ vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro.
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è violativa della Legge 633/1941 e pertanto perseguibile penalmente
discussione se il tempo di rientro del capitale iniziale risulta troppo elevato rispetto a
quello che l’imprenditore riesce a sostenere.
“Pianificare ricavi e costi” e “calcolare il punto di pareggio” diventano dunque fasi
preliminari fondamentali da espletare prima di prendere qualsiasi decisione. Vediamo in
breve come fare.
La classificazione dei costi per il calcolo del punto di pareggio
L’attività che si desidera intraprendere porterà con se’ dei costi da sostenere nel
tempo presente, che diventeranno uscite finanziarie nel breve periodo, e ricavi, futuri,
difficilmente quantificabili, che dipenderanno da vari fattori, dal prezzo che si riuscirà a
praticare sul mercato, dalla quantità che il mercato richiederà, dalla capacità di persuadere
i potenziali clienti. Una regola da rispettare sempre in questi casi è: “sebbene sia difficile
effettuare una previsione, anche se il futuro ci sembra vago e imperscrutabile: “proviamo
a quantificare comunque”.
Iniziamo a ragionare su tutti i dati che possiamo reperire, scopriremo
immediatamente che i dati relativi ai costi, non solo sono definibili con un livello
significativo di approssimazione, ma, talvolta, sono quasi certi ancor prima di
intraprendere l’attività.
Una volta enucleati i costi e’ possibile distinguerli fra Costi fissi, che vengono
sostenuti indipendentemente dalla quantità prodotta e Costi variabili, che varieranno
proporzionalmente al variare della produzione e pertanto aumenteranno se la
produzione aumenta e viceversa. Questa distinzione va operata con molta accortezza
perché sarà fondamentale ai fini del risultato dell’analisi.
www.commercialistatelematico.com
E’ vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro.
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è violativa della Legge 633/1941 e pertanto perseguibile penalmente
I costi fissi
Fra i Costi fissi, i principali sono i Costi della struttura, quei costi che l’Azienda deve
sostenere per crearsi una struttura di supporto all’attività principale. Fanno parte di
questa tipologia
1. Tutti i costi legati alla Sede dell’Azienda: affitto/ammortamento degli uffici,
utenze degli uffici, spese condominiali e di vigilanza della sede, assicurazioni
dell’edificio, interventi i manutenzione ordinaria e straordinaria dell’edificio.
2. Costi legati alle attività di supporto rispetto a quella principalmente espletata
dall’Azienda: personale dell’Ufficio, servizi di contabilità, gestione paghe,
adempimenti fiscali servizio legale.
3. Costi delle attrezzature d’ufficio: acquisto hardware e software, interventi di
manutenzione di tecnici per macchine dell’Ufficio
Altri costi fissi sono rappresentati da:
Costi dell’Area marketing e per campagne pubblicitarie. Anche se tali costi verranno sostenuti
proporzionalmente all’attività, di fatto può non esistere un preciso legame proporzionale
fra costo e quantità venduta. Quindi vanno annoverati far i costi fissi e soprattutto, nel
caso di un’attività nascente, sono sostenuti talvolta anche prima rispetto al momento
della produzione/vendita perché ci si auspica che proprio le iniziative pubblicitarie
generino il fatturato previsto…
Costi fissi di tipo finanziario: Ricordiamo che il costo viene sostenuto in un momento
sempre precedente rispetto alla produzione e alla vendita del bene/servizio, quindi nella
www.commercialistatelematico.com
E’ vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro.
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è violativa della Legge 633/1941 e pertanto perseguibile penalmente
maggior parte dei casi l’Azienda dovrà ricorrere ad un finanziamento per vere la
disponibilità del capitale. Gli interessi per il pagamento di mutui e/o leasing accesi per
dotarsi del capitale necessario per l’avvio dell’attività, dovranno essere considerati veri e
propri costi fissi.
La somma di tutte le voci sopra elencate fornisce l’ammontare dei costi fissi da sostenere
molto spesso prima di avviare l’attività, pertanto, un buon livello di dettaglio di tali costi
sarà un ottimo punto di partenza per l’analisi del punto di pareggio.
Quando inizierà la “produzione”, l’incidenza dei costi fissi sulla quantità prodotta sarà
tanto minore quanto più aumenterà la quantità prodotta, dato il livello della capacità
produttiva.
I costi variabili
Oltre ai costi fissi, legati all’organizzazione aziendale ed alla struttura produttiva, la
creazione di un bene porta con se’ il costo intrinseco della materia prima e di tutti gli
elementi che direttamente contribuiscono alla produzione. Tali costi vengono definiti
variabili dal momento che ogni unità aggiuntiva di prodotto implica un incremento del
costo totale pari al costo diretto dell’unità e viceversa, se diminuisce la quantità prodotta,
i costi direttamente legati alla produzione diminuiscono.
www.commercialistatelematico.com
E’ vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro.
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è violativa della Legge 633/1941 e pertanto perseguibile penalmente
Fanno parte dei costi variabili nel caso di un’azienda di produzione:
1. costi delle materie prime e dei semilavorati
2. costi diretti di manodopera
3. lavorazioni presso terzi
4. utenze per la produzione
5. interventi di manutenzione delle macchine
6. prestazioni tecniche di ditte esterne
Nel caso di un’azienda che si occupi di commercializzazione del prodotto, saranno da
considerare costi variabili il costo dell’acquisto di merci destinate alla rivendita.
Nel caso di un’azienda di servizi o di uno studio professionale si considereranno costi
variabili:
1. Costo del personale assunto per il singolo progetto
2. prestazioni di servizi professionali e tecnici svolte da parte di professionisti
esterni per il singolo progetto
Non esiste una lista univoca di costi fissi e variabili, ciascuna voce di costo potrà
assumere una o l’altra forma a seconda della sua relazione con la quantità venduta. Ad
esempio, le assicurazioni in generale sono costi fissi, ma le assicurazioni legate all’attività
possono essere considerate costi variabili se il premio e’ legato al volume d’affari, oppure
se viene pagato un premio specifico per ciascun contratto in essere.
www.commercialistatelematico.com
E’ vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro.
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è violativa della Legge 633/1941 e pertanto perseguibile penalmente
Queste considerazioni dovrebbero bastare per una preliminare classificazione dei
costi. Sottolineo ancora che tanto più precisa sarà la distinzione effettuata tanto più il
risultato sarà significativo. Ora siamo pronti per effettuare il calcolo del punto di
pareggio, ma … il dettaglio delle operazioni lo approfondiremo nel prossimo articolo.
Anna Maria Pirro ( 20 maggio 2010)
A cura di http://www.soluzionipercrescere.com
www.commercialistatelematico.com
E’ vietata ogni riproduzione totale o parziale di qualsiasi tipologia di testo, immagine o altro.
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è violativa della Legge 633/1941 e pertanto perseguibile penalmente
Fly UP