...

Artigiani, addio a mille imprese

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Artigiani, addio a mille imprese
Artigiani, addio a mille imprese
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . «Chiuso in negativo anche il terzo trimestre»
L analisi della Confapi dall'inizio delle crisi
Fabrizio Cibin
SAN DONA DI PIAVE
Mille imprese artigiane hanno cessato l'attività nel Veneto Orientale
dall'inizio della crisi. È uno degli
elementi che emergono dalla relazione sugli andamenti economici e
occupazionali curata da Confapi,
l'associazione regionale delle piccole e medie industrie del Veneto.
Ieri il direttore Pier Orlando Roccato, accompagnato dall'ex presidente della commissione lavoro della
Provincia, Roberto Dal Cin, ha
illustrato i dati riferiti al territorio.
Distretto di San Donà - «Il terzo
trimestre 2014 si chiude in negativo: l'incremento del ricorso alla
cassa integrazione è stato del 2%, la
perdita di aziende è stata del 2,5%,
gli occupati sono diminuiti del
2-3%. La restrizione del credito da
parte delle banche verso le aziende
si è contratta del 4,5%». Male anche
3/ CALANO GLI OCCUPATI
O
Nel distretto di san Donà gli occupati
sono calati del 2-3 per cento. Le
banche hanno ridotto il credito alle
aziende dei 4,5 per cento
manifatturiero e industria. In questo comparto la realtà artigiana
incide nell'economia complessiva
per il 28% sul totale delle imprese.
Nel primo semestre 2014 si è registrata una diminuzione importante
del 3,2% rispetto al primo semestre
2013, e i settori che hanno maggiormente sofferto sono l'industria delle
bevande (-50%), metalmeccanico
(-18,8%), gomma-plastica (-12,5%).
«Meno critica - viene spiegato - la
situazione nel settore industriale;
alza la media l'andamento del settore energetico, inteso come servizi
di distribuzione». Tiene l'agricoltura, ma anche il turismo (pur considerando che la permanenza media
è diminuita e che il mercato italiano
è stato superato da quello straniero), anche se si è registrato una
29
METALMECCANICO KO
% H II settore metalmeccanico risulta il
più colpito nel distretto di
Portogruaro. Imprese artigiane
scese da 2.973 a 2.623 nel territorio
sensibile diminuzione del tasso di
occupazione. A proposito di turismo, le aziende non investono in
ristrutturazioni e manutenzioni.
Distretto di Portogruaro - Qui i
comparti analizzati sono quelli di
manifatturiero, industria e turismo.
Nel primo caso il numero delle
imprese artigiane attive è passato
da 2.973 a 2.623 nell'ultimo anno,
ovvero meno 353. I settori maggiormente colpiti sono anche in questa
zona
quelli
metalmeccanico
e
gomma plastica
(-28,6%)
(-14,3%). Segno positivo invece la
gomma plastica a livello industriale
(più 18,8%), male per pelle (-25%),
stampe tecniche (-10%) e elettronica e informatica (-36,4%). Per quanto riguarda il turismo vale lo stesso
ragionamento del Sandonatese, ovvero il comparto tutto sommato
tiene: sensibile aumento degli arrivi, ma diminuzione delle presenze.
© riproduzione riservata
a
RAPPORTO 2014
Nel manifatturiero e
nell'industria gli artigiani
rappresentano
il 28 per cento del totale
delle imprese
!b VENETO ORIENTALE
Soffrono industria
e manifatturiero
Tiene il turismo
16
addio a mille imprese
Fly UP