...

Io che ero suo amico vi dico che Edoardo è stato ucciso

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Io che ero suo amico vi dico che Edoardo è stato ucciso
insoliti sospetti Parla Marco Bava, ex confidente del giovane Agnelli morto nel 2000
Io che ero suo amico vi dico
che Edoardo è stato ucciso
«Macché suicidio: si è trattato di assassinio», assicura Marco Bava, il dipendente Telecom che fu anche
consulente finanziario del rampollo di casa Fiat trovato senza vita ai piedi di un viadotto. «In Inghilterra fu
aperta un’inchiesta perfino su Lady Diana, mentre qui su questo caso è stata messa una pietra tombale.
Ma ora che un libro ha smosso le acque, ricomincerò a battermi perché la verità venga finalmente a galla»
combattivo
Marco Bava, 51 anni,
amico di Edoardo Agnelli
(nella foto a sinistra),
morto all’età di 46 anni,
mostra uno dei biglietti
ricevuti da lui all’epoca
della loro amicizia. In
basso, è evidenziata
la firma di
Edoardo: E. A.
di Antonio Parisi
Torino, febbraio.
◆
Un libro pone nuovi dubbi
Sul suo cadavere
non ci fu autopsia
Due settimane fa, nel numero 7, Visto aveva
pubblicato un’intervista con il giornalista
Giuseppe Puppo, autore del libro Ottanta metri
di mistero (Koinè editore) in cui si dubita
che Edoardo Agnelli si sia suicidato. Almeno
quindici, per l’autore, gli indizi che fanno
pensare a un omicidio: tra questi, il fatto che
il corpo aveva ancora i mocassini ai piedi
e le bretelle allacciate, mentre la caduta
dal viadotto avrebbe dovuto sbalzarli lontano.
Oltre alla seguente stranezza: un’autopsia
sul corpo di Edoardo non è mai stata fatta.
56
«Sono convinto anch’io, come sostiene Giuseppe Puppo
nel suo libro Ottanta metri di mistero, che Edoardo Agnelli, il 15
settembre del 2000, sia stato assassinato». A parlare della morte del figlio dell’avvocato Giovanni Agnelli, di cui Visto si è
occupato due settimane fa, è
Marco Bava. Laureato in Economia e Commercio, Bava è
un piccolo azionista della Fiat,
ma soprattutto è stato amico,
confidente e consulente finanziario di Edoardo Agnelli. Oggi è dipendente della Telecom.
«Sin dal primo momento non
ho creduto alla versione del
suicidio», confida Bava. «Troppe cose non quadrano: la
Croma, per esempio, con cui
Edoardo avrebbe raggiunto
ato
z
z
a
m
m
a
o
“lo hann ato qua”
e poi port
4 dicembre 2006
il viadotto dell’autostrada Torino-Savona, da cui si sarebbe
buttato di sotto, non presentava tracce di impronte digitali.
Questo è impossibile. Mi domando, poi, come mai la scorta, che aveva l’ordine di non
abbandonare mai Edoardo,
quella mattina lo lasciò andare da solo. Nessuno ha chiesto
spiegazioni a quelli che il padre di Edoardo chiamava “gli
angeli custodi di mio figlio”.
Resto poi sconcertato dal fatto
che dopo un volo di oltre ottanta metri il corpo del povero Edoardo fosse quasi intatto
come se, invece che essere precipitato dalla paurosa altezza
del viadotto, fosse caduto da
pochi metri di altezza. I mocassini erano ancora ai piedi e le
bretelle al loro posto. Persino
la collanina di perle di legno
era intatta al collo».
Bava prende fiato e riprende:
«Secondo me Edoardo lo hanno ammazzato e forse buttato
giù da un muretto. Lo hanno
rivestito, lasciandogli il pigiama sotto la giacca, caricato nel
portabagagli e portato ai piedi
del pilone del viadotto, luogo
in cui si arriva agevolmente attraverso una strada secondaria.
A proposito di portabagagli,
quello della Croma di Edoardo fu ritrovato leggermente
aperto. Credo che la polizia fece male ad accreditare la tesi
del suicidio così da convincere il medico legale che tutto fosse chiaro e che non ci fosse bisogno di alcuna autopsia».
Tutto questo Bava riuscì a dirlo, tre giorni dopo il ritrovamento, al magistrato inquirente cui suggerì anche di acquisire le registrazioni delle telecal’esposto
mere di Villa Sole, la casa doSopra, Marco Bava
ve Edoardo abitava sulla colliindica il viadotto della na torinese, così da verificare
Torino-Savona da cui se quella mattina Edoardo fosil corpo di Edoardo
se uscito da solo o con altri.
Agnelli sarebbe
«Ma non servì a nulla: il magicaduto il 15
strato continuò a parlare di suinovembre 2000.
cidio. Da allora ho provato in
A sinistra, l’esposto tutti i modi a far riaprire il cadi Bava al ministro so: mi sono rivolto al Procuradi Grazia e Giustizia tore di Torino, Gian Carlo Casulle lacune
selli, al Consiglio Superiore deldell’indagine
la Magistratura e, con un esposul caso Agnelli.
sto dettagliato da fatti e circostanze, anche al Ministro di
Grazia e Giustizia. Tutto è stato inutile. Ora che, grazie al li57
Poche ore prima
di morire,
Edoardo voleva
chiedere conto
a suo padre di
tutte le pressioni
ricevute
per rinunciare
ai suoi diritti
“mamma vuole
interdirmi”
A destra, Edoardo a
fianco della madre
Marella e del padre
Gianni. Sotto, alcuni
passaggi di due
lettere da lui inviate
all’Avvocato (e ora in
mano a Marco Bava)
da cui emergono
tutte le difficoltà
dei loro rapporti.
.
lei a suo padre..
l
e
d
a
v
a
d
o
rd
a
o
Così Ed
25 marzo 1993
Gentile Signor
at
Presidente della Fi nelli
Ag
ni
an
ov
Gi
Senatore
iglia
m
a
f
a
l
n
o
“c
le”
i
c
i
f
f
i
d
o
t
por
p
a
r
n
u
a
v
ave
rito mettere una pietra tom-
con lei (con sua
ndo tutto sia bene per quanto apparso
ra
gu
au
,
at
Fi
te
en
id
Gentile Signor Pres nsidera a oggi necessario disturbarla
co
si
)
so
n
no
famiglia
ampa...
St
La
no
ia
id
sul quot
Cordialmente
Suo
lli
ne
Ag
f.to Edoardo
...e due anni dopo attaccava entrambi i genitori
VILLA SOLE
4 marzo 1995
Caro Pappi, augurando che tutto sia bene con te (non posso quivi dire
«e con tua famiglia») perché certo quivi si sta male e molto e assai.
In questa ultima settimana se ne è andato in fumo il difficile equilibrio interiore,
quell’armonia sì necessaria per poter vivere e poi lavorare, quell’equilibrio che
per me è sempre difficilissimo costruire e difendere visto il difficile meccanico e
innaturale mondo e habitat in cui ci siam tutti.
Infine mi disse che per volere di entrambi i genitori il conto in banca doveva
avere la doppia firma... e la firma è da intendersi congiunta.
Poi arriva Papà... e te proponi qualcosa di ancora peggio. Un versamento
mensile con una firma congiunta con Gabetti e delegata a Bini. Ossia tre
controlli.
Per chiudere, ecco dove vuole arrivare la mamma. Lei tira - e lo metto per
iscritto - a far sì che non possa fare niente, cosicché, se te lasci questa terra,
prova a interdirmi. Non ci riuscirebbe mai perché oramai questo paese non
glielo permetterebbe però rimane il fatto che ci ha provato e questo lascia a me
ponderare dove è l’affetto figliale e dove sta il nostro rapporto...
La mamma non voleva che avessi un conto in banca a mio nome perché
coltivava futili propositi interditori.
f.to E.A.
58
bro di Puppo e al vostro servizio, le acque sembrano essersi smosse, la prossima settimana, insieme con altri
amici, intendo chiedere la
riapertura del caso per stabilire che Edoardo non si è
ucciso, ma è stato assassinato». D’altra parte Bava si dice stupito del fatto che a suo
tempo l’inchiesta fu chiusa
a pochissime ore dal ritrovamento del cadavere. «Nel
Regno Unito», dice Bava,
«c’è stata un’inchiesta sulla
morte di Lady Diana. La polizia non ha avuto riguardi
per nessuno, neppure per il
principe ereditario. Qui da
noi, al contrario, si è prefe-
bale sulla fine del povero
Edoardo».
Ma quale sarebbe stato il
movente dell’omicidio?
Secondo Bava, Edoardo
si sentiva minacciato. Da
alcuni anni, ambienti Fiat
avevano provato con lusinghe e pressioni a fargli
firmare un documento di rinuncia ai suoi diritti societari sull’azienda di famiglia.
Edoardo, su consiglio di Bava, si era sempre rifiutato, al
contrario della sorella Margherita, che aveva accettato.
Secondo Bava, nei giorni
precedenti la morte
di Edoardo le pressioni erano tornate
a farsi sentire, pesantissime. «So tutto questo, perché ho conosciuto Edoardo negli Anni
80, durante un’assemblea
della Ifi (la società con cui
gli Agnelli controllano la
Fiat). Ero presente quale piccolo azionista ed ebbi modo di rivelare a Edoardo alcune manovre finanziarie
che la famiglia gli aveva tenute nascoste. Da allora ne
diventai prima amico e poi
consulente finanziario, raccogliendo persino copia delle lettere che inviava ad amici, parenti e potenti».
Alcune di queste lettere testimoniano della grande
onestà di Edoardo. Altre raccontano di un uomo dalla
personalità fragile e controversa e illustrano tutta la difficoltà dei suoi rapporti con
padre e madre. In una lettera, Edoardo appare affettuoso col papà, ma in altre gli
si rivolge dandogli addirittura del “lei”, sollecitandolo (eravamo in piena Tangentopoli) “a rileggersi lo
statuto della Fiat il cui scopo è assolutamente contrario a promuovere socialmente la legalizzazione della corruzione”».
Edoardo e Bava si frequentarono fino al 1998, quando Bava, durante un’assemblea della Fiat, attaccò pesantemente il presidente
onorario (Gianni Agnelli)
sulla questione della successione al vertice del gruppo
che vedeva, ancora una volta, Edoardo scavalcato da
altri parenti (stavolta si trattava di John Elkann). In
quella occasione, Edoardo
non se la sentì di dare addosso al padre e interruppe
i rapporti con Bava scrivendogli che non se la sentiva
di seguirlo sulla sua linea.
Passarono due anni da quel
momento, quando una sera dei primi di novembre del
2000 Bava ricevette una telefonata da Edoardo. «Voleva che lo raggiungessi a casa sua, a Villa Sole, e mi confidò che ancora una volta
“Parve impaurito
l’ultima volta
che io l’ho sentito”
volevano fargli firmare una
rinuncia ai suoi diritti. Gli
dissi di non accettare e lui
era d’accordo con me. “Mio
padre risponderà a Dio di
tutto questo”, furono le ultime parole di Edoardo. Mi
salutò così e quella fu l’ultima volta che vidi vivo il mio
amico. Ci siamo sentiti ancora diverse volte al telefono. Mi pregava di accompagnarlo dal padre per chiarire una volta per tutte la vicenda dei documenti che gli
si chiedeva di firmare. Edoardo era impaurito, ma determinato a non cedere. Aveva tanta voglia di vivere. Ne
sono certo: non si è ucciso.
E sulla sua morte continua
a esserci molta omertà».
Antonio Parisi
Fly UP