...

il pregiudicato ucciso la sera di San Gennaro.

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

il pregiudicato ucciso la sera di San Gennaro.
Acerra, la Questura: "niente
funerale per Caruso", il
pregiudicato ucciso la sera
di San Gennaro.
Motivi di ordine pubblico dietro la decisione delle autorità.
Per ordine della Questura la salma di Adalberto “Ignazio”
Caruso, cognato del boss Giovanni Lombardi, ucciso in un
agguato la sera di San Gennaro, non potrà essere oggetto di
nessun funerale. Oggi pomeriggio, alle cinque, il corpo del
pregiudicato per vari reati sarà trasportato direttamente al
forno crematorio di Domicella, in provincia di Avellino, dalla
ditta di pompe funebri acerrana “Pacilio”. Adalberto Caruso,
detto “Ignazio a ‘mbechera”, 57 anni, moglie e due figli, è
stato ucciso il 19 settembre scorso, cioè nel giorno di San
Gennaro, da un killer che, forse a volto scoperto, gli ha
sparato un solo colpo di Beretta alla testa. L’agguato si è
consumato nella centralissima piazza San Pietro, poco dopo le
20 e 30, quando in quel momento c’erano negozi aperti, un
traffico sostenuto e molta gente per strada. Caruso si trovava
seduto sulla panchina dello slargo, davanti all’edicola votiva
della Madonna Addolorata e al grande crocefisso sovrastante.
Forse non s’è accorto di nulla nel momento in cui il sicario
ha agito. Un delitto che ha tutti i contorni del classico
omicidio di mafia, giunto poche ore dopo l’appello a far
tacere le armi da parte dell’arcivescovo di Napoli, il
cardinale Crescenzio Sepe, un monito accorato contro la
violenza della camorra e ogni forma di prepotenza e
sopraffazione. Intanto la Questura ha detto di no al funerale
dell’ucciso. Adalberto “ignazio” Caruso era cognato del boss
Giovanni Lombardi. Secondo la Dda il clan Lombardi è una
temibile formazione camorristica dedita allo spaccio, alle
estorsioni e all’usura.
(Fonte foto: rete internet)
Fly UP