...

importare negli stati uniti i. il sistema doganale negli usa e le relative

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

importare negli stati uniti i. il sistema doganale negli usa e le relative
 IMPORTARE NEGLI STATI UNITI
I.
IL SISTEMA DOGANALE NEGLI
PROCEDURE DI IMPORTAZIONE
USA
E
LE
RELATIVE
II.
L'ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DELLE
BEVANDE ALCOLICHE
III.
REQUISITI DOGANALI SPECIFICI PER ALCUNE CATEGORIE DI
PRODOTTI ALIMENTARI
IV.
LA DISTRIBUZIONE
ITALIANI
V.
VI.
DEI
PRODOTTI
AGROALIMENTARI
LE PRIME 30 AZIENDE DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE NEGLI
USA
ENTI PREPOSTI ALL’IMPORTAZIONE NEGLI STATI UNITI
I. IL SISTEMA DOGANALE NEGLI USA E LE RELATIVE PROCEDURE DI
IMPORTAZIONE
Introduzione
Nello sforzo di facilitare i rapporti commerciali tra Italia e Stati Uniti, si forniscono all’esportatore
italiano alcune informazioni generali sulle procedure d’importazione e sulle relative normative. È
importante, tuttavia, ricordare che le leggi, i regolamenti doganali e le quote di importazione dei
prodotti alimentari, sono costantemente soggetti a modifiche.
Occorre, altresì, sottolineare come le problematiche e le circostanze relative ad ogni transazione si
differenzino a seconda della natura dei prodotti e dell’esperienza acquisita dall’importatore. Si
suggerisce, pertanto, alle parti interessate di rivolgersi a dei professionisti per ottenere
informazioni aggiornate riguardanti un particolare settore od operazione.
1) Le Autorità Doganali Statunitensi
La gestione del servizio doganale è affidata al Customs Service, Agenzia Federale che si occupa
della gestione del traffico delle merci e delle persone in transito negli Stati Uniti. La sua funzione
consiste essenzialmente nel:
 raccogliere dazi, tasse e commissioni relative al commercio internazionale;
 controllare, regolare ed agevolare il movimento dei mezzi, delle merci e delle persone fra
gli Stati Uniti e le altre nazioni;
 proteggere i consumatori e l’ambiente da prodotti nocivi e pericolosi; -proteggere
l'industria nazionale dalla concorrenza sleale di altri Paesi;
 combattere il contrabbando e le operazioni illegali che mirano ad introdurre nel Paese
droga, armi, valuta o altri prodotti vietati;
 effettuare controlli ed ispezioni per combattere possibili atti terroristici.
La struttura organizzativa è costituita da venti Customs Management Centers (CMCs), ciascuno
dei quali è diviso in diversi porti di entrata (Service Port, Area Port e Port of Entry). Queste unità
fanno a capo, rispettivamente, alla Direzione del CMC, delle Service e Area Port, e del Port of
Entry.
2) I soggetti autorizzati ad importare merci negli USA
Le procedure di sdoganamento delle merci che si intendono importare negli Stati Uniti devono
necessariamente essere eseguite da uno dei seguenti soggetti:
 il proprietario/esportatore delle merci;
 l’acquirente/importatore delle merci;
 un agente o intermediario doganale (customs broker) espressamente autorizzato dal
proprietario o dall’acquirente delle merci tramite apposita procura (power of attorney).
I Customs Brokers:
Sono persone o aziende espressamente autorizzate dal Customs Service a:
 redigere e raccogliere la documentazione necessaria per consentire l'ingresso della merce;
 procedere al pagamento dei dazi doganali;
 occuparsi del rilascio delle merci eventualmente in custodia presso la dogana;
 rappresentare i propri clienti nei rapporti con le autorità doganali.
Qualora le procedure di sdoganamento della merce non siano effettuate da un broker americano,
l'Ufficio Doganale competente generalmente richiede il versamento di una somma (bond), a titolo
di cauzione, per coprire il pagamento delle eventuali imposte addizionali o maggiorate
conseguenti all'ingresso della merce. Nel caso si decida di affidarsi ad un Broker Doganale, si
suggerisce di accertarsi che aderisca alla Automated Broker Interface, sistema elettronico che
consente l'interscambio di documenti ed informazioni con le autorità doganali. È importante che le
aziende mantengano tutta la documentazione delle operazioni di importazione concluse.
3) I documenti necessari all’importazione
È molto importante che i documenti risultino redatti in maniera chiara, leggibile ed in lingua
inglese, affinchè le pratiche doganali possano essere svolte in maniera rapida e senza il rischio di
incorrere in eventuali penali. I documenti devono specificare merce, numero di pezzi, peso,
dimensioni, valore dell’articolo e descrizione dello stesso.
I seguenti documenti di entrata devono essere presentati ad un “Port of Entry” statunitense:
 modulo doganale 7533 (o altro modulo richiesto dalla competente autorità portuale);
 prova del diritto di entrata;
 fattura commerciale o fattura pro-forma, qualora la fattura commerciale non fosse
disponibile;
 bolla di accompagnamento delle merci, richiesta nel caso in cui la dogana statunitense
decidesse di ispezionare la merce; la bolla è, altresì, necessaria a scopi assicurativi qualora
si verificassero dei danni alla merce;
 eventuali certificazioni o autorizzazioni particolari richieste dalle agenzie federali
statunitensi per determinati prodotti (alimentari, farmaceutici, alcolici e superalcolici,
tessili, etc.).
4) La Fattura Commerciale
Una fatturazione appropriata porterà ad uno sdoganamento più veloce delle merci. Errori od
omissioni nella fattura commerciale potrebbero causare ritardi nel rilascio della merce dalla
custodia doganale, la detenzione della stessa o, in casi estremi, addirittura sanzioni penali. È
importante, perciò, consultare il cliente o l’agente statunitense per verificare che non siano
previste, da parte di un determinato settore, richieste addizionali di fatturazione.
Specifiche informazioni devono essere presenti sulla fattura commerciale sulla base delle
regolamentazioni doganali o di altre agenzie federali.
In particolare, le seguenti informazioni devono generalmente essere presenti nella fattura
commerciale:
 indicazione del porto di ingresso della spedizione negli Stati Uniti;
 descrizione dettagliata della merce. La descrizione dovrebbe anche consentire di
identificare l’imballaggio con cui la merce viene spedita;
 quantità (in unità, peso o misura), composizione o materiale con cui la merce è stata
fabbricata o prodotta e prezzo di acquisto di ogni articolo nella valuta di vendita;
 indicazione del nome e dell'indirizzo dell'acquirente o della persona che prenderà in
consegna la merce; -paese di origine della merce;
 costo dell’imballaggio (compresi contenitori, coperture e casse);
 costi di trasporto, assicurazione, commissione e tutti gli oneri, i costi e le spese sostenute
per il movimento internazionale della merce (dal porto italiano al primo porto di entrata
statunitense);
 eventuali ribassi, sconti e dazi doganali rimborsati o concessi all'acquirente;
 costo della produzione delle merci. Tutte le merci (per esempio utensili, stampi e matrici)
ed i servizi (design, sviluppo ed assistenza finanziaria) che il compratore americano
fornisce al produttore italiano e che non risultano inclusi nel prezzo fatturato devono essere
fatturati in dettaglio ed identificati sulla fattura commerciale;
 indicazione della valuta utilizzata.
5) La definizione del Paese d'Origine del prodotto
Le leggi doganali prevedono che ogni prodotto importato negli Stati Uniti sia identificato tramite
la determinazione del Paese di origine. In particolare, su ogni prodotto deve essere indicato il
Paese di fabbricazione del prodotto in maniera chiara, leggibile ed in lingua inglese, così da
consentire al consumatore statunitense di conoscere l'origine del prodotto che acquista. La
mancata indicazione del Paese di origine o una sua incompleta identificazione comportano
l'applicazione di salate penali a carico di chi importa, nella misura di circa il 10% del valore
doganale del prodotto. Esistono, tuttavia, una serie di prodotti per i quali l'indicazione del Paese di
origine non è obbligatoria. Tra questi ricordiamo:
 opere d'arte;
 carta;
 pelli ancora da conciare;
 legname non lavorato;
 sigarette e sigari.
Si consiglia di verificare in anticipo l'elenco dei prodotti non soggetti al marchio indicante il
Paese di origine, in quanto si tratta di una lista in continua evoluzione.
6) Le Restrizioni Speciali
Per una serie di prodotti la dogana statunitense richiede ulteriori certificazioni e/o autorizzazioni
da parte delle competenti agenzie federali. Si tratta, in particolare, dei seguenti prodotti:
 la maggior parte dei prodotti alimentari (pomodori, formaggi, carne e derivati, uova e
derivati, etc.);
 i giocattoli e gli articoli per bambini;
 le armi e le munizioni;
 l’oro, l’argento ed i diamanti;
 gli articoli casalinghi;
 le attrezzature commerciali ed industriali;
 i cosmetici, i prodotti farmaceutici e le apparecchiature mediche;
 i pesticidi;
 i prodotti tessili, la lana e le pellicce.
Si consiglia, quindi, di verificare in anticipo con l'importatore che il prodotto che si intende
esportare negli Stati Uniti abbia ricevuto le necessarie autorizzazioni o certificazioni, così da
evitare di vedersi trattenere in dogana l'intera spedizione in attesa che si provveda a fornire la
documentazione richiesta, con evidente perdita di tempo e costi elevati oltre al deterioramento
delle merci quando queste sono deperibili.
7) L’imballaggio della merce
I seguenti suggerimenti hanno l'obiettivo di semplificare le procedure di sdoganamento dei
prodotti ed evitare ritardi e costi aggiuntivi. Il principio generale, che vale per le spedizioni di
qualunque prodotto, è quello di far in modo che la merce venga imballata in maniera ordinata,
provvedendo cioè a separare accuratamente gli articoli sottoposti a tariffe diverse.
Le autorità doganali statunitensi tendono, infatti, a considerare l'inserimento in un unico container,
scatola o cassa di articoli diversi tra loro non appropriatamente suddivisi nei documenti di
trasporto, come una violazione delle norme doganali.
La conseguenza sarà, in questo caso, l'applicazione a tutti gli articoli in oggetto della tariffa
doganale più elevata applicabile al momento dell'ingresso della merce negli Stati Uniti.
8) L'etichettatura
Può variare a seconda del prodotto a cui è destinata. Nei prodotti alimentari La Food and Drug
Administration (FDA) prevede, salvo alcuni casi, l'applicazione, sul prodotto che deve essere
importato negli Stati Uniti, di una etichetta che contenga una tabella dei valori nutrizionali del
prodotto, i dati relativi al produttore, il Paese di origine del prodotto ed ulteriori informazioni
utili al consumatore ed alla dogana per determinare l'eventuale responsabilità in caso di danni
causati dal prodotto.
Per quanto concerne i valori nutritivi del prodotto, che rappresentano forse la parte più delicata, la
FDA richiede che tali informazioni siano contenute in un riquadro con cornice di colore nero o
altro colore stampato su sfondo bianco o comunque neutro e stabilisce, altresì, le misure precise
che dovrà avere il dettaglio rispetto alla superficie totale dell'involucro che contiene il prodotto
alimentare (sull'argomento è possibile consultare il sito web http://vm.cfsan.fda.gov/label.html).
Le informazioni sul contenuto nutritivo del prodotto possono anche essere applicate utilizzando
una nuova etichetta adesiva; non è richiesto, quindi, che siano contenute nella etichetta originale
apposta al prodotto. La FDA fornisce, altresì, delle misure minime per i caratteri che devono
essere utilizzati nell'etichetta, tenendo ben presente che la dicitura Nutrition Facts (Valori
Nutritivi) deve risultare in maniera evidente rispetto alle altre informazioni presenti sull'etichetta.
Come anticipato, esistono, tuttavia, delle eccezioni per quei prodotti i cui apporti vitaminici o
calorici risultino insignificanti. In particolare, per quei prodotti la cui quantità di calorie o vitamine
apportate può essere arrotondata a zero è prevista una maggiore flessibilità nell'inserimento delle
informazioni nell'etichetta. Per quanto riguarda, invece, carboidrati, fibre e proteine, per quantità
insignificante si intende una quantità che può essere indicata come inferiore ad 1 grammo (less
than 1 gram).
La FDA ha, poi, previsto la possibilità per alcune aziende di essere esentate dall'obbligo di
indicare nell'etichetta le informazioni sui valori nutritivi presenti nei prodotti. In particolare,
l'esenzione riguarda, tra le altre, le aziende estere il cui fatturato medio annuale, calcolato sulla
base delle vendite alimentari avvenute in territorio statunitense, sia inferiore ai $50.000.
L'esenzione è inoltre prevista per le aziende con meno di 100 dipendenti o che producono
annualmente meno di 100.000 unità di un determinato prodotto. Altre esenzioni sono stabilite a
favore dei prodotti alimentari destinati a scuole, ospedali, ristoranti ed istituzioni.
9) La Determinazione del Dazio Doganale
Le leggi statunitensi fanno riferimento all’Accordo di Valutazione Doganale redatto dalla World
Trade Organization. Generalmente, le tariffe doganali sono calcolate sul valore della merce
importata negli Stati Uniti (ad valorem).
In alcuni casi, tuttavia, il dazio doganale è espresso in dollari, o centesimi di dollaro, sul peso o
sulla quantità totale della merce importata e varia a seconda del Paese di origine.
Il database delle tariffe doganali è consultabile gratuitamente su internet
(http://www.usitc.gov/tata/hts/other/dataweb), oppure consultando l'ufficio della National
Commodity Specialist Division della U.S. Customs Service di New York.
Per conoscere il dazio doganale applicato al prodotto, occorre sapere il codice doganale attribuito
al singolo prodotto. Il codice doganale è un numero di dieci (10) cifre che contraddistingue la
tipologia del prodotto importato. Le prime quattro (4) cifre del codice identificano la
macrocategoria, le successive si riferiscono, invece, alle varie tipologie di prodotti esistenti
nell'ambito di quella categoria.
Non tutte le merci sono, tuttavia, soggette ai dazi doganali. In particolare, le merci che non
saranno soggette ad alcuna lavorazione o che non verranno vendute a terzi e che verranno
riesportate entro un anno dal loro ingresso negli Stati Uniti, non sono soggette al pagamento
di alcun dazio doganale, ma saranno, comunque, soggette al rispetto delle quote di
importazione, di cui si è già scritto sopra, stabilite dal governo americano.
10) L’Importazione Temporanea di prodotti per la partecipazione a Fiere
La classificazione di un evento come Fiera (Trade Fair Designation) da parte dell’U.S.
Department of Commerce consente l’importazione negli Stati Uniti, per un periodo determinato,
di merce non consumabile (i prodotti alimentari ed i depliant sono considerati consumabili), senza
necessità di pagare alcun dazio. Gli espositori possono decidere nel corso dell’evento se vogliono
importare le merci permanentemente negli USA, riesportarle alla chiusura della manifestazione o,
invece, utilizzarla sotto la supervisione della Dogana.
Secondo i regolamenti doganali statunitensi, le merci destinate alle Fiere devono essere registrate
presso gli uffici doganali della città dove si tiene l’evento. La documentazione da allegare alla
spedizione prende il nome di Carnet ATA (Temporary Admission). Si tratta di moduli con una
validità generalmente di un anno, che autorizzano l'esportatore a spedire la merce negli Stati Uniti
senza che questa venga sottoposta ad alcun dazio doganale, pur restando, tuttavia, soggetta alle
quote di importazione. Nel Carnet dovranno essere indicati dettagliatamente tutti i prodotti che si
intendono esportare.
II. L'ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DELLE BEVANDE
ALCOLICHE
Le disposizioni sul contenuto delle etichette variano a seconda del tipo di prodotto a cui esse sono
destinate.
I prodotti alimentari
La Food and Drug Administration (FDA) detta regolamenti inderogabili e molto dettagliati per
quanto riguarda il contenuto delle etichette da apporre a prodotti alimentari. In particolare,
l’etichetta di un alimento deve contenere obbligatoriamente le seguenti informazioni:
 Identità della merce (nome dell'alimento)
 Quantità netta
 Ingredienti
 Nome ed indirizzo del produttore o importatore
 Lista delle informazioni nutrizionali (salvo i prodotti esentati).
L’identità della merce deve essere indicata con il nome comune o corrente dell’alimento e deve
comparire in inglese ed in grassetto sul riquadro principale dell’etichetta, cioè sulla superficie
della confezione che risulta immediatamente visibile al consumatore quando acquista il prodotto
nel negozio (Principal Display Panel, o “PDP”). Inoltre la dimensione di questa scritta deve
avere un rapporto ragionevole con la scritta di maggiori dimensioni presente nel PDP. In genere
l'indicazione dell'identità del prodotto deve essere di dimensioni almeno pari alla metà della scritta
più grande presente sull’etichetta.
Il riquadro principale dell'etichetta (PDP) deve, inoltre, essere sufficientemente grande da
contenere tutte le informazioni obbligatorie con chiarezza e ben evidenziate, evitando l'indicazione
di elementi che possano creare confusione. Quando le confezioni hanno riquadri principali
dell'etichetta alternativi, cioè due facciate della stessa etichetta, le informazioni obbligatorie
devono essere presenti su ciascuno di essi. Le lingue straniere possono essere impiegate per le
etichette dei cibi destinati al mercato americano, ma le informazioni sul PDP devono essere in
inglese. Se un PDP alternativo è in lingua straniera, deve contenere anch’esso tutte le informazioni
obbligatorie.
La quantità o il peso netto del contenuto dell’alimento deve apparire anch’esso sul PDP, in
grassetto, ben in vista, di facile lettura e ben in contrasto con le altre informazioni presenti nel
riquadro principale. L’indicazione del peso netto deve essere collocata nel terzo inferiore della
superficie del PDP e soddisfare le norme riguardanti i caratteri di stampa e le dimensioni. Le
abbreviazioni che possono essere utilizzate per indicare la quantità netta, sono: “weight: wt;
ounce: oz; pound: lb ; gallon: gl ; pint: pt ; quart: qt ; fluid: fl.”.
Gli ingredienti devono essere elencati ed identificati con il loro nome comune, in ordine
decrescente in base alla quantità impiegata nel prodotto. La lista degli ingredienti deve risultare
insieme al riquadro nutrizionale ed al nome ed indirizzo del produttore o importatore sul riquadro
principale o sul riquadro informativo.
Le informazioni sul produttore devono comprendere il nome e la sede dell’azienda con
indirizzo, città o comune, provincia, stato e codice di avviamento postale del fabbricante,
imballatore o distributore. Questi dati devono apparire nel riquadro informativo cioè in quella
parte dell’etichetta che si trova solitamente nella parte posteriore della confezione o su di un lato.
Se l’indirizzo fornito è quello dell’importatore o del distributore americano, il nome deve essere
preceduto da una dicitura del tipo "manufactured for" (cioè fabbricato per conto di) o "distributed
by" (distribuito da).
I valori nutrizionali del prodotto rappresentano forse la parte più delicata. Il formato del riquadro
nutrizionale e` stabilito da regolamenti. La quantità dei vari elementi nutrizionali deve essere
espressa utilizzando il sistema metrico decimale ed in percentuale rispetto alla dose giornaliera
consigliata (% recommended daily value). Il riquadro nutrizionale e` suddiviso in 5 sezioni cosi
suddivise:
1. reca l'indicazione Nutrition Facts e le informazioni relative alla porzione dell'alimento;
2. contiene le informazioni che riguardano il contributo energetico del prodotto (calorie totali
e calorie che derivano dai grassi);
3. prevede le informazioni legate ai macro-nutrienti (grassi, carboidrati, proteine) e ad alcuni
sali minerali (sodio e potassio);
4. sono contenute le informazioni sulle vitamine e sugli altri sali minerali;
5. contiene le note. Si riporta nuovamente quanto già indicato in materia di etichettatura.
Sanzioni per errata etichettatura
La violazione o il mancato rispetto delle norme sull’etichettatura dei prodotti e, in particolare, di
quelle che prevedono l'indicazione obbligatoria della nazione d’origine, può non solo causare
ritardi nella procedura di importazione, ma anche sanzioni severe che possono culminare con il
sequestro definitivo e la distruzione del prodotto sequestrato. Se un articolo non risulta
correttamente etichettato al momento in cui arriva negli Stati Uniti per essere introdotto sul
mercato, l’importatore può essere sanzionato con l’imposizione di un dazio aggiuntivo pari al
dieci percento (10%) del valore doganale del prodotto, a meno che lo stesso non venga ri-
esportato, distrutto o etichettato correttamente sotto la supervisione doganale. Generalmente,
quando si tratta del primo errore, le dogane consentono all’importatore di correggere l’etichetta, di
sostituirla con una nuova, o di ri-esportare il prodotto. In caso di frode, la sanzione prevista può
essere equivalente al valore commerciale che il prodotto ha sul mercato statunitense. Nel caso di
negligenza grave, invece, la pena da applicarsi può risultare pari al minore tra il valore di mercato
del prodotto negli Stati Uniti e il quadruplo dei dazi legittimamente imponibili, incluse le spese
doganali.
III. LA DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ITALIANI
Merita qualche approfondimento l’analisi della struttura distributiva dei prodotti agro-alimentari
italiani, che conseguono ottimi risultati commerciali nel mercato statunitense. I prodotti
agroalimentari di qualità (c.d.“gourmet”) importati sono introdotti sul mercato alimentare dell'area
del Nord Est USA principalmente attraverso importatori/distributori.
Produttore (Manufacturer) Importatore/ Distributore/Broker
Dettaglio (Retail):
 Supermercati
 Negozi di alimentari
 Discount
Ristorazione (Food Service):
 Ristoranti
 Fast Food
 Catering
La maggior parte delle importazioni di prodotti italiani avviene attraverso importatori/distributori
che dispongono di legami con i supermercati, i broker, i negozi alimentari, i negozi specializzati
ed i ristoratori, e che sono in grado di provvedere alla ricezione, stoccaggio e distribuzione del
prodotto importato. Nella distribuzione ai negozi alimentari ed ai ristoratori, i principali
distributori che dispongono di una struttura a carattere nazionale e/o regionale, utilizzano
distributori locali in grado di soddisfare le esigenze di consegna di quantità limitate con frequenza
elevata dei negozi e dei ristoratori. L'importatore generalmente passa attraverso un distributore
regionale in grado di garantire i seguenti servizi:
 stoccaggio e consegna scadenzata della merce
 ritiro della merce difettata e scaduta
 sviluppo di attività promozionali e di marketing:
- presentazione e introduzione di nuovi prodotti
- pianificazione delle vendite per mix di prodotti
- definizione e realizzazione di piani promozionali e pubblicitari di supporto al prodotto
(le spese pubblicitarie e proporzionali sono per la maggior parte coperte dai produttori
dei beni alimentari rappresentati dal distributore).

merchandising sul punto vendita (display e degustazione del prodotto). Il broker è in
genere un'agenzia di rappresentanza, remunerata a commissione sul venduto, che dispone
delle conoscenze e dei contatti con i buyers e che quindi è in grado di "spingere" il
prodotto. Il broker garantisce al buyer che il fornitore ed il suo distributore soddisfanno i
requisiti necessari, quali:
- la puntualità delle consegne
- la qualità costante
- la stabilità del prezzo
- l'adeguato supporto promozionale.
Le caratteristiche dei principali intermediari presenti nel settore alimentare sono le seguenti:
Supermercati, Catene di supermercati e Supermercati indipendenti La crescita dei supermercati
come canale primario di distribuzione dei prodotti gourmet è stimolata dalle articolate richieste dei
consumatori: desiderio di mangiare bene, ma mancanza di tempo per gli acquisti. Il supermercato
è quindi in una posizione di vantaggio rispetto agli altri canali in quanto può offrire una gamma
completa in un unico punto vendita. I fattori chiave nella decisione d'acquisto dei buyer dei
supermercati sono i seguenti (in ordine di importanza):
 qualità del prodotto
 domanda del consumatore per la categoria del prodotto
 novità
 affidabilità del produttore
 prezzo
 carattere etnico della comunità servita
 investimento promozionale e pubblicitario
 esclusiva
Le catene di supermercati sono il canale più importante per volumi di vendita e quello che registra
la crescita maggiore. Localizzate su tutto il territorio statunitense, le catene sono prevalentemente
a carattere regionale. Dispongono di unità con differenti metrature (dai 1.000 ai 3.000 metri
quadri) e di centri di distribuzione che si occupano della ricezione della merce e della sua
ridistribuzione alle diverse unità della catena. All'interno di ciascun supermercato (e questo vale
anche per i supermercati indipendenti) esiste, nella maggior parte dei casi, un banco dei freschi e
della gastronomia (Deli). I supermercati indipendenti sono in numero limitato e stanno
progressivamente riducendosi, non essendo in grado di raggiungere le economie di scala delle
catene. Sono localizzati prevalentemente nella periferia delle città.
Minisupermercati (Convenience Stores) I convenience stores sono localizzati in aree di grande
traffico (distributori di benzina, piccoli centri commerciali di quartiere/ mini malls, etc.) Hanno
uno spazio limitato (100-300 metri quadri) e offrono una gamma di prodotti di rapido e facile
smercio quali biscotti e dolciumi, bevande refrigerate, latte, gelati, sigarette e prodotti per l'igiene
personale. Sono generalmente aperti 24 ore su 24.
Negozi alimentari/ Delicatessen. Prevalentemente localizzati in aree metropolitane, sono
caratterizzati da un bancone di freschi al quale si aggiunge una zona limitata dove il cliente si
serve da sé. Offrono generalmente una gamma di prodotti di qualità ed offrono anche specialità
etniche. Sono negozi nella maggior parte indipendenti ed hanno subito una forte concorrenza da
parte dei supermercati da quando questi ultimi hanno inserito la sezione freschi all'interno del loro
punto vendita (Deli section).
Gastronomie (Gourmet Shops) -Negozi specializzati (Specialty Stores). I gourmet shops sono
un fenomeno di estremo interesse. Nati all'inizio degli anni '80 come punti di vendita e
degustazione all'interno dei grandi magazzini, hanno successivamente acquisito una certa
rilevanza anche come punti di vendita autonomi localizzati nei centri delle grandi città. Offrono
prodotti di qualità elevata con una gamma selezionata ed esclusiva. Generalmente hanno un banco
di freschi ed un punto di degustazione (in prevalenza caffè e dolci) dove è possibile sedersi e fare
uno spuntino. I Gourmet Shops / Specialty Stores vendono prevalentemente prodotti gourmet. La
composizione di questo canale varia in modo significativo: si va dal piccolo negozio nella zona
etnica delle grandi aree metropolitane molto simile ai negozi italiani di alimentari, alla "boutique"
specializzata nella vendita di prodotti dolciari o cioccolata, al "fancy store" che tratta le fasce alte
dei prodotti del segmento sia importati che prodotti localmente. La maggior parte e' composta da
negozi indipendenti con un unico punto vendita gestito dal proprietario. I fattori chiave nella
decisione d'acquisto del proprietario dei negozi specializzati sono i seguenti:
 Qualità del prodotto
 Esclusiva
 Novità
 Domanda da parte del consumatore
 Affidabilità del produttore
 Margine di contribuzione applicabile
 Affidabilità del distributore
 Prezzo al consumatore
 Performance della categoria del prodotto (Fonte: National Association for the Specialty
Food Trade)
Nel processo di vendita al negozio specializzato è estremamente importante garantire che il
prodotto sarà distribuito soltanto attraverso questo canale. Questo perché il prodotto distribuito nei
supermercati perde agli occhi del consumatore quelle valenze di unicità che motivano l'acquisto
nel negozio specializzato. Il consumatore che acquista nei negozi specializzati viene attratto infatti
dall'unicità del prodotto e del suo packaging ed anche dalla possibilità di assaggiare il prodotto.
La marca e la pubblicità sul prodotto sono invece considerati elementi non rilevanti nel processo
d'acquisto. Altri fattori che spingono il consumatore ad acquistare nei negozi specializzati sono la
freschezza, la qualità e la gamma di prodotto disponibile.
Le attività di marketing da realizzare a supporto dell'introduzione del prodotto nel canale negozi
specializzati sono sostanzialmente differenti da quelle necessarie per promuovere il prodotto nel
canale supermercati. Nei supermercati è necessario sia un investimento pubblicitario per
accrescere la conoscenza della marca da parte del consumatore finale che attività promozionali di
incentivazione al consumo (ad esempio coupon sconto). Nel canale negozi specializzati invece, le
attività necessarie sono quelle relative al miglioramento del packaging, al merchandising sul punto
vendita ed alla degustazione (sampling).
Discount Stores. Sono cresciuti significativamente negli ultimi anni a causa della recessione che
ha aumentato la criticità del prezzo nel processo d'acquisto della popolazione delle fasce medie e
medio-basse. Nell'area di Nord Est, i discount stores sono in prevalenza catene di supermercati. I
magazzini a carattere associativo (membership clubs) sono meno popolari in questa area. I
prodotti offerti nei discount stores sono generalmente in pacchetti multipli, con contenitori di
dimensioni maggiori di quelli offerti nei canali tradizionali. Vengono acquistati direttamente dai
grandi negozi al dettaglio (department stores) soprattutto quali partite di prodotto "particolare"
(fondi di magazzino, fine produzione, con imballaggio leggermente difettato, etc.).
Ristorazione. Questo segmento comprende ristoranti, fast food, pizzerie ed il catering. La
categoria con il maggior consumo di prodotti gourmet importati ed in particolare dei prodotti
italiani e' quella dei ristoranti di medio e alto livello (chiamati White Cloth Restaurants). Questo
canale e' servito prevalentemente da distributori locali in grado di offrire un’ampia gamma di
prodotti ed un servizio di consegna giornaliero. In questo ambito, il responsabile dell'acquisto dei
prodotti alimentari è il cuoco (Chef) che decide sulla base dei seguenti elementi:
 Qualità del prodotto
 Buon rapporto qualità/prezzo
 Servizio da parte del distributore (consegna giornaliera)
 Costanza nella qualità e nel gusto del prodotto
 Packaging efficace ed efficiente per l'uso fatto nel ristorante
 Innovatività del prodotto
 Informazione ed educazione sull'uso del prodotto
IV. ENTI PREPOSTI ALL’IMPORTAZIONE NEGLI STATI UNITI
Introduzione
In materia di esportazioni ed importazioni negli Stati Uniti sono numerose le leggi ed i
regolamenti che regolano i vari aspetti. Quindi, in questo capitolo, si indicheranno le linee guida
che un esportatore italiano deve seguire per evitare problemi al momento di far entrare la merce
negli Stati Uniti. Si tenga altresì presente che dopo gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001
nelle città di New York e Washington D.C., la sicurezza nazionale è divenuta il centro
d’attenzione anche delle autorità preposte al commercio estero e della legislazione in questa
materia.
Enti Preposti
Le seguenti agenzie governative sono coinvolte a differente titolo con la normativa ed i
regolamenti applicabili all’importazione di merci negli Stati Uniti:
 Le Dogane [ www.customs.gov ]
 La Food and Drug Administration ( FDA) [ www.fda.gov ]
 La Federal Trade Commission ( FTC) [ www.ftc.gov ]
 Il Consumer Products Safety Commission ( CPSC) [ www.cpsc.gov ]
Le Dogane
Subito dopo l’11 settembre 2001 il Servizio delle Dogane degli Stati Uniti (il “U.S. Customs and
Border Protection”) www.customs.gov ha subito notevoli cambiamenti a partire dalla competenza
amministrativa che è stata spostata dal Ministero del Commercio a quello della Sicurezza
Nazionale. Se in passato a chi esportava negli Stati Uniti era consigliabile assumere un’agente
doganale (c.d. “Customs Broker”) competente e con esperienza specifica nel settore d’interesse,
oggi è assolutamente essenziale. Ugualmente importante è familiarizzarsi con le principali regole
che controllano le importazioni negli Stati Uniti.
Classificazione Merci
Uno dei punti principali che si devono considerare per le esportazioni dall’Italia verso gli Stati
Uniti è quello relativo alla classificazione della merce in quanto è determinante ai fini dei dazi. La
Harmonized
Tariff
Schedule
of
the
United
States
il
c.d.
HTSUS
http://www.usitc.gov/tata/hts/bychapter/index.htm, cioè il prontuario per la classificazione ed
imposizione dei dazi, fu elaborato dal servizio doganale statunitense negli anni ’70 cercando di
armonizzare il sistema nazionale d’identificazione americano con quello utilizzato in Europa. I
prodotti in importazione vengono classificati nello HTSUS principalmente in base alla loro
identità e ai contenuti.
La categoria o categorie d’appartenenza devono essere indicate nel compilare le dichiarazioni
doganali utilizzando i codici e le descrizioni HTSUS. Le Dogane pubblicano dei Regolamenti
Attuativi per assistere gli importatori nella determinazione della categoria d’appartenenza dei loro
prodotti. Inoltre, le Dogane pubblicano le decisioni amministrative quando queste possono fungere
da precedente esplicativo per altri importatori in simili condizioni. Infine, proprio per evitare errori
che possono risultare in pesanti sanzioni ed ammende, è possibile ottenere pareri previ, sia
vincolanti che non per l’amministrazione doganale, spesso nel giro di trenta giorni dalla richiesta.
La determinazione della classificazione d’appartenenza è un processo abbastanza complicato e
non sempre del tutto logico. È suggeribile, quindi, di rivolgersi fin dall’inizio ad un consulente
doganale con esperienza nel settore specifico del prodotto che s’intende importare negli Stati
Uniti. Come detto, eventuali errori nel classificare i prodotti in importazione, anche se commessi
in buona fede, possono risultare estremamente onerosi per l’entità che viene dichiarata quale
importatrice. Le Dogane nel rilevare un’incorretta classificazione possono decidere, a secondo
della gravità accertabile, di dare luogo ad un’azione giudiziaria nei confronti dell’importatore, con
la possibilità che le importazioni della società o prodotti in questione possano essere soggette a
lunghi ritardi. Inoltre, in base al Customs Modernization Act, l’importatore ha l’onere di provare
che si è comportato in modo corretto e non è stato negligente. L’amministrazione doganale ha
quindi un vantaggio procedurale non indifferente e qualora fosse convinta che c’è stata
negligenza, le ammende possono divenire piuttosto salate. In caso di dubbio è sempre
consigliabile ottenere un parere preventivo dalle Dogane.
Valorizzazione Merce
Altro punto di grande rilevanza in materia doganale per evitare inconvenienti in importazione, è
sicuramente quello relativo alla valorizzazione della merce in importazione. Per ogni prodotto
classificato nella dichiarazione doganale si dovrà indicare il relativo valore. Un’errata
valorizzazione rappresenta il rischio di maggiore importanza nell’importazione di merci negli Stati
Uniti. Infatti, in base al Customs Modernization Act, l’importatore ha l’onere di provare di aver
usato la “debita attenzione nell’importare, classificare e valorizzare” le merci, in caso contrario
qualora l’amministrazione consideri l’importatore negligente, le sanzioni e ammende divengo
piuttosto onerose e possono includere delle penali, oltre ad interessi su dazi non pagati o pagati in
misura inferiore.
Valorizzazione
L’errore più frequente è quello d’indicare quale valore della merce importata il prezzo riportato
nella fattura commerciale. Tuttavia, benché il prezzo commerciale sia il metodo più comune per
dichiarare il valore della merce in importazione, è comunque solo uno dei cinque metodi utilizzati
dalle Dogane statunitensi per stabilire il valore di un prodotto, cioè la valorizzazione per
l’imposizione dei dazi. Pertanto, qualora le Dogane avessero motivo di credere che il prezzo in
fattura non rappresenti adeguatamente il valore reale della merce importata, hanno ampia
discrezionalità su come stabilire il valore sul quale imporre i dazi.
In ultima analisi, sono le Dogane ad avere il coltello dalla parte del manico. Per evitare ogni
difficoltà si raccomanda di:

Mantenere aggiornati i registri e la documentazione societaria, amministrativa e di
contabilità industriale

Rivolgersi ad uno spedizioniere accreditato e con specifica conoscenza del tipo di merce da
importare

Consultare un legale con esperienza in materia doganale, qualora in dubbio su come
stabilire la valorizzazione della merce in esportazione. Come nel caso della classificazione,
anche in materia di valorizzazione è possibile ottenere un parere previo da parte del
servizio doganale ed evitare così di correre rischi inutili. Per maggiori informazioni
riguardo le procedure alternative per stabilire il corretto valore della merce in
importazione,
si
veda
la
pubblicazione
Customs
Value
www.customs.gov/ImageCache/cgov/content/laws/informed_5fcompliance_5fregs/icp001r
2_2epdf/v1/icp001r2.pdf
Questo testo ha solo scopo informativo. Non costituisce avviso legale e non va utilizzato come tale.
Fly UP