...

L`espressione dei sentimenti nell`uomo e negli animali

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

L`espressione dei sentimenti nell`uomo e negli animali
Charles Darwin
L’espressione dei sentimenti
nell’uomo e negli animali
www.liberliber.it
Questo e-book è stato realizzato anche grazie al sostegno di:
E-text
Web design, Editoria, Multimedia
(pubblica il tuo libro, o crea il tuo sito con E-text!)
http://www.e-text.it/
QUESTO E-BOOK:
TITOLO: L’espressione dei sentimenti nell’uomo e negli animali
AUTORE: Darwin, Charles
TRADUTTORE: Canestrini, Giovanni e Bassani, Francesco
CURATORE:
NOTE: La traduzioni moderne hanno il titolo (più
corretto) “L’espressione delle emozioni nell’uomo e
negli animali”. In questa edizione elettronica si è
conservato il titolo dato dal traduttore.
Si ringrazia la Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia
(http://panizzi.comune.re.it/) per aver gentilmente
concesso la riproduzione digitale dell'opera.
CODICE ISBN E-BOOK:
DIRITTI D'AUTORE: no
LICENZA: questo testo è distribuito con la licenza
specificata
al
seguente
indirizzo
Internet:
http://www.liberliber.it/libri/licenze/
TRATTO DA: L' espressione dei sentimenti nell'uomo e
negli animali / Carlo Darwin ; prima versione italiana col consenso dell'autore per cura di Giovanni
2
Canestrini e di Franc. Bassani. - Torino : Unione
tipografico-editrice, 1878. - 257 p., [7] c. di tav.
: ill. ; 28 cm.
CODICE ISBN FONTE: non disponibile
1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 24 agosto 2005
2a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 20 febbraio 2013
3a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 8 agosto 2013
INDICE DI AFFIDABILITA': 1
0: affidabilità bassa
1: affidabilità media
2: affidabilità buona
3: affidabilità ottima
DIGITALIZZAZIONE:
Giampiero Barbieri, [email protected]
REVISIONE:
Catia Righi, [email protected]
IMPAGINAZIONE:
Catia Righi, [email protected]
PUBBLICAZIONE:
Catia Righi, [email protected]
Informazioni sul "progetto Manuzio"
Il "progetto Manuzio" è una iniziativa dell'associazione culturale Liber Liber. Aperto a chiunque voglia collaborare, si pone come scopo la pubblicazione e la diffusione gratuita di opere letterarie in
formato elettronico. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Internet:
http://www.liberliber.it/
Aiuta anche tu il "progetto Manuzio"
Se questo "libro elettronico" è stato di tuo gradimento, o se condividi le finalità del "progetto Ma3
nuzio", invia una donazione a Liber Liber. Il tuo
sostegno ci aiuterà a far crescere ulteriormente la
nostra biblioteca. Qui le istruzioni:
http://www.liberliber.it/aiuta/
4
Indice generale
INTRODUZIONE..........................................................8
CAPITOLO I
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE......38
CAPITOLO II.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE (seguito).............................................................................66
CAPITOLO III.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
(fine).............................................................................81
CAPITOLO IV.
MEZZI D'ESPRESSIONE NEGLI ANIMALI..........103
CAPITOLO V.
ESPRESSIONI SPECIALI DEGLI ANIMALI.........144
CAPITOLO VI.
ESPRESSIONI SPECIALI ALL'UOMO: DOLORE E
PIANTO......................................................................182
CAPITOLO VII.
ABBATTIMENTO – ANSIETÀ – AFFANNO – SCORAGGIAMENTO – DISPERAZIONE......................222
CAPITOLO VIII.
GIOIA – ALLEGREZZA – AMORE – SENTIMENTI
AFFETTUOSI – DEVOZIONE.................................248
CAPITOLO IX.
RIFLESSIONE – MEDITAZIONE – CATTIVO UMORE – BORBOTTAMENTO – DETERMINAZIONE 279
5
CAPITOLO X.
ODIO E COLLERA...................................................301
CAPITOLO XI.
DISISTIMA – DISPREZZO – DISGUSTO – ORGOGLIO, ECC. – IMPOTENZA – PAZIENZA – AFFERMAZIONE E NEGAZIONE......................................321
CAPITOLO XII.
SORPRESA – STUPORE – PAURA – ORRORE.....352
CAPITOLO XIII.
ATTENZIONE RIVOLTA SU SE STESSI – VERGOGNA – TIMIDEZZA – MODESTIA – ROSSORE....390
CAPITOLO XIV.
CONSIDERAZIONI FINALI E RICAPITOLAZIONE
....................................................................................441
INDICE SISTEMATICO DELLE MATERIE............473
INDICE ALFABETICO.............................................479
ERRATA-CORRIGE..................................................501
6
CARLO DARWIN
L'ESPRESSIONE DEI SENTIMENTI
NELL'UOMO E NEGLI ANIMALI
PRIMA VERSIONE ITALIANA
COL CONSENSO DELL'AUTORE
PER CURA DI
GIOVANNI CANESTRINI
PROFESSORE DI ZOOLOGIA ED ANATOMIA COMPARATA
NELLA R. UNIVERSITÀ DI PADOVA
E DI
FRANC. BASSANI
DOTTORE IN SCIENZE NATURALI
TORINO
UNIONE TIPOGRAFICO-EDITRICE
33, Via Carlo Alberto, 33.
1878
7
L'ESPRESSIONE DEI SENTIMENTI
NELL'UOMO E NEGLI ANIMALI
INTRODUZIONE
Molti libri furono scritti sulla espressione materiale
dei sentimenti, e un numero maggiore sulla fisionomia,
vale a dire sul mezzo di riconoscere il carattere collo
studio dello stato abituale dei lineamenti. Di quest'ultimo argomento io più non m'intrattengo. Gli antichi trattati1 ch'io consultai m'hanno giovato poco o nulla. Le famose Conférences2 del pittore Le Brun, pubblicate nel
1667, sono fra le opere antiche la migliore che si conserva, e contengono alcune buone osservazioni. Un altro
saggio, piuttosto antico, i Discours, fatti dal 1774 al
1782 da Camper3, il celebre anatomico olandese, non
1 J. PARSONS, nell'Appendix to the Philosophical Transactions, 1746, pag. 41, dà una lista di quarantun autori antichi che
scrissero sulla Espressione.
2 Conférences sur l'expression des différents caractères des
passions, Parigi, in-4°, 1667. – In seguito io cito sempre la riedizione delle Conférences nell'edizione di Lavater, per cura di MOREAU, apparsa nel 1820 tal quale è data nel vol. IX, p. 257.
3 Discours par PIERRE CAMPER sur le moyen de représenter les diverses passions, etc., 1792.
8
possono essere considerati tali da aver fatto progredire
notevolmente la questione. Le opere posteriori, all'incontro, meritano la maggiore considerazione.
Sir Carlo Bell, tanto illustre per le sue scoperte in fisiologia, pubblicò nel 1806 la prima edizione, e nel
1844 la terza della sua Anatomia e Filosofia della
Espressione4. Lo si può dire con giustizia: egli ha gettate
le basi dell'argomento che c'intrattiene, ne ha fatto un
ramo della scienza, e, ben più, ha elevato un bell'edificio. La sua opera è profondamente interessante sotto
ogni riguardo; essa contiene pittoresche descrizioni di
parecchi sentimenti, ed è mirabilmente illustrata. In generale si ammette che il suo merito principale consista
nell'aver provato l'intimo rapporto che sta fra i movimenti dell'espressione e quelli della respirazione. Uno
dei punti più importanti, per quanto insignificante possa
a primo aspetto apparire, è questo: i muscoli che attorniano gli occhi si contraggono energicamente durante
gli sforzi respiratorii, allo scopo di proteggere questi organi delicati contro la pressione del sangue. Il professore Donders, d'Utrecht, ebbe la bontà di studiare completamente questo fatto dietro mia inchiesta, il quale getta,
come vedremo più avanti, una viva luce sulle espressioni principali della fisionomia umana. L'opera di sir Carlo Bell non venne apprezzata, od anche fu ignorata da
4 In seguito io cito sempre la terza edizione del 1844, che fu
pubblicata dopo la morte di sir C. Bell e contiene le sue ultime
correzioni; la prima edizione del 1806 è di un valore molto inferiore e non offre alcuna delle sue più importanti vedute.
9
molti autori stranieri. Alcuni gli hanno resa giustizia, ad
esempio Lemoine5, che dice con molta ragione: «Il libro
di Carlo Bell dovrebbe essere meditato da chiunque tenti di far parlare la fisionomia dell'uomo, così dai filosofi
che dagli artisti, perocchè sotto una leggiera apparenza e
col pretesto dell'estetica, è uno dei più bei monumenti
della scienza dei rapporti del fisico e del morale».
Sir Carlo Bell, per motivi che vogliono essere esposti,
non cercò di spingere le sue idee così lontano come
avrebbe potuto fare. Egli non tenta di spiegare perchè
muscoli differenti sieno messi in azione sotto l'impero di
differenti emozioni; perchè, ad esempio, le estremità interne delle sopracciglia si elevino e gli angoli della bocca si abbassino in una persona cui tormentano l'angoscia
e l'ansietà.
Nel 1807, il Moreau fe' un'edizione del trattato di Lavater sulla Fisiognomonia6, dove incorporò molti de'
5 De la Physionomie et de la Parole, di ALBERTO LEMOINE, 1865, pag. 101.
6 L'art de connaître les hommes, etc., di. G. LAVATER. La prima edizione di quest'opera, nella quale si contengono le osservazioni di M. Moreau, da quel che si legge nel proemio dell'edizione del 1820 in dieci volumi, fu pubblicata, dicesi, nel 1807; nè io
dubito che ciò sia esatto, perocchè il ragguaglio su Lavater, al
principio del primo volume, porta la data del 13 aprile 1806. –
Frattanto, in alcuni lavori bibliografici, si dà la data del 18051809; ma pare impossibile che il 1805 sia una data esatta. Il dottor DUCHENNE osserva (Mécanisme de physionomie humaine,
in-8°, ediz. 1862, pag 5, ed Archives générales de médecine,
genn. e febbr. 1862), che M. Moreau «ha composto per la sua
10
suoi saggi con eccellenti descrizioni dei movimenti dei
muscoli della faccia ed un gran numero di buone note.
Tuttavia egli non rischiara che poco la parte filosofica
dell'argomento. Ad esempio il Moreau, parlando dell'aggrottamento del sopracciglio, vale a dire della contrazione del muscolo chiamato dagli autori francesi il sopraccigliare (corrugator supercilii), osserva a buon diritto
che: «Quest'azione dei sopraccigliari è uno dei sintomi
più spiccati dell'espressione delle affezioni penose o
concentrate». Quindi egli aggiunge che «questi muscoli,
per il loro attacco e la loro situazione, sono atti a restringere, a concentrare i principali lineamenti della faccia,
siccome conviene in tutte queste passioni veramente oppressive o profonde, in queste affezioni di cui il sentimento sembra portare l'organizzazione a ripiegarsi su se
stessa, a contrarsi, ad impicciolirsi, come per offrir
meno attacco e meno superficie ad impressioni formidabili o moleste». Se alcuno trova che osservazioni di tale
opera un importante articolo», ecc., nell'anno 1805; ed io trovo
nel volume I dell'edizione del l820, dei passi che portano le date
del 12 dicembre 1805 e del 5 gennaio 1806, oltre a quella già
menzionata del 13 aprile. Basandosi sul fatto che certi brani furono così composti nel 1805, il dottor Duchenne dà a M. Moreau la
priorità su sir C. Bell, l'opera del quale, come vedemmo, venne
pubblicata nel 1806. Ecco una maniera ben strana di determinare
la priorità delle opere scientifiche, ma simili questioni sono assai
poco importanti a paragone del merito relativo di questi lavori. I
passi citati più in su da M. Moreau e da Le Brun sono tratti qui e
in tutto il resto dell'opera dall'edizione del 1820 di LAVATER,
tom. IV, pag 228 e tom. IX, pag. 279.
11
natura rischiarino il significato o l'origine delle differenti espressioni, ei comprende l'argomento ben altrimenti
che non lo faccia io stesso.
Il passo precedente segna un leggero progresso, se
pur ve n'ha uno, nello studio filosofico del soggetto, di
fronte a ciò che scriveva il pittore Le Brun nel 1667, descrivendo l'espressione dello spavento: «Il sopracciglio
ch'è abbassato da un lato ed innalzato dall'altro, fa vedere che la parte elevata sembra volerlo accostare al cervello per garantirlo dal male che l'anima scorge, e il lato
ch'è rivolto in basso e sembra rigonfio ci fa trovare in
questo stato per gli spiriti che vengono abbondanti dal
cervello, quasi a coprir l'anima e a difenderla dal pericolo ch'ella paventa. La bocca molto aperta fa veder l'ambascia del cuore in causa del sangue che si ritira verso di
lui; il che l'obbliga, volendo respirare, a far uno sforzo,
per cui la bocca si apre esternamente; e quand'esso passa per gli organi della voce, produce un suono inarticolato del tutto; che se i muscoli e le vene sembrano gonfiati, ciò dipende solo dagli spiriti che il cervello manda
a quelle parti». Ho creduto valere la pena di citare le frasi precedenti come esempio delle strane follie che furono scritte sull'argomento.
La Physiologie or Mecanisme of Blushing, del dott.
Burgess, apparve nel 1839, ed io farò spesso allusione a
quest'opera nel terzo capitolo.
Nel 1862 il signor dott. Duchenne pubblicò due edizioni in-foglio ed in-ottavo, del suo Mécanisme de la
Physionomie humaine, dove egli analizza, col mezzo
12
della elettricità, e rappresenta con magnifiche fotografie
i movimenti dei muscoli della faccia. Ei mi ha generosamente permesso di copiarne quante volessi. Le sue opere vennero leggermente considerate ed anche affatto neglette da alcuni suoi compatrioti. È possibile che il dott.
Duchenne abbia esagerata l'importanza della contrazione dei singoli muscoli nella produzione dell'espressione,
perocchè, se ci riportiamo alle intime connessioni dei
muscoli rappresentati dai disegni anatomici di Henle7, –
i migliori, ritengo, che sieno stati pubblicati finora, – è
cosa difficile credere alla loro azione separata. Ma nullameno è certo che il dottore Duchenne si è messo in
guardia contro questa ed altre cause d'errore, e siccome
è perfettamente riuscito a determinare la fisiologia dei
muscoli della mano coll'aiuto della elettricità, è molto
probabile che dica in generale il vero anche relativamente ai muscoli della faccia. A mio avviso, il dottore
Duchenne col proprio lavoro ha fatto fare un gran passo
alla quistione. Nessuno ha più attentamente studiata la
contrazione di ogni singolo muscolo in particolare ed il
conseguente increspamento della pelle. Per giunta egli
ha reso un servigio importante col dimostrare quali muscoli dipendano meno dall'azione della volontà. Entra
poco in considerazioni teoriche e cerca raramente di
spiegare perchè certi muscoli e non altri si contraggano
sotto l'influenza di certe emozioni.
7 Handbuch der systematischen Anatomie des Menschen. –
Band 1, Dritte Abtheilung, 1858.
13
Un distinto anatomico francese, Pietro Gratiolet, diede alla Sorbonne una serie di lezioni sulla Espressione, e
le sue note furono pubblicate (1865) dopo la morte di lui
sotto il titolo: De la Physionomie et des Mouvements
d'Expression. Ell'è un'opera assai interessante e piena di
preziose osservazioni. La sua teoria è un po' complessa,
e per quanto può dirsi con una sola frase, essa è la seguente (p. 65): «Da tutti i fatti da me richiamati risulta
che i sensi, l'immaginazione e il pensiero medesimo, per
quanto elevato ed astratto si supponga, non possono essere esercitati senza risvegliare un correlativo sentimento, e che questo sentimento si traduce direttamente, simpaticamente, simbolicamente e metaforicamente, in ogni
sfera degli organi esterni, i quali tutti lo riportano secondo il proprio modo di azione, come se ciascun d'essi fosse stato direttamente impressionato».
Pare che Gratiolet trascuri l'abitudine ereditaria, e
fino a un certo punto anche l'abitudine individuale; da
ciò risulta, mi sembra, l'impossibilità di lui a spiegare
giustamente e in qualunque altro modo molti atti ed
espressioni. Come esempio di ciò ch'egli chiama i movimenti simbolici, citerò le sue note (p. 37) tolte a Chevreul, intorno ad un uomo che giuoca al bigliardo: «Se
la palla devia leggermente dalla direzione che il giocatore intende di imprimerle, non l'avete visto le cento volte
a dirigerla col guardo, colla testa e fin colle spalle, come
se questi movimenti, puramente simbolici, potessero
modificare il suo corso? Movimenti non meno espressivi si producono quando la palla manca di un sufficiente
14
impulso. E, nei giuocatori novizi, essi sono talora così
pronunziati, da muovere il sorriso sul labbro degli spettatori». – Tali movimenti, pare a me, possono essere attribuiti semplicemente all'abitudine. Tutte le volte che
un uomo ebbe desiderio di muovere un oggetto in una
certa direzione, egli l'ha sempre spinto da quella parte;
per farlo avanzare, l'ha cacciato innanzi; volendo arrestarlo, l'ha tratto all'indietro. Per conseguenza, allorchè
un tale vede la sua palla correre per una falsa direzione
ed egli desidera vivamente ch'essa ne prenda un'altra,
non può a meno, in causa di una lunga abitudine, di fare
inscientemente quei movimenti ond'egli in altre occasioni ebbe a provare l'efficacia.
Come esempio di movimenti simpatici, Gratiolet riporta (p. 212) il fatto seguente: «Un giovane cane, ad
orecchie diritte, al quale il padrone presenta da lontano
qualche appetitosa vivanda, fissa con ardore gli occhi su
quest'oggetto, ne segue tutti i movimenti, e mentre gli
occhi guardano, le due orecchie si portano in avanti,
come se l'oggetto potesse essere udito». – In questo
caso, senza ricorrere alla simpatia tra gli orecchi e gli
occhi, ecco ciò che mi pare più semplice da ammettere:
i cani per molte generazioni, allorquando guardavano un
oggetto con molta attenzione, hanno rizzate le orecchie
onde non lasciar fuggire alcun rumore; e nello stesso
tempo han guardato attentamente nella direzione di tutti
i rumori che udivano; i movimenti di questi organi sono
stati definitivamente associati da una lunga abitudine.
Il dottor Piderit pubblicò nel 1859 un lavoro sulla
15
Espressione, ch'io non ho mai letto, ma nel quale egli
pretende di aver preceduto il Gratiolet in molte idee. Nel
1867 ei diede alla luce il suo Wissenschaftliches System
der Mimik und Physiognomik. È quasi impossibile dare
in poche parole una chiara idea delle sue viste; forse le
due proposizioni che seguono ne diranno brevemente
tanto che basti: «I movimenti muscolari di espressione
sono in parte relativi ad oggetti immaginari, in parte ad
impressioni sensorie immaginarie. Questa proposizione
tiene in sè la chiave che permette di comprendere tutti i
movimenti muscolari espressivi» (p. 25). Ed ancora: «I
movimenti espressivi si manifestano sovra tutto nei numerosi muscoli mobili della faccia; ciò è dovuto e al fatto che i nervi, i quali li mettono in movimento, nascono
assolutamente appresso all'organo pensante, e a quell'altro che questi muscoli sono annessi agli organi dei sensi» (p. 26). Se il dottor Piderit avesse studiata l'opera di
sir C. Bell, non avrebbe probabilmente detto (p. 101)
che un riso violento produce un aggrottamento di sopracciglia, perchè s'avvicina al dolore; o che nei fanciulli (p. 103) le lagrime irritano gli occhi, eccitando così la
contrazione dei muscoli circostanti. – Parecchie buone
note sono sparse in questo volume, ed io vi farò allusione più avanti.
In varie opere si potranno trovare brevi dissertazioni
sulla espressione, delle quali non è uopo, che noi qui
c'intratteniamo. Il sig. Bain, peraltro, in due suoi lavori,
ha trattato il soggetto con qualche sviluppo: «Io consi16
dero, egli dice8, ciò che si chiama l'espressione, semplicemente come una parte della sensazione; io credo legge
generale dell'intelletto che vi sia un'azione od un'eccitazione sparsa sulle parti del corpo, nello stesso tempo che
si effettua la sensazione interna o la coscienza». In un
altro passo aggiunge: «Un gran numero di fatti potrebbero essere riuniti sotto il principio seguente: ogni stato
di piacere corrisponde ad un aumento, ogni stato di dolore ad una parziale o totale depressione delle funzioni
vitali». Ma la legge precedente sulla dispersione delle
sensazioni sembra essere troppo generale per gettar
qualche luce sulle espressioni in particolare.
Herbert Spencer, trattando delle sensazioni ne' suoi
Principles of Psychology (1855), fa le osservazioni seguenti: «Lo spavento, quand'è forte, è espresso da grida,
da sforzi per celarsi o per fuggire, da palpiti e da tremore; ora gli è ciò precisamente che viene provocato dalla
presenza del male temuto. Le passioni distruttive si manifestano per una tensione generale del sistema muscolare, lo stridere dei denti, lo sporgere degli artigli, la dilatazione degli occhi e delle narici, i borbottamenti; ora,
tutte queste azioni riproducono in grado minore quelle
che accompagnano il sagrificio di una preda». Io credo
che in ciò noi abbiamo la vera teoria di un gran numero
di espressioni; ma il principale interesse e la difficoltà
8 The Sense and the Intellect, 2° ediz.; 1864, p. 96 e 288. La
prefazione della prima edizione di quest'opera porta la data del
giugno 1855. – Si vegga anche la seconda edizione del libro del
sig. BAIN intorno alle Emotions and Will.
17
del soggetto stanno nel riconoscere lo straordinario
complesso dei risultati. Io conghietturo che un autore
(ma non potrei precisar quale) abbia di già avanzata
un'opinione presso che simile, perocchè sir C. Bell scrive9: «Fu sostenuto che ciò che si chiama i segni esteriori
della passione non sia che l'accompagnamento di quei
movimenti volontari, che la struttura del corpo rende
inevitabili». H. Spencer10 inoltre ha pubblicato un bello
studio sulla fisiologia del riso, nel quale insiste su «questa legge generale che la sensazione, quando sorpassa
un certo grado, si trasforma d'ordinario in azione corporale»; e su questo fatto «che un afflusso di forza nervosa
senza un agente regolatore prende manifestamente e subito le vie più abituali, e che se queste non bastano, esso
si riversa dappoi verso le vie non abituali». Questa legge, io credo, è della più alta importanza per la luce che
getta sul nostro argomento11.
9 The Anatomy of Expression, 3a ediz., pag. 121.
10 Essays Scientific, Political, and Speculative, seconda serie,
1863, pag. 111. V'ha una dissertazione sul riso nella prima serie
dei saggi, che mi sembra di un valore molto mediocre.
11 Dopo la pubblicazione dell'opera alla quale facemmo or ora
allusione, SPENCER ne scrisse un'altra (Morals and Moral Sentiments) nella Fortnightly Review, l° aprile 1871, pagina 426. Egli
ha eziandio appena pubblicate le sue ultime conclusioni nel volume II della seconda edizione dei Principles of Psychology, 1872,
pag. 539. Onde non esser accusato di usurpatore nei dominii di
M. Spencer, devo far constatare che io ho annunciato nella mia
Origine dell'Uomo d'aver allora scritta una parte del presente volume; le mie prime note manoscritte sulla Espressione datano dal18
Tutti gli autori che scrissero sulla espressione, eccettuato Spencer – il grande interprete del principio evolutivo – sembra abbiano avuta la ferma convinzione che la
specie, compresa, ben inteso, anche l'umana, sia apparsa
nello stato attuale. Sir C. Bell, penetrato da questa convinzione, sostiene che molti dei nostri muscoli facciali
sono «unicamente stromenti della espressione»; o «sono
specialmente disposti» per questo solo oggetto12. Ma il
semplice fatto che le scimie antropomorfe posseggono
gli stessi muscoli facciali che noi13, rende molto improbabile l'idea che questi nell'uomo servano esclusivamente all'espressione; perocchè nessuno, io ritengo, sarà disposto ad ammettere che le scimie sieno state provviste
di muscoli speciali unicamente per eseguire le loro orride smorfie. Usi distinti, indipendenti dalla espressione,
possono infatti essere assegnati con molta verisimiglianza a quasi tutti i muscoli della faccia.
Sir C. Bell aveva il desiderio evidente di stabilire una
distinzione possibilmente profonda tra l'uomo e gli animali; ed affermava, per conseguenza, che «nelle creature inferiori v'ha null'altra espressione all'infuori di quella
l'anno 1838.
12 Anatomy of Expression, 3a ediz., pag. 98, 121, 131.
13 Il prof. OWEN constata espressamente questo fatto nell'orango (Proc. Zoolog. Soc., 1830, pag. 28), e passa in rivista tutti i
più importanti muscoli. Si vegga eziandio una descrizione dei diversi muscoli facciali del chimpanzè, del prof. MACALISTER,
negli Annals and Magazine of Natural History, vol. VII, maggio
1871, p. 342.
19
che si può riferire con più o meno certezza ai loro atti
volitivi o ai loro necessari istinti». E più in avanti sostiene che le faccie di essi «sembrano sopra tutto capaci di
esprimere la rabbia ed il terrore»14. Ma l'uomo stesso
non può esprimere con segni esteriori l'amore e l'umiltà
così bene, come fa il cane allorquando colle orecchie rilassate, colle labbra pendenti, col corpo ondulante e dimenando la coda, viene davanti al suo diletto padrone.
Ed è altrettanto impossibile di spiegar questi movimenti
nel cane ricorrendo agli atti volitivi o alla fatalità degli
istinti, com'è impossibile spiegare a questa maniera il
raggiar degli occhi ed il sorridere del volto in un uomo
che s'abbatte in un vecchio amico. Se si avesse dimandato a sir C. Bell com'egli spiegasse l'espressione dell'affezione nel cane, ecco, senza dubbio, ciò che avrebbe
risposto: Questo mimale è stato creato con istinti speciali che lo rendono atto ad associarsi all'uomo, ed ogni ricerca ulteriore su questo argomento riesce superflua.
Quantunque Gratiolet neghi espressamente15 che un
muscolo qualunque sia stato sviluppato unicamente in
vista dell'espressione, sembra tuttavia ch'ei non abbia
giammai riflesso al principio della evoluzione. A quel
che pare, egli riguarda ciascuna specie come il prodotto
di una creazione separata. E così è anche di altri autori
che scrissero sulla Espressione. – Per esempio, il dottore
Duchenne, dopo di aver parlato dei movimenti delle
14 Anatomy of Expression, 3a ediz., p. 121, 131.
15 De la Physionomie, p. 12, 73.
20
membra, si riporta a quelli che dànno l'espressione alla
faccia16, e fa l'osservazione seguente: «Il creatore non ha
quindi avuto a preoccuparsi qui dei bisogni della meccanica; egli ha potuto, colla sua saggezza, o – mi si perdoni questo modo di parlare, per una divina fantasia, egli
ha potuto mettere in azione tale o tal altro muscolo, uno
solo o più muscoli alla volta, allorquando volle che i segni caratteristici delle passioni, anche le più fugaci, fossero momentaneamente scritti sulla faccia dell'uomo.
Questo linguaggio della fisionomia una volta creato, gli
ha bastato per renderlo universale e immutabile, da dare
ad ogni essere umano la facoltà istintiva di esprimere
sempre i propri sentimenti colla contrazione dei muscoli
medesimi».
Molti scrittori considerano l'espressione un soggetto
affatto inesplicabile. Anche l'illustre fisiologo Müller17
dice: «L'espressione dei lineamenti completamente differente nelle diverse passioni è una prova che gruppi assai distinti delle fibre del nervo facciale sono impressionati secondo la natura della sensazione prodotta. Quanto
alla causa di questo fatto, noi la ignoriamo completamente».
Non v'ha dubbio che quando, sia pure fra molto, l'uomo e gli altri animali saranno considerati come creazioni indipendenti, sarà messo un freno efficace alla nostra
16 Mécanisme de la Physionomie humaine, ediz. in-8°, pag,
31.
17 Elements of Physiology, traduzione inglese, vol. II, pag.
934.
21
brama naturale di spingere il più lontano possibile la ricerca delle cause della Espressione. Con questa dottrina,
tutto potrebbe e può ugualmente essere spiegato; ed essa
s'è mostrata funesta tanto relativamente alla Espressione, quanto a tutte le altre branche della storia naturale.
Nella specie umana certe espressioni, come i capelli che
si rizzano sotto l'influenza di un estremo terrore o i denti
che si scoprono nel trasporto della rabbia, riescono quasi inesplicabili senza ammettere che l'uomo abbia vissuto altra volta in una condizione molto inferiore e vicina
alla bestialità. La comunanza di certe espressioni in
ispecie distinte, quantunque affini, come i movimenti
dei medesimi muscoli della faccia durante il riso nell'uomo e in diverse scimie, vien resa un po' più chiara se si
crede alla loro discendenza da antenati comuni. Chi ammette in modo generale il graduato sviluppo della struttura e delle abitudini in tutti gli animali, vedrà tutta la
quistione dell'Espressione schiarirsi d'una luce novella e
interessante.
Lo studio della Espressione è difficile, vista l'estrema
delicatezza e la fugacità dei movimenti. Può darsi che
un cangiamento venga chiaramente percepito, senza che
tuttavia sia possibile di dire in che cosa consista. Ciò almeno è capitato a me. – Quando siamo testimoni di una
profonda emozione, la nostra simpatia è così vivamente
eccitata, che si dimentica l'osservazione rigorosa o la ci
è resa quasi impossibile: io posseggo molte prove curiose di questo fatto. La nostra immaginazione è un'altra
sorgente di errori ancora più gravi; se noi ci aspettiamo,
22
in una data situazione, di vedere una certa espressione,
immaginiamo di leggieri ch'essa esista. Il dottore Duchenne, malgrado la sua grande esperienza, dice di essersi figurato per lungo tempo che molti muscoli si contraggano sotto l'impero di certe emozioni, mentre più
tardi s'è convinto che il movimento era limitato ad un
muscolo solo.
Ecco i metodi di studio da me adottati col maggiore
profitto per avere un punto di partenza quanto buono altrettanto possibile, e per verificare, senza tener conto
dell'opinione ricevuta, fino a qual punto i vari cambiamenti dei lineamenti e dei gesti traducano in realtà certi
stati dell'animo.
1° Ho osservato i fanciulli, perchè essi esprimono
molte emozioni, secondo l'osservazione di sir C. Bell,
«con una forza straordinaria»; di fatti, man mano che
noi cresciamo in età, alcune delle nostre espressioni
«non derivano più dalla sorgente semplice e pura d'onde
provengono durante l'infanzia»18.
2° Mi parve che sarebbe ben fatto studiar gli alienati,
perchè questi sono soggetti alle più forti passioni, a cui
concedono libero corso. Io non aveva occasione di farlo
da me; mi rivolsi dunque al dottor Maudsley; egli mi
presentò al dottor J. Crichton Browne, che è direttore
d'un immenso Asilo vicino a Wakefield, e che, quando
lo vidi, s'era di già occupato della quistione. Questo valente osservatore, con infaticabile bontà, mi spedì note
18 Anatomy of Expression, 3a ediz., p. 198.
23
ed estese descrizioni con preziose idee su molti punti, ed
io non saprei valutare abbastanza il prezzo della sua
cooperazione. Io sono eziandio debitore di fatti interessanti intorno a due o tre argomenti al signor Patrick Nicol del manicomio del Sussex.
3° Il dottor Duchenne, come abbiam già veduto, ha
galvanizzato i muscoli della faccia in un vecchio, la pelle del quale era poco sensibile, e ne produsse anche parecchie espressioni, che furono fotografate in grandi
proporzioni. Io ebbi la ventura di poter mostrare molti
fra i saggi migliori, senza un cenno di spiegazione, a
una ventina di persone istruite, d'età diversa e d'entrambi i sessi. Domandai loro, volta per volta, da quale emozione o da qual sensazione supponevano fosse animato
quel vecchio, e raccolsi le loro risposte coi termini precisi onde s'erano servite. Di tali espressioni, molte vennero ben tosto riconosciute quasi da tutti: queste, mi
pare, possono ritenersi fedeli, e noi le descriveremo più
avanti. Ma alcune furono l'oggetto di giudizi oltremodo
diversi. Questo esame mi riescì utile sotto un altro punto
di vista, dimostrandomi la facilità colla quale possiamo
essere sviati dalla nostra immaginazione. – Di fatti,
quando io osservai per la prima volta le fotografie del
dottor Duchenne, leggendo contemporaneamente il testo
ed apprendendo per tal modo l'intenzione dell'autore,
fatte rare eccezioni, fui sempre colpito dalla loro meravigliosa verità. E frattanto, se io le avessi esaminate senza alcuna spiegazione, sarei stato sicuramente imbarazzato in certi casi così, come lo furono le altre persone.
24
4° Nutrivo speranza di trovare un potente soccorso
presso i grandi maestri in pittura ed in iscoltura, che
sono osservatori sì attenti. Conseguentemente studiai le
fotografie e le incisioni di molti rinomatissimi lavori;
ma, salvo qualche eccezione, non ne trassi profitto veruno. La ragione di questo fatto sta senza dubbio in ciò,
che nelle opere d'arte la bellezza è scopo precipuo; ora,
la violenta contrazione dei muscoli della faccia è incompatibile colla beltà19. In generale l'idea della composizione è tradotta con un vigore ed una verità meravigliosi
per mezzo di accessorii abilmente disposti.
5° Mi parve della più alta importanza verificare se le
stesse espressioni ed i medesimi gesti, come fu spesso
assicurato senza prove bastanti, esistano in tutte le razze
umane, specialmente in quelle le quali non ebbero che
pochi rapporti cogli Europei. Se gli stessi movimenti dei
lineamenti o del corpo esprimono le stesse emozioni
nelle diverse razze umane distinte, possiamo concluderne con molta probabilità che queste espressioni sono le
vere, cioè sono innate od istintive. Espressioni o gesti
convenzionali acquistati dall'individuo al principio della
sua vita sarebbero probabilmente differenti nelle varie
razze, come avviene del loro linguaggio. Di conseguenza, al principio dell'anno 1867, feci stampare e circolare
una serie di questioni, dimandando (e di ciò tenni conto
perfetto) che vi si rispondesse con dirette osservazioni,
19 Si veggano delle osservazioni su questo soggetto nel Laocoon di LESSING, tradotto da W. ROSS, 1836, p. 19.
25
non con semplici note. Queste quistioni furono scritte in
un momento nel quale la mia attenzione era da lungo rivolta altrove, e presentemente veggo che avrebbero potuto esser molto meglio redatte. In taluno degli ultimi
esemplari io aggiunsi, scritte a mano, alcune osservazioni addizionali.
1) Lo stupore si esprime spalancando gli occhi e la bocca ed
alzando le sopracciglia?
2) La vergogna, quando il colore della pelle permetta di osservarlo, fa dessa arrossire? e, particolarmente, qual è il limite inferiore del rossore?
3) Quando un uomo è sdegnato od in sospetto, aggrotta le sopracciglia, raddrizza il corpo e la testa, solleva le spalle e stringe i
pugni?
4) Quando riflette profondamente sopra un argomento o cerca
di risolvere un problema, increspa le sopracciglia o la pelle al di
sotto della palpebra inferiore?
5) Nello abbattimento, gli angoli della bocca sono abbassati e
l'estremità interna dei sopraccigli è innalzata dal muscolo che i
Francesi chiamano «muscolo del dolore?» In questo stato il sopracciglio diviene leggermente obliquo e si gonfia un poco alla
sua estremità interna; la fronte è corrugata trasversalmente nella
parte mediana, ma non in tutta la sua larghezza, come allorquando i sopraccigli si elevano sotto l'impero della sorpresa.
6) Durante il buon umore, brillano gli occhi, è la pelle attorno
e al disotto di essi leggermente increspata, colla bocca un po' stirata all'indietro verso gli angoli?
7) Quando un uomo si beffa di un altro o lo rampogna, solleva
egli il labbro superiore al disopra del canino e dente dell'occhio
dal lato che guarda l'individuo cui si rivolge?
8) A questi segni principali: labbra chiuse, sguardo minaccioso
26
e sopracciglia leggermente aggrottate, si riconosce un carattere
stizzoso ed ostinato?
9) Il disprezzo si esprime avanzando leggermente le labbra ed
alzando il naso in aria con una debole espirazione?
10) Il disgusto fa rovesciare il labbro inferiore ed alzar leggermente il superiore con una brusca espirazione, quasi come allora
che si è nauseati o si sputa?
11) L'estremo terrore è espresso nella maniera abituale agli Europei?
12) Il riso è spinto a tal segno da portar lagrime agli occhi?
13) Un uomo, quando vuol dimostrare che una cosa non può
farsi, o ch'egli stesso non può far qualche cosa, alza le spalle, porta i gomiti in dietro e tende in fuori il palmo della mano sollevando le sopracciglia?
14) I fanciulli, quando sono di cattivo umore fanno le bocche,
ossia protendono molto le labbra?
15) Una espressione da delinquente, o maliziosa, o invidiosa si
può ella riconoscere? Io non saprei con tutto ciò in qual modo la
si possa nettamente determinare.
16) Per affermare si muove dall'alto al basso la testa e la si dimena lateralmente per dir di no?
Le osservazioni fatte su indigeni che abbiano poco comunicato
cogli Europei sarebbero senza dubbio le più preziose; nullameno
quelle che si faranno, non monta sopra quali indigeni, riusciranno
per me di molto interesse. Le generalità sulla Espressione hanno
relativamente poco valore, e la memoria è tanto infedele, che io
prego ed insto affinchè non si ricorra a semplici ricordanze. Una
precisa descrizione dell'attitudine presa sotto l'influenza di una
emozione o di uno stato qualunque dell'animo, colla indicazione
delle circostanze che la produssero, saranno informazioni di grande valore.
A queste domande, ebbi trentasei risposte da differen27
ti osservatori, i più dei quali sono missionari o protettori
degl'indigeni; ed io sono loro riconoscentissimo della
pena che s'ebbero e della preziosa cooperazione prestatami. Indicherò i loro nomi, ecc., alla fine di questo capitolo, per non interrompere adesso le mie osservazioni.
Le risposte sono relative a molte fra le razze umane più
spiccate e più selvaggie. Spesso s'annotarono le circostanze sotto l'impero delle quali ciascuna espressione fu
osservata e descritta. In simili casi le risposte meritano
un'assoluta fiducia. Quand'esse si ridussero semplicemente ad un sì o ad un no, vi prestai poca credenza. Dalle informazioni che mi vennero a questo modo fornite
risulta che il medesimo stato di spirito è espresso dovunque con una rimarchevole uniformità, e questo fatto
è per se stesso interessante, perchè dimostra una stretta
somiglianza nella struttura fisica e nelle condizioni
mentali presso tutte le razze della specie umana.
6° E per ultimo, osservai più vicino che per me si potesse l'espressione delle diverse passioni in alcuni dei
nostri animali domestici. Io credo che questo punto sia
di capitale importanza, senza dubbio non per decidere
fino a qual grado certe espressioni sieno nell'uomo caratteristiche di certi stati dell'animo, ma perchè ci fornisce la base più sicura stabilire in via generale le cause o
l'origine dei vari movimenti della Espressione. Osservando gli animali, siamo meno soggetti ad essere influenzati dalla nostra immaginazione e non abbiamo a
temere che le loro espressioni sieno convenzionali.
L'osservare le espressioni non è cosa facile, e le per28
sone che pregai di osservare alcune particolarità se ne
accorsero ben tosto. Le ragioni sono la vacillante natura
di certe espressioni (chè spesso il cangiar dei lineamenti
è di un'estrema delicatezza); la facilità colla quale la nostra simpatia si risveglia a vedere una forte emozione e
la distrazione che ne deriva; le illusioni prodotte dalla
fantasia allorquando sappiam vagamente ciò che deve
avvenire, benchè senza dubbio pochi di noi conoscano
esattamente il giuoco della fisionomia; in ultimo potrei
aggiungere la lunga abitudine che abbiamo del soggetto.
Ell'è dunque cosa difficile determinar con certezza quali
sieno i lineamenti e le attitudini che caratterizzano abitualmente certe condizioni dell'animo. Checchè ne sia,
alcuni punti dubbi e talune difficoltà sono state, io spero, chiarite, osservando i fanciulli, gli alienati, le diverse
razze umane, i lavori artistici, e in ultimo luogo studiando l'azione della elettricità sui muscoli della faccia,
come ha fatto il dottore Duchenne.
Resta una difficoltà ancora più grave: comprendere la
causa o l'origine delle varie espressioni e giudicare se
esista una spiegazione teorica degna di fede. Anche
quando ci siamo del nostro meglio applicati, senza norma veruna, per giudicare se fra due o tre spiegazioni ve
ne sia una più soddisfacente delle altre o se non ve n'abbia alcuna, io non veggo che un sol mezzo di controllare
le nostre conclusioni: osservare se gli stessi principii generali possano venir applicati in modo soddisfacente e
all'uomo ed agli animali. Inclino a credere che quest'ultimo metodo giovi più di tutti gli altri. La difficoltà di
29
giudicare una spiegazione teorica qualunque e di controllarla con un determinato metodo di ricerca è ciò che
diminuisce maggiormente l'interesse cui questo studio
sembra sì adatto ad eccitare.
Infine, quanto alle mie proprie osservazioni, devo notare ch'esse ebbero principio nell'anno 1838; e da allora
sino al dì d'oggi m'occupai frequentemente della quistione. A quell'epoca inclinavo già a credere al principio
evolutivo, vale a dire alla produzione delle specie da altre forme inferiori. Per conseguenza, quando lessi la
grande opera di sir C. Bell, fui colpito dall'insufficienza
della sua teoria, secondo la quale l'uomo venne creato
con certi muscoli speciali adatti all'espressione dei propri sentimenti. Ei mi parve probabile che l'abitudine di
esprimere le nostre sensazioni per mezzo di dati movimenti avesse dovuto essere in una maniera qualunque
gradualmente acquisita, sebbene adesso sia divenuta innata. Ma discoprire come queste abitudini fossero state
acquistate non era facile còmpito. Bisognava considerare tutta la quistione sotto un nuovo punto di vista e dare
razionale spiegazione di ogni espressione. Tale è il desiderio che m'indusse a intraprendere questo lavoro, per
quanto imperfetta ne possa essere l'esecuzione.
––––––
Passo ora a citare i nomi di coloro che meritarono la
mia riconoscenza fornendomi informazioni sull'espressione nelle diverse razze umane; contemporaneamente
30
accennerò parecchie circostanze nelle quali ciascuna osservazione fu fatta. Grazie alla benevolenza ed all'alta
influenza dei sig. Wilson, di Hayes Place, Kent, io non
ricevetti dall'Australia meno di tredici serie di risposte
alle mie questioni. E me ne sono particolarmente rallegrato, perchè gl'indigeni Australesi stanno fra le più
spiccate razze umane. Si vedrà che le osservazioni si fecero sopra tutto nel Sud, al di fuori delle frontiere della
colonia di Victoria; tuttavia alcune eccellenti risposte mi
sono venute dal Nord.
Dyson Lacy mi fornì con ampi dettagli alcune preziose osservazioni fatte a molte centinaia di miglia nell'interno di Queensland. Il sig. R. Brough Smyth di Melbourne fummi utilissimo per le sue personali osservazioni e per avermi inviate molte lettere scritte dalle seguenti persone: il rev. M. Hagenauer, del lago Wellington, missionario a Gippsland, Victoria, che menò lunga
vita fra i naturali; Samuele Wilson, proprietario residente a Langerenong, Wimmera, Victoria; il rev. Giorgio
Taplin, direttore dello Stabilimento industriale indigeno
a Porto Macleay; Arcibaldo G. Lang, di Coranderick,
Victoria, professore alla Scuola dove i naturali, giovani
e vecchi, sono accettati da tutte le parti della colonia; H.
B. Lane di Belfast, Victoria, funzionario dell'Amministrazione giudiziaria, le osservazioni del quale, ne sono
sicuro, meritano la massima fiducia; Templeton Bunnet,
di Echuca, ch'è stabilito sui confini della colonia di Victoria, ch'ebbe agio eziandio di osservare molti indigeni, i
quali non avevano avuti che pochi rapporti coi bianchi,
31
e che ha confrontato le proprie osservazioni con quelle
di due altri signori che da lungo tempo abitavano nei
dintorni; finalmente J. Bulmer, missionario in un canto
remoto di Gipplsland, Victoria.
Vado eziandio debitore al dottor Ferdinando Müller,
distinto botanico di Victoria, di alcune osservazioni fatte
da lui stesso; ei me ne ha per giunta spedite altre dovute
al sig. Green, e m'ha inviato parecchie delle lettere precedenti.
Relativamente ai Maoris della Nuova Zelanda, il rev.
J. W. Stack non ha risposto che a piccola parte delle mie
questioni; ma le risposte furono notevolmente complete,
chiare e nette, con menzione delle circostanze nelle quali vennero instituite le osservazioni.
Il principe indiano Brooke m'ha date alcune informazioni sui Dyaks di Borneo.
In rapporto ai Malesi, fui ben favorito; infatti F. Geach (al quale m'aveva presentato il signor Wallace), durante il suo soggiorno, in qualità d'ingegnere delle miniere, nell'interno di Malacca, osservò molti naturali che
non avevano avuto per lo innanzi relazione veruna coi
bianchi. Ei mi scrisse due lunghe lettere, dettagliate e
piene di ammirabili osservazioni sulla loro espressione.
Ed osservò allo stesso modo i Cinesi che migrano nell'Arcipelago Malese.
Il celebre naturalista Swinhoe, console di S. M. Britannica, osservò pure per conto mio i Cinesi nel loro
paese natale, e trasse informazioni da altre persone degne di fede.
32
Nell'India, durante la sua residenza con titolo officiale
nel distretto Admednugur della Presidenza di Bombay,
H. Erskine rivolse l'attenzione sull'espressione degli abitanti ma ebbe ad incontrare gravi difficoltà per giungere
a risultati sicuri, perocchè in presenza degli Europei essi
dissimulano qualunque specie d'emozioni. Ottenne inoltre per me dei cenni dal signor West, giudice a Canara, e
prese informazione su certi punti da intelligenti persone,
nate nella colonia. A Calcutta, J. Scott, direttore dei
Giardino botanico, studiò con cura le varie tribù a cui
appartenevano gli uomini che v'erano impiegati da tempo considerevole: nessuno m'ebbe a spedire dettagli così
completi e preziosi. L'abito d'attenta osservazione ch'ei
deve a suoi studi sulle piante fu messo a profitto del nostro argomento. Quanto a Ceylan, deggio molto al rev.
S. O. Glenie, il quale rispose a parecchie delle mie questioni.
Per l'Africa, riguardo ai Negri non fui fortunato,
quantunque Winwood Reade m'abbia aiutato per quant'era in sua possa. Mi riescì relativamente facile ottenere
informazioni sui negri schiavi in America, ma siccome
da lungo furono misti ai bianchi, codeste osservazioni
non avrebbero avuto che poco valore. Nella parte meridionale di questo continente, Barber considerò i Cafri ed
i Fingoes, e mi spedì molte esplicite risposte. J. P. Mansel Weale fe' pure alcuni studi sui naturali e mi fornì un
curioso documento, cioè l'opinione sulle espressioni dei
suoi compatrioti, scritta in inglese da Cristiano Gaika,
fratello del capo Sandilli. Nelle regioni settentrionali
33
dell'Africa, il capitano Speedy, che stette a lungo cogli
Abissini, rispose alle mie quistioni, in parte servendosi
de' suoi ricordi, in parte da osservazioni fatte sui figli
del re Teodoro, che era in allora sotto la sua custodia. Il
professore Asa Gray e la signora di lui rimasero colpiti
da alcune particolarità nell'espressione dei naturali ch'eglino stessi osservarono rimontando il Nilo.
Sul grande continente americano, Bridges, catechista
che abita coi Fuegiani, rispose ad alcune quistioni sulle
loro espressioni, che gli erano state indirizzate da molti
anni. – Nella metà settentrionale del continente, il dottor
Rothrock studiò le espressioni degli Atnah e degli
Espyox, tribù selvaggie della Riviera Nasse verso il
nord-ovest dell'America. Washington Matthews, aiutante maggiore dell'armata degli Stati Uniti (dopo aver viste le mie quistioni stampate nello Smithsonian Report),
osservò con cura particolare parecchie tribù occidentali
degli Stati Uniti, cioè i Tetoni, i Grossiventri, i Mandani
e gli Assinaboini; e si riscontrò che le sue risposte sono
del più grande valore.
Per ultimo, oltre a queste sorgenti speciali di informazioni, io riunii alcuni fatti esposti per incidenza nei libri
di viaggi.
––––––––––––
Siccome avrò spesso occasione, specialmente nell'ultima parte di questo volume, di parlare intorno ai muscoli della faccia umana, colloco qui un disegno (fig. 1)
34
copiato e ridotto dall'opera di sir C. Bell, insieme a due
altri, nei quali i dettagli sono più accurati (fig. 2 e 3),
tolti dal noto lavoro di Henle: Handbuch der systematischen Anatomie des Menschen.
Fig. 1 – Disegno dei muscoli della faccia,
tratto dall'opera di sir C. Bell.
A. Occipito-frontalis, o muscolo frontale.
B. Corrugator supercilii, o
muscolo sopraccigliare.
C. Orbicularis palpebrarum,
o muscolo orbicolare
delle palpebre.
D. Pyramidalis nasi, o muscolo piramidale del
naso.
E. Levator labii superioris
alaeque nasi, o sollevatore del labbro superiore
e dell'ala del naso.
Fig. 2 – Disegno dall'opera di Henle.
F. Levator labii proprius, o
sollevatore proprio del
labbro.
G. Zigomaticus, o zigomatico.
H. Malaris, o malare.
I. Piccolo zigomatico.
K. Triangularis oris, o depressor anguli oris, o depressore dell'angolo della
bocca.
L. Quadratus menti, o quadrato del mento.
M. Risorius, o risorio, porzione del Platysma moydes.
Fig. 3 – Disegno dall'opera di Henle.
35
Le stesse lettere si riportano ai medesimi muscoli nelle
tre figure, ma indicai solo i nomi dei più importanti cui
avrò a fare allusione. I muscoli facciali si uniscono molto fra loro e, a quel che mi dicono, appaiono difficilmente tanto distinti in una dissezione come lo sono in
questi disegni. – Alcuni autori descrivono tali muscoli
siccome formati da diciannove pari ed uno impari 20; secondo altri, il loro numero è molto più grande, chè monta sino a cinquantacinque, al dire di Moreau. Tutti che
scrissero su questo argomento ammettono che la loro disposizione sia variabilissima; e Moreau nota che difficilmente si trovano identici sopra una mezza dozzina di individui21; e sono parimenti variabili nelle loro funzioni.
Così la facoltà di scoprire il dente canino di un lato varia d'assai nelle diverse persone. La facoltà di allargar le
narici è pure soggetta, secondo il dottor Piderit 22, a variazioni notevoli, – e molti altri esempi potrebbero essere citati.
Infine avrò il piacere di esprimere la mia riconoscenza a Rejlander per la briga che s'ebbe a fotografare per
me diverse espressioni ed attitudini. E sono del pari debitore a Kindermann, di Amburgo, che m'ha prestato eccellenti impronte stereotipate di fanciulli piangenti;
devo anche al dottor Wallich una graziosa impressione
20 PARTRIDGE, Cyclopaedia of Anatomy and Physiology di
TODD, vol. II, pag. 227.
21 La Physionomie, di G. LAVATER, tom. IV, 1820, p. 274.
Per il numero dei muscoli della faccia, vedi vol. IV, p. 209, 211.
22 Mimik and Physiognomik, 1867, pag. 91.
36
di sorridente bambina. Ho di già esternate le mie obbligazioni al dottore Duchenne per il generoso permesso
concessomi di far copiare e ridurre alcune delle sue
grandi fotografie, le quali vennero incise col metodo
della eliotipia, che guarentisce sulla fedeltà della copia.
Questi tavole sono distinte con cifre romane.
Sono anche tenuto a T. W. Wood, che si sobbarcò alla
grave fatica di riprodurre dal vero le espressioni di vari
animali. Un distinto artista, Rivière, ebbe la bontà di
darmi due disegni di cani: l'uno con intenzioni ostili,
umile e carezzevole l'altro. A. May mi ha pur favorito
abbozzi simili di cani. Cooper fe' incisioni in legno molto accurate. Parecchie fotografie ed alcuni disegni, cioè
quelli di May e di Wolf, che rappresentano il cinopiteco,
furono subito, grazie a Cooper, riprodotti sul legno colla
fotografia, ed incisi dappoi; onde possiamo essere sicuri
di una esattezza quasi assoluta.
37
CAPITOLO I
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
Determinazione dei tre principii fondamentali. – Primo principio.
– Gli atti utili divengono abituali associandosi a certi stati di
spirito, e sono compiuti, anche ove il bisogno non se ne faccia
sentire, in ciascun caso particolare. – Potenza dell'abitudine. –
Eredità. – Movimenti associati abituali nell'uomo. – Azioni riflesse. – Trasformazione delle abitudini in azioni riflesse. –
Movimenti associati abituali negli animali. – Conclusioni.
Comincerò collo stabilire i tre principii che mi sembrano render conto della maggior parte delle espressioni
e dei gesti involontari nell'uomo e negli animali, come si
producono sotto l'impero delle emozioni e delle diverse
sensazioni23. Io non vi giunsi che al termine delle mie
osservazioni. Essi saranno discussi in via generale nel
presente capitolo e nei due susseguenti. Ci gioveremo
qui dei fatti osservati tanto nell'uomo che sugli animali;
ma sono da preferirsi gli ultimi, perchè meno soggetti a
23 HERBERT SPENCER (Essays, seconda serie, 1863, p.
138) stabilì una netta distinzione fra le emozioni e le sensazioni,
essendo queste ultime «prodotte nel nostro meccanismo corporeo». Egli colloca tra i sentimenti e le une e le altre.
38
trarci in inganno. Nel quarto e nel quinto capitolo descriverò le espressioni speciali di alcuni animali, e quelle dell'uomo nei successivi. Ognuno potrà giudicar da se
stesso fino a qual punto i miei tre principii rischiarino la
spiegazione dell'argomento. Mi sembra che così si spieghino tante espressioni in modo soddisfacente, che in
seguito probabilmente tutte potranno essere ridotte a
questi stessi principii o ad altri affatto analoghi. Ben inteso che i movimenti o i fenomeni di una parte qualunque del corpo, il dimenar della coda nel cane, il rovesciamento all'indietro delle orecchie del cavallo, il sollevar delle spalle dell'uomo, o la dilatazione dei capillari
della pelle, tutto ciò può egualmente servire alla espressione. Ecco i tre principii:
I. Principio dell'associazione delle abitudini utili. –
In date condizioni dell'animo, per rispondere o per soddisfare a date sensazioni, a dati desiderii, ecc., certe
azioni complesse sono di un'utilità diretta o indiretta; e
tutte le volte che si rinnovella il medesimo stato di spirito, sia pure a un debole grado, la forza dell'abitudine e
dell'associazione tende a produrre gli stessi movimenti,
benchè d'uso veruno. Può nascere che atti ordinariamente associati per l'abitudine a certi stati d'animo sieno in
parte repressi dalla volontà; in tali casi, i muscoli sopra
tutto quei meno soggetti alla diretta influenza della volontà, possono tuttavia contrarsi e produrre movimenti
che ci paiono espressivi. Altra volta, per reprimere un
movimento abituale, altri leggieri movimenti si compiono, e pur essi sono espressivi.
39
II. Principio dell'antitesi. – Talune condizioni di spirito determinano certi atti abituali che sono utili, come lo
stabilisce il nostro primo principio. Dappoi, allorchè si
produce uno stato dell'animo direttamente inverso, siamo fortemente e involontariamente tentati di compiere
movimenti del tutto opposti, per quanto inutili, e in alcuni casi questi movimenti sono molto espressivi.
III. Principio degli atti dovuti alla costituzione del sistema nervoso, affatto indipendenti dalla volontà e, fino
a un certo punto, anche dall'abitudine. – Quando il cervello è fortemente eccitato, la forza nervosa si produce
in eccesso e si trasmette in certe determinate direzioni,
dipendenti dalle connessioni delle cellule nervose, e in
parte dell'abitudine; oppure può avvenire che l'afflusso
della forza nervosa sia, in apparenza, interrotto. Ne risultano effetti che noi troviamo espressivi. Questo terzo
principio potrebbe per maggior brevità dirsi quello dell'azione diretta del sistema nervoso.
Per ciò che riguarda il nostro primo principio, la potenza dell'abitudine è un fatto manifesto. I movimenti
più complessi e più difficili, se ve ne sia l'occasione,
possono essere compiuti senza il minimo sforzo e senza
veruna coscienza. Non si sa precisamente come avvenga
che l'abitudine giovi tanto al compimento dei movimenti
complessi. Ma i fisiologi affermano24 «che il potere con24 MÜLLER, Elements of Physiology. Traduzione inglese,
vol. II. Pag. 939. Si veggano anche le interessanti vedute di H.
SPENCER sullo stesso argomento e sulla formazione dei nervi
nei suoi Principles of Biology, vol. II, pag. 346; e nei suoi Princi40
duttore delle fibre nervose cresce colla frequenza della
loro eccitazione». Ciò si applica tanto ai nervi motori ed
ai sensitivi, quanto alle fibre destinate al fenomeno del
pensiero. Non si può guari dubitare che non si produca
qualche cangiamento fisico nelle cellule e nelle fibre
nervose che più frequentemente vengono usate; senza di
cui non si potrebbe comprendere come la predisposizione a certi movimenti acquisiti sia ereditaria. Questa eredità noi vediamo presso i cavalli nella trasmissione di
certe andature che non sono punto naturali a loro, come
il breve galoppo o l'ambio; la vediamo ancora nella ferma dei giovani cani e nel cercare dei giovani cani da uccelli, e nel volo particolare di certe specie di piccioni,
ecc. La specie umana ci offre analoghi esempi per l'eredità di date abitudini o di dati gesti inusitati: e noi ne
parleremo quanto prima. Chi ammette lo sviluppo graduale delle specie rinverrà un esempio significantissimo
della perfezione con cui i più difficili movimenti associati possono essere trasmessi nella Sfinge-Sparviere
(Macroglossa): poco dopo uscita dal bozzolo, come rilevasi dalla polvere sulle squame non scompaginate delle
ali, possiamo veder questa farfalla mantenersi immobile
nell'aria, colla lunga tromba filiforme sviluppata ed immersa nei nettarii dei fiori; ora nessuno, ch'io sappia,
ebbe mai ad osservare questa farfalla intenta a far, come
si dice, il tirocinio della difficile opera che richiede sì
perfetta precisione.
ples of Psycology, 2a ediz., p. 511-557.
41
Allorquando esiste una predisposizione ereditaria o
istintiva al compimento di un atto, o un gusto ereditario
per un dato genere di nutrizione, bisogna che vi si aggiunga un certo grado di abitudine individuale in quasi
tutti od anche in tutti i casi. Gli è ciò che troviamo nelle
andature del cavallo e, fino a un certo punto, nei cani da
ferma; alcuni giovani cani, benchè mettano in ferma
molto bene anche la prima volta che son condotti a caccia, non presentano men di frequente, insieme a questa
qualità ereditaria, un odorato difettoso ed anche una cattiva vista. Ho sentito assicurare che, se si lascia un vitello poppare una sola la propria madre, dopo riesce molto
più difficile nutrirlo artificialmente 25. Si videro due bruchi, nutriti colle foglie di un albero d'una data specie,
morire di fame piuttosto che mangiare quella di un altro
albero, abbenchè questo fornisse loro il nutrimento allo
stato naturale26; e questo avviene equalmente in molti altri casi.
Il potere dell'associazione è ammesso da tutti. Il Bain
osserva che «azioni, sensazioni o condizioni d'animo,
25 Un'osservazione di una portata molto analoga fu fatta da
lungo tempo da Ippocrate e dall'illustre Harvey; chè l'uno e l'altro
assicurano che un giovine animale dimentica dopo pochi giorni
l'arte di poppare e non la può riacquistare che assai difficilmente.
Traggo queste asserzioni dal dottor DARWIN, Zoonomia, 1794.
vol. I. pag. 140.
26 Vedi per i cenni bibliografici e per diversi analoghi fatti:
Variazione degli animali e delle piante allo stato domestico (Traduzione italiana di G. Canestrini).
42
producendosi assieme o assai prossime tra loro, tendono
ad avvicinarsi od a collegarsi, per tal modo che quando
una di esse si presenta allo spirito, le altre non sono lontane dal pensiero»27. Per il nostro argomento è importantissimo conoscere la facilità colla quale certi atti si associano ad altri atti e a diversi stati di spirito; darò dunque
parecchi esempi, i primi relativi all'uomo, gli ultimi agli
animali. Alcuni di questi esempi si riferiscono ad azioni
di una portata insignificante, ma giovano al nostro argomento come le più importanti abitudini. Tutti sanno
quanto sia difficile, od anche impossibile, a meno di ripetuti sforzi, di muovere le membra in direzioni opposte
a quelle in cui siamo esercitati. Un simile fatto si produce riguardo alle sensazioni, come nella nota esperienza
che consiste nel voltolare una pallottola sotto i polpastrelli di due dita accavalcate, ciò che dà esattamente la
sensazione di due palle. Chiunque, ove caschi a terra, si
protegge stendendo le braccia, e, secondo l'osservazione
del professore Alison, pochi possono astenersi dal fare
altrettanto, lasciandosi cadere sopra un morbido letto.
Un uomo, uscendo di casa, infila i guanti senza pure saperlo, e per quanto semplice codesta operazione possa
apparire, chi abbia insegnato a un fanciullo a mettersi i
27 The Senses and the Intellect, 2a ediz., 1864, p. 332. Il prof.
HUXLEY fa questa osservazione (Elementary Lessons in Physiology, 5a ediz., 1872, p. 306): si può stabilir come regola che se
due stati di spirito son risvegliati assieme o successivamente con
sufficiente frequenza e vivacità, la susseguente comparsa dell'uno
basterà a richiamare quella dell'altro.
43
guanti sa bene che la è cosa tutt'altro che semplice.
L'alterazione dell'animo nostro si comunica al corpo;
ma in questo caso, oltre l'abitudine, un altro principio vi
ha parte in una data misura, intendo dire lo sregolato afflusso della forza nervosa. Norfolk, parlando del cardinale Wolsey, dice: «Una strana confusione regna nel suo
cervello; si morde nel labbro, e fissa gli occhi; d'un tratto ferma il passo, guarda a terra, e porta le dita verso le
tempia; poi di subito si muove, corre veloce, si ferma, e
batte veemente al suo petto; ma tosto dopo spalanca gli
occhi verso la luna: noi lo vedemmo cambiare pose singolari».
Avviene di spesso che un uomo imbarazzato si gratta
la testa. Io credo ch'egli agisca così, spinto dall'abitudine, come se avesse una sensazione corporea leggermente molesta; il prudore alla testa, cui è maggiormente
soggetto, è in tal modo alquanto alleviato. Un altro,
quand'è perplesso, si strofina gli occhi, o, imbarazzato,
tosse debolmente, come se provasse una leggiera indisposizione agli occhi o alla gola28.
In seguito all'uso continuo che noi facciamo degli occhi, questi organi sono più influenzati dalla associazione
nei diversi stati dell'animo, quand'anche la vista non vi
prenda parte veruna. Secondo l'osservazione di Gratio28 GRATIOLET (De la Physionomie, p. 324.), discutendo
questo argomento, cita molli analoghi esempi. Vedi a pag. 42 sull'aprire e chiudere gli occhi. Engel è citato (p. 323) a proposito
dei cangiamenti dell'andatura sotto l'influenza dei fenomeni del
pensiero.
44
let, un uomo che rigetti energicamente una proposta,
quasi di certo chiuderà gli occhi e distoglierà la testa.
Ma s'egli l'accetta, inclinerà il capo, come per affermare,
aprendo molto gli occhi. In quest'ultimo caso egli opera
come se vedesse chiaramente la cosa, e nel primo, come
se non la vedesse o non volesse vederla. Io ho notato di
spesso che, descrivendo un orribile fatto, alcune persone
chiudevano di quando in quando gli occhi con forza, o
scuoteano la testa, quasi per non vedere o discacciare un
oggetto disaggradevole; e a me stesso è avvenuto di
chiuder vivamente gli occhi mentre pensavo nell'oscurità ad uno spettacolo spaventevole. Quando volgiamo
bruscamente lo sguardo verso un oggetto, o guardiamo
all'ingiro, eleviamo sempre le sopracciglia in modo da
poter aprire presto e molto gli occhi; e il dottore Duchenne osserva29 che una persona la quale faccia appello
alla sua memoria innalza sovente le sopracciglia come
per vedere ciò che ricerca. Un Indù comunicò al sig. Erskine la stessa osservazione relativamente a' suoi compatrioti. Io ho osservato una giovane signora che facea
grandi sforzi per richiamare alla mente il nome d'un pittore; ella fissava lo sguardo sur un angolo della stanza,
poi sull'angolo opposto, elevando il corrispondente sopracciglio, benchè nulla vi fosse colà da attirare l'attenzione di lei.
Nella maggior parte dei casi precedenti noi possiamo
comprendere come i movimenti associati sieno stati ac29 Mécanisme de la Physionomie humaine, 1862, p. 17.
45
quisiti coll'abitudine; ma in alcuni individui certi gesti
bizzarri e certi ghiribizzi si son fatti veder associati a
certi stati dell'animo per cause affatto inesplicabili, e
sono indubbiamente ereditari. Senza contare analoghi
casi, io ho riferito in altro luogo, dietro osservazione
mia propria, l'esempio di un atto straordinario e complicato, associato a sentimenti giocondi, che s'è trasmesso
di padre in figlio30. E nel corso di questo volume sarà
30 Variazione degli animali e delle piante allo stato domestico,
pag. 379 (Traduzione italiana di G. Canestrini). L'eredità degli
atti abituali è per noi un fatto tanto importante, ch'io mi sollecito
di riportare, col permesso del signor F. Galton, e servendomi dei
suoi medesimi termini, questa rimarchevole osservazione: – «La
narrazione seguente, relativa ad un'abitudine riscontrata in tre generazioni consecutive, ha un interesse particolare per questa circostanza che il movimento è prodotto solo nel sonno profondo,
onde non può riferirsi all'imitazione, ma dev'essere considerato
assolutamente naturale. Queste particolarità sono affatto degne di
fede, perchè ne presi informazioni precise e narro in seguito ad
una testimonianza dettagliata ed indipendente. Un signore di alto
rango, era soggetto, come l'assicurò la moglie di lui, a questa strana abitudine: quando giaceva supino sul letto ed era profondamente addormentato, levava lentamente il braccio destro sopra il
viso a livello della fronte, indi con una scossa l'abbassava, a
modo che il pugno cadeva pesante sul dorso del naso. Questo gesto non si rinnovava ogni notte, ma solo di tempo in tempo ed era
indipendente da qualunque causa apprezzabile. Talora si ripetea
per un'ora continua od anche di più. Il naso di questo signore era
prominente e il suo dorso fu spesso ammaccato dai colpi che riceveva; ed ogni volta che si producea un'ammaccatura, era tarda a
guarire, perocchè i colpi che l'avevano causata si rinnovellavano
tutte le notti. La sua signora dovette togliere il bottone della di lui
46
esposto un altro esempio curioso d'un gesto bizzarro,
ereditario, associato ad un desiderio.
Vi sono altri atti che vengono d'ordinario compiuti in
date circostanze, indipendentemente dall'abitudine, e
che sembrano dovuti alla imitazione o ad una specie di
simpatia. Così possiamo vedere taluni a muovere la mascella nello stesso tempo che fanno agire le forbici,
quando le adoperano a tagliar qualche cosa. I fanciulli,
quando imparano a scrivere, traggono spesso la lingua e
la dimenano in modo ridicolo, seguendo i movimenti
delle dita. Allorchè in un pubblico luogo un cantante
vien subitamente preso da leggiera raucedine, possiamo
camicia da notte col quale si lacerava crudelmente e si cercò il
mezzo di legargli il braccio.
«Molti anni dopo la morte di lui, suo figlio sposò una fanciulla
che non avea giammai udito parlare di questa particolarità di famiglia. Infrattanto ella fece precisamente la stessa osservazione
sopra il proprio marito; ma il naso di questo, non essendo molto
lungo, non ebbe mai a sofferire percosse. Nè il ghiribizzo gli capita fra la veglia ed il sonno, ad esempio quand'è assopito nel suo
seggiolone, ma comparisce dopo ch'è profondamente addormentato. Come presso a suo padre, esso è intermittente, talvolta cessa
per parecchie notti, talvolta è quasi continuo durante una parte di
queste. Si compie pure colla mano destra.
«Una sua figlia ha ereditato il medesimo atto. Anch'ella si serve della mano diritta, ma in modo alquanto diverso; perocchè,
dopo aver levato il braccio, non lascia cascare il pugno sull'orlo
del naso, ma, col palmo della mano chiuso a metà, vi batte dall'alto in basso e rapidamente dei piccoli colpi. Anche in questa fanciulla l'atto è assai intermittente, cessando talora per molti mesi,
talora riapparendo quasi continuo».
47
osservare molti fra gli astanti grattarsi la gola, siccome
m'ebbe ad assicurare una persona degna di fede; ma qui
probabilmente vi prende parte l'abitudine, visto che noi
ci grattiamo la gola nelle stesse circostanze. Mi venne
eziandio raccontato che nei circhi ove si salta, quando il
giuocatore prende lo slancio, molti spettatori che son
generalmente uomini o giovanotti, muovono i piedi; ma
pur là entra l'abitudine, perchè molto dubbio se le donne
farebbero lo stesso.
Azioni riflesse. – Le azioni riflesse, nello stretto senso
della parola, sono dovute alla eccitazione di un nervo
periferico che trasmette la sua influenza a date cellule
nervose, le quali, alla lor volta, provocano l'azione di
muscoli o di determinate ghiandole; tutto ciò, almeno
nella maggior parte dei casi, può essere prodotto senza
veruna sensazione, ossia senza che noi ne abbiamo coscienza. Siccome molte azioni riflesse sono assai espressive, dobbiamo qui estenderci alquanto su questo argomento. Vedremo per giunta che alcune di esse giungono
a confondersi colle azioni prodotte dall'abitudine, e difficilmente ne possono essere distinte31. La tosse e lo
31 Il professore HUXLEY osserva (Elementary Physiology, 5a
edizione, p. 305) che le azioni riflesse proprie del midollo spinale
son naturali; ma coll'aiuto del cervello, cioè col mezzo dell'abitudine, una infinità di azioni riflesse artificiali possono esser acquisite. VIRKOW ammette (Sammlung wissenschaft Vortäge, ecc.,
Ueber das Rückenmark, 1871, pp. 24, 31), che certe azioni riflesse non possono venir distinte dagl'istinti, e possiamo aggiungere
che fra questi ultimi, ve n'ha di quelli i quali non si possono di48
starnuto sono esempi comuni di azioni riflesse. Nei fanciulli, il primo atto respiratorio è di sovente uno starnuto, quantunque questo esiga i movimenti coordinati di
numerosi muscoli. La respirazione è in parte volontaria,
ma sopra tutto è riflessa, ed è senza l'intervento della
volontà ch'ella si effettua nel modo più naturale e più regolare. Un numero considerevole di movimenti complessi sono di natura riflessa. Uno degli esempi migliori
che si possa citare è quello della rana decapitata, la quale non può evidentemente sentire nè compiere alcun movimento, rendendosene conto. Infrattanto, se si mette
una stilla di acido sulla faccia inferiore della coscia di
una rana cui siasi mozza la testa, essa tergerà la goccia
colla faccia superiore del piede dello stesso lato; che se
si taglia il piede, non può più fare così: «per conseguenza, dopo alcuni sforzi infruttuosi, ella rinuncia a questo
mezzo, e sembra inquieta, come se, dice Pflüger, ne cercasse un altro; infine si giova dell'altra gamba e riesce a
tergere l'acido. Qui certo non abbiamo soltanto semplici
contrazioni muscolari, ma anche contrazioni combinate
e disposte in un ordine determinato per un fine speciale.
Esse costituiscono degli atti che sembra proprio sieno
guidati dall'intelligenza e provocati dalla volontà, e ciò
in un animale cui sia stato tolto l'organo incontrastato
dell'intelligenza e della volizione»32.
Vediamo la differenza che sta tra i movimenti riflessi
stinguere dalle abitudini ereditarie.
32 Dottor MAUDSLEY, Body and Mind, 1870, p. 8.
49
ed i volontari nei bimbi; essi, mi dice sir Henry Holland,
non sanno compiere atti analoghi allo starnuto e alla tosse; sono specialmente incapaci di espurgarsi il naso
(cioè di premerlo e di soffiar con violenza attraverso l'orifizio ristretto) e di sbarazzare la gola dal muco. Bisogna insegnar loro a compiere questi atti, benchè, quando
siano un po' cresciuti cogli anni, ci riescano facili come
fossero azioni riflesse. Peraltro lo starnuto e la tosse
sono poco o nulla soggetti alla volontà, mentre gli atti
del grattarci la gola e del soffiarci il naso sono affatto
volontari.
Allorchè sentiamo che una particella ci irrita le narici
o i canali respiratorii – il che avviene per l'eccitazione
delle stesse cellule nervose sensitive che agiscono nei
casi di starnuto e di tosse – noi possiamo espellere volontariamente il corpo straniero cacciando dell'aria con
forza traverso questi condotti, ma siamo molto lungi dal
farlo con tanta forza, rapidità e precisione con cui vien
compiuto dall'azione riflessa. In quest'ultimo caso, a
quanto sembra, le cellule nervose sensitive eccitano le
cellule nervose motrici senza che v'abbia consumo di
forza per l'antecedente comunicazione cogli emisferi cerebrali – sede della coscienza e della volizione. In ogni
caso sembra ch'esista un profondo contrasto tra identici
movimenti, a seconda che sono governati dalla volontà
o da un'eccitazione riflessa, relativamente all'energia
colla quale vengono compiuti ed alla facilità con cui
sono eccitati. Lo dichiara anche Claudio Bernard: «l'influenza del cervello tende dunque a inceppare i movi50
menti riflessi, a limitare la loro forza e la loro estensione»33.
Basta talvolta il desiderio consapevole di adempiere
un atto riflesso per arrestare od interrompere il suo
adempimento, malgrado l'eccitazione dei nervi sensitivi
speciali. Eccone un esempio: molti anni or sono, feci
una piccola scommessa con una dozzina di giovani: io
sostenni che avrebbero preso tabacco senza starnutire,
benchè m'avessero dichiarato che, aspirandone, starnutavano sempre. Conseguentemente, ne presero tutti una
leggiera dose, ma siccome desideravano assai di riuscir
vincitori, nessuno starnutò, quantunque gli occhi lagrimassero; e tutti, senza eccezione, dovettero pagarmi la
scommessa. Sir H. Holland osserva34 come l'attenzione
che si mette per inghiottire ne inceppi i movimenti; ciò
che spiega senza dubbio, almeno in parte, la difficoltà
che provano certe persone ad ingoiare le pillole.
Altro esempio comune di atto riflesso consiste nell'abbassamento involontario delle palpebre, appena la
superficie dell'occhio venga irritata. Un ammiccare di
simil fatta si effettua quando vien diretto un colpo al
viso; ma questo, a dir vero, più che un'azione riflessa, è
un atto derivante dall'abitudine, perchè lo stimolo è trasmesso per mezzo dell'organo pensante, e non per l'eccitazione del nervo periferico. Spessissimo la testa ed il
corpo tutto sono nello stesso tempo gettati bruscamente
33 Vedi l'interessantissima discussione di tutto questo argomento di Claudio BERNARD (Tissus vivants, 1866, p. 353-356).
34 Chapters on Mental Physiology, 1858, p. 85.
51
all'indietro. Possiamo tuttavia frenare questi ultimi movimenti e il pericolo non sembra imminente alla nostra
immaginazione, ma non basta che la ragione ci dica che
non v'ha pericolo. Posso citare un fatto insignificante
che viene in appoggio del mio asserto e che mi ha altra
volta molto ricreato. Appoggiai la faccia contro il grosso cristallo della gabbia d'una vipera al Giardino zoologico, colla ferma intenzione di non rinculare ove il serpente si slanciasse verso di me; ma esso aveva appena
battuto il cristallo, che la mia risoluzione sparì, ed io
saltai addietro un metro o due con un'incredibile rapidità. La mia volontà e la mia ragione erano riescite impotenti contro l'immaginazione che mi rappresentava un
pericolo, cui per lo innanzi non ero giammai stato esposto.
La violenza di un sussulto sembra dipendere in parte
dalla vivacità dell'immaginazione, in parte dallo stato
abituale o momentaneo del sistema nervoso. Se si vuol
bene osservare il sussultar di un cavallo, a seconda che è
affaticato o riposato, si vedrà quanto è perfetto il passaggio tra un semplice sguardo ad un oggetto inatteso,
una breve esitazione in faccia del presunto pericolo, fino
ad un balzo sì rapido e sì violento, che l'animale non potrebbe probabilmente fare di sua volontà un deviamento
tanto pronto. Il sistema nervoso di un cavallo nutrito
bene e di fresco manda i suoi ordini all'apparecchio locomotore con tanta rapidità, ch'ei non ha il tempo di
giudicare se il pericolo sia reale o no. Dopo un violento
sussulto, quand'è eccitato ed il sangue gli circola ricca52
mente nel cervello, esso è disposto a sussultare ancora;
e, secondo le mie osservazioni, avviene lo stesso anche
nei fanciulli.
Il sussulto prodotto da repentino rumore, quando lo
stimolo è trasmesso dai nervi uditivi, è sempre accompagnato, nelle persone attempate, dall'ammiccar delle
palpebre35. Io ho peraltro osservato che i miei figli, se
trasalivano agli improvvisi strepiti, quando non avevano
ancora quindici giorni, non ammiccavano certo tutte le
volte, e credo per giunta non lo facessero mai. Il sussulto di un fanciullo più grande rappresenta apparentemente un modo di prender un punto d'appoggio per evitare
di cadere. Io scossi una scatola di cartone proprio vicino
agli occhi di un mio figlio di 114 giorni ed egli non ammiccò affatto; ma avendo messi nel bossolo alcuni confetti, tenendolo nella stessa posizione, lo agitai, ed il
fanciullo battè ogni volta gli occhi e trasalì leggermente.
Evidentemente era impossibile che un fanciullo ben custodito potesse aver imparato dall'esperienza che un simile strepito vicino agli occhi indicava pericolo. Ma
questa esperienza sarà stata lentamente acquistata a
un'età più avanzata per volgere di molte generazioni; e,
dopo ciò che sappiamo dell'eredità, non è niente improbabile che l'abitudine siasi trasmessa ed appaia in un'età
minore di quella in cui fu contratta dagli antenati.
Le precedenti osservazioni permettono di credere che
35 MÜLLER osserva (Elements of Physiology, trad. inglese,
vol. II, p. 1311) che il sussulto è sempre accompagnato dal serrar
delle palpebre.
53
certe azioni, compiute dapprima ragionatamente, sieno
divenute riflesse in virtù dell'abitudine e dell'associazione, e che ora sieno così stabilite ed acquisite, da effettuarsi, anche senza utilità veruna36, tutte le volte in cui
sorgano cause simili a quelle che, in origine, ce ne risvegliavano il volontario compimento. In tali casi, le cellule
nervose sensitive eccitano le cellule nervose motrici,
senza prima comunicare con quelle d'onde la nostra percezione e la nostra volizione dipendono. Probabilmente
lo starnuto e la tosse in origine sono stati acquisiti dall'abitudine di espellere con la massima forza una particella
qualunque che irritasse la sensibilità dei canali respiratorii. Queste abitudini ebbero tutto tempo per diventare
innate o per venir convertite in azioni riflesse, che sono
comuni a tutti od a quasi tutti i grandi quadrupedi, e devono quindi essere state la prima volta acquisite in un'epoca remotissima. Perchè l'atto del grattarsi la gola non
è un'azione riflessa, e dev'essere appresa dai nostri fanciulli? Gli è ciò che non posso aver la pretesa di dire: all'incontro, ci è dato comprendere per quale ragione si
debba imparare a soffiarsi il naso in un fazzoletto.
I movimenti di una rana decapitata che terge dalla coscia una goccia d'acido, o che scaccia un altro oggetto,
sono perfettamente coordinati ad un fine speciale; come
non si può non ammettere che, volontari dapprima, essi
36 Il dott. MAUDSLEY fa notare (Body and Mind, p. 10) che i
movimenti riflessi ordinariamente diretti ad un utile fine possono,
in cambiate condizioni di malattia, riescir dannosissimi ed anche
dar luogo a vive sofferenze e ad una morte assai dolorosa.
54
sono quindi divenuti sì facili in seguito ad una lunga
abitudine e poterono finalmente essere compiuti inscientemente, ossia indipendentemente dagli emisferi cerebrali.
Nella stessa guisa sembra probabile che il sussulto
abbia avuto per origine prima l'abitudine di saltare all'indietro il più presto possibile per evitare il pericolo
tutte le volte che uno dei nostri sensi ce ne avvertisse
della presenza. Il sussulto, siccome abbiamo veduto, è
accompagnato dall'ammiccar delle palpebre che proteggono gli occhi, gli organi più delicati e più sensibili del
corpo; e questo atto, io credo, è sempre accompagnato
da una subitanea e forte inspirazione, ciò che costituisce
la naturale disposizione ad uno sforzo violento. Ma
quando un uomo od un cavallo sussultano, i battiti del
cuore sollevano il petto con violenza, e puossi dire che
in ciò abbiamo l'esempio di un organo, il quale non fu
mai influenzato dalla volontà, e che prende parte ai movimenti riflessi generali della economia. Tuttavia questo
punto sarà trattato di nuovo in uno dei seguenti capitoli.
La contrazione dell'iride, allorchè la retina è eccitata
da viva luce, è un altro esempio di un movimento che, a
quanto sembra, in origine non può essere stato volontario, e reso quindi stabile dall'abitudine; perchè non si conosce verun animale in cui l'iride sia sottomessa all'azione diretta della volontà. Per quei casi resta a scoprire
una spiegazione qualunque, certo differente dall'influenza dell'abitudine. L'irradiazione della forza nervosa da
cellule energicamente eccitate ad altre cellule unite alle
55
prime, come nel caso in cui una viva luce che colpisca
la retina fa starnutare, potrà forse giovare a comprendere la causa di certe azioni riflesse. Un irradiamento nervoso di questa specie, se dà luogo ad un movimento inteso a diminuire l'irritazione primitiva, come allorquando la contrazione dell'iride impedisce che un eccesso di
luce ferisca la retina, questo irradiamento forse sarà stato in processo di tempo utilizzato e modificato ad un
fine speciale.
Inoltre dobbiamo notare che, secondo ogni probabilità, le azioni riflesse sono soggette a leggere variazioni,
come lo sono tutte le parti anatomiche e gl'istinti, e che
qualunque variazione vantaggiosa e sufficientemente
importante avrà dovuto essere conservata e trasmessa
per eredità. Così le azioni riflesse, una volta acquisite
per un bisogno qualsiasi, possono quindi venir modificate indipendentemente dalla volontà o dall'abitudine,
per essere destinate ad un determinato bisogno. Noi siamo in diritto di credere che questi fatti sieno della stessa
portata di quelli che si produssero in riguardo a molti
istinti, perchè, sebbene alcuni di questi abbiano avuto
sviluppo da una lunga ed ereditaria abitudine, pur ve ne
hanno di quelli molto complessi, che si sono sviluppati
colla fissazione delle variazioni prodotte nei preesistenti
istinti, cioè per elezione naturale.
Ho trattato piuttosto a lungo, benchè, lo comprendo,
assai imperfettamente, il modo con cui si sono acquisite
le azioni riflesse, perocchè elleno prendono parte di
spesso nei moti ch'esprimono le nostre emozioni, e fa56
cea d'uopo mostrare che almeno taluna di loro potè in
origine essere stata acquistata volontariamente allo scopo speciale di soddisfare un desiderio o di evitare una
disaggradevole sensazione.
Movimenti abituali associati negli animali inferiori.
– Ho di già citati, a proposito dell'uomo, molteplici
esempi di movimenti associati a diversi stati dell'animo
o del corpo che presentemente sono inutili, ma che in
origine avevano un uso, ed in certe circostanze ne hanno
ancor uno. Siccome questa quistione è molto importante
per noi, citerò qui un numero considerevole di fatti analoghi in rapporto agli animali, benchè molti sieno comunissimi. Io mi propongo di dimostrare che taluni movimenti sono stati compiuti originariamente con un fine
determinato, e che, in circostanze pressochè identiche,
continuano tuttavia ad essere compiuti per una inveterata abitudine, benchè inutili affatto. La parte che prende
l'eredità nel maggior numero dei casi seguenti è mostrata dal fatto che questi atti sono compiuti nella medesima
guisa da tutti gl'individui della stessa specie, senza distinzione di età. Vedremo eziandio ch'essi vengono prodotti dalle associazioni più varie, spesso indirette e talora anche ignote.
Quando i cani vogliono mettersi a dormir sulla terra o
sopra un'altra superficie dura, d'ordinario girano attorno
e raspano insensatamente il suolo colle zampe anteriori,
quasi volessero svellere l'erba e scavare una buca, come
senza dubbio faceano i loro antenati allo stato selvaggio,
allorchè viveano nelle vaste pianure coperte di erba o
57
nei boschi. Gli sciacalli, i cerdoni ed altri simili animali,
al Giardino zoologico, si comportano nella stessa guisa
col loro giaciglio; ma è un fatto piuttosto singolare che i
guardiani, in seguito all'osservazione di più mesi, non
videro mai i lupi fare altrettanto. Un cane mezzo idiota
– ed un animale in questa condizione dev'essere particolarmente atto a seguire un'abitudine insensata – fu visto
da un mio amico a fare trenta giri completi sopra un tappeto prima di cucciarsi a dormire.
Molti animali carnivori, quando si avvicinano alla
preda e si dispongono a precipitarsi od a saltarle addosso, abbassano la testa e si curvano tanto, sembra, per nascondersi, quanto per prepararsi all'assalto; e questa abitudine spinta allo estremo è divenuta ereditaria nei nostri cani da ferma e da uccelli. Ora, ebbi a notare di sovente che, quando due cani fra loro sconosciuti si incontrano in una larga via, quello che scorge l'altro per primo, avvegnachè alla distanza di cento o duecento metri,
abbassa tosto la testa, molto spesso si curva leggermente
ed anche si cuccia affatto; in una parola, prende la posa
più conveniente per celarsi e per disporsi alla corsa od
allo slancio. Eppure la strada è assolutamente libera e la
distanza ancor più grande. Altro esempio; i cani di qualunque razza, allorchè spiano avidamente la preda e lenti lenti vi si approssimano, tengono spesso una delle
zampe anteriori ripiegata e sollevata per lungo tempo;
essi sono pronti così ad avanzarsi prudentemente – e
questa attitudine è assai comune nei cani da ferma. Ora,
per effetto dell'abitudine, fanno precisamente così tutte
58
le volte che la loro attenzione è risvegliata (fig. 4). Ho
visto a' piedi di un alto muro un cane con una gamba ripiegata in aria, ascoltare attentamente un rumore che venìa dal lato opposto, e in tal caso ei non potea avere l'intenzione di avvicinarvisi prudentemente.
I cani, poi che hanno
deposto i loro escrementi,
grattano spesso il suolo
dall'avanti all'indietro con
tutte quattro le zampe, anche se stanno su terreno
affatto nudo: sembra sia
loro intenzione di ricoprire con terra le feci, quasi
come fanno i gatti. I lupi e Fig. 4 – Piccolo cane che spia un gatto
gli sciacalli, al Giardino collocato sopra una tavola
zoologico, si comportano (Da una fotografia del sig. Rejlander).
proprio egualmente, quantunque, da quel che m'hanno assicurato i guardiani, nè i
lupi, nè gli sciacalli, nè le volpi, allorchè ne hanno il
mezzo, ricoprono i loro escrementi più di quello che
facciano i cani. – Eppure tutti questi animali nascondono sotterra il sovrappiù del lor nutrimento. Questo ne lascia comprendere il vero significato della precedente
abitudine, simile a quella dei gatti. Non possiamo dubitar punto che v'abbia in quell'atto una inutile traccia di
un movimento abituale, che altra volta, in un lontano
progenitore del genere cane, aveva un fine determinato
e che s'è conservato da antichità prodigiosa.
59
I cani e gli sciacalli37 si dilettano assai a voltolarsi, a
sfregare il collo e la schiena attorno alle carogne: sembra godano del loro odore, quantunque almeno i cani
non ne mangino. Il Bartlett ha fatto per conto mio delle
osservazioni sui lupi; diede loro della carogna e non li
vide mai rotolarvisi sopra. Ho sentito osservare (e credo
sia vero) che i grandi cani, i quali probabilmente derivarono dai lupi, non si avvoltolano sulla carogna così
spesso, come lo fanno i piccoli, discesi probabilmente
dagli sciacalli. Quando si dà ad un mio terriere (e so di
altri fatti simili) un pezzo di biscotto nero, e che questa
cagna non abbia fame, essa lo straccia e lo fa balzellare,
come se fosse un sorcio od altra preda; dappoi vi s'avvoltola sopra a più riprese, proprio come si trattasse di
un pezzo di carogna; quasi fa d'uopo dare un gusto immaginario a questa poco appetitosa porzione; e a tale
scopo il cane opera secondo la sua abitudine, come se il
biscotto fosse un animale vivente od avesse l'odore della
carogna, quantunque esso sappia meglio di noi che non
è l'uno nè l'altra. Ed ho visto questo stesso terriere far
egualmente dopo aver ucciso un piccolo uccello od un
topo.
I cani si grattano con un rapido movimento delle
zampe anteriori; e se si scorre sul loro dorso con una
canna, tanta è l'abitudine, che non possono a meno di raspare rapidamente in aria o sul terreno in un modo illu37 V. la storia di uno sciacallo addomesticato, data dal signor
F. H. SALVIN in Land and Water, ottobre 1869.
60
sorio e ridicolo. Il terriere cui feci poc'anzi allusione, allorchè lo si grattava in questa maniera, esprimea talvolta
la propria soddisfazione con un altro movimento abituale, leccando, cioè, in aria, come il facesse sulla mia
mano.
I cavalli si grattano mordendosi le parti del corpo cui
possono giunger coi denti; ma più di spesso un cavallo
indica a un altro il punto dove ha bisogno d'esser grattato, ed entrambi si morsicchiano reciprocamente. Un
amico di cui ebbi a richiamar l'attenzione su questo argomento, osservò che quando ei carezzava il collo del
proprio cavallo, questo avanzava la testa, mostrava i
denti e movea le mascelle, davvero come se mordesse il
collo di un altro cavallo, perocchè è naturale che non
avrebbe potuto mordere il suo. Se un destriero vien molto solleticato, come quando lo si stregghia, il suo desiderio di mordere è così irresistibile, che fa stridere i
denti e, avvegnachè ben avvezzo, può mordere il palafreniere; nello stesso tempo, per abitudine, abbassa molto le orecchie, in modo da preservarle dai morsi, quasi
avesse a fare con un altro cavallo.
Un palafreno impaziente di partire per una corsa,
scalpitando la terra, si avvicina moltissimo al movimento che gli è abituale quando procede. Inoltre, allorchè i
cavalli, nelle scuderie, voglion mangiare e attendono
con impazienza l'avena, scalpitano sul terreno o sulla
paglia. Due miei cavalli fanno così, quando vedono o
comprendono che si dà l'avena ai loro vicini. In tali casi,
a dir vero, noi abbiamo quasi ciò che può chiamarsi una
61
espressione propriamente detta, chè lo scalpitio del suolo è dovunque riconosciuto per un segno di impazienza.
I gatti coprono di terra i loro escrementi; ed il mio
avo38 ha visto un piccolo gatto a spargere della cenere
sovra una cucchiaiata di acqua pura rovesciata sul focolare; dimodochè, in questo caso un atto abituale od istintivo era provocato senza ragione, non in seguito ad un'azione precedente o ad un odore, ma dalla vista. È noto a
tutti che i gatti non amano di bagnarsi i piedi; ciò ch'è
dovuto probabilmente al fatto ch'essi in origine abitarono un clima secco, l'Egitto; e quando li bagnano, li scuotono vivamente. Mia figlia ebbe a versare dell'acqua in
un bicchiere proprio vicino alla testa di un piccolo gatto;
questo scrollò subito i piedi nel solito modo; abbiamo
qui dunque un movimento abituale eccitato senza motivo da un suono associato, invece ch'esserlo dal senso del
tatto.
I piccoli gatti, i piccoli cani, i piccoli maiali e probabilmente anche molti altri giovani animali, battono alternativamente colle zampe anteriori le mammelle della
loro madre per eccitare la secrezione del latte o per facilitarne l'afflusso. Ora, assai di spesso si veggono i giovani gatti, e non raramente i vecchi, nati dalla razza comune o dalla persiana (la quale, a dire di alcuni naturalisti, non esisterebbe più allo stato di purezza), quando
sono comodamente cucciati sovra uno sciallo ben caldo
38 D. DARWIN, Zoonomia, vol. I, 1794, p. 160. In quest'opera (p. 151) trovo anche citato il fatto che i gatti protendono i piedi
quando sono di buon umore.
62
o sovra un altro oggetto morbido, si veggono, dico, a
premerlo dolcemente e alternativamente colle zampe anteriori: le loro dita sono allora distese e gli artigli un po'
in fuori, proprio come quando poppano. E quel che prova esservi in ciò lo stesso movimento, gli è il fatto che
spesso prendono nel medesimo tempo un lembo dello
sciallo in bocca e si mettono a succiarlo, chiudendo d'ordinario gli occhi e facendo sentire un mugolìo di contento. Questo curioso movimento di solito non è eccitato
che in associazione colla sensazione d'una superficie
calda e delicata; io ho visto un vecchio gatto batter l'aria
coi piedi nella stessa maniera, quando gli si procacciava
piacere grattandogli il dorso; dimodochè questo atto è
quasi divenuto l'espressione d'una sensazione gradita.
Dopo di aver parlato dell'azione di poppare, posso aggiungere che questo movimento complesso, come pure
l'alternata distensione delle zampe anteriori, sono azioni
riflesse; in fatto, esse vengon compiute quando si colloca un dito bagnato di latte nella bocca di un piccolo
cane, che sia stato privato della parte anteriore del cervello39. Fu recentemente constatato, in Francia, che l'azione del poppare è provocata solo per mezzo dell'odorato, per lo che, se i nervi olfattivi d'un cagnolino sono
esportati, non poppa. Parimenti il potere straordinario
che ha il pollo, pochissime ore dalla nascita, di dar di
becco a piccole bricciole onde nutrirsi, sembra esser
39 CARPENTER (Principles of comparative Physiology,
1854, p. 690), e MÜLLER (Elements of Physiology, trad. inglese,
vol. II, p 936).
63
messo in azione dal senso dell'udito; perocchè nei polli
nati a calore artificiale, un buon osservatore trovò che
battendo coll'unghia sopra una tavola, in modo da imitare lo strepito cui fa la chioccia, ei potè loro apprendere a
pigliare il nutrimento40.
Darò ancora un solo esempio d'un movimento abituale ed inutile. L'anitra tadorna vive sulle sabbie lasciate
allo scoperto dalla marea, e quando scopre la traccia
d'un verme «prende a batter il suolo, quasi danzando sopra il pertugio», onde n'esce il verme. Ora, il signor StJohn riferisce che quando le sue anitre tadorne addomesticate «venivano a chiedergli il cibo, battevano il terreno con un movimento impaziente e rapido» 41. Questo
può dunque considerarsi quasi come il loro modo di
esprimer la fame. Il Bartlett mi dice che il fenicottero ed
il Kagu (Rhinochetus jubatus), allorchè hanno fame,
batton la terra co' piedi nella stessa foggia bizzarra. Parimente anche i piombini, quando prendono un pesce, il
battono sempre fin che l'hanno morto, ed al Giardino
zoologico battono tutte le volte la carne cruda onde si
nutrono, prima di divorarla.
Or noi abbiamo, credo, sufficientemente dimostrato il
nostro primo principio, cioè che tutte le volte in cui una
sensazione, un desiderio, una ripugnanza, ecc. provocarono per lunga serie di generazioni un dato movimento
volontario, quasi di certo sarà sempre eccitata una ten40 MOWBRAY (Poultry, sesta ediz., 1830, p. 54).
41 Vedi ciò che riporta questo eccellente osservatore in Wild
Sports of the Highlands, 1816, p.142.
64
denza a compiere un movimento simile, quando capiterà, sia pure a debole grado, la stessa sensazione, od altra
analoga od associata; e questo avvegnachè il movimento, nel caso presente, possa riescire di nessuna utilità.
Movimenti abituali di tal fatta sono spesso, se non costantemente, ereditari, ed allora variano poco dalle azioni riflesse. Quando noi parleremo delle espressioni speciali dell'uomo, si vedrà la giustezza dell'ultima parte
del nostro primo principio, siccome venne esposto al
principio di questo capitolo, vale a dire che allorquando
movimenti associati dall'abitudine a certi stati di spirito
sono in parte repressi dalla volontà, i muscoli affatto involontari, come i meno collocati sotto il diretto controllo della volontà, possono nondimeno contrarsi, e la loro
azione è spesso molto espressiva. Inversamente, quando
la volontà è per poco tempo o per sempre affievolita, i
muscoli volontari fanno difetto a confronto degl'involontari. Quest'è un fatto comune ai patologi, siccome lo
nota sir C. Bell42: «Quando un'affezione del cervello dà
luogo a debolezza, la sua influenza si fa maggiormente
sentire sui muscoli che sono, allo stato normale, collocati sotto l'impero più immediato della volontà». Nei capitoli susseguenti, ci arresteremo sovra un'altra proposizione, pur contenuta nel nostro primo principio: che,
cioè, per reprimere un movimento abituale, fa d'uopo
talvolta eseguire altri leggieri movimenti, che servono
essi medesimi alla espressione.
42 Philosophical Transactions, 1893, p. 182.
65
CAPITOLO II.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
(seguito).
Principio dell'antitesi. – Esempi nel cane e nel gatto. – Origine del prin cipio. – Segni convenzionali. – Il principio dell'antitesi non ha per
origine azioni opposte compiute con conoscenza di causa sotto l'in fluenza di opposti impulsi.
Eccoci al nostro secondo principio, il principio dell'antitesi. Certe condizioni dell'animo, siccome abbiamo
veduto nell'altro capitolo, dànno luogo a certi movimenti abituali, che in origine furono realmente utili, e possono esserlo ancora; vedremo ora che quando si produce
uno stato di animo affatto inverso, si manifesta una tendenza energica ed involontaria a movimenti inversi del
pari, abbenchè non siano mai stati di utilità veruna. Daremo alcuni esempi maravigliosi di antitesi trattando
delle espressioni speciali all'uomo; ma gli è sopra tutto
nei casi di questo genere che certe abitudini ed espressioni convenzionali od artificiali vengono facilmente
confuse con quelle che sono innate od universali e che
solo meritano di essere collocate fra le vere espressioni;
ond'io, nel presente capitolo, mi limiterò quasi affatto
alle espressioni degli animali.
66
Allorchè un cane di umore intrattabile o con ostili intenzioni si abbatte in un cane straniero od in un uomo,
cammina diritto in avanti e tenendosi duro duro; la sua
testa è leggermente rialzata o poco abbassata; la coda
ritta in aria; i peli si rizzano, specialmente lungo il collo
e la schiena; le orecchie tese si dirigono in avanti e gli
occhi guardano fissi (V. fig. 5 e 7). Tali particolarità,
come spiegheremo qui presso, provengono dall'intenzione che ha il cane di attaccare il suo nemico, e per la
maggior parte sono eziandio facili a comprendersi.
Fig. 5 – Cane che si avvicina ad un altro con ostili intenzioni,
dis. dal sig. Rivière.
Fig. 6 – Lo stesso, umile ed affettuoso, dis. dal sig. Rivière.
67
Quando ei si dispone a slanciarsi sull'avversario con un
selvaggio brontolìo, i denti canini si scoprono e le orecchie sono affatto rinversate all'indietro contro la testa;
ma qui non abbiamo ad occuparci di questi ultimi atti.
Supponiamo adesso che il cane riconosca d'un tratto nell'uomo cui s'avvicina non già uno straniero, ma il proprio padrone; ed osserviamo come tutto se stesso trasforma in modo subitaneo e completo. In luogo di avanzarsi rigidamente, si abbassa od anche si cuccia, imprimendo al suo corpo movimenti flessuosi; la coda non è
più ritta in aria, ma volta all'ingiù e dimenata da una
parte a quell'altra; i peli vengono istantaneamente lisci;
le orecchie, pur rinversate all'indietro, non sono però più
applicate contro la testa, e le labbra pendono liberamente. In seguito al rinversamento delle orecchie all'indietro, le palpebre sono allungate e gli occhi perdono l'aspetto arrotondato e fisso.
Fig. 7 – Cane da pastore mezzo sangue, nella stessa condizione di quello alla
fig. 5, dis. dal sig. A. May.
68
Devesi aggiungere che in questo momento l'animale è in
un trasporto di gioia, e che v'ha produzione eccessiva di
forza nervosa, ciò che dà luogo naturalmente ad atti determinati. Non uno dei precedenti moti, che con tanta
chiarezza esprimono l'affezione, non uno è della minima
utilità per l'animale. A mio parere, essi trovano spiegazione solamente in ciò, che sono in opposizione completa, ossia in antitesi coll'attitudine e coi significantissimi
movimenti del cane che
si preparava alla lotta, i
quali per conseguenza
dinotano la collera.
Prego il lettore di voler
dare un'occhiata ai
quattro abbozzi qui annessi, che hanno lo scopo di richiamare in
modo toccante l'aspetto
d'un cane in questi due
stati dell'animo. È certo
difficile di rappresentar
Fig. 8 – Lo stesso, che accarezza il proprio
l'affezione in un cane
padrone, dis. dal sig. A. May.
che carezza il padrone
e dimena la coda, perchè ciò che sovra tutto ne costituisce l'espressione, è appunto la continua ondulazione de'
suoi movimenti.
Ed ora parliamo del gatto. Quando questo animale è
minacciato da un cane, curva la schiena in maniera sorprendente, arruffa il pelo, apre la bocca e soffia. Ma qui
69
non ci occupiamo di questa comunissima attitudine che
esprime il terrore associato alla collera; noi c'intratteniamo soltanto sulla espressione del furore o della collera.
Questa non s'è osservata di spesso, ma può osservarsi
quando due gatti lottano tra loro; io l'ebbi a vedere molto marcata in un gatto selvaggio tormentato da un fanciullo. L'attitudine è quasi identica a quella d'un tigre
quando, disturbato durante il pasto, grugnisce, siccome
ciascuno ha potuto vedere nei serragli di bestie. L'animale prende una posizione strisciante, stendendo il corpo, e tutta la coda, o l'estremità soltanto, ripiegata o ricurva, si volge da un lato a quell'altro. Il pelo non è punto arruffato. All'infuori di questo, l'attitudine ed i movimenti sono quasi gli stessi d'allora che l'animale si dispone a lanciarsi sovra la preda, e certamente come
quando la sua ferocia risvegliasi. Ma allorchè si prepara
alla lotta, corre questo divario, che le orecchie sono assai riversate all'indietro, la bocca a mezzo aperta e lascia
vedere i denti; le zampe davanti sono talvolta gettate all'infuori e gli artigli sporgenti, e talora l'animale manda
un feroce grugnito (V. fig. 9 e 10). Tutti questi atti, o
quasi, provengono naturalmente (come sarà fatto vedere
fra poco) dal modo col quale il gatto si propone di attaccare il nemico.
Esaminiamo adesso un gatto di umore affatto inverso,
mentre esprime la propria affezione al padrone, carezzandolo, e facciamo rimarco al contrasto spiccato ch'esiste nella sua posa. Esso si raddrizza, il dorso leggermente curvato, il che gli solleva un po' il pelo, ma senza ar70
ruffarlo; la coda, in luogo d'essere distesa e di battere i
fianchi, sta ritta del tutto e s'eleva perpendicolarmente;
le orecchie sono dritte ed erette; la bocca è chiusa; la bestia si strofina contro il padrone ed il mugolìo di contento rimpiazza il grugnito. Guardiamo ancora fin dove il
gatto, nel modo di esprimere l'affetto, differisce dal
cane, che carezza il padrone col corpo curvato e ondulante, la coda rabbassata ed in moto e le orecchie pendenti. Simile contrasto nelle attitudini e nei movimenti
di questi due carnivori sotto la influenza del medesimo
stato dell'animo grato e affettuoso, non può trovar spiegazione, a quanto mi pare, che nella completa antitesi di
tali movimenti con quelli naturali a questi animali quando sono irritati e si dispongono a combattere o ad assalire la preda.
Fig. 9 – Gatto sgomento e pronto a lottare,
disegnato dal vero dal sig. Wood.
In codesti casi del cane e del gatto, si ha diritto di credere che gli atti che esprimono l'ostilità e l'affezione
71
sono gli uni e gli altri innati o ereditari; perocchè corrispondono quasi perfettamente nelle differenti razze di
queste due specie e in tutti gl'individui, vecchi o giovani, della medesima razza.
Fig. 10 – Gatto d'umore affettuoso,
dis. dal sig. Wood.
Offro un altro esempio dell'uffizio dell'antitesi nella
Espressione. Possedevo tempo addietro un grande cane,
il quale, come tutti, godeva assai d'andare a passeggio.
Egli esprimeva la sua contentezza, trottando gravemente
innanzi a me, a passo misurato, la testa ben alta, le orecchie un po' rialzate e la coda in aria, però senza rigidezza. Non lungi da casa mia, s'offre un sentiero a destra,
che mena alla serra; io aveva l'abitudine di visitarla so72
vente per alcuni istanti onde osservare le mie piante
messe a sperimento. Ell'era sempre codesta pel cane occasione d'un grande scoramento; imperocchè ei non sapeva s'io avrei continuata la via; e riusciva ridicolo il vedere l'improvviso e radicale cangiamento di espressione
che si produceva in lui, quando movevo pur mezzo passo verso il sentiero (ciò ch'io faceva talvolta in via di osservazione). Il suo sguardo abbattuto era conosciuto da
tutti di mia famiglia, e lo si chiamava la sua aria da serra.
Ecco in che consisteva: la testa s'inclinava d'assai, tutto il corpo s'abbassava un poco, rimanendo immobile; le
orecchie e la coda ricadevano bruscamente, senza che
questa fosse dimenata; alle orecchie cascanti, alle mascelle pendenti, si aggiungeva un gran cangiamento negli occhi, che mi parevano meno brillanti. Il miserando
aspetto di lui esprimeva profonda afflizione, e, come
dissi, era ridicolo, vista la causa insignificante che l'aveva prodotta. Ogni particolarità della sua attitudine era in
completa opposizione colla precedente andatura allegra
e dignitosa, e mi sembra non possa venir altrimenti spiegata che col principio dell'antitesi. Se il cangiamento
non fosse stato tanto istantaneo, avrei attribuito quest'attitudine alla reazione del suo abbattimento sul sistema
nervoso e sul circolatorio, come si osserva nell'uomo, e
quindi sulla tonicità di tutto il di lui apparecchio muscolare; ed è anche possibile che nella produzione del fenomeno v'entri in parte pur quello.
Passiamo adesso a vedere l'origine del principio del73
l'antitesi. Negli animali che vivono in società, poter comunicare fra' membri di una stessa unione è della più
alta importanza, e nelle altre specie questo bisogno esiste tra gli animali di sesso diverso, fra i giovani ed i vecchi. D'ordinario tale scopo è raggiunto col mezzo della
voce, ma è certo che i gesti ed i segni espressivi giovano
sino a un dato punto alla reciproca intelligenza. L'uomo
non s'è limitato all'uso di grida inarticolate, di atti e di
segni espressivi; egli inventò il linguaggio articolato, se
pur si può dare l'appellativo d'invenzione a un progresso
compiuto in seguito a innumerevoli perfezionamenti appena ragionati. E' basta aver osservate le scimie per esser convinti ch'elle comprendono perfettamente i gesti
ed i segni fatti fra loro e in buona parte anche quelli dell'uomo, come Rengger asserisce43. Un animale, allorchè
ne attacca un altro, ed ha paura, prende spesso un aspetto terribile, rizzando il pelo, onde pare più grosso, mostrando i denti, vibrando le corna o mettendo grida feroci.
Siccome la facoltà di comunicare fra loro è certo di
grandissima utilità a molti animali, così non è a priori
improbabile che gesti manifestamente contrari a quelli
ch'esprimeano in addietro dati sentimenti, abbiano potuto in origine prodursi naturalmente sotto l'impero di un
opposto sentimento; il fatto che adesso questi gesti sono
innati non basta per impedirci di credere che sul bel
43 Naturgeschichte der Saügethiere von Paraguay, 1830, p.
55.
74
principio sieno stati compiuti ad un fine, perocchè dopo
molte generazioni sarebbero probabilmente divenuti
ereditari. Checchè ne sia, è più che dubbio, come fra
poco vedremo, che tutti i casi cui s'applica il principio
dell'antitesi abbiano avuto una origine pari.
Nei segni convenzionali che non sono innati, siccome
quelli impiegati dai sordomuti e dai selvaggi, fu messo
parzialmente in opera il principio di opposizione o di
antitesi. I monaci di Citeaux credeano di peccare parlando; essi inventarono un linguaggio mimico dove pare sia
stato impiegato il principio della opposizione44. Il dottore Scott, dell'Istituto dei sordo-muti di Exeter, mi scrive
«che le opposizioni sono molto usate nella istruzione dei
sordo-muti, i quali le sentono assai vivamente». E frattanto io rimasi sorpreso dello scarso numero di esempi
incontestabili che si possono offrire su questo punto.
Ciò dipende in parte dal fatto che tutti i segni hanno
avuto d'ordinario qualche origine naturale, e in parte
dall'abitudine presa dai sordo-muti e dai selvaggi di abbreviare più che si potesse i loro segni per renderli più
rapidi45. Donde viene che la loro sorgente ossia la loro
44 M. TYLOR parla del linguaggio mimico dei monaci di Citeaux nel suo Early History of Mankind, seconda ediz. (1870, p.
40) e fa alcune osservazioni intorno al principio dell'opposizione
nei gesti.
45 Su questo argomento si vegga l'interessante lavoro del dott.
W. R. SCOTT, The Deaf and Dumb, seconda edizione, 1870, p.
72. «Questa maniera, egli dice, di abbreviare i gesti naturali e di
farne dei movimenti più concisi di quello cui reclami l'espressio75
origine è spesso dubbia od anche completamente perduta, il che pur si riscontra riguardo al linguaggio articolato.
D'altra parte, molti segni, evidentemente opposti fra
loro, sembra abbiano avuto in origine, ciascuno dal canto suo, una significazione propria. Pare che sia stato così
dei segni impiegati dai sordo-muti per indicare la luce e
l'oscurità, la forza e la debolezza, ecc. In un altro capitolo tenterò di dimostrare che i movimenti opposti di affermazione e di negazione, quello, cioè, di abbassare
verticalmente la testa e quello di moverla in senso laterale, furono probabilmente sul principio tutti e due naturali. Il dimenare la mano da destra a sinistra, onde si
giovano alcuni selvaggi per dire di no, potè essere inventato ad imitazione del movimento del capo; in quanto poi al gesto contrario, per cui la mano si move in basso in linea retta dinanzi al viso in segno di affermazione,
non sapremmo decidere se provenga dall'antitesi o se sia
derivato in modo diverso.
Or, se veniamo ai gesti innati, ossia comuni a tutti
gl'individui della medesima specie, e che stanno fra
quelli che produce l'antitesi, è molto dubbio che alcuno
d'essi sia stato sul principio inventato deliberatamente e
con cognizione di causa. Nella specie umana, il miglior
esempio che si possa citare di movimento direttamente
ne naturale, è comunissima fra i sordo-muti. Questo gesto abbreviato è talora così mozzo, da perder quasi ogni rassomiglianza col
gesto naturale; ma pel sordo-muto che l'impiega, esso ha pur tutta
l'energia e l'espressione originali.
76
opposto ad altri gesti e che sopraggiunge naturalmente
in una contraria condizione dell'animo, è l'atto di alzare
le spalle. Esso esprime l'impotenza od un rifiuto, – vuol
dire che una cosa non può farsi o non può evitarsi. Questo gesto è talvolta impiegato scientemente e volontariamente, ma è molto improbabile che in origine siasi inventato con deliberato proposito e che in seguito sia stato reso stabile dall'abitudine; imperocchè non solo il
bambino alza le spalle sotto l'influenza delle precitate
condizioni dell'animo, ma eziandio questo movimento è
accompagnato, come sarà fatto vedere in uno dei seguenti capitoli, da vari movimenti subordinati, da cui un
uomo su mille non ha la coscienza, a meno di essersi
specialmente occupato dell'argomento.
I cani, quando si avvicinano ad un cane straniero,
possono trovar cosa utile di mostrare coi loro atti che
hanno intenzioni amichevoli e non vogliono battersi. Allorchè due giovani cani, giocando, borbottano e si mordono il muso e le gambe, la è cosa evidente ch'essi comprendono reciprocamente i loro gesti e il loro modo d'agire. Ei pare che nei piccoli cani e nei piccoli gatti v'abbia una specie di nozione istintiva che, mentre giocano,
non devon usare senza precauzione i loro piccoli denti o
gli artigli, avvegnachè ciò accada talvolta e provochi un
grido; che se non fosse così, certo si farebbero spesso
male agli occhi. Allor che il mio cane terriero mi morde
la mano per gioco, se stringa di troppo ed io faccia: piano, piano, ei non lascia di mordere, ma mi risponde con
certi guizzi di coda che sembrano dire: «Non vi badate,
77
il fo per darmi sollazzo». I cani dunque esprimono o
possono avere il desiderio di esprimere ad altri cani ed
all'uomo che nutrono disposizioni amichevoli; nè si può
credere ch'essi abbiano mai potuto pensare deliberatamente a gettar indietro le orecchie, in luogo di tenerle
diritte, ad abbassare ed agitare la coda, invece di mantenerla rizzata in aria, ecc., colla conoscenza che questi
movimenti erano in diretta opposizione con quelli che al
contrario si producano sotto l'influenza di un umore
ostile.
Parimenti, quando un gatto, o piuttosto uno dei più
antichi progenitori della specie, sotto l'impero di sentimenti affettuosi, ha per la prima volta curvato un po' il
dorso, levata perpendicolarmente in aria la coda e rizzate le orecchie, puossi credere forse che l'animale abbia
avuto il desiderio ragionato di mostrare così un umore
direttamente inverso a quello che, quando si dispone a
combattere od a slanciarsi sovra la preda, gli dà un'attitudine strisciante, una coda ripiegata e che s'agita dall'un
lato a quell'altro, ed orecchie tese all'indietro? Ed ancor
meno io posso credere che il mio cane prendesse volontariamente quella posa abbattuta e quell'aria da serra,
che facea sì completo contrasto colla sua primitiva attitudine e coll'andatura tutta ripiena di gioia. Si potrebbe
forse supporre ch'ei sapesse di farmi comprendere la
propria espressione, di potermi così intenerire, d'indurmi
a rinunciare alla visita della serra?
Dunque, per lo sviluppo dei movimenti di quest'ordine, bisogna che un altro principio, distinto dall'influenza
78
della volontà e della coscienza, sia intervenuto. Questo
principio sembra essere il seguente: ogni movimento da
noi volontariamente compiuto nel corso della nostra esistenza ha chiesto l'azione di certi muscoli; e quando abbiam fatto un movimento assolutamente contrario, un
gruppo opposto di muscoli fu messo abitualmente in
gioco, – come negli atti di girare a destra o a sinistra, di
respingere un oggetto o di avvicinarlo, di sollevare o di
abbassare un peso. Sì forte è il legame che riunisce le
nostre intenzioni e i nostri movimenti, che se desideriamo che un oggetto si muova in una direzione, non sappiamo astenerci dal piegare il corpo in quel senso, per
quanto possiam esser convinti dell'inefficacia dell'atto.
Una buona dimostrazione di ciò venne già data nella introduzione, ove sono indicati i movimenti grotteschi di
un giocatore di bigliardo novizio e passionato, mentre
accompagna col guardo il cammino percorso dalla palla.
Quando un uomo od un fanciullo incolleriti gridano a
taluno: «Andatevene!», il più delle volte tendono il
braccio, come a respingerlo, benchè l'avversario possa
esser lontano, e riesca completamente inutile indicare
col gesto ciò che vogliono dire. D'altra parte, allorchè
desideriamo che una persona ci si faccia vicina vicina,
noi la chiamiamo col gesto; ed è così in un numero infinito di casi.
Il compimento di ordinari movimenti di opposta natura sotto l'impero di contrari impulsi della volontà, divenne abituale in noi e negli animali; ne risulta che quando
azioni di qualunque specie sieno state strettamente asso79
ciate con una sensazione od una emozione, sembra naturale che atti di natura del tutto contraria, benchè assolutamente inutili, sieno inscientemente compiuti in seguito
dell'abitudine e dell'associazione, sotto l'influenza di una
sensazione o di una emozione direttamente inversa.
Questo principio mi permette solo di concepire come
abbiano avuto lor vita i gesti e le espressioni compresi
sotto questo capitolo della antitesi. Certamente, se tornano di qualche utilità all'uomo o ad alcun altro animale, per supplire le grida inarticolate o il linguaggio, saranno anche volontariamente impiegati, e l'abitudine in
tal modo prenderà forza. Ma, sieno essi utili o no come
mezzi di comunicare, per renderli ereditari dopo un lungo uso, basterebbe, se possiam ragionare per analogia,
la tendenza a compiere opposti movimenti sotto l'influenza di sensazioni o di emozioni inverse; nè si saprebbe mettere in dubbio che molti movimenti espressivi dovuti al principio dell'antitesi non sieno ereditari.
80
CAPITOLO III.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
(fine).
Terzo principio: Azione diretta sulla economia dell'eccitazione
del sistema nervoso, indipendentemente dalla volontà e, in parte, dall'abitudine. – Cambiamento di colore dei peli. – Tremito
dei muscoli. – Modificazione delle secrezioni. – Sudore. –
Espressione d'un vivo dolore, del furore, della gioia, dello spavento. – Differenza tra le espressioni che producono o no movimenti espressivi. – Stati dell'animo che eccitano o deprimono. – Riassunto.
Siamo al nostro terzo principio: taluni atti che riconosciamo siccome espressivi di tali o tali altre condizioni
dell'animo, risultano direttamente dalla costituzione medesima del sistema nervoso, e, sul principio, furono indipendenti dalla volontà ed in gran parte anche dall'abitudine. Quando il sensorio è vivamente eccitato, la forza
nervosa, generata in eccesso, si trasmette in direzioni dipendenti dalle connessioni delle cellule nervose, e, se si
tratta del sistema muscolare, dalla natura dei movimenti
che sono abituali. In altri casi, l'affluenza della forza
nervosa sembra all'incontro interrompersi. Senza dubbio
81
l'organismo non esegue alcun movimento che non sia
determinato dalla costituzione del sistema nervoso, ma
qui non si tratta di atti compiuti sotto l'impero della volontà o dell'abitudine, nè di quelli provenienti dal principio dell'antitesi. L'argomento che noi discutiamo è pieno
di oscurità; tuttavia, vista la sua importanza, ei dev'essere trattato con qualche estensione; d'altra parte non torna
inutile mai di farsi una giusta idea della propria ignoranza.
Il caso più maraviglioso che si possa citare di questa
diretta influenza del sistema nervoso – caso d'altro canto
raro ed anormale – è lo scoloramento dei capelli che
s'ebbe ad osservare qualche volta in seguito ad un grande spavento o ad un dolore eccessivo. Venne riferito un
esempio autentico, relativo ad un uomo che si menava al
supplizio, nell'India, e nel quale il mutamento di colore
si operò con tale rapidità, che l'occhio poteva seguirne il
progresso46.
Un altro buon esempio è il tremito muscolare, comune all'uomo ed a molti animali, se non al numero maggiore. Questo tremito non è di veruna utilità, spesso anche riesce molto nocivo; per certo, ei non dovette prodursi volontariamente dapprima sotto l'impero di una
emozione qualunque, per associarsi quindi per influenza
dell'abitudine. In circostanze che avrebbero provocato
nell'adulto un tremito eccessivo, in seguito ad una testi46 Vedi i casi interessanti che raccolse G. POUCHET nella
Revue des Deux Mondes, 1° gennaio 1872, p. 79. Pochi anni sono
fu comunicato un caso anche alla British Association di Belfast.
82
monianza degna di tutta fede, il bambino non trema più,
ma cade in convulsioni. Il tremore si produce in individui diversi, in grado assai differente, e per le cause più
varie: il raffreddamento, il principio degli accessi febbrili, malgrado l'elevazione della temperatura del corpo
sopra il grado normale; l'avvelenamento del sangue; il
delirium tremens e certe altre malattie; l'affievolimento
generale nella vecchiaia; lo spossamento dopo un'eccessiva fatica; le gravi affezioni locali, siccome le scottature; infine, in maniera veramente particolare, l'introduzione di una siringa. Niuno ignora che fra tutte le emozioni, più adatta a provocare il tremito è lo spavento;
tuttavia una violenta collera, una viva gioia producono
talvolta il medesimo effetto. Mi rammento di aver visto
un giorno un giovinetto che aveva appena uccisa la sua
prima beccaccia; il piacere faceva tremar le sue mani
così, ch'ei dovette aspettare un momento prima di ricaricare il fucile. Ho inteso riferire un fatto perfettamente
simile, relativo ad un selvaggio Australese, cui s'era prestato un fucile. In alcune persone la musica, colle vaghe
emozioni che suscita, fa correre un fremito per il corpo.
In mezzo a cause fisiche o ad emozioni di natura tanto
dissimile, come trovare un carattere comune, che possa
render conto di questo effetto comune, il tremore? Secondo sir J. Paget, al quale io devo molte delle precedenti osservazioni, la è codesta una fra le più oscure
quistioni. Dal momento che il tremito accompagna ora
la gioia, ora il furore lungo tempo avanti il periodo del
rifinimento, ei sembrerebbe che ogni energica eccitazio83
ne del sistema nervoso dovesse interrompere il regolare
afflusso della forza nervosa al sistema muscolare47.
Il modo con cui le secrezioni del canale alimentare e
di certe glandule – fegato, reni, mammelle – vengono
impressionate da violente emozioni, è pure un buonissimo esempio dell'azione diretta del sensorio sopra questi
organi, allo infuori di ogni intervento della volontà o di
qualche abitudine utile associata. Quanto alla scelta degli organi che sono così impressionati, ed al grado della
impressione ricevuta, esistono, nei diversi individui, le
più spiccate differenze.
Il cuore, i battiti del quale si succedono senza interruzione giorno e notte con una regolarità sì maravigliosa,
è estremamente sensibile alle eccitazioni esterne. Claudio Bernard, sommo fisiologo, ha fatto vedere48 sino a
qual punto questo organo risenta il contraccolpo della
più debole eccitazione portata sopra un nervo sensitivo,
d'un tocco tanto leggiero che certo non ebbe a risultarne
verun dolore. Era fin d'allora cosa naturale che una violenta eccitazione dell'animo dovesse agire istantaneamente e direttamente su lui; gli è ciò infatti che ciascuno
conosce per propria esperienza. Un altro fatto che deg47 MÜLLER fa osservare (Elements of Physiology, traduzione
inglese, vol. II p. 934) che sotto l'influenza di vivissime sensazioni «tutti i nervi spinali ricevono una impressione che può giungere fino a produrre una imperfetta paralisi o a determinare un tremito generale».
48 Leçon sur les propriétés des tissus vivants, 1866, p. 457466.
84
gio richiamare e sul quale Claudio Bernard ebbe ad insistere a più riprese, si è che, quando il cuore viene impressionato, reagisce sul cervello; lo stato del cervello
reagisce alla sua volta sul cuore coll'intermezzo del nervo pneumogastrico; in modo che, sotto l'influenza di
una eccitazione qualunque, si producono molteplici
azioni e reazioni reciproche fra questi due organi, i più
importanti della economia.
Il sistema vaso-motore, che regola il calibro delle piccole arterie, subisce pure la diretta influenza del sensorio, come il rossore della vergogna lo prova; tuttavia in
questo caso particolare noi potremo, io credo, trovare in
parte nell'azione dell'abitudine, una curiosa spiegazione
di questa brusca soppressione dell'influsso nervoso, che
dilata i vasi della faccia. E penso che ci sarà possibile
eziandio di gettare un po' di luce, avvegnachè meschina,
sul raddrizzamento involontario dei peli che accompagna le emozioni della rabbia e dello spavento. La secrezione delle lagrime è pure un fenomeno che dipende
certamente dalle connessioni di certe cellule nervose;
ma, per questo come per i precedenti, saremo ben presto
arrestati, quando vorremo cercare quali possano essere
le vie che l'abitudine fa percorrere all'influsso nervoso,
sotto l'influenza di determinate emozioni.
Un rapido esame dei segni esteriori di alcune fra le
più vive sensazioni ed emozioni, ci mostrerà assai meglio, benchè ancora imperfettamente, il modo complesso
con cui si combinano questi due principii: quello dell'azione diretta sull'economia dell'eccitamento del sistema
85
nervoso, attualmente in quistione, e quello dell'associazione dei movimenti utili dovuta all'abitudine.
Allorchè un animale è tormentato dal dolore, d'ordinario si contorce spaventevolmente; che se ha l'abitudine di usar della voce, manda grida penetranti o sordi gemiti. Quasi tutti i muscoli del corpo entrano vigorosamente in azione. Nell'uomo la bocca talvolta si contrae
fortemente; più di spesso le labbra s'increspano, i denti
si serrano o battono con istrepito gli uni contro gli altri.
Si dice che all'inferno v'hanno stridori di denti. In una
vacca malata d'una dolorosissima infiammazione intestinale, io ho perfettamente sentito questo battito dei denti
molari. La femmina dell'ippopotamo, osservata al Giardino zoologico, soffre assai quando si sgrava; cammina
incerta, od anche si rotola sui fianchi, aprendo e chiudendo le mascelle e facendo stridere rumorosamente i
denti49. Nell'uomo, ora si veggono spalancarsi gli occhi,
come nello stupore, ora contrarsi vivamente le sopracciglia; il corpo è molle di sudore, la faccia gronda; la circolazione e la respirazione sono profondamente modificate; anche le narici sono dilatate e spesso frementi; altra fiata il respiro s'arresta al punto da produrre nei vasi
facciali una stasi sanguigna che rende il viso purpureo.
Quando il dolore è molto vivo e prolungato, tutti questi
sintomi si trasformano: succede una estrema prostrazione, accompagnata da debolezza e da convulsioni.
49 M. BARTLETT, Note sur la naissance d'un hippopotame;
Proc. Zoolog. Soc., 1871, p. 225.
86
Allorchè un nervo sensitivo subisce una eccitazione,
esso trasmette un'impressione alla cellula nervosa donde
procede; questa la trasmette alla sua volta prima alla
cellula corrispondente del lato opposto, e quindi ad altre
cellule collocate lungo l'asse cerebro-spinale, sopra e
sotto di essa, per una estensione più o meno notevole,
secondo il grado della eccitazione; in modo che alla fine
tutto il sistema nervoso può essere impressionato50.
Questa involontaria trasmissione della forza nervosa
può essere o no avvertita dalla coscienza. Perchè l'irritamento di una cellula nervosa genera o mette in libertà
della forza nervosa? Non possiamo rispondere a questa
quistione; ma se ci resta ignota la causa, la realtà del fatto non par meno ammessa da tutti i più grandi fisiologi,
Müller Virchow, Bernard51, ecc. Dopo l'osservazione di
Herbert Spencer, puossi considerare come «una verità
indiscutibile che, in un momento qualunque, la quantità
della forza nervosa libera che produce in noi, per un misterioso meccanismo, lo stato che si chiama sensazione,
deve forzatamente dispensarsi in una certa maniera,
50 Veggasi su questo Claudio BERNARD Tissus vivants,
1866, p. 316, 337, 358. VIRCHOW si esprime in un modo quasi
identico nella sua Memoria Ueber das Rückenmarck (Sammlung
wissenschaft. Vorträge, 1871, p. 28).
51 MÜLLER (Elements of Physiology, trad. ingl., vol. II pag.
932) dice, parlando dei nervi, che «ogni brusco cangiamento di
stato, di qualunque ordine, mette in giuoco il principio nervoso».
V. sullo stesso argomento VIRCHOW e BERNARD, ai passi citati nella nota precedente.
87
deve generare in qualche parte un'equivalente manifestazione di forza»; così che, quando sotto l'influenza d'una
violenta eccitazione del sistema cerebro-spinale un eccesso di forza nervosa vien messo in libertà, esso può
consumarsi in intense sensazioni, in rapidi pensieri, in
disordinati movimenti, infine in un aumento di attività
glandulare52. Lo Spencer sostiene inoltre che «un afflusso di forza nervosa, che nessun motivo diriga, seguirà
evidentemente prima le vie più abituali; se queste non
bastassero, passerà nelle meno usitate»; per conseguenza i muscoli facciali ed i respiratorii, che sono quelli più
frequentemente in funzione, saranno subito disposti ad
entrare immediatamente in azione, verranno quindi i
muscoli degli arti superiori, poi degli arti inferiori, finalmente i muscoli di tutto il corpo53.
Allorquando un'emozione non venne abitualmente accompagnata da un atto volontario che ha per oggetto il
sollievo o la soddisfazione corrispondenti alla sua natura, essa non ha che poca tendenza, per quanto forte possa riescire, a provocar movimenti di un ordine qualunque; quando invece si producono dei movimenti, la loro
natura è largamente determinata da quelli cui la volontà
52 H. SPENCER, Essays Scientific Political, ecc., seconda serie, 1863, p. 109-111.
53 Sir H. HOLLAND, Medical Notes and Reflexions, 1839, p.
328) fa notare, a proposito di questo stato curioso dell'economia
chiamato agitazione, ch'esso sembra prodotto da «un'accumulazione di qualche causa irritante che cerca di sollevarsi coll'esercizio dell'azione muscolare».
88
ha frequentemente diretto, con un determinato fine, sotto l'influenza dell'emozione in discorso. Un acuto dolore
spinge l'animale, siccome fa da innumerevoli generazioni, ad eseguire gli sforzi più violenti e più variati per
isfuggire alla causa che lo produce. Allorchè una ferita
aggrava una estremità, od un'altra parte isolata del corpo, si constata di spesso nell'animale una disposizione a
scuotere questa parte, quasi ei potesse contemporaneamente scuotere il male e sbarazzarsene. Gli è così che
dovette stabilirsi l'abitudine di mettere energicamente in
giuoco tutti i muscoli, sotto l'influenza di un vivo dolore. I muscoli del petto e gli organi della voce, tanto di
frequente impiegati, sono eminentemente suscettibili di
entrare allora in azione, e ne risultano grida acute, rauche, prolungate. Tuttavia il fine utile che raggiungono
queste grida medesime ha dovuto probabilmente aver
anche un uffizio importante; vediamo infatti i piccoli di
molti animali, nel dolore o nel pericolo, chiamare fragorosamente i genitori al soccorso; ed altrettanto fanno i
diversi membri di una stessa società.
Havvi ancora un principio che ebbe a contribuire per
parte sua, avvegnachè in minor grado, a fortificare questa tendenza ad un'azione violenta sotto l'influenza di un
dolore eccessivo; intendo parlare della intima coscienza
posseduta dall'animale che il potere, ossia la capacità
del sistema nervoso ha dei limiti. Un uomo non può nello stesso tempo profondamente riflettere e mettere vigorosamente in azione la propria forza muscolare. Quando
due dolori si fanno sentir simultanei, in seguito ad un'os89
servazione che rimonta ad Ippocrate, il più vivo rintuzza
quell'altro. Nei rapimenti delle loro estasi religiose, alcuni martiri parvero restar insensibili alle più orrende
torture. Si veggono talvolta dei marinai condannati alla
frusta afferrare un frammento di piombo fra i denti e
morderlo con tutta la forza, per sopportare più facilmente fa pena. La donna partoriente arreca qualche sollievo
ai propri dolori contraendo i muscoli con tutta l'energia
ond'ella è capace.
Così, riepilogando: la fluttuante irradiazione della
forza nervosa dalle cellule che han ricevuta la prima impressione, – la lunga abitudine d'una lotta penosamente
sostenuta per isfuggire alla causa del dolore, – e finalmente la coscienza che l'azione muscolare in se stessa è
un sollievo, – questi tre elementi probabilmente concorsero, come abbiam ora veduto, a produrre questa tendenza ai movimenti violenti, quasi convulsivi, provocati
da un eccessivo dolore fin negli organi della voce e che
ne sono (è universale il consenso) la più perfetta manifestazione espressiva.
Giacchè una leggiera provocazione d'un nervo sensitivo reagisce direttamente sul cuore, un vivo dolore dee
evidentemente reagire anche su lui, nella stessa maniera,
ma con molto più d'energia. Nullameno, in questo caso,
non dobbiamo dimenticare gli effetti indiretti dell'abitudine sovra quest'organo, siccome vedremo studiando i
segni del furore.
Allorchè un uomo è tormentato dal dolore, il sudore
gronda di spesso sopra il viso di lui. Un veterinario mi
90
assicurò di aver visto sovente, in simile caso, nei cavalli,
delle goccie colare dal ventre sulla superficie interna
delle coscie, e nei buoi il corpo tutto inondarsi di sudore. Egli osservò questo fatto quando alcuno sforzo dell'animale non poteva fornirne la spiegazione. Il corpo
intiero dell'ippopotamo femmina, onde prima parlai, era
coperto d'una rossastra traspirazione, durante il parto
dell'animale. Lo stesso fenomeno avviene nell'estremo
spavento; il citato veterinario l'ebbe frequentemente a
constatare sopra cavalli; Bartlett l'osservò nel rinoceronte; nell'uomo gli è un segno universalmente noto. La
causa della produzione del sudore in tali circostanze è
molto oscura; tuttavia qualche fisiologo pensa ch'essa si
leghi ad un indebolimento della circolazione capillare;
or noi sappiamo che il sistema vaso-motore, il quale
regge questa circolazione, dipende immediatamente dallo spirito. Quanto ai moti di alcuni muscoli della faccia,
sotto l'impero del dolore e di diverse altre emozioni, il
loro studio verrà naturalmente allorquando ci occuperemo delle speciali espressioni dell'uomo e degli animali.
Passiamo adesso ai sintomi caratteristici del furore.
Sotto l'influenza di questa potente emozione, i battiti del
cuore s'accelerano d'assai54 o si turbano notevolmente.
La faccia vien rossa, purpurea, in seguito all'arresto del54 Devo i miei ringraziamenti al signor A. H. Garrod, che
m'ha fatto conoscere un'opera di Lorain sui polsi, nella quale si
trova il tracciato sfigmografico d'una donna in un accesso di furore; questo tracciato differisce molto, per la frequenza e per altri
caratteri, da quello della stessa femmina nello stato ordinario.
91
la circolazione centripeta; talvolta al contrario si fa d'un
pallore cadaverico. La respirazione è affannosa, il petto
si solleva; le narici fremendo dilatansi. Spesso trema
tutto il corpo. La voce si altera; i denti si serrano o battono gli uni contro gli altri, ed il sistema muscolare è in
generale eccitato a qualche atto violento, quasi frenetico. Ma i gesti dell'uomo ch'è in questo stato differiscono
ordinariamente dalle contorsioni disordinate e senza
scopo di chi è tormentato dal dolore; infatti essi rappresentano in maniera più o meno completa l'atto di battere
o di lottare contro un nemico.
Tutti questi sintomi del furore sono probabilmente
dovuti in gran parte all'azione diretta del sensorio eccitato; taluni sembrano eziandio dipendere in modo esclusivo da quest'ultima causa. Tuttavia gli animali di ogni
specie, e prima d'essi i loro progenitori, risposero alle
minaccie o all'attacco del nemico impiegando ogni loro
energia per combattere e difendersi. Se un animale non
si mette così in istato di piombar sul nemico, se non ne
ha l'intenzione, o per lo meno il desiderio, non può dirsi,
in verità, che sia furioso. Gli è così che un'abitudine ereditaria di sforzo muscolare ha dovuto associarsi al furore, e quest'abitudine implica direttamente od indirettamente parecchi organi, quasi nella stessa maniera con
cui agisce un gran dolore fisico.
Il cuore è senza alcun dubbio impressionato in modo
diretto; ma, secondo ogni probabilità, lo è così per effetto dell'abitudine, tanto più che non è giammai sottomesso al controllo della volontà. Ogni violento esercizio,
92
volontariamente eseguito, impressiona, come sappiamo,
quest'organo per mezzo di un complesso meccanismo
onde non abbiamo qui ad occuparci; d'altra parte vedemmo nel capitolo primo che la forza nervosa si propaga facilmente per le vie che le sono più abituali, vale a
dire per i nervi motori volontari od involontari e per i
nervi sensitivi. Così un esercizio anche moderato tenderà ad agire sul cuore, e, in virtù del principio dell'associazione onde abbiam dato tanti esempi, potremo ritenere quasi sicuro che ogni sensazione od emozione, valgano il dolore od il furore, la quale abitualmente ha provocato atti muscolari, dovrà immediatamente influenzare
l'afflusso della forza nervosa verso del cuore, anche allorquando gli sforzi muscolari non sono necessari.
Il cuore, l'ho detto, sarà tanto più facilmente impressionato dalle associazioni abituali, inquantochè non è
sottomesso al controllo della volontà. L'uomo, moderatamente irritato od anche furioso, può comandare ai movimenti del proprio corpo, ma non impedire i rapidi battiti del cuore. Forse il petto si solleverà assai poco, le
narici tremeranno a pena, perocchè i movimenti della
respirazione non sono volontari che in parte. Parimenti,
i muscoli facciali, che obbediscono meno alla volontà
manifesteranno solo qualche volta una leggiera e momentanea emozione. Le glandule sono ancora affatto indipendenti dalla volontà, e l'uomo che soffre può comandare a' suoi atti, ma non può sempre impedire alle
lagrime di riempirgli gli occhi. Un uomo affamato, davanti ad un cibo appetitoso, non paleserà forse la fame
93
con alcun gesto, ma non saprà trattenere la secrezione
della saliva.
In un trasporto di gioia o di vivo piacere, si manifesta
una spiccatissima tendenza a diversi movimenti inutili
ed alla emissione di suoni variali. Gli è ciò che osserviamo nei fanciulli, quando ridono fragorosamente, battendo le mani e saltellando di gioia; gli è ciò che osserviamo negli scambietti e negli abbaiamenti di un cane che
il padrone sta per condurre al passeggio; nello impaziente scalpitar d'un cavallo che si vede aperto dinanzi lungo
tratto per correre. La gioia accelera la circolazione, che
stimola il cervello, e questo alla sua volta reagisce sull'economia intera. Tali movimenti senza scopo e questa
esagerata attività del cuore devono essere precipuamente attribuiti all'eccitazione del sensorio55, e, secondo l'os55 La potenza con cui la gioia eccita il cervello e questo reagisce sulla economia, si manifesta in modo notevole nei rari casi di
attossicazione psichica. Il dottore J. CRICHTON BROWNE (Medical Mirror, 1865) ricorda il fatto di un temperamento molto nervoso, il quale, apprendendo per un telegramma d'avere ereditata
una grande fortuna, impallidì sul principio, poi si mise a ridere e
divenne di una gaiezza irrequieta ed esaltata. Per tranquillizzarsi
andò al passeggio con un amico, ma i suoi passi erano vacillanti.
Sghignazzava, manifestando una grande irritabilità di carattere;
parlava incessantemente e cantava ad alta voce in mezzo alla via.
E si sapeva in modo positivo e sicuro che non aveva toccato alcun
liquore spiritoso, avvegnachè sembrasse ubbriaco; dopo un certo
tempo vomitò; esaminato il contenuto a metà digerito del suo stomaco, non s'ebbe a riconoscere il menomo odore alcolico. Infine
s'addormì d'un sonno grave, e svegliatosi, era quasi rimesso, ma
94
servazione di Herbert Spencer, all'afflusso eccessivo e
non diretto di forza nervosa che ne risulta. è degno di rimarco che questi strani ed inutili movimenti e questi
suoni diversi sono provocati dal pregustamento del piacere, non dal piacere medesimo. è quel che osserviamo
nei nostri fanciulli, quando aspettano qualche gran gioia
o qualche festa; così un cane che faccia dei lieti salti alla
vista d'un piatto pieno di cibo, quando il possiede, non
manifesta più la sua soddisfazione, con verun segno,
nemmeno dimenando la coda. Negli animali di ogni
specie, quasi tutti i piaceri, salvo il calore ed il riposo,
sono associati a dei movimenti, e lo furono da lungo
tempo, come si vede in una caccia o nella ricerca di una
preda, o nei loro amori. Ben più, il semplice esercizio
dei muscoli, dopo un prolungato riposo od una lunga reclusione, produce da se stesso un piacere, come sappiamo per nostra propria esperienza e come si constata nei
giovani animali, allorchè si trastullano. In virtù di quest'ultimo principio soltanto, si potea forse aspettarsi che
un vivo piacere potesse manifestarsi col mezzo di movimenti muscolari.
In tutti, o quasi tutti gli animali, negli uccelli medesimi, il terrore fa tremare il corpo. Impallidisce la pelle,
gronda il sudore ed il pelo si rizza. Le secrezioni del canale alimentare e dei reni sono aumentate, e, in seguito
al rilassamento dei muscoli sfinteri, involontariamente
espulse; gli è questo un fatto ben noto nell'uomo, e di
soffriva ancora mal di testa, nausee e gran debolezza.
95
cui ho visti esempi nel bue, nel cane, nel gatto e nella
scimia. La respirazione si accelera. Il cuore batte presto,
tumultuoso e con violenza. Ma si può dubitare se desso
perciò invii il sangue più efficacemente in tutto il corpo,
perocchè la superficie di questo sembra esangue ed il vigor muscolare fa difetto ben presto. In un cavallo spaventato, ho sentito traverso la sella i battiti del cuore
così distinti da poterli contare. Le facoltà intellettuali
sono profondamente turbate. Ben presto sopraggiunge
una gran prostrazione che va fino al deliquio. S'è visto
un canarino atterrito, non solo tremare e venir bianco attorno la base del becco, ma benanco svenire56, ed un
giorno io coglieva in una stanza un pettirosso, il quale
tramortì in maniera ch'io per un momento lo credetti
morto.
La maggior parte di questi sintomi sono probabilmente il risultato diretto dell'alterazione portata nello stato
del sensorio, indipendentemente da ogni influenza dell'abitudine; tuttavia è incerto se basti questa spiegazione
a renderne conto. Quando un animale è allarmato, resta
quasi sempre un momento immobile, per radunare le
sue sensazioni, riconoscere la sorgente del pericolo, e
qualche volta ancora per evitare di venire scoperto. Ma
ben tosto si mette a fuggir precipitoso, senza cercare di
risparmiar le sue forze per una lotta; continua così a correre fino a che dura il pericolo, fino a che viene trattenuto da una completa prostrazione, con arresto del circolo
56 Dottor DARWIN, Zoonomia, 1794, vol. I, p. 148.
96
e della respirazione, con un tremito generale di tutti i
muscoli e un abbondante sudore. Questo fatto sembra
autorizzarci a credere che il principio dell'associazione
abituale può spiegare in parte o almeno accrescere alcuni dei sintomi caratteristici del terrore indicati qui sopra.
L'uffizio importante che dovette disimpegnare il principio dell'associazione abituale nel conseguimento dei
movimenti espressivi delle diverse emozioni o sensazioni violente or passate in rivista, mi sembra ben dimostrato da due ordini distinti di considerazioni: prima
quella delle vive emozioni in cui la natura d'ordinario
non sollecita alcun movimento volontario per procurare
il sollievo o la soddisfazione che lor corrispondono; in
secondo luogo quell'altra del contrasto essenziale ch'esiste tra gli stati dell'animo distinti coi termini generali di
stati eccitanti e di stati deprimenti. Qual v'ha più potente
emozione dell'amore materno? E tuttavia questa profonda tenerezza di cui una madre attornia il suo debole figlio può non palesarsi con alcun segno esteriore, o solo
con leggiere carezze, accompagnate da un dolce sorriso
o da un tenero sguardo. Ma che si faccia volontariamente del male al bambino, e vedrete qual cangiamento nella madre! Ella si rizza minacciosa, le brillano gli occhi,
si colora nel volto, il suo seno si solleva, le narici dilatansi, le palpita il cuore. Le son codeste manifestazioni
non dell'amore materno, ma della collera, che ne è infatto la vera causa provocatrice. L'amore reciproco dei due
sessi non rassomiglia per nulla all'amore materno. Noi
lo sappiamo: quando due amanti si veggono, il loro cuo97
re batte rapidi colpi, la respirazione si accelera, il viso
arrossisce; gli è in fatto che quest'amore non è inattivo
come quel della madre per il suo figliuolo.
Un uomo può essere divorato da sospetti o da odio,
da invidia o da gelosia, senza che questi sentimenti provochino atto veruno, senza che si rivelino per alcun segno esteriore, benchè la loro durata sia in generale più o
men prolungata; tutto quello che si può dire si è che
quest'uomo non par certamente gaio, nè d'umore giocondo. Se avvenga che tali sentimenti diano luogo a segni esterni, gli è che vennero rimpiazzati dal furore, il
quale si palesa fin d'allora coi suoi soliti mezzi di
espressione. La pittura non rappresenta che difficilmente
il sospetto, la gelosia, l'invidia, ecc., a meno che non si
ricorra a degli accessorii i quali giovino a far comprendere la situazione. Per caratterizzare questi stessi principii, la poesia non sa trovare che qualificazioni vaghe e
fantastiche. Gli è così che si dice: «La gelosia dagli occhi fulvi». Spencer, descrivendo il sospetto, vi applica
gli epiteti seguenti: «Nero, spaventevole, raggrinzato,
dal guardo fosco ed obliquo, ecc.». Shakespeare, parlando dell'invidia, dice: «L'invidia dal viso scarno sotto la
sua orrida maschera», e in un altro punto: «Nessuna
nera invidia mi porterà alla tomba», ed altrove ancora:
«Fuori del cerchio minaccioso della pallida invidia».
Si distinsero spesso le emozioni e le sensazioni in due
categorie: quelle che eccitano, quelle che deprimono.
Quando tutte le funzioni del corpo e dell'animo, – movimento volontario ed involontario, percezione, sensazio98
ne, pensiero, ecc. – si compiono con una energia ed una
rapidità maggiore che non allo stato normale, puossi
dire dell'uomo o dell'animale ch'egli è eccitato; nel caso
contrario, ch'egli è depresso. Fra le emozioni eccitanti,
stanno in prima linea la collera e la gioia; esse provocano naturalmente, sovratutto la prima, energici movimenti che reagiscono sul cuore, e, per mezzo di questo, sovra il cervello. Un giorno un medico faceami osservare,
come prova della natura eccitante della collera, che talvolta si vede un uomo estenuato dalla fatica irritarsi di
offese immaginarie, col fine non conosciuto di rianimare le sue forze; ed io ebbi poi l'occasione di verificare la
perfetta esattezza di questa osservazione.
Molti altri stati dell'animo, che sembrano sul principio eccitanti, divengono ben tosto deprimenti al massimo grado. Osservate una madre, cui è appena morto improvvisamente il figliuolo; si può di certo considerarla
come in uno stato di eccitazione; osservatela; pazza di
dolore, correre a caso, strapparsi i capelli, stracciarsi le
vesti, torcer le mani. Quest'ultimo atto deriva forse dal
principio dell'antitesi, manifestando un intimo sentimento della sua fievolezza e della inanità d'ogni sforzo.
Quanto agli altri gesti disordinati, possono trovare spiegazione, parte nel sollievo cui procura l'azione muscolare in se stessa, parte nella influenza della forza nervosa
in eccesso e senza direzione, emanata dal sensorio sovraeccitato. Arroge che uno fra i primi pensieri che assai
comunemente si presentano al nostro spirito, in faccia
alla perdita impreveduta d'un essere che ci era caro, è
99
questo: si poteva fare qualche cosa di più per salvarlo.
Uno dei nostri romanzieri, osservatore eccellente57, descrivendo la condotta di una fanciulla, orba appena del
padre improvvisamente mancatole, così si esprime:
«Ella correva per la stanza come una pazza, torcendosi
le mani ed accusando se stessa: Sì, la è colpa mia; perchè l'ho io mai abbandonato? Se almeno l'avessi assistito!...» Sotto l'impero di tali pensieri, fortemente impressi nell'animo, deve prodursi, in virtù del principio del
l'associazione abituale, una spiccatissima tendenza ad
un'energica azione di natura qualunque.
Ma non appena nell'anima desolata s'è fatta l'intima
convinzione che non v'era ripiego veruno, questo dolore
frenetico dà luogo alla disperazione o ad una cupa tristezza. Allora si siede, immobili, o con una leggiera
oscillazione; si rallenta il circolo, la respirazione è quasi
insensibile, ed il petto manda profondi sospiri. Questo
novello stato reagisce sul cervello, e ben presto giunge
la prostrazione: i muscoli sono rilassati, le palpebre si
fanno pesanti. L'associazione abituale non provoca più
verun atto. Gli è allora che intervengono i nostri amici e
ci eccitano a compiere qualche volontario esercizio, in
luogo di assopirci in un dolore muto ed immobile. Questo esercizio stimola il cuore, che reagisce sopra il cervello, ed aiuta l'animo a sopportare il triste fardello,
onde è gravato.
57 Madama OLIPHANT, nel romanzo intitolalo Miss Majoribanks, p. 362.
100
Un vivo dolore apporta tosto una depressione od una
estrema prostrazione; peraltro lì sul principio agisce siccome stimolante ed eccita all'azione; ricorderò a questo
riguardo il noto effetto d'una scudisciata sopra un cavallo ed inoltre le orrende torture che in certi paesi stranieri
si fanno subire alle bestie da soma spossate, per isforzarle a compiere un nuovo lavoro. Lo spavento è, fra
tutte le emozioni, la più depressiva; esso produce rapidamente una completa prostrazione, che si prenderebbe
per una conseguenza di prolungati sforzi fatti allo scopo
di sfuggire al pericolo, e che infatti può riconoscere questa causa, abbenchè tali sforzi non sieno stati eseguiti
realmente. Tuttavia un estremo terrore agisce spesso in
sul principio come stimolante potente: tutti sanno che
l'uomo o l'animale spinto dallo spavento alla disperazione acquista una forza prodigiosa e diviene pericoloso al
massimo grado.
Riassumiamo e concludiamo. Nella determinazione
d'un gran numero di espressioni, egli è mestieri attribuire una somma influenza al principio d'una azione diretta
del sensorio sovra l'economia, azione unicamente dovuta alla costituzione del sistema nervoso, e fin dal principio indipendente dalla volontà. Il tremito dei muscoli, la
traspirazione della pelle, le modificazioni delle secrezioni del canale alimentare e delle glandule, che si manifestano sotto l'influenza di diverse emozioni o sensazioni,
ci fornirono esempi dell'applicazione di questo principio. Tuttavia i fenomeni di quest'ordine si combinano
spesso con altri fenomeni derivanti dal primo principio
101
che abbiamo stabilito e che richiamiamo: ogni atto il
quale frequentemente fu di una utilità diretta od indiretta
in alcune condizioni d'animo, per procurarsi certe sensazioni, soddisfare a certi desiderii, ecc., si compie ancora,
in analoghe circostanze, per effetto della sola abitudine,
anche quando è diventato inutile. Almeno in parte, noi
rinveniamo combinazioni di questo genere nei gesti frenetici che inspira il furore, nelle contorsioni provocate
da un'estrema sofferenza, e forse ancora nell'aumentata
attività del cuore e degli organi respiratorii. Allora quando queste emozioni o sensazioni, od altro che sieno, si
producono, anche ad un debolissimo grado, esiste ancora una tendenza a simili atti, dovuta alla forza dell'abitudine per lungo tempo associata, e fra questi atti, i meno
soggetti al controllo della volontà sono generalmente i
più duraturi. Nè ci sfugga di mente la parte che in certi
casi ha dovuto prendere anche il nostro secondo principio, quello dell'antitesi.
Spero di dimostrare nel seguito di quest'Opera che i
tre principii da noi successivamente studiati possono già
rendere conto di moltissimi movimenti espressivi; e ci è
permesso di credere che un giorno verrà, nel quale tutti
gli altri saranno alla lor volta spiegati con questi stessi
principii o con altri molto analoghi. Peraltro, e' fa mestieri di confessarlo, è spesso impossibile decidere qual
parte spetti, in ogni singolo caso, a tale o tal altro dei
nostri principii, e molti punti restano tuttavia inesplicati
nella teoria dell'Espressione.
102
CAPITOLO IV.
MEZZI D'ESPRESSIONE NEGLI ANIMALI
Emissione di suoni. – Suoni vocali. – Suoni prodotti da vari meccanismi. – Sollevamento delle appendici cutanee, peli, piume
ecc., sotto l'influenza del furore o dello spavento. – Rovesciamento all'indietro delle orecchie, quale disposizione alla lotta o
come segno di collera. – Raddrizzamento delle orecchie ed
elevazione del capo in segno di attenzione.
I due capitoli che seguono saranno consacrati alla descrizione dei movimenti espressivi che manifestano alcuni noti animali, sotto l'influenza dei diversi stati dell'animo loro; io m'atterrò a quei dettagli che mi parranno
strettamente necessari per mettere in chiaro questa parte
del mio argomento. E, ad evitare inutili ripetizioni, prima di passare in rivista questi vari animali in un ordine
logico, fa mestieri di studiare fin d'ora certi mezzi d'espressione che sono comuni alla maggior parte fra loro.
Emissione di suoni. – In un gran numero di specie
animali, e particolarmente nella specie umana, gli organi
vocali costituiscono un mezzo d'espressione d'incomparabile valore. Vedemmo in uno dei precedenti capitoli
che, quando una intensa eccitazione agisce sopra il sen103
sorio, i muscoli di tutto il corpo vengono energicamente
contratti. Allora, per quanto muto sia d'ordinario l'animale, lascia sfuggire grida violente, e ciò anche allora
che queste grida non possono riescirgli di utilità veruna.
Così il lepre e il coniglio non si servono mai, ch'io mi
sappia, dei loro organi vocali, se non vi sono spinti dal
dolore; il lepre, ad esempio, quando, di già ferito, vien
preso dal cacciatore, ed il coniglio allorchè cade fra gli
artigli del furetto. I cavalli ed i buoi sopportano il dolore
in silenzio; tuttavia, se oltrepassa certi limiti e diviene
eccessivo, e sopratutto se s'associa al terrore, mandano
spaventevoli grida. Nei Pampas, io ho spesso riconosciuto di lontano l'ultimo muggito dei tori agonizzanti
presi al laccio ed ai quali si tagliavano i tendini del garretto. Si dice che i cavalli assaliti dai lupi mandino grida
d'angoscia facilmente riconoscibili.
Egli è possibile che l'emissione dei suoni vocali non
sia stata in principio che una involontaria ed inutile conseguenza delle contrazioni dei muscoli toracici e laringei, provocata dal dolore o dalla paura. Nullameno è un
fatto che presentemente molti animali fanno uso della
voce con iscopi ragionati e diversi, ed anche in alcune
circostanze nelle quali sembra che l'abitudine abbia la
prima parte. Gli animali che vivono in truppe e nei quali
la voce costituisce un mezzo di reciproca comunicazione frequentemente impiegato, ne fanno uso in qualunque occasione, più volentieri di quelli che hanno differenti costumi. La precedente osservazione fatta da parecchi naturalisti è, io credo, perfettamente giusta. Con104
tuttociò questa regola soffre spiccatissime eccezioni; ad
esempio, nei conigli. Anche il principio dell'associazione, tanto fecondo, tanto lato nelle sue conseguenze, dovette senza alcun dubbio esercitare la sua parte di influenza. In virtù di questo principio, la voce, impiegata
dapprima siccome un utile soccorso in diverse circostanze che eccitano nell'animale impressioni di piacere,
di dolore, di rabbia, ecc. divenne più tardi di uso abituale, tutte le volte che queste stesse sensazioni od emozioni si sono riprodotte, sia ad un grado minore, sia in condizioni interamente diverse.
Presso un gran numero di specie, durante la stagione
degli amori, i sessi si chiamano continuamente l'un l'altro; nè avviene di rado che il maschio cerchi anche di allettare o di eccitare la femmina. Pertanto sembra essere
stato questo il primitivo uso della voce e l'origine del
suo sviluppo, siccome ho tentato di dimostrare nella mia
Origine dell'Uomo; l'impiego degli organi vocali sarebbe dunque stato sul principio associato al preludio del
piacere più vivo che l'individuo sappia sentire. Gli animali che vivono in società si chiamano di sovente l'un
l'altro allorchè son separati, e provano palesemente gran
gioia a ritrovarsi insieme; osservate ad esempio un cavallo nel punto in cui lo rendete al compagno ch'ei richiamava nitrendo. La madre non cessa di chiamare i
suoi figli che ella ha perduto; così una vacca mugghia
lontana dal proprio vitello. Di riscontro i piccoli di molti
animali chiamano la madre. Quando un branco di montoni è disperso, si sentono a belare continuamente le pe105
core per riunire gli agnelli, e puossi osservare con qual
piacere si ritrovano. Guai a quell'uomo che s'avventuri
in mezzo ai piccoli dei quadrupedi selvaggi di grande
statura, se questi giungono a sentire un grido d'angoscia
della loro progenie! Il furore mette violentemente in
azione i muscoli tutti, compresi quei della voce; così
veggonsi parecchi animali, sotto l'impero di questo sentimento, emettere suoni che si sforzano di rendere forti e
rauchi, certo per far tremare di paura il nemico; così fa il
leone co' propri ruggiti, il cane co' suoi urli, ecc. Nel
tempo stesso il leone raddrizza la criniera, il cane rabbuffa il pelo del dorso; per tal modo si gonfiano ed assumono l'apparenza più formidabile che per loro si possa.
I maschi rivali si sfidano, si provocano colla voce e
s'impegnano ancora in lotte sanguinose, talvolta mortali.
Gli è a questo modo che l'uso della voce dovette associarsi all'emozione della collera e divenire un modo generale di espressione di questo sentimento, sia qualunque la causa che possa eccitarlo. D'altra parte, abbiamo
già veduto che un vivo dolore provoca pure grida violente, le quali da se stesse arrecano una specie di sollievo; è così che l'uso della voce dovette associarsi anche
al dolore, di qualunque natura questo essere possa.
Perchè le varie emozioni e sensazioni provocano l'emissione di suoni estremamente diversi? Rispondere a
tale questione è assai difficile. Questa regola d'altra parte è lungi dall'esser costante; nel cane, ad esempio, l'abbaiamento della collera e quel della gioia differiscono
assai poco, benchè sia possibile distinguere l'uno dall'al106
tro. Probabilmente non si darà mai una spiegazione
completa alla causa o all'origine di ciascun suono particolare ad ogni stato dell'animo. Certi animali, come sappiamo, passando allo stato di domesticità, hanno assunta
l'abitudine di emettere alcuni suoni, che non erano loro
naturali58. Così pure i cani domestici, e talvolta ancora
gli sciacalli addimesticati hanno appreso ad abbaiare; in
fatti l'abbaiamento non esiste in alcuna specie del genere, se non v'ha, come dicesi, nel Canis latrans dell'America settentrionale. Si videro eziandio certe razze di colombi imparare a tubare in una maniera nuova e tutt'affatto particolare.
Nella sua interessante opera sopra la musica, Herbert
Spencer59 studiò i caratteri che assume la voce umana
sotto l'influenza delle varie emozioni. Egli ha chiaramente dimostrato che la voce si modifica assai, secondo
le circostanze, sotto i diversi rapporti della forza e della
qualità, vale a dire dell'intensità e del timbro, come anche dell'altezza e della estensione. Ascoltate un oratore
od un predicatore eloquente, ascoltate un uomo che parla con collera o che esprime una viva sorpresa, e voi sarete certamente colpiti dalla verità dell'osservazione di
Spencer. è curioso a vedere come l'intonazione della
voce divenga espressiva fino dall'infanzia. In un mio fi58 V. la dimostrazione di questo fatto nella Variazione degli
animali e delle piante allo stato domestico, trad. ital. di G. CANESTRINI, p. 24. Sul tubare dei colombi, p. 135, 136, 141, 157.
59 Essays Scientific, Political, and Speculative, 1858. The origine and Function of Music, p. 359.
107
gliuolo, quando non avea ancor compiti i due anni, io
sapeva distinguere nettamente l'affermativa sfumatura
colla quale ei rendeva enfatico l'assenso, dalla specie di
pianto ch'esprimeva un ostinato rifiuto. H. Spencer dimostrò inoltre, che il linguaggio passionato ha intimi
rapporti, sotto tutti i punti di vista da me ora indicati,
colla musica vocale, e per conseguenza colla musica
istrumentale; e si sforzò di spiegare le qualità rispettive
che le caratterizzano con ragioni fisiologiche, cioè «con
questa legge generale che ogni sentimento è uno stimolo
imitatore di un'azione muscolare». Si può ammettere di
certo che la voce obbedisca a questa legge; nullameno
codesta spiegazione mi sembra troppo generale e troppo
vaga per poter gettare molta luce sulle differenze esistenti tra il linguaggio ordinario ed il passionato od il
canto; essa non ispiega che la forza maggiore di quest'ultimo.
La precedente osservazione rimane vera, qualunque
sia l'opinione che si vuol adottare; tanto che le diverse
qualità della voce abbiano avuta l'origine parlando sotto
l'eccitazione di violenti sentimenti e siensi ulteriormente
trasmesse alla musica vocale; quanto (com'è mio parere)
che sul principio abbia preso sviluppo l'abitudine di
emettere suoni musicali, come mezzo di seduzione, negli antichi progenitori dell'uomo, e siasi associato così
alle più energiche emozioni che risentire si possano,
cioè all'amore, alla rivalità, alla vittoria. è un fatto ben
conosciuto che alcuni animali emettono suoni musicali:
il canto degli uccelli è un esempio comune e famigliare.
108
Cosa più rimarchevole: una scimia, un gibbone, cantò
un'ottava completa di note musicali, montando e scendendo la scala per mezzi tuoni; così può dirsi di lui che
«solo fra tutti gli animali mammiferi, ei canta»60. Questo
fatto e l'analogia m'indussero a credere che gli antenati
dell'uomo abbiano cominciato ad emettere suoni musicali, prima d'acquistare la facoltà di articolare il linguaggio, donde concludo che, allorquando la voce umana
vien messa in gioco da qualche violenta emozione, essa,
in virtù del principio dell'associazione, dee tendere a rivestire un carattere musicale. Negli animali, si può perfettamente comprendere che i maschi usino la voce per
piacere alle femmine e che trovino pur essi diletto nei
loro esercizi di musica; ma, sino al presente, è impossibile spiegare perchè producano certi suoni determinati, e
donde venga la soddisfazione che ne ritraggono.
Nè havvi dubbio che l'altezza della voce stia in rapporto con certi stati dell'animo. Una persona che si lamenta pian piano d'un cattivo trattamento o d'una leggera indisposizione, parla quasi sempre con un tuono elevato. Quando un cane è un po' impaziente, manda spesso per le narici una specie di sibilo acuto, che colpisce
60 L'Origine dell'Uomo, trad. italiana di M. LESSONA, pag.
533. Le parole citate sono del professore Owen. Fu recentemente
dimostrato che certi quadrupedi, fra i rosicanti, i quali nella scala
zoologica occupano un posto inferiore alle scimie, sono capaci di
produrre suoni musicali definitivi. Veggasi la storia di un Hesperomy cantore, del rev. S. LOCKWOOD, nell'American naturalist,
vol. V, dicembre 1874, pag. 761.
109
immediatamente come fosse lamento61; ma quanto riesce difficil cosa sapere se questo suono è in vero essenzialmente gemebondo, o se solo par tale a noi, perchè
l'esperienza ce n'apprese il significato! Rengger constatò62 che le scimmie (Cebus Azarae) da lui possedute al
Paraguay esprimevano: lo stupore con uno strepito che
stava tra il fischio ed il grugnito; la collera o l'impazienza ripetendo il loro hou-hou sovra un tono più basso, simile al grugnire; infine la paura o il dolore per mezzo di
penetranti grida. D'altra parte, nella specie umana, l'angoscia del dolore è pur espressa da sordi gemiti e da
acute grida. Il riso è ora alto, ora basso; così, secondo
un'antica osservazione dovuta ad Haller63, nell'uomo
adulto, il suono del riso partecipa dei caratteri delle vocali O ed A (pronunciate alla tedesca); nel fanciullo e
nella donna al contrario, ricorda piuttosto le vocali E ed
I, che, come fu dimostrato da Helmholtz, sono più alte
delle precedenti; malgrado questa differenza, esso esprime bene, tanto nell'uno che nell'altro caso, la gioia od il
divertimento.
Studiando la maniera con cui le emissioni vocali
esprimono i sentimenti, noi siamo naturalmente condotti
a ricercare la causa di ciò che in musica si chiama
espressione. Intorno a questo argomento, Litchfield, che
61 Nel suo studio sopra questa quistione, M. TYLOR accenna
a questo lamento del cane (Primitive culture, 1871, vol. I, p. 166).
62 Naturgeschichte der Saügethiere von Paraguay, 1830, p.
46.
63 Citato da GRATIOLET, De la Physionomie, 1865, p. 115.
110
per lungo tempo occupossi di quistioni musicali, ebbe la
cortesia di comunicarmi le osservazioni seguenti: «La
natura dell'espressione musicale è un problema a cui si
rannoda gran numero di oscure questioni, le quali, per
quanto io mi sappia, costituiscono, fino al presente, altrettanti enigmi indisciolti. Tuttavia, ogni legge che conviene all'espressione delle emozioni col mezzo di suoni
semplici deve, sino a un certo punto, applicarsi al modo
d'espressione più sviluppato del canto, potendo essere
questo considerato quale tipo primitivo di ogni musica.
Una gran parte dell'effetto di un canto sull'anima dipende dal carattere dell'azione coll'aiuto della quale si producono i suoni. Nelle canzoni, ad esempio, ch'esprimono una veemente passione, l'effetto dipende spesso sopra tutto dalla viva emissione d'uno o due passi caratteristici, i quali richiedono un vigoroso esercizio della forza vocale; e s'ebbe ad osservare di sovente che un canto
di questo carattere manca d'effetto, quando venga eseguito bensì da una voce d'una forza e d'una estensione
sufficiente per poter dare senza sforzo questi passi caratteristici, ma fu compiuto con poca fatica. Tale è senza
alcun dubbio il secreto della diminuzione di effetto che
produce sì spesso la trasposizione di un canto da un tuono ad un altro. Or dunque si vede che l'effetto non dipende solo dai suoni medesimi, ma dalla natura dell'azione che li produce. Ogni volta che noi sentiamo che
l'espressione d'una melodia risulta dalla rapidità e dalla
lentezza del suo movimento, dalla dolcezza o dall'energia di lei, e via così, egli è evidente che noi interpretia111
mo realmente le azioni muscolari che producono il suono, come in generale interpretiamo l'azione muscolare.
Peraltro codeste considerazioni non bastano a spiegare
l'effetto più sottile e più specifico che chiamiamo
espressione musicale del canto, il piacere arrecato dalla
sua melodia, od anche dai suoni separati, il complesso
dei quali costituisce questa melodia. Ecco un effetto indefinibile, cui nessuno, ch'io sappia, è giunto ad analizzare, e che le ingegnose speculazioni di Herbert Spencer
sull'origine della musica lasciano interamente inesplicato. In fatti egli è certo che l'effetto melodioso di una serie di suoni non dipende per nulla dalla loro forza o dalla loro dolcezza, nè dalla loro altezza assoluta. Un'aria
cantata resta sempre la stessa, sia che venga eseguita
forte o piano, dalla voce di un uomo o da quella di un
fanciullo, da un flauto o da un trombone. L'effetto puramente musicale d'un suono qualunque dipende dal posto
occupato da lui in ciò che tecnicamente si chiama una
scala, chè un medesimo suono produce all'orecchio effetti completamente diversi, secondo ch'ei giunge associato con una o con quest'altra serie di suoni.
«Gli è dunque da quest'associazione relativa dei suoni
che dipendono tutti gli effetti essenzialmente caratteristici riassunti col motto: espressione musicale. Ma perchè certe associazioni di suoni hanno i tali o i tal altri effetti? Gli è codesto un problema non ancora risolto. A
dir vero, questi effetti devono in un modo o nell'altro
trovarsi in rapporto colle note relazioni aritmetiche esistenti tra i numeri delle vibrazioni dei suoni che costitui112
scono una scala musicale. è possibile, ma è tuttora un'ipotesi, che la facilità meccanica più o meno grande colla
quale lo apparecchio vibrante della laringe umana passa
da uno stato di vibrazione ad un altro, sia stata primitivamente la causa per cui le differenti serie dei suoni
produssero un piacere più o meno grande.
Lasciando da banda queste complesse quistioni e non
occupandoci che dei più semplici suoni, noi possiamo
riconoscere almeno alcune fra le ragioni dell'associazione di certi generi di suoni con certi stati dell'animo. Un
grido, ad esempio, mandato da un giovane animale o da
un membro d'una società, per chiamare al soccorso, sarà
naturalmente forte, prolungato ed acuto, affinchè possa
essere inteso lontano. Infatti, in seguito alle dimensioni
della interna cavità dell'orecchio e del potere di risonanza che ne risulta, le note elevate producono nell'uomo,
siccome l'ha dimostrato Helmholtz64, una impressione
particolarmente violenta. Un animale maschio che voglia piacere alla sua femmina impiegherà naturalmente i
suoni che riescono graditi all'orecchio della propria specie; contuttociò ei pare che i medesimi suoni piacciano
spesso ad animali assai differenti, grazie alla rassomiglianza del loro sistema nervoso; gli è ciò che constatiamo su noi stessi ascoltando con diletto il garrir degli uccelli ed anche il canto di certe ranocchie. Al contrario, i
64 Théorie physiologique de la musique, Paris 1868, p. 146. In
questo erudito lavoro Helmholtz ha eziandio completamente studiate le relazioni esistenti tra la forma della cavità boccale e la
produzione delle diverse vocali.
113
suoni destinati a spaventare un nemico, saranno naturalmente rauchi e disaggradevoli.
Se il principio dell'antitesi abbia avuto un uffizio nello sviluppo dei suoni, come forse poteva attendersi, è
cosa assai dubbia. I suoni tronchi del riso, emessi dall'uomo e da parecchie specie di scimie, per palesare il
piacere, sono immensamente diversi dai gridi prolungati
coi quali è espresso il dolore. Il sordo grugnito di soddisfazione del porco, allorquando è ripieno, non rassomiglia per nulla allo stridulo grido ch'ei manda sotto l'influenza del dolore o dello spavento. Nel cane, al contrario, come ho già fatto notare, l'abbaiamento della collera
e quello della gioia nulla hanno di opposto fra loro; ed è
così in molti altri casi.
Ecco ancora un punto oscuro, se cioè i suoni prodotti
sotto l'influenza di parecchi stati dell'animo, determinano la forma della bocca, o se invece sia la forma della
bocca che, determinata da cause indipendenti, agisce su
questi suoni e li modifica. Un bambino che piange apre
largamente la bocca, il che è evidentemente necessario
per la emissione di un suono voluminoso; ma nello stesso tempo l'orificio boccale prende una forma quasi quadrangolare, in seguito ad una causa affatto distinta, la
quale, come vedremo più avanti, consiste nell'energico
rinserrar delle palpebre e nella elevazione del labbro superiore, che n'è la conseguenza. Fino a qual punto questa forma quadrata della bocca modifica il suono espressivo del pianto? Egli è ciò che io non saprei dire; solo
sappiamo, grazie ai lavori di Helmholtz e di parecchi al114
tri osservatori, che la forma della cavità boccale e quella
delle labbra determinano la natura e l'altezza dei suoni
vocali che vengono prodotti.
Vedremo eziandio in uno dei seguenti capitoli, che
sotto l'influenza del disprezzo e del disgusto, esiste una
tendenza, d'inesplicabile causa, a soffiar per la bocca o
per le narici ed a produrre così un suono analogo a puh
o pish. Ch'ei v'avvenga d'esser ad un tratto arrestato od
improvvisamente sbigottito, ed avrete ben tosto una disposizione a spalancare la bocca come ad eseguire una
rapida e profonda inspirazione, senza dubbio perchè eravate disposto a prolungar l'esercizio che eseguivate. Durante la profonda espirazione che sussegue, la bocca si
chiude leggermente e le labbra si protendono un poco,
per ragioni che saranno studiate più tardi; questa forma
della bocca, secondo Helmholtz, corrisponde al suono
della vocale o. È certo che una calca di gente lascia in
fatto sfuggire un oh prolungato, assistendo a maraviglioso spettacolo. Se il dolore si mesce alla sorpresa, producesi una tendenza a contrarre tutti i muscoli del corpo,
compresi quei della faccia, e le labbra si portano indietro; ciò spiega forse perchè il suono diventa allora più
elevato e prende il carattere di ah o ach. La paura, che
fa tremar tutti i muscoli, produce naturalmente un tremito nella voce; questa diviene nello stesso tempo rauca,
in seguito all'aridità della bocca, che arresta la funzione
delle glandule salivali. Non puossi spiegare perchè il rider dell'uomo e della scimia sia un suono rapidamente
troncato. Gli angoli della bocca sono allora tesi in alto e
115
all'indietro, il che l'allunga trasversalmente; noi tenteremo più avanti di renderci ragione di questo fatto. Tuttavia la questione delle differenze dei suoni che si producono sotto l'influenza dei vari stati dell'animo è nel suo
complesso oscura così, che è molto s'io l'ho potuta rischiarare d'una pallida luce, nè saprei dissimularmi il
fiacco valore delle osservazioni raccolte.
Tutti i suoni onde tenni parola fin qui dipendono dagli organi respiratorii, ma ve n'hanno
certuni, il cui meccanismo è affatto diverso e che valgono
eziandio come mezzi di espressione. I conigli si avvertono reciprocamente per mezzo del rumore che fanno battendo il
Fig. 11 – Spine sonore
suolo coi piedi; un uomo che
della coda dell'istrice.
sappia esattamente imitarlo, se
la sera è tranquilla, può sentire
i conigli a rispondergli da parecchie bande. Questi animali, e con essi molti altri ancora, battono pure la terra
quando si fanno montar in collera. In questa stessa condizione d'animo, gl'istrici fanno risuonare le loro spine e
scuotono strepitosamente la coda: n'ebbi a veder uno a
comportarsi in tal guisa, allorchè s'introduceva nella
gabbia di lui un serpente vivo. Le spine della coda sono
assai diverse da quelle del corpo: corte, incavate, sottili
come penne d'oca; la loro estremità è tagliata trasversalmente ed aperta e stanno appese con un lungo pedicello,
116
delicato ed elastico. Quando l'animale scuote rapidamente la coda, le spine si urtano producendo un suono
particolare e continuo. Fui testimonio di questo fatto
alla presenza di Bartlett. Mi sembra possibile concepire
in qual modo l'istrice, in seguito ad una modificazione
delle sue punte protettrici, sia stato munito di questo apparecchio sonoro veramente singolare. Esso è infatti un
animale notturno: ora se nelle tenebre ei venga a fiutare
od a sentire un nemico che sia alla caccia, sarà certamente un bene prezioso per esso poter fargli capire con
cui ha da fare ed avvertirlo ch'egli è armato di formidabili punte. Può così evitare un attacco. Arrogi poi ch'esso conosce così la potenza delle sue armi che, quando
viene irritato, fa l'attacco a ritroso colle punte rizzate,
avvegnachè alquanto inclinate all'indietro.
Moltissimi uccelli producono nella stagione degli
amori suoni variati coll'aiuto di penne che offrono una
speciale disposizione. La cicogna, provocata, fa sentire
un rumoroso stridore col becco. Alcuni serpenti fanno
uno strepito come della coda dell'istrice di confricazione
o di raschiamento. Molti insetti ronzano strofinando fra
loro parti specialmente modificate dell'integumento corneo che li riveste. Codesto ronzìo è in generale impiegato siccome un richiamo o quale mezzo di seduzione fra i
sessi, ma serve ancora alla espressione di differenti
emozioni65. Tutti coloro che studiarono le api, sanno che
65 Ho dato alcuni dettagli intorno a questo argomento nella
mia Origine dell'Uomo, traduzione italiana di LESSONA, pag.
298, 529.
117
il loro ronzìo muta carattere quando sono irritate, il che
può metterci in guardia contro il pericolo di venir punti.
Alcuni autori hanno insistito così sugli organi respiratorii considerati quali mezzi speciali di espressione, ch'io
credetti di dover fare queste poche osservazioni per mostrare che suoni prodotti da altri meccanismi servono
pure al medesimo oggetto.
Erezione delle appendici cutanee. – Forse niun altro
movimento espressivo è così generale quanto la erezione involontaria dei peli, delle penne e delle altre appendici cutanee; essa è infatti comune a tre delle grandi
classi di vertebrati. Tali appendici si erigono sotto l'influenza della collera o dello spavento, e più specialmente allorquando queste emozioni sono fra loro associate o
si succedono. Codesta azione serve d'altra parte a dare
all'animale un'apparenza più imponente e più terribile in
faccia ai nemici od ai rivali; essa è generalmente accompagnata da parecchi movimenti volontari che tendono al
medesimo scopo, e dall'emissione di suoni selvaggi.
Bartlett, tanto perfetto conoscitore degli animali di ogni
specie, non mette dubbio veruno sulla verità di questa
interpretazione; ma è tutt'altra questione sapere se la
proprietà di tal genere di erezione sia stata primitivamente acquistata con un fine speciale.
Comincierò dal richiamare i fatti che, in numero considerevole, dimostrano come questo fenomeno sia generale nei mammiferi, negli uccelli e nei rettili; ciò che riguarda all'uomo sarà riservato ad un ulteriore capitolo.
Il sig. Sutton, intelligente guardiano del Giardino zoolo118
gico, avendo, dietro mia inchiesta, osservato con cura il
chimpanzè e l'orang, constatò che il pelo di questi animali si erige ogni volta che sono bruscamente spaventati, come ad un colpo di fulmine, od irritati, per esempio
aizzandoli. Ho veduto io stesso un chimpanzè in apprensione per l'insolito aspetto d'un carbonaio dal volto annerito; il suo pelo era dovunque rizzato; egli faceva piccoli movimenti in avanti, come per piombare su quest'uomo, senz'alcuna intenzione di farlo, ma, diceva il
suo guardiano, nella speranza di spaventarlo. Secondo
Ford66, quando il gorilla è infuriato, drizza la sua cresta
di peli e la spinge in avanti; gli si dilatano le nari, il labbro inferiore si abbassa. Nello stesso tempo manda il
suo urlo caratteristico, probabilmente allo scopo di mettere spavento al nemico». Nel babbuino Anubis ho visto
prodursi l'orripilazione, sotto l'influenza della collera,
dal collo ai lombi, ma non sovra il dorso nè sulle altre
parti del corpo. Avendo un dì messo un serpente impagliato nella gabbia delle scimie, vidi il pelo rizzarsi
istantaneamente sovra un gran numero d'individui appartenenti a specie diverse; la coda sovratutto era la
sede del fenomeno, ed io ne feci particolarmente l'osservazione sul Cercopithecus nictitans. Brehm constatò che
il Midas oedipus (che appartiene alla famiglia delle scimie americane) solleva la criniera quando viene provocato, «per darsi, aggiunge quest'osservatore, l'aspetto
66 Citato da HUXLEY, nel suo lavoro intitolato Evidence as
to Man's Place in Nature, 1863, p. 52.
119
più spaventevole che per lui si possa»67.
Nei Carnivori, l'erezione dei peli sembra essere un carattere quasi universale; essa s'accompagna di spesso a
movimenti minacciosi; l'animale mostra i denti e manda
selvaggi brontolii. Ho osservato questa erezione nella
Mangusta su tutto il corpo, compresa la coda. Nella iena
e nel Proteles la cresta dorsale si rizza in modo notevole. Il leone in furore rizza la criniera. Tutti osservarono
erigersi il pelo, nel cane, sul collo e sul dorso; nel gatto,
su tutto il corpo e particolarmente sulla coda. In quest'ultima specie, pare che il solo spavento dia luogo al
fenomeno in discorso; ma non, com'io potei osservare,
per effetto di quell'umile timore che, ad esempio, sente
un cane quando un guarda-caccia irritato gli si avvicina
per infliggergli una punizione. Secondo un'osservazione
ond'ebbi sovente a verificare la giustezza, la circostanza
più favorevole all'orripilazione, nel cane, è questo stato
intermedio fra la collera e lo spavento, nel quale ei si
trova, ad esempio, quando fissa un oggetto che nelle tenebre vede solo imperfetto.
Un veterinario m'assicurò di aver visto di spesso rizzarsi il pelo nei cavalli e ne' buoi che avevano già subito
delle operazioni e sui quali passava a praticarne di nuove. Avendo mostrato un serpente impagliato ad un pecarì, vidi il pelo rizzarglisi lungo la schiena in modo sorprendente: simile fatto si osserva nel verro quando è in
furore. Agli Stati Uniti, un alce diè una mortale cornata
67 Illust. Thierleben, 1864, vol. I, p. 130.
120
ad un uomo; ei brandì dapprima le corna, belando rabbiosamente e battendo il suolo coi piedi; quindi si vide
«rizzarglisi il pelo», infine si precipitò in avanti per attaccare68. Simile orripilazione si produce nelle capre, e,
in base a quello che sentii riferire da Blyth, in certe antilopi delle Indie. Ho constatato lo stesso fenomeno nel
velloso formichiere e nell'Aguti, fra i rosicanti. Un pipistrello femmina, che allevava i suoi piccoli entro una
gabbia, «erigeva la pelle del dorso quando vi si guardava, e mordeva le dita che gli si presentavano»69.
Fig. 12 – Chioccia che protegge i propri pulcini contro di un cane.
Dal vero di Wood.
68 J. CATON, Accademia delle scienze naturali di Ottawa,
maggio 1868, p. 36-40. – Sulla Capra aegagrus veggasi Land
and Water, 1867, p. 37.
69 Land and Water, 20 luglio 1867, p. 659.
121
Fig. 13 – Cigno che respinge un importuno.
Dal vero, di Wood.
Gli uccelli appartenenti a tutte le grandi specie erigono le penne quando sono irritati o sgomenti. Ciascuno
ebbe a vedere due galli, fino dalla più tenera età, prepararsi a piombar addosso l'un all'altro, col collo sollevato;
l'erezione di queste penne non è tuttavia per loro un
mezzo di difesa, perocchè l'esperienza provò agli amatori dei combattimenti di galli che torna meglio tagliarle.
Il Machetes pugnax maschio, quando si batte, rizza pure
il suo collare di penne. Allorchè un cane s'avvicina ad
una delle nostre chioccie seguìta da' suoi pulcini, ella
stende le ali, spiega la coda, erige tutte le penne, ed assumendo l'aspetto più fiero, si precipita sull'importuno.
La coda non è sempre esattamente nella posizione medesima; talvolta mostrasi eretta così, che le penne cen122
trali quasi toccano il dorso, come nella figura 12. Un cigno irritato solleva nella stessa guisa le ali e la coda e
rizza le penne; apre il becco e nuotando fa dei piccoli
balzi aggressivi verso chi s'appressa di troppo alla sponda (Fig. 13). Alcuni uccelli dei tropici, quando si va a
disturbarli nei loro nidi, non volano via, ma dicesi «che
si contentano di rizzare le penne mandando delle
grida»70. Quando ci appressiamo ad un gufo (Strix flammea), «gonfia istantaneamente le piume, stende le ali e
la coda, fischia e fa crocchiare il suo becco con forza e
rapidità»71. Altre specie di barbagianni fanno egualmente. Dalle informazioni fornitemi dal signor Jenner Weir,
anche il falco, in simili circostanze, rizza le penne e distende le ali e la coda. Alcune specie di pappagalli erigono le piume; io ho veduto nella stessa maniera un casoario, spaventato alla vista di un formichiere. I giovani
cuculi, nel nido, rizzano le piume, spalancano il becco e
si mostrano più spaventevoli che per loro si possa.
Mi riferì il Weir, che certi piccoli uccelli, come alcuni
fringuelli, cingallegre e capinere, quando sono irritati,
erigono tutte le piume, o solamente quelle del collo, oppure stendono le ali e le penne caudali. In questo stato,
si slanciano l'uno contro l'altro, col becco aperto ed in
atto minaccioso. Il signor Weir, colla sua grande esperienza, conclude che l'erezione delle penne viene provo70 Phaeton rubricauda: Ibis, vol. III, 1861, p. 180.
71 Sulla Strix flammea vedi AUDUBON, Ornithological Biography, 1864, vol. II, p. 407. Al Giardino zoologico ebbi ad osservare altri simili casi.
123
cata molto più dalla collera che dal terrore. Ei cita l'esempio d'un cardellino meticcio, dall'umore irascibilissimo, che, avvicinato di troppo da un domestico, prendeva istantaneamente l'apparenza di una palla di piume
erette. Ei pensa che, in tesi generale, gli uccelli, sotto
l'influenza dello spavento, rinserrino strettamente tutte
le penne: la diminuzione di volume che ne risulta è
spesso maravigliosa. Appena rimessi dalla paura o dalla
sorpresa, per primo scuotono le piume. Gli è nella quaglia ed in certi pappagalli72 che il Weir trovò gli esempi
migliori di questo ravvicinamento delle penne e di tale
apparente diminuzione del corpo, sotto l'azione dello
spavento. Codesta abitudine si comprende in tali uccelli,
perocchè essi, in faccia ad un pericolo, sono abituati a
rannicchiarsi sul suolo od a starsene immobili sovra di
un ramo per non essere scoperti. Sebbene negli uccelli
la collera sia la principale e più comune causa dell'erezione delle penne; tuttavia è probabile che i giovani cuculi, allorchè sieno visti nel loro nido, e la gallina coi
suoi pulcini, quando sia avvicinata da un cane, sentano
almeno un po' di terrore. Il Tegetmeier mi dice che, nelle lotte dei galli, l'erezione delle piume della testa, sul
campo di battaglia, sia riguardata da lungo tempo come
un segno sicuro di codardia.
I maschi di alcuni Sauriani, quando si battono fra loro
nell'epoca degli amori, dilatano il gozzo o sacco larin72 Melopsittacus undulatus. Veggasi la descrizione dei suoi
costumi, data da GOULD, Handbook of Birds of Australia, 1865,
vol. II, p. 82.
124
geo ed erigono la cresta dorsale73. Tuttavia il dott. Günther ritiene che non possano rizzare isolatamente le loro
spine o scaglie.
Gli esempi citati mostrano che la erezione delle appendici cutanee, sotto la influenza della collera e dello
spavento, è generale nei Vertebrati delle due prime classi, ed anche in alcuni Rettili. Il meccanismo di codesto
fenomeno ci fu rivelato da un'interessante scoperta dovuta al signor Kölliker, quella dei piccoli muscoli lisci,
involontari, che s'attaccano ai follicoli dei peli, delle
penne, ecc., e che spesso vengono distinti col nome di
muscoli arrectores pili74. Per la contrazione di questi
muscoli, i peli, nello stesso tempo che sono tratti un po'
fuori del loro follicolo, possono istantaneamente rizzarsi, come vediamo nel cane; e subito dopo si abbassano.
Il numero di questi piccoli muscoli esistenti su tutto il
corpo di un quadrupede coperto di pelo è veramente
prodigioso. In certi casi, alla loro azione s'aggiunge
quella delle fibre striate e volontarie del pannicolo carnoso sottogiacente: ad esempio, nell'uomo, quando gli si
rizzano i capelli sul capo. Così, per la contrazione di
quest'ultimo strato muscolare, anche il riccio solleva le
73 Veggasi ad esempio la relazione ch'io diedi (Origine dell'Uomo, trad. ital di M. LESSONA, p. 325) in argomento di un
Anolis e d'un Draco.
74 Questi muscoli sono descritti nelle celebri opere di Kölliker. Devo rendere grazie a questo distinto osservatore per le spiegazioni che a mezzo di lettera volle fornirmi sull'argomento.
125
sue spine. Inoltre, dalle ricerche di Leydig75, e di altri
osservatori, risulta che da questo pannicolo ad alcuni dei
peli più grandi, per esempio ai vibrissi di certi quadrupedi, si portano delle fibre striate. La contrazione degli
arrectores pili non solo producesi sotto l'influenza delle
emozioni ora indicate, ma eziandio per effetto del freddo. Mi ricordo d'aver osservato, nel mattino susseguente
ad una gelida notte passata al sommo delle Cordigliere,
che i miei muli ed i miei cani, condotti da una stazione
inferiore e più calda, avevano su tutta la superficie del
corpo il pelo rizzato così, come se fossero stati soggetti
ad un profondo terrore. Constatiamo lo stesso fenomeno
nella pelle d'oca, che in noi si produce durante il fremito
che precede un accesso di febbre. Il signor Lister notò 76
che anche il solletico provoca l'erezione dei peli nelle
parti vicine del tegumento.
Dai precedenti fatti risulta evidente che la erezione
delle appendici cutanee è un atto riflesso, indipendente
dalla volontà; quando esso si produce sotto l'influenza
della collera o del terrore, bisogna considerarlo, non
come un'attitudine acquistata per raggiungere qualche
scopo, ma come un risultato collegato, almeno in gran
parte, con un'affezione del sensorio. Sotto questo riguardo, lo si può paragonare all'abbondante sudore provocato dall'intenso dolore o dallo spavento. Contuttociò è ri75 Lehrbuch der Histologie des Menschen, 1857, p. 82. Devo
alla cortesia del prof. W. Turner un riassunto di questo lavoro.
76 Quarterly Journal of Microscopical Science, 1853, vol. I, p.
262.
126
marchevole cosa vedere con quale facilità esso si manifesti di spesso in seguito alla più leggiera eccitazione;
così rizzasi il pelo di due cani che vogliono gettarsi l'un
sull'altro per gioco. D'altra parte, moltissimi esempi tratti dalle classi più varie ci dimostrarono che l'erezione
dei peli o delle penne è quasi sempre accompagnata da
movimenti volontari diversi: l'animale prende un'attitudine minacciosa, apre la bocca e mostra i denti; gli uccelli stendono le ali e la coda; talvolta ancora vengono
articolati suoni selvaggi. Ora non si può disconoscere il
fine di questi movimenti volontari; nè sembra degno di
fede che l'erezione delle appendici cutanee, la quale si
produce contemporaneamente e per cui l'animale si gonfia ed assume un aspetto più formidabile in faccia al nemico o al rivale, sia solo un fenomeno affatto accidentale, un inutile risultato della perturbazione del sensorio.
Ei sarebbe così inverosimile come il considerare come
altrettanti atti senza scopo l'erezione delle punte nel riccio, o quella delle spine nell'istrice, o meglio ancora il
raddrizzamento delle penne che adornano parecchi uccelli, nell'epoca dei loro amori.
Ma qui sorge una seria difficoltà. Come mai la contrazione degli arrectores pili, muscoli lisci e involontari,
ha potuto associarsi a quella di muscoli volontari per
questo medesimo oggetto speciale? Se si potesse ammettere che gli arrectores furono in principio muscoli
volontari e perdettero in seguito le loro strie per cessare
di essere sottomessi all'impero della volontà, la questione sarebbe singolarmente semplificata. Ma, per quanto
127
io mi sappia, nessuna prova esiste che favorisca questo
modo di vedere. Tuttavia si può credere che la opposta
trasformazione non avrebbe presentato difficoltà molto
grandi, dal momento che negli embrioni dei più elevati
animali e nelle larve di certi crostacei esistono i muscoli
volontari allo stato liscio. Per giunta sappiamo, secondo
Leydig77, che negli strati più profondi del derma, in certi
uccelli adulti, il reticolo muscolare è in una specie di
stato intermedio: le fibre non presentano che alcuni rudimenti di strie trasversali.
Ecco un'altra spiegazione che mi sembra accettabile.
Possiamo supporre che in principio, sotto l'influenza
della rabbia e dello spavento, gli arrectores pili sieno
stati messi leggermente in azione, in una maniera diretta, dalla perturbazione del sistema nervoso, proprio
come in noi nella pelle d'oca che precede un accesso
febbrile. Essendosi frequentemente riprodotte le eccitazioni della rabbia e del terrore, per lungo seguito di generazioni, questo effetto diretto della perturbazione del
sistema nervoso sulle appendici cutanee dovette quasi di
certo aumentarsi per l'abitudine e per la tendenza della
forza nervosa a passar facilmente lungo le vie che le
sono abituali. Questa opinione intorno all'uffizio attribuito alla forza dell'abitudine sarà ben tosto confermata
dallo studio dei fenomeni che gli alienati presentano;
noi vedremo, infatti, in uno dei seguenti capitoli, che in
essi l'impressionabilità del sistema peloso diventa ecces77 Lehrbuch der Histologie, 1857, p. 82.
128
siva, in seguito alla frequenza dei loro accessi furiosi o
di spavento. Per tal modo accresciuta o fortificata una
volta questa proprietà dell'orripilazione, l'animale maschio dovette veder di spesso i suoi rivali in furore rizzar i peli o le penne, aumentando così il volume del corpo. È cosa probabile che allora abbia avuto pur esso il
desiderio d'apparire più grande e più formidabile in faccia ai nemici, prendendo volontariamente un'attitudine
minacciosa e mandando grida selvaggie: dopo un certo
tempo, quest'attitudine e queste grida, per effetto dell'abitudine, divennero istintive. Così gli atti compiuti dalla
contrazione dei muscoli volontari poterono combinarsi,
per uno stesso fine speciale, cogli atti effettuati dai muscoli involontari. È ancora possibile che un animale soggetto ad una eccitazione, e più o meno cosciente della
modificazione avvenuta nello stato del suo sistema peloso, possa agire su questo per mezzo di un esercizio attentamente e volontariamente ripetuto. Infatti non abbiamo ragione di credere che la volontà sia suscettibile di
influenzare, in un'occulta maniera l'azione di certi muscoli lisci od involontari: citerò quali esempi i movimenti peristaltici dell'intestino e la contrazione della vescica. Nè ci fugga di mente la parte che la variazione e
la elezione naturale han dovuto sostenere, imperocchè i
maschi che seppero darsi il più terribile aspetto in faccia
ai loro rivali o agli altri nemici, dovettero lasciare un
numero maggiore di discendenti, eredi delle loro qualità
caratteristiche, antiche o di recente acquisite.
Rigonfiamento del corpo, ed altri mezzi per mettere
129
spavento al nemico. – Alcuni anfibi e certi rettili che
non posseggono spine da rizzare, nè muscoli atti a produrre questo movimento, gonfiano il corpo, inspirando
dell'aria, sotto l'influenza della paura o della collera. Gli
è questo un fenomeno perfettamente conosciuto nei rospi e nelle rane. Chi non rammenta la favola di Esopo,
intitolata: il Bue e la Rana, secondo cui quest'ultimo
animale per invidia e vanità, si gonfiò così da scoppiarne? L'osservazione di questo fatto deve rimontare all'epoca più remota, perocchè, secondo Hensleigh Wedgwood78, la parola botta esprime, in quasi tutte le lingue
d'Europa, l'abitudine di gonfiarsi. Questa particolarità fu
constatata in alcune specie esotiche, al Giardino zoologico, e il dottor Günther pensa ch'essa sia generale in
tutto questo gruppo. Noi, lasciandoci guidare dall'analogia, ammetteremo che il fine primitivo di tale rigonfiamento fu probabilmente quello di dare al corpo l'apparenza più imponente e più terribile in faccia d'un nemico. Nullameno un altro vantaggio, forse più importante,
ne risulta ancora: quando una rana è presa da un serpente, suo principale nemico, ella si gonfia prodigiosamente, e, secondo il dottor Günther, se il serpente non è di
grande statura, non riesce ad inghiottire la rana, che
sfugge così al pericolo di venir divorata.
I Camaleonti ed alcuni altri Sauriani si gonfiano pure
quando sono irritati. Citerò, ad esempio, il Tapaya Douglasii, specie che abita l'Oregon. Essa è lenta nei suoi
78 Dictionary of English Etymology, p. 403.
130
movimenti; non morde, ma ha un aspetto feroce: «Allorchè quest'animale è irritato, si slancia minaccioso su
qualunque oggetto che gli stia dinanzi; nello stesso tempo spalanca la bocca, soffia con forza, infine gonfia il
corpo e manifesta la collera con parecchi altri segni»79.
Molte specie di serpenti si gonfiano egualmente sotto
l'influenza della collera. Il Clotho arietans è particolarmente notevole sotto questo punto di vista: solo io credo, in seguito ad un'attenta osservazione su questo animale, ch'esso non agisca in tal modo allo scopo di aumentare il proprio apparente volume; ma semplicemente
col fine di inspirare una considerevole quantità d'aria,
che gli permette di produrre un sibilo rumoroso, acuto e
prolungato. Il Cobra-de-capello, irritato, si gonfia un po'
e soffia dolcemente; ma nello stesso tempo solleva la testa, e col mezzo delle lunghe coste anteriori, dilata la
pelle d'ambo i lati del collo, in modo da formare una
specie di disco largo e appiattito, distinto col nome di
cappuccio. Allora, colla sua bocca spalancata, prende
uno spaventevole aspetto. Il vantaggio che gliene deriva
dev'essere evidentemente considerevole, per compensare la sensibile diminuzione che questa dilatazione fa
provare alla rapidità (ancora, a dir vero, grandissima)
dei suoi movimenti, quando si slancia sovra un nemico
o sopra una preda; gli è come un pezzo di legno largo e
sottile che non può fender l'aria al pari di un piccolo ba79 Veggasi la relazione sulle abitudini di questo animale del
dott. COOPER, citata in Nature, 27 aprile 1871. p. 512.
131
stone cilindrico. Un serpente inoffensivo dell'India, il
Tropidonotus macrophthalmus, quando è irritato, dilata
il collo nella stessa maniera, ciò che di spesso lo confonde col suo compatriota, il terribile Cobra80. Forse
questa rassomiglianza costituisce una salvaguardia per
lui. Un'altra specie inoffensiva, il Dasypeltis dell'Africa
meridionale, si gonfia, distende il collo, sibila e si slancia sull'importuno che lo molesta81. Molti altri serpenti
sibilano in simili circostanze. Essi dardeggiano eziandio
la lingua e l'agitano rapidamente, ciò che può ancora
contribuire a dar loro un formidabile aspetto.
Oltre il sibilo, certi serpenti posseggono mezzi per
produrre particolari suoni. Son già molti anni, io ho rimarcato nell'America del Sud, che quando si sturbava
un Trigonocephalus velenoso, esso agitava vivamente
l'estremità della coda, la quale, battendo sull'erba e sui
ramoscelli secchi, produceva un vivo e rapido strepito
che si facea nettamente distinguere alla distanza di sei
piedi82. L'Echis carinata dell'India, specie feroce e la di
cui puntura riesce mortale, produce «un suono particolare, strano, prolungato, quasi un sibilo», per un meccanismo affatto diverso, cioè strofinando «le une contro le
altre le pieghe del corpo», mentre la testa si mantien
quasi immobile. Le scaglie laterali, e solamente queste,
80 Dottor GÜNTHER, Reptiles of British India, p. 262.
81 M. J. MANSEL WEALE, Nature, 27 aprile 1871, p. 508.
82 Journal of Researches during the Voyage of the «Beagle»,
1845, p. 96. Ho paragonato lo strepito così prodotto con quello
del serpente a sonagli.
132
sono fortemente convesse, ed il loro rilievo mediano è
dentellato come una sega; allorchè l'animale avviluppato
strofina le sue pieghe, questi denti raschiano fra loro83.
Richiamiamo finalmente il noto esempio del serpente a
sonaglio. Chi si limitò a scuotere il sonaglio può avere
una giusta idea del suono prodotto dall'animale vivente.
Secondo il professore Shaler, questo suono non può distinguersi da quello che produce il maschio della grande
Cicala (insetto omottero) che abita lo stesso paese84. Al
Giardino zoologico fui colpito dalla rassomiglianza dei
suoni mandati dal serpente a sonaglio e dal Clotho arietans, allorchè si provocavano contemporaneamente; e,
83 Veggasi la relazione del dott. ANDERSON, Proc. Zool.
Soc., 1871, p. 196.
84 American Naturalist. gennaio 1872, p. 32. – Duolmi di non
poter condividere l'opinione del professore Shaler, e credere con
lui che il sonaglio del Crotalo si sia sviluppato, per effetto della
elezione naturale, allo scopo di produrre suoni destinati ad ingannare gli uccelli, ad attirarli ed a farne la preda di questo rettile.
Senza negare che codesti suoni possano talvolta servire a quest'uso, credo più probabile la conclusione alla quale io sono arrivato,
e che mi fa considerar questo strepito come un avvertimento all'indirizzo dei nemici i quali potrebbero esser tentati di attaccarlo;
tale conclusione collega effettivamente fatti di ordini diversi. Se il
serpente avesse acquistato il sonaglio dall'abitudine di far del rumore allo scopo di attirare una preda, non sarebbe probabile che
ei facesse agire invariabilmente quest'apparecchio tutte le volte
ch'è molestato o incollerito. Quanto al modo di sviluppo del sonaglio, il professore Shaler è quasi d'accordo con me; d'altra parte io
ho costantemente sostenuta la stessa opinione dal momento in cui
ebbi ad osservare il Trigonocefalo nell'America del Sud.
133
quantunque il romore prodotto dal Crotalo fosse più risonante e più acuto che il sibilo del Clotho, io duravo
pena, stando ad alcuni metri di distanza, a distinguerli
uno dall'altro. Ora, qualunque sia il significato dello
strepito prodotto da una di queste specie, non posso menomamente dubitare che pur nella seconda non serva al
medesimo scopo; e dai gesti minacciosi eseguiti nello
stesso tempo da molti serpenti concludo che il loro sibilo, il rumore del sonaglio del Crotalo e della coda del
Trigonocefalo, il rastiar delle scaglie dell'Echis e la dilatazione del cappuccio del Cobra, servono tutti al medesimo oggetto, cioè a farli apparire formidabili in faccia
ai nemici85.
Si potrebbe supporre che i serpenti velenosi, come
quelli da noi poc'anzi citati, che posseggono nei loro
denti uno stromento di difesa tanto formidabile, non
debbano essere esposti ad attacchi, e che quindi non abbiano alcun bisogno dei mezzi atti a provocare la paura
nei nemici. Tuttavia non è così, e in tutti i paesi del
mondo si veggono questi rettili servire pur essi di preda
a un grandissimo numero di animali. È un fatto ben co85 Secondo le narrazioni recentemente raccolte da Madama
BARBER, e pubblicate nel Journal of the Linnean Society, sui
costumi dei serpenti dell'Africa meridionale, e in seguito alle relazioni dovute a diversi autori, fra i quali a Lawson, sul serpente a
sonaglio dell'America del Nord, non sembra improbabile che il
terribile aspetto che assumono certi serpenti ed i suoni ch'emettono possano servire a procurar loro una preda, paralizzando, o,
come talora suol dirsi, affascinando animali di piccola statura.
134
nosciuto che agli Stati Uniti, onde purgare i distretti infesti da serpenti a sonaglio, s'impiegano porci, i quali
adempiono perfettamente quest'opera86. In Inghilterra il
riccio attacca e divora la vipera. Ho sentito riferire al
dottor Jerdon che nell'India molte specie di falconi ed
almeno un mammifero, l'Herpestes, uccidono i Cobra ed
altri serpenti velenosi87; ed avviene altrettanto nel sud
dell'Africa. È dunque permesso di credere che i suoni od
i segni di ogni genere, per i quali le specie velenose possono farsi immediatamente riconoscere siccome formidabili, riescano a loro almeno tanto utili quanto alle specie inoffensive, che sarebbero incapaci, ove fossero attaccate, di produrre alcun male reale.
Giacchè la storia dei serpenti m'ha di già intrattenuto
in così lunghi sviluppi, non posso resistere alla tentazione di aggiungere alcune osservazioni sul meccanismo
che probabilmente presiedette allo sviluppo del sonaglio
del Crotalo. Parecchi animali, certi Sauriani in particolare, quando sieno provocati, ripiegano la coda o l'agitano
vivamente; gli è ciò che si osserva in molte specie di
86 Veggasi la narrazione del dott. R. BROWN (Proc. Zool.
Soc., 1871, p. 39). Appena, egli dice, un porco scorge un serpente, si slancia su lui; il serpente all'incontro, si schiva immediatamente alla vista d'un porco.
87 Il dott. GÜNTER segnala (Reptiles of British India, p. 340)
la distruzione dei Cobra per mezzo dell'Icneumone o dell'Herpestes, e dei Cobra giovani per via dei polli Jungle. È noto che anche il pavone fa un'attiva caccia ai serpenti.
135
serpenti88. Al Giardino zoologico vedesi una specie inoffensiva, Coronella Sayi, la quale fa girare la coda così
rapidamente, che diviene quasi invisibile. Il Trigonocefalo, di cui ho già parlato, ha la stessa abitudine; l'estremità della sua coda è un poco rigonfiata. Nel Lachesis,
che è sì affine al Crotalo da venir messo da Linneo nel
medesimo genere, la coda, appuntita, si termina con
un'unica scaglia, grande, in forma di lancetta. Ora, in seguito alle osservazioni del professore Shaler, in alcuni
serpenti «la pelle si distacca più difficilmente sulla regione caudale che sulle altre parti del corpo». Supponiamo che fin d'allora, in qualche antica specie americana,
la coda allargata abbia prima portata una sola grande
scaglia; supponiamo che all'epoca della muta, questa
scaglia non abbia potuto staccarsi e sia rimasta definitivamente fissa al corpo dell'animale; ad ogni novello periodo dello sviluppo del rettile, una nuova scaglia, più
grande della precedente, si sarà formata al disopra di
questa e avrà potuto del pari restar aderente. Ecco il
punto di partenza dello sviluppo d'un sonaglio, l'impie88 Il professore Cope citò un numero assai considerevole di
specie, nel suo lavoro Method of Creation of organic Types, letto
davanti the American Phil. Soc. il 15 dicembre 1871, p. 20. – Il
prof. Cope è della mia opinione sull'impiego dei movimenti e dei
suoni prodotti dai serpenti. Ho leggermente toccata questa quistione nell'ultima edizione della mia Origine delle specie. Dopo
l'impressione delle pagine qui sopra, ebbi la soddisfazione di vedere che Henderson attribuiva anche al sonaglio il medesimo uso,
che è «di prevenire un attacco» (The American Naturalist, maggio 1872, p. 260).
136
go del quale sarà abituale, se la specie avea l'abitudine,
come tant'altre, di agitare la coda in presenza di una provocazione. È difficile mettere in dubbio che il sonaglio
non siasi in seguito sviluppato specialmente per servire
da stromento sonoro; perocchè le vertebre stesse della
coda provarono modificazioni nella loro forma e subirono una sinfisi. D'altra parte il fatto che alcuni apparecchi, siccome il sonaglio del Crotalo, le scaglie laterali
nell'Echis, le coste cervicali nel Cobra, il corpo tutto nel
Clotho, hanno potuto soffrire certe modificazioni tendenti a produrre l'apprensione e lo spavento in un nemico, non è più improbabile di quello che in un uccello, lo
strano Segretario (Gypogeranus), l'economia intera si è
resa specialmente adattata alla caccia ai serpenti, senza
che ne risulti verun danno per lui. È assai probabile, da
quel che vedemmo, che quest'uccello, quando si precipita sopra un serpente, rizzi le penne; è certo che l'Erpeste,
al momento in cui piomba su un rettile, raddrizza il pelo
di tutto il corpo e particolarmente quello della coda 89. Si
sa parimenti che alcuni istrici, quando sieno irritati o se
la vista d'un serpente li spaventi, agitano rapidamente la
coda, producendo così un suono particolare, che risulta
dallo scontro delle loro punte tubulari. Per tal modo l'assalitore e l'assalito cercano entrambi di rendersi a vicenda spaventevoli più che per loro si possa; ciascuno d'essi
possiede a questo fine mezzi speciali, i quali, cosa singolare, si rinvengono talvolta pressochè identici. Con89 M. des VOEUX, Proc. Zool. Soc., 1871, p. 3.
137
cludo: da un lato fra i serpenti gli individui privilegiati,
ch'erano i più capaci di spaventare i loro nemici, sfuggirono più facilmente alla morte; d'altra parte fra questi
nemici prosperarono sovratutto coloro che poteano meglio vincere le difficoltà presentate dalla caccia ai serpenti velenosi; nell'un caso e nell'altro, ed ammettendo
la variabilità delle specie, risulta che le variazioni utili si
sono conservate per la sopravvivenza degli individui più
adatti.
Arrovesciamento delle orecchie all'indietro. – In un
gran numero di animali, i movimenti delle orecchie costituiscono un mezzo espressivo di grande valore; in
certe specie all'incontro, ad esempio nell'uomo, nelle
scimie superiori, e in molti ruminanti, questi organi, sotto il punto di vista della espressione, non presentano utilità veruna. Bastano spesso leggiere oscillazioni per accusare nel modo più evidente differenti stati dell'animo,
come tuttodì osserviamo nel cane. Ma noi qui ci occuperemo soltanto di quello speciale movimento per cui le
orecchie s'arrovesciano completamente all'indietro e si
applicano contro la superficie della testa. Questo movimento indica ostili disposizioni, ma solo nel caso in cui
si tratti di animali che combattono a colpi di denti; e ciò
si spiega in allora naturalmente colla preoccupazione
che hanno questi animali, combattendo, di garantire codeste appendici sì esposte e d'impedire all'avversario di
afferrarle. L'influenza dell'abitudine e dell'associazione
fa loro in seguito eseguire lo stesso movimento tutte le
volte che sono stizziti, anche ad un debole grado, o
138
ch'essi vogliono, giocando, darsene l'aria. A convincersi
che questa spiegazione è veramente l'espressione della
realtà, basta considerare la relazione che in un gran numero di specie animali esiste fra codesta contrazione
delle orecchie ed il modo di combattere.
Tutti i carnivori lottano coi denti canini, e tutti eziandio, almeno nei limiti delle osservazioni che potei fare,
arrovesciano le orecchie per esprimere ostili disposizioni. Gli è ciò che ogni giorno puossi osservare negli alani, quando si battono seriamente fra loro, e nei piccoli
cani, allorchè lottano per dilettarsi. Questo movimento è
ben distinto dall'abbassamento delle orecchie accompagnato da un leggiero arrovesciamento all'indietro, che si
nota in un cane festevole e carezzato dal padrone. Lo si
può eziandio constatare nei piccoli gatti quando lottano
giocando, come anche nei gatti adulti, allorchè sono
realmente di un umore intrattabile (vedi più addietro la
fig. 9). Lo si sa: benchè efficacemente protette fino ad
un certo punto dalla posizione che prendono allora, le
orecchie non escono mai sane e salve dalla battaglia, e
nei vecchi gatti si veggono di spesso scorticature più o
meno profonde, tracce delle loro bellicose rivalità. Nei
serragli di belve, questo stesso movimento è assai manifesto nelle tigri, nei leopardi, ecc., quando s'accosciano
brontolando sul pasto. La lince possiede orecchie di lunghezza notevole; se si avvicina uno di questi animali
nella sua gabbia, ei le contrae con energia, in una maniera che esprime al massimo grado ostili intenzioni.
Una foca, l'Otaria pusilla, che ha orecchie piccolissime,
139
le arrovescia egualmente all'indietro quando si slancia
incollerita alle gambe del suo guardiano.
Allorchè i cavalli lottano fra loro, mordono cogl'incisivi e battono colle estremità anteriori, molto più che
non tirino calci colle gambe di dietro. Codeste osservazioni vennero eseguite su stalloni fuggiti; ciò d'altra parte risulta in modo evidente dalla natura delle ferite che
vicendevolmente si fanno. Ciascuno conosce l'aspetto
vizioso che questo arrovesciamento di orecchie dà ad un
cavallo, arrovesciamento perfettamente distinto dal movimento per cui esso presta attenzione ad un rumore
prodotto dietro a lui. Se un cavallo di cattivo carattere,
collocato nella propria stalla, ha disposizioni a tirar calci, le sue orecchie si contraggono per abitudine, avvegnachè ei non abbia l'intenzione o il potere di mordere.
Osservate all'incontro un cavallo che liberamente si
slancia o che riceve una scudisciata; ei lancia vigoroso
le estremità posteriori, ma in generale non arrovescia le
orecchie, perocchè in quel caso non è incollerito. I Guanachi si battono ad oltranza coi denti; codeste lotte devono anche essere frequenti, perchè io ho trovato di
spesso squarci profondi nella pelle di quelli che uccisi in
Patagonia. I camelli fanno egualmente. Ora, in queste
due specie, le orecchie si arrovesciano ancora molto all'indietro, in segno di ostilità. Ho rimarcato che i Guanachi contraggono le orecchie anche allorquando non hanno l'intenzione di mordere, ma solo di lanciare lontano
la loro ripugnante saliva sull'aggressore. L'ippopotamo
stesso, quando s'avanza minaccioso, colla bocca spalan140
cata, sopra un animale della propria specie, arrovescia le
sue piccole orecchie, proprio come il cavallo.
Quale contrasto tra i precedenti animali ed i buoi, i
montoni, le capre, che non adoperano mai i denti per
combattere e che giammai contraggono le orecchie sotto
l'influenza della collera! Per quanto mansueti appaiano i
montoni e le capre, i loro maschi appiccano talvolta lotte accanite. I cervi costituiscono una famiglia molto vicina ai precedenti; ed io, non sapendo che lottassero coi
denti, rimasi un giorno sorpreso trovando in un racconto
del maggiore Ross King i seguenti dettagli sull'alce d'America, da lui osservato al Canadà: «Quando avviene
che due maschi s'incontrino, ei dice, si precipitano l'uno
sull'altro con spaventoso furore, rovesciando le orecchie
e ringhiando»90. Appresi dappoi dal signor Bartlett che
alcune specie di cervi si battono furiosamente a colpi di
denti, dimodochè il rovesciamento delle orecchie dell'alce è ancora una conferma della regola generale. Molte
specie di kangurù, conservate al Giardino zoologico,
combattono graffiando coi piedi davanti e tirando calci
coi posteriori; non si mordono mai, nè i loro custodi li
ebbero mai visti a rovesciare le orecchie, quand'erano irritati. I conigli si battono sopratutto a colpi di pedi e di
artigli, ma per giunta si mordono, ed io conosco un
esempio nel quale l'uno dei due strappò con un colpo di
denti mezza coda dell'avversario. Al principio della lotta
essi arrovesciano le orecchie, ma poi, quando si precipi90 The Sportsman and Naturalist in Canada, 1866, p. 53.
141
tano gli uni sugli altri e si battono a colpi di piedi, le
mantengono ritte o le muovono vivamente in tutti i sensi.
Il signor Bartlett fu testimonio di un accanito combattimento tra un cinghiale e la femmina di lui; entrambi
avevano aperta la bocca e le orecchie arrovesciate. Tuttavia ei non pare che questa attitudine sia abituale ai maiali domestici nelle loro querele. I cinghiali combattono
colpendo dal basso in alto colle zanne; Bartlett non osa
affermare che arrovescino le orecchie. Gli elefanti, che
lottano pure colle zanne, non contraggono codeste appendici, ma al contrario le drizzano, precipitandosi gli
uni sugli altri o sovra un nemico.
I rinoceronti del Giardino zoologico si battono col
corno nasale, nè si vide giammai che tentassero di mordersi, se non per gioco; ed i loro custodi asseriscono che
per manifestare ostili disposizioni, non arrovesciano mai
le orecchie, a somiglianza dei cavalli o dei cani. Nè posso spiegarmi come sir S. Baker, narrando che un rinoceronte, ucciso da lui, aveva perdute le orecchie, aggiunga: «Ell'erano state strappate con una dentata, lottando
con un altro animale della medesima specie; del resto
tale mutilazione non è rara»91.
Per terminare, un cenno sulle scimie. Alcune specie,
che posseggono orecchie mobili e si battono a colpi di
denti, valga ad esempio il Cercopithecus ruber, quando
sono irritate arrovesciano le orecchie, precisamente al
91 The Nile Tributaries of Abyssinia, 1867, p. 443.
142
pari dei cani; prendono allora un aspetto notevolmente
feroce. In altre, come l'Inuus ecaudatus, nulla si osserva
di simile. Altre infine – e la è codesta una singolare anomalia – allorchè si carezzano, contraggono le orecchie,
mostrano i denti e fanno sentire un mugolio di soddisfazione. Osservai ciò su due o tre specie di macachi e sul
Cynopithecus niger. Per certo, senz'esserne prevenuti,
siccome siamo avvezzi alla fisionomia dei cani, ci riescirebbe difficile riconoscere nei precedenti caratteri l'espressione della gioia o del piacere.
Raddrizzamento delle orecchie – Su questo movimento ho poco da dire. Ogni animale che possa movere liberamente le orecchie, quand'è spaventato o guarda con attenzione un oggetto, le dirige verso quest'oggetto medesimo, allo scopo di afferrare ogni suono che provenir ne
possa. Nello stesso tempo solleva generalmente la testa;
tutti i suoi sensi sono allora in attenzione; alcuni animali
di piccola statura si rizzano per giunta sulle zampe di
dietro. Anche le specie che s'accosciano sul suolo o che
fuggono immediatamente in faccia al pericolo, sul primo momento assumono in generale la precedente attitudine, allo scopo di scoprire la sorgente e la natura del
periglio che le minaccia. La testa sollevata, le orecchie
rizzate ed il guardo diretto in avanti dànno a qualunque
animale un'espressione di profonda attenzione che non
si può disconoscere.
143
CAPITOLO V.
ESPRESSIONI SPECIALI DEGLI ANIMALI
Diversi movimenti espressivi nel cane. – Gatto. – Cavallo. – Ruminanti. – Scimie. – Espressioni di gioia e d'affetto, di dolore,
di collera, di stupore e di spavento in questi animali.
Cane. – Ho già descritto l'aspetto d'un cane che s'avvicina ad un altro con ostili intenzioni (fig. 5 e 7); le
orecchie si rizzano, il guardo si dirige fisso in avanti; il
pelo si erige sul collo e sul dorso, l'andatura è notevolmente rigida, la coda levata in aria e in linea retta. Di
questi vari caratteri, due soli, la rigidità dell'incesso e il
rizzamento della coda, richieggono ancora qualche sviluppo. Sir C. Bell fa osservare92, che, quando un tigre od
un lupo, battuto dal suo guardiano, monta improvviso in
furore, «tutti i muscoli sono tesi e le estremità sono in
una attitudine di contrazione forzata: l'animale è pronto
a slanciarsi». Questa tensione dei muscoli e la rigidità
dell'attitudine che ne risulta possono trovar spiegazione
nel principio dell'associazione delle abitudini; infatti, la
collera ha sempre spinto a sforzi furibondi e quindi a
92 The Anatomy of Expression, 1844, p. 190.
144
mettere violentemente in azione i muscoli tutti del corpo. Ora v'hanno ragioni per supporre che il sistema muscolare, prima di poter produrre un'energica azione, esiga in qualche modo una rapida preparazione, un certo
grado di innervazione. Le sensazioni mie proprie confermano per conto mio questa ipotesi, che pure, a quanto ne so, non è ammessa dai fisiologi. Tuttavia sir J. Paget mi apprende che, quando i muscoli si contraggono
bruscamente con grandissima forza, senza preparazione
veruna, possono rompersi; gli è ciò che talora si osserva
in un uomo, il quale fa un passo falso e sdrucciola improvvisamente e senza aspettarsela; una simile rottura al
contrario si produce molto di rado, quando l'atto muscolare, per quanto violento, è compiuto di proposito deliberato e sotto l'influenza della volontà.
Fig. 14 – Testa d'un cane che ringhia.
Dal vero, del sig. Wood.
145
Riguardo alla posizione rialzata della coda, sembra
dipendere da un'eccessiva potenza dei muscoli elevatori
sugli abbassatori: eccesso che avrebbe naturalmente per
effetto di collocare quest'organo in posizione orizzontale, quando tutti i muscoli della parte posteriore del corpo
sono contratti. Non posso asserir tuttavia che questa interpretazione sia l'espressione della verità. Un cane che
trotta festevole innanzi al padrone con un'andatura gaia
e briosa, tien d'ordinario la coda in aria, ma assai meno
rigida di quando è irritato. Un cavallo che per la prima
volta si slancia sulla libera via, corre d'un trotto grazioso
ed aperto, tenendo alta la testa e la coda. Le vacche medesime, allorchè saltellano allegramente, alzano la coda
in modo grottesco. Al Giardino zoologico si può fare la
stessa osservazione su diversi animali. Tuttavia, in certi
casi, la posizione della coda è determinata da speciali
circostanze; ad esempio, appena un cavallo si slancia al
galoppo, abbassa costantemente la coda, in modo da offrir meno presa che sia possibile alla resistenza dell'aria.
Quando un cane sta per islanciarsi sovra un nemico,
manda un grugnito selvaggio; le sue orecchie si arrovesciano completamente all'indietro, e il labbro superiore
si contrae per lasciar liberi i denti e specialmente i canini (fig. 14). Questi stessi movimenti possono pure osservarsi negli alani e nei piccoli cani, quando giuocano assieme. Tuttavia, se a mezzo del giuoco l'animale incollerisce sul serio, la sua espressione cangia immediatamente; il che consiste solo in ciò, che le labbra e le orecchie
si contraggono con energia di molto maggiore. Se un
146
cane brontola contro di un altro, il suo labbro si contrae
generalmente da un lato soltanto, da quello cioè che
guarda il nemico.
Ho descritto nel capitolo II le movenze di un cane
ch'esprime il suo affetto al padrone (fig. 6 ed 8). La testa
ed il corpo intiero si abbassano e si aggirano in movimenti flessuosi; la coda è distesa e si dondola da un lato
a quell'altro. Le orecchie stanno abbassate e portate un
tantino all'indietro, attitudine che sforza le palpebre ad
allungarsi e modifica l'apparenza di tutta la faccia. Le
labbra sono rilassate e pendenti; il pelo si mantiene liscio. Tutti questi movimenti e queste attitudini possono,
io credo, spiegarsi col principio dell'antitesi; perocchè
sono in completa opposizione con quelli naturalmente
eseguiti da un cane irritato, cioè sottomesso ad uno stato
d'animo precisamente inverso. Allorchè un uomo parla
semplicemente al suo cane, o gli indica un oggetto da richiamar l'attenzione, si veggono le ultime vestigia di
questi movimenti nel dondolamento della coda, che solo
fra tutti persiste e nemmeno s'accompagna coll'abbassamento delle orecchie. Il cane manifesta eziandio la sua
affezione sfregandosi contro il padrone; lo stesso sentimento lo porta a desiderare anche lo strofinamento o l'amichevole picchiar della mano.
Gratiolet rende conto delle affettuose manifestazioni
ora indicate nel modo seguente: il lettore giudicherà da
se stesso sul valore delle interpretazioni di lui. Parlando
degli animali in generale, compresovi il cane: «È sempre, egli dice, la parte più sensibile del loro corpo che ri147
cerca le carezze o le fa. Quando i fianchi ed il corpo
sono sensibili per tutta la loro lunghezza, l'animale serpeggia e striscia sotto le carezze, e propagandosi le ondulazioni lungo i muscoli analoghi dai segmenti sino all'estremità della colonna vertebrale, la coda si piega e si
agita»93. Più lungi egli aggiunge che i cani, esprimendo
il loro affetto, abbassano le orecchie, onde scacciare
ogni percezione sonora e concentrare tutta l'attenzione
sulle carezze del loro padrone!
I cani hanno un'altra notevolissima maniera di palesare il loro affetto, e consiste nel leccare le mani od il
viso. Talvolta si leccano fra loro, e in tal caso lo fanno
sempre sul muso. Ho visto ancora dei cani leccare dei
gatti coi quali vivevano in buona armonia. Codesta abitudine deriva probabilmente dal fatto che le femmine
leccano i propri piccini, oggetto del loro più tenero affetto, onde pulirli. Di spesso si veggono ancora, dopo
una breve assenza, dare alcune rapide leccate ai loro
nati, che sembrano semplicemente destinate ad esprimere la loro affezione. È così che questa abitudine dovette
associarsi colle emozioni affettuose, sia qualsivoglia l'origine di queste. Oggi ell'è sì fortemente acquisita per
eredità od innata, che si trasmette egualmente ai due
sessi. Ultimamente si uccisero a casa mia i piccoli d'una
femmina di cane terriero, che io posseggo e che si è
sempre mostrata affettuosissima; in questa circostanza
fui veramente colpito dal modo con cui essa tentò di
93 De la Physionomie, 1865, p. 187, 218.
148
soddisfare il suo istintivo amore materno, riportandolo
sopra di me: il suo desiderio di leccarmi le mani era passato allo stato di passione insaziabile.
Lo stesso principio spiega probabilmente perchè i
cani, onde esprimere la propria affezione, amino di strofinarsi contro i loro padroni e di venirne strofinati o
amichevolmente picchiati. Infatti, durante l'allattamento
dei loro piccini, il contatto con un oggetto amato si associò fortemente nel loro spirito colle emozioni affettuose.
Il sentimento d'affezione d'un cane per il suo padrone
si mesce ad un profondo sentimento di sommissione,
che s'avvicina un po' alla paura. Anche certi cani non si
limitano di abbassare le orecchie e di strisciare un po'
approssimandosi ai loro padroni, ma s'allungano sul
suolo, col ventre in aria. Gli è codesto un movimento assolutamente opposto ad ogni dimostrazione di resistenza. Ho posseduto un tempo un gran cane che non temeva punto di misurarsi con avversari della sua specie;
nelle vicinanze v'aveva nullameno un cane da pastore,
specie di cane-lupo, d'umore pacifico ed assai meno forte, che esercitava su lui una strana influenza. Quando
per caso essi s'incontravano, il mio cane aveva costume
di corrergli incontro, colla coda fra le gambe ed il pelo
liscio; poi si sdraiava in terra col ventre in aria. Pareva
che gli dicesse, meglio che per ogni discorso: «A te! io
sono tuo schiavo».
Certi cani esprimono in modo assai particolare una
disposizione dell'animo gioconda, gaia, e nello stesso
149
tempo affettuosa, voglio dire con una specie di ghigno.
Somerville aveva fatto già da gran tempo questa osservazione, quando diceva: «E il cane con ghignare giocondo ti saluta, dimenando la coda, s'accuccia, spalanca
le ampie narici, e i grandi suoi occhi neri si effondono in
dolci carezze e in umile gioia».
Il famoso levriere scozzese di Walter-Scott, Maïda,
aveva quest'abitudine, comune del resto ai terrieri. Io
l'ho constatato anche in un pòmero ed in un cane da pastore. Rivière, che s'è occupato con particolare attenzione di questa espressione, m'apprende ch'essa si produce
assai comunemente ad un debole grado. Il labbro superiore allora si contrae come per il brontolio, in modo che
i canini si scoprono; contemporaneamente le orecchie si
portano indietro; peraltro l'aspetto generale dell'animale
indica chiaramente ch'ei non è irritato. «Il cane, dice sir
C. Bell, per esprimere la tenerezza, rovescia leggermente le labbra, e saltellando, fa smorfie e respira per le narici, in un modo che rassomiglia al riso»94. Alcuni considerano infatti queste smorfie come un sorriso; ma se
realmente lo fossero, noi vedremmo in quest'animale,
quando abbaia di gioia, un simile movimento delle labbra e delle orecchie, benchè più pronunciato. Ora ciò
non avviene; solo si osserva che i due fenomeni succedonsi frequentemente. D'altra parte, quando i cani giuocano coi loro compagni o coi padroni, hanno quasi sempre l'aria di voler mordere, ed allora contraggono (poco
94 The Anatomy of Expression, 1844, p. 140.
150
energicamente, è vero) le labbra e le orecchie. Così pure
io credo che in certi cani, quando provano un vivo piacere unito ad un sentimento affettuoso, esista una tendenza ad agire sui medesimi muscoli, per effetto dell'abitudine e dell'associazione, come se volessero ancor
morsicchiare qualche compagno di giuoco o le mani dei
loro padroni.
Nel capitolo II ho descritto l'attitudine e la fisionomia
del cane allora ch'è festevole, e la distinta opposizione
ch'esse presentano quando l'animale è abbattuto e scorato. Allora abbassa la testa, le orecchie, il corpo, la coda
e la mascella, ed i suoi occhi divengono tristi. Se all'incontro un gran piacere l'attenda, ei balza e saltella in
modo stravagante, abbaiando di gioia. In codesto stato
dell'animo, la tendenza ad abbaiare fu acquistata per
eredità; essa è penetrata nel sangue; si sa che i levrieri
abbaiano di rado; osservate al contrario un pòmero che
il padrone sta per condurre al passeggio: i suoi abbaiamenti continui diventano penosi.
Nel cane un vivo dolore si manifesta press'a poco
come nella maggior parte degli animali, vale a dire con
urli, contorsioni e movimenti convulsivi per tutto il corpo.
L'attenzione viene espressa sollevando la testa, raddrizzando le orecchie e dirigendo fisso lo sguardo sull'oggetto o sul punto che la provoca. Se trattasi di un rumore di origine ignota, vediamo di spesso il cane girare
obliquamente la testa da destra a sinistra nel modo più
espressivo, probabilmente per giudicare con maggior
151
esattezza da qual parte venga lo strepito. Ho visto un
cane, vivamente sorpreso di sentire un suono nuovo per
lui, girare in questa maniera la testa, per effetto dell'abitudine, avvegnachè ne scorgesse chiaramente la fonte.
Feci di già osservare che un cane, il quale stia comunque in attenzione, spii un oggetto o presti l'orecchia a
qualche rumore, alza spesso una zampa (fig. 4) e la tien
ripiegata, quasi volesse disporsi ad avvicinarsi lentamente e con precauzione.
Sotto l'influenza d'un estremo terrore, il cane si rotola
a terra, urla e lascia sfuggire i propri escrementi. Io credo che in tali circostanze non gli si rizzi mai il pelo, a
meno che non provi contemporaneamente la collera a un
grado più o meno spiccato. Ho visto un cane spaventato
all'udire una musica strepitosa eseguita in istrada da una
brigata di suonatori: tutti i muscoli del suo corpo tremavano; il cuore gli palpitava con tale rapidità da poterne
difficilmente numerare i battiti; la sua respirazione era
anelante, ed egli spalancava la bocca: questi sintomi
sono pur quelli che caratterizzano lo spavento nell'uomo. Ben inteso che questo cane non aveva fatto alcun
esercizio; ei camminava placido e lento lungo la stanza;
aggiungerò che faceva freddo.
Il terrore, anche a un debolissimo grado, si manifesta
costantemente dalla posizione della coda che si nasconde tra le gambe. Nello stesso tempo le orecchie si portano indietro, ma senza applicarsi esattamente contro la
testa e senza abbassarsi; movimenti che si producono, il
primo quando il cane brontola, il secondo allora ch'è fe152
stevole e vuol dimostrare la propria affezione. Quando
due giovani cani s'inseguono per giuoco, quello che fugge cela sempre la coda fra le gambe. La stessa attitudine
vien presa dal cane che, al colmo della gioia, gironzola
come pazzo attorno al padrone descrivendo dei cerchi o
degli otto. Esso opera allora come fosse inseguito da un
altro cane. Codesta foggia singolare di gioia, nota a tutti
che abbiano osservato questo animale, è frequente in
particolare allorchè è un po' sorpreso o spaventato,
quando, ad esempio, il padrone si getta bruscamente su
lui nell'oscurità. In tal caso, come pure quando due giovani cani s'inseguono l'un l'altro per giuoco, pare che
l'inseguito tema di venir afferrato per la coda; eppure, a
mio sapere, questi animali non si assalgono così che assai raramente. Un dilettante, il quale aveva osservato per
tutta la vita cani in corsa, m'assicurò di non averne
giammai visto uno afferrare una volpe per la coda; osservazione confermata da altri sperimentati cacciatori.
Sembra che quando un cane è inseguito o corre pericolo
di venir colpito per di dietro, od è esposto alla caduta di
un oggetto qualunque, ei voglia ritirare il più presto possibile le estremità posteriori; allora, in seguito a qualche
simpatia o a qualche connessione tra i muscoli, la coda
si ritira completamente all'indentro e si cela in mezzo
alle gambe.
Un analogo movimento, che talvolta interessa le
estremità posteriori e la coda, può constatarsi nella iena.
Secondo le osservazioni di Bartlett, quando due di questi animali lottano insieme, ciascun d'essi conosce per153
fettamente la potenza della mascella del proprio avversario, ed entrambi sono pieni di diffidenza e di precauzione. E sanno che se una delle loro gambe vien presa,
sarà senza tempo di mezzo fatta in minuzzoli. Gli è perciò che s'avvicinano colle ginocchia piegate, colle gambe più che sia possibile in dentro e tutto il corpo curvato, in modo da non presentare alcun punto sagliente;
nello stesso tempo la coda si cela affatto fra le gambe.
In questa attitudine, essi s'approssimano di fianco ed anche un po' per di dietro. Parecchie specie di cervi, lottando, nascondono pur essi nello stesso modo la coda.
Quando un cavallo tenta per giuoco di mordere le estremità posteriori di un altro cavallo, quando un brutale
monello batte un asino per di dietro, si veggono ancora
le gambe posteriori e la coda dell'animale portarsi in
basso ed in dentro, quantunque sia difficile dire se unico
scopo di tal movimento sia quello di mettere la coda al
salvo da ogni lesione. Noi abbiamo parlato più in su dell'opposto movimento; quando un animale corre d'un
trotto allegro ed aperto, la coda è quasi sempre sollevata
in aria.
Siccome vedemmo, un cane inseguito e che fugge dirige le orecchie all'indietro; ma le conserva aperte, evidentemente allo scopo di udire i passi di chi lo insegue.
Per effetto dell'abitudine, le orecchie si mantengono
spesso nella medesima posizione, mentre la coda si cela
fra le gambe, anche allora che il pericolo è manifestamente rimpetto. Ho sovente osservato in un mio pauroso
terriero, che quando è spaventato da qualche oggetto
154
che gli sta dinanzi, ond'ei sa la perfetta natura e che non
ha bisogno di riconoscere, conserva tuttavia per lungo
tempo la coda e le orecchie in questa posizione, mostrando un evidente malessere. La contrarietà, senza
spavento, si esprime nella medesima foggia; così, io
uscivo un giorno proprio al momento in cui questo stesso cane sapeva che gli si dava a mangiare: io nol chiamava; egli aveva voglia di accompagnarmi, ma contemporaneamente desiderava il cibo; e restava immobile,
guardando ora avanti ora indietro, colla coda tra le gambe e le orecchie pendenti, presentando un'apparenza
d'indecisione e di contrarietà intorno alla quale non si
poteva ingannarsi.
Quasi tutti i movimenti descritti qui sopra sono innati
od istintivi; perchè comuni a tutti gl'individui, giovani o
vecchi, di tutte le specie; bisogna però eccettuare la piacevole smorfia ch'esprime la gioia. La maggior parte di
questi movimenti è pure comune ai progenitori aborigeni del cane, cioè al lupo ed allo sciacallo, ed alcuni ad
altre specie del medesimo gruppo. I lupi e gli sciacalli
addimesticati quando si carezzano, saltellano di gioia,
agitano la coda, abbassano le orecchie, leccano le mani
del padrone, s'accosciano ed anche si rotolano sul suolo
col ventre in aria95. Ho visto uno sciacallo d'Africa, ori95 GUELDENSTAEDT dà alcuni dettagli su questo argomento nel suo lavoro sullo sciacallo (Nov. Comm. Acad. Sc. Imp. Pétrop., 1775, t. XX, p. 449). Veggasi ancora un bellissimo articolo
sulle andature ed i giuochi di questo animale nel Land and Water,
ottobre 1869. Il luogotenente Annesley, dell'armata inglese, m'ha
155
ginario dal Gabon, e molto rassomigliante ad una volpe,
abbassare le orecchie allorchè lo si carezzava. Il lupo e
lo sciacallo, atterriti, nascondono di certo la coda fra le
gambe. Ho udito narrare che uno sciacallo addomesticato girava attorno al padrone descrivendo, proprio a somiglianza di un cane, dei circoli e degli otto, e celando
la coda nella stessa maniera.
Si sostenne l'idea96 che la volpe, anche addomesticata,
non eseguisce giammai alcuno dei movimenti espressivi
or ora citati; tuttavia ciò non è rigorosamente vero. Da
già molti anni io osservai al Giardino zoologico una volpe inglese domesticissima, la quale, accarezzata dal proprio padrone, agitava la coda, abbassava le orecchie, poi
si rotolava in terra col ventre in aria. Questo fatto fu da
me pubblicato in quell'epoca. La volpe nera dell'America settentrionale abbassa pure le orecchie a un debole
grado. Ma io credo che le volpi non lecchino mai le
mani dei loro padroni, e mi sono accertato che sotto l'influenza della paura non nascondono la coda. Ammettendo l'interpretazione ch'io diedi alla espressione dei sentimenti affettuosi nel cane, sembra che animali, i quali
non passarono mai allo stato di domesticità – come il
lupo, lo sciacallo ed anche la volpe – abbiano tuttavia
acquisiti, in virtù del principio dell'antitesi, alcuni gesti
espressivi; in fatto non è cosa probabile che questi anieziandio comunicate alcune particolarità relative allo sciacallo.
Ho riunito un gran numero di informazioni sui lupi e gli sciacalli
nel Giardino zoologico, ed io stesso osservai gli uni e gli altri.
96 Land and Water, 6 nov. 1869.
156
mali, racchiusi nelle loro gabbie, abbiano potuto apprendere codesti movimenti imitando dei cani.
Gatto. – Ho già descritta la condotta di un gatto irritato, senza spavento (fig. 9). Ei s'accoscia e striscia sul
suolo; talvolta avanza la zampa anteriore, facendo sporgere le unghie, ond'essere pronto a colpire. La coda è distesa e si move ondulando o batte vivamente da una parte all'altra. Il pelo non si rizza: ciò almeno è quello ch'io
vidi nei casi in cui ebbi occasione di osservare. L'animale rovescia molto le orecchie all'indietro e mostra i denti
mandando sordi brontolii. Perchè l'attitudine di un gatto
che si dispone a lottare con un altro, o che è violentemente irritato in un modo qualunque, differisca così da
quella che prende il cane in circostanze simili, si può
comprendere pensando che il gatto colpisce colle zampe
anteriori, il che rende comoda od anche necessaria la
posizione accosciata. Per giunta esso, assai più che il
cane, ha l'abitudine di imboscarsi per piombar bruscamente sovra la preda. Quanto ai movimenti della coda, è
impossibile assegnarvi una causa con qualche certezza.
Essi s'incontrano in molte altre specie, ad esempio nel
Puma, nel punto in cui si dispone allo slancio97; non si
osservano all'incontro nel cane, nè nella volpe, secondo
le osservazioni fatte da Saint-John sopra una volpe in
agguato, mentre appostava una lepre. Vedemmo di già
che certe specie di sauriani ed alcuni serpenti agitano rapidamente l'estremità della coda in segno di collera. Ei
97 AZARA, Quadrupèdes du Paraguay, 1801, t. I, p. 136.
157
sembra che, sotto l'influenza di una energica eccitazione, si produca un irresistibile bisogno di movimento di
qualsivoglia natura dovuto alla sovrabbondanza di forza
nervosa emanata dal sensorio; allora la coda, che resta
libera e i di cui movimenti non turbano punto l'attitudine
generale del corpo, si dondola o sferza l'aria da una parte e dall'altra.
Allorchè un gatto vuol palesare la propria affezione,
tutti i suoi movimenti sono completamente in antitesi
con quelli or ora descritti. Ei si tiene ritto sulle zampe,
col dorso leggermente arcuato, la coda alzata verticalmente, le orecchie rizzate; nello stesso tempo strofina il
muso ed i fianchi contro il padrone o la padrona. Questo
desiderio di sfregarsi contro qualche cosa è così intenso
nei gatti, che si veggono di spesso strofinarsi contro i
piedi delle sedie o delle tavole, o contro gli stipiti delle
porte. Codesta maniera di esprimere l'affetto deriva probabilmente, per via d'associazione come nel cane, dalle
carezze che la madre prodiga a' suoi piccoli durante l'allattamento, e forse ancora dall'amicizia che i nati stessi
si nutrono a vicenda e si manifestano nei loro giuochi.
Ho già descritto un altro gesto, molto diverso, per cui
questo animale esprime il piacere; intendo parlare del
modo curioso col quale i gatti giovani, ed anche vecchi,
avanzano alternativamente le zampe anteriori scostando
le dita, quasi fossero tuttora sospesi alla mammella materna.
Quest'abitudine è così analoga all'altra di strofinarsi
contro qualche cosa, che tanto l'una come l'altra devono
158
derivare da atti compiuti durante il periodo dell'allattamento. Perchè il gatto manifesti il suo affetto sfregandosi molto più del cane, avvegnachè quest'ultimo ami il
contatto del proprio padrone; perchè il gatto lecchi di
raro le mani di coloro che ama, mentre il cane lo fa di
continuo, non so dire. Il gatto si pulisce leccando la sua
pelliccia molto più regolarmente del cane; eppure la lingua del primo parrebbe molto meno disposta per questo
genere di lavoro in confronto della lingua molto più lunga e più flessibile del secondo.
Fig. 15 – Gatto spaventato da un cane.
Dal vero, dis. dal sig. Wood.
159
Sotto l'influenza del terrore, il gatto si drizza più alto
che può, arcuando il dorso in modo noto e ridicolo. Esso
sputacchia, soffia o brontola. Il suo pelo si erige in tutto
il corpo e particolarmente alla coda. Negli esempi osservati da me, la coda medesima si rialzava verso la base,
mentre l'estremità si portava da un lato; talvolta quest'appendice si solleva un po' solo e s'inclina lateralmente quasi presso la sua radice. Le orecchie si portavano
indietro; i denti scoprivansi. Quando due piccoli gatti
giuocano assieme, noi vediamo di spesso che cercano di
spaventarsi a vicenda coi gesti. Se rammentiamo quel
che abbiamo veduto nei precedenti capitoli, possiamo
spiegare tutti i caratteri espressivi qui sopra esposti,
tranne uno solo, l'esagerata arcuazione del dorso (fig.
15). Io inclino a credere che, come molti uccelli rizzano
le piume e distendono le ali e la coda per mostrarsi più
grandi che sanno, così il gatto si rizza fin che può, inarca il dorso, solleva spesso la base della coda ed erige il
pelo, tutto al medesimo scopo. Dicesi che anche la lince,
quando è attaccata, inarca il dorso; gli è in codesta attitudine che Brehm l'ha rappresentata. I custodi del Giardino zoologico non ebbero mai a constatare la minima
tendenza ad assumere questa posizione nei felini di
grande statura, tigri, leoni, ecc., i quali, veramente, hanno pochi motivi per essere spaventati da alcun altro animale.
Il gatto impiega frequentemente la voce come mezzo
di espressione; egli emette, sotto l'influenza di emozioni
o di desiderii diversi, almeno sei o sette differenti suoni.
160
Il mugolìo di soddisfazione ch'ei produce nella inspirazione e nella espirazione, è uno dei più curiosi. Il puma,
il cheetah e l'ocelot fanno anche la ruota; la tigre esprime il piacere «con un breve soffio nasale tutto particolare, accompagnato dall'avvicinamento delle palpebre»98.
Sembra che il leone, lo jaguar ed il leopardo non faccian
la ruota.
Cavallo. – Quando vuole manifestare ostili intenzioni, il cavallo arrovescia completamente le orecchie all'indietro, avanza la testa e discopre in parte i denti incisivi, ond'essere pronto a mordere. Se è disposto a tirar
calci, l'abitudine gli fa ancora rovesciare le orecchie; per
giunta i suoi occhi si volgono indietro in modo particolare99. Per esprimere il piacere, quando, ad esempio, nella scuderia gli si mette davanti un pasto desiderato, solleva la testa e la porta indietro, drizza le orecchie, segue
con attento sguardo l'amico che giunge a soddisfare il
desiderio di lui, e spesso nitrisce. Egli esprime l'impazienza battendo il suolo col piede.
L'attitudine d'un cavallo improvvisamente atterrito è
espressiva al massimo grado. Osservai un dì il mio cavallo spaventato alla vista d'una macchina seminatrice
coperta da una tela incerata e abbandonata in mezzo alla
via. Sollevò la testa tant'alto che il collo gli venne quasi
98 Land and Water, 1867, p. 657. Veggasi anche intorno al
Puma, AZARA (loc. cit.).
99 Sir C. BELL, Anatomy of Expression, 3a ediz., p. 123. Veggasi anche a p. 126, sulla dilatazione delle narici nel cavallo, e
suoi rapporti colla mancanza della respirazione per la bocca.
161
verticale; era questo evidentemente un gesto di pura abitudine, perocchè, essendo la macchina collocata in un
pendio sotto di lui, non potea giovare a fargliela veder
più distinta, nè ad udir meglio il rumore ch'essa avrebbe
potuto mandare. Gli occhi e le orecchie erano fissamente diretti in avanti. Attraverso la sella, io sentivo i rapidi
battiti del suo cuore. Respirava con violenza per le narici, rosse e dilatate. La dilatazione delle narici non ha per
iscopo di fiutare la sorgente del pericolo, perchè quando
un cavallo fiuta con cura un oggetto, senz'essere spaventato, questa dilatazione non si produce. Per la presenza
di una valvola nella gola, il cavallo che palpita non respira per la bocca aperta, ma per le narici, le quali per
conseguenza hanno dovuto acquistare un'attitudine di
espansione molto spiccata. Questa espansione, siccome
l'ansare ed i palpiti del cuore, sono atti che, per lungo
seguito di generazioni; dovettero fortemente associarsi
alle emozioni del terrore; perocchè il terrore ha spinto
abitualmente il cavallo al più violento esercizio, per fuggir a precipizio la causa del pericolo.
Ruminanti. – I buoi ed i montoni sono notevoli per la
scarsità dei mezzi, coll'aiuto dei quali esprimono generalmente le loro emozioni o le loro sensazioni; bisogna
però eccettuarne l'estremo dolore. Un toro furioso non
manifesta il proprio furore che nel modo onde abbassa
la testa, dilatando le narici e muggendo. Talvolta eziandio batte il suolo col piede, ma questo movimento dev'essere assai diverso da quello d'un cavallo impaziente;
perocchè quando il terreno è polveroso, ei solleva turbi162
ni di polvere. Ritengo che il toro si comporti in siffatta
maniera, allor ch'è vessato dalle mosche, allo scopo di
liberarsene. Le razze di montoni selvaggi ed il camoscio, quando sono atterriti, batton col piede e sibilano
per le narici, avvertendo così del pericolo i loro compagni. Il bue muschiato delle regioni artiche batte parimenti il suolo, in faccia a un nemico100. Qual sia l'origine di questo gesto, non saprei indovinare, perchè dalle
mie ricerche non pare che alcuno di questi animali lotti
colle gambe davanti.
Certe specie di cervi manifestano la collera in una
maniera molto più espressiva che non i buoi, i montoni
e le capre. Infatti vedemmo che questi animali arrovesciano le orecchie all'indietro, digrignano i denti, rizzano il pelo, mandano grida, battono il suolo col piede e
scuotono le corna. Un giorno, al Giardino zoologico, il
Cervus pseudaxis s'avvicinò a me in una singolare attitudine, colla testa un po' obliqua ed il muso levato in
aria, in modo che le corna erano riverse sul collo. L'espressione del suo sguardo m'indicava evidentemente
ostili intenzioni; ei s'approssimò lentamente, poi, arrivando all'inferriata, in luogo d'abbassare la testa per colpirmi, raccolse d'improvviso il collo e venne ad urtar
fortemente colle corna le sbarre di ferro. Il Bartlett
m'apprende che alcune altre specie di cervi, allorchè
sono furiose, assumono la stessa attitudine.
Scimie. – Le scimie delle diverse specie e dei diversi
100 Land and Water, 1869, p. 152.
163
generi esprimono i propri sentimenti in maniere assai
varie. Questo fatto è interessante, perchè fino ad un certo punto sta in relazione colla questione di sapere se le
pretese razze umane debbano venir considerate come
specie o come varietà; in fatti, lo vedremo fra breve, le
varie razze umane esprimono le loro emozioni e le loro
sensazioni con una notevole uniformità su tutta la superficie del globo. Alcuni atti espressivi delle scimie riescono interessanti sotto un altro punto di vista, perchè,
cioè, sono esattamente analoghi a quelli dell'uomo. Siccome non ebbi l'occasione d'osservare alcuna specie del
gruppo in tutte le circostanze possibili, le sparse annotazioni che potei fare saranno meglio classate sotto il capitolo dei vari stati dell'animo.
Piacere, gioia, affezione. – Nelle scimie, almeno senza esperienza maggiore di quella ch'io m'abbia, è impossibile distinguere l'espressione del piacere o della gioia
da quella dell'affezione. I giovani chimpanzè fanno sentire una specie di abbaiamento, ond'esprimere la gioia
che provano pel ritorno d'una persona a cui nutrono affetto. Producendo questo rumore, che i custodi qualificano col nome di riso, essi sporgono le labbra. Questo
movimento del resto è comune alla espressione di alcune altre emozioni; per altro, in seguito alle mie osservazioni, la forma delle labbra è un po' varia a seconda
ch'esprime il piacere o la collera. Allorchè si solletica un
giovane chimpanzè (come nei fanciulli, è sovratutto l'ascella che si mostra sensibile al solletico), esso articola
un gaio suono od un riso abbastanza caratteristico, che
164
però qualche volta è un riso muto. Gli angoli della bocca sono allora tirati all'indietro, il che talvolta increspa
un poco le palpebre inferiori. Tuttavia questo increspamento delle palpebre, ch'è un tratto caratteristico del
riso umano, s'osserva meglio in altre scimie. I denti della mascella superiore non si discoprono, ciò che distingue il ridere del chimpanzè dal nostro. D'altra parte, secondo le osservazioni di W. L. Martin, che studiò in una
maniera affatto speciale l'espressione nelle scimie101, gli
occhi del chimpanzè sfavillano e si fan più brillanti.
Quando si solletica un giovane orango, ci fa un'analoga smorfia piacevole e produce un rumore di soddisfazione, e, secondo Martin, i suoi occhi divengono nello
stesso tempo più brillanti. Appena cessa questo riso, si
vede passargli sulla faccia un'espressione, che, da un'osservazione di Wallace, può paragonarsi a un sorriso. Io
ho notato qualche cosa di analogo nel chimpanzè. Il dottor Duchenne – nè potrei citare autorità migliore – mi
narrò d'aver conservato per un anno in sua casa una scimia perfettamente addomesticata; quando, al momento
del pasto, ei le dava qualche leccornìa, vedea leggermente elevarsi gli angoli della bocca di lei, ed allora distingueva assai nettamente sulla faccia di questo animale una espressione di compiacenza simigliante ad un abbozzo di sorriso e che richiamava quel che di spesso si
osserva sul volto dell'uomo.
101 Natural History of Mammalia, 1841, vol. I, p. 383, 410.
165
Anche il Cebus Azarae102 emette un suono particolare, una specie di ghigno (in tedesco kichernden), per
esprimere la contentezza che prova nel rivedere una persona amata. Ei palesa eziandio sensazioni gradite tirando indietro gli angoli della bocca, senza produrre strepito alcuno. Rengger dà il titolo di riso a questo movimento, ma più esattamente si potrebbe chiamare un sorriso.
La forma della bocca è affatto diversa nella espressione
del dolore o dello spavento, i quali si manifestano inoltre con penetranti grida. Al Giardino zoologico si osserva un'altra specie di Cebus (C. hypoleucus), che palesa
la propria soddisfazione mandando una nota acuta, penetrante, ripetuta, e tirando del pari all'indietro le commessure delle sue labbra, probabilmente per la contrazione dei medesimi muscoli che si contraggono in noi.
Nella scimia di Barberia (Inuus ecaudatus), questo movimento è singolarmente pronunciato, e la pelle della
palpebra inferiore s'increspa. Nello stesso tempo l'animale muove spasmodicamente la mascella inferiore o le
labbra e scopre i denti; ma lo strepito ch'esso produce
non è guari più distinto di quello che noi designiamo talvolta sotto il nome di riso muto. Quand'io non avevo ancora alcuna esperienza sulle abitudini di questi animali,
avendomi un giorno due fra i loro custodi asserito che
questo strepito appena percettibile costituiva realmente
la loro maniera di ridere, io esposi qualche dubbio in
102 RENGGER (Säugethiere von Paraguay, 1830, p. 46) ha
conservato scimie di questa specie per molti anni in gabbia, al Paraguay, loro patria.
166
proposito; allora essi collocarono uno di quegli animali
in presenza d'una scimia Entellus che vivea nella medesima gabbia e ch'ei detestava. Ben tosto l'espressione
della faccia dell'Inuus cangiò affatto: esso aprì molto di
più la bocca, scoperse più completamente i denti canini
e mandò un suono rauco e latrante.
Fig. 16 – Cynopithecus niger, in riposo. Fig. 17 – Lo stesso accarezzato e ch'eDal vero, dis. dal sig. Wood.
sprime la propria soddisfazione.
Ho visto un guardiano provocar prima un babbuino
Anubis (Cynocephalus anubis) e ridurlo così facilmente
in uno stato di rabbia violenta, poi far la pace con lui e
stendergli la mano. Al momento di questa riconciliazione, il babbuino movea rapidamente d'alto in basso le
mascelle e le labbra, con una espressione di visibile
compiacenza. Quando noi sghignazziamo, le nostre mascelle son agitate da un movimento o da un tremito si167
mile più o meno distinto; solo, nell'uomo, i muscoli del
petto sono più specialmente messi in azione; nel babbuino all'incontro e in alcune altre scimie, gli è sui muscoli
delle mascelle e delle labbra che si produce questo movimento spasmodico.
Ebbi di già l'occasione di far osservare la singolare
maniera onde due o tre specie di macachi ed il Cynopithecus niger esprimono la soddisfazione che loro procurano le carezze, contraendo le orecchie all'indietro e facendo sentire un leggiero cinguettare. Nel Cynopithecus
(fig. 17) gli angoli della bocca sono nel medesimo tempo tirati indietro ed in alto, in modo che i denti si scoprono. Senza esserne prevenuti, riescirebbe difficile di
riconoscere in questi caratteri una espressione di piacere. Il lungo ciuffo di peli che adorna la fronte si appiana
e i tegumenti di tutta la testa sembrano tesi all'indietro.
Anche le palpebre si sollevano un poco e lo sguardo assume un'aria sbalordita. Le palpebre inferiori s'increspano leggermente, ma quest'ultimo carattere non è molto
visibile, in causa delle rughe che solcano in direzione
trasversale e permanentemente la faccia.
Emozioni e sensazioni dolorose. – Nelle scimie l'espressione di un leggiero dolore o di qualsivoglia emozione penosa, affanno, contrarietà, gelosia, ecc., si distingue difficilmente dall'espressione di una collera moderata: d'altra parte questi stati d'animo si trasformano
agevolmente e rapidamente gli uni negli altri. Tuttavia
in certe specie l'angoscia si manifesta di certo col pianto. Una donna, la quale vendette alla Società zoologica
168
una scimia che fu supposto provenisse da Borneo (Macacus maurus o M. inornatus di Gray), asserì ch'essa
piangea di frequente; infatti, più tardi, Bartlett e Sutton
videro a più riprese questo stesso animale piangere così
quand'era affannato o semplicemente intenerito, che le
lagrime gli colavano sulle guancie. Peraltro, in questo
fatto v'ha qualche cosa di strano, perchè non si videro
mai a piangere due altri individui, conservati dappoi al
Giardino zoologico e considerati siccome appartenenti
alla medesima specie, avvegnachè fossero stati attentamente osservati dal loro custode e da me stesso,
quand'erano molto afflitti e gridavano con forza. Secondo Rengger103, gli occhi del Cebus Azarae, quando è assai atterrito o quando gli s'impedisce d'impadronirsi d'un
oggetto molto desiderato, si riempiono di lagrime, ma
non tanto in copia da poterne colare. Humboldt pretende
ancora che gli occhi del Callithrix sciureus, colpito di
paura, si riempiano istantaneamente di lagrime. Tuttavia, allorchè al Giardino zoologico si aizzava questa
leggiadra scimietta, in modo da farle mandar forti grida,
nulla si osservava di simile. Non è però ch'io voglia
mettere menomamente in dubbio l'esattezza dell'asserzione di Humboldt.
L'aspetto abbattuto, negli orang e nei chimpanzè giovani, quando sono malati, è altrettanto manifesto e quasi
altrettanto espressivo che nei nostri fanciulli. Questo
103 RENGGER, ivi, p. 46. – HUMBOLDT, Personal Narrative, trad. ingl., vol. IV, p. 527.
169
stato dell'animo e del corpo è fatto palese dai movimenti
trascurati, dalla fisionomia abbattuta, dallo sguardo languido e dal colorito alterato.
Collera. – Questa emozione, manifestata di spesso
dalle scimie di diverse specie, si esprime nelle più differenti maniere. «Certe specie, dice Martin104, sporgono le
labbra, fissano uno sguardo scintillante e feroce sul loro
nemico; fanno ripetuti saltelli come per islanciarsi in
avanti, ed emettono un suono gutturale e soffocato. Altre palesano la collera avanzandosi bruscamente, eseguendo salti interrotti, aprendo la bocca ed increspando
le labbra in modo da nascondere i denti, fissando audacemente gli occhi sul loro nemico, quasi ad indicare una
feroce diffidenza. Altre infine, e precipuamente le scimie a lunga coda o bertuccie, mostrano i denti ed accompagnano le loro maliziose smorfie con un grido acuto, tronco, ripetuto». Sutton conferma il fatto che certe
specie, in segno di furore, scoprono i denti, mentre altre
li nascondono avanzando le labbra. In talune le orecchie
si arrovesciano indietro. Il Cynopithecus niger, onde abbiam già parlato, si comporta egualmente, nello stesso
tempo in cui abbassa il ciuffo di peli che gli adorna la
fronte e mostra i denti; dimodochè la disposizione dei lineamenti della sua faccia è quasi la stessa sotto l'influenza della collera e sotto quella del piacere, e senz'avere una grande esperienza sulla fisionomia dell'animale
in discorso, riesce difficile distinguere l'una dall'altra
104 Nat. Hist. of Mammalia, 1841, p. 351.
170
queste due espressioni.
I babbuini manifestano spesso la collera e minacciano
i nemici in un modo molto bizzarro: spalancano la bocca come volessero sbadigliare. Bartlett vide più fiate
due babbuini, collocati per la prima volta nella medesima gabbia, assidersi in faccia l'uno dell'altro ed aprire
alternativamente la bocca: atto che sembra per giunta
terminarsi di frequente con un vero sbadiglio. Bartlett
pensa che i due animali vogliano così mostrarsi a vicenda che son forniti di formidabili file di denti, il che è
vero. Siccome io duravo fatica a prestar fede alla realtà
di un tal movimento, il signor Bartlett provocò un giorno in mia presenza un vecchio babbuino e lo ridusse in
uno stato di estremo furore; il babbuino quasi subito
aprì la bocca. Alcune specie di Macachi e di Cercopitechi105 si comportano nella stessa maniera. In seguito alle
osservazioni fatte da Brehm su quelli ch'ei tenne vivi in
Abissinia, il babbuino manifesta la collera anche in
un'altra maniera, battendo, cioè, il suolo con una mano
«come un uomo irritato batte col pugno una tavola che
gli sta dinanzi». Infatti io constatai questo gesto nei babbuini del Giardino zoologico; ma sembra piuttosto
ch'essi abbiano sovente lo scopo di cercare una pietra o
qualche altro oggetto nel loro strame di paglia.
Il signor Sutton osservò spesse volte che quando un
Macacus rhesus montava nel massimo furore, la faccia
105 BREHM, Thierleben, vol. I, p. 84. – Quanto al gesto dei
babbuini, vedi p. 61.
171
di lui diveniva rossa. Nel momento stesso in cui mi descrivea questo fatto, un'altra scimia attaccò un rhesus,
ed io vidi in realtà la faccia di quest'ultimo arrossare
così palesemente come il volto d'un uomo in un accesso
di collera violenta. Dopo la lotta, la faccia della scimia
in capo ad alcuni minuti riprende il colorito abituale. Ei
mi sembra che la parte posteriore, glabra, del tronco, la
quale è normalmente rossa, lo divenisse ancor più insieme alla faccia; peraltro non posso asserirlo. Si dice che
quando il mandrillo è irritato in un modo qualunque, le
parti glabre della sua pelle, ch'hanno tinte vivaci, assumano un colorito ancora più spiccato.
In molte specie di babbuini la parte superiore della
fronte sporge d'assai al di sopra degli occhi ed è fornita
di un piccolo numero di lunghi peli, che rappresentano
le nostre sopracciglia, Codesti animali osservano incessantemente da tutte le bande, e, per guardare in alto, sollevano questa parte del fronte. Secondo ogni apparenza,
è così che dovettero acquistar l'abitudine di movere frequentemente i sopraccigli. Comunque sia, molte specie
di scimie e specialmente i babbuini, sotto l'influenza
della collera o in faccia ad una provocazione qualunque,
li agitano rapidamente e continuamente dall'alto in basso insieme al peloso tegumento del fronte106. Siccome
abbiam presa l'abitudine di associare nella specie umana
l'elevazione e l'abbassamento dei sopraccigli con certi
106 BREHM fa osservare (Thierleben, p. 68) che l'Inuus ecaudatus, quand'è irritato, move di spesso le sopracciglia dall'alto in
basso.
172
stati dell'animo, il movimento quasi incessante di questi
organi nelle scimie dà loro una fisionomia affatto insensata. Ebbi l'occasione di osservare un individuo che
avea il ghiribizzo di levar di continuo le sopracciglia
senza che vi corrispondesse verun sentimento, cosa che
gli dava l'aria di un imbecille. Ed è lo stesso di certe
persone, le. quali hanno costantemente gli angoli della
bocca un po' rialzati e tesi all'indietro, come per abbozzare un sorriso, senza che provino il minimo sentimento
di gioia e di allegrezza il quale giustifichi una tale attitudine.
Fig. 18 – Chimpanzè disgustato e di cattivo umore.
Dal vero, dis. dal sig. Wood.
Un giovane orango, geloso delle premure che il suo
custode accordava ad un'altra scimia, scoprì leggermente i denti, poi, facendo sentire un grido di cattivo umore
analogo al suo tish-shist, gli voltò la schiena. Sotto l'in173
fluenza d'una collera un po' più intensa, gli orang ed i
chimpanzè sporgono molto le labbra e mandano un rauco guaìto. Un giovane chimpanzè femmina, in un accesso di collera violenta, offrì una curiosa rassomiglianza
con un fanciullo che si trovi nel medesimo stato d'animo. Colla bocca spalancata, le labbre contratte ed i denti
completamente scoperti, mandava risonanti grida. Lanciava d'ogni banda le braccia e le riuniva talvolta sopra
la testa. Rotolavasi in terra, ora sul dorso, ora sul ventre
e mordea tutto che gli era a portata. In base ad una descrizione107, un giovane gibbone (Hylobates syndactylus) in un accesso di collera si comportò quasi esattamente nella stessa maniera.
I giovani orang ed i chimpanzè in diverse circostanze
sporgono le labbra, talvolta in modo meraviglioso. Essi
operano così, non solo quando sono leggermente stizziti, sguaiati o disgustati, ma anche allorchè sono atterriti
da un oggetto qualunque, – ad esempio, venendo ad un
caso particolare, alla vista di una testuggine108 – ed
eziandio quando sono allegri. Tuttavia io credo che nè il
grado di questa proiezione delle labbra, nè la forma della bocca sieno esattamente identici in tutti i casi. Per
giunta, i suoni emessi in queste diverse circostanze variano assai. Il disegno qui annesso rappresenta un chimpanzè ridotto di cattivo umore, togliendogli un arancio
107 G. BENNETT, Wanderings in New South Wales, ecc., vol.
II, 1834, p. 153.
108 W. C. MARTIN, Nat. Hist. of Mamm. Animals, 1841, p.
405.
174
che prima gli era stato offerto. Nei fanciulli sguaiati
puossi osservare un analogo movimento delle labbra,
avvegnachè men pronunciato.
Alcuni anni or sono, io collocai un giorno sul pavimento, al Giardino zoologico, uno specchio dinanzi a
due giovani orang, i quali, per quanto almeno mi consta,
non avevano giammai visto nulla di simile. Essi cominciarono a guardarlo colla più manifesta sorpresa, cangiando spesso il punto di vista. Poi vi si avvicinarono affatto, sporgendo le labbra verso la loro immagine, quasi
per darle un bacio, precisamente come aveano fatto fra
loro alcuni giorni avanti, quand'erano stati messi per la
prima volta nella medesima gabbia. Quindi eseguirono
ogni specie di smorfie e si collocarono in faccia allo
specchio nelle più svariate attitudini: s'appoggiavano
sulla sua superficie e la sfregavano; mettevano le mani a
diverse distanze dietro di esso; finalmente parvero quasi
atterriti, rincularono alquanto, divennero di cattivo umore e rifiutarono di guardarlo più a lungo.
Allorchè noi cerchiamo di compiere qualche atto che
richiede poca forza, ma è minuzioso ed esige precisione,
quando, ad esempio, vogliamo infilare un ago, serriamo
di solito le labbra con energia, allo scopo, io penso, di
non turbare i nostri movimenti col respiro. Ho visto un
giovine orang comportarsi in modo simile. La povera
bestiuola era malata e si dilettava tentando di uccidere
colle dita sui vetri le mosche che ronzavano attorno; ad
ogni tentativo chiudeva esattamente le labbra e le sporgeva alquanto.
175
Così, in certe circostanze, nell'orang e nel chimpanzè
la fisionomia e più ancora l'attitudine sono notevolmente espressive; tuttavia io credo che lo sieno ancor più in
altre specie di scimie. Tale differenza puossi spiegare in
parte coll'immobilità delle orecchie, nelle scimie antropomorfe, in parte colla nudità dei loro sopraccigli, i di
cui movimenti sono quindi meno apparenti. Peraltro
quando elevano le sopracciglia, la loro fronte si copre,
come in noi, di rughe trasversali. Confrontata a quella
dell'uomo, la loro faccia è inespressiva; il che dipende
precipuamente da ciò che nessuna emozione fa in esse
aggrottar le sopracciglia, per quanto almeno io potei osservare (ed è questo un punto sul quale portai la mia
particolare attenzione). L'aggrottamento dei sopraccigli,
uno dei segni più importanti nell'espressione del volto
umano, è dovuto alla contrazione dei sopraccigliari, che
abbassano gl'integumenti e li avvicinano alla radice del
naso, in modo da produr sulla fronte delle pieghe verticali. Pare109 che l'orang ed il chimpanzè posseggano entrambi questo muscolo, ma pare altresì che lo mettano
raramente in azione, almeno in maniera molto visibile.
Avendo disposte le mie mani così da formare una specie
di gabbia, ed avendovi chiuse delle frutta appetitose, lascia fare all'orang ed al chimpanzè tutti gli sforzi per im109 Vedi sull'orang. il prof. OWEN, Proc. Zool. Soc., 1830, p.
28. Sul chimpanzè vedi il professore MACALISTER, Annals and
Mag. of Nat. Hist., vol. VII, 1871, p. 342: questo osservatore constatò che il sopraccigliare non può venir separato dall'orbicolare
delle palpebre.
176
padronirsene: essi finirono col mettersi alquanto di cattivo umore, ma non osservai traccia veruna di sopracciglia aggrottate. Nè, quando montano in furia, se ne può
scorgere alcuna. Due volte feci bruscamente passare due
chimpanzè dalla relativa oscurità della loro gabbia alla
viva luce del sole, che ad un uomo avrebbe di certo fatto
aggrottare il sopracciglio; essi batteano gli occhi, ma
solo una volta mi fu dato osservare un leggerissimo aggrottamento. In un'altra occasione, solleticai con una paglia il naso d'un chimpanzè, e siccome contraeva il viso,
vidi apparire tra i sopraccigli delle grinze verticali poco
distinte. Non ho mai osservato verun aggrottamento sulla fronte dell'orang.
Quando il gorilla è in furore, si dice che rizzi la cresta
di peli, abbassi il labbro inferiore, dilati le narici e mandi spaventevoli urli. Secondo i signori Savage e Vyman110, il cuoio capelluto può muoversi libero dall'indietro all'avanti, e, sotto l'influenza della collera «si contrae» vivamente. Io credo che con quest'ultima espressione essi vogliano dire che il cuoio capelluto si abbassa, «quando grida, egli ha le sopracciglia molto contratte». La grande mobilità del cuoio capelluto nel gorilla,
in molti babbuini e in parecchie altre scimie, merita di
venir segnalata a causa del rapporto tra questo fenomeno e la facoltà che posseggono alcuni uomini di muoverlo anche volontariamente per un effetto di riversione
110 Boston Journal of Nat. Hist., 1845-47, vol. V, p. 423. – Sul
chimpanzè, vedi lo stesso, ivi 1843-44, vol. IV, p. 365.
177
o di persistenza111.
Stupore, spavento. – Un dì, al Giardino zoologico, feci
collocare una testuggine d'acqua dolce, viva, nella medesima gabbia con molte scimie; esse manifestarono
uno smisurato stupore, ed insieme un po' di spavento.
Restavano immobili, guardando fisso, cogli occhi spalancati, e movendo frequentemente le palpebre dall'alto
in basso. Il loro viso pareva alquanto allungato. Di
quando in quando si sollevavano sulle gambe di dietro
per veder meglio. Spesso rinculavano di alcuni passi,
poi si rimettevano a guardare con attenzione, girando la
testa sovra una spalla. Cosa curiosa, erano assai meno
sgomentate dalla vista di questa testuggine che da quella
di un serpente vivo da me giorni addietro collocato nella
loro gabbia112; perocchè, in capo ad alcuni minuti, parecchie di esse s'azzardarono di avvicinarsi e di toccar la testuggine. Peraltro taluno fra i più grandi babbuini era atterrito al massimo grado, e mostrava i denti come fosse
stato sul punto di mandar delle grida. Feci vedere al Cynopithecus niger una piccola fantoccia vestita: ei s'arrestò immobile, cogli occhi spalancati e fissi, e le orecchie
piegate alquanto in avanti. Ma quando fu collocata la testuggine nella sua gabbia, questa scimmia cominciò a
muover le labbra in un modo singolare, rapido e rumoroso, il che, a dir del custode, aveva per iscopo di carezzare o di allettar la testuggine.
111 Veggasi su questo argomento l'Origine dell'Uomo, trad.
ital., pag. 21.
112 Origine dell'Uomo, trad. ital., pag. 37.
178
Non ebbi mai agio di osservare nettamente se, nella
espressione dello stupore, le sopracciglia della scimia si
mantengono permanentemente elevate, mentre le ho viste spesse volte muoversi dall'alto in basso. Nell'uomo,
l'attenzione, che precede lo stupore, si esprime con una
leggera elevazione delle sopracciglia. Il dottor Duchenne m'ha narrato che, quando presentava alla scimia onde
già m'intrattenni qualche novella e sconosciuta leccornìa, questo animale dapprima rialzava alquanto le sopracciglia e si dava un'aria di profonda attenzione; prendeva quindi l'oggetto tra le dita, e colle sopracciglia abbassate o rettilinee, lo grattava, lo fiutava, lo esaminava,
ed in allora assumeva un'espressione riflessiva. Quando
a quando rovesciava un po' la testa all'indietro e ricominciava il suo esame alzando bruscamente le sopracciglia; infine lo assaporava.
Le scimie non aprono mai la bocca in segno di stupore. Il signor Sutton, che per mio conto osservò a lungo
un giovane orang ed un chimpanzè, non li vide mai aprire la bocca, nemmeno quando erano affatto sbalorditi o
quando prestavano l'orecchio a qualche inusitato rumore. Questo fatto è curioso, imperocchè nell'uomo, sotto
l'impressione della sorpresa, non v'ha forse carattere
espressivo più generale della bocca spalancata. Per
quanto potei osservare, la scimia respira per le narici più
liberamente dell'uomo, il che può dare spiegazione al
precedente fenomeno; infatti, vedremo in uno dei seguenti capitoli che l'uomo, colpito di stupore, apre probabilmente la bocca, prima per effettuare una profonda
179
inspirazione, e in secondo luogo, per respirare più facilmente che sia possibile.
Molte specie di scimie esprimono il terrore mandando
penetranti grida; nello stesso tempo le labbra si ritirano
indietro, in modo da mettere a nudo i denti. Il pelo si
erige, sopratutto quando un po' di collera si mesce al
predetto sentimento. Il sig. Sutton vide distintamente la
faccia del Macacus rhesus farsi pallida sotto l'influenza
dello spavento. Il terrore fa tremare anche le scimie, che
lasciano talora sfuggire i loro escrementi. N'ebbi a veder
una la quale tutte le volte che la si afferrava, per eccessivo terrore cadeva quasi in deliquio.
In presenza al numero considerevole di fatti che abbiamo citati relativamente alle espressioni dei diversi
animali, è impossibile condividere l'opinione di sir C.
Bell, quando dice113 che «la faccia degli animali sembra
principalmente capace di esprimere la collera e lo spavento», ed altrove, che tutte le loro espressioni «possono
essere rapportate, più o meno completamente, ai loro
atti di volizione o ai loro istinti necessari». Se vuolsi
bene osservare un cane nel punto in cui si dispone ad attaccare un altro cane od un uomo, e lo stesso animale
quando carezza il proprio padrone; se si studia la fisionomia d'una scimia allorchè è provocata e quando è carezzata dal suo custode, si dovrà ad ogni costo riconoscere che i moti dei lineamenti ed i gesti sono quasi altrettanto espressivi in questi animali che nell'uomo. Av113 Anatomy of Expression, terza edizione, 1844, p. 138, 121.
180
vegnachè alcune di codeste espressioni negli animali
non possano ancora ricevere interpretazione soddisfacente, nullameno già ci è dato spiegare il maggior numero di esse coi tre principii enunciati sul cominciar del
primo capitolo.
181
CAPITOLO VI.
ESPRESSIONI SPECIALI ALL'UOMO: DOLORE
E PIANTO
Grida e pianto nel fanciullo. – Aspetto dei lineamenti. – Età in cui
comincia il pianto. – Effetti della repressione abituale del pianto. – Singulto. – Causa della contrazione dei muscoli che attorniano l'occhio durante le grida. – Causa della secrezione delle
lagrime.
In questo e nei seguenti capitoli mi propongo di descrivere e di spiegare – per quanto è possibile – le
espressioni manifestate dall'umana fisonomia sotto l'influenza dei vari stati dell'animo. E disporrò le mie osservazioni secondo l'ordine che a me pare più logico, vale a
dire facendo, in maniera generale, succedere l'una all'altra emozioni o sensazioni di carattere opposto.
Dolori fisici e morali; pianto. – Nel capitolo III ho
già descritto con sufficienti dettagli, quali segni di un
estremo dolore, le grida o i gemiti, le convulsioni di tutto il corpo, il restringimento delle mascelle o il digrignare dei denti. Questi segni sono spesso accompagnati o
seguiti da un abbondante sudore, dalla pallidezza, dal
182
tremito, da una completa prostrazione, dal deliquio. Non
v'ha dolore più grande di quello cagionato da una paura
o da un orrore spinto all'ultimo limite; ma, in questo
caso, entra in giuoco una speciale e distinta emozione,
sulla quale avremo a ritornare. Il dolore prolungato, sovratutto il dolore morale, si trasforma in abbattimento,
tristezza, scoraggiamento, disperazione; questi stati diversi formeranno soggetto del seguente capitolo. Per ora
m'intratterrò quasi esclusivamente sul pianto e sulle grida, in particolare nel fanciullo.
Quando il bambino soffre un dolore anche leggiero,
una fame moderata, una semplice contrarietà, manda
grida violente e prolungate. Infrattanto i suoi occhi si
chiudono energicamente e si cingono di pieghe; la fronte s'aggrinza e il sopracciglio s'increspa. La bocca spalancasi e le labbra contraggonsi in un modo speciale,
che dà a questo orifizio una forma pressochè quadrangolare; le gengive od i denti si discoprono più o meno. La
respirazione si precipita e diviene quasi spasmodica.
Non è cosa difficile far codeste osservazioni sopra un
fanciullo mentre grida; ma io credo si ottengano migliori. risultati ricorrendo a fotografie istantanee, le quali si
possono studiare a bell'agio e con ogni attenzione. Io
riunii una dozzina di queste fotografie, la maggior parte
eseguite per conto mio: esse rappresentano tutte gli stessi generali caratteri; ond'io ne feci riprodurre sei (Tavola
I) coll'incisione eliografica114.
114 Le migliori fotografie della mia collezione sono dovute al
183
Tav. I
L'energico rinserrar delle palpebre, che costituisce un
elemento di primo ordine nelle varie espressioni della fisonomia, e la compressione esercitata sui globi oculari,
che n'è la conseguenza, proteggono gli occhi, come sarà
or ora spiegato, contro il pericolo di un afflusso sanguigno troppo considerevole. Quanto all'ordine, secondo il
quale i vari muscoli si contraggono per produrre tale
signor Rejlander, di Londra (Victoria Street), ed al signor Kindermann, di Amburgo. Le figure 1, 3, 4 e 6 sono del primo; le figure
2 e 5 del secondo. La figura 6 rappresenta un fanciullo di età più
avanzata che piange moderatamente.
184
compressione, fu questo, da parte del dottor Langstaff,
di Southampton, l'oggetto di alcune osservazioni, cui mi
volle comunicare e ch'io ho verificate dappoi. A rendersene conto, il miglior mezzo è quello di pregare una persona a voler alzare dapprima le sopracciglia in modo da
solcare la fronte di rughe trasverse, poi di contrarre lentamente tutti i muscoli che attorniano gli occhi con una
energia gradualmente crescente ed infine con tutte le
forze. Prego qui il lettore poco famigliarizzato colle cognizioni anatomiche di gettare lo sguardo sulle figure 1,
2 e 3. Pare che i corrugatori sopraccigliari (corrugatores supercilii) sieno i primi muscoli che si contraggono;
essi attirano gli integumenti in basso ed in dentro verso
la base del naso, facendo comparire le pieghe verticali
che costituiscono l'aggrottamento dei sopraccigli, e tolgono nello stesso tempo le grinze trasversali del fronte.
Quasi simultaneamente, entrano in azione i muscoli orbicolari ed increspano gl'integumenti che attorniano gli
occhi; tuttavia sembra che la loro contrazione acquisti
una maggiore energia, appena quella dei sopraccigliari
ha dato loro un punto d'appoggio. Ultimi entrano in
giuoco i piramidali del naso, abbassando ancora le sopracciglia e la pelle del fronte, e producendo delle corte
rughe trasverse sulla radice del naso115. A dir breve, noi
distingueremo spesso l'insieme di questi diversi muscoli
col termine generale di muscoli orbicolari o peri-ocula115 HENLE (Handbuch d. Syst. Anat., 1858, vol. I, p. 139)
concorda col sig. Duchenne nell'attribuir questo effetto alla contrazione del m. pyramidalis nasi.
185
ri.
Quando gli anzidetti muscoli sieno energicamente
contratti, quelli che corrono al labbro superiore 116, entrano alla lor volta in azione e lo elevano; conseguenza facile a prevedersi, allorchè si rammentino le connessioni
esistenti almeno fra uno di loro, il malaris e l'orbicolare.
Contraete grado grado i muscoli peri-oculari, e sentirete
quasi subito, a misura che lo sforzo diverrà più energico,
il vostro labbro superiore sollevarsi alquanto in uno alle
pinne del naso, che in parte sono dirette dai medesimi
muscoli. Nello stesso tempo tenete la bocca perfettamente chiusa, poi lasciate andar bruscamente le labbra e
sentirete ben presto farsi maggiore la pressione esercitata sui vostri occhi. Esaminate parimenti una persona
che, esposta ad una vivida luce o volendo fissare un oggetto lontano, è costretta a chiudere in parte le palpebre,
– e quasi sempre osserverete che il suo labbro superiore
leggermente s'innalza. In alcuni individui, i quali, per
una miopia, hanno l'abitudine di restringere, guardando,
116 Questi muscoli sono: l'elevatore comune del labbro superiore e della pinna, l'elevatore proprio del labbro superiore, il
malare ed il piccolo zigomatico. Quest'ultimo muscolo è collocato parallelamente e al disotto del grande zigomatico e s'attacca
alla parte esterna del labbro superiore. Esso è rappresentato nella
fig. 2 ma non nelle figure 1 e 3. Il dott. DUCHENNE dimostrò
per il primo l'importanza della contrazione di questo muscolo in
rapporto al grido (Mécanisme de la Physionomie Humaine. Album, 1862, p. 39). Henle considera i muscoli su nominati (eccettuato il malaris) come suddivisioni di un solo e medesimo muscolo, il quadratus labii superioris.
186
l'orifizio palpebrale, si vede che la bocca assume, dopo
lungo tempo, un'espressione di smorfia.
L'elevazione del labbro attira la parte superiore delle
guancie, e dà luogo su ciascuna di esse ad uno spiccatissimo solco, il solco naso-labiale, che, partendo daccanto
alla pinna del naso, si prolunga fino al di sotto della
commissura. Questo solco può osservarsi su tutte le mie
fotografie; esso costituisce un segno assai caratteristico
della fisonomia del fanciullo che piange; per altro se ne
produce uno quasi eguale nell'atto del riso o del sorriso117.
117 Il dott. DUCHENNE studiò con minuziosa cura la contrazione dei diversi muscoli e le pieghe che si producono sul viso
nel pianto; mi sembra tuttavia che nelle sue risultanze v'abbia ancora qualche imperfezione, qualche lacuna, che d'altra parte mi è
impossibile precisare. Infatti nel suo album (fig. 48) si trova una
Tavola, in cui, galvanizzando i muscoli opportuni, s'è fatta sorridere una metà della faccia, mentre l'altra metà comincia a piangere. Ora, su ventuna persone a cui ho mostrata questa figura, quasi
tutti (diciannove) riconobbero subito l'espressione del lato sorridente. Per l'altro lato, al contrario, sei persone soltanto giudicarono giusto o quasi, trovandovi effettivamente la espressione della
tristezza, della sofferenza, della contrarietà; le altre quindici commisero i più singolari errori e credettero scorgervi le espressioni
di una folle allegria, della soddisfazione, dell'astuzia, del disgusto, ecc. Puossi conchiudere che nella espressione v'ha qualche
cosa di inesatto. Ciò che può aver tratto in errore gli è, che non
s'immagina di veder piangere un vecchio, e che non v'ha traccia
alcuna di lagrime. In un'altra figura del dottore DUCHENNE (fig.
49), nella quale i muscoli d'una metà della faccia sono galvanizzati allo scopo di rappresentare un uomo che comincia a piangere,
187
Mentre, come abbiamo spiegato, il labbro superiore,
durante le grida, è a questo modo teso in alto, i muscoli
abbassatori degli angoli della bocca (fig. 1 e 2 K), per
mantenere questa spalancata e lasciar passare un volume
considerevole di suono, vengono energicamente contratti. Codesta azione antagonista dei muscoli superiori ed
inferiori tende a dare all'apertura boccale una forma
oblunga, pressochè quadrata; gli è ciò che si vede nelle
annesse fotografie. Un romanziere, osservatore eccellente118, descrivendo un bambino che grida mentre gli si
dà a mangiare, dice: «La sua bocca si faceva quadrata, e
la zuppa sfuggiva dai quattro angoli». Io penso – e d'altra parte torneremo su questo punto in un altro capitolo
– io penso che gli abbassatori degli angoli della bocca
sieno meno soggetti al controllo isolato della volontà
che i muscoli vicini; dimodochè, quando un fanciullo si
dispone a piangere senza esservi ancora ben deciso,
questi muscoli sono in generale i primi a contrarsi, e gli
ultimi a cessare d'essere contratti. Allorchè un fanciullo
d'età più avanzata comincia a piangere, i muscoli che
col sopracciglio del medesimo lato obliquo, – ciò ch'è un segno
caratteristico dell'affanno, – l'espressione venne riconosciuta da
un numero di persone proporzionalmente più grande. Su ventitre,
quattordici risposero con esattezza: angoscia, afflizione, dolore,
pianto imminente, sofferenza, ecc.; le altre nove non seppero formarsi un giudizio o colpirono assolutamente in fallo, e risposero
astuzia, allegria, abbagliamento, sforzo per rilevare un oggetto
lontano, ecc.
118 Madama GASKELL, Mary Barton, nuova edizione, pag.
84.
188
corrono al labbro superiore sono spesso i primi a contrarsi; forse perchè il fanciullo più avanti cogli anni ha
meno tendenza a piangere fragorosamente e di conseguenza a tener la bocca spalancata, dimodochè i muscoli
abbassatori su accennati non agiscono tanto energicamente.
Ho osservato di spesso in uno de' miei figliuoli, a partire dall'ottavo giorno dalla sua nascita e per qualche
tempo dopo che il primo segno d'un accesso di grida,
quando pure lo si poteva cogliere, era un leggiero aggrottamento delle sopracciglia dovuto alla contrazione
dei sopraccigliari; nello stesso tempo, i vasi capillari
della faccia e della testa, sprovvista di capelli, si riempiono di sangue. Appena l'accesso cominciava realmente, tutti i muscoli peri-oculari si contraevano con forza e
la bocca si spalancava nel modo su esposto; per la qual
cosa, fin da un'età così tenera, i lineamenti assumono
già la medesima forma che ad un'epoca più avanzata.
Il dottor Piderit119 insiste molto sulla contrazione di
certi muscoli che tirano in basso il naso e restringono le
narici, come se questo fosse un segno eminentemente
caratteristico della espressione del pianto. I depressori
(depressores anguli oris), siccome vedemmo, sono generalmente contratti nel medesimo tempo, e, secondo il
dottor Duchenne, tendono indirettamente ad agire nello
stesso modo sul naso. Questa stessa apparenza di restri119 Mimik und Physiognomik, 1867, pag. 102. DUCHENNE,
Mécanisme de la Physionomie humaine. Album, p. 34.
189
zione del naso si può notare nei fanciulli molto infreddati: apparenza in parte dovuta, come m'ha fatto osservare il dottor Langstaff, al loro continuo respirar per il
naso ed alla pressione dell'atmosfera che in seguito si
esercita da ciascun lato. Lo scopo di questa contrazione
delle narici nei fanciulli che sono infreddati o che piangono, sembra esser quello d'opporsi al flusso del muco o
delle lagrime e d'impedire a questi fluidi di riversarsi sul
labbro superiore.
Dopo un accesso di grida prolungato e violento, il
cuoio capelluto, il volto e gli occhi si fanno rossi, in seguito all'ostacolo arrecato alla circolazione centripeta
dagli sforzi violenti di espirazione; ma l'arrossamento
degli occhi irritati si deve all'abbondante spargimento di
lagrime. I vari muscoli della faccia, che furono energicamente contratti, stirano ancora un po' i lineamenti, ed
il labbro superiore è leggermente rialzato o rovesciato120, mentre gli angoli orali un poco si abbassano. Ho
provato io stesso, ed osservai su altre persone adulte,
che quando si dura fatica a trattenere le lagrime, siccome alla lettura di un commovente racconto, è quasi impossibile impedire che i vari muscoli, i quali agiscono
così energicamente nei fanciulli durante gli accessi di
grida, sussultino o tremino leggermente.
Nelle prime settimane di vita il bambino, come san
bene le nutrici ed i medici, non isparge lagrime. Nè ciò
120 Questa osservazione fu fatta dal dottor DUCHENNE, Mécanisme de la Physionomie humaine, Album, p. 39.
190
dipende solo dall'inettitudine delle glandule lacrimali a
secernere; imperocchè (l'ebbi a notare per la prima volta) avendo sfiorato accidentalmente colla fodera del mio
soprabito l'occhio aperto di un mio figliuolino di settantasette giorni, glie ne venne un'abbondante lagrimazione; e quantunque il bambino mandasse grida violente,
l'altro occhio si mantenne asciutto, o per lo meno non
s'umettò che assai leggermente. Dieci dì avanti, in un
accesso di grida, avevo osservato questo debole spargimento di lagrime su entrambi gli occhi. In questo medesimo pargoletto, a cento e ventidue giorni, le lagrime
non celavano ancora sotto le palpebre, nè discendevano
lungo le guancie. Ciò avvenne per la prima volta diciassette giorni più tardi, cioè all'età di centotrentanove dì.
Feci sottoporre all'osservazione anche altri bambini, e
l'epoca in cui appaiono veramente le lagrime mi sembra
molto variabile. In un caso gli occhi si umettano leggermente a soli venti giorni di vita; in un altro a sessantadue. In due altri bambini le lagrime non colavano ancora
sul viso a ottantaquattro e a cento e dieci giorni; in un
terzo, a cento e quattro. Mi venne asserito che in un pargoletto si videro colare le lagrime all'età notevolmente
precoce di quarantadue giorni. Sembra che le glandule
lacrimali abbiano uopo di una certa abitudine acquisita
prima di poter entrare agevolmente in azione, quasi nella stessa maniera con cui i vari movimenti e gusti consensuali trasmessi per eredità richiedono un certo esercizio prima d'essere stabiliti e ridotti al loro stato definitivo. Questa ipotesi è sovratutto verosimile per un'abitudi191
ne qual è quella del pianto, che dev'essere stata acquisita
posteriormente all'epoca in cui l'uomo si è separato dalla
origine comune del genere Uomo e dalle Scimie antropomorfe, le quali non piangono.
Ell'è cosa notevole che nè il dolore, nè alcun'altra
emozione provochi nel primo periodo della vita la secrezione delle lagrime, le quali più tardi diventano l'espressione più generale e più spiccata. Una volta che il fanciullo acquistò l'abitudine, essa esprime nel modo più
chiaro la sofferenza di ogni genere, il dolore corporale
come l'angoscia dell'anima, anche allora che questa si
accompagna ad altre emozioni, come la paura o la collera. Peraltro il carattere del pianto si modifica molto per
tempo, siccome osservai sui miei propri figli, ed il pianto della collera differisce da quello del dolore. M'ha narrato una madre, che la sua figliuolina, di nove mesi,
quand'è in collera, grida con violenza, ma senza piangere; ma se la si punisce facendola sedere col dorso contro
la tavola, le sue lagrime cominciano a cadere. Questo
divario deve forse attribuirsi al fatto che, avanzando in
età, noi reprimiamo il pianto nella maggior parte dei
casi, tranne nell'angoscia; e a quell'altro che l'influenza
di codesta abituale repressione si trasmette per eredità
ad un'epoca della vita più precoce di quella in cui fu
dapprima esercitata.
Nell'adulto, e sovratutto nel sesso maschile, il dolore
fisico non provoca più lo spargimento di lagrime, e questo espressivo carattere sparisce assai presto. Ciò si
spiega pensando che tanto le nazioni civilizzate quanto
192
le razze barbare considerano una indegna viltà per un
uomo di manifestare con segni esteriori il dolore fisico.
Fattane questa eccezione, si sa che i selvaggi versano
abbondanti lagrime per cause estremamente futili. Sir J.
Lubbock raccolse «molte osservazioni in proposito 121.
Un capo della Nuova Zelanda «si mise a piangere come
un fanciullo, perchè i marinai avevano lordato il suo
mantello prediletto spandendovi della farina». Nella
Terra del Fuoco ho visto un naturale, orbo appena del
fratello, che, passando alternativamente dal dolore alla
gaiezza, piangeva con una violenza isterica, e un momento dopo sghignazzava di tutto che poteva distrarlo.
Del resto le nazioni civilizzate dell'Europa, in riguardo
alla frequenza del pianto, presentano spiccatissime differenze. L'Inglese non piange che sotto l'incubo di un
eccessivo dolore; in alcune parti del continente, all'incontro, gli uomini spargono lagrime molto più facilmente ed in copia maggiore.
È noto che gli alienati si abbandonano senza ritegno,
o quasi, a qualunque emozione. Secondo le informazioni fornitemi dal dottor J. Crichton Browne, il sintomo
più caratteristico della semplice malinconia, anche nel
sesso maschile, è una tendenza a piangere per i più futili
motivi, ed eziandio senza causa veruna, o a piangere in
un modo affatto esagerato in presenza d'un reale argomento d'affanno. Il tempo per cui possono piangere certi
malati di questa categoria, siccome la quantità delle la121 The Origin of Civilization, 1870, p. 355.
193
grime sparse, son veramente prodigiosi. Una giovinetta,
colta da malinconia, dopo aver pianto per tutto un giorno, finì col confessare al dottor Browne che ciò dipendeva unicamente dalla ricordanza di essersi rase un dì le
sopracciglia, onde avessero a crescer più fitte. Nell'Asilo si veggono talvolta malati star ore intiere a dondolarsi
dall'avanti all'indietro, e «se si fa per parlare a loro, s'arrestano, increspano gli occhi, abbassano gli angoli della
bocca e scoppiano in lagrime». In certi casi sembra che
un motto, un saluto benevolo bastino ad inspirar loro
qualche idea fantastica e mesta; altre volte, è uno sforzo
di qualunque natura che provoca il pianto, indipendentemente da ogni doloroso pensiero. Gli individui colti da
acuta manìa hanno anche, in mezzo al loro incoerente
delirio, violenti accessi di pianto. Non bisogna peraltro
considerare questi abbondanti spargimenti di lagrime
negli alienati, siccome unicamente dovuti alla mancanza
di ogni ritegno; perocchè certe affezioni cerebrali, come
l'emiplegia, il rammollimento e il marasmo, presentano
pure una speciale disposizione a provocare le lagrime.
D'altra parte, negli alienati il pianto è frequente anche
poichè hanno raggiunto uno stato di completa imbecillità e perduta la facoltà di parlare. I nati idioti piangono
pur essi122; sembra che così non avvenga dei cretini.
In seguito a ciò che osserviamo nel fanciullo, sembra
che il pianto costituisca l'espressione naturale e primiti122 Vedi ad esempio le osservazioni del signor MARSHALL
sopra un idiota in Philosoph. Transact., p. 526. Sui cretini, vedi
dott. PIDERIT, Mimik und Physiognomik, 1867, p. 61.
194
va di ogni dolore, del dolore morale, e del dolore fisico
quando questo non è spinto agli ultimi limiti. Tuttavia i
precedenti fatti e la continua esperienza ci mostrano che
uno sforzo ripetuto sovente per soffocare le lagrime, associato a certi stati dell'animo, agisce molto efficace, ed
alla fine ci dà, sotto questo riguardo, un grande impero
su noi medesimi. Sembra all'incontro che l'abitudine abbia anche il potere di accrescere la facoltà di piangere:
così il reverendo R. Taylor123, che tenne a lungo sua residenza nella Nuova Zelanda, asserisce che là le donne
possono volontariamente spargere abbondanti lagrime:
elleno si riuniscono a pianger sui morti, e si gloriano di
farlo «a gara nel modo più compassionevole».
Sembra che uno sforzo isolato allo scopo di reprimere
le lagrime eserciti poca influenza sulle glandule lacrimali, ed anzi che abbia di spesso un effetto contrario a
quello che se n'attende. Un vecchio medico, ricco d'esperienza, mi dicea di non aver mai trovato che un solo
mezzo per metter un termine agl'indomabili accessi di
pianto che talvolta vediamo prodursi nelle donne: ed era
di pregarle con insistenza onde non facessero sforzo veruno per contenersi e d'assicurarle che nulla porterebbe
loro sollievo meglio d'un lungo e copioso spargimento
di lagrime.
Nel bambino le grida consistono in prolungate espirazioni, interrotte da inspirazioni corte e rapide, quasi spasmodiche; ad un'età più avanzata appare il singhiozzo.
123 New Zealand and its Inhabitants, 1855, p. 175.
195
Secondo Gratiolet124 la glottide ha il principale uffizio
nell'atto del singhiozzo, che si produce «al momento in
cui l'inspirazione vince la resistenza della glottide e l'aria si precipita nel petto». Nullameno l'atto completo
della respirazione è parimente spasmodico e violento. In
generale le spalle si sollevano, moto che rende più facile
la respirazione. In un mio figliuoletto, quand'avea settantasette giorni, le inspirazioni erano sì rapide e forti,
che il loro carattere s'avvicinava a quello del singhiozzo:
solo all'età di cento e trentotto giorni notai per la prima
volta un distinto singulto, e da questo momento, ogni
accesso violento di pianto era seguito da singhiozzi.
Come si sa, i movimenti respiratorii sono in parte volontari ed in parte involontari, ed io credo che il singhiozzo,
almeno parzialmente, sia dovuto al fatto che il bambino,
poco dopo la nascita, acquista una certa potenza per comandare ai propri organi vocali e per arrestare le grida,
mentre fruisce d'un potere ben inferiore sui muscoli respiratorii, i quali, messi violentemente in azione, continuano ancor qualche tempo ad agire in modo involontario o spasmodico. Il singulto sembra speciale alla specie
umana; infatti, i custodi del Giardino zoologico mi hanno asserito di non aver giammai osservato nulla di simile in veruna specie di Scimia; quantunque le Scimie, inseguite o prese, mandino spesso acute grida e restino
dappoi per lungo tempo anelanti. Così tra il singhiozzo e
l'abbondante spargimento di lagrime esiste un'intima
124 De la Physionomie, 1865, p. 126.
196
analogia; infatti, il singulto non comincia dalla più tenera infanzia, ma comparisce più tardi e quasi improvviso,
per seguire in avanti ogni accesso di pianto, fino a che
codesta abitudine col progredir dell'età venga repressa.
Cause della contrazione dei muscoli, che circondano
l'occhio, durante le grida. – Vedemmo che i bambini,
nell'infanzia ed anche nella puerizia, allora che gridano,
per la contrazione dei muscoli circostanti, chiudono invariabilmente gli occhi con energia, in modo da produr
sulla pelle delle pliche caratteristiche. Nel giovinetto ed
eziandio nell'adulto, tutte le volte in cui si produca un
accesso di pianto violento e senza ritegno, puossi pure
notare una tendenza alla contrazione di questi medesimi
muscoli; tuttavia la volontà fa spesso ostacolo a tal contrazione, onde la vista non ne sia incomodata.
Sir C. Bell spiega questo fatto nel modo seguente125:
«Quando si produce un violento sforzo di espirazione,
sia che si tratti di ghigno, di pianto, di tosse o di starnuto, il globo dell'occhio vien fortemente compresso dalle
fibre dell'orbicolare; questa compressione ha lo scopo di
proteggere il sistema vascolare dell'interno dell'occhio
contro un impulso retrogrado comunicato in tal momento al sangue venoso. Allorchè si contrae il petto per
espellere l'aria, il sangue s'arresta nelle vene del collo e
della testa, e, nei più energici sforzi, esso non si limita a
125 The Anatomy of Expression, 1844 p. 106. Veggasi anche
una Memoria dello stesso autore in Philosophical Transactions,
1822. p. 284; ibid., 1823, p. 166 e 289. Veggasi ancora The
Nervous System of the Human Body, terza ediz., 1836, p. 175.
197
distendere i vasi, ma rifluisce nei ramoscelli vascolari.
Se in questo momento l'occhio non andasse soggetto ad
una conveniente pressione, opponendo resistenza all'urto sanguigno, potrebbero avvenire irreparabili lesioni
nei delicatissimi tessuti del globo oculare». E più avanti,
lo stesso autore aggiunge: «Se si sollevano le palpebre
d'un fanciullo per esaminare i suoi occhi, nell'istante in
cui piange e grida con collera, la congiuntiva s'inietta
bruscamente di sangue e le palpebre vengono respinte,
perchè a questo modo è soppresso il punto d'appoggio
naturale del sistema vascolare dell'occhio ed insieme l'ostacolo opposto alla corrente circolatoria d'invadere i canali sanguigni».
In base alla nota di sir C. Bell, spesso confermata dalle mie proprie osservazioni, i muscoli peri-oculari si
contraggono con energia non solo durante il pianto, il
riso, la tosse e lo starnuto, ma ancora in vari altri atti di
analoga natura. Osservate ad esempio un individuo che
si soffi il naso con forza. Pregai un dì un mio ragazzo a
mandar con ogni sua possa un grido violento; ben tosto
ei prese a contrarre i muscoli orbicolari: ripetei varie
volte la stessa esperienza col medesimo risultato; e
quando gli chiesi perchè ad ogni momento chiudesse
tanto gli occhi, conobbi ch'ei non se n'accorgeva nemmanco; per la qual cosa egli agiva per istinto e affatto
inconscientemente.
Affinchè questi muscoli entrino in azione, non è indispensabile che l'aria sia realmente cacciata fuori del petto; basta che i muscoli del torace e dell'addome si con198
traggano con gran forza, mentre l'occlusione della glottide impedisce all'aria di sfuggire. Nel vomito e nella nausea, l'aria riempie i polmoni e fa scendere il diaframma,
che in seguito è mantenuto in posizione dalla chiusura
della glottide «e dalla contrazione delle sue proprie fibre»126. I muscoli addominali si contraggono allora vigorosamente, comprimendo lo stomaco, le di cui fibre
agiscono contemporaneamente, ed il contenuto ne viene
così espulso. Durante ogni sforzo di vomito, «nasce una
forte congestione alla testa, il viso si fa rosso e si gonfia,
e le grosse vene che solcano la faccia e le tempia si dilatano visibilmente». Io ho constatato che nel medesimo
tempo i muscoli circostanti dell'occhio sono in istato di
forzata contrazione. Ed è pur così quando i muscoli dell'addome agiscono dall'alto in basso, con insolita energia, per espellere il contenuto del canale intestinale.
L'azione dei muscoli del corpo, per quanto sia energica, non provoca la contrazione dei muscoli peri-oculari,
se anche il torace non agisce vigorosamente per espellere l'aria o per comprimerla nei polmoni. Osservai i miei
figliuoli al momento in cui facevano gli sforzi più violenti nei loro esercizi ginnastici, quando, ad esempio, si
sollevavano sulle braccia più volte di seguito, o quando
portavano pesi notevoli, ma non vi seppi scorgere che
una traccia appena apprezzabile di contrazione nei muscoli peri-oculari.
126 Veggasi la descrizione del dottor BRINTON sul vomito in
Todd's Cyclop. of Anatomy and Physiology, 1859, vol. V, supplemento, p. 318.
199
Siccome la contrazione di questi muscoli, ad uno scopo di protezione per gli occhi durante una espirazione
violenta, costituisce indirettamente, come vedremo più
tardi, un elemento fondamentale di molte fra le nostre
più importanti espressioni, così io bramava moltissimo
di sapere fino a qual punto l'opinione di sir C. Bell fosse
suscettibile di dimostrazione. Il professore Donders,
d'Utrecht127, conosciuto come una delle più competenti
autorità in Europa su tutte le quistioni che si riferiscono
alla visione ed alla struttura dell'occhio, volle, dietro
mia inchiesta, intraprendere questo studio, giovandosi
dei processi così ingegnosi della scienza moderna; ed ha
recentemente pubblicati i risultati ottenuti128. Ei dimostrò che durante una violenta espirazione, i vasi intraoculari, estraoculari e retro-oculari sono tutti impressionati in due modi, prima per l'aumento della pressione
sanguigna nelle arterie, e in secondo luogo per la impedita circolazione centripeta nelle vene. Per conseguenza
egli è certo che le arterie e le vene dell'occhio, durante
127 Devo ringraziare il sig. Bowman, che m'ha messo in relazione col prof. Donders, e che m'ha aiutato a decidere questo
grande fisiologo ad intraprendere studi su tale soggetto. Sono pur
debitore al signor Bowman per le varie informazioni fornitemi
colla maggior compiacenza su molti punti.
128 La Memoria del sig. DONDERS apparve dapprima nel
Nederlandsch Archief voor Genees en Natuurkunde, Deel, 5,
1870. Fu tradotta dal dottor W. D. MOORE, sotto il titolo: On the
Action of the Eyelids in determination of Blood from expiratory
effort, negli Archives of Medicine, pubblicati dal dottor L. S.
BEALE, 1870, vol. V, p. 20.
200
ogni energico sforzo di espirazione, vengono più o
meno distese. In quanto alle particolarità sulle prove offerte dal professore Donders, mi limito a rimandare alla
sua pregevole Memoria. L'iniezione delle vene della testa si riconosce facilmente al loro turgore ed al colore
purpureo che assume la faccia, ad esempio, in un uomo
che quasi si soffoca perchè tosse con violenza. Appoggiandomi alla stessa autorità, posso aggiungere che il
globo oculare, nel suo complesso, senza alcun dubbio
sporge alquanto ad ogni violenta espirazione. Questo fenomeno è dovuto alla dilatazione dei vasi retro-oculari,
e poteva agevolmente prevedersi in seguito alle intime
connessioni esistenti tra l'occhio ed il cervello; infatti,
levando una porzione della volta craniana, si vide il cervello sollevarsi ed abbassarsi ad ogni movimento respiratorio; movimento che nei bambini può constatarsi alle
suture non ancora chiuse. Ed io credo che tale sia pur la
ragione per cui gli occhi di un uomo strangolato sembrano sporgenti e lì lì per ischizzar dalle orbite.
In riguardo a ciò che concerne l'influenza protettrice
della pressione delle palpebre sugli occhi, durante violenti sforzi di espirazione, il professore Donders, in seguito a svariate osservazioni, conclude che codesta pressione certamente limita, anzi inceppa affatto la dilatazione dei vasi129. In tali circostanze, egli aggiunge, noi
129 Il prof. DONDERS fa osservare (Archives of Medicine,
pubblicati dal dott. L. S. BEALE, 1870, vol. V, p. 28) che «in seguito ad una lesione dell'occhio, in seguito ad operazioni, ed in
alcune forme d'infiammazione interna, noi annettiamo un'estrema
201
vediamo varie volte le mani portarsi involontariamente
al volto e poggiarsi sovra le palpebre, quasi per venir
loro in aiuto e prestare più efficace protezione agli occhi.
Bisogna però convenire che i fatti sui quali ci è dato
di basarci per dimostrare che gli occhi possono infatti
soffrire più o meno pel difetto d'un resistente punto
d'appoggio nelle violente espirazioni, non sono fino al
presente molto numerosi; nullameno alcuni se ne possono citare. Egli è certo «che energici sforzi espiratorii,
durante la tosse od il vomito ed in particolare nello starnuto, producono talvolta delle rotture nei vasellini (esteriori) dell'occhio»130. Il dottor Gunning ebbe a riferire di
recente un caso di tosse canina, seguita da esoftalmia,
attribuendo questa complicazione alla rottura dei vasi
profondi dell'orbita. E s'osservarono parecchi analoghi
fatti. Ma è probabile che una semplice sensazione di torimportanza alla uniforme compressione esercitata dalla chiusura
delle palpebre, e l'aumentiamo talvolta applicandovi una benda.
In ogni caso, cerchiamo di evitare grandi sforzi espiratorii, gl'inconvenienti dei quali sono ben conosciuti». Il signor Bowman
m'apprende che, in casi di eccessiva fotofobia, la quale accompagna ciò che nei fanciulli prende nome di oftalmia scrofolosa – allorchè la luce riesce così penosa a sopportarsi da far chiudere
energicamente le palpebre per settimane e mesi intieri, – ei fu
spesso meravigliato al pallore del globo oculare, o per dir meglio,
alla mancanza di quell'arrossamento ch'ei poteva aspettarsi sopra
una superficie alquanto infiammata. Egli inclina ad attribuire codesto pallore all'energico serrar delle palpebre.
130 DONDERS, ibid., p. 36.
202
mento abbia dovuto bastare per condurre all'abitudine
associata di proteggere i globi oculari colla contrazione
dei muscoli circostanti. E senza dubbio dovette bastarvi
l'attesa di una lesione e la sua possibilità; gli è così che
un oggetto che s'avvicina troppo agli occhi provoca un
involontario ammiccar delle palpebre. Per le quali cose,
dalle osservazioni di sir C. Bell, e meglio dalle ricerche
più precise del professore Donders, noi possiamo con
ogni sicurezza conchiudere che l'energico serrar delle
palpebre in un fanciullo che grida, è un atto pieno di
senso e di una reale utilità.
Vedemmo di già che la contrazione dei muscoli orbicolari fa pur sollevare il labbro superiore, ed in appresso, se la bocca si tiene spalancata, deprime le commessure per la contrazione dei muscoli abbassatori. La formazione del solco naso-labiale è pure una conseguenza
della elevazione del labbro superiore. Così i principali
movimenti espressivi del volto, mentre si piange, sembrano tutti risultare dalla contrazione dei muscoli che attorniano gli occhi. E vedremo bentosto che anche lo
spargimento delle lagrime dipende dalla contrazione di
questi stessi muscoli, od almeno vi ha un certo rapporto.
In alcuno dei precedenti fatti, e particolarmente nella
tosse e nello starnuto, può darsi che la contrazione dei
muscoli orbicolari serva accessoriamente a proteggere
gli occhi contro la scossa o la troppo intensa vibrazione
prodotta dallo strepito che accompagna simili atti. Io
credo che sia così; imperocchè i cani ed i gatti, quando
maciullano ossa dure fra' denti e talvolta anche quando
203
starnutano, chiudono certamente le palpebre; eppure i
cani nol fanno allorchè abbaiano fragorosamente. Il signor Sutton, avendo, dietro mia inchiesta, osservato con
cura un giovane orang ed un chimpanzè, constatò che
l'uno e l'altro serravano sempre gli occhi tossendo o
starnutando, giammai all'incontro quando gridavano
violentemente. Avendo io stesso amministrata una presuccia di tabacco ad una scimia americana, un Cebus,
vidi che starnutando serrava le palpebre; mentre in altra
occasione, mandando acute grida, tenea gli occhi aperti.
Causa della secrezione delle lagrime. – In ogni teoria
riguardante l'influenza esercitata dallo stato dell'animo
sulla secrezione delle lagrime, v'ha un fatto importante
che fa d'uopo tenere a memoria. Ed è questo. Tutte le
volte che i muscoli peri-oculari si contraggono involontariamente e con energia onde proteggere gli occhi comprimendo i vasi sanguigni, la secrezione lacrimale è attivata, e spesso diventa tanto abbondante, che le lagrime
colano giù giù per le guancie. Questo fenomeno si osserva sotto l'influenza delle più varie emozioni, come
pure quando non ce n'ha veruna. L'unica eccezione – ed
anche questa solamente parziale – presentata da codesto
rapporto tra l'energica ed involontaria contrazione di
questi muscoli e la secrezione delle lagrime, esiste nei
bambini; allorchè, tenendo le palpebre perfettamente
chiuse, gridano con violenza: in fatto, si sa che il pianto
non apparisce che all'età di due a tre o quattro mesi. Tuttavia, anche avanti quest'epoca si veggono gli occhi leggermente umettarsi. Ei sembra, come abbiam già fatto
204
notare, che nel primo periodo della vita le glandule lacrimali non posseggano tutta la loro attività funzionante;
in seguito ad un difetto d'abitudine o per qualche altra
causa ignota. Quando il fanciullo è giunto ad un'età più
avanzata, le grida ed i pianti ch'esprimono il dolore s'accompagnano così regolarmente allo spargimento delle
lagrime, che le parole piangere e gridare sono quasi sinonime131.
Finchè il riso, ch'è una manifestazione delle emozioni
contrarie alle precedenti, vale a dire della gioia o del
piacere, si mantien moderato, si produce appena una
leggiera contrazione dei muscoli peri-oculari, dimodochè le sopracciglia non s'aggrottano; ma alloraquando
passa allo stato di sghignazzata, con espirazioni rapide,
violente, spasmodiche, il viso si asperge di lagrime. Osservai a varie riprese la figura di certe persone, in seguito a violenti accessi di riso, e rimarcai che i muscoli degli occhi e del labbro superiore erano ancora parzialmente contratti; le guancie si vedeano umettate di lagrime, e queste due circostanze davano alla metà superiore
della faccia una espressione, cui sarebbe riescito impossibile distinguere da quella che caratterizza la figura
d'un fanciullo ancora agitata dai singhiozzi. Come vedremo più tardi, lo spargimento delle lagrime sul volto,
sotto l'influenza del riso violento, è un fenomeno comu131 Il signor HENSLEIGH WEDGWOOD (Dict. of English
Etymology, 1859, vol. I, p. 410) dice: «Il verbo to weep deriva
dall'anglo-sassone wop, il di cui senso originale è semplicemente
gridare (outcry)».
205
ne a tutte le razze umane.
In un violento accesso di tosse, e specialmente in uno
stato di semi-soffocazione, la faccia diventa purpurea, le
vene distendonsi, i muscoli orbicolari si contraggono
energicamente e le lagrime grondano sulle gote. Anche
dopo un accesso ordinario di tosse, si sente quasi sempre il bisogno di asciugarsi gli occhi. Nei violenti sforzi
della nausea o del vomito, i muscoli orbicolari son vivamente contratti, e talora le lagrime scorrono copiose sul
volto: ebbi a fare queste osservazioni su me stesso e su
altri. Avendo udito avanzar l'opinione che tali fenomeni
poteano essere semplicemente dovuti alla introduzione
nelle narici di sostanze irritanti, la cui presenza provocherebbe per azione riflessa una sovrattività della secrezione lagrimale, io pregai un medico – uno di quelli che
mi furono cortesi d'aiuto in questo lavoro – a rivolgere
la propria attenzione sugli effetti degli sforzi di vomito,
allorchè nulla venisse espulso dallo stomaco. Per una
singolare coincidenza, all'indomani questo medico fu
preso egli stesso da nausee violente, e tre giorni dopo
ebbe l'occasione d'osservare una cliente in simili circostanze. In ciascun dei due casi, non v'ebbe un atomo di
materia reietta fuor dello stomaco, eppure i muscoli orbicolari si contrassero con forza e sgorgarono lagrime
copiose. Posso eziandio indubitatamente asserire che gli
stessi muscoli si contraggono con energia e che questa
contrazione è accompagnata dalla secrezione delle lagrime, quando i muscoli addominali agiscono con forza insolita dall'alto in basso sul canale intestinale.
206
Lo sbadiglio principia con una profonda inspirazione,
seguita da una espirazione lunga ed energica; nello stesso tempo quasi tutti i muscoli del corpo, compresi quelli
che circondano gli occhi, sono vivamente contratti:
spesso si attiva la secrezione delle lagrime e talvolta ancora si veggono colar per le gote.
Osservai di sovente che, quando in causa d'insopportabile prurito ci grattiamo, chiudiamo con forza le palpebre; ma non credo che si cominci dal fare una profonda inspirazione per cacciar quindi rigorosamente l'aria;
nè ebbi mai a notare che in simili circostanze gli occhi
si riempissero di lagrime: non posso peraltro dire con
certezza che così mai non avvenga. Forse l'energica occlusione delle palpebre si rannoda semplicemente all'azione generale che ritira nello stesso momento tutti i
muscoli del corpo. Ell'è affatto diversa da quel dolce
chiuder degli occhi che, secondo un'osservazione di
Gratiolet132, accompagna spesso la percezione d'un soave profumo per mezzo dell'odorato o d'uno squisito sapore per via del gusto, e che senza dubbio è dovuto in
origine al desiderio di sbandire ogni estranea impressione.
Il professore Donders mi descrive il fatto seguente:
«Ho osservato, egli dice, alcuni casi d'una curiosissima
affezione: in seguito ad un leggiero tocco, prodotto, per
esempio, da un vestito e che non cagiona lesione, nè
contusione, si manifestano spasimi nei muscoli orbico132 De la Physionomie, 1865, p. 217.
207
lari, accompagnati da copiosissimo spargimento di lagrime, che può durare per circa un'ora. Più tardi, e tal fiata
dopo un intervallo di molte settimane, si rinnovellano
spasimi violenti dei medesimi muscoli, pur accompagnati da lagrime e da antecedente o susseguente arrossamento degli occhi». Casi affatto analoghi vennero talvolta osservati dal signor Bowman; in taluno fra questi
non ci avea arrossamento, nè infiammazione agli occhi.
Ero molto curioso di sapere, se in qualche animale
esistesse un analogo rapporto tra la contrazione dei muscoli orbicolari durante una espirazione, e la secrezione
delle lagrime. Per disavventura non ci ha che assai pochi
animali i quali contraggano questi muscoli in modo prolungato, ed assai pochi che piangano. Il Macacus maurus, ch'altra volta vedeasi piangere, al Giardino zoologico, tanto copiosamente, sarebbe stato un eccellente individuo per tali osservazioni; ma le due scimie che attualmente vi sono e che si crede appartengano alla medesima specie, non piangono. Nullameno vennero studiate
con cura dal signor Bartlett e da me, mentre mandavano
acute grida, e ci parve che contraessero questi muscoli;
ma esse saltellavano da un lato all'altro della gabbia con
tale rapidità, che riesciva difficile istituire osservazioni
precise. Per quanto io mi sappia, nessun'altra scimia,
gridando, contrae i muscoli orbicolari.
Si sa che qualche volta l'elefante indiano piange. Sir
E. Tennent, descrivendo quei veduti da lui catturati e
prigioni a Ceylan, si esprime così: «Alcuni si manteneano immobili, accosciati sul suolo, senza manifestare il
208
proprio dolore altrimenti che per mezzo di lagrime le
quali bagnavan loro gli occhi e sgorgavano incessanti».
E parlando d'un altro elefante: «Quando fu vinto e legato, mostrò estremo dolore; la violenza die' luogo ad una
completa prostrazione, ed ei piombò a terra, mandando
grida soffocate e colla faccia bagnata di lagrime» 133. Al
Giardino zoologico, il custode degli elefanti indiani
m'ha positivamente asserito d'aver visto molte volte cascar delle lagrime sulla faccia della vecchia femmina,
133 Ceylon, terza ediz., 1859, vol. II, p. 364, 376. Mi sono indirizzato al signor Thwaites, a Ceylan, per avere altre informazioni relative al pianto dell'elefante; ebbi in risposta una lettera dal
reverendo signor Glenie, che volle gentilmente osservare per conto mio, insieme ad alcune altre persone, una truppa di elefanti catturati da poco. Allorchè si recava loro molestia, mandavano grida
violente, ma senza mai contrarre i muscoli peri-oculari e senza
mai versar lagrime. D'altra parte i cacciatori indigeni assicurano
di non aver mai veduto un elefante a piangere. Nullameno mi
pare che non si possa mettere in dubbio i dettagli circostanziati
offerti da sir E. Tennent, confermati per giunta dalle positive affermazioni dei custodi del Giardino zoologico. È certo che i due
elefanti del Giardino, nel punto in cui cominciavano a gridare,
contraevano invariabilmente i muscoli orbicolari. V'ha un solo
mezzo per conciliare queste diverse asserzioni: supporre cioè che
gli elefanti recentemente catturati di Ceylan, furiosi o sgomenti,
desiderassero osservare i loro persecutori, nè contraessero quindi
i muscoli orbicolari, per non disturbar la visione. Quelli che il signor Tennent vide spargere lagrime erano abbattuti, e disperati,
avean rinunciato alla lotta. Gli elefanti che, al Giardino zoologico, gridavano obbedendo a un comando, non erano evidentemente atterriti, nè furibondi.
209
allorchè la si separava dal suo piccino. Mi pungea gran
vaghezza di constatare un fatto che veniva in appoggio
della relazione esistente nell'uomo tra la contrazione dei
muscoli orbicolari e lo spargimento delle lagrime, e di
verificare se gli elefanti, quando gridavano o soffiavano
fragorosamente colla proboscide, mettessero questi muscoli in azione. Alla preghiera del signor Bartlett, il custode ordinò ai due elefanti, giovane e vecchio, di gridare e noi constatammo, a varie riprese, sull'uno e sull'altro, che quand'essi cominciavano a gridare, i muscoli
peri-oculari, e sopratutto gl'inferiori, si contraevano assai nettamente. In un'altra occasione, avendo il custode
fatto gridar l'elefante molto più fortemente, vedemmo
volta per volta i medesimi muscoli contrarsi energicamente, così i superiori che gl'inferiori. Cosa singolare,
l'elefante d'Africa – il quale, bisogna dirlo, è tanto diverso da quello delle Indie, che certi naturalisti ne fanno un
sotto-genere distinto – non mostrò, in due circostanze in
cui si provocarono le sue grida, la menoma traccia di
contrazione dei muscoli peri-oculari.
Concludendo dai vari esempi citati relativi alla specie
umana, par cosa certa che la contrazione dei muscoli
peri-oculari, durante una violenta espirazione od un'energica compressione del torace dilatato, sia in un modo
o nell'altro intimamente connessa colla secrezione delle
lagrime; d'altra parte questi fenomeni si osservano sotto
l'influenza di emozioni affatto diverse, ed anche senza il
concorso di emozione veruna. Ciò non vuol dire di certo
che la secrezione delle lagrime non possa prodursi senza
210
la contrazione dei muscoli in discorso; tutti sanno infatti
che le lagrime sgorgano spesso copiose senza che le palpebre sieno chiuse e le sopracciglia aggrottate. La contrazione può essere talvolta involontaria e prolungata,
come durante un accesso di soffocamento, o rapida ed
energica, come in uno starnuto. Il solo ammiccar involontario delle palpebre non porta lagrime agli occhi,
benchè si ripeta frequente; nè basta la volontaria e prolungata contrazione dei numerosi muscoli circostanti.
Siccome nell'infanzia le glandule lacrimali entrano facilmente in azione, io indussi i miei figli e molti altri di età
diversa a contrarre questi muscoli più volte di seguito,
con tutta la forza e per quanto poteano durarvi: l'effetto
riescì quasi nullo. Talvolta osservai una leggiera umidità
degli occhi, che potea perfettamente spiegare la semplice espulsione di lagrime già esistenti nelle glandule
dopo una secrezione anteriore.
Non si può precisare con esattezza la natura della relazione fra la involontaria ed energica contrazione dei
muscoli peri-oculari e la secrezione delle lagrime; nullameno possiamo emettere una ipotesi probabile. La principale funzione della secrezione lacrimale è quella di
rendere lubrica la superficie dell'occhio, insieme a un
po' di muco; di più, secondo l'opinione di alcuni fisiologi, essa giova a umettare costantemente le nari, in modo
da saturare d'umidità l'aria inspirata134, e favorire così
134 BERGEON, citato nel Journal of Anatomy and
Physiology, nov. 1871, p. 235.
211
l'uffizio dell'odorato. Ma un'altra funzione delle lagrime,
almeno tanto importante quanto le precedenti, consiste
nel portar via le particelle di polvere, o qualunque altro
corpuscolo che può cascar sugli occhi. L'importanza di
quest'uffizio è dimostrata in quei casi nei quali la cornea
s'infiamma e diventa opaca, in seguito ad aderenze tra il
globo oculare e la palpebra, che rendono quest'ultima
immobile ed impediscono il trasporto di queste molecole135. La secrezione delle lagrime sotto l'influenza dell'irritazione prodotta dalla presenza di un corpo straniero è
un atto riflesso: questo corpo irrita un nervo periferico
che impressiona alcune cellule nervose sensitive, le quali trasmettono l'impressione ad altre cellule, e queste alla
lor volta reagiscono sulla glandula lagrimale. L'impressione trasmessa alla glandula produce (si hanno almeno
buone ragioni per crederlo) il rilassamento della tonaca
muscolare delle piccole arterie; il sangue allora passa in
maggior quantità traverso il tessuto glandulare, e provoca una copiosa secrezione di lagrime. Quando le piccole
arterie della faccia, comprese quelle della retina, si dilatano sotto l'influsso di circostanze assai varie, particolarmente durante un intenso rossore, le glandule lagrimali
sottostanno talvolta ad una simile impressione, e gli occhi si umettano di lagrime.
Ell'è cosa difficile rendersi conto sul modo d'origine
di certe azioni riflesse; tuttavia, in rapporto al caso at135 Veggasi, ad esempio, un caso riferito da sir C. Bell: Phylosophical Transactions,1823, p. 177.
212
tuale della impressionabilità delle glandule lagrimali
prodotta da una irritazione portata sulla superficie dell'occhio, è forse utile cosa notare che, appena alcune
forme animali primitive acquistarono una maniera di
esistere per metà terrestre, e gli occhi poterono quindi
ricevere particelle di polvere, queste, se non fossero state cacciate, avrebbero provocata una intensa irritazione;
allora, solo in virtù del principio dell'azione della forza
nervosa irradiante verso le cellule vicine, le glandole lagrimali dovettero essere costrette ad entrare in azione.
Essendosi ripetuto di frequente questo fenomeno, e per
la tendenza della forza nervosa a ripassare agevolmente
per le vie da lei d'ordinario seguite, una leggiera irritazione dovette alla fine bastare per produrre una copiosa
secrezione di lagrime.
Una volta che codesta azione riflessa, con questo
meccanismo o con qualunque altro, fu stabilita e resa facile, irritazioni di varia natura cagionate alla superficie
dell'occhio – l'impressione d'un vento freddo, una lenta
azione infiammatoria, un colpo sulle palpebre – dovettero provocare un'abbondante secrezione di lagrime. Ed
infatti sappiamo che avviene proprio in tal modo. Anche
in seguito ad una eccitazione portata sugli organi vicini,
le glandule lagrimali entrano in azione. Così, allorchè le
narici vengono irritate da acri vapori, sgorgano le lagrime, anche se le palpebre stanno completamente serrate;
e la stessa cosa si nota dopo un colpo ricevuto sul naso,
per esempio facendo le pugna. Ho visto che una scudisciata sul viso produce il medesimo effetto. In questi ul213
timi casi, la secrezione delle lagrime è un fenomeno accessorio e senza utilità diretta. Siccome tutte le parti della faccia, comprese le glandule lagrimali ricevono le ramificazioni d'uno stesso tronco nervoso, il trigemino od
il quinto paio, ci è dato di comprendere fino ad un certo
punto come gli effetti dell'eccitazione d'una delle sue
branche possa propagarsi alle cellule nervose che sono
le origini delle altre branche.
In certe condizioni, le parti interne del globo oculare
agiscono pure, per azione riflessa, sulle glandule lagrimali. Le osservazioni seguenti mi vennero gentilmente
comunicate dal signor Browman: tali quistioni del resto
sono molto complesse, per le intime connessioni che legano tutte le parti dell'occhio e per la loro estrema sensibilità ad ogni eccitazione. Se la retina è nel suo stato
normale, una intensa luce provoca assai difficilmente le
lagrime; ma in alcune malattie, per esempio nei fanciulli
che hanno piccole e vecchie ulcere sulla cornea, la retina diventa estremamente impressionabile, e la semplice
azione della luce diffusa provoca una energica e prolungata occlusione delle palpebre, accompagnata da un copioso spargimento di lagrime. Quando si comincia a far
uso di lenti convesse e si sforza il potere affievolito dell'accomodamento, la secrezione lagrimale si esagera
spesso in modo eccessivo e la retina si fa sensibilissima
alla luce. In generale, le affezioni morbose della superficie dell'occhio e degli organi ciliari che agiscono nel fenomeno dell'accomodamento, s'accoppiano d'ordinario
ad un'anormale secrezione di lagrime. L'indurimento del
214
globo dell'occhio che non giunge all'infiammazione, ma
indica semplicemente un difetto d'equilibrio tra il circolo diretto e quello in ritorno nei vasi intra-oculari, non è
d'ordinario seguìto da lagrimazione. Questa si produce
piuttosto quando il difetto dell'equilibrio s'inverte e l'occhio si rammollisce. Infine, ci ha molteplici stati morbosi ed organiche alterazioni dell'occhio, ed eziandio gravissime infiammazioni, che possono essere semplicemente accoppiati ad una secrezione lagrimale nulla od
insignificante.
Bisogna pur notare, siccome cosa che sta in rapporto
indiretto colla quistione in discorso, che l'occhio e le
parti vicine sottostanno ad un numero considerevole di
movimenti, di sensazioni, di atti riflessi ed associati,
esclusi quelli che interessano la glandula lagrimale. Una
vivida luce colpisca la retina d'uno fra gli occhi: l'iride
si contrae; ma dopo un notevole intervallo di tempo, l'iride dell'altro occhio entra alla sua volta in azione. L'iride eseguisce dei movimenti anche nell'atto di accomodamento a lontana od a breve distanza, come pure quando si fanno convergere gli occhi136. Tutti provarono con
quanta irresistibile forza le sopracciglia si abbassino sotto l'azione di vivissima luce. Noi ammicchiamo pur involontariamente le palpebre, allorchè un oggetto s'agita
presso ai nostri occhi, o quando ci perviene un imprevisto rumore. Il caso comune dello starnuto provocato in
136 Vedi su questi argomenti: On the Anomalies of Accommodation and Refraction of the Eye, del prof. DONDERS, 1864,
p. 573.
215
certe persone da una viva luce, è più curioso; imperocchè qui la forza nervosa irradia da alcune cellule in connessione colla retina alle cellule sensorie destinate alla
mucosa nasale, producendovi un pizzicore, e di là alle
cellule che presiedono ai vari muscoli respiratorii (compresi gli orbicolari), i quali espellono l'aria così, ch'ella
esce per le sole narici.
Ritorniamo al nostro argomento: perchè ci ha secrezione di lagrime nel momento di un accesso di grida o
durante altri sforzi respiratorii violenti? Giacchè un leggiero tocco alle palpebre provoca un abbondante spargimento di lagrime, è almeno possibile che la spasmodica
contrazione di questi organi premendo vivamente il globo dell'occhio, agisca in simile foggia. È certo però che
la volontaria contrazione dei medesimi muscoli non produce effetto veruno; ma ciò non mi sembra possa creare
obbiezione al precedente modo di vedere. Sappiamo che
un uomo non può volontariamente starnutare, nè tossire
con quella energia che spiegherebbe ove questi atti fossero automatici: la stessa cosa avviene per la contrazione dei muscoli orbicolari. Sir C. Bell, con parecchie
esperienze, constatò che chiudendo bruscamente e vivamente gli occhi all'oscuro, si scorgono delle scintille luminose simili a quelle che produconsi battendo lievemente le palpebre coll'estremità delle dita; «ma nello
starnuto, egli dice, la compressione talvolta è più rapida
ed energica, e le scintille sono più brillanti». D'altra parte egli è certo che queste sono dovute alla contrazione
delle palpebre, imperocchè, «se nell'atto dello starnuto
216
si tengono aperte, ogni luminosa sensazione scompare».
Nei casi particolari citati dal professore Donders e dal
signor Bowman, vedemmo che, alcune settimane dopo
una leggera lesione dell'occhio, sovraggiungono spasmodiche contrazioni delle palpebre, accompagnate da
una copiosa lagrimazione. Nell'atto dello sbadiglio, le
lagrime senza dubbio sono esclusivamente prodotte dalla contrazione spasmodica dei muscoli peri-oculari.
Malgrado questi ultimi esempi, è malagevole a credere
che la pressione esercitata dalle palpebre sulla superficie
dell'occhio, benchè spasmodica e quindi più energica
che non se fosse volontaria, possa bastare a provocar per
azione riflessa la secrezione delle lagrime in molti casi
nei quali questa si produce durante violenti sforzi respiratorii.
Un'altra causa può ancora concorrervi. Vedemmo che,
in certe condizioni, le parti profonde dell'occhio agiscono, per azione riflessa, sulle glandule lagrimali. D'altro
canto si sa che negli energici sforzi di espirazione è aumentata la pressione del sangue arterioso nei vasi oculari, mentre si turba la circolazione che torna per le vene.
Sembra quindi probabile che la distensione dei vasi oculari, a questo modo prodotta, possa agire per azione riflessa sulle glandule lagrimali ed unire fin d'allora i suoi
effetti a quelli dovuti alla compressione cagionata dalle
palpebre alla superficie dell'occhio.
Per giudicare su codesta probabilità, rammentiamo
che gli occhi dei fanciulli per innumerevoli generazioni
funzionarono in queste due maniere, tutte le volte in cui
217
mandavano grida; e siccome la forza nervosa tende a
passare lungo le vie da lei abitualmente seguìte, così una
compressione anche poco considerevole dei globi oculari ed una moderata dilatazione dei loro vasi dovettero
alla fine bastare per agire sovra le glandule lagrimali.
Noi troviamo un analogo fenomeno nella leggiera contrazione dei muscoli peri-oculari, contrazione che si produce eziandio in un moderato accesso di grida, allorquando non può esservi dilatazione dei vasi, nè sensazione dolorosa agli occhi.
Inoltre, quando atti o movimenti complessi, dopo essere stati compiuti e strettamente associati fra loro, vengono poi per una ragione qualunque impediti, prima dalla volontà e quindi dall'abitudine, ove si presentino convenienti condizioni eccitatrici, la parte dell'atto o del
movimento meno sottoposta al controllo della volontà
sarà ancora spesso involontariamente compiuta. La secrezione delle lagrime in generale è assai indipendente
dall'influenza della volontà; anche allora che, in seguito
all'avanzare dell'età nell'individuo, od al progresso della
civilizzazione nella razza, venga repressa l'abitudine del
pianto o delle grida, e quindi non vi abbia più dilatazione dei vasi sanguigni nell'occhio, anche allora, dico, può
avvenire che si secernano lagrime. Come ho fatto notare, possiamo vedere i muscoli peri-oculari d'un individuo che legge un'istoria commovente, ammiccare e tremolare così leggermente, da renderne quasi impercettibile la contrazione. In tali casi, non v'ebbero grida, nè
dilatazione dei vasi sanguigni, e pur tuttavia, per effetto
218
dell'abitudine, alcune cellule nervose inviarono una piccola quantità di forza nervosa alle cellule donde dipendono i muscoli peri-oculari, ed esse ne trasmisero al pari
quelle dalle quali dipendono le glandule lagrimali, perocchè gli occhi, precisamente nel medesimo istante,
s'umettano spesso di lagrime. Se lo stiramento dei muscoli peri-oculari e la secrezione delle lagrime fossero
stati completamente repressi, egli è quasi certo che sarebbe nullameno esistita una tendenza della forza nervosa a trasmettersi in queste stesse direzioni. Ora, siccome
le glandule lagrimali sono assai indipendenti dal controllo della volontà, elle dovevano essere eminentemente suscettibili di entrare ancora in azione, richiamando
così, in difetto d'ogni altro segno esteriore, i commoventi pensieri che attraversano lo spirito di colui che legge.
A conferma della su esposta ipotesi, posso fare un'osservazione: se nel primo periodo della vita, quando è facile che si stabiliscano abitudini di qualunque natura – i
nostri fanciulli fossero stati accostumati ad esprimere la
gioia con fragorosi scoppi di risa (nei quali i vasi oculari
vengono distesi), così spesso ed a lungo come furono
avvezzi ad esprimere l'affanno col mezzo di grida, è
probabile che in progresso di tempo si sarebbe prodotta
un'abbondante e regolare secrezione di lagrime nell'uno
stato e nell'altro. Un riso moderato, un sorriso, spesso
ancora un'idea gaia avrebbe in tal caso potuto provocare
un leggiero spargimento di lagrime. Ed infatti, esiste
un'evidente tendenza in questo senso, come vedremo
219
trattando dei sentimenti affettuosi. Secondo Freycinet 137,
presso gl'indigeni delle isole Sandwich, il pianto viene
considerato proprio come segno di prospera fortuna; per
altro sarebbe buona cosa avere di un tal fatto prova migliore che non sia l'affermazione d'un viaggiatore che vi
fu solo di passaggio. Così pure, se i nostri fanciulli, vuoi
considerati tutti assieme durante parecchie generazioni,
vuoi individualmente per molti anni, avessero sofferto
quasi ogni giorno accessi prolungati di soffocamento,
nei quali i vasi dell'occhio dilatansi e le lagrime sgorgano abbondanti, è probabile (tanto potente è la forza delle
abitudini associate) che in seguito avria bastato la sola
idea d'uno di questi accessi per trarre le lagrime agli occhi, senza che l'animo fosse menomamente attristato.
A riassumere questo capitolo, diremo che il pianto, in
fine dei conti, risulta probabilmente da una successione
di fenomeni più o meno analoga alla seguente: il fanciullo, reclamando il cibo o provando un dolore qualsiasi, cominciò dal mandare acute grida, come fanno i piccoli di molti animali, in parte per chiamare i genitori in
aiuto, in parte ancora perchè queste grida costituiscono
da per se stesse un sollievo. Strilli prolungati cagionarono inevitabilmente l'ingorgo dei vasi sanguigni dell'occhio, ingorgo che dovette provocare, prima scientemente e poi per semplice effetto dell'abitudine, la contrazione dei muscoli che attorniano gli occhi, per proteggere
137 Citato da sir J. LUBBOCK, Prehistoric Times, 1865, p.
458.
220
questi organi. Nello stesso tempo, la pressione spasmodica esercitata sulla superficie degli occhi e la dilatazione dei vasi intraoculari, senza svegliare per ciò veruna
sensazione cosciente, ma solo per effetto di azione riflessa, dovettero impressionare le glandule lagrimali. Infine, in virtù dell'azione combinata di tre principii, cioè:
– il facile passaggio della forza nervosa traverso le vie
da lei abitualmente percorse, – l'associazione, ch'è tanto
potente, – la differenza che esiste fra atti diversi relativamente all'impero esercitato su loro dalla volontà; – in
virtù di questi tre principii ne venne che il dolore provoca agevolmente la secrezione delle lagrime, senza che
queste debbano essere accompagnate da verun'altra manifestazione.
Secondo questa teoria, il pianto non sarebbe che un
fenomeno accessorio, senza utilità veruna, come lo spargimento di lacrime in seguito ad un colpo alla superficie
dell'occhio o lo starnuto prodotto da vivida luce. Nullameno ciò non toglie menomamente valore al fatto che la
secrezione delle lagrime allevia il dolore. Quanto più
violento e nervoso è l'accesso di pianto, tanto maggiore
sarà il sollievo provatone: vediamo infatti che le contorsioni del corpo, il digrignare dei denti e le emissioni di
grida strazianti diminuiscono la intensità di una sofferenza fisica.
221
CAPITOLO VII.
ABBATTIMENTO – ANSIETÀ – AFFANNO –
SCORAGGIAMENTO – DISPERAZIONE
Effetti generali dell'affanno sulla economia. – Obliquità dei sopraccigli sotto l'influenza del dolore. – Causa di questa obliquità. – Abbassamento degli angoli della bocca.
Dopo una violenta crisi di sofferenze morali e quando
la causa di questo dolore è tuttavia sussistente, noi caschiamo in uno stato di abbattimento, e talvolta piombiamo accasciati e scoraggiati. In generale, il dolore fisico prolungato, sia pure sofferto per poco, porta il medesimo effetto. Allorchè prevediamo di dover soffrire, siamo inquieti; quando non ci sorregge alcuna speranza di
venir consolati, piombiamo nella disperazione.
Avviene di sovente che certe persone, in preda ad angoscia eccessiva, cercano sollievo in movimenti violenti
e quasi frenetici, come indicammo nel precedente capitolo. Tuttavia quando il loro dolore, avvegnachè continuo, sminuisce di lena, non tentano più di muoversi, ma
stanno immobili e passive, ed è molto se qualche volta
si dondolano da un lato a quell'altro. La circolazione il222
languidisce, si fa pallido il viso, i muscoli fiacchi; le
palpebre s'abbassano; la testa si reclina sul petto oppresso; le labbra, le guancie e la mascella inferiore s'accasciano sotto al proprio peso. Ne segue che i lineamenti
si allungano; ed è così che, parlando di persona cui pervenga dolorosa notizia, diciamo che ha la faccia lunga.
Una banda d'indigeni della Terra del Fuoco, volendo
farci comprendere lo scoramento di un loro amico, capitano di un vascello a vele, presero a stirarsi le guancie
con ambe le mani, in modo da rendere il proprio viso
più lungo che fosse possibile. So dal signor Bunnet, che
quando gli aborigeni australiesi sono annoiati, mostransi
pallidi in viso. Un prolungato dolore rende lo sguardo
offuscato, inespressivo e spesso bagnato di lagrime. E in
questo caso non di raro si vede che le sopracciglia prendono una posizione obliqua, prodotta dall'elevarsi della
loro estremità interna. E così si determinano sulla fronte
certe rughe particolari molto diverse dal semplice aggrottare dei sopraccigli; ci ha peraltro dei casi nei quali
si produce soltanto quest'ultimo movimento. Gli angoli
della bocca si abbassano, e codesto atto è così universalmente riconosciuto come segno di abbattimento, che è
quasi divenuto proverbiale.
La respirazione si fa lenta e debole: spesso interrotta,
da profondi sospiri. Come osserva Gratiolet, ogni volta
che la nostra attenzione si concentra per lungo tempo su
qualche oggetto, noi dimentichiamo di respirare, e viene
un momento in cui una profonda inspirazione ci ristora.
Comunque sia, i sospiri d'una persona rattristata, in uno
223
al lento respiro ed alla circolazione languente, sono eminentemente caratteristici138. Un individuo in tale condizione dell'animo è soggetto a nuovi accessi ed a recrudescenze di dolore, che lo assalgono con forza novella;
ne seguono contrazioni spasmodiche dei muscoli respiratorii, e qualche cosa di analogo a ciò che si disse il
globus hystericus gli sale alla gola. Questi movimenti
spasmodici manifestano chiaramente la stessa natura dei
singhiozzi dei fanciulli, e sono gli avanzi degli spasimi
più seri, i quali fanno dire di una persona che ella soffoca d'angoscia139.
Obliquità delle sopracciglia. – Nell'antecedente descrizione solo due punti richieggono una più ampia spiegazione, due punti che sono curiosissimi: intendo dire
della elevazione dell'estremità interna dei sopraccigli e
della depressione degli angoli labiali. Quanto alle sopracciglia, si osserva che talvolta prendono una posizione obliqua nelle persone in preda ad un profondo abbattimento o ad una viva inquietudine; io, ad esempio, ebbi
138 Le precedenti descrizioni sono in parte frutto delle mie osservazioni, ma specialmente sono tratte da GRATIOLET (De la
Physionomie, p, 53, 337; sui sospiri, 232). Questo autore ha pertrattato l'argomento sotto ogni punto di vista. – Veggasi anche
HUSCHKE, Mimices et Physiognomices, Fragmentum Physiologicum, 1821, p. 21. Intorno all'espressione sbiadita del guardo,
veggasi il dottor PIDERIT, Mimik und Physiognomik, 1867, p.
65.
139 Per l'influenza dell'affanno sugli organi respiratorii, veggasi specialmente sir C. BELL, Anatomy of Expression, terza edizione, 1844, p. 151.
224
a notare questo movimento in una madre che parlava di
suo figlio malato; però può dipendere anche da cause insignificanti o momentanee di affanno reale o supposto.
La posizione obliqua dei sopraccigli è dovuta al fatto
che la contrazione di certi muscoli (particolarmente dei
muscoli orbicolari, sovraccigliari e piramidali del naso,
che hanno l'uffizio comune di abbassare e di aggrottare i
sopraccigli) viene in parte neutralizzata dall'azione più
potente dei fasci mediani del muscolo frontale. Questi
elevano solo le estremità interne dei sopraccigli; nel medesimo tempo i sopraccigliari le ravvicinano, onde ne
avviene che codeste estremità si riuniscono increspandosi od ingrossandosi. Le pliche che per tal maniera risultano, costituiscono un tratto assai caratteristico nella
espressione, prodotto dall'obliquità dei sopraccigli,
come si può vedere nelle figure 2 e 5 della Tavola II.
Contemporaneamente le sopracciglia si mostrano alquanto arruffate, perchè i peli sono portati in avanti. Il
dott. J. Crichton Browne ha eziandio spesse volte osservato negli alienati malinconici, i quali tengono costantemente oblique le sopracciglia, «una particolare arcata
acuta della palpebra superiore». Una traccia di codesto
fatto puossi vedere, confrontando fra loro la palpebra
destra e la sinistra del giovane rappresentato nella fotografia (fig. 2, Tav. II); infatti questo individuo non poteva agire egualmente sui due sopraccigli. La stessa cosa
apparisce nella differenza delle rughe sui due lati del
fronte. Io credo che quando le palpebre sono molto arcuate, ciò dipenda dal fatto che si rialza solo l'estremità
225
interna dei sopraccigli; perocchè quando il sopracciglio
è sollevato ed arcuato completamente, la palpebra superiore segue in debole grado il medesimo moto.
Il più notevole risultato della opposta contrazione dei
muscoli anzidetti si manifesta nelle rughe particolari che
si formano sulla pelle del fronte. Per maggiore concisione, a questi muscoli che agiscono simultanei ed antagonisti, possiamo dare il nome di muscoli del dolore. Se
noi solleviamo le sopracciglia contraendo affatto i frontali, si producono delle righe trasversali su tutta la fronte; nel caso presente, al contrario, si contraggono solamente i fasci situati sulla linea mediana, e per conseguenza le pieghe trasverse appaiono solo sul mezzo del
fronte. Nello stesso tempo la pelle che sormonta la parte
esterna dei sopraccigli è tratta in basso e resa liscia per
la contrazione delle porzioni esterne dei muscoli orbicolari. Di più, contraendo simultaneamente i sopraccigliari140, le sopracciglia sono ravvicinate; e codesta contra140 Nelle precedenti osservazioni sul modo con cui le sopracciglia si fanno oblique, ho seguito l'opinione generale di tutti gli
anatomici de' quali ho consultato le opere od intesi verbalmente le
idee sull'azione dei muscoli su menzionati. Nel corso di quest'opera, terrò lo stesso metodo relativamente all'azione dei muscoli
corrugator supercilii, orbicularis, pyramidalis nasi e frontalis.
Tuttavia il dottor Duchenne ritiene (e ciascuna delle conclusioni a
cui giunge merita una seria considerazione) che il muscolo che
solleva l'estremità interna, ed è l'antagonista della parte superiore
ed interna dell'orbicolare, come anche del pyramidalis nasi, dei
sopraccigli, sia il corrugator, chiamato da lui sopraccigliare (vedi
Mécanisme de la Physionomie humaine, 1862, in-foglio, art. V
226
zione determina delle pieghe verticali fra la parte esterna e abbassata della pelle del fronte e la parte centrale,
ch'è sollevata. L'unione di queste rughe verticali con
quelle mediane e trasversali (vedi fig. 2 e 3) produce
sulla fronte una figura che fu paragonata ad un ferro da
cavallo; ma è più esatto il dire che le pieghe formano i
tre lati d'un quadrilatero. Spesse volte essi si veggono
assai distinti sul fronte degl'individui adulti o quasi, allorchè le loro sopracciglia prendono una posizione obliqua; ma nei giovanetti, la pelle dei quali non si raggrinza facilmente, si vedono di rado o non se ne scoprono
che semplici traccie.
Queste rughe particolari sono rappresentate assai
bene (fig. 3, Tav. II) sulla fronte di una ragazza che postesto, e figure dalla 19 alla 29; edizione in-8°, 1862, p. 43, testo).
Peraltro quest'autore ammette che il corrugator ravvicini le sopracciglia, producendo così delle rughe verticali sopra la radice
del naso o quel che si dice un aggrottamento di sopraccigli. Ei
crede ancora che, relativamente ai due terzi esterni del sopracciglio, il corrugator agisca in comunanza colla parte superiore dell'orbicolare e che questi due muscoli siano gli antagonisti del
frontale. A me, dopo i disegni di HENLE (fig. 3), riesce impossibile comprendere come il corrugator possa agire nel modo descritto dal signor Duchenne. Veggansi pure su questo argomento
le osservazioni del prof. DONDERS (Archives of Medicine, 1870,
vol. V, p. 34). J. Wood, così celebre per i minuziosi suoi studi sui
muscoli del corpo umano, mi dice ch'ei crede esatta la mia teoria
intorno all'azione del sopraccigliare. Ma ciò non ha alcuna importanza relativamente all'espressione cagionata dall'obliquità dei sopraccigli, e non ne ha di più per ispiegarne l'origine.
227
siede in grado straordinario la facoltà di mettere in movimento i muscoli in questione. Mentre la si fotografava, ella pensava all'esito dell'operazione, ed il suo volto
esprimeva nulla di triste; gli è perciò che ne ho rappresentata solo la fronte. La figura 1 della medesima Tavola, tratta dall'opera del dottor Duchenne141, rappresenta,
in iscala ridotta, il viso di un giovane attore di gran bravura, nel suo stato naturale. Alla figura 2, lo si vede simulare il dolore; solo, come abbiamo fatto prima notare,
le due sopracciglia non sono egualmente contratte. La
verità dell'espressione è meravigliosa; infatti, su quindici persone a cui ho fatto vedere la fotografia originale,
senza avvertirle in nessuna maniera di ciò che rappresentava, quattordici riconobbero immediatamente o un
affanno disperato, o la sofferenza, o la malinconia, e
così di seguito. La storia della fig. 5 è molto curiosa: la
vidi nella vetrina d'un magazzino e la portai al signor
Rejlander per cercare di scoprirne l'autore, facendogli rimarcare la grande espressione dei lineamenti. «L'ho fatta io – mi rispose – e deve infatti essere espressiva, chè
dopo alcuni momenti questo fanciullo scoppiò in lagrime». Ei mostrommi allora una fotografia dello stesso ragazzino con un'espressione tranquilla, ed io la feci ripro141 Sono obbligatissimo al dottor Duchenne del permesso
concessomi di far riprodurre a mezzo della eliotipia queste due
fotografie (fig. 1 e 2) tolte dalla sua opera in-foglio. Molte fra le
precedenti operazioni sull'increspamento della pelle, quando le
sopracciglia diventano oblique, sono tratte dal suo bellissimo capitolo su questo argomento.
228
durre (fig. 4). Alla figura 6 si può distinguere una traccia di obliquità nei sopraccigli; ma essa ha lo scopo,
come la fig. 7, di mostrare la depressione degli angoli
della bocca, sulla quale devo ritornare.
Senza un certo studio, è piuttosto difficile agire volontariamente sui muscoli del dolore; tuttavia molte persone vi riescono dopo ripetuti sforzi; altre però non vi
giungono mai. Il grado di obliquità dei sopraccigli, sia
poi questa volontaria o no, varia d'assai secondo gl'individui. In taluni, nei quali i muscoli piramidali appariscono d'una forza più che ordinaria, la contrazione dei fasci
mediani del muscolo frontale, quantunque energica,
come lo provano le rughe quadrangolari del fronte, non
solleva le estremità interne dei sopraccigli, ma solo impedisce loro di essere abbassate così come lo sarebbero
state senza questa contrazione. In seguito alle mie osservazioni, i muscoli del dolore entrano in azione molto più
di frequente nel fanciullo e nella donna che nell'uomo.
Almeno nell'adulto, è raro il caso in cui vengano messi
in giuoco dal dolore fisico; quasi esclusivamente invece
dall'angoscia morale. Due individui, i quali, dopo alcuni
studi, erano giunti a governare i muscoli del dolore, osservarono, guardandosi in uno specchio, che quando
rendevano oblique le sopracciglia, abbassavano contemporaneamente, senza volerlo, gli angoli della bocca; fatto che si avvera di spesso anche nelle espressioni naturali.
Come quasi tutte le facoltà umane, pare che anche
quella di agire facilmente sui muscoli del dolore sia ere229
ditaria. Una donna, discendente da una famiglia celebre
per il numero considerevole di rinomati autori ed attrici
che vennero da essa, e che pur sapeva «con una singolare precisione» assumere l'espressione in discorso, narrò
al dottor Crichton Browne, che tutti i suoi antenati avevano posseduto ad un notevole grado questa medesima
facoltà. E' sembra eziandio che l'ultimo discendente della famiglia, la di cui storia inspirò il romanzo di Walter
Scott, intitolato Red Gauntlet, abbia pure ereditata codesta stessa tendenza di razza. So questo fatto dal dottor
Browne; solamente il romanziere fe' che il suo eroe si
coprisse la fronte di rughe ogniqualvolta soffriva una
violenta emozione. Io pure conobbi una ragazza che teneva quasi sempre la fronte così raggrinzata, indipendentemente da ogni sentimento.
I muscoli del dolore agiscono di rado; e siccome la
loro azione il più delle volte è momentanea, è facile che
sfugga all'osservazione. Quantunque questa espressione
si riconosca subito e sempre per quella dell'affanno o
dell'ansietà, pure una persona su mille, senz'avere studiata la quistione, non può indicare con esattezza il fenomeno che si opera a questo punto sul viso. Codesta
probabilmente è la causa per cui non è fatto cenno di
tale espressione in alcuna opera d'immaginazione, per
quanto almeno io seppi osservare, toltone il Red Gauntlet ed un altro romanzo, lavoro, mi si disse, d'una signora che appartiene appunto alla famosa famiglia d'attori onde or ora tenni parola; dimodochè la sua attenzione potè essere particolarmente attirata su questo argo230
mento.
Come risulta dalle statue di Laocoonte e d'Aretino,
quest'espressione era famigliare agli antichi scultori greci; ma (l'osserva anche Duchenne) essi commettevano
un errore anatomico facendo correre tutta la larghezza
del fronte dalle rughe trasverse: – ed altrettanto può dirsi di certe statue moderne. Peraltro è cosa più verosimile
credere che artisti d'una perspicacia tanto meravigliosa,
non abbiano volontariamente fatto sacrificio della verità
alla bellezza; imperocchè è certo che rughe rettangolari
nel mezzo della fronte non avrebbero fatto grande effetto sul marmo. E probabilmente per la stessa ragione,
questa espressione elevata al massimo grado non è rappresentata di spesso, per quanto almeno mi consta, nelle
tele degli antichi maestri; tuttavia una donna, che la conosceva perfettamente, mi disse che nella Discesa dalla
croce di frà Angelico, a Firenze, la si distingue nettamente sull'una delle figure di destra; – e potrei qui ancora citare alcuni altri esempi.
Dietro mia inchiesta, il dottor Crichton Browne si è
premurosamente studiato di cogliere questa espressione
nei numerosi alienati affidati alle sue cure, nell'Asilo di
West Riding; d'altra parte ei conosceva perfettamente le
fotografie del signor Duchenne relative all'azione dei
muscoli del dolore. Egli m'informa che si può vedere
questi muscoli agire con costante energia in alcuni casi
di melanconia e sopratutto di ipocondria, e che le linee o
rughe persistenti, dovute alla loro abituale contrazione,
sono segni caratteristici della fisonomia degli alienati
231
appartenenti a queste due classi. Anche il dottore Browne si è compiaciuto di osservare con cura, per un tempo
notevole, tre casi d'ipocondria, nei quali i muscoli del
dolore restavano continuamente contratti. Nell'uno di
questi casi, trattavasi d'una vedova, di cinquantun anno,
che si figurava di aver perdute tutte le proprie viscere e
credeva di avere il corpo affatto vuoto: ella mostrava
un'espressione di profondo cordoglio e batteva l'una
contro l'altra le mani semichiuse con un movimento ritmico che durava ore intiere. I muscoli del dolore erano
permanentemente contratti, le palpebre superiori arcuate. Questo stato durò molti mesi, dopo di che l'inferma si
ristabilì e riprese la naturale espressione. Un secondo
malato presentò presso a poco le stesse particolarità, col
solo divario, che in questo vi aveva di più una depressione degli angoli della bocca.
Il signor Patrick Nicol ebbe pure la bontà di studiare
per me molti casi, nell'Asilo degli alienati di Sussex. Ei
mi comunicò ampli dettagli su tre fra di loro, ma non è
qui il posto per essi. In seguito alle proprie osservazioni
sui malati malinconici, il signor Nicol giunge alla conclusione, che le interne estremità dei sopraccigli sono
quasi sempre più o meno rialzate, e la fronte più o meno
aggrinzata. In una ragazza, si notò che queste rughe del
fronte erano continuamente in moto. In certi casi gli angoli della bocca sono depressi, il più delle volte però, in
un modo appena sensibile. D'altra parte, v'ha quasi sempre divario nella espressione dei diversi melanconici. In
generale, le palpebre sono cascanti, e la pelle fa delle
232
pieghe in vicinanza e al di sotto dei loro angoli esterni.
Il solco naso-labiale, che dalle ali del naso va ai lati della bocca, e che è tanto visibile nel fanciullo che piange,
è spesse volte molto spiccato in questi malati.
Negli alienati i muscoli del dolore si contraggono
spesso con persistenza; nei sani si osservano pure fugaci
contrazioni di questi muscoli, provocate da cause affatto
insignificanti e completamente incoscienti. Un signore
fa ad una ragazza un presente d'infimo valore; ella se ne
chiama offesa, e, mentre gli rinfaccia la condotta di lui,
rende assai oblique le sopracciglia e raggrinza la fronte.
Un'altra signorina ed un giovane, ambidue di lietissimo
umore, discorrono vivamente fra loro con una straordinaria volubilità; io noto che tutte le volte in cui la ragazza è vinta, nè sa trovare abbastanza presto la parola, le si
sollevano oblique le sopracciglia e la fronte si raggrinza
di rughe rettangolari. Questo segno è un indizio di cordoglio, che nello spazio di alcuni minuti ella mostra una
mezza dozzina di volte. Per il momento io non vi faccio
verun rimarco; ma, in un'altra occasione, la prego di
mettere in moto i muscoli del dolore, mentre un'altra
fanciulla, che è lì presente e che può farlo a volontà, le
spiega ciò che voglio da lei. Ella tenta a varie riprese,
ma non sa mai riescirvi; eppure bastolle una leggerissima contrarietà, quella, cioè, di non poter parlare abbastanza presto, per mettere più volte in azione questi muscoli senza intervallo e con energia.
L'espressione dell'affanno, dovuta alla contrazione dei
muscoli del dolore, non è esclusiva agli Europei, ma
233
sembra comune a tutte le razze umane. Infatti, ne ho ricevuto prove degne di fede per ciò che concerne gli
Hindus, i Dhangar (una delle tribù aborigene dell'India,
che abita le montagne, ed appartiene ad una razza affatto distinta dagli Hindus), i Malesi, i Negri e gli Australiesi. Quanto a queste ultime, due osservatori mi danno
una risposta affermativa, ma senza entrare in dettagli;
peraltro, il signor Taplin aggiunge alla succinta descrizione della mia raccolta di quesiti, queste semplici parole: «Ciò è esatto». Per i Negri, la stessa signora che mi
descrisse il quadro di fra Angelico, osservò in un Negro
che rimburchiava un battello sul Nilo, che ad ogni ostacolo si produceva una energica contrazione dei muscoli
del dolore, ed il mezzo del fronte si raggrinzava notevolmente. Il signor Geach osservò a Malacca, sopra un
Malese, una spiccata depressione degli angoli della bocca, l'obliquità dei sopraccigli ed un corrugamento del
fronte prodotto da grinze corte e profonde. Questa
espressione fu di brevissima durata, e Geach aggiunge
«ch'ella era strana e somigliava quella d'una persona che
sta per piangere al punto in cui le sorgiunge una grave
perdita».
Il signor H. Erskine constatò che questa espressione è
famigliare agli indigeni dell'India; e J. Scott, del Giardino botanico di Calcutta, mi spedì assai gentilmente una
dettagliata descrizione di due casi nei quali l'ebbe a notare. Egli osservò per qualche tempo, senza essere visto,
una giovanissima donna Dhangar di Nagpore, sposa ad
uno dei giardinieri, mentre porgeva la poppa al figliuolo
234
presso a morire; ei vide distintissimamente che le sopracciglia di lei erano sollevate ai capi interni, le palpebre cascanti, la fronte aggrinzata nel mezzo e la bocca
aperta cogli angoli fortemente depressi. Dopo un momento, egli uscì da un cespuglio che l'aveva tenuto celato, e parlò alla povera donna, che die' in un sussulto,
scoppiò in lagrime e supplicò di guarire il suo bimbo.
Nel secondo caso, trattasi di un Indostano, obbligato
dall'indigenza e da malattia a vendere la sua capra favorita. Dopo averne ricevuto il prezzo, guardò a più riprese il danaro che tenea nella mano, poscia la capra, quasi
fosse tentato di stornare il contratto; s'avvicinò alla bestia, già legata e che stava per essere tradotta di là; bentosto l'animale impennossi e si pose a leccargli le mani.
Gli occhi dell'infelice vagarono allora da una parte all'altra: «teneva semichiusa la bocca, cogli angoli fortemente abbassati». Alla fine parve prendesse il partito di
separarsi dalla capra, e in quell'istante Scott osservò che
le sopracciglia di lui diventavano leggermente oblique, e
vide prodursi il corrugamento o rigonfiamento caratteristico delle interne estremità, senza che sulla fronte vi
fosse alcuna grinza. Stette così circa un minuto, poi,
mandando un profondo sospiro, die' in lagrime, levò
ambo le mani, benedisse alla capra, e allontanossi senza
volgersi indietro.
Causa dell'obliquità dei sopraccigli sotto l'influenza
del dolore. – Per molti anni, veruna espressione mi parve più difficile a spiegarsi come quella che ora ci occupa. Perchè l'affanno o l'ansietà provocano la contrazione
235
dei soli fasci mediani del muscolo frontale, in uno a
quella dei muscoli che attorniano gli occhi? E' sembra
che in ciò noi abbiamo un movimento complesso unicamente destinato ad esprimere l'affanno, e nullameno
questa espressione relativamente è rara e passa sovente
inosservata. Io ritengo che la spiegazione non sia tanto
difficile, quanto potrebbe a prima vista sembrare. Il dottor Duchenne dà una fotografia del giovane, onde già
tenni parola, presa nel punto in cui egli, guardando fisso
un oggetto vivamente illuminato, contraeva fortemente
e senza volerlo i muscoli del dolore. Io avevo dimenticata del tutto questa fotografia, quando un bel giorno,
essendo a cavallo ed avendo il sole a tergo, incontrai
una fanciulla che levò gli occhi su me; le sopracciglia di
lei divennero subito oblique e la fronte si coprì quindi di
rughe. Più tardi ebbi ad osservare di spesso questo movimento in analoghe circostanze. Tornato a casa, senza
dir loro il mio scopo, pregai tre de' miei figli a fissare,
quanto più a lungo potessero, il sommo di un alto albero
che spiccava sopra un cielo fulgidissimo. In tutti tre, i
muscoli orbicolari, sovraccigliari e piramidali si contrassero energicamente, in seguito ad un'azione riflessa
che susseguiva all'eccitazione della retina ed aveva per
iscopo di proteggere gli occhi contro il brillare della
luce. I fanciulli si studiavano in ogni maniera di guardar
alto; mi offrivano così lo spettacolo d'una curiosa lotta,
piena di sforzi spasmodici, stabilita fra il muscolo frontale nel suo complesso o solamente nella sua parte mediana, ed i vari muscoli che servono ad abbassare le so236
pracciglia ed a chiudere le palpebre. La involontaria
contrazione dei muscoli piramidali produceva sulla radice del naso delle rughe profonde e trasversali. In uno dei
tre fanciulli, le sopracciglia venivano volta a volta sollevate e abbassate per l'alternativa contrazione di tutto il
muscolo frontale e dei muscoli peri-oculari; dimodochè
la superficie del fronte ora si mostrava coperta di rughe,
ora perfettamente liscia. La fronte degli altri due si raggrinzava solo nel mezzo, il che dava luogo a rughe rettangolari; e le sopracciglia erano oblique, mentre i capi
interni di queste si corrugavano e si gonfiavano. Codesto fenomeno si produsse assai leggermente in uno de'
fanciulli, nell'altro invece ad uno spiccatissimo grado.
Questo divario nell'obliquità dei sopraccigli dipende
probabilmente da una correlativa differenza nella loro
mobilità generale e nella forza dei muscoli piramidali.
Nei casi ora citati, le sopracciglia e la fronte, sotto l'influenza d'una vivida luce, erano messe in movimento assolutamente nella stessa maniera e colle medesime particolarità caratteristiche, che sotto l'azione dell'affanno e
dell'ansietà.
Il signor Duchenne constatò che il muscolo piramidale del naso dipende meno immediatamente dal controllo
della volontà che gli altri muscoli peri-oculari. Ei fa notare che il giovane precitato, il quale esercitava un grande impero tanto sui muscoli dell'affanno quanto sulla
maggior parte degli altri muscoli facciali, non poteva
237
contrar tuttavia i muscoli piramidali142. È certo però che
questa facoltà offre vari gradi a seconda degl'individui.
Il muscolo piramidale tira in basso la pelle del fronte
che sta fra le sopracciglia ed insieme i capi interni di
queste. Le fibre mediane del frontale sono antagoniste
del piramidale; e per equilibrare la contrazione di quest'ultimo fa d'uopo che queste fibre mediane si raccorcino. Ne risulta che nelle persone dotate di potenti muscoli piramidali, ove, mentre sono esposte ad una viva luce,
si produca un desiderio inconsciente d'impedire l'abbassamento dei sopraccigli, le fibre mediane del frontale
devono venir messe in gioco, e la loro contrazione, se
sufficiente a dominare i piramidali, insieme a quella dei
muscoli sopraccigliari e orbicolari, agirà precisamente
nel modo or ora descritto sui sopraccigli e sul fronte.
Come già vedemmo, quando i fanciulli gridano o
piangono, contraggono i muscoli orbicolari, sopraccigliari e piramidali, prima di tutto per comprimere gli occhi ed impedir loro di irrorarsi di sangue, poi per abitudine. Io ne aveva concluso che quando i fanciulli si studiano di prevenire un accesso di pianto o di arrestarlo,
dovessero impedire la contrazione dei muscoli su nominati come allora che guardano una vivida luce; pensava
quindi che i fasci mediani del muscolo frontale avessero
ad entrare spesso in azione. Mi posi dunque ad osservare fanciulli messi in tale condizione, e pregai varie persone, specialmente medici, a fare altrettanto. Questo
142 Mécanisme de la Phys. humaine. Album, p. 15.
238
esame richiede una grande attenzione; infatti nel fanciullo la speciale azione antagonista di questi muscoli è
definita assai men nettamente che nell'adulto, imperocchè è difficile che la fronte di quello s'increspi. Tuttavia
ebbi agio a riconoscere di subito che, in tali occasioni, i
muscoli del dolore erano quasi sempre messi in azione
nella più evidente maniera. Tornerebbe cosa vana riferir
qui tutti i casi osservati: io ne citerò solo alcuni. Una
bimba d'un anno e mezzo era molestata da altri ragazzi;
le sopracciglia di lei divennero notevolmente oblique
prima che scoppiasse in pianto. Una fanciulletta più
avanzata in età diede a vedere la stessa obliquità nei sopraccigli; e si notò per giunta che i loro capi interni erano sensibilmente increspati e che nel medesimo tempo
gli angoli della bocca si deprimevano. Dopochè si mise
a piangere, le si modificarono affatto i lineamenti e questa speciale espressione svanì. Altro esempio; un ragazzino appena vaccinato gridava e piangeva con violenza;
il chirurgo, a calmarlo, gli diede un arancio, portato appunto per ciò e che piacque molto al fanciullo. Quando
cessò dal piangere, fu dato di osservare tutti i movimenti
caratteristici onde abbiamo parlato, compresa pure la
formazione delle rughe rettangolari nel mezzo del fronte. Per ultimo, incontrai un giorno per via una fanciullina di tre o quattro anni, cui un cane aveva sgomenta, e
quando le chiesi che avesse, lasciò di piangere e le sue
sopracciglia presero tosto una posizione singolarmente
obliqua.
Dunque, senza alcun dubbio, noi abbiamo in ciò la
239
chiave del problema che ci presenta l'antagonismo tra la
contrazione delle fibre centrali del frontale e quella dei
muscoli peri-oculari, sotto l'influenza del dolore, – tanto
che questa contrazione sia prolungata, come negli alienati malinconici, quanto ch'ella sia momentanea e suscitata da una contrarietà insignificante. Nella nostra infanzia, tutti contraemmo spesse volte i muscoli orbicolari,
sopraccigliari e piramidali, onde protegger gli occhi,
mandando sempre delle grida; prima di noi, i nostri antenati fecero lo stesso per molte generazioni, e quantunque, progredendo in età, ci riesca facile di trattenere le
grida al provare qualche dolore, tuttavia non possiamo
vincere ogni volta l'effetto d'una lunga abitudine ed impedire una leggiera contrazione dei muscoli anzidetti:
che se questa contrazione è molto debole, non la notiamo nemmanco, nè cerchiamo di reprimerla. Ma sembra
che i piramidali dipendano dalla. volontà meno degli altri muscoli onde tenemmo parola, e che, quando sono
bene sviluppati, la loro contrazione non possa venir arrestata che dalla contrazione antagonista dei fasci mediani del frontale. Per le quali cose, se questi ultimi fasci
si contraggono con energia, devono necessariamente risultarne un obliquo innalzamento di sopraccigli, un increspamento dei loro capi interni e la formazione di rughe rettangolari nel mezzo del fronte. Siccome i fanciulli e le donne piangono molto più facilmente degli uomini, e gli adulti dei due sessi non piangono che sotto l'influenza del dolore morale, puossi comprendere il perchè
avvenga (com'io l'ebbi ad osservare) che i muscoli del
240
dolore entrano in azione più spesso nel fanciullo e nella
donna, che nell'uomo e, generalmente nell'adulto, non si
contraggono che per dolore dell'animo. In alcuni dei
casi di già citati, in quelli, ad esempio, della sciagurata
Dhangar e dell'Indostano, alla contrazione dei muscoli
del dolore susseguì subito il pianto. In ogni contrarietà,
grande o piccola, il nostro cervello, causa una lunga abitudine, tende ad inviare a certi muscoli l'ordine di contrarsi, quasi noi fossimo ancora fanciulli, pronti a scioglierci in lagrime. Nullameno, mercè al meraviglioso
potere della volontà, e mercè pure agli effetti dell'abitudine, noi possiamo parzialmente resistere a quest'ordine,
senza aver tuttavia coscienza di tal resistenza, o per lo
meno del meccanismo per cui ella agisce.
Depressione degli angoli della bocca. – Questa depressione è prodotta dai depressores anguli oris (triangolari del mento, fig. 1 e 2, K). Le fibre di questo muscolo divergono verso la parte inferiore; le loro estremità superiori, convergenti, s'attaccano agli angoli della
bocca, e per un breve tratto alla parte esterna del labbro
inferiore143. Alcune di queste fibre sembrano essere antagoniste a quelle del gran zigomatico e di vari muscoli
che s'appigliano alla parte esterna del labbro superiore.
La contrazione del triangolare tira in basso ed in fuori
gli angoli della bocca, e così pure la parte esterna del
labbro superiore, ed anche, in debole grado, le ali del
143 HENLE, Handbuch der Anat. des Menschen,1858, vol. I,
p. 148, fig. 68 e 69.
241
naso. Quando, essendo chiusa la bocca, questo muscolo
entra in azione, la linea di congiunzione dei due labbri
forma una curva a concavità inferiore144, e le labbra stesse, specialmente l'inferiore, sono tratte alquanto in avanti. Codesta disposizione della bocca è ben rappresentata
nelle due fotografie del signor Rejlander (Tavola II, fig.
6 e 7). Nella fig. 6 si osserva un giovanetto che patì da
un compagno uno schiaffo sul viso e lascia appena di
piangere: è precisamente l'istante scelto per fotografarlo.
L'espressione di cattivo umore, di affanno o di abbattimento, dovuta alla contrazione dei triangolari, venne
osservata da tutti coloro che si occuparono di tali quistioni. In inglese, dire che un individuo ha la bocca abbassata significa che egli è di umore depresso. Come
già dissi, in seguito alla testimonianza del dottor Crichton Browne e del sig. Nicol, la depressione degli angoli
della bocca si osserva spesso negli alienati malinconici:
la si vede spiccatissima in alcune fotografie di certi malati molto inclinati al suicidio, che mi vennero spedite
dal signor Browne. D'altro canto la si constatò in uomini
appartenenti a razze diverse, negl'Hindus, nelle tribù negre delle montagne dell'India, nei Malesi, e finalmente
sulla fede del rev. signor Hagenauer, negli aborigeni dell'Australia.
Il bambino che grida contrae energicamente i muscoli
peri-oculari, e di conseguenza solleva il labbro superio144 Veggasi lo studio sull'azione di questo muscolo, del dott.
DUCHENNE, Mécanisme de la Physionomie humaine. Album
(1862), VIII, p. 34.
242
re. Siccome poi egli deve nello stesso tempo tener la
bocca spalancata, i muscoli abbassatori che confinano
colle commessure entrano pure vigorosamente in azione. In generale, non sempre però, ne risulta una leggiera
curvatura angolosa d'ambo i lati del labbro inferiore, in
vicinanza di queste commessure. I movimenti combinati
delle due labbra danno all'orifizio boccale una forma
quadrangolare. La contrazione del muscolo triangolare
si vede assai bene nel bambino, allorchè strilla senza
troppa violenza, e meglio ancora nel punto in cui comincia o finisce di gridare. Il suo visino prende allora una
miserissima espressione, ch'io osservai molte volte su'
miei stessi figliuoli dall'età di circa sei settimane a due o
tre mesi. Talvolta, quando il fanciullo lotta contro un accesso di pianto, l'inflessione della bocca s'esagera tanto,
che questa assume la forma d'un semicerchio; l'espressione di profonda desolazione che prende allora il suo
viso costituisce veramente una ridicola caricatura.
Egli è probabile che la contrazione del triangolare,
sotto l'influenza del cattivo umore o dell'abbattimento,
si spieghi cogli stessi principii generali onde vedemmo
l'applicazione a proposito dell'obliquità dei sopraccigli.
Il dott. Duchenne, dalle proprie osservazioni di molt'anni, conclude che, fra tutti quei della faccia, questo muscolo è uno dei meno sottomessi al controllo della volontà. In appoggio di codesta credenza, noi possiamo richiamare l'osservazione già fatta riguardo a un fanciullo
ch'è presso a piangere, ma ch'esita ancora, o si sforza di
trattenere le lagrime: in questi casi, per solito, la sua vo243
lontà agisce su tutti i muscoli del viso più efficacemente
che sugli abbassatori delle commessure labiali. Due
egregi osservatori, medico l'uno, dietro mia inchiesta,
furono tanto gentili da studiare, con cura e senz'alcuna
idea preconcetta, dei fanciulli vari in età e delle donne,
nel punto in cui, malgrado gli sforzi per contenersi, stavano per piangere: questi due osservatori asseriscono
che i triangolari entrano in azione prima di tutti gli altri
muscoli. Per lo che, siccome nell'infanzia questi muscoli
vennero fatti agir di sovente, per lungo seguito di generazioni, la forza nervosa, in virtù del principio dell'associazione delle abitudini, dee tendere a portarsi verso
questi muscoli, come pure verso gli altri della faccia,
tutte le volte in cui si prova un senso, anche leggiero, di
tristezza. Ma, siccome i triangolari, in confronto di altri
muscoli, sono alquanto meno sottomessi al controllo
della volontà, noi li vedremo leggermente contrarsi,
quando gli altri rimangono inerti. Ed è curioso vedere
come una leggerissima depressione degli angoli della
bocca basti per dare alla fisionomia un'espressione di
cattivo umore o d'abbattimento; dimodochè una lievissima contrazione dei triangolari manifesta da sola questi
stati dell'animo.
Terminerò raccontando una piccola osservazione, che
in qualche modo servirà a riassumere ciò che s'è detto.
Un dì mi trovai assiso in uno scompartimento di vagone,
di faccia ad una vecchia signora, la quale mostrava nel
volto un'espressione serena, avvegnachè concentrata.
Guardandola, notai che i muscoli triangolari le si con244
traevano assai leggermente, ma in modo spiccato. Tuttavia, siccome la sua fisonomia conservavasi sempre calma, io pensai (quantunque potessi facilmente ingannarmi) che questa contrazione dovea essere affatto incosciente. Avevo appena concepita codesta idea, che gli
occhi di quella signora s'ammollirono improvvisamente
di lagrime, le quali parevano pronte a scorrer le guancie,
mentre dalla figura di lei traspariva l'abbattimento. Certamente qualche triste ricordo, forse quello d'un figliuolo tempo addietro perduto, aveale in quel punto traversata la mente. Non appena il sensorio era stato in lei così
impressionato, alcune cellule nervose, in seguito ad
un'inveterata abitudine, avevano istantaneamente trasmesso l'ordine a tutti i muscoli respiratorii ed a quelli
del volto, onde disporli ad un accesso di pianto. Ma la
volontà, o piuttosto un'abitudine posteriormente acquistata, intervenendo allora, aveva respinto quest'ordine; e
tutti i muscoli avevano prestato obbedienza all'ultimo
comando, tranne i triangolari, che soli erano entrati leggermente in azione, deprimendo alquanto le commessure de' labbri. Del resto, la bocca era rimasta chiusa, e la
respirazione tranquilla, come allo stato normale.
Nell'istante in cui la bocca di questa signora aveva
cominciato a prendere, in maniera involontaria e incosciente, la forma che caratterizza un accesso di pianto,
un'impressione aveva dovuto trasmettersi, certo per le
vie da lungo tempo usate a tutti i muscoli respiratorii,
come pure ai muscoli peri-oculari ed al centro vasomotore che regge la circolazione sanguigna nelle glandule
245
lagrimali. Quest'ultimo fatto trovava chiara spiegazione
nella subita presenza delle lagrime che emettevano gli
occhi, presenza facile a comprendersi, giacchè le glandule lagrimali, in confronto dei muscoli facciali, sono
molto meno sottomesse all'influenza della volontà. Nello stesso tempo, doveva senza dubbio esistere nei muscoli peri-oculari una disposizione a contrarsi, come per
proteggere gli occhi contro i pericoli d'un ingorgo sanguigno; ma questa disposizione era stata contrariata e
completamente soggiogata dalla volontà, per modo che
il sopracciglio non si mosse. Se, come avviene in molte
persone, il piramidale, il sopraccigliare e gli orbicolari
fossero stati meno obbedienti all'azione della volontà, e'
sarebbero entrati leggermente in giuoco, allora anche le
fibre mediane del frontale si sarebbero contratte in senso
inverso, le sopracciglia avrebbero presa una direzione
obliqua e sul fronte sarebbero apparse delle crespe rettangolari. In allora anche la fisionomia avrebbe rivestita,
in modo ancor più spiccato, l'espressione dell'abbattimento o, meglio, dell'affanno.
E così procedendo, possiamo comprendere come, allorchè qualche pensiero malinconico ci attraversa la
mente, si produca un'impercettibile depressione degli
angoli della bocca, od una leggera elevazione delle
estremità interne dei sopraccigli, od ancora l'una e l'altra
insieme, tosto seguite da lieve spargimento di lagrime.
La forza nervosa, trasmessa per le sue vie abituali, riesce efficace dovunque la volontà non ha acquisita, per
una lunga abitudine, forza bastante ad opporvisi. I su ac246
cennati fenomeni possono dunque tenersi quali vestigia
rudimentali degli accessi di grida, tanto frequenti e prolungati nell'infanzia. In questo caso, come in molti altri,
i legami che annodano la causa all'effetto, per dar luogo
a diverse espressioni dell'umana fisonomia, sono davvero meravigliose, e ne dànno spiegazione di alcuni movimenti che noi compiamo involontariamente e inscientemente tutte le volte in cui certe passeggiere emozioni
traversano lo spirito nostro.
247
CAPITOLO VIII.
GIOIA – ALLEGREZZA – AMORE – SENTIMENTI AFFETTUOSI – DEVOZIONE
Riso, prima espressione della gioia. – Idee piacevoli. – Moti e lineamenti del volto durante il riso. – Natura del suono prodotto.
– Secrezione di lagrime che accompagna lo sghignazzamento.
– Gradi intermedi fra lo sghignazzare e il sorridere. – Allegria.
– Espressione dell'amore. – Sentimenti affettuosi. – Devozione.
Una vivissima gioia provoca parecchi inutili movimenti: si balla, si battono le mani, si pestano i piedi,
ecc.; e nel medesimo tempo si ride fragorosamente. Ciò
si vede palese nei fanciulli, i quali, giuocando, ridono
quasi che di continuo. Nella giovinezza, l'allegria si manifesta pure frequente con iscoppi di risa che sono giustificati da nulla. Omero chiama il riso degli Dei «l'esuberanza della loro gioia celeste dopo il quotidiano convito». Si sorride (e vedremo che il sorriso passa grado
grado al riso), si sorride quando s'incontra per via un
vecchio amico; si sorride anche sotto l'influenza del più
leggiero piacere, ad esempio, aspirando un soave profu248
mo145. Laura Bridgman, cieca e sorda, non poteva certo
aver imparato da altrui veruna maniera di esprimersi; or
bene, allorchè, coll'aiuto di segni, le si comunicava una
lettera di qualche amico, «rideva, batteva le mani e le si
colorivano le guancie». In altre occasioni fu vista a pestare i piedi in segno di gioia146.
Anche gl'idioti e gl'imbecilli ci forniscono buone prove in appoggio dell'opinione, che il riso od il sorriso
esprimono di prima mano la gioia o la felicità. Il dottor
Crichton Browne, che volle gentilmente comunicarmi,
su questo argomento come su molti altri, i risultati della
sua vasta sperienza, m'apprende che negli idioti il riso è
la più generale e la più frequente di tutte le espressioni.
Certi idioti sono fastidiosi, irascibili, turbolenti, cattivi,
od anche affatto stupidi: codesti non ridono mai. Certi
altri ridono spesso del riso più sciocco. Così, nell'Asilo,
un giovane idiota, privo dell'uso della parola, lamentavasi un giorno a mezzo di segni col dottor Browne, perchè un compagno gli aveva fatto male ad un occhio;
«queste doglianze erano interrotte da scoppi di risa, e la
faccia di lui s'illuminava di larghi sorrisi». Ci ha un'altra
classe d'idioti, assai numerosa, i quali sono costantemente allegri e inoffensivi, e questi ridono o sorridono
sempre147. La loro fisonomia s'impronta sovente d'un
145 HERBERT SPENCER, Essays Scientific, ecc., 1858, p.
360.
146 F. LIEBER, sui suoni vocali di L. BRIDGMAN, Smithsonian Contributions, 1851, vol. II p. 6.
147 Veggasi anche MARSHALL, Philosophical Transactions,
249
riso stereotipo; mettendo loro davanti una vivanda qualunque, carezzandoli, mostrando ad essi dei brillanti colori, o facendo loro sentire della musica, si fanno più allegri, si rasserenano, ridono e mandano grida soffocate.
Alcuni ridono più del solito, quando camminano od eseguiscono un esercizio muscolare qualunque. Secondo le
osservazioni del dottor Browne, l'allegria della maggior
parte di questi idioti non è menomamente associata con
alcun determinato pensiero; essi provano soltanto un
piacere, e l'esprimono ridendo o sorridendo. Negli imbecilli, i quali nella scala degli alienati occupano un gradino più in su, sembra che la vanità personale sia la causa
più comune del riso, e, dopo questa, il piacere prodotto
dall'approvazione concessa alla loro condotta.
Nell'adulto il riso viene provocato da cause ben differenti, che non nell'infante; peraltro non avviene lo stesso
per il sorriso. Sotto questo riguardo, il riso ha analogia
colle lagrime, che nell'adulto colano solo sotto l'influenza del dolore morale, mentre nel fanciullo sono eccitate
da ogni sofferenza, fisica o no, come pure dal terrore o
dalla collera. Molti autori discussero in modo curioso
intorno alle cause del riso nell'adulto: ell'è codesta una
quistione molto complessa. Ei pare che, nella maggior
parte dei casi, la causa provocatrice del riso sia una cosa
incongrua o bizzarra, la quale produca sorpresa od un
sentimento più o meno spiccato di superiorità – ammes-
1864, p. 526.
250
so per altro che lo spirito sia bene disposto148. Le circostanze che lo producono non devono essere di un'importante natura: così un povero diavolo, che apprende improvvisamente di aver fatto una grossa eredità, non avrà
voglia di ridere, nè di sorridere. Se, mentre l'animo è vivamente eccitato da giocondi sentimenti, accade qualche cosa d'inatteso, se un'idea impreveduta colpisca la
mente, allora, a dire del signor Herbert Spencer 149, «la
forza nervosa in notevole quantità, che stava per dispensarsi producendo una quantità equivalente di pensieri e
di nuove emozioni, si trova improvvisamente sviata....
Bisogna che quest'eccesso si scarichi in qualche altra direzione, onde ne risulta un flusso che si precipita, per i
nervi motori, fino alle diverse classi di muscoli, e provoca quel complesso di atti semi-convulsivi a cui si dà il
nome di riso». Nell'ultimo assedio di Parigi, un corrispondente fece un'osservazione, la quale, nell'argomento
che ci occupa, ha il suo valore: quando i soldati alemanni erano profondamente impressionati da una pericolosissima situazione, cui riuscivano di scampare, erano in
modo speciale disposti a dare in fragorosi scoppi di risa
per la più futile causa. Così pure, quando i bambini co148 Nell'opera del BAIN (The Emotions and the Will, 1865, p.
247) si trova una lunga e interessante discussione sulle cause del
riso. La citazione, trascritta più in su, sul ridere degli Dei è tratta
da quest'Opera. – Veggasi anche MANDEVILLE, The Fable of
the Bees, vol. II, p. 168.
149 The Physiology of Laughter. Essays, seconda serie, 1863,
p. 114.
251
minciano a piangere, basta talvolta una circostanza brusca e inattesa per farli passare dalle lagrime al riso; sembra che queste due manifestazioni possano in pari grado
servire a sperdere l'eccesso prodotto di forza nervosa.
Qualche volta si dice che l'immaginazione è solleticata da una piacevole idea: questo solletico intellettuale
presenta curiose analogie col solletico fisico. Tutti conoscono gli smodati scoppi di risa, le generali convulsioni
che il solletico provoca nei fanciulli. Vedemmo che anche le scimie antropomorfe, quando vengono solleticate,
specialmente nel cavo dell'ascella, mandano un suono
interrotto paragonabile al ridere umano. Un giorno strisciai con un pezzo di carta la pianta del piede d'un mio
figliuolino, nato da soli sette giorni; egli ritirò subito la
gamba con un brusco movimento, flettendo le dita,
come l'avrebbe potuto fare un fanciullo più avanzato in
età. È chiaro che questi movimenti, come pure il riso
provocato dal solletico, sono atti riflessi; e ciò dicasi anche della contrazione dei piccoli muscoli lisci che erigono i peli in vicinanza ad un punto della pelle solleticato150. Ma il riso prodotto da un'idea piacevole, quantunque involontario, non può tuttavia chiamarsi un atto riflesso nello stretto senso della parola. In questo caso,
come nell'altro in cui il riso è cagionato dal solletico,
onde quello si produca, bisogna che l'animo sia ben disposto. Così un fanciullino, solleticato da una persona
150 LISTER, Quarterly Journal of Microscopical Science,
1853, vol. I, p. 266.
252
sconosciuta, manda grida di spavento. Occorre eziandio
che il contatto sia leggiero, e che l'idea od il fatto che
deve provocare il riso, non abbia seria importanza. Le
parti del corpo più sensibili al solletico sono quelle che
non sopportano abitualmente il contatto di superficie
straniere, ad esempio le ascelle o le parti interne delle
dita; o meglio ancora quelle che soffrono il contatto di
una superficie larga e uniforme, come la pianta dei piedi; peraltro la parte su cui ci appoggiamo quando siamo
seduti, fa spiccata eccezione alla regola. Secondo Gratiolet151, certi nervi, in confronto di certi altri, sono molto più sensibili al solletico. Un fanciullo riesce difficilmente a solleticarsi da sè, o per lo meno la sensazione
che ne prova è assai meno intensa. di quando è prodotta
da un'altra persona. Da questo fatto sembra risulti che,
onde la sensazione del solletico esista, bisogna che il
contatto giunga inatteso; nella stessa maniera, se trattasi
dell'animo, pare che una cosa inaspettata, un'idea repentina o bizzarra, la quale si getti traverso un corso ordinato di pensieri, costituisca un notevole elemento nelle
cause del riso.
Lo strepito che accompagna il ridere è prodotto da
una profonda inspirazione, seguita da una contrazione
breve, interrotta, spasmodica dei muscoli toracici e specialmente del diaframma152. Gli è da ciò che deriva l'espressione: ridere da tenersi le coste. In seguito alle
151 De la Physionomie, p. 186.
152 Sir C. BELL (Anat. of Expressions; p. 147) fa alcune osservazioni sul movimento del diaframma durante il riso.
253
scosse impresse al corpo, la testa è smossa da una parte
all'altra. La mascella inferiore tremola spesso dall'alto al
basso; movimento quest'ultimo che notasi pure in alcune
specie di babbuini, quando sono sotto l'impero di una
viva gioia.
Ridendo, la bocca si apre più o meno; le commessure
sono tratte assai indietro e un po' in alto; il labbro superiore si solleva leggermente. Ove meglio si osserva la
trazione all'indietro delle commessure, gli è in un riso
moderato o in un largo sorriso; d'altra parte l'epiteto applicato alla parola sorriso indica che la bocca si apre di
molto. Nella Tavola III si veggono (fig. 1-3) delle fotografie che rappresentano il sorriso e diversi gradi del
riso. La figura della fanciullina con sul capo un cappello, è del dottor Wallich: l'espressione ne è naturalissima.
Le due altre sono del signor Rejlander. Il dottore Duchenne fa più volte notare153 che, sotto l'influenza di un
sentimento giocondo, la bocca subisce l'azione di un
muscolo solo, il gran zigomatico, il quale ne tira gli angoli in alto e all'indietro; tuttavia, a voler giudicare dal
modo con cui i denti superiori si scoprono costantemente nel riso o nel largo sorriso, e riportandomi per giunta
alla testimonianza delle mie sensazioni personali, non
posso dubitare che alcuni dei muscoli che s'inseriscono
sul labbro superiore non entrino pur leggermente in
azione. Nello stesso tempo le porzioni superiore ed infe153 Mécanisme de la Physionomie humaine. Album, leggenda
VI.
254
riore dei muscoli orbicolari si contraggono più o meno;
e, come vedemmo parlando del pianto, esiste un'intima
connessione tra questi muscoli (specie gl'inferiori) ed alcuni di quelli che confinano col labbro superiore. Su
questo proposito Henle fa osservare154 che, quando un
uomo chiude perfettamente un occhio, non può a meno
di sollevare il labbro superiore dello stesso lato; e viceversa, se, dopo di aver collocato un dito sulla palpebra
inferiore, si cerca di scoprire più che sia possibile i denti
incisivi superiori, si sente, man mano che il labbro si
solleva con energia, che i muscoli della palpebra entrano
in contrazione. Nel disegno di Henle, riprodotto alla fig.
2, si può vedere che il muscolo malaris (H), il quale si
getta nel labbro superiore, appartiene quasi integralmente alla parte inferiore dell'orbicolare.
Il dottor Duchenne pubblicò due grandi fotografie,
che noi presentiamo ridotte alle figure 4 e 5 della Tavola
III, e che rappresentano il volto di un vecchio: la prima,
allo stato normale, impassibile, – la seconda, naturalmente sorridente. L'espressione di quest'ultima venne riconosciuta a primo aspetto da tutti che la videro. Nello
stesso tempo egli diede, come esempio di un sorriso
prodotto artificialmente, un'altra fotografia (fig. 6) del
medesimo vecchio, cogli angoli della bocca fortemente
contratti per la galvanizzazione dei muscoli gran zigomatici. Ora, è cosa evidente che codesta espressione non
154 Handbuch der, System. Anat. des Menschen,1858, vol. I, p.
144. – Veggasi la mia fig. 2, H.
255
è naturale, perocchè, di ventiquattro persone, a cui ne
feci vedere la fotografia, tre non seppero trovarvi
espressione veruna, e le altre, pur riconoscendo che si
trattava di qualche cosa più o meno analoga ad un sorriso, proposero gli appellativi seguenti: buffonata, riso
forzato, ridere smorfioso, ridere mezzo balordo, ecc. Il
dottore Duchenne attribuisce la falsità dell'espressione
all'insufficiente contrazione degli orbicolari a livello
delle palpebre inferiori, ed a buon diritto annette grande
importanza alla contrazione di questi muscoli nell'espressione della gioia. In codesta foggia di vedere vi ha
senza dubbio qualche cosa di vero, ma tuttavia a' miei
occhi non esprime ancora tutta la verità. Come abbiamo
già visto, la contrazione della parte inferiore degli orbicolari è sempre accompagnata da un sollevamento del
labbro superiore. Così, nella figura 6, se il labbro si fosse leggermente elevato, la curvatura sarebbe riescita assai meno brusca, il solco naso-labiale avrebbe alquanto
cangiato di forme, e l'insieme dell'espressione sarebbe
stato, io credo, più naturale, senza calcolare ciò che vi
avrebbe giovato una più energica contrazione delle palpebre inferiori. Di più, nella figura 6, il sopraccigliare è
contratto così da increspare le sopracciglia; ora, a meno
che non si tratti di un riso molto accentuato o violento,
questo muscolo, sotto l'influenza della gioia, non agisce
giammai.
Per la contrazione del gran zigomatico, dunque, le
commessure si deprimono e si sollevano, ed il labbro
superiore s'innalza; ne viene da ciò che anche le guancie
256
sono tratte in su. Sotto gli occhi, e, nei vecchi, alla loro
estremità esterna, si formano delle pieghe, e queste pieghe sono eminentemente caratteristiche del riso o del
sorriso. Quando un individuo passa da un leggiero sorriso ad un sorriso bene distinto o ad un riso spiegato, s'ei
presta attenzione alle proprie sensazioni e si guardi allo
specchio, può constatare che, man mano che il labbro
superiore si solleva e si contraggono gli orbicolari inferiori, le rughe che si veggono alla palpebra inferiore e
all'ingiro degli occhi si fanno ognora più spiccate. Nello
stesso tempo, in base ad un'osservazione da me spesse
volte eseguita, le sopracciglia si abbassano leggermente,
il che prova che gli orbicolari superiori entrano, come
gli inferiori, in contrazione, almeno fino ad un certo grado, avvegnachè quest'ultimo fenomeno non ci sia fatto
palese dalle nostre sensazioni. Chi voglia confrontare le
due fotografie che rappresentano il vecchio in discorso,
alla figura 4 nel suo stato ordinario, ed alla figura 5 naturalmente sorridente, s'avvedrà che in quest'ultima le
sopracciglia sono alquanto abbassate. Io credo che ciò
sia un effetto dei muscoli orbicolari superiori, i quali,
per l'influenza di un'abitudine lungamente associata,
tendono ad entrare più o meno in azione di concerto cogli orbicolari inferiori, che si contraggono quando il labbro superiore s'innalza.
La disposizione dei muscoli zigomatici a contrarsi
sotto l'influenza di sentimenti giocondi è dimostrata da
un fatto curioso, che mi fu comunicato dal dottore Browne, relativo ai malati colpiti dalla paralisi generale de257
gli alienati155: «In questi malati, si constata quasi invariabilmente un certo che di ottimismo – illusioni di salute, di posizione, di grandezza – un'allegria insensata,
della benevolenza, della prodigalità; d'altra parte, il primo sintomo fisico di quest'affezione consiste nel tremito
delle commessure labiali e degli angoli esterni degli occhi. Gli è codesto un fatto ben dimostrato. La continua
agitazione della palpebra inferiore, il tremito dei muscoli gran zigomatici sono segni patognomonici del primo
periodo della paralisi generale. La fisionomia poi offre
un'espressione di soddisfazione e di benevolenza. Man
mano che la malattia progredisce, altri muscoli vengono
alla loro volta contratti; ma fino al grado della completa
imbecillità, l'espressione dominante è sempre quella di
una stupida bonarietà».
Nel riso e nello spiccato sorriso, in seguito all'elevazione delle guancie e del labbro superiore, il naso sembra accorciarsi; la pelle mediana si copre di sottili rughe
trasversali, e quella sui lati di crespe longitudinali od
oblique. Per solito si scoprono gl'incisivi superiori; e si
forma un profondissimo solco naso-labiale, che, partendo dall'ala del naso, arriva agli angoli della bocca, solco
che nei vecchi spesse volte è doppio.
La soddisfazione o il diletto è caratterizzato eziandio
dallo sguardo vivace e brillante, come pure dalla contrazione delle commessure e del labbro superiore e dalle
155 Si veggano anche le osservazioni del dott. J. CRICHTON
BROWNE, relative allo stesso argomento, nel Journal of Mental
Science, aprile 1871, p. 149.
258
pieghe che vi si accompagnano. Negli idioti microcefali
stessi, che sono così digradati da non apprendere mai a
parlare, gli occhi, sotto l'influenza del piacere, brillano
un poco156. Nel riso violento, gli occhi sono troppo pieni
di lagrime per poter brillare; invece, nel riso moderato o
nel sorriso, l'umidità secreta dalle glandule lagrimali
può giovare a renderli vivaci; tuttavia questa circostanza
non deve avere che un'importanza secondaria, imperocchè, sotto l'influenza dell'affanno, l'occhio si scolorisce,
quantunque non di rado sia contemporaneamente pieno
di lagrime. La vivacità dello sguardo sembra principalmente dipendere dalla sua interna tensione157, dovuta
alla contrazione dei muscoli orbicolari ed alla pressione
delle guancie rialzate. Tuttavia, secondo il dottore Piderit, che studiò l'argomento più di ogni altro scrittore 158,
questa tensione può venire in gran parte attribuita all'ingorgo dei globi oculari prodotto dal sangue e dagli altri
fluidi, che risulta dal circolo accelerato dovuto all'eccitazione del piacere. Quest'autore fa notare il contrasto
esistente tra l'aspetto degli occhi d'un malato di tisi in
cui il circolo è rapido, e quel degli occhi d'un individuo
colpito di cholera, e nel quale quasi tutti i fluidi sono
consumati. Ogni causa che rallenta la circolazione ammortisce lo sguardo. Mi ricordo d'aver visto un uomo affatto sfinito per lungo e violento esercizio in giornata
caldissima; un vicino paragonava gli occhi di lui a quelli
156 C. VOGT, Mémoire sur les Microcéphales, 1867, p. 21.
157 Sir C. BELL, Anatomy of Expression, p. 133.
158 Mimik und Physiognomik, 1867, p. 63-67.
259
d'un merluzzo bollito.
Ma torniamo ai suoni che accompagnano il riso. Noi
possiamo quasi comprendere come l'emissione di suoni
d'un genere qualunque abbia dovuto naturalmente associarsi ad un giocondo stato dell'animo; infatti, una gran
parte del regno animale impiega i suoni vocali od istrumentali sia come richiamo, sia come mezzo di seduzione fra i sessi. In certe riunioni tra i genitori e la loro progenie, o fra membri d'una stessa comunità questi suoni
vengono usati anche come segni di gioia. Ma per quale
ragione i suoni emessi dall'uomo sotto l'influenza della
gioia abbiano la specialità di venire ripetuti, specialità
che caratterizza il riso, non ci è dato spiegare. Tuttavia
si può ammettere che, per quanto era possibile, questi
suoni abbiano dovuto naturalmente rivestire una forma
diversa da quella delle grida che esprimono il dolore; e
giacchè nella produzione di queste, le espirazioni sono
lunghe e continue, le inspirazioni brevi e interrotte, i
suoni provocati dalla gioia doveano certamente avere
espirazioni corte ed a scosse con ispirazioni prolungate.
Infatti accade proprio così.
Ma ecco una quistione, la cui soluzione non è meno
difficile: Perchè, nel riso ordinario, gli angoli della bocca si contraggono ed il labbro superiore sollevasi? La
bocca non può spalancarsi; imperocchè, quando ciò avviene in un parossismo di sgangherate risa, n'esce un
suono appena apprezzabile, od almeno il suono emesso
cangia di tuono e sembra venire dal più profondo della
gola. I muscoli che presiedono alla respirazione ed an260
che quelli degli arti vengono contemporaneamente messi in azione ed eseguiscono rapidi movimenti vibratorii.
La mascella inferiore partecipa spesso a questi movimenti, il che impedisce alla bocca di spalancarsi. Tuttavia, siccome bisogna emettere un volume considerevole
di suono, l'apertura boccale dev'essere sufficiente, ed è
forse a tal uopo che si contraggono le commessure e si
solleva il labbro superiore. Se ci riesce difficile spiegare
la forma che prende la bocca durante il riso e che provoca la formazione di rughe sotto gli occhi, come pure lo
speciale suono interrotto che l'accompagna e il tremolìo
della mascella, possiamo almeno supporre che tutti questi effetti derivino da una medesima causa. Infatti, tutti
caratterizzano l'espressione del piacere in diverse specie
di scimie.
Dal riso sgangherato alla semplice espressione dell'allegria v'ha una gradazione non interrotta, passando per il
riso moderato, il largo sorriso ed il sorriso leggiero.
Quando si ride sgangheratamente, il corpo spesse volte
si getta indietro e si scuote, o cade quasi in convulsioni;
la respirazione è turbatissima, la testa e la faccia si riempiono di sangue, le vene si dilatano, i muscoli peri-oculari si contraggono spasmodicamente per proteggere gli
occhi. Sgorgano abbondanti le lagrime; però, come ho
già fatto notare, è appena possibile di riconoscere una
differenza qualunque sul viso bagnato di lagrime dopo
un accesso di riso e dopo un trasporto di pianto 159. Gli è
159 Veggansi le osservazioni di sir J. REYNOLDS (Discour261
probabilmente per l'esatta rassomiglianza tra i movimenti convulsivi causati da sentimenti così diversi, che i
malati isterici passano alternativamente dal pianto al
riso violento e che ciò qualche volta si avvera anche nei
bambini. Il signor Swinhoe mi dice d'aver osservato di
spesso dei Cinesi, tormentati da un profondo affanno,
scoppiare in accessi isterici di risa.
Desideravo conoscere se lo sghignazzamento provocasse un'abbondante effusione di lagrime nella maggior
parte delle razze umane: le risposte che mi diedero in
proposito i miei corrispondenti, permettono di rispondervi affermativamente. Uno degli esempi citati si riferisce a certi Indù, nei quali d'altra parte, per loro propria
testimonianza, il fatto non è raro. Avviene lo stesso per i
Cinesi. In una tribù selvaggia di Malesi, nei dintorni
dell'isola di Malacca, si vede talvolta (benchè, a dir
vero, assai raramente) che le donne, sganasciandosi dalle risa, versano lagrime. Nei Dyak di Borneo invece, almeno fra le donne, il fatto dev'essere frequente; imperocchè il Rajah C. Brooke mi riferì ch'essi di solito usano la frase: ridere fino alle lagrime. Gli aborigeni Australiesi si abbandonano senza ritegno ai loro sentimenti; al dire de' miei corrispondenti, essi saltano e battono
le mani in segno di gioia, e ridendo mandano spesso
veri ruggiti; secondo la testimonianza di quattro fra queses, XII, p. 100). «Egli è curioso, ei dice, osservare come gli
estremi delle passioni s'esprimano, salvo leggerissime differenze,
coi medesimi atti». Ad esempio, egli cita il piacere frenetico d'una Baccante ed il dolore d'una Maria Maddalena.
262
sti osservatori, i loro occhi in tali circostanze si umettano, e in uno dei casi citati, le lagrime colavano lungo le
guancie. Il signor Bulmer, che percorse in qualità di
missionario le remote regioni di Victoria, osserva che «i
naturali si mostrano sensibilissimi alle buffonate; essi
sono mimi eccellenti, e quando uno di loro si mette a
contraffare le originalità di qualche membro assente della tribù, il campo tutto ride di spesso fino a divenirne
convulso». Ci è noto che anche presso gli Europei l'imitazione è una delle cose che provocano più agevolmente
il riso; or è abbastanza curioso riscontrare la stessa particolarità nei selvaggi Australiesi, che costituiscono una
fra le razze meglio definite del globo.
Nell'Africa meridionale, in due tribù di Cafri, specialmente nelle donne, avviene spesse volte che nel bel
mezzo del ridere gli occhi si riempiono di lagrime. Gaika, fratello del capo Sandilli, da me interpellato su questo argomento, mi risponde: «Sì, è generalmente la loro
abitudine». Sir Andrew Smith vide il viso tatuato di una
donna Ottentota solcato da lagrime dopo un trasporto di
risa. La stessa osservazione fu fatta negli Abissini dell'Africa settentrionale. Infine il fatto fu constatato nell'America del Nord, presso una tribù notevolmente selvaggia ed isolata; in un'altra tribù lo si ebbe a notare una
volta soltanto.
Come abbiamo già detto, dallo sghignazzamento, per
transazioni insensibili, si passa al riso moderato. In questo, i muscoli peri-oculari si contraggono assai meno e
l'increspamento dei sopraccigli è poco distinto o nullo.
263
Fra un riso moderato ed un largo sorriso, quasi non corre differenza veruna; solamente quest'ultimo non è accompagnato da veruna emissione di suono. Tuttavia, al
cominciare d'un sorriso, si ode sovente una espirazione
più forte; un lieve rumore, una specie di rudimento del
riso. Sopra una faccia che ride moderatamente, la contrazione dei muscoli orbicolari superiori qualche volta si
manifesta anche per un leggiero abbassamento dei sopraccigli. Quella dei muscoli orbicolari inferiori e palpebrali è più visibile, ed è palesata dall'increspamento delle palpebre inferiori e dei sottostanti tegumenti, come
pure da una debole elevazione del labbro superiore. Dal
più largo sorriso si passa al più leggiero per una serie di
gradini insensibili. Al limite estremo, i lineamenti si alterano pochissimo, molto più lentamente, e la bocca resta chiusa. Anche la curva del solco naso-labiale si modifica leggermente. Per lo che, basati sulle movenze dei
lineamenti, riesce impossibile stabilire una linea qualunque di spiccata demarcazione tra il riso più violento e il
più lieve sorriso160.
Si potrebbe credere perciò che il sorridere costituisca
la prima fase nello sviluppo del riso. Tuttavia si può
considerare la cosa sotto un altro punto di vista, probabilmente più esatto: l'abitudine di tradurre una gioconda
sensazione colla emissione di suoni fragorosi e interrotti
ha sul principio provocato lo stiramento degli angoli
160 Il dott. PIDERIT giunse alle medesime conclusioni, ibid.,
p. 99.
264
della bocca e del labbro superiore, come pure la contrazione dei muscoli orbicolari; da quel momento, mercè
l'associazione e la prolungata abitudine, gli stessi muscoli devono adesso entrare leggermente in azione,
quando una causa qualunque eccita in noi un sentimento
che, più intenso, avrebbe cagionato il riso; da ciò risulta
il sorriso.
Sia che si voglia considerare il riso come il completo
sviluppo del sorriso; sia (ed è più probabile) che un debole sorriso rappresenti l'ultimo vestigio dell'abitudine
profondamente inveterata per molte generazioni di manifestare la gioia col riso, noi possiamo seguire nei nostri fanciulli il graduato passaggio dal primo di questi
fenomeni all'altro. Chi alleva bambini sa bene quanto è
difficile di riconoscere con esattezza se certi movimenti
della loro bocca esprimano qualche cosa, di riconoscere
cioè, s'essi realmente sorridano. Io ho assoggettato i
miei propri figliuoli ad un'attenta osservazione. L'un
d'essi, trovandosi in una felice disposizione morale, sorrise all'età di quarantacinque giorni, vale a dire che gli
angoli della sua bocca si stirarono e nel medesimo tempo lo sguardo di lui si fe' brillantissimo. L'indomani notai lo stesso fenomeno; ma il terzo dì, essendo il bambino indisposto, non v'ebbe più traccia di sorriso, fatto che
rende probabile la realtà dei precedenti. Nei quindici dì
che susseguirono, i suoi occhi splendeano in modo notevole, tutte le volte ch'ei sorrideva, ed il naso gli s'increspava trasversalmente. Questo movimento era accompagnato da una specie di piccolo belato, che forse rappre265
sentava un riso. A cento tredici giorni, questi lievi romori che si producevano sempre durante l'espirazione, mutarono un po' di carattere; essi divennero più tronchi o
interrotti, come nel singhiozzo; senza dubbio era questo
il principio del riso. Ei mi parve che codesta modificazione del suono fosse collegata all'ingrandimento laterale della bocca, che avveniva man mano che il sorriso si
facea più spiegato.
In un secondo fanciullo osservai un vero sorriso per
la prima volta a quarantacinque giorni (ad un'età quindi
poco diversa), ed in un terzo un po' prima. A sessantacinque giorni, il sorriso del fanciullo era molto più netto, molto più disteso che quello del primo alla medesima
età; a questo tempo ei cominciava eziandio ad emettere
suoni molto analoghi ad un vero riso. In codesto graduato sviluppo del riso noi troviamo, fino a un dato punto,
qualche cosa di analogo a quel che avviene per il pianto.
Ei pare che in entrambi i casi sia necessario un certo
esercizio, com'è necessario per acquisire i movimenti
ordinari del corpo, valgan quelli del passo. All'incontro
l'abitudine di gridare, la cui utilità pel bambino è evidente, raggiunge fin dai primi giorni di vita il suo completo sviluppo.
Buon umore, allegria. – In generale, un uomo di buon
umore ha la tendenza di stirare gli angoli della bocca,
senza propriamente sorridere. L'eccitazione del piacere
accelera il circolo; si fanno più brillanti gli occhi, più
vivo il color della faccia. Il cervello, stimolato da un afflusso più copioso di sangue, reagisce sulle facoltà intel266
lettuali; piacevoli idee corron rapide traverso la mente,
ed i sentimenti affettuosi diventano meglio espansivi.
Un fanciullo di circa quattr'anni, al quale si chiese che
cosa significasse essere di buon umore, rispose: «Vuol
dire ridere, parlare ed abbracciare». Sarebbe difficile
trovare una definizione più vera e più pratica. In questa
condizione morale, l'uomo sta ritto, colla testa alta, gli
occhi aperti. Non v'ha alterazione dei lineamenti, non
contrazione dei sopraccigli. Secondo un'osservazione di
Moreau161, invece, il muscolo frontale tende a contrarsi
leggermente, e questa contrazione liscia la fronte, inarca
alquanto le sopracciglia e solleva le palpebre. Da ciò la
frase latina exporrigere frontem, distendere le sopracciglia, che vuol dire esser allegro e contento. L'uomo di
buon umore ha una fisonomia precisamente contraria a
quella dell'uomo affannato. Secondo sir C. Bell, «in tutti
i sentimenti di letizia le sopracciglia, le palpebre, le narici e gli angoli della bocca sono rialzati. Invece nelle
sensazioni dolorose avviene tutto l'inverso». Sotto l'influenza di quest'ultima il fronte si deprime; le palpebre,
le guancie, la bocca e la testa tutta si abbassano; lo
sguardo è abbattuto, la fisonomia pallida e la respirazione lenta. Nella gioia il viso si allarga, nell'affanno invece si allunga. Non voglio peraltro asserire che ad acquistare queste opposte espressioni abbia avuto un uffizio il
principio dell'antitesi, di concerto colle cause dirette di
161 La Physionomie, di G. LAVATER, edizione del 1820, vol.
IV, p. 224. – Per la citazione seguente veggasi anche sir C. BELL,
Anatomy of Expression, p. 172.
267
cui ho già parlato, e che sono abbastanza evidenti.
In tutte le razze umane, l'espressione del buon umore
sembra esser la stessa, e si riconosce facilmente. Ciò risulta dalle risposte che m'inviarono i miei corrispondenti dalle varie parti dell'antico e del nuovo mondo. Ebbi
alcuni dettagli intorno agl'Indù, ai Malesi ed agli abitanti della Nuova Zelanda. La vivacità dello sguardo degli
Australiesi ha colpito quattro osservatori, e lo stesso fatto fu osservato negl'lndù, nei Dyak di Borneo e nei NeoZelandesi.
Qualche volta i selvaggi esprimono la loro soddisfazione non solamente sorridendo, ma eziandio con gesti
derivati dal piacer di mangiare. Così, a dire di Petherick,
il sig. Wedgwood162 racconta che, avendo esibite le sue
collane ai Negri del Nilo superiore, si posero tutti a stropicciarsi il ventre. Leichhardt dice che gli Australiesi facevano scoppiettare le labbra alla vista dei suoi cavalli,
dei suoi buoi e sopratutto dei suoi cani. I Groenlandesi,
«quando annuiscono con piacere a qualche cosa, aspirano l'aria con un particolare rumore» 163, il che può essere
un'imitazione del movimento prodotto deglutendo un
cibo saporito.
Per reprimere il riso si contrae energicamente il muscolo circolare della bocca, il quale s'oppone all'azione
del gran zigomatico e degli altri muscoli che avrebbero
162 Dictionary of English Etymology, seconda ediz., 1872. Introduzione, p. XLIV.
163 CRANTZ, citato da TYLOR, Primitive culture, 1871, vol.
I, p. 169.
268
per effetto di tirare le labbra in alto e all'indietro. Per
giunta, il labbro inferiore è trattenuto qualche volta fra i
denti, il che dà alla fisonomia una maliziosa espressione, come venne osservato nella cieca e sorda Laura
Bridgman164. Il gran zigomatico, del resto, va soggetto
ad alcune variazioni, ed io ho visto in una ragazza i depressores anguli oris contribuire potentemente alla repressione del sorriso; tuttavia, siccome le brillavano gli
occhi, la contrazione di questi muscoli impartiva niente
di malinconico alla fisonomia di lei.
Tante volte, per dissimulare qualche stato dell'animo,
e la collera stessa, si ricorre ad un riso forzato. Alcune
persone se ne servono di spesso per celare la vergogna e
la timidezza. Quando increspiamo le labbra, come a prevenire un sorriso, allorchè non v'ha nulla che possa o eccitarlo o impedire che vi ci abbandoniamo liberamente,
ne risulta un'espressione affettata, studiata o pedante.
Egli è inutile intrattenerci su codeste espressioni ibride.
Il riso di motteggio, sia desso reale o forzato, prende
parte spesse volte all'espressione particolare del disdegno, che può trasformarsi in collera sprezzante o semplicemente in disprezzo. In tali circostanze, il riso od il
sorriso hanno lo scopo di mostrare all'offensore ch'ei
non giunge ad altro che a sollazzarci.
Amore, sentimenti affettuosi, ecc. – Avvegnachè il
sentimento dell'amore, quello, ad esempio, d'una madre
per il proprio figliuolo, sia uno dei più grandi che il cuo164 F. LIEBER, Smithsonian Contributions, 1851, vol. II, p. 7.
269
re possa concepire, è pur nullameno difficile assegnargli
un mezzo qualunque, proprio o speciale, di espressione;
e ciò dipende perchè in generale questo sentimento non
provoca atti d'una particolare e determinata natura. Egli
è certo però che l'affezione, la quale è un sentimento
gradito, si manifesta di solito con un debole sorriso e
con una vivacità degli occhi un po' più pronunciata. Si
desidera vivamente d'aver accanto la persona amata:
ecco la più completa espressione dell'amore165. Gli è
perciò che noi bramiamo di stringere fra le braccia le
persone che amiamo teneramente. E probabilmente questo desiderio si deve all'abitudine ereditaria, associandosi agli effetti dell'allattamento e delle cure che prodighiamo ai nostri figliuoli, come pure all'influenza delle
vicendevoli carezze degli amanti.
Anche negli animali si osserva che il piacere derivato
dal contatto si associa all'affetto e gli giova di mezzo
espressivo. È certo che i cani ed i gatti godono a strofinarsi contro i loro padroni, o a venirne stropicciati o
dolcemente picchiati. I custodi del Giardino zoologico
mi asserirono che molte specie di scimie amano carezzarsi fra loro, come pure di venir carezzate dalle persone
per cui nutrono affetto. Il sig. Bartlett mi riferì la condotta tenuta da due chimpanzè, che avevano un'età alquanto più avanzata di quelli trasportati di solito nel no165 Il signor BAIN fa notare (Mental and Moral Science,
1868, p. 239) che «la tenerezza è un gradito sentimento, derivato
da varie cause, e che ha per effetto di spingere gli uomini ad abbracciarsi a vicenda».
270
stro paese. Messi insieme per la prima volta, essi s'assisero l'uno in faccia dell'altro, misero a contatto le loro
labbra molto sporte in fuori, e ciascuno di loro portò la
mano sulla spalla del compagno; poscia si strinsero in
un mutuo abbraccio; finalmente si alzarono, colle braccia sulle spalle, levando la testa, aprendo la bocca ed urlando di piacere.
Noi Europei ci siamo così abituati ad esprimere l'affezione col bacio, che si potrebbe supporre esser questo
un segno espressivo innato nella specie umana. Tuttavia
non è vero, e Steele s'ingannò quando disse: «La natura
il creò, ed ei nacque col primo amore». Un abitante della Terra del Fuoco, Jemmy Button mi disse che il bacio
in quel paese non si sa pur cosa sia. È sconosciuto del
pari presso gl'indigeni della Nuova Zelanda e di Tahiti,
presso i Papuesi, gli Australiesi, i Somalis dell'Africa e
gli Esquimesi166. È tuttavia così naturale, ch'esso probabilmente deriva dal piacere prodotto a mezzo dell'intimo
contatto d'una persona amata; e in certe parti del mondo
è rimpiazzato da alcuni gesti che sembrano avere la medesima origine. Quei della Nuova Zelanda e della Lapponia si strofinano il naso; altrove si stropicciano o si
battono amichevolmente sul braccio, sul petto o sullo
epigastro; ed in altri luoghi ancora si toccano il viso colle mani o coi piedi. Anche l'abitudine di soffiare su varie parti del corpo, in segno di affetto, deriva forse dallo
166 In sir J. LUBBOCK (Prehistoric Times, seconda ediz.,
1869, p. 552) si trovano le ragioni che giustificano queste asserzioni. La citazione di Steele è tolta da quest'Opera.
271
stesso principio167.
I sentimenti ai quali si dà l'appellativo di affettuosi
sono difficili ad analizzarsi; e' pare che sieno composti
di affezione, di gioia e specialmente di simpatia. In se
stessi sono di natura gioconda, tranne però la pietà,
quando oltrepassa certi limiti ed è, per esempio, sostituita dall'orrore che si prova al racconto di torture inflitte
ad un uomo o ad un bruto. È da notarsi il fatto che questi sentimenti provocano assai facilmente lo spargimento di lagrime. Infatti non è raro il caso nel quale un padre ed un figlio piangano ritrovandosi dopo una lunga
separazione, tanto più se l'incontro è inatteso. Fu dimostrato che una vivissima gioia tende per se stessa ad agire sopra le glandule lagrimali; ma è puranco probabile
che, in circostanze simili a quelle da noi or ora accennate, passi per la mente del padre e del figlio come una
vaga idea del dolore che avrebbero provato se non si
fossero riveduti giammai, e questo triste pensiero attiri
naturalmente il pianto. Così, al ritorno di Ulisse è detto:
. . . . . . . «Il figlio (Telemaco) allora
Del genitor s'abbandonò sul collo,
In lagrime scoppiando ed in singhiozzi.
Ambi un vivo desir sentian del pianto:
...............
E già piangenti e sospirosi ancora
167 Veggasi uno studio completo di tale quistione, con ogni
spiegazione, in E. B. TYLOR, Researches into the Early History
of Mankind, seconda ediz., 1870, p. 51.
272
Lasciati avriali, tramontando, il Sole,
Se il figlio al padre non dicea: . . . . .»
Odissea (lib. XVI, traduz. Pindemonte).
E più avanti, allora che Penelope riconosce finalmente lo sposo:
«Poscia corse vêr lui dirittamente,
Disciogliendosi in lagrime; ed al collo
Ambe le braccia gli gittava intorno,
E baciavagli il capo e gli dicea:»
Libro XXIII (id.).
La rimembranza del luogo ove trascorremmo l'infanzia, o quella dei giorni felici da lungo tempo spariti, presentandosi viva alla nostra mente, c'inumidisce spesse
volte gli occhi; qui pure interviene un doloroso pensiero, il pensiero che più non verranno quei dì. In tali circostanze può dirsi che abbiamo compassione di noi stessi, confrontando il presente al passato. La pietà per le disgrazie altrui chiama facilmente le lagrime agli occhi,
anche ove si tratti della sfortunata eroina di qualche triste episodio, personaggio fantastico, pel quale non sapremmo nutrir affezione. Ed è pure così della simpatia
che proviamo per la felicità degli altri, valga per quella
d'un amante messo in scena da romanziere provetto e i
voti del quale sono appagati dopo innumerevoli sforzi,
dopo una serqua di ostacoli.
Pare che la simpatia costituisca un sentimento separa273
to e distinto, atto specialmente ad agire sulle glandule
lacrimali, tanto di colui che la prova, quanto di quel che
la provoca. Tutti sanno come i fanciulli scoppiino facilmente in singhiozzi, allorchè si lamentano di qualche
futile malanno. In seguito alle informazioni fornitemi
dal dott. Crichton Browne, negli alienati malinconici basta solo una dolce parola a provocare indomabili accessi
di pianto. Quando noi ci mostriamo pietosi verso un
amico affannato, gli occhi ci si bagnano spesso di lagrime. Per solito il sentimento della simpatia si spiega col
supporre che, vedendo o sentendo un altro a soffrire, l'idea del dolore s'impadronisce dell'animo nostro così, da
far patire noi stessi. Tuttavia questa interpretazione a me
non par sufficiente, perocchè non rende conto dell'intimo legame che annoda la simpatia all'affetto: egli è certo che noi simpatizziamo assai più per una persona diletta, che per un'altra che ci sia indifferente; e le prove
di simpatia che ne tributa un amico ci riescono pure le
meglio accette. Non è men vero, però, che si possa aver
compassione delle sciagure d'un uomo cui non ci lega
affetto veruno.
Vedemmo nel precedente capitolo la ragione per cui
quando si soffre, si piange. Ora l'espressione naturale ed
universale della gioia è il riso, e, in tutte le razze umane,
lo sghignazzamento eccita la secrezione lagrimale più
energicamente di ogn'altra causa, eccettuato il dolore. E'
mi sembra che, se la gioia inumidisce gli occhi anche
quando non c'è ombra di riso, questo fenomeno, in virtù
dell'abitudine e dell'associazione, si possa proprio spie274
gare come abbiamo interpretato lo spargimento di lagrime sotto l'influenza dell'affanno anche allora che non
avvengono grida. Tuttavia è cosa molto notevole (ed è
un fatto certissimo) che i dolori altrui ci fanno sparger
più lagrime che non i nostri medesimi. Chi non ha visto
almeno una volta un uomo, il quale non saprebbe versare una stilla di pianto per i propri dolori, piangere a
quelli d'un amico diletto? Cosa più notevole ancora: la
felicità o la contentezza di coloro che amiamo teneramente provoca le nostre lagrime, mentre, se una simil
ventura tocca a noi, ne resta secco il ciglio. Si potrebbe
quindi supporre che se ci è dato, mercè un'inveterata
abitudine, di resistere efficacemente al pianto sotto l'influenza del dolore fisico, codesta potenza repressiva non
fu d'altra parte mai messa in giuoco per impedire la leggera effusione di lagrime prodotta alla vista delle disgrazie e delle sfortune altrui.
Come altrove ho cercato di dimostrare168, la musica
ha un meraviglioso potere di far rinascere, in modo vago
e indefinito, quelle potenti sensazioni che, nelle remote
età, provarono i nostri antichi progenitori, probabilmente allorquando impiegavano i suoni vocali quale mezzo
di seduzione fra i sessi. Noi sappiamo che molte delle
nostre più potenti emozioni, affanno, viva gioia, amore,
simpatia, agiscono sulla secrezione lagrimale; or non è a
meravigliare se anche la musica può muovere al pianto,
168 Origine dell'Uomo, trad. italiana di M. LESSONA, pag.
532.
275
specialmente quando siamo già inteneriti da qualche
sentimento pietoso. Ma la musica cagiona di spesso un
altro singolare fenomeno. Si sa che le emozioni o le violente eccitazioni – estremo dolore, rabbia, terrore, gioia,
passione amorosa – hanno tutte una speciale tendenza a
produrre un tremito nei muscoli; ora la musica, in quelle
persone che ne risentono vivamente l'impressione, induce una specie di brivido o di tremolio nella spina dorsale
e nelle membra. Ei pare che fra questo fenomeno ed il
tremare del corpo a cui ora accennammo corra lo stesso
rapporto che si riscontra tra il leggero spargimento di lagrime prodotto dalla musica ed il pianto in seguito ad
una reale e violenta sensazione.
Devozione. – Benchè la primitiva natura della devozione sia il rispetto, misto spesse volte a timore, pure
essa s'avvicina fino a un dato punto all'affezione; onde
avrem poco da dire sulla espressione di questo stato dell'animo. Certe sêtte, sì antiche che moderne, hanno stranamente mescolato la religione e l'amore, sostenendo
perfino (gli è un fatto ben compassionevole) che il santo
bacio di amore differisce appena da quello che un uomo
dà ad una donna o una donna ad un uomo169. La divozione si esprime sopra tutto sollevando la testa al cielo e
volgendo in alto gli occhi. Sir Carlo Bell fa notare che,
all'approssimarsi del sonno, o d'uno svenimento, o della
morte, le pupille si dirigono in alto e all'indentro; ed ei
169 Veggasi lo studio di questo fatto in Body and Mind, del
dott. MAUDSLEY, 1870, p. 85.
276
pensa che, «quando siamo assorti in devozione e non ci
curiamo delle impressioni esterne, alziamo lo sguardo
per un atto innato o istintivo», ciò che dev'essere attribuito alla medesima causa addotta nei casi su esposti170.
Secondo il prof. Donders, è fuori di dubbio che nel sonno gli occhi si girano in alto. Quando un bambino succia
il latte materno, questo movimento dei globi oculari dà
spesse volte una stupida espressione di piacere estatico
alla sua fisonomia, e in codesta circostanza si può vedere benissimo come il bimbo lotti contro una posizione
che gli è naturale nel sonno. Sir Carlo Bell spiega questo fatto, supponendo che alcuni muscoli, meglio che altri, sieno sottoposti al controllo della volontà. Il prof.
Donders, però, ritiene tale interpretazione inesatta. Durante le preghiere, si alzano spesse volte gli occhi, senza
che l'animo vi sia così assorto, da simulare lo stato di
non-coscienza che caratterizza il sonno; or dunque è
probabile che le loro movenze siero puramente convenzionali, e risultino dalla volgare credenza che il Cielo,
seggio della potenza divina a cui s'indirizza la prece, sia
collocato al di sopra di noi.
A veder una persona in atto umile, ginocchioni, colle
braccia sollevate e le mani giunte, ci sembra, per effetto
di una lunga abitudine, che quella postura si adatti così
ad esprimere la divozione, da poter credere un tale atteggiamento innato; eppure io non ne rinvengo alcuna
170 The Anatomy of Expression, p. 103, e Philosophical
Transactions, 1823, p. 182.
277
traccia in varie razze umane extraeuropee. Nè pare che i
Romani, durante il classico periodo della loro istoria,
avessero l'abitudine di giungere le mani pregando; e qui
mi appoggio sopra una autorità competentissima. Hensleigh Wedgwood probabilmente ne diede la vera spiegazione, supponendo essere l'atteggiamento in discorso
quello d'una sommissione servile171: «Quando un uomo,
egli dice, s'inginocchia per pregare, solleva le braccia e
congiunge le mani, ei rappresenta un captivo, che mostra l'assoluta sua sommissione porgendo le mani ai ceppi del vincitore. Si tratta proprio del dare manus latino,
che vuol dire sottomettersi». Per lo che egli è probabile
che nè gli occhi levati al cielo, nè le mani giunte sotto
l'influenza de' sentimenti devoti, non sieno atti innati, nè
veramente espressivi; del resto doveva essere così, perocchè è a dubitare d'assai che gli uomini non civilizzati
delle antiche età sieno stati suscettibili di provare sentimenti analoghi a quelli che noi collochiamo in questa
categoria.
171 The Origin of Language, 1866, pag. 146. – TYLOR (Early History of Mankind, seconda ediz., 1870, p. 48) attribuisce
un'origine più complessa alla posizione delle mani durante la preghiera.
278
CAPITOLO IX.
RIFLESSIONE – MEDITAZIONE – CATTIVO
UMORE – BORBOTTAMENTO – DETERMINAZIONE
Corrugamento delle sopracciglia. – Riflessione accompagnata da
sforzo o dalla percezione di una cosa difficile o disaggradevole. – Meditazione astratta. – Cattivo umore. – Tetraggine. –
Ostinazione. – Borbottamento, smorfia. – Decisione o determinazione. – Energica chiusura della bocca.
La contrazione dei sopraccigliari abbassa ed avvicina
le sopracciglia, producendo sul fronte le strie verticali
che si distinguono col nome di corrugamento dei sopraccigli. Sir C. Bell, il quale credeva a torto che il sopraccigliare fosse proprio soltanto della specie umana,
lo considerava come «il più notevole fra i muscoli facciali dell'uomo. Esso contrae le sopracciglia con un
energico sforzo, ch'esprime il pensiero, in maniera inesplicabile sì, ma certa». Ed altrove aggiunge «Quando le
sopracciglia sono increspate, l'energia intellettuale è fatta evidente, e si produce in allora una espressione ove
lottano insieme il pensiero ed il sentimento dell'uomo e
279
la feroce brutalità della bestia!»172. In codeste osservazioni ci ha molto di vero, ma non però tutto. Il dottor
Duchenne chiamò il sopraccigliare il muscolo della riflessione173; peraltro tale qualifica dev'essere considerata
esatta solo con certe restrizioni.
Supponiamo un uomo assorto in profondi pensieri;
fino a che nessun ostacolo sorgerà a contrastare il corso
dei suoi ragionamenti, fino a che questi non saranno
sturbati o interrotti, il sopracciglio di lui potrà restarsene
immobile; ma se gli avvenisse l'uno o l'altro di tali in172 Anatomy of Expression, p. 137-139. Non è a stupire se i
sopraccigliari assunsero maggior sviluppo nell'uomo che non nelle scimie antropomorfe, imperocchè l'uomo li mette in moto continuamente e nelle più svariate circostanze, ond'essi ebbero a fortificarsi per l'uso, e questo carattere dovette trasmettersi per eredità. Vedemmo l'importanza del loro uffizio, in uno a quello dei
muscoli orbicolari, proteggendo gli occhi contro i pericoli di un
afflusso sanguigno troppo notevole durante violente espirazioni.
Quando si chiudono gli occhi con ogni possibile forza e prestezza, per esempio a schivare una percossa, si contraggono le sopracciglia. Nei selvaggi ed in generale presso gli uomini che stanno abitualmente a testa scoperta, le sopracciglia sono sempre abbassate e contratte per riparare gli occhi da troppo vivida luce;
questo movimento, in parte effettuato dai sopraccigliari, dovette
riescire specialmente utile ai primi antenati dell'uomo, allorchè
cominciarono ad assumere la stazione eretta. Recentemente il
prof. DONDERS espose l'opinione che i sopraccigliari giovino a
spingere il globo dell'occhio in avanti per la visione degli oggetti
vicini (Arch. of Medic., ed. da L. BEALE, 1870, vol. V, p. 34).
173 Mécanisme de la Physionomie Humaine. Album, leggenda
III.
280
convenienti, vedremmo corrugarglisi tosto la fronte. Un
uomo affamato riflette profondamente ai mezzi per procurarsi il cibo; ma, in generale, ei non increspa il sopracciglio che quando gli si pari dinanzi una qualche
difficoltà, sia nel progetto, sia nell'esecuzione, o quando
trovi cattivo il nutrimento ottenuto. Ho notato una cosa
quasi a tutti comune; se, mangiando, avvenga di sentire
qualche strano o disaggradevole sapore, le sopracciglia
si increspano. Un giorno pregai molte persone, senza dir
loro a che scopo, di prestare l'orecchio ad un leggerissimo strepito, onde conoscevano perfettamente e natura e
sorgente: nessuno corrugò il sopracciglio; ma un tale
giunto in quel mentre, e che non poteva concepire ciò
che noi facevamo in così profondo silenzio, pregato alla
sua volta di porgere ascolto, increspò energicamente le
sopracciglia, avvegnachè non fosse di cattivo umore, dicendo che non capiva quel che noi cercavamo. Il dott.
Piderit174, che pubblicò delle osservazioni sullo stesso
fenomeno, aggiunge che i balbuzienti, parlando, increspano generalmente, le sopracciglia, e che per solito si
fa altrettanto, levandosi gli stivali, se sono troppo stretti.
Alcune persone sono abituate a ciò da tanto tempo, che
il semplice sforzo della parola basta quasi sempre per
provocare in essi un tal movimento.
Dalle risposte ricevute ai miei quesiti, gli uomini di
tutte le razze increspano il sopracciglio, quand'hanno
l'animo perplesso per una causa qualunque; ma devo
174 Mimik und Physiognomik, p. 46.
281
confessare che tali quistioni erano mal redatte, avendo
io confuso la semplice meditazione colla perplessità.
Tuttavia è certo che gli Australiesi, i Malesi, gl'Indù ed i
Cafri del sud dell'Africa corrugano le sopracciglia quando sono imbarazzati. Dobritzhoffer fa notare che i Guaranesi dell'America del Sud, in simili circostanze, si
comportano nella stessa maniera175.
Dalle precedenti considerazioni possiamo conchiudere che l'increspamento delle sopracciglia non esprime la
semplice riflessione o l'attenzione, sieno pur desse profonde od elevate, ma bensì una difficoltà, un ostacolo
nel corso dei pensieri o nell'azione. Nullameno, siccome
è cosa rara che una profonda meditazione possa seguitare a lungo senza qualche impedimento, così essa è d'ordinario accompagnata dal corrugamento dei sopraccigli.
Da ciò viene che per solito questo increspamento dà alla
fisonomia, come fu osservato da sir C. Bell, una espressione di energia intellettuale. Ma, perchè quest'effetto
possa aver luogo, il guardo dev'essere sereno e fisso, o
ben diretto in basso, il che avviene appunto di spesso
nella profonda riflessione. Per giunta la fisionomia non
dev'essere turbata da verun altro pensiero. Così, ad
esempio, in un individuo di cattivo umore o affannato,
in un uomo che, all'occhio spento e alla mascella pendente, manifesta gli effetti di un lungo dolore, in un tale
che trova disaggradevole il cibo, o prova qualche diffi175 History of the Abipones, trad. ingl., vol. II, p, 59, citata da
LUBBOCK, Origin of Civilization, 1870, p. 355.
282
coltà a compiere un atto minuzioso, valga ad infilare un
ago, in tutti codesti, dico, le sopracciglia si corrugano,
sì, di spesso, ma questo corrugamento è accompagnato
da qualche altra espressione, che scaccia affatto ogni apparenza di energia intellettuale o di profonda riflessione.
Ed ora possiamo chiederci donde venga che un aggrottamento dei sopraccigli può esprimere l'idea di qualche cosa di difficile o di sgradevole, pensiero od azione.
Nello studio dei movimenti della espressione, conviene
adottare, per quanto è possibile, il metodo dei naturalisti, i quali stimano necessario di seguire lo sviluppo embrionale di un organo, per comprenderne perfettamente
la struttura. La prima espressione, la sola quasi che sia
visibile nei primi dì della vita, in cui appare di spesso, è
quella manifestata durante le grida. Ora, nella prima età
e qualche tempo dopo, le grida vengono eccitate da ogni
sensazione, da ogni emozione dolorosa e spiacevole,
come la fame, la sofferenza, la collera, l'invidia, la paura, ecc. In quei tempi, i muscoli che stanno attorno agli
occhi sono vivamente contratti, e questo fatto spiega, io
credo, in gran parte il corrugamento delle sopracciglia,
che si mantiene per tutta la vita. Più volte portai l'attenzione sui miei figliuoli, a partire dall'ottavo dì di lor vita
all'età di due o tre mesi, ed osservai che, quando capitava grado grado un accesso di pianto, il primo indizio visibile era la contrazione dei sopraccigliari, che produceva un leggiero aggrottamento, tosto tosto seguito dalla
contrazione degli altri muscoli che stanno attorno agli
occhi. Quando un fanciullo è inquieto o sofferente, io
283
constatai che sul volto di lui corrono continui e ratti
come ombra, leggieri increspamenti dei sopraccigli. Di
solito, peraltro non sempre, essi sono presto o tardi seguiti da un accesso di pianto. Per esempio, osservai
spesse volte un bambino di sette ad otto settimane, mentre succiava del latte freddo, che doveva certo riescirgli
sgradito. Per tutto questo tempo, scorsi sul viso di lui un
continuo aggrottamento di sopracciglia, leggiero, sì, ma
ben caratterizzato; peraltro nol vidi mai degenerare in
pianto, benchè si potessero notare le diverse fasi che
l'annunziavano vicino.
Codesta abitudine di contrarre le sopracciglia al cominciar di ogni accesso di pianto e di grida, essendosi
mantenuta nei bambini per innumerevoli generazioni,
finì coll'associarsi strettamente ad ogni sensazione dolorosa o sgradita. Donde consegue che, in circostanze analoghe, questa abitudine può conservarsi nell'età matura,
benchè allora mai non degeneri in pianto. Fin dai primi
anni si comincia a frenare il pianto e le grida, mentre in
nessuna età si riesce a reprimere lo aggrottamento dei
sopraccigli. Forse è bene notare che in que' fanciulli i
quali piangono facilmente, la minima inquietudine provoca subito lo spargimento di lagrime, mentre nella
maggior parte dei ragazzini darebbe luogo soltanto ad
un increspamento delle sopracciglia. In alcune forme di
alienazione mentale avviene lo stesso: il minimo sforzo
morale cagiona indomabile pianto, mentre invece in un
individuo allo stato ordinario, provocherebbe semplicemente un aggrottamento dei sopraccigli. Nè ci deve stu284
pire se l'abitudine di contrarre le sopracciglia trovandoci
bruscamente in faccia ad una impressione penosa qualunque, benchè assunta nell'infanzia, si conserva per tutta la vita; non vediamo forse molte altre abitudini associate, acquisite nell'età giovanile, persistere sempre nell'uomo e negli animali? I gatti adulti, ad esempio, provando una sensazione di benessere e di calore, stendono
ancora le zampe anteriori, facendone uscire le unghie,
abitudine alla quale si abbandonavano con uno scopo
determinato allorquando poppavano alle mammelle materne.
Anche un'altra causa di ordine diverso ha probabilmente corroborata l'abitudine di aggrottare le sopracciglia ogni volta in cui l'animo si applica a qualche cosa o
trovasi di faccia a qualche difficoltà. Fra tutti i sensi, la
vista è la più importante: nelle prime epoche, dev'essersi
fatta una grandissima e continua. attenzione agli oggetti
lontani, tanto allo scopo di procurarsi una preda, quanto
per evitare un pericolo. Nei miei viaggi in alcune parti
dell'America del Sud, resi pericolosi dalla presenza degl'Indiani, mi ricordo d'essere stato colpito dalla persistenza con cui i Gauchos semi-selvaggi esaminavano attentamente tutti i punti dell'orizzonte, quasi direi per
istinto e senza mostrare d'averne coscienza. Ora quando
un individuo a capo scoperto (il che dev'essere stato la
prima condizione dell'uomo) si sforza di distinguere di
giorno, sopratutto se splende il sole, un oggetto lontano,
contrae quasi invariabilmente le sopracciglia, per impedire l'accesso di una luce eccessiva; nello stesso tempo,
285
la palpebra inferiore, le guancie ed il labbro superiore si
sollevano in modo da diminuire l'apertura delle palpebre. A questo fine (poste le su accennate circostanze)
chiesi a molte persone giovani e vecchie di guardare degli oggetti lontani; facendo credere ad essi che avevo il
semplice scopo di provare la loro vista; tutti si comportarono come ho detto poc'anzi. Taluno giovossi ancora
della mano per difendere l'occhio da un eccesso di luce.
Gratiolet, dopo avere riferite alcune osservazioni del
medesimo genere176, aggiunge: «Codesti sono atteggiamenti di difficile visione». Ei conclude che i muscoli
peri-oculari si contraggono in parte per allontanare l'eccesso di luce (ciò che infatti sembra il punto di maggiore importanza), in parte per permettere di colpire la retina soltanto ai raggi che provengono direttamente dall'oggetto esaminato. Bowman, ch'io consultai in argomento, pensa che la contrazione di questi muscoli «può
inoltre giovare più o meno ai movimenti sinergici degli
occhi, dando loro un punto d'appoggio più fisso, mentre
i muscoli dell'orbita mettono i globi in posizione adatta
alla visione binoculare».
Siccome riguardare attentamente un oggetto lontano,
anche di giorno, è cosa difficile e penosa; siccome questo sforzo fu accompagnato di solito, per innumerevole
176 De la Physionomie, p. 15, 144, 146. – HERBERT SPENCER attribuisce l'increspamento dei sopraccigli esclusivamente
all'abitudine di contrarli, onde far ombra agli occhi e proteggerli
contro una troppo vivida luce. Vedi Principles of Psychology, seconda ediz., 1872, p. 546.
286
corso di generazioni, dalla contrazione dei sopraccigli,
così tal contrazione dovette divenire inveterata. Nullameno la sua origine si rinviene in fenomeni di un ordine
affatto diverso: noi la dobbiamo cercare nell'infanzia;
essa ha dato un primo mezzo di protezione agli occhi
durante le grida. Dal lato della condizione morale esiste
certamente una grande analogia fra l'attento esame d'un
oggetto lontano, una serie complicata di pensieri e l'esecuzione di qualche lavoro meccanico, minuzioso e difficile. L'idea che l'abitudine di contrarre le sopracciglia si
continui anche quando non v'ha più bisogno di allontanare un eccesso di luce, è confermato dal caso su esposto, nel quale le sopracciglia e le palpebre sono messe in
moto senza necessità, e solamente per ciò che codesti
organi vennero messi in azione in analoghe circostanze
e ad un utile scopo. Ad esempio, quando non vogliam
vedere un oggetto, chiudiamo volontariamente gli occhi,
e siam portati a chiuderli anche allora che rigettiamo
una proposta, quasi non potessimo, nè volessimo vederla, o quando pensiamo a qualche cosa che ci mette orrore. Se vogliam guardare rapidamente tutt'attorno di noi,
alziamo le sopracciglia, ed avviene spesse volte lo stesso sforzandoci di richiamare un pensiero; in allora operiamo come se il nostro sguardo potesse cercarlo e scoprirlo.
Distrazione, Meditazione. – Quando una persona è
assorta nei suoi pensieri, collo spirito distratto, quando
noi siamo, come talvolta si dice, «immersi in una tetra
meditazione», le sopracciglia non ci si aggrottano, ma il
287
nostro sguardo sembra vuoto; le palpebre inferiori in generale si elevano e si raggrinzano, come avviene in un
individuo miope che si sforza di distinguere un oggetto
lontano; nello stesso tempo la parte superiore dei muscoli orbicolari si contrae leggermente. L'increspamento
delle palpebre inferiori in tali circostanze fu osservato in
alcuni selvaggi: Dyson Lacy l'ha constatato negli Australiesi di Queensland, e Geach l'osservò spesse volte
nei Malesi dell'interno di Malacca. Fino al dì d'oggi è
impossibile determinarne la causa ed il significato: notiamo soltanto che si ha in ciò esempio novello d'un movimento dei muscoli peri-oculari avente un determinato
rapporto con una speciale condizione dell'animo.
L'espressione vuota degli occhi è assai particolare;
essa indica a un tratto che un uomo è assorto ne' suoi
pensieri. Dietro mia inchiesta il professore Donders,
colla consueta sua gentilezza, si compiacque d'instituire
studi accurati su tale argomento; egli esaminò questa
espressione in un certo numero di persone, e sottomise
se stesso alle osservazioni del prof. Engelmann. Sembra
che in allora gli occhi, a vece di fissarsi sovra un oggetto lontano, come avevo creduto, non guardano alcun
punto preciso. Spesso ancora gli assi visuali dei due globi si fanno un po' divergenti; posta la testa verticalmente
ed il piano della visione orizzontale, questa divergenza
può raggiungere un angolo massimo di 2°. A ciò si venne osservando la immagine doppia e incrociata di un oggetto lontano. Nasce di spesso che, quando un uomo è
assorto in pensieri, la testa gli s'inchina sul petto, causa
288
il generale rilassamento dei muscoli; in questo caso, se
il piano visuale resta ancora orizzontale, gli occhi sono
necessariamente volti un po' in su, ed allora la divergenza arriva a 3° o 3°,5'; se l'elevazione degli occhi è anche
più notevole, la divergenza oscilla da 6° a 7°. Il professore Donders attribuisce questa divergenza al quasi
completo rilassamento di alcuni fra i muscoli degli occhi, il quale risulterebbe dall'eccessivo travaglio dell'animo177. Infatti, quando agiscono i muscoli dell'occhio, i
globi sono convergenti. Il professore Donders, a proposito della loro divergenza nel caso presente, fa osservare
che un occhio cieco dopo breve tempo devia sempre all'infuori; infatti i muscoli che di solito servono a ricondurre il globo all'indentro per permettere la visione binoculare, non vengono più messi in azione.
Quando riflettiamo e siamo perplessi, compiamo per
solito certi movimenti, certi gesti. È così, per esempio,
che si porta la mano alla fronte, o alla bocca, o al mento.
Per lo incontro, non ho mai osservato niente d'analogo
in chi sta semplicemente immerso in una profonda meditazione, senza dar di cozzo a veruna difficoltà. Plauto,
descrivendo in una commedia178 un uomo imbarazzato,
dice: «Guardatelo là, col mento poggiato sovra la
177 GRATIOLET osserva (De la Physionomie, p. 55) che:
«quando fissa l'attenzione su qualche immagine ideale, l'occhio
vaga nel vuoto e s'associa automaticamente alla contemplazione
dell'animo». A vero dire, è già molto se a questa osservazione si
dà il nome di schiarimento.
178 Miles Gloriosus, atto II, scena seconda.
289
mano». E questo medesimo gesto, che in apparenza è sì
futile, sì poco espressivo, questo portar la mano al viso,
fu riscontrato in certi selvaggi. J. Mansel Weale l'osservò nei Cafri del sud dell'Africa, ed il capo indigeno Gaika narra che «in codeste circostanze si tirano qualche
volta la barba». Washington Matthews, che studiò alcune fra le più selvaggie tribù indiane delle regioni occidentali degli Stati Uniti, dice d'aver visti questi Indiani,
«mentre erano assorti in pensieri, a metter la mano, e
più di solito il pollice e l'indice, a contatto con qualche
parte del viso, e sopratutto col labbro superiore». Se si
riesce a comprendere per quale ragione chi è travagliato
da qualche serio pensiero si comprima o si strofini la
fronte, egli è assai meno facile spiegare perchè si porti
la mano alla bocca ed al volto.
Cattivo umore. – Vedemmo che, quando si incontra
qualche difficoltà, o quando sopravviene un pensiero,
una sensazione sgradevole, si aggrottano le sopracciglia:
una persona la quale vada spesso soggetta ad impressioni di questo genere e vi s'abbandoni facilmente, sarà
predisposta a mostrarsi di cattivo umore, irritabile e
scortese, e manifesterà un tale stato dell'animo con un
continuo aggrottare di sopracciglia. Tuttavia la sgradita
espressione che consegue da questo increspamento può
venir neutralizzata dalla dolce espressione d'una bocca
sempre sorridente e da uno sguardo gaio e brillante.
Così è parimente se l'occhio è risoluto e sereno, la fisionomia seria e meditabonda. L'aggrottamento delle sopracciglia, accompagnato dalla depressione degli angoli
290
della bocca, segno caratteristico di affanno, dà una stravagante apparenza. Quando un fanciullo, piangendo
(vedi la Tavola IV, fig. 2) 179, corruga energicamente le
sopracciglia, senza vivamente contrarre, come di consueto, i muscoli orbicolari, la faccia di lui assume una
marcata espressione di collera ed anche di rabbia, mista
a dolore.
Allorchè il sopracciglio si aggrotta e nello stesso tempo si abbassa di molto, causa la contrazione dei muscoli
piramidali del naso, – il che produce alcune rughe o pliche trasversali alla base di quest'organo, – la fisonomia
esprime umore tetro. Il dottore Duchenne ritiene che la
contrazione di tali muscoli dia una netta espressione di
durezza180, quando non è accompagnata dall'aggrottare
dei sopraccigli. Io però dubito assai che la sia codesta
una vera o naturale espressione. Mostrai ad alcune persone (fra cui alcuni artisti) una fotografia del sig. Duchenne, che rappresentava un giovinotto nel quale i piramidali erano vivamente contratti per azione dell'elettricità; nessuno seppe rendersi conto di ciò che quella
espressione significasse, eccettuata una ragazza che vi
scoperse con giustezza una «riserva arcigna». Quando io
stesso vidi la prima volta quella fotografia, sapendo ciò
ch'esprimeva, credo che la mia fantasia v'abbia aggiunto
179 La fotografia originale del sig. Kindermann è molto più
espressiva di questa copia, perocchè si distinguono assai meglio
le pieghe della fronte.
180 Mécanisme de la Physionomie humaine. Album, leggenda
IV, fig. 16-18.
291
quel che mancava, le pliche, cioè, della fronte, ed allora
l'espressione mi parve vera ed estremamente stizzosa.
Labbra serrate e sopracciglia abbassate e corrugate
dànno alla fisonomia un che di risolutezza e possono
renderla anche ostinata e stizzosa. Perchè l'increspamento della bocca impartisce questa espressione di pertinacia? Discuteremo fra poco codesta quistione. L'espressione dell'ostinazione affannata fu distintissimamente riconosciuta dai miei corrispondenti nei naturali delle sei
diverse regioni dell'Australia. Secondo il sig. Scott, ell'è
molto spiccata negl'Indù. La si rinvenne nei Malesi, nei
Cinesi, nei Cafri, negli Abissini; il dottor Rothrock la
constatò ad un grado notevole nei selvaggi dell'America
del Nord, il sig. D. Forbes negli Aymaras di Bolivia. Io
pure l'osservai negli Araucani del Chilì meridionale.
Dyson Lacy ebbe a notare che gl'indigeni Australiesi,
sotto l'influenza di questa disposizione morale, incrociano tal fiata le braccia sul petto, atteggiamento che qualche volta si vede anche presso di noi. Una ferma risoluzione, la quale giunga alla caponaggine, si esprime pure
in certi casi alzando continuamente le spalle, gesto di
cui spiegheremo il significato nel seguente capitolo.
I fanciulli manifestano il malumore brontolando o,
come si dice, facendo il viso duro181. Quando gli angoli
della bocca sono molto abbassati, il labbro inferiore si
rovescia e sporge alquanto: ciò s'appella parimente una
181 HENSLEIGH WEDGWOOD in The origin of Language,
1866, p. 78.
292
smorfia. Ma la varietà di smorfie a cui facciamo qui allusione consiste nello avanzamento di entrambe le labbra a foggia di tubo, avanzamento che talvolta le fa
giungere a livello della punta del naso, posto sempre che
questo sia corto. Le smorfie sono di solito accompagnate da un increspamento dei sopraccigli, e talvolta dall'emissione di un rumore particolare. Codesta espressione
è notevole per ciò ch'ella, a quant'io so, è quasi la sola
che (almeno negli Europei) si manifesta più nettamente
nell'infanzia che non nell'età matura. Tuttavia in tutte le
razze, gli adulti, in preda a gran collera, hanno qualche
tendenza a sporgere le labbra. Alcuni fanciulli fanno il
cattivo viso per timidezza, ma allora non si può dire che
fanno il broncio.
In base alle informazioni che mi son procurate da varie famiglie assai numerose, non par che le smorfie sieno molto comuni nei fanciulli europei; ma esistono in
tutti, e probabilmente sono assai diffuse e spiccate nella
maggior parte delle razze selvaggie, perocchè molti osservatori ne furono sorpresi. Le si constatarono in otto
diversi distretti dell'Australia, e la persona che mi fornì
queste informazioni dicevami d'essere stato colpito dall'allungamento onde in tali occasioni sono suscettibili le
labbra dei fanciulli. Due osservatori trovarono le smorfie infantili negli Indù; tre nei Cafri, nei Fingi del sud
dell'Africa e negli Ottentoti; due negli Indiani selvaggi
dell'America settentrionale. Furono pure osservate nei
Cinesi, negli Abissini, nei Malesi di Malacca, nei Dyak
di Borneo, e spesse volte negl'indigeni della Nuova Ze293
landa. Il sig. Mansel Weale mi apprende d'aver visto un
allungamento pronunziatissimo delle labbra nei Cafri,
quand'erano di cattivo umore, non pur sui fanciulli, ma
ancor sugli adulti d'entrambi i sessi. Il signor Stack fe'
qualche volta la medesima osservazione negli uomini, e
assai frequente nelle donne della Nuova Zelanda. Per ultimo, anche nell'adulto europeo si riconoscono tal fiata
traccie di questa stessa espressione.
Per lo che si vede che l'allungamento delle labbra,
particolarmente nel fanciullo, è un segno caratteristico
del malumore, presso quasi tutte le razze umane. E' pare
che questo movimento risulti dall'essersi conservata
un'antica abitudine, specialmente nella gioventù, o da un
momentaneo regresso verso la medesima. Come abbiam
già veduto, i giovani orangotani ed i giovani chimpanzè,
quando sono scontenti, leggermente irritati o di umore
cattivo, allungano oltremodo le labbra; e le allungano
pure, quando provino una viva sorpresa, un po' di paura
ed una lieve soddisfazione. Allora essi sporgono il labbro, certo allo scopo di emettere i diversi suoni propri a
questi diversi stati dell'animo. Come già dissi, la forma
della bocca nel chimpanzè varia leggermente, sia che si
tratti di grida di piacere, sia di collera. Appena questi
animali montano in furore, la forma della bocca cangia
del tutto ed i denti vengono messi allo scoperto. Pare
che, quando l'orango adulto è ferito, «mandi un grido
speciale, che incomincia acuto e finisce in un sordo
muggito; mentre emette le note elevate, sporge le labbra
a foggia d'imbuto, ma, quando giunge alle gravi, tiene
294
spalancata la bocca»182. Sembra che il labbro inferiore
del gorilla possa allungarsi moltissimo. Se noi ammettiamo che i nostri antenati, uomini a mezzo, quand'erano
stizziti o alquanto irritati, sporgessero le labbra, come
ora fanno le scimie antropomorfe, riesce un fatto interessante, ma non anomalo, che i nostri fanciulli, sotto
l'influenza di analoghe impressioni, ci presentano traccie della stessa espressione e tendono insieme ad emettere alcuni suoni. Ed invero gli animali nella giovane età
mantengono spesso in un modo più o meno perfetto (per
perderli poi) certi caratteri, propri in origine ai loro antenati adulti e che si trovano ancora in altre specie distinte, loro vicini parenti.
Ed è pur naturale che i fanciulli selvaggi, a paragone
di quelli europei, manifestino, quando sono stizziti, una
più viva tendenza a sporger le labbra; imperocchè la caratteristica della condizione selvaggia sembra appunto
risiedere in questa conservazione d'uno stato primitivo,
conservazione che talora si fa pur palese nelle qualità fisiche183. Nullameno, a codesta foggia di vedere intorno
l'origine delle smorfie, potrebbesi opporre che le scimie
antropomorfe allungano parimente le labbra sotto l'influenza dello stupore ed anche d'un leggiero contento; in
noi, per lo incontro, questa espressione apparisce soltanto allora che siamo di cattivo umore. Ma in uno dei sus182 MÜLLER, citato da HUXLEY, Man's Place in Nature,
1863, p. 38.
183 Ne ho dato molti esempi nella mia Origine dell'Uomo
(vol. I, cap. IV).
295
seguenti capitoli vedremo che in certe razze umane la
sorpresa produce talora un lieve avanzamento delle labbra; peraltro una viva sorpresa, un profondo stupore si
palesano più di sovente collo spalancar della bocca. Del
resto, siccome, ridendo o sorridendo, tiriamo indietro gli
angoli della bocca, così noi dovemmo perdere ogni tendenza a sporger le labbra sotto l'influenza del piacere,
pur supponendo che i nostri antichi progenitori abbiano
veramente espresso in siffatta maniera il loro contento.
E qui dev'esser fatta menzione d'un altro piccolo movimento che s'osserva nei fanciulli stizziti, e cioè l'alzare
una delle spalle. Questo gesto ha un significato diverso
da quello che consiste nell'alzare ambedue le spalle. Un
fanciullo, di cattivo umore, seduto sulle ginocchia del
padre o della mamma, alza la spalla ch'è più vicina a chi
lo porta, poi con atto brusco la ritira, quasi a sottrarsi da
una carezza, e dà quindi una scossa all'indietro, come
per respingere qualcuno. Io vidi un fanciullo, il quale,
sebbene alquanto lontano da ogni persona, espresse nettamente i suoi sentimenti alzando una spalla, imprimendole poscia un leggiero movimento all'indietro, ed infine
tutta scotendo la sua personcina.
Risolutezza o determinatezza. – L'energico serrar della bocca tende a dare alla fisonomia un'espressione di risoluzione o di determinazione. Probabilmente non s'è
mai visto un uomo di carattere risoluto tener la bocca
aperta. In generale si considera pur come indizio di fiacchezza morale una mascella inferiore piccola e debole,
onde sembra che la bocca non sia d'ordinario ben chiu296
sa. Uno sforzo prolungato, di qualsivoglia natura, fisico
od intellettuale, implica una precedente determinazione;
ora, s'egli è dimostrato che prima e durante un violento
e continuato esercizio del sistema muscolare si chiude
forte la bocca, il principio dell'associazione fa prevedere
quasi certo ch'esso si chiuderà parimente quando prendesi un'energica risoluzione. Molti osservatori notarono
infatti che quando un uomo imprende qualche esercizio
muscolare violento, comincia sempre col gonfiar d'aria i
polmoni, che poscia comprime contraendo vigorosamente i muscoli toracici e tenendo perfettamente chiusa
la bocca. Inoltre, anche quando quest'uomo è costretto a
riprendere fiato, tien dilatato il petto, più ch'è possibile.
A codesto modo d'agire si attribuirono parecchie interpretazioni. Sir C. Bell sostiene184 che, in tali circostanze, gonfiasi il petto e lo si mantiene disteso, per fornire uno stabile punto d'appoggio ai muscoli che vi s'inseriscono. Donde, egli aggiunge, consegue che, quando
due uomini sono impegnati in disperata lotta, regna fra
loro un terribile silenzio, solo interrotto dal respiro soffocato e penoso. Questo silenzio dipende da ciò che l'espulsione dell'aria per emetter dei suoni indebolirebbe il
punto d'appoggio dei muscoli delle braccia. Che se la
lotta avvien fra le tenebre, e si ode un grido, quel grido
ne avverte che l'uno dei rivali non ha più speranza di
vincere.
184 Anatomy of Expression, p. 190.
297
Secondo Gratiolet185, un uomo che voglia lottare all'ultimo sangue contro un altr'uomo, o che dee sostenere
un pesante fardello, od anche mantenere per lungo tratto
di tempo un atteggiamento penoso, deve bensì far dapprima una forte ispirazione, e poi lasciar di respirare; ma
nullameno quest'autore ritiene come erronea la spiegazione di Bell. Egli sostiene (cosa alla quale, a mio credere, è impossibile mettere dubbio) che arrestare il respiro è ritardare la circolazione del sangue, e qui chiama
in aiuto curiosissime prove, tratte dalla struttura degli
animali inferiori, per dimostrare, primieramente, che,
onde prolungare lo sforzo muscolare, è necessario ritardare la circolazione, in secondo luogo, che senza un rapido circolo non avvengono rapidi movimenti. Quindi,
quando noi ci disponiamo ad eseguire un grande sforzo,
chiudiamo la bocca e cessiamo dal respirare, per ritardare la circolazione del sangue. Gratiolet riassume la quistione dicendo: «Ecco la vera teoria dello sforzo prolungato»; peraltro non so sino a qual punto venga ammessa
questa teoria dagli altri fisiologi.
Il dott. Piderit186, per ispiegare onde avvenga che durante un energico sforzo muscolare si chiude perfettamente la bocca, ricorse alla seguente teoria: l'influenza
della volontà non si estende soltanto a que' muscoli che
sono necessariamente messi in azione da un particolare
sforzo qualunque; è dunque naturale che i muscoli i
185 De la Physionomie, p. 118-121.
186 Mimik und Physiognomik, p. 79.
298
quali servono alla respirazione, e quei della bocca, che
vengono usati tanto di spesso, sieno più specialmente
soggetti a questa influenza. Mi sembra che in ciò siavi
pur qualche cosa di vero, imperocchè, compiendo un
violento esercizio, ci sentiamo inclinati a chiudere i denti con forza, il che non serve ad impedire la circolazione, mentre i muscoli del petto sono vivamente contratti.
Per ultimo, un uomo chiude generalmente la bocca e
cessa un istante di respirare, anche quando si accinge a
un lavoro, delicato e difficile sì, ma che non richiede alcuno sforzo. In questo caso peraltro egli agisce così, solamente perchè i movimenti del petto non gl'inceppino
quei delle braccia. Per questa ragione, ad esempio, una
persona che infili un ago stringe le labbra, ed anche sospende il respiro o respira lievissimamente. Come abbiamo già detto, la stessa osservazione fu fatta sopra un
giovane chimpanzè malato, mentre dilettavasi ad uccidere le mosche che ronzavano sui vetri della finestra.
Un atto, quando è difficile, sia pure insignificante, richiede sempre fino a un certo punto un'antecedente determinazione.
Egli è probabile che le diverse cause su accennate abbiano potuto venir messe in giuoco in differente grado,
sia complessivamente, sia separatamente, in diverse occasioni. Ne dovette seguire un'inveterata abitudine, oggi
definitivamente ereditaria, di chiudere strettamente la
bocca prima e durante ogni sforzo prolungato e violento, prima e durante ogni delicato lavoro. In virtù del
principio di associazione, non appena lo spirito abbia
299
preso una risoluzione relativa a qualche atto speciale, a
qualche via da tenere, deve esister puranco una spiccata
tendenza a riprodurre quell'abitudine, tendenza che può
manifestarsi prima che sia necessario ogni sforzo fisico,
e pur allorquando non ve ne sarebbe bisogno veruno.
Così l'abituale ed energico serrar della bocca giunse sino
ad esprimere la risolutezza del carattere, ed è noto quanto facilmente la risolutezza degeneri in ostinazione.
300
CAPITOLO X.
ODIO E COLLERA
Odio. – Furore, suoi effetti sul fisico. – Atto di scoprire i denti. –
Furore degli alienati. – Collera e sdegno. – Loro espressione
nelle varie razze umane. – Derisione e disfida. – Atto di scoprire il dente canino da una parte sola.
Se un individuo ci ha fatto volontariamente un torto,
se ci ha offesi in qualsivoglia maniera, o se crediamo
ch'egli abbia ostili intenzioni a nostro riguardo, nutriamo per lui avversione, che facilmente degenera in odio.
Questi sentimenti, provati in debole grado, non hanno
alcun particolare movimento che li esprima nettamente,
toltone forse una certa rigidezza nell'atteggiamento od
un poco di malumore. Nullameno pochissimi sanno fermare a lungo il pensiero sopra una persona odiata, senza
provare e lasciarsi sfuggire segni d'indignazione o di
rabbia. Che se però l'offensore ci sta molto al di sotto,
null'altro sentiamo che sdegno e disprezzo. Se l'offensore, all'incontro, è molto potente, il nostro odio si trasforma in terrore; prova terrore uno schiavo pensando a un
padrone crudele, o un selvaggio rammentando una divi301
nità malefica e sanguinaria187. La maggior parte delle
nostre sensazioni è così strettamente legata alla loro
espressione, che nessuna di esse può esistere fin che il
corpo sta inerte, poichè la natura della espressione dipende principalmente dalla natura degli atti che di solito
si producono in questo o in quello stato speciale dell'animo. Per esempio, un uomo può sapere benissimo che
la sua vita è esposta al maggiore dei pericoli e desiderare ardentemente di salvarla, eppure può dire, come Luigi
XVI attorniato da un popolaccio furioso: «Credete ch'io
abbia paura? Tastate il mio polso». Così ancora, un
uomo può odiare con tutta la forza un altro uomo, senza
che si abbia a supporre il furore che l'accende, sino a
che questo non viene palesato dal corpo.
Furore. – Ebbi di già occasione di parlare intorno a
questo sentimento nel capitolo III, quando mostrai la diretta influenza del sensorio sulla economia, combinata
con gli effetti di atti ordinariamente associati. Il furore si
palesa nelle più varie maniere. Il cuore e la circolazione
sono sempre impressionati; il volto viene rosso o purpureo, e le vene della fronte e del collo si gonfiano. Il rossore della pelle fu osservato negli Indiani rossi dell'America del Sud188, ed anche, pare, sulle cicatrici bianche
lasciate nella pelle dei negri da antiche ferite189. Anche
187 Veggansi a questo proposito le osservazioni di M. BAIN,
The Emotions und the Will, ediz. seconda, 1865, p. 127.
188 RENGGER, Naturgesch. der Säugethiere von Paraguay,
1830, p. 3.
189 Sir C. BELL, Anatomy of Expression, p. 96. – Il dott.
302
le scimie arrossiscono di collera. Ho più volte osservato
in un mio figliuoletto, a meno di quattro mesi, che l'afflusso del sangue che faceva rossa la sua calva testina,
era il primo indizio di un accesso di collera. Talvolta invece il furore inceppa le funzioni del cuore così, da rendere il volto pallido o livido190, e bene di spesso si videro malati di cuore cascar morti sotto il peso di questa
potente emozione.
La stessa respirazione ne è presa di mezzo: il petto si
solleva e le narici si dilatano e fremono 191. Tennyson
disse: «Il soffio violento della collera gonfiava le sue
BURGESS (Physiology of Blushing, 1839, p. 31) descrive il rossore che in una negra, sotto l'impero di cause morali, si riproduceva sopra una cicatrice.
190 Moreau e Gratiolet discussero intorno al colore del viso
sotto l'influenza d'una collera intensa. Veggasi l'edizione del 1820
di LAVATER, vol. IV, p. 282 e 300, e GRATIOLET, De la Physionomie, p. 345.
191 Sir C. BELL (Anatomy of Expression, p. 91-107) trattò a
lungo su tale quistione. MOREAU, appoggiandosi sull'autorità di
Portal, fa osservare (nell'edizione del 1820 della Physionomie, per
G. LAVATER, vol. IV, p. 237) che gli asmatici finiscono col presentare una permanente dilatazione delle narici, dovuta all'abituale contrazione dei muscoli elevatori dell'ala del naso. – Il dottor
PIDERIT (Mimik und Physiognomik, p. 82) spiega la dilatazione
delle narici, dicendo ch'essa ha lo scopo di permettere la respirazione, mentre è chiusa la bocca e sono stretti i denti. Parmi che a
questa interpretazione sia da preferirsi quella di sir C. Bell, il quale attribuisce questo stato alla simpatia (cioè all'abituale sinergia)
di tutti i muscoli respiratorii. Un uomo in collera dilata le narici,
anche a bocca aperta.
303
narici di fata». Da ciò le espressioni: respirare la vendetta, e fumare di collera192.
L'eccitazione del cervello invigorisce i muscoli e nello stesso tempo rafferma la volontà. D'ordinario il corpo
sta ritto, pronto a reagire; qualche volta peraltro si piega
verso l'aggressore e le membra sono più o meno tese. Di
solito la bocca, perfettamente chiusa, esprime una determinazione già presa, ed i denti o stanno stretti o battono
gli uni contro gli altri. Spesse volte si alzano le braccia e
si stringono i pugni, quasi a colpire l'aggressore. Al colmo dell'irritazione, ed intimando a qualcuno di uscire, è
assai raro il caso che non si faccia il moto di batterlo o
di cacciarlo fuori a violenza. Ben più; questo desìo di
colpire è spesso potente così, che si percuotono o si gettano a terra corpi inanimati; del resto, le movenze diventano il più delle volte disordinate e frenetiche. Quando i
fanciulli sono infuriati, si rotolano per terra, gridando,
pestando i piedi, graffiando e percuotendo tutto quello
che viene loro alle mani. Dalle informazioni di Scott risulta che i fanciulli Indù fanno lo stesso, e noi abbiamo
visto che le scimie antropomorfe non si regolano in
modo diverso.
Tuttavia il sistema muscolare può venire impressionato in maniera del tutto contraria; infatti, la conseguenza
di un eccessivo furore è spesse volte il fremito. Allora le
192 WEDGWOOD (On the Origin of Language, 1866, p. 76)
fa parimente osservare che il suono prodotto da una brusca espirazione viene espresso dalle sillabe puff, huff, whiff; ora il motto
inglese huff significa precisamente un eccesso di collera.
304
labbra, paralizzate, non rispondono più agli ordini della
volontà, «e la voce s'arresta alla strozza»193; altre volte
essa si fa più vigorosa e rauca e stuonata; e se si parla
molto e con volubilità, la bocca si riempie di schiuma.
Talora i capelli si rizzano; ma su questo punto tornerò in
un altro capitolo, parlando del sentimento misto, composto di collera e di terrore. Nella maggior parte dei
casi, si determina un pronunciatissimo increspamento
dei sopraccigli, segno caratteristico della preoccupazione della mente, in faccia a qualche fastidio o a qualche
ostacolo. Talvolta, all'incontro, la pelle del fronte, in
luogo di venire contratta ed abbassata, si mantiene liscia, e gli occhi, scintillanti, stanno spalancati. Gli occhi
brillano sempre, e, seguendo l'espressione di Omero,
sono pieni di fiamme. In certi casi si veggono iniettati di
sangue, e schizzano, come si dice, dalle orbite: conseguenza evidente dell'assoluta congestione cerebrale,
congestione, del resto, manifestata dalla dilatazione delle vene. Secondo Gratiolet194, nei furiosi le pupille sono
sempre contratte; il dottor Crichton Browne mi ha detto
che altrettanto si avvera nel delirio violento della meningite: bisogna confessare peraltro, che i moti dell'iride
sotto l'influenza dei vari sentimenti sono ancora assai
poco conosciuti.
Shakespeare riassume così i caratteri principali del
furore:
193 Sir C. BELL (Anatomy of Expression, p. 95) fece delle
bellissime osservazioni sull'espressione del furore.
194 De la Physionomie, 1865, p. 346.
305
Nulla più l'uomo nella pace adorna
Dell'umiltà, della modesta calma.
Ma se di guerra vi sorprende l'ora,
Diventate del tigre imitatori.
Dure le membra, il sangue suscitato,
All'occhio date il più feroce aspetto,
Stringete i denti ed ampie fian le nari,
Raffrenate il respiro, ed all'estremo
Sian gli spirti vital sospinti, o Inglesi.
Sotto l'influenza del furore, talvolta si protendono le
labbra; nè io so spiegarmi lo scopo di questo movimento, a meno che non si debba la nostra origine ad una
qualche forma scimiesca. Se ne osservarono degli esempi non solo presso gli Europei, ma ben anco negli Australiesi e negli Indù. Più di spesso, peraltro, le labbra
sono ritirate e lasciano allo scoperto i denti, stretti. È
questa l'osservazione generale di tutti gli autori che
scrissero sulla espressione195. Pare che i denti vengano
195 Sir C. BELL, Anatomy of Expression, p. 177. – GRATIOLET (De la Physionomie, p. 369) dice: «I denti si scoprono ed
imitano simbolicamente l'azione del lacerare e del mordere». Gratiolet sarebbe stato più facilmente compreso, se, in luogo di usare
la parola vaga simbolicamente, avesse detto che quest'atto è il vestigio di un'abitudine tempo addietro acquisita, quando i nostri
antenati, uomini a mezzo, lottavano a colpi di denti, come presentemente lo fanno i gorilla e gli oranghi. – Il dottor PIDERIT (Mimik ecc., p. 82) parla anche della tensione del labbro superiore
durante un accesso di furore. – Nella incisione d'una fra le stupende pitture di Hogarth, agli occhi brillanti e spalancati, alla fronte
306
messi a nudo per essere pronti ad assalire ed a stracciare
l'avversario, anche se non v'ha alcuna intenzione di questo genere. Dyson Lacy osservò questa minacciosa
espressione negli Australiesi, quando sono in alterco, e
Gaika nei Cafri del Sud dell'Africa. Carlo Dickens 196,
narrando l'arresto di un bandito, descrive il popolaccio
furioso che l'attorniava, «precipitandosi, digrignando i
denti e mandando urli da bestie feroci». Tutti coloro che
avvicinano dei bambini, sanno quanta disposizione abbiano a mordere, allorchè sono in collera. In essi, quest'atto è naturalissimo, e pare istintivo, quasi come nei
giovani coccodrilli, che fanno crocchiare le loro piccole
mascelle, appena usciti dall'uovo.
Qualche volta si vede che l'avanzamento delle labbra
è accompagnato da un riso di minaccia. Un buon osservatore narra di aver potuto studiare l'odio (che quasi si
confonde col furore più o meno dissimulato) sugli
Orientali, ed una volta, sopra una donna inglese, alquanto avanzata in età. In tutti questi casi, si riscontrava
«non un aggrottamento di sopracciglia, ma un riso minaccioso; le labbra sporgevano, le guancie erano rilassate, semichiusi gli occhi; la fronte perfettamente calma
ed immobile»197.
Questo movimento che ritira le labbra e discopre i
denti, negli accessi di furore, come per mordere un avaggrottata, ai denti scoperti, risulta, mirabilmente rappresentata,
l'espressione della collera.
196 Oliver Twist, vol. III, p. 245.
197 The Spectator, 11 luglio 1868, p. 819.
307
versario, è molto notevole, avuto riguardo alla rarità dei
casi nei quali, presso la specie umana, i denti sono impiegati alla lotta. Mi sono anche indirizzato al dottor G.
Crichton Browne, per sapere se questa abitudine fosse
comune agli alienati, che s'abbandonano senza ritegno
alla foga della collera. Ei mi scrive d'averla realmente
osservata a varie riprese negli alienati e negli idioti, e
me ne cita i seguenti esempi
Pochi momenti prima di ricevere la mia lettera, egli
era stato testimonio di un accesso di collera sfrenata e di
mal fondata gelosia, in una donna pazza. Questa, colla
schiuma alla bocca, cominciò dall'aggravare di rimprocci il marito; poi gli si avvicinò, colle labbra strette e le
sopracciglia energicamente contratte. Infine ritrasse le
labbra, sopratutto le estremità laterali del superiore, e
mostrò i denti, scagliando un vigoroso pugno. Secondo
esempio: un vecchio soldato, invitato a sottomettersi
alle regole dello stabilimento, si disgusta e ne viene furioso. Per solito, ei comincia col domandare al dottor
Browne se non sia cosa vergognosa trattarlo così. Allora
si mette a giurare ed a bestemmiare, cammina a lunghi
passi, si sbraccia a destra ed a manca, e scaglia invettive
a tutti quelli che l'attorniano. Infine, giunto al colmo
della esasperazione, si precipita sul dottor Browne con
un movimento obliquo particolare, facendo crocchiare
le mascelle e proferendo minaccie di morte. A questo
punto può vedersi che il suo labbro superiore è sollevato, specialmente verso alle estremità, onde vengono
messi a nudo i suoi enormi canini. Egli grida maledizio308
ni coi denti stretti, e tutto l'assieme della sua espressione
riveste un'estrema ferocia. La stessa descrizione può servire anche per un terzo individuo, eccettuato, peraltro,
che questi quasi sempre schiuma e sputacchia, tutto abbandonandosi agli scambietti ed ai salti più strani, ed
imprecando con una voce di falsetto acutissima.
Il dottor Browne mi comunica ancora l'osservazione
di un idiota epilettico, incapace di ragionati movimenti,
e che passa di solito tutto intero il giorno trastullandosi
con dei balocchi; nullameno è di umore fastidioso e diventa facilmente intrattabile. Se qualcuno gli tocca un
giocattolo, leva adagio adagio la testa, che d'ordinario
tiene abbassata, e fissa gli occhi sull'importuno con
sguardo arcigno ed irritato. Se poi lo si contraria ripetutamente, ritira le sue grosse labbra, e denuda una fila
sporgente di ributtanti dentacci, fra' quali si distinguono
sopratutto i canini; poscia colla mano aperta colpisce
con rapidità e violenza colui che l'annoia. La rapidità di
questo gesto, dice il dottore Browne, contrasta meravigliosamente col torpore ordinario di lui, tale ch'ei mette
di solito quindici secondi a volgere la testa da una parte
all'altra, quando la sua attenzione è risvegliata da qualche rumore. Allorchè trovasi in questo stato di esasperazione, se un oggetto qualunque, un fazzoletto, un libro,
gli cade fra mano, lo porta alla bocca e lo morde. Nicol
mi fece un'analoga descrizione, risguardante due alienati, le labbra dei quali si ritraevano anche negli accessi di
furore.
Il dottor Maudsley, dopo aver riferiti parecchi atti che
309
ravvicinano l'idiota al bruto, si domanda se non faccia
d'uopo vedervi il ritorno di primitivi istinti, «un'eco affievolita di un remoto passato, che manifesta una parentela onde l'uomo si è quasi liberato del tutto». Ei rammenta che il cervello umano, nel corso del suo sviluppo,
passa traverso vari stati, identici a quelli offerti dagli altri vertebrati; e siccome la condizione del cervello dell'idiota rappresenta uno sviluppo arrestato, è lecito supporre «che debba compiere la stessa funzione che aveva
in origine, in luogo dell'ufficio più elevato del cervello
dell'uomo sano». Secondo il dottore Maudsley, può dirsi
altrettanto circa lo stato in cui sono ridotte le funzioni
cerebrali di certi alienati. «Donde vengono in essi, ei si
domanda, il grugnito selvaggio, la brama di distruggere,
gli osceni discorsi, gli urli feroci, le abitudini di violenza? Come mai un essere umano, per ciò solo che manca
della ragione, assumerebbe un carattere tanto brutale, se
in lui non esistesse realmente una natura di bruto?» 198.
Ei pare che tale quistione debba risolversi affermativamente.
Collera e sdegno. – Queste condizioni dell'animo differiscono dal furore solo per il grado, nè havvi distinzione spiccata fra i gesti che li caratterizzano. Sotto l'impero di una collera moderata, l'azione del cuore si sovreccita leggermente; si colora la faccia e brillano gli occhi.
Anche la respirazione è alquanto più celere, e siccome
tutti i muscoli che servono a quest'ufficio agiscono as198 Body and Mind, 1870, p. 51-53.
310
sieme, le ali del naso si sollevano un poco, in modo da
lasciare libero accesso all'aria, segno assai caratteristico
della indignazione. Il più delle volte la bocca è chiusa, e
le sopracciglia sempre contratte. Nessun gesto frenetico
come nell'estremo furore; soltanto, l'uomo in preda allo
sdegno si colloca, senz'averne coscienza, in un atteggiamento adatto per assalire o battere il nemico, che squadra talvolta, dal capo alle piante con aria di sfida. Alta la
testa, il petto sollevato, ed i piedi premono fortemente il
suolo. Le braccia assumono posizioni diverse: ora stanno tese lungo il corpo ed immobili, ora l'uno dei gomiti
o entrambi sono piegati. Negli Europei spesse volte si
vede che si stringono i pugni199. Le figure 1 e 2 della Tavola VI rappresentano assai bene uomini che fingono lo
sdegno. Ciascuno può fare la seguente esperienza: si
collochi davanti uno specchio, immagini di venir insultato, e, risentito, ne chieda soddisfazione; bentosto egli
assumerà, senza pur rendersene conto, un atteggiamento
simile a quello or ora descritto.
Il furore, la collera e lo sdegno si esprimono dovunque quasi nella stessa maniera; le descrizioni che seguono gioveranno a dimostrarlo e ad appoggiar con esempi
le precedenti osservazioni. Ci ha peraltro una eccezione,
199 Nel suo famoso libro: Conférence sur l'Expression (La
Physionomie, per LAVATER, edizione del 1820, vol. IX, p. 268)
LEBRUN fa osservare che la collera si esprime stringendo i pugni. – Veggasi pure, su questo argomento, HUSCHKE, Mimices
et Physiognomices, Fragmentum Physiologicum, 1824, p. 20, ed
ancora sir C. BELL, Anatomy of Expression, p. 219.
311
relativa all'atto di stringere i pugni, e che sembra speciale a coloro che lottano usando di questi. Negli Australiesi, ad esempio, uno solo dei miei corrispondenti lo potè
osservare. Tutti, del resto, concordano a dire che il corpo è mantenuto diritto, e tutti ancora, due soli eccettuati,
constatano il pronunciato aggrottamento dei sopraccigli.
Alcuni fanno menzione delle labbra totalmente chiuse,
delle narici dilatate, dello sguardo lampeggiante. Secondo il rev. sig. Taplin, gli Australiesi esprimono il furore
sporgendo le labbra e tenendo spalancati gli occhi; le
donne corrono per tutte le bande e gettano polvere in
aria. Un altro osservatore dice che gl'indigeni, quando
sono infuriati, scaglian le braccia a destra ed a manca.
Quanto ai Malesi della penisola di Malacca, agli
Abissini ed ai naturali del Sud dell'Africa, io raccolsi
identici fatti, salvo per quello che si riferisce ai pugni.
Posso citare eziandio gl'Indiani Dakota dell'America del
Nord; secondo il signor Matthews, essi tengono la testa
diritta, le sopracciglia aggrottate, e camminano sovente
a gran passi. Il sig. Bridges notò che gli abitanti della
Terra del Fuoco, sotto l'influenza del furore, spesse volte
pestano la terra coi piedi, giran qua e là, e talora piangono e impallidiscono. Il rev. sig. Stack osservò un uomo e
una donna della Nuova Zelanda, mentre altercavano, e
raccolse nel suo portafoglio le note seguenti: «Occhio
spalancato, corpo violentemente portato indietro ed innanzi, testa inclinata in avanti, pugni stretti, ora spinti
dietro le spalle, ora messi a vicenda sotto il naso». Il sig.
Swinhoe dice che la mia descrizione concorda colle sue
312
osservazioni sopra i Cinesi; bisogna peraltro aggiungere
la circostanza che un uomo in collera d'ordinario si piega verso l'avversario e lo tempesta d'ingiurie.
Ultimamente il sig J. Scott m'inviò una particolareggiata descrizione degli atti e delle espressioni degl'indigeni Indiani, quando sono infuriati. Due Bengalesi di
bassa sfera altercavano per un prestito. In sulle prime,
calma; ma ben tosto divennero furiosi e si scambiarono
le più grossolane ingiurie, a carico degli amici e dei loro
parenti, anche molto lontani. Gestivano assai diversamente dagli Europei: in fatti, benchè avessero il petto
dilatato e rialzate le spalle, teneano rigidamente piegate
le braccia ed i gomiti in dentro, aprivano e chiudevano
successivamente le mani ed alzavano e abbassavano a
varie riprese le spalle. I loro sguardi erano sguardi di
belva e adombravano le sopracciglia abbassate e vivamente aggrottate; le loro labbra sporgeano e fortemente
stringeansi. Si fecero l'un l'altro vicini, la testa ed il collo in avanti, e cominciarono a dimenarsi, a graffiarsi, a
scuotersi. Questo atteggiamento della testa e del corpo
sembra esser comune alle genti furiose: io lo notai in Inghilterra nelle femmine dell'infima classe, quando altercavano in mezzo alla via. In tal caso possiamo supporre
che nessuno dei due avversari aspetta di venir assalito
dall'altro.
Un Bengalese, impiegato al Giardino botanico, era
accusato dal sorvegliante indigeno, in presenza di Scott,
d'aver involata una pianta rara. Egli ascoltò l'accusa senza proferire parola e con disprezzo, tenendo il corpo
313
eretto, il petto dilatato, la bocca chiusa, sporte le labbra,
il guardo fisso e penetrante. Poscia, colle braccia rialzate e chiuse le mani, la testa sporta in avanti, gli occhi
spalancati e le sopracciglia elevate, protestò arditamente
la propria innocenza. Il signor Scott osservò pure due
Mechis a Sikhim, mentre contendeano per la ripartizione del soldo. Montarono ben presto in violento furore, e
a questo punto curvarono alquanto il corpo e piegarono
la testa in avanti. Si faceano visacci, avean rialzate le
spalle, le braccia rigidamente piegate coi gomiti in dentro, le mani strette convulsivamente, senza peraltro
stringere proprio i pugni. Avanzavano e retrocedean di
continuo, e spesso levavano le braccia come per iscagliare dei colpi, ma in allora tenevano aperta la mano e
non colpivano. Scott fece analoghe osservazioni sopra i
Lepchas, ch'ei vide spesse volte in disputa, e notò che
teneano le braccia rigide e stese lungo il corpo, quasi
parallelamente, mentre le mani erano portate alquanto
indietro del dorso e chiuse a metà, ma senza che i pugni
fossero stretti.
Sogghigno, aria di sfida, azione di scoprire il dente
canino d'un lato. – L'espressione che ora passiamo a
trattare differisce pochissimo dalle descritte, nelle quali
le labbra sono ritratte, ed i denti, stretti, vengono messi
a nudo. L'unica differenza sta nel modo d'elevare il labbro superiore, che lascia vedere solamente il canino d'un
lato, mentre di solito la faccia è rivolta un po' in su e per
metà allontanata dall'offensore. Gli altri sintomi caratteristici del furore posson mancare. Qualche volta questa
314
espressione si nota in un individuo che si fa beffa di un
altro o lo sfida, anche quando ei non è proprio in collera; la si osserva, a mo' d'esempio, sul volto d'una persona che viene per ischerzo accusata di qualche cosa e che
risponde: «Tali imputazioni non giungono a me: io le disprezzo». Codesta espressione non avviene di spesso:
l'ho peraltro osservata assai nettamente in una signora
che era derisa. Parsons ne fece una descrizione che risale al 1746; ell'è accompagnata da una figura sulla quale
si vede scoperto il dente canino sol d'una parte200. Il signor Rejlander, prima ancora ch'io gliene tenessi parola,
mi chiese se avevo mai osservata questa espressione,
ond'egli stesso era stato molto colpito. Ei fotografò per
mio conto (Tav. IV, fig. 1) una donna, la quale talvolta
scopre inavvedutamente il canino d'un lato, e può riprodurre a volontà, con una eccezionale precisione, questo
espressivo movimento.
L'aria quasi festevole d'una persona che sogghigna
può degenerare per via di successive trasformazioni in
una espressione di estrema ferocia, se, mentre le sopracciglia si contraggono vivamente e brillan gli occhi, anche il dente canino vien messo a nudo. Un fanciullo
bengalese era accusato d'un misfatto, in presenza del
sig. Scott; il piccolo colpevole non osava esprimere il
suo corruccio a parole, ma questo gli trasparia dagli atti
e si faceva palese ora per mezzo di un superbo aggrottamento di sopracciglia, ora per «uno speciale movimento
200 Transact. Philos. Soc., Appendix, 1746, p. 65.
315
che scopriva il canino della parte rivolta all'accusatore;
in quell'istante ei sollevava il lato del labbro corrispondente a questo canino, che in lui era largo e sporgentissimo». Sir C. Bell riferisce201 che il grand'attore Cooke sapeva esprimere l'odio più violento, «guardando obliquamente e sollevando la parte esterna del labbro superiore,
in modo da mettere a nudo un canino tagliente ed aguzzo».
Questo scoprirsi del dente canino, sotto l'influenza di
certi stati dell'animo, risulta da due movimenti. L'angolo
o la commessura della bocca è alquanto tratta all'indietro, e nello stesso tempo un muscolo vicino e parallelo
al naso tira in su la parte esterna del labbro superiore, e
mette a nudo il canino del lato corrispondente. La contrazione di questo muscolo produce un distintissimo solco sovra la guancia e delle marcatissime rughe al di sotto, e specialmente all'angolo interno dell'occhio. Questo
fenomeno è identico a quello che si nota in un cane che
brontola; un cane che desidera di azzuffarsi alza spesse
volte il labbro dalla parte dell'avversario. Il motto inglese sneer (sogghigno) in fondo in fondo è identico alla
parola snarl (brontolìo), che tempo addietro era snar: la
lettera l, aggiuntavi, «indica semplicemente la continuità
di un'azione»202.
201 Anatomy of Expression, p. 136. – Sir C. BELL (p. 131) al
muscolo che scopre i canini dà il nome di «muscolo del brontolìo» (snarling muscles).
202 HENSLEIGH WEDGWOOD, Dictionary of English Etymology, 1865, vol. III, p. 240-243.
316
Io ritengo che quel che si chiama sorriso sardonico o
beffa sia un vestigio di questa stessa espressione. Qui la
bocca resta chiusa o quasi, ma uno de' suoi angoli è ritirato dalla parte della persona derisa; ora, questa contrazione all'indietro dell'angolo della bocca costituisce uno
degli elementi del sogghigno propriamente detto. A dir
vero, ci ha taluni i quali sorridono da un lato del viso
più che dall'altro; tuttavia non è facile comprender perchè, nella espressione del motteggio, il sorriso, se pur ve
n'ha uno, spesse volte si limiti ad una parte soltanto. Per
giunta, io osservai un leggiero sussulto del muscolo che
alza il labbro superiore; ora questo movimento, se si
fosse più dichiarato, avrebbe scoperto il canino e determinata la vera espressione del sogghigno.
Il sig. Bulmer, missionario in un remoto distretto di
Gipp's Land (Australia), risponde a quella fra le mie
questioni relativa al movimento di scoprire il canino da
una parte sola: «Ho notato che, quando gl'indigeni brontolano assieme, parlano coi denti stretti, col labbro superiore teso da un lato e nel complesso dei lineamenti
esprimendo la collera; ma essi guardano in faccia il loro
interlocutore». Tre altre persone che istituirono delle osservazioni in Australia, una quarta in Abissinia ed una
quinta in Cina, rispondono affermativamente alla mia
domanda; ma siccome questa espressione è rara ed eglino non entrano in verun dettaglio, così non oso prestare
una completa fiducia alle loro parole. Tuttavia niente di
più probabile che questa espressione semi-bestiale sia
più frequente presso i selvaggi che nelle razze civilizza317
te. Il sig. Geach, il quale merita assoluta credenza, constatolla una volta sopra un Malese, nell'interno di Malacca. Il rev. S. O. Glenie mi risponde: «Abbiamo osservata questa espressione negl'indigeni di Ceylan, ma
molto di rado». Recentemente, nell'America del Nord, il
dottor Rothrock la riscontrò in alcuni Indiani selvaggi, e
spesse volte in una tribù vicina agli Atnà.
Se avviene talora che sgridando o sfidando qualcuno,
si sollevi il labbro superiore da una parte sola, ciò non
vuol dire che questo fatto sia costante; perchè il viso di
solito è mezzo rivolto, e l'espressione è di spesso fugace. Può essere che il movimento limitato ad una parte
sola del volto non sia un'essenziale particolarità dell'espressione; ma dipenda dal fatto che i muscoli destinati
a tal uopo sono incapaci di contrarsi simultaneamente da
entrambo i lati. A rendermene ragione, pregai quattro
persone onde cercassero di eseguire volontariamente il
movimento in discorso; due di loro non seppero scoprire
il dente canino che dal lato sinistro, una solo dal destro,
e la quarta non riuscì a farlo nè dall'una nè dall'altra parte. Nessuno ci assicura però che, se queste stesse persone avessero sfidato qualcuno sul serio, non avrebbero
scoperto, senza saperlo, il dente canino da quel lato,
qualunque si fosse, che stava più vicino all'avversario.
In fatti vedemmo che certe persone, le quali non possono rendere volontariamente oblique le sopracciglia, ci
sanno dare peraltro questa posizione, quando sono realmente irritate, ne sia pure insignificante il motivo. Se
dunque la facoltà di scoprire il dente canino da una parte
318
sola è qualche volta perduta, ciò dipende dal fatto ch'ella
è raramente messa a profitto e costituisce un gesto abortito. Con tutto ciò fa meraviglia che l'uomo possegga tal
facoltà o mostri qualche tendenza ad usarne. In fatti, il
signor Sutton, al Giardino zoologico, non ebbe mai ad
osservare niente d'analogo sui nostri più vicini parenti,
cioè sulle scimie; ed è certo che i babbuini, quando sono
intrattabili e lì lì per assalire, benchè muniti di forti canini, non discoprono uno solo di questi, ma mettono a
nudo tutti i denti nello stesso tempo. Ignoro se i maschi
delle scimie antropomorfe adulti, che a paragone delle
femmine hanno i canini molto più grandi, li discoprano
al momento della lotta.
La presente espressione, sia che si tratti d'una lepida
burla o d'un feroce grugnito, è una delle più curiose fra
quelle offerte dall'uomo. Essa rivela la nostra origine
animale; imperocchè nessuno, dibattendosi per terra in
una stretta mortale, pensò mai di servirsi de' suoi canini,
piuttosto che degli altri denti. In questo caso, in base
alla nostra rassomiglianza colle scimie antropomorfe,
possiamo supporre con molta probabilità che fra i nostri
antenati, uomini a mezzo, i maschi possedessero forti
canini: anche al dì d'oggi nascono talvolta uomini forniti
di canini di straordinaria dimensione, con appositi diastemi nella mascella opposta per dar loro ricetto 203. Possiamo ammettere ancora, quantunque ci manchi l'analo203 Origine dell'Uomo, trad. italiana di M. LESSONA, pag.
96.
319
gia, che i nostri antichi progenitori semibruti, preparandosi alla lotta, scoprissero i canini, come noi lo facciamo tuttora, quando siamo inferociti, o semplicemente
quando sgridiamo o sfidiamo qualcuno, senza aver pure
la menoma intenzione di assalire a colpi di denti.
320
CAPITOLO XI.
DISISTIMA – DISPREZZO – DISGUSTO – ORGOGLIO, ECC. – IMPOTENZA – PAZIENZA – AFFERMAZIONE E NEGAZIONE
Disprezzo, alterigia e disistima; diversità nella loro espressione. –
Sorriso sarcastico. – Gesti che esprimono il disprezzo. – Disgusto. – Colpevolezza, astuzia, orgoglio, ecc. – Rassegnazione, debolezza o impotenza. – Pazienza. – Ostinazione. – Stringimento delle spalle, gesto comune a quasi tutte le razze umane. – Segni di affermazione e di negazione.
L'alterigia e la disistima non differenziano dal disprezzo che per una maggiore irritazione. Nè si possono
perfettamente distinguere dai sentimenti studiati nel precedente capitolo sotto il nome di sogghigno e d'aria di
sfida. Il disgusto è una impressione di natura un po' meglio definita, provocata prima da una impressione che
ripugna al senso del gusto, e poi da tutto quello che può
dar luogo ad una simile impressione, col mezzo dell'odorato, del tatto e puranco della vista. Checchè ne sia,
corre poca differenza tra il disgusto e lo sprezzo spinto
al massimo grado, che talvolta prende il nome di ripul321
sione. Queste diverse condizioni dell'animo sono dunque molto affini, ed ognuna di esse può manifestarsi
nelle più varie maniere. Gli autori si sono principalmente dilungati su questo e su quel mezzo espressivo che
loro si conviene, ed il signor Lemoine se ne fece sgabello204 per sostenere che le loro descrizioni avevano nulla
di fondato. Ma noi vedremo come sia naturale che i sentimenti in discorso possano esprimersi in molte maniere
diverse, imperocchè, in virtù del principio dell'associazione, atti consuetudinari diversi sono egualmente adatti
a manifestarli.
L'alterigia e la disistima, al pari del sogghigno e dell'aria di sfida, possono esprimersi scoprendo leggermente il dente canino da una parte sola, e questo movimento
par che degeneri in una specie di sorriso. Altre volte il
motteggio si palesa con un sorriso o con un vero riso, ed
è quando l'offensore è tanto meschino da risvegliare in
noi solamente allegria, la quale per altro non è mai propriamente gioia. Gaika, rispondendo alle mie domande,
nota che d'ordinario i Cafri, suoi compatrioti, esprimono
il disprezzo sorridendo; il principe indiano Brooke fa la
medesima osservazione riguardo ai Dyak di Borneo.
Siccome la primitiva espressione della gioia propriamente detta è il riso; così io non credo che i bambini
giovanissimi ridano mai in segno di burla.
Il parziale abbassamento delle palpebre, come l'affer-
204 De la Physionomie et de la Parole, 1865, p. 89.
322
ma il signor Duchenne205, od anche l'azione di distogliere gli occhi ed il corpo tutto, esprimono pure con molta
esattezza lo sdegno. Sembra che questi atti dicano che la
persona sprezzata è indegna d'un guardo o che la sua vista ci spiace. La qui annessa fotografia (Tavola V, fig.
1), fatta dal signor Rejlander, mostra questa specie di
sdegno. Essa rappresenta una ragazza mentre sta lacerando la fotografia di un amante da lei disprezzato.
La più comune maniera di manifestare il disprezzo
consiste in certi movimenti delle regioni nasale e boccale; questi ultimi, peraltro, quando sono molto pronunciati, esprimono il disgusto. Qualche volta il naso si rialza
alquanto, il che certamente proviene dal sollevarsi del
labbro superiore; tal altra il movimento si riduce ad un
semplice increspamento della pelle del naso. Spesso le
narici vengono debolmente contratte, come per restringere il loro orificio206, e contemporaneamente si deter205 Physionomie humaine. Album, leggenda VIII, p. 35. –
GRATIOLET (De la Phys., 1865, p. 52) parla anche dell'atto che
consiste nel distorre gli occhi ed il corpo.
206 Il dott. W. OGLE, in una interessante Memoria sul senso
dell'odorato (Medico-Chirurgical Transactions, Vol. LIII, p. 268),
dimostra che, volendo gustare un profumo, non immettiamo l'aria
per il naso profondamente, ma con piccole inspirazioni, rapide e
ripetute. Se «durante questo tempo si osservano le narici, si vedrà
che, ben lungi dal dilatarsi, si contraggono a ciascuna aspirazione.
La contrazione poi non si estende a tutta l'apertura delle narici,
ma solamente alla porzione posteriore». Poscia quest'autore spiega la causa di tal movimento. – All'incontro, quando vogliamo
evitare un odore, la contrazione, mi pare, non interessa che la par323
mina una breve espirazione nasale. E questi medesimi
atti avvengono pure quando si percepisce uno sgradevole odore, che desideriamo evitare o di cui vogliamo sbarazzarci. Secondo il dottore Piderit207, in quei casi nei
quali questi fenomeni raggiungono il massimo grado, si
sporgono e si sollevano ambe le labbra, o il superiore
soltanto, in modo da chiudere le narici con una specie di
valvola, e contemporaneamente si rialza il naso. Ei pare
che noi vogliamo così far intendere all'individuo sprezzato che la sua vicinanza ci appesta208, quasi nella stessa
maniera con cui gli significhiamo ch'egli è indegno di
attirare il nostro sguardo, quando chiudiamo a mezzo gli
occhi o distogliamo il capo. Non è a credere però che
tali raziocinii ci traversino la mente proprio nel punto in
cui manifestiamo il nostro disprezzo. Tutte le volte in
cui fummo esposti a sentire o a vedere un oggetto sgradevole, si compirono atti di questo genere, i quali perciò
divennero abituali, si resero fissi, ed ora rinnovansi sotto
l'impero di ogni analogo stato dell'animo.
Anche altri piccoli gesti singolari esprimono il dite anteriore.
207 Mimik und Physiognomik, p. 84-93. – GRATIOLET (ibid.,
p. 155) è quasi d'accordo col dottor Piderit relativamente all'espressione del disprezzo e del disgusto.
208 L'alterigia implica una dose considerevole di spregio; e secondo il sig. WEDGWOOD (Dict. of English Etymology, vol. III,
p. 125), una delle radici della parola alterigia (scorn) significa
lordura o fango. Una persona che si tratta con alterigia è tenuta
qual fango.
324
sprezzo: citerò quello che consiste nel far chioccare le
dita. Secondo l'osservazione del signor Tylor209: «non è
molto facile comprendere questo atto, tal quale abitualmente si osserva; ma bisogna riflettere che questo stesso
movimento, eseguito con ogni delicatezza, come se si
trattasse di rotolare fra l'indice e il pollice qualche oggetto minuto, o di lanciarlo lontano colle medesime dita,
costituisce pei sordo-muti un gesto comunissimo e perfettamente compreso, che vuol indicare qualche cosa di
piccolo, di insignificante, di spregevole; sembra quindi
che noi abbiamo semplicemente esagerato e reso convenzionale un atto del tutto naturale, al punto da perdere
affatto di vista il suo primitivo significato. Una curiosa
menzione di questo gesto si rinviene in Strabone». Il signor Washington Matthews m'apprende che gl'Indiani
Dakota, dell'America settentrionale, esprimono il disprezzo non solo con movimenti della faccia, ma eziandio «avvicinando dapprima al petto la mano chiusa, poi
stendendo bruscamente l'avambraccio, aprendo la mano
e scostando l'uno dall'altro le dita. Che se l'individuo
che provoca questo disprezzo è presente, la mano si porta verso di lui, mentre qualche volta se ne distoglie il
capo». Questa maniera di lanciare vivamente le braccia
aprendo la mano indica forse l'idea di lasciar cadere o di
respingere qualche oggetto senza valore.
La parola disgusto, nel più stretto significato, si applica ad ogni sensazione che offende il senso del gusto. È
209 Early History of Mankind, seconda ediz., 1870, p. 45.
325
curioso vedere come questo sentimento venga provocato
facilmente da tutto quello che si scosta dalle nostre abitudini, sia nell'aspetto, nell'odore o nella natura del cibo.
Alla Terra del Fuoco, un indigeno, avendo toccato col
dito un pezzo di carne fredda conservata ch'io stavo per
mangiare al bivacco, manifestò il massimo disgusto sentendone la pastosità; mentre io dal mio canto provai un
vivo disgusto al vedere che un selvaggio portava le
mani sul mio nutrimento, quantunque non mi sembrassero sporche. Una barba imbrattata di broda ci riesce
stomachevole, sebbene la broda in se stessa abbia nulla
di disgustoso. Io credo che questo fenomeno risulti dalla
potente associazione ch'esiste nell'animo nostro tra la vista del cibo in qualunque circostanza e l'idea di mangiare questo cibo.
Giacchè la sensazione di disgusto deriva primitivamente dall'atto di mangiare o di gustare, è naturale che
la sua espressione sarà principalmente determinata da
movimenti della bocca. Ma siccome il disgusto provoca
anche della contrarietà, così questi movimenti sono di
solito accompagnati dall'aggrottamento dei sopraccigli,
e spesse volte da gesti destinati a respingere l'oggetto
che lo determina od a schermirsi dal suo contatto. Nelle
due fotografie rappresentate alla Tavola V (fig. 2 e 3), il
signor Rejlander ha tentato, con qualche successo, di riprodurre questa espressione. Sul volto, il disgusto, quando è moderato, si manifesta in diverse maniere: si spalanca la bocca, come per gettar fuori il boccone che ha
offeso il senso del gusto, si sputa, si soffia sporgendo le
326
labbra; e si produce una specie di rastiamento della gola.
Questo suono gutturale può esprimersi con ah o euh. La
sua emissione è talvolta accompagnata da un brivido,
mentre le braccia si stringono al petto e le spalle sollevansi, come nell'espressione dell'orrore210. Un sommo
disgusto vien espresso con movimenti boccali simili a
quelli che precedono il vomito. La bocca si spalanca affatto, il labbro superiore si contrae energicamente, le
porzioni laterali del naso s'increspano, il labbro inferiore
s'abbassa e s'arrovescia quanto è possibile. Quest'ultimo
movimento esige la contrazione dei muscoli che tirano
in basso gli angoli della bocca211.
È notevole la facilità con cui certe persone, solo all'idea di prendere un cibo inusato, di mangiare, per esempio, la carne d'un animale che non si adopera per consueto alimento, soffrono immediatamente nausee o vomiti, anche quando questo cibo nulla contiene che possa
produrre alterazione allo stomaco. Quando il vomito risulta, come atto riflesso, da qualche causa materiale, un
disordine, l'ingerimento d'una vivanda guasta, d'un emetico, non si produce sul punto, ma di solito avviene dopo
210 Veggasi, su questo fenomeno, HENSLEIGH WEDGWOOD, Dictionary of English Etymology, introduzione, seconda
ediz., 1872, p. XXXVII.
211 Il dottore Duchenne crede che nel rovesciamento del labbro inferiore, le commessure sieno abbassate dai depressores anguli oris. HENLE al contrario ritiene che quest'ufficio sia disimpegnato dal quadrato del mento (Handbuch d. Anat. des Menschen, 1858, vol. I, p. 151).
327
un notevole intervallo di tempo. E per ispiegare come la
nausea od anche il vomito possano immediatamente
succedere alla semplice percezione d'una idea, è lecito
supporre che i nostri antichi progenitori abbiano dovuto
possedere, al pari dei ruminanti e di parecchi altri animali, la facoltà di rigurgitare volontariamente il nutrimento che tornava loro d'incomodo. Al dì d'oggi questa
facoltà non è più sottomessa all'azione della volontà,
ma, per effetto d'una inveterata abitudine, si riproduce
involontariamente tutte le volte in cui lo spirito si ribella
all'idea di prendere questo o quel cibo, o più in generale
tutte le volte ch'esso si trova dinanzi a qualche oggetto
che inspira disgusto. Tale opinione è confermata da un
fatto attestatomi dal signor Sutton: le scimie del Giardino zoologico, benchè affatto sane, vomitano spesso,
proprio come se questo atto dipendesse dalla loro volontà. Si comprende d'altra parte che, potendo l'uomo insegnare, per mezzo del linguaggio, ai suoi figli ed ai propri simili da quali cibi si debba astenersi, poche sarebbero le occasioni da mettere a profitto questa facoltà di volontaria espulsione; quindi ne viene ch'essa dovette disparire man mano per non-uso.
Il senso dell'odorato sta in intimo nesso con quello
del gusto. Non di rado si vede che in certe persone un
odore molto cattivo, al pari dell'idea d'un cibo ributtante, provoca nausea e vomito, e che per conseguenza un
odore moderatamente sgradevole suscita le diverse manifestazioni che esprimono il disgusto. In sul principio
la disposizione alla nausea provocata da un fetido odore
328
si aumenta in modo curioso; ma poi disparisce, perchè
se n'è presa l'abitudine, ed anche perchè la volontà vi
esercita un'influenza repressiva. Io mi ricordo, per
esempio, d'aver voluto un giorno apparecchiare uno
scheletro d'uccello, non ancora macerato a sufficienza;
l'odore ch'esso spandeva provocò al mio assistente ed a
me stesso, molto poco abituati a tali operazioni, una
nausea tanto violenta, che fummo obbligati a lasciar lì.
Nei giorni avanti avevo esaminato alcuni altri scheletri,
nè il loro leggiero odore m'avea punto impressionato;
ma da quel momento, per parecchi dì non mi fu possibile maneggiare quei medesimi scheletri senza sentirmi
subito sconvolto lo stomaco.
Dalle informazioni avute dai miei corrispondenti,
sembra che i diversi movimenti descritti come espressivi del disprezzo e del disgusto sieno identici in una gran
parte del mondo. Il dottor Rothrock, ad esempio, risponde proprio affermativamente alle mie domande su questo argomento, per quanto riguarda alcune tribù indiane
selvaggie dell'America del Nord. Crantz racconta che,
quando un Groenlandese rifiuta qualche cosa con disprezzo o con orrore, alza il naso e ne fa uscire un debole suono. Il signor Scott m'inviò una pittoresca descrizione della fisonomia d'un giovane Indù, al vedere dell'olio di castoro che gli si voleva far trangugiare212. Il
sig. Scott ha pure osservata la stessa espressione sul volto di indigeni d'una classe elevata, quando si avvicina212 Citato da TYLOR, Primitive culture, 1871, p. 169.
329
vano a qualche sucido oggetto. Il Bridges dice che i naturali della Terra del Fuoco «esprimono il disprezzo
sporgendo la labbra, fischiando e rialzando il naso».
Molti fra i miei corrispondenti notano la tendenza a soffiar per il naso, o ad emettere un suono più o meno analogo ad euh od ah.
Sembra che il disprezzo o il disgusto si esprimano
quasi dovunque coll'atto di sputare, il quale rappresenta
evidentemente l'espulsione dalla bocca di qualche oggetto ributtante. Shakspeare fa dire al duca di Norfolk:
«Io gli sputo addosso: ei non è che un infame e miserabile calunniatore». In altro luogo, Falstaff dice: «Hal, se
in quel che ti dico c'è l'ombra d'una menzogna, sputami
in faccia». Leichhardt fa osservare che gli Australiesi
«probabilmente per esprimere il loro disgusto, interrompevano i discorsi, sputando ed emettendo un suono somigliante a puh! puh!» Il capitano Burton parla di certi
negri che «sputavano in terra con disgusto»213. Il capitano Speedy mi notifica che lo stesso fatto si osserva negli
Abissini. Secondo il signor Geach, nei Malesi di Malacca, il disgusto «si esprime sputando»; e, a dire del sig.
Bridges, presso gl'indigeni della Terra del Fuoco, «il segno più caratteristico del disprezzo per un individuo
consiste nello sputargli addosso».
Non ho mai osservato l'espressione del disgusto tanto
significante come in un mio figliuoletto di cinque mesi,
213 Queste due citazioni sono riprodotte dal signor il. WEDGWOOD, On the Origin of Language, 1866, p. 75.
330
quando per la prima volta gli si pose in bocca un po'
d'acqua fredda, e un mese dopo, un pezzetto di ciliegia
matura. Le labbra e la bocca tutta assunsero una forma
che doveva far colare il contenuto o lasciarlo immediatamente cascare; nello stesso tempo la lingua si portava
in avanti. Codesti movimenti erano accompagnati da un
leggiero fremito. Ed ella era cosa tanto più comica, in
quanto che io dubito che il bambino provasse in fatto
del disgusto, perocchè gli occhi esprimevano ad un alto
grado sorpresa e riflessione. Lo sporger della lingua per
lasciar cadere dalla bocca un oggetto ripugnante può
spiegare perchè dappertutto si avanzi la lingua in segno
di sprezzo e di odio214.
Così, per quanto vedemmo, lo sdegno, il disprezzo e
il disgusto sono espressi in molte maniere, da speciali
movenze dei lineamenti e da parecchi gesti; gesti e movenze comuni a tutte le parti del mondo. Consistono tutti in atti che rappresentano l'espulsione o il rigettamento
di qualche oggetto materiale che ci repugnerebbe, senza
però eccitare in noi verun'altra energica emozione, quali
sarieno la rabbia o il terrore; in virtù della forza dell'abitudine e dell'associazione, codesti atti sono eseguiti tutte
le volte in cui nell'animo nostro avvengono sensazioni
di simil genere.
Gelosia, Invidia, Avarizia, Rancore, Sospetto, Perfidia, Astuzia, Colpevolezza, Vanità, Ambizione, Orgo214 Questo fatto è asserito dal sig. TYLOR (Early History of
Mankind, seconda ediz., 1870, p. 52); egli poi aggiunge: «L'origine di questo movimento non è chiara».
331
glio, Umiltà, ecc. – La maggior parte dei sentimenti ora
citati non hanno, a dir vero, una determinata espressione, abbastanza distinta da poter essere descritta o delineata. Quando Shakspeare disse: l'Invidia dallo scarno
volto, la nera o la pallida Invidia, – la Gelosia, mostro
dagli occhi verdi; – quando Spencer applicò al Sospetto
gli epiteti di sporco, deforme, arcigno, l'uno e l'altro degli autori dovettero certo conoscere questa difficoltà.
Tuttavia codesti sentimenti, almeno la maggior parte,
possono dedursi dallo sguardo; ma in molti casi noi ci
lasciamo guidare anzitutto, e ben più di quello che nol
pensiamo, dall'anteriore conoscenza delle persone o delle circostanze.
Possiamo noi riconoscere nelle diverse razze umane
l'espressione della colpevolezza e dell'astuzia? Quasi
tutti i miei corrispondenti rispondono affermativamente
a questa domanda; ed io ritengo tanto più degne di fede
le loro asserzioni, inquantochè in generale concordano
nel dire che la gelosia, per converso, non si manifesta
con alcun segno visibile. Allorchè le osservazioni sono
date con qualche dettaglio, si tratta quasi sempre degli
occhi. L'uomo colpevole evita lo sguardo del proprio accusatore, ed egli stesso lancia occhiate furtive. Gli occhi
sono diretti «obliquamente», o meglio, «vagano da una
parte all'altra», o, per dir meglio ancora, «le palpebre
sono abbassate e semichiuse». Quest'ultima osservazione fu fatta dal signor Hagenauer su certi Australiesi, e
da Gaika su Cafri. Come vedremo trattando della vergogna, il moversi incessante degli occhi risulta probabil332
mente dal fatto che l'uomo colpevole non può sopportare lo sguardo del suo accusatore. Io posso aggiungere
d'aver osservata l'espressione della colpevolezza, senza
ombra di paura, in alcuni dei miei figliuoli di un'età assai precoce. Una volta, per esempio, ho visto questa
espressione spiccatissima in un fanciullo di due anni e
sette mesi, e fu per essa che riuscii a scoprire il piccolo
fallo di lui. Esaminando le mie note di quell'epoca, trovo che la si manifestava con un insolito risplendere degli occhi e con uno strano ed affettato atteggiamento che
torna vano descrivere.
Quanto all'astuzia, ritengo che essa pure sia espressa
principalmente da movenze degli occhi o dei tegumenti
che vi stanno vicini; infatti questi movimenti, a paragone di quelli del corpo, sono meno sottomessi al controllo
della volontà, mercè l'influenza della lunga abitudine.
«Quando noi desideriamo, dice il signor Herbert Spencer215, di guadagnare qualche cosa in una data parte del
campo visuale, senza darlo a divedere, cerchiamo di impedire l'inclinazione della testa che potrebbe tradirci, e
di eseguire il necessario movimento solo cogli occhi, i
quali devono quindi assumere una direzione laterale
molto spiccata. Anche, quando giriamo a destra e a sinistra gli occhi, senza che la faccia ne accompagni le movenze, la nostra fisionomia assume l'espressione dell'astuzia».
Fra tutti i complessi sentimenti su accennati, l'orgo215 Principles of Psychology, seconda ediz., 1872, p. 552.
333
glio è forse quello che si esprime nella più decisa maniera. Un orgoglioso palesa il proprio sentimento di superiorità sugli altri raddrizzando la testa ed il corpo tutto. Egli è borioso, e vuol apparire più grande che sia
possibile; metaforicamente anche si dice ch'è pieno o
gonfio d'orgoglio. Un pavone od un tacchino, che colle
piume spiegate incede pomposo, è considerato talvolta
come l'emblema dell'orgoglio216. L'uomo arrogante
squadra gli altri dall'alto, e, colle palpebre abbassate, gli
degna appena d'uno sguardo; oppure palesa il suo disprezzo con leggieri movimenti delle narici o delle labbra, analoghi a quelli descritti più in su. Anche il muscolo che arrovescia il labbro inferiore. ricevette il nome
di musculus superbus. Su alcune fotografie di uomini affetti della monomanìa della superbia e che io devo al
dottor Crichton Browne, si veggono la testa ed il corpo
irrigiditi e strettamente chiusa la bocca. Io credo che
quest'ultimo gesto, ch'esprime la decisione, risulti dall'assoluta fiducia in se stesso che l'orgoglio possiede. Il
complesso della espressione dell'orgoglio è perfettamente in antitesi con quella dell'umiltà; e qui non è necessario di intrattenerci più oltre su quest'ultimo stato dell'animo.
Rassegnazione, Impotenza, Stringimento di spalle. –
Spesse volte, allorchè un uomo vuol esprimere che non
216 GRATIOLET (De la Phys., p. 351) fa questa osservazione,
ed offre alcune buone note sulla espressione dell'orgoglio. – Veggasi sir C. BELL (Anatomy of Expression, p. 111) a proposito dell'azione del musculus superbus.
334
può far una cosa, o impedirne un'altra, rialza, con un rapido movimento, le spalle. Nello stesso tempo, per compiere la posa, tenendo le braccia piegate, porta i gomiti
in dentro; alza le mani aperte e le gira all'infuori, staccando l'un dall'altro le dita. Di spesso la testa si reclina
alquanto da un lato; le sopracciglia si sollevano, onde ne
vengono alcune rughe trasversali sul fronte, e per solito
s'apre anche la bocca. Queste varie movenze sono affatto incoscienti; ei m'accadde non di rado di rialzare volontariamente le spalle per osservare la posizione delle
braccia, senza pure pensare che le mie sopracciglia si alzassero ed aprissi nello stesso tempo la bocca. Sol me
n'avvidi quando ricorsi allo specchio, e da quel punto
osservai questi movimenti medesimi sul volto altrui.
Nella Tavola VI, fig. 3 e 4, il signor Rejlander ha felicemente riprodotto il gesto del sollevare le spalle.
Gl'Inglesi sono meno espressivi di molte altre nazioni
europee, ed essi rialzano le spalle molto più di raro e
con meno energia, che no 'l facciano i Francesi o gl'Italiani. D'altra parte, questo gesto varia dal complesso
movimento su esposto fino ad una elevazione rapida e
quasi impercettibile delle due spalle, oppure (come ebbi
agio di osservare in una signora seduta sur una poltroncina) sino ad un semplice e leggerissimo moto all'infuori
delle mani aperte colle dita disgiunte. Non vidi mai i
fanciulli inglesi assai giovani alzar le spalle. Tuttavia il
caso che segue fu accuratamente notato da un professore
di medicina, abile osservatore, che me lo volle comunicare. Il padre del gentiluomo in quistione era parigino;
335
scozzese la madre. Sua moglie discendeva da genitori
inglesi; ed il mio corrispondente ritiene ch'ella in tutta la
vita non abbia mai alzate le spalle. I suoi figli furono allevati in Inghilterra, e la nutrice è un'Inglese puro sangue, cui nessuno vide giammai a sollevare le spalle.
Ora, si osservò questo gesto nella sua figlia primogenita,
tra sedici e diciotto mesi; onde la madre ebbe a sclamare: «Guardate mo' questa piccola Francese, che solleva
le spalle!» In sul principio l'atto si ripetè di frequente;
nello stesso tempo la fanciulla rovesciava talvolta la testa alquanto all'indietro e da un lato; ma non s'ebbe mai
a vedere ch'ella movesse i gomiti e le mani nel modo ordinario. Grado grado quest'abitudine disparve; e la ragazzina, che oggi conta più di quattr'anni, l'ha completamente perduta. Il padre alzava qualche volta le spalle, in
ispecie quando discuteva con taluno; ma è molto improbabile che la sua figliuoletta, ad un'età sì precoce, operasse per imitazione, poichè ella ben di rado avea potuto
vederlo a fare quel gesto. Per giunta, se fosse stata veramente l'imitazione a farle acquistare quell'abitudine, ben
difficilmente la fanciulla l'avrebbe spontaneamente perduta, mentre il padre continuava a vivere in famiglia.
Dal canto mio, posso aggiungere che codesta bambina
riproduce in maniera molto strana i lineamenti del nonno. Presenta pure con lui un'altra curiosa rassomiglianza, che consiste in un ticchio comune: quando desidera
qualche cosa con impazienza, gira in fuori la sua manina
e batte rapidamente il pollice contro l'indice e il medio.
In analoghe circostanze suo nonno eseguiva spesse volte
336
il medesimo gesto.
Anche la seconda figliuola dello stesso gentiluomo,
fino all'età di otto mesi, alzava le spalle, ma poscia ne
lasciò l'abitudine. Può essere che questa abbia imitata la
sorella primogenita; per altro ella continuò anche dopo
che l'altra aveva cessato. Rassomigliava meno all'avo
parigino che non la sorella alla medesima età; ma presentemente gli si assomiglia molto. A manifestare la
propria impazienza, usa pur essa di battere il pollice
contro due delle altre dita.
In questo fatto noi troviamo un buon esempio della
trasmissione ereditaria d'un ghiribizzo o d'un gesto, simile a quelli offerti in uno dei precedenti capitoli; imperocchè nessuno, io credo, vorrà attribuire ad una semplice coincidenza la comunanza di un'abitudine così particolare ad un nonno e a due nipoti di lui, che non l'aveano mai visto.
Se si considerano tutte le circostanze della precedente
osservazione, bisogna assolutamente ammettere che
queste fanciulle abbiano ereditata l'abitudine di rialzare
le spalle dai loro parenti francesi, quantunque avessero
nelle vene solo un quarto di sangue francese, ed il gesto
non fosse molto frequente nel nonno. Certamente codesto fatto è interessante; non però molto straordinario,
chè in molte specie di animali, i piccoli conservano per
un tempo più o meno lungo certi caratteri, i quali più
tardi spariscono.
Mi pareva assai poco probabile che un gesto tanto
complesso com'è quello del sollevare le spalle cogli sva337
riati movimenti che l'accompagnano, potesse essere innato. Onde mi pungeva vaghezza di conoscere se lo eseguisse Laura Bridgman, che, cieca e sorda, non poteva
certo averlo appreso per via d'imitazione. E, col mezzo
del dottor Innes, seppi da una donna, la quale aveva recentemente prestate le sue cure a questa infelice, ch'essa
alzava le spalle, girava i gomiti in dentro, e sollevava le
sopracciglia, come tutti lo fanno, e nelle circostanze medesime. Bramavo eziandio d'imparare se quest'atto esistesse nelle diverse razze umane, e particolarmente in
quelle che non ebbero mai relazione cogli Europei. E
vedremo che è proprio così; solamente, ei pare che si riduca talvolta ad una semplice elevazione delle spalle,
senza essere accompagnata dagli altri movimenti su
esposti.
A Calcutta, il signor Scott constatò di frequente l'atto
di alzare le spalle nei Bengalesi e nei Dangar (questi ultimi appartengono ad una razza distinta), che sono impiegati al Giardino botanico; quando, per esempio, dichiaravano che era loro impossibile di eseguire qualche
lavoro, di sollevare qualche peso troppo grave. Un giorno diede l'ordine ad un Bengalese di arrampicarsi sovra
un alto albero; questi, alzando le spalle e piegando bruscamente la testa da un lato, rispose che non n'era capace; e siccome il signor Scott, persuaso che codesta era
una menzogna inspirata dalla pigrizia, insisteva affinchè
si provasse, il viso del Bengalese impallidì, le braccia
gli caddero penzoloni, la bocca e gli occhi si spalancarono, misurando tutta l'altezza dell'albero, gettò una torva
338
occhiata al signor Scott, alzò le spalle, rovesciò i gomiti,
stese aperte le mani, fece alcuni piccoli movimenti laterali della testa, e dichiarò che non poteva obbedire. Il signor H. Erskine osservò che anche gli indigeni Indiani
alzavano le spalle, ma non li vide giammai a girare in
dentro i gomiti in una maniera così spiccata come avviene da noi; essi, quando eseguiscono quest'atto, applicano qualche volta le mani sul petto, senza incrociarle.
Il signor Geach notò spesso il gesto in questione presso i Malesi selvaggi dell'interno di Malacca e presso i
Bugi, che sono veri Malesi, benchè parlino una lingua
diversa. Io credo poi che lo eseguiscano completamente,
perchè nella sua risposta alle mie domande ed alle mie
descrizioni sui movimenti delle spalle, delle braccia,
delle mani e del viso, il signor Geach constata che tali
movenze «si compiono in maniera notevole». Ho smarrito un estratto di un viaggio scientifico, nel quale il sollevamento delle spalle era perfettamente descritto in relazione a certi indigeni (Micronesiani) dell'Arcipelago
della Carolina, nell'Oceano Pacifico. Il capitano Speedy
mi apprende che gli Abissini alzano le spalle, ma non
entra in altri dettagli. La signora Asa Gray vide in Alessandria un dragomanno arabo comportarsi proprio secondo la descrizione da me fatta nelle mie inchieste, nel
momento in cui un vecchio gentiluomo ricusò di camminare nella precisa direzione che gli era stata indicata.
Il signor Washington Matthews, parlando delle tribù
indiane selvaggie delle regioni occidentali degli Stati
Uniti, mi scrive: «In alcune rare occasioni ho riscontrato
339
degli uomini che in segno d'impotenza mostravano un
leggero sollevamento delle spalle, ma nulla ho giammai
constatato che risponda al resto della vostra
descrizione». Fritz Müller mi riferisce di aver visto nel
Brasile i negri ad alzare le spalle; ma può essere che abbiano appreso questo gesto imitando i Portoghesi. La signora Barber osservò nulla di simile nei Cafri del Sud
dell'Africa; Gaika, a giudicare dalla sua risposta, non ha
pure compreso ciò che esprimesse la mia descrizione. Il
signor Swinhoe è incerto riguardo ai Cinesi; peraltro, in
quelle circostanze per le quali noi avremmo alzate le
spalle, ei li vide premere al fianco il gomito destro, sollevare le sopracciglia, portare in alto le mani girando la
palma verso l'interlocutore, e scuoterla da destra a sinistra. Infine, relativamente agli Australiesi, quattro de'
miei corrispondenti mi rispondono con una semplice negazione, ed un solo affermando, senz'altro. Il signor
Bunnett, al quale si offersero occasioni molto propizie
di osservazioni sui confini della colonia di Victoria, risponde così: «Sì», aggiungendo peraltro che l'atto in
questione si eseguisce «in una maniera più indecisa e
meno espressiva che non nelle nazioni civilizzate». Circostanza codesta, la quale forse spiega perchè quattro
de' miei corrispondenti non l'abbiano saputo trovare.
I precedenti documenti, relativi agli Europei, agli
Indù, alle tribù selvaggie dell'India, ai Malesi, ai Micronesiani, agli Abissini, agli Arabi, ai Negri, agli Indiani
dell'America settentrionale, e probabilmente agli Australiesi – razze di cui la maggior parte non ebbe quasi
340
relazione veruna cogli Europei, – questi documenti,
dico, bastano a dimostrare che il sollevamento delle
spalle, accompagnato in certi casi da altre speciali movenze, è un gesto naturale alla specie umana.
Questo gesto esprime la costatazione di un fatto che
noi non abbiamo voluto, che non abbiamo potuto evitare, od anche della nostra impotenza a compiere una data
azione o ad impedire un'altra persona di eseguirla. E
contemporaneamente si dice quel che segue o qualche
cosa di simile: «Non ce n'ho colpa; – mi è impossibile di
accordare questo favore; – ch'ei segua pure la sua via: io
nol posso arrestare». Il sollevamento delle spalle esprime pure la pazienza, o la nessuna idea di resistere. Gli è
perciò che i muscoli che sollevano le spalle si chiamano
talvolta, come mi ha detto un artista, «muscoli della pazienza». L'ebreo Shylock dice:
«O mio signor Antonio, molto e spesso
Voi m'avete in Rialto vilipeso,
Pel mio danar, per l'interessi miei,
Paziente fui, mi strinsi nelle spalle».
Il mercante di Venezia (atto I, scena terza).
Sir Carlo Bell pubblicò217 una figura di stupenda naturalezza, ove vedesi un uomo che rincula davanti a qualche terribile pericolo e sta per gridar di terrore. Le spalle
si sollevano fin quasi alle orecchie, il che dinota senz'al217 Anatomy of Expression, p. 166.
341
tro la nessuna idea di resistere.
Se in generale l'alzare delle spalle vuol dire: «Non
posso far questo o quello», con una leggiera modificazione significa: «Io non voglio farlo». Il movimento indica allora una ferma determinazione di non operare.
Olmsted218 racconta che un indiano del Texas alzò vigorosamente le spalle sentendo che una truppa d'uomini
era composta di Tedeschi e non d'Americani, volendo
dire così ch'egli nulla avrebbe a fare con essi. In un fanciullo malcreato e caparbio possiamo vedere ambe le
spalle vivamente rialzate; ma questo gesto non è associato alle altre movenze che di solito accompagnano il
vero sollevamento. Un romanziere, abilissimo osservatore219, descrivendo un giovane deciso a non cedere ai
desiderii del padre, dice: «Jack cacciò con forza le mani
nelle saccoccie, ed alzò le spalle fino alle orecchie,
modo bellissimo per indicare che, a torto od a ragione,
egli sarebbe inflessibile al pari di una rupe, e che tornerebbe vana ogni rimostranza in proposito». Appena il figliuolo ottenne il voler suo, «ritornò colle spalle alla posizione naturale».
Qualche volta la rassegnazione si esprime collocando
sulla parte inferiore del corpo le mani aperte, una sopra
l'altra. Io non avrei creduto necessario di notare questo
gesto poco importante, se il dottor W. Ogle non mi avesse detto di averlo osservato due o tre volte su certi mala218 Journey through Texas, p. 352.
219 Madama OLIPHANT, The Brownlows, vol. II, p. 206.
342
ti ch'ei si accingeva ad anestetizzare col cloroformio prima di operare su loro. Mostravano poca paura; e con
quella posizione delle mani, pareva dicessero che avevano tranquillo lo spirito e che erano rassegnati a subire
ciò che non potevano evitare.
Ora chiediamoci perchè, in tutte le parti del mondo,
l'uomo che sente di non potere o di non voler fare una
cosa, o di non opporsi ad una cosa fatta da un altro – sia
ch'ei voglia manifestare questo sentimento o no – alza le
spalle, piega i gomiti in dentro, presenta il palmo della
mano, disgiunge le dita, inclina sovente la testa alquanto
da un lato, solleva le sopracciglia ed apre la bocca. Fra
questi stati dell'animo, gli uni sono semplicemente passivi, gli altri al contrario esprimono una determinazione
di non operare. Nessuno dei movimenti su esposti porta
il ben che minimo giovamento. Non v'ha dubbio: la
spiegazione si deve cercare nel principio dell'antitesi incosciente. Ei sembra che qui tale principio entri in giuoco in una maniera tanto evidente come nel caso di un
cane, il quale, ringhioso, assume la posa conveniente ad
attaccare e a darsi l'aspetto più formidabile, e, sottomesso ed affettuoso, imprime a tutto il suo corpo un atteggiamento affatto diverso, benchè questo non gli riesca di
veruna utilità. Osservate come un uomo adirato, cui
punge vivamente un'offesa e la rigetta, erge la testa,
quadra le spalle e solleva il petto. Spesse volte stringe i
pugni, e contraendo i muscoli tutti, prende con un braccio o con amendue la posizione richiesta per assalire o
difendersi. Aggrotta le sopracciglia, cioè le contrae e le
343
abbassa, e, preso un partito, stringe le labbra. I gesti e
l'atteggiamento di un uomo impotente e rassegnato
sono, sotto ogni punto di vista, rigorosamente inversi.
Nella Tavola VI, una delle figure del lato sinistro par
che dica: «Che pretendete voi insultandomi?» – mentre
una di quelle che stanno a man destra sembra dire: «Io
proprio non poteva impedirlo». L'uomo impotente contrae, senza averne coscienza, i muscoli del fronte, antagonisti a quelli che determinano l'aggrottamento dei sopraccigli, e così li rialza; nel medesimo tempo si rilasciano i muscoli attorno alla bocca, onde la mascella inferiore s'abbassa. L'antitesi è completa sotto ogni riguardo, non solo nelle movenze dei lineamenti, ma eziandio
nella posizione delle braccia e nell'atteggiamento di tutto il corpo: lo si può osservare nella Tavola qui annessa.
Siccome l'uomo che non ha più speranza od è impotente
desidera spesse volte di palesare lo stato dell'animo suo,
così in tali casi ei si comporta in maniera manifesta od
espressiva.
Vedemmo che lo sdegno o l'aggressione non si esprimono in tutti gl'individui di tutte le razze coll'allontanamento dei gomiti e collo stringere dei pugni; così pure,
in varie parti del mondo, si osserva che l'uomo sconfortato o impotente palesa questi suoi sentimenti alzando
semplicemente le spalle, senza aprire le mani e senza girare i gomiti in dentro. L'uomo, o il fanciullo ostinato o
rassegnato a qualche grave sciagura, non pensa giammai
di opporre viva resistenza; egli mostra lo stato dell'animo suo solamente tenendo sollevate le spalle e incrocic344
chiando talora le braccia sul petto.
Segni di affermazione o di approvazione, di negazione o di biasimo; atti di piegare e di scuotere la testa. –
Ero curioso di sapere fino a qual punto i segni, che noi
usiamo di solito per indicare l'affermazione e la negazione, si riscontrassero nelle varie parti del mondo. Fino
ad un certo grado, questi segni esprimono i nostri sentimenti: dinanzi ai nostri figliuoli, quando vogliamo approvare la loro condotta, pieghiamo, sorridendo, il capo
dall'alto al basso; biasimandola, invece, lo crolliamo da
un lato a quell'altro. Nel bambino, il primo atto di rifiuto
consiste nel ricusare il nutrimento che gli viene offerto;
ora, io osservai ben molte volte sui miei propri figliuoli,
ch'essi lo eseguivano allontanando lateralmente la testa
dalla mammella o da qualunque cibo che fosse loro presentato in un cucchiaio. Quando all'incontro gradiscono
il nutrimento e lo ricevono in bocca, piegano il capo in
avanti. Dopo aver fatte codeste osservazioni, seppi che
Charma aveva avuto la medesima idea220. È notevole il
fatto che, accettando o prendendo il cibo, si determina
unicamente un movimento in avanti, e che l'affermazione si esprime pur essa con una semplice inclinazione del
capo. Per converso, il fanciullo che rifiuta l'alimento offertogli, specialmente quando s'insiste, spesso rimuove
la testa da una parte all'altra: il gesto preciso che facciamo anche noi quando neghiamo. Nè avviene di raro che
220 Essai sur le Langage, seconda ediz., 1846. Devo i miei
ringraziamenti a miss Wedgwood, che m'ha dato questo ragguaglio, insieme ad un'analisi dell'opera in questione.
345
si esprima il rifiuto ripiegando la testa all'indietro, o, ancora, chiudendo ermeticamente la bocca; per lo che questi movimenti possono servire come segni di negazione.
Su tale argomento, il signor Wedgwood fa osservare che
«l'azione degli organi vocali, quando i denti o le labbra
sono stretti, produce il suono delle lettere n od m. Questo fatto può spiegare l'uso della particella non per indicare il diniego, e forse anche quello del µή greco, adoperato al medesimo scopo»221.
Questi segni, almeno negli Anglo-Sassoni, sono innati o istintivi; se non altro, ciò pare quasi dimostrato dall'esempio della cieca e sorda Laura Bridgman, «la quale
accompagna costantemente il suo sì colla ordinaria inclinazione affermativa del capo, ed il no con quel ripetuto movimento della testa, che in noi caratterizza la negazione». Se il signor Lieber non avesse dimostrato il contrario222, io, considerando la prodigiosa esattezza ond'ella apprezzava col tatto le movenze altrui, avrei creduto
che avesse potuto acquistare questi gesti od apprenderli.
Come si sa, gli idioti microcefali sono così degradati,
che non imparano mai a parlare; ora, Vogt racconta223
che uno di loro, interrogato se volesse ancora mangiare
o bere, rispondeva inchinando la testa o crollandola.
Nella sua dotta dissertazione sulla educazione dei sordomuti e dei fanciulli quasi idioti, Schmalz asserisce che
221 On the Origin of Language, 1866, p. 91.
222 On the vocal Sounds of L. Bridgman. Smithsonian Contributions, 1851, vol. II, p. 11.
223 Mémoire sur le Microcéphales, 1867, p. 27.
346
gli uni e gli altri possono sempre comprendere ed eseguire i segni ordinari di affermazione e di negazione224.
Se ora passiamo a considerare le varie razze umane,
riconosciamo che questi modi non sono così universalmente impiegati, come avremmo potuto credere; nullameno essi hanno un'estensione troppo generale, perchè
sia lecito di considerarli come affatto convenzionali o
artificiali. I miei corrispondenti asseriscono che i due
gesti in questione sono in uso presso i Malesi, gl'indigeni di Ceylan, i Cinesi e i Negri della costa di Guinea;
Gaika li ebbe ad osservare nei Cafri del sud dell'Africa;
peraltro la signora Barber non riuscì mai a vedere che
quest'ultimo popolo adoperasse, per negare, il ripetuto
movimento laterale del capo. Quanto agli Australiesi,
sette osservatori concordano a dire ch'eglino usano della
inclinazione per affermare; cinque di loro sono pure
d'accordo in riguardo al movimento di negazione, sia
questo accompagnato o no dalla parola; ma il sig. Dyson
Lacy non ha mai notato quest'ultimo segno a Queensland, e il signor Bulmer dice che a Gipp's Land, la negazione si esprime rovesciando leggermente la testa all'indietro e traendo la lingua. All'estremità settentrionale
del continente, vicino allo stretto di Torres, gl'indigeni,
«articolando una negazione, non crollano mai la testa,
ma levano la mano destra e l'agitano facendola girare
due o tre volte in circolo»225. Sembra che i Greci moder224 Citato da TYLOR, Early history of Mankind, seconda
ediz., 1870, p. 38.
225 J. B. JUKES, Letters and Extracts, ecc., 1871, p. 248.
347
ni e i Turchi esprimano la negazione rovesciando il capo
all'indietro e facendo chioccare la lingua; e che i Turchi,
affermando, eseguiscano un movimento simile a quello
che noi facciamo quando crolliamo la testa226. Il capitano Speedy m'informa che gli Abissini manifestano la
negazione piegando il capo sulla spalla destra, e facendo, a bocca chiusa, lievemente scoppiettare la lingua; ed
esprimono l'affermazione rovesciando indietro la testa e
sollevando rapidamente le sopracciglia. I Tagali di Luzon, nell'Arcipelago delle Filippine, secondo quello che
ho inteso dire al dottore Alfonso Meyer, rovesciano parimenti il capo, alloraquando affermano. Sulla testimonianza del principe indiano Brooke, i Dyak di Borneo
esprimono l'affermazione rialzando le sopracciglia, e la
negazione contraendole lievemente, guardando in una
maniera particolare. Il professore Asa Gray e sua moglie
dicono che gli Arabi del Nilo impiegano di rado l'inclinazione affermativa, e mai il movimento laterale di negazione, del quale non comprendono nemmanco il significato. Negli Eschimesi227, il sì viene espresso da
un'inclinazione del capo, ed il no con un ammiccamento. Gl'indigeni della Nuova Zelanda «in segno di assenso, levano, in luogo di abbassarli, la testa ed il
mento»228.
226 F. LIEBER, On the Vocal Sounds, ecc., p. 11. – TYLOR,
ibid., p. 53.
227 Dott. KING, Edinburgh Phil. Journal, 1845, p. 313.
228 TYLOR, Early History of Mankind, seconda ediz., 1870,
p. 53.
348
In base agli studi fatti da parecchi Europei e da alcuni
osservatori indigeni sovra gl'Indù, il sig. H. Erskine conclude che in questi i segni affermativi e negativi vanno
soggetti a variazioni. Talvolta sono identici ai nostri; ma
più d'ordinario la negazione si esprime rovesciando bruscamente la testa all'indietro e alquanto di fianco, e facendo chioccare la lingua; nè io so proprio indovinare il
significato di tale scoppiettio, che del resto fu osservato
in diverse nazioni. Un osservatore indigeno pretende
che l'affermazione spesse volte si esprima portando a sinistra la testa. Il sig. Scott, che io avevo pregato di rivolgere la sua speciale attenzione su questo argomento,
dopo numerose osservazioni, crede che gl'indigeni, per
affermare, non impieghino ordinariamente una inclinazione verticale, ma dapprima rovescino il capo a destra
o a sinistra, e poi lo pieghino obliquamente in avanti
una sola volta. Un osservatore meno preciso avrebbe
forse descritta questa movenza come una semplice scossa laterale. Il sig. Scott stabilisce eziandio che nell'atto
negativo il capo di solito è mantenuto quasi ritto e scosso più volte di seguito.
Il sig. Bridges m'informa che i naturali della Terra del
Fuoco, affermando, piegano al pari di noi il capo dall'alto al basso, e negando, lo crollano da destra a sinistra.
Secondo il sig. Washington Matthews, gl'Indiani selvaggi dell'America settentrionale appresero questi due movimenti dagli Europei; perocchè allo stato naturale non
li posseggono. Essi esprimono l'affermazione «tenendo,
toltone l'indice, tutte le dita piegate, e descrivendo colla
349
mano una linea curva in basso ed in fuori a partire dal
corpo; e la negazione portando all'infuori la mano aperta, col palmo rivolto in dentro». A dire di altri osservatori, il segno dell'affermazione presso gl'Indiani consiste
nell'alzare il dito indice, per poi abbassarlo verso il suolo, od anche nel dondolare davanti al viso la mano, tenendola verticale; i segno della negazione, invece, consiste nello scuotere il dito o tutta la mano da destra a sinistra229. Quest'ultimo moto supplisce e rappresenta probabilmente il nostro movimento laterale del capo. Si
dice che anche gl'Italiani, per indicare il diniego, alzino
il dito e lo crollino; moto, del resto, che qualche volta si
osserva pur negli Inglesi.
Somma fatta, noi constatiamo una notevole diversità
nei segni dell'affermazione e della negazione, secondo
le differenti razze umane. Tuttavia, per quanto concerne
all'atto negativo, se noi supponiamo che le scosse impresse da destra a sinistra al dito o alla mano simboleggino il movimento laterale del capo, e se ammettiamo
che questa brusca movenza della testa rappresenti pur
ella uno degli atti spesso compiti dal bambino che rifiuta di mangiare, dobbiamo ammettere una grande uniformità in tutto il mondo nella espressione del diniego, e
nello stesso tempo possiamo comprendere quale sia l'origine di questa espressione. Gli Arabi, gli Eschimesi,
alcune tribù dell'Australia ed i Dyak ci presentano le più
229 LUBBOCK, The Origin of Civilization, 1870, p. 277. –
TYLOR, ibid., p. 38. – LIEBER (ibid., p. 11) fa alcune osservazioni sui segni negativi degl'Italiani.
350
spiccate eccezioni. Questi ultimi, negando, corrugano le
sopracciglia: atto che in noi si associa di spesso al movimento laterale del capo.
Quanto all'inclinazione della testa come segno affermativo, le eccezioni un po' più numerose si riscontrano
in certi Indù, nei Turchi, negli Abissini, nei Dyak, nei
Tagal e negli abitanti della Nuova Zelanda. Qualche volta l'affermazione si esprime sollevando le sopracciglia;
quando un uomo guarda l'individuo a cui s'indirizza,
sporge la testa in avanti ed in basso, ed è quindi costretto a rialzare le sopracciglia, il che può avere determinato
questo novello segno espressivo. Così pure, presso i naturali della Nuova Zelanda, l'alzare del mento e del capo
in segno affermativo, rappresenta forse, sotto una forma
abbreviata, il movimento regressivo della testa, dopo
che venne inclinata in basso ed in avanti.
351
CAPITOLO XII.
SORPRESA – STUPORE – PAURA – ORRORE
Sorpresa, stupore. – Sopracciglia rialzate. – Bocca aperta. – Labbra sporte. – Gesti che accompagnano la sorpresa. – Ammirazione. – Paura. – Terrore. – Erezione dei capelli. – Contrazione
del muscolo pellicciaio. – Dilatazione delle pupille. – Orrore. –
Conclusione.
Allorchè l'attenzione viene provocata improvvisamente e vivamente, ella si trasforma in sorpresa; questa
conduce allo stupore, donde poscia si passa allo sbalordimento ed allo spavento. Codest'ultimo stato dell'animo
è molto analogo al terrore. L'attenzione, il vedemmo di
già, è palesata da una leggiera elevazione di sopracciglia; mentre nella sorpresa, queste si rialzano assai più
energicamente, e gli occhi e la bocca spalancansi. E tale
sollevamento delle sopracciglia, necessario perchè gli
occhi possano aprirsi largamente e rapidamente, determina la formazione di strie trasversali sul fronte. Il grado a cui s'aprono gli occhi e la bocca corrisponde all'intensità della sorpresa provata; d'altra parte questi due
movimenti deggiono eseguirsi con atto simultaneo: di
fatti, come l'ha dimostrato il dottore Duchenne in una
352
sua fotografia, tenendo la bocca spalancata e le sopracciglia leggermente rialzate, si esprime proprio niente230.
Spesse volte, invece, si finge la sorpresa semplicemente
sollevando le sopracciglia.
Una delle fotografie del dottor Duchenne rappresenta
un vecchio, nel quale, per la galvanizzazione del muscolo frontale, le sopracciglia sono rialzate e ad arco, mentre la bocca è mantenuta volontariamente aperta. La sorpresa vi è espressa con toccante verità. Io la mostrai a
ventiquattro persone, senza dir loro una parola in proposito: una sola non seppe dirne il significato. Un'altra la
chiamò terrore, parola non molto lontana dal vero; alcune, ai motti: sorpresa o stupore, aggiunsero gli appellativi seguenti: orribile, desolato, triste o disgustoso.
Gli occhi e la bocca spalancati costituiscono una
espressione universalmente riconosciuta come quella
della sorpresa o dello stupore. Shakespeare dice: «Vidi
un fabbro, ritto, colla bocca aperta, che divorava avidamente le storie d'un sarto» (Re Giovanni, atto IV, scena
II). Ed altrove: «Si guardavano reciprocamente, e i loro
occhi pareano lì lì per ischizzar dalle orbite; il loro silenzio parlava, i loro gesti traboccavano di eloquenza: si
avrebbe detto che ascoltavano la fine del mondo» (Novelle d'inverno, atto V, scena II).
I miei corrispondenti rispondono con una notevole
uniformità alle mie inchieste sulla espressione della sorpresa nelle diverse razze umane; le movenze dei linea230 Mécanisme de la Physionomie. Album, 1862, p. 42.
353
menti qui sopra accennate s'associano talvolta a certi gesti od alla emissione di suoni che descriverò tra breve.
Su questo punto, dodici osservatori, in diverse parti dell'Australia, sono d'accordo. Il sig. Winwood Reade ebbe
a constatare questa espressione nei Negri della costa di
Guinea. Il capo Gaika ed altri con lui rispondono affermativamente alle mie domande sui Cafri del Sud dell'Africa; parecchi altri osservatori sono altrettanto espliciti
riguardo agli Abissini, a quei di Ceylan, ai Cinesi,
agl'indigeni della Terra del Fuoco, a certe tribù dell'America settentrionale ed ai naturali della Nuova Zelanda.
Fra questi ultimi, a dire del sig. Stack, in taluni individui
l'espressione è più spiccata che in altri, avvegnachè tutti
si studiino di dissimulare, quant'è possibile, i loro sentimenti. Secondo il principe indiano Brooke, i Dyak di
Borneo, allorchè sono stupiti, spalancano la bocca; nello
stesso tempo dondolano a destra ed a manca la testa e si
battono il petto. Il signor Scott mi narra che a Calcutta è
severamente proibito di fumare agli operai del Giardino
botanico; ma essi trasgrediscono spesse volte l'ordine,
ed ove sieno sorpresi in flagrante delitto, spalancano immediatamente gli occhi e la bocca. Poi, quando vedono
che non c'è proprio scampo, alzano sovente le spalle,
oppure aggrottano le sopracciglia, pestando dispettosamente in terra. Ma dalla sorpresa si rimettono bentosto,
e la paura servile che li assale si palesa all'assoluto rilassamento dei muscoli; par che la loro testa si sprofondi
entro le spalle; girano smarrito lo sguardo e balbettano
scuse.
354
Il sig. Stuart, quel celebre esploratore dell'Australia,
ha dato231 una magnifica relazione dello stupido spavento, mischiato a terrore, che scorgendolo provò un indigeno il quale non aveva mai visto un uomo a cavallo.
Essendosi il sig. Stuart avvicinato a lui senz'essere scorto ed avendolo chiamato ad una breve distanza: «Ei si
rivolse, dice, e mi vide. Non so ciò ch'ei pensasse ch'io
mi fossi; so peraltro che fu quella per me la più toccante
espressione della paura e dello stupore. Ei fermossi, incapace di movere un dito, inchiodato al suolo, colla bocca aperta, cogli occhi fissi.... Si mantenne immobile fino
a che io giunsi a qualche metro da lui; allora, gettando il
suo fardello, saltò oltre una siepe con tutto lo slancio
che gli permetteano le proprie forze. Non poteva parlare, non rispondeva un accento alle inchieste che il negro
gli indirizzava; ma, tutto tutto tremando, agitava le palme per tenerci lontani».
L'elevazione dei sopraccigli, sotto l'influenza della
sorpresa, dev'essere un movimento innato o istintivo:
possiamo concluderlo dal fatto che Laura Bridgman,
quando è in preda allo stupore, agisce invariabilmente
così. Ciò mi venne affermato dalla donna ultimamente
incaricata di assisterla. Siccome la sorpresa è provocata
da qualche cosa d'inatteso o d'ignoto, è naturale che noi
desideriamo di riconoscere al più presto la causa che
l'ha fatta nascere; gli è perciò che spalanchiamo gli occhi, in modo da aumentare il campo della visione e da
231 The Polyglot News Letter, Melbourne, dic. 1858, p. 2.
355
poter facilmente diriger lo sguardo verso una direzione
qualunque. Tuttavia codesta interpretazione non ispiega
guari il sollevamento così pronunciato dei sopraccigli,
nè il selvaggio fissar degli occhi spalancati. Io ritengo
che la spiegazione di questi fenomeni si debba cercare
nella impossibilità di aprire rapidissimamente gli occhi
con un semplice movimento delle palpebre superiori; a
riescirvi, bisogna sollevare energicamente le sopracciglia. Provatevi, dinanzi a uno specchio, ad aprire, più
che potete, gli occhi, e vedrete che eseguirete realmente
quest'atto; tale energica elevazione delle sopracciglia
spalanca gli occhi così, ch'essi prendono un'espressione
di particolare immobilità, dovuta alla comparsa della
bianca sclerotica, che si mostra tutt'attorno dell'iride. Per
giunta, codesta posizione delle sopracciglia offre un
vantaggio per guardare in alto, perocchè, sino a che restano basse, intercettano la vista in su. Sir C. Bell dà 232
una curiosa prova dell'uffizio che adempiono le sopracciglia nell'apertura delle palpebre. In un uomo abbrutito
dalla ubbriachezza, tutti i muscoli sono rilassati, e di
conseguente le palpebre ricadono proprio come in un
uomo che non può più resistere al sonno. Per lottare
contro questa attitudine, il beone rialza le sopracciglia,
onde gli si vede quel guardo imbarazzato e stupido ch'è
perfettamente riprodotto in un disegno di Hogarth. Una
volta acquisita l'abitudine di sollevare le sopracciglia
allo scopo di vedere più presto che sia possibile tutto
232 The Anatomy of Expression, p. 106.
356
quanto ci attornia, questo movimento dovette subire, al
pari di tanti altri, l'influenza della forza di associazione,
ed al presente deve prodursi tutte le volte in cui proviamo stupore per una causa qualunque, anche per l'effetto
d'un suono improvviso o d'un inatteso pensiero.
Nell'uomo adulto, quando si sollevano le sopracciglia, tutta la fronte è solcata da rughe trasversali; nel
fanciullo, questo fenomeno si produce solo in debole
grado. Le strie si dispongono in linee concentriche, parallele a ciascun sopracciglio, e si confondono in parte
sulla linea mediana. Esse esprimono per eccellenza la
sorpresa o lo stupore. Come nota il sig. Duchenne233,
ogni sopracciglio, elevandosi, si fa alquanto curvo.
Perchè, sotto l'influenza dello stupore, s'apre la bocca? Codesta è fra le più complesse quistioni. E' par che
assai cause concorrano a produrre un tal movimento. Fu
a più riprese accampata l'opinione234 che questo atteggiamento giovi all'esercizio del senso dell'udito; io peraltro osservai delle persone che prestavano attento l'orecchio ad un leggiero rumore, di cui conosceano a perfezione la sorgente e la natura, nè ebbi mai a vederle ad
aprire la bocca. Per la qual cosa io avevo supposto che
l'aprir della bocca potesse servire a riconoscere la provenienza d'un suono, permettendo alle vibrazioni di penetrare per la tromba d'Eustachio fino all'orecchio. Ma il
233 Mécanisme de la Physionomie. Album, p. 6.
234 Veggasi, ad esempio, l'accurato studio del dott. PIDERIT
(Mimik und Physiognomik, p. 88) sulla espressione della sorpresa.
357
dottor W. Ogle235, ch'ebbe la gentilezza di consultare per
mio conto le migliori autorità contemporanee intorno
alle funzioni della tromba d'Eustachio, m'apprende che
oramai è quasi dimostrato aprirsi essa solo nell'atto della
deglutizione; e che in quelle persone ove resta anormalmente spalancata, l'audizione dei suoni esteriori non riesce affatto perfezionata, mentre invece è affievolita dal
rumore della respirazione, che si fa più distinto. Mettetevi in bocca un orologio, senza che ne tocchi le pareti,
e voi sentirete il tic-tac assai men nettamente, che non
se l'aveste fuori. In quegli individui che, per una costipazione o per qualunque altra affezione morbosa, hanno
permanentemente o momentaneamente ostruita la tromba d'Eustachio, il senso dell'udito è fatto più debole; ma
di questo si può trovar la ragione nella presenza del
muco accumulato entro la tromba e che impedisce il
passaggio dell'aria. Onde possiamo conchiudere che, se
sotto l'influenza dello stupore s'apre la bocca, ciò non è
allo scopo di sentire più distintamente; è certo però che
molti sordi tengono la bocca abitualmente aperta.
Ogni sentimento improvviso, e lo stupore per primo,
accelera i battiti del cuore ed insieme i movimenti della
respirazione. Ora, come osserva Gratiolet236 e come ritengo pur io, noi possiamo respirare assai più liberamente per la bocca aperta che per le narici. Anche quan235 Anche il dottor Murie mi diede parecchie informazioni
che conducono alla stessa conclusione, e sono in parte fornite dall'anatomia comparata.
236 De la Physionomie, 1865, p. 234.
358
do vogliamo prestare attento l'orecchio ad un suono, arrestiamo il respiro o, aprendo la bocca, respiriamo più
tranquillamente che sia possibile, tenendo tutto il corpo
immobile. Una volta un de' miei figli fu risvegliato nel
fitto della notte da un suono particolare, in circostanze
che stimolavano vivamente la sua attenzione: dopo alcuni minuti s'accorse d'aver la bocca spalancata, ed allora
si risovvenne d'averla aperta allo scopo di respirare più
silenziosamente che fosse possibile. Questo modo di vedere è confermato dal fatto inverso che si produce nei
cani; quando, in seguito ad un esercizio violento, oppure
in una giornata caldissima, un cane è anelante, esso respira fragorosamente; ma se la sua attenzione è d'improvviso richiamata, drizza ben tosto le orecchie per
ascoltare, chiude la bocca e respira in silenzio per le narici, ciò che la sua organizzazione gli permette di eseguire senza difficoltà.
Allorchè l'attenzione resta lungo tempo concentrata
su qualche oggetto o su qualche argomento, tutti gli organi del corpo sono dimenticati e negletti237; e, siccome
la quantità della forza nervosa, in un dato individuo, è
limitata, così se ne trasmette solo una piccola proporzione a tutte le parti del sistema, salvo a quella che in quel
punto vien messa energicamente in azione; onde la maggior parte dei muscoli tendono a rilasciarsi, e la mascella ricade per il suo proprio peso. Così trovano spiegazione la mascella abbassata e la bocca aperta dell'uomo stu237 Veggasi, su questo argomento, GRATIOLET, ivi, p. 254.
359
pefatto e sgomento, lo sia pure in debole grado. Dalle
indicazioni che trovo nelle mie note, io ho realmente osservato questo fenomeno in fanciulli giovanissimi, sotto
l'influenza d'una moderata sorpresa.
Havvi ancora una causa, assai importante, che provoca l'aprirsi della bocca, sotto l'influenza dello stupore e
più specialmente d'una subitanea sorpresa. Ci riesce
molto più facile eseguire una vigorosa e profonda inspirazione traverso la bocca aperta che traverso le narici.
Ora, quando noi, all'udire qualche brusco suono, al vedere qualche oggetto inatteso, sussultiamo, quasi tutti i
muscoli entrano momentaneamente e involontariamente
in azione con energia, per metterci in condizione di difenderci o di fuggirlo, associando per abitudine appunto
l'idea del pericolo a tutto ciò che viene inatteso. Ma,
come dicemmo già, tutte le volte in cui ci prepariamo ad
un atto energico qualunque, eseguiamo anzi tutto, senza
pure averne coscienza, una profonda inspirazione, per lo
che cominciamo collo spalancare la bocca. Se non si
produce alcun atto e se il nostro stupore continua, lasciamo un istante di respirare, o per lo meno la nostra
respirazione si fa leggiera leggiera, allo scopo di udire
nettamente ogni suono che potesse colpirci all'orecchio.
Infine, se la nostra attenzione si prolunga d'assai e l'animo nostro vi sia completamente assorto, ne viene un generale rilasciamento dei muscoli, e la mascella, dapprima bruscamente abbassata, mantiene codesta posizione.
Molte cause concorrono pure a produrre questo stesso
movimento, tutte le volte in cui proviamo sorpresa, me360
raviglia o stupore.
Avvegnachè le precedenti emozioni per solito si manifestino aprendo la bocca, pur elle s'esprimono spesso
anche sporgendo un pochettino le labbra; questo fatto ci
ricorda il movimento, peraltro assai meglio spiccato,
che indica lo stupore nel chimpanzè e nell'orango. I vari
suoni che di consueto completano l'espressione della
sorpresa possono probabilmente trovare spiegazione
nell'energica espirazione che precede spontanea alla
profonda inspirazione compiuta in sul principiare dell'atto, e nella posizione delle labbra ora indicata. Tal fiata sentesi solo una viva espirazione: così Laura Bridgman, sorpresa, rotonda e sporge le labbra, le apre e respira con energia238. Uno dei più comuni suoni consiste
in un profondo oh, che naturalmente risulta, come Helmholtz spiegò, dalla forma che prendono la bocca moderatamente aperta e le labbra avanzate. Nel fitto d'una
queta notte, a bordo del Beagle, ancorato in un piccolo
seno di Tahiti, si mandarono in aria alcuni razzi per dilettare gl'indigeni; ad ogni razzo che partiva, il silenzio,
dapprima assoluto, era ben tosto interrotto da una specie
di grugnito, un oh! che risuonava tutt'attorno alla baja. Il
signor Washington Matthews dice che gl'indiani dell'America settentrionale esprimono lo stupore con un grugnito; secondo il signor Winwood Reade, i Negri della
costa occidentale dell'Africa sporgono le labbra e fanno
238 LIEBER, On the Vocal Sounds of Laura Bridgman, Smithsonian Contributions, 1851, vol. II, p. 7.
361
sentire un suono simile a questo: aie, aie. Se, mentre le
labbra sono notevolmente avanzate, la bocca non s'apre
molto, si determina un rumore come di soffio o di sibilo.
Il signor R. Brough Smith mi narrò che un Australiese
dell'interno, condotto al teatro per assistere alle rapide
capriole d'un acrobata «ne fu profondamente stupito:
egli sporgeva le labbra, mandando colla bocca un suono
simile a quello che si produce quando si smorza uno
zolfanello». A dire del signor Bulmer, allorchè gli Australiesi sono meravigliati, fanno sentire l'esclamazione
korki, «la quale è prodotta allungando la bocca come a
fischiare». Gli Europei, del resto, fischiano spesso in segno di sorpresa; così, in un romanzo pubblicato da
poco239, si legge: «Qui l'uomo espresse il proprio stupore e la sua disapprovazione con un prolungato sibilo». Il
signor J. Mansel Weale mi narrò che una fanciullina cafra «udendo il prezzo elevato d'una merce, alzò le sopracciglia e fischiò propriamente come avrebbe fatto un
Europeo». Wedgwood fa notare che, in inglese, i suoni
di questo genere si scrivono whew, e che sono impiegati
come interiezioni per esprimere la sorpresa.
Secondo tre altri osservatori, gli Australiesi palesano
spesse volte lo stupore con una specie di scoppiettìo.
Anche gli Europei esprimono talora una dolce sorpresa
con un leggiero rumore metallico quasi eguale. Il vedemmo di già: sussultando di sorpresa, la nostra bocca
improvvisamente si apre; ora, se in tal momento la lin239 Wenderholme, vol. II, p. 91.
362
gua è perfettamente applicata contro la vôlta palatina,
nel repentino staccarsene, produrrà un suono di questo
genere, il quale, per tal modo, può essere considerato
come un segno espressivo dello stupore.
E siamo all'atteggiamento del corpo. Una persona
sorpresa leva di spesso le mani, aprendole al di sopra
della testa; oppure, ripiegando le braccia, le porta all'altezza del viso. Il palmo della mano è rivolto verso l'individuo che provoca lo stupore; le dita son distese e disgiunte. Questo gesto fu rappresentato dal signor Rejlander, nella Tavola VII, fig. 1. Nella Cena, di Leonardo
da Vinci, si veggono due degli apostoli, i quali, colle
braccia levate, mostrano a chiare note il loro stupore.
Un osservatore degno di fede, narrandomi d'essersi ultimamente trovato in presenza di sua moglie nelle più
inattese circostanze, aggiunge: «Ella sussultò, spalancò
la bocca e gli occhi, e portò ambo le braccia sovra la testa». Alcuni anni or sono, fui sorpreso di vedere alcuni
dei miei figliuoli, che, accosciati sul suolo, pareano profondamente intenti a qualche lavoro: essendo troppo
grande la distanza che mi disgiungeva da essi per permettermi di chiedere di che mai si trattasse, portai sopra
la testa ambo le mani, aperte e colle dita distese. Appena
eseguito questo gesto, io avea già compreso qual era
l'oggetto della loro attenzione; ma attesi in silenzio, per
vedere se aveano capito il mio movimento. Ed infatti li
vidi corrermi incontro gridando: «Ci siamo accorti della
vostra sorpresa!» – Non so se quest'atto sia comune alle
diverse razze umane, siccome trascurai di fare ricerche
363
su tale argomento. Si può conchiudere ch'esso è innato o
naturale per ciò, che Laura Bridgman, quand'è stupefatta
«stende le braccia e solleva le mani staccando le
dita»240; infatti, siccome la sorpresa è un sentimento,
quasi direi istantaneo, non è probabile che la povera
donna abbia potuto apprendere questa movenza col senso del tatto, sia pure in essa perfetto.
Huschke descrive241 un gesto alquanto diverso, ma
peraltro di simil natura, che, egli dice, accompagna in
certi individui l'espressione dello stupore. Gl'individui
in quistione si mantengono ritti; coi lineamenti del viso
quali furono or ora descritti da me, ma stendendo le
braccia all'indietro e separando le dita uno dall'altro. Io,
per parte mia, non ho mai osservato quest'atto; tuttavia
Huschke ha probabilmente ragione, però che, avendo un
amico chiesto ad un altro come esprimerebbe un grande
stupore, questi prese senza tempo di mezzo codesta postura.
I diversi gesti anzidetti possono spiegarsi, io credo,
col principio dell'antitesi. Vedemmo che l'uomo sdegnato solleva la testa, quadra le spalle, gira i gomiti in fuori,
spesso stringe i pugni, aggrotta le sopracciglia e serra la
bocca; mentre l'atteggiamento dell'uomo impotente e
240 LIEBER, On the Vocal Sounds, ecc., ibid. p. 7.
241 HUSCHKE, Mimices et Physiognomices, 1821, p. 18. –
GRATIOLET (De la Physion., p. 255) dà una figura che rappresenta un uomo in questo atteggiamento, che peraltro a me sembra
raffiguri la paura mista allo stupore. – Anche LE BRUN nota
(Lavater, vol. IX, p. 299) le mani aperte d'un uomo stupito.
364
rassegnato è perfettamente l'inverso. Qui noi riscontriamo una novella applicazione dello stesso principio. Un
uomo che sia nello stato ordinario, che faccia nulla e a
nulla pensi di particolare, tiene per solito le braccia penzoloni, colle mani semichiuse e le dita vicine fra loro.
Sollevare bruscamente le braccia e gli avambracci, aprire le mani, separare le dita, od ancora raddrizzare le
braccia stendendole indietro colle dita disgiunte, costituiscono altrettanti movimenti in completa antitesi con
quelli che caratterizzano codesto stato indifferente dell'animo, e devono per conseguenza essere inconsciamente eseguiti da un uomo stupito. Spesse volte alla
sorpresa si accompagna il desiderio di esprimerla in
modo palese; ora, gli atteggiamenti su esposti si prestano mirabilmente allo scopo. Qui si potrebbe domandare,
perchè soltanto la sorpresa e alcuni altri sentimenti, in
piccolo numero, sieno espressi da gesti in antitesi. Risponderò che questo principio non ebbe evidentemente
ad avere un uffizio importante riguardo a quei sentimenti i quali, come il terrore, la gioia, la sofferenza, la rabbia, conducono per via naturale a certi atti tipici e producono certi effetti determinati sul corpo; siccome il nostro fisico tutto ne è anticipatamente impressionato in
modo speciale, codesti sentimenti sono già espressi così
colla maggiore chiarezza.
Ci ha un altro piccolo gesto espressivo dello stupore,
sul quale io non posso proporre spiegazione veruna; intendo parlare di quello per cui le mani corrono alla bocca o sopra una parte qualunque del corpo. Eppure fu ri365
scontrato in un numero sì grande di razze umane, da
aver certamente un'origine naturale. Un selvaggio Australiese, introdotto in una grande stanza ripiena di fogli
ufficiali, n'ebbe molto stupore, e prese a gridare: cluck,
cluck, cluck, portando il dorso della mano davanti alle
labbra. La signora Barber dice che i Cafri ed i Fingi
esprimono lo stupore con una seria occhiata e mettendo
la mano destra sopra la bocca: nello stesso tempo pronunciano la parola mawo, che vuol dire meraviglioso.
Sembra242 che i Boschimani portino la mano destra al
collo, rovesciando il capo all'indietro. Il sig. Winwood
Reade osservò dei Negri della costa occidentale dell'Africa i quali esprimeano la sorpresa battendosi colla
mano la bocca, ed ebbe ad udire essere codesto un atto
abituale con cui eglino palesano il proprio stupore. Il capitano Speedy mi narra che gli Abissini collocano la
mano destra sul fronte, col palmo all'infuori. Per ultimo,
il signor Washington Matthews riferisce che il segno
convenzionale dello stupore, presso le tribù selvaggie
delle regioni occidentali degli Stati Uniti, «consiste in
portare la mano semichiusa sopra la bocca, mentre la testa spesse volte si piega in avanti, e talora escono dalle
loro labbra parole o sordi grugniti». Catlin243 nota questo
medesimo gesto anche presso i Mandani e diverse altre
tribù indiane.
Ammirazione. – Su quest'argomento ben poco ho a
242 HUSCHKE, Mimices et Physiognomices, p. 18.
243 North American Indians, terza ediz., 1842, vol. I, p. 105.
366
dire. L'ammirazione sembra consistere in una miscela di
sorpresa, di piacere e di approvazione. Quand'è viva, le
sopracciglia sollevansi; gli occhi si aprono e brillano,
mentre nel semplice stupore essi restano smorti; infine
la bocca, invece di spalancarsi, si apre lievemente e modella un sorriso.
Paura, Terrore. – Ei pare che la voce paura derivi etimologicamente dai vocaboli che rispondono alle nozioni
di improvviso e di pericoloso244; quella di terrore ebbe
pure ad origine il tremito delle corde vocali e delle
membra. Io adopero la parola terrore per estremo spavento; tuttavia alcuni scrittori ritengono doversi ella
usare allorquando viene più specialmente impiegata la
immaginazione. Spesse volte la paura è preceduta da
stupore, ed è tanto affine a quest'ultimo sentimento, che
istantaneamente risvegliano, sì l'uno che l'altra, i sensi
della vista e dell'udito. L'uomo spaventato resta in sul
principio immobile al par d'una statua, soffocando il respiro, oppure istintivamente si rannicchia per togliere di
venire scoperto.
Il cuore martella rapidi colpi e violenti e solleva il
petto. Pur nullameno egli è molto incerto se quest'organo compia un lavorìo maggiore o migliore che non allo
stato normale, cioè se mandi una più grande quantità di
sangue in tutte le parti dell'organismo: in fatto la pelle si
fa bianca bianca d'un tratto, come presso a deliquio. Tut244 H. WEDGWOOD, Dict. of English Etymology, 1862, vol.
II, p. 35. – Veggasi anche GRATIOLET (De la Physionomie, p.
135) sull'origine delle parole terror, horror, rigidus, frigidus, ecc.
367
tavia codesto pallore della superficie cutanea è probabilmente dovuto, se non del tutto, in gran parte alla impressione ricevuta dal centro vaso-motore, che provoca la
contrazione delle piccole arterie dei tegumenti. L'impressionabilità della pelle in causa d'un intenso spavento
si manifesta eziandio nella prodigiosa e inesplicabile
foggia onde questo provoca immediatamente la traspirazione. E tanto più è notevole tale fenomeno, che, in questo momento, la superficie cutanea è fredda; d'onde il
termine di sudor freddo; di solito, infatti, le glandole sudoripare funzionano specialmente quando questa superficie è calda. I peli si rizzano, e fremono i muscoli superficiali. Si turba la circolazione, e la respirazione precipita. Le glandole salivali agiscono imperfettamente; la
bocca inaridisce245; essa si apre e si chiude con frequenza. Io ho anche osservato che una leggiera paura determina una forte disposizione allo sbadiglio. Uno dei sintomi più spiccati dello spavento è il tremito che signoreggia i muscoli tutti del corpo e che spesso compare,
prima che altrove, sui labbri. Codesto tremore, al par
dell'aridità della bocca, altera la voce, che si fa rauca, o
indistinta, o disparisce affatto: «obstupui, steteruntque
comae, et vox faucibus haesit».
245 Il sig. BAIN (The Emotions and the Will, 1865, p. 54)
spiega nel modo seguente il costume indiano «di sottomettere i
delinquenti alla prova del riso. L'accusato dee riempirsi la bocca
di riso e rigettarlo dopo qualche momento. Se questo s'è conservato affatto secco, si ritiene colpevole il giudicabile, perocchè in
lui la rea coscienza ebbe a paralizzare gli organi salivali».
368
Nel libro di Giobbe si legge una notevole e ben conosciuta descrizione della paura vaga: – «In mezzo ai pensieri suscitati dalle visioni notturne, mentre un sonno
profondo avvolgeva gli uomini, m'incolse la paura, ed
un tremito che mi facea scricchiolare tutte le ossa. Uno
spirito mi vagolò dinanzi: e il pelo della mia carne arricciossi. I' m'arrestai, ma non seppi distinguerne la forma;
mi stava davanti un'immagine, e in quel funebre silenzio, mi giunse una voce che dicea: L'uomo mortale sarà
forse più giusto di Dio? un uomo sarà egli più puro del
suo Creatore?» (Job., IV,13).
Quando la paura grado grado s'accresce e giunge al
terrore angoscioso, noi riscontriamo, come avviene per
tutte le emozioni violente, molteplici fenomeni. Il cuore
batte tumultuoso; altre volte lascia di contraersi, e ne segue il deliquio; il pallore è cadaverico e la respirazione
affannosa; le ali del naso sono largamente dilatate: «le
labbra si muovono convulsivamente, le guancie tremano
e si fanno infossate, la gola geme sotto la pressione di
un incubo»246; gli occhi spalancati e sporgenti fissano
l'oggetto, causa del terrore, oppure corrono incessanti da
una parte a quell'altra: huc illuc volvens oculos totumque pererrat247. Le pupille appaiono straordinariamente
dilatate. Tutti i muscoli del corpo irrigidiscono o sono
246 Veggasi sir C. BELL, Transactions of Royal Phil. Soc.,
1822, p. 308. – Anatomy of Expression, p. 88 e 164.-169.
247 Sullo stralunare degli occhi, veggasi MOREAU, nell'ediz.
del 1820 di Lavater, tomo IV, p. 263. – V. anche GRATIOLET,
De la Physionomie, p. 17.
369
presi da convulsioni. Le mani, spesso anche con bruschi
movimenti, alternano fra lo star chiuse e l'aprirsi. Le
braccia si portano qualche volta in avanti, come a schermirsi da un orrendo periglio, oppure si sollevano in tumulto sopra la testa. Il reverendo signor Hagenauer ebbe
ad osservare quest'ultimo atto in un Australiese atterrito.
In altri casi si prova una subita tendenza invincibile di
fuggire a rompicollo; ed è ella cotanto potente, che vi
cedono i più valorosi soldati, improvvisamente assaliti
da panico.
Allorchè lo spavento giunge al massimo grado, ne sorge l' orribile grido del terrore. Grossi goccioloni di sudore solcan la pelle. Si rilasciano tutti i muscoli del corpo. Prostrazione rapida e
completa: le facoltà mentali
sospese. Le intestina ne sono
Fig. 19. – Stato della capigliatura
impressionate; gli sfinteri
in una pazza
non sanno più agire e lascia(da una fotografia).
no sfuggire le escrezioni.
Il dott. J. Crichton Browne mi fece una relazione così
toccante d'un intenso spavento provato da un'alienata di
trentacinque anni, che non posso lasciare di riferirla.
Quando le viene un assalto, ella grida: «Ecco l'inferno!
V'è una donna nera! Impossibile fuggirne!» ed altre
esclamazioni di simil genere. In questo frattempo, passa
alternativamente da un tremito generale al convulso. Un
370
istante chiude le mani, tende rigidamente avanti a sè le
braccia flesse a metà; poscia si curva con brusco atto all'innanzi, si ripiega rapidamente a destra ed a manca,
caccia le dita in mezzo ai capelli, porta al collo le mani
e tenta di lacerarsi le vesti. I muscoli sterno-cleido-mastodei (che fanno inclinare la testa sul petto) vengono
sporgentissimi, come se tumefatti, e la pelle della regione anteriore del collo si copre di profonde grinze. I capelli, che dietro la testa sono rasi e che allo stato normale si mantengono lisci, si rizzano; mentre le mani arruffano quelli che coprono la regione anteriore. Dalla fisionomia traluce una straziante angoscia dell'animo. La
pelle vien rossa sul viso e sul collo fin alle clavicole, e
le vene del fronte e del collo sporgono, come fossero
cordoni. Il labbro inferiore si abbassa e tal fiata s'arrovescia. La bocca è semichiusa; la mascella inferiore si protrae in avanti. Le guancie s'infossano e sono profondamente solcate da linee ad arco che corrono dalle ali del
naso agli angoli della bocca. Anche le narici si sollevano e si dilatano. Si spalancano gli occhi, e al di sotto la
pelle par gonfia; le pupille mostransi dilatate. La fronte
è coperta da numerose strie trasversali; verso l'estremità
interna dei sopraccigli, essa presenta dei solchi profondi
e divergenti, dovuti all'energica e persistente contrazione dei muscoli sopraccigliari.
Anche il sig. Bell descrisse248 una scena d'angoscia, di
248 Observations on Italy, 1825, p. 48, citato nella Anatomy of
Expression, p. 168.
371
terrore e di disperazione, ond'egli stesso fu testimonio, a
Torino, in un omicida che si menava al supplizio. «Ai
lati della carretta stavano assisi i preti officianti; in mezzo il condannato. Era impossibile contemplare lo stato
di quel miserabile senz'essere compresi di terrore, e pur
tuttavia gli occhi erano inchiodati sull'orrendo spettacolo, quasi obbedissero ad una strana malìa. Parea ch'avesse trentacinqu'anni all'incirca, era alto e muscoloso della
persona; i lineamenti del viso accentuati e feroci; mezzo
nudo, pallido come la morte, straziato dal terrore, le
membra stravolte per angoscia, le mani convulsivamente serrate, il viso inondato di sudore, il sopracciglio ricurvo e aggrottato, egli stringea di continuo l'immagine
di Cristo, dipinta sulla bandiera che gli pendeva dinnanzi, ma con un'angoscia così selvaggia e disperata, da disgradarne ogni cenno che volesse offrirne la ben che minima idea».
Non citerò più che un caso relativo ad un uomo completamente abbattuto dal terrore. Uno sciagurato, assassino di due persone, fu condotto in un ospitale, perocchè
si credette, a torto, ch'ei si fosse avvelenato. Il dottor W.
Ogle l'esaminò attentamente l'indomani mattina, nel
punto in cui la polizia veniva ad arrestarlo e a impadronirsi di lui. Era estremo il suo pallore, e tanta la prostrazione, che durava fatica a vestirsi. Avea la pelle in traspirazione; le palpebre tanto abbassate e la testa reclinata così, che riusciva impossibile gettare un solo sguardo
sugli occhi di lui. Penzolavagli la mascella inferiore.
Nessun muscolo della faccia era contratto, il dottor Ogle
372
è quasi sicuro che i capelli non erano eretti; però che,
osservandolo da presso, li riconobbe tinti, probabilmente ad arte, per isfuggire alle mani della giustizia.
Diciamo sulla espressione della paura nelle diverse
razze umane. I miei corrispondenti s'accordano nello asserire essere dovunque i segni di codesto sentimento i
medesimi che negli Europei. Negl'Indù e negl'indigeni
di Ceylan si manifestano in eccessiva maniera. Il sig.
Geach vide dei Malesi atterriti impallidire e tremare; il
sig. Brough Smyth narra che un naturale australiese
«colto un giorno da estremo spavento, mutò cera e prese
una tinta simile al pallore, quale possiamo immaginare
in un uomo nero». Il sig. Dyson Lacy assistette al terrore di un Australiese, manifestato da un tremito nervoso
delle mani, dei piedi e delle labbra, e dalla comparsa di
goccie di sudore sulla pelle. Molti popoli selvaggi non
reprimono i segni della paura, come fanno gli Europei, e
sovente si veggono tremar con violenza. «Nei Cafri,
dice Gaika, il tremito del corpo è spiccatissimo, e gli occhi si spalancano». Nei selvaggi i muscoli sfinteri spesse volte rilasciansi. Questo medesimo sintomo si osserva nei cani, quando sono assai spaventati, ed io l'ebbi
pur a notare in scimie atterrite cui si dava la caccia.
Capelli irti. – Ci ha qualche segno dello spavento che
merita uno studio un po' più profondo. I poeti parlano
continuamente di capelli rizzati sulla testa; Bruto dice
all'ombra di Cesare: «Tu mi fai gelare il sangue e rizzare
i capelli». Dopo l'assassinio di Gloucester, il cardinale
Beaufort sì grida: «Ma riordina dunque i suoi capelli; o
373
non vedi che gli si rizzan sul capo?» Siccome io non ero
sicuro che i poeti non avessero applicato all'uomo ciò
che di spesso aveano osservato negli animali, chiesi al
dottor Crichton Browne alcune informazioni sugli alienati. Ei mi rispose d'aver visto spessissimo rizzarsi in
questi i capelli sotto l'influenza di un improvviso ed
estremo terrore. Una pazza, ad esempio, cui s'è talvolta
obbligati di praticare delle iniezioni sotto-cutanee di
morfina, teme oltremodo questa operazione, avvegnachè
pochissimo dolorosa, perchè s'è fissa in mente che le
s'introduca un veleno atto a rammollirle le ossa e a ridurre le sue carni in polvere. Ella vien pallida come la
morte; soggiace ad una specie di spasmo tetanico, e parte dei capelli le si rizzano sul davanti del capo.
Il dottor Browne fa notare eziandio che l'erezione dei
capelli, tanto comune negli alienati, non è sempre associata al terrore. Questo fenomeno sopratutto si vede nei
malati di manìa cronica, che delirano ed hanno idee di
suicidio; ed è specialmente nel parossismo dei loro eccessi che questa erezione si rende notevole. Il fatto del
rizzarsi dei capelli sotto la duplice influenza della rabbia
e dello spavento s'accorda appuntino con quel che vedemmo a proposito degli animali. Il dottor Browne cita
in appoggio molti esempi: così, in un individuo, che attualmente è all'Asilo, avanti ogni assalto di manìa, «si
rizzano i capelli sul fronte come la criniera di un poney
delle Shetland». Ei m'inviò le fotografie di due femmine, tratte negl'intervalli dei loro accessi; e, quanto all'una di queste due donne, m'aggiunge che «lo stato della
374
capigliatura di lei è una dimostrazione convincente e bastante della condizione dell'animo». Io ho fatto copiare
una di queste fotografie; e ad una breve distanza, l'incisione dà l'esatta sensazione dell'originale, toltone forse
che i capelli paiono un po' troppo ruvidi e crespi. Lo
straordinario stato della capigliatura, negli alienati, è dovuta, non solo alla erezione di essa, ma eziandio alla sua
aridità e durezza, fenomeni questi che stanno in nesso
colla inazione delle glandule sottocutanee. Il dottor Bucknill disse249 che un lunatico «è lunatico fino alla punta
delle dita»; egli avrebbe potuto aggiungere che spesse
volte lo è fin alla estremità dei capelli.
Il dottor Browne cita il fatto seguente, a empirica
conferma del rapporto ch'esiste negli alienati tra lo stato
della capigliatura e quello dell'animo. Un medico curava
una donna malata di acuta malattia e compresa da una
paura terribile della morte per sè, pel marito e pei figli.
Ora, la vigilia stessa del dì in cui gli giunse la mia lettera, la moglie di questo medico avevagli detto: «Io ritengo che la signora *** guarirà presto, perocchè i suoi capelli cominciano a farsi morbidi: ho sempre osservato
che i nostri malati migliorano allorchè i loro capelli lasciano d'essere ruvidi e ribelli al pettine».
Il dottor Browne attribuisce la ruvidità persistente dei
capelli in molti alienati, parte all'alterazione ond'è sempre più o meno avvolto l'animo loro, parte all'influenza
249 Citato dal dottor MAUDSLEY, Body and Mind, 1870, p.
41.
375
dell'abitudine, vale a dire alla erezione che si produce
spesso e con forza nei loro frequenti attacchi. In quegli
infelici nei quali questo sintomo è molto spiccato, la
malattia in generale è incurabile e mena alla morte; in
quegli altri, avvece, in cui è moderato, la capigliatura ritorna alla morbidezza ordinaria, non appena l'affezione
mentale è guarita.
In uno dei precedenti capitoli vedemmo che negli animali il pelo è rizzato dalla contrazione dei piccoli muscoli lisci, involontari, che s'appendono a ciascun de'
follicoli. Nell'uomo, indipendentemente da quest'azione,
in base alle convincentissime esperienze che il sig.
Wood mi comunica, i capelli della testa che s'inseriscono verso il davanti e quelli della nuca che s'impiantano
all'indietro, sono tratti in direzione opposta dalla contrazione dell'occipito-frontale o muscolo del cuoio capelluto. Così questo muscolo sembra contribuisca a produrre
l'erezione dei capelli nell'uomo, come il muscolo analogo – panniculus carnosus – giova, od anche esercita il
principale uffizio, nella erezione delle spine sul dorso di
certi animali.
Contrazione del muscolo pellicciaio. – Questo muscolo si stende sulle parti laterali del collo; discende un
po' al di sotto delle clavicole, e rimonta fino alla parte
inferiore delle guancie. Nella fig. 2, se ne vede una porzione (M); conosciuta col nome di risorius; la contrazione di questo muscolo tira gli angoli della bocca e la parte inferiore delle guancie in basso e all'indietro. Contemporaneamente, negli individui giovani, appariscono
376
sui lati del collo dei rilievi divergenti, longitudinali e
ben distinti; nei vecchi immagriti, vi si veggono, invece,
fine strie trasversali. Talvolta si disse che il pellicciaio
non è sottomesso all'impero della volontà; eppure, chiedete al primo venuto di stirare con gran forza gli angoli
della bocca in basso e all'indietro, e quasi sempre egli
farà agir questo muscolo. Io ho sentito parlare d'un
uomo che poteva a volontà metterlo in azione da una
parte sola.
Sir C. Bell250 ed altri autori stabilirono che il pellicciaio si contrae vivamente sotto l'influenza dello spavento; il dottore Duchenne gli attribuisce tanta importanza nella espressione di questo sentimento, da chiamarlo il muscolo della paura251. Ammette peraltro che la
contrazione di lui riesca affatto inespressiva, se non è
associata a quella dei muscoli che spalancano gli occhi e
la bocca. Ei pubblicò una fotografia (che diamo ridotta
nella fig. 20) di quel medesimo vecchio che già più volte ci comparve dinanzi, colle sopracciglia vivamente
rialzate, la bocca aperta e il pellicciaio contratto, il tutto
a mezzo della elettricità. Mostrai la fotografia originale
a ventiquattro persone, e, senza dare veruno schiarimento, chiesi loro che cosa esprimesse; venti risposero subito: intensa paura od orrore; tre dissero: affanno, ed una:
estrema indisposizione. Il dottor Duchenne diede un'altra fotografia dello stesso vecchio, col pellicciaio con250 Anatomy of Expression, p. 168.
251 Mécanisme de la Physionomie humaine. Album, leggenda
XI.
377
tratto, la bocca e gli occhi aperti e le sopracciglia fatte
oblique a mezzo del galvanismo. L'espressione ottenutane è naturalissima (V. Tavola VII, fig. 2); l'obliquità dei
sopraccigli vi aggiunge l'apparenza d'un gran dolore intellettuale. Mostrato l'originale a quindici persone, dodici risposero: terrore od orrore, e tre angoscia o grande
dolore. In base a questi esempi ed allo studio delle altre
fotografie pubblicate dal dott. Duchenne, colle note annessevi, io credo doversi ammettere per cosa sicura che
la contrazione del pellicciaio giova potentemente alla
espressione dello spavento. Nullameno è impossibile accettare per esso la denominazione di muscolo della paura, imperocchè la sua contrazione non è certo necessariamente legata a questo stato dell'animo.
Un estremo terrore può benissimo manifestarsi con
una pallidezza mortale, colla traspirazione della pelle e
con un'assoluta prostrazione, essendo tutti i muscoli del
corpo, compresovi il pellicciaio, affatto rilasciati. Il dottor Browne, che spesso negli alienati vide questo muscolo tremare e contraersi, non seppe però riferirne l'azione a verun sentimento da loro provato; eppure studiò
con cura particolare i malati assaliti da una grande paura. Il sig. Nicol, al contrario, ebbe ad osservare tre casi
nei quali questo muscolo appariva più o meno permanentemente contratto, sotto la duplice influenza della
malinconia e della paura; peraltro in uno di tali casi anche parecchi altri muscoli del collo e della testa erano
soggetti a contrazioni spasmodiche.
378
Fig. 20 – Terrore
(da una fotografia del dott. Duchenne)
Il dottor W. Ogle osservò, dietro mia richiesta, in uno
degli ospitali di Londra, una ventina di malati, nell'istante in cui si sommetteano all'anestesia col cloroformio
per operarli. Tremavano un po', ma non aveano un grande terrore. Solo in quattro casi il pellicciaio si contrasse
visibilmente; nè prendeva a contraersi che quando i malati cominciavano a gridare. E' pareva che codesta contrazione avvenisse ad ogni profonda inspirazione; ond'è
assai dubbioso a dirsi s'ella avesse qualche dipendenza
da un senso di paura. In un quinto caso, il paziente, cui
non s'avea praticata l'anestesia, era molto sgomento; il
pellicciaio di lui si contraeva più vivamente e con maggior persistenza che non negli altri. Ma pur qui ci ha
luogo a dubitare; imperocchè il sig. Ogle vide questo
379
muscolo, che d'altra parte appariva sviluppato fuor del
consueto, contraersi nel punto in cui l'infelice, terminata
l'operazione, levò la testa dal guanciale.
Non sapendo giustificarmi come mai la paura potesse
in molti casi esercitare un'azione sopra un muscolo superficiale del collo, feci ricorso ai miei numerosi e gentili corrispondenti, per averne notizie sulla contrazione
di questo muscolo manifestata in altre circostanze. Tornerebbe superfluo riprodurre tutte le risposte ottenute.
Esse dimostrano che il pellicciaio spesse volte agisce in
differente maniera e a gradi diversi, in circostanze numerose e svariate. Nell'idrofobia si contrae con violenza, e un po' meno energicamente nel trismo; talora codesta contrazione è pure spiccata, durante l'insensibilità
prodotta dal cloroformio. Il dottor W. Ogle osservò due
malati di sesso mascolino, che soffriano così a respirare,
da dover loro aprir la trachea; in ambedue, il pellicciaio
era vivamente contratto. L'un d'essi intese la conversazione dei chirurgi che gli stavan dattorno, e quando potè
parlare, dichiarò di non aver avuto paura. In altri casi di
affannosissima respirazione, nei quali non s'ebbe ricorso
alla tracheotomia – casi osservati dai dottori Ogle e
Langstaff – il pellicciaio non si contrasse.
Il signor J. Wood, che studiò con tanta cura, come risulta dalle varie sue pubblicazioni, i muscoli del corpo
umano, ebbe spesse volte a vedere il pelliccaio a contraersi nel vomito, nella nausea e nella svogliatezza; notollo, per giunta, in fanciulli e in adulti, sotto l'influenza
del furore, ad esempio in certe femmine irlandesi che al380
tercavano e si provocavano con gesti di collera. In questo caso, forse, il fenomeno dipendeva dal tuono acuto e
stridente della loro voce irritata; infatti io conosco una
signora, distinta cantante, la quale, emettendo certe note
elevate, contrae sempre il muscolo pellicciaio. E il medesimo fatto constatai in un giovane, allorchè cava talune note dal flauto. Il signor J. Wood m'apprende d'aver
visto più sviluppato il pellicciaio in quelle persone che
hanno il collo sottile e larghe le spalle; e m'aggiunge che
nelle famiglie ove questi caratteri sono ereditari, il suo
sviluppo d'ordinario si lega con una maggiore potenza
della volontà sopra il suo analogo, l'occipito-frontale,
che fa muovere il cuoio capelluto.
Pare che nessuno dei precedenti fatti fornisca un po'
di luce intorno all'azione dello spavento sul pellicciaio;
ma avviene altrimenti, mi sembra, di quelli che seguono. L'individuo del quale ho già tenuto parola, e che può
agire a volontà su questo muscolo – da una parte sola –
lo contrae senza dubbio da entrambi i lati tutte le volte
in cui sussulta per sorpresa. Ho già dimostrato con varie
prove che tal fiata questo muscolo agisce, forse allo scopo di spalancare la bocca, quando il respiro è reso difficile da qualche malattia, od ancora durante la profonda
inspirazione degli accessi di grida, avanti un'operazione.
Ora, allorchè una persona sussulta a qualche oggetto imprevisto o ad un improvviso rumore, dà immediatamente in un profondo respiro; gli è perciò che la contrazione
del pellicciaio ha potuto associarsi al sentimento del terrore. Nullameno io ritengo che tra i due fenomeni ci ab381
bia un più possente legame. Una sensazione di paura o il
pensiero d'una cosa spaventevole provoca di solito un
fremito. Io stesso mi sono sorpreso provando un leggiero raccapriccio a qualche penosa idea, ed in allora m'accorgevo benissimo che mi si contraeva il pellicciaio; che
se io simulo un brivido, e' si contrae del pari. Pregai parecchie persone di fare altrettanto, e vidi questo muscolo
agir negli uni e non negli altri. Uno dei miei figli, balzando un giorno dal letto, rabbrividì di freddo, ed avendo portata a caso la mano sul collo, sentii perfettamente
la viva contrazione del suo pellicciaio. In progresso, ei
fremette involontariamente, come aveva fatto altre volte, ma il pellicciaio fu muto. Anche il signor J. Wood
ebbe ad osservare di spesso la contrazione di questo muscolo in certi malati, cui si toglieano le vesti per esaminarli, e non perchè avessero paura, ma solo perchè tremavano di freddo. Malauguratamente non mi venne
dato verificare se esso entri in azione quando tutto il
corpo trema, come nel periodo di freddo in un accesso
di febbre. Così, giacchè il pellicciaio si contrae sovente
nel raccappriccio, e poichè spesse volte il principio d'una sensazione di paura è accompagnata da un raccapriccio o da un tremito, ei mi sembra che in ciò v'abbia una
concatenazione di fenomeni, la quale può spiegarci la
contrazione del muscolo sotto l'influenza di quest'ultimo
sentimento252. Nullameno codesta contrazione non ac252 Il dott. DUCHENNE adotta questo modo di vedere (ibid.
p. 45), giacchè egli attribuisce la contrazione del pellicciaio al
fremito della paura; tuttavia in altro luogo ei confronta questo fe382
compagna sempre la paura; perocchè è probabile ch'essa
non si produca mai sotto l'influenza dell'eccessivo terrore che provoca la prostrazione.
Dilatazione delle pupille. – Gratiolet insiste a più riprese253 sul fatto, che le pupille, nel terrore, si dilatano
vivamente. Io non ho alcun motivo di dubitare sull'esattezza di tale asserzione; peraltro non seppi trovarne prove affermative, toltane quella già detta, d'una donna pazza, presa da sommo spavento. Quando i romanzieri parlano di occhi straordinariamente dilatati, io ritengo che
intendano dir delle palpebre. Secondo Munro254, nei
pappagalli l'iride è impressionata dai sentimenti, indipendentemente dall'influenza della luce; ma il professore Donders m'informa d'aver constatato di spesso nella
pupilla di questi uccelli certi movimenti ch'ei crede si
debbano rapportare agli effetti dell'accomodamento a diverse distanze; gli è così che, in noi, si contraggono le
pupille quando gli occhi convergono per veder davvicino. Gratiolet fa osservare che le pupille dilatate dànno
all'occhio la stessa apparenza offerta in una profonda
oscurità; or è certo che l'uomo deve avere provato spesse volte lo spavento nell'oscurità; non tanto spesso però,
nè così esclusivamente, da poterne provare l'origine e la
persistenza di un'abitudine associata di questo genere; ci
nomeno con quel che determina il sollevamento del pelo in un
quadrupede sgomento, paragone ch'è difficile ammettere come
perfettamente corretto.
253 De la Physionomie, p. 51, 256, 346.
254 Citato in WHITE, Gradation in Man, p. 57.
383
sembra più probabile – supponendo esatta l'asserzione
di Gratiolet – che il cervello sia direttamente impressionato dal vivo sentimento della paura, e ch'esso reagisca
sulla pupilla; peraltro il professore Donders mi dice essere codesta una quistione estremamente complessa. E
qui posso aggiungere (cosa che forse potrà spargere un
po' di luce sull'argomento) che il dottor Fyffe, dell'ospitale Netley, osservò, in due malati, che le pupille erano
nettamente dilatate durante il periodo di freddo in un accesso di febbre. Anche il prof. Donders ha constatato di
spesso la dilatazione della pupilla sul principiar del deliquio.
Orrore. – Lo stato morale espresso da questa parola
presuppone del terrore, e, in certi casi, questi due termini sono quasi sinonimi. Ben molti infelici, avanti la meravigliosa scoperta del cloroformio, ebbero a provare orrore pensando a un'operazione chirurgica cui dovean
sottoporsi. Quando si teme un individuo, quando lo si
abborre, si prova, secondo l'espressione di Milton, dell'orrore per lui. La vista di qualcheduno, per esempio
d'un fanciullo esposto ad un grave pericolo, ne ispira orrore. Ben pochi, al dì d'oggi, non proverebbero questo
sentimento colla più grande intensità, se vedessero un
uomo alla tortura o sul punto di subirla. In que' casi, noi
non corriamo pericolo alcuno, ma, per la potenza dell'immaginazione e della simpatia, ci mettiamo al posto
del paziente, e soffriam qualche cosa che s'assomiglia a
paura.
384
Sir C. Bell255 osserva che «l'orrore è un sentimento assai energico; il corpo è in uno stato di estrema tensione,
quando pure non sia snervato dalla paura». Dietro a ciò,
ei parrebbe che l'orrore dovesse accompagnarsi ad uno
spiccatissimo corrugamento di sopracciglia; ma siccome
in codesta emozione entra in parte la paura, gli occhi e
la bocca devono aprirsi e sollevarsi le sopracciglia, per
quanto almeno il consente l'azione antagonistica dei sopraccigliari. Una fotografia del dottor Duchenne 256 (fig.
21) ci mostra il solito vecchio, cogli occhi fissi, le soppraciglia un po' sollevate, ma nello stesso tempo increspatissime, la bocca aperta e il pelliciaio contratto, tutto
per effetto della elettricità. L'espressione così ottenuta
esprime, secondo il signor Duchenne, un estremo terrore, accompagnato da un orribile dolore, da una vera tortura. È a ritenersi che un uomo messo alla tortura presenterebbe l'espressione d'un orrore assoluto, finchè le
sue sofferenze gli permettono di concepire timori per
avvenire. Io ho mostrato il saggio della fotografia in discorso a ventitre persone d'entrambi i sessi e di diverse
età; tredici di loro pronunciarono immediatamente le parole di orrore, grave sofferenza, tortura o agonia; tre
corsero col pensiero a un grande spavento; in complesso
sedici giudizi, presso a poco concordi con la maniera di
vedere del signor Duchenne. Per altro ve n'ebbero sei, le
quali credettero riconoscervi un'espressione di collera,
255 Anatomy of Expression, p. 169.
256 Mécanisme de la Physionomie. Album, tav. 65, p. 44-45.
385
senza dubbio colpite dalla viva contrazione dei sopraccigli e trascurando la particolare apertura della bocca.
Un'altra volle vedervi il disgusto. Somma fatta, gli è
chiaro che in quella fotografia noi abbiamo un'eccellente rappresentazione dell'orrore e dell'angoscia. La fotografia più addietro citata (Tav. VII, fig. 2) esprime del
pari l'orrore; ma la posizione obliqua dei sopraccigli che
ivi si rimarca, in luogo di energia, indica un profondo
cordoglio.
Fig. 21 – Orrore ed angoscia
(da una fotografia del dott. Duchenne).
L'orrore di solito è accompagnato da diversi gesti che
variano secondo gl'individui. A giudicare da certe descrizioni, tutto il corpo è spesso impressionato o tremante, oppure le braccia sono violentemente tese in avanti,
come a respingere uno spaventevole oggetto.
L'atto che più di consueto si produce, per quanto al386
meno si può giudicarne dal modo di agire in quelli che
cercano di rappresentare al naturale una scena d'orrore,
consiste nel sollevare le spalle, mentre le braccia sono
strettamente serrate in sui fianchi o sul dinanzi del petto.
In generale, questi movimenti sono quasi gli stessi che
si eseguiscono quando si soffre assai freddo, e s'accompagnano d'ordinario da un fremito, come pure da una
profonda espirazione o inspirazione, a seconda che il
petto in questo istante si trova dilatato o contratto. I suoni prodotti in tali circostanze possono esprimersi più o
meno esattamente colle parole uh o uhg257. Checchè ne
sia, è sempre difficile il dire perchè, quando sentiam
freddo o palesiamo un sentimento d'orrore, serriamo
contro il corpo le braccia piegate, solleviamo le spalle e
rabbrividiamo.
Conclusione. – Ho tentato di descrivere le varie
espressioni della paura nei diversi gradi, dalla semplice
attenzione e dal sussulto della sorpresa fino all'estremo
terrore ed all'orrore. Alcune fra le espressioni che la rivelano si possono spiegare col mezzo dei principii dell'abitudine, dell'associazione e della eredità; avviene
così, per esempio, dell'atto che consiste nello spalancare
gli occhi e la bocca, rialzando le sopracciglia in modo
da gettare più rapidamente che sia possibile lo sguardo
attorno a noi e da intendere distintamente il minimo
suono che possa colpirci l'orecchio; in fatto è proprio
257 Veggansi, su questo argomento, le osservazioni del sig.
WEDGWOOD nell'introduzione del suo Dictionary of English
Etymology, seconda ediz., 1872, p. XXXVII.
387
così che ci siam abituati a riconoscere o ad affrontare un
pericolo qualunque. E coll'aiuto degli stessi principii si
può ancora rendersi conto, almeno in parte, di alcuni altri segni dello spavento. Da innumerevoli generazioni,
ad esempio, gli uomini cercarono di sottrarsi ai nemici o
al pericolo, sia con una fuga precipitosa, sia con una lotta accanita; ora simili sforzi dovettero produrre in effetto il rapido battito del cuore, l'accelerazione del respiro,
il sollevamento del petto e la dilatazione delle narici. E
siccome questi sforzi si prolungarono spesso fino all'estremo, il risultato finale dovette essere un'assoluta prostrazione, pallore, traspirazione, il tremito di tutti i muscoli o il loro completo rilasso. Pur adesso, ogni volta in
cui si prova un vivo senso di spavento, anche allora che
questo non dovrebbe produrre alcuno sforzo, gli stessi
fenomeni tendono a ricomparire, in virtù del potere dell'eredità e dell'associazione.
Nullostante è probabile che, se non tutti, almeno un
grande numero dei su citati sintomi del terrore, come il
battito del cuore, il tremito dei muscoli, il sudor freddo,
ecc., sieno in molta parte direttamente dovuti a perturbazioni avvenute nella trasmissione della forza nervosa
che il sistema cerebro-spinale distribuisce alle varie parti del corpo, od anche alla sua completa interruzione,
causa la profonda impressione fatta sull'animo dell'individuo. Noi possiamo indubbiamente riferire a questa
causa affatto indipendente dall'abitudine e dall'associazione, gli esempi nei quali sono modificate le secrezioni
del canale intestinale, e quegli altri in cui sono abolite le
388
funzioni di certe glandule. Quanto all'involontaria erezione dei peli negli animali, ci ha di buone ragioni per
credere che questo fenomeno, ne sia qualsivoglia l'origine, concorra con certi movimenti volontari a dar loro un
aspetto formidabile in faccia al nemico; ora, siccome le
stesse movenze, involontarie e volontarie, sono compiute da animali assai prossimi all'uomo, siamo indotti ad
ammettere che questi ne abbia conservate, per via ereditaria, talune vestigia, presentemente inutili. La permanenza fino al dì d'oggi dei piccoli muscoli che fanno rizzare i peli sì scarsi sul corpo quasi glabro dell'uomo, è
senza dubbio un fatto molto notevole: nè offre meno interesse osservare che questi muscoli si contraggono ancora sotto l'influenza delle stesse emozioni (valgano il
terrore e la rabbia) che determinano l'erezione del pelo
negli animali collocati sugli ultimi gradini dell'ordine
cui l'uomo appartiene.
389
CAPITOLO XIII.
ATTENZIONE RIVOLTA SU SE STESSI – VERGOGNA – TIMIDEZZA – MODESTIA – ROSSORE
Natura del rossore. – Eredità. – Parti del corpo che vi sono più
soggette. – Il rossore nelle diverse razze umane. – Gesti concomitanti. – Confusione. – Cause del rossore. – L'attenzione rivolta su se stessi ne è l'elemento fondamentale. – Timidezza. –
Vergogna, determinata dalla violazione delle leggi morali e
delle regole di convenienza. – Modestia. – Teoria del rossore.
– Ricapitolazione.
Fra tutte le forme dell'espressione la più speciale all'uomo è il rossore. Le scimie diventano rosse di collera;
ma sarebbe necessaria una enorme quantità di prove per
persuaderci, che un animale possa arrossire. Il color rosso del volto, quale conseguenza del rossore, dipende dal
rilassamento delle pareti muscolose delle piccole arterie
che trasmettono il sangue ai capillari e questo rilassamento è determinato da un'affezione delle parti centrali
dell'apparato vasomotore. È fuori di dubbio che un forte
eccitamento dello spirito ha per conseguenza una modificazione della circolazione generale; ma non è da attribuirsi all'attività del cuore, se la rete dei capillari del
390
volto si riempie di sangue, quando domina un sentimento di vergogna. Noi possiamo produrre il riso col mezzo
di un solletico esercitato sulla pelle, possiamo produrre
il pianto o il corrugamento del fronte con un urto, il tremito infondendo paura o cagionando dolore, ecc.; ma
non possiamo mai, come osserva il dott. Burgess258, produrre il rossore con nessun mezzo fisico, vale a dire con
nessuna azione esercitata sul corpo. È lo spirito che
deve essere impressionato. Il rossore non solo è involontario, ma il desiderio di soffocarlo ne aumenta in
realtà la tendenza, rendendoci attenti su noi stessi.
Gli individui giovani arrossiscono molto più facilmente e più frequentemente che i vecchi, non però durante la prima infanzia259; ciò che è meraviglioso, perchè
sappiamo, che i bambini diventano rossi in età assai tenera per collera. Io ho notizie autentiche di due bambine
che all'età di due a tre anni arrossivano, e d'un fanciullo
assai sensibile e più vecchio d'un anno, il quale arrossiva allorchè veniva biasimato per un qualche fallo. Molti
fanciulli arrossiscono ad età un poco più avanzata in un
modo assai evidente. Sembra che le forze mentali dei
piccoli fanciulli non siano ancora abbastanza bene sviluppate, per permetterne il rossore. Per la stessa ragione
258 The Physiology or Mechanism of Blushing, 1839, p. 156.
Io avrò occasione più volte di citare questo libro nel presente capitolo.
259 Dott. BURGESS, op. cit, pag. 56. A pag. 33 osserva pure
che le donne arrossiscono più degli uomini, come si dirà più sotto.
391
avviene pure che gli idioti solo di rado arrossiscono. Il
dottor Crichton Browne osservò per mio conto gli idioti
affidati alle sue cure, ma non vide mai un vero rossore,
sibbene vide diventar rosso il loro volto probabilmente
per la gioia, quando veniva loro apprestato il nutrimento, oppure per collera. Tuttavia ve ne sono di quelli che,
non degradati in estremo grado, sono capaci di arrossire.
Il dott. Behn260, per es., ha descritto un idiota microcefalo di tredici anni, i di cui occhi splendevano un poco,
quando provava gioia od era di umore allegro, e che arrossiva e si volgeva da un lato, quando veniva svestito
per la visita medica.
Le donne arrossiscono assai più degli uomini. È raro
il caso di veder arrossire un uomo avanzato in età, ma
non è altrettanto raro il veder arrossire una donna attempata. I ciechi non si sottraggono al rossore. Laura Bridgman, nata in questo stato e per di più completamente
sorda, arrossisce261. Il sig. R. H. Blair, ispettore del collegio di Worcester, afferma, che tre fanciulli nati ciechi
dell'età fra i sette e gli otto anni, i quali al presente si
trovano in quell'Istituto, arrossiscono spesso ed assai
fortemente. Dapprincipio i ciechi non hanno la coscienza di essere osservati ed è, come mi fa sapere il sig.
Blair, uno dei momenti più importanti nella loro educa260 Citato da C. VOGT, Mémoire sur les Microcéphales,
1864, p. 20. – Il dott. BURGESS dubita (op. cit., pag. 56) che gli
idioti possano arrossire.
261 LIEBER, Ond the Vocal Sounds, ecc., in Smithsonian
Contributions, vol. II, 1851, p. 6.
392
zione, lo sviluppare in essi questa coscienza; l'impressione in tal modo ricevuta potrebbe aumentare la tendenza al rossore per il rafforzamento dell'abitudine di rivolgere l'attenzione su se stessi.
La tendenza ad arrossire è ereditaria. Il dott. Burgess
racconta il caso d'una famiglia262, composta del padre,
della madre e di dieci figli, i quali tutti senza eccezione
avevano una tendenza ad arrossire in un grado oltremodo penoso. I figli crebbero in età, «ed alcuni furono
mandati in viaggio, per vincere questa patologica sensibilità; ma nulla giovò». Anche certe particolarità nel
rossore sembrano essere ereditarie. Sir James Paget, nell'esaminare la spina dorsale d'una giovinetta, fu sorpreso
dal modo particolare in cui essa arrossiva; una grande
macchia rossa appariva dapprima su di una guancia, poi
soppravvenivano altre macchie sparse in modo vario sul
viso e sul collo. Egli interrogò poscia la madre, se la di
lei figlia avesse sempre arrossito in questo modo particolare ed ebbe in risposta: «Sì, essa segue le mie
pedate». E qui sir J. Paget osservò che la sua domanda
aveva provocato il rossore nella madre; essa presentava
le stesse particolarità della figlia.
Nella maggior parte dei casi sono la faccia, le orecchie e il collo le sole parti che divengono rosse; ma molte persone sentono, quando il loro rossore è intenso, per
tutto il corpo un calore ed un prudore particolare; ciò dimostra, che l'intiera superficie del corpo dev'essere in
262 Op. cit., p. 182.
393
qualche modo modificata. Si dice talora che il rossore
comincia sulla fronte, più spesso però comincia sulle
guancie e di là si diffonde poi fino alle orecchie e al collo263. Nei due albini esaminati dal dottor Burgess il rossore cominciava con una piccola macchia definita sulle
guancie sopra la rete nervosa della parotide e si diffondeva poi circolarmente. Fra il rossore di questa regione
e quello del collo si osservava una evidente linea di demarcazione, quantunque avvenissero contemporaneamente. La retina, che negli albini è naturalmente rossa,
aumentava nello stesso tempo invariabilmente il suo colore rosso264. Ognuno deve aver osservato, come avvenga sovente che uno il quale abbia cominciato ad arrossire, si senta nuove correnti di rossore salire alla faccia. Il
rossore è preceduto da una sensazione particolare della
cute. Secondo il dottor Burgess, al rossore segue generalmente un debole pallore, il quale dimostra che i capillari dopo la dilatazione si contraggono. In alcuni rari
casi avvenne che quelle cause le quali per loro natura
dovrebbero produrre rossore, produssero invece pallore.
Così mi raccontò una giovine signora, che essa in una
numerosa e nobile società restò attaccata coi suoi capelli
così fortemente ad un bottone d'un servo che passava
che fu d'uopo di qualche tempo per liberarsene. Essa
s'immaginò, dietro le sue sensazioni, di esser diventata
di color rosso acceso in volto, e tuttavia un'amica la as263 MOREAU, ediz. del LAVATER del 1820, vol. IV, p. 303.
264 BURGESS, op. cit., p. 38; sul pallore che segue il rossore,
p. 177.
394
sicurò che era diventata invece estremamente pallida.
Io era curioso di sapere quanto si diffondesse il rossore verso le parti inferiori del corpo. Sir James Paget, il
quale necessariamente ha frequente occasione di poter
fare simili osservazioni, fu tanto cortese di osservare
questo punto, dietro mio invito per due o tre anni. Egli
trova che nelle donne, le quali divengono d'un color rosso intenso sul volto, sulle orecchie e sulla parte posteriore del collo, il rossore non si estende ordinariamente più
sotto di queste parti. Si osserva di rado il rossore diffondersi fino alle clavicole e alla scapola; egli non ha mai
osservato alcun caso, in cui il rossore si sia esteso più in
là della parte superiore del petto. Lo stesso ha pure osservato, che il rossore talvolta non va a cessare dall'alto
del corpo verso il basso successivamente, e gradatamente, ma con macchie rosso-pallide irregolari. Il dott.
Langstaff ha pure osservato per mio conto parecchie
donne, e vide il loro corpo non diventare rosso menomamente, mentre il viso era rosso-purpureo, per rossore.
Negli alienati, alcuni dei quali sembrano avere una gran
tendenza ad arrossire, il dott. Crichton Browne ha osservato più volte il rossore estendersi fino alle clavicole e
in due casi persino fino al petto. Lo stesso mi narra il
caso d'una donna maritata di ventisette anni sofferente
d'epilessia. Il mattino susseguente al giorno del di lei arrivo nell'Istituto il dott. Browne la esaminò in compagnia dei suoi assistenti, mentre essa giaceva a letto. Nel
momento in cui egli le si avvicinava, un intenso rossore
si diffuse sulle di lei guancie e sulle tempia e ben presto
395
si estese fino alle orecchie. Essa era molto eccitata e tremava leggermente. Il dott. Browne sciolse il bavero della di lei camicia, per esaminare lo stato dei polmoni, e
qui vide diffondersi un intenso rossore sul di lei petto,
estendersi in una linea circolare sul terzo superiore delle
mammelle e fra di esse giungere fino al processo ensiforme dello sterno. Questo fatto è interessante per ciò,
che il rossore non si estese tanto in basso se non quando
divenne molto intenso, per essersi fissata la di lei attenzione a questa parte del corpo. Nell'ulteriore processo
dell'esame, essa divenne tranquilla e il rossore sparì; ma
in ulteriori osservazioni il fenomeno si rinnovò nello
stesso modo.
I casi fin qui ricordati dimostrano, che nelle donne inglesi di solito il rossore non si estende più in là del collo
e della parte superiore del petto. Tuttavia sir James Paget mi fa sapere, aver egli avuto recentemente da fonte
attendibile, notizia d'un caso d'una giovane fanciulla, la
quale ritenendosi offesa per un atto che era secondo le
sue idee poco riguardoso, arrossì su tutto l'addome, e le
parti superiori delle gambe. Anche Moreau265 racconta,
sull'autorità d'un rinomato pittore, che il petto, le spalle,
le braccia e l'intiero corpo d'una ragazza che si aveva
persuasa non senza opposizione a servire di modello, divennero rossi, quando per la prima volta fu spogliata del
vestito.
È una questione abbastanza meravigliosa, perchè nel265 V. LAVATER, ediz. del 1820, vol. IV, p. 303.
396
la maggior parte dei casi solo il volto, le orecchie ed il
collo diventino rossi, mentre tuttavia si diffonda sovente
per tutta la superficie del corpo un calore e un prudore
particolare. Questo fatto sembra dipendere principalmente da ciò che la faccia e le parti ad essa adiacenti,
sono esposte generalmente all'azione dell'aria, della luce
e dei cambiamenti di temperatura, e in causa di ciò le
piccole arterie hanno presa l'abitudine di dilatarsi e di
contrarsi facilmente non solo, ma sembrano anche essersi sviluppate in modo straordinario di fronte a quelle di
altre parti della superficie del corpo266. Come Moreau e
il dott. Burgess hanno osservato, è probabilmente questa
la causa per cui la faccia anche per altre ragioni diventa
facilmente rossa (come per un assalto di febbre, per uno
straordinario calore, per fatica violenta, per collera, per
un leggero urto, ecc.), e d'altro lato diventa facilmente
pallida per freddo o per paura, e di color sbiadito durante la gravidanza. La faccia è soggetta anche ad essere attaccata in modo particolare nelle malattie della pelle,
come nel vaiuolo, risipola, ecc. Questa idea è anche appoggiata dal fatto, che uomini di certe razze, le quali
vanno quasi sempre ignude, arrossiscono spesso sulle
braccia, sul petto e sul resto inferiore del loro corpo.
Una signora, soggetta ad arrossire facilmente e intensamente, come mi fa sapere il dott. Browne, allorchè si
vergogna od è agitata, le si copre di rossore la faccia, il
266 BURGESS, op. cit., p. 114, 122; MOREAU in LAVATER,
op. cit., vol. IV, p. 293.
397
collo, le articolazioni delle mani e le mani stesse, in una
parola tutte le parti del corpo scoperte. Si può dubitare
tuttavia, se l'abituale esposizione della pelle della faccia
e del collo e la proprietà da essa determinata di reagire
per ogni eccitamento, sia sufficiente a spiegare la tendenza delle inglesi ad arrossire in queste parti più che in
altre. Poichè le mani sono sufficientemente provviste di
nervi e di piccoli vasi e sono esposte all'aria nello stesso
modo che la faccia od il collo, e tuttavia si coprono raramente di rossore. Noi vedremo ben presto come si possa
trovare una spiegazione probabilmente bastante, nel fatto che l'attenzione dello spirito è più frequentemente e
più intensamente rivolta alla faccia che ad altre parti del
corpo.
Il rossore nelle diverse razze umane. – I piccoli vasi
della faccia si riempiono di sangue in quasi tutte le razze
umane in conseguenza della vergogna, quantunque nelle
razze molto oscure non si possa osservare nessun evidente cambiamento di colore. Il rossore è spiccato in
tutte le nazioni varie dell'Europa e in un certo grado anche in quelle delle Indie orientali. Ma il signor Erskine
non ha mai osservato coprirsi di rossore il collo degli Indus. Nei Lepchas dello Sikkim il sig. Scott ha osservato
spesso un leggero rossore sulle guancie, ed alla base
delle orecchie e ai lati del collo, accompagnato dallo
sguardo abbassato e dal capo piegato all'ingiù. Ciò è
successo ogniqualvolta egli scopriva in essi qualche falsità o si erano resi colpevoli d'ingratitudine. Il colore
smorto d'un pallore particolare della faccia di questa
398
gente fa risaltare in essi il rossore molto più, che nella
maggior parte degli indigeni dell'India. Secondo le notizie del sig. Scott, la vergogna in questi ultimi, potrebbe
essere in parte anche paura, si manifesta più chiaramente al volgere e all'abbassarsi del capo e allo sguardo che
gira incerto di qua e di là od è rivolto da un lato, come
pure per un qualche cambiamento di colore della pelle.
Le razze semitiche arrossiscono facilmente ed intensamente, come è da aspettarsi per la somiglianza generale cogli Ariani. Dei Giudei sta scritto in Geremia (cap.
VI, vs. 15): «Essi vogliono essere senza macchia e non
vogliono vergognarsi (arrossire)». La signora Asa Gray
vide un Arabo, il quale maneggiava poco abilmente sul
Nilo il suo battello; e, poichè i suoi compagni lo deridevano «arrossì perfettamente fino alla nuca». Lady Duff
Gordon osserva, che un giovane Arabo arrossiva quando
le veniva vicino267.
Il signor Swinhoe vide i Cinesi arrossire, ma crede,
che ciò avvenga di rado. Tuttavia hanno l'espressione
«divenir rossi per vergogna». Il signor Geach mi fa sapere, che i Cinesi emigrati in Malacca e gli indigeni malesi dell'interno, arrossiscono. Alcune di queste genti
vanno pressochè nude e il signor Geach potè quindi osservare benissimo l'estensione del rossore nelle parti
basse del corpo. Lasciando da parte i casi, in cui fu visto
coprirsi di rossore la sola faccia, il signor Geach osservò
267 Letters from Egypt, 1865, p. 66. Lady GORDON erra
quando dice che i Malesi e i Mulatti non arrossiscono mai.
399
diventar rossi per vergogna la faccia, le braccia e il petto
di un Cinese di ventiquattro anni, e un altro Cinese lo
vide coprirsi di rossore per tutto il corpo, essendo interrogato, perchè non avesse fatto meglio il proprio lavoro.
Il signor Geach vide due Malesi coprirsi di rossore sulla
faccia, sul collo, sul petto e sulle braccia, e in un terzo
Malese fu visto il rossore estendersi fino all'ombellico268.
I Polinesi arrossiscono assai. Il signor Stack ha osservato centinaia di casi fra gli abitanti della Nuova Zelanda. Il seguente caso è degno d'essere ricordato, poichè si
riferisce ad un uomo attempato di colore straordinariamente oscuro e parzialmente tatuato. Esso, dopo aver affittato la sua campagna ad un Inglese per una piccola
rendita annuale, fu preso da una forte passione di comperarsi una carrozza che era recentemente venuta in
moda presso i Maori. A tal uopo desiderava d'avere tutto
l'affitto anticipato per quattro anni dal suo affittuale e
consultò il signor Stack, se ciò potesse fare. Quell'uomo
era vecchio, cadente, povero e cencioso, e l'idea che egli
possa girare attorno facendosi ammirare nella propria
carrozza, destò nel signor Stack tanta ilarità, che non
potè far a meno di scoppiare in una risata, la qual cosa
«fece arrossire il pover'uomo fino alla radice dei
capelli». Forster269 dice, che sulle guancie delle più belle
268 Il cap. OSBORN (Quedah, p. 199), parlando di un Malese
che accusa di crudeltà, dice di aver sentito piacere quando lo vide
arrossire.
269 J. R. FORSTER, Observations during a Voyage round the
400
donne di Tahiti «si può osservare facilmente un rossore
che va diffondendosi». Anche gli indigeni di parecchi
altri arcipelaghi dell'Oceano Pacifico furono visti arrossire.
Il signor Washington Matthews ha osservato spesso il
rossore sulla faccia delle giovani fanciulle, appartenenti
a diverse razze selvagge d'Indiani dell'America settentrionale. All'estremità opposta del continente, nella Terra del Fuoco, arrossiscono gl'indigeni, secondo le notizie del signor Bridges, «assai, ma specialmente le donne; ma esse arrossiscono di certo anche per causa del
loro esteriore». Quest'ultima notizia s'accorda con quello che io mi ricordo di Jemmy Button della Terra del
Fuoco, il quale arrossiva, quando veniva beffeggiato per
la cura che metteva nel lustrare le sue scarpe, e nell'adornarsi in qualunque altro modo. Rispetto agli Indiani
World, 4°, 1778, p. 229. – WAITZ, Introd. To Anthropology, trad.
ingl. 1863, vol. I, pag. 135, dà nuove prove relative ad altre isole
dell'Oceano Pacifico. – Vedi anche DAMPIER, sul rossore dei
Toncinesi (vol. II, p. 40); io non ho però veduta quest'opera. Waitz cita la testimonianza di Bergmann per dimostrare che i Calmucchi non arrossiscono; di ciò si può dubitare, dopo quello che
abbiamo detto rispetto ai Cinesi. Egli cita anche Roth, il quale
nega che gli Abissini arrossiscano. Disgraziatamente il capitano
Speedy, il quale visse a lungo fra gli Abissini, non ha risposto alla
mia domanda su questo punto. Infine devo pure aggiungere che il
rajah Brooke non ha mai visto il menomo indizio di rossore nei
Dyak di Borneo; e all'apposto essi stessi affermano, che nelle
condizioni le quali in noi ecciterebbero rossore «si sentono, come
se il sangue si ritirasse dalla faccia».
401
di Aymara, abitanti sull'elevato altipiano della Bolivia, il
Forbes270 dice, essere impossibile vedere chiaramente il
loro rossore, come nelle razze bianche. «Si può però osservare, in quelle circostanze che in noi produrrebbero
rossore, sempre la stessa espressione di modestia e d'imbarazzo, e anche all'oscuro si può constatare l'elevazione della temperatura della pelle della faccia, come succede agli Europei». Negli Indiani che abitano le parti
uniformemente calde ed umide dell'America meridionale, sembra che la pelle non risponda all'eccitamento morale così bene come negli indigeni delle regioni nordiche e meridionali del continente, che sono state soggette
a grandi cambiamenti di temperatura; poichè Humboldt
cita, senza protestare, l'osservazione beffarda degli Spagnuoli: «Come si può fidarsi di coloro che non possono
arrossire?»271. Spix e Martius, parlando degli aborigeni
del Brasile, affermano, non potersi propriamente dire,
che essi arrossiscano; «soltanto dopo lungo commercio
coi bianchi, e dopochè hanno ricevuto una certa educazione, abbiamo potuto osservare negli Indiani un certo
cambiamento di colore, molto espressivo per le emozioni del loro spirito»272. Egli è peraltro incredibile, che la
facoltà di arrossire possa esser nata in questo modo: l'abitudine a rivolgere l'attenzione su se stessi, conseguen270 Transact. of the Ethnolog. Society, vol. II, 1870, p. 16.
271 HUMBOLDT, Personal Narrative. Engl. Transl., vol. III,
p. 229.
272 Citato da PRICHARD, Phys. History of Mankind, quarta
ediz., vol. I, 1851, p. 271.
402
za della loro educazione e del nuovo loro modo di vita,
potrebbe aver sensibilmente aumentata la tendenza innata ad arrossire.
Parecchi osservatori degni di fede mi hanno assicurato, d'aver osservato sul volto dei Negri un fenomeno simile al rossore, ad onta della colorazione nera della loro
pelle, e precisamente verificandosi circostanze che ecciterebbero in noi il rossore. Alcuni lo descrivono come
un bruno rossore; ma la maggior parte dicono che in
questi casi il color nero della pelle diventa più intenso.
Un afflusso maggiore di sangue nella pelle sembra accrescerne in un certo modo la nerezza del colore; così
certe malattie esantematiche fanno apparire più neri nei
Negri i punti infetti della pelle, invece di farli divenire
più rossi, come avverrebbe a noi273. Forse potrebbe anche la pelle, resa più tesa per il riempimento dei capillari, riflettere un colore un po' diverso da quello che rifletteva prima. Che i capillari della faccia dei Negri si iniettino di sangue per vergogna, possiamo ammetterlo con
sicurezza, poichè una Negra perfettamente albina, descritta da Buffon274, presentava una leggera tinta purpurea sulle sue guancie, quando era costretta a farsi vedere
273 Vedi su questo punto BURGESS, op. cit., p. 32 e WAITZ,
Introd. to Anthrop., trad. inglese I, 135. – MOREAU dà una notizia dettagliata (LAVATER, 1820, tom. IV, p. 302) del rossore di
una schiava negra del Madagascar, costretta dal suo padrone a
mostrare il petto nudo.
274 Citato da PRICHARD, Phys. History of Mankind, quarta
ediz., vol. I, 1854, p. 225.
403
ignuda. Cicatrici della pelle si presentano per lungo
tempo bianche nei Negri, e il dott. Burgess, il quale
ebbe occasione di osservare una tale cicatrice sul volto
d'una Negra, ha potuto distintamente vedere come la cicatrice «diventasse invariabilmente rossa, ogniqualvolta
le veniva rivolta la parola d'improvviso o era incolpata
di qualche insignificante mancanza»275. Si poteva osservare il rossore che cominciava dalla periferia della cicatrice estendersi fino quasi al centro di essa, senza raggiungerlo però mai. I mulatti arrossiscono spesso e fortemente, e nel far ciò si sentono scorrere sulla faccia una
corrente dopo l'altra di rossore. Questi fatti dimostrano
indubbiamente che i Negri arrossiscono, sebbene il rossore non si renda visibile sulla pelle.
I signori Gaika e Barber mi hanno entrambi assicurato che i Cafri dell'Africa meridionale non arrossiscono
mai. Ciò potrebbe solo significare, che non si può distinguere in essi alcun cambiamento di colore. Gaika
aggiunge, che i suoi connazionali posti in circostanze
che farebbero arrossire un Europeo, «si vergognano di
tener alto il capo».
Quattro dei miei corrispondenti mi hanno notificato,
che gli Australesi, i quali sono d'un colore quasi così
nero che quello dei Negri, non arrossiscono mai. Un
quinto di essi risponde alla mia domanda con un dubbio
ed osserva che per la luridezza della loro pelle non si
275 BURGESS, op. cit., p. 31. Sul rossore dei mulatti, ivi, p.
33. Io ebbi, rispetto ai mulatti, descrizioni simili.
404
potrebbe rendere visibile in essi, se non un rossore assai
intenso. Tre osservatori affermano, che gli Australesi
realmente arrossiscono276; il signor S. Wilson aggiunge,
che il rossore si rende visibile solo in causa d'una forte
emozione, e solo nel caso che la pelle non sia troppo
oscura in conseguenza d'una esposizione troppo continua, o per mancanza di nettezza. Il signor Lang risponde
così: «Io ho osservato che la vergogna è causa quasi
sempre di rossore, il quale spesso si estende fino a tutto
il collo». Egli aggiunge inoltre, che la vergogna si manifesta ancora «col volgere dello sguardo ora da una parte
ora dall'altra». Essendo il signor Lang maestro in una
scuola d'indigeni, egli hai fatto probabilmente le sue osservazioni in ispecial modo su ragazzi, e noi sappiamo
che essi arrossiscono più degli adulti. Il signor G. Taplin
ha visto arrossire dei meticci mezzo sangue, e dice, che
gli indigeni hanno una parola che significa vergogna. Il
signor Hagenauer, uno di quelli che non hanno mai visto
gli Australesi arrossire, dice, che «li ha veduti abbassare
a terra lo sguardo per vergogna»; e il missionario signor
Bulmer osserva: «Quantunque io non abbia potuto scoprire niente di simile al rossore negli indigeni adulti, tuttavia ho osservato, che gli occhi dei fanciulli vergognosi, presentano un aspetto simile a quello d'una superficie
di acqua agitata, e pare non sappiano dove rivolgere lo
sguardo».
276 Anche BARRINGTON dice, che gli Australesi del Nuovo
Wales meridionale arrossiscono, v. cit. di Waitz, op. cit., p. 135.
405
I fatti fin qui esposti bastano a dimostrare, che il rossore, abbia luogo o no un cambiamento di colore, è una
facoltà comune alla maggior parte e forse a tutte le razze
umane.
Movimenti e gesti, che accompagnano il rossore. –
Un intenso sentimento di vergogna fa nascere in noi un
forte desiderio di nasconderci277. Noi rivolgiamo da un
lato l'intiero corpo e specialmente la faccia, cui cerchiamo in un qualche modo di nascondere. Una persona vergognosa può difficilmente sopportare l'incontro dello
sguardo delle persone presenti, per cui quasi invariabilmente abbassa lo sguardo o si volge da un lato guardando in alto. Poichè comunemente esiste nello stesso tempo un forte desiderio di evitare la espressione della vergogna, così si fa un vano tentativo di guardare direttamente in faccia la persona che fa nascere questo sentimento; e il contrasto fra queste due opposte tendenze dà
origine a vari movimenti d'inquietezza dell'occhio. Io ho
osservato due signore, le quali nell'arrossire, cosa che
avveniva assai sovente, si erano abituate ad un movimento che sembra oltremodo singolare, vale a dire a
277 Il Sig. WEDGWOOD dice, Diction, of English Etymology,
vol. III, 1865, p. 155) che la parola vergogna (shame) «ha origine
nell'idea di ombra e di nascondiglio e può essere illustrata dal tedesco Schemen, Schatten». – GRATIOLET (De la Physionomie,
p. 357-362) ha dato una bella descrizione dei gesti che accompagnano la vergogna; ma alcune sue osservazioni mi sembrano fantastiche. Vedi anche BURGESS (op. cit., p. 69) sullo stesso soggetto.
406
muovere continuamente le palpebre con grande velocità.
Un rossore intenso è talvolta accompagnato da un leggero spargimento di lagrime278, ed io suppongo dipendere
questo fatto dà ciò, che le glandule lacrimali partecipano
all'aumentato afflusso del sangue, che, come sappiamo,
si precipita nei capillari delle parti vicine, compresa la
retina.
Molti scrittori, tanto antichi che recenti, hanno osservato i movimenti sopraccennati ed è già dimostrato che
gli aborigeni di parecchie regioni della terra esprimono
la loro vergogna coll'abbassare o col volger da un lato lo
sguardo, oppure con movimenti agitati dei loro occhi.
Esdra esclama (cap. IX, vers. 6): «Mio Dio, io mi vergogno e tremo ad innalzare lo sguardo a te, mio Dio!» In
Isaia (cap. L, vers. 6) troviamo le parole: «Non nascosi
il mio volto per vergogna». Seneca osserva (Epistolæ,
XI, 5) «che gli attori romani volendo esprimere vergogna piegano il capo, abbassano gli occhi al suolo, ma
non sono capaci di arrossire». Secondo Macrobio, che
visse nel quinto secolo (Saturnalia, l. VII, c. 11), «affermano i filosofi naturali, che la natura agitata per la vergogna distende il sangue avanti di sè come un velo, poichè chi arrossisce lo vediamo spesso portare le mani davanti al volto». Shakespeare fa dire da Marco alla nipote
278 BURGESS, op. cit., p. 181, 182. – BOERHAAVE (citato
da GRATIOLET, op. cit., p. 361) fa cenno della tendenza a sparger lagrime nel rossore. Come notammo, il signor Bulmer parla
degli occhi umidi dei fanciulli indigeni dell'Australia quando hanno vergogna.
407
(Titus Andronicus, atto II, sc. 5a): «Ah, tu rivolgi ora il
capo per vergogna?» Una signora mi fa sapere che essa
ha trovato nell'ospitale di Lock una fanciulla, da lei già
prima conosciuta, e che era diventata una perduta.
Quando essa si avvicinò a quella povera creatura, questa
nascose il suo viso sotto le coltri e non si potè convincerla a lasciarsi vedere. Noi vediamo spesso dei giovanetti i quali, essendo timidi e vergognosi, si voltano in là
e nascondono la loro faccia fra le vesti della madre o si
gettano nel di lei seno colla faccia rivolta all'ingiù.
Confusione della mente. – La maggior parte delle persone si confondono, quando arrossiscono intensamente.
Ciò è riconosciuto da espressioni molto comuni del linguaggio, come: «essa cadde in grande imbarazzo». Le
persone che si trovano in tale condizione d'animo perdono la loro presenza di spirito e fanno delle osservazioni
a sproposito. Sovente sono assai distratte, balbettano ed
eseguiscono dei movimenti stravolti o dei gesti strani. In
certi casi si possono osservare contrazioni involontarie
d'alcuni muscoli della faccia. Mi ha detto una giovane
signora, che va soggetta ad intenso rossore, che essa in
tali casi non sa neppure quello che si dica. Essendole
stata espressa l'opinione, che ciò sia una conseguenza
del di lei dispiacere proveniente dalla coscienza che altri
osservano il di lei rossore, rispose, non poter questo essere il caso, «poichè si è sentita talvolta tanto sciocca da
arrossire, mentre era sola nella sua stanza, per un suo
pensiero».
408
Io voglio portare un esempio d'un turbamento straordinario dello spirito, a cui vanno soggetti certi uomini
molto sensibili. Un signore, di cui posso fidarmi, mi assicura essere egli stato testimonio oculare della seguente
scena: – Fu dato un piccolo pranzo in onore d'un uomo
oltremodo timido. Quando egli si alzò per ringraziare,
recitò un discorso che evidentemente aveva imparato a
memoria, restando in assoluto silenzio e senza poter
pronunciare una sola parola, mentre frattanto egli gesticolava, come se parlasse, con grande enfasi. Accorgendosi gli amici di lui come stesse la cosa, applaudivano
alla immaginaria eloquenza dell'animo, ogniqualvolta i
suoi gesti indicavano una pausa e il pover'uomo non si
accorse nemmeno che aveva taciuto per tutto quel tempo. Al contrario, disse più tardi al mio amico con molta
soddisfazione, che credeva d'aversela cavata con onore.
Quando uno è preso da forte vergogna od è molto timido ed arrossisce istintivamente, il cuore gli batte violentemente e la respirazione gli si turba. Questo fatto
non si può altrimenti spiegare che ammettendo un'alterazione della circolazione del sangue nel cervello e fors'anco un'alterazione delle facoltà intellettuali. Ma è
dubbioso, giudicando dall'influenza ancora maggiore
della collera e della paura sulla circolazione, se con ciò
noi possiamo spiegare la confusione che nasce nelle persone, mentre arrossiscono intensamente.
La spiegazione retta sta, a quanto sembra, nell'intima
simpatia esistente fra la circolazione dei capillari della
superficie del capo e della faccia con quella del cervello.
409
Io mi rivolsi per la spiegazione al dott. Crichton Browne, ed egli mi ha comunicato vari fatti risguardanti questo punto. Se si taglia il nervo gran simpatico in un lato
del capo, i capillari si rilassano da quella parte e si riempiono di sangue, d'onde ne nasce un arrossamento, un riscaldamento della pelle e un contemporaneo aumento di
temperatura nell'interno di quella parte del cranio. La
meningite ha per conseguenza una grande iniezione di
sangue nei vasi della faccia, delle orecchie e degli occhi.
Il primo stadio di un assalto epilettico sembra essere una
contrazione dei vasi del cervello e la prima esterna manifestazione di esso è uno straordinario pallore della faccia. La risipola del capo cagiona ordinariamente delirio.
Anche il sollievo che si ottiene nei grandi dolori di capo
col mezzo d'un forte strofinamento che aumenta il calore della pelle, suppongo abbia a dipendere dallo stesso
principio.
Il dottor Browne ha impiegato spesso coi suoi pazienti i vapori di nitrato d'etere amilico 279, il quale ha la proprietà speciale di provocare una intensa colorazione rossa della faccia nello spazio di trenta a sessanta secondi.
Questa colorazione rossa è simile in quasi tutti i dettagli
col rossore prodotto dalla vergogna: essa comincia in
parecchi punti diversi della faccia e si distende sopra
tutta la superficie del capo, del collo e della porzione
anteriore del petto. In un solo caso fu vista estendersi
279 Vedi anche gli scritti del dott. J. CRICHTON BROWNE
su questo soggetto in The West Riding Lunatic Asylum Medical
Report, 1871, p. 95-98.
410
fino all'addome. Le arterie della retina si allargano, gli
occhi splendono e in un caso avvenne un leggero spargimento di lagrime. I pazienti hanno dapprima delle sensazioni soavi, ma coll'aumentare dell'intensità della colorazione nasce in essi confusione e turbamento. Una
donna, che fu sottoposta spesso al trattamento con questi vapori, afferma, che appena era riscaldata, le sembrava d'essere avvolta come in una nebbia. Nelle persone
che cominciano ad arrossire, sembra, se si giudica dai
loro occhi splendenti e dal loro contegno irrequieto, che
le loro facoltà intellettuali siano alquanto eccitate. Solo
quando il rossore è eccessivo, lo spirito si confonde. Da
ciò sembrerebbe potersi conchiudere, che i capillari della faccia, tanto nella inspirazione dei vapori di etere
amilico, come nel rossore, vengano impressionati prima
della porzione del cervello che presiede alle facoltà intellettuali.
Se all'opposto ha luogo dapprima una impressione nel
cervello, la circolazione della pelle se ne risente per
azione secondaria. Il dott. Browne ha osservato, come
mi disse, sovente macchie rosse ed altre segnature sparse sul petto degli ammalati d'epilessia. Se in questi casi
la pelle del petto o dell'addome viene leggermente strofinata con un pennello o in casi molto evidenti anche
solo toccata con un dito, i punti toccati si coprono in
meno di mezzo minuto di macchie rosso-pallide, le quali si estendono per un piccolo tratto ai lati del punto toccato e persistono per parecchi minuti. Sono queste le
«macchie cerebrali» di Trousseau. Esse significano,
411
come osserva il dott. Browne, uno stato in alto grado
modificato del sistema vascolare cutaneo. Se dunque,
come non può essere messo in dubbio, esiste un'intima
simpatia fra la circolazione capillare delle parti del cervello da cui dipendono le nostre facoltà intellettuali e
quella della pelle della faccia, non dobbiamo meravigliarci, se cause morali che provocano un intenso rossore, cagionino contemporaneamente ed indipendentemente della loro propria influenza perturbatrice, una forte confusione dello spirito.
Cause del rossore. – Le cause del rossore sono timidezza, vergogna e modestia; l'elemento fondamentale ne
è l'attenzione rivolta su se stessi. Molte ragioni si possono addurre in sostegno dell'idea, che originariamente
questa attenzione rivolta sull'esteriore della nostra persona e relativamente al giudizio degli altri, sia stata la
causa eccitante del rossore. Lo stesso effetto s'ebbe più
tardi, in conseguenza della forza d'associazione, anche
in causa dell'attenzione rivolta su se stessi relativamente
al contegno morale. Non è il semplice atto di rivolgere
l'attenzione sul nostro esteriore, che ha potere di provocare il rossore, sibbene il pensiero del giudizio che faranno gli altri di noi. La persona più sensibile, trovandosi in solitudine assoluta, è completamente indifferente
riguardo al suo esterno. Noi siamo più sensibili al biasimo e alla disapprovazione che all'approvazione; in conseguenza di ciò le osservazioni sprezzanti o che ci rendono ridicoli, siano esse relative alla nostra persona o al
nostro contegno, provocano molto più facilmente il ros412
sore di quello che non faccia la lode. Una bella ragazza
arrossisce, se un uomo la guarda fisso, sebbene sia perfettamente persuasa che egli non la sprezza. Molti fanciulli ed anche persone attempate arrossiscono se vengono lodate. Più tardi si tratterà la questione, qual sia la
causa per cui la coscienza che altri presta attenzione alla
nostra persona, determina istantaneamente un riempimento di sangue dei vasi capillari, specialmente della
faccia.
Io esporrò ora le ragioni le quali mi inducono a credere, che l'attenzione rivolta al nostro esteriore e non al
nostro contegno morale, sia stata l'elemento fondamentale dell'abitudine acquisita di arrossire. Sono motivi insignificanti, presi isolatamente, ma considerati nell'insieme mi sembrano d'un valore notevole. È notorio che
niente fa arrossire tanto una persona timida, quanto la
più insignificante osservazione risguardante il di lei
esteriore. Non si può neanche osservare il vestito d'una
donna molto inclinata ad arrossire, senza che perciò il
suo viso si colori prontamente di porpora. Basta guardare fisso certe persone, come osserva Coleridge, per farle
arrossire: «Chi può, spieghi questo fatto»280.
I due albini osservati dal dott. Burgess281 arrossivano
invariabilmente in un grado assai intenso, al menomo
tentativo che si faceva per esaminare le loro particolarità. «Le donne sono molto più sensibili rispetto al loro
280 Nel corso d'una dissertazione sul così detto magnetismo
animale, in Table Talk, vol. I.
281 Op. cit., pag. 40.
413
esterno di quello che lo siano gli uomini, e specialmente
le donne attempate più degli uomini vecchi. Esse arrossiscono anche più facilmente. I giovani d'ambo i sessi
sono sotto questo rapporto molto più sensibili degli
adulti ed essi arrossiscono anche molto più facilmente
dei vecchi. I ragazzi nella prima età non arrossiscono e
non manifestano neppure gli altri segni di consapevolezza, che accompagnano generalmente il rossore ed è una
delle loro attrattive principali quella che essi non pensano al giudizio che altri si fanno di loro. In questa prima
età essi possono fissare uno sconosciuto con sguardo sicuro e con occhio tranquillo come se fosse un oggetto
inanimato, in un modo che noi adulti non siamo in istato
di imitare.
È chiaro ad ognuno, che i giovani dei due sessi sono
in alto grado sensibili al reciproco giudizio sul loro
esterno, ed essi arrossiscono senza confronto più in presenza d'individui di sesso diverso, che alla presenza di
quelli dello stesso sesso282. Un giovane non facile ad arrossire, arrossirà intensamente per una qualche insignificante e ridicola osservazione d'una ragazza risguardante
il suo esteriore, mentre non farebbe il menomo conto del
giudizio della stessa sopra un oggetto importante. Nessuna coppia felice di giovani amanti, i quali pregiano la
282 Il sig. BAIN osserva (The Emotions and the Will, 1865, p.
65) riguardo alla timidezza delle maniere, che essa «deve la sua
origine al contatto dei due sessi o all'influenza dell'attenzione reciproca, e precisamente in conseguenza del timore di ambe le parti, di non convenirsi a vicenda».
414
stima e l'amore dell'altro più di qualunque altra cosa al
mondo, si è mai probabilmente dichiarato il proprio
amore senza un qualche rossore. Gli stessi barbari della
Terra del Fuoco, a quanto dice il signor Bridges, arrossiscono «principalmente di fronte alle donne, ma certamente ancora sopra il loro esteriore».
Fra tutte le parti del corpo la faccia è quella che più
viene osservata e considerata, come è naturale, essendo
essa la sede principale dell'espressione e la sorgente della voce. Essa è anche la sede principale della bellezza e
della bruttezza e su tutta la terra è la parte che più s'adorna e s'abbellisce283. Per questa ragione la faccia sarà
stata soggetta per una lunga serie di generazioni ad
un'attenzione speciale e più profonda di quello che non
lo sia stata qualunque altra parte del corpo; e concordemente alla legge sopra accennata, possiamo comprendere perchè più d'ogni altra sia soggetta ad arrossire.
Quantunque la circostanza dell'esposizione alle alternative della temperatura, ecc. abbia, secondo ogni probabilità, aumentata considerevolmente le facoltà di dilatazione e di contrazione dei capillari della faccia e delle
parti vicine, tuttavia ciò non basta a spiegare la tendenza
maggiore ad arrossire di queste parti di fronte al resto
del corpo; poichè non spiega il fatto che le mani arrossiscono solo assai di rado. Negli Europei, quando la faccia è coperta d'intenso rossore, si fa sentire un leggero
prudore per tutta la superficie del corpo, e in quelle raz283 Vedi le prove su questo soggetto: Origine dell'Uomo, 535.
415
ze umane che vanno abitualmente quasi nude, il rossore
si diffonde su una parte molto maggiore del corpo, che
presso di noi. Questi fatti si spiegano fino ad un certo
punto, poichè l'attenzione degli uomini primitivi come
di quelle razze umane ora esistenti le quali vanno ancora
ignude, non sarà stata tanto esclusivamente limitata alla
faccia, come accade ora dei popoli che usano vestirsi.
Noi abbiano veduto, che in tutte le parti della terra le
persone, che sentono vergogna per una qualche colpa
morale, hanno la tendenza a volgere da una parte la loro
faccia, ad abbassarla od a nasconderla, indipendentemente da qualunque pensiero relativo al loro esterno. Lo
scopo di queste persone nel far ciò non può essere quello di nascondere il loro rossore, poichè esse voltano la
loro faccia da una parte o la nascondono in tali circostanze, che escludono ogni desiderio di nascondere la
propria vergogna, come quando confessano intieramente
la loro colpa e se ne pentono. Egli è peraltro probabile,
che l'uomo primitivo ancor prima di raggiungere una
grande sensibilità morale, sia stato in alto grado sensibile per riguardo al suo esterno, almeno di fronte all'altro
sesso, e in conseguenza di ciò avrà provato dispiacere
per ogni osservazione sprezzante riguardante la sua persona. Questa è una forma della vergogna; e poichè il
viso è quella parte del corpo che più è soggetta ad essere
osservata, si comprende, perchè ognuno il quale provi
vergogna in causa del suo esteriore, abbia ad avere il desiderio di nascondere questa parte del suo corpo. L'abitudine, una volta raggiunta, si sarà conservata anche nel
416
caso d'una sensazione di vergogna per cause unicamente
morali. Non si può facilmente comprendere in altro
modo, perchè in tali circostanze debba verificarsi ancora
questo desiderio di nascondere la faccia, piuttosto che
qualunque altra parte del corpo.
L'abitudine così generale che ha ognuno, il quale provi vergogna, a voltarsi da una parte o ad abbassare gli
occhi o a muoverli irrequieto da un punto ad un altro, è
probabilmente una conseguenza di ciò, che ogni sguardo
diretto alle persone presenti gli procura continuamente
la convinzione che è attentamente osservato. Ed egli
tenta, col non guardare le persone presenti e specialmente coll'evitare d'incontrarsi nel loro sguardo, di sfuggire momentaneamente a questa penosa convinzione.
Timidezza. – Questo meraviglioso stato dell'animo,
detto anche peritanza o falsa vergogna e chiamata dai
Francesi mauvaise honte, sembra essere una delle cause
più attive del rossore. La timidezza si fa conoscere principalmente per il rossore della faccia, il volgere o l'abbassare degli occhi e per particolari movimenti nervosi e
stravolti del corpo. Certe donne arrossiscono per questa
causa forse centinaia o migliaia di volte su una sola, in
cui arrossiscono in causa d'una loro azione vergognosa e
di cui sentono realmente vergogna. La timidezza sembra
dipendere dalla nostra sensibilità di fronte al giudizio altrui, sia esso buono o cattivo, risguardante specialmente
il nostro esteriore. La consapevolezza di avere qualche
cosa di particolare o solo di nuovo nel vestito, oppure
qualche insignificante punto difettoso nella persona e
417
specialmente nella faccia – punti che richiamano facilmente l'attenzione degli stranieri – rende il timido d'una
peritanza insopportabile. D'altro lato, noi siamo molto
più inclinati alla timidezza in presenza di persone conosciute, il di cui giudizio noi stimiamo in un certo grado,
piuttostochè alla presenza di estranei, in quei casi in cui
si tratti del nostro contegno e non del nostro esteriore.
Un medico mi raccontò il caso d'un giovane e ricco
duca, in di cui compagnia aveva viaggiato come medico, il quale arrossiva come una ragazza, ognivolta che
gli pagava il suo onorario. Tuttavia, questo giovane non
avrebbe probabilmente arrossito e non sarebbe divenuto
vergognoso, pagando il conto ad un negoziante. Alcune
persone sono tanto sensibili, che il solo atto del parlare
quasi con qualunque persona è bastante, per destare la
loro consapevolezza, e un leggero rossore ne è il risultato.
Il biasimo o il ridicolo desta, per la nostra sensibilità
in questo punto, vergogna e rossore molto più facilmente della lode, quantunque anche quest'ultima sia molto
attiva in certe persone. Il presuntuoso è di raro timido,
poichè si stima troppo, per potersi aspettare disprezzo.
Perchè un orgoglioso sia spesso timido, come sembra
esserne il caso, non è egualmente chiaro, se non fosse
perchè con tutta la sua fiducia di sè, ci tiene però molto
in realtà all'opinione degli altri, sebbene in un senso di
disprezzo. Le persone straordinariamente peritose lo
sono assai di rado in presenza di coloro con cui hanno
perfetta confidenza e della cui buona opinione e simpa418
tia sono perfettamente sicure, per es. una ragazza alla
presenza della di lei madre. Io ho dimenticato nei miei
quesiti stampati d'indagare, se la timidezza si possa scoprire nelle diverse razze umane. Però un Indù educato
assicurò il signor Erskine che essa è evidente nei suoi
connazionali.
Come lo dimostra la derivazione della parola in parecchie lingue284, la timidezza è molto affine alla paura.
Però essa è diversa dalla paura nel senso ordinario di
questa parola. Un uomo timido teme senza dubbio l'osservazione di estranei, ma non si può dire che abbia di
essi paura. Può essere coraggioso, come un eroe, nella
battaglia e tuttavia nelle piccole cose non ha alcuna confidenza in sè alla presenza d'estranei. Quasi ognuno è
straordinariamente nervoso quando parla per la prima
volta in pubblico e la maggior parte degli uomini restano tali per tutta la vita. Ciò sembra però dipendere dalla
consapevolezza di una grande tensione dello spirito che
hanno ancora a sostenere e dagli associati influssi sul
corpo, piuttostochè da timidezza285, quantunque un
uomo pauroso o timido soffra senza dubbio in tali circostanze molto più d'un altro. Nei fanciulli di tenera età è
molto difficile distinguere fra paura e timidezza. Que284 H. WEDGWOOD, Diction. English Etymology, vol. III,
1865, p. 184; lo stesso vale per il latino verecundus.
285 Il signor BAIN (The Emotions and the Will, p. 64) ha parlato della timidezza prodottasi in tali circostanze, e del panico degli attori non abituati alla scena. Sembra che il signor Bain attribuisca questi sentimenti a semplice inquietudine o timore.
419
st'ultimo sentimento mi è parso però sovente assumere
in essi almeno parzialmente il carattere di selvatichezza
simile ad un animale non addomesticato. La timidezza
si manifesta in età assai tenera. In un mio figlio dell'età
di due anni e tre mesi, ebbi ad osservare una traccia di
ciò che parve sicuramente timidezza, e precisamente di
fronte a me stesso, che era stato assente da casa una sola
settimana. Ciò si manifestò non solo pel rossore che gli
salì al viso, ma anche per ciò che egli volse per alcuni
minuti gli occhi da me. Io ho osservato in altre circostanze la timidezza e la vera vergogna manifestarsi negli
occhi di piccoli ragazzi, che non avevano ancora conseguita la facoltà di arrossire.
Poichè la timidezza sembra dipendere dall'attenzione
rivolta su se stessi, noi possiamo comprendere, quanto
abbiano ragione coloro i quali asseriscono che lo sgridare i fanciulli per la loro timidezza, invece di giovare in
qualche modo ad essi, apporta loro danno, poichè fa sì
che essi rivolgano la propria attenzione su se stessi ancora più intensamente. Si è notato molto a proposito,
che «niente più nuoce ai giovani quanto l'essere costantemente osservati nei loro sentimenti, e il sapere esaminato il loro volto e misurato il grado della loro sensibilità dal vigile ed inesorabile occhio dell'osservatore. Sotto
l'incubo di tali esami essi non possono pensare ad altro
se non che sono osservati, e non avere altro sentimento
se non di vergogna e di inquietudine»286.
286 Essays on Pratical Education, per MARIA e R. L. ED420
Cause morali: Colpa. – Nel rossore dipendente da
cause strettamente morali riscontriamo lo stesso principio fondamentale di prima, vale a dire il riguardo al giudizio altrui. Non è la coscienza che provoca il rossore;
poichè un uomo può provare vero rincrescimento d'un
fallo insignificante commesso nella solitudine, oppure
può sentire i più acuti rimorsi di coscienza in causa d'un
delitto non scoperto, e tuttavia non arrossirà. «Io arrossisco, dice il dott. Burgess287, in presenza del mio accusatore». Non è la coscienza della colpa, ma il pensiero che
altri ci tengono per colpevoli o sanno che noi lo siamo,
che ci fa salire il rossore alla faccia. Una persona può
provare profonda vergogna d'aver detto una piccola bugia, senza arrossire; ma se egli anche solo suppone d'essere scoperto, arrossirà all'istante, specialmente se è scoperto da persona da lui stimata.
D'altro lato, una persona può essere persuasa che Dio
sia testimonio di tutte le sue azioni, e può avere la coscienza profonda del suo fallo e dimandarne perdono;
ma ciò non provocherà mai rossore, come pensa una signora, che arrossisce spesso ed intensamente. La differenza fra l'effetto della coscienza che Dio conosce le nostre azioni e quella che le conoscono gli uomini sta,
come io credo, in ciò, che la disapprovazione degli uomini per un'azione immorale è per sua natura alquanto
affine al disprezzo del nostro esteriore, così che ambeGEWORTH, nuova ediz., vol. II, 1822, p. 38. – Il dott. BURGESS (op. cit., p. 187) fa risaltare molto bene questo punto.
287 Op. cit., p. 50.
421
due per associazione conducono agli stessi risultati,
mentre la disapprovazione di Dio non richiama una simile associazione.
Più d'una persona arrossì intensamente essendo stata
accusata d'un delitto, di cui era perfettamente innocente.
Fino il pensiero (come ha osservato contro di me la su
nominata signora), che altri possano ritenere, che noi
abbiamo fatto una osservazione poco cortese o sciocca,
è sufficiente per produrre il rossore, quantunque noi siamo persuasi d'essere stati assolutamente fraintesi. Un'azione, sia essa meritevole o di natura indifferente, può
essere causa di rossore in una persona sensibile, se essa
suppone soltanto che altri la pensino diversamente. Per
esempio, una signora quando è sola può donare del danaro ad un mendico, senza traccia di rossore; ma se altri
sono presenti ed essa dubita della loro approvazione,
ovvero s'immagina che essi possano credere ch'ella sia
determinata a ciò fare dal desiderio di farsi vedere, essa
arrossirà. Sarebbe lo stesso caso, quando essa si offrisse
di alleviare la miseria d'una donna decaduta di buona famiglia, specialmente d'una conosciuta in migliori circostanze, poichè non è sicura del come verrebbe interpretata la sua azione. Ma tali casi s'avvicinano alla timidezza.
Violazione delle leggi di convenzione. – Le leggi di
convenzione sono sempre relative al nostro contegno
nei rapporti con altre persone. Esse non hanno alcun
nesso col senso morale e sono spesso insignificanti. Ma
poichè esse dipendono dall'uso stabilito dai nostri eguali
422
e superiori, la di cui stima noi teniamo in alto pregio,
così si considerano quasi altrettanto obbligatorie, quanto
lo sono le leggi dell'onore per un uomo civile. In conseguenza di ciò una lesione delle leggi di convenzione,
vale a dire un atto scortese, un'azione impropria o un'osservazione sconveniente, anche se accidentale, provoca
il rossore più intenso, di cui un uomo sia capace. Perfino
la ricordanza d'un tale atto dopo molti anni determina un
calore e un prudore su tutto il corpo. E la forza della
simpatia è così forte, che una persona sensibile, come
mi assicura una signora, talvolta arrossisce per una evidente lesione delle leggi di convenienza commessa da
una persona perfettamente estranea, sebbene l'azione
non la riguardi in alcun modo.
Modestia. – La modestia è un'altra causa potente del
rossore. Però la parola modestia racchiude in sè condizioni dell'animo assai diverse. Essa comprende l'umiltà,
che noi deduciamo spesso da ciò, che una persona prova
grande piacere ed arrossisce per una lode insignificante,
oppure da ciò che una lode esercita su di essa una impressione penosa, poichè le sembra troppo superiore al
merito dietro l'umile stregua del proprio giudizio. Il rossore ha in questo caso il significato solito della stima
dell'opinione altrui. La modestia è pure spesso relativa
ad atti d'indelicatezza, e la delicatezza è una legge di
convenzione, come lo vediamo evidentemente nei popoli che vanno completamente o quasi nudi. Chi è costumato ed arrossisce facilmente per azioni di tal natura, lo
fa, perchè esse sono lesioni d'una stabile e savia legge di
423
convenienza. Ciò è provato in fatto dalla derivazione
della parola modestus da modus, regola del nostro contegno. Un rossore in conseguenza di questa forma di
modestia diventa spesso assai intenso, poichè si riferisce
ordinariamente all'altro sesso, e abbiamo visto, come in
tutti i casi questa circostanza aumenti la nostra inclinazione al rossore. Noi chiamiamo modeste quelle persone
che hanno una bassa opinione di sè, oppure sono estremamente impressionabili per una parola o un atto indelicato o scostumato, e ciò, a quanto sembra, per la semplice ragione che in ambo i casi esse si coprono facilmente
di rossore; poichè del resto questi due stati dell'animo
non hanno nulla di comune fra loro. Per la stessa ragione si scambia spesso erroneamente la timidezza colla
modestia nel senso di umiltà.
Alcune persone arrossiscono spesso subitaneamente,
per un'ingrata ricordanza che si desta all'improvviso nella loro mente, come ho osservato io stesso e come mi fu
assicurato anche da altri. La causa più frequente sembra
essere il ricordarsi all'improvviso di non aver fatta una
cosa che si aveva promesso di fare per un'altra persona.
In questo caso sarebbe forse il pensiero «che cosa penserà essa di me», che passa quasi inconsciamente per la
mente? Se così fosse, il rossore che ne nasce sarebbe
della stessa natura di quello cagionato dalla vergogna. È
però molto dubbio, se simili fenomeni di rossore siano
nella maggior parte dei casi effetto d'una modificazione
della circolazione capillare; poichè dobbiamo ricordare,
che quasi ogni forte sentimento, per es. collera o gioia
424
intensa, esercita un'influenza sul cuore e produce rossore della faccia.
Il fatto, che si può arrossire in solitudine assoluta,
sembra essere contrario all'opinione da noi espressa che
l'abitudine dell'arrossire ripeta la sua primitiva origine
dal pensiero del giudizio che gli altri si fanno di noi. Parecchie signore, che vanno soggette ad arrossire di frequente ed intensamente, sono d'opinione unanime rispetto alla solitudine, ed alcune di esse credono di aver
arrossito all'oscuro. In seguito a quello che ha narrato il
sig. Forbes riguardo agli Aymara, e per le mie stesse
sensazioni, non ho alcun dubbio che quest'ultima affermazione non sia giusta. Shakespeare s'inganna adunque,
quando fa dire da Giulia, che non è neanche sola, a Romeo (atto II, sc. 2 a): «Tu lo sai, la notte vela il mio volto, se ciò non fosse il rossore di vergine colorirebbe le
mie guancie per ciò che ti dissi or ora». Ma il rossore
prodotto nella solitudine ripete la sua causa quasi sempre dal pensiero d'altri a nostro riguardo per atti che abbiamo eseguiti alla loro presenza o da loro immaginati;
oppure arrossiamo, quando riflettiamo a ciò che altri
avrebbe pensato di noi, se avesse avuto notizia d'una
qualche nostra azione. Ciò nullameno uno o due de' miei
corrispondenti credono d'avere arrossito per azioni che
in nessun modo possono riguardare gli altri. Se così è,
noi dobbiamo attribuire un tale risultato alla potenza di
un'abitudine radicata e all'associazione di uno stato d'animo analogo a quello che comunemente provoca rosso425
re. Nè per questo dobbiamo meravigliarci, se pensiamo
che la sola simpatia per un'altra persona che ha commesso un'evidente lesione delle leggi di convenienza è
sufficiente, come abbiamo veduto poco fa, a provocare
talvolta, come molti ritengono, il rossore.
Io vengo finalmente alla conclusione che il rossore,
dipenda esso da timidezza o da vergogna per una vera
colpa, oppure da vergogna per una mancanza alle leggi
della convenienza, ovvero da modestia dipendente da
umiltà o da morigeratezza offesa per un atto indelicato o
scostumato, è in tutti i casi determinato dallo stesso
principio, e questo principio è una viva suscettibilità per
l'opinione e specialmente per la disapprovazione o disprezzo d'altri, risguardante, almeno in origine, il nostro
esteriore, ed in ispecie la nostra faccia, e in seconda linea per forza dell'associazione e dell'abitudine per riguardo all'opinione altrui sul nostro contegno.
Teoria del rossore. – Noi passiamo ora ad esaminare,
perchè l'idea che gli altri pensano qualche cosa di noi,
debba modificare la circolazione dei nostri capillari. Il
sig. C. Bell osserva288 che il rossore «è un mezzo particolare per l'espressione dei nostri interni sentimenti,
come si può dedurre dal fatto che la colorazione si
estende solo alla superficie della faccia, del collo e del
petto, in una parola, alle parti più esposte. Non è una facoltà acquisita ma originaria». Il dottor Burgess crede
288 BELL, Anatomy of Expression, p. 95. – BURGESS, riguardo al citato che segue, op. cit., p. 49. – GRATIOLET, De la
Physionomie, p. 94.
426
che il rossore sia stato dato dal Creatore «perchè l'anima
possa avere la sovrana potenza di rappresentare sulle
guancie le varie interne emozioni di senso morale», e affinchè ciò serva a noi d'ostacolo e agli altri d'avviso, se
noi portiamo lesione a quelle leggi, che dovrebbero essere scrupolosamente osservate. Gratiolet osserva: «Or,
comme il est dans l'ordre de la nature que l'être social le
plus intelligent soit aussi le plus intelligible, cette faculté de rougeur et de pâleur qui distingue l'homme, est un
signe naturel de sa haute perfection».
All'opinione, che il rossore sia stato dato dal Creatore
ad uno scopo speciale, si oppone la teoria generale dell'evoluzione, al presente tanto generalmente accettata.
Ma non sta qui nel mio intendimento di trattenermi in
argomentazioni sulla questione generale. Coloro che
credono ad uno scopo, potranno assai difficilmente spiegarsi perchè la timidezza sia la causa più frequente e più
attiva del rossore, poichè fa soffrire la persona che arrossisce, come mette in imbarazzo lo spettatore, senza
che ciò apporti la menoma utilità ad alcuno dei due. Essi
troveranno ancora assai difficile la spiegazione del fatto
che i Negri e le altre razze umane di colore oscuro arrossiscono, quantunque sia poco o nulla evidente il cambiamento di colore della loro pelle.
Senza dubbio il viso d'una fanciulla suffuso d'un leggero rossore appare più bello, e le donne circasse che
hanno la facoltà di arrossire sono senza eccezione più
pregiate nel serraglio del sultano, di quelle meno sensi427
bili289. Tuttavia anche colui che crede fermamente all'azione dell'elezione sessuale, difficilmente ammetterà
che il rossore sia stato acquisito come un ornamento
sessuale. Questa opinione sarebbe in opposizione a
quanto fu detto poco fa del rossore delle razze umane
colla pelle di colore oscuro, in cui un cambiamento di
colore non è manifesto.
L'ipotesi che a me sembra più probabile, sebbene possa parere precipitata, si è che l'attenzione diretta fissamente su una parte qualunque del corpo tenda a turbare
l'ordinaria e tonica contrazione delle piccole arterie di
quella parte. In conseguenza di ciò, in tali circostanze
quei vasi si rilassano più o meno e si riempiono istantaneamente di sangue arterioso. Questa tendenza sarà stata
rafforzata in alto grado, se l'attenzione sia stata diretta
spesso e per molte generazioni sulla stessa parte del corpo, e precisamente perchè la forza nervosa scorre più facilmente per canali spesso usati e per il principio d'eredità. Ogniqualvolta noi crediamo che altri sprezzi il nostro esteriore o anche soltanto lo osservi, la nostra attenzione si dirigerà vivamente sulle parti esterne e visibili
del nostro corpo, e di tutte queste parti la più sensibile è
senza dubbio la faccia, come lo deve essere stata per
molte delle trascorse generazioni. Se noi dunque ammettiamo pel momento che i capillari possano sentire
l'influenza d'una viva attenzione, quelli della faccia sa289 Sull'autorità di Lady Mary Wortley Montague; vedi BURGESS, op. cit., p. 43.
428
rebbero diventati nel più alto grado sensibili. Per la forza d'associazione tenderanno a prodursi gli stessi effetti
tutte le volte che noi pensiamo essere le nostre azioni o
il nostro carattere dagli altri osservato e giudicato.
Poichè il fondamento della nostra teoria sta in ciò che
l'attenzione del nostro spirito possa avere una certa influenza sulla circolazione dei capillari, sarà necessario
che noi esponiamo una gran copia di dettagli, che più o
meno direttamente si riferiscono a questo punto. Parecchi osservatori290, i quali per la loro lunga esperienza e
per le varie cognizioni sono in grado eminente capaci di
formarsi un giudizio giusto, sono persuasi che l'attenzio290 In Inghilterra fu, come io credo, sir H. HOLLAND il primo a scrivere dell'influenza dell'attenzione del nostro spirito sulle
varie parti del corpo, nelle sue Medical Notes and Reflections,
1839, p. 64. Questo scritto fu ristampato assai più esteso dallo
stesso sir H. HOLLAND nei suoi «Chapters on Mental Physiology,» 1858, p. 79, dalla quale opera io tolgo le mie citazioni. Press'a poco nello stesso tempo e poi anche più tardi trattò dello stesso soggetto il prof. LAYCOCK; vedi Edinburgh Medical and
Surgical Journal, 1839, luglio, p. 17-22; vedi anche il di lui Treatise on the Nervous Diseases of Women, 1840, p. 110, e Mind and
Brain, vol. II, 1860, p. 327. Le idee del dottor Carpenter sul mesmerismo tendono allo stesso punto. L'illustre fisiologo Johannes
MÜLLER scrisse dell'influenza dell'attenzione sui sensi: Handbuch der Physiologie des Menschen, trad. ingl., volume II, 1840,
pp. 937, 1085. – Sir James PAGET trattò dell'influenza dello spirito sulla nutrizione degli organi nelle sue Lectures on Surgical
Pathology, 1853, vol. I, p. 39. Le mie citazioni sono tolte dalla
terza edizione riveduta dal prof. Turner, 1870, p. 28; vedi pure
GRATIOLET, De la Physionomie, p. 283-287.
429
ne o la consapevolezza (come si esprime il sig. Henry
Holland, che crede quest'ultima espressione più
propria), quando venga concentrata l'attenzione su quasi
ogni parte del corpo, eserciti una certa diretta influenza
tanto sui muscoli involontari come sui volontari, se questi involontariamente entrano in azione; lo stesso vale
per la secrezione delle glandule, per l'attività dei sensi e
delle sensazioni, e perfino per la nutrizione delle parti.
È noto che i movimenti involontari del cuore sono
modificati, se ad essi si rivolge attivamente l'attenzione.
Gratiolet291 racconta il caso d'un uomo, il quale, coll'osservare costantemente e col numerare i battiti del suo
polso, fece sì che alla fine un battito su sei era sempre
eliminato. D'altro canto, mi raccontò mio padre il caso
d'un accurato osservatore affetto senza dubbio da una
malattia di cuore, per cui anche morì, il quale affermava
in modo positivo che il suo polso era di solito straordinariamente irregolare, e tuttavia con suo grande dispiacere diventava sempre e senza eccezione regolare, ogni
volta che mio padre entrava nella sua stanza. Sir Henry
Holland osserva292 che «l'influenza subita dalla circolazione d'una determinata parte del corpo, in conseguenza
dell'attenzione rivolta istantaneamente e concentrata su
di essa, si manifesta spesso ed immediatamente». Il
prof. Laycock, che ha rivolto in modo speciale la sua attenzione a fenomeni di questo genere293, fa notare che,
291 De la Physionomie, p. 283.
292 Chapters on Mental Physiology, 1858, p. 111.
293 Mind and Brain, vol. II, 1860, p. 327.
430
«se l'attenzione viene rivolta ad una determinata parte
del corpo, la innervazione e la circolazione vengono localmente eccitate e sviluppata la funzionale attività di
quella parte».
È universalmente ammesso che i movimenti peristaltici degli intestini possono essere influenzati dall'attenzione rivolta periodicamente su di essi, e questi movimenti sono determinati dalla contrazione dei muscoli lisci ed involontari. L'azione anormale dei muscoli volontari nell'epilessia, nel ballo di san Vito e nell'isterismo è,
come si sa, influenzata dalla aspettazione di un accesso,
come pure dalla vista d'altri pazienti analoghi294. Lo
stesso vale anche per gli atti involontari dello sbadiglio
e del riso.
Certe glandule vengono intensamente influenzate dal
pensiero che si rivolge ad esse, oppure dalle condizioni
sotto le quali esse vengono abitualmente eccitate. Questo fenomeno è notissimo riguardo alla saliva, di cui
s'aumenta la secrezione, quando per es. si presenta in
modo vivace alla mente l'idea d'un frutto intensamente
acido295. Nel sesto capitolo di quest'Opera fu dimostrato
che un desiderio serio e continuo di diminuire l'attività
delle glandule lagrimali, oppure di aumentarla, non è
senza effetto. Furono comunicati alcuni casi meravigliosi risguardanti donne, della influenza dello spirito sopra
le glandule mammarie e, ciò che è ancor più meraviglio294 Chapters on Mental Physiology, p. 104-106.
295 Vedi sopra questo punto GRATIOLET, De la Physionomie, p. 287.
431
so, sulle funzioni uterine296.
Se noi rivolgiamo tutta la nostra attenzione sopra un
senso determinato, si aumenta l'acutezza di esso297, e l'abitudine continua dei ciechi di concentrare la loro attenzione sull'udito, o dei ciechi e sordi di concentrarla sul
tatto, sembra sviluppare la finezza del senso in questione in modo permanente. Giudicando dalle facoltà delle
diverse razze umane; sembra essere fondata l'opinione
296 Il dott. CRICHTON BROWNE è persuaso, dietro sue proprie osservazioni fatte sui dementi, che l'attenzione concentrata
per lungo tempo in una parte del corpo o sopra un organo finisce
per modificare la circolazione capillare e la nutrizione di quella
parte o di quell'organo. Egli mi ha comunicato alcuni casi singolari; uno di essi, che qui non può essere raccontato nei suoi particolari, riguarda una sposa di cinquant'anni, la quale ebbe per lungo tempo erroneamente la più ferma persuasione d'essere incinta.
Quando s'avvicinò il tempo prefisso, essa si contenne esattamente
come se si fosse sgravata d'un figlio, e parve ch'essa provasse dolori straordinari, cosicchè il sudore le stava sulla fronte. Il risultato fu uno stato di cose, il quale era stato sospeso durante i sei anni
precedenti, e che durò tre giorni. Il sig. BRAID racconta nel suo
libro Magic, Hypnotism, ecc., 1852, p. 95, e in altre opere, casi
analoghi ed altri fatti, i quali dimostrano l'influenza grande della
volontà sulle glandule mammarie, perfino su quella d'un solo lato.
297 Il dott. MAUDSLEY ha (The Physiology and Pathology
of Mind, seconda ediz., 1868, p. 105) in seguito a buone osservazioni, pubblicato dei dati meravigliosi relativi al miglioramento
del senso del tatto mediante l'uso e l'attenzione. È degno di nota,
che se questo senso ha con questo mezzo guadagnato in perfezione in una data parte del corpo, per es. in un dito, esso si è perfezionato nello stesso modo anche nell'altro lato del corpo.
432
che queste influenze siano ereditarie. Se ci rivolgiamo
alle sensazioni comuni, è un fatto noto che il dolore diventa più acuto, quando si rivolge ad esso l'attenzione; e
il signor Benj. Brodie va ancora più oltre, ammettendo
che si possa sentire dolore in ogni parte del corpo, purchè si concentri su esso tutta l'attenzione298. Sir Henry
Holland osserva pure che noi non solo acquistiamo la
coscienza dell'esistenza d'una data parte del corpo, sottoposta ad una concentrata attenzione, ma che percepiamo nella stessa anche diverse e meravigliose sensazioni;
come di peso, di caldo, di freddo, di punture e di prudore299.
Infine alcuni fisiologi affermano che lo spirito possa
influenzare la nutrizione delle parti. Sir J. Paget ha comunicato un caso meraviglioso della potenza non dello
spirito, ma del sistema nervoso, sui capelli. Una signora
che soffre di mali di capo, del così detto nervoso, trova
sempre nella mattina susseguente ad uno di tali accessi,
che alcuni punti della sua capigliatura sono diventati
bianchi, quasi fossero cospersi di polvere d'amido. Il
cambiamento nasce in una notte, e pochi giorni dopo i
capelli riprendono gradatamente il loro colore brunoscuro300.
Da quanto abbiamo esposto apparisce chiaramente
298 The Lancet, 1838, p. 39-40, citato dal prof. LAYCOCK,
Nervous Diseases of Women,1840, p. 110.
299 Chapters on Mental Physiology, 1858, p. 91-93.
300 Lectures on Surgical Pathology, terza ed., riveduta dal
prof. TURNER, 1870, p. 28, 31.
433
che un'attenzione intensa modifica certe parti ed organi
del corpo, che non sono propriamente soggetti al controllo della volontà. Con quai mezzi si produca l'attenzione – forse la più meravigliosa delle facoltà dello spirito – è un punto assai oscuro. A credere a Giovanni
Müller301, il processo per cui le cellule sensitive del cervello sono rese suscettibili per forza della volontà a ricevere e conservare le impressioni intensamente e distintamente, è molto analogo a quello per cui le cellule motrici sono eccitate ad inviare la corrente nervosa ai muscoli
volontari. Si hanno molti punti analoghi nell'attività delle cellule sensitive e motrici del sistema nervoso, per es.
il fatto, universalmente conosciuto, che la continuata attenzione concentrata in un dato senso produce stanchezza, come la tensione lungamente protratta di un qualche
muscolo302. Se quindi noi concentriamo volontariamente
la nostra attenzione su una parte qualunque del nostro
corpo, le cellule del cervello, che ricevono impressioni e
sensazioni da questa parte, verranno probabilmente eccitate ad agire in modo non peranco conosciuto. Ciò potrebbe spiegare come senza una manifesta alterazione
nella parte su cui è rivolta intensamente la nostra attenzione, possano manifestarsi o rafforzarsi un dolore od
altre particolari sensazioni.
301 Handbuch der Physiologie des Menschen, Bd. 2, 1840, S.
97.
302 Il prof. LAYCOCK ha discusso questo punto in un modo
assai interessante. Vedi le sue Nervous Diseases of Women, 1840,
p. 110.
434
Se poi questa parte del corpo è provveduta di muscoli, non possiamo essere sicuri, come me l'ha fatto osservare il signor Michael Foster, che non venga trasmesso
inconsciamente un qualche piccolo impulso a quei muscoli, ciò che cagionerebbe probabilmente un'oscura
sensazione nella parte.
In un grande numero di casi, come nelle glandule salivali e lagrimali, nell'intestino, ecc., la influenza dell'attenzione sembra consistere principalmente, oppure,
come alcuni fisiologi credono, esclusivamente in ciò,
che il sistema vaso-motore è in tal modo modificato da
permettere l'afflusso d'una più grande quantità di sangue
nei capillari della parte in questione. Questa aumentata
attività dei capillari può essere combinata in certi casi
coll'aumentata attività, che contemporaneamente si verifica, del sensorio.
Il modo con cui lo spirito influisce sul sistema vasomotore può concepirsi nella maniera seguente. Se noi
gustiamo un frutto acido, un'impressione sarà trasmessa
dai nervi del gusto ad una parte determinata del sensorio. Questo trasmette forza nervosa al centro vaso-motore, il quale in conseguenza di ciò permetterà alle parti
muscolose delle piccole arterie che si ramificano nelle
glandule salivali, di rilassarsi. In causa di questo rilassamento, maggior copia di sangue affluirà in queste glandule, ed esse secerneranno una maggior quantità di saliva. Ora sembra non essere improbabile, che quando noi
riflettiamo intensamente sopra una sensazione, quella
stessa parte del sensorio o una parte con essa intima435
mente legata venga posta in uno stato di attività, nello
stesso modo come se noi provassimo di fatto la sensazione. Se è così, le stesse cellule del cervello verranno
eccitate, forse in un grado minore, quando noi pensiamo
intensamente ad un sapore acido come se in realtà ne
avessimo la sensazione, ed esse in un caso come nell'altro trasmetteranno forza nervosa alle parti centrali del
sistema vaso-motore e cogli identici risultati.
Darò un altro esempio sotto un certo riguardo ancora
più evidente: se un uomo sta presso un ardente fuoco, il
suo viso si arrossa. Ciò sembra essere, come mi fa sapere il signor Michael Foster, in parte una conseguenza
dell'azione locale del calore, e in parte di un fenomeno
riflesso dipendente dai centri vaso-motori303. In questo
ultimo caso il calore agisce sui nervi della faccia; questi
trasmettono un'impressione alle cellule sensitive del cervello, le quali agiscono sulla parte centrale del sistema
vaso-motore, e questo reagisce sulle piccole arterie della
faccia, ne produce il rilassamento, in causa del quale
esse si riempiono di sangue. Anche qui sembra non improbabile che, se noi concentriamo vivamente e ripetutamente la nostra attenzione sulla ricordanza del calore
della nostra faccia, la stessa parte del sensorio che ci
procura la coscienza del vero calore, venga eccitata in
un certo grado, e in conseguenza di ciò possa essere tra303 Sull'azione del sistema vaso-motore, si consulti eziandio
una interessante lettura del signor Michael FOSTER, fatta dinanzi
alla Royal Institution, tradotta nella Revue des Cours Scientifiques, 25 set. 1869, p. 683.
436
smessa una certa quantità di forza nervosa alle parti centrali del sistema vaso-motore, per cui i capillari della
faccia si dilatano. Avendo gli uomini concentrata per
una lunghissima serie di generazioni, spesso ed intensamente la loro attenzione sul loro esteriore e specialmente sulla faccia, la incipiente tendenza dei vasi capillari
della faccia ad essere in tal modo modificati sarà stata
col tempo rafforzata in un modo significante, in forza
dei principii poco prima accennati: vale a dire la facilità
con cui la forza nervosa percorre i canali messi spesso
in azione, e l'abitudine ereditaria. Mi sembra essere questa una spiegazione plausibile dei fatti caratteristici concomitanti l'atto del rossore.
Ricapitolazione. – Uomini e donne, e specialmente i
giovani, hanno sempre tenuto in alto pregio l'esteriore
della propria persona ed hanno nello stesso modo osservato l'esteriore degli altri. La faccia è stata soggetta ad
essere osservata. La nostra attenzione su noi stessi è determinata quasi esclusivamente dall'opinione degli altri;
poichè nessun uomo vivente in solitudine assoluta vorrebbe prendersi cura del suo esterno. Ogni persona è
molto più sensibile al biasimo che alla lode. Tostochè
noi sappiamo o immaginiamo che altri abbia in isprezzo
il nostro esteriore, la nostra attenzione si dirige assai intensamente su noi stessi e più specialmente sulla nostra
faccia. Il probabile effetto di ciò sarà, come pocanzi fu
spiegato, che la parte del sensorio a cui mettono capo i
nervi sensitivi della faccia, sia posta in azione; e quella
parte reagirà col mezzo del sistema vaso-motore sui ca437
pillari della faccia. Per effetto della ripetizione durante
innumerevoli generazioni, questo processo sarà entrato
in associazione colla credenza, che altri si occupino di
noi, in un modo tanto abituale, che basterà la semplice
supposizione del loro disprezzo, perchè i capillari si rilassino, senza che siamo consapevoli di alcun pensiero
relativo alla nostra faccia. Per alcune persone assai suscettibili basta che altri diriga la propria attenzione sul
loro vestito, perchè si ottenga lo stesso effetto. Per la
forza d'associazione e dell'eredità, i nostri capillari si dilatano ancora, quando veniamo a conoscenza o c'immaginiamo che qualcheduno anche in silenzio biasimi le
nostre azioni, i nostri pensieri o il nostro carattere, oppure quando veniamo altamente lodati.
Col mezzo di questa ipotesi noi veniamo a comprendere perchè la faccia si copra di rossore molto più che
qualunque altra parte del corpo, sebbene l'intiera superficie di esso venga in un certo grado modificata, in ispecial modo in quelle razze che vanno ancora quasi nude.
Non è niente affatto strano ed incomprensibile che le
razze colla pelle di colore oscuro arrossiscano, quantunque sulla pelle di esse non si renda evidente alcun cambiamento di colore. Per la forza del principio d'eredità si
comprende ancora perchè le persone nate cieche arrossiscano. Noi possiamo spiegarci perchè i giovani siano
molto più soggetti al rossore che i vecchi, e le donne più
degli uomini, e perchè la presenza d'individui di sesso
opposto provochi in modo speciale un rossore reciproco.
Diventa chiaro perchè gli appunti personali determinino
438
con speciale facilità il rossore, e perchè la più prepotente causa di esso sia la timidezza. Imperocchè la timidezza ha riguardo alla presenza o all'opinione di altri, e i timidi sono sempre più o meno consapevoli di sè. Riguardo alla vera vergogna quale conseguenza di colpe morali, possiamo comprendere perchè non sia la colpa, ma il
pensiero che altri ci tengono per colpevoli, quello che ci
fa arrossire. Un uomo che mediti sopra un fallo commesso nella solitudine, anche se molestato dai rimorsi
della propria coscienza, non arrossisce. Tuttavia egli arrossirà per la viva ricordanza d'un fallo scoperto oppure
commesso in presenza d'altri, e il grado di rossore sta in
istretto rapporto col grado di stima ch'egli nutre per coloro che hanno scoperto il suo fallo o l'hanno supposto,
o alla presenza dei quali fu commesso. Lesioni delle regole di convenienza nel contegno determinano spesso
rossore più intenso che un delitto scoperto, se esse sono
rigorosamente osservate da persone a noi eguali o superiori, e un atto veramente delittuoso determina appena
un aumento del colore della faccia, se non vien biasimato da persone a noi eguali. La modestia dipendente da
umiltà oppure l'eccitamento del senso morale in causa
d'un atto indelicato o scostumato provoca un vivo rossore, poichè ambedue si riferiscono al giudizio o agli usi
stabiliti da altri.
In conseguenza dell'intima simpatia esistente fra la
circolazione capillare della superficie del capo e quella
del cervello, un rossore assai intenso sarà anche accompagnato da una certa, spesso grave confusione dello spi439
rito, la quale alla sua volta sarà accompagnata sovente
da movimenti stravolti e talora da involontarie contrazioni di certi muscoli.
Essendo il rossore, secondo questa ipotesi, un risultato indiretto dell'attenzione rivolta originariamente al nostro esteriore, vale a dire alla superficie del nostro corpo
e in modo speciale alla faccia, possiamo comprendere il
significato dei gesti che accompagnano in ogni parte
della terra il rossore. Questi consistono nel nascondere,
nell'abbassare il capo verso il suolo, o nel volgerlo da
una parte. Gli occhi vengono ordinariamente volti da un
lato, oppure sono irrequieti; poichè la vista dell'uomo
che fu cagione del nostro rossore o della nostra vergogna risveglia in un modo insopportabile nel nostro spirito la consapevolezza che il di lui sguardo è fissato su di
noi. In forza del principio dell'associazione delle abitudini, si eseguiscono gli stessi movimenti del capo e degli occhi, e possono di fatto difficilmente evitarsi, ogniqualvolta noi sappiamo o crediamo che altri biasimi il
nostro contegno morale o lo lodi troppo.
440
CAPITOLO XIV.
CONSIDERAZIONI FINALI E RICAPITOLAZIONE
I tre principii fondamentali che hanno determinato i principali
movimenti dell'espressione. – Loro ereditabilità. – Sulla parte
che hanno avuto la volontà e l'intenzione nel conseguimento
dei modi dell'espressione. – Della conoscenza istintiva dell'espressione. – Rapporti del soggetto colla questione dell'unità
specifica delle razze umane. – Sul graduale conseguimento
delle diverse forme dell'espressione nella serie dei progenitori
dell'uomo. – Importanza dell'espressione. – Conclusione.
Io ho fatto del mio meglio per descrivere, nelle pagine precedenti, le azioni principalissime dell'uomo e di
alcuni pochi animali inferiori, che costituiscono l'espressione. Ho anche tentato di spiegare l'origine e lo sviluppo di dette azioni in base ai tre principii di cui è parola
nel primo capitolo. Il primo di questi principii sta in ciò,
che i movimenti utili a soddisfare un qualche bisogno o
ad alleviare una qualche sensazione, ripetuti spesso, diventano abituali così, che vengono eseguiti, siano essi
utili o no, ogni volta che proviamo lo stesso bisogno o la
441
stessa sensazione anche in un grado assai leggero.
Il nostro secondo principio è quello dell'antitesi. L'abitudine di eseguire volontariamente dei movimenti
contrari in seguito a contrari eccitamenti si è fortemente
sviluppata per l'esercizio pratico durante tutta la nostra
vita. Se quindi sono state eseguite regolarmente certe
azioni in un determinato stato dell'animo conforme al
nostro primo principio, si verificherà involontariamente
una forte tendenza all'esecuzione di azioni direttamente
opposte, siano esse o non siano di qualche utilità, sotto
l'eccitamento d'uno stato opposto dell'animo.
Il nostro terzo principio è quello dell'azione diretta
del sistema nervoso irritato sul corpo, indipendentemente dalla volontà e in gran parte anche dall'abitudine. L'esperienza insegna che si produce forza nervosa e si fa libera ogni volta che il sistema nervoso cerebro-spinale
viene irritato. La direzione percorsa da questa forza nervosa viene necessariamente determinata dal modo di
unione delle cellule nervose fra loro e colle diverse parti
del corpo. Questa direzione viene pure considerevolmente influenzata dall'abitudine, in quanto che la forza
nervosa si propaga facilmente in canali messi spesso e
da lungo tempo in azione.
I movimenti pazzi e dissennati d'un uomo furioso
possono ascriversi in parte alla diffusione di forza nervosa che è priva di particolari condotti, ed in parte all'abitudine; poichè essi rappresentano spesso in un modo
indeterminato l'atto del battere. Essi si connettono per
ciò sotto questo riguardo coi gesti dipendenti dal nostro
442
primo principio; nel caso per es. d'un uomo arrabbiato
od indignato che assume inconsciamente una posizione
adatta all'offesa del suo avversario, e senza nessuna intenzione di recargli di fatto un'offesa. Noi vediamo ancora l'influenza dell'abitudine in tutti i sentimenti e le
sensazioni che vengono chiamati eccitanti; essi hanno
assunto questo carattere per ciò, che ordinariamente
hanno provocato delle azioni energiche; ma un'attività
modifica in modo indiretto il sistema respiratorio e circolatorio, e quest'ultimo reagisce alla sua volta sul cervello. Ogni volta che noi proviamo questi eccitamenti o
sensazioni in grado anche insignificante, quantunque
essi in questo caso non producano nessuno sforzo, tuttavia tutto il nostro corpo si turba per la forza dell'abitudine e dell'associazione. Altri sentimenti e sensazioni vengono detti deprimenti, poichè essi comunemente non
hanno provocato azioni energiche, eccezione fatta del
primo momento, come un estremo dolore, la paura e
l'affanno; infine essi hanno cagionato stanchezza o sfinitezza; la loro espressione è per conseguenza formata da
segni negativi e da prostrazione generale. Si dànno inoltre altri sentimenti ancora, come quelli dell'affetto, i
quali ordinariamente non determinano alcuna attività di
nessuna specie e conseguentemente non vengono
espressi da segni esteriori distinti. È però vero che l'affetto, in quanto che sia un sentimento gradevole, provoca i segni ordinari del piacere.
D'altro canto, molti degli effetti, che si manifestano,
in conseguenza di un'irritazione del sistema nervoso,
443
sembrano essere affatto indipendenti dalla corrente di
forza nervosa che percorre i canali diventati abituali in
seguito ad antecedenti sforzi della volontà. Simili effetti,
i quali tradiscono spesso lo stato dell'animo delle persone affette in tal maniera, non possono spiegarsi per ora;
come è per esempio il cambiamento di colore dei capelli
in seguito a terrore o cordoglio – il sudor freddo e il tremito dei muscoli per paura – le alterazioni delle secrezioni del tubo digerente – e il cessare dell'attività in certe glandule.
Quantunque molti fatti relativi al soggetto di cui qui
trattiamo siano incomprensibili, si possono però spiegare fino ad un certo punto tanti movimenti ed attività costituenti una determinata espressione col mezzo dei tre
principii o leggi sopraccennate, che possiamo nutrire
fondata speranza di vederli più tardi tutti spiegati col
mezzo di essi o di principii assai analoghi.
Le azioni di qualunque specie che accompagnano regolarmente e costantemente una determinata modificazione dello spirito si denominano espressioni. Queste
possono essere formate da movimenti di una qualunque
parte del corpo; per es. il dimenare della coda del cane,
lo stringersi nelle spalle dell'uomo, l'erigersi dei peli, la
secrezione di sudore, la modificazione dei capillari, il
respirare affannoso, e l'attività degli organi della voce e
d'altri apparati producenti suono. Perfino gli insetti
esprimono collera, terrore, gelosia ed amore col mezzo
dei loro striduli suoni. Nell'uomo gli organi della respirazione hanno un'importanza speciale nell'espressione,
444
in modo diretto non solo, ma anche e molto più in modo
indiretto.
Pochi punti relativi al presente soggetto sono più interessanti della catena estremamente complicata di fenomeni che costituiscono certi movimenti molto espressivi. Si consideri per es. la posizione obliqua delle sopracciglia d'un uomo affetto di dolore o di affanno. Quando
piccoli fanciulli strillano per la fame o per dolore, la circolazione ne vien modificata e gli occhi si riempiono facilmente di sangue: in conseguenza di ciò i muscoli protettori che circondano l'occhio si contraggono fortemente. Questo modo d'agire è stato sicuramente reso fisso ed
ereditario nel corso di molte generazioni. E se anche col
progredire degli anni e della coltura sia in parte venuta
meno l'abitudine di strillare, i muscoli che circondano
l'occhio tendono tuttavia a contrarsi, ogni qualvolta una
sensazione di angustia anche insignificante si manifesti.
Di questi muscoli, i piramidali del naso sono meno soggetti al controllo della volontà che gli altri, e la contrazione può essere solo impedita da quelle dei fasci mediani del muscolo frontale; questi ultimi fasci sollevano
le estremità interne delle sopracciglia e solcano la fronte
in un modo tutto particolare, che noi immediatamente
riconosciamo come espressione del dolore o dell'affanno. Movimenti insignificanti, come quelli qui accennati,
o l'abbassamento appena sensibile dell'angolo orale
sono gli ultimi avanzi o i rudimenti di movimenti ben
distinti e comprensibili. Essi hanno per noi, riguardo all'espressione, la stessa grande importanza che hanno pel
445
naturalista i comuni organi rudimentali nella classificazione e genealogia degli esseri organici.
Ognuno vorrà concedere che i principali movimenti
espressivi presentati dall'uomo e dagli animali inferiori
siano al presente congeniti o ereditati, vale a dire non
appresi dall'individuo. Impararli od imitarli è affatto impossibile per molti di essi, poichè fino dai primi giorni
dell'infanzia e per tutta la vita sono perfettamente esclusi dal controllo della volontà; come per es. il rilassamento delle arterie della pelle, e l'aumento dell'attività del
cuore nella collera. Noi possiamo veder arrossire per
vergogna bambini di due o tre anni anche ciechi nati, e
la pelle nuda del capo di piccoli fanciulli diventar rossa
quand'essi sono agitati da qualche passione. I bambini
strillano per dolore immediatamente dopo la nascita, e
in allora i lineamenti della loro faccia presentano la stessa forma, come negli anni posteriori. Questi soli fatti bastano a dimostrare che molti dei nostri più significanti
movimenti espressivi non sono stati appresi; è peraltro
meraviglioso che alcuni di essi, senza dubbio congeniti,
abbisognino d'un certo esercizio nell'individuo primachè
possano essere eseguiti completamente e in modo perfetto: per esempio il pianto ed il riso. L'ereditabilità del
maggior numero dei nostri movimenti espressivi spiega
il fatto che i fanciulli nati ciechi, come mi dice il rev. R.
H. Blair, eseguiscono gli stessi movimenti e nello stesso
modo, come quelli dotati della vista. Per l'ereditabilità
noi possiamo comprendere anche il fatto, che gl'individui, tanto giovani quanto vecchi, di razze assai distinte,
446
nell'uomo come negli animali, esprimano eguali modificazioni dell'animo con movimenti eguali.
Il fatto che giovani e vecchi animali esprimono i loro
sentimenti nello stesso modo ci è tanto famigliare, che
noi osserviamo appena quanto sia meraviglioso che un
giovane cagnolino appena nato dimeni la coda se è di
buon umore, abbassi le orecchie e scopra i denti canini
quando vuol mostrare collera, esattamente come un cane
vecchio, oppure che un piccolo micino curvi il suo dorso ed eriga i suoi peli per paura o per collera, precisamente come un vecchio individuo della sua specie. Se
noi rivolgiamo ora la nostra attenzione a quei gesti, i
quali in noi stessi di rado avvengono e che siamo avvezzi a ritenere artificiali o convenzionali, come lo stringer
delle spalle per esprimere impotenza o il sollevare delle
braccia colle mani aperte e le dita allargate per esprimere meraviglia, ci sorprenderà forse assai di trovare che
essi sono congeniti. Noi possiamo conchiudere che questi ed alcuni altri gesti sono ereditari, considerando che
essi vengono eseguiti da fanciulli molto giovani, dai ciechi nati e da razze umane le più diverse. Noi dobbiamo
ancora ricordare che nuove e molto singolari abitudini,
associate con certe modificazioni dello spirito, sviluppatesi in determinati individui furono in alcuni casi trasmesse alla prole per più d'una generazione.
Certi altri gesti i quali a noi sembrano tanto naturali,
così che ci potremmo facilmente immaginare che siano
congeniti, furono assai probabilmente appresi come i
vocabili d'una lingua. Il sollevare le mani giunte e il vol447
gere degli occhi in alto durante la preghiera sembrano
essere di questo numero. Lo stesso vale pel bacio quale
dimostrazione d'affetto; questo è però innato, in quanto
dipende dal piacere che il contatto con una persona
amata ci procura. Le prove relative all'ereditabilità del
piegare e dello scuotere del capo in segno d'affermazione e di negazione, sono dubbie; questi segni non sono
affatto comuni a tutti, ma sembrano però troppo diffusi
per essere stati appresi da tutti gli individui di razze tanto numerose in un modo indipendente.
Passiamo ora ad indagare quanta parte abbiano avuto
la volontà e la consapevolezza nello sviluppo dei diversi
movimenti dell'espressione. Per quanto noi possiamo
giudicare, solo alcuni pochi movimenti espressivi, come
quelli or ora accennati, furono imparati da ciascun individuo, vale a dire furono consciamente e volontariamente eseguiti nei primi anni della vita ad uno scopo determinato o ad imitazione di altri, e diventati quindi abituali.
Il massimo numero dei movimenti dell'espressione e
fra questi i più significanti sono, come abbiamo veduto,
innati o ereditari, e di questi non si può dire che dipendano dalla volontà dell'individuo. Tuttavia tutti i movimenti compresi dalla nostra prima legge erano originariamente eseguiti ad uno scopo determinato, vale a dire
per preservare da un qualche pericolo, per alleviare una
sensazione molesta, o per soddisfare un qualche bisogno. Si può, per es., difficilmente dubitare che gli animali, i quali combattono coi loro denti, non abbiano
448
conseguita l'abitudine di rivolgere le loro orecchie all'indietro e di premerle contro il capo, per ciò che i loro
progenitori hanno volontariamente agito in tal modo,
per difendere le loro orecchie dalle lacerazioni dei loro
nemici; poichè quegli animali che non combattono coi
denti non esprimono il loro furore in questo modo. Noi
possiamo ritenere come assai probabile, che noi stessi
abbiamo conseguito l'abitudine di contrarre i muscoli
che circondano l'occhio, quando piangiamo quietamente, cioè senza produrre alcun suono, per ciò che i nostri
progenitori specialmente nell'infanzia abbiano provato
nell'atto dello strillare una sensazione molesta al loro
globo oculare. Inoltre havvi alcuni movimenti altamente
espressivi, i quali sono il risultato del tentativo di trattenere o di impedire altri movimenti espressivi; così la posizione obliqua delle sopracciglia e l'abbassamento dell'angolo orale sono conseguenze del tentativo di evitare
o di interrompere, se già è avvenuto, uno scoppio di grida. In questo caso, è chiaro che la coscienza e la volontà
debbono essere da principio in giuoco; il che però non
vuol dire che noi in questi o in altri casi simili sappiamo
quali muscoli vengano posti in attività, ciò che qui non
avviene, come non avviene nell'esecuzione dei movimenti volontari i più comuni.
Quanto ai movimenti espressivi determinati dal principio dell'antitesi, è chiaro che la volontà è venuta in
giuoco, sebbene in un modo lontano ed indiretto. Lo
stesso vale ancora per quei movimenti che cadono sotto
il nostro terzo principio. Siccome questi sono influenzati
449
da ciò che la forza nervosa facilmente si propaga entro
canali usati, essi furono determinati da antecedenti ripetute manifestazioni della volontà. Gli effetti indirettamente determinati da questo ultimo influsso sono spesso
complicati, per la forza dell'abitudine e dell'associazione, con quelli che risultano direttamente dalla irritazione
del sistema nervoso cerebro-spinale. Di questo numero
sembra essere l'aumento dell'attività cardiaca sotto l'influsso d'un forte eccitamento dello spirito. Quando un
animale erige il pelo, assume una posa minacciosa ed
emette dei suoni furiosi per incutere paura o terrore ad
un nemico, noi vediamo un'ammirabile combinazione di
movimenti, i quali originariamente erano volontari, con
degli altri involontari. È però possibile che anche atti
strettamente involontari, come l'erezione dei peli, possano essere stati influenzati dalla misteriosa potenza della
volontà.
Alcuni movimenti espressivi potrebbero esser nati
spontaneamente in associazione con certe modificazioni
dell'animo, come quei piccoli tratti particolari di cui fu
parlato anche poco prima. Ma io non conosco nissuna
prova di fatto che renda verosimile questa opinione.
La facoltà di comunicazione fra i membri d'uno stesso stipite col mezzo della parola è stata della più alta
importanza rispetto allo sviluppo dell'uomo; e la potenza della parola è rafforzata in modo significante dei movimenti espressivi della faccia e del corpo. Noi ci accorgiamo di ciò, quando c'intratteniamo a discorrere sopra
un soggetto importante con una persona di cui non ve450
diamo il volto. Ciò non ostante, per quanto mi fu dato
indagare, non vi sono ragioni per ritenere che un muscolo qualunque sia stato sviluppato o anche solo modificato allo scopo esclusivo dell'espressione. Gli organi vocali e gli altri apparati che producono suoni assai espressivi sembrano formare una parziale eccezione; io ho tuttavia in altro luogo tentato di dimostrare che questi organi
dapprima furono sviluppati per scopi sessuali, affinchè
col loro mezzo uno dei sessi possa chiamare e solleticare l'altro. Io non sono neppure in istato di trovare ragioni
per ammettere che un movimento ereditario qualsiasi, il
quale serve ora come mezzo della espressione, sia stato
eseguito in origine volontariamente e consciamente per
ottenere questo scopo particolare, – come alcuni gesti e
il linguaggio della dita dei sordo-muti. All'opposto sembra che ogni movimento proprio o ereditario della
espressione abbia avuto un'origine naturale e indipendente. Ma una volta raggiunti questi particolari movimenti, essi possono essere impiegati volontariamente e
consciamente quali ausiliari della reciproca comunicazione. Perfino i bambini s'accorgono in età ancora tenera, se sono accuratamente allevati, che il loro strillare
arreca loro sollievo, e presto imparano a strillare volontariamente. Noi possiamo osservare spesso come taluno
aggrotti involontariamente le sopracciglia per esprimere
stupore, o sorrida per esprimere contentezza e soddisfazione. Spesso avviene che taluno desideri rendere evidenti e dimostrativi certi gesti; e allora innalza le sue
braccia distese e colle dita allargate sopra il suo capo,
451
per esprimere meraviglia, oppure solleva le spalle fino
alle orecchie per indicare che egli non può o non vuole
fare qualche cosa. La tendenza ad eseguire tali movimenti verrà rafforzata o aumentata, se essi vengono eseguiti nel modo anzidetto volontariamente e ripetutamente; e simili attitudini possono essere trasmesse.
Vale forse la pena d'esaminare se certi movimenti, i
quali dapprincipio furono usati solo da uno o da pochi
individui per esprimere un determinato stato dell'animo,
si sieno talvolta estesi ad altri individui e infine si siano
resi comuni per virtù dell'imitazione conscia od inconscia. È certo che havvi nell'uomo una forte tendenza all'imitazione indipendentemente dalla volontà cosciente.
Ciò si manifesta nel modo più straordinario in certe malattie cerebrali, e specialmente in principio del rammollimento infiammatorio del cervello. Gl'individui affetti
da questa malattia imitano, senza nulla comprendere,
ogni gesto, per quanto assurdo, che venga fatto in loro
presenza, e ripetono ogni parola che venga pronunciata
vicino a loro, anche se in una lingua forestiera304. Per
quanto riguarda gli animali, lo sciacallo e il lupo in istato di prigionia hanno imparato ad imitare il latrato del
cane. In qual modo sia stato originariamente imparato il
latrato del cane, il quale serve ad esprimere sentimenti e
desiderii diversi, e che è così meraviglioso perchè acquisito dopo che il cane fu ridotto allo stato domestico e
304 Vedi gli interessanti fatti narrati dal dott. BATEMAN nel
suo trattato sull'Afasia, 1870, p. 110.
452
perchè ereditato in diverso grado dalle diverse razze, ci
è ignoto; ma non si potrebbe forse supporre che l'imitazione abbia avuto la sua parte nell'origine di esso, vale a
dire nel senso che i cani sono vissuti per lungo tempo in
società con un animale tanto ciarliero come è l'uomo?
Nel corso delle presenti osservazioni e dell'intiero libro io ho spesso provato una difficoltà significante relativa all'uso appropriato delle espressioni: volontà, coscienza e intenzione. Azioni, le quali dapprincipio sono
volontarie, diventano presto abituali e infine ereditarie,
e allora possono essere eseguite anche in opposizione
alla volontà. Sebbene esse manifestino spesso lo stato
dell'animo, tuttavia questo risultato dapprincipio non era
preveduto nè aspettato. Anche espressioni simili, come,
per es., la seguente: «Certi movimenti servono quai
mezzi dell'espressione», possono facilmente condurre in
errore, poichè racchiudono l'idea, che questo sia stato il
loro scopo primitivo. Ciò sembra essere avvenuto solo
di rado o quasi mai; i movimenti, o sono stati originariamente di qualche vantaggio diretto, oppure sono effetti
indiretti dell'irritazione del sensorio. Un bambino può
strillare a bella posta oppure istintivamente, per dimostrare che ha bisogno di nutrimento; ma non ha desiderio alcuno nè alcuno scopo di contorcere i suoi lineamenti in un modo particolare, che indica tanto chiaramente la pena. E tuttavia alcune forme assai caratteristiche dell'espressione nell'uomo sono da derivarsi dall'atto
dello strillare, come prima fu spiegato.
Sebbene la massima parte delle nostre azioni espres453
sive siano innate o istintive, come ognuno vorrà concedere, è tuttavia un'altra questione, se noi abbiamo una
qualche facoltà istintiva di riconoscerle. Si è creduto
universalmente che questo sia il caso; ma tale opinione
fu violentemente combattuta dal sig. Lemoine305. Le scimie imparano presto a distinguere il suono della voce
dei loro padroni non solo, ma anche l'espressione del
loro volto, come un accurato osservatore ha indicato306. I
cani conoscono assai bene la differenza fra i gesti e i
suoni carezzevoli e i minacciosi; e sembra pure che essi
riconoscano il suono compassionevole. Ma per quanto
io potei dedurre da ripetuti esperimenti, essi non comprendono nissun movimento limitato alla faccia, ad eccezione del sorriso e del riso; questi sembrano essere
compresi da loro almeno in alcuni casi. Codesto limitato
grado di conoscenza fu conseguito da essi, dalle scimie
come dai cani, probabilmente per ciò che hanno associato coi nostri movimenti un trattamento aspro o benevolo; di certo questa conoscenza non è istintiva. È fuor di
dubbio che i bambini imparano a comprendere i movimenti espressivi di persone più avanzate in età, nello
stesso modo come gli animali quelli dei loro padroni.
Inoltre, se un bambino piange, o ride, sa in un modo generale che cosa egli faccia o senta, così che con un piccolo dispendio d'intelligenza capirà che cosa significhi
in altri il pianto o il riso. La questione si riduce dunque
305 La Physionomie et la Parole, 1865, p. 103, 118.
306 RENGGER, Naturgeschichte der Säugethiere von
Paraguay, 1830, p, 55.
454
in questi termini: i nostri bambini conseguiscono essi la
conoscenza dell'espressione soltanto col mezzo dell'esperienza ed in virtù della forza di associazione e dell'intelligenza?
Poichè la massima parte dei movimenti espressivi si
sono sviluppati gradatamente e devono più tardi essere
diventati istintivi, sembra a priori esservi un certo grado
di probabilità, che anche la facoltà di riconoscerli sia divenuta istintiva. Almeno questa opinione non incontra
difficoltà più serie di quella, che la femmina d'un mammifero che abbia figliato per la prima volta comprenda
il pianto di dolore ed angustia dei suoi figli, oppure che
molti animali conoscano e temano istintivamente i propri nemici; e di questi due fatti non si può ragionevolmente dubitare. Ma è d'altronde assai difficile dimostrare che i nostri bambini riconoscano istintivamente il significato d'una qualsiasi espressione. Io feci delle osservazioni intorno a questo punto sul mio figlio primogenito, il quale nulla poteva aver imparato pel contatto con
altri bambini, e mi convinsi che egli comprendeva un
sorriso, provava piacere nel vederlo e rispondeva con
uno simile, mentre era in un'età troppo tenera per poter
aver imparato qualche cosa dall'esperienza. Essendo
questo bambino nell'età di quattro mesi, feci in sua presenza diversi, e strani rumori e gesti stravolti e tentai anche di fare la brutta ciera; ma se i rumori non erano
troppo forti, venivano presi, come i gesti, per celie; io
l'attribuii al tempo e alle circostanze, poichè tutto ciò era
preceduto od accompagnato da un sorriso. A cinque
455
mesi parve intendesse un'espressione e un suono della
voce compassionevole. Quando aveva oltrepassato di
pochi giorni i sei mesi, la sua allevatrice finse di piangere, ed io potei osservare il suo viso assumere all'istante
un'espressione malinconica cogli angoli orali fortemente
abbassati. Ora questo bambino poteva aver veduto solo
di rado un altro bambino a piangere e mai una persona
adulta; io dubito pure che potesse riflettere su ciò in età
tanto tenera. Mi sembra quindi che un sentimento innato
gli debba aver detto che il finto pianto dell'allevatrice
esprime dolore: e ciò provocò in lui dolore per l'istinto
di simpatia.
Il signor Lemoine opina che, se l'uomo possedesse
una conoscenza innata dell'espressione, scrittori ed artisti non avrebbero trovato tanta difficoltà, come è notoriamente il caso, nel descrivere e nell'imitare i segni caratteristici di ogni speciale stato dell'animo. Questo mi
sembra non essere un argomento valevole. Noi possiamo di fatti osservare come l'espressione in un uomo o in
un animale cambi in modo da non ammettere confusione, e tuttavia siamo assolutamente incapaci, come io so
per esperienza, di analizzare la natura del cambiamento.
In due fotografie d'uno stesso uomo attempato prodotte
da Duchenne (Tav. III, fig. 5 e 6) quasi ognuno riconobbe, che l'una rappresentava un vero, l'altra un falso sorriso; e tuttavia io trovai grave difficoltà nel decifrare in
che consista tutta la differenza.
Io ebbi spesso a restar sorpreso come di cosa meravigliosa, che tante gradazioni dell'espressione siano da noi
456
immediatamente riconosciute senza alcun processo di
analisi. Io credo che nessuno possa descrivere esattamente un'espressione di dispiacere e di astuzia; e tuttavia molti osservatori sono concordi nello asserire che
queste forme dell'espressione sono riconoscibili nelle diverse razze umane. Quasi ognuno a cui ho mostrato la
fotografia di Duchenne relativa al giovane colle sopracciglia obliquamente disposte (Tav. II, fig. 2), dichiarò
tosto come essa esprimesse dolore o qualche sentimento
analogo; e tuttavia probabilmente nissuna di queste persone oppure una fra mille, avrebbe potuto citare qualche
particolare della posizione obliqua delle sopracciglia
colle estremità interne ingrossate o dei solchi rettangolari della fronte. Lo stesso accade anche di altre forme
dell'espressione; io lo ho praticamente esperimentato
alla pena che si prova nell'insegnare ad altri quali punti
si debbano osservare. Se dunque una grande ignoranza
relativamente ai dettagli non impedisce che noi riconosciamo prontamente e con sicurezza le diverse forme
dell'espressione, non comprendo come si possa addurre
tale ignoranza per prova che la nostra conoscenza, quantunque indeterminata e assai generale, non sia innata.
Io ho avuto cura di dimostrare con una buona copia di
dettagli, che le principali forme dell'espressione presentate dall'uomo sono identiche su tutta la superficie della
terra. Questo fatto è interessante, in quanto che costituisce un nuovo argomento in favore dell'idea che le diverse razze derivino da un'unica e stessa forma primitiva, la
quale deve essere stata quasi perfettamente umana nella
457
sua struttura e assai avanzata nel suo mentale sviluppo,
prima che la divergenza delle razze sia avvenuta. È bensì vero che apparati analoghi di struttura, adatti allo stesso scopo, furono spesso conseguiti indipendentemente,
per virtù della variabilità e della elezione naturale, da
specie diverse; ma questa idea non spiega la grande somiglianza di specie diverse in un gran numero di insignificanti particolarità. Se consideriamo le numerose
particolarità di struttura, estranee all'espressione, in cui
concordano esattamente tutte le razze umane, e aggiungiamo ad esse quelle ancor numerose – alcune della più
grande importanza e molte di valore assai subordinato, –
da cui dipendono i movimenti dell'espressione in un
modo diretto od indiretto, mi sembra assai improbabile,
che una sì grande somiglianza o, per meglio dire, identità di struttura sia stata determinata da mezzi indipendenti. E tuttavia questo dovrebbe essere stato il caso, se le
diverse razze umane fossero derivate da parecchie specie originariamente diverse. Egli è assai più probabile
che i molti punti di grande somiglianza nelle diverse
razze siano conseguenza dell'eredità da un'unica forma
primitiva, la quale abbia già raggiunto il carattere umano.
Sarebbe interessante, sebbene forse penosa, la ricerca
dell'epoca in cui, nella lunga serie dei nostri progenitori,
sono successivamente apparsi i diversi movimenti
espressivi che l'uomo presenta. Le seguenti osservazioni
possono almeno bastare a richiamare alla memoria alcuni dei punti più importanti discussi in questo volume.
458
Noi possiamo ritenere con certezza che il riso sia apparso come segno di gioia o di piacere nei nostri progenitori molto prima ch'essi meritassero il nome di esseri umani; poichè moltissime specie di scimie emettono, quando
provano piacere, un suono spesso ripetuto, evidentemente analogo al nostro riso, accompagnato da movimenti tremoli delle loro mascelle e delle labbra, durante
il quale gli angoli orali vengono ritratti all'insù ed all'indietro, le guancie diventano solcate e perfino gli occhi
splendenti.
Nello stesso modo noi possiamo conchiudere che la
paura già in un tempo estremamente lontano venisse
espressa in un modo quasi identico a quello che ora avviene nell'uomo; vale a dire col mezzo di tremiti, dell'erezione dei peli, del sudor freddo, del pallore, dello spalancar degli occhi, del rilassamento della maggior parte
dei muscoli, e col rannicchiarsi o coll'immobilità del
corpo.
Il dolore avrà prodotto, se intenso, fin da principio il
gridare o il ringhiare accompagnato da contorcimenti
del corpo e dal digrignare dei denti. I nostri progenitori
però non avranno presentato quei tratti della faccia tanto
espressivi che accompagnano il gridare ed il piangere,
prima che i loro organi della respirazione e della circolazione e i muscoli che attorniano gli occhi abbiano raggiunto la presente loro struttura. Il lagrimare sembra
aver avuto origine da azioni riflesse, risultanti dalla contrazione convulsiva delle palpebre, in unione forse allo
iniettarsi degli occhi di sangue durante l'atto del gridare.
459
Il pianto apparve quindi probabilmente più tardo nella
serie dei nostri progenitori; questa conclusione concorda
col fatto, che i nostri parenti più vicini, le scimie antropomorfe, non piangono. Tuttavia noi dobbiamo qui procedere con qualche prudenza; poichè, se certe scimie,
che non sono più affini coll'uomo, piangono, quest'abitudine può essersi sviluppata in un tempo molto lontano,
in un ramo secondario del gruppo da cui ha avuto la sua
origine l'uomo. Se i nostri antichi progenitori soffrirono
cordoglio od inquietudine, non avranno però disposte
obliquamente le sopracciglia o abbassato l'angolo orale,
prima di avere conseguito l'abitudine di tentare di soffocare i loro gridi. La espressione del cordoglio e della inquietudine è quindi eminentemente umana.
Il furore sarà stato espresso in epoca assai antica da
gesti minacciosi o frenetici, dall'arrossarsi della pelle e
dallo sguardo fisso, ma non dal corrugarsi della fronte.
L'abitudine di corrugare la fronte sembra essersi sviluppata per ciò, che i corrugatori delle sopracciglia furono i
primi muscoli a contrarsi, ogni volta che durante la prima infanzia si producevano le sensazioni di dolore o d'ira – circostanze codeste in cui il pianto è imminente – e
in parte anche per ciò che il corrugare della fronte serviva di riparo, quando la vista era difficile ed intensa.
Quest'azione, di farsi riparo agli occhi colle palpebre,
sembra non esser divenuta probabilmente abituale, finchè l'uomo non conseguì una stazione perfettamente
eretta; poichè le scimie non corrugano le loro sopracciglia, quando sono esposte ad una luce troppo viva. I no460
stri antichi progenitori avranno probabilmente denudato
i loro denti quando venivano in ira, più di quello che
non faccia l'uomo al presente anche quando lascia libero
corso al suo furore, come nel caso di alienazione. Noi
possiamo anche ritenere per certo che essi avranno allungato le loro labbra in caso di malumore o di disinganno, molto più che non lo facciano al presente i nostri
bambini od anche i bambini di razze umane attualmente
selvaggie.
I nostri antichi progenitori, sentendosi di malumore o
moderatamente sdegnati, non avranno drizzato il capo,
allargato il torace, contratte le spalle e stretti i pugni prima d'aver conseguito il contegno ordinario e la stazione
eretta dell'uomo, e prima di aver imparato a combattere
coi loro pugni o colle mazze. Fino a questa epoca il gesto dell'antitesi, di stringere le spalle in segno d'impotenza o di pazienza, non sarà stato sviluppato. Per la
stessa ragione, la sorpresa in quell'epoca non si sarà
espressa coll'innalzare le braccia colle mani aperte e le
dita allargate. Nè lo stupore, a giudicare dal modo d'agire delle scimie, sarà stato manifestato collo spalancar
della bocca; saranno stati invece spalancati gli occhi e
curvate le palpebre. L'orrore o l'avversione si sarà manifestata in epoca molto antica con movimenti della bocca
simili a quelli del vomito, – ciò però solo nel caso che
l'idea, da me espressa in via d'ipotesi (che cioè i nostri
progenitori abbiano avuto ed usato delle facoltà di rigettare dal loro stomaco volontariamente e rapidamente un
nutrimento che loro non convenisse) sia giusta. Il modo
461
più raffinato di esprimere disprezzo o disistima coll'abbassare le palpebre o col volgere degli occhi e del capo,
come se la persona disprezzata non fosse degna d'un nostro sguardo, non si sarà probabilmente conseguito che
in epoca di molto posteriore.
Fra tutte le forme dell'espressione sembra essere il
rossore la più umana nello stretto senso della parola; e
tuttavia ell'è propria a tutte o a quasi tutte le razze umane, sia essa accompagnata da un cambiamento visibile
del colore della pelle o no. Il rilassamento delle piccole
arterie della superficie della pelle, da cui il rossore è determinato, sembra essere in prima linea un effetto della
seria attenzione rivolta all'esteriore della nostra persona
e in ispecie della nostra faccia, a cui s'aggiunse poi l'effetto dell'abitudine, dell'eredità e della facilità con cui la
forza nervosa percorre vie usate; più tardi sembra essersi aggiunta per virtù dell'associazione l'attenzione rivolta al contegno morale. Si può difficilmente dubitare che
molti animali siano in istato di pregiare i bei colori e
persino le forme, come si può dedurre dalla cura che impiegano gli individui d'un sesso per far risaltare la loro
bellezza davanti al sesso opposto. Ma non sembra però
possibile che un animale qualsiasi abbia rivolto una seria attenzione sul proprio esteriore e sia divenuto suscettibile riguardo ad esso, fino a che le sue facoltà intellettuali non sieno state sviluppate in grado eguale o quasi
eguale a quelle dell'uomo. Noi possiamo quindi conchiudere che il rossore è apparso in un'epoca assai tarda
nella nostra lunga serie di discendenza.
462
Dai diversi fatti accennati e discussi nel corso del presente libro segue che, se la struttura dei nostri organi
della respirazione e della circolazione avessero variato
in un grado anche insignificante dallo stato in cui presentemente si trovano, la massima parte dei nostri modi
dell'espressione sarebbero stati molto diversi. Una variazione, anche assai piccola, nella distribuzione delle arterie e delle vene del capo avrebbe probabilmente impedito che il sangue possa accumularsi nel nostro globo oculare in seguito a violente espirazioni; poichè questo fatto
si verifica solo in assai pochi mammiferi. In questo caso
noi non avremmo manifestato alcune delle nostre forme
dell'espressione più caratteristiche. Se l'uomo avesse respirato nell'acqua col mezzo di branchie esterne (benchè
quest'idea si possa appena immaginare), invece di inspirare aria col mezzo della bocca e delle narici, i lineamenti del suo volto non avrebbero espresso meglio i
suoi sentimenti, di quello che ora lo facciano le mani o
gli arti. Il furore e l'avversione li avrebbe però sempre
potuti esprimere col mezzo di movimenti delle labbra e
della bocca, e gli occhi sarebbero diventati splendenti o
languidi secondo lo stato della circolazione. Se le nostre
orecchie fossero restate mobili, i loro movimenti sarebbero stati in alto grado espressivi; come avviene in tutti
quegli animali che combattono coi denti; e noi possiamo
ammettere che i nostri antichi progenitori abbiano combattuto in questo modo, poichè noi denudiamo ancora
invariabilmente il dente canino di un lato quando esprimiamo scherno o teniamo fronte ad un nemico, e mo463
striamo tutti i nostri denti se siamo in preda ad un frenetico furore.
I movimenti dell'espressione della faccia e del corpo,
qualunque possa essere la loro origine, sono in se stessi
di grande importanza pel nostro benessere. Essi servono
quai primi mezzi di comunicazione fra la madre ed il figlio; essa gli dimostra con un sorriso la sua approvazione e lo sprona con ciò a continuare per la retta via, oppure essa manifesta col corrugar della fonte la sua disapprovazione. Noi ci accorgiamo spesso della simpatia
di altri dalla forma della loro espressione; i nostri dolori
vengono con ciò sollevati e aumentate le nostre gioie; e
con ciò viene rafforzato il sentimento reciproco dell'affetto. I movimenti dell'espressione dànno alla nostra parola vivacità ed energia. Essi mettono in chiaro i pensieri e le intenzioni degli altri meglio che nol facciano le
parole, che possono essere simulate. Per quanto di vero
possa esservi nella così detta scienza della fisionomia,
essa sembra dipendere, come già da lungo tempo ha osservato Haller307, da ciò che persone diverse, a seconda
dei loro sentimenti, mettono in frequente azione diversi
muscoli della faccia; così si aumenta forse lo sviluppo
di questi muscoli, e le linee o solchi che si formano sulla
faccia in conseguenza dell'abituale loro contrazione diventano più profondi e più evidenti. La libera espressione d'un sentimento col mezzo di segni esterni lo rende
307 Citato da MOREAU nella sua edizione del LAVATER,
1820, tom. IV, p. 211.
464
più intenso. D'altro lato, la eliminazione di ogni segno
esterno, per quanto è possibile, rende i nostri sentimenti
più miti308. Chi lascia libero sfogo al proprio furore con
gesti violenti, non farà che rafforzarlo; chi non sottopone i segni esterni della paura al controllo della volontà,
sentirà paura in grado più elevato; e chi resta inattivo,
quando vien sopraffatto dal dolore, perde la miglior occasione per riconquistare l'elasticità dello spirito. Questi
risultati scaturiscono in parte dal rapporto intimo che
passa fra i sentimenti e la loro esterna manifestazione, in
parte dall'influsso diretto d'una tensione sul cuore e conseguentemente anche sul cervello. Anche la finzione
d'un sentimento è causa ch'esso si risvegli leggermente
nel nostro spirito. Shakespeare, il quale per la sua meravigliosa conoscenza dell'animo umano dovrebbe essere
giudice competente, dice: «Non è egli mostruoso che,
per una sventura immaginaria, per un vano sogno di
passioni, quel commediante esalti l'anima sua al livello
della parte ch'ei recita e ne dipinga tutti i moti sull'infiammato suo volto? Occhi umidi di pianto, dolore scolpito sopra ogni lineamento, voce interrotta da singhiozzi, gesto patetico e conforme allo stato in cui finge di essere; e tutto ciò per nulla!» (Amleto, atto II, scena 2).
Noi abbiamo veduto che lo studio della teoria dell'espressione conferma fino ad un certo punto l'idea, che
l'uomo abbia avuto la sua origine da una bassa forma
308 GRATIOLET (De la Physionomie, 1865, p. 66) afferma la
verità di questa conclusione.
465
animale, e appoggia l'opinione della specifica o subspecifica identità delle diverse razze umane; ma a mio giudizio, ciò abbisogna appena di una tale conferma. Noi
abbiamo anche visto che l'espressione in sè o il linguaggio del sentimento, come fu anche talvolta denominata,
è certamente importante per il benessere dell'umanità.
L'imparar a conoscere, per quanto è possibile, la fonte e
l'origine delle diverse espressioni, che ad ogni momento
ci è dato osservare sulla faccia degli uomini (per non
parlare affatto degli animali domestici), dovrebbe avere
un grande interesse per noi. Per questi motivi noi possiamo conchiudere che la filosofia del nostro soggetto è
degna di tutta l'attenzione che le fu già concessa da parecchi distinti osservatori e che essa merita uno studio
sempre maggiore da parte di tutti i distinti fisiologi.
466
Tav. II
467
468
Tav. III
469
Tav. IV
470
Tav. V
471
Tav. VI
472
Tav. VII
473
INDICE SISTEMATICO DELLE
MATERIE
INTRODUZIONE
CAPITOLO I.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
Determinazione dei tre principii fondamentali. – Primo principio.
Gli atti divengono abituali associandosi a certi stati di spirito, e
sono compiuti, anche ove il bisogno non se ne faccia sentire,
in ciascun caso particolare. – Potenza dell'abitudine. – Eredità.
– Movimenti associati abituali nell'uomo. – Azioni riflesse. –
Trasformazione delle abitudini in azioni riflesse. – Movimenti
associati abituali negli animali. – Conclusioni.
CAPITOLO II.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
(seguito)
Principio dell'antitesi. – Esempi nel cane e nel gatto. – Origine
del principio. – Segni convenzionali. – Il principio dell'antitesi
non ha per origine azioni opposte compiute con conoscenza di
causa sotto l'influenza di opposti impulsi.
474
CAPITOLO III.
PRINCIPII GENERALI DELLA ESPRESSIONE
(fine).
Terzo principio: Azione diretta sulla economia dell'eccitazione
del sistema nervoso, indipendentemente dalla volontà e, in parte, dall'abitudine. – Cambiamento di colore dei peli. – Tremito
dei muscoli. – Modificazione delle secrezioni. – Sudore. –
Espressione d'un vivo dolore, del furore, della gioia, dello spavento. – Differenza tra le espressioni che producono o no movimenti espressivi. – Stati dell'animo che eccitano o deprimono. – Riassunto.
CAPITOLO IV.
MEZZI D'ESPRESSIONE NEGLI ANIMALI
Emissione di suoni. – Suoni vocali. – Suoni prodotti da vari meccanismi. – Sollevamento delle appendici cutanee, peli, piume
ecc., sotto l'influenza del furore o dello spavento. – Rovesciamento all'indietro delle orecchie, quale disposizione alla lotta o
come segno di collera. – Raddrizzamento delle orecchie ed
elevazione del capo in segno di attenzione.
CAPITOLO V.
ESPRESSIONI SPECIALI DEGLI ANIMALI
Diversi movimenti espressivi nel cane. – Gatto. – Cavallo. – Ruminanti. – Scimie. – Espressioni di gioia e d'affetto, di dolore,
di collera, di stupore e di spavento in questi animali.
475
CAPITOLO VI.
ESPRESSIONI SPECIALI ALL'UOMO: DOLORE E
PIANTO
Grida e pianto nel fanciullo. – Aspetto dei lineamenti. – Età in cui
comincia il pianto. – Effetti della repressione abituale del pianto. – Singulto. – Causa della contrazione dei muscoli che attorniano l'occhio durante le grida. – Causa della secrezione delle
lagrime.
CAPITOLO VII.
ABBATTIMENTO – ANSIETÀ – AFFANNO – SCORAGGIAMENTO – DISPERAZIONE
Effetti generali dell'affanno sulla economia. – Obliquità dei sopraccigli sotto l'influenza del dolore. – Causa di questa obliquità. – Abbassamento degli angoli della bocca.
CAPITOLO VIII.
GIOIA – ALLEGREZZA – AMORE – SENTIMENTI
AFFETTUOSI – DEVOZIONE
Riso, prima espressione della gioia. – Idee piacevoli. – Moti e lineamenti del volto durante il riso. – Natura del suono prodotto.
– Secrezione di lagrime che accompagna lo sghignazzamento.
– Gradi intermedi fra lo sghignazzare e il sorridere. – Allegria.
– Espressione dell'amore. – Sentimenti affettuosi. – Devozione.
476
CAPITOLO IX.
RIFLESSIONE – MEDITAZIONE – CATTIVO UMORE – BORBOTTAMENTO – DETERMINAZIONE
Corrugamento delle sopracciglia. – Riflessione accompagnata da
sforzo o dalla percezione di una cosa difficile o disaggradevole. – Meditazione astratta. – Cattivo umore. – Tetraggine. –
Ostinazione. – Borbottamento, smorfia. – Decisione o determinazione. – Energica chiusura della bocca.
CAPITOLO X.
ODIO E COLLERA
Odio. – Furore, suoi effetti sul fisico. – Atto di scoprire i denti. –
Furore degli alienati. – Collera e sdegno. – Loro espressione
nelle varie razze umane. – Derisione e disfida. – Atto di scoprire il dente canino da una parte sola.
CAPITOLO XI.
DISISTIMA – DISPREZZO – DISGUSTO – ORGOGLIO, ECC. – IMPOTENZA – PAZIENZA – AFFERMAZIONE E NEGAZIONE
Disprezzo, alterigia e disistima; diversità nella loro espressione. –
Sorriso sarcastico. – Gesti che esprimono il disprezzo. – Disgusto. – Colpevolezza, astuzia, orgoglio, ecc. – Rassegnazione, debolezza o impotenza. – Pazienza. – Ostinazione. – Stringimento delle spalle, gesto comune a quasi tutte le razze umane. – Segni di affermazione e di negazione.
477
CAPITOLO XII.
SORPRESA – STUPORE – PAURA – ORRORE
Sorpresa, stupore. – Sopracciglia rialzate. – Bocca aperta. – Labbra sporte. – Gesti che accompagnano la sorpresa. – Ammirazione. – Paura. – Terrore. – Erezione dei capelli. – Contrazione
del muscolo pellicciaio. – Dilatazione delle pupille. – Orrore. –
Conclusione.
CAPITOLO XIII.
ATTENZIONE RIVOLTA SU SE STESSI – VERGOGNA – TIMIDEZZA – MODESTIA – ROSSORE
Natura del rossore. – Eredità. – Parti del corpo che vi sono più
soggette. – Il rossore nelle diverse razze umane. – Gesti concomitanti. – Confusione. – Cause del rossore. – L'attenzione rivolta su se stessi ne è l'elemento fondamentale. – Timidezza. –
Vergogna, determinata dalla violazione delle leggi morali e
delle regole di convenienza. – Modestia. – Teoria del rossore.
– Ricapitolazione.
CAPITOLO XIV.
CONSIDERAZIONI FINALI E RICAPITOLAZIONE
I tre principii fondamentali che hanno determinato i principali
movimenti dell'espressione. – Loro ereditabilità. – Sulla parte
che hanno avuto la volontà e l'intenzione nel conseguimento
dei modi dell'espressione. – Della conoscenza istintiva dell'espressione. – Rapporti del soggetto colla questione dell'unità
specifica delle razze umane. – Sul graduale conseguimento
478
delle diverse forme dell'espressione nella serie dei progenitori
dell'uomo. – Importanza dell'espressione. – Conclusione.
479
INDICE ALFABETICO
A
Abbattimento.
Abitudine (potenza dell').
Affermazione (segni di).
Albini (rossore negli).
Alce.
Alison (prof.).
Allegria.
Alterigia.
Ambizione.
Ammirazione.
Amore, materno;
» fra i due sessi;
» (espressione dell');
» il bacio, qual segno d';
» provoca lo spargimento di lagrime.
Anatomia e filosofia dell'espressione.
Anderson (dott.).
Animali (espressioni speciali degli). Vedi Espressione;
» movimenti abituali associati negli animali inferiori;
» » nei lupi e negli sciacalli;
480
» » nei cavalli;
» » nei gatti;
» » nei polli;
» » nelle anitre;
» » nel fenicottero, kagù e piombini.
Annesley (luogot.).
Antitesi (principii dell');
» (principii dell') nei cani;
» gatti;
» segni convenzionali.
Ansietà.
Appendici cutanee (erezione delle);
» nel chimpanzè e nell'orang;
» leone, ecc;
» cane e gatto;
» cavalli e buoi;
» alce;
» pipistrello;
» uccelli;
» sotto l'impressione della collera o della paura.
Arrectores pili.
Associazione (potere dell');
» (esempi di).
Astrazione.
Astuzia.
Audubon.
Avarizia.
Azara.
Azioni, riflesse;
481
» tosse, starnuto, ecc.;
» contrazioni muscolari di una rana decapitata;
» abbassamento delle palpebre;
» spavento;
» contrazione dell'iride.
B
Babbuino Anubis.
Bacio.
Bain (sig.).
Baker (sir Samuele).
Barber (signora).
Bartlett (signor).
Behn (dott.).
Bell (sig.);
» (sir Charles).
Bennett (G.).
Bergeon.
Bernard (Cl.).
Blair ( rev. R. H.).
Blyth (signor).
Bowman (sig.).
Brehm.
Bridges (signor).
Bridgman (Laura).
Brinton (dott.).
Brodie (sir B.).
Brooke (il principe indiano).
482
Brown (dott. R.).
Browne (dott. J. Crichton).
Bucknill (dott.).
Bulmer (signor J.).
Bunnett (sig. Templeton).
Buon umore;
» (definizione del), data da un fanciullo.
Burgess (dott.).
Burton (capitano).
Button (Jemmy).
C
Camaleonti.
Camper (Pierre).
Cane (movimenti simpatici del);
» (giri del), prima di mettersi a dormire;
» cane da ferma;
» cane che gratta il suolo;
» (gesti diversi del);
» abbaiamento, quale mezzo di espressione;
» cane che guaisce;
» cane che arrovescia le orecchie all'indietro;
» varii movimenti del cane;
» manifestazioni di affetto;
» ghigno;
» dolore;
» attenzione;
» terrore;
483
» sollazzo.
Canino (azione di scoprire il dente).
Carpenter, principii di fisiologia comparata.
Catlin.
Caton (J.).
Cattivo umore.
Cavallo;
» (morseggiare e scalpitìo del);
» sue grida nel pericolo;
» sua maniera di combattere;
» suo modo di esprimere la paura, il piacere, ecc.
Cebus Azarae.
Chevreul (signor).
Chimpanzè.
Chioccar delle dita.
Ciechi, loro tendenza ad arrossire.
Cinghiale.
Cisterciani (monaci);
» loro linguaggio per mezzo di segni.
Cobra-de-capello.
Collera;
» nelle scimie.
Combattimento, modo di combattere negli animali;
» tutti i carnivori lottano coi denti canini;
» cani, gatti;
» cavalli, guanachi, ecc.;
» alce;
» conigli;
» cinghiali;
484
» elefanti;
» rinoceronti;
» scimie.
Comunicazione (potere di), negli animali che vivono in
società;
» nei sordo-muti;
» nei cani e nei gatti.
Conigli.
Convenzione (violazione delle leggi di).
Cooke (l'attore).
Cooper (dott.).
Cope (prof.).
Corrugamento delle sopracciglia;
» negli uomini di tutte le razze;
» nei bambini;
» per aguzzare la vista;
» alla viva luce.
Crantz.
Cuore, sensibile alle eccitazioni esterne;
» sua reazione sul cervello;
» influenzato dal furore.
D
Darwin (dott.).
Devozione (espressione della).
Diagrammi dei muscoli della faccia.
Dickens Charles.
Dilatazione delle pupille.
485
Disegni anatomici di Henle.
Disgusto;
» atto di sputare (in segno di).
Disistima.
Disperazione.
Disprezzo;
» chioccar delle dita.
Dolore (segni esteriori del), negli animali;
» nell'uomo;
» nell'ippopotamo;
» provoca il sudore:
» mena alla prostrazione.
Donders (prof.).
Duchenne (dott.).
E
Edgeworth (Maria et R.-L.).
Elefanti;
» piangenti.
Emissione di suoni. Vedi Suoni.
Engelmann (prof.).
Eredità degli atti abituali;
» dell'azione di arrossire.
Erezione delle appendici cutanee.
Erskine (sig. H.).
Espressione (anatomia e filosofia della);
» (principii generali della);
» principio delle abitudini utili;
486
» di antitesi;
» azione del sistema nervoso;
» (mezzi di) negli animali;
» emissione di suoni;
» erezione delle appendici cutanee;
» rigonfiamento del corpo;
» arrovesciamento delle orecchie all'indietro;
» raddrizzamento delle orecchie.
Espressioni speciali degli animali;
» cani;
» gatti;
» cavalli;
» ruminanti;
» scimie, babbuini, chimpanzè.
Espressioni speciali all'uomo;
» dolore;
» pianto nei fanciulli;
» contrazione dei muscoli che attorniano l'occhio durante le grida;
» secrezione delle lagrime;
» affanno;
» obliquità delle sopracciglia;
» muscoli del dolore;
» depressione degli angoli della bocca;
» gioia;
» allegrezza, buon umore;
» amore, sentimenti affettuosi;
» devozione.
487
F
Fanciulli (espressione nei);
» grida;
» pianto.
Fisiologia del riso.
Forbes (sig. dott.).
Ford (sig.).
Forster (J. R.).
Foster (sig. Michael).
Freycinet.
Furore;
» tremito (quale conseguenza del);
» (descrizione del), data da Shakespeare;
» denudamento dei denti.
Fyffe (dott.).
G
Gatto;
» che si prepara alla lotta;
» che carezza il suo padrone;
» che rovescia le orecchie all'indietro;
» che muove la coda;
» movimenti di affezione;
» Gatto spaventato;
» erige il pelo della coda;
» inspirando ed espirando produce un mugolìo di soddisfazione.
Gelosia.
488
Giobbe, sua descrizione della paura.
Gioia (espressione della);
» nei piccoli fanciulli;
» cani, cavalli;
» scimie;
» riso;
» buon umore, allegria;
» amore, sentimenti affettuosi.
Giuocatore di bigliardo (movimenti del).
Grido, appello al soccorso.
Grinze.
Gypogeranus (Secretary-hawk).
H.
Hagenauer.
Haller.
Handbuch der Anatomie des Menschen.
Harvey.
Helmholtz.
Henderson (sig ).
Henle.
Herpestes.
Holland (sir Henry).
Humboldt.
Huschke.
Huxley (prof.).
489
I
Idioti (espressione della gioia negli);
» rossore.
Iena.
Impotenza.
Innes (dott.).
Invidia.
Ippocrate.
Istrici.
J
Jerdon (dott.).
Jukes (sig. J. B.).
K
Kangurù.
Kindermann (signor).
King (Major Ross).
Kölliker.
L
Lacy (sig. Dyson).
Lagrime (causa della secrezione delle);
» riso, tosse;
» sbadiglio;
» azioni riflesse.
Lane (sig. H. B.).
Lang (sig. Archibald G.).
490
Langstaff (dott.).
Lavater (G.).
Laycok (prof.).
Le Brun.
Leichhardt.
Lemoine (signor).
Lepri.
Lessing (Laocoonte di).
Leydig.
Lieber (sig. T.).
Linguaggio mimico.
Lister (signor).
Litchfield (signor).
Lockwood (il rev. S.).
Lorain (signor).
Lubbock (sir John).
M
Malumore;
» (espressione del), che esiste nel mondo intero;
» nelle scimie;
» nei giovani orang, ecc.
Mankind (Early History of).
Marshall (signor).
Martin (W. L.).
Martins.
Matthews (sig. Washington).
Maudsley (dott.).
491
Mauvaise honte.
May (sig. A.).
Mécanisme de la physionomie humaine.
Meditazione;
» spesso accompagnata da certi gesti.
Meyer (dott. Adolf).
Mente (confusione della), arrossendo.
Modestia.
Moreau (sig.).
Movimenti simbolici;
» simpatici;
» abituali associati negli animali inferiori;
» cani;
» lupi e sciacalli;
» cavalli;
» gatti;
» polli;
» anitre, ecc.
Mowbray (Poultry).
Müller (dott. Ferd.).
Müller (Fritz).
Musica.
N
Nausea o vomito.
Negazione (segni di).
Nicol (sig. Patrick).
492
O
Occhi, contrazione dei muscoli che li circondano, durante le grida.
Odio;
» furore;
» collera e sdegno;
» derisione, disfida, atto di scoprire il dente canino.
Ogle (dott. W.).
Oliphant (signora).
Olmsted.
Omèro, sua descrizione del riso.
Orecchie, loro arrovesciamento all'indietro;
» cani, gatti, tigri, ecc.;
» cavalli;
» guanachi, ecc.;
» alce;
» conigli;
» cinghiali;
» scimie.
Orecchie (raddrizzamento delle).
Orgoglio.
Orrore.
Owen (prof.).
P
Paget (sir J.).
Parsons (J.).
Paura;
493
» (descrizione della), data da Giobbe.
Peli (cangiamento di colore dei);
» (erezione dei).
Pellicciaio (contrazione del muscolo).
Perfidia.
Physionomie (de la), et ses mouvemens d'expression.
Pianto;
» l'epoca delle prime lagrime dei fanciulli non è certa;
» nei selvaggi;
» negli alienati;
» aumento o diminuzione della facoltà di piangere
(per abitudine del);
» grida e pianto dei fanciulli. Vedi Lagrime.
Piderit (dott.).
Plauto.
Porci, impiegati a distruggere i serpenti a sonaglio.
Pouchet (M. G.).
Predisposizioni ereditarie o istintive.
Prostrazione dell'animo.
Psycology (principles of).
Puff-adder (Clotho arietans).
Pupille (dilatazione delle).
Q
Questioni risguardanti l'espressione, ecc.
R
Rancore.
494
Rane.
Rassegnazione.
Reade (sig. Winwood).
Rejlander (sig.).
Rengger.
Reynolds (sir J.).
Ricapitolazione.
Riflessione;
» profonda riflessione, generalmente accompagnata
da un corrugamento dei sopraccigli.
Rigonfiamento del corpo, ecc.;
» nei rospi e nelle rane;
» camaleonti, ecc.;
» serpenti;
» rinoceronte.
Riso;
» nelle scimie;
» (gioia espressa, dal);
» nei fanciulli;
» negli idioti;
» nell'adulto;
» prodotto da solletico;
» sguardo brillante;
» lagrime cagionate da risa eccessive;
» negli Indù, nei Malesi, ecc.;
» per nascondere i propri sentimenti;
» cominciamento del riso in un bambino.
Risolutezza o determinazione;
» chiusura della bocca.
495
Rivière (sig.).
Rospi.
Rossore, tendenza ad arrossire acquistata per eredità;
» nelle diverse razze umane;
» movimenti e gesti che l'accompagnano;
» confusione della mente;
» cause del rossore;
» timidezza;
» cause morali, colpa;
» violazione delle leggi di convenzione;
» modestia;
» teoria del rossore.
Rossore (fisiologia o meccanismo del).
Rothrock (dott.).
Ruminanti, loro emozioni.
S
Salvin (sig. F.).
Sandwick (isolani di).
Sauriani.
Savage et Wyman (sig.).
Sbadiglio.
Schmalz.
Scimia gibbone (suoni prodotti dalla).
Scimie;
» (potere di comunicazione e di espressione delle);
» loro espressioni speciali;
» piacere, gioia, ecc.;
496
» sensazioni dolorose;
» collera;
» diventano rosse per collera;
» loro grida;
» cattivo umore;
» increspamento della fronte e delle sopracciglia;
» stupore, spavento.
Scoraggiamento.
Scott (sir W.);
» (sir J.);
» (dott. W. R.).
Sdegno.
Secrezioni cagionate da vive emozioni.
Segni di affermazione e di negazione;
» convenzionali.
Senses (The, and the Intellect).
Sentimenti affettuosi;
» di simpatia.
Serpenti.
Sfida (aria di).
Sfinge-sparviere.
Shaler (prof.).
Simpatia.
Singhiozzo, particolare alla specie umana.
Sistema nervoso (azione diretta del);
» scoloramento dei peli;
» tremito muscolare;
» impressiona le secrezioni;
» sudore;
497
» furore;
» gioia;
» terrore;
» amore;
» gelosia;
» sospetti;
» vaso-motore.
Smith (sir Andrew).
Smyth (sig. Brough).
Sofferenze fisiche e morali.
Sogghigno.
Solletico.
Somerville.
Sonaglio (serpente a).
Sopracciglia (obliquità delle).
Sordo-muti istruiti per antitesi.
Sorpresa.
Sorriso;
» nei bambini;
» nei selvaggi.
Sospetto.
Spalle (stringimento di).
Speedy (capitano).
Spencer (sig. Herbert).
Spix (von).
Sputare (atto di), quale segno di disgusto.
St-John (sig.).
Stack (il rev. J. W.).
Stuart (sig.).
498
Stupore;
» nelle scimie.
Sudore, prodotto da dolore.
Suoni, loro emissione, come mezzo d'espressione;
» fra i sessi;
» tra animali separati;
» di furore;
» abbaiamento del cane;
» degli sciacalli addomesticati;
» piccioni;
» voce umana;
» suoni come mezzo di seduzione;
» musica;
» nei bambini;
» di sorpresa, di disprezzo, di disgusto;
» nei conigli;
» istrici;
» insetti;
» uccelli.
Sutton (sig.).
Swinhoe (sig.).
T
Tadorna (anitra).
Tuplin (il rev. G.).
Taylor (il rev. R.).
Tegetmeier (sig.).
Tennent (sir J. Emerson).
499
Terrore;
» in una donna alienata;
» nei condannati a morte;
» dilatazione delle pupille.
Thwaites (sig.).
Timidezza.
Tosse (accesso di).
Tremito, prodotto da paura;
» da piacere;
» da una bella musica;
» da collera;
» da spavento.
Turner (prof. W.).
Tylor (sig.).
U
Uccelli, erigono le penne, quando sono irritati;
» le rinserrano strettamente sotto l'influenza dello
spavento.
Umiltà.
Umore (buono).
» (cattivo). Vedi Malumore.
Uomo (espressioni speciali dell'). Vedi Espressione.
V
Vanità.
Variazione degli animali e delle piante allo stato domestico.
500
Vergogna, suoi gesti;
» (descrizione della), in Isaia ed in Esdra.
Voce umana.
Voeux (sig. Des).
Vogt (C.).
Volpe.
Vomito.
W
Wallich (dott.).
Weale (sig. J. P. Mansel).
Wedgwood (sig. Hensleigh).
Weir (sig. Jenner).
West (sig.).
Wilson (sig.).
» (sig. Samuel).
Wirchow.
Wissenschaftliches sistem der Mimik und Physiognomik.
Wolf (sig.).
Wood (sig. J.).
» (sig. F. W.).
501
ERRATA-CORRIGE309
ERRORI
CORREZIONI
Pag. 7, linea 26310 Physiologie ou Méca- Physiology or Menisme de la Rougeur, chanism of Blushing,
Pag.10, linea 1
Pag.139, linea 20
Principes de Psycholo- Principles of Psygie
chology
la di cui
la cui
Pag.145, linea 21
Telemaco
(Telemaco)
Pag.162, nota 6
Of the
On the
Pag.175, linea 35
pouh! pouh!
puh! puh!
Pag.176 linea 2
sputando»; e presso
sputando»; e; a dire
del sig. Bridges,
presso
Pag. 142, linea 20
Pag. 211, linea 34 Il signor
La signora
Pag. 219, linea 15 per un
per una
Pag.219, linea 18
Nessuna coppia
Nessun paio
309 In questa edizione elettronica, gli errori sono stati corretti
[nota per l’edizione elettronica Manuzio].
310 I riferimenti sono all’edizione cartacea [nota per l’edizione elettronica Manuzio].
502
Fly UP