...

rivolta direttamente agli appassionati d`armi di tutt

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

rivolta direttamente agli appassionati d`armi di tutt
LETTERA APERTA DELL'ASSOCIAZIONE LEX AI POSSESSORI D'ARMI E AI
DIFENSORI DEL DIRITTO ALLE ARMI IN TUTTA L'UNIONE EUROPEA
Care amiche e cari amici,
Questa lettera vi arriva dalla Repubblica Ceca – un Paese ove il possesso e il porto di armi
da fuoco sono garantiti come diritto a tutti i cittadini adulti che siano rispettosi della legge e in
buone condizioni di saluta fisica e mentale.
Tutte le licenze in materia d'armi sono del tipo “Shall-Issue”, ovvero le autorità non possono
negarle a chi le richiede se non ci sono motivi ostativi evidenti e comprovati. Questo non ci
consente solo di detenere liberamente le armi di categoria B: persino il porto d'armi per difesa
personale, che consente di girare armati in pubblico, non può essere negato a chi lo richiede se ne ha
diritto. I tiratori cechi possiedono una grande quantità di pistole da tiro sportivo e da difesa
personale; i tiratori cechi possiedono armi lunghe semiautomatiche d'impostazione militare, e non le
usano solo per le competizioni di tiro, ma anche nell'allenamento tattico-operativo nel caso essi
siano chiamati ad impiegarle per difendere la loro amata Patria. La tradizione venatoria ceca ha una
storia millenaria, e i tiratori sportivi della Repubblica Ceca raramente rientrano dalle Olimpiadi o da
altre competizioni internazionali senza aver vinto qualche medaglia.
La Repubblica Ceca è anche il decimo Paese più sicuro del mondo secondo il Global Peace Index,
con un indice di criminalità violenta bassissimo (160 crimini violenti su 100.000 abitanti) e un tasso
di crimini a mano armata praticamente inesistente (5,8 crimini commessi con armi da fuoco su
100.000 abitanti).
Assieme alla Svizzera – Paese del cui i cechi condividono e tengono in gran conto i valori di
libertà, democrazia e indipendenza – la Repubblica Ceca è un esempio di come un Paese libero e
pacifico non possa non essere armato, nonché di come per restare tale è necessario che il popolo sia
determinato a non lasciarsi portar via tali diritti e tali valori.
Sicuramente sarete al corrente dell'attuale situazione. In reazione agli attacchi terroristici di
Parigi, portati avanti con esplosivi ed armi automatiche – tutto materiale già illegale – la
Commissione Europea pretende di mostrare i muscoli e dimostrarsi in grado di proteggere i cittadini
degli Stati membri... con restrizioni alla detenzione legale di armi da fuoco.
Tra le restrizioni proposte troviamo:
•
Messa al bando delle armi semi-automatiche che abbiano l'aspetto estetico di armi a
raffica – parliamo di armi assolutamente non utilizzate negli attentati di Parigi, ma
fondamentali per la sicurezza di molti Stati ed impiegate normalmente da tanti cittadini
comuni negli sport di tiro, nella caccia, nella difesa.
•
Messa al bando di armi automatiche e semi-automatiche dall'aspetto di un'arma a
raffica anche laddove disattivate – non sarebbe più consentita la collezione privata di armi
di provenienza militare anche quando disattivate; solo i musei godrebbero di un'eccezione,
con l'obbligo tuttavia di provvedere alla disattivazione irreversibile, dunque al
danneggiamento irreparabile di oggetti di valore storico e culturale.
•
Tutte le armi disattivate, tutte le armi a salve e tutte le repliche dovrebbero essere
inserite nella Categoria C – ciò significherebbe che per acquistare anche un fermacarte che
abbia l'aspetto di un'arma da fuoco, una pistola giocattolo, un marcatore da Paintball o una
replica Soft-Air bisognerebbe munirsi di porto d'armi, e che il possesso di tali oggetti
andrebbe denunciato alle Autorità.
•
La Commissione Europea si aspetta dagli Stati membri una rigida applicazione delle
restrizioni – ad esempio, con la confisca delle armi, attive o disattivate, rese illegali – ma
senza impatto per il bilancio dell'UE, il che significherebbe che gli Stati membri
dovrebbero rimborsare di tasca loro i possessori di tali armi o di tali oggetti, oppure
procedere alla confisca senza indennizzo.
Ci piacerebbe sentire, al riguardo, l'opinione dei cacciatori e dei tiratori che si cimentano
nelle discipline olimpiche e accademiche, dato che la Commissione Europea dichiara di proporre
“La messa al bando del possesso da parte dei comuni cittadini delle armi semi-automatiche più
pericolose, mentre le altre armi semi-automatiche utilizzabili per la caccia o per lo Sport
dovrebbero restare disponibili ai tiratori autorizzati.”
In altre parole, la Commissione Europea sta cercando di imbrogliare cacciatori, tiratori
olimpici e accademici, affinché pensino “Meno male, non vogliono portarci via le nostre armi!” e
quindi non si attivino per contrastare questa proposta.
È importante ricordare che è esattamente così che il processo di disarmo dei cittadini del
Regno Unito, oggi quasi totale, è iniziato nel 1987: con la messa al bando delle armi
semiautomatiche in stile militare, perché “Non è un'arma da caccia, non è un'arma sportiva,
nessuno ne ha bisogno veramente”.
Quest'esempio, assieme a tanti altri, è sufficiente a dimostrare come queste spaventose armi
nere rappresentino una sorta di “zona cuscinetto” che protegge le vostre armi sportive e da caccia:
dopo che i fucili “neri” saranno stati confiscati, le vostre armi saranno le prossime.
La Commissione Europea vorrebbe trasformare i cacciatori, i tiratori sportivi e gli
olimpionici in traditori disposti a dare tutti gli altri possessori d'armi in pasto ai lupi, com'è già
accaduto in Gran Bretagna: dimostrate dunque loro di essere in realtà persone d'onore e rispetto,
desiderose di proteggere i diritti anche delle altre categorie di tiratori e possessori d'armi.
Nessuna delle restrizioni pianificate dalla Commissione Europea avrebbe mai potuto
prevenire gli attacchi di Parigi. C'è tuttavia una mancanza nella Direttiva Europea sulle armi da
fuoco, che ha consentito ai terroristi di mettere le mani su armi già proibite ai privati cittadini. La
Commissione Europea stessa sostiene che le armi dei terroristi non fossero armi semi-automatiche,
né automatiche, e che non siano state importate illegalmente entro i confini europei: secondo la
Commissione, esse sarebbero state armi disattivate in base a Standard molto blandi, poi facilmente
riattivate.
Quand'anche ciò fosse vero – sappiamo infatti che i Kalashnikov a raffica di produzione
cinese ed ex-jugoslava usati dai terroristi sarebbero stati venduti così com'erano da un trafficante
tedesco – ciò sarebbe contrario alla Direttiva Europea già nella sua forma attuale, in quanto essa
sancisce chiaramente come le armi disattivate debbano essere poste irreversibilmente in condizione
di non poter più funzionare.
Le nazioni UE avrebbero dovuto implementare metodi adeguati in base alla direttiva, la
quale peraltro prevede che l'Unione Europea dovesse imporre delle linee-guida minime comuni per
la disattivazione irreversibile delle armi da fuoco. E l'organo responsabile per la redazione e
l'imposizione di tali linee-guida comuni viene individuato dalla Direttiva Europea sulle Armi da
fuoco nella Commissione Europea.
Si, avete letto bene. E al riguardo potete anche controllare i documenti ufficiali dell'UE.
L'articolo 1/13 della Direttiva Europea 91/477/CEE come modificata dalla 2008/51/EC,
stabilisce infatti: “Nel rispetto della procedura di cui all'Articolo 13a (2) della presente Direttiva,
la Commissione dovrà imporre linee-guida comuni sugli Standard e le tecniche di disattivazione al
fine di assicurarsi che le armi da fuoco disattivate siano messe irreversibilmente in condizione di
non funzionare.”
E il paragrafo successivo recita: “Entro il 28 luglio 2010, gli Stati membri dovranno
adottare le leggi, i regolamenti e gli atti amministrativi necessari ad adeguarsi alla presente
Direttiva, e notificare il tutto alla Commissione Europea”.
Ciò significa che la Commissione Europea è al corrente del problema da almeno cinque
anni, e non ha fatto niente fino a due settimane fa, quando ha fatto magicamente apparire le sue
proposte restrittive dal cilindro, vantandosi di come esse “potranno prevenire nuovi massacri” –
nella speranza che i popoli d'Europa non si accorgano di come le stragi di Parigi del 13 novembre e
dello scorso gennaio si sarebbero potute prevenire se la Commissione medesima non avesse
ignorato per oltre cinque anni gli obblighi legali che essa stessa si è data.
Per quanto ne sappiamo, la Commissione Europea è determinata a procedere nel suo piano
di disarmo a tutti i costi, nel più breve tempo possibile. Dobbiamo far sentire la nostra voce, se
vogliamo fermarla. Ma voi, cosa potete fare?
•
Contattate i vostri Ministeri dell'Interno e della Giustizia. Chiedete loro di opporsi
ufficialmente alla proposta di modifica della Direttiva, che contiene una sola parte con un
possibile impatto positivo sulla sicurezza comune dei Paesi UE – le procedure di
disattivazione comune delle armi – mentre tutto il resto non fa che penalizzare i cittadini che
detengono armi nel rispetto della legge.
•
Contattate gli Europarlamentari eletti nella vostra circoscrizione. Chiedete loro di
opporsi alle proposte di modifica della direttiva, per lo stesso motivo.
•
Affiliatevi alle organizzazioni che, nei vostri Paesi, difendono i diritti dei possessori
d'armi. Ricordatevi che non è necessario essere possessori di armi, o dei tipi d'arma che
sarebbero penalizzate, per combattere questa battaglia.
•
Qualora questa proposta venisse comunque approvata, preparatevi a disobbedire.
Ebbene, si: se la Commissione Europea desidera scaricare sui cittadini onesti non solo le
tragedie di Parigi ma anche la sua negligenza, la sua incompetenza e la sua incapacità di
ottemperare ai suoi obblighi di legge, abbiamo tutto il diritto di smettere di essere obbedienti
e dire pacificamente, ma con fermezza, “NO”. Noi non siamo criminali o terroristi;
possediamo armi in base a quel che la legge ci consente, ci comportiamo onestamente,
desideriamo difendere noi stessi, le persone che amiamo, e il nostro Paese se necessario.
Abbiamo il diritto morale di opporci e resistere ad una tale ingiustizia, e con una resistenza
compatta e unita contro tale abuso burocratico, alla fine vinceremo.
Con grande rispetto,
David Karásek
Portavoce
LEX – Associazione per la Protezione del Diritto alle Armi nella Repubblica Ceca
Fly UP