...

Linee guida NEOPLASIE DELLO STOMACO

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Linee guida NEOPLASIE DELLO STOMACO
Linee guida
NEOPLASIE DELLO STOMACO
Edizione 2015
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Coordinatore
Carlo Barone
Oncologia Medica - Univ. Cattolica Del S. Cuore - Roma
Segretario
Enrico Vasile
Oncologia 2 Universitaria - Azienda Ospedaliero-Universitaria
Pisana - Pisa
Estensori
Vincenzo Catalano
Oncologia Medica - A. O. San Salvatore - Pesaro
Ferdinando De Vita
Oncologia Medica - II Università - Napoli
Maria Di
Bartolomeo
Oncologia Medica 2 - Fondazione Istituto Nazionale Tumori - Milano
Donato Nitti
Clinica Chirurgica II - Università degli Studi - Padova
Carmelo Pozzo
Oncologia Medica - Policlinico A. Gemelli - Università Sacro Cuore Roma
Mario Scartozzi
Oncologia - A.O. Univesitaria - Monserrato (CA)
Vincenzo Valentini
Radioterapia 1 - Policlinico Univesitario A.Gemelli Università
Cattolica S.Cuore - Roma
Bruno Annibale
SIGE
Gastroenterologia - Azienda Ospedaliera - Univesitaria
S. Andrea - Roma
Antonino De Paoli
AIRO
Radioterapia - C.R.O. - Aviano (PN)
Alfredo Falcone
AIOM
A.O. Universitaria Pisana - Pisa
Roberto Fiocca
SIAPEC
Anatomia Patologica Universitaria - A.O. S. Martino
IRCCS - Genova
Alfredo Garofalo
SICO
Chirurgia Oncologica - I.F.O. - Roma
Luca Saragoni
SIAPEC
Anatomia Patologica - Forlì
Revisori
2
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Indice
1.
2.
3.
4.
5.
Dati Epidemiologici .................................................................................................................. 10
Aspetti correlati alla prevenzione ............................................................................................. 10
Inquadramento diagnostico....................................................................................................... 11
Correlazioni clinico-biologiche ................................................................................................ 11
Trattamento della malattia iniziale ........................................................................................... 12
5.1 Chirurgia ............................................................................................................................. 12
5.1.a Early Gastric Cancer (EGC) .................................................................................... 12
5.1.b Il carcinoma gastrico T2-4a o N+............................................................................ 13
5.1. c Il carcinoma gastrico T4b........................................................................................ 15
5.1.d La carcinosi peritoneale ........................................................................................... 16
5.2 Terapia adiuvante e neoadiuvante ....................................................................................... 17
5.2.a Chemioterapia adiuvante ......................................................................................... 17
5.2.b Chemioterapia perioperatoria.................................................................................. 18
5.2.c Radioterapia adiuvante ............................................................................................ 19
5.2.d Radiochemioterapia adiuvante................................................................................. 19
6.
Gestione del follow up .............................................................................................................. 21
7.
Trattamento della malattia avanzata e delle recidive ................................................................ 22
7.1 Il trattamento di prima linea nel paziente anziano .............................................................. 25
7.2 Chemioterapia di seconda linea .......................................................................................... 26
8. Figure ............................................................................................................................................. 29
9. Raccomandazioni prodotte con metodologia GRADE .................................................................. 32
10. Bibliografia .................................................................................................................................. 33
Allegato: Tabelle GRADE evidence profile
3
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Formulazione dei quesiti e delle raccomandazioni SIGN
La formulazione del quesito sul quale si andrà a porre la raccomandazione clinica non dovrebbe essere
generico (del tipo: “qual è il ruolo di xxx nel trattamento…”), bensì aderente alla strutturazione P.I.C.O. e
cioè:
“Nei pazienti con (menzionare le specifiche caratteristiche di malattia, stadio, ecc.)………..
il trattamento con (descrivere l’intervento terapeutico oggetto del quesito)………………….
è suscettibile di impiego in alternativa a….. (descrivere il trattamento altrimenti considerato in
alternativa all’intervento in esame)?”
Le raccomandazioni vengono presentate in tabelle.
Nel caso delle raccomandazioni prodotte con metodologia SIGN (Scottish Intercollegiate Guidelines
Network), la riga d’intestazione della tabella è verde, mentre è in arancione nel caso di applicazione del
metodo GRADE (v. capitolo specifico).
Forza della
Qualità dell’evidenza
Raccomandazione clinica (3)
raccomandazione
SIGN (1)
clinica (2)
Nel paziente oncologico in fase avanzata di malattia,
con dolore di diversa etiologia, la somministrazione di
FANS e paracetamolo dovrebbe essere effettuata per
B
Positiva debole
periodi limitati e con attenzione ai possibili effetti
collaterali.
(1) Qualità dell’evidenza SIGN
Nell’approccio SIGN, la qualità delle evidenze (singoli studi / metanalisi…) a sostegno della
raccomandazione viene valutata tenendo conto sia del disegno dello studio sia di come esso è stato condotto:
il Livello di Evidenza viene riportato nel testo a lato della descrizione degli studi ritenuti rilevanti a sostegno
o contro uno specifico intervento. I livelli di evidenza dovranno essere precisati (e riportati nel testo) solo per
le evidenze (studi) che sostengono la raccomandazione clinica e che contribuiscono a formare il giudizio
della Qualità delle Evidenze SIGN.
Livelli di Evidenza SIGN
1
Revisioni sistematiche e meta-analisi di RCT o singoli RCT
1 ++
1+
1-
Rischio di bias molto basso.
Rischio di bias basso.
Rischio di Bias elevato -> i risultati dello studio non sono affidabili.
Revisioni sistematiche e meta-analisi di studi epidemiologici di caso/controllo o di coorte o singoli studi
di caso/controllo o di coorte.
Rischio di bias molto basso, probabilità molto bassa di fattori confondenti, elevata probabilità di relazione
causale tra intervento e effetto.
Rischio di bias basso, bassa probabilità presenza fattori di confondimento, moderata probabilità di
relazione causale tra intervento e effetto.
Rischio di Bias elevato -> i risultati dello studio non sono affidabili, esiste un elevato rischio che la
relazione intervento/effetto non sia causale.
2
2 ++
2+
23
Disegni di studio non analitici come report di casi e serie di casi.
4
Expert opinion.
La Qualità Globale delle Evidenze SIGN viene quindi riportata con lettere (A, B, C ,D) che sintetizzano il
disegno dei singoli studi, unitamente all’indicazione sulla diretta applicabilità delle evidenze e alla eventuale
estrapolazione delle stesse dalla casistica globale.
4
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Ogni lettera indica la “fiducia” nell’intero corpo delle evidenze valutate che sostengono la
raccomandazione; NON riflettono sempre l’importanza clinica della raccomandazione e NON sono
sinonimo della forza della raccomandazione clinica
Qualità Globale delle Evidenze SIGN
A
B
Almeno una meta-analisi o revisione sistematica o RCT valutato 1++ e direttamente applicabile alla
popolazione target oppure
Il corpo delle evidenze disponibili consiste principalmente in studi valutati 1+ direttamente
applicabili alla popolazione target e con risultati coerenti per direzione e dimensione dell’effetto
Il corpo delle evidenze include studi valutati 2++ con risultati applicabili direttamente alla
popolazione target e con risultati coerenti per direzione e dimensione dell’effetto.
Evidenze estrapolate da studi valutati 1++ o 1+
C
Il corpo delle evidenze include studi valutati 2+ con risultati applicabili direttamente alla
popolazione target e con risultati coerenti per direzione e dimensione dell’effetto.
Evidenze estrapolate da studi valutati 2++
Evidenze di livello 3 o 4
D
Evidenze estrapolate da studi valutati 2+
(2) LA RACCOMANDAZIONE CLINICA
Deve esprimere l’importanza clinica di un intervento/procedura. Dovrebbe essere formulata sulla base del
P.I.C.O. del quesito (popolazione, intervento, confronto, outcome). In alcuni casi può contenere delle
specifiche per i sottogruppi, indicate con il simbolo √.
La forza della raccomandazione clinica viene graduata in base all’importanza clinica, su 4 livelli:
Forza della
raccomandazione
clinica
Terminologia
Significato
Positiva Forte
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx dovrebbe essere preso
inconsiderazione come opzione
terapeutica di prima intenzione”
L’intervento in esame dovrebbe essere conside-rato
come prima opzione terapeutica (evidenza che i
benefici sono prevalenti sui danni)
Positiva Debole
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx può essere preso in
considerazione come opzione
terapeutica di prima intenzione, in
alternativa a yyy”
L’intervento in esame può essere considerato come
opzione di prima intenzione, consapevoli
dell’esistenza di alternative ugualmente proponibili
(incertezza riguardo alla prevalenza dei benefici sui
danni)
Negativa Debole
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx non dovrebbe essere
preso in considerazione come opzione
terapeutica di prima intenzione, in
alternativa a yyy”
L’intervento in esame non dovrebbe essere
considerato come opzione di prima intenzione; esso
potrebbe comunque essere suscettibile di impiego
in casi altamente selezionati e previa completa
condivisione con il paziente (incertezza riguardo
alla prevalenza dei danni sui benefici)
Negativa Forte
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx non deve essere preso
inconsiderazione come opzione
terapeutica di prima intenzione”
L’intervento in esame non deve essere in alcun caso
preso in considerazione (evidenza che i danni sono
prevalenti sui benefici)
5
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Raccomandazioni chiave
Chirurgia
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
A
La gastrectomia totale e quella subtotale forniscono gli stessi
risultati terapeutici. La gastrectomia totale va riservata alle
lesioni localizzate al terzo medio con margini di resezione
non adeguati e a quelle del terzo superiore (21).
Positiva forte
A
La splenectomia di principio va riservata ai casi in cui ci sia
interessamento dei linfonodi dell’ilo splenico o dell’arteria
splenica o un’invasione per contiguità della milza (26).
Positiva forte
A
B
La linfoadenectomia ottimale è rappresentata dalla D2 e
dovrebbe comprendere almeno 16 linfonodi (18,19). La
linfoadenectomia più estesa (D2+) non offre significativi
vantaggi terapeutici.
La resezione gastrica laparoscopica dovrebbe essere effettuata
solo in centri ad alto volume di attività e trova indicazione
soprattutto nell’EGC (35).
Positiva forte
Positiva debole
B
Per i tumori localmente avanzati può essere presa in
considerazione una chirurgia allargata (29,30) integrata da un
trattamento medico preoperatorio (vedi paragrafo 5.2.b).
Positiva debole
C
La chemio-ipertermia dopo citoriduzione non dovrebbe essere
proposta per pazienti con carcinosi peritoneale al di fuori di
studi clinici controllati (45).
Negativa debole
Chemioterapia adiuvante e perioperatoria
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A
A
Raccomandazione
Nei pazienti affetti da tumore gastrico (stadio II-III)
sottoposti a gastroresezione associata a linfadenectomia D2
è indicata una monochemioterapia adiuvante contenente
fluoropirimidine (46-48).
Nei pazienti affetti da tumore gastrico (stadio II-III)
sottoposti a gastroresezione associata a linfadenectomia D2,
uno schema con capecitabina e oxaliplatino potrebbe essere
utilizzato (48).
Nei pazienti con tumore gastrico ed interessamento
linfonodale alle indagini di stadiazione, va sempre
considerata una chemioterapia perioperatoria (52-54)
6
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva debole
Positiva forte
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
A
Nei pazienti affetti da neoplasia gastrica T3-T4 o N+ clinico
sottoposti a chemioterapia perioperatoria sono da
considerare regimi contenenti fluoropirimidine e platino
derivati (52-54).
Positiva debole
Radioterapia adiuvante e neoadiuvante
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
B
Forza della
raccomandazione
clinica
Raccomandazione
Nei pazienti con tumore pN+ oppure sottoposti a intervento
resettivo senza adeguata linfoadenectomia (<D2) o anche
R1 è fortemente raccomandata (se non mandatoria) una
radiochemioterapia adiuvante (68,73)
La radiochemioterapia adiuvante può essere indicata per
migliorare il controllo locale anche nei pazienti pT2 con
fattori di rischio isto-patologici; pT3; pT4; o dopo
intervento resettivo con adeguata linfoadenectomia (D2) o
R0 (65-67,69,70)
Positiva forte
Positiva debole
Gestione del follow up
Procedura
Esame clinico
Raccomandazione
Visita clinica, incluso il peso,ogni 4 mesi
per 2 anni, quindi ogni 6 mesi per i
successivi 3 anni (78)
Ogni 4 mesi per 2 anni, quindi ogni 6
mesi per i successivi 5 anni (78)
Esami ematochimici
(Hb, sideremia,
funzionalità epatica
e renale, CEA)
TAC torace-addome Solo in caso di sospetto clinico di recidiva
(77)
La EGDS potrebbe essere ripetuta ogni 2EGDS
3 anni nei primi 5 anni e poi ogni 3-5
anni.
Valutazione dello stato nutrizionale
Gestione delle
(anemia e dumping syndrome).
complicanze
Controllo della tossicità renale tardiva nei
pazienti sottoposti anche a radioterapia.
Interruzione del FU Interruzione del follow-up specialistico
dopo cinque anni.
In assenza di indicazioni cliniche i
Procedure non
seguenti esami sono “sconsigliati”: TCraccomandate
PET con fdG; scintigrafia ossea
7
Livello di
evidenza
4
Forza della
raccomandazione
Positiva forte
4
Positiva debole
2
Positiva forte
4
Positiva debole
4
Positiva forte
4
Positiva forte
4
Positiva forte
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Trattamento malattia avanzata e recidive
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A
B
A
A
Raccomandazione
La chemioterapia eseguita in pazienti asintomatici risulta più
efficace in termini di qualità di vita e di sopravvivenza
rispetto alla somministrazione della chemioterapia a
comparsa dei sintomi (80).
I regimi di combinazione offrono un significativo
miglioramento
della
sopravvivenza
rispetto
alla
monochemioterapia (79).
L'impiego di regimi a tre farmaci in pazienti in buone
condizioni cliniche generali e senza comorbidità significative
risulta più efficace rispetto a regimi a due farmaci (79,81).
La somministrazione di fluoropirimidine orali può sostituire il
5FU, in considerazione della sovrapponibile attività e
tollerabilità e del risparmio di accessi venosi centrali
necessari per la somministrazione infusionale di 5FU (83,8688).
La somministrazione di oxaliplatino può sostituire il
cisplatino, in considerazione della sovrapponibile efficacia e
della minore tossicità rispetto all'impiego del cisplatino (8385).
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva forte
Positiva debole
Positiva forte
Positiva forte
A
I regimi con irinotecano e fluorouracile rappresentano una
delle opzioni terapeutiche nel trattamento della neoplasia in
fase avanzata (89-91).
Positiva forte
A
I pazienti con tumore che presentano iperespressione e
amplificazione di HER-2 devono ricevere una combinazione
di Fluoropirimidine/cisplatino e trastuzumab (92).
Positiva forte
Trattamento di prima linea nel paziente anziano
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
B
Regimi a base di oxaliplatino e 5-fluororacile possono essere
considerati nel paziente anziano (≥65 anni) e con un attento
monitoraggio della tossicità (98-101).
Positiva debole
B
La capecitabina può sostituire il 5-fluorouracile in presenza di
care-giver ed in assenza di insufficienza renale (87).
Positiva debole
D
L’irinotecan in combinazione con il 5-fluorouracile può
essere utilizzato nel paziente anziano (102).
Positiva debole
8
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Chemioterapia di seconda linea
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A*
D
Raccomandazione
La chemioterapia di seconda linea dovrebbe essere
considerata nei pazienti in buone condizioni cliniche generali
(PS 0-1) in progressione di malattia dopo un trattamento
chemioterapico di prima linea (106-109).
L’associazione Ramucirumab e paclitaxel può essere
considerata il nuovo standard terapeutico nel trattamento di
seconda linea (112,113). I pazienti non eleggibili per
l’associazione con paclitaxel (es. ridotta riserva midollare,
neuropatia, ecc) possono giovarsi del trattamento con solo
ramucirumab (111).
In relazione alle indicazioni registrative dei farmaci, in
alternativa è possibile scegliere farmaci non impiegati nel
trattamento di prima linea (106-109).
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva Forte
Positiva Forte
Positiva debole
*Il ramucirumab è stato approvato da EMA ed in Italia ha ottenuto da AIFA ad ottobre 2015 la rimborsabilità
(G.U. del 13 ottobre 2015).
9
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
1.
Dati Epidemiologici
Nonostante il costante declino in incidenza, in Europa nel 2012 sono stati stimati oltre 140.000 casi incidenti
di carcinoma gastrico con oltre 100.000 morti correlate a questa patologia (1). Escludendo i tumori della
cute, nel complesso il carcinoma gastrico rappresenta il 4% di tutte le neoplasie in entrambi i sessi, è al sesto
posto come incidenza (13,7 casi/100.000 individui in entrambi i sessi) ed al quarto posto come mortalità
(10,3 decessi/100.000). Il carcinoma dello stomaco rappresenta la quinta neoplasia incidente tra gli uomini
(19,5 casi/100.000) e la settima tra le donne (9,3 casi/100.000). Esiste in Europa una notevole variazione
geografica, che consente di distinguere Paesi a più elevata incidenza quali Portogallo, Estonia, Lituania,
Slovenia (incidenza intorno ai 20 casi/100.000), Paesi ad incidenza più bassa quali Regno unito, Francia,
Norvegia, Svezia (incidenza inferiore ai 10 casi/100.000) e Paesi ad incidenza intermedia quali Italia,
Spagna, Romania, Slovacchia (incidenza tra 10 e 20 casi/100.000). L’incidenza varia anche con l’età e
raggiunge il suo picco nella settima decade. Accanto alla complessiva riduzione in incidenza si osserva
comunque un relativo incremento delle forme primitive a sede prossimale in particolare per quelle a livello
della giunzione gastro-esofagea. La mortalità tra le diverse aree geografiche europee appare coerente con i
dati di incidenza. In Europa la sopravvivenza a 5 anni per i pazienti con diagnosi di carcinoma gastrico è
intorno al 25% (1,2).
In Italia si stimano circa 14.500 nuovi casi di carcinoma gastrico per il 2014 e circa 10.000 decessi (3).
Escludendo i tumori della cute, nel complesso il carcinoma gastrico rappresenta circa il 4% di tutti i tumori
in entrambi i sessi, è al quinto posto come incidenza negli uomini (5% di tutti i tumori negli uomini) ed al
sesto posto nelle donne (3% di tutti i tumori nelle femmine). Con il 7% circa dei decessi il carcinoma
gastrico occupa il quinto posto in entrambi i sessi. In Italia abbiamo assistito ad una costante riduzione di
incidenza e mortalità sia negli uomini che nelle donne (oltre -3%/anno come variazione in incidenza e 3.5%/anno come variazione in mortalità in entrambi i sessi). Esiste anche in Italia una notevole variazione
geografica in incidenza. Si possono infatti distinguere aree ad incidenza più elevata (regioni centrali,
incidenza 26 casi/100.000 negli uomini e 13 casi/100.000 nelle donne), incidenza intermedia (regioni
settentrionali, incidenza 22 casi/100.000 negli uomini e 11 casi/100.000 nelle donne), e incidenza bassa
(regioni meridionali, incidenza 16 casi/100.000 negli uomini e 7 casi/100.000 nelle donne). La mortalità tra
le diverse aree geografiche italiane appare coerente con i dati di incidenza.
Per i casi insorti in Italia nel periodo 2005-2007 la sopravvivenza a 5 anni risulta intorno al 35% (34% nei
maschi e 36% nelle femmine) (2).
2.
Aspetti correlati alla prevenzione
L’Helicobacter Pylori (HP) è classificato dalla International Agency for Research on Cancer (IARC) come
agente cancerogeno di tipo I con meccanismo patogenetico da ricondurre allo sviluppo di gastrite cronica
atrofica e prevalentemente associato ad adenocarcinoma di tipo intestinale della regione antrale nelle
popolazioni ad alto rischio. L’eradicazione dell’infezione da HP è un passo fondamentale per la prevenzione
primaria del carcinoma gastrico.
Una corretta refrigerazione degli alimenti ed una efficiente “catena del freddo”, hanno coinciso con una
riduzione dell’incidenza di cancro gastrico attraverso la riduzione dei pericoli di contaminazione da parte di
batteri, funghi ed altri agenti e conseguente riduzione dello sviluppo di nitrosamine. L’assunzione di elevate
quantità di nitrati (presenti in concentrazioni elevate nei cibi conservati) rappresenta infatti un fattore di
rischio, che può essere efficacemente prevenuto anche con opportune modificazione della dieta. Altri fattori
potenzialmente prevenibili ed implicati nella genesi del cancro gastrico sono l’eccessivo consumo di sale,
cibi affumicati e carni rosse. Anche il fumo di sigaretta rientra tra quei fattori di rischio per lo sviluppo di
carcinoma gastrico, che possono essere ridotti con opportune modificazioni dello stile di vita. E’ stata inoltre
suggerita una associazione tra obesità (reflusso gastro-esofageo) e neoplasie della giunzione gastroesofagea/cardias. Questo fattore di rischio può essere potenzialmente controllato con riduzione del peso
10
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
corporeo. Il valore protettivo di una dieta ricca di frutta e verdura per quanto suggerito deve ancora essere
chiarito in via definitiva.
La maggioranza dei casi di carcinoma gastrico è rappresentata da forme sporadiche. Esistono comunque
anche forme ereditarie, che costituiscono una proporzione variabile (comunque inferiore al 5%) dei casi
totali. Una variante ereditaria di carcinoma gastrico può essere associata a sindromi quali FAP, HNPCC, Li
Fraumeni, Peutz Jeghers o a Hereditary Diffuse Gastric Cancer (HDGC). Queste forme, una volta
identificate, sono soggette a specifici protocolli di prevenzione e follow-up.
Altri fattori di rischio potenzialmente rilevanti sono rappresentati da età avanzata, sesso maschile, gastrite
cronica atrofica, sindrome di Menetrier, gastrectomia parziale, gruppo sanguigno tipo A.
3.
Inquadramento diagnostico
La diagnosi di carcinoma gastrico può essere effettuata su esame bioptico da gastroscopia, su resezione
endoscopica (EMR/ESD) o chirurgia (4).
Il referto dovrebbe essere redatto da un patologo con esperienza nel settore e la diagnosi istologica dovrebbe
essere classificata secondo i criteri WHO (4,5) (Livello di evidenza 4).
In presenza di malattia metastatica la diagnosi istologica dovrebbe includere la valutazione dell’espressione
di HER-2 con immunoistochimica +/- FISH.
Le procedure di valutazione iniziale dovrebbero comprendere:
- Esame obbiettivo;
- Esami ematochimici (emocromo, funzionalità epatica e renale);
- Gastroscopia con biopsia (preferibili biopsie multiple alla periferia della lesione);
- TC torace-addome-pelvi (4) (Livello di evidenza 4).
Lo stadio deve essere assegnato secondo quanto descritto nella VII edizione del manuale TNM
(2010) (5,7,10).
L’ecografia endoscopica si è rivelata utile nel determinare l’estensione distale e prossimale del tumore e lo
stadio T soprattutto nelle neoplasie prossimali. Tale esame può essere utile anche nella valutazione dello
stadio N. Questo esame potrebbe non essere necessario nei pazienti con malattia metastatica (6).
La laparoscopia (con o senza lavaggio peritoneale) può essere utilizzata nei pazienti considerati
potenzialmente resecabili allo scopo di escludere malattia metastatica peritoneale (4,9) (Livello di evidenza
4) (11) (Livello di evidenza 3).
L’esame PET (o meglio PET-TC) può portare ad una migliore definizione dello stadio in alcuni pazienti
senza apparente diffusione metastatica con le metodiche radiologiche convenzionali, ma può risultare
falsamente negativo soprattutto in pazienti con istotipo diffuso (4-6,8-10) (Livello di evidenza 4) (7,11)
(Livello di evidenza 3).
4.
Correlazioni clinico-biologiche
Recentemente è stata proposta una nuova classificazione delle neoplasie gastriche in relazione ad un ampio
studio molecolare su oltre 290 tumori primitivi dello stomaco nell’ambito del Cancer Genome Atlas
Research Network (12). I risultati consentirebbero di individuare 4 sottogruppi: tumori positivi per EBV
(Epstein-Barr Virus), tumori con instabilità dei microsatelliti (definiti ipermutati, hypermuated), tumori
genomicamente stabili (GS, genomically stable) e tumori con instabilità cromosomica (CIN, Chromosomal
INstability). Questi sottogruppi differiscono non solo per l’assetto biomolecolare, ma anche per numerose
varianti clinico-patologiche (sede, età di insorgenza, istotipo predominante) e potrebbero suggerire un
approccio terapeutico diverso basato su diversi target attivati. Naturalmente al momento attuale questa
classificazione non riveste alcun ruolo nella pratica clinica, ma rappresenta esclusivamente una importante
area di ricerca.
11
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Forse meno affascinante, ma sicuramente di più immediata comprensione l’ipotesi di lavorare su
classificazioni clinico-patologiche, che potrebbero essere applicabili in maniera più immediata e ripetibile. In
particolare la suddivisione per sede di origine della neoplasia (prossimale vs. distale) e per istotipo
(intestinale vs. diffuso), potrebbe già consentire l’individuazione di categorie distinte di pazienti. In
quest’ottica è stata proposta la possibilità di distinguere neoplasie ad istotipo diffuso (indipendentemente
dalla loro sede di origine all’interno dello stomaco), neoplasie ad istotipo intestinale localizzate in sede
prossimale e neoplasie ad istotipo intestinale localizzate in sede distale. Anche in questo caso risulta
comunque necessaria validazione prospettica di queste categorie ed una più attenta analisi dell’impatto
prognostico e terapeutico (13,14).
5.
Trattamento della malattia iniziale
5.1 Chirurgia
Le indicazioni ed il tipo di trattamento chirurgico per i pazienti portatori di cancro gastrico dipendono dalle
caratteristiche della neoplasia al momento della diagnosi e variano a seconda si tratti di un cancro iniziale
(EarlyGastricCancer, EGC), di un cancro avanzato (AGC), di un cancro avanzato con diffusione agli organi
circostanti (T4b) o con carcinosi peritoneale.
5.1.a Early Gastric Cancer (EGC)
Il miglioramento dell’endoscopia con l’utilizzazione routinaria delle tecniche di cromo-endoscopia e di ecoendoscopia ha permesso di ottenere risultati diagnostici molto più sicuri per la definizione della diffusione
superficiale e dell’interessamento parietale della neoplasia e per la diagnosi di forme multicentriche (6,9).
Nuove tecniche di resezione endoscopica dell’EGC sono state proposte in alternativa alla resezione gastrica
(15). E' possibile realizzare una resezione endoscopica limitata alla mucosa EMR (Endoscopic Mucosal
Resection EMR) o comprendente la sottomucosa (Endoscopic Submucosal Dissection ESD). La resezione
endoscopica è indicata in presenza di un EGC di tipo intestinale sec. la classificazione di Lauren, limitato
alla mucosa, ben differenziato, di diametro non superiore ai 2 cm e senza invasione linfatica o vascolare e/o
ulcera intra-lesionale. Se all’esame istologico definitivo si conferma una resezione endoscopica R0 e la
neoplasia presenta tutte le caratteristiche istologiche descritte, non sono necessari ulteriori trattamenti
chirurgici (15-17) (Livello di evidenza 4).
Nei casi di EGC che non presentino le caratteristiche istologiche o stadiative di cui sopra, è indicato un
intervento chirurgico di resezione gastrica. La gastroresezione totale o subtotale distale con un margine libero
di almeno 2 cm ed una linfoadenectomia D1+ viene considerato il trattamento chirurgico di scelta (18)
(Livello di evidenza 3). In particolare una linfoadenectomia D1 (che nella nuova classificazione giapponese
comprende i linfonodi 1-7) viene proposta per i tumori cT1a per i quali non è indicata una resezione
endoscopica e per i cT1bN0 di tipo differenziato e di diametro inferiore a 15 mm. Una linfoadenectomia D1+
(che comprende i linfonodi 1-9) è indicata per gli altri tumori cT1N0 (16,17) (Livello di evidenza 1++). Nei
casi in cui non sia raggiunta una ragionevole certezza sulle caratteristiche dell’EGC che rendano improbabile
una metastatizzazione linfonodale, la linfadenectomia D2 è tuttavia raccomandata.
Allo scopo di eseguire linfoadenectomie meno estese è stata proposta per l'EGC la tecnica del linfonodo
sentinella. Il numero elevato di linfonodi sentinella che vengono identificati e l’alta frequenza di falsi
negativi, rendono attualmente tale metodica non affidabile (18) (Livello di evidenza 4).
In conclusione si può affermare che il trattamento endoscopico dell’EGC va proposto solo in casi selezionati
e quando la stadiazione preoperatoria della lesione è sufficientemente accurata. Nei casi in cui sia necessario
eseguire una resezione gastrica,viene considerata adeguata una linfoadenectomia D1 o D1+.
12
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
5.1.b Il carcinoma gastrico T2-4a o N+
Tipo di resezione
La chirurgia rappresenta la principale modalità di trattamento del carcinoma gastrico resecabile.
Un intervento chirurgico radicale (R0) è quello che garantisce la completa asportazione del tumore primitivo
La classificazione della radicalità chirurgica, in accordo con la UICC, è la seguente:
•
RX: la presenza di tumore residuo non può essere valutata;
•
R0: assenza di tumore residuo;
•
R1: residuo tumorale microscopico (trancia di sezione).
•
R2: residuo tumorale macroscopicamente evidente.
I principi di chirurgia radicale per il carcinoma dello stomaco sono: a) gastrectomia totale o subtotale con
margini di resezione liberi da malattia; b) asportazione “in blocco” del grande e piccolo omento; c)
asportazione “in blocco” dei linfonodi loco-regionali; d) resezione “in blocco” degli organi adesi alla
neoplasia (4).
Per le neoplasie dell’antro gastrico e del piloro la gastroresezione subtotale distale viene considerata
l’intervento di scelta (21,22) ed è indicata anche per le lesioni del terzo medio a condizione che il margine di
resezione prossimale macroscopicamente libero da malattia sia di almeno 4 cm per i tumori di tipo intestinale
e di 5 cm in tutti gli altri casi. Quando ci siano dei dubbi sul margine di resezione sia prossimale (gastrico)
che distale (pilorico) è indicato un esame istologico estemporaneo della trancia al congelatore. La
gastrectomia totale va riservata alle lesioni localizzate al terzo medio con margini di resezione non adeguati
ed a quelle del terzo superiore. Nelle gastrectomie totali eseguite per neoplasie sotto-cardiali va sempre
eseguito l’esame istologico al congelatore del margine di resezione esofageo.
Per le neoplasie della giunzione gastro-esofagea è possibile utilizzare un approccio solo laparotomico oppure
un approccio combinato toraco-addominale (23,24). In entrambi i casi è indicata una gastrectomia totale
estesa ad un tratto di esofago di almeno 5 cm al di sopra della estensione macroscopica della neoplasia (21)
(Livello di evidenza 1+), oppure una esofago gastroplastica (Ivor Luis) nei casi con accesso toracoaddominale. In alternativa può essere realizzata una resezione gastro-esofagea (resezione polare superiore)
con conservazione dei 2/3 inferiori dello stomaco ed anastomosi esofago-gastrica. Tale intervento, è gravato
da importanti sequele post-operatorie, legate alla denervazione dello stomaco residuo e alla costante presenza
di reflusso gastroesofageo. Anche per le neoplasie della giunzione gastro-esofagea va eseguito l’esame
istologico al congelatore della trancia esofagea.
Nella classificazione TNM del 2010 (7° edizione), gli adenocarcinomi della giunzione gastro-esofagea
vengono considerati tumori dell’esofago e come tali vengono classificati sia dal punto di vista
dell’estensione parietale della neoplasia che dell’interessamento linfonodale (5). Pertanto per una trattazione
più approfondita dei tumori di questa sede si rimanda alle linee guida dedicate ai tumori dell’esofago.
Modalità di ricostruzione
Dopo gastroresezione le ricostruzioni gastro-digiunali sec. Billroth II, sia nella variante Polya che nella
variante Hoffmeister-Finsterer, rispetto alla ricostruzione su ansa esclusa alla Roux sono gravate da una
maggiore incidenza di complicanze postoperatorie ed a distanza (edema dell’anastomosi con ritardo nella
ripresa dell’alimentazione, maggiore incidenza di dispepsia, nausea, vomito e dumping syndrome, minore
recupero ponderale, maggiore incidenza di cancro del moncone secondario al reflusso biliare e nei pazienti
sottoposti a gastroresezione per ulcera) (25) (Livello di evidenza 1+, assegnato per detection bias in quanto
la valutazione clinica dell’outcome non era mascherata nel corso del follow-up).
Dopo gastrectomia totale, il ripristino della continuità digestiva utilizzando la prima ansa digiunale “esclusa”
secondo Roux con il confezionamento di una anastomosi esofago-digiunale rappresenta la modalità di
ricostruzione più utilizzata.
La splenectomia
I pazienti sottoposti a splenectomia vanno incontro ad un maggior numero di complicanze post-operatorie e
ad una maggiore mortalità post-operatoria rispetto a quelli trattati con conservazione della milza (Livello di
evidenza 1+) (26). Inoltre le percentuali di sopravvivenza dei pazienti splenectomizzati sono inferiori
13
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
rispetto a quelle dei pazienti non sottoposti a splenectomia (27,28). L’incidenza di metastasi ai linfonodi
dell’arteria splenica distale e dell’ilo splenico è praticamente trascurabile per le neoplasie del terzo inferiore
dello stomaco e comunque è bassa anche per le localizzazioni al terzo medio ed al terzo superiore. Pertanto
la splenectomia di principio va riservata ai casi in cui ci sia un interessamento macroscopico dei linfonodi
dell’ilo splenico o dell’arteria splenica distale o un coinvolgimento diretto della milza da parte della
neoplasia (26-30) (Livello di evidenza 3). Nelle neoplasie T4 della grande curva gastrica in cui l’incidenza
di metastasi ai linfonodi dell’ilo splenico raggiunge il 25-30%, una splenectomia di principio può essere
indicata, anche se non esistono studi che dimostrino un chiaro vantaggio in termini di sopravvivenza e di
intervallo libero da malattia dei pazienti sottoposti a splenectomia.
La resezione pancreatica distale va presa in considerazione solo nei casi di diretta infiltrazione della capsula
pancreatica da parte del tumore.
Quindi, ad eccezione dei casi prima descritti ed in particolare nelle neoplasie del terzo inferiore dello
stomaco, la splenectomia e la pancreasectomia distale vanno evitate.
La linfoadenectomia
Il numero di linfonodi metastatici ed il rapporto tra numero di linfonodi metastatici e numero di linfonodi
esaminati sono tra i fattori prognostici più importanti per i pazienti con cancro gastrico sottoposti ad
intervento radicale (31-34).
Nella classificazione AJCC/UICC viene raccomandata l’asportazione di almeno 16 linfonodi, necessaria per
poter classificare un paziente N3b: una linfoadenectomia limitata ai soli linfonodi perigastrici (D1), gruppo 1
della classificazione JRSGC, non consente una stadiazione accurata dei pazienti (8,10). La linfoadenectomia
D2 comprende, oltre all’asportazione dei linfonodi prevista nella D1 (stazioni 1-7), la rimozione dei
linfonodi 8a (arteria epatica comune), 9 (tripode celiaco), 11p (arteria splenica prossimale) e 12a (ligamento
epato-duodenale anteriore).
Pertanto la linfoadenectomia D2 va considerata la dissezione linfonodale standard per il trattamento
chirurgico radicale del carcinoma gastrico in quanto consente una corretta stadiazione della neoplasia e può
essere curativo nei tumori ad estensione loco-regionale (18,19) (Livello di evidenza 1++). Una recente metaanalisi dimostra vantaggi significativi in termine sopravvivenza della linfoadenectomia D2 rispetto alla D1
(33) (Livello di evidenza 1+). Tuttavia questi vantaggi sono limitati alla Disease Specific Survival (DSS) e
non valutano gli effetti sulla sopravvivenza di altri fattori, quali ad esempio le terapie mediche adiuvanti.
Una linfoadenectomia più estesa della D2 (D2+ secondo la recente classificazione giapponese che
comprende i linfonodi del ligamento epato-duodenale posteriore, i linfonodi pancreatici e quelli peri-aortici)
non viene considerata una linfoadenectomia standard (18,19) (Livello di evidenza 1++). In particolare in un
recente studio clinico controllato condotto in Giappone non sono stati dimostrati vantaggi terapeutici della
linfoadenectomia profilattica dei linfonodi para-aortici (PAND). Tale procedura è gravata da un più elevato
rischio di complicanze. E' inoltre bene ricordare che in presenza di metastasi ai linfonodi paraaortici la
malattia è classificata M1. Inoltre la linfoadenectomia D3 non determina un miglioramento della OS rispetto
alla linfoadenectomia D2 (33) (Livello di evidenza 1+).
La chirurgia mini-invasiva
I risultati sinora riportati in letteratura dimostrano che la gastroresezione sub-totale distale per ca gastrico
può essere realizzata con tecnica laparoscopica (LDG) e che tale metodica, eseguita da un operatore esperto,
non è gravata da maggiori morbidità e mortalità post-operatorie e può rispettare i principi di chirurgia
oncologica che vengono applicati in corso di laparotomia (ODG) (35) (Livello di evidenza 1+). In
particolare sia studi randomizzati che studi prospettici completati di recente hanno dimostrato che il numero
di linfonodi asportati in corso di LDG è simile a quello che si ottiene in corso di ODG. Pertanto in molti
paesi orientali la gastroresezione subtotale distale laparoscopica è diventata la procedura di scelta e recenti
meta-analisi hanno confermato che per l’Early Gastric Cancer tale metodica consente di ottenere risultati
simili alle procedure open oltre che in termini di morbidità, anche in termini di sopravvivenza e di intervallo
libero da malattia (36) (Livello di evidenza 2). Rimane tuttora da definire se questo approccio offra gli stessi
vantaggi nelle localizzazione del terzo superiore e nei tumori più avanzati, tuttavia un recente studio clinico
controllato retrospettivo, multicentrico condotto su 3000 pazienti evidenzia come i risultati a breve termine
14
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
(morbidità e mortalità postoperatoria) e a lungo termine (sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da
malattia) sono sovrapponibili nel gruppo di pazienti sottoposti a LDG ed in quello operati con tecnica aperta
(ODG) (37). Questi stessi favorevoli risultati a distanza vengono confermati in due recenti meta-analisi
(38,39) (Livello di evidenza 1+).
I risultati favorevoli della laparoscopia sono influenzati dall’esperienza dell’operatore e nello studio coreano
citato in precedenza la curva media di apprendimento risulta essere di 42 casi (range 4-72) (37). Pertanto le
resezioni laparoscopiche dovrebbero essere effettuate solo in centri ad elevato volume di attività.
Citologia e lavaggio peritoneale
In pazienti con carcinoma dello stomaco la presenza di cellule neoplastiche nella cavità peritoneale
rappresenta un fattore prognostico negativo (5,8,10). L’attendibilità della citologia morfologica e con
metodiche immunoistochimiche è stata fortemente messa in discussione dagli studi eseguiti con metodica
Real Time PCR, che ha evidenziato numerosi falsi negativi delle metodiche summenzionate. L’incidenza di
recidiva peritoneale nei pazienti con citologia positiva è molto elevata e la sopravvivenza dei casi trattati con
la sola chirurgia è paragonabile a quella dei pazienti con metastasi a distanza.
La positività o negatività della citologia peritoneale consente al chirurgo di modificare le scelte terapeutiche
per quanto riguarda l’estensione della resezione (interventi meno demolitivi e linfadenectomia solo D1 in
presenza di citologia positiva) (40) (Livello di evidenza 3).
L’esame citologico del liquido di lavaggio peritoneale è una indagine intraoperatoria di facile esecuzione.
All’apertura della cavità addominale si irriga con 200 ml di soluzione fisiologica la regione sotto-mesocolica
favorendo delicatamente con la mano la dispersione tra i visceri del liquido che viene quindi raccolto in
corrispondenza del cavo di Douglas. E' importante eseguire questo lavaggio prima di eseguire altre manovre
chirurgiche.
La prognosi dei pazienti con citologia positiva non sembra modificarsi con la sola chemioterapia adiuvante.
E’ oggetto di ricerca la possibilità di trattare questi pazienti con chemioipertermia intraperitoneale (HIPEC).
Il periodico esame citologico del liquido peritoneale è clinicamente utile per valutare l'efficacia dell'HIPEC e
per definire la prognosi dei pazienti con carcinosi peritoneale (41) (Livello di evidenza 3).
5.1. c Il carcinoma gastrico T4b
Interventi allargati
Il 15-20% dei carcinomi gastrici avanzati, al momento della diagnosi, si presenta come una neoplasia che
supera la sierosa ed infiltra gli organi contigui (T4b della nuova classificazione TNM) (5,8). Nel 75% dei
casi l’infiltrazione è limitata ad un solo organo, nel 15-20% sono interessati due organi e nel 5-10% sono
infiltrati tre o più organi contigui. Le forme in cui l’infiltrazione è confermata istologicamente (T4b) vanno
differenziate da quelle in cui l’infiltrazione è solo un sospetto intraoperatorio e non trova conferma
istologica. Complessivamente soltanto nel 30-40% dei casi la sospetta infiltrazione macroscopica viene
confermata anche all’esame istologico. Un intervento curativo per le neoplasie localmente avanzate è
realizzabile nel 30-50% dei casi anche per l’elevata incidenza di metastasi linfonodali extraregionali,
riscontrabili nel 10-20% dei casi (29,30).
Di recente è stata descritta la potenziale efficacia di trattamenti chemioterapici perioperatori nell'indurre un
"downstaging" della neoplasia gastrica localmente avanzata con conseguente possibilità di realizzare un
numero maggiore di interventi R0. Questi risultati hanno ridotto, per i tumori T4, le indicazioni ad interventi
chirurgici immediati che vanno quindi riservati a casi molto selezionati.
Il principio generale da accettare per una chirurgia allargata è quello di resecare, se tecnicamente possibile, le
strutture e gli organi adiacenti alla neoplasia. L’esistenza di un “piano di clivaggio” chirurgico non garantisce
l’assenza di infiltrazione di organi circostanti. Una resezione allargata va proposta in assenza di metastasi
epatiche e peritoneali e comunque quando sembra realizzabile una resezione R0 (29) (Livello di evidenza
3).
15
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Per le forme localmente avanzate la estensione della resezione gastrica (gastrectomia subtotale distale o
gastrectomia totale) è condizionata dalla sede della neoplasia anche se nella maggior parte dei casi le
dimensioni della lesione rendono necessaria una gastrectomia totale (29,30).
Rispetto alle neoplasie meno avanzate, in cui le indicazioni alla splenectomia sono controverse, i tumori T4
localizzati al terzo medio e superiore, richiedono più frequentemente l’asportazione della milza per la
presenza di infiltrazione diretta, per una elevata incidenza di metastasi ai linfonodi dell’ilo splenico, ed infine
per il frequente interessamento pancreatico che comporta la necessità di una spleno-pancreasectomia distale
(26,28).
Per i tumori T4 la pancreasectomia distale si rende necessaria in presenza di una infiltrazione per contiguità
del pancreas. In questi casi è necessaria una accurata esplorazione della regione paraortica laterale sinistra e,
in presenza di linfoadenopatie dubbie in questa sede, da alcuni autori viene consigliata la surrenalectomia
sinistra (29,30).
Le resezioni del mesocolon, del colon trasverso, dei segmenti sinistri del fegato e del diaframma sono
indicate in presenza di una infiltrazione per contiguità di questi organi (29,30).
5.1.d La carcinosi peritoneale
La presenza di carcinomatosi peritoneale (PC) sincrona o metacrona è un evento molto frequente nel
carcinoma gastrico avanzato (T3 e T4), soprattutto nelle forme di tipo diffuso. La chirurgia resettiva
tradizionale non consente di trattare adeguatamente la PC e con la chemioterapia sistemica si ottengono nel
complesso risultati insoddisfacenti (10,41).
A partire dagli anni ’90 sono state sviluppate alcune metodiche per il trattamento della PC con l'obbiettivo di
ridurre il tumore all’interno della cavità peritoneale e di eradicare gli impianti microscopici di cellule nel
peritoneo. La chirurgia citoriduttiva e la chemioterapia ipertermica intraperitoneale (HIPEC) rappresentano
le metodiche proposte per il trattamento delle carcinosi peritoneale. I vantaggi teorici della chemioterapia
intraperitoneale sono rappresentati dalla possibilità di somministrare elevate quantità di chemioterapico
all’interno della cavità addominale riducendo la tossicità sistemica del farmaco, mentre con l’ipertermia è
possibile migliorare la chemiosensibilità delle cellule neoplastiche e facilitare la penetrazione in profondità
dei farmaci citotossici nei tessuti (42-45) che comunque è limitata,
In pazienti portatori di carcinoma gastrico la HIPEC viene proposta con le seguenti finalità: 1) in presenza di
PC per ridurre al minimo la malattia residua dopo citoriduzione; 2) in assenza di PC come possibile terapia
adiuvante nei carcinomi gastrici infiltranti la sierosa (T4a e T4b). Tuttavia l'efficacia della HIPEC in
associazione con la citoriduzione non è stata confermata per la PC da carcinoma gastrico (45) (Livello di
evidenza 1+, assegnato per allocation concealment in quanto non è descritta la procedura di
randomizzazione).
La metodica deve essere tuttavia confermata da trial clinici condotti su numero elevato di pazienti,
selezionati con laparoscopia diagnostica associata a citologia peritoneale.
Sintesi raccomandazioni (chirurgia)
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
A
La gastrectomia totale e quella subtotale forniscono gli stessi
risultati terapeutici. La gastrectomia totale va riservata alle
lesioni localizzate al terzo medio con margini di resezione
non adeguati e a quelle del terzo superiore (21).
Positiva forte
16
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
A
La splenectomia di principio va riservata ai casi in cui ci sia
interessamento dei linfonodi dell’ilo splenico o dell’arteria
splenica o un’invasione per contiguità della milza (26).
Positiva forte
A
B
La linfoadenectomia ottimale è rappresentata dalla D2 e
dovrebbe comprendere almeno 16 linfonodi (18,19). La
linfoadenectomia più estesa (D2+) non offre significativi
vantaggi terapeutici.
La resezione gastrica laparoscopica dovrebbe essere effettuata
solo in centri ad alto volume di attività e trova indicazione
soprattutto nell’EGC (35).
Positiva forte
Positiva debole
B
Per i tumori localmente avanzati può essere presa in
considerazione una chirurgia allargata (29,30) integrata da un
trattamento medico preoperatorio (vedi paragrafo 5.2.b).
Positiva debole
B
La chemio-ipertermia dopo citoriduzione non dovrebbe essere
proposta per pazienti con carcinosi peritoneale al di fuori di
studi clinici controllati (45).
Negativa debole
5.2 Terapia adiuvante e neoadiuvante
5.2.a Chemioterapia adiuvante
Il ruolo della terapia adiuvante nel carcinoma gastrico operato radicalmente e’ stato delineato grazie da
diverse metanalisi. Particolarmente significativa è quella eseguita dal gruppo GASTRIC (46) su dati
individuali (Livello di evidenza 1++). La chemioterapia adiuvante, determina una riduzione relativa della
mortalità a 5 anni del 18% (HR: 0.82). In altre parole l’incremento assoluto di probabilità di sopravvivenza a
cinque anni passa dal 49.5% al 53%.
Tali risultati non hanno, però, permesso di definire il regime ottimale, sebbene un significativo beneficio sia
ottenuto impiegando regimi con monoterapia principalmente contenenti fluorouracile, che, per altro, è
inserito nella gran parte degli studi.
L’effetto della monochemioterapia adiuvante in pazienti operati radicalmente è stata valutata in uno studio
randomizzato condotto in Giappone che ha confrontato un trattamento con una fluoropirimidina orale (S-1)
somministrata per un anno dopo chirurgia verso solo chirurgia. Tutti i pazienti arruolati erano stati sottoposti
ad una chirurgia con linfadenectomia D2. Il trattamento ha indotto un beneficio di probabilità di
sopravvivenza a 5 anni dal 61% al 71% (HR: 0.66) (47) (Livello di evidenza 1++). Da sottolineare inoltre il
basso rischio di recidiva locale riportato solo nel 3% dei pazienti. Il farmaco S-1 attualmente non è registrato
in Italia per questa indicazione.
La combinazione di capecitabina e oxaliplatino (regime XELOX) è stata confrontata con la sola chirurgia in
uno studio randomizzato condotto in Corea (48). Dopo un follow up mediano di 5 anni, la DFS stimata è
stata del 68% vs 53% (HR: 0.58), mentre la probabilità di sopravvivenza globale 78% vs 69% (HR: 0.66)
(Livello di evidenza 1++). Va comunque sottolineato che tali dati sono stati ottenuti su una popolazione
asiatica. I risultati di questi due studi hanno permesso la standardizzazione dell’approccio adiuvante nella
popolazione asiatica.
Recentemente e’ stato pubblicato lo studio Intergruppo Italiano di terapia adiuvante (ITACA-S) che ha
dimostrato l’assenza di un significativo in vantaggio termini di sopravvivenza libera da malattia e globale di
regimi sequenziali contenenti irinotecan e cisplatino associato a taxani, rispetto alla sola monoterapia con
17
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
fluorouracile (49) (Livello di evidenza 1+). Il 75% della popolazione era stata sottoposta a chirurgia radicale
con linfadenectomia D2, questo ha comportato una percentuale di recidiva locale in circa 10% della
popolazione. Da sottolineare che in entrambi i bracci di trattamento la sopravvivenza a 5 anni è intorno al
50%. Stessi risultati sono stati ottenuti da altri due studi randomizzati (uno coreano e uno giapponese)
(50,51). L’analisi di tollerabilità ha confermato che tali regimi sono associati a maggiore tossicità anche se la
compliance non ne viene inficiata. In sostanza non vi è ancora dimostrazione che un regime chemioterapico
con fluoropirimidine intensificato associato a cisplatino o altri farmaci sia più efficace della monoterapia.
5.2.b Chemioterapia perioperatoria
La difficoltà a delineare l’effetto di un trattamento adiuvante in pazienti operati radicalmente, soprattutto
nella popolazione occidentale, e la scarsa tollerabilita’ di un polichemioterapia ha indotto a studiarne
l’approccio perioperatorio. Infatti due studi randomizzati (studio inglese MAGIC e francese FNLCC/FFC)
(52,53), hanno valutato l’efficacia della chemioterapia somministrata prima e dopo la chirurgia rispetto alla
sola chirurgia. In ambedue gli studi lo schema chemioterapico prevedeva una combinazione di fluorouracile
e derivati del cisplatino. La chemioterapia somministrata in fase perioperatoria o neoadiuvante migliora
significativamente la probabilità di sopravvivenza rispetto alla sola chirurgia. Tuttavia questi due studi hanno
presentato alcuni bias metodologici.
Una recente meta-analisi di studi randomizzati pubblicati ha dimostrato un vantaggio significativo di
sopravvivenza globale e progressione di malattia in pazienti trattati con chemioterapia neoadiuvante rispetto
alla chirurgia d’emble (54) (Livello di evidenza 1++).
La tossicità del trattamento chemioterapico postoperatorio è stata riportata in diversi studi randomizzati sia di
adiuvante che di perioperatoria, dimostrando la fattibilità di schemi di combinazione in fase postoperatoria
solo in una piccola percentuale di pazienti come confermato da un piccolo studio randomizzato italo-svizzero
che ha confrontato una polichemioterapia preoperatoria con TCF modificato con un trattamento adiuvante
(55).
I regimi raccomandati in fase perioperatoria sono:
 ECF, FU/Cisplatino; TCF
 Capecitabina potrebbe sostituire il 5-FU e oxaliplatino potrebbe sostituire cisplatino nei pazienti non
in grado di tollerare il cisplatino sulla base dei dati disponibili nella malattia avanzata.
Sintesi raccomandazioni (chemioterapia adiuvante e perioperatoria)
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A
A
Raccomandazione
Nei pazienti affetti da tumore gastrico (stadio II-III)
sottoposti a gastroresezione associata a linfadenectomia D2
è indicata una monochemioterapia adiuvante contenente
fluoropirimidine (46-48).
Nei pazienti affetti da tumore gastrico (stadio II-III)
sottoposti a gastroresezione associata a linfadenectomia D2,
uno schema con capecitabina e oxaliplatino potrebbe essere
utilizzato (48).
Nei pazienti con tumore gastrico ed interessamento
linfonodale alle indagini di stadiazione, va sempre
considerata una chemioterapia perioperatoria (52-54)
18
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva debole
Positiva forte
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
A
Nei pazienti affetti da neoplasia gastrica T3-T4 o N+ clinico
sottoposti a chemioterapia perioperatoria sono da
considerare regimi contenenti fluoropirimidine e platino
derivati (52-54).
Positiva debole
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
Qualità Globale
delle evidenze
GRADE
I pazienti affetti da neoplasia gastrica localmente avanzata
(T3 o N+ clinico) devono essere trattati prima della resezione
gastrica con chemioterapia perioperatoria con regimi
contenenti fluoropirimidine e platino derivati.
Bassa
* La valutazione complessiva della qualità delle evidenze ad
oggi disponibili circa “l’efficacia di una chemioterapia
perioperatoria”, la valutazione del rapporto tra i benefici ed
i rischi correlati e la formulazione della raccomandazione
relativa al quesito posto, sono state analizzate secondo
metodologia GRADE (vedere capitolo 8).
Positiva debole
5.2.c Radioterapia adiuvante
La maggioranza degli studi randomizzati che hanno testato il ruolo della radioterapia pre-, post- ed
intraoperatoria, non associata a chemioterapia concomitante, ha dimostrato un miglior controllo locale nel
braccio che prevedeva la radioterapia, ma, per singolo studio, non ha dimostrato un vantaggio in termini di
sopravvivenza (56-63). Due recenti metanalisi (entrambe di confronto della radioterapia adiuvante o
neoadiuvante rispetto a sola chirurgia) hanno documentato un beneficio relativo di sopravvivenza che varia
dal 17% al 26% (64,65). Entrambe le metanalisi erano associate a revisione sistematica della letteratura e
non hanno rilevato “publication bias”. La prima includeva dati pubblicati da 13 studi randomizzati (per un
totale di 2811 pazienti); la seconda includeva dati pubblicati da 9 studi randomizzati (per un totale di 2025
pazienti) (64,65) (Livello di evidenza 1++).
5.2.d Radiochemioterapia adiuvante
Il trattamento combinato con radioterapia e chemioterapia di sensibilizzazione con Fluoruracile [5Fu] è stato
confrontato alla sola chemioterapia adiuvante oppure rispetto alla sola chirurgia. Uno studio randomizzato
pubblicato nel 2001 (INT 0116), ha dimostrato un beneficio in termini di sopravvivenza per i pazienti trattati
con radio-chemioterapia postoperatoria rispetto alla sola chirurgia. Un recente aggiornamento dello studio a
più di 10 anni ha confermato un forte beneficio con l’uso della radio-chemioterapia postoperatoria negli stadi
avanzati. Il tasso di tossicità e di secondi tumori appare accettabile a fronte del vantaggio in termini di
sopravvivenza globale ed intervallo libero da recidiva (66,67). Sulla base di queste evidenze, la radiochemioterapia adiuvante rappresenta attualmente lo standard terapeutico negli Stati Uniti. Lo studio INT
0116 è stato criticato per la diversità dell’approccio chirurgico con poche resezioni D2 (D2-10%; D1-36%;
D0-54%) che ha fatto suggerire questo trattamento combinato non applicabile a tutti i pazienti operati ma da
utilizzare quando la chirurgia risulta inadeguata (<D2) (66,67) (Livello di evidenza 1+).
19
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Recentemente un’analisi retrospettiva tra i pazienti reclutati nel “Dutch trial”, che confrontava chirurgia D1
vs D2, e quelli reclutati in una serie di studi di fase 1-2 volti a testare il ruolo della radio-chemioterapia
postoperatoria, ha confermato un significativo miglioramento della OS e del tasso di recidive locali con l’uso
della radio-chemioterapia dopo resezione R1 e nei pazienti sottoposti a resezione D1 (61). Da queste
premesse è stato attivato il trial CRITICS volto a confermare il vantaggio dell’impiego della radiochemioterapia dopo resezione D1+ rispetto alla sola chemioterapia perioperatoria (62).
Alcuni studi coreani, randomizzati e non, hanno invece evidenziato un vantaggio della radio-chemioterapia
anche dopo una resezione ottimale D2. Uno studio retrospettivo pubblicato nel 2005 su 544 pazienti, tutti
sottoposti a resezione D2 seguita da radioterapia ha mostrato un vantaggio statisticamente significativo nella
sopravvivenza libera da malattia del trattamento integrato rispetto ad un gruppo di 446 pazienti sottoposti
alla sola chirurgia, anche se D2. La compliance alla radiochemioterapia era del 75.2% (63) (Livello di
evidenza 3). I recenti dati dello studio randomizzato ARTIST pubblicati con un follow-up mediano di 53.2
mesi non hanno evidenziato un vantaggio significativo di sopravvivenza libera da malattia della radiochemioterapia rispetto alla sola chemioterapia postoperatoria (trend a favore della radio-chemioterapia, 78.2
vs 74.2%) (68,73) (Livello di evidenza 1++). L’analisi del sottogruppo dei pazienti pN+ ha presentato
invece un vantaggio di sopravvivenza libera da malattia per i pazienti sottoposti a radio-chemioterapia (77.5
vs 72.3% p=0.0365). Sulla base di questa evidenza lo stesso gruppo cooperativo ha proposto il trial Artist 2,
volto a testare il ruolo della radiochemioterapia solo nei pazienti N+ sottoposti a resezione D2.
Un’analisi condotta negli Stati Uniti sui 10.251 pazienti dei registri del Surveillance, Epidemiology and End
Results (SEER), trattati tra il 2000 ed il 2006, ha rilevato un beneficio statisticamente significativo
dall’impiego di radioterapia postoperatoria per il sottogruppo dei pazienti con positività linfonodale rispetto a
quelli trattati con sola chirurgia, qualunque sia stato il tipo di chirurgia effettuato (69) (Livello di evidenza
3).
Nel 2009 una meta-analisi con revisione sistematica della letteratura ha raccolto 9 studi randomizzati che
includevano radioterapia (associata a chemioterapia di sensibilizzazione o meno, pazienti con chirurgia D0-2,
R0 e R1) (per un totale di 2025 pazienti): è stato rilevato un beneficio significativo nella sopravvivenza a 5
anni per l’aggiunta di radioterapia alla chirurgia nel trattamento di lesioni gastriche resecabili (65); l’analisi è
stata condotta secondo “intention to treat”; non sono stati rilevati “publication bias” (Livello di evidenza
1++).
Min et al., hanno recentemente pubblicato una meta-analisi sul confronto tra chemioterapia e
radiochemioterapia adiuvante in pazienti sottoposti a chirurgia R0 con linfadenectomia >D1. L’analisi ha
incluso 6 studi randomizzati controllati, per un totale di 1171 pazienti (599 randomizzati a
radiochemioterapia e 572 a sola chemioterapia adiuvante). Tutti gli studi includevano pazienti sottoposti a
chirurgia curativa con margini negativi (R0); è stata eseguita una linfadenectomia D1 o D2 nel 100% dei
pazienti per 5/6 trial inclusi e nel 42-46% dei pazienti in 1/6 trial inclusi, rispettivamente. La
radiochemioterapia è risultata associata ad un migliore tasso di sopravvivenza libera da malattia (OR: 1.48,
95%CI 1.08-2.03); non è stata rilevata alcuna differenza in termini di sopravvivenza globale (OR: 1.27,
95%CI 0.95-1.71) (70) (Livello di evidenza 1++).
Dikken et al., hanno pubblicato nel 2014 il risultato di un’analisi prospettica circa l’uso di nomogramma
(proposto da Memorial Sloan-Kettering Cancer Center – MSKCC) per la previsione della sopravvivenza
dopo chirurgia R0 con linfadenectomia >D1 ed in assenza di terapie adiuvanti. Tale nomogramma sembra
sottostimare l’impatto della radiochemioterapia sulla sopravvivenza dopo chirurgia R0 e >D1 (71,72).
5.2.e Radiochemioterapia neoadiuvante
La radioterapia preoperatoria presenta il vantaggio di agire su tessuti con adeguata ossigenazione; è possibile
inoltre impiegare campi di radioterapia di minore estensione, con risparmio e dei tessuti sani limitrofi e
conseguente minore tossicità, quando si è in grado di controllare i movimenti della neoplasia. Essa è stata
testata principalmente per le neoplasie cardiali.
20
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Una revisione sistematica della letteratura e meta-analisi ha rilevato un incremento significativo della
sopravvivenza a 5 anni dall’impiego di radioterapia nelle forme gastriche resecabili rispetto alla sola
chirurgia, soprattutto se impiegata nel setting preoperatorio (vedere anche paragrafi 5.2.c e 5.2.d) (65)
(Livello di evidenza 1++).
L’associazione di radio-chemioterapia neoadiuvante è stata valutata in differenti studi di fase II. Questi studi
hanno evidenziato un’eccellente tolleranza al trattamento, una percentuale d’interventi chirurgici radicali
analoga a quella conseguibile con la sola chemioterapia primaria, ma con un tasso di remissioni complete
patologiche nettamente superiore e compreso tra l’11% ed il 26% (58-60) (Livello di evidenza 3).
Sintesi raccomandazioni (radioterapia adiuvante e neoadiuvante)
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
B
6.
Raccomandazione
Nei pazienti con tumore pN+ oppure sottoposti a intervento
resettivo senza adeguata linfoadenectomia (<D2) o anche R1
è fortemente raccomandata (se non mandatoria) una
radiochemioterapia adiuvante (68,73)
La radiochemioterapia adiuvante può essere indicata per
migliorare il controllo locale anche nei pazienti pT2 con
fattori di rischio isto-patologici; pT3; pT4; o dopo intervento
resettivo con adeguata linfoadenectomia (D2) o R0 (6567,69,70)
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva debole
Gestione del follow up
Circa il 40-60% dei pazienti trattati chirurgicamente svilupperà una recidiva e nell’80% accadrà entro i primi
due anni. Le recidive loco regionali si presentano nel 20-30% dei casi, mentre il fegato e peritoneo sono gli
organi a distanza che più frequentemente presentano un ripresa. Viene riportato in letteratura che il tipo
istologico (intestinale o diffuso secondo la classificazione di Lauren), l’entità dell’interessamento linfonodale
possano in parte predire le possibili sedi di ripresa. In particolare il carcinoma di tipo diffuso presenta più
frequentemente ripresa peritoneale, mentre quello di tipo intestinale metastatizza più frequentemente a livello
epatico (74-75) (76).
I markers e le indagini strumentali possono anticipare di qualche mese l’insorgenza dei sintomi ma questo
non comporta una ricaduta positiva sulla sopravvivenza. Ad oggi mancano studi randomizzati controllati nel
carcinoma gastrico che possano indicare il follow up appropriato dei pazienti dopo resezione chirurgica o
dopo trattamento (74-75) (Livello di evidenza 3) (76) (Livello di evidenza 4).
I principali obiettivi di una strategia di follow up sono la diagnosi precoce di recidive anastomotiche che
possono essere curate chirurgicamente, la valutazione di anomalie che riguardano lo stato nutrizionale
(anemia, dumping syndrome) o individuazione di segni clinici legati alla recidiva.
Vista la mancanza di un significativo impatto sulla sopravvivenza dei pazienti utilizzando un regolare follow
up di imaging, le linee guida internazionali propongono un follow up clinico, costituito dai soli parametri
ematochimici e markers, lasciando le indagini strumentali in relazione alla sintomatologia riferita dal
paziente. In caso di sospetto clinico di recidiva, la TC sembra avere maggiore sensibilità degli esami
ecografici (77,78) (Livello di evidenza 3).
Potrebbe essere suggerito lo schema seguente:
 Ogni 3-4 mesi per i primi due anni (0-2 anni): visita clinica incluso il peso, esami ematochimici (livelli
di emoglobina, sideremia, funzionalità renale ed epatica) e strumentali da eseguire su necessità clinica a
giudizio del medico.
21
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO


Ogni 6 mesi nei successivi tre anni (3-5 anni): visita clinica incluso il peso, esami ematochimici (livelli
di emoglobina, sideremia, funzionalità renale ed epatica) e strumentali da eseguire su necessità clinica a
giudizio del medico.
La EGDS appare utile in particolare in caso di gastrectomia subtotale per la ricerca di recidive locali o
cancro su moncone; potrebbe essere ripetuta ogni 2-3 anni nei primi 5 anni e poi ogni 3-5 anni.
Procedura
Esame clinico
Esami
ematochimici (Hb,
sideremia,
funzionalità
epatica e renale,
CEA)
TAC toraceaddome
EGDS
Gestione delle
complicanze
Interruzione del
FU
Procedure non
raccomandate
Raccomandazione
Livello di
evidenza
4
Forza della
raccomandazione
Positiva forte
4
Positiva debole
Solo in caso di sospetto clinico di recidiva (77)
2
Positiva forte
La EGDS potrebbe essere ripetuta ogni 2-3 anni
nei primi 5 anni e poi ogni 3-5 anni.
Valutazione dello stato nutrizionale (anemia e
dumping syndrome).
Controllo della tossicità renale tardiva nei
pazienti sottoposti anche a radioterapia.
Interruzione del follow-up specialistico dopo
cinque anni.
In assenza di indicazioni cliniche i seguenti
esami sono “sconsigliati”: TC-PET con fdG;
scintigrafia ossea
4
Positiva debole
4
Positiva forte
4
Positiva forte
4
Positiva forte
Visita clinica, incluso il peso,ogni 4 mesi per 2
anni, quindi ogni 6 mesi per i successivi 3 anni
(78)
Ogni 4 mesi per 2 anni, quindi ogni 6 mesi per i
successivi 5 anni (78)
7. Trattamento della malattia avanzata e delle recidive
La chemioterapia rappresenta l’opzione terapeutica di riferimento per i pazienti con carcinoma gastrico
localmente avanzato non operabile e per i pazienti con malattia in fase metastatica. Gli obiettivi del
trattamento in questo “setting” sono essenzialmente rappresentati dal prolungamento della sopravvivenza,
dalla palliazione dei sintomi e dal miglioramento della qualità di vita.
La chemioterapia si è dimostrata superiore rispetto alla sola terapia di supporto nel migliorare la
sopravvivenza globale di questi pazienti (HR 0,39,95% CI 0.28-0.52) (79). Il beneficio appare evidente
quando la chemioterapia venga eseguita al momento della diagnosi rispetto all'inizio del trattamento differito
alla comparsa dei sintomi (80).
I regimi di combinazione hanno mostrato un piccolo ma significativo vantaggio in termini di sopravvivenza
globale rispetto alla monochemioterapia (HR 0.83,95% CI 0.74-0.93). Numerose sono le associazioni di
farmaci impiegati. Il 5-Fluorouracile (5FU), la capecitabina, l’S-1, i derivati del platino come l’oxaliplatino, i
taxani e l'irinotecan possono essere considerati i farmaci di riferimento nel trattamento della malattia
avanzata. Tra i regimi polichemioterapici, le triplette con cisplatino, antracicline e 5-Fluorouracile
sembrerebbero caratterizzate da maggiore efficacia; in particolare questa combinazione è apparsa
significativamente superiore in termini di sopravvivenza rispetto alle doppiette con 5-Fluorouracile e
22
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
cisplatino (HR 0.77; 95% CI 0.62-0.95) o rispetto alla combinazione di 5-Fluorouracile ed antracicline (HR
0.82; 95% CI 0.76-0.91) (79) (Livello di evidenza 1+).
Tra le combinazioni a tre farmaci contenenti 5FU, quelle che prevedono la somministrazione del 5FU in bolo
comportano una maggiore tossicità rispetto a quelle in cui il 5FU viene somministrato mediante infusione
continua.
La combinazione di docetaxel, cisplatino e 5-Fluorouracile è apparsa significativamente superiore rispetto
alla combinazione di cisplatino e 5-Fluorouracile in termini di tempo alla progressione, sopravvivenza
globale e risposte obiettive (81,82) (Livello di evidenza 1++).
Questa combinazione è tuttavia gravata da un importante aumento della tossicità, specie ematologica, tale da
richiedere un uso frequente di fattori di crescita granulocitari (G-CSF). Una revisione sistematica della
letteratura condotta su 1089 pazienti reclutati in 12 studi clinici randomizzati, ha recentemente confrontato il
regime DCF a regimi senza taxani (CF,ECF,FOLFOX-4,EF) in pazienti con malattia localmente avanzata
inoperabile, metastatica o recidivata. Le dosi ed il “timing” di somministrazione del docetaxel e del
cisplatino impiegati nel regime DCF variavano nell’ambito dei singoli studi; inoltre soltanto in tre studi
veniva valutata la sopravvivenza globale. Con queste premesse, il regime DCF ha mostrato una significativa
superiorità in termini di attività (38.8% vs 27.9%, p = 0.0003) ed una riduzione del tasso di progressione
(18.9% vs 33.3%, p = 0.0005); esso ha inoltre migliorato, sebbene in maniera non statisticamente
significativa la sopravvivenza ad un anno (p = 0.08) ed il tempo mediano alla progressione (p = 0.054). Per
quanto concerne le tossicità, si è confermata invece la maggiore incidenza di neutropenia febbrile per lo
schema DCF (p=0.0001) (81) . Alla luce di questi dati la scelta di questo regime è da considerare in pazienti
giovani, in buone condizioni cliniche generali senza significative comorbidità o in presenza di un tumore
localmente avanzato inoperabile, allorquando si voglia ottenere una retrostadiazione della neoplasia ed un
successivo recupero al trattamento chirurgico (81) (Livello di evidenza 1+).
Alcuni studi clinici randomizzati di fase III hanno valutato la possibilità di sostituire il cisplatino con
l’oxaliplatino. Lo studio REAL-2, che ha randomizzato 1002 pazienti, ha dimostrato la non-inferiorità in
termini di OS della sostituzione del cisplatino con l’oxaliplatino (HR 0.92) (83) (Livello di evidenza 1++).
Lo studio del gruppo AIO ha invece confrontato in 220 pazienti il regime FLO (5-FU ic, leucovorin ed
oxaliplatino) con il regime FLP (5-FU ic, leucovorin e cisplatino): sebbene il trial non abbia raggiunto
l’obiettivo primario rappresentato dalla superiorità in termini di PFS del regime con oxaliplatino (solo un
trend non significativo a favore del regime FLO: 5.8 vs 3.9 mesi; p= 0.077), va tuttavia segnalata la bassa
potenza di questo studio per poter dimostrare una differenza significativa in termini di PFS tra i due regimi;
inoltre nel sottogruppo di pazienti anziani il regime FLO ha comunque prodotto un vantaggio significativo di
PFS (84) (Livello di evidenza 1+). Una revisione sistematica della letteratura ha valutato le differenze in
termini di efficacia e tossicità dei regimi con oxaliplatino rispetto ai regimi con cisplatino. L’analisi relativa
a tre studi clinici randomizzati con 1294 pazienti, ha dimostrato non solo un migliore profilo di tossicità in
termini di minor incidenza di neutropenia ed eventi tromboembolici per gli schemi con oxaliplatino, ma
soprattutto un beneficio modesto ma statisticamente significativo in termini di OS (HR = 0.88, p = 0.04) e
PFS (HR:0.88; p = 0.02) ottenuto con l’oxaliplatino (85). Complessivamente considerati questi risultati
supportano una equivalente efficacia tra cisplatino ed oxaliplatino nei regimi per la malattia avanzata.
E’ stata inoltre valutata la possibilità di sostituire l’infusione continua del 5-FU con la capecitabina. Lo
studio REAL-2 ha evidenziato la non-inferiorità in termini di OS della sostituzione del 5-FU IC con la
capecitabina (HR 0.86) (83) (Livello di evidenza 1++). Lo studio ML17032 che ha randomizzato 316
pazienti tra il regime FP (5FU IC e CDDP) o XP (Capecitabina e CDDP) ha invece mostrato la non
inferiorità in termini di PFS della sostituzione del 5-FU IC con la capecitabina (HR 0.81) (86) (Livello di
evidenza 1++). Una successiva metanalisi sui dati individuali dei pazienti reclutati nei due trials, ha
evidenziato un modesto ma significativo beneficio in termini di sopravvivenza globale per i pazienti trattati
con regimi contenenti capecitabina rispetto a quelli trattati con regimi a base di 5-Fluorouracile in infusione
continua (HR 0,87, 95% IC: 0,77-0,98, p=0,027) (87). Devono tuttavia essere considerati i possibili bias
dipendenti da una comparazione di popolazioni differenti di pazienti in termini di età, derivazione
geografica, stadio di malattia e PS. In ogni caso, i dati attualmente disponibili supportano una equivalenza di
efficacia tra l’infusione continua del 5-FU e la capecitabina nei regimi per la malattia avanzata.
23
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
L’efficacia e la sicurezza di S-1 rispetto al 5-FU sono state valutate nello studio internazionale FLAGS che
ha randomizzato 1053 paziente a ricevere una delle due fluoropirimidine in combinazione con il cisplatino.
Lo studio dimostra una non inferiorità di S-1 rispetto al 5-FU con una minore incidenza di eventi avversi di
grado > 3 (88) (Livello di evidenza 1+).
I regimi contenenti irinotecano in associazione al 5FU sono stati valutati come alternativa all'associazione di
5FU e CDDP in virtù del favorevole profilo di tossicità. Infatti nello studio randomizzato di fase III di Dank
et al, la combinazione di irinotecano e 5FU ha dimostrato la non-inferiorità in termini di TTP e OS rispetto
alla combinazione di CDDP e 5FU, ma con un migliore profilo di tollerabilità ed un trend verso una migliore
qualità di vita (89,90). In un secondo studio randomizzato di fase III il regime FOLFIRI si è dimostrato
significativamente superiore in termini di TTF (obiettivo primario dello studio) rispetto al regime ECX (5.1
v 4.2 mesi; P= .008), con una tossicità di grado 3-4 significativamente più bassa (91). Pertanto, alla luce di
tali risultati, le combinazioni con irinotecano rappresentano una delle opzioni terapeutiche efficaci nel
trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma gastrico in fase avanzata (89-91) (Livello di evidenza
1++).
Ad oggi un unico trial ha evidenziato la superiorità di un farmaco biomolecolare in associazione alla
chemioterapia di prima linea: si tratta dello studio randomizzato di fase III ToGA condotto in pazienti con
carcinoma gastrico HER2 positivo localmente avanzato inoperabile o metastatico che ha dimostrato come
l’aggiunta del Trastuzumab ad una combinazione di cisplatino e fluoropirimidine migliori significativamente
la sopravvivenza globale (HR 0.74; 95% IC 0.60-0.91; p=0.0046), la sopravvivenza libera da progressione
(HR 0.71; 95% IC 0.59-0.85; p < 0,0002), il tempo alla progressione (HR 0.70; 95% IC 0.58-0.85; p
<0.0003) ed il tasso di risposte obiettive (OR 1,70, p <0,0017) rispetto alla sola chemioterapia. La maggiore
efficacia del trattamento è stata registrata nei pazienti con elevata espressione di HER2 (IHC3+ e IHC2 + /
FISH +) nei quali è stato notata una riduzione del rischio di morte del 35% (HR 0.65) con una sopravvivenza
mediana che si è attestata sui 16 mesi. Pertanto la combinazione della chemioterapia con cisplatino e
fluoropirimidine insieme al Trastuzumab, rappresenta il trattamento di riferimento nei pazienti con
carcinoma gastrico localmente avanzato inoperabile o metastatico HER2 positivi (92) (Livello di evidenza
1++). Sono di contro negativi i risultati degli studi internazionali randomizzati di fase III che hanno valutato
il possibile ruolo di nuovi farmaci biomolecolari in associazione alla chemioterapia nel trattamento di prima
linea di questa neoplasia: è il caso dei farmaci anti-EGFR (Cetuximab, Panitumumab) o anti-VEGF
(Bevacizumab) (93-95).
Sintesi raccomandazioni (terapia malattia avanzata e recidive)
Qualità
dell’evidenza
Raccomandazione
SIGN
La chemioterapia eseguita in pazienti asintomatici risulta più
efficace in termini di qualità di vita e di sopravvivenza
A
rispetto alla somministrazione della chemioterapia a
comparsa dei sintomi (80).
I regimi di combinazione offrono un significativo
miglioramento
della
sopravvivenza
rispetto
alla
A
monochemioterapia (79).
L'impiego di regimi a tre farmaci in pazienti in buone
condizioni cliniche generali e senza comorbidità significative
B
risulta più efficace rispetto a regimi a due farmaci (79,81).
La somministrazione di fluoropirimidine orali può sostituire il
5FU, in considerazione della sovrapponibile attività e
tollerabilità e del risparmio di accessi venosi centrali
A
necessari per la somministrazione infusionale di 5FU (83,8688).
24
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva forte
Positiva debole
Positiva forte
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
7.1
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
A
La somministrazione di oxaliplatino può sostituire il
cisplatino, in considerazione della sovrapponibile efficacia e
della minore tossicità rispetto all'impiego del cisplatino (8385).
Positiva forte
A
I regimi con irinotecano e fluorouracile rappresentano una
delle opzioni terapeutiche nel trattamento della neoplasia in
fase avanzata (89-91).
Positiva forte
A
I pazienti con tumore che presentano iperespressione e
amplificazione di HER-2 devono ricevere una combinazione
di Fluoropirimidine/cisplatino e trastuzumab (92).
Positiva forte
Il trattamento di prima linea nel paziente anziano
Buona parte dei pazienti affetti da carcinoma gastrico giungono alla diagnosi in età avanzata. Dati estratti dal
Surveillance Epidemiology and End Results (SEER) mostrano che il 65,5% dei pazienti con carcinoma
gastrico ha una età superiore ai 65 anni, con una età mediana alla diagnosi di 71 anni ed una età mediana al
momento del decesso di 74 anni (96,97). Purtroppo, negli studi prospettici l’età (in generale, 65-70 anni)
rappresenta uno dei criteri restrittivi di eleggibilità. In una recente meta-analisi, Wagner et al (79) hanno
evidenziato come l’età mediana in molti studi è ben al di sotto di quella riportata (64-65 anni) dai
partecipanti ad alcuni trial (83,84). In aggiunta a ciò, i pazienti anziani spesso presentano multiple
comorbidità, alterazioni delle funzioni d’organo (es. renale, cardiaca) e variazioni funzionali, che ne limitano
l’arruolamento negli studi (96,97). Pertanto, considerato che la popolazione anziana non è sufficientemente
rappresentata negli studi clinici, appare difficoltoso trasferire nella pratica clinica le raccomandazioni
riguardanti i benefici della chemioterapia palliativa in questo popolazione di pazienti.
Alcuni studi di fase II hanno valutato l’impiego di un trattamento palliativo, in generale fluoropirimidine
associate ad oxaliplatino (98-101) o irinotecan (101), ma al momento mancano studi prospettici.
Una analisi combinata condotta su 1080 pazienti arruolati all’interno di 3 studi clinici randomizzati (103)
suggerisce come i pazienti anziani trattati con chemioterapia per lo stadio avanzato possano conseguire simili
benefici rispetto alla popolazione più giovane, in termini di risposta sintomatica, tasso di risposte e
sopravvivenza senza incidere in modo significativo sulla tossicità (103) (Livello di evidenza 3).
La sovrapponibilità in termini di efficacia e la migliore tollerabilità dell’oxaliplatino nei confronti del
cisplatino sono evidenze oramai ben consolidate in letteratura (83,85). Nel sottogruppo di pazienti anziani
(>65 anni) con carcinoma gastrico avanzato, uno studio del gruppo AIO (Arbeitsgemeinschaft Internistische
Onkologie) (84) ha potuto dimostrare un miglioramento del tasso di risposte (41,3% versus 16,7%; p=0.012),
della sopravvivenza libera da progressione (PFS) (6,0 versus 3,1 mesi; p=0.029) e della sopravvivenza
globale (13,9 mesi versus 7,2 mesi (log-rank test, p=0.081; Wilcoxon test, p=0.02) con un trattamento a base
di oxaliplatino (fluorouracile, leucovorin, oxaliplatino; FLO) rispetto ad un trattamento contenente cisplatino
(5-fluorouracile, leucovorin, cisplatino; FLP). La dimensione campionaria dei pazienti anziani nello studio
(n=94), l’assenza di una valutazione preordinata di questo gruppo di pazienti ed il mancato raggiungimento
dell’obiettivo primario (PFS) sulla popolazione globale sono i limiti principali di questo studio (Livello di
evidenza 1-).
I risultati di questo studio sono in linea con quanto osservato in altri studi di fase II, che indicano che i regimi
di trattamento FOLFOX e sue modificazioni sono ben tollerati ed attivi nei pazienti anziani con carcinoma
gastrico (98-100), anche in presenza di comorbidità (101).
In una ulteriore meta-analisi degli studi REAL-2 e ML17032 (87), il cui obiettivo era quello di valutare il
ruolo della capecitabina in sostituzione del 5-fluorouracile, gli Autori hanno documentato un effetto positivo
sulla sopravvivenza globale a favore dell’impiego della capecitabina nel sottogruppo di pazienti di età ≥ 60
25
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
anni (HR=0.83, I.C. 95%, 0.73–0.94; p=0.0026). Nell’analisi sono stati valutati pazienti con diversa istologia
(adenocarcinomi, carcinomi squamosi) e sede del tumore primitivo (esofago, giunzione esofago-gastrica,
stomaco) (87) (Livello di evidenza 1+).
Il gruppo AIO (104) ha inoltre valutato l’aggiunta di un terzo farmaco, il docetaxel (regime FLOT), alla
combinazione FLO, nei pazienti anziani (≥65 anni) affetti da carcinoma gastroesofageo localmente avanzato
e metastatico. In questo studio randomizzato di fase II sono stati arruolati 143 pazienti. Il regime FLOT ha
riportato un tasso di risposte significativamente superiore rispetto alla combinazione FLO (49,3% versus
27,5%, p=0.018), con un miglioramento della PFS più evidente nel sottogruppo di pazienti con malattia
localmente avanzata. Come era prevedibile, il regime a tre farmaci ha comportato un maggiore tossicità del
trattamento, in termini di alopecia (p<0.001), neutropenia (p<0.001), diarrea (p=0.006) e nausea (p=0.029),
senza peraltro comportare un significativo incremento di neutropenia complicata, percentuale di eventi
avversi seri, durata dei trattamenti, sospensione del trattamento per tossicità e morti correlate al trattamento
stesso. Inoltre, con l’aggiunta del docetaxel non si è registrato un significativo deterioramento dei parametri
della qualità di vita (105) (Livello di evidenza 1+).
Considerato che l’estrapolazione di informazioni da meta-analisi o sottogruppi di studi prospettici deve
essere effettuata con molta cautela, è auspicabile per il futuro il disegno di studi realizzati ad hoc per questa
popolazione, tenendo in considerazione anche le comorbidità dei pazienti da arruolare, la tollerabilità al
trattamento e l’impatto sulla qualità di vita.
Sintesi raccomandazioni (trattamento di prima linea nel paziente anziano)
7.2
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione
Forza della
raccomandazione
clinica
B
Regimi a base di oxaliplatino e 5-fluororacile possono essere
considerati nel paziente anziano (≥65 anni) e con un attento
monitoraggio della tossicità (98-101).
Positiva debole
B
La capecitabina può sostituire il 5-fluorouracile in presenza di
care-giver ed in assenza di insufficienza renale (87).
Positiva debole
D
L’irinotecan in combinazione con il 5-fluorouracile può
essere utilizzato nel paziente anziano (102).
Positiva debole
Chemioterapia di seconda linea
Praticare un trattamento chemioterapico di seconda linea è oramai consuetudine accettata in molte realtà,
anche se la percentuale dei pazienti trattata varia in relazione al paese d’origine (le percentuali sono più
elevate nei paesi asiatici e più basse nei paesi occidentali e, soprattutto, nel continente americano). Dopo
numerose esperienze in studi di fase II, solo recentemente tre studi randomizzati di fase III hanno dimostrato
un vantaggio in sopravvivenza a favore della chemioterapia di seconda linea rispetto alla migliore terapia di
supporto (best supportive care, BSC).
Nel primo di questi studi (106), il trattamento chemioterapico prevedeva l’impiego dell’irinotecan alla dose
di 250 mg/m2, da ripetere ogni 3 settimane. Lo studio è stato interrotto per lo scarso arruolamento dopo 4
anni dal suo inizio e con solo 40 pazienti randomizzati. Nonostante questo importante limite, l’obiettivo della
sopravvivenza globale è stato raggiunto con una mediana di 2,4 mesi per il braccio BSC e di 4,0 mesi per il
braccio di trattamento (p=0.012) (106) (Livello di evidenza 1++).
Il secondo studio (107) ha previsto un arruolamento di più grosse dimensioni (n=202). I pazienti, già trattati
con 1-2 linee di chemioterapia contenenti fluoropirimidine e platino-derivati, hanno ricevuto, con una
proporzione di 2:1, BSC + chemioterapia (docetaxel 60 mg/m2, ogni 3 settimane, o irinotecan 150 mg/m2,
ogni 2 settimane, a discrezione dello sperimentatore) o la sola BSC. Il trattamento chemioterapico ha
permesso di migliorare la sopravvivenza globale (5,3 mesi versus 3,8 mesi per la sola BSC; p=0.007), con
26
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
una riduzione del rischio di morte di circa il 35%. Gli Autori non hanno rilevato differenze significative tra
docetaxel ed irinotecan (5.2 v 6.5 months; p=0.116). Va, comunque, sottolineato che lo studio è stato
condotto su una popolazione coreana. Pertanto, non è possibile estendere i risultati dello studio al di fuori del
mondo asiatico considerata l’evidenza di una diversa biologia tumorale tra pazienti asiatici e quelli
occidentali. Inoltre, sebbene si tratti di uno studio randomizzato controllato, sia i pazienti che gli
sperimentatori erano a conoscenza del braccio di assegnazione ed una piccola minoranza di pazienti nel
braccio BSC hanno poi ricevuto il trattamento chemioterapico. Come in tutti gli studi che prevedano
l’impiego di una BSC, vi è il problema pratico della difficoltà di standardizzare la miglior terapia di supporto
(107) (Livello di evidenza 1++).
Infine, recentemente Ford e Colleghi (108) hanno riportato i risultati di uno studio europeo, multicentrico, il
COUGAR-2. Sono stati randomizzati 168 pazienti in progressione entro 6 mesi dal termine di un trattamento
di prima linea con fluoropirimidine e platino. Lo studio ha arruolato pazienti con adenocarcinoma esofageo,
della giunzione gastroesofagea e gastrico e non è stato disegnato per dimostrare il miglioramento della
sopravvivenza in base alla diversa sede del tumore primitivo. I pazienti hanno ricevuto il docetaxel alla dose
di 75 mg/mq per un massimo di 6 cicli in aggiunta al controllo attivo dei sintomi (active symptom control,
ACS) o il solo ACS. I pazienti trattati con docetaxel hanno riportato una migliore sopravvivenza globale
rispetto a quelli trattati con solo ACS (5, 2 mesi versus 3,6 mesi; HR 0.67, 95% C.I., 0.49-0.92; p = 0.01) ed
un miglioramento significativo di alcuni sintomi, come dolore, nausea/vomito, stipsi, disfagia, senza alterare
la valutazione globale della qualità di vita. Nuovamente, occorre riportare che si tratta di uno studio in
aperto, inevitabile anche per le possibili tossicità, come l’alopecia, correlate all’impiego del docetaxel e la
necessità di somministrare steroidi ad ogni ciclo di chemioterapia. Anche in questo caso non è stato possibile
escludere il problema pratico di standardizzare il trattamento per il controllo dei sintomi (108) (Livello di
evidenza 1+).
Recentemente, è stata pubblicata una meta-analisi di questi studi randomizzati (109). Gli autori hanno
evidenziato una significativa riduzione del rischio di morte (HR = 0.64; I.C. 95%, 0,52-0,79; p <0.0001) con
l’aggiunta della chemioterapia alla BSC. Sia il docetaxel che l’irinotecan hanno dimostrato il loro vantaggio
in seconda linea, rappresentando una opzione terapeutica per i pazienti eleggibili per una terapia di
salvataggio (109) (Livello di evidenza 1++).
Uno studio asiatico di fase III ha confrontato l’efficacia di un trattamento chemioterapico di seconda linea
con irinotecan verso un trattamento con paclitaxel settimanale in 223 pazienti con adenocarcinoma gastrico
avanzato progrediti dopo fluoropirimidine e platino, dimostrando una simile efficacia tra i due trattamenti e
concludendo quindi che entrambe le opzioni sono valide (110) (Livello di evidenza 1+, assegnato per open
label design).
Tra i vari farmaci biologici, il ramucirumab, un anticorpo monoclonale antagonista del VEGFR-2 (Vascular
Endothelial Growth Factor Receptor-2), è l’unico ad aver dimostrato un vantaggio di sopravvivenza (111) nel
trattamento di seconda linea. Lo studio randomizzato REGARD di fase III, internazionale, multicentrico, in
cieco, ha previsto l’arruolamento di 355 pazienti di età 24-87 anni con carcinoma gastrico o della giunzione
gastro-esofagea, che hanno ricevuto ramucirumab alla dose di 8 mg/kg o placebo, ogni 2 settimane, in
aggiunta alla BSC. La mediana di sopravvivenza è risultata pari a 5,2 mesi a favore del ramucirumab rispetto
ai 3,8 mesi del gruppo che ha ricevuto il placebo (HR = 0,776; I.C. 95%, 0,603-0,998; p = 0,047). A parte la
percentuale di ipertensione, prevalente nel braccio ramucirumab, non sono state osservate differenze
significative di percentuale di altri eventi avversi tra i due bracci di trattamenti. Il farmaco non è stato ancora
approvato da AIFA in Italia (Livello di evidenza 1++).
L’utilizzo di Ramucirumab è stato valutato anche in combinazione a Paclitaxel settimanale verso la sola
chemioterapia nello studio RAINBOW in 665 pazienti con adenocarcinoma gastrico avanzato pretrattati.
L’aggiunta di Ramucirumab ha prodotto un incremento della sopravvivenza globale (HR: 0,807; I.C. 95%:
0,678-0,962; p=0,0169) e della sopravvivenza libera da progressione (HR:635; I.C.95%: 0,536-0,752;
p<0,0001) aumentando però la tossicità in particolare in termini di neutropenie di grado 3-4 ma non febbrili e
di ipertensione (112) (Livello di evidenza 1++). In una analisi condotta sulla popolazione europea arruolata
nello studio (398 dei 665 totali), l’aggiunta di ramucirumab al paclitaxel ha prodotto un più significativo
miglioramento della sopravvivenza globale (HR: 0,726; I.C. 95%: 0,580-0,909; p=0,0050) con un
incremento della sopravvivenza mediana di quasi 3 mesi (8,6 mesi versus 5,9 mesi) rispetto all’impiego del
27
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
solo paclitaxel. In questo sottogruppo di pazienti europei, si conferma anche un maggior vantaggio degli
obiettivi secondari dello studio (sopravvivenza libera da progressione, tasso di risposte).
L’analisi mostra un lieve aumento delle percentuali di neutropenia, leucopenia, neuropatia ed ipertensione del
braccio ramucirumab + paclitaxel rispetto a quanto osservato nella popolazione generale (113).
Recentemente sono stati presentati anche i dati di un altro studio di fase III che ha valutato l’utilizzo di
apatinib, un inibitore dell’attività tirosin-chinasica di VEGFR-2, verso placebo in pazienti con
adenocarcinoma gastrico avanzato pretrattati; lo studio dimostra l’efficacia di apatinib nel prolungare la
sopravvivenza globale e libera da progressione di malattia (114). Anche apatinib comunque non è al
momento approvato in Italia.
Alcuni fattori predittivi possono aiutare a selezionare i pazienti che meglio si avvantaggiano da un
trattamento di seconda linea: il performance status, il valore basale dell’emoglobina ed il tempo a
progressione della prima linea di chemioterapia (115-117). Utilizzando altre variabili, come il CEA ed il
numero di sedi metastatiche, è possibile definire gruppi di pazienti a buona prognosi (assenza di fattori di
rischio), che presentano sopravvivenze dall’inizio del trattamento di seconda linea simili a quelle riportate
con trattamenti di prima linea.
Sintesi raccomandazioni (chemioterapia di seconda linea)
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A
D
Raccomandazione
La chemioterapia di seconda linea dovrebbe essere
considerata nei pazienti in buone condizioni cliniche generali
(PS 0-1) in progressione di malattia dopo un trattamento
chemioterapico di prima linea (106-109).
L’associazione Ramucirumab e paclitaxel può essere
considerata il nuovo standard terapeutico nel trattamento di
seconda linea (112,113). I pazienti non eleggibili per
l’associazione con paclitaxel (es. ridotta riserva midollare,
neuropatia, ecc) possono giovarsi del trattamento con solo
ramucirumab (111).
In relazione alle indicazioni registrative dei farmaci, in
alternativa è possibile scegliere farmaci non impiegati nel
trattamento di prima linea (106-109).
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva Forte
Positiva Forte
Positiva debole
*Il ramucirumab è stato approvato da EMA ed in Italia ha ottenuto da AIFA ad ottobre 2015 la rimborsabilità
(G.U. del 13 ottobre 2015).
28
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
8. Figure
8.1 Diagnosi e Stadiazione
Sospetto clinico di
neoplasia dello stomaco
•
•
•
•
Anamnesi
Esame obiettivo
Gastroscopia con biopsia*
TAC torace-addome-pelvi
Esami di secondo livello da
usare in casi selezionati:
•
PET/TC total body
•
Ecoendoscopia
•
Laparoscopia
*in caso di malattia metastatica, deve prevedere la valutazione dello stato di HER-2 come
da specifiche linee guida
29
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
8.2 Trattamento malattia localizzata
•
Tis-T1a, N0
•
•
T1b, N0
•
•
EMR (Endoscopic mucosal resection) oppure
ESD (Endoscopic submucosal dissection) in caso di tumori < 20
mm, ben differenziati, senza invasione vascolare e linfatica;
Gastrectomia totale o subtotale distale con linfoadenectomia D1D2
Gastrectomia totale o subtotale distale con
linfoadenectomia D2
T2 o superiore e/o N+
•
Polichemioterapia perioperatoria e chirurgia
La chemioradioterapia preoperatoria può essere preferibile nelle
forme della giunzione gastro-esogafea in pazienti con buon PS
Chirurgia seguita da monochemioterapia adiuvante o da
chemioradioterapia adiuvante in caso di resezione R1 o
linfoadenectomia <D2 (opzione non preferibile da riservare a
pazienti non trattati in fase preoperatoria)
Paziente non
resecabile per
controindicazioni
•
•
Chemioradioterapia, se fattibile, oppure
Chemioterapia esclusiva
30
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
8.3 Follow up e trattamento malattia metastatica o recidiva
Dopo trattamento locoregionale:
-Esame obiettivo;
-Esami ematochimici;
-Esami strumentali secondo giudizio clinico;
-Monitoraggio delle problematiche nutrizionali; ogni 3-4 mesi nei primi
2 anni, poi ogni 6 mesi dal 3° al 5° anno, poi annualmente.
-EGDS annuale
Evidenza di recidiva di
malattia
Evidenza di malattia
avanzata non suscettibile
di trattamenti locali o
metastatica
Valutazione stato HER-2
Trattamento chemioterapico di prima linea con:
-polichemioterapia meglio di monoterapia
-regimi a 3 farmaci in pazienti selezionati
-platino/fluoropirimidine + trastuzumab in tumori HER-2 +
-possibilità di sostituire cisplatino con oxaliplatino e 5fluorouracile con capecitabina
-oxaliplatino e 5-fluorouracile in pazienti anziani “fit”
monitorando attentamente la tossicità
31
Dopo progressione di malattia, chemioterapia di
seconda linea in pazienti con PS 0-1 da scegliere in
base ai farmaci utilizzati in prima linea (irinotecan,
docetaxel, paclitaxel
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
9. Raccomandazioni prodotte con metodologia GRADE
QUESITO 1: Nei pazienti con carcinoma gastrico in stadio II-III, è raccomandabile l’utilizzo
di una chemioterapia perioperatoria rispetto al solo intervento chirurgico?
RACCOMANDAZIONE:
In pazienti con carcinoma gastrico in stadio II-III, un trattamento chemioterapico preoperatorio può
essere utilizzato
Forza della raccomandazione: POSITIVA DEBOLE
Motivazioni/Commenti al bilancio Beneficio/Danno:
Gli studi disponibili dimostrano l’efficacia di un trattamento chemioterapico perioperatorio a base di cisplatino
nell’aumentare la sopravvivenza dei pazienti verso sola chirurgia senza evidenziare incrementi di morbilità e
mortalità per i pazienti.
Tuttavia, negli studi disponibili era incluso un gruppo di pazienti affetto da neoplasia della giunzione
gastroesofagea, non vi era un confronto con un braccio di trattamento adiuvante postoperatorio e la qualità
della chirurgia sembrava limitata.
Votazione forza raccomandazione
Positiva forte
Positiva
debole
Negativa
debole
Votazione bilancio Beneficio/Danno
Negativa
forte
Favorevole
Incerto
Sfavorevole
4
4
Implicazioni per le ricerche future:
Il ruolo del trattamento perioperatorio andrebbe confermato in casistiche di pazienti costituite esclusivamente
da carcinomi gastrici e con una migliore stadiazione preoperatoria al fine di selezionare una popolazione più
omogenea. Inoltre l’impatto della chemioterapia perioperatoria appare simile a quello di un trattamento
chemioradioterapico preoperatorio o postoperatorio e dovrebbe essere confrontato con queste metodiche in
adeguati studi randomizzati. Inoltre resta da definire in questo setting il ruolo del trastuzumab in associazione
alla chemioterapia per i pazienti con carcinoma gastrico HER-2 positivo.
Qualità delle Evidenze
La qualità delle evidenze è stata giudicata BASSA per i seguenti motivi:
In entrambi gli studi considerati vi è un possibile bias d'analisi poichè non viene specificata la schedula di
follow-up e un possibile bias di accertamento per la mancanza di mascheramento dell’outcome assessor. Inoltre
potrebbe esistere un problema di indirectness poichè sono stati arruolati anche pazienti con neoplasie del terzo
inferiore dell’esofago o della giunzione gastro-esofagea
Qualità globale delle evidenze: BASSA
Questa raccomandazione è stata prodotta con metodo GRADE.
In appendice online: quesito clinico all’origine della raccomandazione, votazione della criticità degli
outcome, tabella GRADE completa e caratteristiche del panel.
32
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
10. Bibliografia
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
Ferlay J, Steliarova-Foucher E, Lortet-Tieulent J, et al. Cancer incidence and mortality patterns in Europe:
Estimates for 40 countries in 2012. Eur J Cancer 2013; 49: 1374-1403;
Sant M et al. EUROCARE-4. Survival of cancer patients diagnosed in 1995-1999.
Results and commentary. Eur
J Cancer 2009; 45: 931-991;
I numeri del cancro in Italia. AIOM-AIRTUM 2014;
Okines A et al. Gastric cancer: ESMO clinical practice guidelines for diagnosis, treatment and follow up. Ann
Oncol 2010; suppl 5: v50-v54;
TNM Classification of Malignant Tumours, 7th Edition (UICC). 2010;
Mocellin S, Marchet A, Nitti D.EUS for the staging of gastric cancer: a meta-analysis. Gastrointest Endosc 2011;
73:1122-1134
Marchet A, Mocellin S, Ambrosi A, et al. Validation of the new AJCC TNM staging system for gastric cancer in
a large cohort of patients (n = 2,155): Focus on the T category. Eur J Surg Oncol 2011; 37:779-785.
Japanese Gastric Cancer Association: Japanese classification of gastric cancer: 3rd English edition. Gastric
Cancer 2011; 14:101-112.
Japanese Gastric Cancer Association: Japanese gastric cancer treatment guidelines 2010 (ver.3). Gastric Cancer
2011; 14:113-123.
Edge SB, Byrd DR, Compton CC, eds. AJCC Cancer Staging Manual. 7th ed. New York, NY.: Springer, 2010.
de Graaf GW, Ayantunde AA, Parsons SL et al. The role of staging laparoscopy in oesophagogastric cancers. Eur
J Surg Oncol 2007; 33: 988–992.
Cancer Genome Atlas Research Network. Comprehensive molecular characterization of gastric adenocarcinoma.
Nature 2014 Sep 11;513(7517):202-9. doi: 10.1038/nature13480. Epub 2014 Jul 23
Shah MA, Khanin R, Tang L, Janjigian YY, Klimstra DS, Gerdes H, Kelsen DP. Molecular classification of
gastric cancer: a new paradigm. Clin Cancer Res. 2011 May 1;17(9):2693-701. doi: 10.1158/1078-0432.CCR10-2203. Epub 2011 Mar 23.
Bittoni A, Scartozzi M, Giampieri R, Faloppi L, Bianconi M, Mandolesi A, Del Prete M, Pistelli M, Cecchini L,
Bearzi I, Cascinu S. Clinical evidence for three distinct gastric cancer subtypes: time for a new approach. PLoS
One. 2013 Nov 12;8(11):e78544..
Nitti D, Marchet A, Mocellin S, et al. Prognostic value of subclassification of T2 tumours in patients with gastric
cancer. Br J Surg 2009; 96:398-404.
Gotoda T. Endoscopic resection of early gastric cancer. Gastric Cancer 2007; 10:1-11.
Gotoda T, Yamamoto H, Soetikno R. Endoscopic submucosal dissection of early gastric cancer. J Gastroenterol
2006; 41:929-942.
Songun I, Putter H, Meershoek-Klein Kranenbarg E, et al. Surgical treatment of gastric cancer : 15-year followup results of the randomised nationwide Dutch D1D2 trial. Lancet Oncol 2010; 11:439-449.
Sasako M, Sano T, Yamamoto S, et al, for the Japan Clinical Oncology Group. D2 lymphadenectomy alone or
with para-aortic nodal dissection for gastric cancer. N Engl J Med 2008; 359:453-462.
Japanese Classification of Gastric Carcinoma-2nd English Edition- Gastric Cancer 1998 1 : 10-24.
Bozzetti F, Marubini E, Bonfanti G, et al. Subtotal versus total gastrectomy for gastric cancer. Five-year survival
rates in a multicenter randomized italian trial. Ann Surg 1999; 230:170-8
Buhl K, Schlag P, Herfarth C. Quality of life and functional results following different types of resection for
gastric carcinoma. Eur J Surg Oncol 1990;16:404-409.
Lutz MP, Zalcberg JR, Ducreux M, et al:. Highlights of the EORTC ST. Gallen International Expert Consensus
on the primary therapy of gastric, gastroesophageal and oesophageal cancer – Differential treatment strategies
for subtypes of early gastroesophageal cancer. Eur J Cancer 2012; 48: 2941-2953.
Dikken JL, van Sandick JW, Allum WH, et al. Differences in outcomes of oesophageal and gastric cancer
surgery across Europe. Br J Surg 2013; 100:83-94
Csendes A, Burgos AM, Smok G, et al: Latest results (12-21 years) of a prospective randomised study
comparing Billroth II and Roux-en-Y anastomosis ofter a partial gastrectomy plus vagotomy in patients with
duodenal ulcer. Ann Surg 2009, 249:189-194.
Kun Yang J, Xin-Zu Chen, Jian-Kun Hu et al. Effectiveness and safety of splenectomy for gastric carcinoma: A
meta-analysis. World J Gastroenterol 2009; 15:5352:5359.
Zhang CH, Zhan WH, He YL, et al. Spleen preservation in radical surgery for gastric cardia cancer. Ann Surg
Oncol 2007; 14:1312-1319.
33
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
28.
29.
30.
31.
32.
33.
34.
35.
36.
37.
38.
39.
40.
41.
42.
43.
44.
45.
46.
47.
Sano T, Sasako M, Shibata S, et al. Randomized controlled trial to evaluate splenectomy in total gastrectomy for
proximal gastric cancer (JCOG0110): analyzes of postoperative mortality, operation time, and blood loss. J Clin
Oncol 2010; 28(Suppl): 15s.
Kodama I, Takamiya H, Mizutani K, Ohta J, Aoyagi K, Kofuji K, Takeda J, Shirouzu K. Gastrectomy with
combined resection of other organs for carcinoma of the stomach with invasion to adjacent organs: clinical
efficacy in a retrospective study. J Am Coll Surg 1997, 184:16-22
Martin RC II, Jaques DP, Brenna MF, et al. Extended local resection for advanced gastric cancer : increased
survival versus increased morbidity. Ann Surg 2002; 236:159-165
Nitti D, Marchet A, Belluco C, Olivieri M, Ambrosi A, Mammano E, Lise M. Ratio between metastatic and
examined lymph nodes is an independent prognostic factor after D2 resection for gastric cancer: analysis of a
large European monoinstitutional experience. Ann Surg Oncol 2003; 0:1077-1085
McCulloch P, Nita M, Kazi H, et al. Gastrectomy with extended lymphadenectomy for primary treatment of
gastric cancer. Br J Surg 2005; 92:5-13
Mocellin S, Nitti D. Lymphadenectomy extent and survival of patients with gastric carcinoma: A systemic
review and meta-analysis of time-to-event data from randomized trials. Cancer Treat Rev 2015; [Epub ahead of
print]
Han DS, Suh YS, Kong SH, et al. Nomogram predicting long-term survival after D2 gastrectomy for gastric
cancer. J Clin Oncol 2012; 30:3834-3840.
Vinuela EF, Gonen M, Brennan MF, et al. Laparoscopic versus open distal gastrectomy for gastric cancer : a
meta-analysis of randomized controlled trials and high-quality nonrandomized studioe. Ann Surg 2012; 255:446456.
Lee JH, Nam BH, Ryu SY, Kim YW, Park YK, Kim S. Comparison of the long-term results of patients who
underwent laparoscopy versus open distal gastrectomy. Surg Endosc 2015; [Epub ahead of print]
Kim HH, Han SUH, Hyung WJ, et al. Long-term results of laparoscopic gastrectomy for Gastric Cancer: a largescale case-control and case-matched Korean multicentric study. JCO 2014; 32:627-633
Chen K, Pan Y, Cai JQ, Xu XW, Wu D, Mou YP. Totally laparoscopic gastrectomy for gastric cancer: a
systematic review and meta-analysis of outcomes compared with open surgery. World J Gastroenterol 2014; 20:
15867-78.
Chen XZ, Wen L, Rui YY, Liu CX, Zhao QC, Zhou ZG, Hu JK. Long-term survival outcomes of laparoscopic
versus open gastrectomy for gastric cancer: a systematic review and meta-analysis. Medicine (Baltimore) 2015;
[Epub ahead of print].
Emoto S, Kitayama J, Ishigami H, Yamaguche H, Watanabe T. Clinical significance of cytological status of
peritoneal lavage fluid during Intraperitoneal Chemotherapy for gastric cancer with overt peritoneal
dissemination. Ann Surg Oncol 2015; 22:780-786.
Yonemura Y, Endou Y, Sasaki T, et al. Surgical treatment for peritoneal carcinomatosis from gastric cancer. Eur J
Surg Oncol. 2010;36:1131-8.
Al-Shammaa HAH, Li Y, Yonemura Y. Current status and future strategies of cytoreductive surgery plus
intraperitoneal hyperthermic chemotherapy for peritoneal carcinomatosis. World J Gastroenterol 2008; 14:11591166.
Glehen O, Gilly FN, arvieux C, et al. Peritoneal carcinomatosis from gastric cancer: a multi-institutional study
on 159 patients treated by cytoreductive surgery combined with perioperative intraperitoneal chemotherapy. Ann
Surg Oncol 2010; 17:2370-2377.
Gill RS, Al-Adra DP, Nagendran J, Campbell S, Shi X, Haase E, Schiller D. Treatment of gastric cancer with
peritoneal carcinomatosis by cytoreductive surgery and HIPEC: a systematic review of survival, mortality, and
morbidity. J Surg Oncol. 2011;104:692-8.
Yang XJ, Huang CQ, Suo T, Mei LJ, Yang GL, Cheng FL, Zhou YF, Xiong B, Yonemura Y, Li Y. Cytoreductive
surgery and hyperthermic intraperitoneal chemotherapy improves survival of patients with peritoneal
carcinomatosis from gastric cancer: final results of a phase III randomized clinical trial. Ann Surg Oncol.
2011;18:1575-81.
GASTRIC (Global Advanced/Adjuvant Stomach Tumor Research International Collaboration) Group, Paoletti
X, Oba K, Burzykowski T, Michiels S, Ohashi Y, Pignon JP, Rougier P, Sakamoto J, Sargent D, Sasako M, Van
Cutsem E, Buyse M. Benefit of adjuvant chemotherapy for resectable gastric cancer: a meta-analysis. JAMA
2010 May 5;303(17):1729-37
Sakuramoto S, Sasako M, Yamaguchi T, Kinoshita T, Fujii M, Nashimoto A, Furukawa H, Nakajima T, Ohashi Y,
Imamura H, Higashino M, Yamamura Y, Kurita A, Arai K; ACTS-GC Group. Adjuvant chemotherapy for gastric
cancer with S-1, an oral fluoropyrimidine. N Engl J Med. 2007 Nov 1;357(18):1810-20
34
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
48.
49.
50.
51.
52.
53.
54.
55.
56.
57.
58.
59.
60.
61.
62.
63.
Bang Y-J, Kim Y-W, Yang H-K et al: Adjuvant capecitabine and oxaliplatin for gastric cancer, after D2
gastrectomy (CLASSIC): a phase 3 open-label, randomized controlled trial. Lancet 2012 Jan 28;379(9813):31521
Bajetta E, Floriani I, Di Bartolomeo M, Labianca R, Falcone A, Di Costanzo F, Comella G, Amadori D, Pinto C,
Carlomagno C, Nitti D, Daniele B, Mini E, Poli D, Santoro A, Mosconi S, Casaretti R, Boni C, Pinotti G, Bidoli
P, Landi L, Rosati G, Ravaioli A, Cantore M, Di Fabio F, Marchet A; for the ITACA-S (Intergroup Trial of
Adjuvant Chemotherapy in Adenocarcinoma of the Stomach trial) Study Group. Randomized trial on adjuvant
treatment with FOLFIRI followed by docetaxel and cisplatin versus 5-fluorouracil and folinic acid for radically
resected gastric cancer. Ann Oncol. 2014 Apr 1
Kang YK1, Chang HM, Yook JH, Ryu MH, Park I, Min YJ, Adjuvant chemotherapy for gastric cancer: a
randomised phase 3 trial of mitomycin-C plus either short-term doxifluridine or long-term doxifluridine plus
cisplatin after curative D2 gastrectomy. Br J Cancer. 2013 Apr 2;108(6):1245
Tsuburaya A, Yoshida K, Kobayashi. Sequential paclitaxel followed by tegafur and uracil (UFT) or S-1 versus
UFT or S-1 monotherapy as adjuvant chemotherapy for T4a/b gastric cancer (SAMIT): a phase 3 factorial
randomized controlled trial. Lancet Oncol 2014;15:886-93
Cunningham D, Allum WH, Stenning SP, Thompson JN, Van de Velde CJ, Nicolson M, Scarffe JH, Lofts FJ,
Falk SJ, Iveson TJ, Smith DB, Langley RE, Verma M, Weeden S, Chua YJ, MAGIC Trial Participants.
Perioperative chemotherapy versus surgery alone for resectable gastroesophageal cancer. N Engl J Med. 2006 Jul
6;355(1):11-20.
Ychou M, Boige V, Pignon JP, Conroy T, Bouché O, Lebreton G, Ducourtieux M, Bedenne L, Fabre JM, SaintAubert B, Genève J, Lasser P, Rougier P. Perioperative chemotherapy compared with surgery alone for
resectable gastroesophageal adenocarcinoma: an FNCLCC and FFCD multicenter phase III trial. J Clin Oncol.
2011 May 1;29(13):1715-21
Ronellenfitsch U1, Schwarzbach M, Hofheinz R, Kienle P, Kieser M, Slanger TE, Burmeister B, Kelsen D,
Niedzwiecki D, Schuhmacher C, Urba S, van de Velde C, Walsh TN, Ychou M, Jensen K. Preoperative
chemo(radio)therapy versus primary surgery for gastroesophageal adenocarcinoma: systematic review with
meta-analysis combining individual patient and aggregate data. Eur J Cancer. 2013 Oct;49(15):31
Biffi R, Fazio N, Luca F, et al. Surgical outcome after docetaxel-based neoadjuvant chemotherapy in locallyadvanced gastric cancer. World J Gastroenterol 2010; 16:868-874
Kim S, et al. An observational study suggesting clinical benefit for adjuvant postoperative chemoradiation in a
population of over 500 cases after gastric resection with D2 nodal dissection for adenocarcinoma of the stomach.
Int J Radiat Oncol Biol Phys. 2005 Dec 1;63(5):1279-85.
Walsh TN et al, A Comparison Of Multimodal Therapy And Surgery For Esophageal Adenocarcinoma. N Engl J
Med. 1996 AUG 15;335(7):462-7.
Ajani, J. A., P. F. Mansfield, C. H. Crane, T. T. Wu, S. Lunagomez, P. M. Lynch, N. Janjan, B. Feig, J. Faust, J.
C. Yao, R. Nivers, J. Morris and P. W. Pisters (2005). "Paclitaxel-based chemoradiotherapy in localized gastric
carcinoma: degree of pathologic response and not clinical parameters dictated patient outcome." J Clin Oncol
23(6): 1237-1244.
Ajani, J. A., P. F. Mansfield, N. Janjan, J. Morris, P. W. Pisters, P. M. Lynch, B. Feig, R. Myerson, R. Nivers, D.
S. Cohen and L. L. Gunderson (2004). "Multi-institutional trial of preoperative chemoradiotherapy in patients
with potentially resectable gastric carcinoma." J Clin Oncol 22(14): 2774-2780.
Ajani, J. A., K. Winter, G. S. Okawara, J. H. Donohue, P. W. Pisters, C. H. Crane, J. F. Greskovich, P. R. Anne, J.
D. Bradley, C. Willett and T. A. Rich (2006). "Phase II trial of preoperative chemoradiation in patients with
localized gastric adenocarcinoma (RTOG 9904): quality of combined modality therapy and pathologic response."
J Clin Oncol 24(24): 3953-3958.
Dikken, J. L., E. P. Jansen, A. Cats, B. Bakker, H. H. Hartgrink, E. M. Kranenbarg, H. Boot, H. Putter, K. C.
Peeters, C. J. van de Velde and M. Verheij (2010). "Impact of the extent of surgery and postoperative
chemoradiotherapy on recurrence patterns in gastric cancer." J Clin Oncol 28(14): 2430-2436.
Dikken, J. L., J. W. van Sandick, H. A. Maurits Swellengrebel, P. A. Lind, H. Putter, E. P. Jansen, H. Boot, N. C.
van Grieken, C. J. van de Velde, M. Verheij and A. Cats (2011). "Neo-adjuvant chemotherapy followed by
surgery and chemotherapy or by surgery and chemoradiotherapy for patients with resectable gastric cancer
(CRITICS)." BMC Cancer 11: 329.
Kim, S., D. H. Lim, J. Lee, W. K. Kang, J. S. MacDonald, C. H. Park, S. H. Park, S. H. Lee, K. Kim, J. O. Park,
W. S. Kim, C. W. Jung, Y. S. Park, Y. H. Im, T. S. Sohn, J. H. Noh, J. S. Heo, Y. I. Kim, C. K. Park and K. Park
(2005). "An observational study suggesting clinical benefit for adjuvant postoperative chemoradiation in a
population of over 500 cases after gastric resection with D2 nodal dissection for adenocarcinoma of the
stomach." Int J Radiat Oncol Biol Phys 63(5): 1279-1285.
35
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
64.
65.
66.
67.
68.
69.
70.
71.
72.
73.
74.
75.
76.
77.
78.
79.
80.
81.
Ohri, N., M. K. Garg, S. Aparo, A. Kaubisch, W. Tome, T. J. Kennedy, S. Kalnicki and C. Guha (2013). "Who
Benefits From Adjuvant Radiation Therapy for Gastric Cancer? A Meta-Analysis." Int J Radiat Oncol Biol Phys.
Valentini, V., F. Cellini, B. D. Minsky, G. C. Mattiucci, M. Balducci, G. D'Agostino, E. D'Angelo, N. Dinapoli,
N. Nicolotti, C. Valentini and G. La Torre (2009). "Survival after radiotherapy in gastric cancer: systematic
review and meta-analysis." Radiother Oncol 92(2): 176-183.
Macdonald JS et al, Chemoradiotherapy after surgery compared with surgery alone for adenocarcinoma of the
stomach or gastroesophageal junction. N Engl J Med. 2001 Sep 6;345(10):725-30.
Smalley, S. R., J. K. Benedetti, D. G. Haller, S. A. Hundahl, N. C. Estes, J. A. Ajani, L. L. Gunderson, B.
Goldman, J. A. Martenson, J. M. Jessup, G. N. Stemmermann, C. D. Blanke and J. S. Macdonald (2012).
"Updated analysis of SWOG-directed intergroup study 0116: a phase III trial of adjuvant radiochemotherapy
versus observation after curative gastric cancer resection." J Clin Oncol 30(19): 2327-2333.
Lee, J., H. Lim do, S. Kim, S. H. Park, J. O. Park, Y. S. Park, H. Y. Lim, M. G. Choi, T. S. Sohn, J. H. Noh, J. M.
Bae, Y. C. Ahn, I. Sohn, S. H. Jung, C. K. Park, K. M. Kim and W. K. Kang (2012). "Phase III trial comparing
capecitabine plus cisplatin versus capecitabine plus cisplatin with concurrent capecitabine radiotherapy in
completely resected gastric cancer with D2 lymph node dissection: the ARTIST trial." J Clin Oncol 30(3): 268273
Shridhar, R., G. W. Dombi, S. E. Finkelstein, K. L. Meredith and S. E. Hoffe (2011). "Improved survival in
patients with lymph node-positive gastric cancer who received preoperative radiation: an analysis of the
Surveillance, Epidemiology, and End Results database." Cancer 117(17): 3908-3916.
Min C., Bangalore S., Jhawar S., Guo Y., Nicholson J., Formenti S.C., Leichman L.P., Du K.L. Chemoradiation
therapy versus chemotherapy alone for gastric cancer after R0 surgical resection: a meta-analysis of randomized
trials. Oncology, 2014, 86 (2), 79-85.
Dikken, J. L.; Coit, D. G.; Baser, R. E.; Gonen, M.; Goodman, K. A.; Brennan, M. F.; Jansen, E. P.; Boot, H.; van
de Velde, C. J.; Cats, A.; Verheij, M., Performance of a nomogram predicting disease-specific survival after an
R0 resection for gastric cancer in patients receiving postoperative chemoradiation therapy. Int J Radiat Oncol
Biol Phys, 2014, 88 (3), 624-9.
Kattan, M. W.; Karpeh, M. S.; Mazumdar, M.; Brennan, M. F., Postoperative nomogram for disease-specific
survival after an R0 resection for gastric carcinoma. J Clin Oncol, 2003, 21 (19), 3647-50.
Park SH , Sohn TS, Lee J et al; Phase III Trial to Compare Adjuvant Chemotherapy With Capecitabine and
Cisplatin Versus ConcurrentChemoradiotherapy in Gastric Cancer: Final Report of the Adjuvant
Chemoradiotherapy in Stomach Tumors Trial, Including Survival and Subset Analyses; J Clin Oncol. 2015;
58:3930.
Bennett JJ, Gonen M, D'Angelica M, Jaques DP, Brennan MF, Coit DG. Is Detection of Asymptomatic
Recurrence after Curative Resection Associated with Improved Survival in Patients with Gastric Cancer? J Am
Coll Surg. 2005 Oct;201(4):503-10.
Kim JH, Jang YJ, Park SS, Park SH, Mok YJ. Benefit of post-operative surveillance for recurrence after curative
resection for gastric cancer. J Gastrointest Surg. 2010 Jun;14(6):969-76.
T. Waddell, M. Verheij, W. Allum, D. Cunningham, A. Cervantes, D. Arnold. Gastric Cancer: ESMO-ESSOESTRO Clinical Practice Guidelines. Ann Oncol 2013; 24 (Suppl 6): vi57-vi63.
Baiocchi GL, Marrelli D, Verlato G, Morgagni P, Giacopuzzi S, Coniglio A, Marchet A, Rosa F, Capponi MG, Di
Leo A, Saragoni L, Ansaloni L, Pacelli F, Nitti D, D'Ugo D, Roviello F, Tiberio GA, Giulini SM, De Manzoni G.
Follow-Up After Gastrectomy for Cancer: An Appraisal of the Italian Research Group for Gastric Cancer. Ann
Surg Oncol (2014) 21:2005–2011.
De Manzoni G, Baiocchi GL, Framarini M, De Giuli M, D'Ugo D, Marchet A, Nitti D, Marrelli D, Morgagni P,
Rinnovati A, Rosati R, Roviello F, Allieta R, Berti S, Bracale U, Capelli P, Cavicchi A, Di Martino N, Donini A,
Filippini A, Francioni G, Frascio M, Garofalo A, Giulini SM, Grassi GB, Innocenti P, Martino A, Mazzocconi G,
Mazzola L, Montemurro S, Palasciano N, Pantuso G, Pernthaler H, Petri R, Piazza D, Sacco R, Sgroi G,
Staudacher C, Testa M, Vallicelli C, Vettoretto N, Zingaretti C, Capussotti L, Morino M, Verdecchia GM. The
SIC-GIRCG 2013 Consensus Conference on Gastric Cancer. Updates Surg. 2014 Mar;66(1):1-6
Wagner AD, Unverzagt S, Grothe W, Kleber G, Grothey A, Haerting J, Fleig WE. Chemotherapy for advanced
gastric
cancer.
Cochrane
Database
Syst
Rev.
2010
Mar
17;(3):CD004064.
doi:
10.1002/14651858.CD004064.pub3 PMID: 20238327
Glimelius B, Hoffman K, Haglund U, Nyren O, Sjoden PO. Initial or delayed chemotherapy with best supportive
care in advanced gastric cancer.. Ann Oncol 1994; 5: 189-190.
Van Cutsem E, Moiseyenko VM, Tjulandin S, et al. . Phase III study of docetaxel and cisplatin plus fluorouracil
compared with cisplatin and fluorouracil as first-line therapy for advanced gastric cancer: A report of the V325
Study Group. J Clin Oncol 2006;24:4991-4997.
36
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
82.
83.
84.
85.
86.
87.
88.
89.
90.
91.
92.
93.
94.
95.
96.
97.
98.
99.
Chen XL, Chen XZ, Yang C et al. Docetaxel, Cisplatin and Fluorouracil (DCF) regimen compared with nonTaxane-containing palliative chemotherapy for gastric carcinoma: a systematic review and meta-analysis. PLoS
One. 2013 Apr 4;8(4):e60320. doi: 10.1371/0060320.
Cunningham D, Okines AF, Ashley S. Capecitabine and oxaliplatin for advanced esophagogastric cancer. N Engl
J Med. 2010 Mar 4; 362(9):858-9.
Al Batran SE, Hartmann JT, Probst S, Schmalenberg H, Hollerbach S, Hofheinz R, Rethwisch V, Seipelt G,
Homann N, Wilhelm G, Schuch G, Stoehlmacher J, Derigs HG, Hegewisch-Becker S, Grossmann J, Pauligk C,
Atmaca A, Bokemeyer C, Knuth A, Jäger E; Arbeitsgemeinschaft Internistische Onkologie. Phase III trial in
metastatic gastroesophageal adenocarcinoma with fluorouracil, leucovorin plus either oxaliplatin or cisplatin: a
study of the Arbeitsgemeinschaft Internistische Onkologie. J Clin Oncol. 2008 Mar 20;26(9):1435-42.
Montagnani F, Turrisi G, Marinozzi C, Aliberti C, Fiorentini G. Effectiveness and safety of oxaliplatin compared
to cisplatin for advanced, unresectable gastric cancer: a systematic review and meta-analysis. Gastric Cancer
2011 14(1):50-5.
Kang YK, Kang WK, Shin DB et al. Capecitabine/cisplatin versus 5-fluorouracil/cisplatin as first-line therapy in
patients with advanced gastric cancer: a randomised phase III noninferiority trial. Ann Oncol. 2009
Apr;20(4):666-73.
Okines AF, Norman AR, McCloud P et al. Meta-analysis of the REAL-2 and ML17032 trials: evaluating
capecitabine-based combination chemotherapy and infused 5-fluorouracil-based combination chemotherapy for
the treatment of advanced oesophago-gastric cancer. Ann Oncol. 2009 ;20:1529-34.
Ajani JA, Buyse M, Lichinister M, et al. Combination of cisplatin/S-1 in the treatment of patients with advanced
gastric or gastroesophageal adenocarcinoma: Results of noninferiority and safety analyses compared with
cisplatin/5-fluorouracil in the First-Line Advanced Gastric Cancer Study. Eur J Cancer 2013; 49:3616-3526
Dank M, Zaluski J, Barone C, et al. Randomized phase III study comparing irinotecan combined with 5fluorouracil and folinic acid to cisplatin combined with 5-fluorouracil in chemotherapy naive patients with
advanced adenocarcinoma of the stomach or esophagogastric junction. Ann Oncol 2008; 19(8):1450-7
Curran D, Pozzo C, Zalunski J et al. Quality of life of palliative chemotherapy naive patients with advanced
adenocarcinoma of the stomach or esophagogastric junction treated with irinotecan combined with 5-fluorouracil
and folinic acid: Results of a randomised phase III trial. Qual Life Res 18:853-861, 2009.
Guimbaud R, Louvet C, Ries P et al. Prospective, randomized, multicenter, phase III study of fluorouracil,
leucovorin, and irinotecan versus epirubicin, cisplatin, and capecitabine in advanced gastric adenocarcinoma: a
french Intergroup (Fédération Francophone de Cancérologie Digestive, Fédération Nationale des Centres de
Lutte Contre le Cancer, and Groupe Coopérateur Multidisciplinaire en Oncologie) study. J Clin Oncol
2014;32:3520-27.
Bang YJ, Van Cutsem E, Feyereislova A, et al. Trastuzumab in combination with chemotherapy versus
chemotherapy alone for treatment of HER2-positive advanced gastric or gastro-oesophageal junction cancer
(ToGA): a phase 3, open-label, randomised controlled trial. Lancet 2010; 376(9742):687-97
Lordick F, Kang YK, Chung HC et al. Capecitabine and cisplatin with or without cetuximab for patients with
previously untreated advanced gastric cancer (EXPAND): a randomised, open-label phase 3 trial. Lancet Oncol.
2013;14(6):490-9.
Waddell T, Chau I, Cunningham D et al. Epirubicin, oxaliplatin, and capecitabine with or without panitumumab
for patients with previously untreated advanced oesophagogastric cancer (REAL3): a randomised, open-label
phase 3 trial. Lancet Oncol. 2013;14(6):481-9.
Van Cutsem E, de Haas S, Kang YK et al. Bevacizumab in combination with chemotherapy as first-line therapy
in advanced gastric cancer: a biomarker evaluation from the AVAGAST randomized phase III trial. J Clin Oncol.
2012 10;30(17):2119-27
Repetto L, Balducci L. A case for geriatric oncology. Lancet Oncol. 2002 May;3(5):289-97. PMID: 12067806
Lichtman SM, Wildiers H, Chatelut E, Steer C, Budman D, Morrison VA, Tranchand B, Shapira I, Aapro M;
International Society of Geriatric Oncology Chemotherapy Taskforce. International society of geriatric oncology
chemotherapy taskforce: evaluation of chemotherapy in older patients – an analysis of the medical literature. J
Clin Oncol. 2007 May 10;25(14):1832-43. PMID: 17488981
Choi IS, Oh DY, Kim BS, Lee KW, Kim JH, Lee JS. Oxaliplatin, 5-FU, folinic acid as first-line palliative
chemotherapy in elderly patients with metastatic or recurrent gastric cancer. Cancer Res Treat. 2007
Sep;39(3):99-103. doi: 10.4143/crt.2007.39.3.99. Epub 2007 Sep 30. PMID: 19746224
Nardi M, Azzarello D, Maisano R, Del Medico P, Giannicola R, Raffaele M, Zavettieri M, Costarella S, Falzea
A. FOLFOX-4 regimen as first-line chemotherapy in elderly patients with advanced gastric cancer: a safety
study. J Chemother. 2007 Feb;19(1):85-9. PMID: 17309856
37
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
100.
101.
102.
103.
104.
105.
106.
107.
108.
109.
110.
111.
112.
Liu ZF, Guo QS, Zhang XQ, Yang XG, Guan F, Fu Z, Wang MY. Biweekly oxaliplatin in combination with
continuous infusional 5-fluorouracil and leucovorin (modified FOLFOX-4 regimen) as first-line chemotherapy
for elderly patients with advanced gastric cancer. Am J Clin Oncol. 2008 Jun;31(3):259-63. doi:
10.1097/COC.0b013e31815d43ee. PMID: 18525305
Catalano V, Bisonni R, Graziano F, Giordani P, Alessandroni P, Baldelli AM, Casadei V, Rossi D, Fedeli SL,
D'Emidio S, Giustini L, Fiorentini G. A phase II study of modified FOLFOX as first-line chemotherapy for
metastatic gastric cancer in elderly patients with associated diseases. Gastric Cancer. 2012 Oct 11. [Epub ahead
of print] PMID: 23065042
Fonck M, Brunet R, Becouarn Y, Legoux JL, Dauba J, Cany L, Smith D, Auby D, Terrebonne E, Traissac L,
Mertens C, Soubeyran P, Bellera C, Rainfray M, Mathoulin-Pélissier S. Evaluation of efficacy and safety of
FOLFIRI for elderly patients with gastric cancer: a first-line phase II study. Clin Res Hepatol Gastroenterol.
2011 Dec;35(12):823-30. doi: 10.1016/j.clinre.2011.08.002. Epub 2011 Sep 8. PMID: 21907007
Trumper M, Ross PJ, Cunningham D, Norman AR, Hawkins R, Seymour M, Harper P, Iveson T, Nicolson M,
Hickish T. Efficacy and tolerability of chemotherapy in elderly patients with advanced oesophago-gastric cancer:
A pooled analysis of three clinical trials. Eur J Cancer. 2006 May;42(7):827-34. Epub 2006 Feb 8. PMID:
16466913
Al-Batran SE, Pauligk C, Homann N, Hartmann JT, Moehler M, Probst S, Rethwisch V, Stoehlmacher-Williams
J, Prasnikar N, Hollerbach S, Bokemeyer C, Mahlberg R, Hofheinz RD, Luley K, Kullmann F, Jäger E. The
feasibility of triple-drug chemotherapy combination in older adult patients with oesophagogastric cancer: a
randomised trial of the Arbeitsgemeinschaft Internistische Onkologie (FLOT65+). Eur J Cancer. 2013
Mar;49(4):835-42. doi: 10.1016/j.ejca.2012.09.025. Epub 2012 Oct 11. PMID: 23063354
Kripp M, Al-Batran SE, Rosowski J, Pauligk C, Homann N, Hartmann JT, Moehler M, Hofheinz RD. Quality of
life of older adult patients receiving docetaxel-based chemotherapy triplets for esophagogastric adenocarcinoma:
a randomized study of the Arbeitsgemeinschaft Internistische Onkologie (AIO). Gastric Cancer. 2014
Jan;17(1):181-7. doi: 10.1007/s10120-013-0242-1. Epub 2013 Feb 28. PubMed PMID: 23455717.
Thuss-Patience PC, Kretzschmar A, Bichev D, Deist T, Hinke A, Breithaupt K, Dogan Y, Gebauer B,
Schumacher G, Reichardt P. Survival advantage for irinotecan versus best supportive care as second-line
chemotherapy in gastric cancer: A randomised phase III study of the Arbeitsgemeinschaft Internistische
Onkologie (AIO). Eur J Cancer. 2011 Oct;47(15):2306-14. doi: 10.1016/j.ejca.2011.06.002. PMID: 21742485
Kang JH, Lee S, Lim DH, Park KW, Oh SY, Kwon HC, Hwang IG, Lee SC, Nam E, Shin DB, Lee J, Park JO,
Park YS, Lim HY, Kang WK, Park SH.. Salvage chemotherapy for pretreated gastric cancer: a randomized phase
III trial comparing chemotherapy plus best supportive care alone. J Clin Oncol. 2012 May 1;30(13):1513-8. doi:
10.1200/JCO.2011.39.4585. Epub 2012 Mar 12. PMID: 22412140
Ford HE, Marshall A, Bridgewater JA, Janowitz T, Coxon FY, Wadsley J, Mansoor W, Fyfe D, Madhusudan S,
Middleton GW, Swinson D, Falk S, Chau I, Cunningham D, Kareclas P, Cook N, Blazeby JM, Dunn JA,
COUGAR-02 Investigators. Docetaxel versus active symptom control for refractory oesophagogastric
adenocarcinoma (COUGAR-02): an open-label, phase 3 randomised controlled trial. Lancet Oncol. 2014
Jan;15(1):78-86. doi: 10.1016/S1470-2045(13)70549-7. Epub 2013 Dec 10. PMID: 24332238
Kim HS, Kim HJ, Kim SY, Kim TY, Lee KW, Baek SK, Kim TY, Ryu MH, Nam BH, Zang DY. Second-line
chemotherapy versus supportive cancer treatment in advanced gastric cancer: a meta-analysis. Ann Oncol. 2013
Nov;24(11):2850-4. doi: 10.1093/annonc/mdt351. Epub 2013 Aug 13. PubMed PMID: 23942775.
Hironaka S, Ueda S, Yasui H, et al. Randomized, open-label, phase III study comparing irinotecan with
paclitaxel in patients with advanced gastric cancer without severe peritoneal metastasis after failure of prior
combination chemotherapy using fluoropyrimidine plus platinum: WJOG 4007 trial. J Clin Oncol 2013; 31:
4438-4444
Fuchs CS, Tomasek J, Yong CJ, Dumitru F, Passalacqua R, Goswami C, Safran H, dos Santos LV, Aprile G,
Ferry DR, Melichar B, Tehfe M, Topuzov E, Zalcberg JR, Chau I, Campbell W, Sivanandan C, Pikiel J, Koshiji
M, Hsu Y, Liepa AM, Gao L, Schwartz JD, Tabernero J; REGARD Trial Investigators. Ramucirumab
monotherapy for previously treated advanced gastric or gastro-oesophageal junction adenocarcinoma
(REGARD): an international, randomised, multicentre, placebo-controlled, phase 3 trial. Lancet. 2014 Jan
4;383(9911):31-9. doi: 10.1016/S0140-6736(13)61719-5. Epub 2013 Oct 3. PubMed PMID: 24094768.
Wilke H, Muro K, Van Cutsem E, Oh SC, Bodoky G, Shimada Y, Hironaka S, Sugimoto N, Lipatov O, Kim TY,
Cunningham D, Rougier P, Komatsu Y, Ajani J, Emig M, Carlesi R, Ferry D, Chandrawansa K, Schwartz JD,
Ohtsu A; RAINBOW Study Group. Ramucirumab plus paclitaxel versus placebo plus paclitaxel in patients with
previously treated advanced gastric or gastro-oesophageal junction adenocarcinoma (RAINBOW): a doubleblind, randomised phase 3 trial. Lancet Oncol. 2014 Oct;15(11):1224-35. doi: 10.1016/S1470-2045(14)70420-6.
Epub 2014 Sep 17. PubMed PMID: 25240821.
38
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
113.
114.
115.
116.
117.
Wilke H, Clingan P, Ananda S, Kurteva G, Suuroja T, Folprecht G, Beny A, Pastorelli D, Cesas A, Toganel C,
Bodoky G, Lipatov O, Limon M, Cunningham D, Cummins S, Wainberg Z, Ko A, Emig M, Chandrawansa K,
Van Cutsem E. RAINBOW: a global, phase 3, double-blind study of ramucirumab plus paclitaxel versus placebo
plus paclitaxel in the treatment of gastric cancer following disease progression: Western population subgroup.
Ann Oncol (2014) 25 (suppl 2; abstr O-0006): ii106-ii107 doi:10.1093/annonc/mdu193.
Qin S, et al. Phase III study of apatinib in advanced gastric cancer: A randomized, double-blind, placebocontrolled trial. J Clin Oncol 2014; 32:5s (suppl; abstr 4003)
Catalano V, Graziano F, Santini D, D'Emidio S, Baldelli AM, Rossi D, Vincenzi B, Giordani P, Alessandroni P,
Testa E, Tonini G, Catalano G. Second-line chemotherapy for patients with advanced gastric cancer: who may
benefit? Br J Cancer. 2008 Nov 4;99(9):1402-7. doi: 10.1038/sj.bjc.6604732. PMID: 18971936
Ji SH, Lim DH, Yi SY, Kim HS, Jun HJ, Kim KH, Chang MH, Park MJ, Uhm JE, Lee J, Park SH, Park JO, Park
YS, Lim HY, Kang WK. A retrospective analysis of second-line chemotherapy in patients with advanced gastric
cancer. BMC Cancer. 2009 Apr 9;9:110. doi: 10.1186/1471-2407-9-110. PMID: 19358705
Stahl M, Muller C, Koster W, Wilke H. Second-line chemotherapy of advanced disseminated gastric cancer after
cisplatin, infusional 5-fluorouracil, folinic acid (PLF): benefit dependent on progression-free interval after firstline chemotherapy. Onkologie. 2005 Oct;28(10):499-502. Epub 2005 Sep 19. PMID: 16160395
39
Allegato: Tabelle GRADE evidence profile
LINEE GUIDA NEOPLASIE DELLO STOMACO
Author(s): Porcu Luca
Date: 2012-06-07
Question: Nei pazienti con carcinoma gastrico in stadio II-III è raccomandabile l’utilizzo di una chemioterapia perioperatoria rispetto al solo intervento chirurgico?
Settings: Ospedali
Bibliography: Ychou, JCO 2011; 13: 1715-1721 Cunningham, New England 2006; 355 (1): 11-20
Valutazione della qualità
Numero di pazienti
Effetto
Qualità
Numero di
Altre
Chemioterapia
Solo intervento
Disegno
Risk of bias Inconsistency Indirectness Imprecision
studi
considerazioni
perioperatoria
chirurgico
Overall Survival - Ychou (follow-up mediana 5.7 anni)
Studi clinici
Non
Non
Non
71/113
85/111
1
importante1
nessuna
randomizzati
importante
importante
importante
(62.8%)
(76.6%)
Progression Free Survival- Ychou (follow-up mediana 5.7 anni)
Studi clinici
Non
Non
71/113
85/111
1
importante2
importante1
nessuna
randomizzati
importante
importante
(62.8%)
(76.6%)
Resezioni R0- Ychou (follow-up mediana 5.7 anni)
Studi clinici
Non
Non
Non
95/102
81/99
1
importante1
nessuna
randomizzati
importante
importante
importante
(93.1%)
(81.8%)
Overall Survival - Cunningham (follow-up mediana 5.7 anni)
Studi clinici
Non
Non
Non
149/250
170/253
1
importante4
nessuna
randomizzati
importante
importante
importante
(59.6%)
(67.2%)
Progression Free Survival - Cunningham (follow-up mediana 5.7 anni)
Studi clinici
Non
Non
163/250
190/253
1
importante5
importante4
nessuna
randomizzati
importante
importante
(65.2%)
(75.1%)
Resezioni R0 - Cunningham (follow-up mediana 5.7 anni)
Studi clinici
Non
Non
Non
169/244
166/250
1
importante4
nessuna
randomizzati
importante
importante
importante
(69.3%)
(66.4%)
1
Sono stati arruolati pazienti di ogni stadio T, non solo T2 e T3; la patologia è estesa alla terza sezione dell'esofago o GEJ
2
Mancanza di cecità: possibile detection bias
4
Sono stati arruolati 131 su 503 (26.0%) pazienti con tumore all’esofago inferiore o giunzione gastroesofagea
5
Mancanza di cecità: possibile detection bias; schedula di follow-up non specificata: possibile bias in sede di analisi (right imputation)
41
Relativo
(95% CI)
Importanza
Assoluto
HR 0.69 (0.5 133 in meno per 1000 (da

a 0.95)
18 in meno a 250 in meno) MODERATA
HR 0.65 (0.48 155 in meno per 1000 (da
a 0.89)
41 in meno a 264 in meno)

BASSA
CRITICA
CRITICA
RR 1.14 (1.02 115 in più per 1000 (da 16

IMPORTANTE
a 1.27)
in più a 221 in più)
MODERATA
HR 0.75 (0.6 105 in meno per 1000 (da

a 0.93)
27 in meno a 184 in meno) MODERATA
HR 0.66 (0.53 150 in meno per 1000 (da
a 0.81)
75 in meno a 230 in meno)

BASSA
CRITICA
CRITICA
RR 1.04 (0.92 27 in più per 1000 (da 53 in 
IMPORTANTE
a 1.18)
meno a 120 in più)
MODERATA
Fly UP