...

Regolamento - Consiglio regionale della Calabria

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Regolamento - Consiglio regionale della Calabria
rrwrv" 11'11..)1 I"'KUVVtUIMt:N I U
AMMINISTRATIVG­
N.~ 3/,Ix:'
N.ra~
CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA SEGRETERIA UFFICIO DI PRESIDENZA VERBALE DI DELffiERAZIONE
Deliberazione n. 39
del 22 giugno 2015
OGGETTO: Approvazione proposta di Regolamento della Conferenza permanente
interregionale per il coordinamento delle politiche ne Il'Area dello Stretto.
L'anno duemilaquindici, addì ventidue, del mese di giugno, alle ore 12,30, nella sede
del Consiglio regionale in Reggio Calabria, si è riunito l'Ufficio di Presidenza, così
costituito:
Presente
Assente
Presidente:
SCALZO
Antonio
SI
Il
Vice Presidenti: '
D'AGOSTINO
Francesco
SI
Il
GENTILE
Giuseppe
NERI
Giuseppe
SI
Il
GRAZIANO
Giuseppe
Il
SI
Consiglieri
Segretari-Questori:
Assiste l'Avv. Giovanni Fedele, Segretario dell'Ufficio, incaricato della redazione
del verbale ed è, altresì, presente il Dott. Maurizio Priolo in qualità di Segretario
Generale.
L'UFFICIO DI PRESIDENZA
PREMESSO:
CHE l'art. 117, comma 8, della Costituzione prevede che la legge regionale ratifica
le intese della Regione con altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie
funzioni, anche con individuazione di organi comuni;
CHE l'art. 46, comma 6, della legge della Regione Calabria 19 ottobre 2004, n. 25
(Statuto della Regione Calabria), impegna la Regione a promuovere le eventuali
necessarie intese interregionali nel rispetto delle relative norme statali;
PRESO ATTO:
CHE l'art. 4 della legge della Regione Calabria 27 aprile 2015, n. 12 (Legge di
stabilità regionale), prevede l'istituzione della Conferenza permanente interregionale
per il coordinamento delle politiche nell' Area dello Stretto, stabilendo che entro 60
giorni dalla pubblicazione della legge sul BlJRC, il Consiglio regionale approvi, su
proposta dell'Ufficio di Presidenza, apposito regolamento interno che ne disciplini la
composizione, il funzionamento e la struttura organizzativa;
CHE l'art. 4 della legge della Regione Calabria 27 aprile 2015, n. 12 (Legge di
stabilità regionale) prevede, altresÌ, che il predetto Regolamento individui anche un
comitato tecnico di supporto allo svolgimento dell'attività della Conferenza stessa;
VISTO, altreSÌ, l'art. 14 della legge della Regione Siciliana 24 marzo 2014, n. 8
(Istituzione dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane), che impegna la
Regione Siciliana, d'intesa con la Città metropolitana di Messina, a favorire la stipula
di appositi accordi con lo Stato, la Regione Calabria e la Città metropolitana di
Reggio Calabria, al fine di consentire ai cittadini residenti nell'Area metropolitana di
Messina e nella Città metropolitana di Reggio Calabria di usufruire dei servizi
secondo criteri di prossimità;
VISTO il testo del Regolamento della Conferenza permanente interregionale per il
coordinamento delle politiche nell'Area dello Stretto, composto da dodici articoli che
si acquisisce in allegato come parte integrante della presente deliberazione;
RITENUTO, in attuazione della normativa de qua richiamata, di approvare la
proposta di Regolamento della Conferenza permanente interregionale per il
!
coordinamento delle politiche nell' Area dello Stretto, da sottoporre al Consiglio
Regionale per il seguito di competenza;
Su proposta del Segretario Generale
a voti unanimi dei presenti
DELIBERA
per le considerazioni di cui in premessa che qui si intendono integralmente riportate:
• di approvare, per come previsto dall'art. 4 della legge della Regione Calabria
27 aprile 2015, n. 12 (Legge di stabilità regionale), la proposta di Regolamento
della Conferenza permanente interregionale per il coordinamento delle
politiche nell' Area dello Stretto da sottoporre al Consiglio Regionale che,
allegato al presente provvedimento, ne costituisce parte integrante;
• di trasmettere copia del presente atto al Segretario Generale, al Settore
Segreteria Assemblea ed Affari Generali, al Servizio Bilancio e Ragioneria ed
al Servizio Informatico e Flussi Informativi per il seguito di competenza,
nonché, al Capo di Gabinetto per opportuna conoscenza.
Letto, approvato e sottoscritto
REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA PERMANENTE INTERREGIONALE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE NELL'AREA DELLO STRETTO (Art. 4 Legge Regione Calabria 27 aprile 2015, n. 12) Art. 1
(Oggetto)
1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell'art. 4 della legge della Regione Calabria 27 aprile
2015, n. 12 (Legge di stabilità regionale), la composizione, il funzionamento e la struttura
organizzativa della Conferenza permanente interregionale per il coordinamento delle politiche
nell'Area dello Stretto, di seguito denominata Conferenza.
2. La Conferenza esercita le funzioni ad essa assegnate dall'art. 4 della legge regionale 27 aprile
2015, n. 12, in particolare, essa svolge funzioni di proposta al fine' di pervenire alla stipula di
accordi per la valorizzazione, l'integrazione e lo sviluppo in materia di infrastrutture, trasporti,
ambiente, università, ricerca e innovazione tecnologica, turismo, politiche sociali, culturali ed
economiche dell'Area dello Stretto.
3. Per quanto non disciplinato dal presente regolamento si applicano le disposizioni contenute nel
Regolamento interno del Consiglio regionale della Calabria.
Art. 2
(Composiifone deila Conferenza)
1. La Conferenza ha sede presso il Consiglio regionale della Calabria che garantisce locali, mezzi
per il funzionamento e personale, proveniente dai ruoli della Giunta regionale e del Consiglio
regionale, assegnato alla struttura organizzativa della stessa, senza oneri a carico dei rispettivi
bilanci.
2. La Conferenza è composta da un eguale numero di membri provenienti dalla Regione Calabria
e dalla Regione Siciliana.
3. Sono membri di diritto della Conferenza: il Presidente del Consiglio regionale della Calabria, il
Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana, i Consiglieri regionali eletti nei collegi delle Città
metropolitane di Reggio Calabria e di Messina, i Presidenti delle Giunte regionali della Calabria
e della Sicilia o loro delegati, i Sindaci delle anzidette Città metropolitane, un rappresentante
dell'Autorità di Gestione dei fondi POR della Regione Calabria e un rappresentante dell'analoga
Autorità della Regione Sicilia. La partecipazione si intende a titolo onorifico e gratuito.
4. Nel caso in cui il numero dei Consiglieri regionali eletti nei collegi delle Città metropolitane di
Reggio Calabria e di Messina non sia eguale, il Presidente del Consiglio regionale che ha un
minor numero di Consiglieri eletti nei collegi della Città metropolitana interessata designa unq o
più Consiglieri regionali eletti in collegi diversi, in modo da assicurare che la componente
assembleare delle due Regioni sia di eguale consistenza numerica.
Art. 3
(Ufficio di Presidenza)
1. L'Ufficio di Presidenza è composto dal Presidente del Consiglio regionale della Calabria o da
suo delegato, dal Prp.sidente dell'Assemblea Regionale Siciliana o da suo delegato, da due"
Vicepresidenti e da un Segretario anche esterno alla Conferenza. I Vicepresidenti sono scelti dai
rispettivi Presidenti dei Consigli regionali tra i Consiglieri regionali membri della Conferenza. Il
Segretario viene nominato dal Presidente della Conferenza, unitamente ai due Vicepresidenti.
2. Il Presidente del Consiglio regionale della Calabria o il suo delegato presie?~ la ConfeR1.~t
~7:{\L .::.'~.
/..:ç,,; _ ... ~< .)"
I
<'l
(2;,/ ~"~:.'.,,
H·
\
• • ., .
.
&'O~
'\':\)~
\\.
;.,
'~\""
-.' ,''l'''
':'; .
. " I
\'.
'-'
$'(
~1.\O~'é.
<
7
\)\~f.\p.,~\p.,\oS!
S'éGr- .... h\ 'é r­
G'é~'é\v"""' ~
Qi
'<1~
.'~
/.5'
'!vO':).
Art. 4
(Fun:doni del Presidente, dei Vicepresidenti e del Segretario)
1. Il Presidente rappresenta la Conferenza, la convoca e ne presiede le sedute, regolando le
discussioni. Convoca altresì l'Ufficio di Presidenza della stessa ed esercita gli altri compiti
attribuitigli dal presente regolamento.
2. I Vicepresidenti collaborano con il Presidente e lo sostituiscono in caso di assenza o di
impedimento.
3. Il Segretario sovraintende alla redazione dei processi verbali e alla organizzazione dei lavori.
Art. 5
(programma:done dei lavori)
1. L'Ufficio di Presidenza della Conferenza predispone la programmazione degli incontri
in~erendo anche proposte avanzate dai Consiglieri regionali e dai Sindaci in relazione
all'esercizio delle funzioni assegnate alla Conferenza.
Art. 6
(Attività della Conferenza)
1. La Conferenza elabora proposte di accordi di programma da sottoporre alla discussione e
approvazione del Consiglio regionale della Calabria e dell'Assemblea Regionale Siciliana,
finalizzati all'integrazione dei selvizi e delle attività ritenute strategiche per lo sviluppo culturale,
economico e sociale dell'Area dello Stretto.
2. Sulla base dell'attività conoscitiva svolta, la Conferenza può, mediante l'approvazione di un
apposito documento, formulare osselvazioni e fornire ai rispettivi Governi regionali elementi di
v_alutazlone utili ai fini della stipulazione di intese interregionali e della predisposizione degli
schemi delle proposte di legge che riguardano le attività di interesse strategico per l'Area dello
Stretto.
3. La Conferenza può procedere all'audizione di soggetti portatori di interessi territoriali quando
ciò risulti necessario per acquisire elementi di conoscenza finalizzati allo svolgimento delle
funzioni ad essa assegnate.
Art. 7
(Comitato tecnico)
1. Nello svolgimento delle sue attività la Conferenza sI può avvalere del contributo di un Comitato
tecnico a cui partecipano esperti di comprovata fama e docenti delle due Università con
particolare competenza nel campo delle scienze giuridiche ed economiche, dei trasporti,
dell'ambiente, delle infrastmtture e delle politiche sociali e culturali
2. La scelta e la selezione dei componenti del Comitato tecnico è demandata all'Ufficio di
Presidenza della Conferenza. La partecipazione si intende a titolo onorifico e gratuito.
Art. 8
(Numero legale)
1. Per la validità delle deliberazioni relative all'approvazione dei pareri sugli schemi delle proposte
di legge è necessatia la presenza della maggioranza dei componenti della Conferenza.
2. Il Presidente non è obbligato a verificare la sussistenza del numero legale se non quando ciò sia
richiesto da quattro componenti e la Conferenza stia per procedere a votazione per alzata di
mano. I richiedenti la verifica del numero legale sono sempre consid~~~~~ ag!b~t!i ~(
numero legale.
1~4,.,/"'<:-'~.\o/
O"IC <.,
, /
\ '•.W
'él\ ,\,1' ,
( 0/ "'Ch ... "
\':;.;,.
O\~ "f"p,"."\OO
: ,',1, :,;.",,:; i):..i;'·~:,(o I:-:::!
rtl'C 1r"1'1l"'c. )l­
""" .;, i':":" .• :,, l.~S\;.~i~'é.~r
t·1 0 ....,
_....D:J
s:
,
.
i·~"/;,'c-.
.C:'"
~,,,."... ;; ::..>,.,
\,}·l\Io:).j('<l'Y
Art. 9
(Delibera'{joni della Conferenza)
1. Le deliberazioni della Conferenza sono adottate a maggioranza dei presenti, considerando
presenti coloro che esprimono voto favorevole o contrario. In caso di parità di voti la proposta
si intende respinta.
2. La Conferenza vota normalmente per alzata di mano.
Art. 10
1. 2. (pubblicità dei lavori)
Delle sedute della Conferenza viene redatto il processo verbale.
Dei lavori della Conferenza è pubblicato un resoconto sommario a cura dei competenti uffici
del Consiglio regionale della Calabria. Si procede alla pubblicazione di un resoconto integrale
relativamente alle sedute nelle quali si syolgano le attività conoscitive di cui all'art. 6, comma
3 del presente regolamento.
Art. 11
(Modifiche al regolamento della Conferenza)
1. Le modifiche al presente regolamento possono essere proposte da ciascun componente della
Conferenza. Le proposte, formulate in modo testuale con riferimento alle norme di cui si
propone la modifica e debitamente motivate, sono presentate al Presidente della Conferenza,
che le trasmette agli altri componenti della Conferenza medesima.
2. La discussione e la deliberazione sulle proposte di modifica al presente regolamento hanno
luogo in sedute della Conferenza appositamente convocate con almeno una settimana di
preavviso.
Art. 12 (Disposizioni finanziarie) 1. Agli oneri derivanti dall'attuazione del presente regolamento si fa fronte con le disponibilità
previste dall'art. 4 della legge della Regione Calabria 27 aprile 2015, n. 12 (Legge di stabilità
regionale).
Fly UP