...

04. Aspetto formale del bilancio bancario

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

04. Aspetto formale del bilancio bancario
4. L’aspetto formale del bilancio
delle banche: lo schema di
Rendiconto finanziario della
circolare 262/2005
70
RENDICONTO
FINANZIARIO
– IAS 7
L’informazione sui flussi finanziari di un’impresa è utile per gli
utilizzatori del bilancio per accertare la capacità dell’impresa a
produrre disponibilità liquide e mezzi equivalenti e per
determinare la necessità del loro impiego. Le decisioni
economiche da parte degli utilizzatori del bilancio richiedono una
valutazione della capacità di un’impresa a produrre disponibilità
liquide o equivalenti e la tempistica e il grado di certezza della
loro generazione.
FINALITÀ dello IAS 7
La finalità del presente Principio è quella di richiedere
informazioni sulle variazioni nel tempo delle disponibilità liquide e
dei mezzi equivalenti di un’impresa attraverso la predisposizione
di un rendiconto finanziario che classifichi i flussi finanziari
derivanti dall’attività operativa, di investimento e finanziaria
71
durante l’esercizio
• Fonte
normativa
• Schema di
formazione
Rendiconto
finanziario
• Contenuto
• Oggetto
• Non-cash
transaction
•Non cash
transaction
- C.C.: attualmente non previsto
- OIC: Principio contabile n. 12
-Art. 2425-quater per il
bilancio d’esercizio;
- Proposta OIC di
Nuovo art. 32 del
modifica del C.C.
D.Lgs 127/91 per il
bilancio consolidato
- IASB: Principio contabile IAS 7
Non è previsto uno schema a
contenuto minimo obbligatorio ma
due modalità (diretta o indiretta) per
la presentazione dei flussi finanziari
Flussi finanziari derivanti:
1) dall’attività operativa
2) dall’attività di investimento-disinvestimento
3) dall’attività di finanziamento
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
- Cosa sono
- Trattamento contabile
Vedi slide
successiva
72
• Operazioni connesse all’attività di
investimento e disinvestimento
che non generano flussi finanziari
(quindi non influenzano l’aggregato
oggetto del rendiconto, ma hanno
un impatto sulla futura dinamica
finanziaria dell’impresa)
• Esempio: aumento di capitale
con conferimento di un
immobile
Non cash
transaction
•Disclosure
• Tali operazioni sono escluse dal
rendiconto finanziario, ma si
richiede che vengano esplicate
altrove (elsewhere):
a) in un prospetto a parte
b) nelle note del bilancio
c) in calce al rendiconto
73
NON
SPECIFICATO
74
76
Rendiconto finanziario consolidato
metodo indiretto
(in unita di euro )
A. ATTIVITA' OPERATIVA
31 12 2011
31 12 2010
1. Gestione
1.598.341.749
2.224.458.403
risultato d'esercizio (+ /-)
plus/minusvalenze su attività finanziarie detenute per la negoziazione e su
attività/passività
plus/minusvalenze su attività di copertura (-/+ )
rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento (+ /-)
(4.688.738.731)
986.982.791
(374.914.578)
(324.515.109)
32.004.148
608.432
5.824.727.405
1.302.520.117
rettifiche/riprese di valore nette su immobilizzazioni materiali e immateriali (+ /-)
605.527.786
257.554.310
accantonamenti netti a fondi rischi ed oneri ed altri costi/ricavi (+ /-)
284.013.516
105.007.772
premi netti non incassati
-
-
altri proventi/oneri assicurativi non incassati (+ /-)
-
-
imposte e tasse non liquidate (+ )
rettifiche/riprese di valore nette dei gruppi di attività in via di dismissione al netto
dell'effetto fiscale (+ /-)
altri aggiustamenti
2. Liquidità generata/assorbita dalle attività finanziarie
attività finanziarie detenute per la negoziazione
attività finanziarie valutate al fair value
attività finanziarie disponibili per la vendita
vendite/rimborsi di attività finanz detenute sino a scadenza
crediti verso banche: a vista
crediti verso banche: altri crediti
crediti verso clientela
derivati di copertura
altre attività
3. Liquidità generata/assorbita dalle passività finanziarie
debiti verso banche: a vista
debiti verso banche: altri debiti
debiti verso clientela
titoli in circolazione
(23.352.705)
341.849.903
1.645.547
2.585.681
(62.570.639)
(448.135.494)
(4.849.181.135)
(24.197.454.097)
1.720.670.499
(10.007.051.636)
1.269.315
13.275.236
(4.286.334.889)
(8.159.032.893)
768
-
(10.984.532.024)
584.287.879
8.200.101.775
(7.301.724.847)
-
-
499.643.421
672.792.164
225.076.297
21.828.747.947
18.458.496.243
6.515.704.631
(13.469.094.265)
8.028.836.224
4.567.931.803
(7.295.111.036)
passività finanziarie di negoziazione
(3.951.343.281)
10.949.087.472
passività finanziarie valutate al fair value
(3.034.316.980)
3.637.205.375
derivati di copertura
altre passività
di cui riserve tecniche
Liquidità netta generata/assorbita dall'attività operativa
(2.346.597.223)
(3.025.763.089)
(6.974.719)
(144.247.747)
77
5. L’aspetto formale del bilancio
delle banche: il prospetto delle
movimentazioni del patrimonio
netto della circolare 262/2005
78
Prospetto delle variazioni di patrimonio netto
Contenuto (IAS 1 revised, § 106)
(a) il totale conto economico complessivo dell’esercizio, riportando
separatamente gli importi attribuibili ai soci della controllante e
alla quota di pertinenza di terzi;
(b) per ciascuna voce del patrimonio netto, gli effetti
dell’applicazione retroattiva o della rideterminazione retroattiva
rilevati secondo quanto previsto dallo IAS 8;
(c) gli importi delle operazioni con i soci che agiscono in tale qualità,
riportando separatamente i conferimenti e gli utili distribuiti ai
soci; e
(d) per ciascuna voce del patrimonio netto, una riconciliazione tra il
valore contabile all’inizio e quello al termine dell’esercizio,
evidenziando distintamente ogni variazione.
79
80
6. L’aspetto formale del bilancio
delle banche: la relazione sulla
gestione (cenni)
81
82
83
Reporting e controllo degli
intermediari finanziari (9 C.F.U.)
L’aspetto formale del bilancio degli
intermediari finanziari non
creditizi: il provvedimento del
Febbraio 2006
Riccardo Cimini
Dottore di ricerca c/o il Dipartimento Studi di Impresa,
Governo e Filosofia dell’ Università degli Studi di Roma
“Tor Vergata”
A.A. 2014/2015
SIM E GRUPPI DI SIM
Le SIM (Società di intermediazione mobiliare) sono società per azioni, diverse dalle banche e
dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'art. 107 del Testo Unico
Bancario, autorizzate a svolgere servizi o attività di investimento ai sensi del Testo Unico
della Finanza - TUF.
Per servizi e attività di investimento si intendono le seguenti attività, che hanno come
oggetto strumenti finanziari:
•negoziazione per conto proprio
•esecuzione di ordini per conto dei clienti
•sottoscrizione e/o collocamento con assunzione a fermo o con assunzione di garanzia nei
confronti dell'emittente
•collocamento senza assunzione a fermo né assunzione di garanzia nei confronti
dell'emittente
•gestione di portafogli
•ricezione e trasmissione di ordini
•consulenza in materia di investimenti
•gestione di sistemi multilaterali di negoziazione.
SGR E SICAV
Le SGR (Società di gestione del risparmio) sono società per azioni alle quali è riservata la
possibilità di prestare congiuntamente il servizio di gestione collettiva e individuale di
patrimoni.
Le SGR sono autorizzate a:
•istituire fondi comuni di investimento
•gestire fondi comuni di propria o altrui istituzione e patrimoni di SICAV
•prestare il servizio di gestione di portafogli
•prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti.
Fly UP