...

La grave crisi economica che ha colpito gli Stati Uniti nel 2007 e

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

La grave crisi economica che ha colpito gli Stati Uniti nel 2007 e
Dipartimento di Scienze Politiche
Cattedra di Microeconomia
Gli effetti della crisi economica sui consumi
RELATORE
CANDIDATO
Prof. Alessandro Pandimiglio
Martina Manieri
Matr. 067112
ANNO ACCADEMICO
2012/2013
INDICE
Introduzione
P. 4
1. Le origini della crisi economica: dalla bolla immobiliare alla crisi
finanziaria
P. 7
2. La crisi dei consumi dalla teoria alla pratica
P. 16
3. Il mercato dell’auto
P. 27
4. Il mercato del turismo
P. 32
Conclusioni
P. 37
Bibliografia
P. 39
Sitografia
P. 42
2
Comprendendo la realtà noi la trasformiamo:
penetrando con l’intelligenza il male,
noi lo dissolviamo.
Piero Martinetti
3
Introduzione
Ogni giorno milioni di persone in Italia e nel mondo combattono contro gli effetti di una crisi
economica che pare interminabile. La situazione nel nostro Paese sembra ancora più drammatica,
per caratteristiche peculiari che rendono la nostra economia più fragile rispetto a quella dei nostri
vicini europei e la crisi, ovviamente, colpisce i più deboli ancor più dei forti.
I dati sconfortanti dell’aprile di quest’anno ci dicono che ormai siamo giunti alla situazione in cui
ben una famiglia italiana su tre ha avuto al proprio interno un componente che ha perso il lavoro 1.
Ma la disoccupazione, sebbene sia naturalmente il problema più sentito, non è l’unico che l’Italia
deve affrontare. Ogni mese le stime sui consumi futuri vengono ritoccate al ribasso e la contrazione
della domanda interna non fa che peggiorare le condizioni delle imprese, sfiancate dai mancati
guadagni, nonché da una tassazione opprimente. Perché alla crisi dei privati si aggiunge anche
quella pubblica, con uno Stato (il cui debito ad aprile 2013 raggiungeva i 2.041.293 miliardi di
euro2), che cerca di trovare le risorse per sopravvivere nutrendosi di un mercato economico
agonizzante. Sempre in aprile l’Eurostat ha infatti indicato come in Italia la pressione fiscale sia
salita al 42,5% del Pil contro una media europea che seppure crescente, si ferma al 38,8% nel
20113. Siamo tra i primi anche in fatto di tassazione sui salari, occupando il sesto posto della
classifica Ocse in materia con il 47,6% nel caso in cui il lavoratore sia un single senza figli, contro
una media Ocse del 35,6%4. E la serie di dati negativi potrebbe essere allungata ancora di molto,
semplicemente ricorrendo alle cifre che le agenzie statistiche di tutto il mondo elaborano ogni
giorno. Ma non è questo il nostro obiettivo.
Quegli interminabili elenchi di dati mostrano solo le vittime lasciate sul campo da un nemico, la
crisi economica, che sembra invincibile, e vederlo esclusivamente com’è ora, in tutta la sua mole,
non fa che scoraggiarci ulteriormente, spingendoci ad adottare atteggiamenti passivi. Al contrario,
qui si vuole studiare la crisi economica in tutto il suo percorso, dalle origini agli effetti che essa ha
prodotto, per capire in che cosa si è sbagliato e in che cosa, quindi, possiamo migliorare.
Il primo scopo di questo elaborato è perciò quello di comprendere a fondo questo fenomeno di cui
tutti subiamo le conseguenze, ma che pochi riescono davvero a decifrare. Il secondo obiettivo è
1
Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa, a cura di, in collaborazione con IPSOS, Clima di fiducia e
intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine aprile 2013, 2013, p.2. Disponibile su
http://www.osservatoriofindomestic.it/media/oss_mens_04_13.pdf (31/05/2013)
2
Banca d’Italia – Eurosistema, Finanza pubblica, fabbisogno e debito. Supplementi al Bollettino Statistico. Indicatori
monetari e finanziari, n°30 del 14/06/2013, p.11. Disponibile su
http://www.bancaditalia.it/statistiche/finpub/pimefp/2013/sb30_13/suppl_30_13.pdf (21/06/2013)
3
Eurostat, Taxation Trends in the European Union. Data for the EU member States Iceland and Norway, Statistical
books, Pubblication Office of the European Union, Belgium, 2013, p.100. Disponibile su
http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_OFFPUB/KS-DU-13-001/EN/KS-DU-13-001-EN.PDF (21/06/2013)
4
Il sole 24 ore, Fisco, in Italia tasse sui salari al 47,6% contro il 35,6% della media Ocse, 26/03/2013.
http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2013-03-26/fisco-italia-tasse-salari-115959.shtml?uuid=AbLydhhH
(21/06/2013)
4
invece quello di mostrare come anche nella recessione esistano delle realtà in grado non solo di
sopravvivere, ma anche di ampliare il proprio mercato, grazie alla loro capacità di rispondere
meglio di altri alle nuove esigenze dei consumatori.
Lo scritto si aprirà quindi con un breve excursus sulle origini della crisi finanziaria, ripercorrendone
le tappe fondamentali e indicandone i principali imputati. Ci si chiederà in particolare come sia stato
possibile cadere in una depressione economica unica nel suo genere, senza che nessuno avvertisse
di essere giunti in prossimità del baratro. Si analizzeranno poi le peculiarità di questa recessione,
che si differenzia da quelle del passato perché unisce la sincronizzazione all’origine finanziaria. Si
indagheranno le cause economiche e politiche che l’hanno prodotta, provocando prima la creazione
e poi lo scoppio della bolla immobiliare. Si studierà la trasformazione della crisi economica da
finanziaria a reale e gli elementi che le hanno consentito di propagarsi nel mondo. Si concluderà
infine con un esame del fenomeno dal punto di vista teorico, riflettendo sugli errori e le mancanze
del pensiero economico e sulle dovute correzioni necessarie per il futuro.
Nel secondo capitolo si procederà invece con uno studio più prettamente microeconomico, che ha
come punto focale il consumatore e il suo comportamento in caso di crisi economica. Grazie agli
strumenti messi a disposizione dalla teoria del consumatore, verranno elaborate delle ipotesi sui
possibili scenari di consumo a seguito della restrizione del reddito disponibile. Esse riguarderanno,
nello specifico, il livello dei consumi, quello del benessere, il tasso di inflazione e la preferenza tra
consumo e risparmio. Quindi seguirà una verifica delle congetture mediante l’incrocio dei dati
relativi all’economia italiana, per capire se la teoria viene effettivamente confermata dalla pratica.
Si rifletterà infine sulle strategie adottate dai consumatori per far fronte alle crisi, che prevedono,
oltre al contenimento della spesa, anche la revisione delle gerarchie dei bisogni. In questa
prospettiva si guarderà perciò al low-cost di qualità, che si configura come un’alternativa di
successo all’offerta di beni e servizi tradizionale.
Nei capitoli 3 e 4 si prenderanno in esame due casi specifici: il settore dell’auto e quello del
turismo. Anche stavolta il focus sarà prettamente italiano, sia per maggiore semplicità di analisi, sia
perché la realtà italiana è quella più vicina ai nostri interessi. La scelta di questi due settori è dovuta,
da un lato, al fatto che essi rappresentano due assi portanti dell’economia italiana, dall’altro, che
essi sono stati tra i mercati più colpiti dalla crisi.
Sia per il settore delle automobili che per quello del turismo si analizzeranno poi due esempi di
aziende con un fatturato in rialzo grazie alla loro proposta di low cost di qualità. Si tratta in
particolare della Dacia per le auto e di Volagratis.it per i viaggi.
5
Nelle conclusioni si farà infine il punto della situazione sugli effetti della crisi economica sui
consumi, con una riflessione sui cambiamenti che essa ha apportato nel modo stesso di concepire
l’economia.
Per concludere, la crisi economica non è e non deve essere materia per soli economisti. Essa infatti
ha forti interconnessioni con la società, la politica e la cultura di un Paese. Ecco perché le scienze
sociali possono fornire un valore aggiunto nello studio di questo fenomeno, grazie alla loro capacità
di intrecciare un reticolo gnoseologico che unisce la filosofia, la storia, le relazioni internazionali e
la comunicazione. Ognuno di questi elementi è presente nell’attuale recessione, perché le
sfaccettature della crisi economica sono le sfaccettature della natura umana. Non bisogna
dimenticare infatti che il sistema capitalistico è un’invenzione dell’uomo, multiforme e fallibile, e
che perciò, come lui, è imperfetto e non delimitabile a mere questioni economiche. Se l’homo
oeconomicus è solo un concetto teorico che non coglie l’intera complessità dell’individuo, allo
stesso modo relegare la crisi contemporanea nei meandri della scienza economica vorrebbe dire
appiattirla a una sola dimensione, senza comprenderla davvero a fondo.
6
CAPITOLO I
Le origini della crisi economica: dalla bolla immobiliare
alla crisi finanziaria
La grave crisi economica che ha colpito gli Stati Uniti nel 2007 e quindi, a cascata, anche il Vecchio
Continente, ha evidenziato la fragilità di due convinzioni che si credevano indissolubili.
Innanzitutto l’infallibilità della scienza economica, di cui per anni ci si è fidati ciecamente.
L’estrema credenza che tutto ciò che veniva fatto in campo economico fosse buono e giusto ha
portato gli economisti a non mettere in discussione ciò che stava avvenendo, sottovalutando quei
dati del credito che se ben analizzati avrebbero fatto scattare il campanello d’allarme che
preannunciava l’imminente crollo finanziario. “If these things were so large, how come everyone
missed them?” chiedeva stupita Sua Maestà la Regina Elisabetta II d’Inghilterra ai professori della
London School of Economics nel 20085, quando l’ondata recessiva ormai dilagava. Prendendo a
prestito l’immagine di Nassin Nicholas Taleb, questa crisi economica non è dunque un cigno nero,
un evento isolato e inaspettato, come molti pensano, bensì un banalissimo cigno bianco. Dinnanzi a
quest’accusa di miopia l’economia – almeno in massima parte- non può che chinare il capo e
cercare di fornire, con gli strumenti a sua disposizione, le cure per attenuare quella malattia che non
ha saputo diagnosticare.
La seconda convinzione che permeava erroneamente il mondo Occidentale era che la crescita
economica non sarebbe mai finita, dimenticando che le recessioni sono invece inevitabili. Come
afferma Boskin in un articolo pubblicato su Il sole 24 ore “La storia ci insegna […] che le economie
raramente crescono ininterrottamente al di fuori delle recessioni, senza che vi sia un conseguente
declino momentaneo”6.
La fiducia da un lato nelle rassicurazioni degli economisti, dall’altro nello sviluppo economico, ha
così condotto a una crisi economica senza precedenti. Alcune caratteristiche la differenziano infatti
dalle recessioni avvenute nel passato, ma prima di analizzarle è necessario fornire una definizione
di che cosa si intenda per recessione.
A fini pratici, il termine recessione indica “la contrazione in due trimestri consecutivi del prodotto
interno lordo reale (cioè deflazionato) di un Paese” 7, anche se a volte le recessioni non seguono tale
5
O. Blanchard, A. Amighini, F. Giavazzi, Macroeconomia. Una prospettiva europea, ed. Il Mulino, Milano, 2010,
p.505.
6
M. Boskin, Come è definita una recessione?, Il sole 24 ore. Disponibile su
http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2010-07-27/come-definita-recessione-180256_PRN.shtml (29/03/2013)
7
F. De Filippis, D. Romano, A cura di, Crisi economica e agricoltura, Quaderni, 2013, p.15. Disponibile su
http://www.gruppo2013.it/working-paper/Documents/Crisi%20economica%20e%20agricoltura.pdf (29/03/2013)
7
regola. Negli Usa e nell’area euro ci sono poi organismi indipendenti (rispettivamente il National
Bureau of Economic Research e il Centre for Economic Policy Research) che stabiliscono
attraverso una serie di indicatori macroeconomici (non solo il Pil reale) quando si è in recessione o
meno.
Analizzando l’andamento del ciclo economico su 21 Paesi Oecd dal 1960 ad oggi, Claessens et al.
(2008) hanno osservato che le economie sviluppate in media hanno vissuto sei cicli completi di
recessione ed espansione nel corso degli ultimi cinquanta anni, per un totale di 122 episodi recessivi
nel periodo considerato. Si registra però una riduzione di intensità e di frequenza delle recessioni a
partire dalla metà degli anni ’80, fenomeno noto in letteratura con il nome di “grande
moderazione”. Ciò sarebbe dovuto a una serie di concause, quali l’integrazione globale,
l’avanzamento dei mercati finanziari, la predominanza del settore dei servizi su quello secondario e
migliori politiche macroeconomiche. Se da un lato le crisi economiche sono diminuite, tuttavia è
significativo notare che le recessioni associate a crisi finanziarie sono diventate relativamente più
comuni.
Fonte: Imf (2009a), Fig. 3.3
La crisi economica del 2007 si inserisce perfettamente in questo scenario, poiché anch’essa
intreccia fenomeni finanziari con fenomeni reali. In particolare, se la relazione causale tra
recessione e crisi finanziaria può procedere dalla prima alla seconda o viceversa, in questo caso si è
trattato di un contagio dalla sfera finanziaria a quella reale. Ciò che è noto delle crisi finanziarie è
che la ripresa è generalmente più lenta rispetto alle crisi economiche provocate da altri shock, in
quanto i consumi e gli investimenti impiegano più tempo per tornare a crescere mentre i tassi di
disoccupazione aumentano con maggior vigore.
8
Normalmente un aiuto alla ripresa giunge dalla domanda estera; tuttavia nel caso dell’ultima crisi
economica la crescita mondiale è stata molto debole se non nulla. La sincronizzazione globale delle
fasi recessive non è un fenomeno nuovo: è già accaduto a metà degli anni ’70, agli inizi degli anni
’80 e agli inizi degli anni ’90. Tutte queste recessioni hanno avuto in comune anche l’epicentro,
ovvero gli Stati Uniti, per il peso senza eguali che la sua economia ha nel mondo. Tutti i Paesi
avanzati e molti di quelli emergenti o in via di sviluppo stanno attualmente attraversando un periodo
di contrazione economica, il che permette di affermare che ci troviamo di fronte alla crisi più
sincronizzata del dopoguerra. Le crisi sincronizzate solitamente durano di più di quelle che non lo
sono, poiché la domanda estera non può fungere da motore della ripresa.
La peculiarità della crisi finanziaria scoppiata nel 2007 emerge allora in tutta la sua chiarezza: si
tratta di una recessione unica nel suo genere in quanto coniuga le due caratteristiche che esacerbano
le crisi economiche, ovvero l’origine finanziaria e la sincronizzazione. Nouriel Roubini, economista
della New York University e uno dei pochi a prevedere lo scoppio della crisi, parla a tal proposito
di “tempesta perfetta”, in quanto diversi fattori si sono influenzati a vicenda provocando un circolo
vizioso tra economia monetaria ed economia reale.
È necessario a questo punto approfondire l’analisi per capire quali siano questi fattori e quindi
scoprire le origini della recessione più profonda mai registrata dalla seconda guerra mondiale.
Abbiamo già detto che la causa scatenante è stata una crisi finanziaria, quella che ha colpito gli Stati
Uniti nell’estate del 2007. Ma da dove è partita questa crisi? Il settore incriminato è quello dei
mutui “subprime”, che fanno capo al mercato immobiliare. Si tratta di mutui che le banche
statunitensi concedono a clienti di non primaria affidabilità, usualmente per l’acquisto di immobili.
Per il creditore ciò comporta rischi elevati, perché il prenditore ha una limitata capacità di
rimborsare puntualmente quanto dovuto. I clienti in questione infatti possiedono un rating di credito
inferiore al minimo consentito, in quanto hanno redditi bassi e non costanti, un passato di rate
scadute non rimborsate e possono aver già subito un pignoramento o essere andati in bancarotta. Il
prefisso sub- fa proprio riferimento alla condizione non ideale (prime) del rapporto creditizio. A
fronte del maggior rischio, il mutuo subprime è gravato da un tasso d’interesse più elevato e da
maggiori oneri. Il meccanismo di questi mutui si basa sull’aspettativa di una crescita continua del
valore dell’immobile di modo che, in caso di insolvenza, la banca possa escutere l’ipoteca e
registrare comunque un profitto.
Ma l’ipotesi di un mercato immobiliare in perenne crescita è valevole ragionevolmente solo in un
orizzonte temporale limitato, perché non ci sono motivi economici che lo giustifichino nel lungo
periodo. Robert Schiller dell’università di Yale, nel suo famoso libro “Irrational Exuberance” del
2000, ammoniva già a non credere in un boom immobiliare senza fine. Ma l’euforia del nuovo
9
millennio portava molti a sostenere che i prezzi delle case non potevano cadere, sebbene anche solo
un’analisi superficiale dei motivi della loro crescita avrebbe mostrato la bolla immobiliare che li
trascinava. L’aumento dei prezzi delle abitazioni iniziato nel primo decennio di questo secolo non
aveva infatti alcuna ragione logica che lo spiegasse: non erano aumentati i costi di costruzione (che
anzi diminuivano), né era cresciuta la popolazione. Eppure il boom continuò fino al 2006, quando il
crollo dei prezzi delle case di circa il 30% mise in ginocchio l’economia statunitense.
Ma torniamo un attimo indietro: abbiamo detto che le banche concedevano sempre più mutui
subprime, nella convinzione che l’aumento del valore degli immobili rendesse questi prestiti
rischiosi comunque profittevoli, mentre i prezzi delle case inspiegabilmente gonfiati stavano
rapidamente raggiungendo un punto di non ritorno. I mutui subprime nel 2006 erano il 20% di tutti i
mutui per la casa e il calo dei prezzi degli immobili sarà di circa il 30%. Possono insieme questi due
fattori giustificare lo scoppio di una recessione straordinaria nelle sue dimensioni?
Ragionevolmente la risposta è negativa. Ci sono allora altre motivazioni, ben più profonde e di
maggiore portata, che unite ai fenomeni microeconomici sopra spiegati devono aver influito nella
creazione della tempesta perfetta. Queste concause affondano le radici in una serie di errori di
valutazione e atteggiamenti spregiudicati tenuti già a partire dall’inizio del nuovo secolo. Si tratta in
particolare del mantenimento da parte della FED di bassi tassi di interesse, del grande aumento della
liquidità, della scarsa regolamentazione del mercato finanziario e dell’uso senza limiti della
cartolarizzazione. Ma procediamo con ordine.
Nel 2002 G. W. Bush modifica il Community Reinvestment Act – CRA per consentire un più facile
accesso al credito alle fasce di popolazione meno abbienti e con questa modifica hanno avvio i
mutui subprime. La Fed mantiene bassi i tassi di interesse perché l’inflazione, statisticamente, è
bassa. È necessario qui sottolineare come ci fosse un profondo divario tra la percezione che si aveva
dell’economia e l’economia reale, da cui la creazione del “reality del buon andamento
dell’economia statunitense”8, che nessuno per molto tempo smascherò. Infatti c’era un elemento che
falsava i dati e quindi le valutazioni della Fed: nell’indice dei prezzi al consumo non si teneva conto
dei prezzi delle case, ma solo del costo dell’affitto, che non è aumentato rapidamente come i primi.
Se, al contrario, i prezzi delle case fossero stati inclusi nell’indice, questo avrebbe portato a un
aumento del tasso di inflazione, e conseguentemente a una stretta della Fed che avrebbe aumentato i
tassi di interesse. Invece i tassi di interesse vengono mantenuti bassi, e ciò stimola ulteriormente la
domanda di mutui subprime. Si assiste così a un’espansione artificiale della liquidità, dovuta
all’utilizzo della propria casa come fonte inesauribile di garanzia, casa che dunque si trasforma,
paradossalmente, in una sorta di conto corrente.
8
G. Di Gaspare, Teoria e critica della globalizzazione finanziaria. Dinamiche del potere finanziario e crisi sistemiche,
CEDAM, p.230.
10
Ma l’aumento della domanda di prestiti è dovuto, come in parte già accennato, anche
all’indebolimento della regolamentazione sul credito. Le regole seguite dalle banche per concedere
prestiti diventano infatti sempre meno severe e gli istituti bancari si assumono rischi via via più
elevati. “Vengono accolte anche richieste prive di qualsiasi garanzia: i cosiddetti mutui “ninja” (no
income, no job, no asset)”9. Perché le banche sono disposte ad assumersi tali rischi? Come spiega
Blanchard10, lo fanno perché non se li assumono direttamente. Ed è qui che entra in gioco la
cartolarizzazione. Essa consiste nella “procedura con cui la banca vende il credito per il mutuo
concesso al cliente a una società, detta veicolo. La società veicolo paga la banca con denaro liquido
che poi recupera emettendo obbligazioni garantite dal mutuo, che vende ai risparmiatori o ad altre
società”11. Quindi una banca può unire molti mutui in un unico strumento finanziario, che nel caso
dei mutui subprime è stato il RMBS (Residential Mortgage-Backed Securities), vendendolo a
investitori che non possono controllare la qualità di ogni singolo mutuo. Qualità che non viene
verificata adeguatamente nemmeno dalle agenzie di rating, sia a causa della composizione del
Rmbs12 sia per il fatto che queste agenzie si sono trovate molto spesso a valutare titoli emessi da
soggetti da cui esse stesse dipendevano. Come se non bastasse la cartolarizzazione è proseguita
dando origine a nuovi titoli, i collateralized debt obligations (CDO), i CDO2 e i CDO3, rendendo
ancora più complessa l’individuazione dei singoli mutui che li componevano. Tali titoli -definiti poi
dalla stampa statunitense “titoli salsiccia” per sottolinearne la composizione a matrioska- venivano
assorbiti rapidamente dal mercato, dati gli alti rendimenti e la garanzia di tripla A che molto spesso
le agenzie di rating assegnavano loro. Basti pensare che nel 2007 c’erano ben 64.000 prodotti
strutturati con la tripla-A, a fronte di sole 20 società quotate sul NYSE con rating AAA.
Così le banche speculatrici spalmavano il rischio contratto coi mutui subprime sul mercato
finanziario, mentre sempre più banche veicolo e fondi comuni si imbottivano di titoli tossici. Nel
2006 i mutui subprime costituivano ormai il 40% dei nuovi prestiti ipotecari elargiti e il 13% totale;
il loro valore dal 2003 al 2007 era salito del 292%, da 332 a 1.300 miliardi di dollari13. L’emissione
degli MBS intanto, dopo la liberalizzazione del 2002, saliva a ritmi vertiginosi, con un picco di oltre
3000 miliardi di dollari nel 2003, per poi attestarsi intorno ai 2000 miliardi fino a tutto il 2007. Infine il
9
Ivi, p.227.
O. Blanchard, A. Amighini, F. Giavazzi, Macroeconomia. Una prospettiva europea, Cit., p. 508.
11
Dizionario Finanziario.it, voce Cartolarizzazione. Disponibile su
http://www.dizionariofinanziario.it/significato/c/1255530294/cartolarizzazione.html (29/03/2013)
12
I mortgage-backed securities vengono creati spezzettando i diversi flussi di cassa e ricompattandoli in tranches con
profili rischio-rendimento crescenti. In particolare, le tranches vengono costituite in modo che alcune, le senior
tranches, ottengano un rating AAA, mentre le cosiddette mezzanine ottengono rating minori e le più rischiose equity
tranches ottengono i rating peggiori. Cfr. Presbitero AF, La Crisi 2007 - ?: Fatti, Ragioni e Possibili Conseguenze,
MoFiR working paper n°27, luglio 2009, pubblicato in "Economia Marche - Review of Regional Studies", 2009.
13
Center For Responsible Lending, A Snapshot of the Subprime Market, 27 novembre 2007.
http://www.responsiblelending.org/mortgage-lending/tools-resources/a-snapshot-of-the-subprime.html (30/03/2013)
10
11
valore nominale dei titoli derivati era cresciuto esponenzialmente: da 100 mila miliardi di dollari nel
2000 a 600 mila nel 2007.
Fonte: Federal Reserve Board; SIFMA
Il meccanismo continuò ad autoalimentarsi fino al 2006: l’aumento dei prezzi delle case non
conteggiato nell’indice dei prezzi al consumo e quindi nel tasso di inflazione, viene trasformato in
PIL e trascina dietro tutti gli altri indicatori macroeconomici. Sebbene l’incremento sia dovuto a
una liquidità artificialmente pompata nel settore, la crescita dei valori monetari delle case viene
invece percepita come reale e alimenta la domanda di immobili. La scarsa propensione al risparmio
e il credito facile foraggiano quindi la domanda di mutui. La liquidità che questi ultimi forniscono
diventa poi a sua volte fonte del mercato dei derivati, che salgono nelle quotazioni e attirano
investimenti. PIL in crescita, disponibilità di credito e basso tasso di inflazione sono gli indici di
un’economia che funziona: il reality può continuare. Si crea insomma una sorta di grande piramide
rovesciata, in cui il grande peso del mercato finanziario poggia su minuscole basi reali. La battuta
d’arresto non poteva che arrivare dunque proprio dall’economia reale, che a un certo punto non
resse più il gioco. A partire dal 2006, come dicevamo, i prezzi delle case iniziano a diminuire, i
prenditori non rimborsano i mutui, le banche non riescono a compensare le perdite escutendo
l’ipoteca, i derivati crollano. Ma manca ancora un tassello per capire come la malattia del mercato
finanziario sia riuscita ad infettare poi anche l’economia reale. Quel tassello prende il nome di leva
finanziaria.
La leva finanziaria “è il rapporto tra le attività [di una banca] e il capitale azionario” 14. Le attività in
questione in questo caso sono i mutui ipotecari su immobili, che sono stati finanziati in massima
parte non con il capitale delle banche, ma con denaro preso a prestito a basso costo nel marcato
interbancario. Questo vuol dire un elevato rapporto di leva e quindi maggiori rischi. Infatti in caso
14
O. Blanchard, A. Amighini, F. Giavazzi, Macroeconomia. Una prospettiva europea, Cit., p. 511.
12
di diminuzione dei prezzi delle case e quindi del valore delle attività, la banca in mancanza di
sufficiente capitale proprio potrebbe diventare insolvente. Perché assumersi un rischio così elevato?
La legge che domina ancora una volta è quella della finanza: più rischi, più guadagni. Infatti finché
i prezzi delle case si sono mantenuti elevati, le banche con un’elevata leva finanziaria hanno
registrato enormi profitti.
Entra così di nuovo in campo la questione della regolamentazione. Il governo avrebbe dovuto
intervenire imponendo un limite alla leva, ma non l’ha fatto perché l’aumento del numero di
cittadini americani in grado di acquistarsi una casa era un obbiettivo politico e perché maggiori
rendimenti per le banche volevano dire anche maggiori finanziamenti alle campagne elettorali.
Così, quando i prezzi delle case sono scesi, il castello di carte si è sgretolato: molte banche sono
fallite e quelle sopravvissute erano estremamente deboli. Queste ultime, per cercare di rafforzarsi,
hanno ridotto i prestiti alle imprese e venduto le altre attività liquide (perlopiù azioni) a qualsiasi
prezzo pur di spuntarla. La conclusione è ovvia: con la contrazione del credito c’è stato uno stop
agli investimenti, mentre il mercato azionario è andato a picco. Tutto ciò ha ridotto la ricchezza
delle famiglie, e quindi i consumi.
Rapidamente la crisi economica statunitense si è espansa anche agli altri Paesi attraverso due canali,
quello bancario e il commercio. Infatti le banche nazionali che avevano tenuto un comportamento
simile a quelle americane sono rimaste particolarmente colpite dalla chiusura del mercato
interbancario seguito al fallimento, il 15 settembre del 2008, dell’importante banca d’affari
statunitense Lehman Brothers15. D’altro lato, la contrazione dei consumi negli Stati Uniti ha
condotto a un drastico calo delle importazioni (una diminuzione addirittura del 46% tra luglio 2008
e febbraio 200916), che ha pesato enormemente sugli altri Paesi, essendo gli Stati Uniti il maggior
importatore di merci nel mondo (le sue importazioni sono circa il 13% delle importazioni totali17).
I dati sugli effetti della crisi economica nel mondo sono impressionanti, ma ben più allarmanti erano
quelli subito prima dello scoppio della bolla, che annunciavano già la fine imminente.
A questo punto viene da chiedersi: ma c’era davvero la possibilità che le cose andassero in un altro
modo? Come spiega Di Gaspare18 si tratta di un problema teorico, in quanto chi era inserito nel
15
Le difficoltà per la L.B. erano iniziate nel corso del 2007, quando a seguito della crisi dei mutui subprime era stata
costretta a chiudere la banca dedicata a tale attività, accumulando nei mesi successivi elevate perdite e subendo un
crollo delle sue azioni del 97%. Non trovando capitali esterni per rilanciare l’azienda e non potendo ricorrere alla
liquidazione d’emergenza, fu obbligata nel settembre 2008 a chiedere l’amministrazione controllata e avviare le
procedure fallimentari. Cfr. treccani.it, voce Lehman Brothers. http://www.treccani.it/enciclopedia/lehman-brothers/#
(30/03/2013)
16
O. Blanchard, A. Amighini, F. Giavazzi, Macroeconomia. Una prospettiva europea, Cit., pp. 518-519.
17
Ibidem.
18
G. Di Gaspare, Teoria e critica della globalizzazione finanziaria. Dinamiche del potere finanziario e crisi sistemiche,
Cit., p.228.
13
settore estraeva profitto da quel meccanismo vizioso e diabolico che si era creato e dunque non
aveva convenienza a farlo venir meno. Egli cita a tal proposito le parole di E. J. Rothschild: “pochi
comprenderanno questo sistema, coloro che lo comprenderanno saranno occupati nello sfruttarlo, il
pubblico forse non capirà mai che il sistema è contrario ai suoi interessi”.
Alternative o meno, resta comunque opinione diffusa che una maggiore regolamentazione
dell’economia in generale e del mercato finanziario in particolare avrebbe, se non evitato il tracollo,
almeno ridotto le catastrofiche conseguenze. Di questo avviso è nello specifico Roberto Panizza,
che, nel suo saggio “La crisi finanziaria internazionale e il fraintendimento del pensiero economico
classico”, individua le cause dell’attuale crisi economica negli anni ’70/’80, quando si andò
diffondendo una nuova mentalità neoliberista e monetarista. Si trattava di un filone di pensiero
riconducibile alla più rigida scuola neoclassica, che delegittimava il ruolo dello Stato ed esaltava
invece il libero mercato, le imprese multinazionali e il concetto di consumatore sovrano. Ulteriori
aggravanti, a suo parere, sono state poi le idee ampiamente diffuse nel mondo accademico
dell’importanza di mantenere bassi i salari e di imporre a livello teorico la trasparenza all’interno
dei sistemi finanziari e bancari, nonostante nella pratica questi siano poi gestiti da professionisti
privi di scrupoli. In particolare Panizza imputa a questi economisti, imprenditori e politici di aver
smantellato quel sistema Roosveltiano che aveva garantito agli Stati Uniti una crescita persistente
per oltre due decenni, in nome del progetto velleitario di una crescita senza fine e di un benessere
generalizzato. Così i neoclassici, appoggiati dalle amministrazioni repubblicane, privatizzarono le
imprese statali e liberalizzarono e deregolamentarono i mercati, riducendo drasticamente il ruolo
dello Stato. Ciò comportò, nel lungo periodo, una diminuzione dei livelli salariali e
dell’occupazione e quindi anche il ridimensionamento dell’importante posizione che i sindacati
avevano ricoperto fino a quel momento. Dunque “con la svolta neoliberista si è accelerato il
processo di pesante indebolimento dei sistemi produttivi e finanziari, che ha contribuito ad
innescare la grave recessione dei nostri giorni”19. Ma, specifica Panizza che le idee sostenute da
questi neoliberali avevano poco o niente a che fare con le teorie dei grandi economisti inglesi come
Adam Smith, David Ricardo o Jeremy Bentham, in quanto questi ultimi, seppur esaltavano i mercati
concorrenziali e i loro benefici, non avevano dimenticato il ruolo centrale dello Stato, né
intendevano
smentirlo.
Anzi
sottolineavano
la
fondamentale
esigenza
di
una
solida
regolamentazione dell’attività economica, al fine di evitare conflitti tra gli operatori e garantire a
tutti la massima libertà d’azione entro i limiti consentiti. Invece i nuovi indirizzi neoliberisti, oltre a
dimenticare gli insegnamenti dei loro grandi predecessori, inaugurarono un filone della
microeconomia esclusivamente teorico, che non si occupava cioè dell’analisi di fenomeni concreti,
19
R. Panizza, La crisi finanziaria internazionale e il fraintendimento del pensiero economico classico in La comunità
internazionale fasc. 4/2009, Editoriale Scientifica SRL, p. 528. Disponibile su http://www.sioi.org/Sioi/4panizza.pdf
14
ma si concentrava su studi astratti. Questo ha, secondo Panizza, come accecato i grandi economisti,
che impegnati ad insegnare le teorie tradizionali, non hanno saputo leggere gli importanti
cambiamenti che intanto stavano avvenendo nella realtà e che manifestavano i segnali già da
trent’anni. “L’attuale crisi non è […] una turbolenza accidentale, ma il risultato finale di una serie di
gravissimi errori commessi da Governi, imprenditori, politici ed accademici negli ultimi trent’anni,
a partire dalla metà degli anni ’70, in quasi tutti i principali Paesi del mondo”20.
Che la crisi sia principalmente il frutto di una serie di comportamenti sregolati e di errori di
valutazione è anche l’idea di Padoa Schioppa, il quale afferma: “L’aggettivo finanziaria,
inizialmente usato per definirla, si è rapidamente rivelato insufficiente; economica e sociale ne è la
sostanza. E poiché la componente del sistema economico che è mancata è l’intelaiatura di regole,
controlli, azioni di governo che – in un’economia di mercato – costituiscono il complemento della
libera ricerca del tornaconto individuale da parte di individui e imprese, la crisi è in realtà politica e
istituzionale; è un fallimento della politica economica prima che della finanza e dei mercati. Infine,
e in senso più generale, il disastro ha forti radici nel terreno della cultura, intellettuale e
antropologica, perché scaturisce da atteggiamenti mentali, idee, comportamenti divenuti prevalenti
nelle nostre società”21.
Se questa è stata la genesi della malattia, quali sono, infine, le possibili cure? Una risposta ce la dà
ancora una volta Panizza: tra i limiti estremi dell’individualismo e del collettivismo, entrambi
fallimentari, occorre percorrere una terza via, quella del rispetto della libertà individuale unito, però,
alla presenza di uno Stato regolatore forte, che operi una redistribuzione della ricchezza.
20
Ivi, p. 550.
T. Padoa-Schioppa, La veduta corta. Conversazione con Beda Romano sul Grande Crollo della finanza, Il Mulino,
Collana "Contemporanea" 2009.
21
15
CAPITOLO II
La crisi dei consumi dalla teoria alla pratica
Finora abbiamo analizzato i fattori, economici e non solo, che hanno favorito il prodursi della bolla
immobiliare, il cui scoppio ha innescato una crisi economica senza precedenti. È giunto ora il
momento di vedere quali sono state le maggiori conseguenze della recessione e, in particolare, di
analizzare gli effetti sui consumi.
Come abbiamo detto, quella che era iniziata come una crisi finanziaria, ha poi rapidamente riversato
i suoi esiti nefasti anche sull’economia reale. I dati che colpiscono maggiormente riguardano senza
dubbio la produzione e i consumi. È stato calcolato che fino al 2009 (anno in cui si considera
conclusa la fase recessiva e iniziata la fase di ripresa) il PIL mondiale ha registrato una contrazione
variabile tra il -2,5% e il -3,7%22. Ciò è stato dovuto a una frenata nella produzione delle maggiori
economie mondiali, che nel 2008 sono cresciute in media dello 0,5% a fronte del 2,7%23 che si
registrava solo un anno prima. In particolare ne ha risentito il comparto industriale, la cui
produzione ha subito un calo di oltre il 6,2%24. Tutto ciò ha provocato conseguenze anche sul
commercio internazionale, che nel 2008, per la prima volta dopo più di vent’anni, ha registrato una
forte caduta: dal 7,3% del 2007 al 2,8% del 200825. Chi ha risentito di più degli effetti della crisi
sono stati, oltre alle imprese, indubbiamente i consumatori che, complice un tasso di disoccupazione
in crescita a ritmi vertiginosi (più del 2,5% nel 200826) e un calo della fiducia nei mercati altrettanto
rapido, hanno letteralmente chiuso il portafoglio. Si calcola infatti una riduzione del consumo
procapite dell’1,1% solo nel 200827, cifra che ancora non si attesta a salire.
Se questa è la situazione a livello mondiale, ancora peggiori sono i dati relativi all’economia
italiana. In Italia infatti sussistono condizioni che limitano naturalmente le performance del Paese e
che, in caso di recessione, non possono che esacerbare i danni. Nello specifico si tratta del
particolare tessuto dell’industria italiana, composto in prevalenza da piccole e medie imprese, il
quale rende il nostro sistema industriale poco competitivo a livello mondiale. A ciò si aggiunge poi
la notevole estensione dell’economia sommersa; servizi poco efficienti e inadeguatezza delle
infrastrutture materiali e immateriali esistenti sul territorio; un debito pubblico elevatissimo e deficit
di bilancio strutturali e, per ultimo ma non meno importante, un tasso di disoccupazione
generalmente più alto degli altri Paesi. Tutto ciò a fatto sì che la contrazione del PIL nel 2009 in
22
F. De Filippis, D. Romano, A cura di, Crisi economica e agricoltura, Quaderni, 2013, p 27. Disponibile su
http://www.gruppo2013.it/working-paper/Documents/Crisi%20economica%20e%20agricoltura.pdf (29/03/2013)
23
Ivi, p.28.
24
Ivi, p.27.
25
Ivi, p.30.
26
Ivi, p.28.
27
Ibidem.
16
Italia avesse raggiunto ben il 6,5%, mentre i consumi di beni durevoli scendevano del 17,1% e
quelli di beni non durevoli del 2,3%28.
Nonostante dai mesi estivi del 2009 si parli generalmente di ripresa dalla crisi economica, i dati del
2012 e del primo trimestre del 2013 relativi ai consumi e alle intenzioni di consumo, almeno in
Italia, non sono affatto incoraggianti. Ma prima di vedere come si è evoluta la situazione, è
interessante fare uno studio di tipo teorico per capire le motivazioni del calo dei consumi, nonché
elaborare previsioni circa il nuovo atteggiamento che potrebbero adottare i consumatori per far
fronte agli strascichi della crisi. A tal proposito è utile ricorrere alla teoria del comportamento del
consumatore, che spiega come i consumatori utilizzino il proprio reddito per l’acquisto di diversi
panieri di beni e servizi.
La prima cosa da sottolineare è che i consumatori comprano essendo ben consapevoli di un limite,
cioè il proprio vincolo di bilancio. Il vincolo di bilancio è dato dal reddito a disposizione del
consumatore e può variare o perché varia il reddito o perché variano i prezzi dei beni che intende
acquistare. Dato il vincolo di bilancio, il consumatore sceglierà il paniere di beni e servizi che lo
soddisfa maggiormente, ovvero che si colloca sulla curva di indifferenza che assicura maggiore
utilità.
Bene A
Paniere scelto
Curva di indifferenza
Vincolo di bilancio
Bene B
Figura 1.1
Che cosa accade in caso di recessione economica? Come abbiamo precedentemente illustrato, la
crisi del 2007 ha provocato una forte contrazione del PIL nazionale e conseguentemente del PIL pro
capite, il quale è un indice del reddito a disposizione degli individui. Infatti una contrazione della
produzione provoca l’innalzamento del tasso di disoccupazione, ed essendo il lavoro la fonte
principale del reddito primario dei consumatori, è verosimile affermare che una riduzione della
produzione a livello nazionale provoca un abbassamento del livello di benessere degli individui. A
ciò si aggiunga che tra le misure adottate per far fronte alla crisi, c’è stato un inasprimento
28
Ivi, pp.34-35.
17
dell’imposizione fiscale, il quale riduce ulteriormente il reddito disponibile da utilizzare per il
consumo o il risparmio. Questo vuol dire che nelle fasi recessive dell’economia si assiste a un
abbassamento del vincolo di bilancio, che si avvicina all’origine degli assi.
Bene A
Curva di indifferenza
P'
P"
Vincolo di bilancio
Bene B
Figura 1.2
Come si evince dalla figura 1.2, l’abbassamento del vincolo di bilancio conduce a un cambiamento
nella scelta del consumatore. Se infatti prima la sua scelta ricadeva sul paniere P', ora invece con un
vincolo di bilancio può stringente è costretto ad accontentarsi del panieri P". Poiché le curve di
indifferenza indicano il livello di utilità ovvero di soddisfazione dell’individuo, possiamo affermare
che le nuove condizioni economiche conducono a una riduzione del benessere dell’individuo stesso.
Inoltre il nuovo paniere P" contiene una minore quantità sia del bene A che del bene B, quindi
abbiamo una riduzione generale dei consumi. È necessario tuttavia ricordare che ciò accade perché
sono stati considerati due beni normali. Nel caso di un bene normale e un bene inferiore è
verosimile pensare che il consumatore avrebbe prediletto un paniere con una maggiore quantità del
bene inferiore rispetto al bene normale; nel caso di un bene normale e un bene di lusso invece ci
sarebbe stata una diminuzione della quantità consumata del bene di lusso maggiore della
diminuzione del reddito.
Una crisi economica non solo riduce il reddito disponibile, ma può far innalzare anche il prezzo dei
beni. Tutto ciò ha effetti sul vincolo di bilancio: nel caso specifico di un aumento del prezzo del
bene B, si ha una rotazione del vincolo di bilancio in senso orario facendo perno sull’intercetta
verticale. L’individuo sceglierà un nuovo paniere con una minore quantità del bene B. Inoltre con
l’aumento del prezzo del bene B, diminuisce il potere d’acquisto del consumatore e, di
conseguenza, il livello di utilità raggiungibile.
18
Bene A
RD/PA
P"
P'
U'
U"
RD/PB"
Bene B
RD/PB'
Figura 1.3
Come vediamo dalla figura 1.3, anche un aumento del prezzo dei beni acquistati riduce il reddito
disponibile. In caso di crisi economica il livello generale dei prezzi aumenta, ovvero aumenta il
tasso di inflazione. Esso viene calcolato a partire dall’indice di Laspeyres, il quale mostra di quanto
sono aumentati in media i prezzi tra due periodi di riferimento, indicando così il costo della vita.
Successivamente analizzeremo di quanto sono variati questi indici durante la crisi economica del
2007.
Un’ultima riflessione riguarda il risparmio. Molto spesso infatti gli individui non consumano tutto il
reddito disponibile che possiedono, ma lo risparmiano per far fronte a fluttuazioni negative del loro
reddito che potrebbero accadere nel futuro. Se una persona perde il posto di lavoro, come spesso è
accaduto durante questa crisi economica, non per questo non consuma più, ma può far ricorso a
risparmi accumulati nel passato. Attraverso il risparmio, dunque, gli individui cercano di mantenere
pressoché costante nel ciclo vitale il proprio livello di consumo.
Di solito i risparmi vengono depositati presso un istituto bancario, in modo da ricevere un
rendimento sul denaro depositato. Però può accadere anche che l’individuo non abbia risorse
economiche sufficienti per far fronte a una forte fluttuazione del proprio reddito: in questo caso egli
prenderà a prestito denaro dalle banche, le quali apporranno sul denaro richiesto un tasso di
interesse, che per semplicità qui considereremo uguale al tasso di rendimento dei risparmi
depositati. Il consumo dell’individuo nel periodo futuro è dunque dato dalla formula:
c2 = m1 (1+r) + m2 – c1 (1+r)
dove:

m1 e m2 rappresentano il reddito esogeno di cui dispone l’individuo nei due periodi;

c1 e c2 rappresentano il livello di consumo nei due periodi;

r rappresenta il tasso di interesse.
19
Questo vuol dire che il consumo del secondo periodo c2 è dato dal risparmio del primo periodo a
cui si sommano gli interessi corrisposti dalla banca più il reddito del secondo periodo meno
eventuali consumi effettuati nel primo periodo per cui si chiesto in prestito denaro dalla banca. È
chiaro che se il tasso di interesse si alza, in questa particolare situazione in cui l’interesse sui
risparmi e quello sui prestiti è identico, si ha un guadagno per coloro che hanno consumato nel
primo periodo senza indebitarsi, mentre chi aveva debiti vedrà aumentare il costo del suo
indebitamento. In realtà accade che il sistema bancario pratichi differenziazioni tra tassi attivi e
tassi passivi, con percentuali più elevate in caso di debito. Questo fa sì che alcuni individui siano
portati a risparmiare meno e altri a indebitarsi meno. Vedremo tra poco anche come sono variati
mediamente i tassi bancari e gli effetti sul risparmio dei consumatori.
Cosa possiamo dedurre da questa breve trattazione teorica? Alla luce della teoria del consumatore
possiamo innanzitutto aspettarci che a partire dal 2007, anno di scoppio della crisi economica, i
dati evidenzino una riduzione dei consumi dovuta a un vincolo di bilancio più stringente,
quest’ultimo in linea con la riduzione del PIL nazionale. Inoltre immaginiamo un innalzamento del
tasso di inflazione che limita ulteriormente il reddito disponibile e deprime con maggior vigore i
consumi. Infine ci attendiamo una variazione dei tassi attivi e passivi delle banche, dovuto al
ciclone che ha investito il sistema bancario, i quali potrebbero aver spinto i consumatori a
risparmiare di più o a consumare di più senza però indebitarsi a seconda dei casi.
Vedremo ora se la realtà valida le nostre ipotesi, individuando così gli effetti della crisi economica
sui consumi. Per semplicità di analisi, prenderemo in considerazione solo i dati relativi
all’economia italiana.
Abbiamo già esaminato qual è stato l’andamento del PIL italiano nel 2009, anticipando che i dati
relativi agli anni successivi evidenziavano gli strascichi pesanti della crisi nell’economia del nostro
Paese. Infatti la modesta ripresa con cui si era aperto il 2010 si è arrestata già nei primi mesi del
2011, dando avvio a una nuova fase recessiva “contrassegnata da flessioni congiunturali del PIL
20
reale per cinque trimestri consecutivi”29. I dati elaborati da Confcommercio a febbraio di
quest’anno (vedi Tabella A) mettono in risalto proprio la ricaduta dei livelli di produzione in Italia:
dopo un lieve rialzo dei valori nel biennio 2010-2011, il 2012 fa registrare una nuova riduzione del
PIL, che si attesta intorno al -2,1%.
Così come si prevedeva a livello teorico, i consumi delle famiglie italiane hanno seguito il trend del
prodotto interno lordo, con una drastica diminuzione del 4% nel 2012, la quale si traduce in un calo
della spesa di quasi 26 miliardi di euro30. Una doccia fredda per il governo italiano, che sperava in
una lenta ripresa e che invece si è ritrovato di fronte a un dato addirittura peggiore di quello del
1993, quando il valore era del - 3%31. Questi risultati sono certamente dovuti anche alle manovre
fiscali attuate tra il 2011 e il 2012, le quali hanno provocato un aggravamento del carico fiscale su
imprese e famiglie per un ammontare totale di circa 40 miliardi di euro (656,00 € per abitante) 32. Si
tratta in particolare dell’aumento dell’aliquota Iva dal 20 al 21%, dell’adeguamento
dell’addizionale regionale all’Irpef, dell’introduzione dell’imposta municipale sugli immobili (Imu)
e dello sblocco dell’addizionale comunale all’Irpef, nonché di altre entrate previste dalle leggi di
stabilità.
Ad arrancare quindi sono anche le imprese, che non riescono a far fronte alla crescente tassazione
da un lato e al drastico calo dei consumi dall’altro. Basti pensare che il potere d’acquisto delle
famiglie ha subito una variazione del -9,2% nel periodo che va dal 2007 al 2012
33
. Questo
comporta fatali conseguenze per le imprese, soprattutto quelle che operano nel campo del
commercio, le quali molto spesso sono costrette a chiudere i battenti. Solo nel 2012 hanno cessato
la loro attività ben 64.126 aziende, circa 200 al giorno34. L’effetto facilmente prevedibile è quello
di un innalzamento del tasso di disoccupazione, che certo non giova alla ripresa dei consumi. Come
mostra sempre la Tabella A, esso è cresciuto fino a raggiungere quota 11,4% nei primi mesi del
2013. Dati ulteriormente aggiornati in senso negativo a fine maggio, quando il valore relativo al
mese di aprile è salito al 12,0%, con cifre sconfortanti per i giovani di età compresa tra i 15 e i 24
anni, il cui tasso di disoccupazione raggiunge la percentuale vertiginosa del 40,5%35.
Se sul fronte delle retribuzioni le cose sembrano andare meglio, con un aumento del’8,4% rispetto
a marzo dello scorso anno della retribuzione lorda per ora lavorata nelle grandi imprese, non
29
M. Bella, L. Patrignani, Nota di aggiornamento rapporto consumi, febbraio 2013, Confcommercio, p.1. Disponibile
su http://www.confcommercio.it//documents/10180/3532241/confcom2013_notaggiornamentoconsumi.pdf/3406f9b3c1a2-48be-9c26-3f2b145bdb1e (31/05/2013)
30
Confesercenti, L’impresa presenta il conto, Dossier, 11/02/2013, p. 4. Disponibile su
http://www.confesercenti.it/notizia.php?id=7269 (31/05/2013)
31
M. Bella, L. Patrignani, Nota di aggiornamento rapporto consumi, febbraio 2013, Confcommercio, Cit., p.1.
32
Confesercenti, L’impresa presenta il conto, Cit., p. 9.
33
Ibidem.
34
Ivi, p.5.
35
Istat, Occupati e disoccupati. http://www.istat.it/it/archivio/91565 (3/06/2013)
21
bisogna dimenticare che il ricorso alla cassa integrazione guadagni è aumentato del 2,8% nel marzo
2013 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e che è salito anche il costo del lavoro medio
(2,1% rispetto a marzo 2012 per la sola componente continuativa per lavoro ordinario)36.
Comunque a livello nominale i redditi da lavoro sono rimasti pressoché stabili e sono stati anzi in
parte erosi dall’inflazione. Infatti nel corso del 2012 l’inflazione si è mantenuta elevata per effetto
delle manovre finanziarie effettuate nell’autunno del 2011, nonché del ritocco al rialzo sia delle
accise, per far fronte a diverse emergenze, sia di voci regolamentate a livello locale. A ciò si
aggiunge anche il lieve deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro. Si calcola quindi, nello
specifico, una crescita del 3% dei prezzi al consumo nella media del 2012, secondo l’indice NIC (
indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività), i cui numeri indice sono calcolati
utilizzando l’indice a catena del tipo Laspeyres37.
Tutto ciò ha condotto a una consistente riduzione del reddito disponibile degli individui, che si
aggira intorno al –2,2%. In particolare il reddito primario, che riguarda la remunerazione
dell’attività produttiva delle famiglie, è sceso dell’1,6% rispetto all’anno precedente, come
conseguenza della contrazione dei redditi da lavoro autonomi e della diminuzione dei redditi da
locazione, intaccati fortemente dall’Imu. Nel contempo i redditi da lavoro dipendente hanno
registrato una crescita nulla nel 2012, mentre erano risaliti dello 0,7% nel periodo 2009-2011 e
dell’1,8% nel 2011. Se il reddito disponibile scende, si osserva allora anche una flessione della
spesa per consumi, fissata a -1,6%, flessione parzialmente attenuata da un calo della propensione al
risparmio, che nel 2012 era dell’8,2%38, ovvero ben 4 punti percentuali in meno rispetto al 2008.
Questo è un dato che fa particolarmente riflettere, in quanto è risaputo che gli italiani sono un
popolo di risparmiatori. Invece queste cifre collocano l’Italia vicino al Regno Unito, paese non
certo virtuoso da questo punto di vista, dato che le sue stime sulla propensione al risparmio sono
tradizionalmente le più basse d’Europa.39Così, a livello generale, scende la percentuale di reddito
risparmiato che, secondo l’Osservatorio Findomestic40 , passa dal 6,7% di gennaio 2012, al 5,3%
del marzo di quest’anno.
36
Istat, Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese. http://www.istat.it/it/archivio/91477 (03/06/2013)
Istat, Gli indici dei prezzi al consumo, nota informativa, 5/02/2013, p.11. Disponibile su
http://www.istat.it/it/files/2011/03/Paniere-dei-prezzi-al-consumo-05_feb_2013-Testo-integrale.pdf (03/06/2013)
38
Dati tratti da Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Centro stampa e riproduzione, 2013, pp.8 e
seguenti. Disponibile su http://www.istat.it/it/archivio/89629 (30/05/2013)
39
Ibidem.
40
Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa, a cura di, in collaborazione con IPSOS, Clima di fiducia e
intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine aprile 2013, 2013, p.10. Disponibile su
http://www.osservatoriofindomestic.it/media/oss_mens_04_13.pdf (31/05/2013)
37
22
Su questo incidono senza dubbio anche i tassi praticati dalle banche sia sui depositi che sui prestiti.
Secondo il rapporto CER dell’11 aprile 201341, lo spread tra i tassi attivi e passivi non cesserebbe
ancora la sua corsa. Stando ai dati riportati in Tavola 2 relativi al periodo febbraio 2012-febbraio
2013, i tassi sui depositi sono pressoché fermi ai valori dello scorso anno, mentre i tassi sui prestiti
si sono ridotti, ma in misura molto meno consistente rispetto alla diminuzione dei tassi passivi.
Inoltre il tasso medio sui prestiti per l’acquisto di abitazioni è passato dal 3,69 del dicembre 2012 al
3,76 di febbraio 2013, così come il tasso sui nuovi prestiti per il credito al consumo è risalito di
quasi un punto in soli tre mesi. Questi valori non incoraggiano certo la domanda di mutui e crediti
dalle banche, ma la deprimono ulteriormente, dopo che già nel 2012 i nuovi crediti al consumo
Fonte: Rapporto CER
erano calati del 20% e i nuovi mutui del 35%42. Oltre a ciò incidono sicuramente le condizioni più
stringenti richieste dalle banche per concedere finanziamenti, che hanno reso ancor più
problematico l’accesso al credito. Chi risulta particolarmente colpito da questa situazione sono
ancora le imprese che, secondo il rapporto Istat 201343 reputano che le condizioni di accesso al
credito siano continuamente peggiorate dalla fine del 2011, raggiungendo oggi un livello
paragonabile a quello del 2008. Secondo le stime di Confesercenti 44, in effetti, le sole imprese del
commercio e del turismo hanno visto ridursi il credito concesso di circa il 2% tra il 2010 e il 2012,
ovvero ben 3 miliardi di euro complessivi.
Sicuramente a influenzare i livelli presenti di consumo e risparmio sono anche le aspettative degli
individui riguardo al futuro. Sempre secondo il rapporto Istat45, gli individui interrogati sulla
possibile evoluzione della propria situazione personale nei prossimi 5 anni hanno risposto
distribuendosi in maniera abbastanza equilibrata tra le varie posizioni: il 24,6% ritiene che ci sarà
41
Centro Europa Ricerche, a cura di, Rapporto CER. Aggiornamenti, 11/04/2013, p.4. Disponibile su
http://www.centroeuroparicerche.it/cernews.asp?idn=346 (03/06/2013)
42
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., p.10.
43
Ivi, p.2.
44
Confesercenti, L’impresa presenta il conto, Cit., p. 8.
45
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., pp. 135 e seguenti.
23
un miglioramento; il 23,5% prevede un peggioramento; il 23,3% non sa cosa succederà; mentre la
percentuale più consistente, il 28,5%, afferma che non ci saranno cambiamenti. I dati si fanno
invece meno confortanti se si guarda alla generale percezione di benessere dei cittadini e alla loro
soddisfazione per le proprie condizioni di vita. Come era facilmente presumibile, la crisi
economica ha sensibilmente ridotto la soddisfazione derivante da motivazioni economiche: rispetto
al 2007 aumenta la percentuale di coloro che non si ritengono per niente appagati dalla loro
condizione economica, passando dall’11,5% del 2007 al 16,8 del 2012. Al contrario diminuisce il
numero di chi si affermava molto o abbastanza contento per motivi economici, con una riduzione
complessiva dell’8,4%. Guardando invece alla soddisfazione generale per la propria vita, in una
scala da 1 a 10, gli intervistati avevano dato in media 7,2 nel 2010, mentre oggi il voto si è ridotto a
6,8. Inoltre, stando alle valutazioni dell’Osservatorio Findomestic46, si riducono le previsioni circa
il miglioramento della situazione italiana a 12 mesi.
A conclusione di questo studio, sembrerebbe che i dati confermino quello che avevamo previsto a
livello teorico:

il PIL nazionale ha subito una flessione e così il reddito disponibile dei cittadini, sia
famiglie che imprese, che si sono trovati a fronteggiare un vincolo di bilancio più
stringente. Questo li ha costretti ha rivedere le proprie scelte di consumo, dovendo accettare
un paniere di beni più ridotto (contrazione dei consumi) e meno soddisfacente in termini di
utilità (riduzione del benessere);

i consumi si sono ulteriormente ribassati come effetto del tasso di inflazione, che si
mantiene elevato anche a seguito delle manovre finanziarie intraprese dal governo;

infine imprese e famiglie hanno ridotto la loro propensione marginale al risparmio, il che
però attenua solo parzialmente la contrazione dei consumi. Infatti essi non consumano per
scelta, ma per necessità, dovendo far fronte a spese elevate anche dal punto di vista fiscale.
I tassi applicati dalle banche da questa prospettiva non aiutano, dato che il costo
dell’indebitamento, che si rende dunque in molti casi inevitabile, è notevole, mentre il tasso
di interesse sui piccoli depositi che gli individui riescono ancora a risparmiare è basso.
Tutto ciò innesca allora un circolo vizioso che inibisce ulteriormente i consumi.
46
Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa, a cura di, in collaborazione con IPSOS, Clima di fiducia e
intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine aprile 2013, Cit., p.10.
24
Se queste sono le conseguenze della crisi economica, le famiglie cercano di difendersi attuando
delle strategie di contenimento della spesa. Si stima47 infatti che alla fine del 2013 i consumi interni
si ridurranno, in termini reali, del 6,7% rispetto ai livelli pre-crisi, mentre il reddito disponibile
scenderà del 10,3%. Oltre alla riduzione generale della spesa, che riguarda in misura più
consistente i beni, ma coinvolge comunque anche i servizi, si assiste a un cambiamento nella
composizione degli acquisti delle famiglie. A risentirne di più sono in particolare i beni durevoli,
che nel 2012 hanno lasciato sul campo ben 70,3 miliardi di euro, corrispondenti a un pesante calo
dell’11% rispetto al 2011.48 Si preferisce quindi rinviare l’acquisto dei beni durevoli, notoriamente
anche i più costosi, fino al momento in cui non si renderà strettamente necessario, con un
conseguente allungamento della vita media dei prodotti. Ma gli italiani hanno rinunciato anche ai
generi alimentari: non solo sono state ridotte le quantità acquistate, ma il 15,4% delle famiglie 49 ha
dichiarato di aver scelto anche prodotti di qualità inferiore. In totale le famiglie che tra il 2011 e il
2012 ha diminuito la quantità o la qualità dei generi alimentari si assesta così attorno al 62,3%, con
una crescita di ben un punto percentuale rispetto al 2010.
Le strategie di contenimento della spesa riguardano infine anche il luogo d’acquisto dei prodotti,
con una predilezione per gli hard discount rispetto ai supermercati, ipermercati e negozi
tradizionali. Questi ultimi risultano nello specifico i più colpiti dalla crisi economica, con una
riduzione consistente della loro quota di mercato, che scende dal 18,1% del 2011 al 17,3% del
201250. Secondo Confesercenti ci stiamo quindi avviando verso una desertificazione urbana, con
meno di due negozi ogni 1000 abitanti.
Tornando invece alla composizione dei consumi, abbiamo già detto che i primi beni a cui le
famiglie rinunciano sono quelli durevoli e semi-durevoli, causando drastiche conseguenze sulla
produzione degli stessi. Tra questi, il settore che forse ha subito il calo di vendite maggiore è quello
automobilistico e dei veicoli in generale. Secondo i dati dell’Osservatorio Findomestic51,
dall’inizio della crisi economica ben un intervistato su 5 ha affermato di aver dovuto rinunciare al
possesso di un motociclo, mentre si è ridotta fortemente anche la percentuale di coloro che
prevedono di acquistare un auto nuova a marzo di quest’anno rispetto a febbraio dello scorso anno
(dal 9,6% all’8,0%52). Anche Confcommercio53 conferma il trend negativo dei mezzi di trasporto,
47
M. Beccantini, S. Martini, C. Bardazzi, a cura di, L’osservatorio Findomestic – Consumi 2013. I mercati dei beni
durevoli e le nuove tendenze di consumo, Ubimaior, 2013, p.9. Disponibile su
http://www.osservatoriofindomestic.it/media/Osservatorio_dei_Consumi_-_2013.pdf (04/06/2013)
48
Ibidem.
49
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., p.12.
50
Confesercenti, L’impresa presenta il conto, Cit., p. 12.
51
Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa, a cura di, in collaborazione con IPSOS, Clima di fiducia e
intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine aprile 2013, Cit., p.37.
52
Ivi, p. 30.
53
M. Bella, L. Patrignani, Nota di aggiornamento rapporto consumi, febbraio 2013, Confcommercio, Cit., p.5.
25
collocandoli a una misera 56esima posizione nella classifica delle previsioni di acquisto per il 2013
delle singole voci di spesa, il che si traduce in un calo delle vendite stimato del 7,2%. Va
considerato inoltre il prezzo e il consumo del carburante, che in quanto bene complementare dei
veicoli, incide certamente sull’acquisto degli stessi.
Altro settore particolarmente in crisi è poi quello del turismo, legato ai viaggi e alle vacanze delle
famiglie, anche questi sensibilmente ridimensionati in periodo di recessione economica. Sempre
nella classifica stilata da Confcommercio, figurano tra le 10 voci di consumo che cresceranno meno
in termini reali nel 2013 i servizi alberghieri e alloggiativi (-3,9%) e le vacanze tutto compreso (5,7%).
Gli italiani hanno insomma modificato le proprie abitudini di acquisto, le quali sembrano assestarsi
intorno a un nuovo equilibrio strutturale, dato che ben il 63,3%54 ritiene che ci troviamo di fronte
non a una crisi passeggera, ma a una vera e propria trasformazione dello scenario di mercato e
consumo. Cambia dunque il modo di consumare, che si traduce primariamente nella ricerca di un
miglior rapporto qualità/prezzo (50,8%) e nella revisione delle scale di priorità/ bisogno/ desiderio
(33,5%). Tra le prime vittime di questo nuovo atteggiamento ci sono certamente i beni reputati
secondari tra cui, come abbiamo detto, il settore del turismo; nonché quei beni che comportano
costi sia diretti che collaterali particolarmente elevati, cioè i veicoli e, in particolare, le automobili.
Nei prossimi due capitoli tratteremo quindi, rispettivamente, il caso del mercato dell’auto e quello
del mercato del turismo, analizzandone l’evoluzione a seguito della crisi economica del 2007.
Particolare attenzione sarà data all’offerta di prodotti e servizi low cost, che è riuscita a registrare
notevoli profitti economici anche in fase recessiva, grazie alla sua capacità di rispondere alle nuove
esigenze di contenimento della spesa degli italiani, offrendo nella maggior parte dei casi un ottimo
rapporto qualità/prezzo.
54
Centro studi di Assolowcost, a cura di, Rapporto annuale Assolowcost 2012, 2011, p.46. Disponibile su
http://www.assolowcost.it/images/pdf/rapporto%20assolowcost%202012.pdf (30/11/2012)
26
CAPITOLO III
Il mercato dell’auto
Il settore automobilistico è certamente uno dei mercati più colpiti dalla crisi economica. Rispetto al
picco del 2007, il numero delle immatricolazioni in Europa è sceso del 23% nel 2012 55 e la
situazione è ancora più critica in Italia, dove permane uno stato di salute dell’economia altamente
precario. Qui il perdurante clima di incertezza da un lato e il cambiamento nella gerarchia di priorità
dei consumi dall’altro hanno rapidamente eroso le vendite di autoveicoli, che già nel 2011
registravano un calo del 10,8% sull’anno precedente. I dati del 2012 sulle nuove immatricolazioni
confermano il trend negativo, con una diminuzione di ben 20 punti percentuali. Dal 2010 si
immatricolano ogni anno meno di 2 milioni di autovetture56 per una spesa totale di 28.998 milioni
di euro nel 2012 contro i 37.613 milioni di due anni prima57.
Certo bisogna dire che la crisi economica non è l’unico fattore a influenzare le vendite in questo
settore. Sicuramente incide anche l’elevato tasso di penetrazione dei veicoli privati in Italia, tra i più
alti d’Europa (606 macchine ogni 1000 abitanti contro una media europea di 47758). Questo rende il
nostro mercato automobilistico pressoché saturo, con un conseguente calo delle immatricolazioni
molto più consistente che negli altri Paesi europei (oltre il triplo59).
Inoltre è necessario tener conto anche delle spese collaterali al possesso di un veicolo, ovvero i costi
di gestione dello stesso, nonché il prezzo del carburante, che è un bene complementare
dell’automobile. Per quanto riguarda i primi, il rapporto Aci-Censis 2012 evidenzia come si sia
giunti ormai al paradosso per cui anche l’utilizzo parsimonioso del mezzo privato comporta
comunque costi più elevati rispetto al passato. Incidono infatti, in misura molto elevata, delle spese
fisse indipendenti dal comportamento dell’automobilista, ovvero il pagamento dell’assicurazione e
il bollo. In particolare, per quanto riguarda l’assicurazione, il suo costo è cresciuto solo nel 2012 del
3,2% rispetto all’anno precedente60. Il prezzo del carburante va a pesare invece sui costi variabili,
55
L’Osservatorio Findomestic, a cura di, L’automobile in Europa: 5 leve per rilanciare il mercato, 2013, p.2.
Disponibile su http://www.osservatoriofindomestic.it/media/Osservatorio-Auto-2013.pdf (13/06/2013)
56
Automobile Club d’Italia, Censis, a cura di, XX rapporto Aci-Censis Dov’è finita l’auto? Analisi di una crisi senza
precedenti, Roma, 18 dicembre 2012, p.3. Disponibile su http://www.aci.it/fileadmin/immagini/Notizie/ACICENSIS_2012_-_Rapporto_integrale_-_def.pdf (13/06/2013)
57
M. Beccantini, S. Martini, C. Bardazzi, a cura di, L’osservatorio Findomestic – Consumi 2013. I mercati dei beni
durevoli e le nuove tendenze di consumo, Ubimaior, 2013, p.10. Disponibile su
http://www.osservatoriofindomestic.it/media/Osservatorio_dei_Consumi_-_2013.pdf (04/06/2013)
58
Ivi, p.120.
59
Automobile Club d’Italia, Censis, a cura di, XX rapporto Aci-Censis Dov’è finita l’auto? Analisi di una crisi senza
precedenti, Cit., p.120.
60
Ivi, p.18.
27
insieme al pagamento dei pedaggi e delle multe. Se le rilevazioni61 al 16 febbraio 2008 registravano
un prezzo al consumo di 1,35€ al litro per la benzina verde e di 1,27€/l per il gasolio, questo è poi
rapidamente risalito a partire dalla fine dello stesso anno, arrivando in data 13/06/2013 a 1,73€/l per
la benzina e a 1,61€/l per il gasolio. Come mostrano i dati del Ministero dello Sviluppo
Economico62, a influire sul prezzo alla pompa non è solo il costo del petrolio, ma anche le accise,
che sono state ritoccate più volte al rialzo negli ultimi anni. Nel periodo 2011-2013 esse infatti sono
aumentate di 0,16€ per la benzina e di ben 0,19€ per il gasolio. In totale in tre anni il rincaro del
carburante si assesta in media oltre il 25%. Così le campagne promozionali avviate da molte
compagnie petrolifere nell’estate dello scorso anno sono state accolte come un toccasana dagli
automobilisti, che hanno fatto registrare un’adesione di ben il 60%, con picchi di oltre il 70% tra i
giovani63.
Tra il 2011 e il 2012 quindi il costo della semplice gestione dell’auto è salito del 4,4%, passando da
una spesa media di 3.278,00€ a 3.425,00€64.
Se inizialmente a risentirne di più era il mercato delle auto nuove, con una caduta negli acquisti pari
al 22,1% nel biennio 2010-201265, a partire dal 2011 sono scese anche le vendite delle auto usate,
che nel 2012 hanno fatto registrare un calo del 10,5%.
In un contesto di disoccupazione record e di vincoli di bilancio sempre più stringenti, le famiglie
hanno attuato delle strategie per cercare di limitare le spese derivanti dalle autovetture: hanno
trovato alternative all’utilizzo del mezzo privato; hanno diminuito il numero delle auto di proprietà
e, in caso di acquisto, hanno scelto veicoli che garantissero un certo risparmio, o grazie a un
rapporto qualità-prezzo vantaggioso, o grazie a motori con alimentazioni meno dispendiose della
benzina senza piombo.
Per quanto riguarda il primo aspetto, l’utilizzo più contenuto dell’automobile a vantaggio di altri
mezzi di trasporto è dovuto certamente anche all’affacciarsi sul mercato di una nuova generazione
di giovani che, a differenza dei baby boomers abituati ad avere un’auto di proprietà e a cambiarla
frequentemente, sono più attenti alla salute ambientale e al portafoglio. La salvaguardia del pianeta
61
Unico Lab, Archivio storico prezzi benzina e gasolio. http://unico-lab.blogspot.it/2010/01/archivio-storico-prezzibenzina-e.html (15/06/2013)
62
Ministero dello Sviluppo Economico, Dati storici dal 2008.
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&viewType=1&idarea1=1757&ida
rea2=0&idarea3=0&idarea4=0&andor=AND&sectionid=2&cattitle1=Focus,%20Statistiche,%20Rapporti&andorcat=A
ND&partebassaType=0&idareaCalendario1=0&MvediT=1&showMenu=1&showCat=1&showArchiveNewsBotton=0
&idmenu=2939&id=2009658 (15/06/13)
63
Automobile Club d’Italia, Censis, a cura di, XX rapporto Aci-Censis Dov’è finita l’auto? Analisi di una crisi senza
precedenti, Cit., p.19.
64
Ivi, p.18.
65
M. Beccantini, S. Martini, C. Bardazzi, a cura di, L’osservatorio Findomestic – Consumi 2013. I mercati dei beni
durevoli e le nuove tendenze di consumo, Cit., p.11.
28
unita a grigie prospettive lavorative hanno condotto molti a prediligere la mobilità su aereo o
ferrovia. A questo si aggiunge il grande successo delle auto a noleggio, che ha ampliato la sua quota
di mercato, passando dal 16% del 2011 al 18% del 2012 66. Notevole successo hanno anche le
iniziative pubbliche in tal senso, ovvero il car sharing. In media l’automobile quindi viene utilizzata
4,4 giorni su 7 nel 2012 contro il 5,1 di due anni prima67. Il trend è confermato anche in ambito
europeo, dove il 54% dei cittadini dichiara di utilizzare sempre meno l’auto col passare del tempo 68.
Questo cambiamento nello stile di consumo ha fatto registrare una contrazione della domanda di
automobili, nonché una riduzione del tasso di rottamazione, maggiore di quella che ci si poteva
attendere come conseguenza della fase recessiva in cui l’economia italiana ristagna da alcuni anni.
Inoltre, anche nell’acquisto di autovetture si possono rilevare segnali di mutamento nelle abitudini
di acquisto. Torna a salire infatti la quota delle vendite di autovetture con alimentazione alternativa
(gpl, metano elettriche), dopo che avevano subito una forte flessione nel 2011, in linea con le
perdite registrate dall’intero settore automobilistico.
Fonte: L’Osservatorio Findomestic
In particolare a trascinare l’andamento positivo della categoria è il gpl, che alimenta il 68% dei
veicoli ecologici e che continua a guadagnare terreno rispetto al metano, data la maggiore facilità di
rifornimento per la rete di distribuzione più capillare sul territorio. Quello delle auto elettriche resta
invece ancora solo un mercato di nicchia, nonostante le numerose sperimentazioni in questa
direzione, che per il momento si ferma al 3,9% all’interno del segmento delle alimentazioni
alternative nel 201269.
Altro cambiamento significativo è quello che riguarda le preferenze circa l’acquisto di un’auto
straniera piuttosto che italiana. Secondo il rapporto Aci-Censis del 2012 sono gli over 64 a
prediligere l’auto nostrana, con il 45,1% dei favori, mentre le auto straniere sono a un testa a testa
con quelle italiane (entrambe 31,9% delle preferenze) nella fascia d’età 30-44. A incidere sulla
scelta sono diversi fattori, tra cui il più importante è la qualità del made in Italy per le auto italiane e
66
Ivi, p.18.
Automobile Club d’Italia, Censis, a cura di, XX rapporto Aci-Censis Dov’è finita l’auto? Analisi di una crisi senza
precedenti, Cit., p.15.
68
L’Osservatorio Findomestic, a cura di, L’automobile in Europa: 5 leve per rilanciare il mercato, 2013, Cit., p.4.
69
M. Beccantini, S. Martini, C. Bardazzi, a cura di, L’osservatorio Findomestic – Consumi 2013. I mercati dei beni
durevoli e le nuove tendenze di consumo, Cit., p.15.
67
29
il rapporto qualità-prezzo per quelle straniere70. Questo atteggiamento è perfettamente coerente con
il comportamento evidenziato dalle ricerche dell’Osservatorio Findomestic, secondo cui la scelta
dell’automobile è primariamente una scelta razionale per l’89% degli italiani. A questa seguono,
nell’ordine, l’auto come funzione utilitaria (65%), l’auto per passione (55%) e l’auto come articolo
di moda (45%)71. Si spiega dunque anche la classifica dei criteri ritenuti più importanti nella scelta,
che sono innanzitutto il prezzo d’acquisto, quindi i costi di utilizzo e al terzo posto la sicurezza.
Questo non vuol dire rinunciare alla qualità: al contrario, l’automobilista in tempo di crisi cerca
ancora veicoli all’avanguardia, ma con un occhio di riguardo in più al prezzo di listino.
Ecco perché l’unico trend positivo nel mercato automobilistico è segnato dal settore delle auto lowcost, che nel 2011 estendeva le sue vendite in Europa attestandosi al 42% contro il 35% del 200072.
Il segmento inferiore vede come capofila il marchio Dacia del gruppo Renault, che nel 2011
deteneva una quota di mercato in Europa pari al 19%, corrispondente a più di 240 mila unità
vendute73. Si tratta di un low-cost di qualità che abbina ai vantaggi economici offerti dalla categoria
la sicurezza e la qualità garantiti dal gruppo Renault. La riduzione dei costi di produzione è resa
possibile dalle sinergie produttive e commerciali del gruppo, che riguardano in particolare l’utilizzo
di componenti realizzate originariamente per altri modelli e lo sfruttamento delle stesse piattaforme
produttive e degli stessi canali distributivi della casa madre. A ciò si aggiunge il contenimento delle
spese di marketing e comunicazione e la delocalizzazione produttiva in Paesi con costi di
manodopera inferiori (Romania, Colombia, Brasile, Russia, Marocco, Iran e India). Tutto ciò ha
consentito al marchio Dacia di affermarsi non solo nei mercati occidentali maturi, ma anche
nell’Europa dell’Est, in cui si è lanciata recentemente, con risultati che già si dimostrano ottimi (2%
delle vendite di auto74).
Il successo di Dacia è d’altronde favorito anche dal nuovo atteggiamento nei confronti delle auto
low-cost, oggi considerate un acquisto “intelligente” che si va ad affiancare all’alternativa delle auto
usate, poiché garantisce lo stesso risparmio in termini di prezzo, ma con il vantaggio aggiuntivo di
avere un’auto nuova di buona fattura. Sono venuti meno infatti i pregiudizi nei confronti di questa
categoria, una volta bistrattata dal punto di vista sociale e oggi, al contrario, acquistata anche dalle
famiglie benestanti, che non reputano più l’ostentazione di ciò che si possiede un valore fondante.
70
Dati tratti da Automobile Club d’Italia, Censis, a cura di, XX rapporto Aci-Censis Dov’è finita l’auto? Analisi di una
crisi senza precedenti, Cit., pp.12-13.
71
L’Osservatorio Findomestic, a cura di, L’automobile in Europa: 5 leve per rilanciare il mercato, 2013, Cit., pp. 3839.
72
Ivi, p.54.
73
Centro studi di Assolowcost, a cura di, Rapporto annuale Assolowcost 2012, 2011, p.112. Disponibile su
http://www.assolowcost.it/images/pdf/rapporto%20assolowcost%202012.pdf (30/11/2012)
74
L’Osservatorio Findomestic, a cura di, L’automobile in Europa: 5 leve per rilanciare il mercato, 2013, Cit., p.53.
30
In conclusione, la crisi finanziaria del 2007 ha messo in ginocchio un mercato, quello delle
autovetture, che già presentava segnali di debolezza (alto livello di circolazione di automobili,
necessità di adeguamento alle normative ambientali, eccessiva dipendenza dal petrolio come fonte
prima di alimentazione dei veicoli e quindi dipendenza dai prezzi dell’energia). La contrazione
economica non ha fatto altro quindi che accelerare un processo di declino già in atto, spingendo i
consumatori a ridurre l’acquisto di questo costoso bene durevole.
Per sopravvivere il mercato automobilistico deve apprestarsi perciò a intraprendere grandi
cambiamenti, che secondo l’Osservatorio Findomestic dovrebbero prendere la forma di innovazioni
utili, prezzi più contenuti, risposte alle esigenze emotive delle famiglie, nuove modalità di
commercializzazione e pagamento rateale. Intanto gli automobilisti hanno cambiato le loro abitudini
in termini sia di acquisto che di utilizzo dei veicoli, prestando attenzione sia all’impatto ambientale
delle automobili che al loro costo totale (compresi quindi i costi di gestione).
In questo scenario risultano vincitrici le case produttrici che forniscono un low-cost di qualità,
prima fra tutte la Dacia, che è stata premiata dai clienti per le sue scelte in termini di prezzo
contenuto, rispetto dell’ambiente e design semplice ma non dismesso. Forse sarà proprio da questa
categoria, cosiddetta inferiore, che le altre imprese automobilistiche dovranno imparare per
progettare un nuovo concetto di automobile, che possa resistere alle difficoltà dell’attuale
congiuntura economica negativa.
31
CAPITOLO IV
Il mercato del turismo
La crisi economica ha colpito duramente anche il settore del turismo, che dal 2009 vede ridursi il
numero di pernottamenti effettuati in Italia e all’estero dai residenti. Tra il 2008 e il 2012 il numero
di viaggi degli italiani si è ridotto del 44,2%, mentre le notti di pernottamento sono calate del
29,1%75. A risentirne maggiormente è il comparto dei viaggi di vacanza, il cosiddetto segmento
leisure, che rappresenta la maggioranza sul totale degli spostamenti (ben l’87,3%) e che registra la
contrazione più significativa (-5,3%), sebbene meno intensa rispetto a quella del biennio 2010201176. Nel 2012 è proprio la causa economica ad essere indicata dalla maggioranza delle famiglie
come la motivazione principale per la mancata fruizione di periodi di vacanza77.
Questi dati sono tanto più rilevanti se si considera che l’economia turistica, tra attività dirette,
indirette e indotte ha contribuito nel 2011 per l’8,7% al prodotto interno lordo italiano,
corrispondenti a oltre 140 miliardi di euro l’anno78. Sebbene la spesa degli stranieri in vacanza in
Italia sia aumentata del 3,8% (pari a 32.066 milioni di euro79), consentendo così un miglioramento
del saldo della bilancia turistica con l’estero, la situazione resta tutt’altro che rosea.
Il trend del mercato turistico resta negativo dal 2009, nonostante il decremento percentuale si sia
ridotto notevolmente a partire dal 2011, e anche le previsioni di spesa per il 2013 non sono affatto
positive. Infatti al -3,9% dei servizi alberghieri e alloggiativi si aggiunge il -5,7% stimato delle
vacanze tutto compreso80. A preoccupare particolarmente è il cambiamento dell’atteggiamento degli
italiani nei confronti dei viaggi e delle vacanze, cambiamento che sembra escludere la possibilità di
un ritorno ai livelli del passato. Infatti si riduce drasticamente il numero delle vacanze brevi
(diminuite tra il 2008 e il 2012 del 42,2%), mentre le vacanze lunghe, nonostante rispondano meglio
al colpo (-28,5%), vedono diminuire il totale delle notti di pernottamento81. Come mostra la Tavola
1, a viaggiare meno sono in particolare i residenti del Centro e del Sud Italia che in entrambe le
75
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Centro stampa e riproduzione, 2013, p.32. Disponibile su
http://www.istat.it/it/archivio/89629 (30/05/2013)
76
Istat, I viaggi in Italia e all’estero. http://www.istat.it/it/archivio/81980 (18/06/2013)
77
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., p.33.
78
World Travel & Tourism Council, Benchmarking Travel & Tourism in Italy. How does Travel & Tourism compare to
other sectors?, Summary of Findings, April 2012, p.11. Disponibile su
http://www.wttc.org/site_media/uploads/downloads/WTTC_Sectors-_Italy.pdf (18/06/2013)
79
Osservatorio Nazionale del Turismo - Redazione ONT, Migliora nel 2012 il saldo della bilancia turistica con
l’estero, 11-03-2013. Disponibile su
http://www.ontit.it/opencms/opencms/ont/it/stampa/in_evidenza/Migliora_nel_2012_il_saldo_della_bilancia_turistica_c
on_l_estero (18/06/2013)
80
M. Bella, L. Patrignani, Nota di aggiornamento rapporto consumi, febbraio 2013, Confcommercio, p.5. Disponibile
su http://www.confcommercio.it//documents/10180/3532241/confcom2013_notaggiornamentoconsumi.pdf/3406f9b3c1a2-48be-9c26-3f2b145bdb1e (31/05/2013)
81
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., p.33.
32
regioni fanno registrare una riduzione di oltre 8 punti percentuali, mentre il Nord resiste con una
percentuale di circa il 6%82.
Oltre agli effetti della crisi economica bisogna poi considerare le peculiarità del settore del turismo,
che inaspriscono ancor di più la situazione. Esso infatti è caratterizzato da ciclicità e da forte
sensibilità agli eventi esterni imprevedibili, contro cui gli operatori del settore non possono attuare
alcuna misura. Ricordiamo a tal proposito che le rivoluzioni che si sono susseguite nei Paesi della
cosiddetta “Primavera Araba” hanno provocato una riduzione del fatturato dei tour operator di ben
il 9%83, mentre il naufragio della Costa Concordia prima e l’avaria della nave da crociera Allegra
poi, entrambe del gruppo Costa Crociere, ha portato al comparto crociere perdite pari al 10-15%84.
Il rischio e l’incertezza si configurano quindi come grandi nemici del settore turistico, che possono
condurre a tre tipi di conseguenze: l’acquisto di prodotti sostitutivi ai viaggi, come beni
voluttuari/lussuosi che rispondono alla medesima esigenza di concedersi qualcosa o di accrescere il
proprio livello culturale e di conoscenza; una diversa gestione del tempo libero nel luogo di
residenza o in zone limitrofe; la preferenza verso mete a breve o media distanza e verso particolari
tipologie di prodotti turistici85. Per quanto riguarda le mete preferite dagli italiani, in testa per i
soggiorni di lungo periodo troviamo quelle più economiche, ovvero la Spagna con il 14,5% delle
preferenze, seguita dalla Grecia (9,5%)86, entrambe mete a corto raggio. In netto calo, come si è
detto, sono invece le destinazioni italiane, che tra il 2008 e il 2012 diminuiscono di quasi 38
milioni87. Su ciò ha influito probabilmente anche l’aumento dei voli low-cost verso l’estero, ma
indubbiamente risultano cruciali gli elevati costi delle vacanze in Italia. Non si tratta solo delle
spese per le infrastrutture turistiche, ma anche del peso delle imposte statali tra cui, ad esempio, la
82
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., p.32.
Centro studi di Assolowcost, a cura di, Rapporto annuale Assolowcost 2012, 2011, p.91. Disponibile su
http://www.assolowcost.it/images/pdf/rapporto%20assolowcost%202012.pdf (30/11/2012)
84
Ibidem.
85
S. Sciarelli, V. Della Corte, Il comportamento del turista in condizioni di forte incertezza decisionale, Sinergie
n°66/05, p.141. Disponibile su
http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=Il%2Bcomportamento%2Bdel%2Bturista%2Bin%2Bcondizioni%2Bdi%2Bfort
e%2Bincertezza%2Bdecisionale&source=web&cd=1&cad=rja&ved=0CC4QFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.sinerg
iejournal.it%2Frivista%2Findex.php%2Fsinergie%2Farticle%2Fdownload%2F200%2F225&ei=l9TBUfbMG9L74QTX
oYGIDw&usg=AFQjCNGh3NMZa9Jqxx0ijwTwnWV6tVo0GQ&bvm=bv.47883778,d.bGE (31/11/2012)
86
Istat, Viaggi e vacanze in Italia e all’estero, report 13/02/2013, p.9. Disponibile su
http://www.istat.it/it/archivio/81980 (18/06/2013)
87
Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Cit., p.33.
83
33
tassa di soggiorno, che è stata reintrodotta nell’ordinamento italiano nel 201088 e che, per legge,
può arrivare fino ai 5 euro a notte di soggiorno.
Sul fronte degli operatori del turismo, sono le strutture alberghiere quelle che hanno risentito
maggiormente degli effetti della crisi economica, soprattutto tra gli hotel a 1 e 2 stelle, di cui ben
l’80,2% dichiara di aver subito perdite per la congiuntura economica negativa. La percentuale si
riduce man mano che si sale di livello, fino a giungere al 73,8% degli hotel a 4 e 5 stelle, a
dimostrazione del fatto che, come già sottolineato nel caso del mercato dell’auto, anche in periodo
di crisi i clienti non rinunciano alla qualità dei servizi acquistati. A rispondere meglio ai segni della
crisi sono comunque i villaggi e i campeggi, per cui la contrazione economica ha influito
negativamente sui loro affari solo per il 58,5%89. In totale le perdite nel settore turistico sono
dovute, grossomodo nella stessa misura, sia al calo del fatturato che al calo dei clienti
(rispettivamente il 31,1% e il 29,6%90).
Le strategie adottate dal lato dell’offerta per far fronte agli effetti della crisi economica sono diverse
a seconda della tipologia d’impresa, tuttavia si evidenzia una tendenza prevalente, trasversale a tutte
le categorie, a non agire e attendere semplicemente che il momento sfavorevole passi. Ben il 21,1%
degli operatori del settore turistico hanno affermato nel 2012 di aver adottato questo atteggiamento
passivo nei confronti della recessione. Subito al secondo posto si piazza poi la rinuncia a margini di
guadagno elevati e purtroppo in terza posizione ritroviamo il taglio del personale con il 19,6% 91. In
media nel settore del turismo sono impiegati ben 954.850 lavoratori dipendenti, per una quota sul
totale del mercato del lavoro pari al 6,5%92. È preoccupante perciò il crollo registrato nel 2012 del
numero di aziende intenzionate a effettuare nuove assunzioni, che scende al 21,9% contro il quasi
40% nel 200893.
Per quanto riguarda invece il fronte della domanda, un mutamento particolarmente significativo che
si può rilevare è la maggiore consapevolezza del turista, che cerca, aiutato anche dai nuovi
strumenti digitali, di ridurre al minimo l’asimmetria informativa con il gestore di servizi turistici. La
modalità preferita di prenotazione nel 2012 (in linea con gli anni precedenti) è infatti quella diretta,
88
La reintroduzione è avvenuta con due decreti: il decreto legge n. 78 del 2010 relativo al solo comune di Roma e,
l’anno successivo, il decreto legislativo 14 marzo 2011 n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale
municipale, che ha esteso la tassa anche ad altri comuni. Cfr.
http://www.federalberghi.it/pubblicazioni/imposta%20di%20soggiorno%20%20rapporto%20federalberghi%20gennaio
%202013.pdf
89
Dati tratti da Federalberghi, in collaborazione con EBNT e CST, DATATUR.Trend e statistiche sull’economia del
turismo, Ed. Ista, 2012, p.52.
90
Ibidem.
91
Ivi, p.53.
92
Ivi, p.56.
93
Ivi, p.66.
34
con il 52,7% dei favori, utilizzata soprattutto per l’organizzazione di viaggi di lavoro e di vacanze
lunghe94. Un altro cambiamento importante è quello dello spostamento delle preferenze dei turisti
verso i pacchetti vacanza particolarmente scontati, che d’altronde si allinea con l’estrema sensibilità
alle promozioni che caratterizza il settore del turismo. A questo segue poi l’accurata organizzazione
del periodo di viaggio, che può consentire vantaggi economici consistenti. Ad esempio per i viaggi
aerei ben l’86% di chi prenota un volo su Volagratis.it per il finesettimana sceglie il venerdì per
partire e il lunedì per tornare, perché ciò permette di risparmiare fino al 53% per alcune rotte95.
Tornando a Internet, c’è da dire che esso ha favorito anche l’inasprimento della competizione nel
mercato turistico, consentendo l’accesso agli operatori stranieri che tramite esso possono vantare un
contatto diretto coi propri clienti, che si aggiunge alle tradizionali filiali commerciali presenti sul
territorio. Nello specifico ne hanno tratto vantaggio aziende come Volagratis fra le agenzie online e
Ryanair tra le compagnie aeree. Esse rappresentano due assi portanti del low-cost di qualità nel
settore del turismo, un segmento che, come già per le auto, sta ottenendo sempre maggiori consensi
e che si pone come una valida alternativa non solo alle agenzie di viaggi e alle compagnie aeree
tradizionali, ma anche alla soluzione last minute che una volta era la leader in fatto di risparmio.
Prenotare il proprio viaggio su Internet consente infatti di risparmiare in media il 30% rispetto al
prezzo di catalogo, senza perdere né in qualità né in sicurezza. Infatti, come mostra la Tabella 1, nel
confronto tra le agenzie di viaggi tradizionali e quelle low cost che operano prevalentemente su
Internet, il risultato è a tutto vantaggio delle seconde. In particolare esse vincono sul piano della
confrontabilità dei prezzi, grazie a siti versatili e facili da utilizzare per l’utente.
Tabella 1
Uno di essi, come già detto, è Volagratis.it, un motore di ricerca nato nel 2004 su iniziativa di due
italiani che volevano fornire agli utenti una piattaforma che consentisse di comparare e prenotare
voli low cost. All’offerta iniziale esclusivamente low cost si è affiancata poi quella dei voli di linea
e attualmente il sito è sempre più impegnato nella proposta di servizi turistici integrati, che vanno
dal volo all’hotel all’intero pacchetto vacanza. Volagratis fa parte del gruppo europeo Bravofly
94
95
Istat, Viaggi e vacanze in Italia e all’estero, Cit., p.11.
Centro studi di Assolowcost, a cura di, Rapporto annuale Assolowcost 2012, Cit., p.96.
35
Rumbo e ha circa 19 milioni di utenti al mese96. Il suo successo si basa su una gamma di offerta
estremamente ampia, con oltre 400 compagnie aeree low cost e 250.000 hotel97, che gli consente
anche di abbattere i costi. Inoltre garantisce la completa sicurezza delle transazioni e un’assistenza
ai clienti funzionante 24 ore su 24.
Il caso Volagratis dimostra come anche nel settore del turismo la strategia del low cost di qualità dia
notevoli risultati, riuscendo a capire prima e meglio dell’offerta tradizionale le nuove esigenze del
consumatore in tempo di crisi, che ha bisogno di soluzioni personalizzate, sicure, facilmente
accessibili ed economiche. Il fattore critico di successo, soprattutto nel settore dei servizi, è infatti il
dialogo continuo con il cliente, dialogo che le imprese low cost assicurano attraverso Internet senza
perdere d’efficacia e d’efficienza. Si tratta insomma della prova che si può offrire molto anche
contenendo i costi di produzione e quindi il prezzo finale al cliente, basta solo modificare la
mentalità imprenditoriale.
96
97
Volagratis.it, Volagratis e il gruppo Bravofly. http://www.volagratis.com/content/it/chisiamo.html (19/06/13)
Centro studi di Assolowcost, a cura di, Rapporto annuale Assolowcost 2012, Cit., p.101.
36
Conclusioni
La crisi economica scoppiata nel 2007 negli Stati Uniti non è solo un evento transitorio inquadrabile
all’interno del ciclo economico. Certo non esiste crescita continua senza fasi recessive, ma ciò che è
diverso questa volta è che è cambiato il modo di pensare e concepire l’economia stessa.
Muore infatti il mondo aureo della finanza, i suoi guadagni facili senza regolamentazioni e la
fiducia cieca nel sistema capitalistico. La lunga scia di fallimenti bancari ha dimostrato che è finita
l’epoca in cui tutto era concesso e si guarda alla globalizzazione dei mercati con più
consapevolezza, coscienti non solo delle opportunità ma anche dei rischi che essa comporta.
Gli Stati riprendono in mano le redini dell’economia e dei propri Paesi, fino ad ora lasciati in balìa
del libero mercato. Essi rivedono poi i propri bilanci, correggendo gli sprechi degli anni d’oro, e
accelerano i tempi per riforme interne rimandate da troppo tempo.
Le imprese pagano a loro spese le innovazioni mancate e il tracollo di molte, se da un lato dissesta
le economie nazionali, dall’altro lascia sopravvivere solo le aziende migliori, quelle che sono state
in grado di rinnovarsi e capire prima delle altre le nuove esigenze dei consumatori.
Anche il consumatore, fulcro di questo elaborato, è molto cambiato. È più consapevole, ha
revisionato la sua scala di priorità, sceglie i prodotti conoscendo le imprese e confrontando le loro
offerte. In questo Internet ha molto facilitato il procedimento, dimostrando tra l’altro come
l’economia sia strettamente interconnessa con la comunicazione. Infatti il successo di un’impresa
oggi si gioca anche sul campo del dialogo col cliente, prestando maggiore attenzione alla
componente umana che si nasconde dietro la curva di domanda. È dall’ascolto dei consumatori che
si deve dunque partire per riprogettare l’offerta e renderla più competitiva, facendo così fronte alla
crisi. Casi come Dacia e Volagratis.it dimostrano proprio come ci siano ancora possibilità
inesplorate e mercati in espansione se si sa dove cercare.
Nonostante il 2009 sia indicato da molti come l’anno della fine della crisi e dell’inizio della ripresa,
sono numerosi i Paesi, tra cui l’Italia, a vivere ancora situazioni drammatiche. Le preoccupazioni
attuali in parecchi casi riguardano dunque le possibili soluzioni su come uscire dalla fase recessiva,
dimenticando che il problema fondamentale è un altro. La questione centrale infatti non è come far
ripartire un sistema economico in panne, ma come riprogettarlo per il futuro, superando quei limiti
che la crisi economica ha mostrato in tutta la sua gravità. Si tratta di ripensare non solo la sfera
economica, ma anche il sistema di regolamentazioni, l’ambito politico e infine la stessa società, che
sta lentamente procedendo verso la distruzione di se stessa e dell’ambiente in cui vive. Le
problematiche da affrontare sono certo molto complesse, ma non è lasciandosi prendere dallo
sconforto e rinunciando ad agire che le cose possono cambiare. Come affermò il filosofo e scrittore
37
italiano Piero Martinetti è “comprendendo la realtà che la trasformiamo”. In questo la crisi
economica ci offre un aiuto, perché è stato uno shock che ci ha risvegliato dall’amnesia e che ora ci
costringe, per sopravvivere, a potenziare la nostra conoscenza dei processi economici, del
funzionamento dello Stato, delle tecniche di comunicazione, degli strumenti digitali.
Si deve insomma dar vita a un nuovo mondo e per quel mondo serve il contributo di tutti, non solo
della scienza economica. La crisi economica ci ha offerto una nuova possibilità per ripensare il
nostro modo di vivere: sfruttiamola prima che sia troppo tardi.
38
Bibliografia

O. Blanchard, A. Amighini, F. Giavazzi, Macroeconomia. Una prospettiva europea, Il
Mulino, 2010.

R. S. Pindyck, D. L. Rubinfeld, Microeconomia, 7ª ed., Pearson ed., Milano 2009.

S. Staffolani, Microeconomia. Introduzione all’economia politica, ed. McGraw-Hill, 2011.

G. Di Gaspare, Teoria e critica della globalizzazione finanziaria. Dinamiche del potere
finanziario e crisi sistemiche, CEDAM, 2011.

Banca d’Italia – Eurosistema, Finanza pubblica, fabbisogno e debito. Supplementi al
Bollettino Statistico. Indicatori monetari e finanziari, n°30 del 14/06/2013. Disponibile su
http://www.bancaditalia.it/statistiche/finpub/pimefp/2013/sb30_13/suppl_30_13.pdf
(21/06/2013)

Eurostat, Taxation Trends in the European Union. Data for the EU member States Iceland
and Norway, Statistical books, Pubblication Office of the European Union, Belgium, 2013.
Disponibile su http://epp.eurostat.ec.europa.eu/cache/ITY_OFFPUB/KS-DU-13001/EN/KS-DU-13-001-EN.PDF (21/06/2013)

T. Padoa-Schioppa, La veduta corta. Conversazione con Beda Romano sul Grande Crollo
della finanza, Il Mulino, Collana "Contemporanea" 2009.

M. Boskin, Come è definita una recessione?, Il sole 24 ore. Disponibile su
http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2010-07-27/come-definita-recessione180256_PRN.shtml (29/03/2013)

F. De Filippis, D. Romano, A cura di, Crisi economica e agricoltura, Quaderni, 2013,
p.15. Disponibile su http://www.gruppo2013.it/workingpaper/Documents/Crisi%20economica%20e%20agricoltura.pdf (29/03/2013)

Claessens S., Kose M.A., Terrones M., What Happens During Recessions, Crunches, and
Busts?, Imf Working Paper 08/274, Imf, Washington, D.C. Dicembre 2008. Disponibile sul
sito www.imf.org

Roubini N., “The Perfect Storm of a Global Recession”, The Project Syndicate, 25 Agosto
2008. Disponibile su www.project-syndicate.org/print-commentary/roubini7/English

Presbitero AF, La Crisi 2007 - ?: Fatti, Ragioni e Possibili Conseguenze, MoFiR working
paper n°27, luglio 2009, pubblicato in "Economia Marche - Review of Regional Studies",
2009.

Center For Responsible Lending, A Snapshot of the Subprime Market, 27 novembre 2007.
Disponibile su http://www.responsiblelending.org/mortgage-lending/tools-resources/asnapshot-of-the-subprime.html (30/03/2013)

R. Panizza, La crisi finanziaria internazionale e il fraintendimento del pensiero economico
classico in La comunità internazionale fasc. 4/2009, Editoriale Scientifica SRL. Disponibile
su http://www.sioi.org/Sioi/4panizza.pdf
39

F. Macheda, Dalla crisi dei mutui subprime alla grande crisi finanziaria, Saggio, Università
degli Studi di Brescia, 2010. Disponibile su http://www.dss.univpm.it/webfm_send/168

R. J. Schiller, Irrational Exuberance, Princeton University Press, 2000.

Confesercenti, L’impresa presenta il conto, Dossier, 11/02/2013. Disponibile su
http://www.confesercenti.it/notizia.php?id=7269 (31/05/2013)

M. Bella, L. Patrignani, Nota di aggiornamento rapporto consumi, febbraio 2013,
Confcommercio. Disponibile su
http://www.confcommercio.it//documents/10180/3532241/confcom2013_notaggiornamento
consumi.pdf/3406f9b3-c1a2-48be-9c26-3f2b145bdb1e (31/05/2013)

Istat, Rapporto annuale 2013. La situazione del Paese, Centro stampa e riproduzione, 2013.
Disponibile su http://www.istat.it/it/archivio/89629 (30/05/2013)

Istat, Gli indici dei prezzi al consumo, nota informativa, 5/02/2013. Disponibile su
http://www.istat.it/it/files/2011/03/Paniere-dei-prezzi-al-consumo-05_feb_2013-Testointegrale.pdf (03/06/2013)

Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa, a cura di, in collaborazione con
IPSOS, Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine aprile 2013, 2013.
Disponibile su http://www.osservatoriofindomestic.it/media/oss_mens_04_13.pdf
(31/05/2013)

M. Beccantini, S. Martini, C. Bardazzi, a cura di, L’osservatorio Findomestic – Consumi
2013. I mercati dei beni durevoli e le nuove tendenze di consumo, Ubimaior, 2013.
Disponibile su http://www.osservatoriofindomestic.it/media/Osservatorio_dei_Consumi__2013.pdf (04/06/2013)

Centro Europa Ricerche, a cura di, Rapporto CER. Aggiornamenti, 11/04/2013. Disponibile
su http://www.centroeuroparicerche.it/cernews.asp?idn=346 (03/06/2013)

Centro studi di Assolowcost, a cura di, Rapporto annuale Assolowcost 2012, 2011.
Disponibile su http://www.assolowcost.it/images/pdf/rapporto%20assolowcost%202012.pdf
(30/11/2012)

L’Osservatorio Findomestic, a cura di, L’automobile in Europa: 5 leve per rilanciare il
mercato, 2013. Disponibile su http://www.osservatoriofindomestic.it/media/OsservatorioAuto-2013.pdf (13/06/2013)

Automobile Club d’Italia, Censis, a cura di, XX rapporto Aci-Censis Dov’è finita l’auto?
Analisi di una crisi senza precedenti, Roma, 18 dicembre 2012. Disponibile su
http://www.aci.it/fileadmin/immagini/Notizie/ACI-CENSIS_2012_-_Rapporto_integrale__def.pdf (13/06/2013)

World Travel & Tourism Council, Benchmarking Travel & Tourism in Italy. How does
Travel & Tourism compare to other sectors?, Summary of Findings, April 2012.
Disponibile
su
http://www.wttc.org/site_media/uploads/downloads/WTTC_Sectors_Italy.pdf (18/06/2013)
40

S. Sciarelli, V. Della Corte, Il comportamento del turista in condizioni di forte incertezza
decisionale, Sinergie n°66/05. Disponibile su
http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=Il%2Bcomportamento%2Bdel%2Bturista%2Bin%2
Bcondizioni%2Bdi%2Bforte%2Bincertezza%2Bdecisionale&source=web&cd=1&cad=rja&
ved=0CC4QFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.sinergiejournal.it%2Frivista%2Findex.php
%2Fsinergie%2Farticle%2Fdownload%2F200%2F225&ei=l9TBUfbMG9L74QTXoYGID
w&usg=AFQjCNGh3NMZa9Jqxx0ijwTwnWV6tVo0GQ&bvm=bv.47883778,d.bGE
(31/11/2012)

Istat, Viaggi e vacanze in Italia e all’estero, report 13/02/2013. Disponibile su
http://www.istat.it/it/archivio/81980 (18/06/2013)

Federalberghi, in collaborazione con EBNT e CST, DATATUR.Trend e statistiche
sull’economia del turismo, Ed. Ista, 2012.

Ista, Mercury, a cura di, L’imposta di soggiorno. Osservatorio sulla fiscalità locale, 2ª ed.,
Ista ed., gennaio 2013. Disponibile su
http://www.federalberghi.it/pubblicazioni/imposta%20di%20soggiorno%20%20rapporto%20federalberghi%20gennaio%202013.pdf (18/06/2013)
41
Sitografia

Il sole 24 ore, Fisco, in Italia tasse sui salari al 47,6% contro il 35,6% della media Ocse,
26/03/2013. http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2013-03-26/fisco-italia-tassesalari-115959.shtml?uuid=AbLydhhH (21/06/2013)

Borsa italiana, London Stock Exchange Group, http://www.borsaitaliana.it (30/11/2012)

Finanza Utile, http://www.finanzautile.org (30/11/2012)

Dizionario Finanziario.it, voce Cartolarizzazione. Disponibile su
http://www.dizionariofinanziario.it/significato/c/1255530294/cartolarizzazione.html
(29/03/2013)

Board of Governors of the Federal Reserve System, http://www.federalreserve.gov/
(30/11/2012)

Treccani.it, voce Lehman Brothers. http://www.treccani.it/enciclopedia/lehman-brothers/#
(30/03/2013)

Istat, Occupati e disoccupati. http://www.istat.it/it/archivio/91565 (03/06/2013)

Istat, Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese. http://www.istat.it/it/archivio/91477
(03/06/2013)

Unico Lab, Archivio storico prezzi benzina e gasolio. http://unicolab.blogspot.it/2010/01/archivio-storico-prezzi-benzina-e.html (15/06/2013)

Ministero dello Sviluppo Economico, Dati storici dal 2008.
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&view
Type=1&idarea1=1757&idarea2=0&idarea3=0&idarea4=0&andor=AND&sectionid=2&cat
title1=Focus,%20Statistiche,%20Rapporti&andorcat=AND&partebassaType=0&idareaCale
ndario1=0&MvediT=1&showMenu=1&showCat=1&showArchiveNewsBotton=0&idmenu
=2939&id=2009658 (15/06/13)

Osservatorio Nazionale del Turismo - Redazione ONT, Migliora nel 2012 il saldo della
bilancia turistica con l’estero, 11-03-2013. Disponibile su
http://www.ontit.it/opencms/opencms/ont/it/stampa/in_evidenza/Migliora_nel_2012_il_sald
o_della_bilancia_turistica_con_l_estero (18/06/2013)

Wikipedia, voce Volagratis. http://it.wikipedia.org/wiki/Volagratis (19/06/13)

Volagratis.it, Volagratis e il gruppo Bravofly.
http://www.volagratis.com/content/it/chisiamo.html (19/06/13)
42
Fly UP