...

teoria della mente.23-11_.2015

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

teoria della mente.23-11_.2015
Che cos’è la teoria della mente
La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli
stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i
ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni e i
bisogni sulla base dell’osservazione del comportamento e del
contesto e dell’inferenza di significato.
Il sistema di inferenze permette di:
- Dare significato al comportamento.
- Prevedere il comportamento.
Che cos’è la teoria della mente?
Stati mentali:
Sono le condizioni psichiche vissute dalle persone e che
esprimono le funzioni umane nel loro complesso.
Ogni stato dell’uomo può essere oggettivato, rappresentato e
comunicato.
Gli studiosi della teoria della mente indagano su come il b.
costruisce il mondo psicologico, come arriva a comprendere
se stesso e gli altri…a sviluppare una teoria del mente cioè
una teoria di come funzionano gli esseri umani in quanto
diversi dagli oggetti inanimati
Che cos’è la teoria della mente?
La teoria della mente studia come il bambino costruisce la
comprensione delle emozioni fondamentali (amore, odio,
paura), stati fisiologici (sete, dolore ed eccitazione),
percezioni e sensazioni..
- Le emozioni e gli stati fisiologici generano i desideri stati mentali
- Le esperienze percettive generano le credenze
chiave
…siamo felici o tristi se riusciamo a soddisfare o meno i nostri
desideri versus reagiamo con soddisfazione o sconcerto quando i
risultati confermano o meno le nostre credenze…
Henry Wellman (1991)
DESIDERIO E CREDENZA
Il desiderio è uno stato mentale più semplice della credenza
Quando io dico “lui vuole una mela” attribuisco all’altra persona uno
stato interno diretto verso un oggetto esterno (desiderare
qualcosa) (psicologia del desiderio)
Quando dico “lui pensa che questa sia una mela”attribuisco all’altro
uno stato interno che incorpora una rappresentazione della mela,
una credenza che può corrispondere con la realtà (psicologia
della credenza-desiderio/vera credenza)
Henry Wellman (1991)
la falsa credenza
Non sempre una credenza di una persona rispecchia
l’effettivo stato di cose nella realtà..
Ma al contrario le azioni possono essere determinate da pensieri,
credenze erronee su come stanno realmente i fatti in un
determinato momento, possono essere non corrispondenti al
vero..(falsa credenza/credenza di ordine I)…
Lo sviluppo della teoria
della mente
• Precursori : intenzione comunicativa
richiestiva e dichiarativa (il gesto
dell’indicare); gioco simbolico
– 2 anni  psicologia del desiderio
– 3 anni  psicologia del desiderio/credenza
– 4 anni  falsa credenza di primo ordine
– 6-7 anni  falsa credenza di secondo ordine
Psicologia del desiderio a 2 anni
• A 2 anni:
– Uso di termini linguistici per descrivere desideri ed
emozioni (sé-altro)
– Comprensione della mente basata sui desideri
– Comprensione del ruolo dei desideri sul
comportamento
Henry Wellman (1991)
sviluppo della teoria della mente
A 2 anni i b. possiedono una psicologia dei desiderio
Quando io dico “lui vuole una mela” attribuisco all’altra persona uno
stato interno diretto verso un oggetto esterno (desiderare
qualcosa)
Quando dico “lui pensa che questa sia una mela”attribuisco all’altro
uno stato interno che incorpora una rappresentazione della mela
Psicologia del desiderio
• Esempio di dialogo:
– Giulia (2;6): “Mamma,. Voglio il gelato”
– Mamma: “No, prima devi finire di mangiare quello
che hai nel piatto”
– Giulia: “Ma io lo voglio, adesso vado a prenderlo”
Psicologia del desiderio/vera credenza
• A 3 anni:
– Comprensione delle vere credenze (riferite ad un
dato di realtà)
– Discorsi riferiti alle credenze
– Ruolo delle credenze nelle interazioni personali
(confronti; conflitti; liti; etc.)
Psicologia del desiderio/vera-credenza
• Esempio di dialogo:
– Mamma: “Andrea, hai fatto male a Luca! Perché
l’hai fatto?”
– Andrea (3;5): “Perché Luca è cattivo, voleva
rompere il mio trenino”
– Mamma: “Pensi che Luca l’abbia fatto apposta?”
– Andre: “Sì, penso che Luca è cattivo”
Compito di vera credenza
• Wellman (1991):
– Costruisce una prova per valutare la capacità del
bambino di prevedere l’azione di un soggetto X
tenendo in considerazione i suoi
desideri/credenze:
• COMPITO DI VERA CREDENZA
• Vera credenza: perché basato su un dato di
realtà
Compito di vera credenza
Viene narrata la storia di un personaggio che
desidera giocare con il proprio gattino.. Ma il gatto
non si trova in casa: può essere sia in cucina che in
giardino
Compito di vera credenza
Si informa il bambino che il protagonista crede che
sia in giardino. Quindi gli viene chiesto dove il
personaggio cercherà il gattino.
Compito di vera credenza
• Per superare la prova il bambino deve usare
congiuntamente:
– Informazione sul desiderio di X
– Informazione sulla credenza di X
Falsa credenza di I ordine
• A 4 anni:
– Comprensione della mente come sistema
rappresentazionale
– Comprensione dell’esistenza di rappresentazioni mentali
– Si struttura il pensiero ricorsivo di I ordine
• Come si manifesta?:
– Battistelli (1995): “Io penso che tu pensi X”
– Comprensione che l’azione di una persona può derivare da
una credenza che può non corrispondere con il dato di
realtà
Compito di falsa credenza
• Il test che valuta tale competenza è il:
COMPITO DI FALSA CREDENZA
• Il bambino deve essere capace di attribuire ad un altro
soggetto una falsa credenza rispetto alla realtà e di
rappresentarsi il contenuto della mente dell’altro come
diverso dal proprio
• Due compiti:
– Wimmer, Perner (1983): Spostamento inatteso
– Perner, Leekman, Wimmer (1987): Scatola Ingannevole
Spostamento inatteso
•
•
Al bambino viene raccontata una storia i cui protagonisti
sono un bambino, di nome Maxi, e la sua mamma.
Lo sperimentatore mette in scena una precisa sequenza
di azioni:
1.
2.
3.
4.
5.
Maxi, in presenza della madre, ripone un pezzo di cioccolata
in un determinato armadio della cucina e in seguito si
allontana per giocare
Durante la sua assenza la mamma, per cucinare, prende il
cioccolato dall’armadio dove era stato riposto e lascia la parte
rimanente in un altro armadietto
Poi la madre si allontana dalla scena
A questo punto Maxi ritorna in cucina
Non ha assistito allo spostamento (inatteso) della cioccolata e
quindi ignora la nuova collocazione
Spostamento inatteso
Maxi dove cercherà la cioccolata?
inatteso
anche questo compito
permette di valutare la
presenza o meno di una
teoria della mente che
include la falsa credenza
Compito di Sally e
Anne di Frith (1989)
Comprensione delle false credenze di II
ordine in età scolare
Credenza di II ordine: “Giovanni crede che Marzia crede
che…), comprensione dell’ironia, cioè l’intenzionale
formulazione di una falsa affermazione il cui obiettivo
è condividere un contesto ipotetico (scherzo).
Pernere e Wimmeer (1985): fino ai 7-8 anni i bambini non
comprendono appieno le credenze di ordine superiore
“opacità referenziale” intorno ai 6 anni: il b. da per
scontato che alcune caratteristiche o alcuni aspetti
parziali di un oggetto comporti automaticamente una
comprensione completa dell’oggetto in questione.
Tre prospettive teoriche
1. Modularità della teoria della mente (Baron-Cohen e Leslie,
Fodor):
la teoria della mente si sviluppa con l’età e con la
maturazione neurologica.
Si acquisisce capacità di processare le informazioni sociali.
La sede è in moduli della corteccia.
E’ una forma di conoscenza sociale (intelligenza
interpersonale di Gardner).
2. Costruttivismo e teoria della mente (Russel, Camaioni):
la teoria della mente si sviluppa in relazione ai contesti socioculturali. Dal possesso innato di capacità di regolazione delle
attività a capacità di fare inferenze. È il risultato delle
interconnessioni tra competenze ed esperienze
prospettive teoriche
3. Imitazione e teoria della mente (Camaioni):
La comprensione della mente deriva dall’esperienza
mentalista personale di immaginazione e di simulazione
dell’attività mentale dell’altro, è l’immaginazione di come
sarebbe la propria esperienza mentale, per poi trasferirla agli
altri.
Teoria della mente e deficit di cognizione
Deficit di teoria della mente:
È l’incapacità di attribuire e comprendere gli stati mentali propri
e altrui e di prevedere il comportamento.
È una competenza assente o fortemente deficitaria nei soggetti
autistici.
Si manifesta nell’incapacità o difficoltà di:
- Orientare lo sguardo all’adulto
- Comunicare visivamente il proprio interesse agli adulti
- Tenere il contatto oculare
- Eseguire gesti di comunicazione
- Eseguire giochi di finzione
Cecità mentale e deficit di coerenza centrale
CECITA’ MENTALE
E’ la presunta incapacità di decifrare gli occhi e le espressioni
facciali degli altri, lo stato emozionale e relazionale.
4 competenze:
1. intenzionalità: attraverso l’interpretazione di scopi e desideri.
2. Direzione degli occhi: rilevare lo sguardo e l’attività
percettiva.
3. Attenzione condivisa: attenzione allo stesso oggetto o evento
da parte di altri.
4. Teoria della mente: percezione degli stati mentali altrui.
Cecità mentale e deficit di coerenza centrale
COERENZA CENTRALE
E’ la naturale tendenza dei processi cognitivi umani a ricondurre
l’insieme degli stimoli e delle rappresentazioni mentali verso
un livello unitario e centrale che ne garantisce la visione
d’insieme e la meta-rappresentazione.
È la mentalizzazione, la coerenza interna, carente nel soggetto
autistico.
Linee educative e didattiche
Per i soggetti autistici:
- Insegnare a riconoscere le emozioni.
- Insegnate a discriminare le false credenze.
- Insegnare il gioco di finzione.
Linee educative e didattiche
Azioni didattiche metacognitive:
- Sollecitare momenti di metacognizione.
- Favorire l’autoregolazione.
- Percepire stati mentali.
- Orientare il locus of control.
- Analizzare il linguaggio, le espressioni del viso e i linguaggi
non verbali.
- Favorire la lettura di testi narrativi, l’attività autobiografica, la
riflessione sulle proprie emozioni.
- Discriminare tra eventi e intenzioni, credenze e eventi.
- Usare predicati mentalisti: intuire, volere, desiderare, sperare,
credere, dubitare…
Fly UP