...

Regio decreto 8 maggio 1904, n. 368 Regolamento per la

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Regio decreto 8 maggio 1904, n. 368 Regolamento per la
Regio decreto 8 maggio 1904, n. 368
Regolamento per la esecuzione del t.u. della l. 22 marzo 1900, n. 195, e della l. 7 luglio 1902, n. 333,
sulle bonificazioni delle paludi e dei terreni paludosi.
Omissis
TITOLO VI
DISPOSIZIONI DI POLIZIA
CAPO I
DISPOSIZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLE OPERE DI BONIFICAMENTO E LORO PERTINENZE
Art. 132.
Nessuno può, senza regolare permesso ai sensi del seguente art. 136, fare opera nello spazio
compreso fra le sponde fisse dei corsi d'acqua naturali od artificiali pertinenti alla bonificazione e non
contemplati dall'art. 165 della legge 20 marzo 1865 sui lavori pubblici, ancorché in alcuni tempi
dell'anno rimangano asciutti; nonché negli argini strade e dipendenze della bonificazione medesima.
In caso di contestazione circa la linea o le lince alle quali deve estendersi la proibizione, decide il
Prefetto, sentito l'ufficio del Genio civile e gli interessati.
Art. 133.
Sono lavori, atti o fatti vietati in modo assoluto rispetto ai sopraindicati corsi d'acqua, strade, argini
ed altre opere d'una bonificazione:
a) le piantagioni di alberi e siepi, le fabbriche, e lo smovimento del terreno dal piede interno ed
esterno degli argini e loro accessori o dal ciglio delle sponde dei canali non muniti di argini o dalle
scarpate delle strade, a distanza minore di metri 2 pei le piantagioni, di metri 1 a 2 per le siepi e
smovimento del terreno, e di metri 4 a 10 per i fabbricati, secondo l'importanza del corso d'acqua;
b) l'apertura di canali, fossi e qualunque scavo nei terreni laterali a distanza minore della loro
profondità dal piede degli argini e loro accessori o dal ciglio delle sponde e scarpate sopra dette. Una
tale distanza non può essere mai minore di metri 2, anche quando la escavazione del terreno sia
meno profonda.
Tuttavia le fabbriche, piante e siepi esistenti o che per una nuova opera di una bonificazione
risultassero a distanza minore di quelle indicate nelle lettere a) e b) sono tollerate qualora non rechino
un riconosciuto pregiudizio; ma, giunte a maturità o deperimento, non possono essere surrogate
fuorché alle distanze sopra stabilite;
c) la costruzione di fornaci, fucine e fonderie a distanza minore di metri 50 dal piede degli argini
o delle sponde o delle scarpate suddette;
d) qualunque apertura di cave, temporanee o permanenti, che possa dar luogo a ristagni
d'acqua od impaludamenti dei terreni, modificando le condizioni fatte ad essi dalle opere della
bonifica, od in qualunque modo alterando il regime idraulico della bonificazione stessa;
e) qualunque opera, atto o fatto che possa alterare lo stato, la forma, le dimensioni, la resistenza
e la convenienza all'uso a cui sono destinati gli argini e loro accessori e manufatti attinenti, od anche
indirettamente degradare o danneggiare i corsi d'acqua, le strade, le piantagioni e qualsiasi altra
dipendenza di una bonificazione;
1
f) qualunque ingombro totale o parziale dei canali di bonifica col getto o caduta di materie
terrose, pietre, erbe, acque o materie luride, venefiche o putrescibili, che possano comunque dar
luogo ad infezione di aria od a qualsiasi inquinamento dell'acqua;
g) qualunque deposito di terre o di altre materie a distanza di metri 10 dai suddetti corsi d'acqua,
che per una circostanza qualsiasi possano esservi trasportate ad ingombrarli;
h) qualunque ingombro o deposito di materie come sopra sul piano viabile delle strade di
bonifica e loro dipendenze;
i) l'abbruciamento di stoppie, aderenti al suolo od in mucchi, a distanza tale da arrecare danno
alle opere, alle piantagioni, alle staccionate ed altre dipendenze delle opere stesse;
k) qualunque atto o fatto diretto al dissodamento dei terreni imboschiti o cespugliati entro quella
zona dal piede delle scarpate interne dei corsi d'acqua montani, che sarà determinata volta per volta
con decreto prefettizio, sentito l'ufficio del Genio civile e l'ufficio forestale.
Art. 134.
Sono lavori, atti o fatti vietati nelle opere di bonificazione a chi non ne ha ottenuta regolare
concessione o licenza, a norma dei seguenti artt. 136 e 137:
a) la formazione di pescaie, chiuse, pietraie od altre opere, con le quali si alteri in qualunque
modo il libero deflusso delle acque nei corsi d'acqua, non contemplati nell'art. 165 della legge 20
marzo 1865 sui lavori pubblici ed appartenenti alla bonificazione;
b) le piantagioni nelle golene, argini e banche dei detti corsi d'acqua, negli argini di recinto delle
colmate o di difesa delle opere di bonifica e lungo le strade che ne fan parte;
c) lo sradicamento e l'abbruciamento di ceppi degli alberi, delle palificate e di ogni altra opera in
legno secco o verde, che sostengono le ripe dei corsi d'acqua;
d) le variazioni ed alterazioni ai ripari di difesa delle sponde dei corsi d'acqua, e ad altra sorta di
manufatti ad essi attinenti;
e) la pesca con qualsivoglia mezzo nei corsi d'acqua; la navigazione nei medesimi con barche,
sandali o altrimenti; il passaggio o l'attraversamento a piedi, a cavallo o con qualunque mezzo di
trasporto nei detti corsi d'acqua ed argini, ed il transito di animali e bestiami di ogni sorta.
È libera solamente la pesca coi coppi e con le cannucce in quelle sole località, ove attualmente
si esercita liberamente con tali mezzi, in forza dei regolamenti finora vigenti;
f) il pascolo e la permanenza dei bestiami sui ripari, sugli argini e sulle loro dipendenze, nonché
sulle sponde, scarpe e banchine dei corsi d'acqua e loro accessori e delle strade; e l'abbeveramento
di animali e bestiame d'ogni specie, salvo dove esistono abbeveratoi appositamente costruiti;
g) qualunque apertura, rottura. taglio od opera d'arte, ed in genere qualunque innovazione nelle
sponde ed argini dei corsi d'acqua, diretta a derivare o deviare le acque a pro dei fondi adiacenti per
qualsivoglia uso, od a scaricare acqua di rifiuto di case, opifici industriali e simili, senza pregiudizio
delle disposizioni contenute nell'art. 133, lettera f);
h) qualsiasi modificazione nelle parate e bocche di derivazione già esistenti, per concessione o
per qualunque altro titolo, nei corsi d'acqua che fan parte della bonifica, tendente a sopralzare le dette
parate e gli sfioratori, a restringere la sezione dei canali di scarico, ad alzare i portelloni o le soglie
delle bocche di derivazione, nell'intento di elevare stabilmente o temporaneamente il pelo delle acque
o di frapporre nuovi ostacoli al loro corso;
i) la macerazione della canapa, del lino e simili in acque stagnanti o correnti, pubbliche o private,
comprese nel perimetro della bonificazione, eccetto nei luoghi ove ora è circoscritta e permessa;
k) l'apertura di nuove gore per la macerazione della canapa, del lino e simili, e l'ingrandimento di
quelle esistenti;
l) lo stabilimento di nuove risaie;
m) la formazione di rilevati di salita o discesa dal corpo degli argini per lo stabilimento di
comunicazione ai beni, agli abbeveratoi, ai guadi ed ai passi dei corsi d'acqua di una bonifica; e la
costruzione dei ponti, ponticelli, passerelle ed altro sugli stessi corsi di acqua per uso dei fondi
limitrofi;
2
n) l'estrazione di erbe, di ciottoli, ghiaia, sabbia ed altre materie dai corsi d'acqua di una bonifica.
Qualunque concessione di dette estrazioni può essere limitata o revocata ogni qualvolta venga
riconosciuta dannosa al regime delle acque ed agli interessi pubblici o privati;
o) l'impianto di ponticelli ed anche di passaggi provvisori attraverso i canali e le strade di bonifica.
Omissis
3
Fly UP