...

Alte prestazioni sulle bande basse Le Yagi di Monopoli Lo sapevo

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Alte prestazioni sulle bande basse Le Yagi di Monopoli Lo sapevo
Alte prestazioni sulle bande basse
Le Yagi di Monopoli
Lo sapevo,prima o poi l'avrebbe fatto, il solito noto ha montato una tre elementi per gli 80 ad una cinquantina
di metri d'altezza: ogni mattina, passandoci sotto, naso all'aria, rischio di invadere la carreggiata opposta.
E se vi dicessi che e' possibile costruire un' antenna di pari prestazioni senza ricorrere a tralicci enormi o a
boom fantascientifici? e se vi dicessi che potreste farlo spendendo 100 volte di meno di quanto ha speso il
nostro collega piu fortunato? Curiosi? Cerchero' di essere piu chiaro tempo fa ho pubblicato i risultati di uno
studio circa l'influenza della polarizzazione e dell'altezza sul guadagno ho avuto il piacere di constatare che
ai piu attenti non e' sfuggita una conclusione importante che si poteva trarre dai dati presentati: sulle bande
piu basse l'utilizzo di verticali poste in prossimita' del suolo e molto vantaggioso: al punto tale che, in 80 10,
se abbiamo un'antenna a polarizzazione verticale poggiata sul terreno (ed un opportuno sistema di radiali),
per ottenere le stesse prestazioni con la stessa antenna posta in polarizzazione orizzontale dovremmo usare
un traliccio alto almeno 51 metri. La spiegazione di quanto appena asserito sta in due fatti, al diminuire
dell'altezza di un'antenna orizzontale il guadagno medio sui segnali provenienti da riflessione ionosferica
diminuisce.
Basta pensare che per un'antenna ad 1.8 d'onda si ha un incremento di 53 dB sul guadagno nello spazio
libero, mentre diminuendo l'altezza ad 1 onda, l'incremento e di soli 3 dB: se l'altezza viene portata a 0.5
d'onda.si perdono 2 dB mentre a 0,3 d'onda si perdono circa 6 dB. Al diminuire della frequenza e lasciando
l'altezza costante, quindi, siccome l'altezza in termini di lunghezze d'onda diminuisce, le prestazioni di
un'antenna in polarizzazione orizzontale peggiorano.Il guadagno aggiuntivo ottenibile da antenne a
polarizzazione verticale ad altezza zero dipende
dalla frequenza: all'abbassarsi di quest'ultima le
prestazioni migliorano notevolmente Definiamo, adesso, l'altezza di pareggio delle prestazioni come l'altezza
a cui dobbiamo porre un'antenna in polarizzazione orizzontale affinche' questa uguagli in prestazioni la
stessa antenna posta in polarizzazione verticale e poggiata sul terreno.
Da quanto detto e facile capire che l'altezza di pareggio cresce al diminuire della frequenza. La
polarizzazione orizzontale e preferibile a quella verticale se si supera l'altezza dl pareggio, altrimenti
conviene montare la stessa antenna in polarizzazione verticale in prossimita' del terreno.
L'altezza di pareggio prestazioni vale, a 7 MHz, circa 20 metri (terreni umidi), a 3.5 MHz, come gia detto,
circa 51 metri.
In 40 metri non e' cosi difficile superare l'altezza critica: un traliccio di 20 metri non e cosi mostruoso.
Personalmente non ho un traliccio cosi alto e ho quindi preferito usare un array di quattro verticali in fase.
L'antenna che uso ha un guadagno nello spazio libero di circa 7 dB. Bene, avrei le stesse prestazioni
usando un'antenna a polarizzazione orizzontale di pari guadagno nello spazio libero (una tre elementi, per
esempio) solo ponendola a 20 metri da terra,se potessi superare tale altezza otterrei prestazioni via via
migliori fino a 1.8 d'onda, circa 76 metri.
In 40 metri, quindi, si possono avere buone prestazioni da antenne con una certa direttivita' a polarizzazione
verticale ma per prestazioni piu spinte conviene, ed e possibile, ricorrere a tralicci di una certa altezza ed
usare delle beam in polarizzazione orizzontale.E' solo una questione di portafoglio,in 80 metri la situazione
cambia, penso che pochi di voi troveranno conveniente montare una beam ad una altezza maggiore
dl 51 metri da terra per superare le prestazioni di un'antenna di pari guadagno (nello spazio libero) posta in
polarizzazione verticale e ad altezza zero. Prima di andare di notte a smontare un traliccione dell'ENEL per
portarvelo a casa vi conviene considerare la possibilita' di strappare qualche dB in piu dalle antenne a
polarizzazione verticale.Non e detto, infatti, che chi non vuole usare la classica verticale omnidirezionale
debba necessariamente ricorrere a sistemi complessi come quello dei quattro monopoli in fase.Esistono
soluzioni molto piu efficaci e nettamente piu semplici.
Gli ingegneri d'antenna delle broadcasting che trasmettono in onde medie, tra l'altro, le conoscono
benissimo: le yagi di monopoli a 1/4 d'onda Cosa sono? nulla di piu'e nulla di meno di una yagi di verticali, in
cui, quindi, meta' della yagi e'fisicamente assente ma virtualmente presente grazie alle correnti che si
instaurano sui radiali il motivo per cui tali antenne non sono cosi' diffuse come dovrebbero credo sia la
convinzione di molti tecnici radioamatori, vi assicuro errata, che una verticale non possa funzionare come
elemento parassita.L'antenna non presenta particolari difficolta' costruttive: non ci sono boom (le antenne
sono poggiate sul terreno) il dimensionamento degli elementi non costringe a diametri proibitivi dei profilati
(una cosa e far stare un tubo di 20m in verticale.. ed un'altra e farne stare uno di 40 in orizzontale senza che
si pieghi) e soprattutto, la taratura risulta poco critica.
L'unico problema e' che una yagi di verticali e' un'antenna molto difflcile (se non impossibile) da ruotare,vista
la facilita' di costruzione, pero' credo sia molto piu' conveniente usare tre o quattro tre elementl di monopoll
fisse piuttosto che realizzare una classica 3 elementi yagi rotativa (full size) e porita' all'altezza di pareggio.
E'solo una questione di spazio, non piu' di soldi.Esistono anche soluzloni ingegnose che prevedono l'uso di
rele' in modo da trasformare direttori in riflettori aggiungendo in serie uno stub di opportuna lunghezza cosi
da girare l'antenna elettricamente basta solo pensarci un pochino e una possibile realizzazione e' quella dl
utilizzare cinque vertlcali di cui quattro poste al vertici di un quadrato (di lato circa 0,3 d'onda) ed una al
centro del quadrato stesso,l'antenna che si alimenta e quella centrale mentre, a seconda della direzione che
si sceglie, una delle quattro antenne periferiche funziona da direttore, le altre tre da riflettore,ad una
simulazione numerica il sistema, in 80m, ha mostrato un guadagno di circa 9 dB nello spazio libero ovvero
9.1 dB effettivi se posto ad altezza zero ed in presenza di terreno umido. Per avere le stesse prestazioni da
una classica tre elementi full size in orizzontale circa 6 dBi nello spazio libero, dovremmo porla a 90 metri
d'altezza,non voglio impelagarmi troppo in un progetto del genere, e mia intenzione solo darvi lo spunto su
cui pensare, per il resto voi saprete sicuramente meglio di me quello che desiderate, lo spazio che avete a
disposlzione e quali sono le vostre capacita' realizzative. Al vostro ingegno il resto chi affronta il progetto di
una grande antenna per le bande basse sicuramente non e un novellino,mi limitero' quindi, alla descrizione
generale di una normale yagi di monopoli, facendovi notare soltanto i particolari degni di rilievo per un
corretto funzionamento elettrico dell'antenna.La (fig, 1) mostra la disposizione classica dei monopoli.
Tutto e' ovviamente simile a quanto sappiamo gia per una yagi normale il direttore e 4-5% piu' corto del
radiatore (che e un tantinello di menu di 0.25 d'onda), il riflettore e 4-5% piu' lungo del radiatore,la spaziatura
e' la stessa di quella relativa ad una yagi classica: 0,15-0,2 d'onda danno buoni risultati per una tre
elementi.La disposzione dei radiali e' da effettuarsi come in figura; i radiali possono sovrapporsi nei punti in
cui si toccano non e' necessano che vi sia contatto elettrico: se c'e, tanto di guadagnato, altrimenti non vale
la pena impazzire a togliere l'isolamento dai fili ricordate: almeno 40 radiali per antenna fanno un discreto
lavoro ma, se volete che le prestazioni siano quelle dichiarate, stendetene almeno 120 per monopolo, tutti di
lunghezza maggiore o uguale di 1/4 d'onda cercate di mantenere una certa simmetria nella sistemazione dei
radiali: fate in modo, cioe, che siano tutti della stessa lunghezza ed ugualmente spaziati nella spazio
circostante,per quanto riguarda il collegamento dei radiali sotto il riflettore ed i direttori (fig, 2) tenete
presente che deve esserci contatto elettrico tra l'elemento parassita ed i radiali: vi potra' sembrare strano ma
se pensate a come sono fatti gli elementi parassiti su di una yagi (non sono interrotti a meta) ne capirete il
perche.
L'elemento radiante, invece, resta del tutto uguale ad una normale verticale: il polo caldo del coassiale
andra' collegato con lo stilo, la calza con i radiali,se avete intenzione di usare degli elementl piu' corti di 1/4
d'onda, nessuno ve lo vieta caricate le antenne con opportune induttanze e/o con cappelli capacitivi e fate in
modo che il riflettore e il direttore risuonino rispettivamente, (il 4-5% piu' in basso e il 4-5% piu' in alto
attenzione, pero', ad un accorciamento delle antenne si accompagna sempre, oltre che un abbassamento di
efficienza, anche un restringimento della banda,questo non solo vuol dire che il ROS sara' al di sotto di un
certo limite in una banda piu' stretta, ma anche che la direttivita' e il rapporto avanti/dietro degraderanno piu'
velocemente all'allontanarsi dalla frequenza nominale.Le prestazioni, riferite nello spazio libero, sono del
tutto identiche a quelle di una yagi con lo stesso numero di elementi e lo stesso boom; l'unica differenza e
che, come spiegato in precedenza per effetto del terreno, affinche le due antenne abbiano stesse
prestazioni, la yagi convenzionale deve essere montata ad una cinquantina di metri da terra credo che non ci
sia altro da dire senza cadere nello scontato un sistema simile a quello in figura ma con un direttore in piu, e'
in costruzione presso una stazione da contest in allestimento nella mia zona: e' fisso a NW e servira' per
lavorare gli americani in 80 durante l'ARRL e gli altri contest maggiori, affiancando altri sistemi piu' o meno
complessi. Appena verra fatto un numero sufficiente di QSO comparativi in modo da avere a disposizione un
campione statistico significativo mi ripropongo di farvi avere i risultati del test, accontentando coloro che non
si fidano dei numeri,in definitiva, spero di avervi convinto che, con un buon impiego delle risorse a
disposizione, si possono ottenere sistemi d'antenna di ottime prestazioni. Il lavoro richiede un po' d'impegno
ma volete mettere la soddisfazione di dire: "Non tutte le antenne belle e alte funzionano meglio di quelle
brutte e basse?. E' come trasporre in campo radioamatoriale l'antico detto' non e tutto oro e' quello che
luccica.
Fly UP