...

«Potrei costruire palazzi su Marte ma per Brunetta sono una

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

«Potrei costruire palazzi su Marte ma per Brunetta sono una
6
SARDEGNA
LUNEDÌ 27 GIUGNO 2011
LA NUOVA SARDEGNA
Una cagliaritana nello Spazio:
lavora in un seminterrato
della facoltà di Ingegneria
Roberta Licheri, ricercatrice precaria, selezionata dall’Agenzia Spaziale Italiana
«Potrei costruire palazzi su Marte
ma per Brunetta sono una parassita»
er il ministro Renato Brunetta fa parte dell’Italia
peggiore, parassitaria e petulante. Perché Roberta Licheri, 36 anni, ricercatrice alla facoltà di Ingegneria dell’università di Cagliari — selezionata dall’Agenzia Spaziale Italiana per essere una possibile candidata a volare e vivere sulla Luna o su Marte — è semplicemente una precaria o, se preferite una definizione
agrodolce, “assegnista”.
P
Lei — nata cinque anni dopo il primo allunaggio del 20
luglio 1969 — ha bruciato molte tappe. È una privilegiata
perché è stata, ha lavorato e
studiato su un Airbus A300,
ha vagato nel vuoto di una
carlinga muovendosi in assenza di gravità come aveva
fatto mezzo secolo fa Alan
Shepard e poi la russa Valentina Vladimirovna Tereskova, prima donna nello spazio.
Anche Roberta — in camice bianco nel suo studio in un
seminterrato della facoltà di
piazza d’Armi — può raccontare in sedicesimi cose vietate ai comuni mortali. «Il corpo fluttua, vaghi imbrigliata
nelle cinghie in manovre di
25 secondi consecutivi di gravità ridotta. Le prove sono ripetute a intervalli regolari fino a trenta volte con l’interruzione di un minuto tra una serie e l’altra con cinque sequenze di parabole. È la stessa sensazione, la stessa libertà di movimento che si
prova sott’acqua. Si percepisce un senso di vuoto profondo».
Un altro mondo, un iperuranio portato in casa. «È come stare sulle montagne russe. Perché in ciascuna di quelle sequenze da 25 secondi, dopo il decollo raggiungi la quota ottimale di 12 mila piedi,
quasi novemila metri. E poi
torni a terra. E risali. Così ti
alleni, è il tuo training”.
Davvero pronta per volare?
«Lo spirito c’è. Magari il sogno si avverasse. Quanto sarebbe emozionante vedere la
terra dall’alto. Ma è necessario un addestramento di una
decina d’anni, poi ci sono le
selezioni. Certo sarebbe stupefacente poter cogliere quel
traguardo. Semmai issando
una bandierina dei Quattro
Mori sul Pianeta Rosso».
L’esperimento del volo parabolico Roberta Licheri lo
ha fatto a Bordeaux nell’ottobre del 2010. Con una missione ben precisa. «Poter raggiungere Marte. Ma queste
missioni si pongono l’obiettivo di arrivare, stare e tornare
in sicurezza. Per sbarcare su
Marte occorrono sei mesi,
per la Luna bastano tre giorni. E una volta che si va si
concepisce tutta la missione.
Io per esempio potrei studiare la superficie di Marte. Ma
in che modo? Non potrei certo vagare nello spazio. Noi simuliamo un suolo lunare o
marziano e costruiamo una
sorta di mattone per l’edilizia, in gergo regolite. E così
realizzeremmo il nostro office nello spazio. Inizieremo a
costruire prima con la gravità terrestre, poi in assenza
di gravità, su un aereo, anche
sull’Airbus dove mi sono esercitata e continuerò a farlo. Almeno fino a quando Brunetta
me lo consentirà».
«L’assenza di gravità?
Bello, è come stare
sulle montagne russe»
CARTA D’IDENTITA’
LICHERI
ROBERTA
Nome
nato il 07/04/1974
a MACERATA
Segno zodiacale ARIETE
Stato civile CONIUGATA
Cognome
Professione ASSEGNISTA DI RICERCA PRECARIA
libro preferito
attore preferito
sport preferito
piatto preferito
L’insostenibile
leggerezza dell’essere
Vittorio Gassman
BASKET
Pastasciutta,
sugo e pecorino
di Milan Kundera
È un progetto che arriva da
lontano e che vede coinvolti
tanti soggetti, anche in Sardegna. Il tutto è inserito nella
53.ma campagna di voli parabolici organizzata dalla società Novespace per conto dell’Ase (Agenzia spaziale europea) che ha sede a Parigi e collabora, fra gli altri, con l’Estec di Noordwijk, lo European Space Research and Technology Centre, fulcro dei
progetti della maggior parte
dei veicoli spaziali e dello sviluppo tecnologico. Qui si inserisce l’ateneo cagliaritano col
professor Giacomo Cao, docente di Principi di ingegneria chimica. È stato Cao a ottenere il brevetto denominato “Procedimento di fabbricazione di elementi per strutture abitative e/o industriali sul
suolo lunare e/o marziano”
depositato in forma congiunta tra l’università di Cagliari
e l’Agenzia spaziale italiana.
Ed è qui che lavora Roberta,
la precaria, col collega Gianluca Corrias.
Siete insomma i futuri palazzinari su Marte? «Magari.
Per ora costruiamo i mattoncini, i regoliti. Poi è l’Europa,
l’Italia per la sua parte a do-
A fianco
Roberta
Licheri,
sopra
col professor
Giacomo Cao
e il collega
Gianluca
Corrias
‘‘
numerose attività terrestri».
Il progetto ha avuto come
capofila l’università di Cagliari con il Dipartimento di Ingegneria chimica e in collaborazione con il Dipartimento
energia e trasporti del Cnr
(Consiglio nazionale delle ricerche), il Crs4 di Pula (Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna), l’Istituto tecnico industriale Enrico Fermi di Fuscaldo di Cosenza, e le aziende Corem e
SpaceLand.
«Il progetto — spiega Roberta — rientra nell’esplorazione dello spazio, anche attraverso l’ausilio di reazioni chimiche in grado di autosostenersi in condizioni di gravità
ridotta. Sono gli stessi settori
applicativi che la Nasa americana ha definito con gli acronimi Isfr — In Situ Fabrication and Repair (fabbricazione e riparazione in situ) — e
Isru — In Situ Resource Utilisation (Utilizzazione delle risorse disponibili in situ).
Perché tutto
questo?
«Perché se
dovessimo arrivare
su
Marte
non
potremmo
certo portarci tutto dalla
terra. Le finalità
sono
quelle di consentire alle missioni di lunga durata e con
presenza umana l’estrazione
e l’utilizzo delle risorse reperibili sul posto (per esempio Luna o Marte), senza doversi
equipaggiare con scorte abbondanti a bordo, oltre a realizzare materiali e strumenti
da utilizzare come “cassette
degli attrezzi” per intervenire su piattaforme orbitanti.
Nello specifico è fondamentale garantire agli equipaggi le
Studio e progetto
mattoni perfetti
per la Luna
e il Pianeta Rosso
È l’inizio di un’avventura
per la nostra civiltà
ver decidere se e come fare la
missione. Certo è che noi ce
la stiamo mettendo tutta”.
Roberta Licheri pochi giorni fa stava lavorando in facoltà con una ragazza, Leila
Nikzad, di Teheran, dottoranda iraniana che si sta occupando di materiali ceramici
per applicazioni ad altissime
temperature. Ceramiche da
una parte. E mattoni destinati a Marte dall’altra.
Dice Roberta. «Il nostro pro-
getto specifico si chiama Cosmic, Combustion Synthesis
under Microgravity Conditions, finanziato dall’Agenzia
Spaziale Italiana (Asi) nel settore dell’esplorazione umana
dello spazio. L’Asi ha stanziato alla fine del 2009 poco meno di 500 mila euro per un anno, finalizzati allo sviluppo di
tecnologie innovative non solo per l’esplorazione umana,
ma anche per il trasferimento tecnologico a supporto di
risorse (ossigeno, azoto) necessarie alla loro sopravvivenza una volta esaurite quelle portate direttamente dalla
terra, nonché garantire gli
strumenti per manutenzioni
ordinarie e straordinarie».
Dalla Terra, se dovesse allunare o vivere su Marte, Roberta porterebbe con sé “sicuramente”, almeno due libri,
due classici: «L’insostenibile
leggerezza dell’essere» di Milan Kundera e «Cent’anni di
solitudine» di Gabriel Garcia
Marquez. Libri “inseparabili”. Porterebbe nello spazio
anche qualche film di Vittorio Gassman, sicuramente
«Riso Amaro» di Giuseppe De
Santis e «Mortacci» di Sergio
Citti. Dovrebbe forse rinunciare al suo piatto preferito,
la pastasciutta, “comunque
condita” e difficilmente potrebbe giocare a basket, come
faceva da ragazza quando militava in Prima Divisione. Ultima di tre figli, papà Paolo ingegnere minerario, mamma
Rita Billi di Macerata (dove
Roberta nasce e resta poche
settimane), elementari medie
e liceo scientifico a Carbonia,
all’università sceglie la facoltà di Chimica a Cagliari, discute una tesi sulla “sintesi e
la caratterizzazione dei nano
compositi” con Anna Musinu
e Mariano Casu. «Mi laureo
di venerdì, dopo tre giorni incontro il professor Giacomo
Cao del Dipartimento di ingegneria chimica e materiali e
l’avventura parte. Mi si spalanca un mondo affascinante,
stimolante, il progetto Cosmic è collegato a quelli della
Nasa, con gli americani ci sono di mezzo cinesi e giapponesi, la mia formazione diventa
davvero globale. L’ambizione
era ed è raggiungere Marte e
studiarne la superficie. Progetto possibile, è solo questione di finanziamenti che ovviamente sono stratosferici».
Per la ricerca scientifica
non sono giorni facili. «Purtroppo. È la vera palla al piede dell’Italia. L’ignoranza totale sul valore della scienza,
della ricerca è un peso che ci
opprime. Per simulare a terra il suolo lunare o marziano
non bastano pochi bruscolini,
ma sforzi economici che poi
hanno il loro ritorno. La Sardegna, con le sue università,
col Parco tecnologico di Pula,
con quello di Porto Conte potrebbe diventare un avamposto anche per lo studio dello
spazio. Ma chi può convincere personaggi come Brunetta
o Giulio Tremonti?».
Fly UP