...

Di madre in figlia

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Di madre in figlia
LIBERA UNIVERSITA’ DEL COUNSELING PREPOS
Sette dialoghi
sulla sessualità
Prova finale di
ELISA DENEGRI
Relatrice
ROSSANA VANALI
BERGAMO GIUGNO 2015
DI MADRE IN FIGLIA
INDICE
INTRODUZIONE………………………………………………….. 3
1)
LA GRANDE SVOLTA: PUBERTA’ E ADOLESCENZA…......... 6
1.1 Bambini cresciuti troppo in fretta………………………………...…….. 6
1.2 Il corpo che cambia…………………………………………………............7
1.3 Un duplice distacco…………………………………………………............9
1.4 Come vivere questo duplice distacco mantenendo salda la relazione?.10
2) DI MADRE IN FIGLIA: IL FEMMINILE TRA IDENTITA’,
CONFLITTI E RISORSE……………………………………………….. 12
2.1 Mamma, ti amo e ti odio…………………………………………………. 12
2.2 Il terreno impervio ma fertile del conflitto………………………….......... 16
2.3 Un gioco di specchi…………………………………………………........ 19
3) LA CULTURA DOMINANTE: CORPO O PERSONA?................ 22
3.1 Sessualità e persona…………………………………………………........ 22
3.2 Il corpo: strumento o segno?........................................................................22
3.3 Il corpo e la televisione………………………………………………..… 24
3.5 Il mondo a portata di clic……………………………………………......... 28
3.6 La seduzione…………………………………………………………....... 32
4) LA PUBBLICIZZAZIONE DELL’INTIMITA’……………………38
4.1 La mercificazione della sessualità……………………………………….. 38
42
5) IL PIACERE………………………………………………………………. 46
5.1 Orizzonte culturale di riferimento……………………………………...... 46
5.2 Il sesso come guerra ..………………………………………………..... .. .50
5.3 Il linguaggio del piacere…………………………………………………. 53
5.4 Verso un’educazione sentimentale della sessualità…………………........ 56
6) SETTE DIALOGHI SULLA SESSUALITA’…………………......... 60
6.1 Quali contenuti?............................................................................................61
6.2 Figlia avara………………………………………………………………. 64
6.3 Figlia ruminante………………………………………………………..... 67
6.4 Figlia delirante…………………………………………………………. ... 72
6.5 Figlia sballona…………………………………………………………… 75
6.6 Figlia apatica…………………………………………………………....... 81
6.7 Figlia invisibile………………………………………………………….. 85
6.8 Figlia adesiva…………………………………………………………..... 90
CONCLUSIONI.............................................................................................96
BIBLIOGRAFIA
2
INTRODUZIONE
Novembre è stato, per me, un mese di lunghe riflessioni.
Il mio percorso di Counseling presso la Scuola Prepos si
stava concludendo, e dovevo trovare un tema da
approfondire nella stesura della tesi.
Mi sarebbe piaciuto un argomento in cui mettere a
frutto ciò che avevo appreso nel corso degli studi e ciò
che avevo vissuto direttamente come donna prima e
come madre poi, ma non riuscivo a trovare un
argomento che potesse dare forma a questo desiderio.
Come talvolta accade, la risposta giunse attraverso una
situazione imprevista.
Mia figlia Viola, entrando in cucina, una mattina presto,
mal celando il proprio
simpatica
imbarazzo, ma con quella
spavalderia
contraddistingue,
mi
che
rivolse
da
una
sempre
domanda
la
sulla
sessualità che, debbo ammetterlo, mi colse inizialmente
impreparata.
Non tanto sotto il profilo “ tecnico “, la risposta c’era
eccome, ma sul terreno della comunicazione madre –
figlia, che, sotto quell’aspetto, non mi era mai capitato
di dover gestire.
Avevo appena preparato il caffè ed approfittai della
pausa per riorganizzare le idee, invitandola poi sul
divano in modo che potessimo parlarci con calma e
tranquillità.
3
Lei era attenta, curiosa e partecipe, ma mi resi conto
che le informazioni che possedeva, quelle buone, erano
davvero poche.
La sue tenere ed improbabili teorie mal celavano la
voglia di comprendere come stavano esattamente le
cose.
Da parte mia l’arduo compito di “ svelare “ il mistero nel
modo corretto, dove corretto è
anche sinonimo di
comprensibile.
Cominciai cosi’ a riflettere su quale potesse essere il mio
ruolo, la mia funzione.
Io, in quando madre ma soprattutto in quanto donna,
potevo essere serbatoio, modello di femminilità a cui mi
figlia poteva attingere, o poteva rifiutare, ma comunque
con cui confrontarsi?
Potevo entrare io, con delicatezza e rispetto, dentro la
sacralità delle sue scoperte e darle qualche strumento in
più?
Potevamo arricchirci entrambe dentro un dialogo che
scendesse in profondità, rispettando il pudore di
entrambe ma superando il limite dell’ imbarazzo?
Da queste domande, e da molte altre, è nata l’idea di
questa tesi, come luogo di ricerca e approfondimento.
Il taglio che ho dato hai contenuti riguarda soprattutto
la dimensione relazionale ed affettiva della sessualità;
non mi sono soffermata sugli aspetti “tecnici”, poiché di
solito ampiamente trattati nei vari corsi di educazione
sessuale dedicati alle scuole.
4
Per finire, voglio ringraziare mia figlia Viola, che con le
sue domande mi ha permesso di interrogarmi e crescere
come genitore rispetto a un tema cosi’ importante, e
ringrazio gli altri miei figli, Alessandro, Francesco e
Maddalena, che con la loro presenza non mi hanno forse
permesso di dedicare a questo lavoro tutto il tempo che
avrei voluto, ma che in compenso rendono ogni giorno il
mio sguardo più attento, ricco e profondo.
5
CAP.1
LA GRANDE SVOLTA: PUBERTA’ E ADOLESCENZA
1.1 BAMBINI CRESCIUTI TROPPO IN FRETTA
L’addio all’infanzia non è mai indolore.
Porta sempre con sé un senso di perdita e di rinuncia:
un “lutto”, che diventa anche più difficile da elaborare
quando la prima stagione della vita non è stata
pienamente vissuta.
Se per i teenager di oggi il distacco dall’infanzia è più
lento e difficile, è anche perché sono stati bambini
cresciuti in fretta, troppo in fretta.
Bambini
che
sviluppano
competenze
sempre
più
precocemente, mentre noi adulti ci dimentichiamo che
l’acquisizione di competenze non va di pari passo con il
soddisfacimento dei bisogni più profondi.
Bambini sequestrati in casa, dopo la scuola, perché
siano protetti da un mondo di lupi sempre in agguato,
fuori
casa.
Bambini
abituati
alla
compagnia
di
personaggi virtuali- i protagonisti dei cartoon televisivi, i
videogiochi, il computer- che sognano di poter correre
per le strade con gli amici e giocare insieme per scoprire
il mondo, come ha sempre fatto chi è stato bambino
prima di loro.
Ogni fase evolutiva, infatti, è scandita da ritmi che
vanno rispettati affinchè essa raggiunga una sua
compiutezza.
6
L’accelerazione
eccessiva
che
comprime
il
tempo
dell’infanzia, adeguando il suo sviluppo ai ritmi frenetici
della vita adulta, produce una maturità solo apparente,
basata più sull’imitazione dei comportamenti adulti che
su una vera identificazione: un intonaco destinato a
sfaldarsi al primo impatto con la prova di realtà imposta
dall’adolescenza. Che per questo richiede tempi più
lunghi, quasi a pareggiare i conti, rallentando una corsa
in avanti troppo affrettata.
1.2 IL CORPO CHE CAMBIA
Verso i dieci anni è il corpo, con i suoi cambiamenti, ad
annunciare la fine imminente dell’infanzia.
E a imporre una progressiva revisione dell’immagine
corporea di sé, che sta alla base dell’identità sessuale,
con tutte le incertezze e le inquietudini di una
metamorfosi
di
cui
non
si
conosce
ancora
la
conclusione.
Quale sarà la nuova immagine destinata ad uscire dal
bozzolo? E’ raro che le prime modificazioni avvengano
nel segno della bellezza. Spesso c’è una fase intermedia
in cui il corpo infantile sembra quasi destrutturarsi,
senza ancora delineare il corpo futuro, se non per tratti
che appaiono incerti, goffi. E la bambina, il bambino
scoprono che il loro corpo è diverso, non è più uguale a
se stesso. E, anche se in fondo si sta realizzando ciò che
avevano tanto atteso e desiderato, ossia diventare
grandi, si sentono presi alla sprovvista.
7
La bambina si accorge con un certo stupore e imbarazzo
che i seni si stanno gonfiando, che a volte sono dolenti
al tatto, i fianchi si arrotondano, sul pube compare una
lieve peluria attorno a una cavità segreta ancora
sconosciuta, prima che il sangue mestruale ne faccia
percepire ciclicamente la presenza.
E se da un lato la bambina ne è orgogliosa, dall’altro
riaffiora in modo meno consapevole un misto di
vergogna e pudore; di qui la tendenza a nascondere il
seno, il simbolo più evidente della sua femminilità.
Anche l’odore cambia, un odore che non sa più di
bambino, non è più tenero e indifferenziato. Ora sa di
maschio, di femmina: evidenzia il subbuglio ormonale il
cui sesso si rivela anche attraverso l’olfatto.
Non è strano che con l’avvicinarsi della pubertà il
proprio corpo appaia “deforme”: sta perdendo la forma
infantile, senza averne ancora assunto una compiuta,
definita.
Gli attributi sessuali, non ancora inseriti nel quadro di
uno schema corporeo unitario, vengono cosi’ percepiti
come appendici assurde e grottesche.
Il
turbamento
dei
figli,
ovviamente,
non
passa
inosservato ai genitori, che vorrebbero rassicurarli.
Ma quando il proprio figlio si lamenta delle sue
“deformità”, è inutile contrastarlo sul piano della logica,
del tutto inefficace in questi casi.
I discorsi razionali si riferiscono infatti a un’immagine
esteriore del corpo, mentre è sull’immagine interiore che
8
si concentra l’inquietudine : un’immagine fatta di affetti,
emozioni, sensazioni che appartengono al passato.
E che la figlia non ritrova più nel corpo che si sta
trasformando sotto i suoi occhi.(1)
Il genitore potrà aiutarla ad uscire dal sentimento di
vergogna, mettendosi nella posizione del delirante, ed
attuando la dimensione relazionale del riconoscimento
(2), raccontando la propria adolescenza ed il proprio
vissuto, aiutandola poi nello sviluppo del pensiero
logico-razionale svincolandolo da quello immaginario,
attraverso un distacco che permetta poi una valutazione
più obiettiva del proprio aspetto.
1.3 UN DUPLICE DISTACCO
La trasformazione fisica dei figli, comunque, spesso
coglie di sorpresa anche i genitori.
Per la prima volta si confrontano con un figlio che è
davvero “altro da sé”, con un corpo dotato ormai di una
vitalità autonoma e separata che ora sfugge al controllo.
Ed è soprattutto la madre che vive la perdita della
corporeità infantile come un “lutto”.
Quel corpo, che prima si lasciava lavare, vestire,
coccolare, ora comincia a chiudersi in bagno e a non
voler più essere “visto”, guardato.
Dunque è arrivato il momento di abbandonare quelle
forme di contatto fisico tra genitori e figli che già si
erano allentate nel corso dell’infanzia.
9
E sostituire sempre più il linguaggio del corpo con
quello verbale. Impresa non facile, però, perché è
proprio ora che i figli cominciano ad avere i loro segreti,
le loro zone d’ombra di cui sono estremamente gelosi.
Si oppongono cosi’ al desiderio di trasparenza dei
genitori rifiutando le loro incursioni nel territorio privato
delle nuove esperienze, fantasie, sogni e paure che
stanno vivendo.
E si trincerano spesso nel silenzio, cosi’ come si
chiudono
in
bagno. Chiedono
dunque
che
venga
rispettata non solo la distanza corporea, ma anche
quella psichica, imponendo ai genitori un duplice
distacco, fisico e mentale.
1.4 COME VIVERE ALLORA QUESTO DUPLICE
DISTACCO MANTENENDO SALDA LA RELAZIONE?
La risposta ce la suggerisce il Dottor Vincenzo Masini,
quando ci parla di irradiazione affettiva.
Attraverso
l’irradiazione
affettiva,
il
genitore
può
mantenere quella distanza fisica e mentale desiderata
dal figlio senza svuotare di contenuti la relazione, anzi,
continuando ad offrire nutrimento relazionale. Come?
Offrendo sguardi profondi e coraggiosi, pacche sulla
spalla, lasciando spazio alla sua interiorità e umanità
tramite la nostra.
Mantenendo posizioni solide e forti rispetto alle scelte,
dedicando tempo a discussioni sulle realtà dei vissuti, e
10
poi alle soluzioni rispetto alla vita.(3) Ecco alcuni
strumenti dell’irradiazione affettiva.
Riporto un estratto del professore “L’amore sperimentato
nella relazione col materno è quella strada sicura che
consente al figlio di allontanarsi da sé, per guardarsi
dall’esterno con gli occhi amorosi della madre e poi
tornare in sé ricomposto.(…)
Nel percorso di uscita e ritorno in sé, il figlio sperimenta
di esistere e di esprimersi al di là della simbiosi con la
madre, la quale invece funge da base sicura, da
supporto, da vigilanza, e agisce amorevolmente nella
ricomposizione
qualora
nei
suoi
tentativi
di
allontanamento, quel figlio non riuscisse a tornare in sé.
Una delle fondamentali proprietà della coscienza è quella
di
vedersi
dall’esterno
senza
perdersi,
avere
una
focalizzazione esterna di sé, che è il luogo dello sguardo
materno che ti osserva con amore fuori del tuo corpo
biologico. Tale modello d’amore materno, che consente lo
sviluppo della coscienza, è quello che Bowlby chiama
attaccamento sicuro” (4)
(1) Silvia Vegetti Finzi, Anna Maria Battistin, L’età incerta, Mondadori, 2001
(2) Vincenzo Masini, Dalle emozioni ai sentimenti, Edizioni Prepos
(3) Lorenzo Barbagli, Pedagogia Relazionale, La Bancarella editrice, 2014
(4) Vincenzo Masini, Rita Gherghi, L’irradiazione affettiva, La bancarella editrice,
2013
11
CAPITOLO 2
DI
MADRE
IN
FIGLIA:
IL
FEMMINILE
FRA
IDENTITA’, CONFLITTI E RISORSE
2.1 MAMMA, TI AMO E TI ODIO
Perché – mi sono chiesta spesso – nelle famiglie attuali,
che pure sono assai più attente ai bisogni dei figli di
quelle del passato, una certo livello di conflittualità
generazionale permane, anche se più attutito e sfocato?
Lo scontro con i genitori è dunque necessario per
crescere?
Perché, poi, il conflitto è più frequente tra madri e figli, e
perché tra madre e figlia può raggiungere i livelli più
intensi e
dolorosi, talora
anche
in mancanza
di
significative ragioni per cui contendere?
Il rapporto degli adolescenti (maschi e femmine) con la
madre procede in modo più tumultuoso rispetto a quello
col padre perché essi avvertono inconsciamente che la
figura paterna interferisce meno di quella materna nella
loro spinta verso l’autonomia.
E’ la madre infatti che a livello profondo e inconsapevole
rappresenta quella sorta di calamita che li attrae verso
un passato di cui avvertono in parte il richiamo.
All’inizio, soprattutto nel primo anno di vita, per la
mente del bambino c’era solo la “mamma tutto”, in un
rapporto all’insegna della totale dipendenza. E nel
passaggio dall’infanzia all’adolescenza è proprio quella
12
figura “arcaica”, antica, di madre onnipotente che si
ripresenta nell’inconscio dei ragazzi.
Questa madre, in cui il preadolescente è tentato a volte
di
rifugiarsi
prima
di
riprendere
l’itinerario
dell’autonomia, ha un aspetto fortemente ambivalente:
da un lato con la sua presenza lo rassicura, dall’altro lo
angoscia facendolo sentire totalmente dipendente.
E’
questa
“madre
interna”,
questa
figura
dell’immaginario che spesso ha poco a che fare con la
madre reale, che pone i figli di fronte alla necessità di
svincolarsi,
di
spezzare
l’originaria
simbiosi
per
affermare la propria identità.
Quanto detto fin qui è vero sia per i maschi che per le
femmine. La ragazzina, tuttavia, incontra una difficoltà
maggiore a separarsi dalla madre, perché l’identità di
genere rende più speculare il rapporto madre-figlia.
Accade
così
che
avvicinandosi
alla
pubertà
la
preadolescente cominci ad avvertire che l’attaccamento
alla madre rappresenta un pericolo per la conquista
della propria femminilità; questo legame così intenso,
anche nella sua ambivalenza, la riporta infatti a quelle
forme di dipendenza infantile che cerca in ogni modo di
contrastare.
Per queste ragioni accade che la ragazzina passi dalla
sopravvalutazione di una figura materna onnipotente,
sia nei suoi aspetti positivi che negativi, a forme di
svalutazione che non hanno più l’ingenuità delle critiche
infantili.
13
I suoi attacchi assumono ora il tono di un confronto tra
donne, in cui a volte si insinua l’invidia: un sentimento
non
consapevole,
che
può
esprimersi
attraverso
manifestazioni di disprezzo del tutto immotivate, che
sembrano avere come unico scopo la volontà di ferire la
madre.
Come ogni meccanismo di difesa, anche la svalutazione
della figura materna ha i suoi effetti protettivi: serve a
ridimensionare la forte idealizzazione che fa apparire la
madre come un modello irraggiungibile.
Si inaugura cioè, nella relazione dell’adolescente con la
madre, un meccanismo presente anche nelle relazioni
fra adulti: ad una idealizzazione eccessiva e acritica
segue quasi inevitabilmente una fase di svalutazione,
spesso altrettanto acritica ed eccessiva. (1)
Per quanto irritanti e spesso dolorosi possano essere
stati anche per me gli atteggiamenti svalutanti di mia
figlia,
non
va
dimenticato
che
in
realtà
essi
rappresentano il segnale di una svolta che non solo è
inevitabile, ma anche positiva.
E’, infatti, proprio attraverso questo nuovo sguardo
critico che la figlia comincia ad allentare il legame
affettivo dell’infanzia in cui si sente ancora rinchiusa.
E’ un legame da cui deve liberarsi per avvicinarsi ad
altre
relazioni
arricchire
femminili
che
le
consentiranno
l’identificazione originaria
con
la
di
madre
affiancandole una serie di altri modelli, utili per
14
completare il mosaico della sua femminilità in modo più
libero e autonomo.
Se in questa fase il padre rimane di solito indenne dagli
attacchi più o meno espliciti della figlia, è perché per le
preadolescenti l’attaccamento alla madre rappresenta
un pericolo maggiore che non l’attaccamento al padre: il
legame con la madre costituisce infatti un ostacolo
maggiore rispetto al desiderio della preadolescente di
diventare grande.
Da questo punto di vista, allora, meritano in fondo
maggiore attenzione le situazioni in cui la ragazzina
continua a vivere all’ombra della madre, mantenendo
nei suoi confronti un’ammirazione che la spinge ad
imitarla, a essere come lei, e nello stesso tempo a
ritirarsi in un mondo infantile.
Certo, con una figlia che non contesta mai la madre
tutto fila più liscio, senza contrasti e senza conflitti.
Ma in questa calma in cui sembra non avvenire nulla
potrebbero addensarsi le ombre di un difficile distacco
dalla figura materna e di una maggiore fatica di
crescere.
15
2.2
IL
TERRENO
IMPERVIO
MA
FERTILE
DEL
CONFLITTO
Il conflitto inoltre, come scrive il Dott. Lorenzo Barbagli
in “Pedagogia Relazionale”, può avere anche una
funzione
educativa.
Spesso
partiamo,
infatti,
con
ingenuità, dal presupposto che sia sempre sano evitare
il conflitto: alcune volte per la paura che ci provoca,
altre per un nostro desiderio di quiete e serenità, altre
perché le sensazioni che il conflitto provoca non sono
mai piacevoli e tendiamo ad evitarle.
Dal punto di vista educativo, questo atteggiamento può
risultare pericoloso, poiché è necessario che le persone
imparino a contenere l’emotività e sostenere anche quei
momenti
di
conflitto
che
nella
vita,
seppur
non
auspicabili, sono inevitabili.
Non bisogna poi dimenticare la ricorrente correlazione
tra conflitto e crisi: spesso il conflitto produce crisi e
destrutturazioni liberanti che permettono l’emersione di
nuove
risorse
e
motivazioni
che
diversamente
resterebbero sopite.
Il
conflitto,
in
ultima
analisi,
è
componente
co-
essenziale ai processi di crescita e adattamento alla vita.
E’ del resto necessario a costruire ed ottenere gli spazi
della propria identità ed esistenza. A maggior ragione in
un’età
come
quella
adolescenziale,
il
conflitto
è
necessario ai fini della rottura del legame simbiotico e
dipendente tra genitori e figli. Assumendo, il conflitto
16
stesso, il senso di ineluttabile passaggio per diventare
adulti generativi.
Esistono comunque conflitti utili ed inutili, conflitti che
producono distruzioni e conflitti che pongono le basi per
la
crescita; dipende
da
come
vengono gestiti ed
affrontati.(2)
Per definire meglio la questione, dobbiamo mettere il
conflitto
in
relazione
ad
altri
concetti
educativi:
l’emersione e gestione dell’affettività nelle relazioni e,
come diretta conseguenza dell’equilibrio costruito tra
conflitto e affettività, lo sviluppo dell’autorità e il suo
utilizzo sensato nelle relazioni educative.
Un corretto equilibrio tra conflittualità ed affettività è
dato
dalla
capacità
dei
genitori
di
utilizzare
efficacemente e con consapevolezza la comunicazione
educativa, e di sviluppare interiormente sia il contegno
emotivo, che la capacità di voler bene.
Vorrei
approfondire
ora
l’interessante
concetto
di
contegno emotivo. Le emozioni sono una componente
essenziale delle relazioni con gli altri e col mondo:
dunque della costruzione di relazioni e, quando poi si
strutturano e costruiscono con intelligenza e coscienza,
dei sentimenti (Masini, 2000) e del loro mantenimento.
Tentare di controllarle, ovvero di reprimerle e ignorarle,
produce una lunga serie di inconvenienti, che vanno dal
livello minimo di non riuscire a goderne, fino alle
psicosomatizzazioni.
17
All’opposto, però, è necessario sottolineare come la
semplicistica espressione e perseguimento istintivo e
non ragionato delle emozioni che in noi si accendono,
conduca ad un ulteriore mondo di disagio e sofferenza
psichica, che va dall’insoddisfazione malinconica dovuta
all’instabilità delle nostre decisioni, fino a molti disturbi
di personalità (come ad es. il disturbo borderline).
Ed è per questo che parliamo di contegno e non
controllo.
Il
contegno non è
la negazione ed il rifiuto di
un’emozione, né tanto meno l’inevitabile acting-out della
stessa.
Il contegno emotivo è il risultato di un processo di
riflessività relazionale interiore. (Masini, 2012)
Proprio per le caratteristiche di autorevolezza e contegno
emotivo
fondamentali
per
una
sana
gestione
del
conflitto, dunque, il padre ha un ruolo fondamentale nel
prendersi carico di conflitti e dinamiche, soprattutto
laddove madre e figlia sono troppo invischiate per
riuscire
ad
uscire
da
una
spirale
di
conflitti
improduttivi.
Una
delle
sviluppare
attitudini
da
parte
più
del
complicate,
ruolo
infatti,
materno
da
durante
l’adolescenza dei figli è quella di stare “ferma”, di
rendersi invisibile, e quella ancora più complessa di
“stare bene”.
Riguardo allo star bene, non c’è nulla di più insidioso
del malessere materno in adolescenza, non solo per
18
l’individuazione dei figli, che faranno più fatica a
contrapporsi per il timore che la madre non riesca a
reggere, ma anche per le madri stesse,che dovranno
accollarsi, oltre al proprio malessere, anche quello dei
figli (3)
2.3 UN GIOCO DI SPECCHI
C’è un ulteriore elemento, meno “universale” e più
legato ai tempi, che può complicare, a un livello meno
visibile, il rapporto tra madre e figlia adolescente.
Oggi
viviamo
in
un’epoca
per
molti
aspetti
adolescenziale, in cui gli adulti sembrano spesso
assumere come modello lo stesso modo egocentrico e
narcisistico di vivere e di pensare dei ragazzi.
Si vorrebbe “fermare il tempo”, non invecchiare.
Il culto del corpo tende a restringere il divario fra
adolescenti e adulti anche sul piano dell’immagine.
Sono molti, oggi, i genitori che vestono allo stesso modo
dei figli, parlano lo stesso linguaggio, conservano un
aspetto quasi adolescenziale nonostante i quaranta,
quarantacinque
anni
compiuti,
così
come
non
è
infrequente che una madre possa essere scambiata per
la sorella della figlia.
E’ un’evenienza, quest’ultima, che può essere piacevole
per la madre. Ma cosa comporta questa confusione di
ruoli per la figlia adolescente? Che conseguenze può
avere il fatto che la ragazzina, proprio quando sta
cominciando a farsi avanti - ancora piena di dubbi - sul
19
palcoscenico della
femminilità, trovi il centro della
scena ancora occupato da una madre in minigonna che
continua ad attirare gli sguardi maschili, o disvela al
mondo la sua felice vita sessuale con una nuova
gravidanza?
Questa madre “sempre giovane” può rappresentare per
la figlia adolescente uno stimolo in più per identificarsi
con lei, nei suoi aspetti più femminili e vincenti.
Ma c’è anche il pericolo che sentimenti più nascosti
possano rendere impossibile questa identificazione: il
desiderio di essere come la madre può essere soffocato
dal divieto inconsapevole di prenderne il posto, dalla
paura di distruggerla.
Ne possono derivare allora un rifiuto della femminilità
che va a riflettersi in diversi modi sull’immagine
corporea; oppure vissuti inconsci di gelosia che possono
portare ad esperienze sessuali precoci, vissute, a livello
inconsapevole, non come espressione di un proprio
autonomo desiderio, ma come esperienze “contro” la
madre rivale.
Ad ogni modo, qualunque sia il legame della figlia con la
madre, certamente è uno dei più importanti di tutta la
vita. Oltre che il più difficile, perché tra i due ruoli si
crea una controversa dinamica di specchio.
La madre proietta sulla figlia speranze e frustrazioni,
mentre
la
figlia
cerca
la
propria
identità
femminile attraverso la differenziazione dalla madre che,
soprattutto
durante
l’adolescenza,
20
avviene
secondo
i meccanismi
d’idealizzazione o,
all’opposto,
di
aperta contestazione.
La figlia cerca invano nella figura della madre una
risposta alla domanda: “che tipo di donna diventerò?”.
In molti casi questa frustrazione è all’origine del
rapporto problematico tra madre e figlia. Una dinamica
di
amore
e
odio
che,
se
vissuta
invece
come
un confronto sincero, farà spazio a un sano rapporto tra
due donne adulte.
L’amore della madre infatti permette di camminare
sicure per il mondo, e il senso della genealogia
femminile è un guadagno simbolico importante per la
figlia.
(1)Silvia Vegetti Finzi e Anna Maria Battistin.L’età incerta. I nuovi adolescenti,
Mondadori, Milano 2000
(2) Lorenzo Barbagli, Pedagogia Relazionale, La Bancarella Editrice, 2014
(3) Gustavo Pietropolli Charmet, Non è colpa delle mamme, Oscar Mondadori,
2009
21
CAPITOLO 3
CULTURA DOMINANTE:CORPO O PERSONA?
3.1 SESSUALITA’ E PERSONA
E’ impossibile riflettere sulla sessualità umana senza
considerare e chiarire il concetto di persona a cui si
riferisce.
La sessualità ha la caratteristica di essere inseparabile
dalla persona che ne è portatrice: tutti noi siamo esseri,
persone sessuate.
Nei confronti della persona, la sessualità non è un
“oggetto”
utilizzabile,
qualcosa
che
possa
essere
“utilizzato” senza implicare la totalità della stessa
persona; al contrario, il modo in cui una persona vive la
propria sessualità coinvolge la persona intera nel suo
complesso, la mette in gioco.
La sessualità, in altre parole, “è” la persona: ogni nostro
gesto porta in sé i caratteri della nostra sessualità, fosse
anche apparentemente privo di ogni relazione con essa.
3.2 IL CORPO: STRUMENTO O SEGNO?
Che cosa è il corpo umano?
Innanzi tutto, occorre dire che non è una cosa.
Non possiamo riferirci e pensare al corpo umano come a
uno
tra
i
tanti
oggetti
presenti
e
“utilizzabili”
nell’ambiente in cui viviamo, nel mondo che abitiamo.
L’esperienza che abbiamo del nostro corpo è del tutto
22
imparagonabile a quella che possiamo avere di un
oggetto qualsiasi: esso non è solo nostro, ma “NOI”.
Anche quanto vi è in noi di più spirituale e incorporeo,
ci appartiene poiché abbiamo un corpo; qualunque
sentimento, idea, concetto, emozione si trovi nella
nostra
mente
e
nel
nostro
spirito,
vi
è
giunto
necessariamente attraverso la nostra corporeità, e solo
attraverso di essa può esprimersi.
Non è dunque solo la coscienza che determina le azioni
del corpo, ma anche il corpo determina lo stato della
coscienza: ciò che il nostro corpo “compie” o “subisce”
entra a pieno diritto a far parte della nostra vita
personale.
Nella storia culturale recente della nostra società questa
idea è stata più volte messa in discussione.
La frase “il corpo è mio e me lo gestisco io”, nata con una
dirompente carica di contestazione, è diventata uno dei
luoghi comuni più diffusi, radicati e accettati nel clima
culturale in cui viviamo.
Essa si basa però su un equivoco: il mio corpo non è
mio, bensi’ “sono” io.
Il mio corpo non è quindi strumento, ma espressione,
segno di quanto io sono.
Ciò che faccio del mio corpo, lo faccio di me stesso: se
riduco il mio corpo a ricettacolo di sensazioni, riduco la
complessità della mia persona al dato percettivo, e nella
relazione con l’altro io “fruisco” dell’altro in quanto lo
23
considero occasione per provare sensazioni diverse,
nuove o più intense.(1)
3.3 IL CORPO E LA TELEVISIONE
La televisione, in questo, non aiuta, anzi, colonizza
sempre più il nostro immaginario.
Accade infatti sempre più spesso che tra donne si presti
più attenzione di prima a seni, bocche, corpi: guardiamo
il seno di un’amica, valutiamo la linea di una collega,
scrutiamo le rughe di altre donne.
Dipende, è evidente, dall’aver introiettato il modello
maschile: ci guardiamo come ci guarderebbe un uomo.
Non dimentichiamoci infatti che la tv concorre con un
certo peso alla costruzione dell’opinione pubblica, e gli
effetti negativi di una cultura distorta come quella
televisiva
danneggiano
tutti,
nel
momento
in
cui
vengono assimilati da larghi strati di popolazione. La
proposizione ossessiva dei corpi spogliati in televisione
porta il pubblico giovane a casa considerare il proprio
corpo come strumento principale di comunicazione. (2)
La domanda è dunque: questo interesse per il corpo,
nostro e di altre donne, è un nostro legittimo e naturale
desiderio o corrisponde a un abnorme desiderio-bisogno
di piacere? Perché, se analizziamo ciò che accade nelle
trasmissioni televisive e in pubblicità, il corpo giovane e
nudo pare attirare un interesse enorme da parte di
giovani maschi e adulti.
24
E le bambine diventano consapevoli di questo potere che
i loro corpi esercitano.
Cosa
cerchiamo,
quindi,
quando
ci
concentriamo
ossessivamente sui corpi?
Un
nuovo
tipo
di
affermazione
nel
mondo
o
un’approvazione maschile?
Come mai le pubblicità di prodotti indirizzati al pubblico
femminile utilizzano corpi nudi o parti del corpo
femminile per incentivare l’acquisto di un prodotto da
parte delle donne?
La colonizzazione del nostro immaginario ha significato
non sapere più distinguere i nostri desideri più profondi
e oggi ci osserviamo l’un l’altra come pensiamo ci
guarderebbe un uomo.
Crescere in un mondo iper-sessualizzato e che fornisce
un unico modello di femminilità di successo tutto
concentrato sull’apparire sexy e seducenti, produce
inevitabilmente
numerose
conseguenze
ed
effetti
collaterali nel percorso di crescita delle nostre figlie.
La preoccupazione continua su come si appare e su
come gli altri ci giudicano in base al nostro aspetto
esterno, distoglie molte energie mentali e cognitive nella
vita delle giovanissime, sottraendole ai compiti di
apprendimento e di interesse verso altri settori che non
siano quelli legati all’aspetto estetico.
Ragazze troppo attente al loro corpo e al loro aspetto
vengono dalla ricerca valutate come meno performanti
dal punto di vista del successo scolastico, ed in
25
particolare nei test scientifici e matematici, rispetto a
coetanee con un livello di ansia e preoccupazione
minore. In generale la preoccupazione eccessiva per il
proprio aspetto esteriore è fonte di bassa autostima e
conduce più frequentemente a sperimentare emozioni
negative, che provocano disagio, quali vergogna, ansia e
perfino disgusto nei confronti di se stesse.
Che cosa possiamo fare allora noi, come genitori?
Innanzi
tutto,
programmi
possiamo
televisivi
insegnare
con
un
a
guardare
i
critico
e
approccio
sviluppando il pensiero divergente.
Credo dunque che vietare la tv ai nostri figli non sia la
strada da percorrere….ma è accendendo la tv e
guardandola insieme, che possiamo compiere un gesto
potenzialmente rivoluzionario. E’ solo cosi’ che possiamo
fornire gli strumenti necessari per un’analisi e
una
percezione corretta di questo strumento.
In tutte le situazioni in cui ci sembra che la femminilità
sia celebrata soltanto in un’accezione estetica e qualora
questo avvenga quando al centro dello schermo ci sono
giovanissime, possiamo aiutare in tutti i modi le nostre
figlie
a
sviluppare
un
pensiero
critico.
Possiamo
discutere con loro su come i messaggi che celebrano “la
sensualità e la sessualità delle giovanissime” possano
trasformarsi in modalità che autorizzano le ragazze a
credere che il loro valore sia soprattutto determinato dal
loro aspetto estetico. In secondo luogo, possiamo
discutere le scelte che vengono offerte alle ragazze.
26
E’ cruciale che noi genitori facciamo sentire la nostra
voce di fronte a “deviazioni dal percorso”, in cui le nostre
figlie ci sembrano preoccupate del loro corpo solo in
un’accezione estetica, perché lo curano come una
“scatola” ma non si preoccupano invece di tutelarne la
sostanza. Si potrebbe provare, ad esempio, a discutere
con la propria figlia di come i vestiti e la preoccupazione
per il look, che richiede una grande quantità di controlli
e di risistemazioni davanti allo specchio, rubi tempo ed
energie per molte altre attività che possono essere
ugualmente importanti per la sua vita, come lo studio,
le relazioni con gli amici e la ricerca di interessi
alternativi con cui occupare il proprio tempo libero.
Possiamo aiutarla a comprendere che oltre lo sguardo
degli altri, ciò che ci dà veramente valore è la modalità
in cui noi siamo capaci di raccontare noi stessi a noi
stessi, di sentirci portatori di valore e significati, non
solo per come appariamo, ma anche per come siamo,
per quello che sappiamo e sappiamo fare.
Possiamo inoltre aiutare le nostre figlie a costruire una
mappa delle competenze che secondo loro è necessario
detenere per avere davvero successo nella vita, e fare sì
che tra di esse siano incluse competenze reali e non
soltanto modalità esteriori e preoccupazioni estetiche.
In terzo luogo, è importante mettersi in una posizione di
ascolto, cercando di comprendere il loro punto di vista,
ampliandolo e poi incoraggiando attività alternative,
poiché se vogliamo che le bambine e le ragazze non
27
percepiscano che il loro valore sia esclusivamente un
dato estetico, è bene che dagli adulti esse si sentano
apprezzate, nutrite e sostenute in tutto ciò che mette in
gioco anche il resto: ovvero la loro intelligenza, la loro
capacità di espressione creativa ed artistica, la loro
voglia di stare insieme.(3)
E’
importante
cercare
e
proporre
un’alternativa
espressiva al corpo televisivo, da corpo come segno a
corpo come persona, poiché da un corpo ritrovato,
pieno, attivo, un corpo libero e liberato, non sottomesso
e piegato a un desiderio maschile banale, che può
scaturire una piena coscienza di sé, quella necessaria a
non aver più paura di una nostra piena e autonoma
affermazione.
3.5 IL MONDO A PORTATA DI UN CLIC
Oltre alla tv, i nostri figli sono sempre piu’ connessi alla
rete e tramite il computer e i telefonini possono accedere
a qualsiasi tipo di informazione o a qualsiasi sito, e la
rete può diventare uno strumento pericoloso.
Molti adolescenti tecnologicamente competenti, sono
emotivamente fragili e vulnerabili e necessitano di
monitoraggio e accompagnamento da parte degli adulti.
A questo proposito, cito un esempio.
Qualche tempo fa mi son trovata, per lavoro, a casa di
una ragazza adolescente. Mi sono messa ad osservare e
commentare con lei il suo profilo Facebook.
28
Siamo partiti dall’immagine che aveva scelto come
immagine di “copertina”. Si trattava di una sua foto
scattata al mare durante l’estate. In quella foto lei era
sdraiata sulla spiaggia, lungo il bagnasciuga,in una
posa da “sirena”, a metà tra il languido e il provocante.
Ho ragionato con lei del fatto che lei in questa foto,
scelta come sua “carta di identità”, fosse esclusivamente
un corpo da guardare.
Le ho anche chiesto che cosa, secondo lei, potevano
pensare le persone che si fossero imbattute in quella
immagine, in particolare quali aggettivi avrebbero potuto
usare per commentarla.
Gliene ho proposti un po’: da bella e gnocca a
intelligente e simpatica.
Chiaramente gli unici aggettivi che potevano essere
selezionati per commentare la foto erano quelli relativi al
suo aspetto estetico. Insieme abbiamo convenuto che
l’unica cosa che veniva comunicata da lei attraverso
l’immagine del suo profilo era legata alla sua apparenza,
alla sua carica sessuale. Le ho infine chiesto se lei era
d’accordo ad essere pensata in questo modo da tutti
coloro che avrebbero guardato la sua immagine o se le
sarebbe piaciuto che la gente dicesse di lei anche altre
cose.
Lei ci ha pensato su e poi ha sorriso un po’ triste. In
quel sorriso ho intuito che per la prima volta si era resa
conto dei pensieri che avevamo appena condiviso
insieme.
29
Poi siamo andati a vedere il numero dei contatti che ha
sul suo profilo. E sono rimasta senza parole: ha più di
3000 contatti. Lei, vedendo il mio sguardo, ha ribadito:
“ma io i miei contatti li conosco tutti.”
Allora le ho proposto di andare a visionarli ad uno ad
uno – i suoi contatti - e di verificare con lei se fosse
stata un grado di fornirmi dieci informazioni di massima
intorno ad ognuno di essi. Si è subito resa conto di dove
volevo portarla: ciò che lei pensa di conoscere, in realtà
non è niente più che una foto e un nome.
Infine le ho detto: “Sono più che certa che nei tuoi quasi
3000 contatti ci sono almeno 400 persone che hanno
più di 40 anni e che da settimane quando vanno sul tuo
profilo la prima cosa che vedono di te è la foto del tuo
corpo vestito di un bikini. Cosa provi ad immaginare che
un 50enne che non conosci, che magari abita a 500 Km
da casa tua, possa guardare la tua foto in bikini quando
vuole e pensare di te ciò che gli pare e piace, senza mia
averti conosciuta e incontrata nella realtà?”
A quel punto, la ragazza mi ha detto: “Ok, hai ragione.
Non ci avevo pensato. Adesso vado a casa e cambio la
mia immagine del profilo.”
In effetti, ieri sono andato a vedere il suo profilo
Facebook: l’immagine non c’è più. In realtà non c’è più
nemmeno la sua foto. Ha messo la foto del suo ragazzo.
Un discorso analogo vale anche per il sexting, ovvero la
pratica di postare online o inviare immagini osé di se
30
stessi, contro la quale i genitori devono mettere in
guardia i figli.
Anche se a una 14enne, per esempio, al momento può
sembrare una cosa divertente mandare uno scatto a
seno nudo al suo boyfriend, le conseguenze rischiano di
diventare pesanti.
La foto potrebbe fare il giro del web per 'vendetta' una
volta finita la storia con il coetaneo e finire, per esempio,
nelle mani di adulti con intenzioni molto discutibili o
illegali.
Tra l'altro, quello che viene pubblicato online, magari
all'inizio solo tra amici, non si può eliminare e rischia di
creare problemi in futuro per la propria reputazione e la
professione. Non è raro oggi, infatti, che i datori di lavori
cerchino informazioni su Internet sui candidati a una
posizione.
Quello che oggi sembra uno scherzo, insomma, si
trasforma in una impronta digitale che può circolare
ovunque all'insaputa del protagonista e danneggiarlo.
E' essenziale che i genitori lo spieghino molto bene ai
figli adolescenti..
Ecco, penso che questo sia un esempio di “sfida
educativa del terzo millennio”: ovvero la facilità e
velocità con cui i ragazzi fanno molte cose, senza aver
pensato a nessuna delle implicazioni che dalle loro
stesse azioni e scelte possono derivare. Il problema è che
molte loro azioni e scelte avvengono in modo totalmente
estemporaneo, nel tempo di un click. Occupano lo
31
spazio di un millisecondo e vengono agite senza alcuna
riflessione che a quelle stesse azioni attribuisca un
significato.
Per trovare i significati ci vuole tempo, pazienza e un
adulto che sappia sedersi al loro fianco e fare le giuste
domande per trovare insieme le giuste risposte.
E quando queste risposte arrivano, allora poi cambiano
anche le azioni. E di conseguenza, possono essere
trovati e condivisi i significati di ciò che facciamo.
3.6 LA SEDUZIONE
Non si può parlare di sessualità e persona senza parlare
di seduzione.
La seduzione gioca un ruolo fondamentale nella vita di
tutti i giorni e domina ogni forma di espressione sociale,
dalla moda alla pubblicità, dalla letteratura alla danza,
condizionando i rapporti interpersonali.
I suoi meccanismi ci accompagnano e ci suggestionano
in molteplici occasioni e scenari, ma qual è la sua
funzione?
Agli albori della nostra storia la seduzione era positiva e
utile, poiché garantiva la sopravvivenza di una specie
(pensiamo alla seduzione del bambino nei confronti
della mamma). È diventata negativa in seguito, ogni
volta
che
ha
smesso
di
essere
al servizio della
comunicazione per diventare vantaggiosa solo per chi la
esercita. È quello che fa, per esempio, la donna che,
avendo poca fiducia in se stessa, è sempre in cerca di
32
un uomo, come se per essere felice dovesse vivere della
sua luce riflessa.
Oppure quello che fanno oggi sempre più donne che, per
diventare protagoniste della loro vita e ascendere
socialmente, puntano sulle antiche arti di seduzione,
dalle calze a rete agli abiti sexy.
La «donna in carriera», simbolo degli anni Ottanta,
sembra lontana anni luce da queste giovani generazioni
inguainate in abiti aderenti, che incedono con passo
incerto su scarpe dal tacco vertiginoso, verso un
successo sempre più mediatico.
D’altra parte, la pubblicità ogni giorno ci insegna che
per
invogliare
bisogna
mostrare.
Come
sottolinea
l’antropologa Ida Magli, questa tendenza rappresenta il
fallimento del femminismo.
Ancora oggi, per fortuna e nonostante tutto, per la
propria realizzazione personale molte donne puntano
ancora sulla conquista di un uomo affidabile, sul
matrimonio e sui figli. Obiettivi tradizionali per i quali
servono armi altrettanto tradizionali.
A volte, tuttavia, l’aspetto competitivo della conquista
prende il sopravvento. Il vero scopo della seduzione
diventa allora quello di vincere una guerra tra donne
che fa sentire speciali: desiderabili per se stesse, prima
ancora che per gli uomini. Parlo al femminile non a
caso:
sono
soprattutto
le
donne
che
cercano
gratificazione in una sfida che le fa sentire più forti.
33
la
Per alcune, poi, essere seduttive significa esercitare una
forma di dominio, molto sottile e persuasiva.
La seduzione, infatti, può esprimersi come potere
assoluto del seduttore nei confronti del sedotto. Il primo
si adegua ai fantasmi del secondo – desideri, sogni,
speranze – al solo scopo di attrarlo nella propria rete,
creando una falsa idea d’intesa e sintonia, come un
gatto che gioca con il topo. Il sedotto, invece, del tutto
inconsapevole del ruolo che gli è stato attribuito, vive
l’illusione di aver realizzato un proprio sogno.
Per essere più chiara, farò un passo indietro in modo da
spiegare meglio questo meccanismo.
È possibile catalizzare l’energia dell’individuo in tre
modi: seducendo, facendosi sedurre oppure lasciandosi
sedurre dalla seduzione.
Quest’ultima modalità è quella che ha a che fare con il
potere assoluto e si chiama tentazione. Si verifica
quando ci si lascia tentare dal desiderio di tentare gli
altri, il che in realtà significa molto semplicemente
godere
del
piacere
di
dominare.
Questo
tipo
di
seduzione, per niente seducente, è cattiva perché
pianificata nell’esclusivo interesse del seduttore, che pur
di dominare è disposto a tutto, anche a truccare le
carte, a presentarsi per come non è.
Nel libro “La seduzione è un’arma divina”, Willy Pasini
mette in luce la differenza tra seduzione positiva e
negativa, tra seducente e seduttore. Nel primo caso, chi
prende l’iniziativa (uomo o donna che sia) mette in
34
campo le sue doti migliori, quelle di una personalità
«concava»,
e
cioè
attenta
ai
bisogni
del
partner,
accogliente e disponibile, mentre nel secondo caso
adotta
un atteggiamento «convesso»,
narcisista
ed
egocentrico.
Il seducente conquista per comunicare e scambiare
emozioni: vuole sedurre, ma anche piacere.
Il seduttore, invece, è solo in cerca di benefici e
gratificazioni personali: ha bisogno di dominare l’altro.
Alcuni seduttori rischiano di diventare addirittura delle
caricature. Difficile prendere sul serio il classico playboy
da spiaggia, con gli occhiali neri e la camicia aperta sui
pettorali scolpiti e la catena d’oro d’ordinanza. Per non
parlare
del suo omologo femminile, la
panterona
ipersexy completa di minigonna inguinale e bustino
push up.
Le loro intenzioni di conquista sono talmente ostentate
da costituire una forzatura: la loro seduzione si avvicina
al raggiro o alla manipolazione.
Inoltre, ritornando al discorso delle figlie
adolescenti,
una ragazzina incapace di gestire la propria seduzione,
potrebbe incorrere in molti guai (dalle molestie a
situazioni equivoche con i pari)
Molto
spesso,
inconsapevoli
infatti,
del
le
potere
femmine
che
sono
esercitano
in
parte
mediante
l’attrazione del maschio. O meglio, sanno di fare effetto
ma non riescono a valutare quanto effetto e su chi.
Le regole della seduzione,infatti, valgono molto più per
35
chi la riceve che per chi le emana.
Quindi sarà importante saper modulare la seduzione
verso le tipologie di maschi che la ricevono.
Il maschio avaro, ad sempio, vuol vedere lo stile e la
perfezione e si eccita attraverso l'effetto che la donna fa
sugli altri.
Il maschio ruminante vede la seduzione come un
processo competitivo, sul quale vuole sempre avere la
meglio.
Il maschio delirante sogna mentalmente situazioni
intriganti,
e
si
eccita
più
di
un
mondo
erotico
immaginario ed evocativo, che di ciò che vede.
Il maschio sballone, visivo, è sedotto dal vedo e non
vedo, dall’abbigliamento sexy e dalla postura.
Il maschio apatico vuole la femmina lasciva.
Il maschio invisibile è uditivo e ama le frasi e le parole
sussurrate.
Il maschio adesivo desidera il possesso assoluto della
femmina.
In ogni caso, in termini molto più generali, c'é un
rapporto tra seduzione finalizzata alla conquista o
all'eccitazione
di
una
persona
particolare,
e
una
seduzione generalizzata e pericolosa (che deriva dal
guadagnare una maggior sicurezza di se attraverso
l'aver affascinato un certo numero di uomini).
Questa seconda seduzione (lanciata e diffusa dai mass
media, dalle pubblicità, da un certo modo di presentarsi
delle donne) conduce alla violenza o all'esposizione
36
effimera a tutte le forme possibili di corteggiamento (fio
a 50 sfumature di grigio...).
Il fatto è che, a volte, può essere un bel gioco (dipende
da chi si incontra), a volte può essere pericolosissimo,
per la femmina e per il maschio.
Mi piacerebbe dunque spiegare a mia figlia come la
seduzione, nel suo significato positivo, sia prima di tutto
un dialogo tra due persone che mettono in campo le
proprie capacità, per ottenere uno scambio o stabilire
un legame.
Sedurre non vuol dire né ridurre l’altro a un oggetto del
proprio desiderio o sperimentare su di lui il proprio
potere, né dedicare tempo ed energie a ingannarlo, ma
significa riservargli attenzione per conoscerlo meglio.
È quello che succede quando un uomo e una donna si
corteggiano
a
distanza
sempre
più
ravvicinata,
abituandosi reciprocamente e per gradi all’intimità,
fisica e intellettuale. In questo modo, il rito della
seduzione potrà divenire un’esperienza arricchente e
costruttiva.
(1)“Come parlare della sessualità ai vostri figli”Daniela Galardi, Achille Dedè,
ed.Piemme, 1994
(2) “Il corpo delle donne” Lorella Zanardo, Feltrinelli, 2014
(3) Rivista Psicologia contemporanea. Pellai, Alberto Teen-porn. Cosa dire ai
giovanissimi sulla pornografia. Psicologia contemporanea, Anno: 2014Fascicolo: 246
37
CAPITOLO 4
LA PUBBLICIZZAZIONE DELL’INTIMITA’
4.1 LA MERCIFICAZIONE DELLA SESSUALITA’
Riprendendo il discorso del capitolo precedente, si è
visto come la sessualità venga adoperata per tutto: dalle
pubblicità dei cibi, da quelle delle auto, dei vestiti, dei
pc, come specchietto per le allodole per attirare
l’attenzione dei visitatori online... praticamente per
tutto, danneggiando e compromettendo invece il suo
reale significato.
Questa “mercificazione della sessualità”, ha creato
nell’immaginario
degli
adolescenti,
un
livello
di
confusività tra ciò che correla il concetto di intimità,
sessualità e piacere.
I mass
media, fonte
inesauribile
di
formazione
ed
informazione, entrano nella case dalla porta maestra,
senza filtri, né censure, avendo un importante riverbero
sulla scelta degli acquisti, sullo stile linguistico, sulle
modalità
comportamentali
ed
influenzando
profondamente la vita emozionale e sessuale degli
adolescenti.
Televisione, internet, blog, facebook, fungono ormai da
educatori, da clinici, da modelli di riferimento e da
modelli di identificazione per adolescenti in crescita; i
messaggi educativi non vengono più veicolati dall’adulto
esperiente con “modalità asimmetriche”, ma dai blog
caratterizzati da una “circolarità di informazioni” più o
38
meno attendibili, ma improntate ad una simmetria del
dialogo.
In ambito sessuologico, non vi sono punti di riferimento
né manuali per l’uso: i ragazzi che si approcciano alle
prime esperienze sessuali, lo fanno con grande curiosità
e grande inesperienza, abitati da magiche aspettative,
amplificate da leggende metropolitane e falsi miti sulla
sessualità.
Tutto
quello
che
“imparano”,
lo
imparano
tramite internet, la televisione ed il tam tam mediatico.
In Italia gli effetti potenzialmente negativi dei media
hanno un impatto maggiore, in quanto purtroppo non
esiste una legge sull’obbligatorietà all’ “ educazione
emozionale e sessuale”; le scuole infatti possono offrire
educazione sessuale, così come un corso di pittura o
computer.
I ragazzi, ancora giovani, non hanno ben sviluppato
l’educazione
alla
“percezione
della
propria
identità sessuata”, nel rispetto del rapporto con il
proprio corpo e nel rispetto delle differenze di genere.
I contenuti dei media, i siti pornografici, vengono usati
dai ragazzi per trovare la strada maestra per diventare
donne
e
uomini,
per
orientarsi
e
scegliere
un
determinato modello di femminilità e di mascolinità,
potenza sessuale e ruolo sessuale, magari difforme da
quello genitoriale.
Un ricercatore inglese Mac Nair, nel 2002, si è occupato
dello studio del fenomeno conosciuto come “porno chic”.
39
Con tale termine si intende il processo culturale
attraverso il quale la pornografia entra massicciamente
nella
vita
quotidiana
come
elemento
culturale
comunemente accettato e spesso mitizzato.
La pornografia si correla anche con il concetto di “cleanup”: cioè di pulizia e selezione. La pornografia infatti,
diviene
oggi
rispettabile:
molti
giornali
e
riviste
blasonate pubblicano link di siti pornografici per
approfondimenti ed esaltano e suggeriscono l’utilizzo
pornografico dei corpi. La pornografia chic, considera
l’utilizzo della pornografia come un valore aggiunto alla
comunicazione di massa, come se fosse un segnale di
una società dalle larghe vedute.
L’entrata in vigore della pornografia nella cultura di
massa ripropone però vecchi stereotipi di genere, dove
alla
donna
viene
assegnato
un
ruolo
passivo,
sottomesso e seduttivo ed all’uomo un ruolo dominante,
sicuro e virile.
Esemplare, a questo proposito, l’attuale campagna di
affissioni De Agostini sulle fiancate degli autobus di
Milano e di Roma ( immagine pag.41), relative al sito
Deabyday, estremamente offensivo verso le donne.
Ai progressi verso la parità, faticosamente raggiunti, la
De Agostini risponde con uno slogan che rimanda agli
anni ’50, “Come tenersi un marito”.
L’allusione alla seduzione che accompagna lo slogan
esprime il concetto che saperci fare a letto sia l’unico
40
modo per mantenere un rapporto, e un secondo slogan
“Le donne ci sanno fare” lo rinforza.
E’ un concetto squallido, crudo, che non corrisponde
alla complessa realtà dei rapporti di coppia e che riduce
il valore della donna alle sue capacità amatoriali.
Ma soprattutto l’immagine di un sacco da boxe con delle
mutandine di pizzo, che vuole rappresentare il sedere
femminile, è improponibile! Anche se l’intenzione della
De Agostini non sia stata far nascere l’associazione
mentale con un oggetto da colpire, questa è inevitabile.
L’ennesimo esempio di come la pubblicità, in molti casi,
svilisca la donna relegandola ad oggetto di sollecitazione
erotica e casalinga
41
4.2 INTIMITA’ E PUDORE
E
proprio
di
fronte
a
questa
pubblicizzazione
e
mercificazione della corporeità, esistono due valori,
intimità e pudore, che per molti posso sembrare ormai
obsoleti, mentre sono in realtà un importante tesoro che
ogni madre dovrebbe trasmettere alla propria figlia.
Ma che cosa è l’intimità? Che vuol dire intimo? Forse
non tutti sanno che il vocabolo “intimo” è il superlativo
di “interiore”; vuol dire, quindi, la parte più interna.
Intimo è allora ciò che si riferisce alla parte più interiore
di se stessi.
Possiamo dire che l’intimità è quanto di più prezioso
possediamo, è un luogo inaccessibile agli altri e, a volte,
anche a noi stessi. E’ un tesoro da custodire, da far
crescere e da difendere a tutti i costi.
Come possiamo immaginare questo luogo? Proviamo a
raffigurarlo come uno spazio dove ciascuno di noi può
incontrare pienamente se stesso. Non è facile da
raggiungere perché è molto più semplice muoversi
rimanendo in superficie.
Eppure è fondamentale arrivare a “prendere possesso”
della nostra intimità, perché solo così saremo in grado
di agire in funzione di motivi profondi, con la piena
consapevolezza delle nostre azioni. E allora potremo
ritenerci davvero liberi.
Viviamo nell’era dell’immagine, che ci fa vivere proiettati
più sulla realtà esterna che dentro di noi; veniamo
sollecitati
soprattutto
nella
42
nostra
dimensione
sensoriale ed emotiva e non si ha più il tempo né la
voglia di usare l’intelligenza che, vale la pena ricordarlo,
è la facoltà che permette all’uomo di intus legere (leggere
dentro) le cose e gli avvenimenti.
Siamo circondati da mille distrazioni che ostacolano
prima la scoperta e poi lo sviluppo della nostra intimità:
lo stordimento delle emozioni forti, la massificazione, la
superficialità,
la
fretta,
l’attivismo,
i
rumori,
la
banalizzazione della sessualità…
Dovremmo invece ricordare alle nostre figlie che, per
prendere possesso della nostra ricchezza interiore,
dovremmo imparare a conoscerla e saperla usare bene e
quindi, per esempio, essere in grado di difenderla da ciò
che la può danneggiare, come l’invadenza da parte di
altre persone.
Saper usare bene la propria intimità significa anche
essere capaci di donarla senza perderla. Questo vuol
dire evitare di aprirla a chiunque o in qualsiasi
momento. Il tesoro della nostra intimità va concesso
soltanto alle persone giuste e al momento opportuno.
Una ragazza che offre la propria intimità – i propri
sentimenti e affetti, la propria storia, i propri segreti,
fino al proprio corpo – al primo che capita, è come se
stesse svendendo questo tesoro; o meglio, è come se non
si rendesse conto di possederlo.
Una ragazza così, come potrà mai costruire una
profonda relazione di amicizia, o ancora di più, di amore
43
verso un ragazzo, relazioni che si fondano entrambe
sulla condivisione della propria interiorità?
Se non possiede – o non è convinto di possedere –
nessun tesoro, che cosa potrà condividere, che cosa
potrà donare a un’altra persona? L’intesa, in una
relazione, è innanzitutto condivisione di ciò che di più
intimo abbiamo.
L’intimità va quindi difesa a denti stretti e con molta
decisione. Ne va della nostra felicità!
A questo serve la virtù del pudore. E non mi riferisco
solo all’intimità del corpo ma anche e soprattutto a
quella dell’anima.
Oggi si tende a considerare il pudore come qualcosa di
superato, di artificioso, quasi un ostacolo alle naturali
manifestazioni della propria personalità.
E invece il pudore non è altro che la tendenza, presente
in ogni uomo, a nascondere ciò che appartiene alla
propria intimità.
Gli adolescenti ci tengono a custodire il diario personale
perché lì c’è qualcosa di loro stessi che desideriamo
mostrare solo a chi si merita la loro fiducia. E così via:
ognuno di loro pretende e ha diritto di difendere la
propria stanza, i propri spazi, il proprio tempo, i propri
silenzi… Sentono infatti tutto questo così intimo a
ciascuno di loro tanto da non essere più qualcosa che
appartiene, ma addirittura la manifestazione di loro
stessi.
44
La persona, quindi, è un essere che ha intimità, e avere
intimità significa possedersi. E solo se mi possiedo mi
potrò donare a un’altra persona.
Ecco perché, tutto ciò che tenta di appropriarsi
dell’intimità, come i social network, i selfie continui e
ovunque, la continua connessione in rete che non lascia
più il tempo di stare soli con se stessi, rischia davvero a
lungo andare di svuotare di profondità e senso le vite dei
nostri ragazzi.
45
CAPITOLO 5
PIACERE, EMOZIONI, SENTIMENTO
5.1 ORIZZONTE CULTURALE DI RIFERIMENTO.
Quello che stiamo vivendo sembra essere il periodo
storico della libertà sessuale.
Il concetto di libertà è stato probabilmente uno tra i più
discussi in campo filosofico e merita continue riflessioni.
Quale
persona,
ad
es.,
può
essere
definita
“sessualmente libera?”
La società occidentale vanta la convinzione di godere
della maggiore libertà in campo sessuale, soprattutto se
si confronta con quelle culture in cui le donne
subiscono
mutilazioni
della
propria
integrità
e
autonomia sessuale.
In Italia le donne sono “liberissime” di scegliere se
diventare
burattine
seminude
del
circo
televisivo,
oppure no, come ha affermato tempo fa un noto
opinionista italiano.
Se per libertà si intende solo un’assenza di costrizione
fisica allora il ragionamento non fa una piega.
Le donne italiane, in quanto libere di scegliere quali
comportamenti sessuali adottare, libere da forzature
esterne e costrizioni, non possono che essere ritenute
consapevoli delle proprie scelte.
La domanda che mi pongo, però, è la seguente: come
possiamo definire “autonome”, ovvero dettate da un
proprio atto di volontà pienamente indipendente, le
46
scelte effettuate da una ragazza se vive in una società
che mostra continuamente corpi di donna nudi, dalle
più banali pubblicità di prodotti al più “innocuo”
programma televisivo?
Fin dalla più tenera età, le bambine sono abituate a
vedere corpi femminili vistosamente esibiti ovunque cali
il loro sguardo. Inoltre, tali esibizioni della nudità
femminile ricevono una connotazione valoriale molto
positiva (i corpi statuari delle modelle sono invidiati,
ammirati, acquistano fama, ecc)
Anche economicamente, seni e natiche sono capaci di
muovere risorse finanziarie ingenti, in pubblicità, come
nello spettacolo, e anche nelle organizzazioni produttive.
Potrà essere considerata libera di scegliere come usare il
suo corpo una bambina che vive in una società che
sembra non aspettarsi da lei altro che un corpo perfetto
da esibire?
Certo, è vero che per una minoranza di tali ragazze fare
la velina mezza nuda in televisione è solo un mezzo per
fare altro, ma è anche vero però che crescere in una
società in cui denudare i freschi corpi femminili è cosa
“usuale”, non può che sollevare degli interrogativi
proprio sulla presunta libertà che tale società dice di
porre a proprio fondamento.
Non dimentichiamoci infatti che una libertà assoluta di
fare e di agire è solo un concetto astratto della filosofia
morale, che vale come principio speculativo e utopistico
ma non come regola pratica.
47
Nel concreto dell’interazione sociale, gli esseri umani
esercitano la propria facoltà d’azione entro i confini
delineati dai modelli culturali di quella società.
Dovremmo allora meglio parlare di “gradi di libertà”
della condotta umana piuttosto che di libertà in sé,
intendendo con ciò la banda di oscillazione consentita
da una certa cultura a un individuo che si aspetta di
ricevere tutti i benefici connessi alla congruenza con i
modelli sociali.
E’ chiaro che sul piano teorico ognuno può compiere
scelte anticonformistiche in assoluta libertà, ma è
chiaro
che
questo
comporta
un
costo,
come
l’emarginazione e l’esclusione sociale.
Dunque la libertà, oltre a essere una potenzialità innata,
è soprattutto una facoltà da far crescere, educare e
sostenere e per la quale ancora oggi vi è un prezzo da
pagare.
Un esempio è l’infibulazione, tributo da pagare col
proprio corpo per stare dentro le norme sociali del
proprio
contesto
culturale;
le
donne
rinunciano
all’integrità del proprio corpo pur di integrarsi nella
cultura di appartenenza.
Pagare un prezzo per l’integrazione culturale, cosi’
evidente nelle somale, avviene in realtà in tutte le
società umane, anche quelle piu’ libertarie come le
nostre.
L’Unicef
sta
lavorando
moltissimo
per
sconfiggere la pratica delle mutilazioni sessuali, e la
48
strada migliore sembra proprio essere quella adottata
dall’educazione sessuale.
Ma fare educazione sessuale non significa “trasmettere
un modello di comportamento sessuale adeguato”, anzi.
Se è vero che la persona libera è quella capace di
decidere autonomamente e di fare delle scelte con
coscienza, nel pieno rispetto di sé e degli altri, allora lo
stesso principio deve comunque valere anche per la
libertà sessuale, nei paesi africani come in quelli
occidentali.
Uno degli obiettivi più importanti per chi educa alla
sessualità
sarà
dunque
quello
di
aumentare
nei
destinatari la capacità di analisi e critica della realtà per
essere in grado di compiere scelte personali.
Per le ragazze italiane, è diventata cosa sempre più
“consueta”
e
“regolare”
spogliarsi
e
strisciare
in
televisione.
Ma interrogando donne di altre culture rispetto a ciò che
provano di fronte all’uso che si fa del corpo femminile
nelle società occidentali, ci accorgiamo che per molte di
loro l’abuso della sessualità femminile viene sentito
come un mutilazione della dignità femminile.
Non è certo proponendo un modello alternativo alla
sessualità (da tutte coperte a tutte svestite) che si
produce un cambiamento di atteggiamento nei confronti
della sessualità.
E’ al contrario stimolando una riflessione profonda e
critica della cultura nel suo complesso che si può
49
realizzare una vera emancipazione degli individui che,
per
cominciare,
potrebbe
essere
una
libertà
dai
condizionamenti che il mercato delle immagini sembra
promuovere nei giovani.
5.2 IL SESSO COME GUERRA
Sembra esistere una stretta correlazione tra sesso e
guerra.
Molte delle parole usate per descrivere la sessualità
sembrano rifarsi al gergo militare.
Durante i corsi di educazione sessuale nelle scuole è
frequente sentire tra i giovani maschi l’utilizzo del verbo
“sfondare” per intendere il coito, come se il genitale
femminile fosse un avversario da attaccare e abbattere.
Il pene è molto meglio conosciuto come “cazzo”,
“cannone”, “mazza”,”bastone”, e non sono da meno i
termini “fottere”, “chiavare”, utilizzati per descrivere il
rapporto sessuale.
Se il linguaggio sessuale è un linguaggio di guerra,
viceversa, molti termini utilizzati per descrivere odio e
disprezzo hanno significati sessuali, come “cagna”, che
rimanda
alla
donna
sessualmente
ricettiva,
o
“bastardo”, che si riferisce al figlio illegittimo di una
donna equivoca.
Quando poi si vuole offendere una donna, la si chiama
“troia”, “puttana”, “sgualdrina”, termini che indicano
una donna sessualmente promiscua.
50
“Abbiam parole per uccidere, parole per dormire, parole
per fare il solletico, ma ci servono parole per amare”,
recita con una certa amarezza Gianni Rodari nel 1996.
Non esistono infatti altrettante parole che intendano un
rapporto sessuale quale scambio di piacere e tenerezza
tra due persone, e questo la dice lunga sulla relazione
strettissima che la nostra cultura ha sostenuto tra il
sesso, la violenza, il predominio e la sopraffazione.
In una cultura che sembra legittimare l’uso della
violenza nelle relazioni sessuali tra uomini e donne, la
sessualità perde la valenza di uno scambio reciproco di
piacere per divenire espressione del potere di una
persona sull’altra. Il linguaggio esprime purtroppo
anche quello che le cronache nere da tanto tempo ormai
registrano tristemente. Nelle violenze riportate nelle
pagine dei giornali, le vittime sono spesso donne,
ragazze che non sono interessate a presunti pretendenti,
oppure donne che finiscono una storia con l’exfidanzato, che però non si rassegna alla separazione,
arrivando anche ad uccidere.
In tutti questi casi, la vittima femminile è concepita
come una preda o una proprietà di cui impossessarsi
con ogni mezzo. Nella logica del prendere possesso (di
un territorio come di una donna) la violenza è una
naturale conseguenza dell’escalation militaresca di un
conflitto, contro un popolo o contro un donna. In guerra
infatti non è ammesso che una persona abbia il
51
diritto/dovere di esprimere il suo dissenso. (si dice
infatti à la guerre comme à la guerre.)
Dal
sesso
innanzitutto
come
guerra
attraverso
il
ci
si
può
emancipare
riconoscimento
autentico
dell’alterità irriducibile dell’altro, che può anche dire di
no al desiderio narcisistico individualistico.
Un’educazione alla sessualità improntata a una visione
pacifica dei rapporti fra uomini e donne potrebbe partire
proprio dalle stesse parole per dire la sessualità.
Riformulare ad es.una frase cosi’ popolare come “il pene
che sfonda la vagina” in “la vagina che accoglie il pene”
permetterebbe una visione della realtà molto diversa. La
vagina acquisterebbe una connotazione di organo attivo
e non solo ricettivo, come è invece il fodero di una
spada, da cui la parola vagina tra l’altro deriva. (1)
Non più dunque una guaina sempre aperta dove inserire
qualcosa, ma un organo che “sceglie di far entrare
dentro di sé o meno”, accogliendo per l’appunto. Ciò
consentirebbe alle donne di viversi come soggetti della
propria sessualità e del proprio corpo e permetterebbe a
molti uomini di esprimere le profonde angosce che le
metafore militaresche mettono loro di fronte.
Se una vagina è da sfondare, chi può infatti assicurare
che, una volta dentro, la stessa non tenti di castrare
l’invasore?
Come
Melanie
Klein
ha
insegnato,
l’aggressività agita a volte non è altro che la proiezione
di un’aggressività temuta, e cioè, in definitiva, una
risposta disperata a una paura inconscia.
52
Rivoluzionando le connotazioni delle parole sarebbe
forse
possibile
portare
distensione
nel
rapporto
sessuale, il quale, più che essere il luogo ove fare
l’amore, rischia di diventare un campo di battaglia ove
lottare per non soccombere alle armi di distruzione che
ciascuno dei due sessi reca in sé.
5.3 IL LINGUAGGIO DEL PIACERE
Per mia esperienza personale, parlare del piacere
sessuale
mette
in
gioco
la
relazione
educativa
sottopendola speso a dura prova.
Non si può dire che lo stesso valga per le altre due
funzioni
sessuali,
quella
relazionale
e
quella
riproduttiva.
Sul ruolo e sull’importanza dell’amore non c’è nulla da
obiettare, sulla sua funzione pacificante e costruttiva
sono tutti d’accordo.
Lo stesso vale per la riproduzione: il suo carattere di
essenzialità per la continuità della specie non può
essere posta in discussione poiché è una funzione di
base per la sopravvivenza del genere umano. Stabilire
invece che il piacere è una funzione fondamentale della
sessualità, suscita reazioni controverse.
Eppure è importante che tutti, noi genitori e educatori
per primi, incominciamo a dialogare sul e con il piacere,
consapevoli di compiere una scelta difficile.
Se sembra più facile rispetto al passato che gli adulti
parlino ai propri figli di come avviene la procreazione o
53
dell’intenso e nobile rapporto che può nascere tra le
persone con l’amore, ancora molto difficile appare
parlare
del
piacere
sessuale.
Non
dobbiamo
sorprenderci se poi la pornografia viene cosi’ tanto
seguita, fin dalle elementari in certi casi, , né se sui
quotidiani
o
alla
radio
è
sempre
più
frequente
l’associazione tra il sessuologo e la pornostar.
Come se solo la pornostar potesse rompere un lungo,
continuo silenzio sulla sessualità ludica.
Sembra infatti, per molti genitori e insegnanti, che sia
meglio non parlare del piacere sessuale perché questo
“parlarne” potrebbe istigare all’azione e alla ricerca
attiva, ricerca che invece sarebbe meglio non favorire,
limitandola con divieti e avvertimenti.
Eppure tutti sappiamo quanto sia importante la ricerca
e la sperimentazione personale affinchè si apprenda
qualcosa.
Ma per la sessualità sembra non valgano le stesse leggi,
e per paura di questo si preferisce spesso tacere sugli
aspetti
legati
al
piacere,
salvo
aspettarsi
un
apprendimento “spontaneo” ma corretto che dovrebbe
venire da se.
Ma come è possibile, mi chiedo, pensare che bambini e
bambine crescano senza domande sulla sessualità in
una società che bombarda in continuazione di messaggi
sessuali?
Alla base, c’è l’idea, spesso tenace, che fa del piacere
sessuale qualcosa che non richiede conoscenza e
54
riflessione, né tantomeno “ricerca”, ma che verrà da solo
quando i tempi saranno maturi. Questo presupposto a
mio avviso va modificato, poiché il piacere è un
fenomeno
complesso,
da
affrontare,
esplorare
ed
articolare.
L’educazione sessuale, infatti, deve riappropriarsi di
Eros, del Piacere. Alcuni recenti episodi sottolineano
però come l’accoppiamento tra erotismo e educazione
sessuale sia ancora ben lontano dal compiersi.
Esempio ne sono alcune trasmissioni televisive e
radiofoniche, che per parlare di sessualità hanno
invitato due “esperti” fissi: un ginecologo-sessuologo e
una pornostar. I due ospiti rappresentano chiaramente
i due campi di competenza distinti, uno di tipo
scientifico-informativo nella figura del medico, e uno di
tipo erotico-sensuale, nella figura della pornostar.
Questo esempio reale è emblematico di una implicita e
sostanzialmente perversa ripartizione dei saperi, con
una visione scissa della sessualità.
Un’educazione
ispirazione
sessuale
scientista
che
potrà
accentua
certo
la
propria
informare
sui
meccanismi di fecondazione dell’ovulo, sulla profilassi
delle malattie infettive, sui gradi di rischio dei vari
contraccettivi, ma lascerà fuori però tutta la magia di un
corpo pulsionale, vivente ed erotico.
Il problema della scissione fra Piacere e educazione
sessuale sta certamente nel fatto che manca un
linguaggio e una prassi in educazione sessuale che dia
55
voce a tale istanza. Le conseguenze dell’abbandono del
campo di Eros da parte dell’educazione sessuale, fa si
che i giovani si rivolgano a falsi e cattivi maestri, come le
pornodive. Per spiegarmi meglio, se la domanda esiste e
persiste nei confronti della pornografia, è anche perché
vi è carenza di risposte sui temi erotici che dovrebbero
provenire dalle figure educative di riferimento.
5.4 VERSO UN’EDUCAZIONE SENTIMENTALE DELLA
SESSUALITA’
Secondo il modello Prepos, il piacere è una delle 7
emozioni di base. Il piacere è un’esperienza emozionale,
che non va confusa né con l’affetto, né con il
sentimento.
Gli affetti sono la combinazione fra le esperienze
emozionali e le rappresentazioni, ovvero le immagini a
cui tali esperienze si associano. Per il fatto di essere un
prodotto del legame, gli affetti non garantiscono un
vissuto sempre gradevole, com’è invece per il piacere
come emozione.
Già nei primissimi mesi di vita il bambino sperimenta
subito la dinamica fondamentalmente ambivalente che
governa gli affetti, perché lo stesso oggetto che è in
grado di rilasciare il massimo piacere (la madre-seno
buono, nella terminologia di M.Klein) può essere lo
stesso oggetto che procura sensazioni penose nel
momento in cui viene percepito come frustrante la
pulsione del bambino (la madre-seno cattivo).
56
La costruzione della vita affettiva o dei legami si muove
nel senso della complessità, anziché in quello della
linearità. Gli affetti, ambivalenti, contradditori e non
determinati hanno bisogno di essere curati per essere
mantenuti vivi: ecco perché nel cammino di “crescita”
psichica dell’emozione che si fa affetto si incontra una
terza tappa costituita dal sentimento.
L’affetto si fa sentimento quando, entrando nella sfera
della coscienza, si rende disponibile alle intenzioni della
volontà.
Dunque,
per
quella
parte
che
viene
riconosciuta, l’affetto e le emozioni risultano in una
certa qual misura “trattabili” da parte delle funzioni
coscienti della persona.
Per fare un esempio di tipo analogico, l’emozione è il
tizzone ardente o la scintilla viva di un’esperienza
psichica; l’affetto è il consolidarsi della fiamma in fuoco;
il sentimento è infine l’azione di attenzione, cura e
controllo del potere calorico e trasformativo del fuoco
medesimo.
Con il sentimento, il
cerchio che porta dall’emozione
all’affetto al sentimento stesso si richiude a sua volta
poiché rimanda al “sentire”, ossia alla capacità di
percepire le innervazioni corporee e sensibili originate
dall’emozione
stessa.
Ed
è
proprio
al
livello
del
sentimento, che l’educazione può trovare la possibilità
di operare. Ed è proprio con quella parte del processo
emozionale e affettivo che si affaccia alla coscienza nella
forma di un sentimento, che l’opera del genitore e
57
dell’educatore
può
confrontarsi.
Definirei
questo
approccio “educazione sentimentale della sessualità”,
che non si limita dunque a un approccio impostato
principalmente sul linguaggio medico-biologico, ma che
nemmeno scivola nel “sentimentalismo”.
Il sentimento è il livello di manifestazione della catena di
esperienze psichiche che parte dal vissuto emotivo, si
trasforma nell’affetto mediante l’associazione con le
rappresentazioni e si stabilizza nel sentimento. Come
spiega
Vincenzo
Masini
ne
“Dalle
emozioni
ai
sentimenti”, i sentimenti sono frutto del processo di
complessificazione delle emozioni, e del lavoro della
coscienza riflessiva che organizza le mutevoli e instabili
emozioni dentro una cornice di stabilità e di riflessività.
Essendo il sentimento sempre relazionale, poiché rivolto
“verso” qualcuno o qualcosa, la coscienza permette
inoltre di costruire valori e di operare scelte valoriali.
L’educazione sessuale può dunque aiutare i giovani a
far
crescere
e
maturare
la
pulsione
sessuale
in
sentimento della sessualità.
La sessualità è infatti parte integrante dei processi di
costruzione dell’identità di un soggetto, processi che
avvengono
sempre
nell’ambito
di
una
relazione.
Occuparsi di sessualità significa allora occuparsi di tutti
quegli ingredienti che sono implicati nella relazione: la
fiducia e l’amore per sé, per il proprio corpo, per l’altro e
per il suo corpo, il rapporto col piacere, il senso del
proprio valore, il rispetto dei valori di cui è portatore
58
l’altro, ma anche ovviamente occuparsi del conflitto,
dell’aggressività, delle dinamiche di potere che si
giocano in una dimensione sessuale.
Il genitore, dunque, può aiutare il proprio figlio a
comprendere come la sessualità, se supera la mera
emozionalità egoriferita e lo sfogo pulsionale, possa
trasformarsi in sentimento, in scambio relazionale
profondo, in luogo di costruzione di valori, bussola per
una crescita umana più ampia e orientante.
(2)
(1) Laura Austoni, Alberto Zatti, I codici del piacere, Franco Angeli, 2012
(2) Vincenzo Masini, Dalle emozioni ai sentimenti, ed.Prepos,
59
CAPITOLO 6
SETTE DIALOGHI SULLA SESSUALITA’
Una domanda, a questo punto, sorge in me spontanea:
esiste un’unica modalità relazionale per affrontare il
dialogo sulla sessualità, oppure va modulato in base
alla figlia che si ha di fronte?
Senza dubbio va modulato.
La Scuola di Counseling Prepos mi ha aiutato a
comprende quanto ogni intervento educativo, per essere
efficace, non possa prescindere dall’altro, dalle sue
caratteristiche e dai suoi copioni dominanti.
Infatti è indispensabile superare la “spontaneità”, che
ha valore estetico e non etico, per difendere invece la
scelta di utilizzare schemi relazionali tipologici, proprio
per
favorire
la
comprensione
delle
caratteristiche
dell’altro, ed adeguarci al suo modo di essere e di
esprimersi.
Le sette tipologie personologiche di Prepos, infatti, sono
un allenamento utile per ampliare le proprie personali
modalità
di
interpretazione
e
di
atteggiamento
relazionale nei confronti dell’altro e sono uno schema
per orientarsi nella relazione tra le persone.(1)
Ora aprirò una riflessione, prima di tutto su “quali”
desidero che siano i contenuti da trasmettere a mia
figlia, poi su “come” modularli a seconda della tipologia
personologica, in modo da fornire una griglia che possa
essere spunto di riflessione per tutte le madri.
60
6.1 QUALI CONTENUTI?
Cosa mi piacerebbe, allora, trasmettere a mia figlia?
Mi
piacerebbe
farle
comprendere
quanto
la sfera
sessuale e quella affettiva siano intimamente correlate e
complementari tra loro, e quanto la seconda sia il
presupposto fondamentale su cui basare uno scambio
che,
apparentemente
è
fisico
ma,
di
fatto,
è
intimamente profondo.
All’inizio di questo cammino per lei tutto è ancora
sconosciuto,
tutto
è
L’innamoramento è una
diversa
accadere
e
pertanto
che
nuovo
e
misterioso.
sensazione nuova, intensa,
difficilmente
catalogabile;
può
gli strumenti relazionali dell’affettività
non si sviluppino in sintonia con gli istinti e le attrazioni
o che non riescano sempre ad esprimere emozioni e
sentimenti verso l’altro/a
nell’incertezza della loro
collocazione.
Mi
piacerebbe
dunque
che
mia
figlia
scoprisse
l’importanza di incastonare la sessualità e il piacere
dentro una cornice, quella dell’affettività.
Perché affettività è relazione, è incontro con l’altro, è
reciprocità.
E non ci può essere incontro autentico, se non ci si basa
su due presupposti fondamentali, il rispetto di sé e
dell’altro. L’altro non è un mezzo per il conseguimento di
un effimero piacere o “sballo” di una sera, ma è Persona
con cui si instaura una relazione, anche se di breve
61
durata. Con cui comunque, seppur brevemente, aprire
un dialogo interiore.
(1)
E’ fondamentale essere consapevoli di questo passaggio
sia per non diventare “fruitori veloci” di una sessualità
slegata da qualsiasi scambio relazionale ed affettivo, sia
per non diventare oggetto di fruizione dell’altro.
Mi piacerebbe a questo proposito, aiutare mia figlia ad
imparare ad ascoltarsi, ascoltare le proprie sensazioni,
in modo da affinare quell’intuito che poi la aiuterà per
tutta la vita a distinguere tra situazioni e persone che
“nutrono”, e situazioni e persone che “svuotano”, che
non arricchiscono, che “attentano” ai sentimenti anziché
porre le basi per costruirne.
Anche i concetti di intimità e pudore, affrontati nel
cap.3, sono estremamente connessi a questo discorso.
Un’altra questione molto importante è quella della
responsabilità, e dunque della comprensione che le
proprie azioni hanno delle conseguenze.
Gli adolescenti, infatti, tendono a
minimizzare
le
eventuali conseguenze delle loro azioni perché sono più
focalizzati
sui
singoli
vantaggi
immediati
di
un
comportamento.
Fondamentale, allora, soffermarsi con loro a riflettere
sulle possibili conseguenze di alcuni comportamenti
superficiali o scorretti.
Per una sessualità responsabile, è importantissimo
dunque
conoscere
gli
strumenti
contraccettivi
ed
utilizzarli. Questo proteggerà cosi’ le nostre figlie sia
62
dalle conseguenze di una gravidanza indesiderata, sia
dal
rischio
di
contrarre
malattie
trasmissibili
sessualmente.
Un altro contenuto importante da affrontare è la
gestione della rete, per insegnare ad utilizzare internet
facendo
attenzione
ai
rischi
connessi,
come
l’adescamento online di sconosciuti via chat o su Fb, il
sexting, ossia la pratica di scambiarsi online tra amici
foto osè che lasciano una traccia indelebile sul web, il
cyberbullismo.
Vorrei poi aiutare mia figlia a guardare i programmi tv, e
gli idoli della musica e dello spettacolo, in modo critico.
Vorrei darle strumenti per riflettere e per esprimere la
propria opinione sul ruolo della donna, sull'immagine di
maschio e femmina, e sul modello di sessualità fornita
da alcuni programmi, in modo che possa crearsi
opinioni personali e non stereotipate, come del resto già
affrontato nel cap. 3.
Vorrei spiegare a mia figlia che essere sexy, sensuale e
sessualmente desiderabile non è la chiave per avere un
futuro successo nella vita, nello studio, nel lavoro e
nelle
relazioni
sentimentali:
può
sembrare
una
scorciatoia, che però dura poco perché anche la bellezza
sfiorisce.
Coltivare talenti, passioni e sviluppare competenze,
invece, è un 'patrimonio' personale, originale e unico
che resta per sempre.
63
6.2 FIGLIA AVARA
La personalità della figlia avara si è formata intorno ai
diversi modi di respingere, controllare e gestire la paura,
conseguenza dell’esperienza primigenia di dolore.
Questa tipologia personologica, infatti, si è circondata di
difese affinchè nulla, dall’esterno, possa penetrare
dentro la sua persona, ferendola.
Tali difese producono due effetti negativi: rendono
difficile l’apertura e impongono di trattenere ogni cosa
nel suo interno. Tutto il suo mondo interiore è, infatti,
un sistema di organizzazione del controllo, esercitato su
di sé, sugli altri, sull’ambiente, a difesa dai pericoli e
dalle perturbazioni esterne.
Sarà un’adolescente affidabile, concreta, pignola e
prevedibile poiché ripetitiva.
Una delle forme più tipiche dei suoi processi di difesa è
quella di non mostrare i propri punti deboli, che
equivale al mantenersi chiusi e non esprimere i propri
sentimenti,
considerati
alla
stregua
di
debolezze.
Mostrare, offrire, aprirsi e dare sono le difficoltà
principali
di
un
movimento
dell’io
che
tende
a
proteggersi.
La figlia avara tiene ogni cosa nascosta dentro di sé, a
volte, tanto profondamente da renderla inaccessibile.
Un vissuto problematico non resterà sulla superficie
della sua consapevolezza il tempo sufficiente per essere
ben analizzato e compreso: dovrà scomparire dalla vista
64
ed
essere
dimenticato,
proprio
perché
critico
e
inquietante.
Una figlia avara non tollera l’indecisione, il disordine ed
il dubbio: ogni cosa deve trovare la sua collocazione,
senza indugi o scrupoli che diano inquietudine, fuori e
dentro di lei. L'avara si inganna, considerando amore
verso gli altri la sua ansia di controllo.
E cosi’ saranno le sue prime importanti amicizie, basate
su una diffidenza di fondo e su dinamiche controllanti,
in cui l’amicizia verrà vivisezionata sottoponendola al
vaglio
di
prove
concrete:
puntualità,
devozione,
esclusività, prevedibilità.
Rispetto alla sfera della sessualità, una figlia avara
difficilmente mostrerà la sua curiosità, farà domande
precise, racconterà i suoi vissuti alla madre.
Bisognerà, allora, avvicinarsi a lei ed entrare nel dialogo
in
punta
di
piedi,
utilizzando
una
modalità
tranquillizzante.
Si potrebbe partire da dati oggettivi come “Sto notando
che il tuo corpo sta cambiando”, cercando pian piano di
darle informazioni riguardo a ciò che sta accadendo al
proprio corpo, per tenere cosi’ a bada l’ansia che
inevitabilmente verrà a galla insieme alle prime evidenti
trasformazioni fisiche e ai primi approcci.
Il genitore dovrà poi andare oltre, aiutando la figlia a
rompere quel guscio in cui ha intrappolato i sentimenti
per permetterle un’apertura relazionale verso l’altro,
65
partendo da due valori che l’avaro sa coltivare molto
bene: la responsabilità e la cura.
L’avara sarà una figlia responsabile, conoscerà le
conseguenze delle proprie azioni e userà strumenti
contraccettivi adeguati: con lei il problema di gravidanze
indesiderate e di adescamenti online saranno poco
frequenti, per la sua naturale diffidenza e il suo senso di
responsabilità.
Dunque, data la sua naturale predisposizione alla
responsabilità e al controllo, si potrà sorvolare su questi
aspetti per soffermarsi su ciò di cui più è carente: la
dimensione del piacere.
La madre potrà aiutare la figlia ad ammorbidire la sua
naturale rigidità attraverso la scoperta e l’integrazione di
questa
dimensione,
in
modo
da
renderla
meno
controllata e ingabbiata in schemi stereotipati.
Abbandonarsi
al
piacere
è
anche
leggerezza,
spontaneità, apertura, flusso emozionale: tutti elementi
che
arricchirebbero
molto
la
staticità
controllata
dell’avaro.
Ma, in pratica, come fare? Per non ottenere una
repentina
chiusura,
bisognerà
partire
da
lontano:
aiutarla a soffermarsi su tutti gli aspetti di piacere che
si integrano nella vita quotidiana. Banalmente, partendo
dai sapori ”Ho visto che hai preso ancora un po’ di
queste lasagne, cosa ne pensi, ti piacciono? Sono
migliori di quelle che ho cucinato settimana scorsa?”
passando agli odori “Senti che buono questo profumo”
66
“Non è una meraviglia passeggiare sentendo l’odore
dell’erba appena tagliata?”, alle sensazioni “Non è una
bellissima sensazione una doccia fresca dopo tutto il
caldo di questa giornata?”, “Ho visto che X ti ha fatto un
complimento, ieri, fuori da scuola…come ti sei sentita?”
e avanti cosi’, su tutto ciò che riguarda la sfera delle
sensazioni piacevoli, delle emozioni, dell’ascolto del
proprio corpo.
Fino ad arrivare poi, se lei ce lo permetterà, a parlare di
piacere nella sessualità, poi di emozionalità e di
un’educazione
sentimentale
alla
sessualità,
come
affrontato nel cap.3.
Questo è l’aspetto da curare maggiormente con una
figlia avara, oltre ad aiutarla a gestire la sua ansia
attraverso un’opera di tranquillizzazione costante.
Essendo poi una ragazzina ben corazzata e critica,
difficilmente si farà irretire e sedurre dagli stereotipi del
momento, e comunque molto meno degli altri copioni.
6.3 FIGLIA RUMINANTE
La figlia ruminante si costruisce su un’emozione di
fondo, la rabbia.
La formazione di questa emozione primaria scaturisce
dall’aver trovato un ostacolo che impedisce “l’andare
verso” la meta.
Il bimbo che è impedito nell’appagamento del suo
attaccamento alla madre si carica di energie per
67
scavalcare o distruggere gli ostacoli che si frappongono
tra lui e la madre.
La
rabbia
consiste
nell’atto
ripetuto
di
caricarsi
interiormente: ripetere cioè dentro di sé la tensione
desiderante facendola crescere progressivamente. La
carica che si accresce nell’individuo è prodotta dal
bisogno di avere maggiori energie a disposizione per
raggiungere lo scopo: raggiungere l'appagamento, essere
coccolati, essere presi in braccio, farsi vedere, esprimere
un bisogno, richiamare l’attenzione su di sé, ecc. Tale
carica si trasforma in rabbia quando l’ostacolo permane
e quando il bisogno viene frustrato: a questo punto
prende corpo il risentimento (sentimento che si accende
a causa della riflessione su di sé di un sentimento non
appagato). La
presenza
di un ostacolo impedisce
l'appagamento del bisogno: il bisogno di attaccamento,
ma anche quello di piacere, di pace, di sicurezza. La
figlia ruminante si sente frustrata nell’essere impedita e
nel cozzare contro una barriera per lei inviolabile e deve
dislocare
in qualche
modo la
carica
di tensione
accumulata. Tanto più ha accresciuto in sé il desiderio e
le fantasie di anticipazione tanto più forte sarà l'energia
interna con cui convive.
La percezione di tale energia interna e l'andamento del
suo mantenerla viva ed accrescerla è l'emozione di base
in sé. La sua espressione più evidente è nella rabbia per
le implicite caratteristiche di visibilità e di spiegazione
ma, a ben vedere, tale processo di accrescimento
68
dell'energia
interna
è
comune
con
la
crescita
dell'entusiasmo. Si trasforma e si esprime attraverso la
rabbia in ragione dell'ostacolo che incontra.
All'origine vi è l'attivazione, nel momento dell'incontro
con l'ostacolo l'attivazione si esprime attraverso la
rabbia. Tale processo diventa un modo di intendere il
proprio personale rapporto con la realtà.
La figlia ruminante tenderà infatti sempre ad accrescere
le energie interne attraverso il rimuginare. Nel caso sia
ferita da una azione o da parole di un’altra persona
inizierà il suo tipico movimento interno tornando
costantemente
con
il
pensiero
sull’accaduto
ed
arrabbiandosi sempre di più. Naturalmente questo
processo non è sempre e facilmente visibile dall’esterno
(per questo il ruminante può essere descritto come
"un'acqua quieta che nasconde i peggiori gorghi")
L'aggressività e l'entusiasmo hanno in comune la stesse
capacità
di
attivazione
delle
energie
e
di
motivazione/mobilitazione. Se la figlia ruminante riesce
a orientare le sue energie nell'impegno lo perseguirà con
entusiasmo, determinazione e tenacia.
Può così essere capace di sopportare fatiche e difficoltà
con una incredibile forza interiore.
La figlia ruminante è sempre affaccendata, ha sempre
fretta.
Avrà cosi’ istintivamente un approccio anche alla
sessualità molto fisico, energico e frettoloso. Sarebbe
molto importante, dunque, aiutarla a far incontrare
69
questa forte carica energetica, prepotente a volte, con la
tranquillità tipica dell’apatico e l’empatia e il pudore
dell’invisibile. Questo le permetterebbe, per esempio, di
lasciarsi conquistare, anziché di essere sempre la prima
a muoversi verso la conquista amorosa; di non avere
cosi’ fretta, ma di conoscere prima almeno un po’ la
persona interessata, perché la conoscenza, lo scambio,
l’interesse reciproco aumentano il valore della relazione
e dell’eventuale incontro fisico. (e questo le andrà
ricordato molto spesso!)
La figlia ruminante, sempre carica è attiva, fa fatica a
fermarsi per entrare in ascolto empatico dell’altro.
Deve
essere
accompagnata,
in
questo
caso
dalla
mamma, ad imparare ad ascoltare le proprie percezioni
ed emozioni sottili, per poi entrare in risonanza con
l’altro, trasformando parte dell’energia in ascolto e
vibrazioni delicate.
Un’altra grossa fatica, per la figlia ruminante, è quella di
fermarsi a riflettere prima di agire.
Le sue relazioni e la sua sessualità saranno dunque
fortemente collegate alla pancia, molto istintive.
La ruminante si butta a pesce nelle più disparate
situazioni, senza riflettere, senza ascoltarsi o ascoltare
l’altro nel profondo. Questo atteggiamento la esporrà più
facilmente alle delusioni, che vivrà poi con la solita
grande
rabbia:
il
ragazzino
che
da
buca
all’
appuntamento, quello che dopo averla baciata parla
male di lei, l’amica che le “soffia” il fidanzatino.
70
Il grande rischio, nel caso la tensione sia troppa, è che
la figlia scivoli poi verso esperienze poco piacevoli, come
l’uso di sostanze, alcool, fumo, oppure atteggiamenti di
contestazione molto radicali.
Cosa potrei fare, allora, come madre?
Innanzi tutto, aiutarla a sviluppare quegli aspetti su cui
fa più fatica, come il saper aspettare, il mettersi in
ascolto empatico facendo spazio interiore all’altro, (di
solito la figlia ruminante ascolta in modo attivo e carico,
sempre pronta ad interrompere la conversazione per
parlare di sé) il sapersi spegnere e sentirsi in pace con
se stessa, l’imparare ad entrare in ascolto profondo di sé
e degli altri.
Le frasi più ricorrenti, con una figlia ruminante,
saranno “Non ti ha ancora mandato un sms per dirti se
vi vedrete questa sera? ASPETTA, non anticiparlo, lascia
che ti chiami lui, se ci tiene, chiamerà”.
“La porta si chiude anche senza che tu la sbatta…è
successo qualcosa con X? “ “Certo che se gli hai detto di
tutto perché si è fermato a parlare “un po’ troppo” con
una
tua amica, difficile
che
torni da te…” “…e
comunque, PERCHE’ gli hai detto di tutto? Non potevi
prima chiedergli le ragioni delle sue azioni? magari le
stava raccontando quanto sta bene con te….”
Rispetto poi, ai contenuti da trasmetterle, fondamentale
sarà parlare con lei a lungo (o in più momenti) di
responsabilità, poiché tenderà a vedere soltanto le
conseguenze immediate delle proprie azioni.
71
E la responsabilità si declina anche nell’uso appropriato
della contraccezione, perché potrebbe capitare che lei,
presa dalla foga, si dimentichi di tutto.
L’adescamento online lo vedo meno rischioso, sarà
importante parlargliene ma probabilmente in lei si
attiverà subito rabbia e sdegno per questi “esseri
viscidi”, come li chiamerebbe, e partirebbe subito una
bella ruminanza del tipo “Si mamma, aspetta che un
verme del genere venga a chiedermi l’amicizia, gliene
dico subito di tutti i colori!”
Anche rispetto agli stereotipi femminili, ai modelli della
pubblicità e della televisione, sarà più probabile che una
figlia ruminante si ponga in netta contestazione “Ma
guarda come si devono conciare per prendere due soldi
in televisione!”
6.4 FIGLIA DELIRANTE
La figlia delirante vive di voli pindarici, dei suoi pensieri
e delle loro connessioni, traendo massima soddisfazione
dalle nuove intuizioni che riesce ad avere. La sua
intelligenza non si fonda sul calcolo e sulla razionalità,
al contrario quando è di fronte ai problemi cerca
soluzioni complesse anche se inutili o controproducenti.
Per
questo
non
riesce
ad
essere
facilmente
comprensibile e, soprattutto, difetta di concretezza e
praticità. Inoltre si propone con una grande presunzione
fondata sulla sua personale capacità di comprendere; in
effetti è in grado di distanziarsi a sufficienza dalle cose,
72
dalle persone e dagli eventi per averne una visione
d'insieme ma, spesso, difetta nell'analisi dei particolari,
si riferisce costantemente a schemi di interpretazione
personale non verificati nel dialogo con altri e preferisce
le intuizioni rapide e sommarie piuttosto che un lavoro
meticoloso in profondità.
Il suo modo di analizzare i problemi è sempre originale e
la sua immediatezza nel trarre conclusioni la fanno
apparire affrettata e presuntuosa, cosa che lei non fatica
ad ammettere. "Non è colpa mia se ho sempre ragione!"
è una frase tipica del suo modo d'essere e di pensare.
Non conosce altro sistema comunicativo per esistere se
non quello del farsi accettare per quello che capisce,
discute e trasmette in modo del tutto sproporzionato
rispetto all’età.
La figlia delirante da' gioia e soddisfazione intellettuale
ai genitori attraverso la sua capacità di intuizione e la
sua creatività; non riceve, né conosce, né comunica
attraverso la dimensione affettiva che invece sembra gli
sia negata.
Solitamente
non
è
infatti
accolta
con
tenerezza,
piuttosto è apprezzata con intelligenza. Ciò la porta a
concepire
il
mondo
mediante
gli
strumenti
della
comprensione e non quelli della affezione.
Ecco perché diventa fondamentale, tra madre e figlia,
prima di tutto recuperare una dimensione affettiva forte,
aiutando cosi’ la figlia prima di tutto a sentirne il
sapore, per poterlo poi cercare e riconoscere nel mondo.
73
Scoprire o riscoprire la dimensione dell’affettività, per la
figlia delirante è fondamentale, perchè le permetterebbe
di
conoscersi,
ri-conoscersi,
ricompattare
tutte
le
scissioni interne in modo da avvicinarsi all’altro con
autenticità.
Come intraprendere questo cammino verso l’affettività?
Spostandoci da
una
comunicazione
intellettuale e
cognitiva a una più empatica ed affettiva, chiedendole,
ad es., ogni volta che ci dice “Mamma, io penso che…”
“Va bene…però cosa senti, cosa provi?”
Sarà importante, soprattutto con una figlia delirante,
ogni tanto fermarla, abbracciarla e dirle “Ti voglio bene”.
Goccia dopo goccia, il sapore dell’affettività le scivolerà
dentro.
Molto più di tanti ragionamenti, che la terrebbero
agganciata ancora una volta sul piano che ha più
sviluppato, quello razionale.
E poi, a poco a poco, questo sapore lo cercherà anche
fuori, nelle relazioni. E riuscirà cosi’ a fare il salto da
una sessualità libera, senza vincoli, sganciata da ogni
coinvolgimento,
ad
una
sessualità
intrecciata
all’affettività, in cui non ci si scambiano solo sensazioni,
non si è entrambi fruitori di piacere, ma si entra in una
relazione
più
profonda,
di
conoscenza,
scambio,
rispetto.
Per fare questo, la madre può aiutare la figlia, cosi’ ben
abituata
a
dialogare
interiormente
74
con
se
stessa
perdendosi nei meandri dei suoi ragionamenti, ad aprire
un dialogo interiore con l’altro.
Potrebbe avvenire cosi’ “Quando esci con X, cara?” “Ci
esco sabato, mamma” “Bene, comincia a parlarci da ora”
“Cioè?!?” “Comincia, dentro di te, a pensare cosa
potresti raccontagli di te, cosa potresti chiedergli, e
ascolta la sua voce dentro di te che risponde. Hai in
mente il timbro della sua voce?” “Certo mamma!” “Bene,
prova a chiacchierarci un pochino. Sabato sarà più
naturale incontrarlo, vedrai!”
6.5 LA FIGLIA SBALLONA
La figlia sballona ha come emozione fondante la
dimensione del piacere.
La percezione delle sensazioni di piacere è concessa solo
a chi riesce a “lasciarsi andare” a godere i diversi gusti
della vita.
Maggiore è il controllo e l’autocontrollo, minori sono le
sensazioni di piacere percepite. L’emozione, ovvero la
piena consapevolezza della sensazione all’interno della
coscienza, acquista una sua vita propria solo se è stata
riflettuta anche in un altro sé, diverso dal nostro. La
pienezza del vissuto emozionale è infatti dato dalla
presenza altrui con cui si empatizza l’effetto nel sé della
sensazione.
Non c’è emozione di piacere in assenza di un altro reale
o simbolico che la viva con noi o si accorga che noi la
viviamo. Ciò che si ha in assenza dell’altro è la sola
75
sensazione del piacere e vedremo come sia proprio
questo l’origine dei processi di perversione. Ciò che è
lecito affermare sul piano psicologico è che, ove le
sensazioni siano gestite egocentricamente, conducano a
perversioni del processo di piacere.
Prive del riscontro nell’altro, le sensazioni non entrano
compiutamente nella coscienza e si volatilizzano senza
acquisire il valore di emozione. La sensazione del
piacere è tra le prime ad essere sperimentata, ma tra le
ultime ad essere integrata nel sé.
Vi sono persone che nell’arco della loro intera vita non
riescono a pervenire ad una soddisfacente esperienza
del piacere, poiché resistono alla trasformazione delle
sensazioni
in
emozioni
e,
contemporaneamente,
ricercano sensazioni sempre più forti. L'emozione è per
loro del tutto effimera tanto che, per rinforzarla, hanno
bisogno di altre sensazioni che la sorreggano.
La possibilità di vivere il piacere nelle diverse esperienze
della vita è strettamente collegato alla coscienza di sé: se
le
sensazioni
contenute
in
di
piacere
quel
sono
mondo
rimaste
esclusivo
limitate
della
e
diade
madre/figlio, la possibilità di porre fine alla fusionalità e
trasformare la sensazione in un'emozione cosciente e
condivisa sarà in gran parte preclusa. Le sensazioni del
piacere
confineranno
sempre
con
l’angoscia
come
minaccia di separazione e di fine della fusionalità.
La figlia sballona vive una forte attrazione verso il
piacere che sa gustare con sensibilità emozionale
76
intensa; cerca di sperimentare le sensazioni più forti nei
confronti di tutto ciò che vive per saziarsi di un sapore
finalmente appagante. Ma non è mai paga. Ama la
sorpresa e insegue la fantasia di realizzare finalmente
ciò che sente dentro di sé e che sempre gli sfugge. La
sua ricerca di intensità è applicata ad ogni ambito della
vita:
da
se
stessa,
dai
suoi
ricordi,
dalla
sua
immaginazione, dalla sua autopercezione corporea e
psichica, alle altre persone con cui condivide momenti
effusivi e fusionali, fino alle sensazioni che gli vengono
date dal mondo.
E quando le serate finiscono, quando la sensazione di
piacere si attenua o scompare, quando non è possibile
inventare una situazione nuova che faccia risalire
l’euforia,
la
figlia
sballona
cade
nella
malinconia
manifestando oscillazioni esagerate nell’umore e nel
comportamento. Ha dunque bisogno di costruirsi un
concreto percorso di responsabilità per pervenire a
quella pienezza emozionale che cerca. Solo il massimo di
attenzione e cura nel costruire i vissuti emozionali potrà
darle la certezza di quella condivisione che desidera ed,
al contempo, fugge.
Si manifesta spesso come giocherellona che non prende
sul serio alcuna responsabilità. Eppure nella parola
responsabilità c’è l’antidoto allo sballo, all'inconsistenza,
alla volubilità, all'incoerenza, ai sogni e al disordine. Ha
bisogno di purificarsi, diventare semplice e scoprire di
77
essere amata non solo per quello che finge di essere,
incantando le persone, ma per quello che è e che fa.
Il
valore
della
responsabilità
conduce
a
questo.
Assumersi la responsabilità di un lavoro per qualcuno o
assumersi la responsabilità di qualcuno che ha bisogno
conduce alla interiore sensazione di essere importanti
per qualcuno.
Il problema centrale di una figlia sballona
sarà il
superamento della fusionalità, attuabile solo se anche la
fusionalità diventa un'emozione e non una semplice
sensazione. Il piacere dell’unipatia (ovvero del comune e
concorde sentire un'emozione) è esso stesso emozione
intensa e appagante, pur se occasionale e fuggevole.
L’unipatia sostiene e rinforza le emozioni condivise e
costituisce un particolare piacere del vivere. La figlia
sballona cerca l’unipatia senza riuscire a gustarla
poiché teme che, al suo scemare, faccia comparsa la
terribile angoscia costitutiva del suo copione. Non sa
gestire le emozioni poiché è prigioniera delle sensazioni:
non
gli
è
stata
l’accertamento
di
dell’emozione.
Non
consentita
sé
sa
mediante
difendersi
l’evoluzione
verso
piena
esperienza
dalle
sensazioni
negative rielaborandole e infine vive male anche le
sensazioni positive perché la loro fine fa venire a galla il
suo profondo vuoto esistenziale. Se, opportunamente
accompagnata, riuscirà a contrastare con efficacia la
tendenza all’incoerenza ed all’improvvisazione e saprà
acquistare un comportamento responsabile, sarà una
78
persona che sa generosamente regalare emozioni e
sentimenti.
Come affrontare, con una figlia sballona, il tema della
sessualità?
Innanzi tutto bisogna sottolineare che la sua sessualità
sarà naturalmente portata al godimento, al piacere, alla
ricerca di emozioni forti e intense, che però quando si
spengono le lasceranno vuoto e angoscia.
Ecco perché sarà fondamentale, nel dialogo con lei,
affrontare i temi della responsabilità e dell’affettività.
La responsabilità, verso se stessi, verso le proprie azioni
e verso gli altri, e l’affettività come dimensione stabile
nella propria esistenza, possono creare una struttura
che “contiene” il mondo effimero e fluido della figlia
sballona, aiutandola a sostanziarsi e a sostanziare le
proprie relazioni.
Sarà molto importante, con una figlia simile, tenerla
d’occhio sui social network e limitargliene l’uso, per
esempio ritirando tablet e telefonino alle 21 la sera e
restituendoli la mattina successiva.
Il rischio, è, infatti che ne faccia uso smodato: i social
sono uno strumento di aggregazione virtuale, dalla
corporeità vistosa, del mordi e fuggi; si fa amicizia in
fretta, si può entrare con un clik nei vissuti di tanta
gente in poche ore, si possono provare sensazioni forti…
e tutto questo, vissuto con superficialità, leggerezza e
faciloneria, potrebbe mettere nostra figlia nei guai.
79
Sarà importante parlarle a lungo dei rischi della rete, di
tutto ciò a cui si può andare incontro, lavorando sul
senso di responsabilità senza dimenticarci comunque di
vigilare, poiché un atteggiamento responsabile non si
costruisce in un giorno.
Un altro aspetto di responsabilità su cui bisognerà
soffermarsi sarà la contraccezione, perché la figlia
sballona tenderà a dire “Ma dai, mamma, cosa vuoi che
succeda!” e a minimizzare ogni rischio connesso alle
proprie azioni.
Rispetto all’immagine, la figlia sballona amerà essere
eccentrica e vistosa,
cammina; tenderà
non passare inosservata quando
giocare col proprio corpo, con i
propri capelli, metterà smalti coloratissimi e vistosi.
Sarà
dunque
molto
importante
un
confronto
sull’immagine, il corpo e la Persona, e una riflessione su
tutto ciò che vogliamo mostrare/dimostrare di noi
attraverso l’immagine e il corpo, tema affrontato nel
cap.3.
Riguardo poi all’’intimità e al pudore (paragrafo 4.2), la
madre dovrà sempre ricordare a una figlia naturalmente
predisposta a stare in superficie e a non avere segreti,
l’importanza di coltivare una zona “intima e profonda”,
da proteggere da sguardi indiscriminati, e da portare
solo dentro quelle relazioni in cui davvero si sia
sperimentato il sapore dell’affettività.
80
E alla classica frase della figlia “Mamma, ma io non ho
mica niente da nascondere”, la madre potrà rispondere
“Da nascondere no, da proteggere si”.
6.6 FIGLIA APATICA
Nel mondo della vita biologica e psicologica la quiete
non esiste. La quiete viene perseguita come situazione
ideale
di
stabile
spegnimento delle
rilassamento
conseguente
tensioni. Distinguere
tra
allo
quiete
contemplativa e pigrizia apatica è una operazione di
ricognizione psicologica complessa: non solo ove essa
sia rivolta ad interpretare il vissuto altrui, ma anche
nell'autoanalisi del proprio vissuto. Valgano due esempi:
ho di fronte a me nello stesso scompartimento del treno
una persona immobile ed assorta nei suoi pensieri da
cui non ricavo alcun segnale. Il treno si ferma e lui resta
immobile. "Un altro ritardo!", mi trovo ad esclamare
dicendolo più a me stesso che ad altri. "Non si
preoccupi, questo è un semaforo a tempo, tra due
minuti
il
treno
riparte!",
dichiara
la
voce
dello
sconosciuto che continua a mantenere la sua posizione
immobile e assorta e non dà segno di voler continuare la
conversazione. Ho di fronte una persona che sa cos'è la
quiete.
Se invece la persona è assorta nei suoi pensieri ma
tendenzialmente
apatica
(o
semplicemente
stanca,
infastidita o forse preoccupata) alla mia esclamazione
non darà risposta, e, solo dopo miei numerosi tentativi
81
di aprire un dialogo, chiederà: "Sta parlando con me?".
L'apatia è una condizione di assenza di stimoli e
disturbi che ripiega nell'indifferenza, nell'indolenza e
nell'insensibilità anche affettiva.
Caratteristica della figlia apatica è quella di avvolgersi
nei suoi pensieri e fantasticare di compiere le azioni che
dovrebbe fare nella realtà. Il suo modo di pensare è in
linea con il suo sistema di organizzazione delle azioni,
massimamente ripetitive e flemmatiche. Lei pensa di
alzarsi dalla poltrona, vestirsi, uscire, andare a scuola e
rientrare, mentre intanto non si è ancora alzata dalla
poltrona.
Ciò che colpisce nel suo modo di concepire le attività e
di realizzarle non è tanto la lentezza quando la
ripetizione delle attività, tendenti tutte allo sforzo
minimale, spezzettate in singoli gesti, a volte numerati e
cadenzati. Non accetta di tener dietro a più cose
contemporaneamente poiché dovrebbe cambiare ritmo
al suo lavoro e, soprattutto, al suo pensiero.
Di fronte a questioni davvero rilevanti, si dichiara
incapace e si appoggia come un parassita alle persone
che ha intorno.
Il sistema che adopera è solitamente quello di piangersi
addosso e manovrare gli altri con il suo senso di
impotenza e incapacità. E poi gratificare gli altri con
complimenti e moine. Ma non si coinvolge e non c’è da
attendersi
reciprocità
da
82
lei. L’apatica
evoluta
si
presenta invece come un soggetto che possiede una
delle più grandi doti: è una portatrice di pace.
La figlia apatica non farà molte domande, sulla
sessualità. Farà fatica ad “accendersi”, per qualche
spasimante, e non mostrerà particolare interesse, a
questa età, per il genere maschile.
Sarà più facile che venga scelta, piuttosto che muoversi
per scegliere attivamente qualcuno. Una figlia cosi’ sarà
forse tranquillizzante, per una madre.
Non si strapperà i capelli per partecipare o meno ai
compleanni,
se
quell’amichetta
le
o
chiederete
“Perché
quell’amichetto
non
qui
a
inviti
casa?”
Risponderà “Boh, per me è lo stesso”, e difficilmente vi
accorgerete che qualcosa cattura e incuriosisce il suo
sguardo.
Ma la madre non dovrà
“spegnersi” insieme a lei ma
cercare un dialogo, cercare un aggancio perché si sa, gli
adolescenti sono tutti curiosi e desiderosi di sapere e
sperimentarsi.
Non
aspettiamoci
che
ci
travolga
di
domande
o
interrogativi …una figlia apatica va stimolata, sempre.
Si potrà approfittare, ad es., di uno dei non rari
momenti in cui sarà sdraiata sul divano o sul letto, per
iniziare in punta di piedi un dialogo con lei.
Dovremo essere noi a proporre qualche riflessione,
provando
ad
accenderla,
incuriosendola
un
po’.
Potremmo raccontarle di noi, di come sono stati i nostri
83
primi incontri, delle emozioni che ci pervadevano in
determinate situazioni.
Del cuore che batteva forte, del non sentirsi a volte a
proprio agio dentro un corpo che cambiava in gran
fretta, delle prime delusioni amorose.
E poi, dopo averla “accesa” con le nostre narrazioni,
potremmo chiederle se ha provato qualcosa di simile, e
ascoltare quel che ci racconta del suo mondo.
La figlia apatica mette sempre una certa distanza nelle
relazioni, e invece mi piacerebbe “raccontarle” quanto
possa essere bello lasciarsi coinvolgere, entrare in
relazione, vivendo l’affettività con slancio, energia,
rispetto e responsabilità.
Riguardo
al
corpo,
all’immagine
di
sé,
sarà
sufficientemente pigra da non sbizzarrirsi nei look o
nell’apparenza: quanto invece agli stereotipi di genere,
che potrebbe digerire passivamente ogni giorno davanti
alla tv, su quelli sarà utile chiacchierare a lungo.
I social network potrebbero essere per lei un modo per
ingannare il tempo: sarà dunque importante metterla in
guardia da tutti i pericoli della rete, ed aumentare le sue
difese.
Stesso discorso per la sessualità e la contraccezione:
bisogna aumentare il suo senso di responsabilità,
attraverso uno stile narrativo, raccontandole di ciò che è
successo, ad es, a una nostra conoscente che a 16 anni
invece di andare in discoteca doveva occuparsi del suo
84
bimbo appena nato, e di notte dormiva pochissimo, ma
non certo perché si stava divertendo con le amiche.
6.7 FIGLIA INVISIBILE.
Si intende comunemente per vergogna una emozione
che va dall’imbarazzo, al pudore, all’inibizione.
Il primo passo per comprendere il movimento dell’io
denominato vergogna è immedesimarsi nel momento in
cui si comprende di “stare facendo una brutta figura”.
In tali occasioni siamo presi dal desiderio di scomparire,
di sprofondare, di nascondersi e di diventare invisibili.
Ma non tutti coloro che “fanno una brutta figura”
precipitano in una inibizione acuta e dolorosa; alcuni
reagiscono con sfrontatezza, con arroganza, con ilarità,
con
indifferenza,
con
autocontrollo
o
con
autocommiserazione (ciascuna di queste modalità è
tipica di ciascun copione, come è facilmente intuibile).
La figlia invisibile invece si curva su di sé, non avanza
alcun movimento di difesa e subisce il peso della
vergogna. Peso che la schiaccia e la inibisce ancor di
più. Nel cercare di individuare il significato della
vergogna come fenomeno emozionale umano, diffuso e
univoco, abbiamo la necessità di interpretarlo nelle sue
due principali componenti.
La prima è il forte coinvolgimento nelle emozioni
condivise
con
altri.
Al
contrario
dell'indifferenza
(dell'apatico) che vige nel tenere gli eventi ad una buona
85
distanza dal sé, e cioè non consente loro di diventare
"oggetto" dell'attenzione ma, semplicemente, li scioglie
dentro i vissuti, la sensibilità di fronte agli accadimenti
relazionali li rende oggetti fortemente presenti
con
aperta consapevolezza di loro. Percepisce ciò che vive,
ne è partecipe e lo oggettiva immediatamente.
La seconda componente è quella della comparazione tra
il sé e gli altri. La sua radice, che è il “sentirsi meno di”,
può essere individuata nel momento in cui il bambino,
uscito dalla fusione con la madre, scopre che a fianco
della madre esistono altre persone: il padre, i fratelli o
altre figure che occupano uno spazio accanto ad essa.
Questo secondo aspetto coniuga la separazione dalla
madre con la scoperta di essere meno, solo una parte
tra le altre.
Non è necessario essere stati oggetto di esplicita
squalifica
(il
disgusto
altrui),
che
indubbiamente
rafforza e rende drammatico l'accertamento dei propri
limiti,
per
sperimentare
il
lato
più
oscuro
della
vergogna,; è sufficiente che l’età dell’oro (la fusionalità)
si scomponga in più parti e che il soggetto senta la sua
partecipazione insignificante e per ciò si percepisca
ridotto e sminuito.
Se il suo precedente percorso di accertamento del sé
non è stato gestito con sufficiente affettività da una
madre avara o apatica, o comunque troppo superficiale
per la forte sensibilità di quel bambino, a lui non sarà
dato di viversi compiutamente e con fiducia.
86
Tutte le parti del sé, corporeo e psichico, del bambino
hanno bisogno di essere riempite dall’affettività affinché
essa le possa conoscere ed accettare.
La figlia invisibile vive le diverse atmosfere ed i climi
sociali con una sensibilità sfibrante, aggravata dalle sue
difficoltà comunicative. Non riferisce ad altri quanto
vive, nella convinzione che gli altri non darebbero peso e
credito
alle
sue
sensazioni
ed
ai
suoi
pensieri,
inconsistenti e banali per come essi sono, secondo lei.
L’invisibile non cura molto il suo aspetto fisico, in parte
per sottovalutazione di sé, in parte perché spera di
passare inosservata.
Non indosserà mai nulla capace di attirare l’attenzione
e, anche se desidera più di ogni altra cosa l'essere
riconosciuta ed accettata per quello che è, cerca di non
far trasparire nulla di autentico. Non ama mostrare i
suoi sentimenti perché pensa che siano fuori luogo,
fuori tempo, scontati. Le piacerebbe moltissimo poterli
esprimere e donare finalmente a qualcuno, ma si
autoconvince che non sarebbero capiti ed accettati.
Non è in grado di accumulare energia e motivazioni
perché è abituata a sminuzzarsi per timore di occupare
troppo spazio; anche i suoi sentimenti debbono essere
sempre deboli e non visibili.
Non riesce ad arrabbiarsi perché l’ira è un’emozione
troppo consistente perché possa albergare nel suo sé.
87
La figlia invisibile, morirà dalla vergogna solo a farle la
classica domanda “Ti piace qualcuno?” Figuriamoci a
parlare di sessualità…
Dovremmo dunque armarci di molta delicatezza e
pudore e, dentro un’atmosfera di particolare agio e
tranquillità, provare ad entrare in punta di piedi nel suo
mondo, nella sfera della sua emotività, e nelle sue
curiosità inespresse.
Sicuramente una figlia invisibile tenderà a nascondere il
suo corpo,
vergognarsi dei primi accenni di seno, dei
capelli che si sporcano più in fretta del solito …. e
tenderà a nasconderlo, il suo corpo, o quantomeno
cercherà di passare inosservata.
Dunque tutto il dialogo sul corpo come immagine di sé,
fondamentale per gli idealtipi come sballona e adesiva,
con la figlia invisibile potrà anche non essere affrontato.
Più importanza invece andrà data ad internet ed ai
social
network,
poiché
una
figlia
invisibile
potrà
utilizzare questi strumenti per superare la sua viscerale
timidezza ed entrare in relazione con gli altri (davanti a
uno schermo ci si può nascondere, dunque è molto più
facile).
E ben lo sanno gli adescatori online, che cercano di fare
breccia
proprio
dentro
le
vulnerabilità
delle
giovanissime, cercando la complicità di ragazzine in
cerca di attenzione, ascolto, riconoscimento.
Una figlia invisibile, cosi’ impregnata di emotività e
sensibilità, non farà certo fatica, dentro i primi approcci
88
amorosi, a sentirsi coinvolta fin nell’ultimo capello, ad
arrossire ogni volta che vede il ragazzino che le piace, a
vibrare con tutto il suo essere anche solo per una
carezza. Vivrà naturalmente l’atto sessuale come carico
di
significato,
affettività
e
relazione:
e
sarà
sufficientemente empatica per comprendere quello che,
un certo incontro, significa anche per l’altro.
Con lei il movimento sarà opposto: andrà aiutata a
prendere un po’ le distanze, a riderci un po’ sopra, a
non farsi coinvolgere troppo e troppo nel profondo, a
guardarsi e guardare il suo corpo con un po’ di ironia,
leggerezza e distacco.
Anche in questo caso la comunicazione narrativa è
importantissima.
Ad es., se fosse disperata perché il ragazzino a cui si è
donata l’ha lasciata di punto in bianco, potremmo
raccontarle episodi di vita simile alla sua accaduti
durante la nostra adolescenza: li rileggerà attraverso il
nostro racconto e questo la aiuterà a prendere un
pochino le distanze da un dolore o una sofferenza che in
lei sono totalizzanti e pervasive.
A una figlia invisibile, mi piacerebbe raccontare come il
mondo interiore sia importantissimo ma non sia tutto:
esiste un mondo fuori da assaporare, ed esiste un
corpo, il suo, che può regalarle sensazioni meravigliose,
per esempio quando incontra un altro corpo.
E possiamo regalarci e regalare all’altro il piacere,
dimenticandoci per un attimo che apertura è anche
89
vulnerabilità, e vulnerabilità è possibilità di essere feriti.
Perché
apertura
è
anche
relazione,
nutrimento,
possibilità di uno scambio profondo.
Vorrei ricordarle che è bella, anche se non si sente tale.
E che può anche camminare con la testa alta e non
sempre con le spalle curve verso il basso; che può
scegliere e non aspettare di essere scelta. Che può dire
di no, con la stessa naturalezza con cui sa dire si.
6.8 FIGLIA ADESIVA.
Caratteristica emblematica dell’adesivo è la ricerca di
attaccamento la cui forma di spostamento più nota è
l’appagamento vicario nel cibo. La bocca è l’organo con
cui il bimbo ha il primo contatto positivo: l’incontro con
il seno materno e l’assunzione del caldo colostro. Il
primo latte non solo gli scalda lo stomaco ma lo sazia e
lo appaga dopo che ha lasciato l’utero materno.
Ma non è solo il latte che lo riempie quanto la
sperimentazione del contatto materno, la prima carezza,
un bacio sulla pelle, il primo abbraccio.
La mancanza della madre, l’assenza di un adulto che la
sostituisca, la perdita del padre o la deprivazione
affettiva conducono verso il copione dell’adesivo.
La figlia adesiva ha una forte propensione a ricercare
nel
cibo
un
appagamento
vicario
rispetto
all’attaccamento ed è soggetta a manifestare molti dei
diversi disturbi dell’alimentazione: dalla preferenza per i
cibi dolci e nutrienti ai disturbi della nutrizione o
90
dell'alimentazione incontrollata, fino alla bulimia. Il
copione di base dell’adesivo è invece più semplicemente
incentrato sul desiderio di sperimentare la sensazione di
attaccamento, di cui è continuamente in attesa come di
una promessa ancora non mantenuta.
Le
successive
evoluzioni,
anche
patologiche,
sono
schemi di categorizzazione psicologica e di azione giocati
in contatto con altri copioni che, invece di equilibrare,
rendono ancor più gravi le condizioni del soggetto.
Per comprendere il copione di base dell'adesivo occorre
mettere bene a fuoco la natura del
suo bisogno di
attenzione: egli tende a richiamare l'interesse degli altri
su di sé, a mettersi in mostra fin da piccolo per giungere
addirittura ad interpretare il ruolo del pagliaccio nel
gruppo. Pur di essere considerata, la figlia adesiva
sceglie di far ridere di sé. Ama il contatto fisico, si pone
sempre a bassa distanza dalle persone, chiunque siano,
le tocca, le richiama a sé. L’adesiva si presenta come
una buona amica perché ha bisogno di amici al punto
da
svendersi,
diventare
servizievole
oltre
misura,
sottomettersi e lasciarsi ingannare.
Pur di essere apprezzata diventa condiscendente ed è
facilmente
condizionabile
e
manipolabile.
Più
vive
carenze affettive, più concede potere all’altrui presenza:
accetta qualunque ordine o proposta, anche insana, pur
di essere parte di un gruppo. Nel rapporto con gli altri
non cerca di far prevalere la sua opinione ma giunge a
sacrificare se stessa purché vi sia accordo tra le persone
91
e non avvenga nessuna separazione o allontanamento.
La sua proiezione verso gli altri la rendono riconoscibile
per altre due sue caratteristiche: l'imitazione e la
sottomissione.
La ricerca affettiva la propone come un soggetto
disponibile ad ogni contatto a cui l'adesiva si adegua per
favorire le richieste dell'altro ed essere da lui accettato.
L'altro è per lei sempre buono e positivo, in ragione
dell'attenzione che mostra verso di lei, e dall'altro
l'adesivo può facilmente farsi "rapire"; il rapimento è un
incantamento emozionale gratificante che fa apparire
l'altro infinitamente buono e importante. E, anche di
fronte ad attenzioni minime, lei sente gratitudine per
l'interesse che l'altro mostra; è infatti molto facile
"comperare" un’adesiva. Basta ascoltarla, gratificarla e
promettere un’ attenzione crescente per il futuro e
contemporaneamente
minacciare
comporterà
le
secondo
che,
aspettative,
se
non
interverrà
si
una
separazione, determinata dalle situazioni, non dalla
volontà dell'altro.
L'ansia di separazione è il motore della personalità
dipendente e, attraverso l'attrazione di appagamento e la
paura di perdere tale possibilità, la sottomissione si
attua.
C’è un momento in cui la figlia adesiva comprende il suo
eccessivo bisogno di attaccamento e trova qualcuno a
cui
esprimere
tale
bisogno
92
e
condividerne
le
manifestazioni. A quel punto il suo difficile viaggio nelle
relazioni diventa un facile volo.
Quando il suo bisogno di essere oggetto di attenzione è
saziato, non sarà più petulante ma affettuosa, sensibile,
affezionata e premurosa.
L’adesiva ha una grande capacità di coltivare le
relazioni, ricordarsi gli anniversari, far sentire la sua
presenza con continuità alle persone. Ha un grande
senso dell'amicizia ed è fedele anche quando la fedeltà
gli costa e gli fa vivere contraddizioni.
Ha grande memoria per le attenzioni che ha ricevuto e
discrimina in modo netto le persone che l’hanno ferita
da quelle che l’hanno aiutata e compresa.
La figlia adesiva sarà disposta a tutto per un po’ di
affetto e attenzioni….
Tra i vari idealtipi, l’adesiva e la sballona saranno le più
vulnerabili rispetto alla pedofilia online, poiché saranno
quelle maggiormente desiderose di entrare in relazione,
di aprirsi a nuovi e stimolanti incontri.
L’adesiva ha anche un bisogno fortissimo di ricevere
affetto, di sentirsi riconosciuta ed amata, e sarà
disposta a tutto, o quasi, per saziare questo suo
bisogno. E tenderà a fidarsi ed affidarsi con molta
facilità, sia con persone conosciute che sconosciute.
Bisognerà dunque vigilare con attenzione sull’uso che
farà della rete, impedendole di mettere password o
protezioni: sarà importante dialogare a lungo con lei sui
rischi della rete, sull’attenzione e selezione che dovrà
93
porre rispetto alle persone che le chiederanno l’amicizia
sui social network, sul sexting e sui rischi connessi, sul
cyber bullismo.
Tenderà a confondere eventuali lusinghe sul suo aspetto
fisico come manifestazioni di affettività, dentro le quali
cercherà di tuffarsi a braccia aperte, dunque andrà
messa in guarda e aiutata a discernere i vari tipi di
approcci, proprio per tutelarla da probabili cogenti
delusioni e ferite.
Cercherà di piacere a tutti i costi, di farsi notare, a volte
esagerando anche nel modo di vestire.
La madre dovrà aiutarla a riflettere sul messaggio che
vuole passare attraverso il proprio corpo, per aiutarla a
non confondere il gioco di seduzione con un desiderio
profondo di affettività. Lei attraverso la seduzione cerca
l’affettività, mentre per il genere maschile è molto più
rapida l’associazione tra la seduzione e la sessualità.
La
madre
comprendere
potrà
queste
dunque,
accompagnandola
distinzioni,
aiutarla
a
a
non
incappare in troppi equivoci con il genere maschile.
Equivoci dovuti anche al suo estremo bisogno di
contatto fisico, che in taluni casi potrebbe essere mal
interpretato facendola cosi’ incappare in situazioni
spiacevoli.
La figlia adesiva tenderà a svendersi, ad omologarsi, ad
andare “oltre” i suoi desideri pur di compiacere e di
essere accettata.
94
Fondamentale,
allora,
aiutarla
a
concentrarsi
maggiormente sui propri, di desideri. Sulle proprie
emozioni, sul proprio corpo, imparando sempre più a
rispettarsi e a farsi rispettare.
Sarebbe un bel traguardo, per una figlia adesiva,
arrivare a incontrare l’altro attraverso un rapporto
sessuale
perché lo si è scelto, non perché “L’han già
fatto tutte le mie amiche, mancavo io” o perché “Lui
voleva altrimenti mi avrebbe lasciato”.
Una madre può, come gli argini per un fiume, offrire
contenimento e direzione. E può aiutare la propria figlia
a scorrere nella vita, vigilando, stando a lato, invisibile e
forte. Se gli argini sono adatti, il fiume segue il suo
corso, e non straripa.
(1) “L’irradiazione affettiva”, Vincenzo Masini, Rita Gherghi, La bancarella Editrice,
2013
95
CONCLUSIONE
Ho scritto questa tesi, o, se vogliamo, questa raccolta di
riflessioni, perché ho sentito il bisogno da un lato di
proteggere mia figlia dai molti rischi che potrà correre in
un mondo cosi’ complesso, dall’altro di fornirle un paio
di ali, per poter esplorare la vita e il mondo che la sta
aspettando, senza farsi troppo male e imparando a
comprendere chi è, e quale sarà il suo percorso.
Compito non facile, per alcuni di noi genitori, troppo
ansiosi e protettivi. Ma anche non facile per alcuni dei
nostri figli, spesso desiderosi di vivere tutto troppo
presto, accelerando in modo eccessivo la loro crescita ed
esponendosi a rischi di cui non riescono a prevedere
implicazioni e conseguenze.
Un buon dialogo con i nostri figli, modulato e impostato
in base alle loro caratteristiche personali, potrà essere
un valido aiuto, una stella polare per orientarsi anche
nei giorni di tempesta.
E
permetterà
a
noi
madri
di
trasmettere
alcuni
strumenti e valori ai nostri figli, e ai nostri figli di
sentirsi compresi, accompagnati e sostenuti in un’età
cosi’
meravigliosa
e
difficile
dell’adolescenza.
96
come
quella
BIBLIOGRAFIA
Silvia Vegetti Finzi, Anna Maria Battistin, L’età incerta, Mondadori, 2001
Vincenzo Masini, Dalle emozioni ai sentimenti, Edizioni Prepos
Lorenzo Barbagli, Pedagogia Relazionale, La Bancarella editrice, 2014
Vincenzo Masini, Rita Gherghi, L’irradiazione affettiva, La bancarella
editrice, 2013
Gustavo
Pietropolli Charmet,
Non
è
colpa delle
mamme,
Oscar
Mondadori, 2009
Daniela Galardi “Come parlare della sessualità ai vostri figli”, Achille
Dedè, ed.Piemme, 1994
Lorella Zanardo “Il corpo delle donne”, Feltrinelli, 2014
Pellai, Alberto,Rivista Psicologia contemporanea. Teen-porn. Cosa dire ai
giovanissimi sulla pornografia. Psicologia contemporanea, Anno: 2014Fascicolo: 246
Laura Austoni, Alberto Zatti, I codici del piacere, Franco Angeli, 2012
Dr. Pierre Galimard, “Da 11 a 15 anni, Mutamenti, conflitti e scoperte
dell’adolescenza”, Editrice Ancora Milano, 1993
Alberto Pellai, “Tutto troppo presto, L’educazione sessuale dei nostri figli
nell’era di internet”, De Agostini, 2015
Marina Terragni, “La scomparsa delle donne”, Mondadori, giugno 2007
Willy Pasini, “La seduzione è un’arma divina”, Mondadori, 2012
97
Fly UP