...

Uscire, annunciare, abitare, educare, trasfigurare Cinque parole per

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Uscire, annunciare, abitare, educare, trasfigurare Cinque parole per
Uscire,annunciare,abitare,educare,trasfigurare
CinqueparoleperFirenze2015
LaChiesafiorentinasipreparaalConvegnoEcclesialeNazionale
Martedì3febbraio2015‐SpazioReale‐SanDonnino
IntroduzionediDomBernardoGianniPriorediSanMiniatoalMonte
allapresenzadiSuaEminenzailCardinaleGiuseppeBetori
RingrazioSuaEminenzaperlesuesemprecareecordialiparole,perlasuaimmeritatastima,
assiemeaquelladelcaroDonAndrea,possodefinirloanchetral'altromiocolleganellavoro
dellagiuntaperlapreparazionealconvegnoeviringrazioperchéperme,aldilàdellafatica,è
una grande gioia poter condividere il cammino di preparazione verso il convegno che già
l'Invito nel 2013 qualificava, consegnando alle varie realtà della Chiesa italiana una
preparazione, una interazione in vista del convegno stesso, come un autentico evento
ecclesiale, comunitario e comunionale. Sono tre bellissimi e importantissimi aggettivi che
corrispondonoancheaquellochenoistiamovivendostasera,quindiseinsieme,soprattutto
noi di Firenze sappiamo prepararci, con momenti forti come questo, ecclesiali, comunitari e
comunionali,certamenteilconvegnodelprossimonovembrenonsmentiràquelleattesegià
espressenell'Invito.
Io prendo le mosse stasera dalla chiusura del Concilio Vaticano II, credo che sia importante
riflettereinsieme su cosa abbia significato per i Padri conciliari l'espressione umanesimo, in
che termini essa sia apparsa in quell'altissimo e autorevolissimo magistero, come di fatto si
sia creata una visione cristiana dell'umanesimo dopo il Concilio e cogliere in che misura il
percorsochenoistiamofacendoadesso,echevorremmocontinuareafare,nonsiaaltroche
unriverberodiquelleriflessioni.
In questo senso suona secondo me di grandissima, oltre che bellezza, pregnanza teologica,
antropologica, ma direi davvero storica e culturale un passaggio della allocuzione di Papa
PaoloVInell'ultimasessioneecumenicadelConcilioVaticanoII‐Martedı̀,7dicembre1965:
«LaChiesadelConcilio,sı̀,siè assaioccupata,oltrechedisestessaedelrapportocheaDiola
unisce, dell’uomo, dell’uomo quale oggi in realtà si presenta: l’uomo vivo, l’uomo tutto
occupato di sé , l’uomo che si fa soltanto centro d’ogni interesse, ma osa dirsi principio e
ragione d’ogni realtà . Tutto l’uomo fenomenico, cioè rivestito degli abiti delle sue
innumerevoliapparenze;siè quasidrizzatodavantialconsessodeiPadriconciliari,essipure
uomini,tuttiPastoriefratelli,attentiperciò eamorosi:l’uomotragicodeisuoipropridrammi,
l’uomosuperuomodiieriedioggieperciò semprefragileefalso,egoistaeferoce;poil’uomo
infelicedisé ,cherideechepiange;l’uomoversatileprontoarecitarequalsiasiparte,el’uomo
rigidocultoredellasolarealtà scientifica,el’uomocom’è ,chepensa,cheama,chelavora,che
sempreattendequalcosailfiliusaccrescens(Gen.49,22);el’uomosacroperl’innocenzadella
suainfanzia,perilmisterodellasuapovertà ,perlapietà delsuodolore;l’uomoindividualista
e l’uomo sociale; l’uomo laudator temporis acti e l’uomo sognatore dell’avvenire; l’uomo
peccatore e l’uomo santo; e cosı̀ via. L’umanesimo laico profano alla fine è apparso nella
terribilestaturaedha,inuncertosenso,sfidatoilConcilio.LareligionedelDiochesiè fatto
Uomo s’è incontrata con la religione (perché tale è ) dell’uomo che si fa Dio. Che cosa è avvenuto? uno scontro, una lotta, un anatema? poteva essere; ma non è avvenuto. L’antica
storia del Samaritano è stata il paradigma della spiritualità del Concilio. Una simpatia
immensa lo ha tutto pervaso. La scoperta dei bisogni umani (e tanto maggiori sono, quanto
più grandesifailfigliodellaterra)haassorbitol’attenzionedelnostroSinodo.Dateglimerito
diquestoalmeno,voiumanistimoderni,rinunciatariallatrascendenzadellecosesupreme,e
riconoscerete il nostro nuovo umanesimo: anche noi, noi più di tutti, siamo i cultori
dell’uomo».
Vengono personalmente i brividi ogni volta che si rileggono parole così belle, anche da un
punto di vista retorico e letterario e soprattutto colpisce questa espressione nuovo
umanesimo, e sorprende forse un pò che tanto nell'invito quanto nella traccia manchi alcun
riferimentoaquestosplendidodiscorsoinchiusuradelConciliodoveilPapa,oggettivamente,
parladiunnostronuovoumanesimoeiocredocheilconvegnodiFirenzeprendadifattole
mossedaquestaanticaintuizione,daquestaantica,vorreidire,rivendicazionediPapaPaolo
VI contro ogni umanesimo che come tale ritiene insulsa ogni trascendenza, addirittura
esclude,comedifattoimpropriaallaricercadellaragione,laquestionediDio.Eccochequisi
afferma che solo un umanesimo che si apre alla dignità e alla trascendenza è veramente
cultoredell'uomo.
Guardate da queste affermazioni partono linee che ci riportano, per esempio, al bellissimo
discorsodiPapaBenedettoaParigialcollegiodeiBernardini,dovesiaffermacomel'esercizio
della ragione, anche attraverso il metodo della filologia cioè della cura della parola, del suo
rigore scientifico, esegetico, è il metodo che non mortifica, ma al contrario qualifica l'uomo,
anchesequestaparolalasistudiacomepossibilerivelazionedelSignore.
Inaltreparoleunumanesimodavveroatuttocampochepersuadefinizione,avendoacura
l'integraledell'uomo,nonpuòcertoprescindereestralciarecomeinutileevanaquestioneil
fattodiDio.EancoraditrascendenzaedidignitàdellapersonahaparlatoPapaFrancescoal
ParlamentoEuropeomoltorecentemente;anchelìPapaFrancescohadettochesel'Europaci
tiene tantissimo al suo umanesimo, non potrà certo rinunciare alla dimensione di
trascendenza che ha tanto caratterizzato espressioni altissime della sua cultura, della sua
storia,delsuopensiero.
Dunque,comevedete,daunPapaall'altro,pernonparlaredidiscorsianaloghiincontestinon
dissimili di Papa Giovanni Paolo II, il tema dell'umanesimo appartiene alla coscienza del
magisterodellaChiesa,appartieneallapredicazionedeinostriPapi,appartieneallatradizione
dellaChiesa,chevuoledifattoproporreunavisionedell'uomodavverointegrale.
InquestosensoilConcilioalnumero7diGaudiumetSpesnonèignarocheesisteappuntouna
semprepiùpervasivadiffusionedell'umanesimochesiritienetaleproprioperchéallontanala
questionediDiodallasuacoscienza,dallasuaricerca,dalsuostatutointellettuale:
«..moltitudini crescenti praticamente si staccano dalla religione. A differenza dei tempi
passati,negare Dio o la religioneo farne praticamente a meno, non è più un fatto insolito e
individuale. Oggi infatti non raramente un tale comportamento viene presentato come
esigenza del progresso scientifico o di un nuovo tipo di umanesimo. Tutto questo in molti
paesi non si manifesta solo a livello filosofico, ma invade in misura notevolissima il campo
dellelettere,dellearti,dell'interpretazionedellescienzeumaneedellastoria,anzilastessa
legislazione:diquiildisorientamentodimolti».
Di questo tipo di umanesimo che potremmo qualificare come autoreferenziale possono
bastareduesoliesempi.Hoincontratol'altrogiornopercasounpassaggiodell'epistolariodi
Lacan dove egli cita una frase che lui aveva incontrato nelle lettere di Pablo Picasso, una
affermazione dove si coglie tutta questa pretesa dell'uomo di trovare da solo, attraverso la
scorciatoiadiunaragionechesiritienecapaceditutto,soluzioniadognimistero:
«Iononcerco,iotrovo»
cheètuttoilcontrariodellaprospettivadiquell'umanesimodecantatodaPapaBenedettoa
Parigi che ha al suo cuore la attitudine, perdonatemi, tipicamente monastica, del quaerere
Deum,sitrattapropriodellaintelligenzachesimetteallaricercadiDio,chenonescludedase
stessalanecessità quantomenodimettersiallaricercadiDio.
E ancora, è interessante notare questa diagnosi drammatica che Claude Levi Strauss dà
dell'uomo e della storia, in cui in realtà, come accadrà per gli esiti più estremi dello
strutturalismofrancese,anchelaparolaumanesimoappareunaformadiforzaturaidolatrica
di un concetto che in realtà scomparirà, come scomparirà l'uomo stesso inghiottito da una
naturachenessunsignificatohaoltreilsuoimmediatoesserci:
«il mondo è cominciato senza l’uomo e finirà senza di lui, abbiamo sı̀ l’illusione di poter
difendere col potere e la tecnologia quanto le nostre culture hanno elaborato cercando di
disarmare progressivamente la natura, ma quanto alle creazioni dello spirito umano, il loro
sensononesistecheinrapportoall’uomoesiconfonderannoneldisordine»
Come vedete tutto il mistero dell'uomo è qui ridotto niente di meno a un mero fenomeno
senzaqualitàalcunachelotrascenda,unfenomenoche,comeaccadeinnatura,alpiùpotrà
lasciare un fossile di se stesso, ma niente altro, senza alcun fine, senza alcuna causa senza
alcuna origine, questa è la prospettiva di quell'umanesimo di cui il Concilio Vaticano II in
Gaudium et Spes al numero 7 ha lucidamente preso atto e invece, questa espressione così
bella, nuovo umanesimo, che noi vogliamo sia l'arrendersi a una visione integrale dell'uomo
cheincludalasetediDio,laritroviamoinunaltropassaggiodiGaudiumetSpes55‐56dove
troveremo formulato il quesito dei quesiti, che credo sia importante porci ancora oggi per
individuare un più adeguato fondamento ‐perché no?‐ anche dottrinale per questa
celebrazione del convegno, per arginare il rischio di un eccessivo appiattimento ad una
superficialepastoralechefiniscapertrascurarelanostraconsapevolezzateologicadiessere
figlinelFiglio.
GaudiumetSpes55.L'uomoarteficedellacultura
«Cresce sempre più il numero degli uomini e delle donne di ogni gruppo o nazione che
prendono coscienza di essere artefici e promotori della cultura della propria comunità . In
tuttoilmondosisviluppasemprepiù ilsensodell'autonomiaedellaresponsabilità ,cosacheè disommaimportanzaperlamaturità spiritualeemoraledell'umanità .Ciò appareancorpiù chiaramente se teniamo presente l'unificazione del mondo e il compito che ci si impone di
costruireunmondomigliorenellaverità enellagiustizia.Intalmodosiamotestimonidella
nascitad'unnuovoumanesimo,incuil'uomosidefinisceanzituttoperlasuaresponsabilità versoisuoifratellieversolastoria»
Equestaèunaespressionemoltobellaincuidell'umanesimosicoglieunaspettochetornerà
comeparticolarmentecaroanchealmagisterodiPapaFrancesco,unumanesimoappuntoche
siaalserviziodelmondoechedunquesia,comedire,sposatoomeglioassimilatodallaChiesa
nellasuainstancabileeinsonneattitudinediservirel'uomo,diservirel'umano,peraccorciare
ladistanzatraDioel'uomoealloraeccoladecisivadomandacheilConciliosiponeva:
56«Come,infine,riconoscerecomelegittimal'autonomiachelaculturarivendicaasestessa,
senzagiungereaunumanesimopuramenteterrestre,anziavversoallareligione?»
Comevedeteintornoaquestaparolasiannodadunqueunatensionenonsempliceechequae
là,devoanchedirvi,hafattoalzarequalchenotacriticasull'aversceltoquestaparolacheha
una storia così complessa nella storia del pensiero e della mentalità della nostra cultura
occidentale;infondoanchelastessaFirenze,el'Invitocoglieràquestoaspettocomevedremo
frabreve,ècertamenteilluogodove,cometuttinoisappiamo,ènatol'umanesimofiorentino,
mapurtroppoancoraoggiunavulgataancoradiffusafaritenerel'umanesimofiorentinocome
l'inizio di una stagione nuova, di totale autoreferenzialità dell'uomo rispetto a Dio, dove di
fattosiiniziaacelebrareunuomoaffrancatoedallaChiesaedatuttountipodisaperechela
Chiesa trasmetteva, veicolava e con una visione della centralità di Dio che si ritiene
semplicementediun'epocapassata,ilsecolobuiodelmedioevo.
Alcuneinterpretazionistoriografichepurtroppoancorasegnanoilmagisteroancheinmolte
nostre scuole e purtroppo non colgono il segno, il dato essenziale che noi fiorentini non
abbiamo bisogno di ricordarci, la Traccia lo fa appena appena, l'Invito anche, ma basta fare
una piccola passeggiata nel centro della nostra città per capire cosa si costruisse
nell'umanesimo, con che prospettiva venissero edificate chiese e altri luoghi da artisti, che
certo recuperavano la tradizione della classicità, ma sentendosene in qualche modo figli e
senzamaiperquestovolerlaridimensionarerispettoalportatodellatradizionecristiana.
Credo che questo sia importantissimo dirlo e sarebbe molto interessante, forse addirittura
fareancheunpiccoloviaggionelCanzoniere,peresempiodiFrancescoPetrarcaodiLorenzo
ilMagnificochesonoduecanzoniericostruitialmododellaDivinaCommediadovesiracconta
tutta la dimensione dell'ordo amoris capovolto, dove l'uomo cioè si perde amando più la
creaturadelcreatore,salvopoiallafinedelcanzoniere,riconoscereuneventodiconversione
nellapropriavitapercui,tantoPetrarcatantoLorenzo,finalmenteaderisconoallaprospettiva
percuiprimasiamailcreatoreepoilacreatura.Questesonocosechenonsentiretemai,la
vulgatavuoleFrancescoPetrarcaavventurarsineiboschettiallaricercadiLauraeLorenzoil
Magnificomezzoubriacosuicarriallegoriciintonando“Quant'èbellagiovinezzachesifugge
tuttavia! Chi vuole esser lieto, sia, di doman non c'è certezza”, sono dati di una parzialità
estrema.
Einfattil'invitodice:
“Proprionellacittà diFirenzel’incontrotraumanesimoclassicoevisionecristianadell’uomo
haraggiuntoilsuoverticestoricotrailXIVeilXVIsecolo.Untempoglistoricipresumevano
chel’umanesimorinascimentale,facendodaapripistaallamodernità eallesue“rivoluzioni”
culturali, a cominciare da quella copernicana, rappresentasse un’interruzione della
concezionedell’uomopensatocomecreaturadiDio.Inrealtà ,comehannospiegatopensatori
cristianidelprimoNovecentoqualiBerdjaev,Gogarten,Guardini,l’umanesimorinascimentale
fu un crocevia delicato, in cui divenne evidente l’intima connessione tra la dipendenza
dell’uomodaDioelasuacapacità creativa,entramberiflessodiquellasomiglianzaconDiodi
cuiparlalaGenesi”.
Io insisto su questo perché noi siamo fiorentini, celebriamo il convegno a Firenze, certo
meritereste ben altro docente a dirvi queste cose, ma non vi sfugga mai, io ripeto, questa
prospettiva forte, complessa, ma nello stesso tempo limpida ed evidente della tradizione
umanisticafiorentina,laprospettivafortedellasomiglianzaconcuiDiohafattol'uomo,come
ciraccontaGenesi,concuiDiohareso,permegliodire,l'uomocreaturaaLuiprediletta,daLui
prediletta in un vincolo di predilezione e di somiglianza che fonda quella dignità dell'uomo
chel'umanesimohasemmaiscopertoequalificato.
Ancora l’Invito: “Da quel crocevia, nondimeno, ha preso le mosse un processo di
differenziazione interna all’umanesimo che ha separato ciò che in realtà è unito,
contrapponendoartificialmentecreaturalità ecreatività ,eteorizzandolalibertà dellaseconda
nella negazione della prima”. Gli esiti dell'umanesimo purtroppo sono andati incontro a
questasortadidivorzio,aquestasortadipolarizzazioneicuidanniappunto,comevedete,il
ConcilioVaticanoIIinGaudiumetSpesnonmancadinotareel'invitoalconvegnoperdarci
uno sguardo un po' più allargato su cosa significhi oggi l'umanesimo al di fuori dei confini
ecclesialicidiceconunsguardoquasidisincantato:
“Oggil’umanesimocristianosembraesseresoltantounavarianteminoritariatrainumerosie
differenti umanesimi che preferiscono non richiamarsi ad alcuna ispirazione evangelica:
“umanistisecolari”sisonoautodefinitialcunideilororappresentantinell’incontrodel“Cortile
dei Gentili” tenutosi a Stoccolma nel settembre 2012. Secondo taluni pensatori saremmo
entrati nell’epoca post‐moderna, definita anche come epoca post‐secolare. Il processo di
secolarizzazione, iniziato con la messa in discussione del cristianesimo quale principio
sintetico dell’umanesimo, dopo vari tentativi di cercarvi alternative sembra ormai giunto al
suoesaurimento.Ogginonesistepiù unprincipiosinteticochepossacostituireilfulcrodiun
nuovoumanesimo.”
Questoèundatoimportanteperchécifacapire,comesiaccennavagiàprimacommentandoil
brano, un po' agghiacciante direi di Levi Strauss, che laddove vienemeno il riferimento alla
trascendenzadell'uomoèchiarocherisultasemprepiùdifficileparlarediumanesimo,percui
l'uomo perde, come dire, una consistenza, un fulcro tale per cui si possa ancora parlare
genericamente di umanesimo. Allora voi capite perché sia importante parlare insieme per
prepararci a un convegno che saluta un nuovo umanesimo, abbiamo bisogno di un nuovo
umanesimo,perchéabbiamobisognodiunarinnovatavisionedell'uomoeabbiamobisogno
diunarinnovatavisionedell'uomoperchéabbiamopersoquelfulcrodeterminante,connesso
allatrascendenzadell'uomoinCristoGesùequestaèlanostraproposta,naturalmenteèuna
proposta di fede, ma che ci appassiona e che vogliamo offrire alla riflessione della società
italiana. Era sempre l’Invito a scrivere: “Per questo, pur nella consapevolezza della natura
plurale dell’odierna società , uno degli scopi del Convegno è quello di proporre alla libertà dell’uomo contemporaneo la persona di Gesù Cristo e l’esperienza cristiana quali fattori
decisividiunnuovoumanesimo”.
Delrestomoltecorrentidipensiero,nelpassatoenelpresente‐comeciinsegnavaGiovanni
PaoloIIinDivesinmisericordia1‐“sonostatepropenseadividereeperfinoacontrapporreil
teocentrismo e l’antropocentrismo, la Chiesa invece, seguendo il Cristo,‐ecco questo
riferimentofortissimo,“InCristoGesù,ilnuovoumanesimo”,credochecosìrisultiunpocopiù
chiaro‐ cerca di congiungerli in maniera organica e profonda. E questo è anche uno dei
principi fondamentali, e forse il più importante, del magistero dell’ultimo Concilio”. Il Papa
GiovanniPaoloalludevaquisenz’altroamoltifondamentalipassaggi,fral’altro,diGaudiumet
Spes, fra cui quello, celebre e celebrato, del numero 22 che merita anche qui di essere
riportatoaifinidelnostroargomentare:
“Gaudium et Spes 22. Cristo, l'uomo nuovo. In realtà solamente nel mistero del Verbo
incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo. Adamo, infatti, il primo uomo, era figura di
quellofuturo(28)(Rm5,14)ecioè diCristoSignore”.
E ancora: “Cristo, che è il nuovo Adamo, proprio rivelando il mistero del Padre e del suo
amoresvelaanchepienamentel'uomoasestessoeglimanifestalasuaaltissimavocazione”.
VedetelacosastraordinariaècheCristodifattorivelandociilPadresvelaanchel'uomoase
stesso, allora cogliete come per noi parlare di umanesimo non possa prescindere dal
riferimentoaGesùCristoenellostessotempoverifichiamocomeormailacontemporaneità
abbandoni questa idea dell'umanesimo, ma intanto tutti ritrovandoci almeno intorno alla
questione “uomo” ecco che noi osiamo , certo con umiltà, proporre questa prospettiva: è il
senso,unodeisensifortianchedelnostroconvegno.
“Nessuna meraviglia, quindi, che tutte le verità su esposte in lui trovino la loro sorgente e
tocchino il loro vertice. Egli è «l'immagine dell'invisibile Iddio » (Col1,15) (29) è l'uomo
perfettocheharestituitoaifiglidiAdamolasomiglianzaconDio,resadeformegià subitoagli
iniziacausadelpeccato.Poiché inluilanaturaumanaè stataassunta,senzaperquestovenire
annientata(30)perciò stessoessaè stataancheinnoiinnalzataaunadignità sublime”.
E l'ultima espressione che vi riferisco: “Chiunque segue Cristo l'uomo perfetto, diventa
anch'eglipiùuomo”
Allora noi, in Cristo, stiamo cercando di trovare la radice a un discorso forte sull'uomo
essendo, come ha detto Paolo VI, cultori dell'uomo. Arriveremo cinque verbi della traccia
però,perdonatemi,iocredochesiaimportanteanchededicarequalcheminuto,comehogià
detto,aquestapiccolapremessa,certomalconcia,machetentadiriportareallacoscienzadel
cuore e del pensiero i grossi problemi che sono connessi ad una visione dell'uomo senza
l'apporto della Rivelazione, e come noi non possiamo prescindere assolutamente da essa se
nonvogliamoridurreilnostroumanesimoaunapropostasquisitamenteetica,perchéridurre
la Chiesa a etica, perdonatemi, impoverisce tutta la portata autenticamente salvifica del
Signore Gesù. Voglio prima però di questo aprirvi un altro piccolo sguardo, tutto nostro
cittadino,perchécredochecisiaunaltroappuntamentochedobbiamoaverenelcuore,nella
memoriadinoiChiesafiorentinaperchétorneràatrovarciunPapaeperchéquellocheciera
venuto a trovare la volta precedente, Giovanni Paolo II, proprio di umanesimo
inevitabilmente, nei suoi discorsi, aveva parlato. Egli infatti con grande lucidità, nella sua
visita dell'ottobre dell'86 a Firenze non evitò la complessa e problematica connessa alla
questione dell’umanesimo. Egli rivolgendosi al mondo della cultura nel Salone dei
CinquecentoinPalazzoVecchiodisse:
“Ecco perciò un primo compito della cultura: quello di ricostruire incessantemente la
memoria dell’uomo in funzione dei compiti sempre nuovi che lo attendono. Poco fa è stato
autorevolmente ricordato, sotto le sue varie valenze, l’umanesimo fiorentino, da cui trasse
identità l’Europamoderna.Essoè statoedè unmessaggiopersempreepertutti,nonsoloper
glispecialistidiricercastorico‐letteraria.Ilritornoaigrecieairomaninonfuunafugadal
presente nel passato, ma, dentro la continuità della tradizione e professione cristiana, il
recupero di una ricchezza autenticamente umana per un suo più alto avvaloramento
nell’orizzontedellafede”.
ConquestospiritoColuccioSalutati,mortonel1406,leggevaeinterpretavaallegoricamentele
fatiche di Ercole interpretandolo come alter Christus nell'idea, egli diceva, che se io trovo
qualcosadibelloedibuononellatradizioneclassica,ciònonpuònonesserestatoispiratoin
qualchemisura,purnellapenombradellamancatarivelazione,dallasapienzadiDio:questaè
l'attitudineesegeticaconcuilaculturaumanisticafiorentinalavorasullefonticlassiche.
Aggiungeva poi papa Giovanni Paolo II: “L’umanesimo fiorentino fu perciò un evento
profetico,apertosulfuturo.Visiconiugavanolasantità diAntonino‐predecessoredelnostro
Arcivescovo‐ , la spiritualità dell’Angelico, la veemenza del Savonarola, la pluricultura di
Leonardo e di Michelangelo”. ‐ma potremmo aggiungere tanti altri umanisti –da Pico a
Giannozzo Manetti‐ che scrivono trattati sulla dignità dell'uomo, talvolta non senza il
confronto col mondo monastico che interrogato perché si cercano nei monasteri, e non
altrove,lefontidiunanuovaculturacheponendoalcentrol'educazionedell'uomo,rifiutando
latardaScolasticaormairidottaapuralogicaformale,propiziasse,conl'ausiliodeiPadri,una
rifondazionedelcuoredell'uomo.Siamo,comeintuite,ascuolapertantodiAgostinoebasterà
per questo ricordare Santo Spirito e il suo fecondo cenacolo animato da Luigi Marsili.
Carissime e carissimi,questo è una cornice storica appena abbozzata ma è quella ove noi ci
prepariamo ad ospitare il convegno, una storia con questa sensibilità e questi accenti da
tenereconcuranelnostrocuoreperchél’umanesimononsiameramemoriaaccademicama
esperienzaeprofeziadiunumanodiverso,unumanotrasfiguratodaCristo.
«SeilRinascimentofuunadelleepochepiù luminosedellastoriafiorentina,quell’esperienza
singolarenonpuò rimaneresenzaunmessaggioanchepervoi,Fiorentinidel1986.–èancora
GiovanniPaoloaparlareinPiazzadellaSignoriaaifiorentininell'86‐Oltreall’invitoasaper
apprezzare e coltivare i nobili valori dello spirito, incarnati nelle lettere e nelle arti, essa vi
richiama alla necessità di una continua rinascita spirituale e morale, secondo la celebre
espressionedisanPaoloagliabitantidiEfeso:“Rinnovatevinellospiritodellavostramente”
(Ef4,23)».
Comeuditeritornaquestaparolachiavenovitàcolsuoaggettivonuovoetuttol'umanesimoè
statosegnato,comecihainsegnatoilgrandemaestrodistudirinascimentali,ErminioCesare
Vasoli,direcentescomparso,dall'attesadiunaetànuovafondataanche,certamente,sudiuna
etica con cui si costruisse una città dell'uomo meno indegna della città di Dio, come
dimostranofral’altroitrattatidiMatteoPalmierieditantialtriumanisti.Eancora:«Illustrie
carisignori.Nellanottenataliziadel1966,PaoloVI,pellegrinoaFirenzeancoradoloranteper
le ferite dell’inondazione, lasciò ai fiorentini questa consegna: ‐e la condivido con voi‐“La
vostravocazioneè nellospirito;lavostramissioneèneldiffonderlo”».
Vedetecomequestotemadell'estroversione,dell'uscitainrealtàhagiàunasuatradizione,e
dunque non ci arriva come qualcosa di completamente inedito, esso anzi riguarda anche
l'umanesimo finalmente interpretato non primariamente come una questione accademica, ‐
questo davvero stasera non vorrei che pensaste: a tutto quello che stiamo organizzando a
Roma come un evento accademico ed elitario‐, ma come una esperienza dello Spirito che ci
aprestradeperilfuturo,stradeincuicondividereconaltriunaprospettivachevuoleesserela
costruzione ‐diceva ancora Giovanni Paolo con una espressione bellissima‐ di
quell'«umanesimo plenario» che deve proporsi financo sulle conquiste della tecnica come
autenticoeaffidabilefondamentodellaciviltàinquestoscorciodisecolo.
«Umanesimoplenario»:conquestaqualificazioneavversaaogniframmentazionedell’umano
torniamo così da dove eravamo partiti, cioè da una visione dell'uomo completo, integrale,
adempiuto, dove nulla è escluso, così come evoca con forza persuasiva Gaudium et spes:
«L'uomo, infatti, avrà sempre desiderio di sapere, almeno confusamente, quale sia il
significato della sua vita, della sua attività e della sua morte. E la Chiesa, con la sua sola
presenzanelmondo,glirichiamaallamentequestiproblemi.MasoltantoDio,chehacreato
l'uomoasuaimmagineecheloharedentodalpeccato,può offrireataliproblemiunarisposta
pienamenteadeguata;cosecheeglifapermezzodellarivelazionecompiutanelCristo,Figlio
suo,chesiè fattouomo.ChiunquesegueCristo,l'uomoperfetto,diventaanch'eglipiù uomo».
“L'uomo, si imparò qui a Firenze a dire questa parola con particolare intenzione, come
intendendo un prodigio in cui la creazione si fosse identificata con il Creatore o come di un
mistero di cui fosse impossibile delineare i contorni, ma simultaneamente la scienza e
l'esperienza,cresciuteinsiemeconlastoriadrammatica,persuadevanoadabbassareiltonodi
quellaenfasimistica.Sottoilnomediuomoèindicatatroppo spessounaentitàchesembra
cosìpocoumana,conquestonomesiamoindotticontinuamenteaconstatarecheildesignato
è un apparato vivente, per istinto o per degenerazione, così bieco e ferino che è arduo ai
credenti pensarlo glorificato anche lui dall'incarnazione e redento dal sacrificio. E' quasi
superioreallenostreforzeammetterechecertiesemplaridellaabiezioneecertidisastridella
disumanizzazione rientrino anch'essi nel patto e nella alleanza, ma ecco, dove non può
giungerel'umanesimopuògiungerel'amorenellasuaspeciepiùaltaegratuitadicarità,che
forsedell'umanesimostessoèlacimasvettante.Firenze,questovasempresaputo,neirecessi
piùprofondidelsuointellettoedelsuocuorechesembranocosìfieriesecchi,lasuastoriae
lasuaculturasonotuttecostellatediastridellapietà”.
Questesplendideparolechesonprosamainrealtàpoesia,loavetecapito,sonodiMarioLuzi
e sono le espressioni mirabili con cui il poeta, pochi istanti prima aveva salutato Giovanni
PaoloIIinquellagrandesaladelPalazzodeiSignori.Sonoparolecheciricordano,congrande
discrezione, che non possiamo certo cullare una visione come dire idilliaca dell'umanesimo,
un uomo che non possiamo idealizzare prescindendo da quella sua dimensione anche
aberrante, anche disumanizzante ed ecco allora ‐dice Luzi‐ che dove non è arrivato
l'umanesimo,arrivialmenolacarità.
EccoamepiaceconcludereealcontempoiniziareconquesteparolediLuzi,davverogeniali,
perchépureinessesicoglieilfattochestapurealcuoredelnostroconvegno,soprattuttoda
quandoessoèstatosegnato,nellagestazionedelmagistero,delleparolediPapaFrancesco,
cheispiravanounacertamitigazionedottrinaleatuttofavorediunasuadimensioneunpoco
piùpastoraleepopolare.DunqueèinteressantenotarecomeLuzi,salutandoilPapa,cogliesse
cheinfondol'umanesimofiorentinononhapreservatonéquestacittànéaltregeografiedalla
disumanizzazioneedall'aberrazione,daqueltempolontanosonotuttaviarimastedellestelle
fortissimepienediamorearenderevivaepermoltiversiimitabilelastoriadell'umanesimo
anche nella nostra città: la storia dell'amore fatto pietà e in una parola fatto santità per la
gloria di Dio e per il servizio del prossimo, in un clima anche civile di grande amore per la
bellezza,lasapienza,l’armonia,inunaparolasolala“misura”.Comeciavevagiàfattointuire
Giovanni Paolo II, non è possibile pensare l'umanesimo fiorentino senza la santità di alcuni
suoi grandi campioni e allora in questa prospettiva in cui la parola umanesimo adesso è
fortementeappaiataallaparolaamore,comeragionedelnostroessereChiesa,comeragione
dimissionedelnostroessereChiesanelleviedelmondoedellastoria,possiamomoltomolto
rapidamentepassarealmiopersonalecontributoallecinquevie.
Proprioperchéilnucleoessenzialeepersistentedell’umanesimoèl’amore,comeMarioLuzi
cihafattointuire,adessosiamoincoraggiatinell’assumereiltemadelconvegnoiosperocon
maggiore fiducia, nella consapevolezza ferma e chiara che la Chiesa italiana non vuole
celebrare un convegno accademico per pochi specialisti di questioni umanistiche,
storiografiche, filologiche, la Chiesa italiana, proponendo “le cinque vie verso una umanità
nuova”comefanellaTracciaversoilConvegno‐esochenondovreiperòvichiedodifareun
piccoloapplausoperchéèquiinsalaMariangelaMontanaricheèl'autricedellebellissimefoto
della Traccia stessa‐ essa si mostra memoree consapevole di quello che ancora una volta il
genioecclesialediGiovanniPaoloIIavevaperfettamenteintuitoquandoeglispiegavacome
l'uomofosselaprimaviachelaChiesahadapercorrerenelcompimentodellasuamissione.
“L'uomo è la prima via che la Chiesa percorre”, dove si coglie come debba essere viva e
dinamica questa dimensione propulsiva e itinerante della Chiesa nel suo inesausto
pellegrinaggio verso la pienezza del Regno lungo un sentiero che si inerpica nell'uomo,
attraverso l'uomo, per l'uomo e con l'uomo in vista di un uomo appunto rinnovato, come
chiedevaGiovanniPaoloinpiazzadellaSignoriacitandoEfesini,unuomorinnovatointutto,
nel suo Spirito, in una testimonianza qualificata di quella ritrovata somiglianza col suo
Creatorechel'umanesimohacelebratocomeesperienzadibellezza,dimisuraediarmonia,
tre parole chiave –lo ripeto‐ dell'estetica umanistica inscritta nelle pietre e negli spazi della
nostracittà.
NellanostraimmediatezzaèprimaconseguenzadiquestarinnovatasensibilitàdiunaChiesa
sempre più al servizio dell’umano, la percezione di quanto sia necessario che le ragioni
dell'uomo e la prassi ecclesiale –come peraltro raccomanda la Traccia‐ possano e debbano
incontrarsi. In questa impegnativa prospettiva stasera ci mettiamo in cammino lungo le
cinqueviepropostedallaChiesaitalianainpreparazionealConvegnodiFirenze.Nelconcreto
ioaffidereiaunariletturanell'ambitodeivostrigruppidilavoroquellechesonolemiepovere
indicazioni,invistadiunavostrapiùprofondainterpretazionedelsensodeicinqueverbi.Per
ciascunodiessihopropostounpiccoloriferimentobiblico,perchéancoraunavoltasicolga
comeesistaunaconsistenza,unconsistenzachevienedalontano,dallastessaScritturaoltres
un piccolo raffronto prevalentemente col magistero di papa Francesco. Con la proposta di
questecinquevieravvisiamounfelicetentativodinecessariasintesiabbastanzaesaustivoe
anchefunzionaleallacelebrazionedelConvegnochesiarticolerànelsuosviluppoessenziale
proprio attorno a ciascuna di queste cinque vie che finalmente leggiamo nel testo della
Tracciacercandopoidicommentarleilpiùutilmentepossibile.
Lecinquevie
Uscire
Dalla Traccia: Il rischio di un’inerzia strutturale, della semplice ripetizione di ciò cui siamo
abituati è sempre in agguato. Gli obiettivi per le azioni delle nostre comunità non possono
essere predeterminati o delegati alle tante istituzioni create al servizio della pastorale.
Piuttosto, devono essere il frutto di un discernimento dei desideri dell’uomo operato dalle
medesimecomunità edell’impegnoperfarligerminare.Liberarelenostrestrutturedalpeso
diunfuturocheabbiamogià scritto,peraprirleall’ascoltodelleparoledeicontemporanei,che
risuonanoancheneinostricuori:questoè l’eserciziochevorremmocompierealConvegnodi
Firenze. ‐dove notate che in realtà il tema dell'uscita nella tracciaè molto connesso al tema
dell'ascoltoeinfondo,senonsiascoltanonsiescemai‐VocazionediAbramGenesi12[1]Il
SignoredisseadAbram:«Vàttenedaltuopaese,dallatuapatriaedallacasadituopadre,verso
ilpaesecheiotiindicherò.[2]Faròditeungrandepopoloetibenedirò,renderògrandeiltuo
nome e diventerai una benedizione. [3]Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti
malediranno maledirò e in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra». ‐Non c'è in
realtàuscitaesoprattuttovorreidire,nonpuòesserciuscitasenonèpremessal'esperienza
dell'ascolto della parola che dà forma e direzione alla nostra esistenza, al nostro cuore, al
nostro agire. Anamorphè, dice un detto dei Padri, è senza forma il monaco che non fa lectio
divina.
Eancora:
Giovanni2019]Laseradiquellostesso giorno,ilprimodopoilsabato,mentreeranochiusele
portedelluogodovesitrovavanoidiscepolipertimoredeiGiudei,venneGesù,sifermòinmezzo
a loro e disse: «Pace a voi!». [20]Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli
gioirono al vedere il Signore. [21]Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha
mandatome,anch'iomandovoi».[22]Dopoaverdettoquesto,alitòsudiloroedisse:«Ricevete
lo Spirito Santo; [23]a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete,
resterannononrimessi».
Dovec'èancoraunavoltalatentazionedelrinchiudersiperpaura,perpocafede,l'irrompere
del Signore Gesù apre tutto e ci rende tutti, e soprattutto ovviamente chi è chiamato a
rimettereipeccati,strumentodellamisericordiadelPadreedellasuagioiaedellagioiache
essadonaainostricuori.
Ancora dalla Traccia: Il tema del Convegno è stato percepito come cruciale e insieme
problematico. Per evitare il rischio di teorie prescrittive e astratte, la raccomandazione
condivisaè dipartiredall’ascoltodelvissuto:unavia,questa,capacediriconoscerelabellezza
dell’umano “in atto”, pur senza ignorarne i limiti. Un umanesimo, perciò , consapevole sia
dell’inadeguatezzadelleforze(«abbiamosolocinquepani»,comesileggeneivangeli)siadel
“dipiù ”diumanità chesisprigionadallafedeedallacondivisione.«Inascolto»nonvuoldire,
infatti,appiattitosuldatodifatto,inapparenzaliberantemainrealtà forierodinuoveepiù cogenti schiavitù . Esemplari suonano le parole della poetessa e filosofa Maria Zambrano:
«L’umanesimodiogginormalmenteè l’esaltazionediunacertaideadell’uomo,cheneanchesi
presentacomeidea,bensı̀comesemplicerealtà :larealtà dell’uomo,senzacherinuncipiù alla
sua limitazione; l’accettazione di sé come schietta realtà psicologico‐biologica; il suo
rafforzamento in una cosa che ha alcuni bisogni determinati, giustificati e giustificabili. Di
nuovo l’uomo si è incatenato alla necessità , e adesso per di più per decisione propria e in
nome della libertà » (Frammento sull’amore). Ascoltare l’umano significa, dunque, vedere la
bellezzadiciò chec’è ,nellasperanzadiciò cheancorapuò venire,consapevolichesipuò solo
ricevere.
Annunciare
Annunciare è un verbo decisivo dell'esperienza cristiana, non si comunica la fede se non
annunciamo,quellochenoiabbiamogiàanostravoltaascoltatoecreduto.
Traccia:Lagentehabisognodiparoleegestiche,partendodanoi,indirizzinolosguardoei
desideriaDio.Lafedegeneraunatestimonianzaannunciatanonmenodiunatestimonianza
vissuta.ConilsuopersonaletrattopapaFrancescomostralaforzael’agilità diquestaformae
diquestostiletestimoniali:quanteimmaginiemetaforeprovenientidalVangeloegliriescea
comunicare, soddisfacendo la ricerca di senso, accendendo la riflessione e l’autocritica che
apre alla conversione, animando una denuncia che non produce violenza ma permette di
comprenderelaverità dellecose.LenostreChiesesonoimpegnatedadecenniinunprocesso
diriformadeipercorsidiiniziazioneedieducazioneallafedecristiana.IlConvegnodiFirenze
è il luogo in cui verificare quanto abbiamo rinnovato l’annuncio – con forme di nuova
evangelizzazioneediprimoannuncio;comeabbiamoarticolatolapropostadellafedeinun
contesto pluriculturale e plurireligioso come l’attuale. Occorrono intuizioni e idee per
prendere la parola in una cultura mediatica e digitale che spesso diviene tanto
autoreferenzialedasvuotaredisensoancheleparolepiù densedisignificato,comelostesso
termine“Dio”.
IlprimocapitolodiGiovannièdievidenteedefinitivachiarezzaefondatezza:
Giovanni 1 ‐ Capitolo 1 [1]Ciò che era fin da principio, ciò che noi abbiamo udito, ciò che noi
abbiamo veduto con i nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato e ciò che le nostre mani
hannotoccato,ossiailVerbodellavita[2](poichélavitasièfattavisibile,noil'abbiamovedutae
diciòrendiamotestimonianzaeviannunziamolavitaeterna,cheerapressoilPadreesièresa
visibile a noi), [3]quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché
anche voi siate in comunione con noi. La nostra comunione è col Padre e col Figlio suo Gesù
Cristo.[4]Questecoseviscriviamo,perchélanostragioiasiaperfetta.
E' bellissimo no tutto questo? Se non c'è comunicazione, trasmissione di questa esperienza
che la comunità apostolica assicura attraverso la successione apostolica, attraverso tutta la
Chiesa, anche a noi, anche attraverso l'annuncio, soprattutto attraverso l'annuncio e questo
annuncio se non ci rende anche noi aperti agli altri segnala mancanza di comunione, non
esisteChiesa,cheèundonocheilSignorecifaedifattononesistegioia.Quindil'annuncioè
davvero questa esperienza contagiosa per cui dobbiamo rendere a parte tutti della buona
notiziachecihatoltodalladisperazione.
AncoradallaTraccia:
Iltenoreinterrogativoconcuiquestatracciasiconcludenonè casuale:invistadelConvegno
ecclesiale nazionale vogliamo stimolare, infatti, una comune presa di coscienza riguardo al
sensodell’umano.IlVangelosidiffondesegliannunciatorisiconvertono.Perciò mettiamoci
in questione in prima persona: verifichiamo la nostra capacità di lasciarci interpellare
dall’esser‐uomodiCristoGesù ,facciamoiconticonlanostradistanzadalui,apriamogliocchi
sullenostrelentezzenelprendercicuradituttieinparticolaredei«più piccoli»dicuiparlail
Vangelo (cf. Mt 25,40.45), ridestiamoci dal torpore spirituale che allenta il ritmo del nostro
dialogocolPadre,precludendocicosı̀ unafondamentaleesperienzafilialechesolaciabilitaa
vivereunanuovafraternità congliuominieledonned’ogniangolodellaterraeadannunciare
labellezzadelvangelo.
EvangeliiGaudium30.OgniChiesaparticolare,porzionedellaChiesaCattolicasottolaguida
del suo Vescovo, è anch’essa chiamata alla conversione missionaria. La sua gioia di
comunicare Gesù Cristo si esprime tanto nella sua preoccupazione di annunciarlo in altri
luoghipiù bisognosi,quantoinunacostanteuscitaversoleperiferiedelproprioterritorioo
verso i nuovi ambiti socio‐culturali.[32] Si impegna a stare sempre lı̀ dove maggiormente
mancanolaluceelavitadelRisorto.[33]Affinché questoimpulsomissionariosiasemprepiù intenso,generosoefecondo,esortoancheciascunaChiesaparticolareadentrareinundeciso
processodidiscernimento,purificazioneeriforma.
Abitare
Ho scelto un brano evangelico che abbiamo ascoltato anche di recente nella liturgia dal
VangelodiGiovanni:
1 [35]Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli [36]e, fissando lo
sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l'agnello di Dio!». [37]E i due discepoli, sentendolo
parlare così, seguirono Gesù. [38]Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che
cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che significa maestro), dove abiti?». [39]Disse loro: «Venite e
vedrete».Andaronodunqueeviderodoveabitavaequelgiornosifermaronopressodilui;erano
circalequattrodelpomeriggio.
InrealtàlaTracciaciporterebbeadunainterpretazionesesivuoleunpocopiùsociologica,
essasaluta,cometuttinoisalutiamo,lagraziadiunaChiesainItaliachedavverodimoranelle
nostre strade, tra la nostra gente ancora con una capillarità per fortuna abbastanza ricca e
intensa, nonostante ci sia ovviamente penuria di ministri però ecco, questo è un dato
essenzialeenell'abitaresisalutaesisottolineaappuntoquestadimensionedicontiguità,di
prossimità con tutta quella strada abitata dalle nuove grandi povertà. In fondo di tutte le
cinquevieabitareèquellopiùsegnatodalmagisterodiPapaFrancescosullapovertà.Ioho
voluto, non provocatoriamente ovviamente, ma in modo semmai un poco complementare
mettere questo verbo abitare che ha una radice invece molto più, come dire, teologica e
misteriosa,l'abitarediGesùèinfondo,iocredolostaredavantialPadre,versoilPadredove
ha inizio esorgente tutto, ma d'altra parte le due cose ovviamente non si separano mai per
quella tensione unitiva, magari ellittica, non una circonferenza, una ellissi con due fuochi di
cuisiparlavaprima.
Evangelii Gaudium 71. La nuova Gerusalemme, la Città santa (cfr Ap 21,2‐4), è la meta
versocuièincamminatal’interaumanità.Èinteressantechelarivelazionecidicachela
pienezza dell’umanità e della storia si realizza in una città. Abbiamo bisogno di
riconoscerelacittàapartiredaunosguardocontemplativo,ossiaunosguardodifede
che scopra quel Dio che abita nelle sue case, nelle sue strade, nelle sue piazze. La
presenza di Dio accompagna la ricerca sincera che persone e gruppi compiono per
trovare appoggio e senso alla loro vita. Egli vive tra i cittadini promuovendo la
solidarietà,lafraternità,ildesideriodibene,diverità,digiustizia.Questapresenzanon
deve essere fabbricata, ma scoperta, svelata. Dio non si nasconde a coloro che lo
cercanoconcuoresincero,sebbenelofaccianoatentoni,inmodoimprecisoediffuso.
EG72.
Moltobelloiltutto:quisirovesciaunpo'laquestione,èDiocheabitalacittà,nonsinasconde
in essa, ma noi lo dobbiamo ugualmente cercare, in una prospettiva che voi capite è molto
cara a chi, come me, ha la fortuna di contemplare tanto il Cristo Pantokrator nel mosaico,
quanto la città, giù ai suoi piedi. San Basilio voleva i suoi monasteri vicino alla città perché
diceva, solo lì si vede il Cristo sofferente che mette in gioco il comandamento dell'amore.
AltrimentiamoDio,mailprossimo?
Nellacittà,l’aspettoreligiosoèmediatodadiversistilidivita,dacostumiassociatiaun
senso del tempo, del territorio e delle relazioni che differisce dallo stile delle
popolazioni rurali. Nella vita di ogni giorno i cittadini molte volte lottano per
sopravvivere e, in questa lotta, si cela un senso profondo dell’esistenza che di solito
implica anche un profondo senso religioso. Dobbiamo contemplarlo per ottenere un
dialogocomequellocheilSignorerealizzòconlaSamaritana,pressoilpozzo,dovelei
cercavadisaziarelasuasete(cfrGv4,7‐26).
DallaTraccia:Occorre allora untenaceimpegno per continuare aessereunaChiesadi
popolo nelle trasformazioni demografiche, sociali e culturali che il Paese attraversa
(conlafaticaagenerareeaeducareifigli;conun’immigrazionemassivacheproduce
importantimetamorfosialtessutosociale;conunatrasformazionedeglistilidivitache
ci allontana dalla condivisione con i poveri e indebolisce i legami sociali). L’impegno,
dunque, non consiste principalmente nel moltiplicare azioni o programmi di
promozione e assistenza; lo Spirito non accende un eccesso di attivismo, ma
un’attenzione rivolta al fratello, «considerandolo come un’unica cosa con se stesso».
Non aggiungendo qualche gesto di attenzione, ma ripensando insieme, se occorre, i
nostri stessi modelli dell’abitare, del trascorrere il tempo libero, del festeggiare, del
condividere. Quando è amato, il povero «è considerato di grande valore»; questo
differenzia l’opzione per i poveri da qualunque strumentalizzazione personale o
politica, così come da un’attenzione sporadica e marginale, per tacitare la coscienza.
«Se non lo hai toccato, non lo hai incontrato», ha detto del povero Papa Francesco.
Senza l’opzione preferenziale per i più poveri, «l’annuncio del Vangelo, che pur è la
prima carità, rischia di essere incompreso o di affogare in quel mare di parole a cui
l’odiernasocietàdellacomunicazionequotidianamenteciespone»(Evangeliigaudium
199). In questo quadro, l’invito a essere una Chiesa povera e per i poveri assurge al
ruolod’indicazioneprogrammatica.
Educare
Dalla Traccia Il primato della relazione, il recupero del ruolo fondamentale della
coscienzaedell’interioritànellacostruzionedell’identitàdellapersonaumana,‐vedete,
mi piace dirlo, con che consapevolezza anche di scienze umane la Chiesa sa parlare,
proponendo una visione alta dell'uomo in tutte le sue sfaccettature‐ la necessità di
ripensare i percorsi pedagogici come pure la formazione degli adulti, divengono oggi
priorità ineludibili. È vero che le tradizionali agenzie educative (famiglia e scuola), si
sentono indebolite e in profonda trasformazione. Ma è anche vero che esse non sono
solo un problema ma una risorsa, e che già si vedono iniziative capaci di realizzare
nuove alleanze educative: famiglie che sostengono famiglie più fragili,‐qui ci sono gli
amici della associazione “cinque pani e due pesci” che ho conosciuto e che fanno una
esperienza bellissima in questo senso‐ famiglie che attivamente sostengono la scuola
offrendotempoedenergieasostegnodegliinsegnantipertrasformarelascuolainun
luogo di incontro; ambiti della pastorale che ridefiniscono e rendono meno rigidi i
propri confini e così via. Il nuovo scenario chiede la ricostruzione delle grammatiche
educative,maanchelacapacitàdiimmaginarenuove‘sintassi’,nuoveformedialleanza
che superino una frammentazione ormai insostenibile e consentano di unire le forze,
per educare all’unità della persona e della famiglia umana. In questo senso
l’educazioneoccupaunospaziocentralenellanostrariflessionesull’umanoesulnuovo
umanesimo.IlprossimoConvegnociimpegnanonsoltantonellacomprensioneattenta
dellericadutediquestetrasformazionisullanostraidentitàpersonaleedecclesiale(la
nozione di vita umana, la configurazione della famiglia e il senso del generare, il
rapporto tra le generazioni e il senso della tradizione, il rapporto con l’ambiente e
l’utilizzodellerisorsed’ognitipo,ilbenecomune,l’economiaelafinanza,illavoroela
produzione, la politica e il diritto), ma anche sulle loro interconnessioni. Educare è
un’arte: occorre che ognuno di noi, immerso in questo contesto in trasformazione,
l’apprendanuovamente,ricercandolasapienzacheciconsentedivivereinquellapace
tra noi e con il creato che non è solo assenza di conflitti, ma tessitura di relazioni
profondeelibere.
Viricordoancoraunavoltachetuttol'umanesimonasceesigiocacomequestioneeducativa.
LaletteradiSanPaoloaTitociricordachisiailnostroeducatore,nonèaltrocheilSignore
Gesù:
San Paolo a Tito 2 [11]E' apparsa infatti la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per
tuttigliuomini,[12]checiinsegnaarinnegarel'empietàeidesiderimondanieavivere
con sobrietà, giustizia e pietà in questo mondo, [13]nell'attesa della beata speranza e
della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo; [14]il
qualehadatosestessopernoi,perriscattarcidaogniiniquitàeformarsiunpopolopuro
chegliappartenga,zelantenelleoperebuone.
Vihoriportatoanchelatrattazionesull'educazionefortementedebitricedeidiscorsidiPapa
Benedetto all'assemblea della CEI che, come tutti sapete, aveva intravisto nell'educazione il
tema dei suoi orientamenti pastorali per il presente decennio, e anche le riflessioni della
stessaCEI,“EducareallavitabuonadelVangelo”,doveviètuttaunaattenzionefortissimaalla
emergenza educativa come falsa autonomia dell'io, una visione ancora una volta deleteria
dell'umanesimo dove Dio si ritiene dispensato e dispensabile dalla educazione, perché in
fondo l’uomo il suo sapere se lo guadagna da solo. Questa è una prospettiva che significa
rottura delle relazioni, cattiva qualità dello stare insieme, del passaggio generazionale dove
invecetuttoèingiocoinrapportoalfattodiscoprirciio,tu,noi.Senonc'èquestaprospettiva,
sostenutadallasperanza,nonpossiamopensaredieducarenessuno.
Invito al Convegno La modernità – con i suoi proclami sulla morte di Dio, le sue
antropologiepervasedavolontàdipotenza,lesueconquisteelesuesfide–ciconsegna
un mondo provato da un individualismo che produce solitudine e abbandono, nuove
povertà e disuguaglianze, unosfruttamento cieco del creato che mette a repentaglio i
suoi equilibri. È tempo di affrontare tale crisi antropologica con la proposta di un
umanesimoprofondamenteradicatonell’orizzontediunavisionecristianadell’uomo–
della sua origine creaturale e della sua destinazione finale – ricavata dal messaggio
biblico e dalla tradizione ecclesiale, e per questo capace di dialogare col mondo. Tale
relazionenonpuòprescinderedailinguaggidell’oggi,compresoquellodellatecnicae
della comunicazione sociale, ma li integra con quelli dell’arte, della bellezza e della
liturgia. Perché questo dialogo col mondo sia possibile dobbiamo affrontare insieme
quella che gli Orientamenti pastorali definiscono una vera e propria «emergenza
educativa»,«ilcuipuntocrucialestanelsuperamentodiquellafalsaideadiautonomia
cheinducel’uomoaconcepirsicomeun“io”completoinsestesso,laddove,invece,egli
diventa “io” nella relazione con il “tu” e con il “noi”» (Educare alla vita buona del
Vangelo9).Iltueilnoi–glialtri–nell’epocaincuiviviamosonospessoavvertiticome
una minaccia per l’integrità dell’io. La difficoltà di vivere l’alterità emerge dalla
frammentazione della persona, dalla perdita di tanti riferimenti comuni e da una
crescenteincomunicabilità.
Trasfigurare
Infine il verbo Trasfigurare dove appunto, a conclusione delle cinque vie molto
opportunamente, come fosse una sorta di culmen, ma anche di altrettanta fons l'esperienza
della trasfigurazione annessa alla vita sacramentale liturgica conferisce al nostro
incamminarci verso l'uomo nuovo tutta quella dimensione non esclusivamente
soprannaturale,madireiquellacapacitàcheciricordailprimatodell'agirediCristocheconla
forza dello Spirito Santo è davvero soggetto che sta in ogni nostro percorso, in ogni nostra
azione,inogninostrocelebrare,diChiesa.Nellaprospettivaappuntoincuinonsiamoatenere
viva,comedicelatraccia,lamemoriadiuneroe,maalcontrarioloSpiritoSantociispiranel
presenteeinquestosensolacelebrazioneliturgicadituttiiSacramentirendeconcretaquesta
esperienzadavverotrasfigurante.
Èlavitasacramentaleedipreghierachecipermettediesprimerequelsempermaiordi
Dio nell’uomo descritto sopra.Lavia dell’umano inaugurata e scoperta in Cristo Gesù
intendenonsoltantoimitarelesuegestaecelebrarelasuavittoria,quasiamantenere
la memoria di un eroe, pur sempre relegato in un’epoca, ormai lontana. La via della
pienezza umana mantiene in lui il compimento, perché prosegue la sua stessa opera,
nellaconvinzionecheloSpiritocheloguidòèinazioneancoranellanostrastoria,per
aiutarciaesseregiàquiuominiedonnecomeilPadrecihaimmaginatoevolutonella
creazione...Questoè,peresempio,ilsensodellafestaedellaDomenica,chesonospazi
di vera umanità, perché in esse si celebra la persona con le sue relazioni familiari e
sociali,cheritrovasestessaattingendoaunamemoriapiùgrande,quelladellastoria
della salvezza. Lo spirito delle Beatitudini si comprende dentro questa cornice: la
potenzadeisacramentiassumelanostracondizioneumanaelapresentacomeofferta
graditaaDio,restituendocelatrasfigurataecapacedicondivisioneedisolidarietà.
La proposta biblica è il Vangelo di Marco, appunto i cinque pani e i due pesci: Marco 6
[35]Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i discepoli dicendo: «Questo luogo è
solitarioedèormaitardi;[36]congedaliperciò,inmodoche,andandoperlecampagnee
i villaggi vicini, possano comprarsi da mangiare». [37]Ma egli rispose: «Voi stessi date
loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andar noi a comprare duecento denari di
paneedarelorodamangiare?».[38]Maeglireplicò loro:«Quantipaniavete?Andatea
vedere».Eaccertatisi,riferirono:«Cinquepanieduepesci».[39]Alloraordinòlorodifarli
metteretuttiasedere,agruppi,sull'erbaverde.[40]Esedetterotuttiagruppiegruppetti
di cento e di cinquanta. [41]Presi i cinque pani e i due pesci, levò gli occhi al cielo,
pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai discepoli perché li distribuissero; e
divise i due pesci fra tutti. [42]Tutti mangiarono e si sfamarono, [43]e portarono via
dodici ceste piene di pezzi di pane e anche dei pesci. [44]Quelli che avevano mangiato i
panieranocinquemilauomini.
Questo il commento bellissimo con cui si concludeva anche l'invito che ha una stesura più
teologica e dottrinale , risente di un altro momento se si vuole della Chiesa italiana, io vi
consigliodinondisperderequelprimolibrettinodell'invitoperchéinsieme,credo,sianomolti
utiliperavviarcialconvegnodiFirenze,comedire,aduepolmoni.
Dall’Invito al Convegno: Il nostro Invito ha delineato un percorso di idee e passi da
compiereperlapreparazionealConvegno.Ricordiamocichequellochemaggiormente
vale è mettere al centro dell’umanesimo cristiano l’Eucaristia, fonte e principio
ispiratoredinovitàdivitainGesùCristo.‐tral'altro,traparentesi,il400èpienodimiracoli
eucaristici, pensiamoci!‐ «Che cos’è questo per tanta gente?»: viene da chiederselo
ancora, enfatizzando di nuovo l’evidenza oggettiva con cui ci scontriamo allorché
registriamo – come già gli apostoli (cf. Gv 6,1‐ 13) – le nostre insufficienze ecclesiali,
l’esiguità delle nostre risorse ed energie pastorali, persino la patina ossidata che
intaccalanostrasperanza,mentrescenaridifficilisisquadernanoconritmiincalzanti
davanti a noi. Sì, in questo facciamo veramente la medesima esperienza di
inadeguatezza con cui i primi discepoli dovettero fare i conti quando si sentirono
provocatidaGesùafarsicaricodellafame,delleattese,dellerivendicazionidellafolla:
«Duecentodenaridipanenonsonosufficientineppureperchéognunopossariceverne
unpezzo». Tale affermazione esprime una buona dose di realismo, una immediata
attitudinealladisaminaealcalcolo,unaconsapevolezzalucidamentecriticaecoerente
con la situazione; ma dichiara anche l’impotenza a intervenire. Dall’immobilismo
rinunciatario,tuttavia,Gesùsismarcaconserenarisolutezza,insegnandoaisuoiafare
altrettanto, grazie a un gesto nuovo, d’impronta eucaristica: prende i cinque pani e i
due pesci di cui essi dispongono e, rendendo grazie al Padre, li distribuisce a tutta
quella gente. E, così, inanella dimensioni prima non prese in considerazione: la
relazioneconl’Altro,cuiricondursieconsegnarsiconlapropriapovertà,eilrapporto
congli altri, cui volgersi e dedicarsisenzatitubanzee senza riserve. Peridiscepolisi
apronostradechesinoaquelmomentononavevanoosatopercorrere: verticalmente
verso Dio e, orizzontalmente, incontro a coloro di cui si avvertono e condividono i
bisogni,pertoccarlielasciarsitoccaredaloro,perprendersenecuraeaccoglieretutti
insolidaleefraternacustodia(cf.Lc9,11;Mt14,16;Mc6,36‐37).Così–scrivesanPaolo
–idiscepoliinauguranounanovitàdestinataatrasfigurarel’umanità:nellacomunione
con e in Gesù Cristo, superano ogni discriminazione tra giudeo e greco, tra schiavo e
libero, tra uomo e donna (cf. Gal 3,28), incontrano tutti – «coloro che sono sotto la
legge», «coloro che non hanno legge», «coloro che sono deboli» – e, per «essere
partecipidelVangeloinsiemeconloro»,sisottopongonoallalegge,vannooltrelalegge,
si fanno piccoli e si mettono al servizio (cf. 1Cor 9,19‐23), sapendo di doversi
sobbarcareladebolezzadichinoncelafa(cf.Rm15,1).
Equindiancoraunavoltaèinquestodipiùchecogliamo,anchenoichevogliamometterciin
obbedienza di parole e di gesti, l'agire del Signore Gesù, vero modello e compendio delle
cinque vie proposte dalla traccia, e anche noi speriamo di poter moltiplicare ogni bene a
vantaggioditutticolorocheincontriamonellenostrestrade.
Graziedicuore.
Fly UP