...

Gian Luigi Bravo

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Gian Luigi Bravo
Gian Luigi Bravo
PAROLE CHIAVE
ETNOANTROPOLOGICHE 1995
Dipartimento di Scienze Antropologiche, Archeologiche e Storicoterritoriali, Università di Torino, e.f.c., 1996 pp. 1-102
estratto
Gian Luigi Bravo
PAROLE CHIAVE
ETNO ANTROPOLOGICHE
1995
Dipartimento di Scienze Antropologiche, Archeologiche e
Storico-territoriali
Università di Torino
Tra le ricerche nel corso delle quali ha avuto luogo l’elaborazione e la sperimentazione delle parole
chiave ricordiamo: il progetto Murst 40% Informatica negli studi demo-etno-antropologici, del quale
lo scrivente ha diretto l’unità operativa locale dell’Università di Torino (anni 1984/85, 1985/86,
1986/87, 1988/89, 1989/90); il progetto Murst 40% Documentazione ordinata e informatizzata sulle
fonti demo-antropologiche per 1’Italia, del quale è stato Responsabile nazionale e dell’unità operativa
torinese 1991/1992) ; il progetto CNR del comitato Scienza e tecnologia dei beni culturali,
finanziamento 94.04562.ST74, il progetto 60% Bibliografia informatizzata sul mondo rurale (anni
1988/89 e 1989/90), i progetti 60% Per un quadro socio-antropologico della realtà italiana, anno II e
III (1991/ 92 e 1992/93), dei quali tutti egli è stato Responsabile; il progetto 60%, Responsabile
Renato Grimaldi, Applicazione di parole chiave per lo sviluppo di un sistema informativo relazionale
sui dati socio-antropologici italiani (anni 1990/91); le borse di studio CNR per laureati sulla tematica
“Nuove tecnologie applicate ai beni etno-antropologici” di cui hanno usufruito Maria Teresa Bergandi
(anni 1991/92; 1993/94) e Laura Bonato (anni 1992/93). Citiamo inoltre i finanziamenti per ricerche
bibliografiche dirette dallo scrivente forniti a più riprese dall’Istituto per la storia della resistenza e
della società contemporanea della provincia di Asti, e quello iniziale dell’Amministrazione provinciale
di Torino. Per le spese di studio dell’impaginazione e della realizzazione di questo testo siamo ricorsi
ai già indicati contributi 60% 91 /92 e 92/93, per la stampa al citato finanziamento CNR.
© Copyright Gian Luigi Bravo 1996
Impaginazione e stampa a cura di:
TEMPERINO Servizi di Marketing, Torino
Edizione fuori commercio.
2
INDICE
Presentazione
4
1
Sistema delle parole chiave etnoantropologiche
29
2
Elenco alfabetico delle sole parole chiave di primo livello
Elenco alfabetico delle parole chiave di primo e secondo
livello
72
3
3
79
PRESENTAZIONE
PER UN SISTEMA DI PAROLE CHIAVE
ETNOANTROPOLOGICHE
1. Questo sistema di parole chiave è stato elaborato nel corso di più di un
venticinquennio di sperimentazione scientifica e didattica da noi condotta, con Piercarlo e
Renato Grimaldi, nel settore della documentazione e dell’informatizzazione di archivi e basi
di conoscenza etnoantropologiche di diverso tipo; l’interesse che gli ha dato origine si collega
al periodo in cui, con la crescente attenzione per quella che si definiva “cultura popolare” o
“subalterna” e per le sue valenze formative, si sviluppa la rete dei musei, mostre, archivi e
centri di documentazione etnografici, locali, sulle classi lavoratrici.
La nostra sperimentazione ha avuto come riferimento universitario il Corso di Laurea in
Pedagogia (ora Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione) della Facoltà di Magistero (ora di
Scienze della Formazione) di Torino e il suo Istituto di Sociologia, successivamente il
Dipartimento di Scienze Sociali in cui esso è confluito, poi anche i Centri Interdipartimentali
CLAU (linguistica e audiovisivi) e CISI (servizi informatici) della stessa Università, infine il
Dipartimento di Scienze Antropologiche, Archeologiche e Storico territoriali al quale ci siamo
trasferiti (v. Bravo, 1987 e R. Grimaldi, di prossima pubblicazione).
Nell’attuazione dei diversi progetti in cui si è articolato il lavoro abbiamo varie volte
fatto ricorso ai fondi ministeriali (P.I. poi MURST). 40% e 60% e più di recente del CNR, ma
al finanziamento hanno contribuito anche enti locali o attivi sul territorio quali l’Istituto per la
4
Storia della Resistenza della Provincia di Asti, il Centro Studi Cesare Pavese di S. Stefano
Belbo e 1’Amministrazione della Provincia di Torino, per il cui Centro di programmazione e
documentazione per la cultura popolare, nato nel 1978, è stata appunto elaborata già nel 1979
una prima versione delle nostre parole chiave (Grimaldi R., 1988; Grimaldi P. e Grimaldi R.,
1993).
Si sono così accumulati i prodotti di questa prolungata attività: l’ordinamento
computerizzato in un sistema relazionale di banche dati, con diverse schede progettate
all’uopo, di materiale etnografico di vario genere (i contenuti dei XXIV volumi
dell’“Archivio per lo Studio delle Tradizioni Popolari” di Pitrè e Salomone Marino, quelli dei
quattro volumi di Associazioni giovanili e feste antiche: loro origini e de La juventus
attraverso i secoli del Pola Falletti-Villafalletto, le informazioni su alcune migliaia di ex voto
su tavolette dipinte, i dati su filmati e video di interesse antropologico, quelli su reperti
museali ecc.); gli archivi bibliografici; i programmi ideati per la connessione tra basi di dati e
le interrogazioni congiunte; i prototipi di sistemi esperti (per il trattamento e 1’analisi delle
informazioni e dati sugli ex voto, per 1’individuazione degli attributi e caratteri di personaggi
della festa tradizionale nell’Italia Nord-occidentale); infine questo stesso sistema e le relative
istruzioni di applicazione (per un esame più particolareggiato di tutti questi prodotti v. R.
Grimaldi, 1996, pp. 221 sgg. e di prossima pubblicazione ).
Tale sistema è stato ripetutamente corretto e riformulato, e questa versione differisce
anche, per alcuni particolari importanti, dall’ultima pubblicata (Bravo, 1991 ); essa è stata ora
utilizzata nella realizzazione di un repertorio bibliografico di fonti etnoantropologiche
preunitarie su dischetto, con software SQN, e in volume (v. Bravo, 1995).
Nel corso della progettazione, sperimentazione e successive rielaborazioni abbiamo
esaminato e analizzato un gran numero di schemi e termini di classificazione, di questionari,
di schede di rilevamento e catalogazione; gli indici, i materiali e le modalità di organizzazione
di trattati etnologici, di dizionari, di bibliografie, di manuali e saggi di teoria, di metodi e
tecniche di ricerca, di documentazione, ordinamento e repertorializzazione, storiografici;
infine molte trattazioni più specifiche, a carattere monografico, di documentazione, di ricerca
ecc. Abbiamo osservato dal punto di vista che ci interessava la struttura di musei e mostre e i
loro cataloghi e seguito la problematica dei beni culturali e loro catalogazione. Abbiamo
5
discusso del nostro lavoro con i colleghi più interessati e attivi nel settore, soprattutto con
A.M. Cirese e R. Grimaldi, e con esperti della pubblica amministrazione, in particolare del
Ministero dei Beni Culturali.
Tra i contributi di più diretta rilevanza da noi presi in considerazione ci limiteremo a
ricordare le classificazioni o indici di R.S. Boggs (1950), di G. D’Aronco (1963), che parte
dalla suddivisione ideata dal Van Gennep per il suo Manuel, di I. Baumer (1958) per l’Atlante
dell’Italia e della Svizzera meridionale di Jaberg e Jud, di Christian Bromberger e J. Lacroix
per la Provenza (s.d.); i manuali, con gli schemi classificatori, indici, questionari riportati, di
A.M. Cirese (1973; v. tra gli altri gli schemi di ripartizione dell’“Archivio” di G. Pitrè e della
Volkskundliche Bibliographie, pp. 166 sgg.), di P. Toschi (1962; v. in particolare i questionari
dell’Académie Celtique, quelli del ciclo dell’anno, del ciclo della vita, sulle feste patronali,
sui santuari e pellegrinaggi, pp. 59 sgg.), di A. Van Gennep (1937-38, in special modo i
questionari e la bibliografia, tomi III e IV), di M. Maget (1962), di C. Bianco, (1988), di E.
Delitala (1978), il testo istituzionale recentemente elaborato da C. R. Ember e M. Ember con
sistematici riferimenti ai dati dell’archivio HRAF (1993); i grandi trattati come quello a cura
di R. Biasutti (1967) e soprattutto quello diretto da Jean Poirier (1968), con la sua interessante
Table analytique; la bibliografia di G. Pitrè (1894), quella attuale di A. Falassi (1985), con i
loro indici analitici, e quella incompiuta di P. Toschi (1946); tra le trattazioni più specifiche,
l’elaborazione dei materiali delle inchieste napoleoniche per il Regno italico di G. Tassoni
(1973) con il ben costruito indice analitico, la monografia di P. Raybaut sulla regione di Nizza
e le fonti relative (1979), la grande opera di P. Scheuermeier sul lavoro contadino e
l’artigianato rurale, dalla ricca e preziosa iconografia (1980).
Uno stimolo importante è derivato dall’attenzione e partecipazione ai lavori nel campo
della repertorializzazione, documentazione e informatizzazione condotti o diretti da parecchi
lustri da A. M. Cirese (citeremo solo, a titolo d’esempio, un testo che anticipa con chiarezza
molte problematiche, Cirese 1972, ed una più recente introduzione, 1988, che concede spazio
anche ad una attenta discussione dei sistemi di parole chiave). Vale inoltre la pena di far
menzione di vari contributi su documentazione e informatica del Ministero dei BB CC, dalle
schede della serie FK a testi di lavoro come quello di S. Papaldo, M. Ruggieri Giove et al.
6
(1985), a quello espressamente dedicato alla terminologia etnoantropologica della
Soprintendenza per i beni culturali e ambientali siciliana (Giannantonio, 1989).
Infine sono stati esaminati e utilizzati manuali, dizionari, monografie di specifico
interesse nelle discipline contermini, con particolare attenzione alla sociologia; qui vorremmo
citare almeno il manuale, non recente, ma ben strutturato e non privo di valenze
antropologiche, di H.M. Johnson (1960), quello invece da poco edito di P. Ceri, L. Gallino et
al. (1994), e soprattutto il Dizionario di sociologia, di L. Gallino (1993).
2. Il nostro sistema di parole chiave ha preso forma, sia per struttura e caratteri, sia per
le modalità di scrittura, nel quadro delle sue finalità specifiche: a) l’indicizzazione delle unità
di rilevazione (o schede o record) per la creazione di repertori o archivi computerizzati (ma
anche manuali) di interesse etnoantropologico e recanti informazioni di varia natura e
provenienti da supporti diversi - bibliografiche, iconografiche, filmiche, sonore, su reperti
materiali, su citazioni e contenuti tratti da fonti scritte, su osservazioni e dati da lavoro sul
terreno, su considerazioni, modelli, schemi connessi all’attività scientifica ecc.; per tale
indicizzazione è previsto che ad ogni singolo record possano essere apposte più parole chiave;
b) il conseguente pronto e flessibile reperimento delle informazioni archiviate a partire dalla
gamma più ampia possibile di interessi e esigenze, la facilità di interrogazione e di selezione;
ogni parola chiave consente infatti di selezionare, entro l’insieme dei record di una
determinata banca dati o archivio, il sottoinsieme di tutti quelli che essa indicizza, un
sottoinsieme più o meno ampio che può ovviamente ridursi fino ad una sola scheda; ogni
record potrà d’altra parte rientrare in sottoinsiemi diversi secondo la scelta di quella rilevante
tra le parole chiave che esso reca.
Oltre che a fini di raccolta di notizie su oggetti d’indagine, di ricerca bibliografica o
iconografica, di ordinamento di appunti di lavoro, tale selezione permette ad esempio di
verificare la consistenza di specifici settori bibliografici in biblioteche, di tipi di documenti, di
riproduzioni o di reperti in musei, archivi, centri di documentazione. Il ricorso ad un sistema
omogeneo di parole chiave consente infine di eseguire interrogazioni su più banche dati
intorno ad un’unica, specifica tematica, quindi anche operazioni come il confronto e la
comunicazione tra depositi museali o librari diversi.
7
I programmi da noi maggiormente utilizzati sono stati DbIV della Borland e,
successivamente, il meno noto SQN, Squarenote, della Unionsquareware (v. Squarenote,
1989). La loro applicazione ai nostri fini ha avuto qualche peso nelle modalità di scrittura del
sistema; in particolare per SQN abbiamo elaborato le già citate istruzioni per la compilazione,
che riportiamo integralmente in questo testo come esempio di elaborazione organica di
modelli di registrazione per tipi diversi di banche dati (v. 4. Regole per la compilazione di
schede con parole chiave, infra). Le parole chiave sono però ovviamente progettate per
qualsiasi archivio o programma informatizzato o manuale ne faccia uso; infatti stiamo già
esaminando vantaggi e limiti di altri e più recenti software.
Vale la pena di mettere in risalto come alla nostra impostazione corrisponda un netto
distacco dai tentativi di creare griglie di classificazione a più livelli, rigide e predeterminate,
intese a etichettare e sistematizzare al completo e una volta per tutte la complessa e fluida
materia etnoantropologica. Ciò non solo è poco utile ma tale nitidezza rischia di essere
illusoria poiché in realtà si finiscono per usare criteri diversi e incappare in sovrapposizioni di
campi e settori; soprattutto, questo punto di vista pare conformarsi assai poco allo stato
dell’arte: in antropologia, etnologia, demologia - comunque si vogliano designare le discipline
e delimitare il loro ambito specifico - i modelli teorici e metodologici, i campi, le tendenze, i
metodi e le tecniche della ricerca, i suoi temi e oggetti, i modi di scrittura, di organizzazione,
di memorizzazione del materiale, sono molto vari, in evoluzione, sottoposti ad un vivace
dibattito critico e a mode mutevoli. Del resto le scienze umane, sociali, storiche, psicologiche,
pedagogiche, nel loro insieme stanno cooperando e collidendo al di là delle loro tradizioni e
dei loro già incerti confini e scoprono l’una nell’altra modelli e materiali, si disputano settori e
tecniche d’indagine (si pensi a mo’ d’esempio a tutte le “incursioni” nel campo dei rapporti
interetnici, delle cosiddette società multietniche o multiculturali, dei connessi problemi
scolastici, dei servizi, della partecipazione politica ecc., o alle piuttosto recenti linee di lavoro
composite dalle definizioni che suonano talora quasi ossimori come la storia orale).
Troppe decisioni arbitrarie, soprattutto troppi sforzi poco utili e velleitari minacciano
dunque qualsiasi sistematizzazione e gerarchizzazione che si voglia ben delimitata,
predeterminata, e definitiva, che implichi o ricerchi una precisa e biunivoca corrispondenza
tra singoli non problematici concetti, categorie di fenomeni e indici. Nel lavorare a un
8
contributo all’indicizzazione scientifica del documento abbiamo invece assunto i confini
incerti e mutevoli del settore, le scuole diverse, le ibridazioni e le innovazioni non solo come
un dato ineludibile ma come un elemento di sviluppo e creatività e abbiamo tentato di
adeguarci ad esso.
Un presupposto importante che ne deriva è quello di puntare alla flessibilità e
all’apertura del sistema; di considerare il risultato attuale come una tra le proposte possibili e
la tappa di un percorso non concluso (e infatti questa versione reca nel titolo una data, 1995, a
indicare il momento in cui si è solo provvisoriamente chiuso il termine a fini di pubblica
comunicazione). Parimenti ne risulta importante che il lavoro trovi da parte di altri ricercatori
ulteriori applicazioni critiche, sperimentazioni, adattamenti a fini diversi, per adeguarsi alle
linee di nuove indagini, superando così anche i limiti che possono dipendere dalla nostra
specifica esperienza di lavoro, legata più direttamente all’Italia e all’Europa; e dunque che
ponga il minimo di problemi di comunicabilità e apprendimento ai diversi utenti interessati, in
particolare studiosi, laureandi e studenti di corsi avanzati, operatori nel settore dei beni
culturali.
Abbiamo quindi elaborato un sistema che si vuole poco strutturato, il più semplice
possibile, a più ingressi, flessibile e aperto alle modificazioni ed alla crescita. Vediamo come
si è proceduto.
In primo luogo si sono lasciati cadere i più o meno complessi e poco parlanti codici
numerici o alfanumerici di ordinamento e gerarchizzazione; oltre ad implicare impalcature
rigide ed a richiedere un supplementare sforzo di apprendimento, ci è parso che il più delle
volte tali codici, per quanto elaborati e complessi, fossero sostanzialmente inutili - almeno nel
contesto delle attuali facilità di memorizzazione - e più che altro finissero per dare una solo
apparente impressione di rigore logico-matematico o di spinta formalizzazione. Per elencare
le parole chiave abbiamo semplicemente usato l’ordine alfabetico, banale e praticamente
automatico; esso permette di inserire in modo quanto mai agevole nuove parole, senza
modifiche di codici e di criteri di scrittura, purché sia rigorosamente rispettato, e consente
piena reperibilità di tutte le parole chiave, vecchie e nuove, apertura ed estensione indefinite,
integrazioni, sperimentazioni e adattamenti a specifici interessi di ricerca e acquisizione
ordinata dei risultati di tali adattamenti (ed effettivamente, se si esaminano gli esemplari di
9
schede da noi elaborate forniti nell’Appendice C, si vedrà che per quegli specifici archivi già
è stata introdotta qualche ulteriore parola chiave rispetto alla lista qui proposta, cfr. schede nn.
8, 9, 10, 11, 12).
In secondo luogo, scartati i codici alfanumerici, si è deciso di affidarci a semplici
termini del linguaggio scientifico ed eventualmente di quello corrente (ad esempio per nomi
di alimenti o di metalli); in entrambi i casi è evidente il riferimento etnocentrico alle categorie
della tradizione eurocolta, ma non è apparsa questa l’occasione per la discussione del rapporto
dell’antropologo e della sua cultura con i suoi “oggetti”; se però si intende accentuare un
approccio critico a tali categorie o se esse appaiono indebitamente sezionare i fatti da
indicizzare, il nostro sistema rende comunque possibile associare al record di ognuno di questi
più termini che ne restituiscano in qualche modo la peculiare, complessa collocazione.
Per le circa duecento parole chiave di primo livello - come vedremo abbiamo adottato
una struttura a due livelli - questi termini sono la grande maggioranza, più dei quattro quinti;
si tratta di parole quali ‘acqua’, ‘energia’, ‘etnia’, ‘istituzione’, ‘parentela’, ‘proverbi’,
‘simboli’, ‘stato’. In un ulteriore dieci per cento circa del totale essi sono stati troncati ad un
certo punto, mantenendo il massimo della lunghezza intorno ai dieci caratteri: così ‘archit’,
‘assoc’, ‘insed’, ‘intrat’, ‘manifest’, ‘organiz’, e ‘=biblio’, ‘=info’, ‘=storiogr’ (v. più avanti
per il significato del segno uguale); questo taglio non sembra presentare problemi di
comprensione. Infine abbiamo una dozzina di voci formate da due parole abbreviate e unite,
quando avvalersene è apparso più opportuno e adeguato allo scopo: ad esempio ‘abborn’
(abbigliamento e ornamento), ‘ciclan’ (ciclo dell’anno), ‘ciclvi’ (ciclo della vita), ‘lavrap’
(rapporti di lavoro), ‘siscom’ (sistemi di comunicazione).
Nel predisporre queste voci doppie e quelle abbreviate, ma del resto anche nella scelta di
tutte le altre, si è tenuto conto del fatto che termini un po’ più concisi appaiono più semplici,
comodi e maneggevoli, anche se nulla vieta di usare espressioni più lunghe. Inoltre i
programmi prevedono in genere limiti precisi e alquanto restrittivi quanto al numero dei
caratteri sia per i campi nei quali si può decidere di scrivere le parole chiave sia per la stessa
estensione di ogni singola parola; è quest’ultimo il caso di Squarenote che pone il limite dei
20 caratteri per ogni parola; d’altro canto, poiché abbiamo adottato il criterio di scrivere ogni
parola chiave di secondo livello preceduta da quella corrispondente di primo, un primo livello
10
troppo lungo costringerebbe ad usarne un secondo troppo breve e meno chiaro. Le parole di
secondo livello, anch’esse estratte dal linguaggio scientifico o naturale, possono comparire in
forma abbreviata ma non a due elementi associati (v. infra).
Osserveremo infine che in tutti i casi, benché si adottino parole del linguaggio naturale o
scientifico, ci troviamo di fronte a codici, intesi a coprire ognuno una limitata porzione del
materiale e del sapere antropologico, il cui ambito abbiamo tentato di circoscrivere con una
concisa spiegazione o etichetta per ogni termine di primo livello.
In terzo luogo, già abbiamo anticipato, i livelli adottati sono due soltanto. Come appare
dall’esame del Sistema delle parole chiave etnoantropologiche (v. 1., infra) le entrate di primo
livello, ordinate alfabeticamente, prevedono in molti casi termini del secondo, che si
collocano nello stesso ordine sotto quella che li raggruppa. Il numero dei termini che ricadono
sotto una parola di primo livello è molto variabile: da nessuno - le voci senza secondo livello
non ne sono prive per considerazioni teoriche o metodologiche, ma principalmente perchè al
momento non se ne è ravvisata l’utilità - ad un elenco ridotto, il più frequente, a rari casi in
cui i termini da noi indicati sono molti, anche se certo non completi, come per il ciclo
dell’anno, ‘ciclan’, 61 in tutto, per gli esseri fantastici, ‘fant’, 30, il ‘lavoro’, 34; infine il
secondo livello può contenere casi puramente esemplificativi, come per i ‘santi’, dove il
numero dei nomi che esso comprende è passibile di un notevole ampliamento, fino a dar
luogo, se lo si ritiene utile, ad un thesaurus di tutti quelli rilevati in una data fonte o zona o
ricerca o insieme di queste.
Abbiamo in tal modo attuato una de-costruzione delle gerachie complicate che
caratterizzano altre classificazioni: così mentre per noi i costumi rituali e cerimoniali
costituiscono un primo livello, ‘costume’, nel Boggs ‘Costuming’, C484, sta sotto
‘Accessories’, C480, a sua volta sotto ‘Dance’, C400, ricompreso in ‘Ballad Song Dance
Game Music Verse’, C (1950, p. 1142).
Nei nostri archivi e banche dati abbiamo stabilito che ogni parola di secondo livello sia
scritta facendola precedere dal primo corrispondente più trattino, ad esempio ‘ciclan-Natale’.
Così nell’elenco alfanumerico delle parole chiave usate in ogni repertorio o file, elenco che in
genere i programmi mostrano in videate e che può essere stampato (v. Bravo, 1995), tutti i
secondi livelli verranno ad ordinarsi sotto il primo corrispondente, rendendo più facile la
11
consultazione e le successive interrogazioni; ciò serve anche ad indicare più chiaramente in
quali gruppi individuati da un primo livello ricadano le entrate del secondo e quindi quali
scelte siano state operate nella rete concettuale proposta.
Adottando questa modalità di scrittura e volendo fissarsi il limite dei 20 caratteri può
essere talora necessario tagliare qualche carattere in coda alla parola di secondo livello o
ridurre alla parte iniziale l’espressione che ad essa corrisponde. Per evitare che si debbano
ogni volta contare i caratteri, nella scrittura del nostro sistema ad ogni parola o espressione è
stata apposta una barretta (‘/’); se essa chiude un termine, isolato o iniziale di un’espressione,
indica che questo rimane entro il massimo sviluppo consentito, altrimenti lo taglia per farvelo
rientrare, ad esempio, sotto ‘armi’, ‘scudo/’, sotto ‘cultura’, ‘acculturazio/ne’ e ‘zone/
culturali, zonizzazione’. Ciò non pare aver implicato consistenti perdite di chiarezza.
Per chi voglia avere un quadro complessivo delle entrate a disposizione per indicizzare i
record di un archivio o sapere dove si collochino una o più parole che gli interessino, se al
primo livello o al secondo, ed in quest’ultimo caso sotto quale primo, abbiamo provveduto a
fornire un unico elenco che riporta in ordine alfabetico tutte le entrate dei due livelli,
distinguendo con i caratteri maiuscoli i primi livelli, e indica per ogni secondo livello il primo
corrispondente; ovviamente risulterà da questo elenco che si è provveduto ad eliminare casi di
parole chiave del tutto uguali, fornendo codici diversi almeno per qualche carattere anche
quando si registrino inevitabili rassomiglianze, applicazioni di termini uguali a settori
disciplinari diversi ecc. E’ apparso utile dare inoltre un elenco delle sole parole di primo
livello (vedi infra, 2. Elenco alfabetico delle sole parole chiave di primo livello e 3. Elenco
alfabetico delle parole chiave di primo e secondo livello).
3. La riduzione a due livelli mira nuovamente alla semplicità e alla limitazione di
gerarchie col crescere delle quali pare aumentare anche il rischio dell’assunzione di
presupposti di organizzazione teorica parziali o non dichiarati. Ciò comporta qualche volta lo
schiacciamento in un solo secondo livello di elementi che il buon senso antropologico
vedrebbe forse meglio separati e gerarchizzati (v. ad esempio la voce ‘lavoro’, sotto la quale
stanno termini indicanti sia settori sia attività più specifiche), ma questo ci è parso il male
minore; infatti, poiché il sistema è aperto, secondo le esigenze si possono inserire altri primi
12
livelli, associare o scindere quelli proposti, oppure trasformarne di secondi in primi con
sottolivelli opportunamente prescelti, o viceversa, aggiungerne di secondi o svilupparli dove
finora non li abbiamo previsti, il tutto mantenendo semplicemente 1’ordine alfabetico.
Questa impostazione a ridotte gerarchie implica, rispetto alle altre classificazioni
esaminate, un maggior numero di parole chiave di primo livello tra loro indipendenti, in
un’articolazione a espansione orizzontale piuttosto che verticale. Ciò consente anche la
comoda e simultanea registrazione di quei termini che possiamo considerare tra loro contigui,
riferiti a fenomeni assimilabili o largamente sovrapponibili, ma per i quali non v’è oggi una
teoria sufficientemente chiara e condivisa che permetta di distinguerli compiutamente o di
collegarli in articolazioni univoche e definite o infine di ridurli di numero con la scelta di
alcuni soltanto; si pensi a ‘etnia’, ‘popolo’, ‘nazione’ e anche ‘società’. In questi casi abbiamo
scelto di dare il maggior numero di termini, fornendoli di una spiegazione ampia e poco
condizionante; se ne possono poi scegliere uno o più nell’indicizzazione dei record secondo le
preferenze teoriche e le scelte di codifica del compilatore, mentre per eseguire interrogazioni
efficaci e creare gli ordinamenti voluti dei record è sufficiente tener presente il sistema delle
parole chiave e consultare la lista di quelle usate dal compilatore per il suo singolo archivio.
La molteplicità di ingressi di primo livello, insomma, pur se a costo di qualche possibile
ridondanza, facilita il compito sia dell’indicizzazione sia del reperimento delle informazioni
da parte di utenti differenti, che possono leggere uno stesso campo d’indagine attraverso
termini diversi o di diversa generalità, periodo, origine disciplinare.
In ragione di questa scelta e anche a motivo dei nessi più o meno ovvi che risultano
dalla nostra cultura e dalla tradizione disciplinare, al posto delle ramificazioni complesse
possiamo riconoscere gruppi o famiglie di parole chiave indipendenti, dai confini flessibili e
sovrapponibili; vediamo così:
-
‘etnia’, ‘popolo’, ‘nazione’, ‘società’ (caso appena citato) e anche ‘lingua’, ‘relarea’;
-
‘categorie’, ‘concezioni’, ‘scienza’;
-
‘sesso’, ‘genere’, ‘amore’, ‘riprod’, ‘famiglia’, ‘matrimonio’, ‘parentela’;
-
‘diritto’, ‘regole’, ‘divieti’, ‘divieti-tabù’;
-
‘rito’, ‘rito-festa’, ‘ciclan’, ‘ciclvi’;
13
-
‘lavoro’, ‘lavrap’, ‘tecnica’, ‘strumenti’, ‘economia’ e anche ‘formso’ (formazioni sociali
o economico-sociali, modi di produzione’);
-
‘intrat’, ‘gioco’, ‘libero’, ‘libero-sport’, ‘infantili’ (giochi, passatempi, giocattoli).
Infine questa struttura poco verticalizzata mira a risolvere il consueto problema dei
termini che si è indotti a classificare in più posizioni diverse (v. Cirese, 1988, p. 18) ed
esclude i complicati rinvii dai sottolivelli di una voce a quelli di un’altra (come fa assai spesso
il Boggs, 1950, ma anche il D’Aronco, 1964, da un capitolo all’altro), rinvii che sono in realtà
ripetizioni di entrate dei livelli inferiori sotto voci di primo livello diverse; troviamo
addirittura ripresentazioni di sottolivelli identici con codici alfanumerici diversi, come in vari
casi fa il D’Aronco: così propone, sotto il primo livello ‘Letteratura popolare fissa’ ed il
secondo ‘Detti, proverbi, previsioni meteorologiche’, un terzo livello ‘Igiene, salute,
malattie’, con codici da 130 a 189, corrispondente esattamente a quello che sta sotto
‘Medicina popolare, veterinaria, fitopatologia’ (I livello) e ‘Malattie e terapie’ (II livello), con
i codici da F30 a F699 (1964, pp. 88-94 e 104-106); questo dubbio procedimento sembra
implicito anche in vari rimandi del Boggs (1950, cfr. ad es. p. 1142, punto 432 e sgg.). Altra
volta, ancora nel D’Aronco, la necessità di riportare sotto voci diverse uno stesso oggetto, ad
esempio il canto popolare, dà luogo a distinzioni alquanto soggettive; si veda così la nota al
capitolo su ‘Canto e musica popolari’: “Canti popolari andranno cercati anche in altri capitoli:
quelli da registrare nel presente cap. J si differenziano dai primi perchè non sono
necessariamente legati ad altre operazioni, diremo con il poeta oltre il puro cantare e l’amare.”
(D’Aronco, 1964, p. 116).
Abbiamo dunque eliminato i richiami, con tutte le relative indicazioni e istruzioni, e le
ripetizioni sotto primi livelli diversi di identici secondi livelli, che sembrano inevitabili negli
schemi molto gerarchizzati. Ad ogni voce di primo livello segue invece una concisa etichetta
o spiegazione intesa alla specificazione dei contenuti in essa codificati in base alle nostre
scelte, ed una prima indicazione del suo uso e dei contesti etnoantropologici in cui può
trovarsi inserita, ad esempio, per ‘acqua’: “acqua (neve, ghiaccio, vapore) adoperata in attività
produttive o altre come materia prima, fonte di energia, per irrigazione, per difesa di abitati
ecc.; consumata come alimento; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di
elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; usata, evitata o fatta oggetto di culto nelle pratiche
14
di religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita”; per ‘magia’: “magia e
stregoneria; scienze occulte e della Tradizione; pratiche, praticanti, concezioni, credenze,
strumenti, oggetti; «fisica» e giochi di prestigio”; per ‘etnia’: “unità etnica o etnolinguistica”;
per ‘sesso’: “differenziazione sessuale; rapporti tra i sessi, regole, divieti, concezioni; incesto;
omosessualità; riferimento della trattazione o dei dati ad un sesso”. Qualche volta, come
abbiamo visto, anche un termine di secondo livello può constare di una espressione poco più
lunga che specifica i contenuti codificati e della quale viene registrata nei record la sola parte
compatibile coi limiti adottati, ad esempio: ‘ambiente-inquinamen/to e altre forme di
contaminazione e degrado’, ‘assoc-mutua/ assistenza e cooperazione informale’.
Tra le altre funzioni delle etichette delle entrate di primo livello possiamo indicare il
suggerimento di ulteriori connessioni: di possibili secondi livelli finora non esplicitati da
sviluppare (ad esempio, per ‘acqua’: ‘neve’, ‘vapore’, ‘ghiaccio’, ‘irrigazione’; per ‘gioco’,
‘scherzi’; per ‘libero’: ‘turismo’; per ‘lotte’: ‘scioperi’;per ‘parentela’: ‘residenza’;per
‘siscom’: ‘richiami’, ‘slogan’, ‘volantini’); di campi limitrofi o comunque collegabili e delle
parole chiave interessate (ad esempio, per ‘acqua’: di ‘energia’, ‘alimenti’, ‘religione’,
‘magia’, ‘medicina’, ‘ciclan’, ‘ciclvi’ ecc.; per ‘magia’: di ‘concezioni-credenze’ ). Ciò
suggerisce associazioni, nella stessa unità di rilevazione, con altri termini di primo e secondo
livello al fine di delimitare sottoinsiemi più specifici (ad esempio per ‘acqua’ si potrà allora
definire il sottoinsieme delle operazioni magiche in cui compare l’acqua come segue: ‘acqua’
e ‘magia-operazioni’; oppure il sottoinsieme dei riti calendariali in cui nuovamente ci sia un
nesso con l’acqua come segue: ‘acqua’ e ‘ciclan’). Si accentua così il carattere reticolare del
sistema.
Infatti una varietà indefinita di configurazioni più complesse può essere semplicemente
costruita associando più parole chiave indipendenti di primo o secondo livello ad una stessa
unità di classificazione. Vediamo altri esempi: preghiera terapeutica a S.Antonio è resa con la
combinazione: ‘medicina’ ‘formule-preghiere’ ‘santi-Antonio’; folklore delle lotte operaie
con: ‘cultura-folklore’ ‘lotte’ ‘classe-operai’; rito di iniziazione degli adolescenti con ‘ritoiniziazione’ ‘ciclvi-adolescenza’; festa patronale primaverile con danza delle spade con
‘ciclan-patronale’ ‘cicli-primavera’ ‘danza-armata’ ‘armi-spada’; leggenda di fondazione di
santuario con ‘prosa-fondazione/leggende di’ e ‘monumenti-santuari’. Queste molteplici e
15
flessibili combinazioni permettono più varie e articolate interrogazioni al sistema; unendo con
gli operatori logici ‘e’ ed ‘o’ le singole parole chiave che ci interessano possiamo individuare
diversi, specifici sottoinsiemi dell’archivio che contengano gli oggetti classificati di cui siamo
alla ricerca, e quindi selezionarli secondo le modalità del programma adottato o, con qualche
sforzo in più, manualmente. Ritornando agli esempi di cui sopra, con la formula ‘ciclanpatronale’ e ‘cicli-primavera’ e ‘danza- armata’ e ‘armi-spada’ individueremo un ben
precisato sottoinsieme; se eseguiamo invece l’interrogazione senza le due ultime parole
chiave otterremo un sottoinsieme di record in parte diverso, presumibilmente più ampio;
ancora un altro sottoinsieme risulterà se aggiungiamo, con l’operatore ‘o’, ‘cicli-autunno’, e
così via.
4. La determinazione degli specifici contenuti del sistema di parole chiave ha seguito il
criterio di tener conto nel modo più completo possibile del campo d’azione delle discipline
antropologiche, o demoetnoantropologiche, delle acquisizioni, sensibilità e pratiche di ricerca
più attuali e delle estese zone di confine e sovrapposizioni con le scienze dell’uomo affini e
concorrenti.
Un certo spazio è stato attribuito a voci sociologiche, non solo per l’importanza della
materia contigua, ma perchè in genere si tratta di termini e concetti che già rientravano nella
cassetta degli attrezzi degli antropologi o che sono stati acquisiti in ricerche più recenti
(‘comunità’, ‘famiglia’, ‘gruppo’, ‘istituzione’, ‘movimenti’, ‘organiz’, ‘politica’, ‘società’,
‘sviluppo’ ecc.). Qualche termine è dedicato anche ad altre discipline al confine per indicare
la presenza di dati, processi, fasi o strutture ad esse relative: così ‘archeo’, ‘demografia’,
‘personalità’, ‘preistoria’,’sociografia’, ‘popolazione’ (antropologia fisica, delle popolazioni,
genetica, evoluzione); si è infine prestata attenzione, in qualche singola voce (‘ambiente’,
‘energia’) e nel complesso, alla problematica dell’interazione con l’ambiente e dell’uso delle
risorse. In generale si è cercato di non farsi troppo condizionare dalle suddivisioni tradizionali
o dalle idiosincrasie di scuola.
Allo stesso modo abbiamo voluto andare al di là di quegli oggetti che per più decenni
hanno caratterizzato l’indagine etnologica e demologica, per rendere codificabili dati,
dinamiche e ricerche riguardanti quel vasto insieme che va dai fenomeni della modernità a
16
quelli registrati nei più recenti decenni, così le classi e le loro differenziazioni culturali ed
espressioni politiche, il lavoro operaio e terziario, i fatti e problemi urbani e metropolitani, di
massa, le grandi organizzazioni, come pure i processi di occidentalizzazione e reazioni ad
essa, di rinascita e rielaborazione di tradizioni popolari e locali, di riferimento a nuove identità
e appartenenze contadine, linguistiche, etniche, native, ma anche giovanili e femminili (può
essere interessante ricordare che già il Van Gennep nella Bibliographie méthodique del suo
manuale propone i settori Partis et moeurs politiques e Folklore des grèves, 1938, tome IV,
pp. 860-61).
Per riferirci a questo insieme abbiamo inserito termini sia di primo sia di secondo
livello; in quest’ultimo caso le entrate compaiono in genere sotto quella di primo livello
accanto ad altre di più tradizionale rilevanza etnoantropologica, per evitare di dare per
scontata, nella struttura del nostro sistema di parole chiave, una netta e schematica
separazione tra premoderno e moderno. Vediamo qualche esempio in questo campo: tra i
termini di primo livello: ‘classe’, ‘criminali’ (etichetta: attività e organizzazioni criminali),
‘geopol’ (etichetta: riferimento a grandi ripartizioni geopolitiche di interesse storico; alcune
importanti interazioni socioantropologiche e politico-economiche tra zone), ‘intel’
(intellettuali; organizzatori e mediatori di cultura), ‘lavrap’ (rapporti di produzione, tipi e
condizioni di lavoro; organizzazione del lavoro; lavoro femminile, infantile, minorile),
‘libero’ (tempo libero; sport moderni e tifo; turismo); ‘manifest’ (manifestazioni e feste
urbane, operaie, di massa, civili, politiche, sindacali, giovanili, femminili, su base etnica e
regionale, “culturali”, turistiche, di spettacolo, di promozione commerciale, di consumo),
‘massa’ (cultura di massa; società e comunicazioni di massa; media relativi), ‘revival’, e
parecchi termini di provenienza sociologica.
Quanto ai termini di secondo livello , possiamo citare: ‘assoc-cooperative’, accanto ad
‘assoc-badie’ e ‘assoc- confraternite’; ‘concezioni-localismo, ‘concezioni-nativismo’,
‘concezioni-neorural/ismo’;
‘criminali-mafia’;
‘economia-kula’
e
‘economia-potlatch’,
accanto a ‘economia-industrial/izzazione’ e ‘economia-impresa’; tutti quelli sotto ‘geopol’
come ‘CEE’, ‘centroperif/eria’, ‘cittàcamp/agna’. ‘nord sud’ ‘terzo mondo’; '’libero-sport’;
‘movimenti-etnici’,
‘movimenti-localistici’
e
‘movimenti-nativistici’;
‘prosa-consumo
letter/aturadi’ e ‘prosa-memorie/ storiche, di guerra, lotte, lavoro’ accanto a ‘prosa-fiabe’ e a
17
'prosa-leggende’; vari secondi livelli di ‘prosoc’, quali ‘modernizzazio/ne’ e ‘pendolarità’ e di
‘stato’, quali ‘previdenziali/organizzazioni e sistema’ e ‘università/e organizzazioni
scientifiche’; ‘tecnica-automazione’.
Nel sistema è inserito ovviamente il termine ‘cultura’ al primo livello con una ventina di
secondi livelli intesi ad esprimerne articolazioni, dinamiche, processi; tali ‘acculturazio/ne’,
‘controcul/tura’,
‘diffusione’, ‘evoluzione’, ‘egemonia’,
‘folklore’,
‘'inculturazio/ne’,
‘innovazione’, ‘materiale’, ‘urbana/e metropolitana’, ‘vita modi/di’. Sotto ‘teoria’ si possono
collocare al secondo livello altri strumenti concettuali, esemplificati nel nostro sistema da
‘funzione’ e ‘struttura’; sotto ‘metodo’, infine, strumenti metodologici e tecniche di ricerca
quali ‘'areali norme’, ‘comparativi/metodi’, ‘osservazione’, ‘questionari’.
Oltre alle parole chiave di cui ci siamo finora occupati ne è stata elaborata una seconda
categoria, più ridotta, dedicata, invece che ai contenuti empirici e concettuali, al lavoro
antropologico: alla sua storiografia, settori e scuole, ai tipi di trattazione, indicando anche
quando questa sia formalmente da attribuirsi ad altre discipline, di applicazione, di
esposizione, di ordinamento, di fonte, di supporto, di interpretazione. Citiamo, a titolo di
esempio: ‘=atlante’; ‘=beni’ (etichetta: beni culturali e politica culturale); ‘=biblio’;
‘=corografia’; ‘=disciplina’ (etichetta: può essere usata se interessa indicare la specifica
disciplina cui afferisce una data trattazione o parte di essa [ad es.: sociobiologia, storia, storia
delle religioni, storia dell’arte, linguistica, psicologia]; l’indicazione andrà, ovviamente, al II
livello) - questa voce si differenzia da quelle già citate che compaiono nella prima categoria e
che indicano non semplicemente il riferimento disciplinare del tipo di trattazione ma un
contenuto di dati, fatti, processi riassunto sotto un’indicazione disciplinare (tali ‘archeo’,
‘demografia’, ‘preistoria’ ecc.); ‘=docum’ (documentazione, archivi, indici, repertori e
ordinamenti), ‘=lineamenti’ (descrizione, lineamenti etnografici generali), ‘=filmfoto’, ‘=info’
(applicazioni e sviluppi dell’informatica), ‘=museo’, ‘=psican’ (interpretazioni psicanalitiche,
freudiane, junghiane), ‘=settore’ (settori e campi dell’indagine etnoantropologica), ‘=sistemi’
(applicazioni al comportamento, all’attore sociale, alla mente, ai processi cognitivi e culturali,
all’evoluzione ecc., di modelli cibernetici, sistemici, della dissipazione, delle catastrofi,
dell’autorganizzazione, ecosistemici), ‘=statistica’ (elaborazioni statistiche); ‘=storiogr’,
‘=teormet’ (trattazioni teoriche, metodologiche; guide alla ricerca, metodi e tecniche;
18
epistemologia); alcune di queste parole chiave hanno dei secondi livelli, come ‘=info’:
‘banche dati’, ‘ipertesti’, ‘I.A./ intelligenza artificiale’, ‘multimediali/ elaborazioni’, ‘reti/
informatiche’, ‘testi elab/orazione di’, ‘virtuale/ realtà’; ‘visuale/ documentazione, lettura ed
elaborazione’. Queste voci vengono distinte, al primo livello, dal segno ‘uguale’, ‘=’, che
precede ognuna; per la sua funzione si veda più avanti.
Esaminiamo ora qualche caso particolare: per ‘ciclan’ (etichetta: ciclo dell’anno e della
produzione: cerimonie, riti e feste della tradizione, del revival, di nuova origine) e ‘ciclvi’
(ciclo della vita: cerimonie, riti e feste della tradizione, del revival, di nuova origine),
osserveremo che nel nostro sistema, a differenza di altre classificazioni che mantengono la
successione calendariale delle cerimonie e quella biologico-culturale delle cadenze della vita
umana, abbiamo scritto i secondi livelli, cioè i nomi degli specifici riti e cerimonie, seguendo
come dappertutto l’ordine alfabetico, non solo per uniformità ma per permettere l’agevole
inserimento di integrazioni in corrispondenza delle diverse realtà regionali (per una più
comoda consultazione da parte dell’utente abbiamo però aggiunto nel nostro schema anche la
data, pur se questa, secondo i nostri criteri, non verrà registrata nei campi per parole chiave).
La nostra elencazione dei secondi livelli di ‘ciclan’ riflette sostanzialmente i contenuti di
quella proposta nel questionario riportato dal Toschi (1962, pp. 69 sgg.), arricchita e adattata
in conformità alle nostre esigenze e risultati di lavoro sul terreno nell’Italia Nord-Occidentale
(cfr. P. Grimaldi, 1993, pp. 329 sgg.). Ovviamente rimane essenziale ricostruire la
successione calendariale delle cerimonie e dei riti quale si definisce in base alle diverse
esperienze d’indagine, sul terreno e in archivio, in differenti zone territoriali; ne forniamo qui
la nostra versione regionale insieme a quella in ordine biologico-culturale di ‘ciclvi’
(Appendici A e B). Osserviamo ancora che non abbiamo inserito termini del tipo ‘varie’ o
‘altri’ per la classificazione di fenomeni residui, proprio per il carattere di apertura del
sistema; compaiono però entrate quali ‘oggetti’ e ‘usi’, utili soprattutto quando è necessario
un riferimento più generale o generico, ad esempio in schede bibliografiche di opere dedicate
agli usi e costumi o per delimitare un insieme di record riguardanti oggetti materiali.
Sono stati infine omessi i riferimenti ai grandi indici più specifici quali The Types of the
Folk-Tale di A. Aarne e Stith Thompson o il Motif-Index of Folk-Literature dello stesso
Thompson (dei quali si sono comunque esaminati gli schemi di ordinamento); ad essi
19
ricorrerà ovviamente chi avrà necessità di una classificazione molto minuziosa in un ambito
più specifico.
5. Nei nostri archivi e banche dati è utilizzata una seconda serie di parole chiave, esterne
al
sistema
fin
qui
esposto,
che
non
sono
intese
all’indicizzazione
scientifica
etnoantropologica, ma a fornire importanti indicazioni supplementari. Ovviamente anche per
queste valgono i limiti del numero dei caratteri stabiliti per la prima serie. Vediamo alcune tra
quelle cui facciamo più frequentemente ricorso.
Le informazioni spaziali, geografiche, relative ai dati contenuti in ogni record, per
quanto concerne la loro rilevanza più specificamente etnoantropologica sono codificabili
ricorrendo alle parole chiave del sistema. Si possono infatti usare ‘etnia’ coi suoi secondi
livelli che preciseranno di quale unità etnica o etnolinguistica si tratta (o in alternativa anche
‘popolo’ o ‘nazione’), ‘lingua’ riportando al secondo livello l’area linguistica, ‘relarea’ col
secondo livello per le aree religiose; inoltre si può ricorrere alla voce ‘geopol’ e ai suoi
secondi livelli già citati (quali ‘CEE’, ‘terzo mondo’ ecc.) ed a quella ‘geoeco’ (etichetta:
zone e caratteri geografici, idrografici, orografici, geologici, ecologici; riferimento geografico
o ecologico della trattazione o dei dati ....) con i termini sottostanti quali ‘bosco/ e foresta’,
‘costa’, ‘delta’, ‘deserto’, ‘lago’, ‘pianura’. Anche ‘chiesa-diocesi’, seguita dalla precisazione
geografica di cui qui sotto, può servire a individuare zone di una certa rilevanza etno-europea.
Vari altri termini possono invece collocare il dato in una specifica dimensione sociale, come
quelli che specificano ‘classe’, ‘sesso’, ‘età’ ecc.
Rimane tuttavia una vasta gamma di indicazioni più semplicemente geografiche che può
essere utile riportare; la loro ampiezza è molto variabile: un villaggio, una valle, una città, una
regione, un continente. Proprio per questa variabilità tali indicazioni interessano in modo
molto differenziato, su scala molto diversa, chi lavora alle diverse banche dati: ad esempio in
un archivio dedicato a dati, notizie, testi, relativi ad una zona molto ridotta potrà essere
opportuno indicizzare i record in base a unità territoriali che risulteranno molto piccole e
contigue, mentre una in banca dati che raccoglie tutta la produzione dei 24 volumi dell’
“Archivio” per lo Studio delle Tradizioni Popolari”, come quella da noi costruita, si dovranno
indicizzare scritti concernenti zone di ampiezza assai diversa, prossime o molto lontane. Ciò
20
rende inutilmente oneroso, e inoltre limitante, predisporre uno schema di codifica valido una
volta per tutte e interno al sistema. La nostra scelta è stata quindi di lasciare libero chi
progetta e compila una banca dati di regolarsi secondo i suoi criteri ed esigenze nel disegno
delle determinazioni geografiche: nei nostri data bases sono consentite più parole chiave
geografiche, anche per lo stesso record, e se opportuno di diversa scala e di diversa origine:
così un’indicazione di tipo storico-geografico come ‘+Monferrato’ accanto ad una politicoamministrativa come ‘+Regno di Sardegna’ e ad una territoriale più ampia come ‘+Italia’ (per
i segni che precedono questo e altri tipi di entrate si veda più avanti).
Sulle coordinate temporali, storiche, delle notizie contenute nel record si possono fare
considerazioni analoghe. Nel sistema è presente qualche parola chiave di rilevanza
sociologica e antropologica e atta a consentire periodizzazioni; innanzitutto ‘formso’
(etichetta: formazioni sociali o economico-sociali, modi di produzione) con i secondi livelli
‘contadino-art/igianale’, ‘feudale’, ‘neocapitalist/ica’, ‘statuale’ e altri possibili; di qualche
rilievo anche ‘società’, coi sottolivelli ‘complessa’, ‘preindustriale’, ‘semplice’, e altri termini
che implicano il riferimento ad una collocazione premoderna, moderna o attuale, ad esempio
‘lavrap-industriale/o moderno’, e ‘massa’; infine periodizzazioni di rilievo paletnologico
possono essere ricavate sotto ‘preistoria’ dove finora compaiono solo ‘musterian/e industrie’ e
‘protostor/ia’.
Per il resto abbiamo nuovamente deciso che le norme per la codifica della collocazione
storica del record venissero stabilite per ogni diversa banca dati, e non abbiamo elaborato uno
schema interno al sistema valido per tutte. Le periodizzazioni, soprattutto per l’antropologo,
che si occupa spesso di storie “altre”, non possono essere limitate ai modelli consueti eurooccidentali; per di più anche qui la scala dello spessore storico considerato può variare molto
secondo il progetto dell’archivio, dall’indicazione di un anno preciso a quella di un intero
periodo, secolo ecc.; può anche essere utile a fini di interrogazione poter selezionare
sottoinsiemi di record sia in riferimento all’uno sia all’altro, e per questo abbiamo spesso
previsto parole chiave multiple e diverse per il singolo record, ad esempio ‘*1517’, ‘*XVI
secolo’ ed ‘*età moderna’.
Riportiamo ancora qualche parola chiave esterna: ai compilatori dei record abbiamo
sempre chiesto di inserire il loro cognome e iniziale del nome (ad esempio ‘”Bergandi M.T.’
21
‘”Bonato L.’) come pure la data di compilazione o dell’ultima integrazione o correzione,
registrando le sole decine e unità dell’anno e quindi il mese (‘94-05’, ‘96-11’); nelle schede
biliografiche e filmografiche compare la parola chiave indicante cognome e iniziale del nome
dell’autore o del curatore (ad esempio ‘-Clemente P.’, ‘-Fabietti U.’) e quella con la data di
edizione o produzione, nella forma completa ‘1958’, ‘1994’ (per qualche altro termine esterno
e ulteriori istruzioni di scrittura v. 4. Regole per la compilazione di schede con parole chiave,
infra, e gli esempi di schede compilate dell’Appendice C). Sta ovviamente a chi progetta
nuove banche dati aggiungere se opportuno parole chiave esterne per le indicazioni
supplementari che si rendessero necessarie.
Tutte le parole chiave di questa seconda serie sono naturalmente impiegate da sole o
associate per selezionare sottoinsiemi di record nell’insieme di una determinata banca dati;
possiamo così individuare tutti quelli i cui contenuti sono attribuibili ad una precisa zona
geografica o/e ad un certo periodo storico, ma anche quelli dovuti al lavoro di un singolo
compilatore (il che non è privo di utilità per il controllo del lavoro stesso); raggruppare tutte le
schede bibliografiche di opere di uno stesso autore o/e pubblicate nello stesso anno. Queste
parole
sono
inoltre
utilizzabili
in
connessione
con
quelle
della
prima
serie,
etnoantropologiche; si deciderà di circoscrivere, ad esempio, in un archivio museale, tutti i
record di reperti costituiti da armi di provenienza africana (‘armi’ e ‘+Africa’), oppure, in un
repertorio bibliografico, tutti i testi concernenti feste patronali con l’uso di danze rituali nel
Piemonte e nella Lombardia del XX secolo (‘ciclan-patronale’ e ‘danza’ e ‘+Piemonte’' o
‘+Lombardia’ e ‘*Novecento’) in una gamma di interrogazioni quanto mai varia e complessa.
Le parole chiave esterne al sistema sono dunque precedute da un segno aritmetico o
ortografico ad eccezione di quelle rappresentate dalle cifre relative all’anno di pubblicazione
o di produzione e alla data di compilazione; queste ultime sono ben distinguibili dalla prime
perchè il decennio, che è il solo riportato e precede l’indicazione del mese, è ora introdotto dal
‘9’, tra qualche anno dallo zero (ad esempio ‘96-06, dopo il duemila 00-11, poi 01-05) mentre
le prime si aprono col millennio, poi il secolo, le decine e le unità: così una data di edizione
sarà 1935, 1994 o simili. Questa si differenzia anche dall’indicazione del periodo cui si
riferisce la trattazione, il dato, il reperto, la quale, pur nei casi in cui è indicata con una cifra
dello stesso tipo, sarà preceduta dall’asterisco, come ‘* 1968’. Anche alle parole chiave
22
etnoantropologiche interne al sistema ma appartenenti alla seconda categoria, concernenti
quindi scuole settori applicazioni trattazioni supporti ecc., è premesso, come abbiamo visto, il
segno uguale, ‘=’.
Ne risultano ben distinte da tutte le altre le parole chiave interne al sistema e
appartenenti alla prima categoria, quelle più specificamente dedicate ai contenuti
etnoantropologici. Inoltre riesce agevole visualizzare prontamente in ogni unità di rilevazione
i diversi tipi di parole utilizzati, qualunque sia il modello di record e il programma adottato.
Anche nelle liste alfanumeriche su schermate o a stampa questo accorgimento fa si che tali
tipi vengano elencati separatamente in sequenza, senza che si mescolino tutte le parole chiave
in una successione unica; così invece, secondo le convenzioni di ordinamento alfanumerico
adottate, i diversi tipi si disporranno l’uno dopo l’altro in base al segno aritmetico o
ortografico che precede il termine, alla sua assenza, al tipo di cifra (millennio secolo ecc. per
le date di edizione, 90 e successivi per la data di compilazione): per ogni raggruppamento
varrà poi l’ordine alfanumerico della prima lettera della parola chiave susseguente al segno:
nel nostro Repertorio di fonti di interesse etnoantropologico per l’Italia preunitaria le liste
delle parole chiave impiegate vedono stampati i riferimenti temporali (preceduti da ‘*’), quelli
geografici (‘+’), le date di edizione, le parole chiave etnoantropologiche della seconda
categoria (‘=’), da ultimo quelle della prima, che sono, abbiamo detto, gli unici termini
alfabetici cui non è premesso alcun segno (Bravo, 1995, pp. 144-205). Osserveremo infine
che queste nostre scelte di codifica sono particolarmente utili per il programma SQN, con il
suo unico campo per tutte le parole chiave (v. anche 4. Regole per la compilazione di schede
con parole chiave, infra).
6. Nel delimitare il numero complessivo delle nostre parole chiave dei due livelli
abbiamo tenuto conto del loro fine precipuo, che è quello di consentire l’indicizzazione e
l’ordinamento di materiale quanto mai diverso come contenuti e come supporto ed al tempo
stesso il suo pronto reperimento da una molteplicità di ingressi, semplici o combinati. Ci è
parso così che gli schemi ridotti, come la dozzina di categorie dell’ “Archivio” del Pitrè o le
sei della sua Bibliografia (1894), avessero maglie troppo larghe; ma anche quelli molto
articolati, con migliaia di voci, come la classificazione del D’Aronco, sembravano impedire
23
un lavoro efficiente di ordinamento e interrogazione, implicando un tipo di informazione
troppo minuta, più utile come strumento per impostare la ricerca in uno specifico settore,
guidare l’osservazione, suggerire la struttura di questionari o schede di rilevamento. Abbiamo
dunque optato per un sistema che attualmente conta 795 parole chiave dei due livelli, con 198
voci del primo, un numero che potrà in future applicazioni subire qualche variazione,
soprattutto nei secondi livelli e in particolare sotto qualche voce come ‘santi’, ma che
pensiamo non dovrebbe mutare 1’ordine di grandezza passando dalle centinaia alle migliaia
se si vuole conservare il carattere di flessibilità ed efficienza.
7. Come già abbiamo anticipato, nelle sezioni che seguono sono riportati, innanzitutto il
sistema delle parole chiave etnoantropologiche, nel quale i termini di primo livello stanno in
ordine alfabetico, suddivisi nelle due diverse categorie che abbiamo distinto, e quelli di
secondo nello stesso ordine al di sotto del primo cui appartengono; vengono poi l’elenco delle
solo parole chiave del primo livello e un’unica lista alfabetica di tutte le parole chiave dei due
livelli. Seguono le ora citate Regole..., e, in Appendice, il ciclo dell’anno nella nostra versione
regionale e secondo la successione calendariale, il ciclo della vita in successione bioculturale
e una serie di esemplari di record diversi compilati con parole chiave.
In conclusione presentiamo il nostro lavoro come il prototipo di uno specifico approccio
al problema della creazione e applicazione delle parole chiave in campo etnoantropologico,
come un oggetto di sperimentazione tuttora in corso, che può essere ulteriormente, e
utilmente, adattato e integrato, sottoposto a critica e corretto; grazie a qualche eventuale
accorgimento, pur con le nuove formulazioni e aggiunte rimarrà possibile la comunicazione
tra le banche dati già realizzate e quelle che lo saranno.
24
Ringraziamo di cuore tutti quelli che, con critiche e suggerimenti o con la sperimentazione, ci
hanno aiutato a portare fin qui il nostro lavoro, avendo la piena consapevolezza
dell’importanza del loro contributo; tra i molti vogliamo ricordare in particolare Alberto
Mario Cirese e Renato e Piercarlo Grimaldi; e poi tutti i ricercatori, laureandi e studenti che
hanno applicato ed eventualmente commentato le successive versioni delle parole chiave; un
grande peso ha avuto l’interesse e il sostegno di Sergio Zoppi. Infine un caloroso
ringraziamento a Maria Teresa Bergandi e Laura Bonato per la preziosa collaborazione nella
revisione dell’ultima stesura e nella preparazione del materiale.
Gian Luigi Bravo
25
Riferimenti bibliografici
Aarne A. e Thompson S. (1928), The Types of the Folk-Tale, F.F.C., n. 74 (riveduta ed
aumentata da S. Thompson, 1961. F.F.C., n. 184);
Baumer I. (1958), Volkskundlicher Index zum Sprach-und Sachatlas Italiens und der
Südschweiz von Karl Jaberg und Jakob Jud, "Schweizerisches Archiv für Volkskunde", LIV,
2, pp. 101-110;
Bianco C. (1988), Dall’evento al documento: orientamenti etnografici, Roma, CISU;
Biasutti R. (a cura di) (1967), Razze e popoli della terra, voll. I-IV, Torino, UTET, IV ed.;
Boggs R. S. (1950), Types and Classification of Folklore, in M. Leach (a cura di),
Dictionary of Folklore Mythology and Legend, voll. I-II, New York, Funk & Wagnalls, vol.
II, pp. 1138-1147;
Bravo G. L. (1987), L’archiviazione delle informazioni demo-antropologiche, in G. De
Luna e P. Grimaldi (a cura di), Quale storia per quali contadini: le fonti e gli archivi in
Piemonte, Milano, Angeli, pp. 81-89;
 (1991), Informatica e categorie demo-antropologiche: un sistema di parole chiave,
“Pragmata” (rivista su dischetto), I, 1, novembre.
 (1995), Repertorio di fonti di interesse etnoantropologico per l’Italia preunitaria,
Torino, Dipartimento di Scienze Antropologiche, Archeologiche e Storico-territoriali Università di Torino;
Bromberger Chr. e Lacroix J. (s.d.), Inventaire ethnographique de la Provence, s.l., Office
Régional de la Culture;
Ceri P., Gallino L. et al. (1994), Manuale di sociologia, Torino, UTET Libreria;
Cirese A. M. (1972), Per un soggettario demologico da costruire con impiego del
computer, in Festschrift für Robert Wildhaber, Basel,m pp. 54-59;
 (1973), Cultura egemonica e culture subalterne, Palermo, Palumbo;
 (1988), Introduzione, a R. Grimaldi, 1988, pp. 13-22;
D’Aronco G. (1964), Schema di classificazione del materiale folclorico, Padova, Presso la
Libreria Universitaria;
26
Delitala E. (1978), Come fare ricerca sul campo: esempi di inchiesta sulla cultura
subalterna in Sardegna, Cagliari, EDES;
Ember C. R. e Ember M. (1993), Cultural Anthropology, Englewood Cliffs N. J., Prentice
Hall;
Falassi A. (1985), Italian Folklore: An Annotated Bibliography, New York and London,
Garland;
Gallino L. (1993), Dizionario di sociologia, Torino, UTET (II ed., Ied. 1978);
Giannantonio G. (1989), Un vocabolario di controllo nel settore delle scienze
etnoantropologiche, Palermo, Regione Siciliana - Assessorato regionale dei beni culturali e
ambientali e della pubblica istruzione;
Grimaldi P. (1993), Il calendario rituale contadino: il tempo della festa e del lavoro fra
tradizione e complessità sociale, Milano,Angeli;
Grimaldi P. e Grimaldi R. (1993), Un modello per l’organizzazione e l’analisi dei beni
culturali: la casa museo di Nuto, S. Stefano Belbo, Centro Studi Cesare Pavese;
Grimaldi R. (1988), I beni culturali demo-antropologici: schedatura e sistema
informativo, Torino, Provincia di Torino - Assessorato alla cultura;
 (1996), Un modello relazionale di basi di dati, in id. (a cura di), Tecniche di ricerca
sociale e computer: Modelli, basi di dati e basi di conoscenza, Torino, Omega, pp. 221-234;
 (di prossima pubblicazione) (a cura di), antologia di contributi su recenti lavori di G.L.
Bravo, A.M. Cirese, P. Grimaldi e R. Grimaldi nel campo della documentazione e delle
applicazioni dell’informatica;
Johnson H. M. (1960), Sociology: a Systematic Introduction, New York, Harcourt, Brace
& World;
Maget M. (1962), Guide d’étude directe des comportements culturels, Paris, CNRS;
Papaldo S., Ruggieri Giove M. et al. (1985), Strutturazione dei dati delle schede di
catalogo, Ministero per i BB CC AA, CNR, Roma Istituto Centrale per il catalogo e la
documentazione, Pisa, Istituto Cnuce;
Pitrè G. (1894), Bibliografia delle tradizioni popolari d’Italia, Torino-Palermo, Clausen
(ristampa anastatica: Bologna, Forni, 1976);
Poirier J. (a cura di) (1968), Ethnologie Génerale, Paris, Gallimard;
Pola Falletti-Villafalletto G.C. (1939-42), Associazioni giovanili e feste antiche: loro
origini, voll. I-IV, Torino, Comitato per la difesa dei fanciulli;
 (1953), La juventus attraverso i secoli, Milano, F.lli Bocca;
Raybaut P. (1979), Les sources régionales du pays de Nice, Paris, Fayard;
Scheuermeier P. (1980), Il lavoro dei contadini: cultura materiale e artigianato rurale in
Italia e nella Svizzera italiana e retoromanza, voll. I-II, Milano, Longanesi; trad. it. di (1943-
27
56), Bauernwerk in Italien, der italienischen und rätoromanischen Schweiz, ErlenbachZürich, Rentsch Verlag, Bern, Verlag Stömpfli & Cie.;
Squarenote: The Idea Librarian (1989), s. 1., UnionSquareware;
Tassoni G. (1973), Arti e tradizioni popolari: le inchieste napoleoniche sui costumi e le
tradizioni nel regno italico, Bellinzona, La Vesconta;
Thompson S. (1956), Motif-Index of Folk-Literature: A Classification of Narrative
Elements in Folktales, Ballads, Myths, Fables, Medieval Romances, Exempla, Fabliaux, JestBooks and Local Legends, voll. I-VI, Bloomington, Indiana University Press;
Toschi P. (1946), Bibliografia delle tradizioni popolari d'Italia dal 1916 al 1940, vol I,
Firenze, Barbera;
 (1962), Guida allo studio delle tradizioni popolari, Torino, Boringhieri;
Van Gennep A. (1937-38), Manuel de Folklore français contemporain, tomes I-IV, Paris,
Picard.
28
I. SISTEMA DELLE PAROLE CHIAVE
ETNOANTROPOLOGICHE
A. CONTENUTI
abborn
abbigliamento; accessori (ades.: ventagli); ornamento; gioielli; ornamenti e coperture per
animali
acqua
acqua (neve, ghiaccio, vapore) adoperata in attività produttive o altre come materia prima,
fonte di energia, per irrigazione, per difesa di abitati ecc.; consumata come alimento; oggetto
di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; usata,
evitata o fatta oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli
dell’anno e della vita
alimenti
alimentazione: cibi, bevande, pasti; cucina, ricette e preparazione; credenze dietologiche;
composizione e quantità, fame e iperalimentazione; alimenti come oggetto di concezioni,
credenze, mito, scienza e di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; usati, evitati o fatti
oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e
della vita
II liv.:
carne/
olio/
pane/
vino/
29
ambiente
interazione con l’ambiente, gli animali, i vegetali; le sue sfide, le sue risorse, materie prime ed
energia; disastri ecologici e calamità naturali
II liv.:
addestramen/to di animali
animata/ natura, interazione con
carestia/
disastri/ecologici
domesticaz/ione di fuoco, animali, vegetali
inanimata/ natura, interazione con
inquinamen/to e altre forme di contaminazione e degrado
riciclaggio/ di attrezzi, materiali e manufatti
rifiuti/ produzione e trattamento
vita qualit/à della
amore
vita amorosa e sessuale, corteggiamento, seduzione, gelosia; incontri; erotismo; tecniche;
istruzione e informazione sessuale
animali
animali cacciati, addomesticati, allevati, addestrati, adoperati per la caccia, il trasporto, il
lavoro, la guerra, la guardia, il gioco, lo sport, la compagnia; animali o loro parti sfruttati
come fonte di energia e di materie prime, consumati come alimento; oggetto di concezioni,
credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; usati, evitati o fatti
oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e
della vita
II liv.: gli specifici animali, loro parti o componenti, ad es.:
corno/
corvo/
piume/
rospo/
toro/
30
archeo
reperti, elementi di cultura di ambito archeologico
archit
strutture e fabbricati, tecnica, strumenti e attrezzature, materiali, costruttori
II liv.:
cemento/
fabbricati/
armi
armi offensive e difensive, proprie e improprie, per guerra, caccia, pesca; attrezzature
belliche; divise e insegne; tecniche e arte militare; vita e professione militare, mercenari; le
armi come oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa,
canto, arte; usate, evitate o fatte oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina,
nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
arco/
scudo/
spada/
arte
arti, ornato, decorazioni; tecniche, strumenti, materie prime; prodotti; periodi, zone, scuole o
stili
II liv.: le diverse arti, zone, periodi, scuole o stili, ad es.:
ferro battuto/
pittura pariet/ale
sacra/
assoc
processo di associazione tra due o più individui: relazioni di amicizia, colleganza, ospitalità,
vicinato; associazioni: di mestiere, mutualistiche, cooperative, rituali, religiose, etniche,
segrete, settarie, politiche, militari, paramilitari, criminali; bande giovanili; strutture informali
di cooperazione e mutua assistenza; gruppi corporati; Pro-loco
II liv.:
amicizia/
31
badie/
confraternite/
cooperative/
corporati/ gruppi
folli/ compagnie o società dei
mutua/ assistenza e cooperazione informale
ospitalità/
banditi
banditi, bracconieri, contrabbandieri, briganti, pirati, ladri
canto
esecuzioni musicali cantate; trascrizioni di canti
capi
capi, notabili e influenti locali, nativi, contadini, operai; saggi, anziani; capi religiosi e rituali;
capi militari; gruppi o clientele ad essi collegate; famiglie influenti
II liv.:
abbà/
carattere
carattere nazionale e sociale
casa
casa: spazi, articolazioni, funzioni; arredamento, mobili, suppellettili, posate, accessori;
strumenti e attrezzature; tipi di abitazione; la casa o sue parti come oggetto di concezioni,
credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; sede o oggetto di culto
o evitamento, di apparizioni, di pratiche di religione, magia, medicina, del rito, dei cicli
dell’anno e della vita
II liv.:
specchio/
suppellettili/
casta
caste, strutture, rapporti
32
categorie
categorie o stili di pensiero o cognitivi; pensiero analogico, corrispondenze; pensiero
“primitivo”; le categorie del tempo e dello spazio; le categorie del sacro, dell’osceno, del
bello, del brutto, del tragico, del comico, del bene, del male; destino, sorte, fortuna, sfortuna
II liv.:
analogico/ pensiero
sacro/
chiesa
chiese e organizzazioni religiose; gerarchie, autorità centrali e locali, vescovi, papi ecc.;
giurisdizioni territoriali, diocesi, parrocchie ecc.; monachesimo e conventi; missioni; funzioni
teologiche, politiche, formative, assistenziali
II liv.:
diocesi/
eresie/
inquisizione/
missioni/ e missionari
monaci/ monache
papa/
persecuzioni/
sacerdoti/
secolarizza/zione
teologia/
ciclan
ciclo dell’anno e della produzione: cerimonie, riti e feste della tradizione, del revival, di nuova
origine
II liv.:
alpeggio/ salita e discesa
angelo lunedì/ dello
Ascensione/
Assunzione/ Ferragosto, 15 agosto
Calendimaggio/1 maggio
Candelora/ 2 febbraio
Capodanno/
Carmine/ Beata Vergine del, 16 luglio
33
Carnevale/
Ceneri/
Corpus domini/ o Trinità
Epifania/ 6 gennaio
equinozio aut/unno
equinozio pri/mavera
Immacolata/ Concezione, 8 dicembre
maggio prima/ domenica
mietitura/
Morti/ commemorazione dei, 2 novembre
Natale/
Natività Mar/ia Vergine, 8 settembre
neve Madonna/ della, 5 agosto
Ognissanti/ 1 novembre
palme/ Domenica delle
Pasqua/
patronale/ festa
Pentecoste/
Quaresima/
Rogazioni/
S.Anna/26 luglio
Santa sett/imana
S.Antonio ab/ate, 17 gennaio
S.Antonio Pad/ova (da), 13 giugno
S.Besso/ 10 agosto
S.Biagio/ 3 febbraio
S.Bovo/ 22 maggio
S.Caterina/ 25 novembre
S.Chiara/ 2 gennaio
S.Croce/ rinvenimento della, 3 maggio
S.Giacomo/ 25 luglio
S.Giovanni Ba/ttista, 24 giugno
S.Giuseppe/ 19 marzo
S.Grato/ 7 settembre
S.Liberata/18 gennaio
34
S.Lorenzo/ 10 agosto
S.Lucia/ 13 dicembre
S.Magno/ 19 agosto
S.Marco/ 25 aprile
S.Martino/ 11 novembre
S.Nicola/ 5 dicembre
solstizio est/ate
solstizio inv/erno
S.Orso/1 febbraio
S.Pietro Pao/lo, 29 giugno
S.Rocco/ 16 agosto
S.Silvestro/31 dicembre
SS.Nome di Ma/ria Vergine, 12 settembre
S.Stefano/ 26 dicembre
S.Valentino/14 febbraio
Tempora/
vendemmia/
12 giorni/ ciclo dei, o natalizio o Calende
cicli
cicli vitali, mensili, stagionali, storici, celesti, cosmici: oggetto di concezioni, credenze, mito,
scienza, di elaborazione in poesia, prosa, canto, arte e di culto; riferimento di attività, pratiche,
comportamenti, di dati o fenomeni a particolari cicli, giorni, settimane, lunazioni, mesi,
stagioni ecc.; giorni e periodi fausti e infausti
II liv.:
luna nuova/
primavera/
ciclvi
ciclo della vita: cerimonie, riti e feste della tradizione, del revival, di nuova origine
II liv.:
adolescenza/
battesimo/
concepimento/
corteggiam/ento
35
coscritti/ feste e usi dei
fidanzamento/ e frequentazione
funebre/ cerimonialità, lamentazioni, banchetti, veglie
gravidanza/
infanzia/
maturità/ cerimonie e usi della
nascita/
nozze/
puerperio/
separazione/ ripudio, divorzio
spupillatura/
vecchiaia/ cerimonie e usi della
vedovanza/
cielo
cielo e corpi celesti, meteoriti: oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di
elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; di riferimento o di culto nelle pratiche di religione,
magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita; di utilizzo (ad es. energia solare), di
riferimento e di orientamento nelle attività produttive e altre
II liv.:
luna/
meteoriti/
sole/
via Lattea/
classe
classi, ceti e categorie professionali o funzionali, categorie sociali rapportate all’occupazione
(studenti, casalinghe, pensionati, disoccupati, cassintegrati)
II liv.:
benestanti/ e redditieri
casalinghe/
contadini/
marinai/
militari/
operai/
36
pastori/
pensionati/
pescatori/
clima
eventi climatici e atmosferici: oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni
in poesia prosa, canto, arte; evocati, evitati o fatti oggetto di culto nelle pratiche di religione,
magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita; oggetto di utilizzo (ad es. energia
eolica), di riferimento e di orientamento nelle attività produttive e altre; mutamenti e periodi
climatici e atmosferici
II liv.:
disgelo/
glaciazioni/
pioggia/
vento/
collettivo
forme di comportamento collettivo: folla, voci, dicerie, mode, manie, panico, tumulti, culto di
divi ecc.
II liv.:
mode/
colonie
colonizzazione e imperialismo; decolonizzazione e neocolonialismo; colonie nel mondo
antico
comunità
comunità locale, borgo, quartiere
concezioni
concezioni del mondo, valori, identità, coscienza contadina, operaia, etnica, nativa, locale,
religiosa; saggezza, moralità; critica, riso e parodia; pregiudizio, intolleranza, etnocentrismo,
razzismo; nazionalismo; tolleranza, relativismo; ideologia e credenze
II liv.:
antisemit/ismo
credenze/ e rappresentazioni collettive
37
etnocentr/ismo
identità/
localismo/
nativismo/
nazional/ismo
neoetnici/smo
neorural/ismo
pregiudiz/io
razzismo/
storiciz/zazione, reinterpretazione storicizzante di tradizioni,
riti ecc.
consumo
attività di consumo
corpo
struttura, parti, sostanze, anatomia; sviluppo, morte; funzioni, reazioni e comportamenti
fisiologici, psicosomatici, affettivi, mentali; rapporto mente/corpo; sonno, riposo; sogno;
posture, movimento, fuga, lotta di attacco e difesa; igiene, massaggio, cosmesi, pittura
corporea, tatuaggio; tecniche del corpo, addestramento; gestualità e comunicazione corporea;
mancinismo, destrismo; caratteri estetici, pregi, difetti, indole, particolarità; conservazione e
mummificazione; scarificazione, mutilazioni, circoncisione, subincisione, escissione,
infibulazione; il corpo come oggetto di consumo, cannibalismo; di utilizzo come fornitore di
materie prime (ad es. capelli), di energia motrice, di lavoro; di concezioni, credenze, mito,
scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; il corpo o sue parti usate, evitate o fatte
oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e
della vita
II liv.:
cannibalismo/
cosmesi/
morte/
nudità/
pittura/
reliquie/
scarificazione/
sogno/
tatuaggio/
38
corredo
corredo, dotazione, equipaggiamento, di strumenti e oggetti per specifiche finalità di rito,
lavoro, guerra ecc.
II liv.:
funebre corr/edo
nuziale corr/edo
cortesia
forme di cortesia ed etichetta; visite e auguri
costume
costumi, maschere, ornamenti cerimoniali; segni distintivi cerimoniali
II liv.:
maschere/
criminali
attività e organizzazioni criminali; criminalità singola e organizzata
II liv.:
mafia/
droga spac/cio
droga traff/ico
cultura
cultura: processi ed articolazioni concettuali ed empiriche, sottosistemi; modi di vita o usi e
costumi di gruppi, classi, età (ad es. bambini) o in dati settori di attività (ad es. vita marinara,
cultura del vino, vita dei pescatori); folklore, tradizioni popolari o cultura popolare; cultura
popolareggiante
II liv.:
acculturazio/ne
assimilazio/ne
controcult/ura
diffusione/
egemonia/
evoluzione/ culturale
39
folklore/ o tradizioni popolari
inculturazio/ne
innovazione/
materiale/ cultura
mutamento/ culturale
popolareg/giante o popolaresca cultura
sincretismi/
subalternità/
tradizione/
ufficiale/ cultura
urbana/ e metropolitana cultura
vita modi/ di
zone/ culturali, zonizzazione
danza
danze e figure coreutiche
II liv.:
armata/
monferrina/
dei
esseri divini; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazione in poesia,
prosa, canto, arte; evocati o fatti oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina,
nel rito, nei cicli dell’anno e della vita; potenze soprannaturali impersonali
II liv.:
Cristo/
Madonna/
mana/
demografia
dati e processi demografici
devianti
40
devianti, diversi, vagabondi, mendicanti, malati e deformi fisici e mentali, ubriaconi,
tossicodipendenti; prostitute
diritto
consuetudini, norme, istituti e principi giuridici, infrazioni, sanzioni, pene
divieti
divieti e tabù
II liv.:
tabù/
divinaz
arti della divinazione e predizione; pratiche, praticanti, strumenti e oggetti, credenze, luoghi
II liv.:
astrologia/
pronostici/
rabdomanzia/
domatt
attori sociali individuali che esercitano localmente potere, autorità o influenza in virtù di ruoli
in organizzazioni e amministrazioni, competenze professionali, censo e prestigio: tecnici (ad
es.: agronomi, enologi), medici, farmacisti, ostetriche, veterinari, notai, avvocati, magistrati,
preti, ufficiali e graduati dell’esercito o delle forze di polizia, maestri, insegnanti, politici,
sindacalisti, funzionari dello stato, di banca, operatori nei mass media, nobili, proprietari,
redditieri ecc.; clientele connesse
II liv.:
dottore/
prete/
dominio
dominio: autorità, potere, influenza; monarchi, classi dirigenti, dominanti, politiche,
aristocrazie, élites ecc.; tipi (ad es.: monarchia assoluta; democrazia elettiva)
dono
doni e loro scambio
41
economia
strutture e processi economici nei diversi tipi di formazioni sociali; istituzioni e
organizzazioni; proprietà; organizzazione della produzione e della distribuzione di beni e
servizi; occupazione e disoccupazione; redditi e consumi; monetazione, sistemi monetari;
scambio; redistribuzione; credito, usura, banche; mercato, piano
II liv.:
impresa/
industrial/izzazione
kula/
moneta/
multinazion/ale
potlatch/
scambio/
educazione
educazione, formazione
energia
energia: fonti e tipi, applicazioni
II liv.:
cottura/
illuminazio/ne
motrice/
riscald/amento
esecutori
narratori, poeti, cantori, suonatori, danzatori, artisti, attori, cantastorie, oratori, banditori, altri
esecutori; bande, cori; occasioni di esecuzione, pubblico, improvvisazioni
II liv.:
bande/
cori/
occasioni/ di esecuzione
età
distribuzione per età; classi di età e rapporti tra esse; caratteri e ruoli di classi di età
42
II liv.:
anziani/
bambini/
giovani/
minori/
18-25enni/
etnia
unità etnica o etnolinguistica
II liv.:
celti/
ebrei/
francoprovenza/li
piemontesi/
Rom/
famiglia
vita, strutture e attività familiari; divisione del lavoro, condizioni e compiti dei due sessi e
delle diverse età; servizi, assistenza; cura e inculturazione della prole; proprietà,
amministrazione, economia domestica e risparmio; decisioni, potere, conflitti; tipi di famiglia
II liv.:
adozione/ e affidamento, condizioni e compiti degli adottati e affidati
amministraz/ione domestica
capofamigl/ia, suoi poteri e decisioni
cura incult/urazione della prole
matrifocale/ famiglia
nucleare/ famiglia
servitù/familiare
fant
esseri leggendari, soprannaturali, fantastici; eroi e personaggi, regni, paesi e popoli, animali
fantastici; eroi culturali e tricksters; tesori; luci, suoni; tutti questi come oggetto di concezioni,
credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; evocati, evitati o fatti
oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e
della vita
II liv.:
angeli/
43
Befana/
caccia selvag/gia
custodi/ e geni personali
diavoli/
draghi/
ebreo errante/
elfi/
eroi paladini/
fantasmi/ spettri, defunti, dannati, revenants
fate/
folletti/
genti/ popoli e razze
giganti/
incubi/ e succubi
licantropi/
liocorni/
luci/
mostri/
nani/
orchi/
purganti/ anime
re regine/
regni/ e paesi
selvatico uomo/
sirene/
spiriti/
suoni/
tesori/ oro
vampiri/
fiere
fiere, mercati, sagre
formso
44
formazioni sociali o economico-sociali, modi di produzione
II liv.:
contadino-art/igianale
feudale/
neocapitalist/ica
statuale/
formule
formule di saluto, augurio, maledizione, imprecazione, ingiuria; di magia, religione,
terapeutica; preghiere; giuramenti
II liv.:
preghiere/
scongiuri/
fuoco
forme e usi del fuoco: domesticazione, produzione ed utilizzazione come fonte di energia; il
fuoco come oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa,
canto, arte; usato, evitato o fatto oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina,
nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
artificiali/fuochi
falò/
fatui/fuochi
gioia/ fuochi di
genere
problematica di genere, identità, potere; matriarcato, patriarcato
geoeco
zone e caratteri geografici, idrografici, orografici, geologici, ecologici; riferimento geografico
o ecologico della trattazione o dei dati (ad es. popoli della costa, del deserto, della foresta
ecc.); paesaggio; elementi del territorio oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di
elaborazione in poesia, prosa, canto, arte; sedi o oggetto di culto o evitamento, di apparizioni,
di pratiche di religione, magia, medicina, del rito, dei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
abisso/ e voragine
45
bosco/ e foresta
campo/
collina/
costa/
delta/
deserto/
fiume/
grotta/ caverna
lago/
laguna/
mare/
monte/
non antropiz/zata zona, wilderness
palude/
pianura/
roccia/
sorgente/
vulcano/
geopol
riferimento a grandi ripartizioni geopolitiche di interesse storico; alcune importanti interazioni
socioantropologiche e politico-economiche tra zone
II liv.:
CEE/
centro perif/eria
città camp/agna
esteuropa/ o paesi del già socialismo reale
extraeuropa/
nord sud/
Occidente/ industrializzato o post-industriale
terzo mondo/
gioco
46
gioco; giochi e passatempi; enigmi e indovinelli; scherzi; sport tradizionali; palii, giostre del
Saracino, regate, ricostruzioni “storiche” ecc.; lotto; accessori e attrezzature (ad es. carte da
gioco, palii, Saracino)
II liv.:
gatt’ocheide/
indovinelli/
lotto/
reine bat/aille di
gruppo
gruppo; articolazioni empiriche e concettuali
guerra
guerra, conquista, invasione, difesa, deportazione, resistenza, guerriglia, rivolta, razzia;
scontro armato tra gruppi locali, parentali, etnici, religiosi, di classe, tra comunità; con
occupanti, colonizzatori, forze armate o di polizia; terrorismo
immaginario
produzione immaginativa e simbolica
individuo
comportamento, tratti, stile individuali; individui caratteristici
inebrianti
uso inebriante, psichedelico, afrodisiaco o allucinogeno di sostanze per ingestione, iniezione,
fumo o come unguento; loro consumo rituale
infantili
giochi e passatempi infantili, giocattoli
insed
stazioni, campi, abitati, borghi, villaggi, città; delimitazioni storiche e amministrative; uso e
pianificazione del territorio; collocazione delle attività lavorative; strade e altre infrastrutture;
terrazzamenti, canalizzazione; servizi a utilizzo pubblico o collettivo; tutti questi come
oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazione in poesia, prosa, canto, arte;
come sedi o oggetto di culto o evitamento, di apparizioni, di pratiche di religione, magia,
medicina, del rito, dei cicli dell’anno e della vita
47
II liv.:
tipi e elementi degli insediamenti, infrastrutture, servizi ecc.,
ad es.:
bagni/
campagna/
capitale/
città/
confine/
crocicchi/
piste/
ponti/
pozzi/
intel
intellettuali; organizzatori e mediatori di cultura
intrat
intrattenimenti, veglie, balli; luoghi di intrattenimento, caffè, osterie, circoli ecc.
II liv.:
veglie/
istituzione
istituzione: articolazioni empiriche e concettuali
lavoro
lavoro, produzione del cibo: settori, fabbricazioni
II liv.:
agricoltura/
allevamento/
apicoltura/
artigianato/
avanzato/ terziario
bachicoltura/
caccia/
casalingo/ lavoro
48
ceramica/
commercio/
comunicazioni/
confezione/ di vestiario, calzature ecc.
conserve/ alimentari, preparazione di
domestiche/ produzioni e lavorazioni
estrattive/ e minerarie attività
fabbricazione/di strumenti e accessori, suppellettili, giocattoli ecc.
filatura/
frutticoltura/
industria/
intrecciatura/
latticini/ lavorazione dei
macellazione/
macinazione/ dei cereali
metallurgia/
olivicoltura/ e produzione dell’olio
orticoltura/
panificazione/
pesca/
raccolta/
rovistamento/ alimentare
servizi/
silvicoltura/
tessitura/
vitivinicoltu/ra
lavrap
rapporti di produzione, tipi e condizioni di lavoro; organizzazione del lavoro; lavoro
femminile, infantile, minorile
II liv.:
ambulante/
autonomo/
autosussisten/za
comunitario/ cooperativo o collettivo
49
condizioni/ ambiente, ritmi, faticosità, rumore, nocività,
spazi, movimenti
dipendente/
direttivo/
divisione/ del lavoro
domicilio/ lavoro a
esecutivo/
femminile/
industriale/ o moderno, tipo
infortuni/
intellettuale/
manuale/
mercato/ del lavoro
minorile/
nero/ illegale o sommerso
organizzazione/ del lavoro
primo/
salariato/
secondo/
servile/
stagionale/
tradizionale/ tipo
transumanza/
libero
tempo libero; sport moderni e tifo; turismo
II liv.:
sport/
libri
libri e letture tradizionali, locali, dialettali; almanacchi, lunari, canzonieri, ecc.; libri del
comando, di operazioni e formule magiche
50
II liv.:
comando/ libro del
lingua
lingue, dialetti, idiomi, patois, gerghi; fenomeni socio-linguistici; aree linguistiche
II liv.:
inglese/
neolatine/ lingue
popolare ital/iano
lotte
lotta o competizione, litigiosità, tra individui, famiglie, gruppi, borgate, quartieri, comunità
locali, etnie, gruppi confessionali, ceti o classi; scioperi
magia
magia e stregoneria; scienze occulte e della Tradizione; pratiche, praticanti, concezioni,
credenze, strumenti, oggetti; “fisica” e giochi di prestigio
II liv.:
amuleti/
apotropaiche/ pratiche, difese contro le operazioni magiche
ermetismo/ magia colta, scienza della Tradizione
erotici/ elementi
fisica/
iettatura/
kabbalah/
maghi/
masche/
occultismo/ e campi affini
operazioni/ incantesimi, filtri, fatture, controfatture
prestigiatore/ arte del
sabba/ incontri e assemblee
Sciamani/
spiritismo/ medianità
streghe/ stregoni, fattucchiere
talismani/
51
manifest
manifestazioni e feste urbane, operaie, di massa, civili, politiche, sindacali, giovanili,
femminili, su base etnica o regionale, “culturali”, turistiche, di spettacolo, di promozione
commerciale, di consumo
II liv.:
I maggio/
massa
cultura di massa; società e comunicazioni di massa; media relativi
matrimonio
regole, scelte, scambi, pagamenti; esogamia, endogamia; mediatori; ruoli; separazione,
ripudio, divorzio; vedovanza; tipi di matrimonio
II liv.:
endogamia/
esogamia/
sposa pre/zzo della
medicina
medicina, ostetricia, assistenza; etnoiatria, etnopsichiatria; pratiche, praticanti, concezioni,
credenze, scienza; strumenti, oggetti
II liv.:
assistenza/ a malati, anziani, puerpere ecc.
chirurgiche/ operazioni
epidemie/
erboristi/
guaritori/ guaritrici, conciaossa
igieniche/ e sanitarie condizioni
levatrici/
malattie/ disturbi e incidenti
mentali/ malattie
protesi/
ricoveri/
salute/
temperatura/ corporea, febbre
52
terapie/
metalli
metalli raccolti, estratti, lavorati come materie prime, leghe; impiegati a fini produttivi, di
guerra, di ornamento ecc.; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in
poesia, prosa, canto, arte; usati, evitati o fatti oggetto di culto nelle pratiche di religione,
magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
bronzo/
ferro/
rame/
metodo
strumenti e problemi metodologici; tecniche di indagine
II liv.:
areali/ norme
causale/analisi
comparativi/ metodi
osservazione/
questionari/
rilevazione/ e raccolta
migrazioni
migrazioni, immigrati, emigrati; spostamenti di popolazioni
II liv.:
extracom/unitari
minerali
minerali, pietre, raccolti, estratti, lavorati come materie prime, impiegati a fini produttivi, di
ornamento, come fonte di energia ecc.; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di
elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; usati, evitati o fatti oggetto di culto nelle pratiche di
religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
ossidiana/
selce/
vetro/
53
minoranze
minoranze etniche, linguistiche, religiose ecc.; gruppi percepiti come strani o invisi
mito
miti su esseri divini, soprannaturali, fantastici, eroi, animali, vegetali, acqua, fuoco, minerali,
luoghi, astri, eventi atmosferici e celesti, origini, tempo, cicli; cosmologie, cosmogonie,
teogonie
monumenti
monumenti e altre strutture materiali a carattere religioso, cerimoniale, simbolico,
comunitario, collettivo, di gruppo; piazze, statue, giardini, fontane e altri elementi
ornamentali; rovine, antichità, tombe, megaliti; chiese, campanili, santuari, templi, cimiteri
ecc.; tutti questi come oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in
poesia, prosa, canto, arte; come sedi o oggetto di culto o evitamento, di apparizioni, di
pratiche di religione, magia, medicina, del rito, dei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
campanili/
cappelle/ e oratori
chiese/
cimiteri/
edicole/e piloni
fontane/
megaliti/
monasteri/
santuari/
statue/
templi/
movimenti
movimenti localistici, nativistici, etnici, religiosi, giovanili, femminili ecc.
II liv.:
etnici/ e neoetnici
nativistic/i
musica
54
esecuzioni musicali non cantate, strumenti musicali, trascrizioni di testi musicali
nazione
popolazione che condivide da generazioni territorio, economia, cultura e vicende storiche e
tende a darsi una forma di comunità politica
nomadi
nomadismo; modi di vita, percorsi
oggetti
oggetti, prodotti, accessori, reperti
onomastica
onomastica e toponomastica locale e dialettale; nomi di persone, luoghi, acque, monti, abitati,
popoli, divinità, astri e costellazioni, via Lattea, venti ecc.
organiz
organizzazione: articolazioni empiriche e concettuali
paranorm
esperienze, azioni, manifestazioni paranormali, straordinarie; visioni; metamorfosi; stati di
coscienza alterati, estasi, trance, possessione
II liv.:
alterati/ stati di coscienza
apparizioni/
fuoriuscita/ dal corpo
possessione/
spostamenti/eccezionali nello spazio, volo
tarantismo/
trance/
trasformaz/ioni metamorfosi
visioni/
parentela
strutture, termini e ruoli parentali; lignaggi, clan, fratrie, metà; regole e tipi di discendenza, di
residenza; genealogie; concezioni della parentela e della discendenza
55
personalità
personalità, suoi tipi; personalità di base
poesia
poesie e filastrocche; versi; ritmi e metrica
politica
organizzazioni, istituzioni, apparati politici; partiti, sindacati; assemblee elettive centrali e
locali, governi; dirigenti, eletti, governanti centrali e locali; legittimazione, consenso
popolamento
popolamento, sue fasi e strati
popolazione
popolazioni umane e evoluzione; razze; caratteri genetici, somatici, antropometrici; geni e
comportamento; coevoluzione organismo/ ambiente, biologia/cultura
popolo
gruppo regionale, etnico, nazionale o tribale che condivide vicende e memorie storiche
povertà
povertà e processi di pauperizzazione; cultura della povertà
preistoria
preistoriche industrie, culture, fasi; uomini fossili; paletnologia; protostoria
II liv.:
le singole industrie, culture, fasi, popoli, fossili, ad es.:
musterian/e industrie
protostor/ia
privato
ambito privato di pratiche, attività, culti, riti
prosa
56
prosa e suoi generi
II liv.:
aneddoti/ facezie
biografie/ autobiografie
consumo letter/atura di
diari raccolte/ di canti, formule, ricette ecc.
fiabe/
fondazione/ leggende di
leggende/
lettere/
memorie/ storiche, di guerra, lotte, lavoro, viaggio
novelle/
prosoc
processo entro i sistemi sociali e strutture connesse
II liv.:
conflitto/
controllo/ sociale
differenzia/zione
discriminazio/ne
espiatori/ capri, ricorso a
evoluzione so/ciale
integrazione/ sociale
interetnici/ rapporti
marginalizza/zione, categorie e aree marginali
mobilità/ sociale
mobilitazione/ sociale
modernizzazio/ne
mutamento soc/iale
pendolarità/
rivoluzione/
segregazione/ ghetti
socializzazio/ne
urbanizzazio/ne
57
proverbi
proverbi, paragoni, wellerismi, modi di dire
quotidiano
vita quotidiana, vicende, traversie
regole
regole di comportamento, di residenza, matrimoniali ecc.
relarea
dottrine, aree, tipi e correnti religiose
II liv.:
buddismo/
cattolices/imo
millenaristi/ci culti
paganesimo/
valdismo/
religione
religione: pratiche, praticanti, credenze, strumenti
II liv.:
conflitto/
controllo/ sociale
differenzia/zione
anima/
benedizio/ne
campane/
culto/ liturgia, servizio divino
esorcismo/
ex voto/
inferno/
miracoli/
misteri/
oltretomba/ mondo dei morti, inferi
paradiso/
58
patronati/ di paesi, luoghi, attività, categorie, etnie ecc.,
protezione da malattie, danni, calamità
pellegrin/aggi
praticanti/ devoti
presepe/
processio/ni
purgatorio/
risurrezio/ne
rivelazio/ne
sacramenti/
revival
fenomeno, caratteri e contenuti della riproposta o folk revival
riprod
riproduzione, menarca, fecondità e sterilità, climaterio; gravidanza, parto, allattamento;
pratiche contraccettive e controllo demografico
rito
rito, festa, cerimonia: articolazioni empiriche e concettuali; fisiologia del rito; riti, feste e
cerimonie non riconducibili ai cicli dell’anno e della vita, straordinari, di associazioni, di
mestieri, familiari, individuali, per il ricevimento di notabili ecc.; oggetti di uso rituale
II liv.:
bran fusi/ punte, ceri, elaborati consimili
ciabra/ e charivari
cortei/
festa/
iniziazione/
questua/
sacrificio/
santi
santi, beati, martiri, eremiti
II liv.: i nomi dei singoli santi o loro gruppi, senza la ‘S.’ premettere ‘b.’ per i beati, ad es.:
59
b.Warmondo/
Costanzo/
Defendente/
legione tebea/
Maurizio/
schiavitù
schiavi e schiavitù
scienza
conoscenze empiriche e tecniche, teorie, classificazioni, etnoscienza; conoscenze geografiche,
meteorologiche, astronomiche; numerazione e calcolo; misura del tempo, dello spazio, del
peso, della capacità ecc; antropologia ed etnografia, linguistica, storia, nativa, popolare,
tradizionale
II liv.:
calendario/
scrittura
scritture, alfabeti e altre tecniche di registrazione dell’informazione, sua archiviazione e
conservazione
sesso
differenziazione sessuale; rapporti trai sessi, regole, divieti, concezioni; incesto;
omosessualità; riferimento della trattazione o dei dati ad un sesso
II liv.:
donne/
incesto/
omosessualità/
uomini/
simboli
simboli, forme, numeri, diagrammi: oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di
elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; usati, evitati o fatti oggetto di culto nelle pratiche di
religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
colori/
60
diagrammi/ e disegni
emblemi/ e marchi
forme/
motivi/
numeri/
pentacoli/
siscom
richiami, segnalazioni, volantini, slogan, manifesti, altri sistemi di comunicazione
società
società, suoi aspetti e caratteri rilevanti; nazione
II liv.:
complessa/
multietnica/
preindustria/le
semplice/
sociografia
dati sociografici, sociolinguistici, psicosociologici; sulla stratificazione per ricchezza,
prestigio, potere, istruzione, sull’occupazione, sul livello di vita ecc.
soprannomi
soprannomi, blasoni
spazio
uso, concezioni, misurazione; delimitazioni rituali, sacrali, sociali; prossemica
spedizioni
spedizioni di carattere esplorativo, militare, commerciale ecc.
stampe
stampe, cartoline, immagini sacre (santini), testi di canzoni ecc.
stato
61
stato; tipi; organizzazioni e istituzioni
II liv.:
assistenziali/organizzazioni e sistema
burocrazia/
carcerarie/ organizzazioni e sistema
esercito/
fisco/
giudiziarie/ organizzazioni e sistema
polizia/e carabinieri
previdenziali/organizzazioni e sistema
sanitarie/ organizzazioni e sistema
scuola/ e sistema educativo
università/e organizzazioni scientifiche
strumenti
utensili, strumenti, congegni, macchine, attrezzature, usati nelle diverse attività lavorative,
artistiche, domestiche, ecc.; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni
in poesia, prosa, canto, arte; usati, evitati o fatti oggetto di culto nelle pratiche di religione,
magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.:
falce/
leva/
ruota/
sviluppo
sviluppo e sottosviluppo; i connessi rapporti internazionali, economici, commerciali,
finanziari, politici, militari ecc.; cooperazione; enti, agenzie, organizzazioni non governative
teatro
teatro: rappresentazioni, testi, compagnie, personaggi; mascherate; burattini, marionette, pupi;
acrobati e circo
II liv.:
maggio/
Passione/
pupi/
62
tecnica
tecnica e tecnologia; settori e procedimenti tecnici
II liv.:
automazione/
bricolage/
riparazioni/
tempo
uso, concezioni, misurazione; delimitazioni rituali, sacrali, sociali; bilanci tempo
teoria
la ricerca teorica e strumenti concettuali
II liv.:
funzione/
struttura/
terra
il pianeta, il suo suolo; oggetto di attività produttive; di concezioni, credenze, mito, scienza, e
di elaborazioni in poesia, prosa, canto, arte; oggetto di culto odi riferimento nelle pratiche di
religione, magia, medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
totem
totem e totemismo
trasporti
trasporti; mezzi, tecniche, sistemi; trasporti sull’acqua, navigazione; trasmissione di
informazioni, posta
II liv.:
carro/
navigazio/ne
posta/
tribù
tribù, loro leghe e confederazioni
63
umani
umani; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazione in poesia, prosa,
canto, arte; usati, evitati, fatti oggetto di culto o attori nelle pratiche di religione, magia,
medicina, nel rito, nei cicli dell’anno e della vita; personificazioni di enti diversi (dei,
Carnevale, Quaresima, Maggio ecc.)
II liv.:
antenati/
gemelli/
personificazio/ni
usi
usi, costumi non specificati in altri settori
II liv.:
comparatico/
ponidura/
teste caccia/ alle
vegetali
vegetali, piante, erbe, fiori, frutti, raccolti, coltivati, consumati come cibo, lavorati come
materia prima, usati come fonte di energia, adoperati in varie attività, tenuti a fini estetici e
ornamentali; oggetto di concezioni, credenze, mito, scienza, e di elaborazioni in poesia, prosa,
canto, arte; usati, evitati, o fatti oggetto di culto nelle pratiche di religione, magia, medicina,
nel rito, nei cicli dell’anno e della vita
II liv.: gli specifici vegetali, loro parti o componenti, ad es.:
canapa fibra/
finocchio/
legno/
noce/
pino/
veleno
veleno e suoi usi
vendetta
vendetta, faida
64
veterfito
veterinaria e fitopatologia; concezioni, credenze, scienza; rimedi; pratiche, praticanti;
malattie, disturbi
violenza
uso della violenza, omicidio, duello, tortura, autotortura; suicidio; stupro
65
B. IL LAVORO ANTROPOLOGICO: SETTORI, SCUOLE, TIPI DI
TRATTAZIONE, ESPOSIZIONE, ORDINAMENTO, APPLICAZIONI, FONTI,
SUPPORTO
(si premette il carattere ‘=’ a fini di ordinamento distinto)
=antologia
antologia, miscellanea
=atlante
atlante, cartografia, mappa
II liv.:
cartografia/
=atti
atti di convegni, congressi, seminari
=bando
bandi campestri e urbani
=beni
beni culturali e politica culturale
=biblio
bibliografia
=censimento
censimento
=citazione
può essere usata se interessa registrare che nel testo o materiale è citato, utilizzato, un dato
autore, specificandolo, ovviamente, al II livello
66
II liv.:
Pitrè/
Stendhal/
=codice
codice, incunabolo
=collana
collana di interesse etnoantropologico, storico-religioso, sociologico ecc.
=corografia
trattati e dizionari corografici, geografico-statistici, storico-geografici
opera dattiloscritta, ciclostilata ecc.
=disciplina
può essere usata se interessa indicare la specifica disciplina cui afferisce una data trattazione o
parte di essa (ad es.: sociobiologia, storia, storia delle religioni, storia dell’arte, linguistica,
psicologia); l’indicazione andrà, ovviamente, al II livello
II liv.:
sociobiol/ogia
storia/
=dizionario
dizionari e enciclopedie antropologiche, demologiche, sociologiche, storico-religiose,
linguistiche, archeologiche, della preistoria, dei miti, dei simboli ecc.
=docum
documentazione, archivi, indici, repertori e ordinamenti
=ecclesia
fonti, registrazioni, inchieste ecclesiastiche, sinodi ecc.
II liv.:
sinodi/
67
=filmfoto
film, video, diatapes, audiovisivi, fotografia rappresentazioni grafiche e iconografiche,
schemi, piante
=hist
storie generali
=inchiesta
inchieste sistematiche etnografiche, demologiche, agrarie, parlamentari ecc.; inchieste
napoleoniche e murattiane
=info
applicazioni e sviluppi dell’informatica
II liv.:
banche dati/
I.A./ intelligenza artificiale e sistemi esperti
ipertesti/
multimediali/ elaborazioni
reti/informatiche
testi elab/orazione di
virtuale/ realtà
visuale/ documentazione, lettura ed elaborazione
=labo
esecuzione in laboratorio di calchi, modelli, impronte, preparati
=letterario
fonti di carattere letterario
=lineamenti
descrizione, lineamenti etnografici generali
=manoscr
manoscritto
68
=monografia
monografie etnologiche, demologiche, sociologiche, storiche, regionali, zonali, di comunità
=mostra
mostre, esposizioni; guide, cataloghi
=museo
musei, collezioni; guide, cataloghi
=periodico
periodico di interesse antropologico, etnologico, demologico, sociologico, archeologico,
storico-religioso ecc.
=polizia
regolamenti di polizia; documentazione degli organi di polizia
II liv.:
regolamenti/
=processo
atti e documentazione processuale, di interrogatori ecc.
=psican
interpretazioni psicanalitiche, freudiane, junghiane
=raccolta
raccolte di documenti, trascrizioni, registrazioni ecc.
=rassegna
rassegne, quadri d’insieme di fatti o processi: di valori, orientamenti, consumi, religioni, etnie,
lingue ecc.
=critto
registrazione per iscritto
69
=scuola
scuole e indirizzi del pensiero antropologico
II liv.:
dialogica/ antropologia
=semioiogia
analisi semiologiche, strutturali
=settore
settori e campi dell’indagine etnoantropologica
II liv.:
applicata/ antropologia
geografia fol/klorica
orale/ storia
=sistemi
applicazioni al comportamento, all’attore sociale, alla mente, ai processi cogniti vi e culturali,
all’evoluzione ecc., di modelli cibernetici, sistemici, della dissipazione, delle catastrofi,
dell’autorganizzazione, ecosistemici
=suono
registrazione sonora
=statistica
elaborazioni statistiche
=statuto
statuti e regolamenti di confraternite, associazioni, comuni
=storiogr
storiografia delle discipline, esame di autori, periodi ecc.
II liv.: i nomi di autori, periodi, tendenze trattate, ad es.:
De Martino E./
evoluzionismo/
70
romantico/ periodo
=teormet
trattazioni teoriche, metodologiche; guide alla ricerca, metodi e tecniche; epistemologia
II liv.:
epistemolog/ia
guide/ alla ricerca
=tesi
tesi di laurea, relazione seminariale di studenti
=trattato
trattato, manuale
=turismo
guide e pubblicazioni turistiche
=viaggio
viaggi, esplorazioni
vocabolario
raccolta ordinata dei vocaboli di una lingua o dialetto e talora della traduzione in altra lingua
71
2. ELENCO ALFABETICO DELLE SOLE PAROLE CHIAVE
DI PRIMO LIVELLO
A. CONTENUTI
1. ABBORN
2. ACQUA
3. ALIMENTI
4. AMBIENTE
5. AMORE
6. ANIMALI
7. ARCHEO
8. ARCHIT
9. ARMI
10. ARTE
11. ASSOC
12. BANDITI
13. CANTO
14. CAPI
15. CARATTERE
16. CASA
17. CASTA
18. CATEGORIE
19. CHIESA
20. CICLAN
21. CICLI
22. CICLVI
72
23. CIELO
24. CLASSE
25. CLIMA
26. COLLETTIVO
27. COLONIE
28. COMUNITÀ
29. CONCEZIONI
30. CONSUMO
31. CORPO
32. CORREDO
33. CORTESIA
34. COSTUME
35. CRIMINALI
36. CULTURA
37. DANZA
38. DEI
39. DEMOGRAFIA
40. DEVIANTI
41. DIRITTO
42. DIVIETI
43. DIVINAZ
44. DOMATT
45. DOMINIO
46. DONO
47. ECONOMIA
48. EDUCAZIONE
49. ENERGIA
50. ESECUTORI
51. ETÀ
52. ETNIA
53. FAMIGLIA
54. FANT
55. FIERE
56. FORMSO
73
57. FORMULE
58. FUOCO
59. GENERE
60. GEOECO
61. GEOPOL
62. GIOCO
63. GRUPPO
64. GUERRA
65. IMMAGINARIO
66. INDIVIDUO
67. INEBRIANTI
68. INFANTILI
69. INSED
70. INTEL
71. INTRAT
72. ISTITUZIONE
73. LAVORO
74. LAVRAP
75. LIBERO
76. LIBRI
77. LINGUA
78. LOTTE
79. MAGIA
80. MANIFEST
81. MASSA
82. MATRIMONIO
83. MEDICINA
84. METALLI
85. METODO
86. MIGRAZIONI
87. MINERALI
88. MINORANZE
89. MITO
74
90. MONUMENTI
91. MOVIMENTI
92. MUSICA
93. NAZIONE
94. NOMADI
95. OGGETTI
96. ONOMASTICA
97. ORGANIZ
98. PARANORM
99. PARENTELA
100. PERSONALITÀ
101. POESIA
102. POLITICA
103. POPOLAMENTO
104. POPOLAZIONE
105. POPOLO
106. POVERTÀ
107. PREISTORIA
108. PRIVATO
109. PROSA
110. PROSOC
111. PROVERBI
112. QUOTIDIANO
113. REGOLE
114. RELARE A
115. RELIGIONE
116. REVIVAL
117. RIPROD
118. RITO
119. SANTI
120. SCHIAVITÙ
75
121. SCIENZA
122. SCRITTURA
123. SESSO
124. SIMBOLI
125. SISCOM
126. SOCIETÀ
127. SOCIOGRAFIA
128. SOPRANNOMI
129. SPAZIO
130. SPEDIZIONI
131. STAMPE
132. STATO
133. STRUMENTI
134. SVILUPPO
135. TEATRO
136. TECNICA
137. TEMPO
138. TEORIA
139. TERRA
140. TOTEM
141. TRASPORTI
142. TRIBÙ
143. UMANI
144. USI
145. VEGETALI
146. VELENO
147. VENDETTA
148. VETERFITO
149. VIOLENZA
76
B. IL LAVORO ANTROPOLOGICO: SETTORI, SCUOLE, TIPI DI
TRATTAZIONE, ESPOSIZIONE, ORDINAMENTO,
APPLICAZIONI, FONTI, SUPPORTO
150.=ANTOLOGIA
151.=ATLANTE
152 =ATTI
153.=BANDO
154.=BENI
155.=BIBLIO
156.=CENSIMENTO
157.=CITAZIONE
158.=CODICE
159.=COLLANA
160.=COROGRAFIA
161.=DATTILO
162.=DISCIPLINA
163.=DIZIONARIO
164.=DOCUM
165.=ECCLESIA
166.=FILMFOTO
167.=CRAFICA
168.=HIST
169.=INCHIESTA
170.=INFO
77
171 =LABO
172.=LETTERARIO
173.=LINEAMENTI
174.=MANOSCR
175.=MONOGRAFIA
176.=MOSTRA
177.=MUSEO
178.=PERIODICO
179.=POLIZIA
180.=PROCESSO
181.=PSICAN
182.=RACCOLTA
183.=RASSEGNA
184.=SCUOLA
185.=SCRITTO
186.=SEMIOLOGIA
187.=SETTORE
188.=SISTEMI
189.=SUONO
190.=STATISTICA
191.=STATUT0
192.=STORIOGR
193.=TEORMET
194.=TESI
195.=TRATTATO
196.=TURISMO
197.=VIAGGIO
198.=VOCABOLARIO
78
3. ELENCO ALFABETICO DELLE PAROLE CHIAVE DI PRIMO E
SECONDO LIVELLO
A. CONTENUTI
1. Abbà/CAPI
2. ABBORN
3. Abisso/ e voragine GEOECO
4. Acculturazio/ne CULTURA
5. ACQUA
6. Addestramen/to di animali AMBIENTE
7. Adolescenza/ CICLVI
8. Adozione/ e affidamento, condizioni e compiti degli adottati e affidati FAMIGLIA
9. Agosto/ CICLAN
10.Agricoltura/ LAVORO
11. ALIMENTI
12. Allevamento/ LAVORO
13. Alpeggio/ salita e discesa CICLAN
14. Alterati/ stati di coscienza PARANORM
15. AMBIENTE
16. Ambulante/ LAVRAP
17. Amicizia/ ASSOC
18. Amministraz/ ione domestica FAMIGLIA
19. AMORE
20. Amuleti/MAGIA
21. Analogico/ pensiero CATEGORIE
22. Aneddoti/ facezie PROSA
79
23. Angeli/ FANT
24. Angelo lunedì/ dello CICLAN
25. ANIMALI
26. Anima/ RELIGIONE
27. Animata/ natura, interazione con AMBIENTE
28. Antenati/ UMANI
29. Antisemit/ismo CONCEZIONI
30. Anziani/ ETÀ
31. Apicoltura/ LAVORO
32. Apotropaiche/ pratiche, difese contro le operazioni magiche MAGIA
33. Apparizioni/ PARANORM
34. ARCHEO
35. ARCHIT
36. Arco/ ARMI
37. Areali/norme METODO
38. Armata/ DANZA
39. ARMI
40. ARTE
41. Artificiali/ fuochi FUOCO
42. Artigianato/ LAVORO
43. Ascensione/ CICLAN
44. Assimilazio/ne CULTURA
45. Assistenza/ a malati, anziani, puerpere ecc. MEDICINA
46. Assistenziali/ organizzazioni e sistema STATO
47. ASSOC
48. Assunzione/ Ferragosto CICLAN
49. Astrologia/ DIVINAZ
50. Automazione/ TECNICA
51. Autonomo/ LAVRAP
52. Autosussisten/za LAVRAP
53. Avanzato/ terziario LAVORO
54. Bachicoltura/ LAVORO
55. Badie/ ASSOC
56. Bagni/ INSED
80
57. Bambini/ ETÀ
58. Bande/ ESECUTORI
59. BANDITI
60. Battesimo/ CICLVI
61. Befana/ FANT
62. Benedizione/ RELIGIONE
63. Benestanti/ e redditieri CLASSE
64. Biografie/ autobiografie PROSA
65. Bosco/ e foresta GEOECO
66. Bran fusi/ punte, ceri, elaborati, consimili RITO
67. Bricolage/ TECNICA
68. Bronzo/ METALLI
69. Buddismo/ RELAREA
70. Burocrazia/ STATO
71. B.Warmondo/ SANTI
72. Caccia/ LAVORO
73. Caccia seivag/gia FANT
74. Calendario/ SCIENZA
75. Calendimaggio/ I maggio CICLAN
76. Campagna/ INSED
77. Campane/ RELIGIONE
78. Campanili/ MONUMENTI
79. Campo/ GEOECO
80. Canapa fibra/ VEGETALI
81. Candelora/ 2 febbraio CICLAN
82. Cannibalismo/ CORPO
83. CANTO
84. CAPI
85. Capitale/ INSED
86. Capodanno/ CICLAN
87. Capofamigl/ia, suoi poteri e decisioni FAMIGLIA
88. Cappelle/ e oratori MONUMENTI
89. CARATTERE
90. Carcerarie/ organizzazioni e sistema STATO
81
91. Carestia/ AMBIENTE
92. Carmine/ Beata Vergine del 16 luglio CICLAN
93. Carne/ ALIMENTI
94. Carnevale/ CICLAN
95. Carro/ TRASPORTI
96. CASA
97. Casalinghe/ CLASSE
98. Casalingo/ lavoro LAVORO
99. CASTA
100. CATEGORIE
101. Cattolices/imo RELAREA
102. Causale/analisi METODO
103. CEE/GEOPOL
104. Celti/ ETNIA
105. Cemento/ ARCHIT
106. Ceneri/ CICLAN
107. Centro perif/eria GEOPOL
108. Ceramica/ LAVORO
109. CHIESA
110. Chiese/ MONUMENTI
111. Chirurgiche/ operazioni MEDICINA
112. Ciabra/ e charivari RITO
113. CICLAN
114. CICLI
115. CICLVI
116. CIELO
117. Cimiteri/ MONUMENTI
118. Città camp/agna GEOPOL
119. Città/ INSED
120. CLASSE
121. CLIMA
122. COLLETTIVO
123. Collina/ GEOECO
124. COLONIE
125. Colori/ SIMBOLI
82
126. Comando/ libro del LIBRI
127. Commercio/ LAVORO
128. Comparatico/ USI
129. Comparativi/ metodi METODO
130. Complessa/ SOCIETÀ
131. Comunicazioni/ LAVORO
132. Comunitario/cooperativo o collettivo LAVRAP
133. COMUNITÀ
134. Concepimento/CICLVI
135. CONCEZIONI
136. Condizioni/ ambiente, ritmi, faticosità, rumore, nocività, spazi, movimenti LAVRAP
137. Confezione/ di vestiario, calzature ecc. LAVORO
138. Confine/INSED
139. Conflitto/PROSOC
140. Confraternite/ ASSOC
141. Conserve/ alimentari, preparazione di LAVORO
142. CONSUMO
143. Consumo letter/atura di PROSA
144. Contadini/ CLASSE
145. Contadino-art/igianale FORMSO
146. Controcult/ura CULTURA
147. Controllo/sociale PROSOC
148. Cooperative/ ASSOC
149. Cori/ ESECUTORI
150. Corno/ ANIMALI
151. CORPO
152. Corporati/ gruppi ASSOC
153. Corpus domini/ o Trinità CICLAN
154. CORREDO
155. Corteggiam/ento CICLVI
156. Cortei/ RITO
157. CORTESIA
158. Corvo/ANIMALI
159. Coscritti/ feste e usi dei CICLVI
160. Cosmesi/ CORPO
83
161. Costa/ GEOECO
162. COSTUME
163. Cottura/ ENERGIA
164. Credenze/ e rappresentazioni collettive CONCEZIONI
165. CRIMINALI
166. Cristo/DEI
167. Crocicchi/ INSED
168. Culto/ liturgia, servizio divino RELIGIONE
169. CULTURA
170. Cura incult/urazione della prole FAMIGLIA
171. Custodi/ e geni personali FANT
172. DANZA
173. Delta/ GEOECO
174. DEMOGRAFIA
175. Deserto/GEOECO
176. DEVIANO
177. Diagrammi/e disegni SIMBOLI
178. Diari raccolte/ di canti, formule, ricette ecc. PROSA
179. Diavoli/ FANT
180. 18-25Enni/ ETÀ
181. Differenzia/zione PROSOC
182. Diffusione/ CULTURA
183. Diocesi/CHIESA
184. Dipendente/ LAVRAP
185. Direttivo/ LAVRAP
186. DIRITTO
187. Disastri/ecologici AMBIENTE
188. Discriminazio/ne PROSOC
189. Disgelo/ CLIMA
190. DIVIETI
191. DIVINAZ
192. Divisione/ del lavoro LAVRAP
193. 10 Giorni/ ciclo dei, o natalizio o Calende CICLAN
194. DOMATT
84
195. Domesticaz/ione di fuoco, animali, vegetali AMBIENTE
196. Domestiche/ produzioni e lavorazioni LAVORO
197. Domicilio/ lavoro a LAVRAP
198. DOMINIO
199. Donne/ SESSO
200. DONO
201. Dottore/ DOMATT
202. Draghi/FANT
203. Droga spac/cio CRIMINALI
204. Droga traf/fico CRIMINALI
205. Ebrei/ ETNIA
206. Ebreo errante/ FANT
207. ECONOMIA
208. Edicole/ e piloni MONUMENTI
209. EDUCAZIONE
210. Egemonia/ CULTURA
211. Elfi/ FANT
212. Emblemi/ e marchi SIMBOLI
213. Endogamia/ MATRIMONIO
214. ENERGIA
215. Epidemie/ MEDICINA
216. Epifania/ 6 gennaio CICLAN
217. Equinozio aut/unno CICLAN
218. Equinozio pri/mavera CICLAN
219. Erboristi/ MEDICINA
220. Eresie/ CHIESA
221. Ermetismo/ magia colta, scienza della Tradizione MAGIA
222. Eroi paladini/ FANT
223. Erotici/ elementi MAGIA
224. Esecutivo/ LAVRAP
225. ESECUTORI
226. Esercito/STATO
227. Esogamia/ MATRIMONIO
228. Esorcismo/ RELIGIONE
85
229. Espiatori/ capri ricorso a PROSOC
230. Esteuropa/ o paesi del già socialismo reale GEOPOL
231. Estrattive/ e minerarie attività LAVORO
232. ETÀ
233. ETNIA
234. Etnici/ e neoetnici MOVIMENTI
235. Etnocentr/ismo CONCEZIONI
236. Evoluzione/ culturale CULTURA
237. Evoluzione so/ciale PROSOC
238. Extracom/unitari MIGRAZIONI
239. Extraeuropa/ GEOPOL
240. Fabbricati/ARCHIT
241. Fabbricazione/ di strumenti e accessori, suppellettili, giocattoli ecc.
242. LAVORO
243. Falce/ STRUMENTI
244. Falò/FUOCO
245. FAMIGLIA
246. FANT
247. Fantasmi/ spettri, defunti, dannati, revenants FANT
248. Fate/ FANT
249. Fatui/ fuochi FUOCO
250. Femminile/ LAVRAP
251. Ferro/ METALLI
252. Ferro battuto/ ARTE
253. Festa/ RITO
254. Feudale/FORMSO
255. Fiabe/ PROSA
256. Fidanzamento/e frequentazione CICLVI
257. FIERE
258. Filatura/ LAVORO
259. Finocchio/ VEGETALI
260. Fisco/ STATO
261. Fisica/ MAGIA
262. Fiume/ GEOECO
263. Folklore/ o tradizioni
86
264. Folletti/ FANT
265. Folli/ compagnie o società dei ASSOC
266. Fondazione/ leggende di PROSA
267. Fontane/ MONUMENTI
268. Forme/ SIMBOLI
269. FORMSO
270. FORMULE
271. Francoprovenza/li ETNIA
272. Frutticoltura/ LAVORO
273. Funebre/ cerimonialità, lamentazioni, banchetti, veglie CICLVI
274. Funebre corr/ edo CORREDO
275. Funzione/ TEORIA
276. FUOCO
277. Fuoriuscita/ dal corpo PARANORM
278. Gatt’ocheide/ GIOCO
279. Gemelli/ UMANI
280. GENERE
281. Genti/ popoli e razze FANT
282. GEOECO
283. GEOPOL
284. Giganti/ FANT
285. GIOCO
286. Gioia/ fuochi di FUOCO
287. Giovani/ ETÀ
288. Giudiziarie/ sedi e sistema STATO
289. Glaciazioni/ CLIMA
290. Gravidanza/ CICLVI
291. Grotta/ caverna GEOECO
292. GRUPPO
293. Guaritori/ guaritrici, conciaossa MEDICINA
294. GUERRA
295. Identità/ CONCEZIONI
296. Iettatura/ MAGIA
87
297. Igieniche/ e sanitarie condizioni MEDICINA
298. Illuminazio/ne ENERGIA
299. Immacolata/ Concezione, 8 dicembre CICLAN
300. IMMAGINARIO
301. Impresa/ ECONOMIA
302. Inanimata/ natura, interazione con AMBIENTE
303. Incesto/ SESSO
304. Incubi/ e succubi FANT
305. Inculturazio/ne CULTURA
306. INDIVIDUO
307. Indovinelli/GIOCO
308. Industria/ LAVORO
309. Industriale/ o moderno tipo LAVRAP
310. Industrial/izzazione ECONOMIA
311. INEBRIANTI
312. INFANTILI
313. Infanzia/ CICLVI
314. Inferno/ RELIGIONE
315. Infortuni/ LAVRAP
316. Iniziazione/ RITO
317. Innovazione/ CULTURA
318. Inquinamen/to e altre forme di contaminazione e degrado AMBIENTE
319. Inquisizione/ CHIESA
320. INSED
321. Integrazione/ sociale PROSOC
322. INTEL
323. Intellettuale/ LAVRAP
324. Interetnici/ rapporti PROSOC
325. INTRAT
326. Intrecciatura/ LAVORO
327. ISTITUZIONE
328. Italiano/ LINGUA
329. Kabbalah/ MAGIA
330. Kula/ ECONOMIA
88
331. Lago/ GEOECO
332. Laguna/GEOECO
333. Latticini/ lavorazione dei LAVORO
334. LAVORO
335. LAVRAP
336. Leggende/ PROSA
337. Legione tebea/ SANTI
338. Legno/ VEGETALI
339. Lettere/ PROSA
340. Leva/ STRUMENTI
341. Levatrici/ MEDICINA
342. LIBERO
343. LIBRI
344. Licantropi/ FANT
345. LINGUA
346. Liocorni/FANT
347. Localismo/ CONCEZIONI
348. Localistici/ MOVIMENTI
349. LOTTE
350. Lotto/ GIOCO
351. Luci/ FANT
352. Luna/ CIELO
353. Luna nuova/ CICLI
354. Macellazione/ LAVORO
355. Macinazione/dei cereali LAVORO
356. Madonna/ DEI
357. Mafia/CRIMINALI
358. Maggio/ TEATRO
359. Maggio prima/ domenica CICLAN
360. Maghi/ MAGIA
361. MAGIA
362. Malattie/ disturbi e incidenti MEDICINA
363. Malocchio/ MAGIA
89
364. Mana/ DEI
365. MANIFEST
366. Manuale/LAVRAP
367. Mare/ GEOECO
368. Marginalizza/zione categorie e aree marginali PROSOC
369. Marinai/ CLASSE
370. Masche/MAGIA
371. Maschere/ COSTUME
372. MASSA
373. Materiale/ cultura CULTURA
374. Matrifocale/famiglia FAMIGLIA
375. MATRIMONIO
376. Maturità/ cerimonie e usi della CICLVI
377. Maurizio/ SANTI
378. MEDICINA
379. Megaliti/ MONUMENTI
380. Memorie/ storiche, di guerra, lotte, lavoro, viaggio PROSA
381. Mentali/ malattie MEDICINA
382. Mercato/ del lavoro LAVRAP
383. METALLI
384. Metallurgia/ LAVORO
385. Meteoriti/ CIELO
386. METODO
387. Mietitura/ CICLAN
388. MIGRAZIONI
389. Militari/ CLASSE
390. Millenaristi/ci culti RELAREA
391. MINERALI
392. MINORANZE
393. Minori/ ETÀ
394. Minorile/ LAVRAP
395. Miracoli/ RELIGIONE
396. Missioni/e missionari CHIESA
397. Misteri/ RELIGIONE
398. MITO
90
399. Mobilità/ sociale PROSOC
400. Mobilitazione/ sociale PROSOC
401. Mode/ COLLETTIVO
402. Modernizzazio/ne PROSOC
403. Monaci/ monache CHIESA
404. Monasteri/ MONUMENTI
405. Moneta/ ECONOMIA
406. Monferrina/ DANZA
407. Monte/ GEOECO
408. MONUMENTI
409. Morte/CORPO
410. Morti/ commemorazione dei
411. Mostri/ FANT
412. Motivi/SIMBOLI
413. Motrice/ ENERGIA
414. MOVIMENTI
415. Multietnica/ SOCIETÀ
416. Multinazion/ale ECONOMIA
417. MUSICA
418. Mutamento/ culturale CULTURA
419. Mutamento soc/iale PROSOC
420. Mutua/ assistenza e cooperazione informale ASSOC
421. Nani/ FANT
422. Nascita/ CICLVI
423. Natale/ CICLAN
424. Nativismo/ CONCEZIONI
425. Nati vistici/ MOVIMENTI
426. Natività Maria/ Vergine, 8 settembre CICLAN
427. Navigazione/ TRASPORTI
428. Nazionalismo/ CONCEZIONI
429. NAZIONE
430. Neocapitalist/ica FORMSO
431. Neoetnici/smo CONCEZIONI
432. Neolatine/ lingue LINGUA
91
433. Neoruralismo/ CONCEZIONI
434. Nero/ illegale o sommerso LAVRAP
435. Neve Madonna/ della, 5 agosto CICLAN
436. Noce/ VEGETALI
437. NOMADI
438. Non antropiz/zata zona, wilderness GEOECO
439. Nord sud/ GEOPOL
440. Novelle/ PROSA
441. Nozze/ CICLVI
442. Nucleare/ famiglia FAMIGLIA
443. Nudità/ CORPO
444. Numeri/ SIMBOLI
445. Nuziale corr/edo CORREDO
446. Occasioni/ di esecuzione ESECUTORI
447. Occidente/ industrializzato o postindustriale GEOPOL
448. Occultismo/ e campi affini MAGIA
449. Oggetti/
450. Ognissanti/ primo novembre CICLAN
451. Olio/ ALIMENTI
452. Olivicoltura/ e produzione dell’olio LAVORO
453. Oltretomba/ mondo dei morti, inferi RELIGIONE
454. Omosessualità/ SESSO
455. ONOMASTICA
456. Operai/ CLASSE
457. Operazioni/ incantesimi, filtri, fatture, controfatture MAGIA
458. Orchi/FANT
459. ORGANIZ
460. Organizzazione/ del lavoro LAVRAP
461. Orticoltura/LAVORO
462. Ospitalità/ ASSOC
463. Osservazione/ METODOI
464. Ossidiana/MINERALI
465. Paganesimo/ RELAREA
92
466. Palme/ Domenica delle CICLAN
467. Palude/ GEOECO
468. Pane/ ALIMENTI
469. Panificazione/ LAVORO
470. Papa/ CHIESA
471. Paradiso/ RELIGIONE
472. PARANORM
473. PARENTELA
474. Pasqua/ CICLAN
475. Passione/ TEATRO
476. Pastori/ CLASSE
477. Patronale/ festa CICLAN
478. Patronati/di paesi, luoghi, attività, categorie, etnie ecc. RELIGIONE
479. Pellegrin/aggi RELIGIONE
480. Pendolarità/ PROSOC
481. Pensionati/ CLASSE
482. Pentacoli/ SIMBOLI
483. Pentecoste/ CICLAN
484. Persecuzioni/ CHIESA
485. PERSONALITÀ
486. Personificazio/ni UMANI
487. Pesca/ LAVORO
488. Pescatori/ CLASSE
489. Pianura/ GEOECO
490. Piemontesi/ ETNIA
491. Pino/ VEGETALI
492. Pioggia/ CLIMA
493. Piste/ INSED
494. Pittura/ CORPO
495. Pittura pariet/ale ARTE
496. Piume/ ANIMALI
497. POESIA
498. POLITICA
499. Polizia/ e carabinieri STATO
500. Ponidura/ USI
93
501. Ponti/ INSED
502. POPOLAMENTO
503. Popolareg/giante o popolaresca cultura CULTURA
504. Popolare ital/iano LINGUA
505. POPOLAZIONE
506. POPOLO
507. Possessione/ PARANORM
508. Posta/ TRASPORTI
509. Potlatch/ ECONOMIA
510. POVERTÀ
511. Pozzi/ INSED
512. Praticanti/ devoti RELIGIONE
513. Preghiere/ FORMULE
514. Pregiudizio/ CONCEZIONI
515. Preindustriale/ SOCIETÀ
516. PREISTORIA
517. Presepe/ RELIGIONE
518. Prestigiatore/ arte del MAGIA
519. Prete/ DOMATT
520. Previdenziali/ organizzazioni e sistema STATO
521. Primavera/ CICLI
522. Primo/ LAVRAP
523. 1 maggio/ MANIFEST
524. PRIVATO
525. Processioni/ RELIGIONE
526. Pronostici/ DIVINAZ
527. PROSA
563. Rivoluzione/ PROSOC
564. Roccia/ GEOECO
565. Rom/ ETNIA
566. Rogazioni/ CICLAN
567. Rospo/ ANIMALI
568. Rovistamento/ alimentare LAVORO
569. Ruota/ STRUMENTI
94
570. Sabba/ incontri e assemblee MAGIA
571. Sacerdoti/ CHIESA
572. Sacra/ ARTE
573. Sacramenti/ RELIGIONE
574. Sacrificio/ RITO
575. Sacro/ CATEGORIE
576. Salariato/ LAVRAP
577. Salute/ MEDICINA
578. Sanitarie/ organizzazioni e sistema STATO
579. Santa sett/imana CICLAN
580. SANTI
581. S.Anna/ 26 luglio CICLAN
582. S.Antonio ab/ate, 17 gennaio CILAN
583. S.Antonio Pad/ova (da), 13 giugno CICLAN
584. S.Besso/ 10 agosto CICLAN
585. S.Biagio/3 febbraio CICLAN
586. S.Bovo/ 22 maggio CICLAN
587. S.Caterina/ 25 novembre CICLAN
588. S.Chiara/ 2 gennaio CICLAN
589. S.Costanzo/ SANTI
590. S.Croce/ rinvenimento della 3 maggio CICLAN
591. S.Defendente/ SANTI
592. S.Giacomo/ 25 luglio CICLAN
593. S.Giovanni Ba/ttista, 24 giugno CICLAN
594. S.Giuseppe/ 19 marzo CICLAN
595. S.Grato/ 7 settembre CICLAN
596. S.Liberata/ 18 gennaio CICLAN
597. S.Lorenzo/ 10 agosto CICLAN
598. S.Lucia/ 13 dicembre CICLAN
599. S.Magno/ 19 agosto CICLAN
600. S.Marco/ 25 aprile CICLAN
601. S.Martino/ 11 novembre CICLAN
602. S.Nicola/ 5 dicembre CICLAN
603. SS.Nome di Ma/ria Vergine, 12 settembre CICLAN
604. S.Orso/ 1 febbraio CICLAN
95
605. S.Pietro Pao/lo, 29 giugno CICLAN
606. S.Rocco/ 16 agosto CICLAN
607. S.Silvestro/ 31 dicembre CICLAN
608. S.Stefano/ 26 dicembre CICLAN
609. Santuari/ MONUMENTI
610. S.Valentino/4 febbraio CICLAN
611. Scambio/ ECONOMIA
612. Scarificazione/ CORPO
613. SCHIAVITÙ
614. Sciamani/ MAGIA
615. SCIENZA
616. Scongiuri/ FORMULE
617. SCRITTURA
618. Scudo/ ARMI
619. Scuola/ e sistema educativo STATO
620. Secolarizza/zione CHIESA
621. Secondo/ LAVRAP
622. Segregazione/ ghetti PROSOC
623. Selce/ MINERALI
624. Selvatico uomo/ FANT
625. Semplice/ SOCIETÀ
626. Separazione/ ripudio, divorzio CICLVI
627. Servile/ LAVRAP
628. Servitù/familiare FAMIGLIA
629. Servizi/LAVORO
630. SESSO
631. Silvicoltura/ LAVORO
632. SIMBOLI
633. Sincretismi/CULTURA
634. Sirene/FANT
635. SISCOM
636. Socializzazio/ne PROSOC
637. SOCIETÀ
638. SOCIOGRAFIA
639. Sogno/ CORPO
96
640. Sole/ CIELO
641. Solstizio est/ate CICLAN
642. Solstizio inv/erno CICLAN
643. SOPRANNOMI
644. Sorgente/ GEOECO
645. Spada/ ARMI
646. SPAZIO
647. Specchio/ CASA
648. SPEDIZIONI
649. Spiriti/ FANT
650. Spiritismo/ medianità MAGIA
651. Sport/ LIBERO
652. Sposa pre/zzo della MATRIMONIO
653. Spostamenti/ eccezionali nello spazio, volo PARANORM
654. Spupillatura/ CICLVI
655. Stagionale/ LAVRAP
656. STAMPE
657. STATO
658. Statuale/ FORMSO
659. Statue/ MONUMENTI
660. Storiciz/zazione, reinterpretazione storicizzante di tradizioni, riti ecc. CONCEZIONI
661. Streghe/ stregoni, fattucchiere MAGIA
662. STRUMENTI
663. Struttura/ TEORIA
664. Subalternità/ CULTURA
665. Suoni/ FANT
666. Suppellettili/ CASA
667. SVILUPPO
668. Tabù/ DIVIETI
669. Talismani/ MAGIA
670. Tarantismo/ PARANORM
671. Tatuaggio/ CORPO
672. TEATRO
673. TECNICA
97
674. Temperatura/ corporea, febbre MEDICINA
675. Templi/ MONUMENTI
676. TEMPO
677. Tempora/ CICLAN
678. Teologia/ CHIESA
679. Terapie/ MEDICINA
680. TERRA
681. Terzomondo/ GEOPOL
682. Tesori/oro FANT
683. Tessitura/ LAVORO
684. Teste caccia/ alle USI
685. Toro/ ANIMALI
686. TOTEM
687. Tradizionale/ tipo LAVRAP
688. Tradizione/ CULTURA
689. Trance/ PARANORM
690. Transumanza/ LAVRAP
691. Trasformaz/ioni metamorfosi PARANORM
692. TRASPORTI
693. TRIBÙ
694. Ufficiale/ cultura CULTURA
695. UMANI
696. Università/ e organizzazioni scientifiche STATO
697. Uomini/SESSO
698. Urbana/ e metropolitana cultura CULTURA
699. Urbanizzazio/ne PROSOC
700. USI
701. Valdismo/ RELAREA
702. Vampiri/ FANT
703. Vecchiaia/ cerimonie e usi della CICLVI
704. Vedovanza/ CICLVI
705. VEGETALI
706. Veglie/ INTRATT
98
707. VELENO
708. Vendemmia/ CICLAN
709. VENDETTA
710. Vento/ CLIMA
711. VETERFITO
712. Vetro/ MINERALI
713. Via Lattea/ CIELO
714. Vino/ ALIMENTI
715. VIOLENZA
716. Visioni/ PARANORM
717. Vita modi/ di CULTURA
718. Vita qualit/à della AMBIENTE
719. Vitivinicoltu/ra LAVORO
720. Voto/ RELIGIONE
721. Vulcano/ GEOECO
722. Zone/ culturali, zonizzazione CULTURA
99
B. IL LAVORO ANTROPOLOGICO: SETTORI, SCUOLE, TIPI DI
TRATTAZIONE, ESPOSIZIONE, ORDINAMENTO,
APPLICAZIONI, FONTI, SUPPORTO
723. =ANTOLOGIA
724. Applicata/ antropologia =SETTORE
725. =ATL ANTE
726. =ATTI
727. Banche dati/=INFO
728.=BANDO
729.=BENI
730.=BIBLIO
731. =CENSIMENTO
732. =CITAZIONE
733. =CODICE
734. =COLLANA
735. =COROGRAFIA
736. Cartografia/=ATLANTE
737. =DATTILO
738. De Martino E./ =STORIOGRAF
739. Dialogica/ antropologia =SCUOLA
740. =DISCIPLINA
741. =DIZIONARIO
742. =DOCUM
743. =ECCLESIA
744. Epistemolog/ia =TEORIA
745. Evoluzionismo/=STORIOGRAF
100
746. =FILMFOTO
747. Geografia fo/lklorica =SETTORI
748. =GRAFICA
749. Guide/ alla ricerca =TEORMET
750.=HIST
751. I.A./ Intelligenza artificiale e sistemi esperti =INFO
752. =INCHIESTA
753. =INFO
754. Ipertesti/ =INFO
755. =LABO
756. LETTERARIO
757. LINEAMENTI
758. =MANOSCR
759. =MONOGRAFIA
760. =MOSTRA
761. Multimediali/elaborazioni =INFO
762. =MUSEO
763. Orale/ storia =SETTORE
764. =PERIODICO
765. Pitrè/=CITAZIONE
766. =POLIZIA
767. =PROCESSO
768. =PSICAN
769.=RACCOLTA
770.=RASSEGNA
771. Regolamenti/ di polizia =POLIZIA
772. Reti/ informatiche =INFO
773. Romantico/ periodo =STORIOGRAF
101
774. =SCUOLA
775. =SCRITTO
776. =SEMIOLOGIA
777. =SETTORE
778. Sinodi/ =ECCLESIA
779. =SISTEMI
780. Sociobiol/ogia DISCIPLINA
781. =SUONO
782. =STATISTICA
783. =STATUTO
784. Stendhal/=CITAZIONE
785. Storia/=DISCIPLINA
786. =STORIOGR
787. =TEORMET
788. =TESI
789. Testi elab/orazione di =INFO
790. =TRATTATO
791. =TURISMO
792. =VIAGGIO
793. Virtuale/ realtà =INFO
794. Visuale/ documentazione, lettura ed elaborazione =INFO
795. VOCABOLARIO
102
Fly UP