...

LA PARABOLA SUL PIANO CARTESIANO Si chiama parabola il

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

LA PARABOLA SUL PIANO CARTESIANO Si chiama parabola il
LA PARABOLA SUL PIANO CARTESIANO
Prof. Danilo Saccoccioni
Si chiama parabola il luogo geometrico dei punti P del piano equidistanti da un punto F chiamato fuoco e da una retta chiamata
direttrice.
Dunque il generico punto P della parabola ha la proprietà seguente:
PF = PD
In varie situazioni è estremamente utile studiare la parabola sul piano cartesiano. Nelle applicazioni comuni è sufficiente studiare la
parabola con asse di simmetria parallelo all'asse y.
Vogliamo ora dimostrare un teorema importante:
TEOREMA 1
Sul piano cartesiano una parabola con asse di simmetria parallelo all'asse y ha un'equazione di II grado
Ciò significa che il generico punto della parabola di coordinate P= x , y soddisfa l'equazione di II grado
Per dimostrare il teorema, facciamo riferimento alla figura precedente.
2
y= a x b x c .
2
y= a x b x c .
Dimostrazione del teorema 1.
Per come è definita la parabola, possiamo scrivere PF = PD , cioè, sostituendo le coordinate dei vari punti:
  x− x F 2 y− y F 2=∣y−d∣ ;
2
2
2
elevando al quadrato entrambi i membri otteniamo ovviamente ancora un'uguaglianza:  x− x F   y− y F  = y−d  ;
2
2
2
2
2
2
x −2 x F x x F  y −2 y F y y F = y  d − 2d y ;
sviluppando i quadrati:
2
2
2
2
semplificando y2 e isolando il termine con y:
2  y F −d  y= x −2 x F x x F  y F −d ,
2
2
2
xF
x  y F −d
1
y=
x2 −
x F
dunque:
,
2  y F −d 
 y F −d 
2  y F −d 
che è appunto un'equazione di II grado del tipo y=a x 2b xc , dopo aver posto
1
2  y F− d 
x
b=− F
y F −d
2
2
2
x  yF− d
c= F
2  y F −d 
a=
Ci si potrebbe chiedere se valga il teorema inverso, ovvero se una qualsiasi equazione di secondo grado del tipo
corrisponda sempre ad un'opportuna parabola con asse parallelo all'asse y. La risposta è affermativa:
2
y=a x b xc
TEOREMA 2 (INVERSO DEL TEOREMA 1)
Sul piano cartesiano un'equazione di II grado y=a x 2b xc rappresenta sempre una parabola, comunque vengano scelti
i coefficienti numerici a, b e c ( purché a ≠0 ).
La dimostrazione del teorema è un puro esercizio di calcolo algebrico (solo un po' lungo) e consiste nel ricavare i dati fondamentali
della parabola, cioè xF , yF e d ,a partire da arbitrari coefficienti a, b e c. Tale calcolo si può svolgere invertendo le ultime tre formule
della precedente dimostrazione; ponendo =b 2 −4 a c si ottiene:
Coordinate del fuoco F
x F =−
b
2a
yF=
−1
4a
Coordinate del vertice V
xV =−
b
2a
yV =
−
4a
Equazione della direttrice
y=
Equazione dell'asse di simmetria
x=−
−−1
4a
b
2a
(ovviamente il secondo membro equivale a d )
Fly UP