...

Procedure organizzative per il primo soccorso

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Procedure organizzative per il primo soccorso
LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO
cominciamo a SCUOLA
PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO
SOCCORSO
protocollo d’intesa 5 febbraio 2015
ASL Brescia – ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro
Ufficio Scolastico Territoriale – Provincia di Brescia
IL PRONTO SOCCORSO
Effettuato da personale qualificato (medici, infermieri),
con l’ausilio di attrezzature adeguate e terapie
farmacologiche direttamente sul luogo dell’intervento,
durante il trasporto in ambulanza e poi al Presidio
Ospedaliero di competenza.
IL PRIMO SOCCORSO
E’ l’aiuto che chiunque può prestare a una o più persone
vittime di un incidente o di un malore in attesa che
intervenga un Soccorso sanitario qualificato.
Il primo soccorso si può effettuare senza l’aiuto di presidi
medici.
IL PRIMO SOCCORSO SERVE:
• ad attivare in modo corretto il 118
• a proteggere la persona coinvolta
• a controllare l’incidente
• ad evitare o contenere i danni
ambientali
COSA DEVE FARE IL PRIMO SOCCORRITORE
- valutare la situazione e la dinamica dell’evento (incidente,
malore, etc)
- identificare il danno subito dall’infortunato e le eventuali lesioni
(presenza delle funzioni vitali, fratture, ferite, etc)
- saper distinguere i casi urgenti dai casi gravi, ma non urgenti
- prestare un immediato, appropriato e adeguato soccorso
- avvertire il 118 fornendo le informazioni utili all’intervento
URGENZA E GRAVITÀ
URGENZA
E’ collegata al pericolo immediato di vita dell’infortunato.
E’ sempre una situazione gravissima nella quale
bisogna agire rapidamente.
(es. arresto cardiaco, etc).
URGENZA E GRAVITÀ
GRAVITA’
È una situazione che non comporta un rischio immediato per la vita
ma presenta lesioni gravi anche di carattere permanente (es.
frattura alla colonna vertebrale).
In questi casi, il primo soccorritore deve evitare di peggiorare le
condizioni dell’infortunato e attivare il 118.
MEGLIO NON FARE
CHE FARE MALE !
IL PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA
Esistono situazioni che richiedono un intervento
immediato, nelle quali la conoscenza di norme di
comportamento può modificare il decorso dell’evento
accaduto
Da qui la necessità della presenza in ogni azienda di
lavoratori appositamente formati (addetti al primo
soccorso).
IL PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA
Il Decreto Legislativo 81/08 prevede che il datore di lavoro:
• organizzi i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in
materia di pronto soccorso, salvataggio, lotta antincendio e
gestione dell’emergenza.
• designi i lavoratori incaricati di attuare le misure di pronto
soccorso.
• definisca le procedure operative
per gli addetti al primo soccorso,
incluse le modalità di formazione
ed addestramento
DECRETO 15/7/2003 N.388
definisce:
• le caratteristiche minime delle ATTREZZATURE di
pronto soccorso,
• i requisiti del PERSONALE ADDETTO e la sua
formazione
in relazione alla natura dell’attività,
al numero dei lavoratori occupati e ai
fattori di rischio
DECRETO 15/7/2003 N.388
CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE in funzione del RISCHIO
Gruppo A:
• Aziende con rischio elevato (centrali termoelettriche, impianti
nucleari, aziende estrattive ed attività minerarie, fabbricazione
esplosivi, etc.)
• Aziende con più di 5 lavoratori con elevato indice
infortunistico (indice INAIL > 4)
• Aziende con più di 5 lavoratori del comparto dell’agricoltura
Gruppo B:
Aziende con 3 o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A
Gruppo C:
Aziende con meno di 3 lavoratori che non rientrano nel gruppo A
DECRETO 15/7/2003 N.388
PRESIDI DI PRONTO SOCCORSO NELLE AZIENDE
Gruppo A e B:
- Cassetta di pronto soccorso
- Mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il 118
Gruppo C:
- Pacchetto di medicazione
- Mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il 118
DECRETO 15/7/2003 N.388
PRESIDI DI PRONTO SOCCORSO NELLE AZIENDE
Lavori in luoghi isolati
Nelle aziende che hanno lavoratori che prestano la propria
attività in luoghi isolati, diversi dalla sede aziendale, il DL è tenuto
a fornire loro il pacchetto di medicazione ed un mezzo di
comunicazione idoneo per raccordarsi con l’azienda (telefoni fissi
aziendali, cellulari, ricetrasmittenti collegate con l’azienda e in
casi specifici sistemi di allarme azionati dal lavoratore, ….).
DECRETO 15/7/2003 N.388
PRESIDI DI PRONTO SOCCORSO NELLE AZIENDE
Il materiale sanitario deve essere mantenuto in condizioni di
efficienza e di pronto impiego e custodito in luogo idoneo e
facilmente accessibile
La somministrazione dei farmaci di qualsiasi tipo deve essere
effettuata solo da medici o personale infermieristico sotto diretto
controllo del medico
DECRETO 15/7/2003 N.388
PROCEDURE PER IL PRIMO SOCCORSO NELLE AZIENDE
Predisporre in ogni reparto
accanto al telefono i numeri
telefonici più importanti
E dove è custodito il
materiale sanitario
In caso di incidente chiamare
immediatamente
• l’addetto al primo soccorso
• il responsabile del servizio di
prevenzione e protezione (RSPP)
Gli addetti al primo soccorso
valutano, sulla base delle condizioni
dell’infortunato, la necessità di
chiamare il 118, riferendo tutti i
dati relativi sia alle modalità
dell’incidente che alle condizioni
dell’infortunato
Fly UP