...

Manuale tecnico sistema VEDO

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Manuale tecnico sistema VEDO
IT
MANUALE
TECNICO
Manuale tecnico sistema VEDO
www.comelitgroup.com
Avvertenze
• Effettuare l’installazione seguendo scrupolosamente le istruzioni fornite dal costruttore ed in conformità alle norme vigenti.
• Tutti gli apparecchi devono essere destinati esclusivamente all’uso per cui sono stati concepiti. Comelit Group S.p.A. declina ogni responsabilità per un utilizzo improprio degli apparecchi,
per modifiche effettuate da altri a qualunque titolo e scopo, per l’uso di accessori e materiali non originali.
• Tutti i prodotti sono conformi alle prescrizioni delle direttive 2006/95/CE (che sostituisce la direttiva 73/23/CEE e successivi emendamenti) e ciò è attestato dalla presenza della marcatura CE
sugli stessi.
• Gli interventi di installazione, montaggio e assistenza agli apparecchi elettrici devono essere eseguiti esclusivamente da elettricisti specializzati.
• Nell'impianto elettrico dell'edificio deve essere previsto un interruttore di rete onnipolare con un'apertura di contatto di almeno in grado di sezionare l'alimentazione del dispositivo.
• Togliere l’alimentazione prima di effettuare qualsiasi manutenzione.
• Rimettere le protezioni sui morsetti e chiudere lo sportellino di ispezione dopo ogni intervento.
• Il dispositivo è conforme alla norma EN60950-1 relativa alla sicurezza di apparecchiature per la tecnologia dell'informazione.
SOMMARIO
Introduzione generale ........................................................................................................................................................................................4
Introduzione al sistema .....................................................................................................................................................................................4
Descrizione dei componenti del sistema .................................................................................................................................................................................. 4
Lo standard di comunicazione ................................................................................................................................................................................................4
Indirizzamento dei moduli .......................................................................................................................................................................................................4
Generalità ..................................................................................................................................................................................................................................... 5
Principali caratteristiche del sistema: ......................................................................................................................................................................................5
Contenitori ................................................................................................................................................................................................................................... 6
Montaggio e collegamenti della centrale .................................................................................................................................................................................. 6
Fissaggio del contenitore e del tamper antistrappo ................................................................................................................................................................8
La scheda centrale (30001008 - 30001034 - 30001068) ............................................................................................................................................................ 9
Caratteristiche principali..........................................................................................................................................................................................................9
Identificazione delle connessioni ai morsetti di centrale ..................................................................................................................................................9
Jumpers di configurazione ...............................................................................................................................................................................................10
Connettore alimentazione ................................................................................................................................................................................................10
Morsettiera M1 .................................................................................................................................................................................................................10
Morsettiera M2 .................................................................................................................................................................................................................10
Morsettiera M3 .................................................................................................................................................................................................................10
Indicatori luminosi ............................................................................................................................................................................................................10
Connettori moduli ............................................................................................................................................................................................................10
Le espansioni interne ................................................................................................................................................................................................................. 11
Funzioni del comunicatore telefonico (PSTN di serie) .....................................................................................................................................................11
Modulo espansione Messaggi e Guida vocale (art. 30001303) ..............................................................................................................................................11
Funzioni modulo audio ....................................................................................................................................................................................................11
Montaggio del modulo espansione Messaggi e Guida vocale ........................................................................................................................................11
Modulo espansione comunicazione GSM (art. 30001301) .....................................................................................................................................................12
Montaggio del modulo GSM ............................................................................................................................................................................................12
Comunicatore telefonico su rete GSM: antenna, scheda SIM e indicatori luminosi ...............................................................................................................13
Collegamento dell’antenna ..............................................................................................................................................................................................13
Remotizzazione dell'antenna ...........................................................................................................................................................................................13
Inserimento della scheda SIM .........................................................................................................................................................................................13
Significato dei led del modulo IP GSM ............................................................................................................................................................................13
Modulo Espansione ethernet TCP/ IP (art. 30002401) ...........................................................................................................................................................13
Modulo di comunicazione su rete IP .......................................................................................................................................................................................14
Inserimento e rimozione della scheda di memoria MicroSD ...........................................................................................................................................14
Significato dei led del modulo IP......................................................................................................................................................................................14
Indicazioni generali per il collegamento dei dispositivi sul bus............................................................................................................................................. 15
Terminazione della linea bus: .................................................................................................................................................................................................15
Cablaggio degli ingressi ............................................................................................................................................................................................................. 15
Singolo bilanciamento .............................................................................................................................................................................................................16
Doppio bilanciamento .............................................................................................................................................................................................................16
Triplo bilanciamento ................................................................................................................................................................................................................16
Doppia zona (double)..............................................................................................................................................................................................................16
Doppia zona con fine linea (EOL double) ...............................................................................................................................................................................16
Cablaggio dell'ingresso 24 ore della centrale .......................................................................................................................................................................... 17
Comunicatore telefonico su rete PSTN...................................................................................................................................................................................17
Principali organi di comando e visualizzazione ....................................................................................................................................................................... 17
Tastiera LCD (art. 30006002)..................................................................................................................................................................................................17
Caratteristiche principali: .................................................................................................................................................................................................17
Significato led ..................................................................................................................................................................................................................17
Dip switches e terminazione bus .....................................................................................................................................................................................17
Descrizione morsettiera tastiera LCD ..............................................................................................................................................................................17
Tastiera LCD con lettore di chiavi RFID (art. 30006003) ........................................................................................................................................................18
Significato led ..................................................................................................................................................................................................................18
Montaggio e collegamenti delle tastiere..................................................................................................................................................................................18
Lettore di prossimità RFID su bus (art. 30006104) .................................................................................................................................................................19
Caratteristiche principali: .................................................................................................................................................................................................19
Significato led ..................................................................................................................................................................................................................19
Impostazione velocità lettori RFID ...................................................................................................................................................................................20
Dip switches indirizzamento e terminazione bus ............................................................................................................................................................20
Terminazione linea 485 ....................................................................................................................................................................................................20
Descrizione morsettiera lettore di chiavi RFID su bus .....................................................................................................................................................20
Montaggio del lettore di chiavi RFID su bus ...........................................................................................................................................................................20
Chiavi RFID (art. SK9050x/A) .................................................................................................................................................................................................20
Altri dispositivi collegabili su bus 485 ...................................................................................................................................................................................... 21
SafeTouch (art. 30006001) / Minitouch (art. 20034607) con lettore di chiavi RFID ................................................................................................................21
Caratteristiche principali: .................................................................................................................................................................................................21
Terminazione linea 485 ....................................................................................................................................................................................................21
Descrizione morsettiera Safetouch/Minitouch .................................................................................................................................................................21
Indirizzamento e configurazione velocità bus Safetouch/Minitouch ................................................................................................................................21
Planux Manager con lettore di chiavi RFID (art. 20034801) ...................................................................................................................................................22
Descrizione morsettiera Planux Manager ........................................................................................................................................................................22
Terminazione linea 485 ....................................................................................................................................................................................................22
Indirizzamento e configurazione velocità bus Planux Manager.......................................................................................................................................22
2
Cenni sull'installazione di Safetouch, Minitouch e Planux Manager ...................................................................................................................................... 22
Safetouch/Minitouch ...............................................................................................................................................................................................................22
Planux Manager ......................................................................................................................................................................................................................22
Espansioni su bus 485................................................................................................................................................................................................................ 22
Espansione su bus 8 ingressi bilanciabili e 8 uscite logiche su bus (art. 30003101)..............................................................................................................22
Montaggio delle espansioni in contenitore esterno piccolo.....................................................................................................................................................23
Caratteristiche principali ..................................................................................................................................................................................................24
Descrizione jumpers di configurazione ............................................................................................................................................................................24
Tabella associazione posizione dip switches SW1, n° dispositivo e velocità bus............................................................................................................24
Descrizione morsettiera modulo espansione ingressi / uscite .........................................................................................................................................24
Espansione radio bidirezionale su bus (art. 30003201) ..........................................................................................................................................................25
Caratteristiche principali ..................................................................................................................................................................................................25
Descrizione jumpers di configurazione ............................................................................................................................................................................25
Tabella associazione posizione dip switches SW1, n° dispositivo e velocità bus............................................................................................................25
Descrizione morsettiera modulo espansione radio ..........................................................................................................................................................25
Sensori ed accessori senza fili .................................................................................................................................................................................................. 25
Dispositivi collegabili senza fili ................................................................................................................................................................................................25
Cenni sull'installazione di Sensori e Sirene senza fili .............................................................................................................................................................25
Modulo video PAL/IP art. 30001445 .......................................................................................................................................................................................26
Supporto MMS – descrizione e caratteristiche minime del sistema ................................................................................................................................26
Parametri di rete del modulo PAL/IP................................................................................................................................................................................26
Uscite ........................................................................................................................................................................................................................................... 27
Esempi di connessioni alla sirena ............................................................................................................................................................................................. 27
Connessione sirena autoalimentata a 3 o 2 fili .......................................................................................................................................................................27
Connessione sirena interna non autoalimentata.....................................................................................................................................................................27
Esempio di connessione alle uscite TC1 e TC2 ........................................................................................................................................................................ 27
Alimentatori con test dinamico batteria .................................................................................................................................................................................... 28
1,5A – (art. 30076101) ............................................................................................................................................................................................................28
3A – (art. 30076102) ...............................................................................................................................................................................................................28
5A – (art. 30076103) ...............................................................................................................................................................................................................28
Scheda gestione alimentatori per centrali serie VEDO Art. 30003106 ................................................................................................................................... 28
Descrizione Art. 30003106 ......................................................................................................................................................................................................28
Indirizzamento e impostazione velocità BUS tramite dip switch .............................................................................................................................................30
Descrizione morsettiere ..........................................................................................................................................................................................................30
Jumper di configurazione ........................................................................................................................................................................................................30
Significato LED .......................................................................................................................................................................................................................30
Connettore alimentatore .........................................................................................................................................................................................................30
Collegamento contatto antimanomissione ..............................................................................................................................................................................30
Collegamento morsetto di riferimento V- ................................................................................................................................................................................31
Collegamento terra .................................................................................................................................................................................................................31
Caratteristiche tecniche Art. 30003106 ...................................................................................................................................................................................31
Isolatore da BUS Art. 30003105 ................................................................................................................................................................................................. 31
Indirizzamento e impostazione velocità BUS tramite dip switch .............................................................................................................................................32
Caratteristiche tecniche ..........................................................................................................................................................................................................32
Jumper di configurazione ........................................................................................................................................................................................................32
Significato LED .......................................................................................................................................................................................................................32
Morsettiere isolatore da BUS ..................................................................................................................................................................................................32
Collegamento contatto antimanomissione ..............................................................................................................................................................................32
Cosa fare prima di dare alimentazione al sistema ..........................................................................................................................................33
Collegare correttamente gli ingressi zona ................................................................................................................................................................................ 33
Collegare i moduli bus ................................................................................................................................................................................................................ 33
Impostare gli indirizzi dei dispositivi su bus ............................................................................................................................................................................ 33
Chiudere tutti gli ingressi anti manomissione ......................................................................................................................................................................... 33
Dare alimentazione ..................................................................................................................................................................................................................... 33
La configurazione di default..............................................................................................................................................................................33
Introduzione alla programmazione da tastiera ................................................................................................................................................33
I codici di default alla prima accensione .................................................................................................................................................................................. 33
Modifica di parametri / testo mediante tastiera ........................................................................................................................................................................ 34
Impostare il numero seriale della tastiera................................................................................................................................................................................. 35
Inserire e disinserire il sistema .................................................................................................................................................................................................. 35
Tacitare un allarme ad impianto disinserito ............................................................................................................................................................................. 35
Entrare in programmazione come Utente ................................................................................................................................................................................. 35
Entrare in modo programmazione come Installatore (abilitazione codice installatore)....................................................................................................... 35
Modifica di data e ora ................................................................................................................................................................................................................. 36
Acquisizione di un codice chiave RFID da tastiera.................................................................................................................................................................. 36
Acquisizione di un codice sensore radio da tastiera............................................................................................................................................................... 36
Acquisizione di un codice radiocomando da tastiera ............................................................................................................................................................. 37
Acquisizione di un codice sirena da tastiera............................................................................................................................................................................ 37
Uscita dal modo programmazione............................................................................................................................................................................................. 37
Reset delle impostazioni di fabbrica ......................................................................................................................................................................................... 37
Reset Parziale (recupero codici) ................................................................................................................................................................................................ 37
Mettere la centrale in Stato di Servizio ..................................................................................................................................................................................... 38
Uscita dallo Stato di Servizio ..................................................................................................................................................................................................... 38
Caratteristiche elettriche centrale ....................................................................................................................................................................38
APPENDICI ..........................................................................................................................................................................................................39
Appendice 1: simbologia ufficiale per sistemi anti intrusione ............................................................................................................................................... 39
Appendice 2: tabella resistenza conduttori cavi schermati .................................................................................................................................................... 39
Connessioni agli ingressi e di segnale ....................................................................................................................................................................................39
Connessioni di alimentazione .................................................................................................................................................................................................40
Appendice 3: cavo per connessione ad una rete dati.............................................................................................................................................................. 40
3
Introduzione generale
Introduzione al sistema
Il sistema VEDO è un sistema moderno e funzionale capace di rispondere al meglio alle esigenze tecnico/prestazionali dei moderni impianti di
sicurezza. La centrale permette di realizzare sistemi che richiedano fino a 68 zone standard singolarmente bilanciabili, assegnabili a massimo
8 aree.
Descrizione dei componenti del sistema
La centrale è alloggiata all’interno di un contenitore compatto, dove trova posto anche l’alimentatore. A seconda delle esigenze di impianto, è
possibile montare direttamente sulla scheda centrale un modulo per la comunicazione GSM, un modulo messaggi / guida vocale, un modulo
per la comunicazione su protocollo IP.
Dall’alimentatore partono i connettori per alimentare la centrale e per l’accumulatore da 7Ah. Per quest’ultimo è previsto un alloggiamento
dedicato all’interno del contenitore centrale.
Oltre a centrale e alimentatore, l’interno del contenitore può alloggiare un modulo espansione ingressi uscite standard a lato della batteria ed un
secondo modulo in un alloggiamento posto sotto alla scheda centrale. I moduli espansione sono collegati al bus.
Il sistema prevede una unità master (la centrale) ed un certo numero di unità slave (le periferiche su bus). Il compito della centrale,
indipendentemente dallo stato di inserimento del sistema, è di interrogare periodicamente le unità periferiche per determinarne il corretto
funzionamento ed avere informazioni sullo stato dell’impianto. Ogni componente periferico è dotato di una intelligenza locale, che gli permette di
effettuare un certo numero di compiti in modo indipendente, e di comunicare, su richiesta della centrale, il suo stato e ogni informazione legata
alle sue funzioni specifiche di periferica.
Lo standard di comunicazione
La comunicazione fra centrale ed espansioni è ottenuta attraverso un bus standard di tipo RS485. La velocità di comunicazione standard della
centrale è impostata a 38400 baud.
Indirizzamento dei moduli
I moduli sono tutti collegati sullo stesso bus, riconoscibili grazie all’indirizzamento univoco. Questo indirizzo, a seconda della periferica, potrà
essere configurato con mezzi fisici (es.: dip switches come nelle espansioni di ingressi e uscita) oppure attraverso una configurazione di tipo
software (es.: le tastiere LCD).
√ IMPORTANTE: non devono essere presenti sul bus componenti dello stesso tipo aventi lo stesso indirizzo logico. Per esempio non
potranno esserci due o più tastiere con indirizzo uguale. Nel caso questo accadesse, il sistema non potrà funzionare correttamente
e sarà generato un errore bus.
4
Generalità
L’unità centrale è completa di comunicatore digitale integrato.
La centrale può essere programmata direttamente da tastiera o più agevolmente attraverso software dedicato. I messaggi audio potranno
essere modificati solo usando il software di programmazione da PC.
L’associazione delle zone ad aree e a sotto gruppi parziali d’area, consente l’inserimento totale, parziale o selettivo dell’impianto, in modo
direttamente collegato alle autorizzazioni attribuite in fase di configurazione all’utente che effettua le manovre.
Ad ogni singolo evento in ingresso possono essere associate più uscite, potendo potenzialmente arrivare fino ad interessare tutte le uscite
configurate in fase di installazione. La flessibilità di tale impostazione consente di adattare la centrale alle richieste più disparate.
Principali caratteristiche del sistema:
30001008
30001034
30001034M
30001068
30001068M
Ingressi Centrale
8 + 1 24h
8 + 1 24h
8 + 1 24h
8 + 1 24h
8 + 1 24h
Numero Massimo Ingressi
18 (2filo+8radio)
(max 16 radio)
34 (misto)
34 (misto)
68 (64Radio)
68 (64Radio)
Funzione Double
NO
SI
SI
SI
SI
Uscite Centrale
3: 1Rele + 2oc - 3A
3: 1Rele + 2oc 3A
3: 1Rele + 2oc 3A
3: 1Rele + 2oc 3A
3: 1Rele + 2oc 3A
Numero Massimo Uscite
7 (con SafeTouch)
30+3
30+3
36+3 (47max)
36+3 (47 max)
Aree
2
8
8
8
8
Interfaccia USB di Programamzione
SI
SI
SI
SI
SI
Codice Utente
8
32
32
50
50
Codice Installatore
2
6
6
6
6
Telecomandi (Radio)
11
(8 utenti + 3 installatori)
38
(32 utenti + 6 installatori)
38
(32 utenti + 6 installatori)
56
(50 utenti + 6 installatori)
56
(50 utenti + 6 installatori)
Tipo Bilanciamento
NA,
NC,
Doppio, Triplo
NA, NC, Singolo, Doppio, Triplo, Doppia zona, Doppia zona con fine linea
Inserimenti Parziali
2
2
2
2
2
Programmi di Inserimento (Scenari)
2
8
8
16
16
Modelli Autoinserimento (Festività + Fascie
Orarie)
30
30
30
30
30
Chiavi
Singolo,
Timer
4
16
16
16
16
Gruppo Eventi (Logica)
2
8
8
8
8
48
Messaggi Audio Text to Speach
20
32
32
48
Combinatore digitale Integrato
SI
SI
SI
SI
SI
Numeri Telefonici Vocale
16
16
16
16
16
Numeri Telefonici Digitale
4
4
4
4
4
Programmazione centrale
USB
USB
USB
USB
USB
Memoria Eventi
1024 eventi
1024 eventi
1024 eventi
1024 eventi
1024 eventi
Contenitore Plastico
SI
SI
NO
SI
NO
Contenitore Mettallico 440x315x10
NO
NO
SI
NO
SI
Alimentatore
1,5A
1,5A
1,5A
1,5A
3A
Numero di Espansioni IN/OUT
0
8
8
12
12
Inseritori
2
8
8
8
8
Tastiere/Tastiere con lettore di prossimità
2
8
8
8
8
SafeTouch Allarmi con lettore prossimità
1
2
2
4
4
Planux/Minitouch Manager con lettore di
prossimità
1
2
2
4
4
Ricevitori Radio
1
2
2
3
3
Modulo Audio ad Innesto
si
si
si
si
si
Messaggi Audio Text to Speach
20
32
32
48
48
Interfaccia Comandi Menu Vocale
si
si
si
si
si
Modulo GSM ad Innesto
si
si
si
si
si
Modulo TCP/IP ad Innesto
si
si
si
si
si
Indirizzi Mail
16
16
16
16
16
Connessioni Simultanee
10
10
10
10
10
Modulo Pal IP
2
2
2
2
2
Numero Telecamere Gestite
8
8
8
8
8
Messaggio Audio
1020 minuti
5
Contenitori
La centrale S68 dispone di un contenitore di piccole dimensioni previsto per essere montato a muro, e di un contenitore che prevede una
soluzione da incasso per consentire il montaggio a scomparsa nel caso di abitazioni in costruzione o ristrutturazione.
Montaggio e collegamenti della centrale
IMPORTANTE: in questo paragrafo si descriverà principalmente il montaggio del contenitore in versione da parete in quanto si presuppone una
conoscenza specifica per il fissaggio del contenitore da incasso murale. Le considerazioni principali rimangono comunque valide.
IMPORTANTE: si tenga presente che il contenitore da incasso potrebbe risultare montato troppo in profondità una volta finite le opere murarie
finali (intonaci). Allo scopo di recuperare gioco per azionare correttamente il tamper antiapertura, è stato prevista una colonnina di contrasto sul
coperchio del contenitore. Questa colonnina è provvista di un foro in cui può essere inserita una vite autofilettante (fornita con il kit). Regolando
la profondità di questa vite è possibile regolare in modo fine l'intervento del tamper all'apertura del contenitore.
La centrale dovrà essere posizionata in modo tale da ridurre il più possibile la lunghezza dei cablaggi. Sarà predisposta una connessione
secondo normativa alla rete di distribuzione elettrica.
Allo stesso tempo si saranno predisposti i cavi ed i conduttori necessari al cablaggio dell'impianto, nel caso in cui si decida di approfittare degli
accessi predisposti sul fondo del contenitore.
Apertura del contenitore da parete Art. 30002501
3
1
2
Apertura della scatola da incasso Art. 30002503
2
1
6
Preparazione del contenitore: una volta aperto il contenitore, prima di proseguire, qualora la centrale fosse già assemblata, occorrerà rimuovere
dal fondo dello stesso le schede elettroniche e l'alimentatore, per non rischiare danneggiamenti:
3
1
2
1
2
1
4
3
4
Qualora fosse presente il modulo espansione ingressi / uscite, agire sulle mollette di fissaggio per rimuoverlo. Riporlo in luogo pulito.
7
Fissaggio del contenitore e del tamper antistrappo
A questo punto è possibile procedere al fissaggio del contenitore alla parete:
1. Identificare la posizione in cui andrà fissata la centrale e verificare che in corrispondenza o in vicinanza dei fori di fissaggio non vi sia
passaggio di canalizzazioni elettriche o di servizio (tubazioni, condotte di scarico ecc.). Quindi, con l'aiuto di una matita o di un pennarello,
segnare accuratamente la posizione dei 5 punti di fissaggio (4 punti di fissaggio mobile e un punto di ancoraggio tassello antistrappo).
2. Eliminare le sezioni presegnate dei fori passaggio cavo che si prevede di usare.
3. Prevedere di utilizzare dei tasselli ad espansione da 6mm (forniti) per fissare la centrale al muro, quindi forare con punta adatta ed inserire i
tasselli nella parete.
4. Far passare i cavi attraverso i rispettivi fori passaggio cavo.
5. Fissare il contenitore alla parete, avvitando a fondo le viti nei tasselli, senza arrivare a rovinare i fissaggi del contenitore.
6. A questo punto è possibile rimontare i componenti rimossi dal contenitore, iniziando per comodità dall’alimentatore. Per rendere ordinato il
passaggio dei conduttori che fanno capo al connettore di alimentazione della scheda centrale, si suggerisce di farli passare sotto all’alimentatore,
facendoli risalire verso l’alto, utilizzando allo scopo i due scassi presenti sulle nervature di rinforzo, poste sotto all’alimentatore.
Passaggio cavi scatola incasso Art. 30002503
8
Passaggio cavi scatola a parete Art. 30002501
La scheda centrale (30001008 - 30001034 - 30001068)
La scheda centrale è disponibile in 3 versioni con caratteristiche differenti, consultate la tabella a pagina 5 per le caratteristiche di dettaglio.
La scheda ha una configurazione base a 8 zone liberamente programmabili, più 1 zona di sabotaggio. Dispone di un’uscita relè che di default
gestisce le sirene, e 2 uscite a basso assorbimento programmabili.
La scheda centrale viene fornita con il comunicatore digitale integrato che permette l’invio dei messaggi vocali tramite un modulo audio/guida
vocale aggiuntivo.
È dotata di 8 zone filare standard e di una zona anti manomissione. Dispone di una uscita a relè e 2 uscite configurabili Open-Collector 100mA.
L’associazione delle zone ad aree e a sotto gruppi parziali d’area, consente l’inserimento totale, parziale o selettivo dell’impianto, in modo
direttamente collegato alle autorizzazioni attribuite in fase di confi gurazione all’utente che effettua le manovre.
Ad ogni singolo evento in ingresso possono essere associate più uscite, potendo potenzialmente arrivare fi no ad interessare tutte le uscite
confi gurate in fase di installazione. La fl essibilità di tale impostazione consente di adattare la centrale alle richieste più disparate.
Caratteristiche principali
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
fusibile auto ripristinabile 0,75A per la protezione dell’alimentazione uscite per sirena;
fusibile auto ripristinabile 1,35A per la protezione dell’alimentazione dei bus RS485;
fusibile auto ripristinabile 1,35A per la protezione dell’alimentazione dei sensori
tutti gli ingressi sono filtrati e protetti contro le scariche elettriche ed elettrostatiche
relè di allarme con contatto pulito in scambio
2 uscite logiche programmabili a polarità configurabile, limitate a 100mA, auto ripristinabili
comunicatore digitale integrato
alimentatore separato di tipo switching diretto da rete
protezioni dell’alimentazione contro i sovraccarichi, i cortocircuiti e le sovratensioni;
connessione per batteria ( fino a 7A/h – 12V ) protetta contro le inversioni di polarità ed i cortocircuiti tramite fusibile in vetro all'interno
dell'alimentatore
circuito per il test dinamico dello stato di carica della batteria tampone
circuito per il controllo delle tensioni positive di sirena, bus 485 e positivo ausiliario sensori
resistenza di terminazione bus 485 a bordo, inseribile tramite jumper
interfaccia USB per il collegamento ad un sistema di configurazione
Identificazione delle connessioni ai morsetti di centrale
9
Jumpers di configurazione
Connettori moduli
Nome
Funzione
Nome
Funzione
JP1
Se inserito, abilita resistenza di terminazione bus 485
MOD1
Connessione modulo espansione comunicazione IP
JP2
Riservato
MOD2
Connessione modulo espansione messaggi e guida vocale
JP3
Reset (chiuso e poi aperto esegue un restart del programma)
MOD3
Riservato
JP4
Polarità TC2: Open Collector (OC) oppure Comando Positivo su TC (TC)
MOD4
Riservato
JP5
Polarità TC1: Open Collector (OC) oppure Comando Positivo su TC (TC)
MOD5
Connessione modulo espansione comunicazione GSM
JP6
Ripristino configurazione iniziale (vedere paragrafo installazione)
JP7
Ingresso Service
Connettore alimentazione
Nome
Funzione
P1
Connettore alimentatore.
Morsettiera M1
Pin
Nome
Funzione
1
Simbolo di terra
Connessione prevista per collegamento a terra delle protezioni della linea telefonica. Ne garantisce il corretto funzionamento.
2
L1
Ingresso conduttore 1 dalla linea telefonica. È collegato direttamente al morsetto TEL1
3
L2
Ingresso conduttore 2 dalla linea telefonica
4
TEL2
Uscita conduttore 2 verso il telefono
5
TEL1
Uscita conduttore 1 verso il telefono. È collegato direttamente al morsetto L1
Morsettiera M2
Pin
Nome
1
V+ BUS
Funzione
Positivo di alimentazione per il bus di comunicazione 485. Limitato ad 1,35A
2
V-
Negativo di alimentazione. Tutti i morsetti marcati V- sono collegati fra loro
3
A
Bus dati RS485 - A
4
B
Bus dati RS485 - B
5
COM
Connessione per il pin centrale di scambio del relè di allarme (RY1)
6
NC
Connessione normalmente chiusa del relè di allarme (RY1). In condizione di riposo i morsetti COM e NC sono mantenuti chiusi fra loro.
7
NO
Connessione normalmente aperta del relè di allarme (RY1). In condizione di relè attratto i morsetti COM e NO sono mantenuti chiusi fra loro.
8
V+ SIR
Positivo di alimentazione sirena e ricarica accumulatore. Limitato a 0,75A.
9
TC2
Uscita logica di blocco programmabile. Carico ammesso 100mA. La polarità è determinata dal jumper JP5. Se JP5 è posizionato verso OC, l'uscita si comporta
come open collector: a riposo non permetterà passaggio di corrente e se attivata chiuderà a massa. Se viceversa JP5 è posizionato verso TC, a riposo non
permetterà passaggio di corrente e se attivata presenterà un positivo sul morsetto.
10
TC1
Come TC1, ma controllata da JP4
11
V-
Negativo di alimentazione.
Morsettiera M3
Pin
Nome
Funzione
1
V+ AUX
Positivo di alimentazione per sensori di campo. Limitato a 1,35A.
2
I1
Ingresso programmabile zona 1.
3
I2
Ingresso programmabile zona 2.
4
V-
Comune ingressi / Negativo alimentazione
5
I3
Ingresso programmabile zona 3.
6
I4
Ingresso programmabile zona 4.
7
I5
Ingresso programmabile zona 5.
8
I6
Ingresso programmabile zona 6.
9
V-
Comune ingressi / Negativo alimentazione
10
I7
Ingresso programmabile zona 7.
11
I8
Ingresso programmabile zona 8.
12
V+ AUX
Positivo di alimentazione per sensori di campo. Collegato elettricamente al morsetto 1 della stessa morsettiera. Ne condivide la limitazione.
13
V-
Negativo di alimentazione.
14
24H
Ingresso programmabile anti manomissione.
Indicatori luminosi
Nome
Funzione
DL1
Non presente
DL2
Non presente
DL3
Centrale funzionante
DL4
Non presente
DL5
Non presente
10
Le espansioni interne
√ IMPORTANTE: qualsiasi operazione di montaggio o smontaggio moduli di espansione, deve essere eseguita senza che nessuna
alimentazione (da alimentatore o batteria) sia presente, poiché questo potrebbe danneggiare in modo permanente tanto il modulo
espansione che si intende aggiungere o togliere, quanto la scheda centrale.
Funzioni del comunicatore telefonico (PSTN di serie)
• verifica presenza linea telefonica
• composizione del numero sia impulsiva che DTMF
• 16 numeri telefonici per chiamate vocali, invio di SMS, e-mail ed MMS (queste ultime tre tipologie sono disponibili solo con modulo GSM
opzionale).
• comunicatore digitale incorporato compatibile Contact ID
• 4 numeri telefonici per Contact ID
• chiamata di test configurabile
• opzione scavalcamento segreteria
Modulo espansione Messaggi e Guida vocale (art. 30001303)
Opzionale, contiene la parte di messaggistica audio riferita al comunicatore digitale. Contiene cioè i messaggi audio da inviare sulla linea
telefonica standard o GSM. Dispone di connettore ad innesto per il montaggio semplificato.
La sezione guida vocale non è personalizzabile. Permette ad un utente autorizzato, di effettuare operazioni guidate di inserimento, disinserimento,
modifica e verifica di stato impianto da remoto, usando un telefono standard o un telefono cellulare.
Una seconda sezione è prevista per l'inserimento di messaggi personalizzabili. Si tratta di tutti quei messaggi che devono fornire informazioni
specifiche dell'impianto. Fanno parte di queste informazioni tutti i dati relativi alla segnalazione di allarmi (es. I dati che identificano l'indirizzo
dell'impianto: "Abitazione del signor Mario Rossi, Viale Italia, Milano").
Il modulo espansione messaggi inizialmente non contiene messaggi e quindi deve essere configurato (programmata attraverso il software di
configurazione) alla prima installazione. Lo stesso discorso vale nel caso di sostituzione o di aggiunta ad un impianto preesistente.
Nel caso questo modulo non sia montato, le uniche informazioni audio che potranno essere inviate per via telefonica saranno dei toni audio.
Funzioni modulo audio
• Fino a 48 messaggi standard
• 16 messaggi liberamente utilizzabili, (registrazione e trasferimento solo da sw PC)
• 6 messaggi telefonici di servizio
• gestione del sistema attraverso interfaccia con menù vocale
• possibilità di inserimento, disinserimento, modifica stato uscite, reset allarmi da remoto
Montaggio del modulo espansione Messaggi e Guida vocale
√ Per prima cosa verificare che nessuna alimentazione sia presente.
Per montare l'espansione Messaggi e Guida Vocale, è sufficiente inserirla nel connettore MOD2. Il connettore del modulo deve inserirsi nella
sua controparte senza sforzo.
Non richiede alcuna connessione ausiliaria.
1
11
Modulo espansione comunicazione GSM (art. 30001301)
Montaggio del modulo GSM
√ Per prima cosa verificare che nessuna alimentazione sia presente.
Inserire nei fori predisposti i distanziali plastici. Quindi, preoccupandosi di inserire correttamente il connettore del modulo nel connettore di
centrale con nome MOD5, esercitare una pressione che consenta ai distanziali di bloccarsi nella scheda di espansione GSM e nel contempo
permetta l'inserzione quasi completa del connettore.
Una volta montato correttamente il modulo, collegare l'antenna all'apposito connettore.
IMPORTANTE: nel caso in cui il posizionamento della centrale non permetta la ricezione di un segnale GSM adeguato a garantire una buona
connessione, è possibile, ad esempio utilizzare una antenna esterna da montare ad esempio sopra al contenitore, verticalmente. In alternativa,
è possibile spostare l'antenna utilizzando un cavo di prolunga. A tale scopo è presente una sezione presegnata per consentire una agevole
fuoriuscita del cavo di antenna.
3
1
2
12
Comunicatore telefonico su rete GSM: antenna, scheda SIM e indicatori luminosi
Il comunicatore GSM, una volta inserito sulla scheda centrale, ha bisogno solamente di essere collegato all'antenna. È importante che l'antenna
sia collegata correttamente ed il suo connettore sia avvitato fino in fondo.
Collegamento dell’antenna
Collegare l'antenna che si intende usare avvitando il connettore presente sul cavo al connettore dorato presente sul modulo GSM.
Si consideri che la rivelazione della presenza antenna è possibile solo usando l'antenna fornita per essere montata all'interno del mobile. In tutti
gli altri casi (es. uso di una altra antenna per poterla spostare di qualche metro) occorrerà escludere dalle opzioni del comunicatore GSM la
rivelazione della presenza antenna.
Remotizzazione dell'antenna
Nel caso l'antenna debba essere portata a distanza, vicino all'angolo superiore sinistro del contenitore è presente una sezione alleggerita che
può essere agevolmente forata per consentire la fuoriuscita del cavo schermato dalla centrale.
Inserimento della scheda SIM
La SIM deve essere abilitata al traffico e, se di tipo ricaricabile, avere del credito disponibile per poter telefonare o inviare messaggi. Non è
indispensabile sbloccarla, dato che la centrale è in grado di gestire il codice pin per sbloccare la sim.
Verificare che la centrale non sia alimentata.
1. Forzare leggermente la parte superiore del connettore SIM verso il centro della scheda centrale (verso il basso se la centrale è già installata
a muro).
2. Dopo averne vinto la resistenza, ribaltarlo sui suoi cardini.
3. Inserire la SIM nella parte mobile in modo da vedere i contatti dorati della SIM e con l'angolo smussato a sinistra.
Ripetere la sequenza in senso inverso per bloccare la SIM al suo posto.
Significato dei led del modulo IP GSM
L'espansione per la comunicazione su rete GSM dispone di 5 indicatori luminosi preposti a dare informazioni sullo stato e sul funzionamento del
dispositivo. Sono dei LED e sono indicati con nomi che vanno da DL1 a DL5.
DL1, rosso, comunicazione GSM. Lampeggia quando è in atto un trasferimento tramite rete GSM o GPRS, ad esempio durante la ricezione di
un SMS, o quando all'inizializzazione avviene la registrazione alla rete.
DL2, rosso, stato modulo. Acceso fisso al reset, alla configurazione iniziale del modulo e quando è impegnato dalla centrale per comunicare
via GSM / GPRS. Lampeggiante in tutte le altre condizioni.
DL3 e DL4, verdi, comunicazione seriale modulo. Si accendono brevemente quando il modulo comunica con la centrale.
DL5, rosso, stato connessione radio. Dispone di 5 condizioni
diverse: spento e 4 diverse intensità (dalla versione Fw 2.2.1 della
Centrale questa segnalazione è visibile solo con il Jumper Jp7
“Service” inserito).
Spento: indica l’assenza di rete (es. mancanza antenna o mancanza SIM)
Acceso: quattro diverse intensità danno una informazione sul livello di campo
GSM ricevuto. Il modulo è in grado di funzionare quando questo
indicatore è acceso.
Modulo Espansione ethernet TCP/ IP (art. 30002401)
Fornisce il supporto per la connessione in rete della centrale di allarme. Permette ad un utente autorizzato di accedere alla centrale da locale/
remoto, sfruttando una connessione internet. Una volta connesso alla centrale, l'utente avrà la possibilità di inserire e disinserire in modo totale
o parziale le aree di competenza, e di verificare lo stato di ciascun ingresso.
Dispone di connettore ad innesto per il montaggio semplificato. Necessita di essere connesso ad una rete LAN con standard 10/100.
13
Modulo di comunicazione su rete IP
Per poter essere usato, una volta montato sulla scheda centrale, deve essere collegato ad un hub compatibile 10/100 o ad uno switch di
caratteristiche analoghe, che gli permetta di essere connesso ad una rete dati.
Informazioni più dettagliate su quest'ultima operazione si trovano in appendice 3.
Il cavo andrà inserito a fondo, fino a percepire uno scatto, nell'unico connettore accessibile del modulo di comunicazione IP con la linguetta
verso il frontale del contenitore centrale. Quella stessa linguetta dovrà essere premuta qualora si intenda rimuovere il connettore dal modulo.
Inserimento e rimozione della scheda di memoria MicroSD
Il modulo di comunicazione IP prevede di alloggiare una scheda di memoria di tipo MicroSD della capacità di due GB.
Per estrarre la memoria dal suo connettore:
1. Spingere a fondo la memoria nel suo connettore quindi,
2. Rilasciarla: la scheda sarà spinta verso l'esterno in modo da agevolare la presa.
Per reinserire la memoria nel suo connettore:
è sufficiente introdurre la scheda nel connettore con i contatti dorati non visibili, e spingerla a fondo.
Significato dei led del modulo IP
Led presenti sul connettore di rete RJ45:
Led Giallo ON: link OK
Led Verde ON: ACT
Led presenti sul modulo IP – Funzionamento normale
D1, lampeggio lento: modulo funzionante correttamente
D1, lampeggio veloce: modulo funzionante ma scheda di memoria SD mancante o difettosa
D2, lampeggio: conferma della comunicazione con la centrale
Led presenti sul modulo IP – Fase di aggiornamento programma
D1
D2
Significato
Acceso fisso
Acceso fisso
Aggiornamento in corso
Lampeggio
Lampeggio invertito
Manca MicroSD card
Acceso fisso
Lampeggio
MicroSD card mancante di un file necessario al corretto funzionamento
14
Indicazioni generali per il collegamento dei dispositivi sul bus
A livello di precauzione generale, si tenga presente che il cavo bus 485 potrebbe indurre disturbi su cavi che trasportano segnali video o di
banda comparabile, qualora gli stessi fossero affiancati. Si raccomanda pertanto di usare percorsi separati per queste due tipologie di cavi e di
usare per il collegamento bus del sistema di allarme solamente cavo schermato e twistato, di impedenza caratteristica nota e pari a 120 ohm.
Nel caso non si utilizzi cavo con le caratteristiche e le modalità indicate, si potranno avere comunicazioni fra moduli e centrale di scarsa qualità
o errori di comunicazione. Si rischierà inoltre di non schermare correttamente i conduttori dei cavi stessi.
Per il corretto dimensionamento dei cavi, riferirsi alla tabella in appendice 2.
IMPORTANTE: nelle calze schermanti dei cavi non deve scorrere corrente. Non si dovranno pertanto usare le calze come conduttore di
alimentazione o come ritorno di un circuito di ingresso. Le calze schermanti dei cavi andranno collegate fra loro e successivamente collegate
al negativo di alimentazione in un unico punto presso la centrale. Questo da un lato permetterà di schermare efficacemente i conduttori bus e
dall’altro eviterà la formazione di anelli di massa.
IMPORTANTE: per una corretta comunicazione fra i dispositivi collegati al bus, è buona norma che i dispositivi stessi siano interconnessi fra loro
senza diramazioni, cioè evitando, per quanto possibile, collegamenti di tipo stella. Nel caso fosse necessario inserire delle diramazioni, curare
che le stesse siano lunghe il meno possibile. Come conseguenza di questo, è opportuno prevedere un corretto percorso del cavo bus cercando
di attenersi al collegamento ideale, limitando al minimo possibile gli scostamenti dallo stesso. Il miglior modo di connettere i dispositivi è quello
definito “entra ed esci”.
Terminazione della linea bus:
È indispensabile che i due dispositivi terminali (le due apparecchiature più lontane nello schema ideale) bilancino la linea con l'apposita resistenza
di terminazione (120 ohm). In alcuni dispositivi detta resistenza è prevista a bordo ed è inseribile con ponticello o dip switch. Insieme alla centrale
sono fornite 2 resistenze di terminazione da utilizzare quando a fine linea sia collegato un dispositivo che non prevede una terminazione a bordo
(es lettore di chiavi RFID).
IMPORTANTE: la centrale può essere posizionata in qualsiasi punto della linea, purché la linea sia correttamente terminata su una resistenza
di bilanciamento con valore pari a 120 ohm ai due estremi., come indicato in schema di principio.
Cablaggio degli ingressi
Gli ingressi che fanno capo alla centrale o alle periferiche su bus, compresi quelli di tipo bidirezionale quando usati come ingresso, sono di tipo
universale.
Questo significa che, dipendentemente dal collegamento fisico e dalla relativa impostazione dei parametri in centrale, possono assumere le
configurazioni di seguito raffigurate.
IMPORTANTE: le resistenze di bilanciamento ingresso, quando impiegate, devono essere installate all'interno del sensore a cui sono associate.
NC: permette di rilevare l'apertura di un contatto, normalmente chiuso, collegato fra un morsetto di ingresso e il negativo di riferimento (-V). Non
è in grado di rivelare la condizione di sabotaggio della linea: in caso di taglio può generare anomalia o allarme, in caso di cortocircuito linea
non fa nulla.
NO: permette di rilevare la chiusura di un contatto, normalmente aperto, collegato fra un morsetto di ingresso e il negativo di riferimento (-V).
Non è in grado di rivelare la condizione di sabotaggio della linea: in caso di cortocircuito della linea può generare anomalia o allarme, in
caso di taglio non fa nulla.
15
Singolo bilanciamento
Permette di rilevare l'apertura di un contatto normalmente chiuso, posto in serie ad una linea bilanciata (su 1,8K) collegata fra un morsetto di
ingresso e il negativo di riferimento (-V). Permette di rivelare una condizione di sabotaggio per cortocircuito della linea. In caso di taglio può
generare anomalia o allarme.
Doppio bilanciamento
Permette di rilevare l’apertura di un contatto normalmente chiuso, posto in serie ad una linea bilanciata (su 1,8K) collegata fra un morsetto
di ingresso e il negativo di riferimento (-V). L’adozione di una seconda resistenza di bilanciamento (sempre 1,8K) permette di distinguere la
condizione di allarme da quella di sabotaggio linea, sia in caso di taglio che in caso di corto circuito.
Triplo bilanciamento
Consente di rilevare e distinguere l’apertura di due contatti normalmente chiusi, normalmente allarme e guasto elettrico, posti in serie ad una
linea bilanciata (su 1,8K) collegata fra un morsetto di ingresso e il negativo di riferimento (-V). La distinzione avviene grazie adozione di una
seconda resistenza di bilanciamento (1,8K) posta in parallelo al primo dei contatti da rilevare e di una terza resistenza di bilanciamento (3,3K).
Questa configurazione permette di distinguere le condizioni di allarme e di guasto elettrico da quella di sabotaggio linea, sia in caso di taglio che
in caso di corto circuito.
Doppia zona (double)
Consente di rilevare e distinguere l’apertura di due contatti normalmente chiusi, normalmente relativi a due diversi sensori, posti in serie ad
una linea dal comportamento assimilabile a quello di una linea NC, collegata fra un morsetto di ingresso e il negativo di riferimento (-V). La
distinzione fra i due sensori avviene grazie adozione di una resistenza di bilanciamento (1,8K) posta in parallelo al contatto del primo sensore
da rilevare e di una seconda resistenza di bilanciamento (3,3K) posta in parallelo al contatto del secondo sensore da rilevare. Non è in grado di
rivelare la condizione di sabotaggio della linea: in caso di taglio può generare anomalia o sabotaggio, in caso di cortocircuito linea non fa nulla.
Il sabotaggio potrà solamente essere attribuito genericamente alla linea filata riferita all’ingresso cui fa capo.
Doppia zona con fine linea (EOL double)
Consente di rilevare e distinguere l’apertura di due contatti normalmente chiusi, normalmente relativi a due diversi sensori, posti in serie
ad una linea bilanciata (1K8), collegata fra un morsetto di ingresso e il negativo di riferimento (-V). La distinzione fra i due sensori avviene
grazie all’adozione di una resistenza di bilanciamento (1,8K) posta in parallelo al contatto del primo sensore dei da rilevare e di una seconda
resistenza di bilanciamento (3,3K) posta in parallelo al contatto del secondo sensore da rilevare. Questa configurazione permette di distinguere
le condizioni di allarme e di guasto elettrico da quella di sabotaggio linea, sia in caso di taglio che in caso di corto circuito. Gli allarmi sono
correttamente riconosciuti e assegnati al sensore di origine. Il sabotaggio invece potrà solamente essere attribuito genericamente alla linea filata
riferita all’ingresso cui fa capo.
16
Cablaggio dell'ingresso 24 ore della centrale
L’ingresso 24 ore deve essere configurato come singolo bilanciamento con resistenza da 1,8 KΩ . Fare riferimento quindi al relativo paragrafo
per informazioni sul corretto collegamento delle linee tamper.
Comunicatore telefonico su rete PSTN
Per collegare correttamente il comunicatore telefonico alla rete telefonica occorre per prima cosa individuare il punto di ingresso in casa della
linea stessa. Il comunicatore infatti deve essere collegato come primo dispositivo visto dalla linea telefonica entrante.
Affinché le protezioni di linea funzionino correttamente, è indispensabile collegare a terra il morsetto corrispondente di M1. A tale proposito
all'interno del contenitore è già predisposto uno spezzone di trecciola in rame isolata, di colore giallo / verde, che permette di collegare
agevolmente il morsetto di terra della morsettiera M1 della centrale, al morsetto di terra dell'alimentatore.
Principali organi di comando e visualizzazione
Tastiera LCD (art. 30006002)
La tastiera LCD permette, ad un utente autorizzato, di effettuare manovre di inserimento e disinserimento impianto, di verificare lo stato impianto
e di gestirlo nella sua generalità, di verificare le registrazioni storiche del giornale eventi.
La tastiera, permette inoltre di modificare rapidamente le impostazioni di sistema, e le opzioni di ogni singolo ingresso.
Le operazioni si effettuano attraverso una combinazione di tasti numerici e tasti funzione, mentre il feedback è sia visivo (display alfanumerico
e LED) che acustico (buzzer.)
La tastiera LCD è provvista di 2 ingressi di allarme liberamente configurabili.
Caratteristiche principali:
• Display LCD 2 x 16 caratteri, retroilluminato
• indirizzamento iniziale software, da tastiera integrata
• Quattro led per indicazioni immediate di presenza rete, allarme batteria, anomalia generica e allarme in corso
• Tastiera retroilluminata con dieci tasti numerici e undici tasti funzione.
• Due ingressi universali, configurabili come NC, NO, singolo, doppio e triplo bilanciamento, doppia zona e doppia zona con terminazione con
possibilità di collegamento diretto di contatti tapparella (switch alarm).
• resistenza di terminazione bus 485 a bordo, inseribile mediante dip switch
• tamper anti manomissione e antistrappo
Significato led
La tastiera dispone di 4 led; il loro significato, analizzandoli dall'alto in basso:
1.
2.
3.
4.
Verde, Rete, acceso fisso quando la rete è vista presente
Giallo, Accumulatore, se acceso indica una anomalia dell'accumulatore (scollegato, guasto o con tensione minore di circa 11,8V)
Giallo, Anomalia, se acceso indica che il sistema presenta almeno una anomalia.
Rosso, Allarme, se lampeggiante indica che è presente una condizione di memoria allarme.
Dip switches e terminazione bus
BUZZER
DIP1
DIP2
TAMPER
DIP3
TERMINAZIONE 485
DIP4
ESCLUSO
OFF
OFF
ATTIVO
OFF
ESCLUSA
OFF
BASSO
ON
OFF
ESCLUSO
ON
ATTIVA
ON
ALTO
OFF
ON
ALTO
ON
ON
Descrizione morsettiera tastiera LCD
Pin
Nome
Funzione
1
I1
Ingresso 1
2
I2
Ingresso 2
3
V-
Ingresso negativo di alimentazione / Riferimento ingressi
4
B
Bus dati RS485 - B
5
A
Bus dati RS485 - A
6
V-
Ingresso negativo di alimentazione
7
V+
Ingresso positivo di alimentazione
17
Tastiera LCD con lettore di chiavi RFID (art. 30006003)
La tastiera LCD con modulo lettore RFID è identica in tutto alla tastiera LCD standard tranne per il fatto di essere munita di un modulo lettore
RFID. Questa versione permette ad un utente, secondo le sue abilitazioni, di inserire in modo totale, in modo parziale o disinserire l'impianto,
usando una chiave RFID, senza passare attraverso l'immissione di un codice, velocizzando così le operazioni. È compatibile con le chiavi RFID
Comelit.
L'antenna del lettore RFID è posizionata in basso a sinistra del contenitore ed è chiaramente identificata da un simbolo circolare serigrafato. La
chiave RFID dovrà essere avvicinata a questa zona del contenitore per consentire al lettore di riconoscerla correttamente.
La morsettiera di collegamento è identica a quella della tastiera LCD senza lettore RFID.
Significato led
I led hanno lo stesso significato dei led della tastiera senza lettore RFID
Montaggio e collegamenti delle tastiere
Il fondo delle tastiere,siano o meno provviste di lettore RFID, è provvisto di una serie di asole che ne garantiscono la flessibilità di montaggio su
svariati supporti, a partire dalla comune scatola tipo 503.
Apertura del contenitore
3
2
1
2
Individuare l'area con il supporto tamper, con la rottura presegnata che facilita lo stacco del tamper, e rimuovere il tasto siliconico facente
funzione di tamper. Riporlo in luogo pulito.
Fissaggio del contenitore: non essendoci altre operazioni preliminari, si può passare subito al fissaggio della tastiera.
Se il contenitore andrà montato su una scatola tipo 503:
1. Posizionare il fondo della tastiera con i fori di fissaggio allineati con le due graffette della scatola 503 e con una matita o un pennarello
segnare la posizione del foro del tassello antistrappo (il tassello si trova sul fondo, in basso a destra), verificando che non vi sia passaggio di
canalizzazioni elettriche o di servizio (tubazioni, condotte di scarico ecc.).
2. Prevedere di utilizzare uno dei tasselli ad espansione da 5 mm forniti, per ancorare il tassello a frattura prestabilita del tamper anti manomissione,
quindi forare con punta adatta in modo preciso. Inserire il tassello nella parete.
3. Inserire il cavo di collegamento nel foro principale del fondo, ed avvitare per qualche giro, a mano, la vite del tassello tamper per avere un
riferimento per il corretto allineamento
4. Avvitare il fondo alla scatola tipo 503 mediante due viti adeguate, curando di non rovinare il fondo avvitando troppo le viti.
Se il contenitore andrà montato a parete:
1. Individuare una posizione adatta al fissaggio del contenitore, e verificare che in corrispondenza o in vicinanza dei fori di fissaggio che si
intendono usare non vi sia passaggio di canalizzazioni elettriche o di servizio (tubazioni, condotte di scarico ecc.). Quindi, con l’aiuto di una
matita o di un pennarello, segnare accuratamente la posizione dei punti di fissaggio, includendo il foro relativo all’opzione antistrappo.
2. Prevedere di utilizzare dei tasselli ad espansione da 5 mm (forniti) per fissare il contenitore al muro e per ancorare il tassello a frattura
prestabilita del tamper anti manomissione, quindi forare con punta adatta ed inserire i tasselli nella parete.
3. Far passare i cavi attraverso i rispettivi fori passaggio cavo
4. Fissare il contenitore, avvitando a fondo le viti nei tasselli, senza arrivare a rovinare i fissaggi del contenitore
IMPORTANTE: al momento di richiudere il contenitore, ricordarsi di rimontare il tamper al suo posto. La parte conduttiva nera deve essere
visibile.
18
Fori di fissaggio
Mollette elastiche chiusura
Passaggio cavi
Posizione tamper siliconico
Foro per antistrappo
Lettore di prossimità RFID su bus (art. 30006104)
Il lettore di prossimità RFID su bus permette l'inserimento ed il disinserimento con chiavi RFID senza contatto. Ad ogni utente può essere
associata una chiave RFID. Ogni chiave potrà operare sulle zone e sulle aree cui l'utente associato è abilitato.
La sua particolare configurazione meccanica ne permette l'uso diretto con tutte le serie civili che prevedono un adattatore per connettore di rete
RJ45 a standard Keystone. È compatibile con le chiavi RFID Comelit.
Caratteristiche principali:
•
•
•
•
•
Montaggio semplificato con adattatore generico RJ45 tipo Keystone su telaietti serie civili
Presenza di quattro led con funzioni parzialmente assegnabili.
Possibilità di inserimento totale rapido
Possibilità di selezionare fra più modi di inserimento
Indirizzamento fisico dispositivo a mezzo dip switches
Significato led
Il lettore dispone di 4 led di segnalazione, il cui significato, varia a seconda dello stato in cui si trova il lettore:
t lettore a riposo (nessuna ciclata in corso): led mostrano lo stato operativo delle aree abilitate sul lettore
t ciclata in corso: I LED si accendono in sequenza per mostrare all'utente gli scenari disponibili e poter effettuare la scelta.
Le azioni della ciclata associate ai LED di default sono:
t LED Rosso : Inserimento totale
t LED Giallo : Scenario P1
t LED Blu : Scenario P2
t LED Verde : Scenario P1+P2
IMPORTANTE: Le azioni associate ai led sono modificabili dall’installatore in fase di programmazione dell’impianto.
Nella seguente tabella è indicato il significato dei led con lettore a riposo.
Colore
Descrizione
Acceso
Rosso
Blu
Giallo
Verde
Attivo scenario associato al led Rosso
Lamp. lento
Impianto non inserito e presenza memoria evento allarme, sabotaggio o anomalia
Lamp. veloce
Impianto inserito e presenza memoria evento allarme, sabotaggio o anomalia
Acceso
Attivo scenario associato al led Blu
Lamp. lento
Impianto inserito con scenario sconosciuto (non salvato)
Acceso
Attivo scenario associato al led Giallo
Lamp. veloce
Presenza di una anomalia
Acceso
Attivo scenario associato al led Verde
Lamp. veloce
Impianto non pronto all'inserimento oppure presenza di zone (non escluse) aperte.
Il significato dei led durante la ciclata di selezione dipende dalla configurazione del sistema.
Come regola principale considerare le seguenti indicazioni:
• Led fisso: l’azione può essere eseguita senza forzature.
• Led lampeggiante veloce: l’azione richiede una forzatura (l’impianto non è pronto).
Significato led inseritore durante presentazione chiave
ROSSO
GIALLO
BLU
VERDE
Richiesta di attivazione del profilo di
inserimento associato al led GIALLO
Richiesta di attivazione del profilo di
inserimento associato al led BLU
Richiesta di attivazione del profilo di
inserimento associato al led VERDE
Il lettore sta effettuando una forzatura
del profilo di inserimento associato al
led GIALLO (*)
Il lettore sta effettuando una forzatura
del profilo di inserimento associato al
led BLU (*)
Il lettore sta effettuando una forzatura
del profilo di inserimento associato al
led VERDE (*)
SPENTO
Richiesta di disinserimento di tutte le aree su cui ha competenza il lettore.
ACCESO
Richiesta di attivazione del profilo di
inserimento associato al led ROSSO
LAMPEGGIO VELOCE
Il lettore sta effettuando una forzatura
del profilo di inserimento associato al
led ROSSO (*)
(*) La forzatura avviene per superare una condizione di non pronto di una o più zone associate alle aree di competenza del lettore, e / o una
anomalia che è possibile scavalcare grazie alle scelte effettuate al momento della configurazione della centrale.
19
Impostazione velocità lettori RFID
IMPORTANTE: Il Lettore Rfid alla prima accensione si predispongono per comunicare alla velocità di 38400 baud rate. Per modificare la velocità
di comunicazione agire come segue:
• A dispositivo alimentato, portare il dip-switch n°6 su ON. I Led del letttore RFID si accenderanno fino ad essere tutti accesi, quindi si
spegneranno tutti e ricominceranno ad accendersi (modalità apprendimento)
• In questa condizione portare il Dip Switch 1 e 2 (come indicato in tabella per configurare la velocità desiderata)
• Una volta impostata la velocità, riportare il dip switch n°6 su OFF. La velocità a questo punto sarà impostata.
• Disporre i dip switch da 1 a 5 secondo l’indirizzo da impostare.
Si ricorda che la velocità standard del bus delle centrali VEDO è 38400 baud.
Baud
DIP 1
DIP 2
9600
OFF
OFF
38400
ON
OFF
57600
OFF
ON
115200
ON
ON
Dip switches indirizzamento e terminazione bus
I dip switches da 1 a 5 sono destinati all'indirizzamento del lettore sul bus. Nella versione attuale sono usati solo gli indirizzi da 1 ad 8, quindi i
dip switch 4 e 5 dovranno essere forzatamente lasciati su OFF.
N°
DIP1
DIP2
DIP3
DIP4
DIP5
1
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
2
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
3
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
4
ON
ON
OFF
OFF
OFF
5
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
6
ON
OFF
ON
OFF
OFF
7
OFF
ON
ON
OFF
OFF
8
ON
ON
ON
OFF
OFF
Terminazione linea 485
Qualora il lettore RFID sia collegato come punto finale della linea bus, si rende necessario collegare una resistenza da 120 ohm 1/4W 5% in
parallelo alla linea bus 485, cioè fra i morsetti A e B.
Descrizione morsettiera lettore di chiavi RFID su bus
Pin
Nome
Funzione
1
V+
Ingresso positivo di alimentazione
2
V-
Ingresso negativo di alimentazione
3
A
Bus dati RS485 - A
4
B
Bus dati RS485 - B
Montaggio del lettore di chiavi RFID su bus
Per montare il lettore di chiavi RFID si renderà necessario usare un porta-frutto di interfaccia per prese RJ45 a standard Keystone, compatibile
con la serie civile che si intende usare.
Sarà sufficiente accoppiare l'adattatore al telaietto porta-frutti e quindi inserire il lettore nell'adattatore, spingendo a fondo fino ad avvertire il
rumore di aggancio fra i due.
Chiavi RFID (art. SK9050x/A)
Sono realizzate utilizzando dei transponder RFID bidirezionali ad alta sicurezza.
La tecnologia utilizzata permette di realizzare delle chiavi che comunicano con il lettore senza che ci sia bisogno di contatti elettrici e quindi
senza usura degli stessi. Questo garantisce la qualità della prestazione nel tempo.
Usate in abbinamento ai lettori di chiavi RFID (su bus, su tastiera, su Safetouch, su Minitouch o su Planux Manager) permettono l'inserimento
ed il disinserimento del sistema senza necessità di contatto elettrico. Ad ogni utente può essere associata una chiave RFID. Ogni chiave potrà
operare sulle zone e sulle aree cui l'utente associato è abilitato.
Sono disponibili in diversi colori e la forma del loro contenitore consente di inserirle agevolmente in un mazzo di chiavi, per averle sempre a
portata di mano.
20
Altri dispositivi collegabili su bus 485
SafeTouch (art. 30006001) / Minitouch (art. 20034607) con lettore di chiavi RFID
Safetouch/Minitouch è un'interfaccia innovativa dotata di uno schermo touch screen mediante il quale un utente autorizzato può interagire
con il sistema di allarme. Il livello di interazione consente di effettuare tutte le operazioni che si possono eseguire da tastiera, tanto quelle di
utenza quanto quelle di configurazione e l'uso dei controlli da parte dell'utente. L'uso combinato di scritte, simboli e colori rende immediata la
comprensione delle funzioni utilizzabili.
In aggiunta alle caratteristiche legate alla gestione del sistema allarme, Minitouch è in grado anche di interagire con il sistema domotico
Simplebus, assicurando così l'integrazione fra i due sistemi.
Minitouch infatti prevede tre linee bidirezionali, di serie ed identiche a quelle del modulo di espansione ingressi e uscite, quindi completamente
programmabili, che possono essere usate sia come linee di I/O connesse al sistema di sicurezza, oppure possono essere destinate all'uso
domotico.
Il lettore di RFID presente di serie permette ad un utente, secondo le sue abilitazioni, di inserire in modo totale, in modo parziale o disinserire
l'impianto, usando una chiave RFID, senza passare attraverso l'immissione di un codice, velocizzando così le operazioni. È compatibile con le
chiavi RFID Comelit.
La posizione dell'antenna del lettore RFID è sul lato destro di Safetouch/Minitouch, ed è chiaramente identificata da un simbolo serigrafato
sulla superficie della cornice. La chiave RFID dovrà essere avvicinata a questa zona del contenitore per consentire al lettore di riconoscerla
correttamente.
Gli ancoraggi predisposti sono studiati per montare Safetouch/Minitouch su una scatola standard tipo 503.
Caratteristiche principali:
• Touch panel resistivo da 3,5”
• Tamper ottico
• Interfaccia bus 485 per interfacciamento diretto allarme
• Interfaccia Simplebus per interfacciamento domotica (solo per Minitouch)
• Basic bridging da allarme a domotica (possibilità di scambio di dati fra allarme e domotica) (solo per Minitouch)
• Emulazione tastiera allarme per configurazione
• Lettore RFID integrato di serie
Terminazione linea 485
Nome
Funzione
JP8
Se inserito, connette alla linea bus 485 la terminazione di linea
Descrizione morsettiera Safetouch/Minitouch
Pin
Nome
1
V+
Funzione
Ingresso positivo di alimentazione
2
V-
Ingresso negativo di alimentazione, comune a bus domotico
3
D
Segnale Data relativo a Simplebus domotico
4
A
Bus dati RS485 - A
5
B
Bus dati RS485 - B
6
NC1
Contatto normalmente chiuso relè uscita 1
7
COM1
Comune relè uscita 1
8
NO1
Contatto normalmente aperto relè uscita 1
9
I1
Connessione ingresso / uscita programmabile
10
I2
Connessione ingresso / uscita programmabile
11
I3
Connessione ingresso / uscita programmabile
Indirizzamento e configurazione velocità bus Safetouch/Minitouch
Al pari di ogni altro dispositivo connesso al bus 485, anche il Safetouch/Minitouch deve rispondere ad un indirizzo unico. Questo è configurabile
programmando il Safetouch/Minitouch dal suo display.
In caso di mancanza di segnale di bus (es se alimentato ma bus 485 non collegato):
• Il display mostra un pop-up con la richiesta di configurazione Indirizzo dispositivo e velocità bus. Se il dispositivo è già stato configurato, non
occorre fare nulla
• Nel caso il dispositivo sia ancora da configurare, o occorra modificare la precedente configurazione, selezionare Indirizzo Dispositivo
• Inserire il numero di indirizzo desiderato e confermare, quindi
• Selezionare Velocità Bus: appariranno le possibili selezioni, di cui una attiva
• Selezionare la velocità desiderata, quindi selezionare Esci.
Per informazioni più dettagliate sulla configurazione del Safetouch/Minitouch, fare riferimento alle istruzioni specifiche del
Safetouch/Minitouch.
21
Planux Manager con lettore di chiavi RFID (art. 20034801)
Planux manager è il supervisore integrato della famiglia: oltre a riassumere in sè tutte le caratteristiche di controllo disponibili anche su Minitouch,
svolge anche funzioni di videocitofonia avanzata full duplex, con pulsanti funzione dedicati e programmabili. Non prevede ingressi o uscite di
allarme.
Descrizione morsettiera Planux Manager
Pin
Nome
1
+VS
Funzione
Non usato
2
D
Segnale Data relativo a Simplebus domotico
3
B
Bus dati RS485 - B
4
A
Bus dati RS485 - A
5
S-
Connessione dispositivo ripetitore di chiamata
6
S+
Connessione dispositivo ripetitore di chiamata
7
CFP
Ingresso chiamata da piano
8
CFP
Ingresso chiamata da piano
9
L
Morsetto di connessione linea bus videocitofonico
10
L
Morsetto di connessione linea bus videocitofonico
11
-
Ingresso negativo di alimentazione, comune a bus domotico e bus allarme
12
+
Ingresso positivo di alimentazione
Terminazione linea 485
Anche Planux manager prevede la possibilità di inserire una resistenza di terminazione per la parte di comunicazione 485.
Nome
Funzione
CV8
Se inserito, connette alla linea bus 485 la terminazione di linea
Indirizzamento e configurazione velocità bus Planux Manager
Al pari di ogni altro dispositivo connesso al bus 485, anche il Minitouch deve rispondere ad un indirizzo unico. Questo è configurabile
programmando il Planux Manager dal suo display.
In caso di mancanza di segnale di bus (es se alimentato ma bus 485 non collegato):
• Il display mostra un pop-up con la richiesta di configurazione Indirizzo dispositivo e velocità bus. Se il dispositivo è già stato configurato, non
occorre fare nulla
• Nel caso il dispositivo sia ancora da configurare, o occorra modificare la precedente configurazione, selezionare Indirizzo Dispositivo
• Inserire il numero di indirizzo desiderato e confermare, quindi
• Selezionare Velocità Bus: appariranno le possibili selezioni, di cui una attiva
• Selezionare la velocità desiderata, quindi selezionare Esci.
Per informazioni più dettagliate sulla configurazione del Minitouch, fare riferimento alle istruzioni specifiche del Planux Manager.
Cenni sull'installazione di Safetouch, Minitouch e Planux Manager
Safetouch/Minitouch
Safetouch/Minitouch prevede di essere installato sfruttando i supporti di una scatola standard tipo 503 preinstallata.
Preparazione all'installazione: agire con la punta di un cacciavite sottile premendo entro le due feritoie presenti sul lato destro della cornice
per separare il telaio di fissaggio dalla parte elettronica e di visualizzazione.
Fissaggio:
1. Usando viteria adeguata al fissaggio del telaietto agli ancoraggi della scatola 503 in parete, fissare con viti il telaietto di Safetocuh/Minitouch
alla scatola tipo 503, avendo cura di non rovinare il telaietto forzando troppo sulle viti.
2. Dopo avere effettuato i collegamenti necessari, sarà possibile rimontare la parte di visualizzazione al telaietto, operando prima sui ganci del
lato sinistro e, subito dopo, applicando una leggera pressione sul bordo destro per favorire l'accoppiamento dei rimanenti agganci.
Planux Manager
Per il montaggio di Planux Manager si rimanda al foglio istruzioni di montaggio, fornito con il componente staffa Planux Manager.
Espansioni su bus 485
Espansione su bus 8 ingressi bilanciabili e 8 uscite logiche su bus (art. 30003101)
Ogni singolo ingresso può essere configurato come NC, NO, singolo, doppio e triplo bilanciamento, doppia zona e doppia zona con terminazione.
Predisposto per rivelare manomissione sia per apertura contenitore che per stacco dal muro.
Tamper escludibili.
22
Montaggio delle espansioni in contenitore esterno piccolo
Le espansioni ingressi / uscite, oltre a trovare posto in numero massimo di due all'interno della centrale, possono essere distribuite sul campo.
Il vantaggio di una soluzione decentrata consiste in una minore quantità di cavi all'interno del mobile centrale. A tale scopo è stato realizzato un
contenitore dotato di tutte le predisposizioni necessarie a sfruttare le caratteristiche del modulo espansione.
La predisposizione del loro contenitore prevede forature adatte tanto al montaggio in scatole incassate a muro, quanto adatte ad un più generico
fissaggio a parete. Sul lato inferiore è presente una sezione presegnata destinata a fornire il passaggio cavi, mentre nell'angolo superiore destro,
un'altra sezione presegnata, in corrispondenza di un foro di fissaggio, fornisce la protezione anti strappo.
IMPORTANTE: al fine di garantire la protezione antistrappo, il foro associato all’area presegnata con funzione antistrappo, dovrà essere sempre
ancorata alla parete. Il mancato ancoraggio di detta sezione renderà nulla la protezione antistrappo.
Il modulo espansione è fissato al fondo del contenitore mediante 2 viti autofilettanti.
Apertura del contenitore: il coperchio è fissato al fondo tramite tre agganci sul lato superiore e due mollette elastiche sul lato inferiore. Inoltre
due viti di sicurezza garantiscono la chiusura contro aperture accidentali o involontarie.
4
3
2
1
1
3
Preparazione del contenitore: una volta aperto il contenitore è necessario rimuovere la scheda elettronica e predisporre il passaggio cavi.
2
3
1
Fori di fissaggio a muro
Foro anti strappo
Fori di fissaggio scheda
Foro passaggio cavi
Fissaggio del contenitore: non essendoci altre operazioni preliminari, si può passare subito al fissaggio del contenitore.
1. Nel caso non si monti il contenitore in una scatola predisposta, individuare una posizione adatta al fissaggio del contenitore, e verificare che
in corrispondenza o in vicinanza dei fori di fissaggio che si intendono usare non vi sia passaggio di canalizzazioni elettriche o di servizio
(tubazioni, condotte di scarico ecc.). Quindi, con l'aiuto di una matita o di un pennarello, segnare accuratamente la posizione dei punti di
fissaggio, includendo il foro relativo all'opzione antistrappo.
2. Per il fissaggio a muro, prevedere di utilizzare dei tasselli ad espansione da 5 mm (forniti) per fissare il contenitore, quindi forare con punta
adatta ed inserire i tasselli nella parete.
3. Far passare i cavi attraverso i rispettivi fori passaggio cavo
4. Fissare il contenitore, avvitando a fondo le viti nei tasselli, senza arrivare a rovinare i fissaggi del contenitore
IMPORTANTE: al momento di rimontare la scheda di espansione nel suo contenitore, verificare che il tamper antistrappo (il tamper più a sinistra
dei due, con riferimento alle illustrazioni) sia mantenuto correttamente chiuso dalla linguetta che parte dall’area presegnata antistrappo del
contenitore.
23
Caratteristiche principali
• 8 ingressi / uscite configurabili in alternativa
• Ingressi configurabili come NC, NO, singolo, doppio e triplo bilanciamento, doppia zona e doppia zona con terminazione.
• Possibilità di collegamento diretto di contatti tapparella (switch alarm)
• Uscite configurabili come monostabile, monostabile con pattern configurabile, bistabile, bistabile con pattern configurabile
• Tamper anti manomissione e antistrappo
• Esistenza di terminazione bus 485 a bordo, inseribile tramite jumper
• Indirizzamento tramite dip switch
Descrizione jumpers di configurazione
Nome
Funzione
JP1
Se inserito, esclude tamper anti rimozione (anti strappo)
JP2
Se inserito esclude tamper anti apertura
JP4
Se inserito, abilita resistenza di terminazione bus 485
Tabella associazione posizione dip switches SW1, n° dispositivo e velocità bus
N°
DIP1
DIP2
DIP3
DIP4
DIP5
DIP6
BAUD
DIP7
1
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
9600
OFF
OFF
2
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
38400
ON
OFF
3
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
57600
OFF
ON
4
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
115200
ON
ON
5
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
6
ON
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
7
OFF
ON
ON
OFF
OFF
OFF
8
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
9
OFF
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
10
ON
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
11
OFF
ON
OFF
ON
OFF
OFF
12
ON
ON
OFF
ON
OFF
OFF
DIP8
I dip switches da 1 a 6 sono destinati all'indirizzamento del modulo sul bus. Nella versione attuale sono usati solo gli indirizzi da 1 ad 12, quindi
i dip switch 5 e 6 dovranno essere forzatamente lasciati su OFF.
Si ricorda che la velocità standard del bus delle centrali VEDO è 38400 baud.
Descrizione morsettiera modulo espansione ingressi / uscite
M1
M2
Pin
Nome
Funzione
Pin
Nome
Funzione
1
V+
Ingresso positivo di alimentazione
1
V+ AUX
Uscita positivo di alimentazione
2
V-
Ingresso negativo di alimentazione
2
V-
Negativo di alimentazione – riferimento uscita
3
A
Bus dati RS485 - A
3
I1
Ingresso 1 / Uscita 1
4
B
Bus dati RS485 - B
4
I2
Ingresso 2 / Uscita 2
5
V-
Negativo di alimentazione – riferimento ingressi
6
I3
Ingresso 3 / Uscita 3
7
I4
Ingresso 4 / Uscita 4
8
I5
Ingresso 5 / Uscita 5
9
I6
Ingresso 6 / Uscita 6
10
V-
Negativo di alimentazione – riferimento ingressi
11
I7
Ingresso 7 / Uscita 7
12
I8
Ingresso 8 / Uscita 8
24
Espansione radio bidirezionale su bus (art. 30003201)
I moduli lavorano in modalità bidirezionale (ricezione e trasmissione). Questo permette di associare alla centrale radiocomandi, sensori di
allarme radio (contatti e / o rivelatori volumetrici) e sirene senza fili di tipo supervisionato.
Caratteristiche principali
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Fino a 32 zone radio per modulo
Fino a 16 uscite radio (incluse max 8 sirene)
Fino a 8 sirene radio
Possibilità di comunicazione bidirezionale
Frequenza di lavoro in banda 868 Mhz, modo FSK
Monitoraggio stato sensori e sirene
Gestione separata di allarmi per intrusione e per sabotaggio
Monitoraggio alimentazioni dispositivi radio, sirene incluse
Supervisione
Descrizione jumpers di configurazione
Nome
Funzione
JP1
Se inserito, abilita resistenza di terminazione bus 485
JP3
Riservato
JP4
Riservato
JP6
Se inserito, esclude tamper anti rimozione (anti strappo)
JP7
Se inserito esclude tamper anti apertura
JP8
TBD
Tabella associazione posizione dip switches SW1, n° dispositivo e velocità bus
N°
DIP1
DIP2
DIP3
DIP4
BAUD
DIP5
1
OFF
OFF
OFF
OFF
9600
OFF
DIP6
OFF
2
ON
OFF
OFF
OFF
38400
ON
OFF
3
OFF
ON
OFF
OFF
57600
OFF
ON
115200
ON
ON
I dip switches da 1 a 4 sono destinati all'indirizzamento del modulo sul bus. Nella versione attuale sono usati solo gli indirizzi 1, 2 e 3, quindi i dip
switch 3 e 4 dovranno essere forzatamente lasciati su OFF.
Si ricorda che la velocità standard del bus delle centrali VEDO è 38400 baud.
Descrizione morsettiera modulo espansione radio
Pin
Nome
Funzione
1
V+
Ingresso positivo di alimentazione
2
V-
Ingresso negativo di alimentazione
3
A
Bus dati RS485 - A
4
B
Bus dati RS485 - B
Sensori ed accessori senza fili
Dispositivi collegabili senza fili
Sensore infrarosso Pet Immunity bidirezionale via radio
Contatto magnetico bidirezionale via radio
Radiocomando bidirezionale a 4 tasti
Sirena da interno autoalimentata
Sirena da esterno autoalimentata
Per i dispositivi sopra elencati fare riferimento alle istruzioni specifiche di prodotto.
Cenni sull'installazione di Sensori e Sirene senza fili
Per il corretto posizionamento dei sensori senza fili, delle sirene senza fili e per il loro corretto fissaggio, fare riferimento agli specifici fogli di
istruzione allegati ai singoli dispositivi.
25
Modulo video PAL/IP art. 30001445
IMPORTANTE
Utilizzare il modulo 30001445 con indice di revisione (IR) maggiore o uguale a 005
SOLO con centrali VEDO aggiornate con SW 2.1 o superiore.
Il modulo PAL/IP permette l’integrazione della parte di videosorveglianza con la centrale di allarme per l’invio di MMS.
Supporto MMS – descrizione e caratteristiche minime del sistema
IMPORTANTE: Per poter utilizzare la funzione invio MMS su allarme, la centrale deve essere equipaggiata con il modulo IP e il modul GSM.
Dopo aver correttamente configurato il sistema, la funzione MMS:
• informerà a mezzo MMS il destinatario di un avvenuto allarme riguardante una zona coperta da una specifica telecamera (ad una zona è
possibile associare una telecamera).
• inserirà nello stesso messaggio fino a 4 diversi frames, catturati in momenti successivi dalla telecamera associata alla zona in allarme.
Parametri di rete del modulo PAL/IP
Il modulo PAL/IP deve essere correttamente riconosciuto dalla centrale attraverso un indirizzo di rete noto. Come configurazione di default, il
modulo PAL/IP ha i seguenti parametri:
IP Address:
192.168.1.233
Submask:
255.255.255.0
Porta:
9069
Questi parametri, possono essere modificati al momento della configurazione dell'impianto.
26
Uscite
Esempi di connessioni alla sirena
La centrale dispone di un relè in grado di sopportare 3A a 24VDC, con scambio pulito, che di default viene assegnato al comando di un
avvisatore di allarme. Questo relè può essere usato per pilotare una sirena autoalimentata ed una sirena standard. Lo scambio è accessibile
attraverso i morsetti di COM (comune), NC (scambio chiuso verso il comune a riposo) ed NO (scambio aperto a riposo) della morsettiera M2.
Un positivo dedicato alla ricarica dell'accumulatore di una autoalimentata è disponibile al morsetto V+SIR della morsettiera M2. Questo positivo
è limitato da fusibile ripristinabile da 2A.
Connessione sirena autoalimentata a 3 o 2 fili
La connessione a 3 fili prevede che la centrale passi solo un positivo di blocco attraverso il relè associato all'allarme, l'alimentazione della sirena
è connessa separatamente a due morsetti (V+SIR e V-) della centrale. Quando in allarme, il positivo di blocco viene rimosso e la sirena suona
potendo usare la sua batteria di backup e la batteria di sistema.
La connessione a 2 fili prevede che la centrale passi un positivo di blocco e ricarica attraverso il relè associato all'allarme. Il negativo della sirena
è connesso al V- della centrale. Quando in allarme, questo positivo viene rimosso e la sirena suona per auto alimentazione.
Rispetto alla connessione a 3 fili, essendo di fatto le batterie di sirena e di sistema separate durante la suonata, una eventuale batteria sirena
con poca capacità residua (parzialmente scarica, difettosa o vecchia) non pregiudica le funzionalità di centrale: la sirena potrebbe suonare poco,
ma tutte le funzioni di centrale (funzionamento logica, comunicazione GSM o verso linea PSTN) non saranno influenzate dalla batteria di sirena.
Connessione sirena interna non autoalimentata
A volte si ha la necessità di collegare una sirena supplementare interna, non autoalimentata, a supporto della sirena esterna. Usare la connessione
a due fili per la sirena autoalimentata esterna semplifica il cablaggio, come mostrato nello schema di collegamento che segue.
Esempio di connessione alle uscite TC1 e TC2
Sulla morsettiera M2 sono presenti due uscite generiche, TC1 e TC2. Queste uscite possono essere configurate come open collector riferite a
massa o riferite a positivo.
Uscita configurata come OC. Nel caso l'uscita sia configurata come open collector (OC), l'uscita a riposo sarà fluttuante (=nessuna tensione
presente) mentre quando sarà in stato attivo, chiuderà il morsetto TC a V-.
Uscita configurata come TC. Nel caso l'uscita sia configurata come TC, l'uscita a riposo sarà fluttuante (=nessuna tensione presente) mentre
quando sarà in stato attivo, chiuderà il morsetto TC a positivo.
Questo tipo di comportamento viene deciso dalla configurazione di due jumper.
Per il collegamento di led o piccoli relè, è possibile fare riferimento allo schema rappresentato di seguito.
USCITA TC1
JP5 SU OC
JP5 SU TC
ON
L'uscita collega a massa il morsetto.
L'uscita assume il valore di circa 13V.
OFF
L'uscita rimane fluttuante.
L'uscita rimane fluttuante.
USCITA TC2
JP4 SU OC
JP4 SU TC
ON
L'uscita collega a massa il morsetto.
L'uscita assume il valore di circa 13V.
OFF
L'uscita rimane fluttuante.
L'uscita rimane fluttuante.
27
Alimentatori con test dinamico batteria
1,5A – (art. 30076101)
È un alimentatore switching limitato in corrente e protetto contro il cortocircuito sull'uscita e contro l'inversione della batteria. In caso di inversione
di polarità della batteria, interviene un fusibile da 6,3A posto all'interno del contenitore metallico.
La tensione nominale di uscita è 13,85V e la corrente nominale massima è pari a 1,5A. Fornisce alla centrale l'informazione di batteria in carica.
La connessione alla centrale è a mezzo connettore multipolare mentre la connessione ala batteria avviene attraverso connettori fast-on.
Caratteristica qualificante è il test dinamico della batteria che permette di valutare la reale efficienza della batteria quando è costretta ad erogare
corrente.
3A – (art. 30076102)
È un alimentatore switching limitato in corrente e protetto contro il cortocircuito sull’uscita e contro l’inversione della batteria. In caso di inversione
di polarità della batteria, interviene un fusibile da 6,3A posto all’interno del contenitore metallico. La connessione alla centrale è a mezzo
connettore multipolare mentre la connessione ala batteria avviene attraverso connettori fast-on. Inoltre è disponibile una morsettiera a due poli
che permette di avere un punto di prelievo indipendente per i 13,8V.
La tensione nominale di uscita è 13,85V e la corrente nominale massima è pari a 3A. Fornisce alla centrale l’informazione di batteria in carica.
Caratteristica qualificante è il test dinamico della batteria che permette di valutare la reale efficienza della batteria quando è costretta ad erogare
corrente.
5A – (art. 30076103)
È un alimentatore switching limitato in corrente e protetto contro il cortocircuito sull’uscita e contro l’inversione della batteria. In caso di inversione
di polarità della batteria, interviene un fusibile da 10A posto all’interno del contenitore metallico. La connessione alla centrale è a mezzo
connettore multipolare mentre la connessione ala batteria avviene attraverso connettori fast-on. Inoltre è disponibile una morsettiera a due poli
che permette di avere un punto di prelievo indipendente per i 13,8V.
La tensione nominale di uscita è 13,85V e la corrente nominale massima è pari a 5A. Fornisce alla centrale l’informazione di batteria in carica.
Caratteristica qualificante è il test dinamico della batteria che permette di valutare la reale efficienza della batteria quando è costretta ad erogare
corrente.
Scheda gestione alimentatori per centrali serie VEDO Art. 30003106
Questo dispositivo permette di estendere gli impianti della serie VEDO fornendo:
• Un nuovo ramo al BUS dati RS485 elettricamente isolato con relativa uscita di alimentazione.
• 2 uscite di alimentazione ausiliarie.
• 3 uscite Open Collector di segnalazione.
• Un morsetto per contatto antimanomissione.
Le alimentazioni ausiliarie fornite dalla scheda vengono ricavate dagli alimentatori di rete collegati al connettore J1.
Le uscite Open Collector sono configurate per fornire le segnalazioni di guasti e anomalie.
• Nel caso il cui l’alimentatore non sia connesso ad una centrale le tempistiche dei ritardi di segnalazione dei guasti sono:
• Ritardo allarme rete alimentazione: 1 minuto.
• Ritardo allarme batteria: 5 minuti.
• Collegando il dispositivo ad una centrale della serie VEDO, è possibile monitorare lo stato dell'alimentazioni ausiliarie e dell'alimentatore
stesso. In questo caso le tempistiche di segnalazione dei guasti sono configurabili (tramite tastiera Safekey o tramite software Safe Manager).
Descrizione Art. 30003106
1.
2.
3.
4.
J1
DL1
DL2
DL3
28
JP2
JP1
1 2 3 4 5 6 7 8
V+ AUX1
VV+ AUX2
V24H
01
02
03
V+
VA
B
V+
VA
B
BUS dati in
BUS dati out
Alimentazione Uscite
Uscite
Art. 30002501 Contenitore plastico da parete per centrali VEDO
Art. 30076101
(13,8V/1,5A)
Art. 30003106
Art. 30076003
(12V/7Ah)
1
2
3
Art. 30002502 Contenitore metallico da parete per centrali VEDO
Art. 30076003
(12V/7Ah)
Art. 30076004
(12V/15Ah)
Art. 30003106
immagine 3
Art. 30076101 (13,8V/1,5A)
Art. 30076102 (13,8V/3A)
Art. 30076103 (13,8V/5A)
1
2
3
Art. 30002503 Contenitore plastico da incasso per centrali VEDO
Art. 30076101
(13,8V/1,5A)
Art. 30003106
Art. 30076003
(12V/7Ah)
1
2
3
Per i dettagli relativi al montaggio della scheda, dell’alimentatore e della batteria fare riferimento ai manuali dei contenitori utilizzati.
Contenitori, alimentatori e batterie sono acquistabli separatamente.
29
Indirizzamento e impostazione velocità BUS tramite dip switch
L’indirizzo del dispositivo deve essere univoco e può essere programmato solo tramite dip switch.
Si ricorda che la velocità standard del BUS delle centrali VEDO è 38400 Baud.
N°
1
2
3
4
5
6
7
8
DIP1
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
DIP2
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
ON
ON
DIP3
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
DIP4
DIP5
DIP6
non
utilizzati
BAUD
9600
38400
(default)
57600
115200
DIP7
OFF
DIP8
OFF
ON
OFF
OFF
ON
ON
ON
Descrizione morsettiere
Terra
Morsetto per collegamento a terra
BUS IN
V+
VA
B
Positivo ingresso alimentazione BUS comunicazione 485
Negativo ingresso alimentazione BUS comunicazione 485
BUS dati RS485 per collegamento con la centrale (IN) - A
BUS dati RS485 per collegamento con la centrale (IN) - B
BUS OUT
V+
VA
B
Uscita positivo di alimentazione. Bus di comunicazione 485. Limitato 1,5A
Negativo di alimentazione - riferimento uscita. Alimentazione BUS comunicazione 485
BUS dati RS485 per collegamento con altri dipositivi (OUT) - A
BUS dati RS485 per collegamento con altri dipositivi (OUT) - B
ALIMENTAZIONE USCITE
V+AUX1
VV+AUX2
V24H
Positivo uscita alimentazione Ausiliaria 1. Limitato a 1,5A
Negativo uscita alimentazione Ausiliaria 1
Positivo uscita alimentazione Ausiliaria 2. Limitato a 1,5A
Negativo uscita alimentazione Ausiliaria 2
Ingresso contatto anti manomissione (Tamper)
USCITE
O1
Uscita Open collecrtor 1. Programmata di default come Anti-Sabotaggio modulo. L’uscita è attiva quando è presente un sabotaggio del
modulo.
O2
Uscita Open collecrtor 2. Programmata di default come Anomalia Batteria Bassa del modulo. L’uscita è attiva quando è trascorso il tempo
programmato dal momento in cui la batteria è venuta a mancare o la tensione ai capi della stessa è 10,7Vdc o 15Vdc.
O3
Uscita Open collecrtor O3. Programmata di default come Anomalia Mancanza Rete 230V del modulo. L’uscita è attiva quando è trascorso il
tempo programmato dal momento in cui la rete è venuta a mancare.
Jumper di configurazione
JP1
JP2
terminazione in uscita RS485*
terminazione in ingresso RS485*.
* Ricordarsi di inserire sempre la resistenza di terminazione fra A e B della connessione 485 (tramite gli appositi jumper) ai due estremi della
linea BUS principale.
Significato LED
DL1
Lampeggio lento: nessun trasferimento dati su BUS alla velocità impostata con il dip switch.
Lampeggio veloce: trasferimento dati su BUS in corso.
DL2
Spento: la periferica sta comunicando correttamente.
Lampeggio molto lento: (circa 3 secondi) nessun pacchetto dati sul BUS.
DL3
Acceso: indica che una delle uscite Open Collector è in protezione a causa di un corto circuito.
Connettore alimentatore
J1
Connettore alimentatore esterno 230V - 50Hz
Collegamento contatto antimanomissione
Il morsetto 24H richiede che il contatto Tamper venga collegato in configurazione singolo bilanciamento.
È necessaria una resistenza da 1,8KΩ posta in serie al contatto.
30
ALLARME
SINGOLO BILANCIAMENTO
Collegamento morsetto di riferimento VIl BUS RS485 d’ingresso (BUS IN) è elettricamente isolato con il resto della scheda. Di conseguenza il morsetto V- in ingresso deve essere
collegato esclusivamente al BUS verso la centrale.
Non collegare il morsetto V- del BUS in ingresso agli altri V- presenti e non utilizzarlo come riferimento per le tensioni di
alimentazione in uscita.
Questo potrebbe causare malfunzionamenti o il danneggiamento dei dispositivi in uso.
Collegamento terra
Per un’installazione a norma, collegare il morsetto di terra alla terra dell’impianto, passando attraverso la connessione di terra dell’alimentazione
tramite il cavo giallo/verde fornito a corredo dei contenitori del dispositivo.
Caratteristiche tecniche Art. 30003106
Range funzionamento tensioni d'uscita (VBUS,VAUX1,VAUX2)
10,3 ÷ 14,5 Vdc
Range funzionamento tensione ingresso V+BUS IN
10 ÷ 15 Vdc
Corrente massima Uscite Open collector: O1-O2-O3
100 mA
Corrente massima per Uscite V+AUX1, V+AUX2, V+ BUS OUT
1,5 A
Temperatura di funzionamento
+5°C a +40°C, Umidità Relativa 90%
Dimensioni solo scheda (L x A x P)
140 x 127 x 23 mm
Peso solo scheda
90 g
Consumo in stand-by
25mA
Batterie supportate
Art. 30076003 - 12V e 7Ah
Art. 30076004 - 12V e 15Ah
Caratteristiche legate alla tipologia di alimentatore collegato al morsetto J1:
Alimentatore
30076101
30076102
Tipo alimentatore (EN50131-6)
TIPO A
TIPO A
TIPO A
Tensione ingresso
100 - 240V ± 10%
100 - 240V ± 10%
100 - 240V ± 10%
Frequenza ingresso AC
50 ~ 60 Hz
50 ~ 60 Hz
50 ~ 60 Hz
Tensione di uscita
13,8 Vdc ± 2%
(1,5A Max)
13,8 Vdc ± 2%
(3A Max)
13,8 Vdc ± 2%
(5A Max)
Art. 30076003 12V/7Ah
Art. 30076003 12V/7Ah
Art. 30076003 12V/7Ah
Art. 30076004 12V e 15Ah
Art. 30076004 12V e 15Ah
Art. 30076004 12V e 15Ah
150mV
150mV
300mV
Batterie collegabili
Ripple tensione di uscita
30076103
Al fine di garantire la certificazione dell’impianto, l’alimentatore deve essere contenuto in scatole protette da micro anti-apertura o alloggiato nel
contenitore della centrale. L’ingresso 24h deve essere collegato ad una linea bilanciata e collegato ad una linea d’ingresso del Sistema VEDO.
Isolatore da BUS Art. 30003105
Questo dispositivo permette di sezionare l’impianto in maniera tale che eventuali guasti o sabotaggi che si verificano a valle non si ripercuotano
su tutto l’impianto.
Il dispositivo è dotato di doppio collegamento al BUS485 del sistema VEDO:
• la porta IN (ingresso);
• la porta OUT (uscita).
Alla porta OUT deve essere collegata la sezione di impianto che si desidera separare dal resto.
Il contenitore plastico permette il montaggio ad incasso in scatole serie civili oppure su guida DIN.
JP2
DL2
1
2
JP1
3
4
DL1
31
Indirizzamento e impostazione velocità BUS tramite dip switch
L’indirizzo del dispositivo deve essere univoco e può essere programmato solo tramite dip switch.
Si ricorda che la velocità standard del BUS delle centrali VEDO è 38400 baud.
N°
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
DIP1
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
OFF
ON
DIP2
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
ON
ON
DIP3
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
DIP4
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
BAUD
9600
38400
57600
115200
DIP5
OFF
ON
OFF
ON
DIP6
OFF
OFF
ON
ON
default
Per accedere al dip switch S1 ed ai jumper JP1 e JP2 è necessario rimuovere l’involucro
plastico superiore.
Caratteristiche tecniche
Tensione nominale
13,8 Vdc
Tensione minima di ingresso
10,3 Vdc
Tensione massima di ingresso
14,5 Vdc
Intervallo di tensione d'uscita
10,3 ÷ 14,5 Vdc
Assorbimento
40mA (Max)
Corrente massima d'uscita
500mA
Temperatura di funzionamento
-10°C/+40°C UR 75%
Dimensioni [mm]
44x44x19 mm
Peso
50g
Jumper di configurazione
JP1
Se inserito, abilita resistenza di terminazione BUS 485 in Ingresso*
JP2
Se inserito, abilita resistenza di terminazione BUS 485 in Uscita*
* Ricordarsi di inserire sempre la resistenza di terminazione fra A e B della connessione 485 (tramite gli appositi jumper) ai due estremi della
linea BUS principale.
Significato LED
DL1
Lampeggio lento: nessun trasferimento dati su BUS alla velocità impostata con il dipswitch.
Lampeggio veloce: trasferimento dati su BUS in corso.
DL2
Spento: la periferica sta comunicando correttamente;
Lampeggio molto lento: (circa 3 secondi) nessun pacchetto dati sul BUS.
Morsettiere isolatore da BUS
IN
B
BUS dati RS485 per collegamento con la linea seriale della centrale Ingresso B
A
BUS dati RS485 per collegamento con la linea seriale della centrale Ingresso A
24H
Ingresso contatto anti manomissione (Tamper)
V-
Ingresso negativo di alimentazione
V+
Ingresso positivo di alimentazione
OUT
B
BUS dati RS485, rileva le anomalie di funzionamento verso il ramo di uscita e interviene isolando il ramo guasto o sabotato.
Morsetto B per il collegamento in ingresso alle periferiche tramite BUS.
A
BUS dati RS485, rileva le anomalie di funzionamento verso il ramo di uscita e interviene isolando il ramo guasto o sabotato.
Morsetto A per il collegamento in ingresso alle periferiche tramite BUS.
V-
Uscita negativo di alimentazione
V+
Uscita positivo di alimentazione
Collegamento contatto antimanomissione
Il morsetto 24H richiede che il contatto Tamper venga collegato in configurazione singolo bilanciamento. È
necessaria una resistenza da 1,8KΩ posta in serie al contatto.
ALLARME
SINGOLO BILANCIAMENTO
In caso di corto di alimentazione V+ V- interviene il fusibile auto-ripristinante. Per un corretto ripristino deve essere tolta l’alimentazione per un
minuto.
Al fine di garantirne la certificazione dell’impianto, l’isolatore deve essere contenuto in scatole protette da micro anti-apertura o alloggiato nel
contenitore della centrale. L’ingresso 24h deve essere collegato ad una linea bilanciata.
32
Cosa fare prima di dare alimentazione al sistema
Collegare correttamente gli ingressi zona
Verificare che tutti gli ingressi siano collegati correttamente (chiusi a negativo direttamente o attraverso delle resistenze di opportuno valore, a
seconda della configurazione dei singoli ingressi).
Collegare i moduli bus
Verificare che tutti i moduli siano collegati correttamente fra loro e alla centrale di allarme.
Ricordarsi di realizzare un collegamento quanto più diritto possibile (del tipo entra ed esci) e che eventuali diramazioni dovranno essere quanto
più brevi possibile.
Ricordarsi di inserire sempre la resistenza di terminazione fra A e B della connessione 485 ai due estremi della linea bus principale.
Impostare gli indirizzi dei dispositivi su bus
Verificare che gli indirizzi dei dispositivi bus siano stati impostati correttamente, o tramite dip switch o tramite configurazione (es.: tastiera)
Chiudere tutti gli ingressi anti manomissione
Chiudere tutti i mobiletti dei moduli bus e della centrale o, in alternativa, bypassare i microswitch anti manomissione.
Si ricorda che gli ingressi anti manomissione possono essere configurati solamente in modo doppio bilanciamento.
IMPORTANTE: alla prima accensione solo la tastiera numero 1 sarà considerata attiva.
Dare alimentazione
Sarà possibile a questo punto alimentare il sistema: alimentare la centrale di allarme attraverso il suo alimentatore e collegare la batteria. Se tutto
è collegato correttamente, il led verde dell'alimentatore si accenderà, confermando che l'alimentatore è funzionante
La centrale inizierà a funzionare e confermerà la cosa facendo lampeggiare il led DL3.
La configurazione di default
All'uscita dalla fabbrica la centrale è configurata in modo da considerare presente la sola tastiera numero 1. Inoltre gli ingressi di allarme della
centrale sono tutti abilitati e configurati come doppio bilanciamento.
Introduzione alla programmazione da tastiera
I codici di default alla prima accensione
I codici di default sono:
Codice Installatore Master: 001961
Codice Utente 1:
111111
33
Modifica di parametri / testo mediante tastiera
Quando si renda necessario, è possibile configurare il sistema, immettere o modificare dati, attraverso una delle tastiere di impianto. Una volta
selezionata la voce su cui intervenire si useranno i pulsanti della tastiera su cui si sta operando per immettere i nuovi dati.
Navigazione del menù: per muoversi attraverso i menù proposti dalla tastiera occorre usare i tasti di navigazione, che sulla tastiera sono
disposti sul lato destro e si identificano con una freccia triangolare nera indicante la direzione del movimento (alto, basso, sinistra e destra).
In aggiunta, una volta raggiunto il dato che si intende modificare, occorrerà premere il tasto di conferma per passare al livello successivo o
all'immissione del nuovo dato.
Modifica di un valore numerico: un valore numerico può essere inserito o modificato in modo diretto, semplicemente digitando il valore
desiderato, seguendo la forma suggerita dal display, omettendo i caratteri non numerici, ma riempendo tutti i caratteri numerici del formato
suggerito.
Es.: data GG-MM-AA, andrà immessa come GGMMAA; 2 settembre 2012 diventerà 020912, senza trattini ma con uno zero iniziale per riempire
il carattere delle decine di giorni.
Es.: Soglia 1.14 sarà immessa come 114, senza il punto decimale.
Modifica di una stringa alfanumerica: una volta selezionata la stringa da modificare (ad esempio la descrizione di una zona) il primo carattere
modificabile sarà lampeggiante. A questo punto i caratteri possono essere immessi o sostituiti usando lo stesso meccanismo di scrittura
disponibile sui telefoni cellulari con tastiera a pulsante. Premendo consecutivamente lo stesso tasto, il carattere proposto cambierà secondo una
sequenza prestabilita. Di seguito una tabella con la sequenza dei caratteri disponibili per ogni tasto.
Premendo il tasto C quando il primo carattere lampeggia, si può uscire dalla stringa senza che alcuna modifica sia registrata.
I pulsanti di navigazione destra e sinistra permettono di muoversi all’interno della stringa.
Il tasto C premuto all’interno della stringa cancella il carattere a sinistra del carattere lampeggiante.
Il nuovo carattere, quando necessario, sarà immesso a sinistra del carattere lampeggiante.
Per convalidare le modifiche apportate, premere il tasto di conferma.
Di seguito una tabella con la corrispondenza fra tasto e sequenza carattere associata
Tasto Numerico
Sequenza di caratteri associata
1
. , : ; _ - # * ' @ 1
2
A B C a b c 2
3
D E F d e f 3
4
G H I g h i 4
5
J K L j k l 5
6
M N O m n o 6
7
P Q R S p q r s 7
8
T U V t u v 8
9
W X Y Z w x y z 9
0
(spazio) 0
Nella confezione della tastiera è disponibile una etichetta trasparente removibile da applicare durante la programmazione.
Una scorretta applicazione dell'etichetta può provocare l'inceppamento dei tasti
34
Impostare il numero seriale della tastiera
Alla prima accensione la tastiera mostra la scritta NON CONNESSA. Per permettere alla centrale il riconoscimento della tastiera numero 1
(l'unica tastiera riconoscibile dalla centrale a default), procedere come segue:
1. Premere il tasto prog della tastiera, sul display apparirà la scritta 1 Config. Bus seguito da due frecce verticali (alto e basso).
2. Premere il tasto di conferma, posto immediatamente sotto ai tasti di navigazione
3. Immettere il numero seriale della prima tastiera digitando in sequenza le cifre 001 e quindi premere il tasto di conferma
4. Sul display compare ora la scritta COM. SERIALE Velocità: con la proposta 38400.
5. Premere il tasto di conferma.
A questo punto, la tastiera numero uno sarà presa in carico della centrale e potrà essere usata per inserire, disinserire e configurare l'impianto.
Inserire e disinserire il sistema
Per inserire completamente il sistema di allarme agire come segue:
1. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111) seguito dal tasto ON
2. La tastiera mostra una richiesta di conferma “INSERIMENTO TOTALE?”
3. Confermare premendo il tasto di conferma
4. La tastiera conferma con “INSERIMENTO ESEGUITO”
Per inserire il sistema in modo parziale o per eseguire uno scenario, agire come segue:
1. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111) seguito o dal tasto Parziale 1 o dal tasto Parziale 2.
2. Se necessario, usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare uno scenario diverso da quello proposto, quindi premere il tasto di
conferma.
3. La tastiera conferma con “INSERIMENTO ESEGUITO”.
Per disinserire completamente il sistema di allarme agire come segue:
1. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111) seguito dal tasto OFF.
2. La tastiera conferma con “DISINSERIMENTO ESEGUITO”.
3. Il disinserimento disattiverà un eventuale allarme in corso entro qualche secondo.
Tacitare un allarme ad impianto disinserito
Per tacitare un allarme ad impianto disinserito, agire come segue:
1. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111).
2. Una volta che il codice sarà stato riconosciuto, premere il tasto prog fino a quando sulla tastiera apparirà la scritta “COMANDO ESEGUITO”.
3. Come conseguenza di questa manovra, l’allarme sarà tacitato.
Entrare in programmazione come Utente
Per entrare in modalità programmazione come utente, agire come segue:
1. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111)
2. Premere il tasto prog
3. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Gest. Impianto”, indicando che si può procedere a visualizzare o modificare le
opzioni dell’impianto
Entrare in modo programmazione come Installatore (abilitazione codice
installatore)
Il codice installatore deve essere autorizzato dall’utente per cui la procedura sarà la seguente:
1. Entrare in programmazione come utente (vedere paragrafo che precede)
2. Usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare sulla seconda riga del display il menù “COMANDI” e premere il tasto di conferma; sulla
prima riga del display compare la scritta “GENERA COMANDO”
3. Usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare sulla seconda riga l’opzione “ABILITA INSTAL.?” e premere il tasto di conferma; sul
display display compare la scritta “COMANDO ESEGUITO”
4. Premere il tasto C fino ad uscire completamente dai menù (cioè fino a quando sulla tastiera saranno riportati ora e data)
5. Immettere dalla tastiera un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
6. Premere il tasto prog
7. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Menù Principale” e sulla seconda riga comparirà la scritta “Progr. Parametri”,
indicando che si può procedere a visualizzare o modificare le opzioni dell’impianto
8. Da questa posizione è possibile selezionare usando i tasti di navigazione, sia il menù “Gest. Impianto”, che corrisponde al menù utente, sia il
menù “Progr. Parametri” che è il menù riservato all’installatore
9. Premere il tasto di conferma per entrare nei sotto menù relativi
35
Modifica di data e ora
√ Per modificare data ed ora da tastiera, occorre essere in modo programmazione.
Come installatore:
1. Entrare in programmazione come installatore (vedere paragrafo specifico).
2. Con i tasti di navigazione selezionare “Gest. Impianto”, quindi proseguire come utente.
Come utente:
1. Entrare in programmazione come utente (vedere paragrafo specifico).
2. Usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare sulla seconda riga del display il menù “Opzioni” e premere il tasto di conferma.
3. Usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare sulla seconda riga l’opzione “Cambio data/ora” e premere il tasto di conferma.
4. Sulla prima riga compare l’indicazione GG-MM-AA (giorno mese e anno) e sulla seconda riga compare la data della centrale.
5. Immettere la data con i tasti numerici (es.: 1 settembre 2012 diventerà 010912) quindi confermare.
6. Sulla prima riga del display compare ora l’indicazione HH-MM (ore e minuti) e sulla seconda riga compare l’orario della centrale.
7. Immettere l’ora con il formato suggerito (es: le ore tredici e quindici minuti diventeranno 1315) quindi confermare.
8. Terminata l’operazione, il display mostra la scritta PARAMETRO MODIFICATO.
9. Premere una volta il tasto C per risalire di un livello nei menù, oppure premere più volte il tasto C fino a quando sulla tastiera saranno riportati
data ed ora.
Acquisizione di un codice chiave RFID da tastiera
1. Immettere dalla tastiera un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
2. Premere il tasto prog
3. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Menù Principale” e sulla seconda riga comparirà la scritta “Progr. Parametri”,
indicando che si può procedere modificare le opzioni dell’impianto
4. Premere il tasto di conferma per entrare nei sotto menù relativi
5. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare il sottomenù “ChiaviDiProssim.”. Premere il tasto di conferma
6. Sul display appare la scritta Chiave 1 con sotto il parametro su cui è possibile agire, che nello specifico sarà “Descrizione”.
7. Selezionare con i tasti di navigazione (destra e sinistra) il numero di chiave che si intende acquisire.
8. Premere il tasto di conferma se si intende modificare la descrizione, quindi confermare per modificare oppure premere il tasto C per lasciare
la descrizione così come si trova
9. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare il sottomenù Acquisisci, selezionare sempre con i tasti di navigazione, il tipo di periferica
da cui si intende acquisire il codice chiave, e il suo indirizzo sul bus, quindi premere ancora una volta il tasto di conferma
10. Sul display appare la scritta “Acq. Chiave: In corso...”
11. Avvicinare la chiave al lettore RFID: la scritta passerà da In corso... ad Acquisita
12. Premere il tasto di conferma, sul display apparirà la descrizione del colore del contenitore plastico della chiavetta
13. Premendo ancora una volta il tasto di conferma, si potrà associare la chiave all’utente desiderato.
14. Una volta terminate le modifiche da tastiera, ricordarsi di trasferirle al pc tramite il programma di configurazione delle centrali di allarme
Comelit.
Acquisizione di un codice sensore radio da tastiera
1. Inserire la batteria nel sensore da apprendere e attendere che il led smetta di lampeggiare, tanto che sia un contatto magnetico (REED) che
un rivelatore di infrarossi (PIR)
2. Immettere dalla tastiera un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
3. Premere il tasto prog
4. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Menù Principale” e sulla seconda riga comparirà la scritta “Progr. Parametri”,
indicando che si può procedere modificare le opzioni dell’impianto
5. Premere il tasto di conferma per entrare nei sotto menù relativi
6. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare il sottomenù “Zone Radio”. Premere il tasto di conferma
7. Sul display appare la scritta “Zona Radio 1” con sotto il parametro su cui è possibile agire, che nello specifico sarà “Descrizione”
8. Selezionare con i tasti di navigazione (destra e sinistra) la posizione in cui si intende acquisire il sensore
9. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare la voce “Acquisizione” e premere il tasto di conferma. Il display mostrerà la scritta “Acq.
Zona Radio: In corso...”
10. A questo punto premere e rilasciare il pulsante del tamper sul sensore
11. Se l’acquisizione andrà a buon fine, sul display comparirà il tipo di sensore (REED o PIR) e il numero univoco di codice del sensore.
12. Nel caso l’acquisizione fallisca perché il sensore è già memorizzato in centrale, il display mostrerà la scritta “Acq. fallita Disp. Duplicato” In
tal caso sarà preferibile acquisire da PC i parametri attraverso il software di configurazione, al fine di verificare i sensori programmati, i codici
acquisiti ed i loro parametri. Questo renderà più semplice correggere eventuali errori di configurazione.
13. Una volta terminate le modifiche da tastiera, ricordarsi di trasferirle al pc tramite il programma di configurazione delle centrali di allarme
Comelit.
36
Acquisizione di un codice radiocomando da tastiera
1. Premere contemporaneamente i pulsanti n° 2 e 3 fino a quando i led del radiocomando iniziano a lampeggiare autonomamente, quindi rilasciare
i pulsanti ed attendere che i led si spengano. Nel caso ciò non avvenisse entro una decina di secondi (ad esempio con un radiocomando
nuovo) passare al punto successivo
2. Immettere dalla tastiera un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
3. Premere il tasto prog
4. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Menù Principale” e sulla seconda riga comparirà la scritta “Progr. Parametri”,
indicando che si può procedere modificare le opzioni dell’impianto
5. Premere il tasto di conferma per entrare nei sotto menù relativi
6. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare il sottomenù “Radiocomandi”. Premere il tasto di conferma
7. Sul display appare la scritta “Radio Comando 1” con sotto il parametro su cui è possibile agire, che nello specifico sarà “Descrizione”
8. Selezionare con i tasti di navigazione (destra e sinistra) la posizione in cui si intende acquisire il radiocomando
9. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare la voce “Acquisizione” e premere il tasto di conferma. Il display mostrerà la scritta “Acq.
Tel. Radio: In corso...”
10. Premere contemporaneamente i pulsanti 3 e 4 fino a quando i led del radiocomando iniziano a lampeggiare, quindi rilasciare i pulsanti.
11. Se l’acquisizione andrà a buon fine, sul display comparirà la scritta “DISP. PENDANT” e il numero univoco di codice del radiocomando.
12. Una volta terminate le modifiche da tastiera, ricordarsi di trasferirle al pc tramite il programma di configurazione delle centrali di allarme
Comelit.
Acquisizione di un codice sirena da tastiera
1. Sconnettere la batteria della sirena, qualora sia stata collegata, e sconnettere l’acustica dal suo connettore. Nel caso l’acustica fosse
sconnessa, connetterla brevemente per scaricare i condensatori presenti nel circuito e garantire successivamente una accensione pulita
2. Immettere dalla tastiera un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
3. Premere il tasto prog
4. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Menù Principale” e sulla seconda riga comparirà la scritta “Progr. Parametri”,
indicando che si può procedere modificare le opzioni dell’impianto
5. Premere il tasto di conferma per entrare nei sotto menù relativi
6. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare il sottomenù “Uscite Radio”. Premere il tasto di conferma
7. Sul display appare la scritta “Uscita 1” con sotto il parametro su cui è possibile agire, che nello specifico sarà “Descrizione”
8. Selezionare con i tasti di navigazione (destra e sinistra) la posizione in cui si intende acquisire il radiocomando
9. Con i tasti di navigazione (alto e basso) selezionare la voce “Acquisizione”
10. Premere e mantenere premuto il pulsante LEARN della sirena, che si trova in prossimità della strip di connessione per i jumpers di
configurazione, e connettere la batteria. Mantenere premuto il tasto LEARN fino a quando il lampeggiante della sirena inizia a lampeggiare
velocemente, quindi rilasciare il pulsante
11. Attendere che il lampeggiante rallenti il lampeggio
12. A questo punto, premere il tasto di conferma sulla tastiera. Il display mostrerà la scritta “Acq. Usc. Radio: In corso...”
13. Dopo una quindicina di secondi circa, sul display comparirà l’esito della acquisizione
14. Una volta terminate le modifiche da tastiera, ricordarsi di trasferirle al pc tramite il programma di configurazione delle centrali di allarme
Comelit.
Uscita dal modo programmazione
Per uscire dal modo programmazione è sufficiente premere il tasto C fino ad uscire completamente dai menù, cioè fino a quando sulla tastiera
saranno riportati data ed ora.
Reset delle impostazioni di fabbrica
È possibile resettare la configurazione della centrale a due livelli: un primo livello, definito Parziale, ed un secondo livello, definito Totale.
Il reset Parziale si limita a recuperare i codici della centrale permettendo così di recuperare un impianto di cui siano stati persi tutti i codici
necessari al suo uso e alla sua gestione.
Il reset Totale invece riconfigura a default la scheda centrale, permettendone il riuso come se la stessa fosse appena stata sballata dalla
confezione. Il reset totale si può eseguire solo attraverso il software di configurazione a patto di conoscere sia un codice utente che un codice
installatore. Potrebbe essere necessario eseguire un reset Parziale per recuperare i codici necessari.
Il reset Totale è descritto nelle procedure del manuale di configurazione del sistema.
Reset Parziale (recupero codici)
Il reset Parziale può essere eseguito solo in modo hardware.
Per effettuare un reset Parziale al fine di recuperare i codici Utente e Installatore Master di default, agire come segue:
1. Disalimentare completamente la scheda centrale
2. Inserire un cavallotto sul connettore JP6
3. Alimentare la centrale
4. Attendere che il led DL3 sulla scheda inizi a lampeggiare con cadenza di 1 secondo circa
5. Rimuovere il cavallotto da JP6
6. A questo punto i codici saranno resettati ai valori di fabbrica
37
Mettere la centrale in Stato di Servizio
Questa funzione consente all’installatore di operare in tutta tranquillita sul Sistema VEDO e avere le Uscite Sirena, parte PSTN, parte
GSM, Email tacitate.
La Centrale è funzionante e può essere programmata (tramite Safe Manager) ma non genera nessun evento Allarme.
1. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111)
2. Premere il tasto prog
3. Sulla prima riga del display della tastiera comparirà la scritta “Gest. Impianto”, indicando che si può procedere a visualizzare o modificare le
opzioni dell’impianto
4. Usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare sulla seconda riga del display il menù “COMANDI” e premere il tasto di conferma; sulla
prima riga del display compare la scritta “GENERA COMANDO”
5. Usando i tasti di navigazione alto e basso, selezionare sulla seconda riga l’opzione “ABILITA INSTAL.?” e premere il tasto di conferma; sul
display compare la scritta “COMANDO ESEGUITO”
6. Premere il tasto C fino ad uscire completamente dai menù (cioè fino a quando sulla tastiera saranno riportati ora e data)
7. Immettere dalla tastiera un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
8. Premere il tasto prog
9. Aprire il coperchio della Centrale
10. Inserire il Jumper JP7
» La centrale sarà in servizio fino a quando il Jumper JP7 resterà inserito. Sul display della tastiera si visualizzerà "MANUTENZIONE
PROGRAMMATA!" o "N" su tutte le aree.
Uscita dallo Stato di Servizio
1. Togliere il Jumper JP7.
2. Immettere dalla tastiera un codice utente valido (a default 111111) o un codice installatore valido (a default codice Master 001961)
3. Premere il tasto prog
4. Chiudere il coperchio della Centrale
5. Premere il tasto C fino ad uscire completamente dai menù
Caratteristiche elettriche centrale
Alimentazione nominale
230V~ ± 10% - 50Hz ± 10% 25VA
Assorbimento dalla rete 230V~
(solo alimentatore, centrale e batteria)
0,3 A
Tensione di uscita alimentatore centrale
13,8V DC ± 5% 1,5A max.
Predisposizione batteria
12V 7Ah max.
Temperatura di funzionamento
Da +5°C a +40°C, UR max 90%
Circuito di rivelazione manomissione
A doppio bilanciamento, chiuso su terminazione di valore 1800 ohm (2 resistenze)
Corrente assorbita dalla centrale @13,8 Vdc,
con modulo messaggi, modulo IP attivo ma non conesso e modulo GSM non in trasmissione
180mA
Corrente assorbita dalla tastiera @13,8 Vdc
1) led e LCD spenti 2) led e LCD accesi
1) 30mA
2) 70mA
Corrente assorbita dalla tastiera con lettore RFID @13,8 Vdc
1) led e LCD spenti 2) led e LCD accesi
1) 35mA
2) 75mA
Corrente assorbita dal modulo espansioni I/O a riposo @13,8 Vdc
25mA
Corrente assorbita dal lettore RFID su bus @13,8 Vdc 1) a riposo, 2) led accesi
3) in lettura / scrittura
1) 19mA
2) 24mA
3) 45 / 55mA
Corrente assorbita dal ricevitore radio su bus @13,8 Vdc
1) idle 2) idle e led accesi 3) lettura chiave e led accesi
1) 12mA
2) 18mA
3) 45mA - 55mA max
Valore dei resistori di chiusura linea in doppio bilanciamento
1800 ohm (2 resistenze per circuito)
Valore dei resistori di chiusura linea in triplo bilanciamento (es. allarme + guasto)
1800 ohm (2 resistenze per circuito, più una resistenza da 3300 ohm)
Connessione cavo RS485
V+ BUS
VA
B
(Positivo di alimentazione)
(Negativo di alimentazione)
(Segnale A del bus dati)
(Segnale B del bus dati)
Lunghezza massima del cavo dati
1000m
Uscita a relé
1 scambio pulito, 3A @ 24VDC
Uscite TC
Configurabili come OC od OE, limitate a 100mA
38
APPENDICI
Appendice 1: simbologia ufficiale per sistemi anti intrusione
Appendice 2: tabella resistenza conduttori cavi schermati
FORMAZIONE CAVO SCHERMATO ALLARME
DIAMETRO CONDUTTORE [mm]
RESISTENZA MINIMA OHM PER 1 METRO
RESISTENZA MINIMA OHM PER 100 METRI
n X 0,22 mm2
0,50
0,085
8,5
n X 0,50 mm2
0,80
0,032
3,2
2
n X 0,75 mm
0,90
0,026
2,6
n X 1 mm2
1
0,020
2
n X 1,5 mm2
1,28
0,013
1,3
n X 2,5 mm2
1,65
0,008
0,82
Connessioni agli ingressi e di segnale
Per i segnali bus (A e B) si potrà usare un conduttore di sezione pari a 0,22 mm2.
La resistenza indicata in tabella riguarda un solo conduttore per cui, volendo ad esempio valutare la resistenza supplementare introdotta dal
cavo per una tratta di 100m, occorre raddoppiare la lunghezza. Si dovranno quindi considerare 200m totali di lunghezza del conduttore (100m
andata al punto e 100m ritorno dal punto).
Nel caso di un contatto collegato alla centrale da una tratta di 100m di cavo con struttura “n” per 0,22 mm2, la resistenza totale aggiunta dal
cavo diventa pari a 17 ohm. Nel caso di collegamento ad un ingresso di allarme, 17 ohm non pregiudicano di norma il corretto comportamento
del sistema.
39
Connessioni di alimentazione
Se nel caso appena considerato, la resistenza può essere nella maggior parte dei casi trascurata, maggiore attenzione deve essere posta
quando il cavo debba trasportare alimentazione, in questo caso, infatti, la resistenza potrebbe introdurre una caduta importante ai fini del corretto
funzionamento del dispositivo che si intende alimentare.
Si supponga di avere una tratta di 100m di cavo che alimenta un dispositivo che assorbe 100mA. Analizziamo, usando la legge di Ohm1, le
cadute di tensione per alcune sezioni:
0,22 mm2 :
V=R*I = 17*0,1 = 1,7V
V=R*I = 6,4*0,1 = 0,64V
0,50 mm2 :
V=R*I = 5,2*0,1 = 0,52V
0,75 mm2 :
V=R*I = 4*0,1 = 0,4V
1 mm2 :
Da cui l'importanza del corretto dimensionamento dei conduttori di alimentazione.
Appendice 3: cavo per connessione ad una rete dati
Per collegare il modulo IP della centrale S68 ad una rete dati è necessario passare attraverso un hub o uno switch di rete. La centrale sarà
collegata mediante un cavo di rete in configurazione diritta. In molte occasioni sarà possibile reperire sul mercato un cavo standard di lunghezza
adeguata ma, quando questo non sia possibile, sarà necessario realizzare il collegamento in modo autonomo.
Questo sarà realizzato in cavo UTP CAT5 o migliore.
Il cavo sarà terminato ai due estremi con plug RJ45 con l'ausilio dell'apposito utensile a pinza. Ambedue i plug RJ45 saranno cablati con la
stessa sequenza mostrata in figura.
È importante rispettare rigorosamente i colori dei conduttori mostrato in figura. Il mancato rispetto dei colori potrà tradursi in funzionamento
intermittente o addirittura nullo del collegamento.
Procedura:
3^ edizione 07/2014 cod. 2G40001165
1. Sguainare circa 5 cm di cavo per rendere accessibili le 4 coppie di filo
2. Separare i conduttori delle coppie
3. Stirare i conduttori per raddrizzarli, mettendoli nell'ordine di figura
4. Regolare la lunghezza dei conduttori portandola a circa 12mm
5. Inserire i conduttori come in figura (il connettore è rappresentato come visto dal lato
1
V = R * I. La caduta stimata in Volt è pari al valore di Resistenza totale del circuito, espressa in ohm, moltiplicato il valore della corrente
circolante I, espresso in ampere.
40
Fly UP