...

manuale garda en 14384 tipo c rev.2

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

manuale garda en 14384 tipo c rev.2
GARDA EN
Idrante Soprassuolo
EN14384
Tipo C
MANUALE
INSTALLAZIONE
FUNZIONAMENTO
MANUTENZIONE
“GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384
Tipo C
Informazioni
Informazioni generali
lo scopo dell’installazione di un idrante antincendio è fornire un collegamento alla rete
idrica a cui l’adetto al servizio antincendio possa collegare l’apparecchiatura antincendio.
L’idrante antincendio a colonna soprasuolo è un dispositivo connesso permanentemente ad una rete
idrica in pressione PFA (Massima pressione idrostatica che un componente è in grado di sopportare, in
modo continuo, in servizio)di PN 16 destinato a fornire acqua durante tutte le fasi di un incendio.
L’idrante è costituito essenzialmente da una colonna che emerge dal sottosuolo e sulla quale sono
situati gli attacchi che permettono l’approvvigionamento dell’acqua.
L’idrante viene fornito nei diametri nominali 50, 65(non previsti dalla normativa), 80, 100 e 150, con
uscite laterali a norma UNI, Dn 45(non previsti dalla normativa), 70 e 100; possono essere fornite a
richiesta uscite provviste di attacchi secondo i principali standards esistenti: Storz (standard tedesco)
Dsp (standard francese) Bs 336 (standard britannico) Nh (standard americano).
Le uscite normalmente sono al massimo 4 per ogni idrante (per applicazioni speciali abbiamo idranti che
possono avere anche fino a 8 uscite).
Nella parte interrata è provvisto di una flangia(o di estremità imboccata o a incastro) di attacco alla
condotta principale,(che può essere assiale o laterale) di un otturatore e di uno scarico automatico per lo
svuotamento dell’idrante,in tal caso si difinisce Idrante A Colonna Soprassuolo A Secco.
Viceversa se la colonna dell’idrante rimane piena di acqua si definisce Idrante A Colonna Soprassuolo
A Umido.
L’idrante antincendio a colonna soprasuolo può essere con o senza il sistema di rottura prestabilita.
(La rottura prestabilità deve consentire, in caso di urto accidentale della parte superiore dell’idrante di
staccarsi da quella inferiore senza compromettere la funzionalità dell’drante stesso.)
La combinazione fra Idrante A Colonna Soprassuolo A Secco, A Umido, e con o senza rottura,
stabilisce la seguente designazione. (Come da prospetto1)
Prospetto1
Prospetto2
Tipi
Senza sistema
a rottura
prestabilita
Con sistema
a rottura
prestabilita
Con scarico (a secco)
A
C
Senza scarico (a umido)
B
D
Configurazione ammissibili degli attacchi di uscita.
(Come da prospetto2)
1
“GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384
Tipo C
DESCRIZIONE
Descrizione generale
In base alla nuova normativa “EN 14384” la Ziggiotto ha realizzato (pur volendo mantenere nella
parte estetica il modello precedente “GARDA”) un nuovo idrante denominato “GARDA EN”.
Il modello “GARDA EN” per normativa si classifica di Tipo A e di Tipo C.
In seguito vedremo “GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384 Tipo C
Con rottura preffissata, la valvola rimane chiusa evitando fuoriuscita d’acqua.
Apertura antivandalo; manovra di apertura e chiusura esclusivamente tramite opposita chiave.
Manutentabile con apertura dall’alto senza alcuno scavo, speciali viti di connessione senza dadi.
Sistema di rottura brevettato “Easy Repair”; asta interna ad incastro, ripristino con sola
sostituzione di bussole e O_Ring; manovra della valvola a idrante sezionato utilizzando la chiave
idrante.
Dotato di scarico antigelo che consente lo svuotamento dell’idrante a completa chiusura della
valvola.
Caratteristiche Tecniche
LEGGENDA
1.
2.
3.
4.
IDRANTE A COLONNA
N° 2 USCITE DN70 TAPPO E CATENA
N° 1 USCITA DN100 TAPPO E CATENA
CHIAVE DI MANOVRA (OPZIONALE)
CARATTERISTICHE
•
•
•
•
•
•
•
•
MAX. PRESSIONE DI ESERCIZIO:1,6 MPa
SISTEMA DI ROTTURA “EASY REPAIR”
(BREVETTATO)
PRESSIONE DI COLLAUDO: 2,5 MP
ALTEZZA CORPO FUORI TERRA 670mm
PARTE INTERRATA: 500 - 700 - 1000mm
ALTEZZA BOCCHE: 450mm
FLANGIA D’INGRESSO FORATA COME
NORMATIVA EN 1092-2 PN16
MATERIALE IDRANTE : GHISA EN GJL 250
SECONDO UNI EN 1503-3
VERNICIATURA
•
•
2
ESTERNA: ROSSO RAL 3000 POLVERI
EPOSSIDICHE
INTERNA: NERO POLVERI EPOSSIDICHE
“GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384
Tipo C
INSTALLAZZIONE
L’installazione prevede i seguenti accorgimenti essenziali: Verifica della pressione nominale della
tubazione di alimentazione Posizionamento della tubazione di alimentazione per permettere
il corretto interramento della parte sottosuolo dell’idrante. Verificare la chiusura dell’idrante
prima del posizionamento allo scopo di evitare il deposito di impurità sulle sedi di tenuta
Posizionamento dell’idrante con o senza gomito a piede a seconda del tipo di tubo di sostegno
dell’idrante Posizionamento di abbondante strato di ghiaia per consentire il funzionamento
del dispositivo di drenaggio Alla fine delle operazioni di installazione è necessario effettuare un
abbondante lavaggio per liberare le sedi di tenuta dalle impurità. Non forzare l’operazione di
chiusura della valvola. ‘E necessario un tempo tecnico perché il drenaggio scarichi la colonna o
potrebbero esserci impurità sulla sede di tenuta che impediscono la corretta operazione di tenuta
della sede della valvola. In tal caso effettuare il lavaggio. Per velocizzare l’operazione di scarico
dal drenaggio lasciare aperto almeno un tappo relativo da una uscita laterale
Impianto tipico UNI 10779.
Caratteristiche Tecniche
La profondità della parte interrata
può essere dal calpestio stradale
allo scarico antigelo 300mm
Sufficiente strato di materiale drenante
dovrà essere posato in corrispondenza
dello scarico antigelo per favorire lo
svuotamento dell’idrante.
3
“GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384
Tipo C
FUNZIONAMENTO - MANUTENZIONE
FUNZIONAMENTO
Apertura dell’idrante
Per l’erogazione dell’acqua dalle bocche, dopo aver tolto i tappi, occorre ruotare il dispositivo
di apertura dell’idrante in senso orario sino a fine corsa, determinando la totale chiusura della
valvola di scarico. Per la manovra si consiglia l’utilizzo dell’apposita chiave di manovra. (cod.:
CH0037)
Attenzione: nel caso di apertura parziale l’acqua continuerà ad uscire anche dal foro dello scarico
antigelo.
Chiusura
Per la chiusura si ruota fino a fine corsa in senso antiorario il dispositivo di manovra.
A chiusura avvenuta l’acqua inizierà ad uscire dallo scarico antigelo per svuotare l’idrante. Tale
operazione richiede circa 10 minuti (il tempo varia in funzione del diametro e altezza dell’idrante);
è opportuno lasciare aperto almeno un tappo delle bocchette per facilitare la fuoriuscita
dell’acqua.
Per la chiusura e apertura dell’idrante usare la chiave come da normativa UNI EN 14384 e 14339
onde evitare di esercitare troppa forza e rovinare la valvola di tenuta.
MANUTENZIONE
Di seguito le operazioni di manutenzione ordinaria di cui necessita l’idrante soprassuolo “GARDA
EN” tipo “C” :
• Mettere in funzione almeno una volta ogni sei mesi l’idrante per verificare il perfetto
funzionamento dei componenti .(Apertura, Chiusura, Tenuta)
• Usare la chiave (CH0037) normata per aprire e chiudere l’idrante e i tappi delle bocche di
erogazione.
• In caso di rottura prestabilita,usare il Kit di ripristino “Easy Repair”
• Non usare altre chiavi si potrebbe applicare una forza maggiore tale da rovinare la valvola di
tenuta e quindi compromettere il perfetto funzionamento dell’ idrante.
• Assicurarsi che non ci siano segni di vandalismo sul corpo dell’idrante, che le bocche di
erogazione abbiano i tappi chiusi con la chiave, e che il filetto delle bocche di erogazione non
sia danneggiato.
• Usare i pezzi di ricambio originali (vedi Scheda sezione 1), conttatare il costruttore o fare
eseguire la riparazione da un tecnico specializzato, non smontare o intervenire se non si è
specilizzati.
4
“GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384
Tipo C
SCHEDA SEZIONE
SCHEDA SEZIONE 1
“GARDA EN” Idrante Soprassuolo EN 14384
Tipo C
Disegno: sez-ART2 IT Rev.0.dwg
Codice
Interro
Codice Asta
Codice Asta
DN
Codice Fusioni
Asta L=
Asta L=
Vendita
H=
Pos. 13
Pos. 05
Distinta
Pos.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
ATTENZIONE
In base al numero di uscite, aggiungere alla fine del codice idrante:
06 = uscite 2x70
21 = uscite 2x70 1x100
23 = uscite 3x70 1x100
Descrizione
CORPO INFERIORE
ANELLO X VALVOLA
GUARN. VALVOLA SP.10 _ GOMMA
SUPPORTO VALVOLA
TUBO INFERIORE ADR DN xxx L=xxx
MADREVITE
VITE CHIUSURA IDRANTE NEW ZIG
TRAVERSO DI SOSTEGNO
VITE CON CAVA UNI 5927 M6x18
PENTAGONO MASCHIO ACCIAIO
PENTAGONO FEMMINA ACCIAIO
CORPO SUPERIORE
TUBO SUPERIORE ADR DN xxx DA L=xxxx
AZIONAMENTO CHIUSURA IDRANTENEW ZIG
BUSSOLA
O-RING
O-RING
SPINA ELASTICA Ø8
O-RING
VITE INOX TCEI
RONDELLA TEFLON
VITE ZINC TCEI
COPERTURA FORO DI DRENAGGIO
GUARN. 25X35 SP.10, GOMMA
RONDELLA INOX
VITE T.E. M
VITE BRUGOLA INOX
BOCCOLA DI ROTTURA TITANIO
Q.tà
1
1
1
1
1
1
1
1
2
2
1
1
1
1
1
1
1
4
1
2
2
1
1
1
1
1
4
4
SP2151
80
500
0941
3A0028Z0
517
3A0029Z0
302,5
SP2152
80
700
0941/0942
3A0028Z0
517
3A0030Z0
502,5
SP2153
80
1000
0941/0943
3A0028Z0
517
3A0031Z0
802,5
SP2161 100
500
0951
3A0028Z0
517
3A0029Z0
302,5
SP2162 100
700
0951/0952
3A0028Z0
517
3A0030Z0
502,5
SP2163 100
1000
0951/0953
3A0028Z0
517
3A0031Z0
802,5
SP2191 150
500
0961
3A0041Z0
686
3A0042Z0
285
SP2192 150
700
0961/0962
3A0041Z0
686
3A0043Z0
485
SP2193 150
1000
0961/0963
3A0041Z0
686
3A0044Z0
785
5
Fly UP