...

N. 54 Percezioni nel mondo arabo della crisi siriana e della

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

N. 54 Percezioni nel mondo arabo della crisi siriana e della
Percezioni nel mondo arabo della crisi
siriana e della questione palestinese
n. 54 - maggio 2012
A cura del CeSI (Centro Studi Internazionali)
PERCEZIONI NEL MONDO ARABO DELLA CRISI SIRIANA
E DELLA QUESTIONE PALESTINESE
di Gabriele Iacovino
MAGGIO 2012
Abstract
La crisi siriana, con la sua caratterizzazione settaria, ha influenzato le
dinamiche regionali in maniera profonda, in un post Primavera Araba ancora
segnato dal riposizionamento degli equilibri. In questa maniera lo scacchiere
mediorientale è rimasto diviso in schieramenti che hanno rispettato le
differenze confessionali ed etniche, a cominciare dalla dialettica
sunnismo/sciismo che muove la politica regionale. I Paesi arabi sono così
rimasti chiusi in questi antagonismi, non riuscendo a trovare una via di dialogo
per una soluzione negoziale in Siria.
Parallelamente la Primavera Araba ha solamente lambito la questione
palestinese. In uno scenario dominato dal cambiamento e dalla modifica degli
equilibri costituiti, le dinamiche palestinesi sono rimaste ai margini, chiuse
dalle divisioni interne e dalle difficili relazioni con i Paesi arabi.
INDICE
La crisi siriana ...................................................................................... Pag. 3
Riflessi sui Paesi arabi .......................................................................... “
4
Ripercussioni della Primavera Araba sul panorama
politico palestinese................................................................................. “
8
Il mondo arabo e le dinamiche palestinesi .......................................... “
10
Conclusioni ............................................................................................ “
12
3
La crisi siriana
Quella che in Siria era partita come una protesta popolare portata avanti
dalle componenti della popolazione più ostili al regime di Assad sull’onda della
cosiddetta Primavera Araba, si è trasformata in una guerra civile. La centralità
geografica del Paese nello scacchiere mediorientale, la sua complessa struttura
etnica e confessionale e il ruolo storico assunto negli ultimi cinquanta anni
hanno fatto sì che tutto ciò che è accaduto in Siria non sia rimasto all’interno
dei confini, ma abbia avuto un inevitabile riverbero in tutta la regione. E la
violenza con cui il regime di Bashar Assad ha represso l’opposizione al suo
regime ha immediatamente mobilitato la comunità internazionale. Questo ha
moltiplicato l’importanza del palcoscenico siriano in un momento in cui la
stragrande maggioranza della popolazione dei Paesi a maggioranza araba si
sollevava contro i propri governi. Il fatto, poi, che la crisi si potesse facilmente
riassumere (banalizzandola) secondo lo schema di un regime alawita (ramo
della dottrina sciita dell’Islam), alleato dell’Iran, che reprime nel sangue la
ribellione della popolazione siriana di religione sunnita, ha, di conseguenza,
spostato la crisi su un piano “regionale”. Infatti, quello della dialettica
sunnismo/sciismo interna all’Islam, altro non è che l’asse principale su cui si
articola lo scontro tra potenze nella regione. Sulla crisi siriana, dunque, ha
avuto un notevole impatto il confronto tra Arabia Saudita, da una parte, con il
seguito di monarchie sunnite del Golfo, Qatar in primis, e Iran, dall’altra, che
con la caduta del regime di Assad vedrebbe il proprio asse sciita nell’area di
molto indebolito.
In questo modo, gli avvenimenti siriani, in un post Primavera Araba ancora
segnato da un riposizionamento degli equilibri, hanno influito sull’intera
regione, sia nelle relazioni tra i vari Paesi sia nei vari scenari interni.
4
Riflessi sui Paesi arabi
Uno dei Paesi del mondo arabo più attivi nella crisi siriana è stato,
sicuramente, l’Arabia Saudita. Il supporto dato alla ribellione siriana, però, è
stato in forte contrasto con l’atteggiamento di condanna tenuto dalle autorità di
Riyadh nei confronti degli avvenimenti tunisini ed egiziani o del supporto
contro-rivoluzionario dato alla monarchia bahreinita. Le posizioni assunte sulla
Siria possono essere spiegate principalmente per due ordini di motivi. In primo
luogo, dal punto di vista interno, il supporto dato ai sunniti siriani è di
fondamentale importanza per gli equilibri tra la Casa regnante dei Saud e il
clero wahabita. Ergendosi, nuovamente, a paladini della causa sunnita, le
autorità di Riyadh hanno dato nuova linfa alla centralità del proprio ruolo in
difesa dell’Islam, in modo tale da ribadire le proprie credenziali in ambito
religioso per tenere a bada la crescita di influenza da parte della componente
wahabita. Inoltre, la tematica della difesa globale del “vero” Islam, aiuta a
distogliere l’attenzione nei confronti delle questioni interne al Regno, con un
malcontento crescente per la corruzione, la disoccupazione e la periodica serie
di repressione e arresti.
In secondo luogo, la questione siriana diventa per Riyadh di fondamentale
importanza nel gioco delle influenze regionali. Dopo aver perso mordente
sull’Iraq, con il rafforzamento della figura di Maliki, e sul Libano, con la fine
del Governo Hariri, e con la sempre più rampante politica regionale qatariota
che potrebbe delegittimare il ruolo saudita, le autorità del Regno vedono nella
crisi siriana un’ottima possibilità per ampliare la propria sfera di influenza,
sottraendo un alleato strategico al nemico iraniano.
In questo modo si può giustificare il protagonismo dell’Arabia Saudita, una
posizione, ad esempio, diametralmente opposta rispetto a quella assunta nei
confronti della guerra in Libia, quando le autorità di Riyadh si sono mantenute
totalmente ai margini della vicenda. In Siria, invece, dopo una fase iniziale in
cui Riyadh ha fatto sentire forte la sua voce in sede di Lega Araba per cercare
di trovare una soluzione diplomatica condivisa, la posizione saudita ha preso
una direttrice propria. In corrispondenza della riunione degli “Amici della
Siria” nel mese di febbraio a Tunisi, l’Arabia Saudita si è fatta promotrice
dell’idea di armare direttamente i ribelli siriani del Free Syrian Army (FSA),
scartando, in questo modo, l’ipotesi di una soluzione negoziata e spingendo per
un innalzamento del livello di scontro.
Su questa opzione, a fare da eco al Regno saudita è stato l’Emirato del
Qatar, che, in quella prospettiva di ampliamento del proprio ruolo regionale,
inaugurata su vasta scala in occasione della guerra in Libia, non ha perso
l’occasione per irrompere da protagonista nell’agenda politica della crisi
siriana. Nell’ottica qatariota, il riflesso della dinamica sunnismo/sciismo entra
marginalmente, laddove le autorità di Doha sono sembrate, invece,
maggiormente intenzionate a sfruttare i cambiamenti derivanti dalla Primavera
5
Araba a proprio favore. Con una notevole stabilità interna e ingenti ricchezze
finanziarie derivanti dalle risorse naturali, il Qatar ha ribadito la sua politica di
influenza regionale. Nella crisi siriana, però, al contrario di quanto avvenuto
per la guerra libica, il Qatar ha giocato un ruolo di secondo piano rispetto
all’Arabia Saudita a dimostrazione del maggiore peso strategico che Ryiadh
continua ad avere quando decide di affrontare in prima persona le questioni.
Inevitabilmente, la crisi siriana ha visto anche le reazioni di quei Paesi che
più di altri sono stati investiti dagli effetti della Primavera Araba. Tunisia,
Egitto e Libia, tutti Paesi che stanno affrontando una difficile transizione postregime, si sono trovati uniti nello spingere per una soluzione “araba” alla
questione siriana, allontanando fermamente la possibilità di un intervento
straniero nel Paese. Di questi tre Paesi, comunque, quello che più si è
avvicinato in passato a vivere una situazione molto simile a quella siriana è
stata, sicuramente, la Libia, con la sua ribellione sfociata in guerra civile.
Questa similitudine si è tramutata, fin da subito, in un appoggio incondizionato
delle nuove autorità libiche al Consiglio Nazionale Siriano, organo istituito per
cercare di raggruppare tutti i movimenti di opposizione al regime di Assad,
riconosciuto quale unico legittimo rappresentante del popolo siriano solo dal
nuovo governo libico. Inoltre, l’esperienza nella guerra libica è stata condivisa
con la leadership del Free Syrian Army da uno dei capi più carismatici delle
milizie che hanno animato la resistenza a Gheddafi, Abdelhakim Belhadj.
Leader islamista che ha avuto un’importanza determinante nel combattere l’ex
Rais, Belhadj a fine novembre 2011 si è recato in Turchia per incontrare il
comando del Free Syrian Army, per far sentire la propria vicinanza alla causa
siriana.
Se si passa, poi, ad analizzare gli effetti degli avvenimenti siriani nei Paesi
confinanti, questa disamina non può che partire dal Paese che più di tutti risente
di ciò che accade a Damasco: il Libano. Le divisioni all’interno del panorama
politico libanese, che seguono quelle linee confessionali su cui, di fatto, si basa
la crisi siriana, sono state esacerbate dai risvolti della Primavera Araba. I cambi
di regime in Tunisia ed Egitto sono stati salutati con entusiasmo dallo
schieramento dell’8 marzo, coalizione politica filo-siriana tra le cui fila spicca
il partito di Hezbollah, alleato del regime di Damasco. Perché, in primo luogo,
gli esponenti di questa coalizione, che, al momento, rappresentano la forza
principale su cui si basa il Governo Mikati, hanno visto, con la caduta di Ben
Alì e Mubarak, il venir meno di quei regimi filo occidentali, promotori di una
politica di “normalizzazione” nei confronti di Israele alla quale, per primo
Hezbollah, si sono sempre opposti. E in secondo luogo, perché le
manifestazioni popolari, a loro detta, hanno posto fine ad un sistema di
dispotismo e corruzione che teneva sotto scacco le popolazioni di questi Paesi.
Quando, poi, è scoppiata la crisi siriana, però, queste considerazioni hanno
perso di consistenza, e il giudizio sulla rivolta della popolazione siriana è stato
6
di condanna poiché metteva a repentaglio la stabilità di un regime “giusto”. Di
fatto, la stessa leadership di Hezbollah, nonostante le serie difficoltà a
giustificare la repressione di un regime nei confronti della propria popolazione,
non ha mai fatto mancare il proprio sostegno ad Assad, contro quella che, a
detta delle parole dello stesso leader del Partito di Dio, Hassan Nasrallah, è
sembrata essere una rivolta organizzata da Stati Uniti e Israele.
D’altro canto, però, questo “bifrontismo” è riscontrabile anche nella
coalizione del “14 marzo”, ora all’opposizione, nata nel 2005 all’indomani
della morte dell’ex Primo Ministro Rafic Hariri per raggruppare tutte quelle
entità politiche libanesi che si opponevano alla presenza siriana nel Paese.
Leader della coalizione è il figlio di Hariri, Saad, anch’egli ex Primo Ministro,
e da sempre fermo oppositore delle ingerenze di Damasco sulla politica del
Paese dei Cedri. Rappresentanti di un “liberalismo” arabo, ma anche di
posizioni filo-saudite, gli esponenti di questo schieramento sono rimasti in
silenzio davanti alle proteste tunisine ed egiziane, ammonendo che una caduta
di quei regimi avrebbe portato all’islamizzazione di quei Paesi, con inevitabili
conseguenze per i diritti civili e le libertà religiose delle minoranze. Di segno
diametralmente opposto le reazioni alle proteste siriane, salutate come il
naturale sviluppo della Rivoluzione dei Cedri libanese. Lo stesso Saad Hariri,
durante le commemorazioni per la morte del padre, ha espresso la propria
estrema vicinanza alla popolazione siriana che si è ribellata ad Assad.
A prescindere dalle reazioni politiche, però, gli avvenimenti siriani hanno
inevitabilmente influito negativamente sulla stabilità interna libanese. In primo
luogo, perché una parte del Free Syrian Army ha trovato nel territorio libanese,
soprattutto nella regione settentrionale, un retroterra logistico dal quale far
partire gli attacchi nei confronti dei lealisti e ottenere armi attraverso le vie del
contrabbando. Tale situazione ha provocato non pochi problemi per la
sicurezza del Paese dei Cedri, le cui autorità hanno rafforzato il controllo delle
frontiere e, in parte, minato il confine settentrionale. In secondo luogo, poi, le
divisioni settarie siriane si sono riflesse sul difficile equilibrio interno libanese,
già evidenziato, in precedenza, dalla diversità di reazioni politiche. Questa
tensione, in alcuni casi, è sfociata in violenti scontri tra sostenitori di Assad e la
componente sunnita della popolazione libanese, come quelli avvenuti a Tripoli
a metà del mese di maggio, tra milizie alawite e sunnite, dopo l’arresto di Shadi
al-Mawlawi, islamista sunnita, accusato di essere a capo di un network
terroristico che supporta i ribelli siriani. I suoi sostenitori, però, hanno risposto
alle accuse, definendole strumentali per l’aiuto dato da Mawlawi ai profughi
siriani accolti in Libano.
Anche a Baghdad si è sentita l’onda lunga degli eventi siriani. Ed essendo lo
stesso Iraq un Paese profondamente diviso lungo quelle dinamiche etniche e
confessionali che ritroviamo in Siria. I rapporti tra Damasco e Baghdad nel
post-Saddam non sono stati idilliaci. Nonostante la leadership alawita siriana
7
potesse trovare in un Iraq dominato dalla maggioranza sciita un naturale
alleato, il regime di Assad non ha perso tempo nel dare supporto e ospitalità a
molti esponenti del vecchio regime, in una mossa che è stata dettata più dal
legame dettato dalla comune radice baathista e da un interesse strategico,
piuttosto che dalla vicinanza confessionale. Inoltre, la Siria, nel corso
dell’insorgenza irachena, era divenuta un importante snodo di supporto al
network terroristico attivo in Iraq. Questo atteggiamento di Damasco ha così
imposto una totale freddezza da parte delle autorità del nuovo Iraq nei confronti
del vicino siriano. Tali posizioni sono state ribaltate dalle proteste popolari
siriane e dalla successiva ribellione. I rapporti tra i due Paesi sono passati
dall’essere impostati su articolati bizantinismi tattici ad essere riorientati su
linee religiose. La leadership sciita di Baghdad ha, infatti, timore che la
ribellione siriana si ripercuota sulla componente sunnita irachena, con evidenti
conseguenza per la sicurezza interna.
Tutto ciò, oltre a destabilizzare ulteriormente il già precario equilibrio
interno iracheno, potrebbe avere dei risvolti a seconda della strada che la Siria
imboccherà. A prescindere da questo, poi, un altro fattore importante è la
porosità del confine tra i due Paesi, che già in passato è stato utilizzato da
compagini terroristiche di stampo sunnita per operare in Iraq e che ora potrebbe
tornare utile per gli approvvigionamenti dalle province occidentali irachene,
sunnite, in supporto dei ribelli siriani. Nel caso di un’ulteriore escalation di
violenza in termini terroristici la zona di frontiera diventerebbe una regione ad
alto rischio per entrambi i Paesi.
Nel quadro più generale della crisi siriana, poi, il Paese, nel mondo arabo,
che ha più risentito della pressione dei profughi siriani è la Giordania. Ad un
anno dall’inizio degli scontri in Siria, il numero di profughi giunti in Giordania
ha ormai superato le 100.000 unità ed è diventato fonte di preoccupazione per il
governo di Amman. Infatti, non solo un numero così alto di profughi può
mettere a repentaglio l’equilibrio interno giordano, sempre più instabile vista le
pressione demografica della popolazione palestinese. Ma, anche, il fatto che i
profughi siriani provengano dalla parte meridionale del Paese, dove è più forte
la resistenza sunnita, potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza stessa della
Giordania con il prosieguo della ribellione. Ad esempio, vari arresti sono stati
compiuti nella regione settentrionale del Paese nei confronti di siriani accusati
di spionaggio a favore del regime di Bashar Assad. Secondo le accuse, i siriani
arrestati, che avevano dichiarato di essere soldati disertori ed oppositori di
Assad, si erano introdotti in territorio giordano per riferire delle attività dei
connazionali profughi e, in particolare, dei 400 militari ospitati in un campo
speciale nei sobborghi di Mafraq. L’operazione di polizia, effettuata grazie al
sostegno del GID (General Intelligence Directorate), ha mostrato la posizione
della Monarchia rispetto alla crisi siriana. Infatti, Re Abdullah era stato il primo
Capo di Stato straniero a chiedere al Presidente Assad di dimettersi ed
8
accogliere le richieste delle opposizioni. Al di là delle presunte simpatie per i
ribelli siriani, le dichiarazione del Re hanno sempre avuto lo scopo sia di
allontanare l’attenzione internazionale dalle proteste giordane sia di
promuovere una linea negoziale per stabilizzare la Siria ed evitare ripercussioni
sul fronte interno.
Ripercussioni della Primavera Araba sul panorama politico
palestinese
L'avvento della Primavera Araba ha avuto un enorme impatto su Hamas, il
movimento islamista palestinese, che ha visto aumentare considerevolmente la
sua libertà d'azione e ha trasformato i rapporti con alcuni dei suoi più influenti
interlocutori nella regione. I legami con Damasco e Teheran, fondamentali
sponde logistiche e finanziarie per il gruppo, sono infatti in balia della sempre
più tragica situazione interna siriana e delle sue implicazioni non solo per la
sopravvivenza del regime di Assad, ma per la reputazione della stessa Hamas,
organizzazione sunnita che difficilmente può giustificare le violenze del
patrono alawita nei confronti della maggioranza sunnita del Paese.
Le due figure al vertice dell'organizzazione, Khaled Meshaal, Direttore
dell'ufficio politico, con sede a Damasco, e Ismail Haniyeh, leader di Hamas a
Gaza, da tempo hanno delle differenze. Negli ultimi tempi più di una frattura si
è aperta tra il gruppo all’estero e quello residente a Gaza, principalmente sulla
linea da seguire nei confronti della resistenza ad Israele, con Meshaal che ha
appoggiato la via della “resistenza popolare”, più pacifica rispetto a quella
armata professata da alcuni membri di Hamas nella Striscia, e la riconciliazione
con Fatah, rispetto alla quale voce contraria proviene da Gaza.
Molte di queste spaccature sono scaturite dalla differente collocazione delle
rispettive fazioni, una nella Striscia, su cui pende costantemente la spada di
Damocle della soverchiante forza militare israeliana, e una dal 1999
comodamente insediatasi nella capitale siriana, legata a doppio filo al regime di
Bashar Assad e dunque bene al riparo dalle problematiche che caratterizzano la
vita di molti palestinesi tanto nella Striscia, quanto in uno qualsiasi dei tredici
(tra ufficiali e non ufficiali) campi profughi palestinesi in territorio siriano.
Anche se, dopo l'attentato a Meshaal del 1997, i leader all’estero hanno
svolto un ruolo più importante nel fornire la copertura politica e i fondi al
movimento, (accrescendo la loro influenza rispetto ai leader a Gaza), oggi, la
rivolta siriana ha ridimensionato la loro flessibilità, e li ha costretti a cercare
una nuova sistemazione al di fuori della Siria. Ironicamente era stato proprio
l'accoglienza da parte del regime di Assad (con i buoni auspici dell'alleato
iraniano) nel 1999 (dopo l'espulsione dalla Giordania) a dare a Meshaal una
base sicura per le sue attività oltreché ad assicurare al gruppo fondi ed armi da
impiegare contro Israele. La leadership all’estero si è trovata in una posizione
difficile, consapevole del fatto che il principale referente ideologico di Hamas,
9
sono i Fratelli Musulmani, i quali, come gli stessi palestinesi, hanno appoggiato
senza riserve la rivolta siriana. Allo stesso tempo, uno dei principali punti
deboli dei leader all’estero è stata la loro minore capacità di fornire fondi per il
movimento. L’Iran ha infatti ridimensionato il suo sostegno finanziario al
gruppo come rabbiosa risposta alla posizione mantenuta dalla leadership di
Hamas all’estero nei confronti delle violenze. Teheran, difatti, si sarebbe
aspettata che Hamas avrebbe adottato una posizione simile a quella di
Hezbollah, divenuto una sorta di portavoce del regime siriano e un difensore di
Damasco.
La primavera araba ha dunque indebolito la leadership all’estero, poiché la
vittoria dei movimenti islamisti alle recenti elezioni in molti Paesi arabi ha
contribuito ad allentare l'isolamento politico di Hamas a Gaza, facendo venir
meno uno dei principali compiti dei dirigenti di Hamas all’estero, che è sempre
stato quello di aggirare le implicazioni di questo isolamento. Emblematico a
questo proposito è stato il recente tour estero di Ismail Haniyeh in diversi Stati
arabi.
La crisi siriana ha spinto i due leader a palesare pubblicamente per la prima
volta la loro sempre più accesa rivalità, come dimostrato dalle destinazioni
diverse per cui si sono imbarcati (a proposito della rinnovata libertà di
movimento di Hamas). Se Haniyeh si è recato in Egitto, nel Golfo ed in Iran,
nel suo primo viaggio all'estero in oltre un anno, alla ricerca di quel consenso
internazionale (ivi incluso della maggioranza dei palestinesi, quella che vive in
esilio all'estero) che gli è sempre mancato, lo ha fatto proprio per mettere
Meshaal alle strette. Questi, trinceratosi sin dallo scoppio della rivolta in Siria
in un silenzio che gli è costato molti consensi, ha capito di non poter difendere
la sua posizione da Damasco, e ha così preso la decisione di spostare la sede
dell'Ufficio Politico a Doha, capitale di un Qatar già artefice dell’accordo tra
Fatah e Hamas ed emerso negli ultimi tempi come principale sostenitore
politico ed economico della Primavera Araba.
Haniyeh, dal canto suo, si è recato in visita in Iran, fondamentale
finanziatore di Hamas, spiazzato però dal rifiuto del movimento di sostenere
l'alleato siriano. Secondo alcune fonti, a partire dall'agosto 2011, queste
differenze avrebbero provocato la sospensione dei fondi verso la Striscia, quasi
paralizzando le attività dell'esecutivo di Gaza. Secondo stime non ufficiali
l'Iran fornisce aiuti per decine di milioni di dollari ad Hamas e senza quei fondi
il movimento non è in grado di pagare i salari dei 45mila impiegati
nell'amministrazione locale. In quest'ottica, se si pensa al supporto per le
vecchie e nuove formazioni politiche che hanno prevalso nelle varie tornate
elettorali post Primavera Araba accordato dai Regni del Golfo, si può capire
come la scelta di Meshaal di trasferirsi a Doha rientri non solo nell'ottica di
trovare nuovi patroni, ma in un più ampio quadro strategico che coinvolge il
panorama politico dell’intera regione.
10
Il cambiamento potrebbe avere una portata storica, perché lasciare Damasco
per Hamas significa allontanarsi dall’Iran, Paese con cui, di fatto, era stata
stretta una alleanza tattica di primaria importanza per il movimento palestinese,
e per lo stesso Iran, ma che rimaneva un unicum difficilmente spiegabile
ideologicamente. Infatti la Repubblica Islamica, sciita, ha appoggiato la causa
di Hamas, movimento sunnita finanziato in precedenza dai Paesi Golfo,
soprattutto in chiave anti-israeliana, per portare, cioè, ai confini di Tel Aviv un
ulteriore minaccia oltre a quello dell’affiliato Hezbollah.
Come accennato, infatti, le radici spirituali, oltre che politiche, di Hamas
sono da ricercarsi nella Fratellanza Musulmana, ovvero la principale
organizzazione islamista arabo-sunnita, e non nella teocrazia sciita istituita da
Khomeini in Iran nel 1979. In una regione sempre più animata dalla frenetica
rivalità fra potenze sunnite e una Repubblica Islamica in piena ascesa
strategica, Hamas ha dovuto in questi anni sopportare l'imbarazzo di essere
associato sia con Teheran, sia con il regime alawita (eresia dello sciismo) di
Assad, da sempre unico stato arabo allineato all'Iran. A riprova di ciò, al di là
del sostegno finanziario e militare proveniente dall'Iran, Hamas ha infatti
vigilato attentamente che insieme ai razzi e alle ventiquattrore stipate di
contanti non sbarcassero nella Striscia anche i semi del pensiero teologico
sciita, nei confronti del quale, come si confà a qualunque movimento islamista
sunnita, non vi è alcuna tolleranza.
Il fatto che a marzo il numero due di Hamas a Gaza, Mahmoud Zahar, abbia
affermato che il movimento non attaccherebbe Israele nel caso di una guerra
contro l'Iran, potrebbe essere interpretato alla luce del riorientamento del
gruppo islamista palestinese. In precedenza, come avvenuto durante la guerra
del 2006, Hamas era considerata una pedina su cui Teheran poteva contare per
fare pressione su Israele, alla stregua, con le dovute proporzioni, di Hezbollah
nel Libano del Sud. Le dichiarazioni di Zahar potenzialmente scardinano,
dunque, quell'innaturale asse Teheran - Gaza che tanto preoccupava non solo
Israele ma anche la Fratellanza Musulmana e le elite arabo-sunnite della
regione.
Il mondo arabo e le dinamiche palestinesi
Ad ogni modo, nonostante l'abbandono di Meshaal della sede di Damasco,
ufficialmente a Gaza funzionari del movimento insistono che le loro posizioni
sono esclusivamente in favore della popolazione siriana e non "anti-Assad". La
ragione principale dietro questa coltrina di retorica è che Hamas non vuole
rischiare una ripetizione di ciò che accadde in Kuwait nel 1990 quando Arafat
professò il suo sostegno per Saddam e l'Emiro al-Sabah al suo ritorno espulse
450mila palestinesi dal Paese. In Siria mezzo milione di profughi palestinesi,
fino ad ora non colpiti dalle violenze, potrebbero infatti fare le spese delle
posizioni critiche adottate da Hamas nei confronti del regime.
11
Con la partenza da Damasco di Khaled Meshaal, poi, sembra chiaro che il
Qatar intenda ritagliarsi il ruolo di nuovo sponsor e patrono di Hamas, in linea
con il grande attivismo evidenziato nel corso degli sconvolgimenti politici che
hanno tenuto banco nella regione in questi mesi. Per altro, la protezione
accordata al movimento islamista palestinese si inserisce nel solco del supporto
a svariate realtà politiche con radici nell'Islam conservatore che Doha ha
sempre portato avanti. In questo senso, il Qatar con la sua immensa ricchezza e
le sue palesi ambizioni diplomatiche potrebbe fare proprio al caso di Hamas.
L'emiro del Qatar ha già elargito fondi a profusione per la ricostruzione a Gaza
dopo l’operazione Piombo Fuso del 2008/2009 e non avrebbe problemi a
sopperire all'ammanco di fondi sia derivante dal boicottaggio iraniano di
Hamas, sia da un ipotetico embargo finanziario dell'ANP da parte degli USA
nel caso Hamas e Fatah si riconciliassero. A riprova della forte volontà con cui
l'Emiro al-Thani vuole legarsi alla causa palestinese, il Paese del Golfo ha
offerto come incentivo per la firma dell'accordo tra le due fazioni rivali
palestinesi fino a 2 miliardi di dollari in aiuti a entrambi.
In confronto l'atteggiamento di altri Stati arabi è stato meno incoraggiante.
Nella prima visita di Meshaal in Giordania dalla sua espulsione nel 1999, il Re
Abdallah lo ha accolto con molta freddezza e questo incontro pare sia stato
determinante per la scelta di Doha come sede dell'Ufficio Politico. La
Giordania, con l'80% della popolazione di origine palestinese ed un trattato di
Pace con Israele firmato nel 1994 dal padre di Re Abdallah, Hussein, è sempre
guardinga nel gestire i suoi rapporti con entità politiche palestinesi, essendo
storicamente più d'una volta ricorsa alle maniere forti contro di essi in difesa
della autonomia e della sovranità del Regno Hashemita. Per queste ragioni i
giordani sono da sempre suscettibili alle provocazioni israeliane che
retoricamente individuano nel Paese arabo la "migliore chance" per i
palestinesi di avere uno Stato proprio.
Per quanto riguarda l'Egitto, culla della Fratellanza Musulmana, il Paese
rimane, nonostante la caduta di Mubarak, il principale trait d'union e snodo
diplomatico sia per i negoziati con Israele, sia per la questione della duplice
frattura Hamas-Fatah e Meshaal-Haniyeh. In questo contesto, la leadership a
Gaza di Hamas, galvanizzata dal fallimento dei colloqui Nethanyahu-Abbas e
dallo stallo nell'accordo di riconciliazione con Fatah siglato da Meshaal, vede
convalidata la sua propensione per la linea dura e, alla luce della vittoria di
fazioni islamiste sulla scia della primavera araba, si sente spalleggiata dai
cambiamenti storici in atto. Haniyeh e Zahar ritengono che il contesto regionale
oggi non permetterebbe mai la ripetizione di quanto avvenuto nel 2008/2009,
quando l'offensiva israeliana, per fermare i lancio di razzi dalla Striscia, fece
1400 morti. Peraltro, cercando di mantenersi fedele alla linea intransigente nei
confronti di Israele, Hamas vorrebbe consolidare il suo controllo degli equilibri
interni a Gaza e indebolire le posizioni oltranziste dei gruppi più estremisti
12
attivi nella Striscia. Tuttavia potrebbe trattarsi di una lettura prematura del
contesto geopolitico mediorientale. D'altro canto, infatti, non è chiaro quanto
la Fratellanza Musulmana, che potenzialmente si trova alla soglia del potere,
intenda comprometterla incondizionatamente sostenendo Hamas nella sua
escalation contro Israele. In questo contesto Meshaal, che pur se residente a
Doha ha fatto insediare il suo vice, Moussa Abu Marzouk, al Cairo, è bene al
corrente degli stretti spazi di manovra della Fratellanza Musulmana e con la
maggior flessibilità delle sue posizioni potrebbe chiaramente rappresentare un
partner meno scomodo per il gruppo.
Quel che è certo, è che con la progressiva perdita di ascendente dell'Iran su
Hamas e il graduale rientro “dell'anomalia” che per anni aveva visto la
Repubblica Islamica sciita come primo sostenitore del gruppo, il peso
dell'Egitto nella questione palestinese andrà aumentando, specie alla luce della
caduta di Mubarak. Il rinnovamento politico in atto in Egitto e altrove nella
regione potrebbe anche fungere da pungolo per incoraggiare Hamas a superare
posizioni di intransigenza che oggi sembrano divenuti limiti allo sviluppo del
movimento come un vero partito di "respiro nazionale". In questo senso, il
grande ascendente su Hamas dei Fratelli Musulmani nell'Egitto post-Mubarak
potrebbe essere determinante.
Conclusioni
La crisi siriana, come visto, sta avendo delle inevitabili ripercussioni in tutta
la regione mediorientale. Le linee di divisione su cui si basa lo scontro tra il
regime di Assad, il Consiglio Nazionale Siriano e il Free Syrian Army sono le
stesse che si ritrovano nelle questioni interne di quasi tutti i Paesi dell’area e
che, comunque, muovono la dialettica di politica tra le potenze regionali. Ciò
porta a numerose complicazioni nella ricerca di una soluzione diplomatica
credibile che non veda un intervento significativo dei Paesi occidentali. Ma in
questo momento, i protagonisti arabi rimangono chiusi in una spirale di diatribe
interne e reciproci veti che, ancora una volta, sta dimostrando, ad esempio, la
poca vitalità di un’organizzazione come quella della Lega Araba.
Per quanto riguarda la questione palestinese, poi, la mancanza di unitarietà è
stata esacerbata dalla Primavera Araba che ha trovato le componenti
rappresentative palestinesi, Fatah e Hamas, impreparate a gestire i cambiamenti
epocali in corso nella regione. Inoltre, soprattutto le violenze in Siria e la
mancanza di chiarezza per il futuro del Paese, derubricano, nuovamente, la
questione palestinese a questione secondaria dell’agenda politica
internazionale. Tale circostanza ha messo in evidenza, nuovamente, i
controsensi dell’approccio dei Paesi arabi nei confronti di una tematica, quella
palestinese, che dovrebbe avere un importanza fondamentale in un periodo di
grandi cambiamenti come quello attuale.
n. 41
n. 42
n. 43
n. 44
n. 45
n. 46
n. 47
n. 48
n. 49
n. 50
n. 51
n. 52
n. 53
Forze armate in transizione: il caso di Gran Bretagna, Francia e Germania (IAI – settembre 2011)
Il Libano tra instabilità interna e influenze esterne (CeSI – ottobre 2011)
La crisi nel Corno d’Africa (CeSPI – novembre 2011)
La pirateria: che fare per sconfiggerla? (IAI – dicembre 2011)
Finanziare la competitività dell'UE. Europa 2020, il quadro finanziario pluriennale e le sfide per l'Italia (ISPI
dicembre 2011)
l’Italia e l’America latina. Insieme verso il futuro (CeSPI – gennaio 2012)
L’eccezione Algeria e le possibili evoluzioni dello scenario (CeSPI – febbraio 2012)
Cambiamenti climatici: il quadro dopo Durban (CeSPI - febbraio 2012)
I temi della 56a sessione della Commissione ONU sulla condizione delle donne (CeSPI - febbraio 2012)
Il dibattito sulle prospettive dell’UE e dell’EURO in Germania, Francia, Regno Unito e Spagna (ISPI- IAIfebbraio 2012)
I riflessi del ritiro americano sulla politica irachena (CeSI - marzo 2012)
La Libia dopo Gheddafi (ISPI - CeSPI - marzo-aprile 2012)
Il quadro finanziario pluriennale (QFP) e l’Italia (ISPI - maggio 2012)
Le opinioni riportate nel presente dossier sono riferibili esclusivamente all’Istituto autore della ricerca.
Coordinamento redazionale a cura del:
Senato della Repubblica
SERVIZIO STUDI
Tel. 06.67062629 - e-mail: [email protected]
SERVIZIO AFFARI INTERNAZIONALI
Tel. 06.67062989 - e-mail: [email protected]
Fly UP