...

"Mi dispiace perché ora succede l`inferno" Flamia

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

"Mi dispiace perché ora succede l`inferno" Flamia
LE RIVELAZIONI
"Mi dispiace perché ora succede l'inferno"
Flamia conosce i segreti dell'omicidio Nangano
Sabato 23 Novembre 2013 - 06:15 di Riccardo Lo Verso
Il neo pentito di Bagheria sta svelando i restroscena di tanti
omidici. A cominciare da quello di Francesco Nangano,
crivellato di colpi per le strade di Brancaccio.
PALERMO - Una domenica mattina a Bagheria. A bordo di una Smart viene intercettata una
conversazione. “Minchia mi dispiace di questo che hanno ammazzato”. Non è una domenica
qualunque. Il giorno prima hanno crivellato di colpi Francesco Nangano per le strade di Brancaccio.
A parlare dell'omicidio è Sergio Flamia, mafioso bagherese e nuovo collaboratore di giustizia. Che
aggiunge: “Mi dispiace prima per lui e secondo perché ora succede l’inferno”.
Si riferiva alla reazione degli investigatori oppure ad una possibile guerra di mafia? C'è un
dato certo: Flamia e la vittima si conoscevano personalmente. Ecco perché il neo pentito potrebbe
conoscere i segreti di uno dei più recenti delitti di mafia commessi a Palermo. Uno dei tanti di cui
ha notizie. Indirettamente o direttamente, per avervi partecipato in prima persona.
Un mese dopo l'omicidio Nangano il collaboratore di giustizia ei Ficarazzi, Stefano Lo Verso,
di Flamia racconta che “fa parte della famiglia mafiosa di Bagheria. … da una vita...”. Di lui si
ricorda bene perché “nel 2004 l’ho conosciuto di presenza che me lo portò al deposito Giuseppe
Comparetto... e dove Sergio Flamia doveva fare degli interventi diciamo, facendo parte della
famiglia mafiosa di Bagheria vicino a Onofrio Morreale… dovevano commettere un omicidio dove
doveva essere partecipe pure lui, che dovevano uccidere Nicola Mandalà a Bagheria e a quella
riunione c’era pure Sergio Flamia, Onofrio Morreale e Giuseppe Comparetto che dovevano essere
le persone che dovevano attaccare a Nicola Mandalà”.
E non è tutto, perché Lo Verso ricorda che “alla riunione del 2004 c’era presente pure lui
quando ci fu la riunione che erano tutti armati, pronti per fare la guerra con i villabatesi e per
uccidere… il primo da uccidere doveva essere Gino Mineo”. Un progetto omicidiario non andato in
porto. Mineo sarebbe stato arrestato nel 2008.
Ma Lo verso parla anche di delitti commessi. Dice di avere saputo da Comparetto che “lui
(Flamia ndr) aveva commesso diversi delitti in compagnia di Onofrio Morreale... mi diceva che
aveva commesso il delitto... quando ci fu alla Matrice che uccisero Nino il Carabiniere, Scaduto,
dice che fu Sergio Flamia… dice: mio padrino e Sergio Flamia, avevano la barba, il cappellino, non
li ha riconosciuti nessuno... e altri omicidi fra cui il Comparetto mi diceva che avevano ucciso un
tale una volta, si trovavano alla Punta Guglia, c’era un negozio di ottica dice, e il Morreale si
abbracciò con questo titolare del negozio di occhi… di ottica, e il Comparetto dice: ah se sapessi,
dice, di tuo suocero, chi lo ha ucciso! Ho detto: perché? Dice: perché, suo suocero non fu mio
padrino dice, con Sergio? Però dove è stato l’omicidio non lo so e chi è questo soggetto io non lo
so, so che è il suocero che è morto, di questo, di questo che aveva l’ottica alla Punta Guglia”.
La collaborazione di Flamia, dunque, potrebbe essere decisiva per dare un volto ai killer di
parecchi omicidi. A Cominciare da quello di Nangano, il boss che, sulla base di una nota dei
servizi segreti, era in rotta con i vertici del clan di Brancaccio. Si parlava di contrasti con Nino
Sacco. Sacco è in carcere da un anno e mezzo. La sezione Criminalità organizzata della Squadra
mobile lo piazza nel triunvirato - Nino Sacco, Giuseppe Faraone e Cesare Lupo - alle dipendenze di
Giuseppe Arduino che gestiva il clan sotto l'egida dei fratelli Graviano. Detenuti al 41 bis, ma
signori incontrastati di una grossa fetta della periferia di Palermo.
Fly UP