...

Testo integrale sentenza

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Testo integrale sentenza
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
QUINTA SEZIONE PENALE
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott.
Dott.
Dott.
Dott.
Dott.
Paolo OLDI
Paolo Antonio BRU
Paolo MICHELI
Luca PISTORELLI
Ferdinando LIGNOLA
–Presidente-Consigliere-Consigliere-Consigliere_
–Rel.Consigliere-
PU. 28/01/2014
N.15710/14
ha pronunciato la seguente:
SENTENZA
su ricorso proposto da:
M.A. N. il 28/12/1965
nei confronti di:
G.V. , N il 17/11/1938
avverso la sentenza n.19/2010 GIUDICE DI PACE di SAN PIETRI VERNOTICO, del
12/11/2012
Visti gli atti, la sentenza ed il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 28/01/2014 la relazione fatta dal Consigliere dott.
FERDINANDO LIGNOLA;
Il Procuratore generale della Corte di cassazione, dr. Giovanni D’Angelo, ha concluso
chiedendo l’annullamento della sentenza limitatamente al reato di ingiuria ed il rigetto
nel resto;
il difensore della parte civile, avv. Michele Cuppone, ha concluso per l’accoglimento del
ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1. Con sentenza del giudice di pace di San Pietro Vernotico, in data 12 novembre 2012,
G.V. era assolto dalle accuse di ingiuria, minaccia e danneggiamento in danno di M.A.,
perché il fatto non sussiste, in relazione alla frase “oggi mi hai cacato il cazzo, la
prossima volta non suono più e rompo qualsiasi auto che trovo davanti” ed al
danneggiamento dell'auto di proprietà della M.A., avvenuto il giorno successivo.
2. Il giudice di pace ha escluso in punto di fatto il dissidio del 9 giugno 2010 tra l'imputato
e la parte civile, alla luce della deposizione dei testi addotti dalla persona offesa, la cui
deposizione è stata ritenuta inattendibile, poiché smentita dalle persone indicate dalla
stessa come presenti ai fatti.
2.1 In punto di diritto il giudice di primo grado ha poi escluso che la frase pronunciata
potesse integrare il reato di ingiuria, mentre in relazione all'espressione minacciosa ha
escluso la sussistenza del reato per il suo carattere impersonale, essendo la
prospettazione del danneggiamento rivolta a chiunque avesse ostruito la porta d'ingresso
della sua abitazione e non specificamente alla persona offesa.
3. Contro la sentenza propone ricorso per Cassazione la parte civile, con atto sottoscritto
dal difensore, avv. Michele Cuppone, affidato a quattro motivi.
3.1 Con il primo motivo si deduce vizio di motivazione in relazione alla prova della
responsabilità dell'imputato per i reati di ingiuria e minaccia, non avendo il giudicante
argomentato le ragioni per le quali ha ritenuto inattendibile la parte civile ed attendibili
gli altri testimoni.
3.2 Con il secondo motivo si deduce violazione dell'articolo 606, lettera B ed E, cod. proc.
pen., in relazione all’art. 594 cod. pen. e vizio di motivazione in relazione alla sussistenza
del reato di ingiuria, poiché a suo giudizio l'espressione “oggi mi hai cacato il cazzo”
incide sul decoro della persona, costituendo manifestazione di disistima verso l'individuo
nei cui confronti è diretta, trasudando disprezzo; la ricorrente indica alcune circostanze
concrete, che a suo giudizio qualificano la situazione concreta: l'assoluta mancanza di
confidenza tra le parti; l'essere destinataria della frase una donna; l'aver pronunciato
l'espressione in una strada pubblica, alla presenza di altre persone di sesso maschile;
l'avere posto l'espressione a corredo di una lamentela relativa problemi di parcheggio, in
grado di indicare la parte civile quale persona maleducata, incivile ed irrispettosa dei
diritti altrui.
3.3 Con il terzo motivo si deduce violazione dell'articolo 606, lettera E, cod. proc. pen.,
in relazione al reato di minaccia, poiché anche a ritenere che l'espressione “la prossima
volta non suono più e rompo qualsiasi auto che trovo davanti” fosse rivolta a chiunque
avesse ostruito il passaggio, tra i suoi destinatari andava ricompresa comunque anche la
M.A.
3.4 Con il quarto motivo si deduce violazione dell'articolo 606, lettera E, cod. proc. pen.,
in relazione al reato di danneggiamento, avendo il giudice di pace escluso la prova del
reato, pur in presenza di una serie di circostanze che consentivano di desumere la
commissione del reato da parte del G.V. in maniera logica, quali le continue richieste di
2
spostare l’auto fino al giorno della minaccia; la minaccia stessa; le caratteristiche
peculiari dei danni provocati all'auto; la loro compatibilità con le manovre e con le misure
ed altezza dei mezzi di trasporto di proprietà del G.V.; la situazione di quasi flagranza
dell'imputato.
4. Con memoria depositata il 13 gennaio 2014, il difensore dell’imputato eccepisce la
violazione dell’art. 569, comma 3, cod. proc. pen., poiché in caso di ricorso per
Cassazione per saltum il ricorrente non può dedurre la violazione dell’art. 606, lettera D
ed E ,cod. proc. pen ed il ricorso si converte in appello. Si chiede pertanto la conversione
del ricorso in appello, ma poiché l’impugnazione attiene alla responsabilità penale e non
all’azione civile, se ne chiede la dichiarazione di inammissibilità.
4.1 Nel merito si evidenzia l’infondatezza delle doglianze, poiché la sentenza impugnata
non è affetta da vizi di contraddittorietà o illogicità manifesta; secondo la difesa
dell’imputato viene chiarita in maniera adeguata la ragione della ritenuta inattendibilità
della deposizione della parte civile.
4.2 Il secondo motivo è ritenuto irrilevante ed infondato come anche il terzo, alla luce
della motivazione della decisione del giudice di pace.
4.3 Il quarto motivo è ritenuto pretestuoso, illegittimo ed infondato, poiché il reato di
danneggiamento è escluso già sulla base delle parole della persona offesa.
CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Il ricorso può accogliersi nei limiti che seguono.
1.1 Preliminarmente va esaminata l’eccezione di inammissibilità del ricorso, proposta
dalla difesa dell’imputato, nella memoria di cui si è dato conto, con la quale si
evidenziava che, poiché il ricorso della parte civile è da qualificare “immediato”, ai sensi
dell’art. 569 cod. proc. pen., per cui, essendo incentrato tutto sulla denuncia di vizi
motivazionali, ai sensi del comma 3 della disposizione, si converte in appello ed in quanto
tale è inammissibile.
1.2 L’eccezione è infondata, poiché è errata la premessa dalla quale parte il difensore
dell’imputato.
Infatti il ricorso proposto dalla parte civile contro una sentenza di assoluzione del giudice
di pace, nel giudizio introdotto con ricorso immediato, a norma dell’art. 21 del D. Lgs.
274/2000, non va qualificato come ricorso “per saltum”, ai sensi dell’art. 569, ma come
3
ricorso ordinario, ai sensi dell’art. 606 cod. proc. pen..
Ed invero, è indiscusso insegnamento di questa Corte regolatrice - maturato sulla scia di
una pronuncia delle Sezioni Unite (Sez. U, n. 27614 del 29/03/2007, Lista, Rv. 236539) che, pur dopo le modificazioni introdotte dalla L. n. 46 del 2006, art. 6, all'art. 576 cod.
proc. pen., la parte civile ha facoltà di proporre appello, agli effetti della responsabilità
civile, contro la sentenza di proscioglimento pronunciata nel giudizio di primo grado. Tale
facoltà le deriva dalla regola generale dettata dall'art. 576 cod. proc. pen., in tema di
impugnazione della parte civile, ai soli effetti della responsabilità civile, avverso le
sentenze di proscioglimento: norma, certamente, applicabile al processo davanti al
giudice di pace in forza del richiamo di cui al D.Lgs. n. 274 del 2000, art. 2 (Sez. 5, n.
38699 del 18/06/2008, Buratti, Rv. 242021).
1.3 Con riferimento però alla responsabilità penale, la parte civile è legittimata a
proporre il solo ricorso per cassazione, qualora il procedimento sia stato instaurato a
seguito di ricorso immediato al giudice (Sez. 5, n. 4695 del 05/12/2008 - dep.
03/02/2009, Simoni, Rv. 242605).
La fattispecie è disciplinata dall’art. 38 del D. Lgs. n. 274 del 2000, secondo cui il
ricorrente che ha chiesto la citazione a giudizio dell'imputato a norma dell'art. 21 può
proporre impugnazione, anche agli effetti penali, contro la sentenza di proscioglimento
del giudice di pace negli stessi casi in cui è ammessa l'impugnazione da parte del pubblico
ministero. Poiché l’art. 36, comma 2, della legge istitutiva della competenza penale del
giudice di pace, consente al pubblico ministero di proporre esclusivamente ricorso per
Cassazione contro le sentenze di proscioglimento, analoga limitazione subisce, di riflesso,
la persona offesa che agisca in veste di accusatore privato, mediante ricorso immediato al
giudice, di cui al cit. L. n. 274 del 2000, art. 21.
2. Venendo al contenuto del ricorso, deve rilevarsi che il primo motivo è fondato, poiché
effettivamente la sentenza impugnata, lungi dall’apprezzare l’attendibilità delle
dichiarazioni della persona offesa, secondo i consueti canoni della spontaneità e
precisione del narrato, dell’esistenza di elementi sintomatici di intenti calunniatori o
ritorsivi, ne deduce l’inattendibilità dalla circostanza che gli altri testi, senza smentire
direttamente la versione accusatoria, affermano di non aver assistito ad alcun diverbio
tra l’imputato e la persona offesa.
2.1 Risulta quindi evidente il vizio di motivazione sull'attendibilità della M.A., in quanto
secondo la costante giurisprudenza di questa Corte, confermata recentemente nella sua
4
composizione più prestigiosa (Sez. U, n. 41461 del 19/07/2012, Bell'Arte, Rv. 253214) le
regole dettate dall'art. 192, comma terzo, cod. proc. pen. non si applicano alle
dichiarazioni della persona offesa, le quali possono essere legittimamente poste da sole a
fondamento dell'affermazione di penale responsabilità dell'imputato, previa verifica,
corredata da idonea motivazione, della credibilità soggettiva del dichiarante e
dell'attendibilità intrinseca del suo racconto, che peraltro deve in tal caso essere più
penetrante e rigoroso rispetto a quello cui vengono sottoposte le dichiarazioni di qualsiasi
testimone.
Orbene, anche se la valutazione della credibilità della persona offesa dal reato
rappresenta una questione di fatto che ha una propria chiave di lettura nel compendio
motivazionale fornito dal giudice e che non può essere rivalutata in sede di legittimità,
laddove il giudice sia incorso – come in questo caso - in manifeste contraddizioni (Sez. 3,
n. 8382 del 22/01/2008, Finazzo, Rv. 239342), il giudice di legittimità può sindacare il
giudizio.
Di conseguenza la sentenza va annullata con rinvio al giudice di pace di San Pietro
Vernotico perché rinnovi, eventualmente previa nuova escussione, la valutazione
dell’attendibilità della teste.
3. L’annullamento va però limitato al reato di minaccia, rispetto al quale è fondato anche
il terzo motivo di ricorso: appare evidente, infatti, che la prospettazione del
danneggiamento di un’auto, laddove mal parcheggiata (“la prossima volta non suono più
e rompo qualsiasi auto che trovo davanti”) integra un danno ingiusto, che non è escluso
dall’apparente genericità del destinatario. Come pacificamente affermato da questa
Sezione (Sez. 5, n. 21601 del 12/05/2010, Pagano, Rv. 247762) l’integrazione del reato di
minaccia richiede che si abbia una limitazione della libertà psichica mediante la
prospettazione del pericolo che un male ingiusto possa essere cagionato alla vittima nella
persona o nel patrimonio (Sez. 5, n. 8275 del 23/04/1986, Sorgon, Rv. 173578), mentre
non è necessario che uno stato di intimidazione si verifichi concretamente nella vittima,
bastando - poiché si tratta di reato di pericolo - la sola attitudine ad intimorire, quanto il
male ingiusto può essere dedotto dalla situazione contingente (Sez. 5, n. 21601 del
12/05/2010, Pagano, Rv. 247762).
3.1 Con riferimento al caso di specie, non può dubitarsi che il danneggiamento di
qualunque
trovata
come
ostacolo
al
trattore
rappresentava
sicuramente
una
intimidazione, in grado di limitare la libertà psichica della destinataria della
5
affermazione, poiché l’imputato contestava in quel frangente proprio la presenza
dell’autovettura della M.A..
4. Quanto al reato di danneggiamento, oggetto del quarto motivo di ricorso,
correttamente il giudice di merito ne ha escluso la sussistenza proprio sulla base delle
parole della parte civile, riportate in sentenza (“Non posso dire con assoluta certezza che
sia stato il G.V., ma non escludo che tali danneggiamenti siano stati causati dallo stesso
nel tentativo di uscire il trattore dall’abitazione”), che si limita ad ipotizzare un
danneggiamento meramente colposo, in quanto tale non rientrante nell’art. 635 cod.
pen..
Di conseguenza il quarto di motivo di ricorso va rigettato.
5. Venendo infine al delitto di ingiuria, oggetto del secondo motivo di ricorso,
correttamente è stata esclusa la portata offensiva dell’espressione incriminata.
5.1 Il giudice di merito ha plausibilmente ritenuto che la frase pronunciata dall’imputato
fosse espressione di un fastidio e non di disprezzo per la M.A., valutazione che risulta
ragionevolmente e razionale.
Non è infatti il significato in sè della frase "oggi mi hai cacato il cazzo" a venire in
discussione, perché, come dimostra la casistica giurisprudenziale, quel tipo di espressione
può essere utilizzato in funzione di azioni ed in contesti variabili.
Nè viene in discussione l'accettabilità sociale di un tale linguaggio, perché l'art. 594 cod.
pen. non punisce la volgarità in sè.
5.2 Ciò che rileva è il significato dell'azione compiuta con quelle parole; in tema di tutela
penale dell'onore, infatti, la valenza offensiva di una determinata espressione, per essere
esclusa o comunque scriminata con il riconoscimento di una causa di non punibilità, deve
essere riferita al contesto nel quale è stata pronunciata (Sez. 5, n. 32907 del 30/06/2011,
Di Coste, Rv. 250941); così, ad esempio, è stata ritenuta adeguatamente motivata la
condanna
per
ingiuria
in
relazione
all’espressione
“non
rompere
le
palle”
(sostanzialmente equivalente a quella oggetto della decisione impugnata), rivolta dal
direttore di una comunità di recupero per tossicodipendenti ai carabinieri intervenuti per
effettuare un controllo (Sez. 5, n. 35548 del 19/09/2007, Grosso, Rv. 237729) perché si è
ritenuto che l'imputato avesse inteso contrastare l'operazione dei militari, qualificandola
come inutilmente vessatoria e, pertanto, attribuendo loro la responsabilità di un abuso.
5.3 Nella decisione da ultimo citata si è ribadito un principio costantemente affermato da
questa Sezione, per il quale al fine di accertare se l'espressione utilizzata sia idonea a
6
ledere il bene protetto dalla fattispecie incriminatrice di cui all'art. 594 cod. pen.,
occorre fare riferimento ad un criterio di media convenzionale in rapporto alle
personalità dell'offeso e dell'offensore nonché al contesto nel quale detta espressione sia
stata pronunciata ed alla coscienza sociale (Sez. 5, n. 39454 del 03/06/2005, Braconi, Rv.
232339; Sez. 5, n. 21264 del 19/02/2010, Saroli, Rv. 247473; Sez. 5, n. 32907 del
30/06/2011, Di Coste, Rv. 250941). Infatti il significato delle parole dipende dall'uso che
se ne fa e dal contesto comunicativo in cui si inseriscono: se è vero infatti che in linea di
principio l'uso abituale di espressioni volgari non può togliere alle stesse l'obiettiva
capacità di ledere l'altrui prestigio, ve ne sono alcune di uso talmente diffuso, anche quali
intercalari, che in relazione proprio al contesto comunicativo perdono la loro potenzialità
lesiva.
5.4 È innegabile che l’evoluzione del costume ed la progressiva decadenza del lessico
adoperato dai consociati nei rapporti interpersonali, unitamente ad una sempre maggiore
valorizzazione delle espressioni scurrili come forme di realismo nelle arti contemporanee
(si pensi soprattutto al cinema) e tradizionali (quali ad esempio la letteratura o il teatro)
ha reso alcune parolacce di uso sempre più frequente, soprattutto negli strati sociali a più
bassa scolarizzazione, attenuandone fortemente la portata offensiva, con riferimento alla
sensibilità dell’uomo medio.
La riduzione del novero dei lemmi utilizzati nel linguaggio corrente, scelti peraltro di
norma nella cerchia delle espressioni di più aspra volgarità, sintomo evidente di un
incrudelimento vieppiù scoraggiante per i puristi della lingua, rappresenta ormai un
inevitabile ed inarrestabile dato culturale, in ambienti in cui troneggia a mo’ di moderno
totem lo strumento televisivo, purtroppo mezzo di diffusione dilagante di pratiche
linguistiche sconvenienti.
5.5 Come rilevato dalla Suprema Corte anche recentemente rispetto ad un caso di specie
molto simile a quello in esame (l’imputato aveva pronunciato nei confronti del
contraddittore l'espressione "..mi hai rotto i coglioni", nel contesto di una discussione
animata; Sez. 5, n. 19223 del 14/12/2012 - dep. 03/05/2013, Fracasso, Rv. 256240),
l'utilizzo di un linguaggio più disinvolto, più aggressivo, meno corretto di quello in uso in
precedenza caratterizza oggigiorno anche il settore dei rapporti tra i cittadini,
derivandone un mutamento della sensibilità e della coscienza sociale: siffatto modo di
esprimersi e di rapportarsi all'altro, infatti, se è certamente censurabile sul piano del
costume, è ormai accettato (se non sopportato) dalla maggioranza dei cittadini.
7
5.6 L'indubbia volgarità dei termini utilizzati dal G.V., allora, non determina
automaticamente la lesione del bene protetto dalla fattispecie di cui all'art. 594, cod.
pen., proprio perché la frase incriminata non si è tradotta in un oggettivo giudizio di
disvalore sulle qualità personali della M.A., ma ha rappresentato – secondo la decisione
impugnata - una reazione, sicuramente scomposta e non giustificabile sul piano della
ordinaria educazione, al parcheggio dell’auto della parte civile, evidentemente vissuto
dall'imputato a sua volta come forma di prevaricazione.
5.7 Il giudice di merito ha ritenuto che la frase incriminata, nello specifico contesto di
rapporti di vicinato di non elevata scolarizzazione (emblematico l’errore grammaticale
della teste che utilizza il verbo intransitivo uscire in maniera errata, in relazione al
trattore), fosse da intendere come espressione di fastidio e non di disprezzo; tale giudizio
risulta ragionevolmente giustificato, per cui deve ritenersi incensurabile in questa sede.
5.8 In una delle decisioni prima citate (Sez. 5, n. 35548 del 19/09/2007, cit.) si distingue
il caso in cui venga in discussione solo il significato di una comunicazione testuale, come
può accadere ad esempio in materia di diffamazione a mezzo stampa, da quello in cui si
discute il significato di un comportamento comunicativo nel suo complesso, come avviene
appunto in tema di ingiuria. Più precisamente occorre stabilire se rileva solo ciò che si è
voluto dire ovvero anche ciò che si è voluto fare con le parole controverse: nel primo caso
si tratta così di accertare se un determinato enunciato sia effettivamente offensivo della
reputazione altrui, per cui viene in rilievo una questione di qualificazione giuridica, che
può essere risolta direttamente anche dal giudice di legittimità; nel secondo caso si tratta
di stabilire quale fu l'effettivo comportamento in discussione e quindi si pone una
questione di fatto, estranea al sindacato di legittimità.
Per questa ragione, quando il giudizio penale richiede l'interpretazione di comportamenti
comunicativi, le regole del linguaggio e della comunicazione costituiscono il criterio di
inferenza (premessa maggiore) che, muovendo dal gesto comunicativo (premessa minore),
consente di pervenire alla conclusione interpretativa. Sicché le valutazioni del giudice del
merito sono censurabili solo quando si fondino su criteri interpretativi inaccettabili
(difetto della giustificazione esterna) ovvero applichino scorrettamente tali criteri
(difetto della giustificazione interna). La stessa individuazione del contesto comunicativo
che contribuisce a definire il significato di un'affermazione, invero, comporta una
selezione dei fatti e delle situazioni rilevanti, che è propria del giudizio di merito. E,
quando l'interpretazione del significato di un comportamento comunicativo è sorretta da
8
un'adeguata motivazione, come nel caso di specie, essa è incensurabile nel giudizio di
legittimità.
5.9 In definitiva – allora - il secondo motivo di ricorso proposto dalla parte civile è
infondato.
6. In conclusione la sentenza impugnata va annullata con rinvio a giudice di pace di San
Pietro Vernotico, limitatamente al reato di minaccia, per nuovo esame. Nel resto il
ricorso deve essere rigettato.
P.Q.M.
annulla la sentenza impugnata, limitatamente al reato di minaccia, con rinvio a giudice di
pace di San Pietro Vernotico per nuovo esame. Rigetta nel resto il ricorso.
Così deciso in Roma, il 28 gennaio 2014
Motivazione depositata 8.04.2014
Il consigliere estensore
Il Presidente
Ferdinando Lignola
Paolo Oldi
9
Fly UP