...

Processi di sostegno e tutela dei minorenni e delle loro famiglie

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Processi di sostegno e tutela dei minorenni e delle loro famiglie
ostegno
minorenni
amiglie
Processi di sostegno
e tutela dei minorenni
e delle loro famiglie
Linee guida
1
La
complessità del sistema di protezione del minore di età e delle
famiglie anche per la peculiarità di ogni singolo intervento che sempre
costituisce un unicum; la molteplicità delle figure professionali che vi
concorrono con responsabilità diverse, ciascuna con il proprio contesto
di riferimento culturale; l’aggiornamento del quadro normativo nazionale
ed internazionale: sono questi gli elementi dai quali ha preso le mosse
l’iniziativa del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali di
dar vita al “Tavolo interistituzionale sui processi di sostegno e tutela dei
minorenni e delle loro famiglie”.
Il presente Documento – frutto di un’intensa collaborazione tra tutte le
professionalità coinvolte – è focalizzato sul fenomeno degli allontanamenti
articolandone le varie fasi e chiarendo come questo provvedimento
rappresenti un momento del complessivo processo di sostegno al
minorenne e alla sua famiglia, affrontato sempre e solo nell’ottica di
garantire il minore di età ed il suo benessere.
Oltre a rappresentare uno strumento di indirizzo e di formazione, il testo è
elaborato in modo tale da poter essere fruito da una platea quanto più vasta
possibile di soggetti e non solo dagli addetti ai lavori.
La riproduzione di queste Linee guida è libera purchè il testo non venga alterato e venga
correttamente citata la fonte.
Introduzione
Nell’anno 2010 è stato predisposto e condiviso dagli enti
partecipanti al Tavolo di lavoro appositamente costituito il
documento “Percorsi integrati: linee guida per la regolazione
dei processi di sostegno e allontanamento del minore”.
A cinque anni di distanza, allargando il confronto ad
altri importanti attori sociali, si è ritenuto utile riavviare
l’approfondimento sulla tematica.
La scelta avrebbe potuto essere quella di emendare qualche
punto del precedente documento, aggiornare il panorama
normativo o modificare alcuni riferimenti, ma la responsabilità
condivisa ha suggerito l’opportunità di ripensare le linee
guida rendendole maggiormente aderenti ad una realtà che
si è modificata molto velocemente sotto diversi punti di vista.
Non sono cambiati soltanto le norme o i modelli di intervento,
sono mutati il contesto sociale e lo scenario complessivo. La
crisi economica e sociale, infatti, non è un fenomeno teorico
e le riforme del sistema giuridico italiano procedono: di ciò
occorre tener conto. Porre attenzione solo a questi aspetti
risulterebbe, tuttavia, riduttivo ed autoreferenziale.
I cambiamenti sociali impongono l’utilizzo di nuovi approcci
che permettano di supportare i nuclei familiari anche tenendo
conto delle sempre più significative esperienze associative di
cittadini/operatori che intervengono sul tema con un chiaro
mandato di advocacy delle famiglie che vivono queste situazioni,
nonché del diritto di ciascuno di essere informato e di giudicare
la correttezza dell’operato di tutti i soggetti coinvolti su
questioni che li riguardano.
3
In questo quadro mutato, il Tavolo promosso dal Consiglio
nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali, non ritenendo
praticabile trattare a tutto tondo la tematica dei processi
di sostegno e tutela dei minorenni e delle loro famiglie, ha
mantenuto la scelta di focalizzare l’attenzione sul fenomeno
degli allontanamenti che hanno fortunatamente una limitata
consistenza numerica rispetto alle numerosissime situazioni
di fragilità che vengono sostenute con interventi sociali di
significativo impatto per famiglie e minorenni. Tali interventi
devono riferirsi a politiche nazionali per la famiglia di
prevenzione, sostegno e cure nei confronti dei nuclei familiari
‘a rischio’ che devono garantire livelli minimi ed omogenei su
tutto il territorio nazionale, ad oggi auspicati ma non realizzati.
Lo scopo è quello di approfondire, in una visione
multidisciplinare, in che modo realizzare e promuovere azioni
di supporto e di cura per prevenire, laddove possibile, l’evento
traumatico dell’allontanamento ed agire, dove necessario,
nella prospettiva del superamento del momento di crisi.
Il presente documento integra le Linee guida
precedentemente elaborate. (pag. 24)
4
Il quadro normativo
Nel quadro costituzionale l’interesse della persona di età
minore rappresenta oramai
clausola generale dell’ordinamento, come sancito da
plurimi interventi della Corte
Costituzionale. Tale interesse
è criterio preminente di giudizio, secondo le fonti sovranazionali che costituiscono
fonte interposta dell’ordinamento e parametro di costituzionalità della legislazione
interna ai sensi dell’art. 117
della Costituzione.
dalla legge1, salvi casi di attuale, gravissimo ed emergente pericolo nei quali può
provvedervi anche l’Autorità Amministrativa (art. 403 c.c.), salvo però intervento
sollecito di convalida o revoca dell’Autorità Giudiziaria.
Ogni procedimento che riguarda la vita
privata e familiare ai sensi dell’art. 8
della Convenzione di Roma2, deve avere
i requisiti dell’equo processo, consacrati
nell’art. 6 della medesima Convenzione,
e quindi deve coinvolgere tutti i soggetti
interessati con adeguata informazione e
con loro partecipazione al procedimento,
salvo ovviamente che ciò non sia contrario all’interesse del minorenne. Inoltre,
deve essere rapido in quanto la crescita
di un minorenne impone che l’assunzione e l’attuazione dei provvedimenti sia
veloce e proporzionata. In questo quadro
il giudice ha doveri di vigilanza su ogni
provvedimento esecutivo e di impulso per
quanto riguarda il più celere ricongiungimento. È necessario che il giudice vigili
sull’attuazione dei propri provvedimenti
da parte dei servizi sociali e sanitari, in
particolare sulle eventuali restrizioni ivi
contenute, nonché sulle garanzie dirette
ad assicurare l’effettiva protezione del diritto dei genitori e dei bambini al rispetto
della vita familiare3.
Il criterio dell’interesse del
minorenne rende legittimo
l’intervento dello Stato ai fini
dell’allontanamento
della
persona di età minore dalla
sua famiglia quando il suo
diritto alla sana crescita sia
gravemente compromesso
e non risulti sufficiente, per
ripristinarlo, il sostegno al
nucleo familiare. Tale allontanamento tuttavia non può che
costituire un rimedio eccezionale e temporaneo, attuabile
solo nel caso in cui gli interventi di sostegno del nucleo
familiare siano impossibili
per la situazione contingente
e concreta o, già sperimentati, non abbiano portato a
risultati apprezzabili nell’interesse del minore di età.
Inoltre, le persone di età minore hanno
diritto all’ascolto in ogni questione che le
riguardi ai sensi dell’art. 12 della Convenzione ONU sui diritti del fanciullo, se hanno capacità di discernimento, e della loro
opinione si deve tenere conto nelle relative decisioni. Tale diritto nelle procedure giudiziarie è oggi consacrato da varie
norme del codice civile (art. 155 sexies,
315 bis, 336 bis, 337 octies).
È infatti innegabile che l’allontanamento
costituisca limitazione del diritto fondamentale di genitori e figli di vivere insieme e dell’esercizio della responsabilità
dei genitori, come stabilito dagli artt. 2,
3, 30 della Costituzione. Ne deriva che la
compressione di tali diritti fondamentali
non può che avvenire ad opera di provvedimento motivato del giudice terzo e imparziale e nei limiti e nelle forme stabilite
1 - Artt. 24, 111 Cost. artt. 9,18 e 27 Convenzione sui
diritti del fanciullo; Artt.330-336 c.c..
2 - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (Roma, 4.11.1950
e successive modifiche ed integrazioni) detta anche Convenzione di Roma o Convenzione EDU.
3 - CEDU, Lombardo c. Italia, sent. 29 gennaio 2013;
cfr anche Scozzari e Giunta c. Italia, sent. 9 maggio 2003 e Piazzi c. Italia, sent. 2 novembre 2010.
5
Il contesto
passo necessario per strutturare al meglio l’azione di sostegno tesa primariamente alla facilitazione, in tutti i casi in
cui è possibile, di un ritorno nella famiglia
di origine.
Partendo dal presupposto
che il minorenne ha diritto a
vivere nel proprio ambiente
familiare occorre assicurare tutte le condizioni perché
ciò avvenga, secondo quanto
è espressamente indicato
nei dispositivi legislativi, negli orientamenti scientifici
e culturali ai quali le nostre
professioni ed organizzazioni si ispirano, secondo i
mandati, istituzionale e sociale, che formano la cornice di riferimento dell’azione
professionale.
È sempre e comunque un evento doloroso per il minorenne e per i genitori,
portatore di un cambiamento repentino
che l’evento separativo determina nelle
rappresentazioni e nei significati attribuiti all’esperienza affettiva e relazionale.
In ogni caso, il minorenne dovrà essere
sostenuto nell’elaborazione l’evento legato alla separazione dal suo ambiente
di vita - che anche se inidoneo e all’interno del quale esistono spazi familiari
e relazioni disfunzionali - è comunque
una realtà conosciuta. L’esito risulterà,
in ogni caso, dall’interazione di molteplici
fattori di rischio e fattori protettivi, la cui
complessità è legata alle caratteristiche
di personalità del minorenne (la sua capacità di ‘resilienza’) nonché alla pluralità
di interventi protettivi che saranno attuati.
L’allontanamento di un minore d’età dal suo ambiente familiare e di vita avviene
sempre per una esigenza di prevenzione
e/o di protezione. Nel caso di estrema
gravità del livello di esposizione del minorenne a condizioni pregiudizievoli si applica quanto disposto dall’art. 403 c.c.. Il
minorenne viene collocato in affidamento familiare o in struttura come previsto
dagli artt. 2-5 l. 184/1983. La separazione
genitori/figli ha lo scopo di tutelare i diritti
dei minorenni e recuperare, ove possibile,
con il sostegno dei servizi sociali e sanitari, la piena responsabilità genitoriale. Va
specificato che, come anche chiaramente
definito nelle norme, non può aver luogo
un allontanamento motivato da condizioni
economiche e/o ambientali.
L’allontanamento, pertanto, agisce in
senso protettivo e gli interventi effettuati prima e dopo debbono essere anche
tesi a stimolare nel minorenne un cambiamento del significato che lo stesso
attribuisce alla condizione sfavorevole
che ha determinato la necessità dell’allontanamento stesso. Può assumere un
valore costruttivo solo se pensato come
una tappa di un più ampio disegno progettuale volto alla ricostruzione del nucleo familiare d’appartenenza se in grado
di ridefinire le disfunzionali dinamiche
familiari del passato.
L’allontanamento del minorenne dalla
sua famiglia di origine è, quindi, un atto
che va ben ponderato tenendo conto delle sue esigenze affinché rappresenti una
condizione meno pregiudizievole rispetto
alla permanenza in famiglia.
Risulta utile sottolineare come finalità
dell’intervento di allontanamento oltre
alla tutela dei minorenni, anche lo ‘star
bene’ del nucleo familiare, perché per
avere un cambiamento nella qualità della
vita dei minorenni è necessario intervenire
anche nella relazione tra adulti e bambini.
Esso attiva un processo di protezione del
minore di età riducendone il tempo di
esposizione a situazioni che implicano
stress e disagio emotivo; rappresenta un
6
L’allontanamento
Si tratta, in sostanza, di attivare processi che favoriscano e arricchiscano la
competenza genitoriale come processo
integrato facendola rientrare nelle sfere della prevenzione a forme di maltrattamento, incuria, trascuratezza ed altre
forme di violenza che potrebbero sfociare nell’allontanamento del minore d’età
dal nucleo familiare.
Occorre evitare di dare corso ad un allontanamento del minorenne senza parallelamente definire il progetto più ampio a
sua tutela, ove siano previste azioni, tempi e modalità operative, finalizzate ove
possibile al rientro dello stesso nella sua
famiglia d’origine e/o al mantenimento
del legame tra i congiunti.
Nel contesto attuale la residualità della prevenzione, assicurata da interventi
multidisciplinari integrativi e di supporto
alle famiglie e ai minorenni nel loro contesto di vita, così come la non definizione
di livelli minimi omogenei sul territorio
nazionale4, rendono, purtroppo, difficile
attuare interventi efficaci tesi ad evitare,
o almeno, a ridurre l’esigenza di allontanare temporaneamente i bambini dalle
famiglie. Occorre garantire con interventi
normativi (art. 117 Cost. lett. M), l’allocazione di idonee risorse a supporto di tutte
le famiglie nei servizi educativi all’infanzia
e di sostegno alla genitorialità per assicurare la qualità e la dignità di vita.
Le situazioni che determinano pregiudizio per un
minorenne possono essere
esposte/segnalate alle Forze
dell’Ordine, ai Servizi sociali
o direttamente alla Procura della Repubblica presso
il Tribunale per i Minorenni
da parte di tutti i cittadini,
dagli interessati e dai professionisti delle strutture
educative, sociali e sanitarie.
Tutti, come cittadini e come
persone, hanno il diritto/
dovere di assumersi questa
responsabilità. La legge che
disciplina l’adozione, inoltre,
prevede un vero e proprio
obbligo per i pubblici ufficiali, per gli incaricati di un
pubblico servizio e per coloro
che esercitino un servizio di
pubblica utilità, di segnalare
al più presto al Tribunale per
i Minorenni eventuali situazioni di abbandono (che va
inteso non solo in senso materiale ma anche come grave
inadeguatezza dei genitori)
di persone di minore età delle quali siano venuti a conoscenza in ragione del proprio
ufficio (art. 9, comma 15).
Le linee guida per l’intervento sono le
seguenti:
che l’allontanamento si accompagni ad
un’opportuna e approfondita indagine psicologica e sociale nell’interesse
della persona di età minore, dei suoi
genitori, della famiglia allargata e del
gruppo dei pari;
4 - A questo proposito si veda il documento ‘’Verso
la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni
per i bambini e gli adolescenti’’ – Documento di
proposta del Tavolo di lavoro sull’individuazione
dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i
diritti civili e sociali relativi alle persone di minore
età, istituito presso l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, ed elaborato dallo stesso su
proposta della Rete Batti il Cinque, con il coinvolgimento dei Garanti regionali, di altre associazioni
e coordinamenti ed esperti sul tema.
che al minorenne siano garantiti, in ogni
fase i diritti di informazione, di ascolto e,
se fornito della capacità di discernimento, della sua opinione6;
7
che siano espressamente disciplinati compiti, ruoli e funzioni nella cura e
sostegno del minorenne allontanato da
parte dei servizi sociali e sanitari, della
famiglia affidataria, della struttura di accoglienza e dei genitori – questi ultimi se
non sospesi o decaduti dalla responsabilità genitoriale – o dell’eventuale tutore;
che i genitori e i fratelli eventualmente non allontanati siano informati, prima, durante e dopo l’allontanamento e
coinvolti – ove possibile nell’interesse
del minorenne – nella scelta delle relative modalità;
che siano coltivate e privilegiate modalità spontanee di allontanamento, favorendo la collaborazione dei genitori e di
altri familiari coinvolti;
che siano previsti spazi di formazione
multidisciplinare e congiunta dei diversi operatori, giuridici, sociali e sanitari,
per il miglior accompagnamento della
persona di età minore prima, durante e
dopo l’allontanamento;
che il provvedimento di allontanamento stabilisca quindi quali siano i servizi
sociali incaricati, evitando il ricorso alla
forza pubblica se non come modalità
residuale ed estrema e, comunque, se
indispensabile, al fine del mantenimento dell’ordine pubblico o della necessità
di salvaguardare la sicurezza pubblica e
l’incolumità fisica delle persone anche
estranee, da attuarsi con il coinvolgimento di personale in borghese e idoneamente formato7;
che sia rispettato il divieto di divulgazione, per tutte le figure professionali coinvolte, di immagini dell’allontanamento.
In caso di violazione saranno applicate
le sanzioni previste dalle norme vigenti
e dai codici di deontologia professionale.
che durante tutto il periodo di allontanamento, ove possibile nell’interesse del
minorenne, sia conservata la relazione
figlio/genitori con modalità congrue, disciplinate e costantemente monitorate
dall’Autorità giudiziaria;
5 - L. 184/1983 - Art. 9. comma 1: “Chiunque ha facoltà di segnalare all’autorità pubblica situazioni di
abbandono di minori di età. I pubblici ufficiali, gli
incaricati di un pubblico servizio, gli esercenti un
servizio di pubblica necessità debbono riferire al
più presto al procuratore della Repubblica presso
il tribunale per i minorenni del luogo in cui il minore si trova sulle condizioni di ogni minore in situazione di abbandono di cui vengano a conoscenza in
ragione del proprio ufficio’’.
6 - Percorsi integrati: linee guida per la regolazione
dei processi di sostegno e allontanamento del
minore – Cnoas 2010 – art. 4 ‘’Ѐ importante, anche quando l’intervento sia stato attuato in via di
urgenza per esigenze di protezione del minore da
pregiudizi subiti in famiglia, favorire la comprensione degli obiettivi e degli interventi posti in essere. Nel caso in cui si debba procedere senza che
i genitori siano presenti, va dato loro tempestivo
avviso, da parte dei servizi competenti, dell’allontanamento e delle ragioni che lo hanno determinato. L’informazione deve comprendere anche il
diritto di avvalersi di un difensore e di chiedere
all’Autorità Giudiziaria la revoca o la modifica del
provvedimento’’.
7 - ‘’Garantire i diritti dei minorenni – vademecum per
le forze di polizia’’, realizzato a seguito del Protocollo d’Intesa tra Ministero dell’Interno – Dipartimento della P.S. e Autorità Garante per l’Infanzia e
l’Adolescenza e redatto dal Gruppo Tecnico.
che sia conservata la relazione tra fratelli
e che questi possibilmente siano accolti nella medesima famiglia affidataria o
nella medesima struttura di accoglienza;
che sia contestualmente predisposto
da parte dei servizi sociali e sanitari
un dettagliato progetto di sostegno e/o
recupero del rapporto figlio-genitori,
costantemente disciplinato e monitorato dall’Autorità giudiziaria; e che tale
progetto, ove possibile nell’interesse
del minorenne, sia partecipato nel suo
complesso, negli obiettivi e nelle tappe
intermedie al minorenne e ai familiari;
8
Raccomandazioni
È importante che gli attori
istituzionali di questo intervento non siano soli: il loro
lavoro non si esaurisce nella relazione individuale con
le persone in difficoltà, ma
fa parte ed ha conseguenze anche indirette rispetto
ad una rete complessa che
comprende i cittadini, la comunità locale, le istituzioni,
gli amministratori.
Vanno quindi valorizzate ed implementate
nei servizi territoriali sociali e sanitari la
formazione e la supervisione che devono
essere comuni anche con altri soggetti
coinvolti e rappresentare lo spazio condiviso per la costruzione di interventi integrati, multiprofessionali, multidisciplinari
e di rete.
Per costruire una relazione
di fiducia tanto con i minorenni coinvolti quanto con
le loro famiglie è necessario
un contesto sociale in grado
di costruire un patto sociale
con le istituzioni e con il territorio, che può permettere
l’espressione della democrazia e della cittadinanza.
L’intervento a protezione di
bambini/adolescenti che subiscono abusi e violenze non
può essere condotto da un
solo operatore o comunque
da un’unica figura professionale. Occorre la condivisione, garantita dal lavoro di
equipe e da uno spazio formativo prima che operativo,
per 'vedere' una realtà che fa paura e che
si vorrebbe esorcizzare e costruire una
'rete affidabile'.
Occorre un professionista di riferimento, mai solo nel progetto, che venga riconosciuto come care giver dai soggetti
coinvolti. Perché un minorenne ed una
famiglia possano 'fidarsi' di un operatore,
occorre che egli sia affidabile e responsabile, capace cioè di dare risposte ai bisogni ed ai problemi. Nessun professionista
da solo può riuscire a farlo, deve a sua
volte affidarsi e rendersi affidabile alle altre figure professionali coinvolte.
9
1
Appendice
di approfondimento
Il quadro
normativo
8 - La cui precettività generale
è stata affermata dalla Corte
Costituzionale con sentenza
dell’11 marzo 2011 n. 83.
9 - Anche essa fonte interposta
dell’ordinamento e parametro di costituzionalità secondo le pronunce della Consulta e, a seguito dell’entrata in
vigore del Trattato di Lisbona
che ha modificato il Trattato
dell’Unione Europea, oramai
parte integrante dello stesso. V. Corte Cost, sent.11
marzo 2011, n. 80.
La Corte Costituzionale, facendo leva in particolare sugli artt. 2 e 31 Cost. ha elevato il principio del superiore
interesse del fanciullo a criterio di valutazione di costituzionalità di una legge, valutandolo come fondamentale
“clausola generale dell’ordinamento” per la tutela della
personalità del minore d’età: Corte cost. 20 luglio 1990,
n. 341; Corte cost. 24 luglio 1996, n. 303; Corte cost. 25
novembre 2005, n. 425; Corte cost. 16 febbraio 2006, n.
61; Corte cost. 30 luglio 2008, n. 308. Inoltre cfr. anche
Corte Costituzionale 26 settembre 1998 n. 347. Da ultimo v. Corte Cost. 23 gennaio 2013, n. 7 e Corte Cost. 23
ottobre 2014, n. 239.
Va considerata, inoltre, la Convenzione europea per la
salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, redatta dal Consiglio d’Europa e firmata a
Roma il 4 novembre 1950 e successivi protocolli modificativi e integrativi:
a.La Convenzione ONU sui diritti del fanciullo del 20
novembre 1989 e ratificata con l. 176/1991: art. 3;
b.La Convenzione sull’esercizio dei diritti dei minori
fatta a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata con
l. 77/20038: art. 6;
c.La Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea detta Carta di Nizza: art. 24;
d.La giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti
dell’Uomo9, secondo la quale, ai fini del rispetto del
diritto alla vita privata e familiare (art. 8 della citata
Convenzione di Roma), nell’equo bilanciamento degli interessi in gioco, deve sempre prevalere l’interesse del minorenne;
e.Le Linee Guida del Consiglio d’Europa per una giustizia child friendly (Bruxelles, 17.11.2010) che costituiscono già parametro interpretativo ed applica10
tivo della normativa vigente, e che consacrano tale
criterio tra i principi fondamentali;
f. La legge 1° ottobre 2012 n° 172: Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d’Europa per
la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, fatta a Lanzarote il 25 ottobre 2007.
Appendice
di approfondimento
Il quadro normativo
Si segnala altresì la Raccomandazione dell’assemblea
Parlamentare 2068 (2015) ‘’Servizi sociali in Europa: legislazione e pratica in merito all’allontanamento dei minori dalle loro famiglie nel Consiglio degli Stati membri
d’Europa’’- Risposta del Comitato dei Ministri (adottata
il 15 settembre 2015 in occasione della riunione 1235 dei
Delegati dei Ministri).
La giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti
dell’Uomo, pure legittimando nell’interesse del minorenne i provvedimenti di allontanamento, ha affermato
tuttavia in plurime sentenze che:
a.Godere della reciproca presenza, di quotidianità o,
comunque, di continuità ed assiduità di relazione,
costituisce per figli e genitori uno degli elementi
fondamentali del diritto alla vita familiare secondo l’art. 8 della Convenzione10: il rapporto del figlio
minore di età con i suoi genitori è da presumersi
nell’interesse del primo salvo prova contraria.
b.Di conseguenza, l’allontanamento di un minorenne dalla sua famiglia, la sua istituzionalizzazione e
ogni misura limitativa, sospensiva o ablativa della
responsabilità genitoriale, che vadano ad incidere in
modo determinante su tale aspetto fondamentale,
debbono essere assunti con estrema prudenza ed
esatta ponderazione degli interessi pubblici e privati
in gioco, accordando prioritaria tutela all’interesse
del minore secondo quanto indicato dall’art. 3 della
Convenzione di New York (ratificata con l. 176 del
25 maggio 1991) e ora anche dall’art. 24 della Carta
di Nizza: conseguentemente la Corte di Strasburgo
valuta con severa attenzione se ciò sia avvenuto11.
In caso contrario si attuerebbe, infatti, un’indebita
ingerenza della pubblica autorità nella vita privata
e familiare che è obiettivo primario dell’art. 8 della
Convenzione evitare.
c. All’obbligo di astensione da ingerenze indebite nella relazione dei figli con i loro genitori si accompagnano per lo Stato anche obblighi positivi, tra i quali
quello di implementare e di proteggere i rapporti e
le relazioni tra i componenti della famiglia e di renderli effettivi. Sussiste l’obbligo positivo di riunire
11
10-Ex multis, sentenza Corte
EDU, 5 aprile 2005 def. 5
luglio 2005, ric. n. 71099/01,
Monory c. Romania e Ungheria.
11-Corte EDU, sent. 21 settembre 2006 def. 21 dicembre
2001, ric. n. 12643/02, Moser
c. Austria.
Appendice
di approfondimento
Il quadro normativo
12-Anche l’affidamento del minore alla pubblica autorità
deve avere come obiettivo finale la ricostituzione dell’unione familiare, con un equo
bilanciamento tra l’interesse
del minore a rimanere lontano dai genitori e quello
dei genitori a vedersi riuniti ai propri figli, posto che
l’interesse del minore deve
sempre prevalere su quello
dei genitori. La decisione
di prolungare l’affidamento
al servizio sociale può non
violare l’articolo 8 della Convenzione solo se sussistono
circostanze eccezionali o
esigenze di particolare importanza. Cfr. CEDU, sent. 8
giugno 2010 def. 8 settembre
2010, ric. n. 67/04 Dolhamre
c. Svezia.
13-Corte EDU, sent. 13 marzo
2007 def. 13 giugno 2007, ric.
n 39177/05, V.A.M. v. Serbia.
14-CEDU, Dolhamre c. Svezia cit.
figli e genitori, di articolare a tal fine progetti e di attuarli con provvedimenti concreti ed efficaci12: quello di vivere uniti e di essere ricongiunti se separati
o comunque di godere di un rapporto stabile e significativo costituisce contenuto del diritto alla vita
privata e familiare che figli e genitori vantano nei
confronti delle pubbliche autorità ai sensi dell’art. 8,
esigibile nei modi specificati dalla stessa giurisprudenza CEDU e la cui violazione è censurata dalla
Corte di Strasburgo13.
Ogni procedimento che riguarda la vita privata e familiare ai sensi dell’art. 8 della Convenzione di Roma, deve
avere i requisiti dell’equo processo, consacrati nell’art. 6
della medesima Convenzione di Roma, e quindi:
• deve coinvolgere tutti i soggetti interessati con
adeguata informazione e con loro partecipazione
al procedimento, salvo ovviamente che ciò non sia
contrario all’interesse del minorenne. Ciò che è
determinante a tale fine è se, avuto riguardo alle
particolari circostanze del caso, e segnatamente
alla grave natura delle decisioni che vi sono state
assunte, i genitori e il minore siano stati coinvolti
nell’iter decisionale, riguardato come un’unità, in
un grado sufficiente a garantire loro di rappresentare e tutelare i propri interessi. È essenziale che
le parti siano messe su un piano di assoluta parità,
in condizione di accedere agli atti, di seguire con
modalità adeguate le questioni, al fine di avere nel
concreto la possibilità di provvedere effettivamente
alla cura e protezione dei figli minori di età14.
• deve essere celere; la crescita di un minore pretende che l’assunzione e l’attuazione dei provvedimenti
sia celere e proporzionata. Provvedimenti astrattamente corretti, ma non attuati nei tempi necessari
in relazione alla rapida evoluzione delle esigenze
psicofisiche di un minore d’età, costituiscono violazione dei diritti tutelati dall’art. 8 della Convenzione perché di per sé strutturalmente contrari al
suo interesse. Le procedure relative all’affidamento dei minori esigono un trattamento di urgenza in
ragione delle conseguenze irrimediabili che tempi
lunghi provocano nel bambino e nel genitore da lui
separato: lo Stato deve adempiere all’obbligo di ricongiunzione nel più breve tempo possibile.
• Il giudice ha doveri di vigilanza su ogni provvedimento esecutivo e di impulso per quanto riguarda il
più celere ricongiungimento. La Corte afferma che
sussiste un dovere di vigilanza dell’autorità giudi12
ziaria sull’esecuzione dei provvedimenti in materia
di relazione figli/genitori, specialmente per quanto
attiene il lavoro dei servizi territoriali di modo che il
comportamento di questi non venga a contraddire
le decisioni assunte dagli stessi tribunali. È necessario che il giudice vigili sull’attuazione dei propri
provvedimenti da parte dei servizi territoriali, in
particolare sulle eventuali restrizioni ivi contenute,
nonché sulle garanzie dirette ad assicurare l’effettiva protezione del diritto dei genitori e dei bambini
al rispetto della vita familiare15.
Appendice
di approfondimento
Il quadro normativo
Le Linee Guida del Consiglio d’Europa per una giustizia
child friendly prevedono tra i principi fondamentali, oltre all’interesse della persona di età minore16:
a. La partecipazione della persona di età minore che
deve essere informata dei suoi diritti;
b. La dignità: che implica che le persone di età minore
debbano essere trattate “con attenzione, sensibilità, equità nel corso di qualsiasi procedimento o
causa, prestando particolare attenzione alla loro
situazione personale, al loro benessere e ai loro
bisogni specifici e nel pieno rispetto della loro integrità fisica e psicologica…”;
c. La protezione da ogni forma di discriminazione;
d. I principi dello Stato di diritto tra i quali si ricorda
il diritto all’assistenza legale e il diritto all’accesso
alla giustizia “i quali non dovrebbero essere negati
o ridotti di numero con il pretesto dell’interesse superiore del minore d’età. Ciò vale per tutti i procedimenti giudiziari, stragiudiziali o amministrativi”.
Le stesse Linee Guida prevedono tra gli elementi generali:
a. La necessità di formazione e consulenza in una
maniera adatta all’età e alle condizioni personali e
che le informazioni siano fornite anche ai genitori
ma che queste non possano supplire a quelle fornite al minorenne.
b. La protezione della vita privata e familiare sicché
dati personali non possono essere fornite a media
o pubblicate.
c. La protezione dai danni, ivi inclusa la vittimizzazione secondaria.
d. La formazione di tutti i professionisti.
e. L’approccio multidisciplinare.
Prevedono inoltre che ogni forma di privazione della libertà (quale è l’allontanamento dalla famiglia) sia “misura di ultima istanza e della più breve durata possibile”.
13
15-CEDU, Lombardo c. Italia,
sent. 29 gennaio 2013; cfr
anche Scozzari e Giunta c.
Italia, sent. 9 maggio 2003
e Piazzi c. Italia, sent. 2 novembre 2010.
16-LG. III, A-D.
2
Appendice
di approfondimento
Il contesto
Laddove il contesto familiare si presenti gravemente compromesso, può essere necessario decidere di
allontanare temporaneamente il minorenne perché i
tempi di crescita dello stesso esigono risposte tempestive, non sempre sincroniche con i tempi di risoluzione
dei problemi che si manifestano nel nucleo familiare.
Programmare interventi in ambito sociale, e in special
modo minorile, significa tenere in considerazione la
condizione della persona minorenne come appartenente a un macro sistema che include la famiglia d’origine,
eventuali famiglie affidatarie o adottive (se presenti), la
scuola, il mondo delle relazioni amicali e sociali, il terzo settore ed il volontariato, il sistema delle istituzioni
preposte alla tutela che comprendono i servizi pubblici,
gli enti locali, le autorità giudiziarie.
Per garantire la tutela delle persone minorenni è necessario partire da una logica multifattoriale complessa dove l’individuo (sia adulto sia minore di età) ed il
suo contesto di appartenenza (la società e l’ambiente che lo circonda) sono parti di un unico ecosistema
(Bateson, 1972), i cui sottosistemi (persona, ambiente,
condotta) interagiscono tra loro in un determinismo
triadico reciproco (Bandura, 1986) dove la persona influenza l’ambiente che la circonda e da esso a sua volta
viene influenzata.
È in questa cornice che va analizzato lo stato di pregiudizio in età evolutiva come quella condizione rappresentata non soltanto da situazioni di grave trascuratezza, maltrattamento e abuso ma, più in generale, da
tutte quelle situazioni che indicano una carenza della
funzione basilare di tutela a livello di uno o più dei si14
stemi sopra indicati. Ciò fa ritenere che gli interventi
protettivi come l’allontanamento e il collocamento del
minorenne presso strutture residenziali, debbano fondare la propria metodologia di intervento su basi scientifiche e teoriche che prendono forma in una prospettiva sistemica complessa.
Si tratta di rivolgere interventi psicosociali ad una popolazione di minorenni 'a rischio' che sono stati esposti a
situazioni familiari ed ambientali fortemente stressanti
o traumatiche e che necessitano di una presa in carico
istituzionale in funzione degli esiti (variabili a seconda
dei fattori protettivi di resilienza) di questa esposizione.
Una risposta che tenga conto di queste premesse non
prescinde, però, da una chiara e condivisa definizione
degli interventi di prevenzione e contrasto del disagio
evolutivo che possa rendere coerenza e certezza sui
vari sistemi che interagiscono: familiare, giudiziario,
sociale, educativo, sanitario, in una logica integrata e
multidisciplinare.
In questo senso, il disagio esperito è legato a situazioni di fallimento congiunto delle funzioni genitoriali
e di protezione dell’ambiente di vita stesso. Una tale
definizione di matrice relazionale-sistemica è ancorata
ad un orientamento teorico in grado di spiegare come
gli individui e il contesto operino insieme nel produrre modelli congiunti di funzionamento adattivo genitori-figli (in questo caso l’assolvimento delle funzioni
di parenting: protezione, cura, regolazione, sostegno,
scaffolding e tutoring da parte del genitore verso i figli,
insieme al superamento di compiti evolutivi adeguati
all’età dei figli con conseguente successo negli adattamenti richiesti nel tempo) o disadattivo (fallimento del
parenting e danni evolutivi).
L’allontanamento si porrà come ulteriore evento traumatico nel percorso evolutivo del minorenne soprattutto nel caso in cui si riveli come un’inutile frattura delle
relazioni familiari senza essere accompagnato da un
programma di interventi efficaci, finalizzato al superamento delle difficoltà del nucleo familiare.
È opportuno ribadire come l’attuale quadro dei servizi sociali, pubblici e privati, presenti delle criticità che
spesso e in modo diffuso sul territorio nazionale limitano fortemente gli interventi determinando, a volte,
15
Appendice
di approfondimento
Il contesto
Appendice
di approfondimento
Il contesto
ulteriori fattori di rischio per la tutela e la protezione
dei minorenni e delle loro famiglie.
È evidente che se la logica d’intervento a favore dei minorenni e delle famiglie è di matrice residuale e centrata su interventi non integrati e non multidisciplinari,
non si possono creare spazi d’intervento preventivi di
supporto o accompagnamento pienamente efficaci.
Il quadro emergente di venti sistemi regionali di protezione sociale diversi nel nostro Paese non rassicura
sul futuro. Attualmente non possono essere garantiti
gli stessi diritti a tutte le famiglie: basta osservare la
strutturazione dei servizi, le norme regionali, il numero dei professionisti impiegati nelle diverse Regioni per
comprendere quanto sia difficile supportare e prevenire.Il depauperamento delle risorse e dei servizi impedisce una costruzione sinergica dei progetti di aiuto.
Uno studio di comunità, centrato su una lettura insieme sociale e psicologica del contesto socio-ambientale, deve esser posto alla base di programmi di intervento multidisciplinari, che possono prevedere anche
l’allontanamento del minore di età dal nucleo familiare,
come ultimo intervento necessario ma comunque non
risolutivo della problematicità che interessa il rischio
evolutivo del minorenne stesso.
È necessario costruire un legame tra il passato ed il presente del minorenne favorendo al contempo l’attivazione
di risorse che possano creare le condizioni per un più
sano sviluppo psico-sociale dello stesso, preferibilmente nel proprio contesto familiare di origine. L’allontanamento non deve tagliare l’esperienza passata invece
importante anche, e soprattutto, se violenta e dolorosa
perché parte della personalità del minore di età su cui si
può costruire un progetto di crescita possibile.
I servizi sociali che hanno seguito la famiglia devono
potere avere con essa uno spazio nella costruzione del
progetto di cura. Così come ci si deve prendere cura
della comunità all’interno della quale è inserito il nucleo familiare: in un’ottica sistemica e dinamica, occorre considerare che la rete dei servizi sociali e sanitari,
la famiglia di origine, la struttura residenziale dove
il minorenne è collocato o la famiglia affidataria e/o
adottiva, perché siano luoghi di cura e di relazione con
effettive valenze protettive e trasformative, devono co16
operare ostacolando la rimozione del passato, soprattutto violento e doloroso, e facilitando/sostenendo la
sua integrazione in una biografia di vita che permetta al
minorenne di con-vivere con rappresentazioni adeguate della propria esperienza traumatica. Un intervento
ben condotto crea fiducia e speranza anche se si tratta
di allontanamento forzato.
17
Appendice
di approfondimento
Il contesto
3
Appendice
di approfondimento
Il metodo
La preparazione del minorenne deve implicare la costruzione di una situazione di ascolto, ove lo stesso possa
trovare un proprio significato al collocamento fuori dalla famiglia, in cui possa esprimere il suo disagio, le sue
paure, le emozioni a volte contraddittorie legate a questo
evento. Con l’ascolto, inoltre, il minore di età potrà esprimere eventuali richieste e formulare desideri connessi
alle modalità di separazione. Vanno utilizzate le riflessioni
e i pensieri dei minori di età per poter dare loro un senso.
È importante il coinvolgimento dei minorenni finalizzato a
far capire cosa sia loro successo, cosa succederà. Comunicare, quindi, nel senso ampio del termine, offrendo uno
spazio di sicurezza, protezione e confronto.
Occorre contemporaneamente offrire uno spazio di elaborazione dell’allontanamento alla famiglia, cercando
nell’ambiente di vita punti di forza che possano sostenere gli adulti fragili.
Si tratta di un sostegno costruito con l’intervento non solo
di professionisti competenti e conosciuti ma anche con
l’apporto di risorse della comunità riconosciute come affidabili e che devono essere coinvolte nel progetto, anche in
caso di decisione di interruzione dei rapporti genitori/figlio
se valutati come un rischio per lo sviluppo del bambino.
Questi passaggi risultano ancor più importanti nel caso
del allontanamento di preadolescenti o adolescenti, i
quali devono essere considerati soggetti attivi e con capacità decisionale e di autodeterminazione nel progetto,
a prescindere delle volontà del genitore, a partire dalla scelta del collocamento etero familiare, pena l’esito
fallimentare dell’intervento di allontanamento e del più
ampio progetto di tutela.
Il minorenne dovrebbe conoscere possibilmente prima i
suoi nuovi interlocutori poiché saranno loro ad accoglierlo e a dare continuità al suo percorso.
18
Un’altra componente della protezione è rappresentata dalla tutela dei legami esistenti anche solo parzialmente validi
perché la separazione dal proprio mondo produce senso di
smarrimento e impoverisce il minorenne pregiudicando la
sua possibilità di fidarsi, affidarsi e costruire nuovi rapporti.
Il modello dell’ambiente terapeutico globale chiarisce come
nella rete dei servizi sociali ed educativi volti alla protezione e
alla tutela dei minorenni ciò che svolge funzione trasformativa è la vita quotidiana da intendersi come luogo ‘pensato’ nella
sua globalità per realizzare l’intervento ripartivo e terapeutico
stesso. Tale approccio tiene conto delle relazioni vitali tra adulti
e bambini, tra bambini e i loro pari, tra minorenni e operatori
e, valorizzando gli scambi sociali come strumento di crescita,
attiva un contenitore affettivo che offre sicurezze e fiducia al
minorenne, sostenendolo nel suo percorso di crescita. In questo senso, ciò che appare come particolarmente interessante e
incisivo è la valorizzazione della vita quotidiana all’interno della
famiglia e/o della comunità e/o dei centri diurni ecc.. Questa
indicazione considera come cruciali per la crescita tutte le relazioni e valorizza l’apporto della responsabilità trasformativa
diffusa, cioè della consapevolezza dell’apporto anche di figure
significative extrafamiliari, a maggiore ragione per i minorenni
in difficoltà.
Così facendo diventa fondamentale il modo di posizionarsi
all’interno della relazione: non è soltanto importante il ‘cosa’ si
fa, cioè le semplici azioni messe in atto, i contenuti e gli esiti, ma
piuttosto il ‘come’, cioè il processo trasformativo che avviene
nella comunicazione e nella relazione in modo da creare i presupposti per la possibilità e alla praticabilità del cambiamento.
Il lavoro che i servizi sociali e sanitari svolgono nell’attuazione di provvedimenti di allontanamento di un minorenne dalla
sua famiglia di origine assume, quindi, una valenza sociale
perché l’interesse comune è prendersi cura e carico delle difficoltà di una parte della cittadinanza, a partire dai minorenni,
contribuendo ad attivare un circolo virtuoso di partecipazione
e valorizzazione del capitale sociale presente nel territorio.
La scommessa per il futuro è integrare tre diverse dimensioni: l’intervento individuale con il minorenne, con il suo nucleo
familiare, con la dimensione della comunità locale, del territorio, del contesto sociale allargato.
Muoversi in questa direzione è più rispondente ai bisogni dei
minorenni e permette di lavorare maggiormente sul piano della prevenzione, per costruire modalità di intervento di supporto
alle famiglie per prevenire l’allontanamento, tramite un lavoro
più precoce e sempre più competente.
19
Appendice
di approfondimento
Il metodo
4
Appendice
di approfondimento
L’affido è un intervento di sostegno e di prevenzione che
preserva un bambino/adolescente nel tempo necessario
al/ai genitori perché, supportati da diverse figure professionali, scoprano/recuperino la capacità d’essere adeguatamente responsabili nei confronti del figlio.
L’affido
familiare
L’allontanamento che ne consegue, pertanto, ha il valore di una esperienza guidata e ‘terapeutica’ in quanto
potenzialmente capace di curare, attraverso le relazioni
produttive che si realizzano, le fragilità di un nucleo familiare. Una esperienza che può evolvere verso il rientro
del bambino/adolescente nel suo contesto familiare o
verso soluzioni alternative se il/i suoi genitori risulteranno non essere in condizione di recuperare la necessaria
responsabilità della loro funzione.
L’affido familiare rappresenta la sperimentazione di una
relazione familiare offerta ad un minorenne in difficoltà
per preservarne il diritto a crescere in maniera equilibrata mentre l’affidamento a strutture di accoglienza
rappresenta la risposta ritenuta più adeguata per un
bambino/adolescente che ha necessità di essere seguito in un percorso educativo e di sostegno in una dimensione relazionale diversa da quella familiare, gestita da
operatori con specifica professionalità.
È necessario che tutti i soggetti che intervengono attivamente in un percorso di affido accolgano il dettato
della legge con una interpretazione non condizionata da
modelli di riferimento dogmatici relativamente alla genitorialità ed alla famiglia. Una lettura, quindi, non assoggettabile ad interessi, se pur ideologici, divergenti da
quello primario ed unico del bambino/adolescente.
L’ipotesi dell’affido familiare si definisce nel corso del processo di aiuto quando si rileva nel nucleo familiare d’origine una difficoltà/incapacità a cogliere le esigenze del figlio
20
in presenza di problematiche contingenti o di incontrollati livelli
di conflitto. In questi casi l’affido, pur se con le iniziali, comprensibili e note resistenze, potrà essere accolto e condiviso dal/i
genitori perché aiutati a comprenderne le finalità e le modalità
di realizzazione. L’esperienza, pianificata e costantemente valutata, rappresenterà un arricchimento e un momento di crescita
per il bambino/adolescente ed i suoi genitori.
I professionisti individueranno fra le famiglie che hanno offerto disponibilità all’affido e che hanno frequentato il previsto
percorso di in-formazione quella che per caratteristiche di
contenuto e di contesto appare più idonea a rispondere produttivamente alle esigenze personali d’ogni bambino/adolescente. L’attenzione che si deve al prevalente diritto del minorenne consente di indicare come superata l’interpretazione
della successione obbligata, quasi gerarchica, nell’individuazione del soggetto affidatario: prima un familiare, poi un affidatario estraneo alla famiglia, poi la struttura di accoglienza.
Tale interpretazione aveva una giustificazione all’epoca della
entrata in vigore della Legge 184/83 che mirava al superamento degli istituti come risposta alle esigenze di accoglienza fuori famiglia di bambini ed adolescenti.
Se si deve ipotizzare l’affido, evidentemente, si è in presenza
di nuclei non supportati dalla famiglia allargata o con famiglie allargate ugualmente problematiche, che spesso non
hanno né sanno esprimere comportamenti di solidarietà e di
produttivo coinvolgimento.
Oggi l’individuazione del soggetto affidatario va liberamente
definita, a partire dalle esigenze/caratteristiche del minore
d’età e del suo contesto, oltre che dalle motivazioni che individuano l’affido come intervento necessario.
L’informazione e il contatto costante con tutti i soggetti interessati accompagneranno tutte le fasi della preparazione, dell’avvio e della realizzazione dell’esperienza di affido consensuale
che si è considerata necessaria nel processo di aiuto.
I professionisti che hanno in carico la situazione definiranno,
in accordo con i genitori e la famiglia affidataria, le modalità
di incontro che il minorenne avrà con i genitori, i fratelli e le
figure familiari ed amicali di riferimento affettivo ed esperienziale e monitoreranno costantemente la fase di inserimento,
favoriranno la comunicazione fra genitori ed affidatari, prevedranno momenti comuni di valutazione dell’esperienza.
Analogamente alla preparazione ed accompagnamento nella
fase di avvio, si curerà il rientro, quando possibile, del mino21
Appendice
di approfondimento
L’affido familiare
Appendice
di approfondimento
L’affido familiare
renne nella sua famiglia. Naturalmente non va cancellata
la relazione con gli affidatari che restano un positivo riferimento, per il legame affettivo che si è realizzato, non
solo per il bambino ma anche per la sua famiglia.
Una positiva esperienza di affido, superate le iniziali resistenze, diffidenze, confronti, timori rappresenta un’occasione ricca di emozioni e di crescita per tutti i protagonisti sollecitando sentimenti positivi quali la gratitudine
nei confronti di coloro che hanno aiutato il proprio figlio,
di gratificazione e di ulteriore impegno nel sociale per
gli affidatari.
Nel percorso del post-affido potranno essere previsti incontri tra la famiglia affidataria e quella di origine. Per
i genitori tali incontri avranno significato di ‘riscatto’, di
traguardo raggiunto, di scoperta di una diversa dimensione di relazione familiare, e, per gli affidi giudiziari,
rappresenterà il gratificante riconoscimento della ritrovata responsabilità e funzione genitoriale formalmente
riconosciuta dai relativi decreti.
Il rientro in famiglia dovrà rappresentare l’obiettivo cui si
tende in un costante impegno di corretta valutazione di
eventi e comportamenti. L’interesse prioritario del minorenne è rappresentato dalla soluzione più appropriata a ridurre la sua sofferenza tra quelle materialmente possibili.
L’affido giudiziale dovrà seguire le stesse fasi sopra descritte, i cui contenuti saranno condivisi/indicati/prescritti dall’autorità giudiziaria che monitorerà l’esperienza ed a cui si riferiranno problematiche ed esigenze.
22
Hanno partecipato al Tavolo sui Processi di sostegno e
tutela dei minorenni e delle loro famiglie:
Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori
Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia
Associazione Nazionale Magistrati
Associazione Nazionale dei Pedagogisti Italiani
Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza
Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni
Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri
Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza
Consiglio nazionale Forense
Consiglio Superiore della Magistratura
Ministero della Giustizia, Dipartimento per la Giustizia Minorile
Ministero dell’Interno, Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato
Ordine degli Assistenti sociali, Consiglio nazionale
Ordine dei Giornalisti, Consiglio nazionale
Ordine degli Psicologi, Consiglio nazionale
Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le politiche della famiglia
Sindacato Unitario Nazionale Assistenti Sociali
Unione Nazionale Camere Minorili
23
LINEE GUIDA PER LA REGOLAZIONE DEI PROCESSI DI SOSTEGNO
E ALLONTANAMENTO DEL MINORE
Il fenomeno dell’allontanamento forzato di bambini e ragazzi dal proprio nucleo familiare investe in
maniera articolata e differente diversi attori sociali.
Per i servizi sociali e socio-sanitari impegnati a riconoscere e prevenire situazioni di rischio per i
minori e a sostenere le famiglie in difficoltà l’allontanamento di bambini e ragazzi dai loro nuclei
familiari costituisce un segmento residuale dei processi e delle attività poste in essere.
L’obiettivo prioritario degli Enti Locali e dei sevizi territoriali, infatti, deve essere quello di prevenire
gli allontanamenti di minori dalle proprie famiglie. Laddove non sia possibile evitare l’allontanamento, l’obiettivo degli interventi è rappresentato dal recupero della capacità genitoriale della famiglia
originaria e dalla rimozione delle cause che impediscono l’esercizio della sua funzione educativa e di
cura. Il fine è garantire il rientro del minore in famiglia, in tempi il più possibile brevi nel rispetto del
principio di continuità dei rapporti familiari/parentali.
È necessario potenziare il sostegno alle famiglie non solo in funzione preventiva rispetto agli interventi più traumatici, ma anche successivamente, per consentire una comprensione delle ragioni del
provvedimento e una possibile crescita e recupero delle risorse interne al nucleo familiare
In caso di allontanamento, va sempre perseguito un intervento che tenga in considerazione il rispetto
delle persone, l’informazione dei soggetti coinvolti, la ricerca delle modalità più opportune per l’esecuzione del provvedimento e la necessaria tempestività, in relazione sia alla sua efficacia sia all’esigenza di ridurre quanto più possibile il trauma che il minore ed i suoi familiari ne possano riportare.
Il lavoro di prevenzione e di sostegno alle situazioni di fragilità delle famiglie e delle coppie richiede
l’attivazione di servizi competenti all’ascolto dei bisogni e alla prevenzione dei conflitti, di tutoraggio
sociale, di educativa familiare e di mediazione familiare. In particolare, occorre prevedere specifiche
forme di accompagnamento per le famiglie e i minori di diversa cultura.
Nell’organizzazione dei Servizi Sociali è necessario prevedere la presenza di profili professionali che si
occupino con competenze specifiche di famiglie e minori, con un impegno complessivo di lavoro che
renda possibile l’affiancamento delle famiglie in difficoltà, in una logica di prevenzione e di rimozione
degli ostacoli, favorendo e programmando attività e progetti mirati all’integrazione socio-sanitaria.
Gli Enti Locali e le Regioni debbono assicurare risorse finanziarie e di personale, al fine di garantire
la presenza nei servizi alla persona di un adeguato numero di professionisti, a cui assicurare formazione continua, specializzazione e supervisione professionale. È particolarmente Importante che al
fine di una efficace e continuativa attività di supporto ai bambini ed alle famiglie, i professionisti siano
stabilmente impiegati nel settore.
ll minore di cui i genitori non possono occuparsi ha diritto ad avere accanto a sé una figura sostitutiva, quale il tutore, che lo rappresenti e che soprattutto se ne prenda cura.
Tutori e curatori speciali possono trasformarsi da presenze solo formali a figure che curano e accompagnano il minore, pertanto la personalizzazione della loro scelta appare quanto mai indispensabile.
È opportuno, da parte dei diversi soggetti istituzionali coinvolti in questo processo, valorizzare il
contributo e l’apporto delle associazioni di famiglie per la loro funzione di advocacy, studiando anche
modalità di interlocuzione di tali soggetti nel procedimento, compatibili con il sistema processuale.
La necessaria sinergia tra servizi sociali, socio-sanitari, avvocatura e magistratura deve mirare, in pie24
na condivisione, ad un incremento del sistema di tutela dei minori, partendo dalla famiglia, con obiettivi
comuni e strategie condivise. A tal fine è opportuno promuovere percorsi di formazione integrati.
È importante prevedere iniziative rivolte ai mezzi di informazione per fare conoscere i principi, gli
obiettivi, gli strumenti e le attività posti in essere dalle istituzioni a favore delle famiglie e dei minori.
Una informazione scorretta ed i processi di denigrazione che ne derivano, verso i servizi sociali,
sanitari e la magistratura, infatti, finiscono per ledere i diritti e le opportunità proprio delle persone
e delle famiglie in difficoltà. Il senso di diffidenza che ne deriva, rischia di ostacolare percorsi di
orientamento e di sostegno.
Si elencano di seguito alcuni elementi da tenere in considerazione in caso di allontanamento:
1. Il ricorso all’art. 403 del Codice Civile – di competenza dell’autorità di pubblica sicurezza o amministrativa – deve avvenire solo quando sia esclusa la possibilità di altre soluzioni e sia accertata la condizione di assoluta urgenza e di grave rischio per il minore, che richieda un intervento
immediato di protezione. Dell’allontanamento deve darsi tempestiva comunicazione alla competente Procura Minorile per le iniziative del caso.
2. La segnalazione di grave pregiudizio per i minori da parte dei servizi sociali e socio sanitari
alla Procura Minorile (o al Tribunale per i Minorenni nel caso in cui vi sia un procedimento già
pendente), deve avvenire per quanto possibile in maniera circostanziata e deve essere immediatamente seguita da una indagine accurata della situazione. Occorre che nella relazione siano
esposti in maniera distinta gli elementi descrittivi da quelli valutativi e siano indicati gli interventi
che sono stati posti in essere, ove possibile, per evitare l’allontanamento.
3. I servizi sociali e sanitari devono condividere ed elaborare in maniera congiunta con la Magistratura minorile o ordinaria una procedura che presupponga una fase di preparazione e di
proseguimento dell’evento.
4. È importante, anche quando l’intervento sia stato attuato in via di urgenza per esigenze di protezione del minore da pregiudizi subiti in famiglia, favorire la comprensione degli obiettivi e degli
interventi posti in essere. Nel caso in cui si debba procedere senza che i genitori siano presenti,
va dato loro tempestivo avviso, da parte dei servizi competenti, dell’allontanamento e delle ragioni che lo hanno determinato. L’informazione deve comprendere anche il diritto di avvalersi di
un difensore e di chiedere all’ AG la revoca o la modifica del provvedimento.
5. Il provvedimento di allontanamento del minore deve contenere elementi di elasticità al fine di poterlo
adattare alla situazione contingente. È utile che l’autorità giudiziaria dia eventualmente disposizioni
più adeguate, ove dovessero sorgere rilevanti difficoltà nell’esecuzione del provvedimento.
6. L’allontanamento non può essere considerato un momento a sé, ma parte di un percorso di cui
è solo un tassello con la conseguente necessità di formulare in concreto un progetto più ampio,
nel quale il provvedimento si inserisce.
7. Il provvedimento della Magistratura deve prevedere l’affidamento dell’incarico di allontanamento
all’Ente e non al singolo professionista.
8. È opportuno acquisire, ove possibile, il consenso – o quanto meno la non opposizione – all’esecuzione da parte degli interessati, anche collaborando con i difensori. È importante in ogni caso
facilitare la comprensione delle ragioni del provvedimento.
9. Gli operatori che materialmente eseguono il provvedimento di allontanamento devono essere
specializzati. È necessario prevedere una equipe stabile multi-professionale per accompagnare
l’evento di allontanamento, possibilmente composta da professionisti diversi da quelli che hanno
in carico il minore e la famiglia. Il rapporto professionale con gli operatori che seguono la famiglia deve essere, infatti, salvaguardato per non interrompere il rapporto fiduciario.
25
10. Le equipe multidisciplinare vanno coinvolte per il sostegno e l’accompagnamento in comunità,
anche nel caso in cui un minore sia rintracciato dalle forze dell’ordine su disposizione dell’autorità giudiziaria , ai fini del suo inserimento in comunità.
11. Si consiglia di evitare quanto più possibile l’utilizzo della Forza Pubblica durante le procedure di
allontanamento. L’utilizzo della Forza pubblica, nei casi in cui si renda necessario, non deve avvenire in uniforme, e devono essere scelti modi e luoghi che rendano l’evento il meno traumatico
possibile per il minore e per i suoi familiari.
12. Ogni situazione va studiata e progettata tenendo conto della sua unicità e specificità.
13. Particolare attenzione va dedicata all’ascolto del minore e ai luoghi e ai modi in cui esso avviene,
incentivando la creazione di spazi neutri, per gli incontri protetti. È importante spiegare, tenendo
conto dell’età e della capacità di comprensione, la situazione, le ragioni del provvedimento e il
suo significato. È importante ascoltare i vissuti e sentimenti, i problemi e le aspettative del minore, accoglierlo in un luogo idoneo e considerare per quanto sia possibile i suoi desideri.
14. L’affidamento del minore in strutture di accoglienza, di tipologia adeguata all’età e alle caratteristiche del minore, deve essere strettamente limitato al periodo necessario all'elaborazione di
un progetto di rientro nel nucleo familiare e, qualora questo non sia possibile, di affido intra o
extra familiare o di adozione.
15. Le strutture/famiglie che accolgono devono conoscere la situazione del minore e la motivazione
del provvedimento, condividere le modalità di rapporto con i familiari, rispettare le prescrizioni,
collaborare al progetto socio-educativo per il minore, impostato dai servizi sociali e secondo le
disposizioni dell’autorità giudiziari, offrire l’ascolto attento, e curare l’accompagnamento del rientro in famiglia originaria o in affidamento familiare. Il lavoro d i rete deve essere costante, così
come costante e incisivo deve essere l’esercizio del potere di vigilanza del Pubblico ministero
minorile sulle strutture comunitarie.
16. Appare particolarmente importante che le decisioni dell’Autorità Giudiziaria sui reclami proposti
avverso i provvedimenti di allontanamento siano adottate in tempo sufficientemente breve.
17. È necessario promuovere protocolli operativi e percorsi di formazione congiunti per magistrati
minorili, operatori sociali e forze dell’ordine.
26
ALLEGATI
SINTESI METODOLOGICA
Per rendere meno traumatica l’esecuzione per il minore e per i familiari, gli interventi devono articolarsi su più livelli:
1. Con i familiari: informare correttamente; far comprendere le motivazioni del provvedimento;
aiutare a individuare la modalità più adeguata di realizzazione nell’interesse del minore, evitandogli un trauma maggiore; sostenere con azioni di aiuto e non di mero controllo. Promuovere
preventivamente condizioni di adeguata collaborazione significa spesso evitare un’esecuzione
coatta e traumatica.
2. Con il minore, tenendo conto dell’età e della sua capacità di comprensione: spiegare la situazione che sta vivendo, le ragioni del provvedimento e il suo significato; ascoltare i suoi vissuti e
sentimenti, i suoi problemi e le sue aspettative; accogliere in un luogo idoneo e considerare per
quanto sia possibile i suoi desideri.
3. Con chi eseguirà il provvedimento e/o con i servizi: raccogliere e valorizzare la conoscenza del
caso, della situazione contestuale più generale e degli interventi effettuati con i familiari e il
minore quali indicazioni utili da fornire a chi effettuerà l’allontanamento vero e proprio. Ciò permetterà di individuare le modalità, i tempi e i luoghi esplicitando le ragioni di una presenza del
professionista che ha in carico il caso o meno e della necessità di un supporto indiretto.
4. Con le strutture/famiglie che accolgono: conoscenza della situazione, del minore e della motivazione del provvedimento; la condivisione di modalità di rapporto con i familiari, la condivisone del
rispetto delle prescrizioni, la condivisione di progetto educativo e di vita per il minore, l’ascolto
attento, l’accompagnamento del rientro in famiglia originaria o in affidamento familiare.
SINTETICHE INDICAZIONI OPERATIVE/ORGANIZZATIVE
Al fine di rendere più efficaci gli interventi e più efficienti i servizi è indispensabile tener presente
alcuni suggerimenti organizzativi, e prevedere: −− servizi dedicati, accoglienti e competenti per i minori e le loro famiglie;
−− professionisti stabili e con adeguato carico di lavoro in grado di stabilire una relazione significativa e duratura con i soggetti coinvolti;
−− equipe specializzata per situazioni di abbandono e di abuso, per provvedimenti di allontanamento e per riabilitazione e recupero di famiglie e di minori a rischio;
−− uffici tutela, composti da tutori e curatori speciali separati da altre figure professionali che hanno altre funzioni.
Per le funzioni di tutela e di curatela possono essere utilizzati i volontari opportunamente formati;
−−
stabile apporto di sostegno formativo e di supervisione rivolto ai professionisti impegnati nel settore;
−− stabile e significativo rapporto di collaborazione tra uffici giudiziari e servizi sociali.
27
SINTETICHE INDICAZIONI PROCEDURALI
Nel rispetto dei contenuti delle dichiarazioni, convenzioni e raccomandazioni internazionali e di
quanto introdotto dall’111 della Costituzione sul giusto processo è opportuno adeguare le procedure
sulla base di alcuni principi:
−− obbligo di procedere sollecitamente;
−− obbligo di fornire al minore di età tutte le informazioni pertinenti sui fatti rilevanti del procedimento che lo riguardano e sulle possibili conseguenze;
−− la consultazione e l’ascolto del soggetto minore di età in ogni procedimento che lo riguarda;
−− la possibilità che in caso di conflitto di interessi fra il minore e i genitori che lo rappresentano la
nomina di un curatore speciale;
−− l’utilizzo della disciplina di nomina di un difensore del minore distinto da quelli dei genitori nel
caso in cui il conflitto di interessi con i genitori lo imponga;
−− un adeguato accompagnamento del minore a ogni processo che lo riguarda da parte di figure
professionali di aiuto e assistenza;
−− la ricerca del consenso del minore e della sua famiglia e dei loro rappresentanti prima di prendere una decisione;
−− l’ascolto di entrambi i genitori in tutti i procedimenti che hanno per oggetto decisioni relativi
ai figli minori.
28
Note
Note
Progetto grafico: Paolo Massimo e Elena Borzone | www.graphica57.com | 06.4882001
Processi di so
e tutela dei m
e delle loro fa
Via del Viminale 43
00184 Roma
Tel. 064827889 | 064893944
www.cnoas.it - [email protected]
edizione 11/2015 - © Copyright 2015 Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali
Fly UP