...

Voglio che la squadra corra…

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Voglio che la squadra corra…
“ Voglio che la squadra corra…”
Gianni Cedolini: Insegnante di Educazione Fisica e allenatore della
rappresentativa dell’Accademia Navale di Livorno, coordinatore dei
corsi per preparatori del CNA, Presidente dell’Associazione
preparatori fisici italiani pallacanestro.
INTRODUZIONE
Il titolo di questo articolo è la frase che più di tutto un preparatore
fisico si sente ripetere dagli allenatori.
Non vorrei dilungarmi su quelle che sono le competenze del
preparatore all’interno dello staff tecnico, quale migliorare la
condizione fisica e recupero dei giocatori/ci infortunati, perché penso
che nel 2007 queste metodologie di lavoro si siano consolidate,
almeno, nelle società di prima fascia.
E’ quindi, a mio parere, riduttivo valutare la condizione fisica della
squadra soltanto “da quanto corre in partita” poiché grande merito di
questa capacità va agli allenatori che lavorano in campo molto più tempo rispetto al preparatore. Facendo
un esempio, non tanto lontano dalla realtà comune, quale può essere, in termini di percentuale, l’apporto
che una seduta di “atletica” del martedì che dura 60’ netti, tenuta dal preparatore, può dare sullo sviluppo
della potenza aerobica in una squadra che si allena 4/5 volte alla settimana oltre la partita?
Più giusto è invece programmare l’attività , insieme all’allenatore , in microcicli settimanali,
inserendo il lavoro aerobico non solo nella prima seduta della settimana ma plasmato, utilizzando diverse
metodologie di lavoro, in ogni seduta di allenamento.
METODO DI LAVORO
Partendo dal presupposto, ormai consolidato, che la pallacanestro è un gioco dove il tempo di lavoro e il
tempo di pausa sono in rapporto 1:1 (Colli , 1985) e l’intensità (misurata attraverso la frequenza cardiaca)
oscilla tra l’85 e il 95 % della FC massima del giocatore, la metodologia migliore per aumentare la potenza
aerobica è il lavoro intermittente adattato al basket che prevede una serie di esercizi ad intensità sub
massimale in un rapporto lavoro/recupero 1:1 o 1:2.
Quando si imposta un programma di allenamento è fondamentale ricercare esercitazioni motivanti in modo
che la squadra possa dare il 100%. Io penso che la motivazione maggiore si ottiene durante la partita ma
non potendo quantificare il carico interno, è indispensabile ricorrere a esercitazioni specifiche legate ai
fondamentali o a situazioni di gioco.
Un problema che spesso ricorre nelle squadre è la necessità di lavorare con un carico individualizzato; le
proposte spesso sono generali e non sempre soddisfano le necessita della squadra; vanno bene ad alcuni ma
non a tutti. Quindi trovare una forma di allenamento che riesca a individualizzare gli obiettivi ,attraverso la
distanza ed il tempo ,è estremamente necessario ,soprattutto, nelle categorie giovanili dove esiste enorme
diversità per capacità tecniche e fisiche.
PROPOSTA di lavoro: “ALLENAMENTO A BLOCCHI ”
Una soluzione a questo tipo di problematiche può risultare il lavoro a “ blocchi”.
Dal punto di vista operativo i blocchi sono composti da esercizi che hanno obiettivi diversi dal punto di vista
tecnico ma che hanno in comune il lavoro intermittente. La durata di ciascun blocco è di circa 12’ ma
chiaramente vanno valutati il livello di allenamento, il periodo dell’anno e l’età dei giocatori coinvolti.
Sono modulabili senza difficoltà ed hanno come grande prerogativa quella di essere gestiti insieme
all’allenatore e di coinvolgere tutta la squadra nello stesso tempo adattando il lavoro in base alle esigenze
fisiche del singolo giocatore.
Caratteristiche:
Composto da tre macro esercizi (corsa - tiro – gioco agonistico)
Durata totale 12’ - durata ogni esercizio circa 4/5 minuti
Inserito dopo il riscaldamento per un totale di 2/3 blocchi
Nella prima parte del microciclo settimanale
Programmazione della seduta di allenamento:
Al fine di rendere la proposta più scientifica possibile è bene valutare la potenza aerobica dei giocatori
attraverso un test massimale, le proposte più adeguate alla tipologia del movimento del basket sono la corsa
a navetta (test di Leger o 20/20) , da abbandonare il test di Cooper o qualsiasi altra forma di test che
prevede unicamente la corsa in linea che non è specifica per il nostro sport. Per approfondire queste
tematiche è bene leggere l’articolo pubblicato nel n°72 della rivista SDS a cura di Colli, D’Ottavio, Buglione,
Introini o visualizzabile, insieme ad una pratica tabella interattiva nel sito www.preparazioneatletica.it .
A questo punto il gruppo va diviso in sottogruppi composti da tre giocatori con capacità aerobiche simili, il
che permette di impostare gli esercizi in maniera individualizzata.
Parte prima – corsa a navetta con accelerazioni e decelerazioni – durata totale 5/6 minuti
La prima proposta è dedicata alla corsa su distanze che variano dai 18 ai 22 mt con modalità, per quanto
riguarda ogni ripetizione il rapporto lavoro/recupero di 15”/30” o 20”/20” per un totale di 8/10 serie.
Parte seconda – tiro aerobico
/ rapidità di piedi – durata 3
minuti
Esercizio di tiro in arresto dopo
un movimento di rapidità tra
coni, 3 serie per 5 tiri per
giocatore.
Parte terza – 1vs1 attacco
difesa sulla fascia del campo –
durata 3 minuti
Esercizio agonistico che
prevede una fase di attacco e
una di difesa per 15” di lavoro e
30” di recupero per un totale di
3 serie.
MODALITA’ DI LAVORO
Ex 1 : Formare terzetti di pari capacità, porre ogni gruppo
dietro un cono posto sulla linea del campo di volley. L’altro
cono è posto a una distanza compresa tra i 18 e i 22 mt .
(diagramma di fianco). Al segnale del PF i primi giocatori
di ogni terzetto iniziano a correre alla velocità max per 3
sponde fermandosi sul lato opposto. Al segnale successivo
(15”) parte il secondo gruppo e così ancora per il terzo.
corsa avanti e indietro alla massima velocità. Terminata la
prima serie si va avanti con le successive fino al termine
del lavoro (8/10 serie)
Varianti:
- Modificare il tempo di lavoro e di recupero
rimanendo sempre nel range di 15/30”. Es 15/30 –
20/20 – 10/20)
- Modificare il percorso. Es sistemare tre coni al
centro del campo obbligando i giocatori ad
effettuare uno slalom
MICRO PAUSA di 1’
Ex 2: Stessi terzetti tiro dalla posizione di Guardia/ala/post
basso con 2 palloni, un rimbalzista, un’apertura e un tiratore.
Il tiratore riceve la palla dall’apertura che riceve a sua volta dal
rimbalzista. Il tiratore mentre aspetta il pallone deve effettuare
un movimento rapido di piedi a ( tra due coni posti a 2 mt di
distanza. 5 tiri a testa per 3 serie.
Varianti:
- cambiare la posizione del tiratore secondo il ruolo
- effettuare un movimento di piedi diverso (scivolamento
laterale, giro dietro un cono e “ricciolo”etc.
MICRO PAUSA 1’
Ex 3: 1 contro 1 attacco difesa
Giocatori si dispongono a coppie pari ruolo. Con le stesse
modalità del ex 1 partono al segnale , giocando sulla fascia del
campo 1 ontro 1 , al segnale del PF si invertono i ruoli
tornando indietro e continuando a giocare per un totale di 4
volte (20/20). Le serie possono essere tra 4 e 6.
Varianti:
- Modulare il tempo di lavoro e di recupero (15/15 –
10/10)aumentando o diminuendo le serie.
- gioco spalle a canestro partendo dalla pos. Di post basso
- nell’ultima ripetizione si gioca fino a canestro.
MACRO PAUSA 3’ (Acqua)
BLOCCO SUCCESSIVO:
Le modalità saranno le stesse ma per dare sempre una forte motivazione, si possono variare i parametri
degli esercizi.
CONCLUSIONI:
Questa mia proposta è rivolta soprattutto agli allenatori che lavorano con i settori giovanili, categorie per le
quali dovrebbe essere indispensabile la figura del preparatore, in quanto coinvolgono fasce di età che
presentano grosse problematiche motorie (faccio riferimento soprattutto alle capacità condizionali e
coordinative specifiche della pallacanestro), spesso per difficoltà economica o poco “fortunate” non
dispongono di questa figura.
Se non si possiede un cardiofrequenzimetro “l’occhio” dell’allenatore deve valutare se il carico di lavoro è
adeguato alla squadra richiedendo la massima intensità mai a discapito dell’esecuzione tecnica del gesto.
Per maggiori informazioni o chiarimenti su quanto scritto potete mi contattare all’indirizzo di posta elettronica
[email protected]
Buon lavoro
Fly UP