...

Stati e nazioni dopo il 48

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Stati e nazioni dopo il 48
Stati e nazioni dopo i moti del Quarantotto
L’equilibrio europeo stabilito dal Congresso di Vienna aveva rivelato una volta per tutte i
suoi limiti con i moti del Quarantotto.
Tale equilibrio era fondato sull’egemonia politica dell’Austria, che riusciva a tenere a freno
le spinte nazionalistiche in Italia e in Germania.
Al Quarantotto seguì dunque un periodo di instabilità, caratterizzato dalla progressiva crisi
della potenza austriaca, dall’ascesa di nuove entità nazionali (Italia e Germania) e dal
consolidamento della potenza inglese. In Francia, invece, la crisi del Quarantotto aprì la strada
alla monarchia autoritaria di Luigi Bonaparte.
1. Il Secondo impero in Francia
Lo stato autoritario di Napoleone III
In seguito alla rivoluzione di giugno del 1848 fu eletto alla presidenza francese Luigi
Bonaparte, un nipote di Napoleone. Con un colpo di stato, nel 1851 Bonaparte fece sciogliere le
camere e pose fine, di fatto, alla Repubblica. Dal 1852 la Francia tornò a essere una monarchia
ereditaria: Luigi Bonaparte si proclamò imperatore, con il nome di Napoleone III.
Con una serie di provvedimenti repressivi, Napoleone III concentrò tutto il potere nelle sue
mani: il suo obiettivo era restaurare l’ordine interno e accelerare la crescita economica della
Francia.
I ricchi ceti borghesi inizialmente favorirono tale processo e, in effetti, la politica
dell’imperatore assecondò lo sviluppo industriale e l’accumulo di capitali. Vennero istituite due
banche di credito nazionali, fu finanziata la costruzione di ferrovie, industrie e miniere, e vennero
aboliti i dazi doganali interni.
La potenza economica francese crebbe vistosamente: Parigi divenne la capitale dello
sfarzo e della ricchezza, celebrata anche da una nuova urbanizzazione. Il prefetto Hausmann
realizzò nuovi grandi viali (boulevards) che avevano un duplice scopo: migliorare la viabilità
interna e ostacolare la formazione di barricate.
Queste politiche di espansione industriale, tuttavia, portarono a una crescita abnorme del
proletariato urbano che, mal pagato e in pessime condizioni di lavoro, subì un disagio sociale via
via crescente.
L’opposizione repubblicana, perciò, con l’appoggio delle classi lavoratrici, cominciò a far
pressione sul governo per operare riforme e sottrarre poteri all’imperatore ripristinando l’autonomia
del parlamento.
Politica di potenza e conquista del consenso
Napoleone III, tuttavia, era più interessato a mantenere il consenso e, a tale scopo, fece leva
su una politica estera aggressiva.
- consolidò il dominio francese in Algeria (conquistata già nel 1830);
- nel 1860 la Siria divenne un protettorato dell’Impero francese;
- dal 1859 al 1869 la Francia finanziò la costruzione del canale di Suez, che di fatto
sottomise l’Egitto agli interessi francesi (in competizione con l’Inghilterra);
- cominciò la colonizzazione dell’Indocina (Saigon, Cambogia, Cocincina);
Gli errori in politica estera e la caduta di Napoleone III
Furono essenzialmente due gli errori che costarono il potere a Napoleone III:
1
1) egli favorì le spinte nazionalistiche in Italia, pensando con ciò di indebolire l’Austria.
Tale politica, tuttavia, gli provocò l’ostilità della Chiesa e, per cercare di porvi rimedio,
Napoleone si impegnò a difendere il regime clericale del dittatore messicano Santa Ana.
Nel 1855, infatti, tale regime era stato abbattuto dal liberale Benito Juarez, che aveva
nazionalizzato i beni della Chiesa, annullando i privilegia del clero. Ne seguì una guerra
civile e l’esercito francese fu costretto a ritirarsi.
2) Un altro errore di Napoleone in politica estera fu di ostacolare l’unificazione nazionale
tedesca che, come vedremo subito, ruotava attorno alla potenza emergente della Prussia.
Tale contrasto portò a una guerra tra Prussia e Francia, che si concluse con la battaglia di
Sedan (2 settembre 1870): Napoleone III fu sconfitto e fatto prigioniero. Tre giorni dopo i
liberali francesi dichiararono decaduto l’impero e proclamarono la repubblica.
2. La formazione della Germania
Lo sviluppo economico, l’unione doganale e l’unificazione “dall’alto”
La Germania era uscita dal Congresso di Vienna profondamente delusa. Non fu restaurato
l’Impero, né fu unificata. Fu creata invece una Confederazione di 35 stati e 4 città libere. Il
governo era affidato a una dieta confederale che aveva sede a Francoforte ed era presieduta
dall’Austria.
Ricordiamo inoltre che il 13 marzo 1848 una rivolta a Vienna costrinse Metternich alle
dimissioni e l’imperatore Ferdinando a concedere una costituzione. Successivamente, altre zone
dell’impero austriaco si ribellarono.
Tra il 13 e il 17 marzo la rivoluzione esplose anche in Germania, a Berlino.
Questi fatti costrinsero Federico Guglielmo IV, re di Prussia, a convocare un’assemblea
costituente, che pose immediatamente il problema dell’unità nazionale.
Nel maggio 1848 l’assemblea si riunì a Francoforte per esaminare la questione. Emersero
due progetti:
1) unità austro-tedesca con supremazia austriaca;
2) unità della Prussia estromettendo l’Austria.
Nessuna delle due ipotesi riuscì a imporsi, perché il nuovo re di Prussia, Federico
Guglielmo V, rifiutò la corona offertagli dall’assemblea. Egli, infatti, non voleva assecondare le
istanze popolari, continuando ad affermare la supremazia del potere monarchico su quello
parlamentare.
Austria e Prussia, così, restarono due potenze separate.
Tra il 1850 e il 1870, però, la Prussia accrebbe enormemente il suo potere economico e,
successivamente, politico, diventando, di fatto, la principale potenza sul continente, in grado di
sconfiggere sia l’Austria (1866) che la Francia (Sedan, 1870).
Tale rapido sviluppo fu possibile perché:
- già nel 1834 era stata creata l’unione doganale (Zollverein) tra gli stati della
Confederazione tedesca, grazie alla quale venne superata la frammentarietà del territorio e
dato slancio ai commerci;
- le ingenti risorse minerarie del bacino della Ruhr permisero una forte crescita industriale;
- la vasta rete ferroviaria facilitò i commerci e gli spostamenti delle merci.
A fare da traino a questo sviluppo non fu però la borghesia liberale, come nel resto
d’Europa, bensì la classe degli Junker, composta da esponenti influenti dell’aristocrazia fondiaria,
alte caste militari e potenti burocrati statali.
2
Dopo la fine dei moti del Quarantotto, infatti, la borghesia si era notevolmente indebolita e
la classe degli Junker, sostenitrice di Guglielmo I, nel 1862 mise a capo del governo prussiano
l’influente cancelliere Otto von Bismarck.
Il processo di unificazione nazionale degli stati tedeschi fu dunque un processo guidato
dall’alto e, in particolare, da Bismarck.
La costruzione militare del Reich
La politica di Bismarck fu sostanzialmente militare. L’occasione si verificò quando, nel
1864, la Danimarca tentò di annettere i due Ducati di Schleswig e Holstein. Con il pretesto di
difendere la Confederazione, Bismarck dichiarò guerra alla Danimarca e occupò lo Holstein.
Quest’ultimo, tuttavia, era di fatto sotto il controllo dell’Austria, la quale si sentì minacciata e
dichiarò guerra alla Prussia.
Bismarck, però, si era già preparato a una tale eventualità ed era riuscito a garantirsi la
neutralità della Francia e l’alleanza con il Regno d’Italia.
L’Austria, pur sconfiggendo l’esercito italiano, perse però la battaglia di Sadowa (3 luglio
1866) e fu costretta ad arrendersi. Austria e Prussia firmarono una pace a Vienna (ottobre 1866),
che prevedeva la costituzione di uno stato tedesco unitario guidato dalla Prussia e da Bismarck ed
escludeva ogni influenza austriaca. Inoltre, fu prevista la cessione del Veneto alla Francia.
La guerra Franco-Prussiana: Guglielmo I imperatore
Come già si è detto, la Francia si oppose alla crescente potenza acquistata dalla Prussia.
L’occasione dello scontro fu però la competizione per il trono di Spagna, che nel frattempo si era
reso vacante. La Prussia avanzò la sua candidatura e la Francia, spaventata dall’idea di trovarsi tra
due stati prussiani e contraria all’idea di un grande stato tedesco, dichiarò guerra alla Prussia.
L’esercito di Napoleone III, però, fu sconfitto a Sedan (1870), dove, come si è detto,
Napoleone III fu fatto prigioniero.
Il 18 gennaio 1871 a Versailles, occupata dai Prussiani, i principi tedeschi elessero
Guglielmo I imperatore di Germania. Era nato il Reich, l’impero tedesco, che al momento era lo
stato più potente d’Europa.
3. La Comune di Parigi
Una nuova ondata rivoluzionaria a Parigi: la Comune
La sconfitta di Napoleone III, le pesanti riparazioni di guerra e le cessioni territoriali
causarono una ripresa del malcontento popolare a Parigi. Nel marzo 1871 nuove ondate
rivoluzionarie si moltiplicarono lungo le vie della capitale. Protagonisti non erano i borghesi, bensì
gli operai e i piccoli artigiani, ai quali si unirono i ceti più poveri.
Ne scaturì un governo popolare, a guida socialista, chiamato Comune, che operò subito
profonde riforme: suffragio universale, abolizione dell’esercito permanente, confisca dei beni della
chiesa, soppressione dell’istruzione religiosa, divieto del lavoro notturno, blocco degli affitti.
La Comune di Parigi non pretendeva di essere un governo di tutta la Francia, ma solo della
capitale, promuovendo però la creazione di altre istituzioni analoghe anche nel resto del paese.
I progetti dei comunardi e la breve vita della Comune
L’importanza storica della Comune è data non dalla sua durata, che fu piuttosto breve,
bensì dal fatto di costituire il primo autogoverno popolare della storia contemporanea.
Già il 2 aprile, infatti, un esercito messo in piedi in gran fretta dal governo di Versailles
assaltò Parigi. Dopo una settimana di scontri la Comune terminò la sua breve esperienza, che
3
però fu simbolicamente molto importante per il movimento operaio internazionale, che vi
intravide la possibilità di realizzare concretamente i propri ideali.
4. L’Inghilterra vittoriana
La “padrona del mondo”: la politica coloniale ed europea
Per quanto riguarda l’Inghilterra, già potenza economica di primo piano in Europa e nel
mondo, gli anni del regno della regina Vittoria (1837-1901) costituirono il consolidamento di tale
primato.
L’Inghilterra vantava:
- una struttura industriale all’avanguardia;
- una flotta imponente che gli garantiva il predominio nel commercio mondiale.
In questi anni, la politica inglese fu essenzialmente coloniale, estendendo i suoi domini in
Australia, Nuova Zelanda, Africa e Asia, con la definitiva sottomissione dell’India.
5. L’Europa orientale e i Balcani
La situazione nell’Europa orientale: l’Impero austro-ungarico
Nel 1867 l’Impero d’Austria prese il nome di Impero austro-ungarico. Vi erano due
parlamenti, uno a Vienna e uno a Budapest, con maggioranze dei rispettivi popoli.
I Cechi, anch’essi ufficialmente parte dell’Impero, furono praticamente esclusi dal governo,
e questo creò un profondo malcontento soprattutto in Boemia, in cui era in atto un intenso sviluppo
economico e industriale.
Per quanto riguarda la Russia, il regno degli zar era ormai un anacronismo in un’Europa in
cui si stavano affermando idee liberali e socialiste. Si formò nel paese un’opposizione intellettuale
con idee rinnovatrici, che costrinsero lo zar ad abolire, nel 1861, la servitù delle gleba.
In politica estera, però, lo zar continuava a cercare zone di espansione verso l’Asia e verso i
Balcani. Se nella prima direzione tale impresa ebbe successo, ciò non accadde nei Balcani, dove la
Russia incontrò la forte opposizione delle potenze europee. In Crimea si combatté uno scontro
decisivo, cui parteciparono Francia e Inghilterra insieme all’Impero ottomano e a un piccolo
contingente inviato dal Piemonte (per ragioni che vedremo più avanti). La pace (1856) sancì la
sconfitta dei Russi.
4
Fly UP