...

Regolamento dei passi carrabili

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Regolamento dei passi carrabili
COMUNE DI COMUNE ALL’IONIO
( Provincia di COSENZA )
COMANDO POLIZIA MUNICIPALE
REGOLAMENTO
DEI PASSI CARRABILI
_______________________________________________
proposta elaborata da :
Ten. Pietro Atene : Responsabile del Corpo di P.M.
1
INDICE
Art. 1 - Contenuto del Regolamento.
Art. 2 - Definizione di passo carrabile.
Art. 3 - Autorizzazione alla costruzione.
Art. 4 – Ufficio comunale competente.
Art. 5 – Spese di sopralluogo e di istruttoria.
Art. 6 – Realizzazione e formalità del provvedimento di autorizzazione.
Art. 7 – Determinazione della tassa.
Art. 8 – Riconoscimento del passo carrabile.
Art. 9 – Manutenzione del passo carrabile.
Art. 10 – Passi carrabili esenti dal pagamento della tassa.
Art. 11 – Passo carrabile di accesso a più proprietà.
Art. 12 – Chiusura dei passi carrabili.
Art. 13 – Deroghe alla chiusura e alla costruzione.
Art. 14 – Durata della concessione.
Art. 15- Responsabilità del concessionario.
Art. 16 – Limiti alle concessioni.
Art. 17- Cauzione.
Art. 18- Modalità e condizioni del servizio rimozione.
Art. 19 – Sanzioni.
Art. 20 – Entrata in vigore.
2
Articolo 1.
Contenuto del Regolamento
1. Il presente regolamento disciplina il rilascio dell’autorizzazione di accessi e passi
carrabili, lungo le strade comunali, vicinali e all’interno della delimitazione dei
centri abitati per le strade Statali e Provinciali, ad integrazione ed esecuzione della
normativa in materia prevista dal Codice della Strada e relativo Regolamento di
esecuzione ( D. Lgs. 30/04/92 n° 285 e D.P.R. 16/12/1992 n° 495), nonché del
D.Lgs. n° 507 del 15/11/1993 ( Relativamente agli artt. dal 38 al 57 del
Regolamento Comunale per l’applicazione della Tassa per l’occupazione di spazi ed
aree pubbliche , posto in essere con Deliberazione di Consiglio Comunale n° 8 del
30/3/2002.)
Articolo 2.
Definizione di passo carrabile
1. Ai fini del presente regolamento, si intende per “ passo carrabile” qualunque
manufatto (costituito generalmente da listoni in pietra o altro materiale, o da
appositi intervalli lasciati nel marciapiede, o da modifica del piano stradale tesa a
facilitare l’accesso dei veicoli ad un’area privata laterale, idonea allo stazionamento
di uno a più veicoli) consistente in un’opera visibile che renda concreta
l’occupazione è certa la superficie stradale sottratta all’uso pubblico.
2. I manufatti mancanti delle caratteristiche di cui sopra, che hanno accesso diretto
dalla pubblica strada sono definiti “ accesso carrabile” e/o “passo carrabile a raso”.
Articolo 3.
Autorizzazione alla costruzione
1. Sulle strade di proprietà comunale e nei tratti di strade statali e provinciali correnti
all’interno dei centri abitati, senza la preventiva autorizzazione del Comune non
possono essere costruiti passi carrabili, né possono essere apportate
trasformazioni o variazioni a quelli esistenti.
2. I passi carrabili relativi a nuove costruzioni si intendono automaticamente
autorizzati qualora previsti nei rispettivi permessi a costruire.
3. L’autorizzazione di cui al presente articolo è rilasciata nel rispetto delle vigenti
normative edilizie ed urbanistiche nonché del Codice della Strada e del relativo
regolamento di esecuzione.
4. Autorizzato alla richiesta è, oltre al proprietario dell’immobile , ogni soggetto che
detiene legittimamente lo stesso.
Articolo 4.
Ufficio comunale competente
1. Competenti all’istruttoria della domanda sono di concerto , per le parti di loro
competenza, il Comando di Polizia Municipale, l’Ufficio Tecnico Comunale e
l’Ufficio Tosap.
2. Competente al rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 3 è il Responsabile del
Settore Polizia Municipale, dopo avere acquisito i pareri degli organi competenti e,
per quanto riguarda le strade non comunali, dopo avere acquisito il parere o il
Nulla Osta dell’Ente proprietario della strada (art. 26, comma 3 , del Codice della
strada).
3
3. Le domande dirette a conseguire l’autorizzazione in questione devono essere
corredate da adeguata documentazione tecnica e presentate presso l’Ufficio di
Polizia Municipale.
Art. 5.
Spese di sopralluogo e di istruttoria
1. Ai sensi dell’art. 27 comma 3 del Codice della Strada, l’utente del passo carrabile
deve corrispondere una-tantum la somma di € 30,00 per gli oneri sostenuti dal
Comune per il sopralluogo e l’ istruttoria relativa ad ogni domanda di concessione,
nonché per la fornitura del segnale, a prescindere dal numero dei passi carrabili al
servizio dell’immobile.
2. Le somme di cui sopra sono rivedibili ogni anno con deliberazione di Giunta
Comunale, o confermabili tacitamente. A queste somme vanno aggiunti tutti gli
eventuali diritti di bollo, segretaria, ecc.
Art. 6.
Realizzazione e formalità del provvedimento di autorizzazione
1) I passi carrabili devono essere realizzati osservando le seguenti condizioni (art. 46
del Vigente Regolamento di Esecuzione C.d.S.:
a) devono essere distanti dalle intersezioni almeno 12 mt. E, in ogni caso, devono
essere visibili da una distanza pari allo spazio di frenata risultante dalla
velocità massima consentita nella strada su cui sono collocati;
b) devono consentire l’accesso ad un’area laterale che sia idonea allo
stazionamento o alla circolazione dei veicoli;
c) qualora l’accesso alla proprietà privata sia destinato anche a notevole traffico
pedonale deve essere prevista una separazione dell’entrata carrabile da quella
pedonale;
d) devono permettere la rapida immissione dei veicoli nella proprietà laterale;
e) deve essere segnalato mediante apposito segnale.
2) Per ottenere l’autorizzazione di un passo carrabile esistente, l’interessato dovrà
produrre istanza, su apposito modello predisposto dall’Autorità Comunale,
corredata dalla documentazione in esso prevista.
3) L’ottenimento dell’autorizzazione di un nuovo passo carrabile, o la modificazione di
uno esistente, da realizzare da parte del privato, l’interessato dovrà presentare
apposita domanda corredata di idonei elaborati progettuali a firma di un tecnico
abilitato ed in duplice copia.
4) Nel caso in cui per il suddetto intervento sia necessario ottenere un’autorizzazione
di tipo edilizio, è facoltà del richiedente presentare, congiuntamente alla richiesta
di autorizzazione o permesso a costruire, l’istanza relativa al passo carrabile; in tal
caso dovrà essere prodotta- oltre all’ordinaria documentazione prevista per la
pratica edilizia, la documentazione di cui al punto precedente.
5) Qualora l’intervento sia realizzabile, dal punto di vista edilizio, attraverso
l’attivazione di procedura di Denuncia di Inizio Attività ai sensi della legge 662/96,
l’interessato dovrà preventivamente ottenere la concessione del nuovo passo
carrabile così come previsto dal 2° comma del presente articolo.
6) Nel caso in cui l’accesso carrabile o passo carrabile a raso esistente, a seguito di
intervento da parte del Comune , venga trasformato in “ passo carrabile, gli
interessati dovranno ottenere la relativa Concessione secondo le modalità previste
per i passi carrabili esistenti ( 1° comma presente articolo), sempreché non
abbiano già ottenuto il cartello di divieto di sosta (art. 7,comma 3° del presente
4
regolamento); in tal caso occorrerà solamente rideterminare la tariffa come stabilita
per i passi carrabili.
Art. 7.
Determinazione della tassa
1. Il rilascio dell’autorizzazione del passo carrabile è condizionato al pagamento di
una tassa d’uso annuale, determinata in base al Decreto Legislativo n° 507 del
15/11/1993 ( tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche) e successive
modifiche ed integrazioni , nonché al vigente Regolamento Comunale Tosap.
2. Per i passi carrabili si applica la tariffa ordinaria nell’ammontare minimo, così
come indicata all’art. 44,comma 1° del medesimo D.Lgs, ridotta del 50%. La tassa è
commisurata alla superficie occupata, risultante dall’apertura dell’accesso per la
profondità del marciapiede o del manufatto e comunque per una superficie
massima di 9 mq.
3. Per gli accessi carrabili o passi carrabili a raso, in caso di richiesta di
autorizzazione con il posizionamento del divieto di sosta, si applicano le medesime
modalità individuate per i passi carrabili . Il divieto di utilizzazione di detta zona da
parte della collettività non può comunque estendersi oltre la superficie di mq. 9 e
non consente nessuna opera né l’esercizio di particolari attività da parte del
proprietario dell’accesso. La tassa è ridotta del 10% della tariffa ordinaria ed è
commisurata alla superficie occupata, risultante dall’apertura dell’accesso per la
profondità di ml. 1,00.
4. Copia dell’autorizzazione rilasciata con copia dell’intera documentazione, saranno
trasmesse dal comando di Polizia Municipale all’Ufficio Tosap , per la registrazione
e conseguente verifica dei pagamenti annuali.
5. L’Ufficio Tosap trasmetterà al comando di Polizia Municipale entro il 30/5/ di ogni
anno , l’elenco utenti che per l’anno in corso non hanno regolarizzato il pagamento,
per gli opportuni provvedimenti del caso.
Art. 8.
Riconoscimento del passo carrabile
1. La presenza del passo carrabile viene evidenziata attraverso apposito segnale
indicante divieto di sosta, conforme a quanto stabilito dall’art. 120, comma 1°, lett.
“ e” , del Regolamento di Esecuzione del Codice della Strada.
2. Esso, in particolare, dovrà contenere lo stemma del Comune e l’iscrizione “
Comune di Cassano All’Ionio” oltre agli estremi dell’ autorizzazione . La mancata
indicazione dell’Ente e degli estremi della Concessione comporta l’inefficacia del
divieto.
3. Il Comune di Cassano All’Ionio fornirà il segnale al momento del rilascio della
Concessione; l’istallazione e la manutenzione del segnale sono a cura e spese del
soggetto titolare dell’autorizzazione.
Art. 9.
Manutenzione del passo carrabile
1. Ai sensi dell’art. 45 ,comma 9, del Regolamento di Esecuzione del Codice della
Strada, la manutenzione del passo carrabile , sia per la zona insistente sulla strada
che per la parte ricadente sulla proprietà privata, è a cura e spese dei titolari
5
dell’autorizzazione, i quali sono tenuti a rispettare le prescrizioni e le modalità
fissate dall’Ente proprietario della strada.
2. É obbligo per il titolare dell’autorizzazione :
a) di mantenere in perfetta efficienza il segale stradale e la sagoma limite del
passo carraio, al fine di permettere , agli utenti stradali, di individuare la zona
interessata al divieto di sosta, in modo chiaro ed inequivocabile;
b) di comunicare, all’apposito ufficio, qualsiasi danneggiamento, smarrimento o
patito furto del cartello segnaletico. In tale ultima ipotesi, dovrà essere prodotta
copia della denuncia presentata presso le competenti autorità di Polizia;
c) di restituire, l’apposito cartello segnaletico numerato di passo carraio, in caso
di cessazione dell’autorizzazione stessa, per rinuncia del medesimo titolare o su
disposizione della competente Autorità.
3. La realizzazione del passo carrabile e l’eventuale rimessa in pristino d’opere
stradali per la cessazione della stessa, in caso di rinuncia del titolare o su
disposizioni della Autorità competente, ricade a carico dell’intestatario o avente
causa. La esecuzione dei lavori deve essere effettuata in conformità alla
prescrizioni tecniche impartite dal competente Servizio Settore Urbanistico.
Art. 10.
Passi carrabili esenti dal pagamento della tassa
1. Sono esenti dal pagamento della tassa d’uso annuale i passi carrabili degli uffici
della Pubblica Amministrazione, gli uffici Giudiziari, le sedi delle Forze di Polizia,
le scuole pubbliche di ogni ordine e grado, nonché le sedi destinate all’esercizio
del culto religioso, le associazioni di volontariato, Protezione Civile ed ai portatori
di Handicap motorio .
Art. 11.
Passo carrabile di accesso a più proprietà
1. Nel caso in cui diversi fondi o proprietà immobiliari si servano di un unico passo
carrabile, la richiesta di autorizzazione va fatta dall’amministratore o dal capo
condomino, se previsti, o anche da un solo dei proprietari dell’immobile o dei
soggetti che lo detengono legittimamente , segnalando che il passio è al servizio di
più unità immobiliari.
Art. 12.
Chiusura dei passi carrabili
1. Il cancello o altro sistema d’ingresso dovrà aprire verso l’interno della proprietà del
richiedente.
L’apertura verso l’esterno sarà consentita solo nel caso in cui non intralci la
circolazione veicolare e pedonale.
Art. 13.
Deroghe alla chiusure e alla costruzione
1. Il cancello o qualsiasi altra opera di chiusura dei passi carrabili di nuova
costruzione, dovrà essere posto arretrato rispetto al confine con la proprietà
6
pubblica in modo di consentire la sosta, fuori della carreggiata, di un veicolo in
attesa di ingresso .
2. Per obiettive impossibilità costruttive e/o per gravi limitazioni della godibilità della
proprietà privata , potranno essere autorizzate chiusure a distanza inferiori a
quelle di cui sopra, a condizioni che le stesse siano dotate di sistemi di apertura
automatica.
3. É consentito derogare all’arretramento degli accessi e all’utilizzo di sistemi
alternativi, nel caso in cui le immissioni laterali avvengano da strade senza uscite o
comunque con traffico limitato per cui le immissioni stesse non possono
determinare condizioni di intralcio alla fluidità della circolazione.
4. I comuni , ai sensi dell’art. 46 comma 6° del Regolamento di esecuzione del C.d.S. ,
hanno la facoltà di autorizzare distanze inferiori a quelle fissate al comma 2,
lettera a) del medesimo articolo , per i passi carrabili già esistenti alla data di
entrata in vigore del presente regolamento, nel caso in cui sia tecnicamente
impossibile procedere all'adeguamento di cui all’art. 22, comma 2, del C.d.S. .
Art. 14.
Durata della Concessione del passo carrabile
1. L’autorizzazione si intende priva di effetti giuridici allo scadere del ventinovesimo
(29°) anno dal rilascio, salvo rinnovo alla scadenza.
2. L’autorizzazione può essere rinunciata entro il 30 Settembre di ogni anno mediante
presentazione di domanda al Comune con allegata fotocopia del tributo pagato,
relativo all’anno in cui viene richiesta la rinuncia, e con il progetto di ripristino
della strada o del marciapiede comunale.
3. Gli uffici comunali devono:
a) dirigere e sorvegliare i lavori di ripristino della strada o del marciapiede da farsi
a cura e spese del concessionario;
b) provvedere alla cancellazione del concessionario dai ruoli comunali.
Art. 15.
Responsabilità del concessionario
1. Il richiedente l’autorizzazione di passo carrabile si assume tutte le responsabilità
civili e penali per la costruzione, manutenzione e rinuncia del passo carrabile.
Art. 16.
Limiti alle autorizzazioni
1. L’autorizzazione del passo carrabile può essere rilasciata con i limiti di cui al
comma 9° dell’art. 22 del Vigente Codice della Strada ed inoltre con i limiti di cui
agli artt. 45 e 46 del regolamento di esecuzione di detto Codice.
Art. 17.
Cauzione
1. Se l’autorizzazione è rilasciata per passi carrabili di nuova costruzione o con
prescrizioni tecniche di lavori di adeguamento o modifica, il concessionario è
obbligato al pagamento di una cauzione di € 150,00 (centocinquanta) restituibili
alla fine di detti lavori.
7
2. In alternativa può essere istituita una polizza fideiussoria di importo
corrispondente, svincolabile nei tempi detti sopra.
3. Gli estremi del pagamento della cauzione (o della fidejussione) saranno riportati nel
disciplinare di concessione (dove previsto), o comunque inseriti con apposito
articolo aggiuntivo nei casi di eventuali prescrizioni tecniche.
Art. 18.
Modalità e condizioni del servizio di rimozione
1. Il segnale stradale di “passo carrabile“ ha dimensioni e formato stabilite dall’art.
120 del Regolamento di Esecuzione del C.d.S. ( fig. II.78). Esso indica la zona in
corrispondenza della quale vige, in permanenza, il divieto di sosta ai sensi dell’art.
158 del C.d.S..
2. L’autorizzazione di passo carrabile consente di fruire, compatibilmente con le
esigenze tecniche esistenti al momento della chiamata, dell’intervento, tramite la
Polizia Municipale e/o altra forza di Polizia, del servizio rimozione, qualora risulti
ostruito da veicoli in sosta lo spazio di suolo pubblico e/o privato antistante il
passo carrabile.
Art. 19.
Sanzioni
1. Chiunque viola le disposizioni del presente Regolamento, nonché quelle stabilite
dal Codice della Strada e del relativo Regolamento di Esecuzione riguardo ai passi
carrabili, è soggetto alle sanzioni di cui all’art. 22 del vigente Codice della Strada.
Art. 20.
Entrata in vigore
1. Il presente Regolamento entra in vigore trascorso il necessario periodo di
pubblicazione all’Albo Pretorio del comune.
8
Fly UP