...

Tenuta adeguata dei gatti d`appartamento

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Tenuta adeguata dei gatti d`appartamento
Tenuta adeguata dei gatti d’appartamento
I gatti sono sempre più spesso tenuti esclusivamente in appartamento, con l’unica possibilità di accedere eventualmente ad un balcone. In
queste condizioni di tenuta, per rispettare i bisogni comportamentali del gatto ed essere buoni proprietari, è necessario soddisfare alcune
condizioni essenziali. Quali sono le necessità di un gatto d’appartamento? Come soddisfarle in modo ottimale? Il gatto è un piccolo felino
predatore molto affettuoso, vivace e bisognoso di giocare e avere contatti sociali.
In condizioni naturali il gatto caccia per 6-8 ore e più al giorno. Tende 100-150
agguati a piccole prede, di cui solo ca. il 10% è coronato da successo. Il gatto è
dunque un animale specializzato in attività di breve durata, ma molto intense. Di
conseguenza anche in appartamento ha bisogno di svolgere attività simili.
Nutrire il micio due volte al giorno e pulirgli quotidianamente la cassetta igienica
non soddisfa i bisogni di questo piccolo compagno di casa. È necessario soddisfare il suo grande bisogno di cacciare con giochi interattivi e variati. Se siete
troppo poco presenti a casa, è consigliabile che teniate due gatti piuttosto che uno
solo. Per avere maggiori possibilità che vadano d’accordo sarà bene adottare i
gattini da una stessa cucciolata o perlomeno prenderli entrambe da piccolini. Da
solo un gatto non sarà mai abbastanza attivo, ma non dimenticate che anche se
sono in compagnia i mici necessitano della vostra presenza, di cure e di attenzione!
Toilette
In libertà i gatti depongono urina e feci in luoghi differenti, dunque, per un tenuta rispettosa delle
loro necessità, è importante che essi abbiano a disposizione una quantità sufficiente di cassette
igieniche.
Ogni gatto che non abbia costantemente accesso all’esterno, ha bisogno di più di una cassetta
igienica- di regola per un gatto almeno due cassette. In economie domestiche con più gatti il
numero di cassette necessarie corrisponde a “numero di gatti + 1” (cioè 2 gatti ➝ 3 cassette, 3
gatti ➝ 4 cassette ecc.). Due cassette poste una affianco all’altra contano come una sola. Le
cassette igieniche devono essere poste nel luogo giusto: non in “vicoli ciechi” (l’uscita deve
essere possibile da più di un lato), in posti da cui si veda cosa succede intorno, non in punti
troppo discosti, ecc. Esse non devono inoltre trovarsi vicino al luogo in cui i gatti mangiano o
dormono. Le cassette dovrebbero essere grandi, stabili e possibilmente non coperte. Esse vanno setacciate giornalmente anche più volte al
giorno e lavate a fondo almeno una volta alla settimana. La sabbietta igienica deve essere sempre presente in quantità sufficiente, i gatti
preferiscono quella più fine e non profumata. Una volta che il suo micio ha imparato ad accettare bene un tipo di sabbia, non ne cambi la
marca.
Alimentazione
In condizioni naturali il gatto si nutre di topi, uccelli o altre piccole prede (lucertole, insetti, cavallette…).
Caccia dunque intensamente e assume numerosi piccoli pasti nel corso della giornata. Sono molti i
proprietari di gatti che nutrono i loro animali una o due volte al giorno, altri su richiesta del micio o altri
ancora gli lasciano a disposizione cibo a volontà. In questi casi il gatto non è tenuto a muoversi e fare
esercizio fisico per ottenere il cibo e ciò si riflette molto spesso in problemi di sovrappeso, che il
proprietario cerca di tenere sotto controllo riducendo il numero dei pasti… ciò rende il gatto infelice,
ansioso e talvolta persino aggressivo.
Recentemente sono stati messi sul mercato degli ingegnosi distributori automatici di cibo secco che
soddisfano anche il bisogno di cacciare (p.es. il “pipolino®, www.pipolino.ch), permettendo ai gatti di
simulare il comportamento di caccia durante tutta la giornata. Grazie a questi distributori i gatti “vanno a
caccia di crocchette” per l’appartamento come se esse fossero topolini, nutrendosi poco per volta come
farebbero in natura.
Oltre al cibo “razionato intelligentemente” è importante che il gatto abbia
sempre a disposizione acqua fresca in più di un recipiente. I recipienti devono
essere abbastanza grandi, che il gatto non ne debba toccare i bordi con i baffi
mentre beve e preferibilmente non dovrebbero essere fatti di materiale
plastico. Una sola ciotola per l’acqua posta vicino a quella del cibo non è
sufficiente. I gatti bevono più volentieri se l’acqua viene cambiata spesso ed è
bella fresca, a volte imparano a bere persino l’acqua corrente.
Occupazione e benessere
Un gatto d’appartamento deve poter disporre di un posto sopraelevato da
cui osservare l’ambiente esterno (balcone, finestra) per potersi relazionare
con ciò che accade di fuori. Ma attenzione alle finestre: se lasciate socchiuse,
quelle a ribalta, possono rappresentare un pericolo mortale per il gatto!
Anche i balconi devono essere controllati ed eventualmente “recintati”, affinché risultino a prova di caduta. Un posto con vista sull’esterno
offre distrazione al micio e giova alla sua salute: stare seduti ad osservare qualcosa è ben diverso da non far niente!
Un gatto deve poi potersi ritirare dallo sguardo degli altri e dal contatto con loro, siano essi
persone, altri gatti o altri animali: predisponete qualche nascondiglio confortevole dove non
verrà disturbato, nemmeno per una carezza. In assenza di questa possibilità potrebbe vivere
una situazione di stress permanente. Rispettate i suoi momenti di riposo e cercate il contatto
con lui solo quando è già sveglio.
Gioco
Ricordate: i gatti che possono uscire e si nutrono da soli, sono occupati fino a 11 ore al
giorno in attività di caccia! I gatti devono poter esprimere il loro istinto di caccia anche
se vivono in appartamento! In alternativa alle prede vere gli si possono offrire tutte quelle
occupazioni che lo tengono in movimento (i distributori “ingegnosi” di cibo secco, tipo
“pipolino®”, le palline da ping-pong, i pezzetti di carta accartocciati, la carta velina, i turaccioli…). Siate attenti alla qualità dei giochi che
scegliete: controllate p.es. che non abbiano punte aguzze con le quali il vostro micio si possa ferire.
Nel gioco interattivo con voi il gatto può inseguire una preda finta, imparare a riportare degli oggetti, giocare a nascondino,… Tutto questo
contribuisce a prevenire i problemi di sovrappeso, noia, sedentarietà, ansia, depressione e comportamenti aggressivi. L’alimentazione
frazionata in numerosi piccoli pasti è raccomandata anche per i gatti che soffrono di cistiti, in quanto inducono un’acidificazione della vescica
urinaria.
In questo riassunto sono contenuti i punti principali riguardanti la tenuta adeguata dei gatti d’appartamento. Ricordate che tenere un gatto
sempre all’interno richiede molto tempo, per poter compensare l’assenza della possibilità di cacciare!
Lo spazio a disposizione dell’animale
Più quest’ultimo è piccolo e monotono, più dovremo dedicarci al gatto e offrirgli giochi, attività e svago per prevenire l’insorgere della noia e
della sedentarietà. Un piccolo appartamento in disordine, dove il micio trova numerose possibilità di saltare, p.es. su e giù dagli armadi, sui
davanzali delle finestre, su ripiani applicati alle pareti o su un albero per gatti (grattatoio) gli permetterà di sfruttare anche la terza
dimensione dello spazio e gli sarà ben più confacente di un ordinatissimo e pulitissimo appartamento minimalista.
Il fattore tempo: Anche un gatto d’appartamento deve muoversi! Ha bisogno di essere stimolato a giocare: come proprietari dovete
occuparvi attivamente di lui e proprorgli dei giochi di caccia con giocattolini sempre diversi (p.es. a rotazione) sia commerciali che fatti in
casa. È sufficiente che il giocattolo si muova e sia piccolo, può essere dotato di peli o piume e può emettere rumori possibilmente acuti,
perché assomigli il più possibile ad una potenziale preda. Per esempio delle pallottole di carta, dell’erba gatta, delle palline di stoffa
imbevute di essenza alla valeriana da lanciare o nascondere andranno benissimo.
Tipo di gatto
Come micio d’appartamento sarà bene scegliere un individuo calmo e coccolone, che ami essere trattenuto in braccio e si lasci accarezzare
a lungo. Un gatto che risponde a queste caratteristiche si adatta più facilmente alla vita d’appartamento che non un gatto timido e pauroso
che rischia di reagire in modo aggressivo o con la fuga se confrontato con le persone o con situazioni nuove. Sarà preferibile un gattino nato
in appartamento, che sia stato accarezzato e manipolato spesso e che non sia ancora mai uscito all’esterno. L’ideale sarebbe adottare due
micini dello stesso sesso se provengono dalla medesima cucciolata, oppure di sesso differente se provengono da due diverse cucciolate.
Le marcature con feromoni e le graffiature verticali
Il gatto è un animale territoriale, che ha bisogno di marcare il proprio territorio con odori o segni visibili. Possiede ghiandole specifiche sotto i
cuscinetti plantari, sulla testa e alla base della coda. Le marcature avvengono tramite strofinamento della testa e delle tempie o tramite
graffiature. Questo comportamento di marcatura territoriale è necessario al benessere del micio, ma può essere molto fastidioso per il suo
proprietario, a dipendenza dai luoghi prescelti dal gatto. Per aiutarlo a scegliere i “luoghi giusti” ed evitare danni all’appartamento, è
necessario offrirgli dei dispositivi da marcare sufficientemente attrattivi: p.es. un albero per gatti a piani (con i diversi piani posti ad una
distanza di almeno 1 metro gli uni dagli altri!) o un asse “tiragraffi” stabile di almeno 1 metro di lunghezza. Può essere utile impregnare
questi oggetti, che non devono essere posizionati in luoghi troppo discosti o difficilmente accessibili, con dell’essenza di valeriana, dei
noccioli di olive o dell’erba gatta. Presso il vostro veterinario di fiducia potete trovare anche dei feromoni rassicuranti sottoforma di spray da
applicare al mobilio di casa per preservarlo da eventuali graffiature.
Le marcature urinarie
Le marcature con l’urina fanno parte del repertorio comportamentale normale del gatto. Questo comportamento esce dalla normalità nel
caso in cui le marcature avvengono all’interno del vostro habitat. La miglior prevenzione sta nella scelta di un micio ben socializzato,
affettuoso e sicuro di sé. Fornitegli regolarmente dell’erba, dei rami, dei pezzi di legno, dei cartoni e altro affinché possa giocare e abituarsi a
stimoli diversi e cambiamenti: in questo modo sarà meno incline a reagire in modo ansioso, pauroso o con marcature nell’appartamento.
Offrite al vostro micio d’appartamento una vita interessante e variata!
Nel caso in cui il gatto comunque dovesse deporre urina o feci dove non dovrebbe, pulite quel punto con un prodotto neutro e non troppo
profumato, poiché ciò lo indurrebbe a ricoprire il nuovo odore con quello della propria urina! Nel caso in cui il problema dovesse ripetersi,
contattate senza indugio il vostro veterinario di fiducia: le marcature eccessive sono un sintomo di malattia o di ansia.
È chiaro che garantire il benessere del nostro piccolo felino è una priorità se scegliamo di convivere con lui!
www.stvv..ch – 2015
Fly UP