...

Interculturalità, libertà religiosa, abbigliamento. La questione del burqa

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Interculturalità, libertà religiosa, abbigliamento. La questione del burqa
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
Giulia Bassetti
(cultrice di Diritto ecclesiastico nell’Università degli Studi di RomaTre,
Dipartimento di Storia e Teoria generale del Diritto)
Interculturalità, libertà religiosa, abbigliamento.
La questione del burqa *
SOMMARIO. 1. Multiculturalità e compatibilità ordinamentali. - 2. Abbigliamento e
prescrizioni religiose: i simboli dei Sikh.- 3. La questione del velo islamico. - 4. La
giurisprudenza europea e il velo islamico. - 5. Il burqa e la specificità del problema. - 6.
Le normative nazionali e il burqa. - 7. Orientamenti delle istituzioni europee. - 8.
Normativa applicabile e prospettive future in Italia.
1 - Multiculturalità e compatibilità ordinamentali
Da un punto di vista sociologico si può constatare che “la molteplicità di
etnie, culture, identità, religioni, è oggi un tratto saliente ed
immediatamente osservabile delle società europee; singoli e gruppi, nella
sfera privata e in quella pubblica, possiedono ed esprimono propri valori,
stili di vita, norme, credenze, religioni. Le società europee sono, di fatto,
società multiculturali”1. Sotto il profilo giuridico vi è una diffusa
convinzione che i principi liberali che governano la convivenza delle
società occidentali permettono una ampia integrazione di religioni e
culture diverse, essendo diretti a garantire un pluralismo religioso e
ideologico praticamente senza confini, e ad assicurare “condizioni di vita
che consentano un’esistenza consona alla dignità della persona umana”2.
Tuttavia, l'incontro tra culture e tradizioni diverse genera anche
conflittualità, e le nostre società vivono una tensione dialettica tra i
principi di laicità e libertà religiosa e le esigenze della multiculturalità
ogniqualvolta queste configgono con i principi basilari dell’ordinamento,
con i diritti dell’uomo riconosciuti “come anteriori allo Stato e non
* Contributo sottoposto a valutazione.
L. MANCINI, Simboli religiosi e conflitti nelle società multiculturali, in AA.VV., I simboli
religiosi tra diritto e culture, a cura di Dieni,
errari,
acillo, iuffr , Milano, 2006,
p. 1.
2 P. MONETA, Stato sociale e fenomeno religioso, Giuffrè, Milano 1984, p. 26.
1
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
costituiti da esso”3. Da tempo quindi la dottrina giuridica è impegnata
nell’individuare le situazioni di conflitto e la linea di confine di una
reciproca compatibilità tra multiculturalità e diritti di libertà.
Un primo passo in avanti è stato compiuto nel dibattito giuridico
quando si è parlato di un “multiculturalismo compatibile che arricchisce e
colora la nostra esperienza di singolarità prima sconosciute”4, e si sono
prospettati diversi esempi di compatibilità, come l’osservanza di festività
religiose multiple, ritualità differenti per la preghiera o iniziazioni
religiose di neonati o giovani, il rispetto di abitudini alimentari, riti e
costumi esequiali, e via di seguito. Per accettare queste differenze, occorre
muovere da una concezione positiva e accogliente della laicità dello Stato,
in caso contrario c’è il rischio che nessuna novità o singolarità passi il filtro
della compatibilità. Ad esempio, accettare che gli islamici attendano alla
recitazione delle preghiere in qualunque momento della giornata e in
qualsiasi ambiente si trovino, presuppone che non si coltivi la laicità
escludente, che rifiuta ogni contaminazione tra società e religione, e ritiene
che la religione sia fatto esclusivamente privato. Sul terreno
dell’accoglienza si può in qualche misura sgomberare il campo da
diffidenze, e pregiudizi, e favorire un approccio positivo verso le
specifiche esigenze delle confessioni religiose, recependole a livello
sociale, o regolandole nell'ambito della disciplina dei rapporti con lo Stato.
Quando, si affronta il tema della ‘multiculturalità incompatibile’ le
interpretazioni tornano a divaricarsi tra chi sceglie una interpretazione
‘relativista’ dei diritti umani e chi ritiene che questi giovino non soltanto a
tutelare la dignità della persona ma anche ad accelerare l’evoluzione dei
diversi gruppi sociali. Chi propende per la seconda lettura dei diritti
umani è indotto a difenderli e tutelarli nei confronti di tutto ciò che si pone
in antitesi nei loro confronti, da qualunque tradizione o religione
provenga Chi invece propende per l’interpretazione relativista è incline a
sospendere il giudizio sulle questioni della multiculturalità e ad affermare
invece la relatività dei diritti umani, negandone l’universalità. In effetti,
alcuni utori sostengono oggi che “la tesi del fondamento filosofico e
della universalità normativa dei diritti dell’uomo è un postulato
dogmatico del giusnaturalismo e del razionalismo etico che manca di
conferma sul piano teorico”, ed anche il consenso che i diritti umani
ottengono in tutto il mondo “non giustifica alcuna pretesa universalistica e
L. MANCINI, Simboli religiosi e conflitti, cit., p. 1.
C. CARDIA, Le sfide della laicità. Etica, multiculturalismo, Islam, ed. San Paolo,
Cinisello Balsamo, 2007, p. 155.
3
4
2
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
alcuna intrusività missionaria”5 Questo relativismo finisce con l’incidere
sui nostri principi costituzionali, perché per altri
utori “la Carta
costituzionale è stata concepita in uno scorcio politico temporale in cui
l’avvertenza multiculturale si esauriva nelle preoccupazioni per alcune
comunità plurietniche di confine”, mentre il pluralismo della Costituzione
è oggi “largamente insufficiente ad ispirare normative a fronte dei
consistenti flussi migratori di fine secolo”6.
Una volta aperto questo varco teorico, che nega l’universalità dei
diritti umani, il relativismo estremo può trovare applicazioni
preoccupanti, gravide di conseguenze, anche a livello giurisprudenziale, e
determinare il declassamento di valori decisivi come l’eguaglianza
giuridica, e la dignità della persona, soprattutto in relazione alla donna e
ai minori. Alcune sentenze hanno legittimato la condizione di subalternità
dei soggetti deboli dell’immigrazione con la motivazione che la cultura di
appartenenza prevale sui diritti della persona. È stata mantenuta la
potestà a genitori nomadi che avevano ceduto a terzi la figlia (per poi
chiederla indietro), valutando la situazione alla luce della realtà “dei
nomadi, che ignorano modi di vivere diversi da quelli loro propri, per
mutare i quali dovrebbe sopprimersi la loro identità etnica”7. Per la
Cassazione non si debbono contrastare “i postulati esistenziali e culturali
cui i membri di tali comunità conformano ogni loro comportamento, nella
genuina convinzione d’essere nell’ambito della normalità e di
un’ancestrale, non sindacabile tradizione”8. Per il Tribunale della libertà di
Torino non c'è maltrattamento dei minori quando questi sono usati per
accattonaggio, soprattutto se “ciò avvenga in un contesto di armonia ed
affetto familiare (da valutarsi alla luce della tradizione e condizione di vita
del nucleo familiare medesimo), il minore ben potrebbe vivere il proprio
accattonaggio senza quella sofferenza che la sola idea dello stesso provoca
D. ZOLO, Intervento, in M. IGNATIEFF, Una ragionevole apologia dei diritti umani,
Feltrinelli, Milano, 2003, p. 141.
6 M. BOUCHARD, Dalla famiglia tradizionale a quella multietnica e multiculturale:
maltrattamenti ed infanzia abusata in ‘dimensione domestica’, in Diritto immigrazione
cittadinanza, 2000, p. 22.
7 Trib. minori Venezia, 1° ottobre 1993, in Diritto di famiglia e delle persone, 1994, p. 151.
8 Cass. pen., sez. I, 7 ottobre 1992, in Giurisprudenza italiana, 1993, II, c. 582. Nel caso
concreto si è negato il reato di maltrattamento perche i minori impiegati
nell’accattonaggio erano stati fotografati in atteggiamenti tali da far ritenere che ne
traessero “motivi se non di allegria, di distensione” Sull’argomento, ampiamente, R.
BENIGNI, Identità culturale e regolazione dei rapporti di famiglia tra applicazioni
giurisprudenziali e dettami normativi, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Rivista
telematica (www.statoechiese.it), novembre 2008.
5
3
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
al normale cittadino italiano”9 L’orientamento relativista confermato
anche in caso di violenze fisiche, gravi o estreme. Alcune sentenze hanno
giustificato l’escissione affermando che i genitori, di provenienza africana,
“hanno inteso sottoporre la figlia a pratiche di mutilazione genitale,
pienamente accettate dalle tradizioni locali e (parrebbe dalle leggi) del loro
aese”10; altre che hanno assolto i genitori di una ragazza, chiusa in casa e
picchiata per non farle avere rapporti di conoscenza con suoi coetanei
italiani; un’altra ancora ha declassato l’omicidio del padre nei confronti
della figlia minorenne, uccisa a bastonate perché non rispettava le regole
della tradizione, ritenendo che l’imputato “ha proposto ( ) il suo modo di
intendere e gestire la famiglia, l’onore familiare, il rispetto della parola
data”, e che nel codice vigente in Marocco “in tema di contratto
matrimoniale si prevede ancora la figura della tutela matrimoniale della
donna (Wliaya) con il padre “tutore”11. In Germania sono stati legittimate
più volte le “vendette di sangue”, cioè i delitti d’onore, perpetrati da
turchi dell’ natolia, perché in questa regione la pratica omicida sarebbe
consueta12. Sono stati considerati leciti anche abusi sessuali effettuati da
un senegalese su una minore che gli era stata affidata, perché in Senegal è
consueto che la donna accolta e sostenuta in famiglia diversa dalla sua sia
usata sessualmente dal padrone di casa13. Infine, in Australia un giudice
ha assolto adulti e minori che avevano abusato in gruppo di una
minorenne, perché si era di fronte ad indigeni che, in quanto tali, non
erano consapevoli del male che compivano.
L'orientamento appena citato non è dominante, ed è contrastato da
una giurisprudenza diversa e alternativa14. Nel 1999 la Cassazione non
accetta l’eccezione culturale perché i principi costituzionali del diritto di
famiglia “costituiscono uno sbarramento invalicabile contro l’introduzione
(...) nella società civile di consuetudini, prassi, costui, che suonano come
“barbari” a fronte dei risultati ottenuti nel corso dei secoli per realizzare
l’affermazione dei diritti inviolabili della persona”15. Nel 2007, di fronte al
Trib. libertà Torino 1998, in Minori e giustizia, 1998, 2, p. 165.
C. CASTELLANI, Infibulazione ed escissione: fra diritti mani ed identità culturale, in
Minori e giustizia, 1999, p. 142.
11 Assise app. Venezia, sez. II, 9 gennaio 2006, in Diritto, immigrazione, cittadinanza,
2006, 4, p. 202.
12 Sull’argomento J. VAN BROECK, Cultural Defense and Culturally Motivated Crimes
(Cultural offences), in European Journal of Crime, Crim. Law and Crim. Justice, 2001, 1, 6.
13 Sull’argomento O. HOFF, Globalizzazione e diritto penale, Torino, 2001, p. 127 ss.
14 Sull’argomento si rinvia a R. BENIGNI, Identità culturale e regolazione dei rapporti di
famiglia, cit., p. 47 ss.
15 Cass. pen., ord. 24 novembre 1999, in Rivista penale, 2000, p. 238.
9
10
4
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
caso di costrizione del minore a vendere piccoli oggetti per le strade di
Torino, si dichiara che il richiamo dei “principi di una cultura arretrata e
poco sensibile alla valorizzazione e alla salvaguardia dell’infanzia deve
cedere il passo, nell’ambito della giurisdizione italiana, ai principi di base
del nostro ordinamento e, in particolare, ai principi della tutela dei diritti
individuali dell’uomo sanciti dall’art 2 della Costituzione, i quali trovano
specifica considerazione in tema di rapporti etnico-sociali negli articoli 29
e 31 della Costituzione”16. Più incisivamente, con sentenza n. 44516 del 28
novembre 2008 la Cassazione censura l’utilizzazione da parte dei genitori
di un bambino “di quattro anni per chiedere l’elemosina ai passanti in
modo continuativo, ovvero ogni giorno (...) costringendolo così a stare in
piedi per oltre quattro ore consecutive in periodo invernale, senza che
peraltro fosse vestito adeguatamente", e conclude: "è fuori dubbio che una
siffatta condotta sia lesiva della integrità fisica e morale del minore e
determini una situazione di grave sofferenza”
La multiculturalità, dunque, può essere all’origine di
comportamenti che configgono con principi fondamentali degli
ordinamenti giuridici liberali, e il conflitto non è risolto dalla
giurisprudenza occidentale in modo univoco, genera anzi uno
spaesamento che si ripropone a diversi livelli delle dimensioni
interculturali. Tra queste dimensioni una riguarda le variegate forme di
abbigliamento che alcune religioni prevedono, o impongono ai propri
fedeli, e che si presta ad una molteplicità di considerazioni circa la
rispettiva compatibilità con specifiche norme ordinamentali. Si tratta di
una incompatibilità che nulla ha a che vedere con quella derivante dall'uso
della violenza, dalle pratiche di assoggettamento della persona, violazione
dell’eguaglianza tra uomo e donna Basti pensare alle ipotesi dello
Yarmulka posto sulla testa degli ebrei ortodossi, al turbante e al Kirpa
(pugnale) indossati dai Sikh, al velo islamico o a forme di abbigliamento
più o meno sgargianti di alcune religioni orientali, per comprendere che il
confine della compatibilità dell’ordinamento tende ad allargarsi Invece, se
si pensa all’ipotesi del burqa che copre integralmente la persone, ne
impedisce l'identificazione, o all’obbligo che determinate professioni, o
servizi pubblici, impongono di indossare una determinata divisa, si
comprende che il confine della compatibilità torma ad essere flessibile, e
possono nascere conflitti più o meno consistenti che incidono su usanze e
tradizioni multiculturali, e investono la stessa libertà religiosa.
16
Cass. pen., sez. VI, 30 gennaio 2007, n. 3419, in www.latribuna.it.
5
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
2 - Abbigliamento e prescrizioni religiose. I simboli dei Sikh
Rimanendo a livello di principi generali, è il caso di ricordare che insieme
alla libertà religiosa i nostri ordinamenti garantiscono la libertà di
abbigliamento, entro i limiti della decenza e del buon costume, e purché
non contrastino con i doveri che alcune categorie di persone, (militari,
addetti a pubblici servizi, a specifiche mansioni) devono assolvere in virtù
della legge o di vincoli contrattuali. Ciò vuol dire che ogni limitazione
all’uso di determinati capi di abbigliamento può derivare da norme, o
principi, che la giustifichino, e legittimino la restrizione con elementi
desunti dal diritto positivo. Gli ordinamenti occidentali da sempre
conoscono fogge di vestiario diversissime che derivano dall'appartenenza
ad un ordine religioso, ad una gerarchia ecclesiastica, ed ammettono in
linea di massima qualsiasi forma di abbigliamento derivi da altre
tradizioni o culture, spesso di origine orientale. Anche per ciò che
riguarda simboli ebraici come il Kippa o lo Yarmulka non si può parlare di
incompatibilità con alcun principio ordinamentale. La situazione cambia
per altri capi di abbigliamento, o fogge di vestiario, come possono essere i
simboli dei Sikh, il velo islamico, il burqa, che presentano diversi livelli di
compatibilità/incompatibilità con norme e principi di diritto positivo.
Gli usi e costumi dei Sikh, più conosciuti in Gran Bretagna e che si
vanno estendendo in altre parti d'Europa, hanno origine dalla religione
della comunità che si trova nella regione indiana del Punjab e che segue
gli insegnamenti del Guru Nànak (1469-1538). Si tratta di una religione
monoteista, per la quale Dio concede ai suoi seguaci di raggiungere la
beatitudine attraverso diversi stadi di perfezionamento, garantito tra
l’altro da alcuni segni caratteristici Questi segni consistono nella Khanda,
che consiste in una spada centrale (simbolo della fede in Dio) e due spade
esterne incrociate (simbolo del potere spirituale e temporale), la Khanga (il
pettine), simbolo della cura della persona in quanto creatura di Dio, il
Kirpan (pugnale), simbolo della resistenza al male, il Kara (braccialetto che
simboleggia il principio di non rubare e la funzione equilibratrice del ferro
corporeo) segno dell’unità con Dio; infine, il turbante, che deve essere
indossato per tutto il giorno e comporta l’obbligo di non tagliare la barba
ed i capelli, come accettazione della volontà di Dio che si esprime
attraverso la naturalità del corpo umano. L'osservanza dell'obbligo di
indossare alcuni simboli Sikh determina problemi in diversi settori
ordinamentali. In ambito laburistico può determinarsi un conflitto con
impegni e obblighi richiesti da impieghi pubblici; in ambito civile può
determinarsi contraddizione tra il turbante e l’obbligo del casco per i
6
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
motociclisti; in un'ottica penalistica, il pugnale tecnicamente può essere
considerata arma da taglio atta ad offendere e provocare lesioni anche
gravi ad altre persone.
Dopo alcune incertezze iniziali, e oscillazioni giurisprudenziali, si
va affermando una tendenza ad accettare i simboli dei Sikh, sia pure
gradualmente e con qualche temperamento e a determinate condizioni. In
Gran Bretagna la High Court nel 2008 ha affrontato il caso sollevato da una
alunna di religione Sikh che portava al polso il Kara, braccialetto che
costituisce appunto uno dei simboli della sua fede, nonostante il
regolamento della scuola facesse divieto di portare gioielli, e che tuttavia
le autorità scolastiche avevano tollerato. Il divieto, fu rinnovato dopo
alcuni episodi di bullismo diretti proprio a dileggiare l'usanza della
ragazza, e di fronte al rifiuto di dismettere il braccialetto la ragazza venne
espulsa dalla scuola, ma la decisione conclusiva della Corte affermò il suo
diritto a portare il monile dal momento che per lei esso rappresentava un
qualcosa di religiosamente prezioso, e d’altra parte non poteva suscitare
reazioni negative negli altri alunni e nell’ambito scolastico 17. Un caso più
impegnativo di accoglienza è quello deciso dalla Corte Suprema canadese
che nel 2002 ha legittimato un ragazzo dodicenne a recarsi a scuola
portando il pugnale dei Sikh sulla base di una specifica motivazione, e a
determinate condizioni. Per la Corte non si può parlare di un divieto
assoluto di portare il pugnale simbolico, soprattutto "perché il rischio che
l'alunno lo usi per scopi violenti o che esso sia sottratto da parte di un altro
alunno, è molto basso, in particolar modo se il Kirpan è portato alle
condizioni imposte dalla Corte Superiore", che attenuano il suo potenziale
di pericolosità18. Come si vede, le considerazioni della giurisprudenza
tendono a spostare l'attenzione dal dato oggettivo (elemento indossato-sua
identità) a quello soggettivo, con il quale si stempera, fino a scomparire
l'elemento della pericolosità. Un meccanismo che si ripeterà più volte nella
Per tutti si veda il caso Mandla and another v. Dowell Lee and another 1983, IRLR 210
House of Lords.
18 Queste le condizioni previste dalla Corte superiore: “- that the kirpan be worn
under his cloche; - that the kirpan be carried in a sheath made of wood, not metal, to
prevent it from causing injury; that the kirpan be placed in its sheath and wrapped and
sewn securely in a study cloth envelope, and that this envelope be sewn to the guthra; that school personnel be authorized to verify, in a reasonable fashion, that these
conditions were being complied with; - that the petitioner be required to keep the kirpan
in his possession at all times, and that its disappearance be reported to school authorities
immediately; and that in the event of a failure to comply with the terms of the judgement,
the petitioner would definitively lose the right to wear his kirpan at school”
17
7
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
valutazione delle fogge di abbigliamento prescelte in ragione
dell'appartenenza religiosa.
La giurisprudenza italiana ha affrontano la questione con analogo
spirito positivo, in specie per quanto riguarda il pugnale rituale. Con
Decreto di archiviazione il Tribunale di Vicenza nel 2009 si è dichiarato
favorevole alla ammissibilità del Kirpan, perché esso non può “essere
qualificato come arma bianca in considerazione sia delle modeste
dimensioni dello stesso (come visto sopra lunghezza della lama di cm e
lunghezza complessiva di 18 cm) sia dell’assenza di filo nella lama (come
apprezzabile dalle stesse fotografie in atti)”, e perché «pare ragionevole
sostenere che l’indagato S B avesse un giustificato motivo di portare con
sé il proprio coltello “kirpan”, motivo dato dalla professione di un culto
religioso». Analogamente il Tribunale di Cremona con sentenza dello
stesso anno ha affermato che il comportamento dell'imputato è riferibile
alle motivazioni religiose "tenuto conto che esso (il Kirpan) veniva portato
visibilmente a tracolla e dunque affatto nascosto, ma, semmai,
chiaramente ostentato", e che tale condotta poggia su "un valido supporto
normativo, siccome obiettivamente collocabili all'interno della tutela della
libertà di fede religiosa"19.
È il caso di segnalare, nell’ambito della tendenza assimilazionista,
una ipotesi di accordo relativo al Kirpan elaborata congiuntamente dai
rappresentanti dei Sikh e dal Consiglio scientifico incaricato di attuare la
Carta dei valori della cittadinanza e dell’immigrazione L’accordo
prevedeva una riduzione delle dimensioni del pugnale, in modo da
attenuarne anche visivamente il carattere di arma, e pericolosità; inoltre, la
Per Trib. pen. Vicenza, Decreto di archiviazione 28 gennaio 2009, AA.VV., Simboli e
pratiche religiose nell’Italia “multiculturale”, a cura di A. De Oto, Roma, 2010, p. 156. La
sentenza del Tribunale di Cremona del 19 febbraio 2009 esamina la questione in modo
analitico, affermando che “per l’evidente morfologia della lama e della punta (si veda la
foto esibita dal teste in dibattimento), debba considerarsi “coltello”, cosi come
correttamente definito sia dai carabinieri nel verbale di sequestro, sia dal pubblico
ministero del capo d’imputazione” Ma aggiunge che “una piu attenta disamina merita,
invece, il motivo religioso che, sulla scorta di quanto prospettato dall’imputato al
momento dell’intervento dei militari, giustificherebbe, secondo la difesa, il porto del
coltello fuori dell’abitazione”, perche si tratta di una “delicata problematica” Tuttavia, la
conformazione del pugnale è quello previsto dalla relativa dottrina religiosa, e il
comportamento dell’imputato riferibile alle motivazioni religiose; di qui, la conclusione
per la quale nell'ambito della tutela della fede religiosa “si spiega la ragione per la quale
la fattispecie penale in oggetto non puo dirsi perfezionata in presenza di un “giustificato
motivo” poiche è proprio in virtu di esso che la tutela della sicurezza pubblica, connessa
al divieto di porto di strumento atto ad offendere, non è in definitiva, messa
concretamente a repentaglio”
19
8
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
punta sarebbe stata arrotondata, la custodia lievemente decorata, e
l’impugnatura ridotta al minimo fino a divenire quasi simbolica Infine, si
prevedeva una chiusura ermetica del pugnale, con una chiavetta in
possesso dell’interessato In questo modo, nessuno avrebbe più potuto
mettere in dubbio che si trattava di un simbolo religioso neanche
teoricamente associabile ad un arma L’ipotesi di accordo non stata ad
oggi ripresa e formalizzata, ma ha una valenza che va al di là dello
specifico problema, e sta a significare che anche un'usanza per sé
incompatibile con specifiche norme può essere rivista e adattata in modo
tale da eliminarne l'incompatibilità e poterla annoverare nell'ambito delle
differenze possibili. Ciò non vuol dire che non esistano problemi sia per il
turbante che per il pugnale, soprattutto nelle circostanze in cui il soggetto
svolga delle mansioni professionali speciali per le quali sia richiesta una
foggia particolare di vestiario, come nel caso dei militari, delle cautele
particolari di tipo sanitario (per alcuni ambienti asettici di ospedali), o in
ambienti nei quali il carattere di arma trovi specifico rilievo (in ambienti
frequentati da bambini). Tuttavia, si può ritenere che la questione della
compatibilità dei simboli dei Sikh segua un confine lungo il quale la
ragionevolezza delle autorità pubbliche, e degli stessi fedeli Sikh, può
portare ad equilibri soddisfacenti per le esigenze della confessione e per
quelle dell’ambiente di lavoro, o della sicurezza dei cittadini
3 - Il velo islamico
La questione del velo islamico è assai più rilevante per le società
occidentali ed europee sia per motivi quantitativi, derivanti dall’ampiezza
delle comunità islamiche immigrate nei nostri Paesi, sia per ragioni
qualitative dal momento che essa è legata alla condizione della donna su
cui si incentra l’attenzione dell’opinione pubblica, e che può dare adito a
incomprensioni da entrambe le parti, laica e confessionale. Da un punto di
vista religioso, il velo islamico ha un fondamento coranico, collegato al
principio di dignità della donna, derivante dalla Sura XXXII: “oh rofeta,
dì alle tue spose, alle tue figlie e alle donne dei credenti, che facciano
scendere qualcosa del loro gilbab su di sé, così da essere riconosciute e non
essere molestate” Il velo di cui si parla, nella forma del hijab, non
determina problemi di incompatibilità con principi fondamentali degli
ordinamenti occidentali dal momento che esso comporta soltanto la
copertura delle spalle e del capo, ma lascia libera la persona di essere
riconosciuta, e di potersi rapportare col mondo esterno. In considerazione
9
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
del fatto che “il Corano non dà (...) delle disposizioni normative ma una
serie di precetti generici di natura morale, la cui applicazione dipende in
larga misura dall’interpretazione”20, si può dire che “il Corano non
incoraggia la faccia velata, ma solo, come molti sostengono, richiama le
moglie del profeta Maometto a tale pratiche. Alle altre donne era soltanto
prescritto di indossare vestiti casti”21.
In effetti, dietro la parola hijab vi è il significato di coprire, celare,
ma non solo nel senso materiale bensì anche spirituale, ovvero come
manifestazione di purezza e castità da parte della donna22. Il velo era
presente già prima della nascita dell’Islam in particolare, rappresentava
un simbolo che distingueva le donne dei ceti medio-alti da quelle dei ceti
poveri23; con il rofeta diventa un indice dell’appartenenza religiosa
femminile. In qualche modo il velo nella cultura islamica ha la funzione di
proteggere la donna da molestie o attenzioni indesiderate in quanto ne
ricopre una parte, ovvero i capelli, considerati accessorio provocante e
provocatorio nei confronti dell’uomo D’altra parte, l’uso di una copertura
per il capo è praticata, in alcuni casi, anche dalle donne europee nel caso in
cui si partecipi a cerimonie ufficiali, ed è stata praticata a lungo in
occasione dello svolgimento di riti religiosi. È dalla Sura XXIV24 che si può
P. BERNARDINI, L’invisibilità visibile, in Il Ponte, 12, 1995, p. 150. Sulla
configurazione della libertà di abbigliamento nei nostri ordinamenti K. E. KLARE,
Abbigliamento e potere: il controllo sull'aspetto del lavoratore subordinato, in Gior. dir. lav. rel.
ind., 1994, p. 518 ss.; Per l'approfondimento della tematica, in relazione agli ambienti di
lavoro, M. RANIERI, L'abbigliamento nei luoghi di lavoro: dalla tuta blu al velo usa e getta,
WP C.S.D.L.E. "Massimo D'antona", It-100/2010.
21 F. MASCELLINI, Il velo nella tradizione e nelle religioni del Libro, in Gli stranieri, 2,
2007, p. 193.
22 er i mistici dell’Islam, i sufi, il messaggio che
llah voleva trasmettere al rofeta
era quello di guardare con pudore la donna attraverso un velo si, ma presente nella
propria anima quindi con un cuore puro e privo il piu possibile di malizia. Il passaggio
della parola hijab dall’indicare un’azione all’indicare un oggetto è riconducibile al
quattordicesimo secolo ad opera del giurista Ibn Taymiyya, in quanto egli è il primo ad
usare la parola hijab per riferirsi al velo come oggetto che serve a distinguere le donne
musulmane dalle donne non musulmane È cosi che esso diventa un segno distintivo
dell’identità e dell’appartenenza religiosa ma anche culturale all’Islam
23 Osserva F. MASCELLINI che “nel periodo preislamico, le donne, che abitavano nel
deserto non erano velate e vivevano liberamente accanto agli uomini, mentre le donne
delle città erano velate Infatti, nella tribu del profeta Maometto velarsi era la regola
generale. Nella stessa città di Mecca, gli uomini vestivano elegantemente le loro figlie non
sposate e le loro schiave e le esibivano non velate allo scopo di attrarre possibili
corteggiatori e compratori. Se questo spettacolo aveva successo, le donne prendevano il
velo per sempre”, Il velo nella tradizione, cit., p. 197.
24 Sura XXIV: “
di alle credenti di abbassare i loro sguardi ed essere caste e di non
20
10
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
ricollegare l’obbligo per la donna musulmana di essere coperta ogni qual
volta esca di casa, ed il velo diviene simbolo “della separazione dei sessi
tipica delle società arabo-islamiche: società profondamente tradizionali e
patriarcali, in cui è più che mai sentita l’esigenza di una forma di controllo
sulle femmine da parte dei maschi”25. In questo tratto potestativo, che
l’Islam manifesta nei confronti della donna, può scorgersi un problema
qualora vi sia coercizione all’uso della hijab26: “Il velo solleva quindi
importanti questioni di libertà di autodeterminazione. Molte famiglie
musulmane pretendono che le donne e le ragazze mettano il velo come
unico modo con il quale apparire decentemente in pubblico. Questa
tradizione si ripropone nelle città occidentali all’interno di talune
comunità immigrate desiderose di riaffermare la propria identità
culturale”27.
Il velo islamico ha creato una molteplicità di problemi in alcuni
paesi europei, ma in linea di principio il suo uso può farsi rientrare
nell’ambito del multiculturalismo compatibile La presenza del velo ha
invaso l’ uropa, dentro e fuori le scuole, negli spazi e negli uffici pubblici,
anche se con il passare del tempo esso viene indossato meno
frequentemente, almeno nelle ragazze e donne di seconda o terza
generazione. In ogni caso, si è di fronte ad una situazione complessa che
presenta, dal punto di vista delle reazioni giuridiche, alcune direttrici
chiare. Da un lato soltanto in Francia e in Turchia è fatto divieto di portare
il velo nelle scuole e negli uffici pubblici, mentre nel resto del continente (e
mostrare, dei loro ornamenti, se non quello che appare; di lasciare scendere il loro velo
fin sul petto e non mostrare i loro ornamenti ad altri che ai loro mariti, ai loro padri, ai
padri dei loro mariti, ai loro figli, ai figli dei loro mariti, ai loro fratelli, ai figli dei loro
fratelli, ai figli delle loro sorelle, alle loro donne, alle schiave che possiedono, ai servi
maschi che non hanno desiderio, ai ragazzi impuberi che non hanno interesse per le parti
nascoste delle donne”
25 F. MASCELLINI, Il velo nella tradizione, cit, p. 198.
26 “Due
utori ( ), con riferimento alle donne musulmane che indossano l’hijab,
hanno proposto una sorta di classificazione delle motivazioni che possono essere sottese
a tale scelta e che, in sintesi, si possono articolare in intenti di natura: a) meramente
relativa all’ottemperanza convinta ad un precetto religioso (percepito come) vincolante;
b) rafforzativa di un’appartenenza collettiva religiosa e culturale i cui confini proprio il
simbolo confessionale ha la funzione di demarcare; c) propagandistica; d) rivendicativa
della propria identità culturale a fronte del contatto (necessitato dai fenomeni di
immigrazione) con un tessuto sociale diverso; F. GASPARD e F. KHOSROKHAVAR, Le
foulard et la Republique, La Découverte, arigi 1995”, in M. MANCO, Abbigliamento
confessionalmente orientato fra diritti di libertà e laicità dello Stato, in AA. VV., I simboli
religiosi tra diritto e culture, cit., p. 267.
27 F. MASCELLINI, Il velo nella tradizione, cit., p. 201.
11
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
in altri aesi fuori d’ uropa) esso viene generalmente accolto senza
provocare particolari conflitti, anche se affiorano qua a là dei dubbi
soprattutto in presenza di situazioni specifiche. La Francia ha tenuto fede,
in certo senso, alla tradizione di rigorosa laicità che tende ad emarginare
dagli spazi pubblici ogni simbolo o presenza religiosa e con legge del 15
marzo 2004 si è stabilito che “dans les écoles, les collège set les lycées
publics, le port des signes ou tenues par lequels les èleves manifestaient
ostensiblement une appartenence religieuse” è vietato. Ed è stato
correttamente osservato che “nonostante sia espressa in termini neutrali, e
si applichi quindi in teoria a tutti gli alunni e a tutti i simboli religiosi
ostensibles, questa legge ha lo scopo, sostanzialmente dichiarato, di vietare
alle alunne musulmane di indossare il velo islamico L’inclusione degli
altri gruppi si è resa necessaria per rivestire l’atto dei caratteri formali
della generalità e dell’astrattezza, ma è ovviamente irrilevante”28.
nalogo, fino ad oggi, l’atteggiamento della Turchia, ma per motivi
opposti a quelli francesi. Si ritiene in Turchia che ammettere il velo
islamico porterebbe ad un suo uso generalizzato, creando disagio e
difficoltà alle ragazze o alle donne che non desiderano indossarlo. Oggi,
però, la situazione sta lentamente cambiando in ragione della maggiore
influenza esercitata sulle istituzioni da parte dell'islamismo moderato.
Anche in altri Paesi si è presentata la tentazione di seguire la strada
francese, ed in Belgio, Bulgaria, Olanda, sono stati elaborati progetti
legislativi per sancire il divieto di indossare il velo, ma non sono mai stati
approvati, mentre in generale il velo è ammesso, ed è lasciato alla
giurisprudenza valutare caso per caso quando nascono particolari conflitti
in relazioni a situazioni specifiche29. Citando solo alcuni dei casi più
S. MANCINI, Il potere dei simboli, i simboli del potere, Cedam, Padova, 2008, p. 70. Per
l’ utore, “è del tutto irrilevante la pretesa applicazione della legge del 2004 ai simboli
della cristianità. Indossare crocifissi ostensibles costituisce una moda di dubbio gusto, non
certo un dovere per i cristiani devoti” L'affermazione è opinabile, dal momento che la
libertà di un atto non è legata alla doverosità di questo dal punto di vista confessionale, e
per molti cristiani anche portare il crocifisso è segno di una fede che puo essere forte e
adulta, e non racchiudibile nel termine di “devoti” ggiunge l’ utore che “quanto alle
Kippah ebraiche e ai turbanti dei Sikh, la mia impressione è che non si tratti dei reali
obbiettivi della legge sul velo, ma piuttosto delle sue vittime incidentali Con cio non
voglio negare la serietà della lesione della libertà religiosa di Ebrei e Sikh, ma piuttosto
sottolineare come il legislatore francese non avrebbe con ogni probabilità mai avvertito la
necessità di regolamentare restrittivamente lo sfoggio dei loro simboli, se questo non
fosse stato strumentale alla soluzione dell’affaire du foulard”
29 Sull’argomento, E. BRIBOSIA, I. RORIVE, Le voile à l’ecole une
urope divisee, in
Revue Trimestrelle des Droits de l’Homme, 60, 2004, p. 951 ss.
28
12
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
significativi, la Corte Costituzionale Federale tedesca ha visto nel velo
islamico una doppia valenza, perché esso può essere interpretato come
simbolo di subalternità femminile, ma al tempo stesso può rappresentare
uno strumento di emancipazione che permette l’accesso delle donne alla
realtà sociale del lavoro30. Ed ha affermato che, in considerazione della
delicatezza della questione che chiama in causa i diritti della persona,
devono essere i legislatori (nel caso, quelli del Lander) a decidere le linee
direttrici per risolvere i singoli casi. I problemi sorti in Germania sono, in
realtà, non tanto quelli delle alunne, quanto delle insegnanti. Ad una
docente, infatti, era stata negata l’immissione in ruolo per “mancanza di
attitudine personale”, dal momento che rifiutava di levare il velo durante
le ore di lezione; decisione confermata successivamente a livello di
giurisprudenza amministrativa perché l’atteggiamento dell’insegnate
violava in buona sostanza la libertà di religione degli alunni e il diritto dei
genitori di educare i figli secondo i propri principi. La Corte
Costituzionale Federale, pur non escludendo la legittimità del divieto per
il velo indossato dall’insegnante, ha affermato però che spetta al
legislatore elaborare norme precise che contemperassero i diritti degli
alunni, degli insegnanti, e la neutralità della scuola.
Anche in Spagna i primi episodi isolati di ragazze che vogliono
indossare il velo a scuola provocano reazioni contrastanti e decisioni
contraddittorie. Nel 2002 una bambina di nazionalità marocchina di tredici
anni intende indossare il velo in una scuola cattolica convenzionata, che
però prevede per regolamento una determinata divisa e non permette di
portare coperture al capo Il Consiglio dell’educazione della comunità
autonoma di Madrid consente l’iscrizione provvisoria della bambina in
una scuola pubblica, mentre la decisione della direttrice della scuola che
vuole impedirle di portare il foulard è contrastata dentro e fuori il
Consiglio. Dal caso deriva un dibattito pubblico particolarmente acceso 31,
che porta ad una progressiva accettazione del velo islamico sia pure con
30 Sull’argomento G. MANGIONE, Il simbolo religioso nella giurisprudenza recente del
Tribunale Federale Costituzionale Tedesco, in AA.VV., Symbolon/Diabolon. Simboli, religioni,
diritti nell’ uropa multiculturale, a cura di E. Dieni, S. Ferrari, V. Pacillo, il Mulino,
Bologna, 2005, p. 239 ss.
31 La Ministra dell’ ducazione manifesta la sua contrarietà a permettere il velo
islamico nella scuola perche tutti gli alunni debbono rispettare gli stessi regolamenti,
mentre il Ministro del lavoro afferma che “quel capo di abbigliamento (cioè il velo) non
(va visto come) un segno religioso, bensi come un segno di discriminazione della donna”,
considerandolo un’”abitudine inaccettabile” quasi alla stregua delle mutilazioni genitali
femminili” A. MOTILLA, Il problema del velo islamico in Spagna, in AA.VV. Islam ed
Europa, a cura di S. Ferrari, Carocci, Roma, 2006, p. 148.
13
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
gradualità e particolari accomodamenti. In una scuola religiosa
convenzionata di El Escorial è permesso ad una ragazza di entrare a scuola
con il suo costume tradizionale, e poi di cambiarsi per indossare
l’uniforme richiesta a tutte le alunne, e nella città di Melilla, dove la
popolazione scolastica musulmana raggiunge quasi il 50 per cento degli
alunni, non si pone alcun divieto per chi intenda indossare il velo. Per ciò
che riguarda i luoghi di lavoro, gli interventi giurisprudenziali tendono a
conciliare l’accettazione dell’istanza individuale con il principio di buona
fede e non compatibilità con le specifiche prestazioni lavorative svolte o
con l’impresa o ufficio presso cui si lavora. Ad esempio, il Tribunale
Superiore di Giustizia di Madrid, con sentenza del 27 ottobre 1997, ha
ritenuto non meritevole di accoglienza l’istanza di una commessa di una
boutique tax free dell’aeroporto di Madrid-Barajas, appartenente al gruppo
Aldeasa. La commessa, infatti, al momento dell'assunzione non aveva
manifestato la propria fede musulmana, né avanzato alcuna pretesa in
materia di abbigliamento, ma dopo un mese ha inviato una lettera alla
direzione con una serie di richieste per modificare alcune clausole del
rapporto di lavoro: riduzione di orario il venerdì per partecipare alla
preghiera collettiva, e nel periodo del ramadan, rifiuto di manipolare o
vendere alcool o derivati suini32. Il Tribunale ha riconosciuto la possibilità
che il rapporto di lavoro subisca delle modifiche in ragione della fede
religiosa del lavoratore, ma nel caso di specie non ha ritenuto il
comportamento dell’interessata improntato a lealtà e buona fede, non
avendo essa informato per tempo della propria fede religiosa, né avanzato
richieste di modifica dell’orario di lavoro “in modo da permettere al
futuro datore di lavoro di valutare la concreta fattibilità di
un’armonizzazione di una tale specifica situazione con le condizioni
infrastrutturali del luogo in cui la donna domanda di lavorare”33.
In qualche misura, come si è accennato, la Francia ha vissuto un
nuovo riflesso della laicité che ha provocato un sussulto repubblicano a
difesa delle istituzioni contro contaminazioni religiose, e il divieto di
portare il velo risulta essere davvero il frutto di una scelta ideologica,
senza alcun rapporto con la dimensione della laicità affermatasi in
Occidente negli ultimi decenni. In un primo tempo, il Consiglio di Stato34
Sull’argomento
AMARES ARRIBAS, l empleo de simbologia religiosa en
spana, in www.olir.it, aprile 2005.
33 A. MOTILLA, Il problema del velo, cit., p. 154.
34 Parere n. 346. 893, 27 novembre 1989, in Revue francaise de droit administratif, 6, 1, p. 6
ss. Sull’argomento, A. FERRARI, La lotta dei simboli e la speranza del diritto. Laicità e velo
musulmano nella Francia di inizio millennio, in AA. VV., Simbolon/diabolon, cit., p. 193 ss.
32
14
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
francese aveva optato per una soluzione morbida della questione
considerando il velo alla stregua di ogni altro “segno” con cui si volesse
manifestare il credo religioso all’interno della scuola pubblica In sede di
assemblea plenaria il Consiglio di Stato escludeva nel 1989 una
incompatibilità oggettiva tra principio di laicità ed esibizione di simboli
religiosi, e ritenne che l’esercizio della libertà di religione ed espressione
andasse bilanciato nell'ambito di una procedura che coinvolgesse studenti,
famiglie, organi scolastici35 L’atteggiamento della rancia con il tempo si
fa più severo e con il Rapport sur la laicité, elaborato da Bernard Stasi nel
2003, si paventa la divisione della scuola a causa di simboli religiosi, come
il velo, la croce, la stella di Davide. Già nel 1994 le Istruzioni ministeriali
motivano il divieto con il fatto che “il progetto nazionale e il progetto
repubblicano si sono uniti attorno a una certa idea di cittadinanza”
Questa idea esclude “la frantumazione della nazione in tante comunità
separate, indifferenti le une alle altre (...) La nazione non è solo una
collezione di cittadini che perseguono diritti individuali. È una comunità
di destino”36. Infine, in Francia viene approvata la legge n. 2004-228 del 15
marzo 2004, che fa divieto di portare segni o simboli religiosi, se non di
piccola misura37. E si finisce col proibire a un sacerdote e a una suora di
Il parere del Consiglio di Stato, infatti, riteneva che non poteva permettersi “au
elèves d’arborer les signes d’appartenance religieuses qui, par leur nature, par les
conditioins dans lesquelles ils seraint porte s individuellement ou collectivement, ou par
leur caractère ostentatoire ou rivendicatif, consitueraient un acte de prose lytisme ou de
propagande, porteraient atteinte à la dignite ou à la liberte de l’elève ou d’autres
membres de la communaute educative, compromettraient leur sante ou leur securite,
pertuberaient le deroulement des activites d’ensegneiment et le role educatif des
enseignants”.
36 G. BAUMANN, L’enigma multiculturale. Stato, etnie, religiosi, il Mulino, Bologna,
2003, p. 57.
37 Il Presidente Jacques Chirac condivide i principi elaborati dalla Commissione Stasi,
e afferma nel suo discorso all’ liseo del 17 dicembre 2003 che “la scuola è un santuario
repubblicano che noi dobbiamo difendere, per preservare l’eguaglianza davanti
all’acquisizione dei valori e del sapere, l’eguaglianza tra le ragazze e i ragazzi, la
promiscuità (mi ite) di tutti gli insegnamenti, e segnatamente dello sport er proteggere
i nostri fanciulli erche la nostra gioventu non sia esposta ai venti malsani che dividono,
che separano, che mettono gli uni contro gli altri”
aggiunge: “mi sono consultato Ho
studiato il rapporto della Commissione Stasi. Ho esaminato gli argomenti della Missione
dell’ ssemblea Nazionale, dei partiti politici, delle autorità religiose, dei principali
rappresentanti delle grandi correnti di pensiero In coscienza, ritengo che l’uso di abiti o
di segni che manifestino in modo vistoso (ostensiblement) l’appartenenza religiosa debba
essere proibito nelle scuole, nei collegi e nei licei pubblici” (dal testo del discorso di
Chirac, in P. CAVANA, Interpretazioni della laicità. Esperienza francese e italiana a confronto,
AVE, Roma, 1998, pp. 237-338).
35
15
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
accedere con l'abito religioso all’edificio scolastico dove svolgono le
rispettive funzioni; e col negare validità, per rilasciare un documento, alla
foto-tessera nella quale un vescovo è ritratto con il clergy-man (colletto
romano per i francesi)38 L’Italia è probabilmente il Paese europeo più
accogliente, e sin dall'inizio accetta l’uso del velo islamico in pubblico e nei
documenti di riconoscimento: il diritto comune, atti di normazione
secondaria, la prassi, affrontano pragmaticamente la questione non
imponendo alcun divieto. Ad esempio la Circolare del ministero
dell’Interno del 14 marzo 1995, n. 4, suggerisce alle amministrazioni
comunali di accogliere le richieste di carte di identità con foto che
ritraggono il soggetto a capo coperto “purché i tratti del viso siano ben
visibili”39. E la circolare del 14 luglio 2000 dello stesso Ministero precisa
che il turbante, il chador e il velo, imposti da motivi religiosi “sono parte
integrante degli indumenti abituali e concorrono, nel loro insieme, ad
identificare chi li indossa, naturalmente purché si mantenga il viso
scoperto”
ncora, la “Carta dei valori della cittadinanza e
dell’integrazione”, elaborata con la partecipazione dei soggetti
dell’immigrazione, approvata con Decreto del 23 aprile 2007 del Ministero
dell’Interno, prevede che "in Italia non si pongono restrizioni
all’abbigliamento della persona, purché liberamente scelto, e non lesivo
della sua dignità”
4 - La giurisprudenza europea e il velo islamico
La questione del velo, e della sua diversa regolamentazione negli
ordinamenti europei, può essere meglio compresa se analizzata dal punto
di vista della giurisprudenza della Corte di Strasburgo che si è occupata
della questione in relazione al divieto previsto in Turchia e in Francia. La
giurisprudenza europea permette di cogliere la diversità di motivazioni
che è alla base delle scelte, apparentemente simili, francese e turca. Il
primo caso giunto all’attenzione della Corte di Strasburgo è quello del
P. CAVANA, Interpretazioni della laicità, cit., p 171
nche il Tribunale
mministrativo del Baden-Wurttemberg ha interpretato una legge, che ricalca il divieto
del velo islamico, come estensibile ad altri segni confessionali tra i quali l’abito religioso
39 Sulla questione del burqa, e del niqab, ci si sofferma più avanti nel testo. Si può
anticipare, però, che il divieto di comparire mascherati, e comunque coperti in modo tale
da rendere difficoltoso il riconoscimento, acquista rilievo in Italia soltanto laddove risulti
una volontà che intenda sottrarsi a tale obbligo, ma non per il solo fatto che la persona
indossi il burqa o altro vestimento impeditivo.
38
16
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
ricorso di una studentessa turca che ha chiesto di condannare il divieto
turco in quanto la scelta di portare il velo è coerente con il diritto di libertà
religiosa L’interesse connesso alla sentenza di Strasburgo che ha respinto
il ricorso sta nel fatto che apparentemente la Corte legittima tale divieto, e
da tale legittimazione alcuni ne hanno dedotto che la Corte è contro i
simboli religiosi. In realtà la sentenza, criticata da chi ne ha colto con
esattezza l'essenza40, conferma i precedenti parametri e criteri
giurisprudenziali che la Corte aveva elaborato nel tempo, e cioè la
necessità di considerare il contesto storico e nazionale nel quale si situa la
fattispecie, la natura e la tradizione dello Stato nel quale essa si è
presentata, il valore del dato quantitativo religioso in quel determinato
Paese, nonché il criterio di proporzionalità che il provvedimento
impugnato deve presentare rispetto ad altri criteri. Nel caso di specie, la
studentessa universitaria era stata sospesa dai corsi per aver indossato il
velo islamico, mentre una circolare universitaria lo vietava41. Ma il
governo eccepì che l'ammissione del velo in un contesto nazionale
massivamente islamico avrebbe discriminato le minoranze che si
sarebbero trovate a disagio in un ambiente nel quale tutte, o quasi, le
donne indossavano il velo. La Corte affronta la questione ritornando sulla
dottrina del margine di apprezzamento, e afferma
“quando sono in gioco questioni relative alla relazione tra lo Stato e le
religioni, sulle quali possono ragionevolmente sussistere profonde divergenze
in una società democratica, occorre riconoscere un’importanza particolare al
ruolo degli organi decisionali (v. mutatis mutandis, la sentenza nel caso
Cha’re Shalom Ve Tsedek, cit., p. 84 e la sentenza 25 novembre nel caso
Wingrove c. Regno Unito, par. 58). Tale è il caso quando si tratta di
regolamentare il diritto di portare simboli religiosi nelle scuole, specialmente
– come dimostra l’apertura del diritto comparato – alla luce dei diversi
approcci alla questione da parte delle autorità nazionali. Infatti, non è
possibile discernere in Europa una concezione uniforme del significato della
religione nella società (v. la sentenza 20 settembre 1994 nel caso OttoVedi la serrata critica alla sentenza di S. MANCINI, Il potere dei simboli, i simboli del
potere, cit., p. 121 ss.
41 La circolare del vice cancelliere dell’Università stabiliva che, “a norma della
Costituzione, della legge e dei regolamenti, e in armonia con la giurisprudenza della
Corte Suprema amministrativa e della Corte uropa dei Diritti dell’uomo , ( ) gli
studenti che indossano il velo islamico e quelli (inclusi gli stranieri) con la barba non
possono essere ammessi alle lezioni, ai tirocini e ai seminari” Nel ricorso si lamentava la
lesione degli articoli 8 (vita privata), 9 (libertà di religione), 10 (libertà di espressione) e 14
(non discriminazione) della C DU e dell’art 2 del protocollo aggiuntivo n 1 (diritto
all’istruzione) Sull’argomento S. MANCINI, Il potere dei simboli, cit., p. 129.
40
17
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
Preminger-Institut c. Austria, serie A n. 295 A, par. 50) e il significato o
l’impatto degli atti corrispondenti all’espressione pubblica di una
convinzione religiosa variano in funzione delle epoche e dei contesti (v. ad
esempio, la decisione del caso Dahlab c. Svizzera, ricorso n. 42393/98). La
regolamentazione in materia può variare, di conseguenza, da un Paese
all’altro in relazione alle tradizioni nazionali e alle esigenze imposte dalla
protezione dei diritti e delle libertà altrui e dal mantenimento dell’ordine
pubblico (v., mutatis mutandis, la sentenza nel caso Wingrove, cit, par. 57).
Di conseguenza, la scelta dell’estensione e delle modalità di tale
regolamentazione deve essere lasciata inevitabilmente allo Stato interessato
poiché dipende dal contesto nazionale considerato (v. mutatis mutandis, la
sentenza nel caso Gorzelik, cit., par. 67, e la sentenza nel caso Murphy c.
Irlanda, ricorso n. 44179/98, par. 73)”42.
La sentenza evoca le profonde divergenze che in una società democratica
possono sussistere nell’ambito delle relazioni tra lo Stato e le religioni;
l’importanza delle tradizioni nazionali che possono portare a diverse
regolamentazioni; la discrezionalità di regolamentazione che deve
inevitabilmente essere lasciata allo Stato interessato; l’importanza dei
contesti e delle epoche nelle quali le fattispecie si concretizzano.
Analoghi principi sono rintracciabili in altre pronunce relative al
velo islamico, ad esempio nel caso Drogu c. Francia deciso con sentenza del
4 dicembre 2008, nel quale si discuteva del ricorso di una studentessa di
religione musulmana che, iscritta nel 1998-1999 in un collegio pubblico
della città di Flers, dal 1999 si presentava alla frequenza del corso di
educazione fisica del collegio con i capelli coperti da un velo; non
ottemperando agli inviti del professore di non indossare il velo, veniva poi
espulsa per il mancato rispetto dell’obbligo di frequenza alle lezioni di
educazione fisica. La sentenza ribadisce i principi di cui al caso Leyla Sahin
c. Turchia, e ricorda che secondo la sua giurisprudenza, indossare un velo
può essere considerato come “un atto motivato o ispirato da una religione
o una credenza religiosa” Se ne può dedurre che indossare il velo lecito,
e coerente con le proprie convinzioni religiose, e tuttavia la violazione
della libertà religiosa può essere legittimata se essa rispetta le condizioni
di cui al paragrafo 2 dell’art 9 della C DU: a tal fine, aggiunge la Corte,
«dovrà essere determinato se essa era “prevista dalla legge”, ispirata da
uno o più scopi legittimi di cui al detto paragrafo e “necessaria in una
Sentenza Grande Camera 10 novembre 2005 nel caso Le la Sahin c. Turchia, par. 109,
in Diritti dell’uomo e libertà fondamentali. La giurisprudenza della Corte europea dei diritti
dell’uomo e della Corte di giustizia delle Comunità europee, vol. III (1999-2006), Giuffrè,
Milano, 2007, p. 1122.
42
18
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
società democratica». La Corte giunge ad ammettere la liceità di questa
violazione sulla base del diritto interno francese, perché le regole “erano
accessibili poiché si tratta per la maggior parte di testi regolarmente
pubblicati e di una giurisprudenza del Consiglio di Stato consolidata". E
aggiunge che “in una società democratica, in cui più religioni coesistono
all’interno della stessa popolazione, può rivelarsi necessario
accompagnare tale libertà con delle limitazioni rivolte a conciliare gli
interessi dei diversi gruppi ed assicurare il rispetto delle convinzioni di
ognuno” In conclusione,
“in rancia, come in Turchia o in Svizzera, la laicità è un principio
costituzionale fondamentale della Repubblica", e, “avuto riguardo
delle circostanze, e tenuto conto del margine di apprezzamento che
bisogna lasciare agli Stati in tale materia, ( ) l’ingerenza controversa
era giustificata per il suo principio e per la proporzionalità rispetto
all’obiettivo mirato”43.
L’accostamento delle due sentenze è decisivo, perché dimostra che
la Corte non è affatto contro il velo, anzi afferma che indossare il velo
risponde ad un comando religioso che la coscienza può avvertire come
cogente. A conferma di ciò può citarsi il recente "parere con cui, il 18
gennaio 2005, l’Uzbekistan è stato richiamato e messo in mora dal
Comitato per i diritti umani dell’ONU proprio a causa dell’espulsione di
una studentessa velata irrogata in applicazione di una legge nazionale del
1998 che, similmente alla legge francese, vieta a tutti i cittadini di quello
Stato di indossare nei luoghi pubblici un abbigliamento religioso. Il
Comitato ha ritenuto inammissibile qualsiasi compressione, persino
legislativamente disposta, del diritto a manifestare anche in pubblico la
propria appartenenza religiosa (garantito dall’art 18, par 2, del rotocollo
addizionale alla Convenzione internazionale sui diritti civili e politici
dell’Uomo) che sortisca l’effetto di limitare l’accesso al godimento,
43 Qualche analogia con la questione del velo la si ritrova nella giurisprudenza della
Corte che legittima il divieto di potare il turbante tipico dei Sikh, nel caso Mann Singh c.
Francia. Anche in questo caso, la Corte rileva che il dover portare il turbante per i Sikh
costituisce “un atto motivato o ispirato da una religione o una convinzione ercio (...) la
regolamentazione contestata, che esige di apparire a “testa nuda” sulle foto d’identità
della patente guida, è costitutiva di una ingerenza nell’esercizio del diritto alla libertà di
religione e di coscienza” Tuttavia, il divieto è previsto dalla legge ed è diretto a garantire
la sicurezza pubblica. Inoltre, conferma che l’art. 9 non protegge qualsiasi atto motivato o
ispirato da una religione o convinzione, e conclude che “tenuto conto del margine di
apprezzamento degli Stati contraenti in materia, ( ) l’ingerenza contestata era giustificata
nel suo principio e proporzionato all’obiettivo”
19
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
all’interno di uno Stato, dei diritti riconosciuti a tutti”44. Infatti, per il
Comitato
“la liberté de manifester sa religion englobe le droit de porter en
public des vétements ou une tenue conformes àsa foi ou à sa religion.
ar ailleurs, il estime que le fait d’empêcher une personne de porter
un habit religieux en public et en privé peut consituer une violation
du paragraphe 2 de l’article 18, qui interdit toute contraiente qui
porterait atteinte à la liberté de la personne d’avoir ou d’adopter une
religion”45.
In altri termini, la Corte europea (e con essa il Comitato per i diritti umani
dell’ONU) ha riconosciuto che l’uso del velo rientra nell’ambito della
libertà individuale, e della libertà religiosa in specie, ma ha consentito che
esso venisse limitato, in Francia e in Turchia, soltanto in virtù di una
specifica tradizione laica nei rispettivi ordinamenti, e di motivazioni
specifiche che sono state accolte dalla Corte stessa.
5. La questione del burqa. Specificità del problema.
Del tutto diversa si presenta la questione del burqa, dal punto di vista
della sua origine storica e religiosa, e per le conseguenze che ne derivano a
livello sociale e giuridico. Mentre per il velo islamico può parlarsi di una
generale accoglienza (con le eccezioni riportate) da parte degli
ordinamenti occidentali, per il burqa siamo di fronte ad una linea
spezzata, caratterizzata in molti casi da un rifiuto netto e in altri da un
tentativo di scoraggiarne l'uso pur senza sancire divieti totali, soprattutto
a livello penale. Ne deriva che il confine della compatibilitàincompatibilità del burqa con i principi ordinamentali si fa flessibile e si
sposta continuamente a seconda dell'ottica in cui ci si pone: della sicurezza
pubblica, dell'eguaglianza tra uomo e donna, della dignità della donna,
della libertà religiosa, e via di seguito. Come in un caleidoscopio,
spostando anche di poco il punto di osservazione, si modifica il quadro di
S. DOMIANELLO, La rappresentazione di valori nei simboli un’illusione che alimenta
ipocrisia e fanatismo, in AA. VV., Simboli e comportamenti religiosi nella società globale, a cura
di M. Parisi, ESI, Napoli, 2006, p. 31.
45 Comitato per i diritti umani dell’ONU, arere n 931 del 2000: Uzbekistan. 18.01,205.
CCPR/C/82/D/931/2000 (Jurisprudence), n. 6.2. Sull’argomento, S. ANGELETTI,
Libertà religiosa e Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici. La prassi del Comitato per i
diritti umani delle Nazioni Unite, Giappichelli, Torino, 2008, p. 38 ss.
44
20
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
riferimento normativo e valoriale nel quale ci si muove e ne conseguono
regole e orientamenti sensibilmente diversi.
Il burqa e il niqab sono indumenti che rappresentano la
manifestazione di un credo religioso, quello islamico, in cui
l’abbigliamento della donna è tratto distintivo della sua appartenenza,
cultuale e culturale. Entrambi comportano la copertura integrale del volto
oltre che del corpo della donna; l’unica differenza intercorrente fra i due è
che il burqa cela anche gli occhi che vengono nascosti dietro una retina
mentre il niqab li lascia visibili L’utilizzo del velo integrale da parte delle
donne musulmane, non è riconducibile ad una tradizione unitaria in
quanto solo in alcune versioni più radicali dell’islam esso trova riscontro:
infatti il burqa è un indumento usato principalmente in Afghanistan46
mentre il niqab è proprio della penisola arabica. La diversità di utilizzo del
velo integrale affonda le sue radici nell’identità pluralista che caratterizza
l’islam, la quale si manifesta attraverso la diversità di interpretazioni
fornite dai teologi musulmani che poi si traduce in diversi modi di vivere
l’islam stesso La dottrina islamica si divide sulla stessa natura del burqa,
in quanto non è univoca la sua valenza religiosa ovvero la sua
riconducibilità ad una prescrizione coranica. Da più parti, si contesta la
generalizzazione del burqa inteso come abbigliamento di natura religiosa
ascrivibile a tutto il culto islamico 47, in quanto per molti commentatori
burqa e niqab, “sono costumi imposti da correnti culturali radicali,
estremiste e maschiliste che tentano di imporlo come pratica per una
corretta professione di fede islamica”48, ma che rappresentano solo una
parte dell’islam stesso In questa direzione si esprimono altri utori, per i
quali il burqa è un indumento che affonda le radici “nella tradizione rurale
È durante il regno di Habibullah, nei primi anni del ‘900, che il burqa diventa uno
strumento di riconoscimento per le donne dei ceti superiori, dopo che il re lo impone alle
donne del suo harem per proteggerle da sguardi indesiderati fuori dalla residenza reale;
col passare del tempo il suo utilizzo si diffonde anche tra i ceti piu bassi arrivando ad
essere un capo indossato da tutte le donne afghane Nel 1961 una legge ne vieta l’utilizzo
da parte delle dipendenti pubbliche; successivamente con l’instaurarsi del regime
teocratico dei Taliban, al termine della guerra civile iniziata nel 1992 e protrattasi fino al
1996, il burqa torna ad essere il simbolo identificativo delle donne musulmane essendo
fatto ad esse divieto assoluto di mostrare il volto in pubblico.
47 Il Consiglio francese del culto musulmano, ha assunto una posizione nettamente
contraria ad un legame del burqa con la religione islamica nella sua totalità, chiarendo
che “l’uso del velo integrale non è una prescrizione religiosa, ma piuttosto una pratica
estrema, una pratica minoritaria basata su pareri minoritari”
48 Intervento del residente dell’associazione per i minori non accompagnati in Italia,
Saber Mounia.
46
21
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
antica legata particolarmente a culture divinatorie e a riti di magia”49; si
tratterebbe, quindi, più di un’usanza che di un dettame coranico
annoverabile fra quelli provenienti dagli insegnamenti del Profeta50.
Dall’altra parte si trovano invece coloro che ravvisano, nelle prescrizioni
coraniche, la conferma all’obbligatorietà del burqa; difatti per i
commentatori “di solito aderenti alla tendenza salafita che predica il
ritorno alla tradizione del primo secolo dell’Islam, il velo è un preciso e
fondamentale obbligo religioso”51. In questo senso si esprimono anche
alcuni esegeti delle fonti coraniche, affermando che “indossare il velo è un
dovere preciso ed inderogabile. La donna musulmana che indossa il velo,
esprime per mezzo di esso in forma tacita, la sua identità islamica”52. Alla
luce di queste posizioni, la riconducibilità del burqa ai dettami del Profeta
è controversa, e la diversità delle interpretazioni può essere ricondotta ad
una visione moderata o, al contrario, integralista dei dettami coranici. In
un’ottica meno rigorosa si prenderanno in considerazione gli
insegnamenti del Profeta, estrapolandone unicamente un obbligo per la
donna, di vestire in maniera pudica facendo sì che ogni provocatorietà
venga eliminata, (e ci si riferisce alla copertura del capo attraverso il velo
islamico). In una visione più rigida e letterale degli insegnamenti del
Profeta, il burqa diventa per la donna un elemento imprescindibile dalla
sua appartenenza alla fede islamica.
Dal punto di vista sociologico l’inserimento del burqa all’interno
delle società europee, ed occidentali, provoca non pochi problemi in virtù
della forte connotazione simbolica, religiosa e non, che questo indumento
porta con sé in riferimento alla figura della donna. I contrasti legati alla
qualifica di abbigliamento religioso, o meno, del velo integrale, lasciano il
L. BELKAID, Voiles, in L’ xpress, 1, 2010; sempre secondo la Belkaid “il burqa è
un’invenzione contemporanea I veli integrali non sono mai esistiti nei aesi del Maghreb
o in quelli del Medio Oriente quale che fosse l’epoca o la religione dominante Il velo
integrale non è percio islamico” nche secondo Oliver Roy, illustre studioso islamico e
politologo francese, il burqa “è un invenzione recente del movimento integralista salafita
nata nei paesi del olfo e in akistan”, non piu di una ventina d’anni fa
50 In questo senso si è espresso anche l’imam della moschea del Cairo, Mohammed
Sayed Tantaoui, il quale ha dichiarato che “il niqab non è che un costume tradizionale,
non ha alcun legame con la religione, ne da vicino ne da lontano”; coerentemente con cio,
l’imam ha posto un veto all’utilizzo del niqab durante i suoi corsi religiosi liceali
51 C. M. ARDITA, P. NIGLIO, L’uso del burqa in Italia tra esigenze di identificazione e
istanze religiose, in Stato civile italiano, 2, 2011, p. 20.
52 Inoltre sempre secondo Al Turabi Hasan, noto esponente del fondamentalismo
islamico in Sudan, l’utilizzo del velo integrale sarebbe riconducibile al pensiero
manifestato dal rofeta secondo il quale “la fede non è presente dentro se non ci sono i
comportamenti islamici che ne segnalano la presenza interiore”
49
22
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
posto in questo caso a nuovi scontri che investono valori forti come “la
tutela della dignità umana”53, e più nello specifico, della donna. A ben
guardare, c’è un’incompatibilità di fondo se si guardano i principi di
libertà e uguaglianza tra uomo e donna da un lato, e i principi che invece
sottendono alla condizione della stessa nella cultura islamica dall’altro La
centralità del problema, in riferimento a questi principi, risiede nella
manifesta mortificazione della figura femminile nonché nella
compressione della sua stessa dignità, provocata dall’utilizzo del burqa
Attraverso la copertura integrale del volto, si impedisce alla donna
qualunque forma di socializzazione; del resto non è difficile immaginare
come nel contatto con le persone che ci circondano, ed in qualunque
ambito della vita quotidiana, il volto rivesta un ruolo importantissimo.
Il burqa lega a sé problemi di integrazione in virtù di una
costrizione oltre che fisica anche psicologica, che impedisce alla donna
musulmana di integrarsi; ciò avviene nel momento in cui la scelta
volontaria, quindi non forzata, di portare questo indumento trova la sua
motivazione nell’essere uno strumento per vivere la modernità attraverso
la manifestazione delle proprie tradizioni. Al contrario, si tratterà di una
scelta che preclude una corretta integrazione nella realtà circostante nella
quale è presente una diversa concezione della figura femminile,
“espressione del mondo occidentale, dove quelle stesse libertà di
emancipazione e partecipazione alla vita sociale, negate alla donna
attraverso il velo integrale, hanno prodotto in occidente la sublimazione di
un’immagine femminile che afferma la parità sociale e culturale, [ ]”54. La
compressione dei diritti della donna, collegata ad una chiara involuzione
dei costumi, non può essere tollerata in società come quelle occidentali in
cui “[ ] è scritta un’altra storia e un’altra prospettiva, che ha portato alla
crescita delle libertà personali, all’eguaglianza tra uomo e donna, [ ]”55.
Proprio sulla base delle libertà fondamentali riconosciute in maniera
eguale ad ogni individuo, risulta impossibile accettare l’utilizzo, da parte
della donna musulmana, di un indumento “che la spersonalizza, le cattura
l’identità, la mutila nelle sue funzioni sociali”56.
Un’altra problematica rilevante legata all’uso del velo integrale è
quella riguardante la coercizione, non di rado violenta, che spinge le
donne musulmane a utilizzare questo tipo di abbigliamento. Si tratta di
M. CIRAVEGNA, Abbigliamento religioso, tutela dell’identità ed ordine pubblico, in
Quaderni di diritto e politica ecclesiastica, 1, 2010, p. 308.
54 C. SVAMPA, Fuori dal burqa, in Libertà civili, 4, 2010, p. 52.
55 C. CARDIA, Principi di diritto ecclesiastico, G. Giappichelli, Torino, 2010, p. 212.
56 C. SVAMPA, Fuori dal burqa, cit, p. 52.
53
23
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
un’imposizione proveniente dalla famiglia, soprattutto dagli elementi
maschili che ne fanno parte, alla base della quale vi è la giustificazione
religiosa che legittima l’utilizzo di sanzioni, anche corporali, nei confronti
delle donne che non si adeguino a quanto impostogli dalla famiglia57. Nel
momento in cui questa situazione degenera, possono derivarne atti
aberranti58 come quelli verificatisi nel nostro Paese ed anche nel resto
d’ uropa, che non possono passare inosservati Soprattutto, appare chiaro
che “evitare una scelta di valore sulla questione del burqa vuol dire tacere
sulla condizione delle donne che ne sono vittime, o per diretta pressione
degli elementi maschili a loro vicini, o per subalternità ad una cultura
compressiva dei loro diritti”59; ad essere palese è la necessità di un
cambiamento culturale che permetta il superamento di queste arretratezze
basate su “un’interpretazione arbitraria dei testi religiosi”60. Il
cambiamento dovrà basarsi “sull’argomentazione e sul convincimento,
che tende a far evolvere invece che regredire”61, che porti alla completa
integrazione delle comunità musulmane attraverso la comprensione ed
accettazione di quei diritti fondamentali di cui ogni individuo è custode.
L’utilizzo del burqa da parte delle donne di fede islamica, non
solleva solo problemi di tipo sociologico per il fatto che sono lesi diritti
fondamentali della persona, ma investe un’altra sfera che riguarda da
vicino l’ordinamento statuale, attinente alla sicurezza e all'ordine
pubblico. In generale le normative statali prevedono espliciti divieti alla
dissimulazione del volto negli spazi pubblici; di qui, un altro aspetto che
rende l’uso del burqa incompatibile con le più elementari regole che sono
alla base del nostro vivere civile. Le esigenze di identificazione che
impediscono a chiunque, indipendentemente dall’etnia di appartenenza,
di coprire il proprio volto in pubblico trovano il loro fondamento in quei
valori costituzionalmente garantiti come la garanzia dell’ordine pubblico,
che non possono essere pretermessi per motivi religiosi o culturali.
57 Nella Sura I , verso 34 si legge: “[ ] Le (donne) virtuose sono le devote, che
proteggono nel segreto quello che llah ha preservato mmonite quelle di cui temete
l’insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele Se poi vi obbediscono, non fate
piu nulla contro di esse [ ]”
58 Si puo riportare il caso verificatosi a Sarezzo (Brescia), di una ragazza di ventuno
anni pakistana Hina Saleem, sgozzata e poi sepolta nell’orto di famiglia a causa della sua
decisione di convivere con un ragazzo non musulmano; in Inghilterra sempre una
ragazza di ventuno anni pakistana Sahjda Bibi, viene pugnalata dal cugino il giorno del
suo matrimonio con un ragazzo non musulmano.
59 C. CARDIA, Principi di diritto, cit., p. 210.
60 P. NIGLIO, C. M. ARDITA, L’uso del burqa in Italia, cit., p. 20.
61 C. CARDIA, Il burqa nega i diritti della donna, in Avvenire, 12 ottobre 2007.
24
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
6 - Le normative nazionali e il burqa
La problematica riguardante l’utilizzo del burqa è fortemente sentita in
tutta Europa, e le incompatibilità con i principi regolatori presenti negli
ordinamenti europei hanno reso incalzante la necessità “di dover proporre
delle leggi che proibiscano il velo integrale al di là di ogni ragionevole
dubbio”62. Ciò si è reso indispensabile, per la crescita delle comunità
islamiche sul territorio che ha comportato l’incremento di donne coperte
dal velo integrale, e perché l'utilizzo di un indumento come il burqa o il
niqab, solleva problemi di incompatibilità nei più svariati campi della vita
collettiva: dalla scuola all’ambiente di lavoro ad altre attività che si
inseriscono nella vita quotidiana. A livello strettamente giuridico,
innanzitutto, il velo occultante configge con le più basilari norme che
riconoscono e tutelano la dignità umana e l’uguaglianza di ogni persona,
uomo o donna che sia; poi, con la normativa che prevede misure di ordine
e sicurezza pubblici, nelle quali il riconoscimento della persona è
fondamentale.
Attualmente, Francia e Belgio sono gli Stati europei più
all’avanguardia sulla materia essendosi dotati entrambi di una normativa
ad hoc riguardante il velo integrale; in altri Paesi, come Spagna e Regno
Unito, si trovano interventi settoriali che in qualche modo si pronunciano
sulla questione
nche l’Italia si sta muovendo in questa direzione,
essendo “stati presentati alcuni progetti di legge che sembrano diversi
nelle rispettive motivazioni [...], ma finiscono tutti per concordare sul fatto
che gli indumenti interessati devono comunque lasciare scoperto il
volto”63. Il primo Paese europeo, in ordine temporale, ad avviare
l'introduzione di una legge che vieta il porto di indumenti come burqa e
niqab, nei luoghi pubblici, è stato il Belgio; il 29 aprile del 2010 la Camera
dei deputati approva con 136 voti favorevoli un disegno di legge con cui si
vieta genericamente di circolare “in spazi pubblici col volto coperto o
mascherato, completamente o in parte, con capi d’abbigliamento che non
rendano identificabili” L’art. 3 della legge belga esige che ogni persona sia
identificabile, quindi riconoscibile, negli spazi pubblici, fatta eccezione per
quei casi in cui, per ragioni lavorative o di sicurezza o in ragione di
particolari tradizioni manifestate all’interno di feste riconosciute, ciò non
C. CARDIA, Principi di diritto ecclesiastico, cit., p. 210.
C. CARDIA, Dire si o no al burqa una scelta di valore ineludibile, in Libertà civili, 4, 2010,
p. 61.
62
63
25
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
sia possibile. La pena comminata dallo stesso art. 3, in caso di violazione
di tale precetto, è la reclusione fino a sette giorni o il pagamento di
un’ammenda che può arrivare fino a 137,5 euro; la grande differenza
rispetto alla legge francese entrata in vigore nell'aprile del 2011, è la
mancata previsione di pene a carico di colui che obblighi coattivamente la
donna ad utilizzare il velo integrale L’approvazione definitiva della legge
belga, da parte del Senato, è del maggio 2011; l’intercorrere di un lasso di
tempo così ampio, è dovuto alla crisi causata dalla caduta del Governo di
Yves Leterme, ed anche l’entrata in vigore della legge il 23 luglio 2011,
avviene nonostante la mancanza di un assetto istituzionale stabile. La
scelta fatta dalle autorità belghe, è dettata oltre che da esigenze di
sicurezza, dalla volontà “di promuovere tutta una serie di azioni positive
idonee a condurre alla parità tra i sessi, condizione fondamentale per un
ordinamento democratico e laico”64. La legge anti-burqa ha già sollevato
diversi dissensi nelle comunità musulmane, e si segnalano due ricorsi
presentati alla Corte costituzionale belga sulla base del contrasto tra il
divieto del burqa e i diritti delle donne65.
L’altro aese che ha manifestato chiaramente la volontà di bandire
il burqa dagli spazi pubblici, è stata la Francia, che con la loi interdisant la
dissimulation du visage dans l’espace public n. 2010-1192, ha reso definitivo ed
incontrovertibile l’obbligo di rendere visibile il volto nei luoghi pubblici
Le ragioni che sottendono alla normativa vanno ricercate oltre che nelle
motivazioni attinenti alla sicurezza pubblica anche nel fatto che il velo
integrale “stride fragorosamente sui binari dei valori liberali, laici e
illuministici della repubblica d’oltralpe in quanto ritenuto strumento
oppressivo di coercizione e sottomissione femminile”66. Inoltre, ha pesato
la considerazione che il burqa sia “espressione di un’identità culturale
incompatibile con l’ordinamento francese e quindi anche con il principio
di laicità”67; in questa direzione si orienta, assai prima della legge del 2011,
anche il Consiglio di Stato francese che con la sentenza del 27 giugno 2008,
n. 286798, pronunciandosi su di una questione attinente al conseguimento
M. L. QUATTROCCHI, Il divieto di indossare il burqa ed il niqab in Italia e in Europa, in
www.forumcostituzionale.it.
65 L’avvocato, Ines Wouters, ha anche chiesto di sospendere l’applicazione della legge
in attesa del giudizio sulla sua costituzionalità, spiegando che dal punto di vista delle sue
assistite “si tratta di una sproporzionata intrusione dello Stato nella sfera dei diritti
individuali come la libertà di espressione e di religione”
66 C. SVAMPA, Fuori dal burqa, cit., p. 46.
67 D. FERRARI, La Francia ed il divieto del porto del burqa nei luoghi pubblici: scenari
ricostruttivi, in www.crdc.unige.it. Sull’argomento, P. CHRESTIA, La burqa est incompatible
avec la nationalite francaise, AJDA, 2008, p. 2013.
64
26
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
della cittadinanza68, conferma la decisa e perentoria non accettazione di
“una pratica religiosa incompatibile con i valori fondamentali della
comunità francese, ivi compreso il principio della parità tra i sessi”69.
Occorre tenere presente che il provvedimento legislativo n. 20101192 entra in vigore in un Paese caratterizzato per avere al suo interno la
comunità musulmana più popolosa d’ uropa; si così sentita la necessità
di una regolamentazione specifica considerando anche che “l’adozione del
velo integrale, tra le donne immigrate, pare essere in aumento”70. Per
poter elaborare una legge capace di risolvere i diversi problemi, nel 2009
viene istituita una Commissione parlamentare di studio, e dal rapporto
“ erin-Raoult” – nome della Commissione – si evince innanzitutto il
ripudio di ogni forma di coercizione nell’uso del velo integrale in quanto
ciò “è espressione di un arcaismo culturale e proselitismo integralista che
colpisce la dignità umana ed in particolare quella delle donne”71. Il burqa
viene definito chiaramente come una forma di “reclusione pubblica che,
anche quando volontaria ed accettata dalla persona che lo indossa,
costituisce con tutta evidenza una lesione della dignità” della stessa, e
perciò è chiaramente da rifiutare. La relazione prosegue affermando che
ad essere violata non è solo la dignità della donna così reclusa, ma anche
“la dignità delle persone che condividendo lo stesso spazio pubblico, si
vedono respinte essendo negato qualsiasi scambio compreso quello
visuale”72. Inoltre nella relazione è considerato primario, per una corretta
applicazione delle misure normative, l’utilizzo di una “politica”
indirizzata principalmente “al dialogo interculturale e di integrazione (in
quanto) strumento principale da un lato per contrastare l'apartheid sessuale
e derive settarie liberticide e, dall’altro, per garantire una giusta
Conseil d’ tat, 27 giugno 2008 n 286798, in www.rajf.org. Nel caso concreto ad una
donna di origini marocchine, viene negata la cittadinanza in quanto seguace dei dettami
dell’Islam salafita perche obbligata dal marito. Nel parere legale, fornito ai giudici dal
Commissario di overno incaricato, si afferma che la donna “non ha alcuna idea del
diritto di voto” vivendo “in completa sottomissione agli uomini della sua famiglia”; sulla
base di tutto cio ovviamente non le viene concessa la cittadinanza.
69 M. CIRAVEGNA, Abbigliamento religioso, cit., p. 304.
70 M. IUS, La Francia vieta il burqa. E noi?, in Lo Stato civile italiano, 11, 2010, p. 15.
71 P. NIGLIO, C. M. ARDITA, L’uso del burqa in Italia, cit., p. 20.
72 Nello stesso modo si esprime anche uno dei documenti di presentazione al disegno
di legge, nel quale si afferma che “nella società libera e democratica vale la regola
implicita ma elementare che nessuno scambio tra le persone e nessuna vita sociale è
possibile nello spazio pubblico senza reciprocità di sguardo e visibilità: le persone si
riconoscono, infatti, ed entrano in relazione attraverso il volto”
68
27
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
rappresentazione delle diversità identitarie e religiose”73. Nel rapporto
francese, si punta sulla mediazione culturale per favorire la consapevole
comprensione dei propri diritti-doveri civici da parte degli immigrati
islamici, accogliendo comunque le diversità proprie di un’altra cultura
La legge francese n. 2010-1192 che vieta l’utilizzo del velo integrale
negli spazi pubblici, solleva molte polemiche già prima della sua
approvazione; le rappresentanze musulmane, quelle più modernizzanti e
quelle conservatrici, manifestano subito la loro contrarietà ad un divieto
così generalizzato volto soltanto a provocare una diffidenza ancora
maggiore verso l’Islam74. Un parere contrario alla legge in esame arriva
anche dal Conseil d’ tat che su richiesta del rimo Ministro rancois
Fillon, del 29 gennaio 2010, si pronuncia sulla praticabilità giuridica di un
divieto generale sul burqa. Nel rapporto adottato in sede plenaria e
presentato al Primo Ministro il 25 marzo 2010, il Conseil ammonisce
dall’introdurre il divieto in ragione del fatto che ciò “non ha trovato
alcuna base giuridica chiara” e quindi quest’ultima “potrebbe essere
bocciata a posteriori dal Consiglio Costituzionale in nome del principio di
non- discriminazione” In particolare, considerando la nozione di base su
cui fondare un'eventuale restrizione della libertà religiosa delle persone, il
Consiglio di Stato francese ha rilevato come debba esserci necessariamente
una proporzionalità tra la limitazione introdotta e il rischio che si
correrebbe non prevedendola. Su questa base, un divieto generico
all’utilizzo del velo integrale sarebbe legittimo “[ ] esclusivamente in
spazi pubblici quali gli aeroporti, le banche e le stazioni ferroviarie”75
ovvero in tutti quei luoghi ove si renda necessaria la tempestiva
identificazione da parte delle autorità di polizia quindi escludendosi un
estensione del divieto anche a luoghi non necessitanti di
un’identificazione immediata. Nonostante tutto, il progetto di legge che
vieta l’occultamento del volto nei luoghi pubblici (projet de loi interdisant la
dissimulation du visage dans l’espace public) n.161, viene approvato in prima
battuta il 14 settembre del 2010 dal Senato francese dopo essere passato al
vaglio del Consiglio dei ministri prima, e dell’ ssemblea parlamentare
A. COSSIRI, Francia: il rapporto Gerin-Raoult sul velo islamico riaccende il dibattito, in
www.forumcostituzionale.it.
74 Il C CM (Conseil
rancais du culte musulman), ha disapprovato la legge cosi
formulata nel suo complesso in quanto fomentatrice di un clima ormai “anti-islam”;
anche secondo l’UOI (Union des Organisations Islamiques de rance), organizzazione
controllata dai Fratelli musulmani, la legge in oggetto rappresenta un ulteriore conferma
della crescente “islamofobia” che sta colpendo tutta l’ uropa
75 A. SCERBO, Simboli religiosi e laicità a partire dal caso Lautsi v. Italy, in Stato, chiese e
pluralismo confessionale, cit., novembre 2010.
73
28
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
poi. La legge passa poi al vaglio del Conseil constitutionnel, la quale con
sentenza del 7 ottobre del 201076, chiarisce che “il principio di libertà
dell’individuo – sancito dall’art 4 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo
e del cittadino del 1789 – può essere limitato dal legislatore, laddove
contrasti con interessi pubblici. La necessità di tutelare la sicurezza,
possibilmente lesa dal circolare in luoghi pubblici col volto coperto, rende
compatibile con la Costituzione il divieto disciplinato dalla menzionata
legge”77; per tutelare le esigenze cultuali nella pronuncia si fa
un'importante precisazione ovvero, si evidenzia la necessità di una riserva
esplicita nell’applicazione della legge, in riferimento a quei luoghi di culto
che siano aperti al pubblico. Nella successiva Circolare del 2 marzo 2011
“relative à la mise in ouvre de la loi n.2010-1192 interdisant la dissimulation du
visage dans l’espace public” si forniscono, per agevolare l'applicazione della
legge, chiarimenti sulle sue disposizioni e norme di attuazione.
La legge che vieta la dissimulazione del volto negli spazi pubblici
entra in vigore l’11 aprile del 2011 ovvero sei mesi dopo la sua
approvazione definitiva del 7 ottobre 2010, così come previsto dall’art 5
per permettere alle donne che utilizzino il burqa o il niqab di adeguarsi
alla nuova normativa. Il divieto, inoltre, si applica in tutto il territorio
francese senza possibilità di deroghe locali ex art 6, differenziandosi così
dalla legge del 15 marzo 2004 sui simboli religiosi nelle scuole, che invece
è soggetta a possibili disapplicazioni territoriali. Il testo normativo si
compone di sette articoli; all’art. 1 si vieta genericamente, e quindi senza
distinzione di sesso, religione od opinione, l’utilizzo di indumenti che non
rendano identificabile la persona in pubblico. Il legislatore si preoccupa
così, di non rendere il divieto in questione discriminatorio per le donne
musulmane essendo il veto esteso ad ogni forma di vestiario che risulti in
contrasto con la normativa adottata Nell’articolo successivo si specifica,
attraverso un’elencazione precisa, cosa debba intendersi per spazio
pubblico ovvero: le pubbliche vie, gli spazi che siano per loro natura aperti
al pubblico, ed infine tutti quei luoghi ove si svolga un servizio pubblico.
Ovviamente, al secondo comma, sono previsti dei casi in cui il divieto
viene derogato ovvero quando “la legge o un regolamento lo consente (si
pensi al motociclista che deve usare il casco, quando guida), qualora sia
consentito per proteggere l’anonimato (si pensi alle forze di sicurezza), se
vi sono ragioni mediche o professionali o se all’interno di manifestazioni
Conseil constitutionnel, 7 ottobre 2010 n. 613, in www.rajf.org.
E. C. RAFFIOTTA, La Francia approva il divieto all’utilizzo del burqa...e in Italia?, in
www.forumcostituzionale.it.
76
77
29
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
artistiche o tradizionali (si pensi al carnevale)”78. L'art. 3 contiene il profilo
sanzionatorio: si prevede un’ammenda che può arrivare fino a 150 euro e
si applica alla donna che indossi un indumento che impedisca il
riconoscimento della persona, come possono essere il burqa o il niqab. Si
riscontra una specificità nella previsione ulteriore, di un corso di
educazione civica che la donna incorsa nella sanzione suddetta dovrà
seguire per comprendere pienamente il significato della cittadinanza
francese, attraverso i valori su cui si basa il divieto; si tratta di una pena
che, a seconda dei casi, sarà accessoria o sostitutiva e il cui “intento
educativo” si manifesta laddove si cerca di convincere le “donne straniere
ad integrarsi e riconoscersi nei valori della Repubblica francese, non
incidendo eccessivamente sulla loro situazione”79.
Un tratto peculiare della normativa francese riguarda la previsione
di un’apposita sanzione per chi obbliga altri ad occultare il proprio volto;
così facendo il legislatore d’oltralpe rende oggetto di una tutela specifica la
vittima del sopruso, ovvero la donna che utilizzi il velo integrale non per
suo volere, bensì per una coercizione esterna. Per la verità, nella
legislazione francese era già presente una disposizione che poteva
regolamentare la questione; si tratta dell’art 78-1 del codice di procedura
penale nel quale si ingiunge a tutte le persone che si trovino sul territorio
francese, di sottoporsi al controllo sull’identità esercitato dalle autorità di
pubblica sicurezza, ogniqualvolta ciò sia richiesto dal verificarsi dei casi
prescritti dalla legge80. Nonostante ciò, la disposizione non è stata ritenuta
sufficiente in quanto si è ritenuto necessario inserire “una norma generale”
che esulando dal caso di specie punisse specificatamente “anche chi
impone ad altri questa forma di segregazione pubblica”81 Difatti all’art. 4
si prevede, per chi costringe altri ad occultare il volto in ragione del sesso
utilizzando appunto lo strumento della violenza o dell’abuso di potere o
di autorità, una pena che comprende la reclusione fino ad un anno alla
quale viene aggiunta un’ammenda da un minimo di 15 mila ad un
massimo di 30 mila euro. Si prevede anche un’aggravante, qualora la
persona offesa dal reato sia un minore; in questo caso la pena è
raddoppiata per quanto riguarda la misura detentiva e l’ammenda er
concludere sulla situazione francese, va detto che il 5 maggio 2011 viene
emessa la prima sentenza di condanna per il mancato rispetto della nuova
M. IUS, La Francia vieta il burqa, cit., p. 16.
M. IUS, La Francia vieta il burqa, cit., p. 19.
80 Nel 2009, inoltre, col decreto n. 724 si commina una sanzione pecuniaria a colui che,
nel caso di manifestazioni sulla pubblica via, occulti il proprio volto.
81 M. IUS, La Francia vieta il burqa, cit., p. 16.
78
79
30
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
normativa; l’ utorità Giudiziaria artefice della pronuncia è il Tribunale di
Meaux, piccolo centro vicino Parigi, dove due donne di fede islamica sono
state multate per essersi presentate davanti al municipio della suddetta
cittadina con indosso il niqab; ed è da tenere presente che le due donne,
condannate a pagare un’ammenda tra gli 80 e i 120 euro, avevano operato
una scelta anche simbolica essendo il sindaco della città Jean-Francois
Copé segretario dell’Ump, partito del residente Sarkozy grande
sostenitore della legge anti-burqa.
Come accennato all’inizio, anche altri aesi europei intendono
regolamentare la questione del velo integrale, seppur non adottando una
normativa generale ma intervenendo in maniera settoriale. In Spagna ad
esempio taluni comuni82 soprattutto della zona della Catalogna, ma non
solo, hanno adottato provvedimenti volti ad impedire l’utilizzo del burqa
o del niqab all’interno degli spazi pubblici In virtù di questa tendenza
diffusa, il Governo spagnolo ha reso noto che, per il futuro, potrà essere
menzionata espressamente in una legge sulla libertà religiosa, una misura
restrittiva sul porto del velo integrale nei luoghi pubblici. Sono state
avanzate poi delle proposte, ad esempio nel luglio 2010, attraverso una
mozione del Partito popolare che impegnava il governo a presentare un
progetto di legge per introdurre il divieto di indossare il velo integrale, ma
la mozione è stata respinta dal parlamento con 162 voti favorevoli e 183
contrari. Anche nel Regno Unito, pur non esistendo una normativa che
vieti genericamente il burqa o il niqab, si registrano degli interventi che
interessano in qualche modo la questione. Un esempio è la
“determinazione governativa che ha stabilito la liceità dell’uso del velo
nelle aule di Tribunale purché non interferisca con la giustizia”83,
consentendo quindi l’utilizzo di indumenti non occultanti ma stabilendo
con chiarezza la non accettazione del velo integrale in ambito giudiziario.
Sono ancora segnalare le direttive, pubblicate nel 2007 dal Ministero
dell’istruzione, in cui si dà la possibilità ai responsabili di scuole
confessionali o di edifici pubblici di proibire il velo integrale; a conferma
di ciò la High Court of Justice, con una sentenza del 21 febbraio 2007, ha
Il comune di Sa Pobla, cittadina situata sull’isola di Mallorca, ha vietato alle donne
di indossare in pubblico burqa o comunque veli islamici che coprano completamente il
viso; il sindaco Biel Serra ha precisato che non si tratta di una discriminazione culturale o
religiosa in quanto il divieto è esteso, in generale, a tutti gli indumenti che possano
ostacolare il riconoscimento della persona. A Barcellona il sindaco, Jordi Hereu, ha
annunciato il 14 giugno 2011 che sarà adottato a breve un decreto che vieti il porto del
velo integrale negli spazi pubblici; anche in questo caso per evitare discriminazioni,
rientrerà nel divieto tutto cio che copra completamente il volto.
83 A. COSSIRI, Francia: il Rapporto Gerin-Raoult, cit.
82
31
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
ritenuto legittima l’espulsione di una studentessa musulmana da una
scuola in ragione del suo rifiuto di indossare la divisa scolastica, rifiuto
dovuto all’utilizzo del niqab da parte della stessa84. È interessante notare
come, la libertà di determinazione lasciata alle singole strutture provochi
scelte assai diverse tra loro; ad esempio, l'università inglese di Cambridge,
nel novembre del 2009, ha modificato il suo regolamento ed ha permesso
alle studentesse di religione islamica di indossare il velo integrale in
occasioni e cerimonie formali, ad esempio in sede di laurea85. Di segno
opposto è la scelta del Burnley College che nello stesso periodo ha imposto
ad una studentessa di togliersi il burqa, in quanto contrastante con il
regolamento.
7 - Orientamenti delle istituzioni europee
Nell’interessamento generale, che investe gran parte delle nazioni del
vecchio continente sulla questione del burqa, un ruolo importante è quello
delle istituzioni europee che costituiscono un nodo di raccordo per gli
Stati che ne fanno parte. Le istituzioni europee ed i loro organi, hanno
scelto di seguire una linea di pensiero di particolare cautela nell’entrare
nel merito della questione riguardante l’utilizzo del velo integrale; in
alcuni casi, anzi, si evidenzia un atteggiamento tendenzialmente contrario
ad un divieto generalizzato. È del 23 giugno 2010, la Raccomandazione n.
1927, adottata dall’ ssemblea del Consiglio d’ uropa, nella quale si
auspica, più che un regime di divieti, una maggiore attenzione
all’integrazione e quindi allo sviluppo di strumenti che salvaguardino le
donne da regimi coercitivi86 L’attenzione si focalizza sul garantire alla
donna la libertà di “scelta nell’indossare abiti religiosi o particolari”,
84 La Corte non ritiene violato il diritto di libertà religiosa in quanto, per le direttive
suddette, è nel pieno diritto dell’istituto scolastico impedire l’utilizzo di indumenti che
contrastino con le disposizioni in materia di abbigliamento essendo peraltro obbligatorio
l’uso di una divisa
85 È la portavoce della Cambridge University che al Daily
press dichiara: “Diamo il
permesso di indossare il burqa se la studentessa l’ha indossato quotidianamente”
86 “Islam, Islamism and Islamophobia in urope”, Raccomandazione n. 1927, in www.olir.it;
“invite state to guarantee women’s freedom of expression by penalising, on the one hand,
all forms of coercion, oppression or violence that compel women to wear the veil or the
full veil, and by creating, on the other hand, social and economic conditions enabling
women to make informed choices though the promotion of genuine polices on equal
opportunities for women and men which embody access to education, training,
employment and housing ”
32
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
quindi tutelandola da ogni tipo di costrizione e coercizione, perché
“nessuna pratica religiosa o culturale può essere invocata per giustificare”
pratiche che siano lesive dei diritti fondamentali dell’uomo Si richiede, ai
musulmani stessi di interpretare gli insegnamenti dell’Islam in modo da
applicare dei valori che siano compatibili “con la dignità umana e gli
standard democratici europei”; nello stesso tempo essendo il velo
integrale il frutto della diversità di interpretazioni presenti all’interno
dell’Islam, le donne dovranno essere incoraggiate a scegliere liberamente
se indossare questi indumenti oppure no, senza che vi sia da parte degli
Stati, l’imposizione di un codice di abbigliamento. Inoltre, un divieto
generalizzato, secondo l’ ssemblea, può essere giustificato solo da
particolari esigenze di sicurezza che rendano necessaria una restrizione
della libertà religiosa delle persone. Ed è proprio sul concetto di libertà
religiosa, che si concentra l’attenzione di altre pronunce europee; libertà,
peraltro, espressamente garantita a livello europeo dalla Convenzione
europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà
fondamentali, all’art 987.
A manifestare la necessità di focalizzare l’attenzione sulla tutela
della libertà religiosa delle donne, più che su un divieto generale
all’utilizzo del velo integrale, è anche il Commissario per i diritti umani
del Consiglio d’ uropa Thomas Hammarberg; infatti in occasione della
Giornata internazionale della donna del 2010, ha dichiarato che queste
ultime “dovrebbero essere libere di scegliere come vestirsi senza che vi
siano interferenze né da parte della loro comunità, né da parte delle
autorità statali”, aggiungendo inoltre che “vietare di indossare il burqa e il
niqab non libererà le donne da una condizione di oppressione. Potrebbe, al
contrario, condurre ad una loro più evidente esclusione all’interno delle
società europee”88. Anche in questa riflessione ad assumere centralità è la
tutela primaria dei diritti fondamentali, diritti garantiti ad ogni essere
umano ma che soprattutto per le donne in alcune culture, come ad
esempio quella islamica, non sono sempre tutelati e rispettati. È chiaro che
le istituzioni europee agiscono in prima linea per difendere le donne da
regimi coercitivi, alimentati da un fervore religioso fondamentalistico e
antidemocratico, e proprio sul tema della condizione delle donne nei
Art. 9, 1° comma, CEDU: “Ogni persona ha diritto alla libertà di pensiero, coscienza
e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare di religione o di credo e la libertà
di manifestare la propria religione o credo individualmente o collettivamente, sia in
pubblico che in privato, mediante il culto, l’insegnamento, le pratiche e l’osservanza dei
riti”
88 Il Punto di Vista, in http://commissioner.coe.int.
87
33
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
fondamentalismi, con particolare riguardo all’islam, si esprime la
Risoluzione del Parlamento Europeo del 16 ottobre 200189. Nel documento
si fa un osservazione importante sul fatto che “le donne sono state e sono
una delle principali vittime dei fondamentalismi religiosi”, che le privano
delle loro libertà fondamentali. Si denunciano tutte quelle forme di
“assoggettamento e flagrante disparità” a cui sono soggette le donne
ribadendo, poi, che “il rispetto, la promozione e la protezione dei diritti
umani rappresentano l’acquis dell’Unione uropea”. Il punto focale da
porre a base di ogni ragionamento è quello dell’uguaglianza, per cui “tutti
i cittadini dell’Unione uropea” indipendentemente dalla cultura di
appartenenza “devono conoscere e rispettare i principi fondamentali della
democrazia, dei diritti dell’uomo e delle libertà dei cittadini” In questo
quadro, la Risoluzione richiama la necessità di garantire alle donne la
libertà di scelta nell’indossare simboli religiosi che esprimano le rispettive
identità personali indipendentemente da tradizioni o culture di
provenienza in quanto si tratta di una “questione di libera scelta
personale”
Un altro importante documento, favorevole all'integrazione delle
donne musulmane,
presentato da alcuni membri dell’ ssemblea
parlamentare del Consiglio d’ uropa il 2 luglio del 201090; in esso si fa
riferimento alla necessità di integrare le comunità islamiche attraverso un
lavoro di modifica di quei comportamenti incompatibili con la tutela dei
diritti umani, ma senza obbligare le donne a rinunciare al loro
abbigliamento quando questo sia stato liberamente scelto. Nel documento
si evince, ancora, la scelta di adottare un orientamento improntato al
riconoscimento delle diversità in quanto queste “rappresentano un
elemento centrale dell’integrazione culturale, politica e sociale dell’Unione
e deve essere rispettata”91. Si può concludere, sul punto, rilevando che
dalle prese di posizioni europee, si deduce la chiara volontà di combattere
tutte quelle pratiche che siano palesemente lesive dei diritti fondamentali
della persona, ma lasciando spazio alla possibile accettazione di un
indumento religioso quando questo sia liberamente scelto dalla donna
Risoluzione 2000/2174 INI in www.europarl.europa.eu
Doc. 12327, “Muslim women in
urope for equal opportunities”, in
http://assembly.coe.int.; “The debates held in a number of Council of urope member states
on the wearing of the burqa/niqab have exacerbated the stigma felt by Muslim men and
women, with the danger that some Muslim women could be intimidated and excluded
from life in society. Unfortunately, these debates further reinforce stereotypes of Muslim
women living on the uropean continent”
91 Parere su proposta direttiva sulle discriminazioni COM 2008-426, doc. A60149/2009.
89
90
34
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
come manifestazione della sua identità cultuale, e non sia palesemente in
conflitto con le disposizioni normative dell’ordinamento ospitante.
Traspare, quindi, la scelta di esprimersi ma senza entrare mai “nel merito
delle motivazioni più profonde che sono alla base del rifiuto del burqa, e
che riguardano i diritti fondamentali della donna e della sua dignità”
evitando così di “esprimere una opzione di valore”92 sul velo integrale e
su ciò che comporta. Però, in questo modo, si alimenta una incertezza che
complica notevolmente la questione, e fa sorgere l'interrogativo se non
“si possa presentare per la giurisprudenza e le istituzioni dell’Unione
la possibilità (o volontà) di una presa di posizione più incisiva su
questioni inerenti alla libertà religiosa e il riconoscimento della
diversità, sempre, ovviamente, nel rispetto dei poteri dei singoli Stati,
della dignità umana e della non discriminazione ( )”93.
Per quanto riguarda la giurisprudenza europea94, finora
l’orientamento seguito dalla Corte di Strasburgo si è caratterizzato per
l’estrema cautela con la quale ha adottato le decisioni in merito alla
questione dell’abbigliamento religiosamente orientato, in quanto
manifestazione del diritto di libertà di religione; del resto, essa interviene a
supporto dei singoli Stati membri, quindi nel rispetto del principio di
sussidiarietà e soprattutto perché sono questi ultimi ad essere “chiamati in
prima persona a prestare le garanzie assicurate dalla C DU”95. Per questo
motivo, nelle risoluzioni adottate la Corte lascia liberi i singoli Stati di
gestire la materia della libertà religiosa considerando sempre, però, che
l’art 9 della Cedu riveste un ruolo molto importante nel quadro di tutela
C. CARDIA, Principi di diritto, cit., p. 210.
P. PALERMO, Islam e shari’a tra libertà e diritto alla diversità religiosa. Una sintesi sulle
possibili prospettive europee di convergenza, in www.forumcostituzionale.it.
94 Sulla giurisprudenza della Corte M. PEDRAZZI, Sviluppi della giurisprudenza della
Corte Europea dei diritti umani in tema di libertà religiosa, in AA.VV., Studi in onore di
Vincenzo Starace, Napoli, ESI, 2008, p. 645 ss.; M. PARISI, Simboli e comportamenti religiosi
all’esame degli organi di Strasburgo. Il diritto all’espressione dell’identità confessionale tra
(presunte) certezze degli organi sovranazionali europei e( verosimili) incertezze dei pubblici poteri
italiani, in Diritto e famiglia, 2006, p. 1415 ss.; J. MARTINEZ TORRON, La giurisprudenza
degli organi di Strasburgo sulla libertà religiosa, in RIDU, 1993, p. 365 ss.
95 J. PASQUALI CERIOLI, La tutela della libertà religiosa nella Convenzione Europea dei
Diritti dell’Uomo, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, cit., gennaio 2011; anche F.
MARGIOTTA BROGLIO, Il fenomeno religioso nel sistema giuridico dell’Unione uropea, in
F. MARGIOTTA BROGLIO, C. MIRABELLI, F. ONIDA, Religioni e sistemi giuridici.
Introduzione al diritto ecclesiastico comparato, Bologna, il Mulino, 1997, p. 87 ss; R.
COSTAMAGNA, Unione Europea e confessioni religiose, Roma, Pontificia Università
Lateranense, 2002.
92
93
35
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
di tutti i diritti fondamentali della persona, e le eventuali limitazioni di
tale diritto devono “rispondere a un bisogno sociale imperioso e risultare
necessarie e proporzionate secondo i parametri propri di una società
democratica”96. Infatti, nello stesso art. 9, 2° comma, si indicano le
restrizioni al diritto di libertà di religione, ma le condizioni per la loro
applicabilità sono la loro previsione legislativa, il perseguimento di un fine
che sia legittimo e, infine, che “siano necessarie alla pacifica convivenza di
una società democratica”97.
Per ciò che riguarda le fogge di abbigliamento, esse possono essere
limitate in riferimento a “circostanze di luogo e di tempo qualificate e
specifiche”98, quando sia richiesta, ad esempio, un’immediata
riconoscibilità della persona, come nel caso della realizzazione dei
documenti d’identità nei quali sarà impossibile inserire una foto che
ritragga la donna coperta dal burqa o dal niqab essendo questi due
indumenti incompatibili con qualsiasi forma di riconoscimento. La Corte
conferma che si può comprimere la libertà religiosa quando sia necessario
per il verificarsi di una circostanza specifica, anche facendo riferimento al
fatto che l’utilizzo di un abbigliamento religiosamente orientato avvenga
all’interno di un edificio pubblico, ove ciò non sia ammesso oppure
riguardi soggetti che ricoprano delle cariche istituzionali. Nella sentenza
Ahmet Arslan c. Turchia99, l’organo giurisdizionale europeo, afferma
chiaramente che
“le restrizioni da parte degli Stati all’uso di simboli religiosi e di abiti
religiosamente connotati da parte delle persone negli uffici e
istituzioni pubbliche [...] possono trovare maggiore ampiezza rispetto
a quelle consentite relativamente all’uso dei medesimi simboli ed
abiti sulla pubblica via”100;
quindi l’obbligatorietà di adottare un abbigliamento che sia religiosamente
“neutro”, deve essere supportata, secondo la Corte, da specifiche
motivazioni che ne garantiscano la necessarietà. La questione relativa alla
J. PASQUALI CERIOLI, La tutela della libertà religiosa, cit.
L. P. VANONI, I simboli religiosi e la libertà di educare in Europa: uniti nella diversità o
uniti nella neutralità?, in www.associazionedeicostituzionalisti.it, p. 21.
98 D. FERRARI, La pratica di portare il burqa davanti al parlamento francese: atto primo (una
cronaca), in Consulta Online.
99 Nella sentenza del 23 febbraio 2010, n. 41135/98 la Corte si pronuncia su un caso
riguardante i membri dell’ordine religioso Sufi che erano stati condannati penalmente
per aver violato le disposizioni di legge interne, in quanto avevano indossato, in
occasione di una manifestazione religiosa, i propri indumenti sacri.
100 P. PALERMO, Islam e shari’a tra libertà e diritto alla diversità religiosa, cit.
96
97
36
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
simbologia religiosa, viene affrontata dalla Corte europea non solo per ciò
che concerne l’abbigliamento, e chiama in causa spesso il tema della laicità
dello Stato101 che rappresenta uno dei limiti più importanti alla possibilità
di manifestare il proprio credo. Ci si ricongiunge così al leit motiv che
caratterizza il pensiero manifestato dalla Corte, per il quale occorre
sempre tener conto di un certo margine di apprezzamento, riconosciuto
agli Stati membri, nell'applicare restrizioni alla libertà religiosa. Infatti,
“applicando la dottrina del margine di apprezzamento la Corte ha
potuto rivestire le proprie pronunce di quella flessibilità necessaria a
bilanciare il giusto rispetto per la sovranità degli Stati membri e i loro
obblighi sanciti dalla Convenzione”102.
8 - L’Italia e il burqa: normativa applicabile e prospettive future
Tra i paesi europei che stanno affrontando la questione del velo integrale,
rientra anche l’Italia che, peraltro, ad un primo sguardo sommario risulta
essere la più preparata dal punto di vista legislativo. In effetti, nel nostro
ordinamento, la necessità di tutelare l’ordine pubblico103, da cui deriva
l’obbligo per tutte le persone di essere riconoscibili mentre circolano negli
spazi pubblici, confermata in “una normativa pregressa che potrebbe
permettere di affrontare il problema” del burqa “sulla base di principi
generali adattabili secondo le circostanze”104. Si fa riferimento, in
particolare, alla legge del 22 maggio 1975, n 152 (c d “legge Reale”) che
all’art 5 recita “è vietato l’uso di caschi protettivi, o di qualunque altro
mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo
pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo” Un altro atto
normativo che può essere richiamato al fine di regolamentare la questione
del velo integrale, è il Regio Decreto del 18 giugno del 1931, n. 773 che
101 Sul tema dei modelli di laicità nelle moderne società occidentali si veda tra gli altri,
P. CAVANA, Modelli e significati di laicità nelle società pluraliste, in www.olir.it; A.
BARBERA, Il cammino della laicità, in Forum dei Quaderni Costituzionali, I, 2009, p. 2.
102 L.P. VANONI, I simboli religiosi e la libertà di educare in Europa, cit., p. 22.
103 La Corte Costituzionale, con sentenza n. 19 del 16 marzo 1962, definisce il concetto
di ordine pubblico: “l’ordine pubblico è un valore costituzionalmente protetto, quale
patrimonio dell’intera collettività; sono pertanto costituzionalmente legittime le norme
che effettivamente, ed in modo proporzionato, siano rivolte a prevenire e a reprimere i
turbamenti all’ordine pubblico (intesi come insorgere di uno stato concreto ed effettivo di
minaccia all’ordine legale mediante mezzi illegali idonei a scuoterlo) eventualmente
anche mediante la limitazione di altri diritti costituzionalmente garantiti”
104 C. CARDIA, Dire si o no al burqa, cit., p. 59.
37
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
all’art. 85 pone il divieto di comparire mascherati in luogo pubblico; in
questo secondo caso, il divieto sembra essere più vago, e in effetti gran
parte della dottrina ritiene che soprattutto il primo provvedimento
legislativo sia concretamente applicabile alla fattispecie in esame105.
Tornando, quindi, alla legge del 1975, sono opportune delle considerazioni
preliminari, dal momento che essa “non nasce per regolare il complesso e
delicato tema dell’utilizzo di indumenti religiosi, bensì è stata adottata per
finalità ed in un contesto”, quello dei cosiddetti anni di piombo, “assai
diverso dall’odierna società multiculturale”106. Si tratta, infatti, di un
provvedimento adottato per soddisfare un’esigenza specifica, perché
nell’art. 5 è configurato
“un reato-mezzo, la cui ratio consiste nel consentire alle forze di
polizia di identificare compiutamente i partecipanti alle
manifestazioni ed ai cortei, connotati spesso come luoghi di incidenti
ed aggressioni tra fazioni politiche contrapposte e con la polizia
stessa”107.
lcuni utori si esprimono, a favore, di “un’interpretazione evolutiva”
della legge del 1975 in quanto essa
“interviene proprio in quei casi in cui un cambiamento del significato
di un termine contenuto in una legge o il nuovo affermarsi, a livello
sociale – (...) – di valori e diritti (o meglio, aspettative di diritti) non
ancora riconosciuti dal legislatore rende una legge ormai antiquata e
quindi bisognosa di essere interpretata secondo le nuove esigenze e le
urgenze dei tempi presenti”108.
Sembrerebbe proprio questo il caso.
Tuttavia, pur in presenza di basi normative utilizzabili per via
interpretativa, non si può dire che esista un inequivocabile divieto del
burqa Infatti l’interesse pubblico come giustificazione limitativa della
105 Si veda, tra gli altri, C. CARDIA, Principi di diritto ecclesiastico, cit., p. 208; secondo
l’ utore “sembrerebbe [ ] che soprattutto il primo divieto possa essere applicato al burqa
dal momento che questo capo di abbigliamento impedisce il riconoscimento della
persona che lo utilizza, quando è indossato dalla persona in luogo pubblico”
106 E.C. RAFFIOTTA, La Francia approva il divieto all’utilizzo del burqa, cit.
107 F. VERGINE, Segni religiosi e sicurezza pubblica. Il velo islamico: chador, niqab, burqa, in
Comuni d’Italia, 10, 2007, p. 50.
108 V. GRECO, Il divieto di indossare il velo islamico: tutela della sicurezza o strumento di
lotta politica? Quando il sindaco eccede i suoi poteri., in Giurisprudenza di merito, 9, 2007, p.
2430.
38
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
libertà religiosa (comprendente il diritto di manifestare il proprio credo
anche attraverso l’abbigliamento109),
“non è interpretato come diretto al riconoscimento, da parte di tutti,
della persona interessata, ma in funzione delle circostanze ambientali,
cioè delle situazioni specifiche che si presentino. Infatti, una volta che
si sia proceduto al riconoscimento della persona, l’interesse pubblico
viene meno e chi indossa il burqa può continuare ad indossarlo”110.
D'altra parte, nella Circolare del Ministero dell’Interno del 9 dicembre
2009 si sottolinea la necessità di collegare l’identificazione della persona
ad un motivo ben definito: “un accertamento condotto in assenza di un
concreto interesse pubblico alla conoscenza dell’identità della persona
stessa potrebbe, infatti, apparire come inutilmente vessatoria”
spiegare
l'assunto è il caso avvenuto nel 2008, quando una donna di religione
islamica, con indosso il burqa, si presenta presso il Tribunale di Cremona
per assistere al processo che vede imputato il marito per atti con finalità di
terrorismo; alla donna viene contestato il reato ex art. 5 della legge n. 152
del 1975 sulla base del fatto che “in luogo pubblico, senza giustificato
motivo, indossava un velo che, coprendole il volto, ne rendeva difficile il
riconoscimento da parte delle forze dell’ordine” vendo però la donna,
collaborato pienamente con le autorità di polizia ed avendo quindi reso
possibile il suo riconoscimento, viene assolta con la motivazione che “il
fatto non sussiste”111. In questo caso concreto, l’organo giurisdizionale non
ravvisa nell’utilizzo del burqa la fattispecie di reato delineata dall’art 5 l n
152 del 1975 innanzitutto, perché tale utilizzo è giustificato dal motivo
religioso ed inoltre, perché concretamente il riconoscimento della persona
è avvenuto senza ostacoli.
Dal quadro appena delineato si deduce che l’utilizzo del velo
integrale, per l'attuale normativa, è lecito e consentito fintantoché rimane
espressione del diritto di libertà religiosa, e non collida con le esigenze di
tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico In altri termini, che l’uso del
burqa integrerebbe una fattispecie di reato solo qualora
L’art 19 Cost. contempla come unico limite esplicito al diritto di libertà religiosa
quello del buon costume, che peraltro riguarda i riti; ma dall’articolo si rilevano anche dei
limiti impliciti che, nel caso dell’abbigliamento religioso occultante i tratti identificativi
del volto, si concretizzano nell’esigenza di tutelare la sicurezza e l’ordine pubblico
110 C. CARDIA, Principi di diritto ecclesiastico, cit., p. 208.
111 Trib. Cremona, 27 novembre 2008, in Corriere del merito, 2009, p. 294 ss., con nota di
N. FOLLA, L’uso del burqa non integra reato, in assenza di una previsione normativa espressa.
109
39
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
“[ ] effettive esigenze di ordine o sicurezza pubblica impongano di
procedere
all’identificazione
della
persona
che
indossi
quell’indumento, e la persona stessa rifiuti di sottoporsi
all’identificazione rimuovendo il velo per il tempo a ciò strettamente
necessario”112.
Il punto è che la sicurezza e l’ordine pubblico, rappresentano dei limiti
impliciti alla libertà religiosa così come interpretata sulla base dell’art 19
Cost , ma potranno essere utilizzati soltanto se, “nel caso concreto,
vengano in rilievo quali interessi strumentali alla tutela di interessi finali
di sicuro rilievo costituzionale, quali ad esempio la vita o l’incolumità
personale”113; ad oggi l’unico limite, sancito espressamente, al diritto
individuale di ciascuno di professare liberamente il proprio credo e di
esercitarne il culto è dato dal buon costume114.
La non esistenza del divieto di portare il velo integrale ex lege 152
del 1975 è stata confermata dal Consiglio di Stato intervenuto, a proposito
di un’ordinanza sindacale caratterizzata da eccesso di potere115, con
sentenza n° 3076 del giugno 2008. In essa si traccia un quadro nitido della
situazione, e si rileva innanzitutto come il burqa non sia tendenzialmente
utilizzato, come mezzo per impedire il riconoscimento della persona,
perché costituisce “attuazione di una tradizione di determinate
G.L. GATTA, Islam, abbigliamento religioso, diritto e processo penale: brevi note a
margine di due casi giurisprudenziali, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, cit., giugno
2009.
113 “( ) alla considerazione secondo cui la sicurezza pubblica non costituisce un limite
alla libertà religiosa sembra deporre la circostanza che quando nella Costituzione la
sicurezza è considerata come limite all’esercizio di libertà fondamentali, questo rilievo è
attribuito espressamente: è cosi per la libertà di circolazione e soggiorno del cittadino nel
territorio dello Stato (art 16 Cost );( )”; P. NIGLIO C.M. ARDITA, L’uso del burqa in
Italia, cit., p. 24.
114 A proposito dei limiti al diritto di libertà religiosa, A. COSSIRI, Francia:il rapporto
Gerin-Raoult, cit.; C. CARDIA, voce Religione (libertà di), in Enciclopedia del diritto,
Aggiornamento II, Giuffrè, Milano, 1998, p. 932.
115 Si tratta dell’ordinanza del 5 febbraio 2009, con la quale il Sindaco di
zzano
Decimo include nel novero dei mezzi atti a rendere difficoltoso il riconoscimento, ex art.
5, il velo islamico in tutte le sue forme; “Un’ordinanza sindacale che vieta di indossare il
velo islamico perche rientrerebbe nei mezzi atti a rendere difficoltoso il riconoscimento
della persona ex art. 5 comma 1 l. 22 maggio 1975, n. 152 è illegittima perche non tiene
conto: 1) dell’interesse pubblico generale, che giustifica lo stesso potere d’ordinanza del
Sindaco; 2) del fatto che tale potere rientra nel novero dei poteri amministrativi e,
dunque, non puo comportare anche un piu generale potere di interpretare e innovare
l’ordinamento giuridico”; V. GRECO, Il divieto di indossare il velo islamico, cit., p. 2426.
112
40
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
popolazioni o culture”116. I giudici amministrativi, proseguono
individuando un’esigenza specifica che sottende all’identificazione della
persona, e affermano che
“la ratio della norma, diretta alla tutela dell’ordine pubblico, è quella
di evitare che l’utilizzo di caschi o di altri mezzi possa avvenire con la
finalità di evitare il riconoscimento. Tuttavia, un divieto assoluto vi è
solo in occasione di manifestazioni che si svolgano in luogo pubblico
o aperto al pubblico, tranne quelle di carattere sportivo che tale uso
comportino Negli altri casi, l’utilizzo di mezzi potenzialmente idonei
a rendere difficoltoso il riconoscimento è vietato solo se avviene senza
giustificato motivo”117.
La mancanza di un’indicazione normativa esplicita ha alimentato il
dubbio
"se ragioni di carattere religioso, etnico, o culturale possono essere
considerate giustificato motivo per l’impiego di mezzi o indumenti le
cui caratteristiche siano tali da ostacolare il riconoscimento della
persona che li indossa”118;
ed ha provocato una qualche confusione dal punto di vista
amministrativo. In effetti, sono diverse le ordinanze sindacali emanate al
fine di regolare il fenomeno riguardante l’utilizzo del velo integrale; oltre
a quella già citata, ve ne sono altre come quella emanata nel comune di
Drezzo (n 15 del 12 ottobre 2009), la quale vieta “l’utilizzo, se non per
motivi di sicurezza, in tutti i luoghi pubblici e aperti al pubblico di
qualsivoglia copricapo (o velo) che copra il viso e tale da rendere
difficoltoso il riconoscimento della persona” In altri casi, come a Sesto San
Giovanni, il 14 febbraio del 2011 è stata presentata una mozione per
impegnare il sindaco "ad attuare urgentemente i provvedimenti necessari
al fine di far rispettare la legge”, questo perché come si legge nel testo,
“il burqa e altre forme simili di vestiario che coprono integralmente il
viso delle persone costituiscono, secondo la nostra cultura, una forma
Cons. St., VI Sez., sent. 19 giugno 2008, n. 3076.
Il Consiglio di Stato, nella sentenza, prosegue con una precisazione importante;
l’interpretazione data con riferimento al burqa “non esclude che in determinati luoghi o
da parte di specifici ordinamenti possano essere previste, anche in via amministrativa,
regole comportamentali diverse incompatibili con il suddetto utilizzo, purche
ovviamente trovino una ragionevole e legittima giustificazione sulla base di specifiche e
settoriali esigenze”.
118 P. NIGLIO, C. M. ARDITA, L’uso del burqa in Italia, cit., p. 21.
116
117
41
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
di integralismo oppressivo della figura femminile e di costrizione
della libertà individuale”
e di conseguenza sono comportamenti da arginare. A giustificazione di
tali iniziative, si invoca l’art 54, quarto comma, del TU L come sostituito
dall’art 6 della legge 15 del 2008, il quale consente al sindaco di prendere
provvedimenti per far fronte “a gravi pericoli che minacciano l’incolumità
pubblica e la sicurezza urbana”, e secondo alcune opinioni la copertura
integrale del volto può rientrare nel novero dei “gravi pericoli" È chiaro,
però, che si sente la necessità di una normativa che elimini ogni dubbio,
per evitare ogni discrepanza nella tutela dei diritti fondamentali dei
cittadini, stranieri e non119; occorre, cio , un’indicazione del legislatore che
chiarisca come
“nello spirito della nostra Costituzione i comportamenti dei privati
sono garantiti (eventualmente anche introducendo eccezioni al diritto
comune) dal principio di libertà – massimamente se hanno una
valenza simbolica - fino a quando non contrastino con norme che
tutelano la società”120.
Di recente, sono stati compiuti dei passi in avanti in questa
direzione, con la elaborazione di progetti di legge specificamente dedicati
all'argomento, al fine di realizzare un equilibrio tra le esigenze di
sicurezza e le libertà individuali da una parte, e dall'altra tra pluralismo
culturale e difesa delle identità. I progetti di legge presentati finora sono
dieci, in buona parte prevedono tutti un divieto assoluto di indossare il
burqa121; soltanto uno si discosta dagli altri e permette di utilizzare il velo
integrale pur con la previsione di poteri di identificazione speciali, in capo
ai pubblici ufficiali122 I progetti di legge prevedono la pena dell’arresto e
la sanzione pecuniaria dell’ammenda, mentre varia la disciplina del
119 Sull’argomento, R. MAZZOLA, Laicità e spazi urbani. Il fenomeno religioso tra governo
municipale e giustizia amministrativa, in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, Rivista
telematica (www.statoechiese.it), 2010: “deve essere infatti impegno primario del legislatore
statale, soprattutto dove si tratta di libertà civili e diritti fondamentali, predisporre la
regolamentazione piu idonea, affinche quest’ultima costituisca la stella polare per
l’amministratore locale”
120 N. FIORITA, F. ONIDA, Cenni critici sui nuovi progetti di legge sulla libertà religiosa,
in Stato, Chiese e pluralismo confessionale, cit., marzo 2007.
121 Reguzzoni (AC 3715); Vaccaro ed altri (AC 3368); Baio ed altri (AS 289); Sbai ed
altri (AC 2422); Cota ed altri (AC 2769); Mantini ed altri (AC 3018); Binetti ed altri (AC
627); Amici ed altri (AC 3020); Lanzillotta (AC 3183).
122 Vassallo ed altri (AC 3205).
42
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
quantum di esse123, con una maggiore o minore pena detentiva ed una
somma più o meno alta. Si rileva la difficoltà per il legislatore
“di bilanciare gli opposti interessi costituzionali: da un canto, la
necessità di rispondere ad esigenze di pubblica sicurezza, (…) lese
dalla difficoltà di individuare e riconoscere le persone che indossano
tali abiti (il burqa o il niqab); dall’altro canto, la libertà religiosa di
coloro che credono e, quindi, rispettano il precetto religioso che
impone tale indumento”124.
Secondo parte della dottrina, l’obiettivo di raggiungere un punto di
mediazione non verrebbe raggiunto dalle proposte elaborate, in quanto
non si terrebbe in adeguata considerazione la valenza positiva e non
coercitiva che il velo integrale, assume per molte donne musulmane, e
nemmeno si potrebbe considerare l’eliminazione del burqa come una
idonea strategia anti-terrorismo125.
I progetti di legge sono legati da un filo conduttore, quello di
chiarire esplicitamente che il burqa o il niqab non sono ammessi
nell’ordinamento perché impediscono l’identificazione della persona,
mortificano la dignità della donna, violano i diritti fondamentali che
roposta di legge n 2769, Cota ed altri, 3° comma: “Il contravventore alle
disposizioni del presente articolo è punito con l’arresto da uno a due anni e con
l’ammenda da 1 000 a 2 000 euro” roposta di legge n 627, Binetti ed altri, 4° comma:
“Salvo che il fatto non costituisca piu grave reato, chiunque contravviene al divieto di cui
al presente articolo è punito con l’arresto da tre a sei mesi e con l’ammenda da 300 a 600
euro. Le sanzioni sono raddoppiate se il travisamento è funzionale alla commissione di
altri reati”
124 E.C. RAFFIOTTA, La Francia approva il divieto all’utilizzo del burqa, cit.; L’ utore,
inoltre, considera che “nell’operare tale bilanciamento, ( ), sembra necessario tenere
presente che, nonostante tali indumenti rappresentino spesso simboli di oppressione
della donna – perche, in molti casi, imposti dai mariti – altrettanto sicuramente, non si
puo escludere che vi siano donne che liberamente scelgono di indossare il burqa o gli altri
indumenti della loro tradizione, cosi come qualsiasi altro simbolo religioso”
125 M.L. QUATTROCCHI, Il divieto di indossare il burqa e il niqab, cit.; parlando della
dignità della donna, l’ utrice si esprime attraverso una considerazione e cioè che “se per
gli occidentali tale abbigliamento appare mortificante per la dignità femminile, il divieto
dello stesso non costituisce un’emergenza istituzionale ed anzi coloro che lo indossano
per motivi religiosi, culturali o comunque identitari, con tutta probabilità lo
interpreterebbero come espressione d’intolleranza religiosa” In relazione all’altro scopo
che si vuole raggiungere, ovvero la piena tutela dell’ordine pubblico, questo si
concretizzerebbe “( ) nell’ asserita esigenza di prevenire eventuali atti di terrorismo:
l’uso del burqa, garantendo l’anonimato, impedirebbe l’identificazione delle aspiranti
attentatrici”; anche qui però, il divieto risulterebbe inadatto a conseguire il risultato in
quanto “( ) la misura risulterebbe sproporzionata e comunque inadeguata allo scopo”
123
43
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
spettano ad ogni soggetto, a cominciare dall'uguaglianza fra uomo e
donna. Alcune proposte, prevedono la modifica dell’art 5 della legge del
1975 attraverso l’esplicita previsione della liceità di indossare indumenti
che abbiano una valenza cultuale, ma ad una condizione: che la persona
mantenga il volto scoperto e riconoscibile; quindi la natura di
abbigliamento a carattere religioso si trasforma in “giustificato motivo”
che permette di escludere l’indumento dal divieto In questo senso si
esprimono la proposta di legge n. 627 presentata il 30 aprile del 2008 da
Binetti e altri126 e la proposta di legge n. 3020 presentata da Amici ed altri
il 4 dicembre del 2009127. Si prevede inoltre una diversa sanzione
pecuniaria per la violazione del divieto, in conseguenza della motivazione
sottostante all’utilizzo dell’indumento128.
Nella proposta di legge n. 2422 del 6 maggio del 2009 presentata da
Sbai e Contento, i toni cambiano in quanto ci si limita ad aggiungere
all’art 5, 1° comma, il seguente periodo: “è altresì vietato, al fine di cui al
primo periodo, l’utilizzo degli indumenti femminili in uso presso le donne
di religione islamica denominati burqa e niqab”. È immediata la
L’art 5 cosi modificato: al 1° comma si ribadisce che “è vietato, in luogo pubblico
o aperto al pubblico, l’uso di qualunque mezzo che travisi e renda irriconoscibile la
persona senza giustificato motivo” Al 2° comma vengono elencate le possibili
motivazioni che in ogni caso costituiscono “giustificato motivo”, ai fini del precedente
comma: “sono in ogni caso giustificati, ai fini del comma 1, l’uso dei mezzi di cui al
medesimo comma resi necessari da stati patologici opportunamente certificati, l’uso di
caschi protettivi alla guida di veicoli per i quali esso sia obbligatorio o facoltativo ai sensi
delle norme vigenti, l’uso di apparati di sicurezza nello svolgimento dei lavori che lo
rendono necessario, l’uso di passamontagna o simili in presenza di temperature inferiori
a 4 gradi centigradi nonche l’uso di maschere connesso a ricorrenze, tradizioni o usi, con
l’osservanza delle condizioni che possono essere stabilite dall’autorità locale di pubblica
sicurezza” Infine il 3°comma parla dell’abbigliamento di natura religiosa: “I segni e gli
abiti che, liberamente scelti, manifestino l’appartenenza religiosa devono ritenersi parte
integrante degli indumenti abituali. Il loro uso in luogo pubblico o aperto al pubblico è
giustificato, ai fini del comma 1, a condizione che la persona mantenga il volto scoperto e
riconoscibile”
127 L’art 5
cosi modificato: il 1° comma dispone che “è vietato l’uso di caschi
protettivi, o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della
persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo”; nel 2° comma
si specifica che “costituisce in ogni caso giustificato motivo, per i fini di cui al comma 1,
l’uso di indumenti indossati per ragioni di natura religiosa, etnica o culturale, a
condizione che la persona mantenga il volto scoperto e chiaramente riconoscibile”
128 Cosi si spiega nella proposta di legge: “Nel rispetto dei principi di ragionevolezza e
proporzionalità, si ritiene altresi che debba essere adeguata la misura della sanzione
pecuniaria prevista per la violazione del divieto, allo scopo di distinguere i casi in cui i
soggetti occultano il proprio volto a scopo di violenza dai casi in cui questo avviene senza
che il soggetto interessato abbia intenzione di nuocere ”
126
44
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
considerazione su un aspetto problematico di tale soluzione legislativa: in
effetti
“le disposizioni così formulate non sarebbero in armonia con il
carattere di generalità ed astrattezza della legge, limitando il divieto
alla precisa tipologia di indumenti, per cui un abito con
caratteristiche simili, ma non le medesime, o in uso presso una
religione differente da quella mussulmana, non rientrerebbe nel
divieto”129.
Un’altra proposta legislativa, che si accosta a quella appena indicata, è la
n. 3018, presentata il 3 dicembre del 2009 dai deputati Mantini e Tassone.
Anche in questo caso la modifica dell’art 5 prevede l’aggiunta, al 1°
comma, del seguente passo: “è altresì vietato, al fine di cui al primo
periodo, l’utilizzo degli indumenti femminili denominati burqa e niqab”.
Valgono le considerazioni appena formulate, in quanto il riferimento ad
un unico indumento di natura religiosa potrebbe andare incontro ad
incompatibilità di natura costituzionale. Nella seconda proposta citata, si
insiste nel sostenere che burqa e niqab non sono riconducibili a precetti
religiosi di sorta e, quindi, non rientrerebbero nella categoria di quelle
manifestazioni religiose che la Costituzione tutela nell'ambito del diritto di
libertà religiosa; si legge infatti nella presentazione del testo che
“non possibile qualificare burqa e niqab come indumenti religiosi e
dunque risulta inappropriato ogni richiamo all’art. 19 della
Costituzione o all’art. 9 della Convenzione per la salvaguardia dei
diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali ( ), in materia di libertà
religiosa, [ ]”
Come prova di questa tesi si richiamano le audizioni delle organizzazioni
musulmane svoltesi presso la Commissione affari costituzionali della
Camera, che avrebbero
"confermato, con argomentazioni approfondite sul piano storico e
teologico, l’estraneità di questa imposizione ai precetti del Corano e
alla tradizione religiosa musulmana, che limita ai luoghi di culto la
prescrizione di adeguata copertura del corpo nei riguardi delle
donne”
In realtà, molti Autori, concordano sul fatto che una legge che a priori vieti
il burqa non sia del tutto in linea innanzitutto, con molte disposizioni
129
E. C. RAFFIOTTA, La Francia approva il divieto all’utilizzo del burqa, cit.
45
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
costituzionali130, e poi, con ciò che veramente risulta necessario al fine di
risolvere la questione sollevatasi ovvero: il coinvolgimento delle comunità
prodromico alla loro integrazione131. Difatti bisogna ricordare che oltre
all’art 19 Cost il quale garantisce il diritto di libertà religiosa, ad entrare
in gioco è anche l’art 3 Cost che sancendo il principio di uguaglianza
esclude, implicitamente, dal novero dei “mezzi atti a rendere difficoltoso il
riconoscimento” gli indumenti indossati dalle donne musulmane che
altrimenti sarebbero discriminate per motivi di natura religiosa legati
appunto al loro abbigliamento. Ad oggi un passo in avanti è stato fatto,
dal momento che la Commissione affari costituzionali ha adottato
nell'agosto del 2011 un testo unificato che appunto raggruppa ed estrapola
“( ) pur dedicando la massima attenzione alle esigenze di pubblica sicurezza- (...) –
non spetta all’ordinamento giuridico verificare quali simboli religiosi siano ammessi,
anche se esposti negli spazi pubblici. In tal senso sembrano indurre numerosa
disposizioni della Costituzione repubblicana. Oltre al già citato art. 3 Cost. – che nel
disporre il principio di uguaglianza non consente discriminazioni in forza della religione
– e all’art 19 Cost – ( ) – bisogna piu in generale tenere presente, soprattutto, l’art 2 e i
collegati principi degli artt 13, 25, 27 Cost ”, E. C. RAFFIOTTA, La Francia approva il
divieto all’utilizzo del burqa, cit.
131 “( ) il divieto di indossare il velo islamico integrale nei luoghi pubblici imposto per
legge” sembra essere “una scelta impositiva e sanzionatoria nei confronti di una
minoranza, dietro alla quale rischiano di annidarsi strumentalizzazioni ed intolleranze
xenofobe o religiose ( ) Il punto di vista che nega l’opportunità di interventi normativi
repressivi sulle donne non nega tuttavia l’esigenza di attivare anche in Italia piu difficili
politiche di integrazione e di dialogo interculturale che impegnino l’apparato pubblico in
tutte le sue articolazioni, a partire dai luoghi educativi, l’opportunità di fornire efficace
supporto alle donne che vogliono emanciparsi, vigilando con attenzione sulle situazioni
critiche e reprimendo con fermezza eventuali comportamenti penalmente rilevanti”: A.
COSSIRI, Francia: il rapporto Gerin-Raoult, cit. Ancora, C. CARDIA, Principi di diritto
ecclesiastico, p. 211: “Una prima considerazione riguarda la necessità di coinvolgere
nell’impegno per eliminare l’uso del burqa le comunità islamiche presenti nei diversi
aesi, cercando di ottenere una loro pronuncia esplicita, e poi la loro attivazione concreta,
per fare arretrare l’uso del burqa ( ), si puo prevedere l’attivazione dei servizi sociali in
determinate circostanze (ingresso degli immigrati nel
aese, uso del burqa,
condizionamento della donna da parte di soggetti maschili) perche svolgano un’opera di
informazione e persuasione finalizzata all’abbandono di una pratica che l’ordinamento
non accetta” Inoltre, M. L. QUATTROCCHI, Il divieto di indossare il burqa ed il niqab, cit.:
“Un divieto generale e incondizionato di indossare il velo sacrifica in modo assoluto la
libertà di religione e non pare costituire una soluzione ragionevole rispetto al fine che si
propone di realizzare Solo un percorso che consenta, in futuro, la percezione, da parte
delle donne immigrate, dell’importanza del principio di uguaglianza tra i sessi, puo
agevolare in modo adeguato l’implementazione dei valori democratici anche all’interno
delle altre culture”
130
46
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
dalle singole proposte un elaborato normativo, composto di tre articoli132
che si andranno ad inserire nel testo della legge n. 152 del 1975. Una
differenza, rispetto a quanto previsto dalle varie proposte, dal punto di
vista sanzionatorio, è data dal fatto che non si prevede la pena detentiva
del carcere133 se non a carico di colui che in maniera coercitiva obblighi la
donna ad indossare il burqa o il niqab134.
Per completare la prospettazione dei diversi orientamenti è utile
parlare del parere fornito dal Comitato per l’Islam italiano, operante
presso il Ministero dell’Interno, sulla questione del burqa Il parere del
Comitato, dopo aver accennato all’aspetto sociologico e descrittivo della
materia, inquadra la tematica dal punto di vista giuridico indicando come
fulcro della discussione il difficile bilanciamento di tre diversi interessi e
diritti: “quello dello Stato alla sicurezza pubblica, quello della donna a non
essere discriminata e lesa nella sua dignità, e quello della libertà religiosa”
Non c’è alcun dubbio, a parere del Comitato, che la copertura integrale del
volto, attraverso burqa o niqab, comporti una serie di problemi
insormontabili dal punto di vista del riconoscimento delle persone “tanto
più a fronte del rischio internazionale collegato al terrorismo” Nella
analisi dei vari interessi in gioco si osserva in primo luogo che non esiste
un consenso generale sulle modalità da attuare al fine di tutelare le donne
islamiche, ferma restando la necessità di combattere ogni forma di
discriminazione che leda la dignità della donna; la materia infatti è
controversa se si considera che anche coloro che sono contrari al velo
integrale, come si legge nel parere, ritengono che un divieto all’utilizzo del
burqa servirebbe unicamente a confinare le donne tra le mura domestiche.
Peraltro, c'è anche una posizione femminile che ravvisa nel burqa “una
manifestazione della propria femminilità”, come si evince dalla lettera del
6 maggio 2010 che ventisei italiane convertite all’Islam hanno inviato alle
massime cariche istituzionali al fine di rivendicare il proprio diritto ad
132 Il primo articolo modifica l’art 5 disponendo che tranne che in determinati casi
specifici, peraltro sorretti da una valida motivazione, “è vietato celare o travisare il volto
o comunque rendere impossibile il riconoscimento personale in luogo pubblico o aperto
al pubblico, anche mediante caschi protettivi o indumenti o accessori di qualsiasi tipo,
compresi quelli di origine etnica e culturale quali il burqa e il niqab”
133 La pena prevista è infatti di natura pecuniaria e varia dai 300 ai 500 euro, con la
possibilità per il giudice di commutare l’ammenda con l’obbligo del servizio civile
134 Ad essere introdotto, col secondo articolo, è un nuovo reato ovvero quello della
“costrizione all’occultamento del volto” sanzionato con la reclusione da quattro a dodici
mesi e con il pagamento di una multa che va dai diecimila ai trentamila euro. Sempre
collegata alla commissione di tale reato, è la previsione nel terzo articolo, del diniego
all’acquisto della cittadinanza in capo a colui che abbia commesso l’illecito in questione
47
Stato, Chiese e pluralismo confessionale
Rivista telematica (www.statoechiese.it), n. 25/2012
16 luglio 2012
ISSN 1971- 8543
indossare tali indumenti. Anche dal punto di vista religioso, ovvero del
fondamento coranico del burqa o del niqab, il Comitato conferma la totale
mancanza di un consenso, dal momento che “non esiste un’unica autorità
in grado d’interpretare autorevolmente e per tutti la legge islamica” Dopo
un’attenta analisi dei dettami coranici, il Comitato afferma che
“secondo la grande maggioranza delle opinioni giuridiche che hanno
corso nel mondo islamico [...] portare il burqa o il niqab non è un
obbligo religioso, né tale obbligo può trovare fondamento nella lettura
del testo sacro dell’islam”;
in conseguenza di ciò il diritto alla libertà religiosa non verrebbe leso
ponendo un veto al burqa, in quanto tale indumento risulterebbe svuotato
di ogni valenza cultuale. Di conseguenza, il parere considera preminente e
prioritaria la tutela dell’ordine pubblico ed in ragione, e ritiene opportuno
che venga sancito un divieto specifico del velo integrale; raccomanda,
infine, che dal testo legislativo venga eliminato ogni riferimento alle
motivazioni religiose del burqa, perché ciò servirebbe unicamente ad
alimentare una situazione già carica di tensione.
In conclusione, si può dire che il burqa rappresenta una grande
sfida, che deve essere affrontata sulla base di quei valori che in Italia come
in Europa guidano la società civile; in effetti, prima della sicurezza e
dell’ordine pubblico ciò che rileva quando si parla di velo integrale è la
mortificazione inflitta alla donna che non può essere accettata
passivamente da ordinamenti che garantiscono i diritti fondamentali della
persona In quest’ottica, un “chiaro divieto del burqa espresso a livello
normativo gioverebbe a favorire la piena condivisione del rispetto della
dignità della donna”135, e nello stesso tempo porterebbe ad un definitiva
risoluzione del problema concernente la sicurezza negli spazi pubblici.
135
C. CARDIA, Principi di diritto ecclesiastico, cit., p. 210.
48
Fly UP