...

La proposizione infinitiva - Notebook Italia

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

La proposizione infinitiva - Notebook Italia
LA PROPOSIZIONE INFINITIVA
In italiano le proposizioni soggettive/oggettive sono subordinate che svolgono nel periodo la
funzione di soggetto o di complemento oggetto del verbo della reggente. Si definiscono soggettive
se fungono da soggetto del verbo, che pertanto è impersonale; si definiscono oggettive se
fungono da complemento oggetto. Esse sono generalmente tradotte con una proposizione
esplicita introdotta dalla congiunzione “che”.
In latino le infinitive presentano sempre il verbo all’infinito e il soggetto in accusativo, perciò il
loro costrutto viene anche setto “accusativo con l’infinito”.
Il soggetto dell’infinitiva latina si trova in caso accusativo e deve sempre essere espresso, anche
quando in italiano può essere sottinteso. In quest’ultima eventualità, in latino si trova il pronome
riflessivo se (terza persona singolare o plurale) quando il soggetto dell’infinitiva è lo stesso della
reggente, il determinativo is o il dimostrativo ille in caso accusativo quando il soggetto
dell’infinitiva non coincide con quello della reggente.
Ogni elemento (attributo, apposizione o complemento predicativo) riferito al soggetto
dell’infinitiva è posto in accusativo.
Il predicato nelle proposizioni infinitive si presenta al modo infinito i cui tempi sono sempre usati
con valore relativo al tempo del verbo della reggente. Precisamente si trova:
• l’infinito presente, quando l’azione dell’infinitiva risulta contemporanea a quella espressa dalla
reggente, indipendentemente dal tempo verbale della reggente;
• l’infinito perfetto, quando l’azione è anteriore rispetto a quella della reggente,
indipendentemente dal tempo verbale della reggente stessa;
• l’infinito futuro, quando l’azione è posteriore a quella della reggente, indipendentemente dal
tempo verbale della reggente stessa.
TRADURRE IN ITALIANO LE INFINITIVE
Le infinitive latine si rendono in italiano per lo più in forma esplicita introdotte dalla congiunzione
“che”. Il verbo è tradotto all’indicativo, se il verbo della reggente esprime certezza, oppure al
congiuntivo, se il verbo della reggente esprime un’opinione, un’incertezza. Il tempo dell’indicativo
o del congiuntivo da usare in italiano varia in base alla relazione temporale che intercorre tra la
reggente e la subordinata (contemporaneità, anteriorità, posteriorità) e anche in base al tempo
usato nella reggente (presente/futuro o passato):
CONTEMPORANEITÀ
Nel presente: Dico (Credo) te venire = Dico che tu vieni/Credo che tu venga
Nel passato: Dicebam (Dixi, Credebam) te venire = Dicevo (Dissi) che tu venivi/Credevo che tu
venissi
Nel futuro: Dicam te venire = Dirò che tu verrai
ANTERIORITÀ
Nel presente: Dico (Credo) te venisse = Dico che sei venuto/Credo che tu sia venuto
Nel passato: Dicebam (dixi, Credebam) te venisse = Dicevo (Dissi) che tu eri venuto/Credevo che tu
fossi venuto
notebookitalia.altervista.org
Nel futuro: Dicam te venisse = Dirò che tu sei venuto
POSTERIORITÀ
Nel presente: Dico te venturum esse = Dico che tu verrai
Nel passato: Dicebam te venturum esse = Dicevo che saresti venuto
Nel futuro: Dicam te venturum esse = Dirò che tu verrai
OSSERVA
• Quando a rendere l’idea di posteriorità nell’infinitiva si trova un verbo privo del supino e quindi
dell’infinito futuro, come disco, paenitet, studeo, timeo ecc., il latino ricorre alle perifrasi
futurum esse (o fore) ut/ut non e il congiuntivo, presente o imperfetto, secondo le norme della
consecutio temporum. Tale perifrasi è a volte usata anche con verbi che presentano il supino,
quando si vuole sottolineare l’idea di accadimento.
• L’espressione fore ut e il congiuntivo o l’infinito presente passivo retto da posse vengono di
norma usati in luogo dell’infinito futuro passivo, che è di uso raro negli autori classici.
• Con verbi ed espressioni indicanti possibilità, necessità e volontà che hanno già in se l’idea di
futuro, come possum, debeo, volo e le coniugazioni perifrastiche attiva e passiva, si trova
nell’infinitiva, di regola, l’infinito presente anche per esprimere un rapporto di posteriorità
rispetto al tempi della reggente.
• Con i verbi che significano “spero”, “prometto”, “faccio voto”, “prometto con un voto”, “giuro”,
“minaccio” e le espressioni equivalenti, il latino ricorre regolarmente all’infinito futuro per
esprimere il rapporto di posteriorità, contrariamente all’italiano, che suole trascurare di
esplicitarne tale rapporto.
notebookitalia.altervista.org
Fly UP