...

Piano di Zona 2015-2017

by user

on
Category: Documents
1

views

Report

Comments

Transcript

Piano di Zona 2015-2017
INDICE
Premesse
• Specificità dell’Ambito 1
• Il Sistema integrato dei Servizi dell’Ambito 1
• La Governance del Piano di Zona
Analisi del contesto:
• La popolazione
• La distribuzione dei servizi di welfare sul territorio
• Le risorse del Welfare
• Punti di forza e criticità
La visione, le strategie e gli obiettivi del Piano di Zona:
Le linee d’azione del Piano di Zona
1. La capillare distribuzione dei Servizi
1.a La nuova organizzazione dei Servizi Sociali Territoriali
1.b Diffusione sul territorio dei punti comunità
1.c Obiettivi Specifici
2. L’innovazione nel coinvolgimento del Terzo settore nella produzione dei servizi in
chiave territoriale
2.a La coprogettazione
2.b Le sperimentazioni
2.c Obiettivi specifici
3. La promozione di strumenti di arricchimento diffuso, di conoscenza e innovazione,
di sviluppo permanente delle risorse umane per il miglioramento dei
comportamenti collettivi (behavior change)
3.a Conoscenza e Innovazione
3.b Sviluppo Risorse Umane
3.c. Obiettivi specifici
1
4.
La creazione di Organismi di Indirizzo come luoghi di stimolo e di sintesi del
dibattito pubblico e di costruzione di orientamenti condivisi
5.
Verso la redazione del Bilancio Sociale Partecipativo come strumento di verifica e
valutazione trasparente
6. Per un approccio alla persona nella sua completezza: forme e priorità di intervento
nelle diverse aree di Bisogno realizzate attraverso l’integrazione con l’ASL in
coerenza con le valutazioni dei 12 Ambiti Territoriali della Provincia di Brescia
4.a Definizione di azioni innovative e sperimentali
•
•
•
•
•
•
•
•
Area Minori e famiglia
Politiche giovanili
Disabilità
Anziani
Politiche lavorative
Area penale (Adulti e Minori)
Nuove povertà
Politiche Abitative
4.b Integrazione Socio-Sanitaria
•
•
•
•
•
•
Promozione della salute e prevenzione delle
dipendenze
Valutazione Multidimensionale Integrata
Protocollo Donne Vittime di Violenza
Conciliazione Famiglia – Lavoro
Protezione Giuridica
Rapporti con la UONPIA e CPS
Allegato: i risultati raggiunti nel precedente triennio
2
Premesse
Specificità dell’Ambito 1
Le indicazioni contenute nella Delibera Regionale 2941del 19/12/2014 “Approvazione del
Documento Un Welfare che crea Valore per le persone, le famiglie e la Comunità -Linee di
Indirizzo per la programmazione sociale a livello locale 2015-2017” guidano gli Uffici di
Piano a superare le frammentazioni tra le diverse amministrazioni comunali nella
programmazione degli interventi e dei servizi.
Questo aspetto è stato osservato ed approfondito come grande criticità anche da recenti studi
che la Regione ha concluso e presentato agli Ambiti Territoriali nel mese di febbraio 2015.
Questo problema assume una caratteristica peculiare nell’Ambito 1 Brescia e Collebeato. È,
infatti, di tutta evidenza come la dimensione del Comune di Brescia occupi pressoché la
totalità dell’ambito (97% della popolazione). Nel Piano di Zona, questa asimmetria non può
non essere rispecchiata. Soprattutto l’impianto generale è costruito coerentemente con le linee
programmatorie del Comune di Brescia condivise in larga parte dal Comune di Collebeato
anche sa da questo non integralmente recepibili in ragione della dimensione limitata.
Il processo di programmazione condivisa dalle due amministrazioni è stato facilitato dagli
ottimi rapporti e dall’integrazione già da tempo esistente relativamente a vari servizi di cui si
da conto al punto immediatamente successivo.
Il presente Piano di Zona punta inoltre a evidenziare le linee strategiche che l’Ambito si è
dato per integrare sempre di più e in modo innovativo le organizzazioni del Terzo del Settore
e la Comunità tutta nel processo complessivo di risposta ai bisogni.
Il sistema integrato dei Servizi dell’Ambito 1
L’Ambito 1 ha già raggiunto, negli anni passati, un notevole grado di integrazione dei servizi
dovuto anche alla presenza di sole due amministrazioni, al fatto che una delle due presenta
dimensioni e organizzazioni molto rilevanti e di conseguenza dalla possibilità di realizzare
3
l’integrazione con accordi diretti senza la necessità di creare strutture specifiche quali
Aziende speciali ecc. L’esperienza di questi anni ha permesso di affinare progressivamente le
modalità operative,
equilibrando
sempre meglio
esigenze e obiettivi
delle due
amministrazioni. Le aree che vedono già realizzata una consolidata e strutturata gestione
associata sono il sistema complessivo della tutela dei Minori, l’area del disagio adulto, la
disabilità, nonché il servizio più generale di accreditamento.
Tutela minori:
Gestione del Servizio di Tutela Minori mediante Assistente Sociale Tutela del territorio
Ovest, confinante con il Comune di Collebeato. Per lo sviluppo dei progetti di presa in carico
ed alla nuova modalità di rapporto con le realtà del territorio per integrare l’apporto
specialistico con le risorse della comunità si rimanda al capitolo 1: “La Riorganizzazione del
Servizio Sociale territoriale”. Se è vero, infatti, che il presente Piano sviluppa l’idea e la
convinzione che non ci sia presa in carico completa senza l’apporto della Comunità e degli
altri soggetti istituzionali del territorio strettamente integrati, questo lo diviene ancor più reale
se si pensa alle situazioni di estremo disagio e complessità. Per le famiglie con
Provvedimento dell’Autorità Giudiziaria Minorile, diviene necessario sviluppare c forme di
presa in carico sempre più specializzate ma al contempo creare un’integrazione con la
comunità di appartenenza, alle famiglie e associazioni che si possono fare prossime e
accompagnare i genitori e i ragazzi per un tratto del cammino.
Servizio di Assistenza Domiciliare Educativa a favore di famiglie con minori:
Tale attività è oggetto di Coprogettazione e si rimanda pertanto al Capitolo 2 “L’innovazione
nel coinvolgimento del Terzo Settore nella produzione dei servizi in chiave territoriale: la
Coprogettazione e le sperimentazioni”. Il Servizio Educativo domiciliare, infatti, è un servizio
che da sempre l’Ambito 1 gestisce in forma associata. Si è pertanto condivisa la necessità di
sviluppare modelli innovativi di presa in carico che, partendo dalle situazioni con
Provvedimento della Magistratura, che possano realmente portare ai minori ed alle loro
famiglie benefici in termini di efficacia. Il presupposto di base che ripercorre il Piano di Zona
è che il singolo intervento professionale, anche se molto specializzato, non basta. E questo
non solo a causa della diminuzione delle risorse: l’intervento professionale non basta se si
vogliono immaginare percorsi virtuosi di sviluppo delle risorse residue che la famiglia
possiede e non solo di cura delle sue disfunzioni. Si richiama quindi la filosofia
4
dell’intervento proposto al servizio sociale territoriale sopra trattato, ma anche a quanto viene
richiesto al Terzo Settore: le amministrazioni di Brescia e Collebeato chiedono al Soggetto
coprogettante di aggiungere agli specifici interventi educativi e professionali risorse informali
che aiutino le famiglie a crescere e a non sentirsi sole.
Area Disagio Adulto:
Il Servizio di Assistenza Domiciliare per Adulti in situazione di Disagio offre
accompagnamento educativo e/o assistenziale per il supporto alla cura della persona
(accompagnamento alle visite mediche, disbrigo pratiche per invalidità ecc.), cura della casa
e sostiene la persona nell’acquisizione delle competenze relazionali anche sviluppo di progetti
di integrazione nel territorio.
Il Protocollo di accordo tra i due comuni per l’utilizzo di un Alloggio a progetto sociale: il
Comune di Collebeato può usufruire di un alloggio di proprietà del Comune di Brescia per
progetti sociali a favore di persone con disagio adulto residenti nel Comune di Collebeato.
Area Disabilità:
Servizio di Valutazione delle situazioni di Handicap e per l’Inserimento in Strutture per
disabili (GLOISH). Tale intervento caratterizza da sempre la collaborazione tra le due
amministrazioni comunali e favorisce la fruizione dei servizi per la disabilità da parte di tutti i
cittadini dell’ambito. La valutazione dei bisogni della singola persona invita poi i Comuni a
riflettere sulla programmazione degli interventi e allo sviluppo di forme innovative e
sperimentali di risposta. Si rimanda al capitolo “Sperimentazioni” per il tema disabilità.
L’Ambito 1 gestisce inoltre in forma integrata il Servizio Avviamento al Lavoro, dedicato in
particolare alle persone con fragilità personali che necessitano di particolare affiancamento.
Area Trasversale:
I Comuni di Brescia e di Collebeato hanno condiviso la necessità di omogeneizzare le
metodologie per giungere all’accreditamento delle unità di offerta sociale. Tale attività è
quindi gestita in forma associata al fine di sviluppare e far crescere i servizi in modo coerente
nei due comuni e offrire ai cittadini lo stesso livello di qualità nella fruizione.
5
La Governance del Piano di Zona
Ruolo dell’ASL:
Tradizionalmente l’ASL ha collaborato con i Comuni verificando che gli ambiti distrettuali
operino in maniera integrata e coerente all’interno del contesto zonale dell’intera ASL,
svolgendo un ruolo di raccordo e di sintesi nei confronti della Regione costruendo il quadro
complessivo del sistema nel territorio, gestendo il debito informativo, assicurando
l’attribuzione agli ambiti distrettuali delle risorse e fornendo informazioni e dati utili per la
definizione del Piano di Zona.
Secondo quanto previsto dalla d.g.r. n. 326/13 è inoltre istituita presso l’ASL la Cabina di
Regia (a supporto del processo di integrazione sociosanitaria e sociale).
Le attuali Linee Guida prevedono espressamente tale soggetto come soggetto della
governance, che deve essere individuato in ogni territorio e che va regolato attraverso
specifico “Regolamento”, al cui interno devono essere esplicitate le modalità organizzative, le
risorse umane e strumentali messe a disposizione, la periodicità degli incontri, le priorità
affrontate e le modalità di raccordo tra Cabina di Regia e livello politico. La Cabina di Regia
rappresenta, infatti, un’importante risorsa che si pone in sinergia e integra il ruolo degli uffici
che le A.S.L. hanno istituito a supporto delle funzioni del Consiglio di rappresentanza dei
sindaci e delle Assemblee distrettuali.
Presso l’ASL sono inoltre previsti:
- La Conferenza dei Sindaci dell’ASL, istituita dalla Regione, che svolge un ruolo di
raccordo tra ASL e Comuni con compiti di:
• Partecipazione all’attività di programmazione dell’ASL;
• Esame del bilancio d’esercizio dell’ASL;
• Nomina dei rappresentanti in commissioni varie;
• Esame e parere su iniziative, regolamenti, progetti di particolare rilievo;
• Nomina componente del Collegio dei Revisori dell’ASL;
• Esame e approvazione criteri di riparto dei Fondi per le politiche sociali.
Essa è composta da tutti i Sindaci (164) che fanno parte dell’ASL della Provincia di Brescia e
si è insediata nel 1998.
6
- Il Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci è un’articolazione della Conferenza dei
Sindaci. E’ composto da 5 membri, tra cui il Presidente ed il Vice-Presidente, eletto nel
proprio seno. Alle riunioni partecipano i Presidenti delle Assemblee Distrettuali, il Direttore
Generale e il Direttore Sociale dell’ASL. E’ presieduto dal Presidente della Conferenza dei
Sindaci. Esso svolge una funzione preparatoria ed esecutiva rispetto all’attività della
Conferenza dei Sindaci.
L'Ufficio di supporto all'attività della Conferenza, del Consiglio di Rappresentanza dei
Sindaci e delle Assemblee Distrettuali è in capo alla Direzione Sociale dell’ASL di Brescia.
Assemblea dei Sindaci:
L’Assemblea dei Sindaci è l’organismo di rappresentanza politica dell’Ambito distrettuale.
Costituisce quindi il luogo "stabile" della decisionalità politica per quanto riguarda il Piano di
Zona. E’ inoltre espressione di continuità rispetto alla programmazione sociosanitaria e
ambito dell’integrazione tra politiche sociali e politiche sanitarie.
E’ un organo permanente non soggetto a rinnovi – la compagine cambia esclusivamente in
presenza di variazione di titolarità delle cariche. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza
e, su espressa volontà dei componenti, ogni Comune porta 1 voto.
Nell'esercizio delle proprie funzioni, l'Assemblea dei Sindaci di Distretto:
• individua e sceglie le priorità e gli obiettivi delle politiche sociali;
• verifica la compatibilità impegni/risorse necessarie;
• delibera in merito all'allocazione delle risorse del FNPS, FSR e quote di risorse
autonome conferite per la gestione associata dell'attuazione degli obiettivi previsti dal
Piano di Zona;
• licenza il documento del Piano di Zona;
• governa il processo di interrazione tra i soggetti;
• effettua il governo politico del processo di attuazione del Piano di Zona.
• elegge il Presidente e il Vice-presidente.
Partecipa alle riunioni dell’Assemblea dei Sindaci, senza diritto di voto, il Direttore del
Distretto socio sanitario.
Nei precedenti trienni si è confermato l’interesse delle Amministrazioni comunali alla
partecipazione alle riunioni di questo organismo.
7
Ufficio di Piano:
L’Ufficio di Piano è l’organismo di supporto tecnico ed esecutivo, responsabile, quindi, delle
funzioni tecniche, amministrative e della valutazione degli interventi per il raggiungimento
degli obiettivi del piano di zona approvati dall’Assemblea dei Sindaci. E’ chiamato a operare
efficacemente per garantire un sistema integrato di servizi, attraverso:
• la programmazione, pianificazione e valutazione degli interventi,
• la costruzione e gestione del budget,
• l’amministrazione delle risorse complessivamente assegnate (FNPS, Fondo Sociale
Regionale, Fondo Non autosufficienza, quote dei Comuni e di altri eventuali soggetti);
• il coordinamento della partecipazione dei soggetti sottoscrittori e aderenti all’Accordo di
Programma,
• verifica almeno annuale dello stato di attuazione delle azioni previste nel Piano e delle
risorse assegnate ed eventuale riformulazione delle attività coinvolgendo i soggetti
aderenti all’Accordo di Programma.
Infatti, le linee d’indirizzo regionali per la programmazione del triennio 2015/2017 prevedono
che il coordinamento degli interventi locali veda nell’Ufficio di Piano un potenziale
protagonista, laddove lo stesso si proponga come soggetto in grado di:
• connettere le conoscenze dei diversi attori del territorio;
• ricomporre le risorse che gli enti locali investono nei sistemi di welfare, favorendo
l’azione integrata a livello locale;
• interloquire con le ASL per l’integrazione tra ambiti di intervento sociale e socio
sanitario.
Esso risponde nei confronti dell’Assemblea dei Sindaci, dell’ASL e della Regione, della
correttezza, attendibilità, puntualità, degli adempimenti previsti rispetto ai debiti informativi
regionali.
Il Referente dell’U.d.P. partecipa al Coordinamento provinciale degli Uffici di Piano,
organismo ufficializzato da tutte le Assemblee dei Sindaci dei 12 Distretti dell’ASL di
Brescia, come sopra descritto.
Il Coordinamento degli Uffici di Piano dell’ASL di Brescia:
Nel precedente Piano di Zona 2012/2014 in modo condiviso e omogeneo, tutti i dodici Ambiti
distrettuali dell’Asl di Brescia, hanno previsto nella propria programmazione una sezione
specifica dedicata alle politiche sovradistrettuali, politiche che hanno tratto il loro fondamento
8
e presupposto nell’operatività del Coordinamento provinciale degli Uffici di Piano, costituito
dai Responsabili/Coordinatori dei dodici Uffici di Piano degli Ambiti Distrettuali appartenenti
al territorio dell’ASL di Brescia.
Sinteticamente, le motivazioni che negli anni hanno portato alla nascita del Coordinamento
sono da ascrivere alla necessità e utilità, riconosciuta da tutti i territori, di disporre di un luogo
“o meglio di uno spazio mentale” di incontro, confronto, sintesi, approfondimento,
valutazione, limatura delle differenze, supporto e decisione tecnica, nell’ambito del quale
affrontare in modo coordinato le difficoltà e le novità che la partita dei Piani di Zona ha
certamente portato nei territori, compresa la necessità e l’utilità di definire delle politiche
sovradistrettuali.
Nel triennio appena concluso, tale organismo si è ulteriormente radicato e ha lavorato in
modo costante rispetto ai vari temi che la Regione Lombardia o l’Asl o i soggetti del territorio
hanno posto nel tempo, anticipando, di fatto, la costituzione della Cabina di Regia (prevista
dalla Regione Lombardia a partire dal 2013), soggetto che, in modo più formale (anche se in
un’ottica e per tematiche di carattere propriamente socio sanitario), si pone per certi versi a
completamento/in alternativa ad un organismo nato spontaneamente sul territorio, come
risposta ad un’esigenza concreta.
Una delle attività più significative che il coordinamento degli Uffici di Piano ha posto in
essere negli anni è certamente stata la riduzione delle disomogeneità sul territorio bresciano,
già di per sé così vario per caratteristiche geografiche (presenza di valli montane come la
Valle Trompia e la Valle Sabbia, di laghi -Sebino e Garda -), per caratteristiche economicoproduttive (insediamenti industriali e artigianali significativi, presenza di imprenditoria
specifica), per caratteristiche demografiche (a titolo di esempio si segnala l’elevata presenza
di stranieri che connota Brescia come una tra le province lombarde e italiane con la più alta
percentuale di stranieri presenti), costruendo prassi di lavoro (“buone prassi”), ma nel
contempo, pur con tanta fatica organizzativa, ha anche facilitato la diffusione di cultura e
conoscenza in ambito sociale, ha consentito di cogliere prontamente i cambiamenti sociali,
aiutando i vari attori ad affrontarli.
Proprio per tale consuetudine di lavoro integrato, anche la partita della nuova
programmazione zonale, che valorizza in modo importante l’integrazione socio sanitaria tra
Asl e Ambiti territoriali (testimoniata anche dal ruolo attribuito alla Cabina di regia a livello
regionale),
è stata da subito gestita in modo coordinato, non solo tra i dodici ambiti
distrettuali, ma anche con l’Asl, in particolare con la Direzione Sociale.
9
Tuttavia, pur riconoscendo e prendendo atto del ruolo del predetto soggetto (Cabina di Regia),
parte integrante della governance in particolare in ambito socio sanitario, la storia degli ultimi
dieci anni di programmazione coordinata fa ritenere opportuno confermare comunque il
Coordinamento provinciale degli Uffici di Piano quale soggetto della governance del Piano di
Zona, con funzione di organo tecnico che opera anche all’interno della Cabina di Regia per le
specifiche attività poste in capo a detto soggetto, Coordinamento al quale sono attribuite le
seguenti funzioni:
• elaborazione e proposizione rispetto a varie tematiche afferenti al contesto sociale e in
particolare alla programmazione e gestione degli interventi e Servizi Sociali;
• garantire momenti di confronto e di approfondimento delle varie tematiche connesse alla
gestione degli interventi e Servizi Sociali;
• svolgere in generale una funzione di supporto e di istruttoria relativamente a temi e
problemi che gli Amministratori locali ritengano opportuno approfondire ed istruire;
• condividere sul piano tecnico modalità di organizzazione e di gestione concreta di
azioni, interventi e Progetti nell’ottica di addivenire, quando opportuno, ad una
maggiore omogeneità progettuale ed operativa;
• coordinare e sostenere, come avvenuto in fase di preparazione del Piano di Zona
2015/2017, gruppi di lavoro anche con altri soggetti del territorio ritenuti comunque
significativi per la funzione svolta a livello territoriale e per il possibile apporto in
termini
di
conoscenze,
informazioni,
opportunità,
relazioni
che
gli
stessi
rappresentano/esprimono, anche per dare “corpo” ad alcuni degli obiettivi descritti nel
proseguo del Piano di Zona, la cui realizzazione deve necessariamente passare da un
consolidamento dell’integrazione tra soggetti territoriali diversi e da un presidio costante
e ragionato di problemi, opportunità, sperimentazioni, costruzione di buone prassi.
Rapporto con il Terzo Settore:
La Regione Lombardia, in sintonia con quanto già previsto dalla legge di riforma 328/2000,
ha individuato nel Terzo settore l’interlocutore privilegiato con il quale coordinare azioni di
pianificazione e programmazione che assumono maggiore incidenza se praticate a livello
locale con conseguente maggiore aderenza ai bisogni e ai modelli culturali della società civile.
Dopo la pubblicazione della LR 3/2008 numerosi sono stati gli atti deliberativi applicativi
della stessa. Con riferimento al mondo del Terzo settore, i provvedimenti più significativi:
- DGR 7797/2008: Rete dei servizi alla persona in ambito sociale socio-sanitario. Istituzione
10
dei tavoli di consultazione dei soggetti del terzo settore (art. 11 comma 1, lett. m.) L.R.
3/2008;
- DGR 7798/2008: Rete dei servizi alla persona in ambito sociale socio-sanitario. Istituzione
degli organismi di consultazione degli Enti locali, dei soggetti di diritto pubblico e privato,
delle organizzazioni sindacali (art. 11, comma 1 lettera m) LR 3/2008;
- DGR 1353/2011: Linee guida per la semplificazione amministrativa e la valorizzazione
degli enti del Terzo settore nell’ambito dei servizi alla persona e alla comunità.
Il tavolo locale di consultazione dei soggetti del Terzo settore per l’Ambito 1 è definito
nell’apposito capitolo: “La creazione di Organismi di Indirizzo come luoghi di stimolo e di
sintesi del dibattito pubblico e di costruzione di orientamenti condivisi”.
Tutti gli Ambiti Territoriali, coerentemente con quanto evidenziato anche dall’Ambito 1, ha
evidenziato come priorità di lavoro con Terzo Settore nel triennio 2015/2017:
• la co-progettazione;
• la sperimentazione di nuovi servizi;
• la sperimentazione di nuove modalità gestionali.
(Si rimanda all’analisi negli appositi capitoli del presente Piano)
La spinta crescente dei bisogni sociali richiede una capacità di riforma dei tradizionali
strumenti del welfare locale al fine di adeguarli alle necessità indotte dal cambiamento. Al
centro dei mutamenti vi sono temi quali il cambiamento delle abitudini, degli stili di vita delle
famiglie e delle comunità, il manifestarsi di nuove forme di povertà, il graduale processo
d’integrazione dei cittadini immigrati, la profonda trasformazione della struttura e della
dinamica demografica della popolazione, il miglioramento della speranza di vita delle persone
anziane, nonché la limitatezza delle risorse economiche per lo sviluppo delle politiche sociali
locali.
La rilevanza dei problemi sociali, oggi ulteriormente amplificate dagli effetti della crisi
economica, e la riduzione dei fondi economici pubblici a sostegno di nuove iniziative e
servizi sociali, richiedono l’adozione di modelli organizzativi che comportino una
significativa integrazione sovra comunale, l’assunzione di un ruolo programmatore forte da
parte del soggetto pubblico e l’apertura a relazioni comunitarie con il mondo del non profit,
riconoscendo ad ogni attore un proprio compito specifico, ma orientato ad una comune
responsabilità sociale.
11
Analisi del Contesto
La Popolazione
Al 31.12.2014 la popolazione residente nell’Ambito 1 ammonta a 200.423 unità di cui
residente nel comune di Brescia 196.678 e nel Comune di Collebeato 4.690.
L’analisi che segue da conto principalmente delle caratteristiche della popolazione del
Comune di Brescia con, in conclusione, una tabella riassuntiva della popolazione complessiva
divisa per fasce d’età correlata alla distribuzione dei servizi sull’intero territorio dell’Ambito.
Comune di Brescia
Elevata la percentuale di stranieri sul totale della popolazione che ammonta al 18,7 % e
raggiunge oltre il 29 % nella fascia under 15.
POPOLAZIONE
Da 0 a 4 anni
Da 5 a 9 anni
Da 10 a 14 anni
Da 15 a 19 anni
Da 20 a 24 anni
Da 25 a 29 anni
Da 30 a 34 anni
Da 35 a 39 anni
Da 40 a 44 anni
Da 45 a 49 anni
Da 50 a 54 anni
Da 55 a 59 anni
Da 60 a 64 anni
Da 65 a 69 anni
Da 70 a 74 anni
Da 75 a 79 anni
Da 80 a 84 anni
Da 85 a 89 anni
Da 90 a 94 anni
Da 95 a 99 anni
100 anni e più
TOTALE
ITALIANI STRANIERI
5262
3225
6251
2726
6895
1917
7161
1832
7083
2354
6634
3323
6868
4216
8255
4434
11131
3829
12706
3255
12689
2400
11151
1648
10300
847
11348
396
10730
174
9987
118
7563
55
5065
13
2344
5
397
91
159911
36767
TOTALE
8487
8977
8812
8993
9437
9957
11084
12689
14960
15961
15089
12799
11147
11744
10904
10105
7618
5078
2349
397
91
196678
Figura 1 – Suddivisione della popolazione per fasce d’età e nazionalità.
Fonte: elaborazioni a cura dell’Ufficio di Diffusione dell’Informazione Statistica su archivio informatizzato
dell’Anagrafe della popolazione residente a Brescia. Dati al 31/12/2014
12
Figura 2 – Suddivisione e rappresentazione della popolazione per fasce d’età. Dati al 31/12/2014. Fonte:
elaborazioni a cura dell’Ufficio di Diffusione dell’Informazione Statistica su archivio informatizzato
dell’Anagrafe della popolazione residente. Dati al 31/12/2014
TIPOLOGIA
FAMILIARE
ITALIANE
FEMMINA
SOLA
STRANIERE
TOTALE
19653
3651
23304
MASCHIO
SOLO
13268
3502
16770
COPPIA
SOLA
13796
239
387
14422
COPPIA
CON FIGLI
15684
880
2378
18.942
MADRE
CON FIGLI
6696
193
765
7.654
1251
5442
75790
11
1255
2578
133
3556
14372
1.395
10.253
92.740
PADRE
CON FIGLI
ALTRO
TOTALE
MISTE
Figura 3 - Struttura famigliare. Fonte: elaborazioni a cura dell’Ufficio di Diffusione dell’Informazione Statistica
su archivio informatizzato dell’Anagrafe della popolazione residente. Dati al 31/12/2014
13
Nuovi nati e prima infanzia
La natalità dei cittadini italiani è in forte calo (-19% da 1173 a 955) nel periodo 2008/2014.
Anche per i cittadini stranieri la natalità è diminuita.
Figura 4 – La natalità dei cittadini italiani e stranieri. Fonte: elaborazioni a cura dell’Ufficio Diffusione
dell’Informazione Statistica del Comune di Brescia. Dati al 31/12/2014.
Mentre il 22% dei nati italiani usufruisce di un asilo nido (dato che risente del calo del -51%
del quadriennio), solo il 10% dei bambini stranieri ne usufruisce, gli iscritti sono calati in
valori assoluti da 796 per il 2007/2008 a 389 nel 2014/2015. La sostanza è che, oltre ad un
calo delle nascite, vi è stato un significativo calo nell’uso dei nidi.
900
800
796
720
700
600
527
472
500
683
487
660
476
465
421
516
436
389
359
400
300
N.ISCRITTI
463
419
275
248
N.LISTA ATTESA
196
200
N.AMMESSI
117
100
44
80
44
30
0
2007/2008
2008/2009
2009/2010
2010/2011
2011/2012
2012/2013
2013/2014
2014/2015
Figura 5 – Frequentanti gli asili nido. Fonte: elaborazioni a cura dell’Ufficio Diffusione dell’Informazione
Statistica del Comune di Brescia. Dati al 31/12/2014.
14
Anziani
La popolazione anziana, dai 65 anni in poi, rappresenta quasi ¼ della popolazione totale,
48.286 residenti, mentre gli over 75 rappresentano il 13% della popolazione totale. Dal 2004
al 2014 sono calate sia la popolazione della classe di età dai 15 ai 29 anni, -2,5%, sia la
popolazione della classe di età dai 30 ai 44 anni -19,2%, mentre sono aumentati
numericamente i bambini da 0 a 14 anni del 5,3%, gli adulti dai 45 ai 64 anni, 8,5% e, in
misura maggiore, gli anziani dai 65 anni in poi, 12,5%. L’indice di vecchiaia dal 2003 al 2014
è passato dal valore di 170,9 a 183,8: per ogni 100 persone di età da 0 a 14 anni ci sono quasi
184 anziani (dato aggiornato al 31/12/2014). Un dato interessante è l’incidenza degli over 75
sulla popolazione anziana complessiva. Nel corso del periodo considerato questa fascia della
popolazione ha acquisito un’incidenza sempre più crescente sul totale della popolazione
anziana, in termini assoluti si è passati da 19.150 nel 2003 a 24.909 unità nel 2013, per poi
aumentare ancora fino a raggiungere 25638 nel 2014. Anche la popolazione ultraottantenne
aumenta, passando dal 25,4% al 31,7% sul totale della popolazione anziana. In termini
assoluti da 10.618 a 15.157 nel 2013, ma l’incremento percentuale dal 2003 al 2013 è stato
del 42,7%, in valori assoluti si tratta di 4.539.
% >=75sul tot.
100
di cui
Tot. pop.
pop.
Anno 75/79 80/84 85/89 90/94 95/99 e+ Totale >80 anni anziana
anziana
2003
8741
6267
2854
1463
306
18 19649
10908
41848
47,0
2004
8959
6708
2810
1586
342
32 20437
11478
42909
47,6
2005
9201
6808
3044
1634
379
43 21109
11908
43753
48,2
2006
9242
6898
3444
1566
410
57 21617
12375
44337
48,8
2007
9227
6997
3837
1518
439
61 22079
12852
44993
49,1
2008
9237
7098
4277
1442
471
62 22587
13350
45514
49,6
2009
9232
7299
4565
1407
495
69 23067
13835
46001
50,1
2010
9218
7520
4628
1553
528
64 23511
14293
46067
51,0
2011
9248
7591
4696
1755
498
65 23853
14605
46804
51,0
2012
9412
7591
4909
2153
426
78 24219
14807
47324
51,2
2013
9752
7591
4909
2153
426
78 24909
15157
47866
52,0
Figura 6 - La popolazione dai 75 anni in poi residente nel Comune di Brescia dal 2003 al 2013 per classi
quinquennali d’età. Fonte: elaborazioni a cura dell’Ufficio Diffusione dell’Informazione Statistica del Comune
di Brescia.
15
Questa situazione aumenta complessivamente il carico assistenziale che grava sulle famiglie
della città, come si evidenzia dal grafico sottostante.
35000
34500
34000
33500
33000
32500
32000
31500
31000
30500
30000
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
Figura 7 - Numero di famiglie con almeno 1 anziano residenti nel Comune di Brescia dal 2003 al 2013. Fonte:
elaborazioni a cura dell’Ufficio Diffusione dell’Informazione Statistica del Comune di Brescia.
Nel contesto del più generale incremento della popolazione anziana, il dato comunque più
rilevante ai fini delle politiche del Welfare è dato dall’aumento della popolazione anziana
fragile, per la quale la solitudine è l’indicatore principale.
Anziani
65-69
70-74
75-79
80-84
85-89
90-94
95 e +
TOTALE
Femmina
sola
1668
1967
2356
2592
2066
1004
217
11870
Maschio
solo
884
792
669
571
374
178
27
3495
TOTALE
2552
2759
3025
3163
2440
1182
244
15365
Figura 8 – Anziani residenti nel Comune di Brescia al 31/12/2013 dai 65 anni in poi che vivono soli
distinti per classe di età e sesso. Fonte: elaborazioni a cura dell’Ufficio Diffusione dell’Informazione Statistica
del Comune di Brescia.
16
Complessivamente i fruitori di servizi per anziani risultano essere così distribuiti:
TIPOLOGIE DI SERVIZIO
N° UTENTI
FRUITORI DEL
SERVIZIO
ALLOGGI IN CONVIVENZA UOMINI SOLI
6
ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI
57
SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE SAD
469
BIRD
LASCITO ARVEDI
(alloggi ERP e mini alloggi protetti)
48
CASA ALBERGO E CASE DI SOGGIORNO
108
CENTRI SOCIALI PER ANZIANI
114
RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali)
395
SERVIZIO PASTI A DOMICILIO
232
SPORTELLO SOCIALE BADANTI
693
TELESOCCORSO E TELEASSISTENZA
448
TRASPORTI SOCIALI E MOBILITA'
416
INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA'
17
54
Figura 9 - Tipologie di servizi e utenti fruitori, area anziani. Fonte: Primo rapporto sulla condizione degli anziani
della città di Brescia.
17
Disabilità
Un dato esatto circa i residenti bresciani disabili non è al momento disponibile. L’indicatore
che più si avvicina a questo dato può essere quello relativo al numero di quanti accedono ai
diversi servizi per disabili.
Al 31.12.2014 le persone disabili, al di sotto dei 65 anni, seguite in varie forme dai servizi
del Comune di Brescia sono 907. A queste si stima debbano essere aggiunte non meno di 100
persone in attesa di essere accolte nei servizi o ancora non intercettate dal sistema del welfare
cittadino.
Complessivamente la popolazione disabile residente a Brescia di cui farsi carico supera le
1000 unità.
Assistenza specialistica scolastica
46
seguiti da assistenza
specialistica comunale
disabili sensoriali seguiti
in specifici percorsi
scolastici
322
servizi diurni e residenziali per la disabilità
213
servizi diurni
servizi residenziali
326
Figura 10 e 11 – Grafici Assistenza specialistica scolastica e Servizi per la disabilità. Fonte: elaborazioni a cura
dell’Ufficio Diffusione dell’Informazione Statistica del Comune di Brescia.
18
Minori
I Servizi Sociali del Comune di Brescia hanno in carico circa 2.500 minori in situazione di
disagio:
•
di questi, 1.650 appartengono a nuclei
in situazione di fragilità (nuclei
monogenitoriali, segnalati dalle scuole o dal territorio per varie difficoltà, genitori con
disabilità e fragilità diverse, ecc) che spontaneamente si sono rivolti al servizio social,
•
circa 900 sono i minori che appartengono ad una famiglia sulla quale è intervenuta
l’autorità giudiziaria minorile (separazioni conflittuali, incapacità genitoriali,
situazioni di pregiudizio, o minori privi di figure genitoriali sul territorio nazionale).
I servizi principalmente offerti
Ogni giorno circa 450 bambini e ragazzi residenti in città hanno accesso ai centri
d’aggregazione giovanile e nei servi post scolastici organizzati dall’assessorato. Ogni anno
circa 350 nuclei familiari sono affiancati al servizio sociale e dal Servizio Pluriprofessionale
per la valutazione approfondita delle situazione; 70 sono i nuclei seguiti degli interventi
educativi domiciliari; 75 i minori in affido, 50 i minori collocati in Comunità educative e nei
centri diurni; 40 ragazzi sono accolti
in case d’accoglienza per i minori stranieri non
accompagnati; 30 le donne con figli collocate in protezione (CPI o Case d’Accoglienza).
Collocazione alternativa al nuceo familiare
CPI
MSNA
1
cam
affido
0
20
40
60
80
Figura 12 – Grafico collocazione alternativa al nucleo familiare per minori. Fonte: elaborazioni a cura
dell’Ufficio Diffusione dell’Informazione Statistica del Comune di Brescia.
19
Comune di Collebeato
Popolazione
Figura 13 – Suddivisione e rappresentazione della popolazione in unità. Dati al 31/12/2014.
Servizi Principali offerti
Il comune di Collebeato offre differenti interventi e servizi alle diverse fasce di bisogno,
mediante valutazione del proprio operatore sociale.
Per la popolazione 0-18: Nido convenzionato; Tempo per le famiglie; CAG e CRD; informa
Giovani; valorizzazione del contributo degli adolescenti nelle diverse attività del territorio.
Per le situazioni di disabilità, il comune sostiene la frequenza ai servizi CSE SFA CDD;
vengono garantiti servizi di trasporto ai servizi e l’integrazione per i bambini e ragazzi che
frequentano la scuola dell’obbligo. Quando è possibile viene avviato il Servizio Avviamento
al Lavoro che mette a disposizione il comune di Brescia.
Per gli Anziani, accanto ai servizi di socializzazione e aggregazione, quali il Centro Socio
Ricreativo Diurno, vengono messe a disposizione una pluralità di interventi per favorire la
permanenza presso il proprio domicilio, quali il Servizio d’Assistenza domiciliare e il
telesoccorso, la lavanderia, e i trasporti per terapie.
20
Il Comune offre anche il sostegno economico e orientamento ai servizi del territorio per le
situazioni di maggiore fragilità, con particolare attenzione ai problemi collegati alla
disoccupazione e all’emergenza alloggiativa. Per quanto attiene ai servizi residenziali, gli
anziani di Collebeato possono contare sulla messa a disposizione di 14 alloggi; per le persone
più compromesse è possibile la frequenza al Centro Diurno Integrato o la valutazione
dell’inserimento in RSA con integrazione della retta da parte dell’amministrazione comunale.
La spesa annua del Comune di Collebeato per gli interventi sociali e le politiche giovanili
ammonta circa €570.000.
21
La distribuzione dei servizi di welfare sul territorio
Lo stato attuale
Il quadro complessivo dei servizi presenti nel territorio correlato alla popolazione e, per
quanto il comune di Brescia alla dislocazione nelle diverse aree geografiche è rappresentato
nella tabella seguente.
DISLOCAZIONE SERVIZI DI
WELFARE PER dell’AMBITO
Centro
Nord
Est
Ovest
Sud
Collebeato
Popolazione
e servizi
AMBITO
Infanzia e minori
Popolazione 0-4 anni
Asili nido
Popolazione 5-19 anni
CAG/doposcuola
Alloggi protetti/per autonomia per minori
Case accoglienza per minori
Comunità educative
Informagiovani e Ufficio
Formazione/Lavoro
Centri Diurni
2.061
6
5.483
10
1
1
3
1
1.583
6
5.234
3
2
1
1.231
4
4.398
3
1.572
5
5.117
2
2.167
7
6.357
5
161
1
676
2
1
2
1
1
1
1
8.775
29
27.265
24
1
2
6
3
4
Famiglia
Popolazione 20-64 anni
Spazio incontro genitori/figli
Case/comunità accoglienza per donne e
minori
Punti famiglia e consultori familiari
25.620
22.607
17.523
1
20.918
2.746
1
3
115.410
1
5
6
25.996
2
6
3
2
6
8
7
11
4
4
3
1
3
1
1
1
4
3
2
2
8
4
3
4
2
3
1
1
2
20
Disagio adulto
Alloggi protetti/per autonomia/a
convivenza per adulti
Dormitori, mense, emergenza freddo,
docce, banco alimentare
Centri diurni (non anziani)
Case accoglienza
10
1
32
22
Disabilità
CDD
SFA
RSD
CSS
SDI
CSE
InformaH
Centro autismo
Alloggi protetti disabili
1
1
2
1
1
1
4
1
1
1
1
2
1
1
1
1
1
1
1
Stranieri
Sportello/centro accoglienza
migranti/stranieri
Popolazione >65 anni
Centri diurni e integrati
Case Albergo/Famiglia
Alloggi protetti
Ambulatori
RSA
Centri aperti
6
2
Anziani
9.495
11.905
4
1
3
2
2
2
6
5
4
2
5
1
6.586
3
1
2
1
2
4
1
9.350
3
3
2
5
10.530
1
10
1.107
48.973
1
1
12
7
8
17
11
18
3
6
22
Per tutti
Centri sociali
Segretariato sociale
TOTALE
2
1
84
1
1
42
1
1
50
1
1
39
3
1
47
1
1
9
6
267
Totale abitanti
42.659
41.329 29.738 36.957 45.050
4.690
200.423
Figura 14 - Il quadro complessivo dei servizi presenti nel territorio correlato alla popolazione.
Oggi alla produzione del welfare della città concorrono con l’Amministrazione pubblica non
meno di 163 realtà del Terzo settore che offrono servizi di welfare alla città: 69 associazioni,
16 enti (ecclesiastici, morali, ecc.), 13 fondazioni, 65 cooperative sociali. I rapporti della PA
con tali soggetti sono diversi: 70 appalti (51 trattative con unico soggetto, 7 trattative con
almeno 5 soggetti, 12 procedure aperte a tutti con bando), 4 servizi in affidamento (CSE/SFA
e servizi sperimentali diurni per disabili; Sportelli per stranieri; CAG; Nidi d’infanzia privati).
Uno sguardo d’insieme degli uffici dei servizi sociali comunali ci consegna questa
dislocazione sulla mappa del territorio.
Figura 15 - L’attuale distribuzione degli Uffici dei Servizi Sociali nel territorio dell’Ambito 1
23
Peculiarità del territorio cittadino
La struttura del welfare della città di Brescia è di tipo tradizionale, con un’amministrazione
che ha costruito nel tempo un proprio sistema d’offerta, integrando intorno ad esso l’apporto
di un privato sociale tradizionalmente vivace e intraprendente. L’organizzazione dei servizi
sociali comunali è strutturata in modo “verticale”, sui target tradizionali di utenza: infanzia,
minori, disabili, disagio-emarginazione, anziani. Ai diversi servizi fanno capo le relazioni da
un lato con gli utenti, dall’altro con le organizzazioni del privato sociale che integrano il
sistema di prestazioni.
A questo assetto, fortemente centralizzato, fa riferimento la collocazione degli uffici
dell’assessorato nel territorio sviluppatesi nel tempo in modo non razionale come sopra
rappresentato.
Anche la dislocazione delle diverse unità d’offerta, in grandissima parte gestita dal privato
sociale, appare diseguale nelle diverse zone della città come risulta dal grafico seguente.
Figura 16 - Dislocazione delle unità d’offerta nelle zone della città.
Si pone quindi un problema significativo di riorganizzazione che verrà affrontato nei capitoli
successivi.
24
Le risorse del welfare
Come emerge dalla tabella sotto riportata, le risorse destinate ai servizi sociali da parte
dell’amministrazione comunale di Brescia hanno subito nel corso del biennio 2011-2013 un
forte ridimensionamento stabilizzandosi poi nel corso del 2014. Le principali riduzioni sono
collegabili a minori trasferimenti ai soggetti esterni, siano essi organizzazioni del privato sociale
che cittadini bisognosi di sostegno economico.
SPESA SOCIALE
2011
2012
2013
2014
NIDI
8.036.869
7.007.814
6.553.139
6.539.151
SERVIZI SOCIALI
39.349.752
34.012.394
31.716.195
31.387.581
POLITICHE GIOVANILI
1.129.363
1.458.089
1.099.700
792.874
TOTALE GENERALE
48.515.984
42.478.279
39.369.034
38.719.606
RECUPERO DA
11.129.502
10.724.780
10.303.721
9.532.663
37.386.482
31.753.517
29.065.313
29.186.943
UTENZA
TOTALE SPESA
Figura 17 – La spesa sociale.
Nell’ottica di considerare il welfare come un patrimonio della comunità e non solo
dell’Amministrazione, sono interessanti le conclusioni di uno studio condotto da “Socialis” Centro Studi in Imprese cooperative - che, partendo dai dati economici dell’insieme delle
realtà no profit produttrici di servizi sociali, ha provato a calcolare quanto la città di Brescia
nel suo insieme spende per il welfare e in che modo.
Ne emerge un quadro per il quale la città spende annualmente per il proprio welfare circa
€140.000.000 composte per circa il 46% da risorse pubbliche e dal 54% da risorse private.
Da tali dati appare chiaro che il “welfare della città” non si regge in misura
preponderante sulle risorse pubbliche e tanto meno su quelle comunali. Ma da questa
constatazione discende soprattutto la conseguenza che il problema fondamentale per
un’amministrazione è come rendere produttiva ed efficiente la spesa complessiva della
città. Si tratta di rivisitare l’insieme dei rapporti dell’Amministrazione tanto con i produttori
di welfare quanto con i cittadini, ma soprattutto di orientare nel modo migliore in termini di
25
efficienza e universalismo, il rapporto diretto famiglie/produttori. Da soggetto erogatore
l’Amministrazione deve, sempre di più, trasformarsi nel soggetto che attiva, sviluppa,
integra e rende efficienti le risorse del welfare della città.
Anche per questo è importante riequilibrare i ruoli attraverso una co-costruzione delle
progettualità e delle risposte ai bisogni, proprio con i soggetti del Terzo settore, che della città
sono espressione, e con le famiglie che sostengono la quota principale del carico finanziario.
26
Punti di forza e criticità
La situazione sin qui presentata mostra un quadro chiaroscurale del welfare del distretto, segnato
in termini generali sia da elementi positivi, che da criticità.
Tra gli elementi positivi sono da annoverare:
- L’unitarietà della gestione pubblica garantita dalla dimensione del Comune di Brescia e dal
raccordo consolidato col comune di Collebeato;
- La dotazione complessiva di servizi che, pur distribuita in modo diseguale, risulta comunque
consistente;
- Le risorse pubbliche che, dopo la forte riduzione intervenuta dal 2011 al 2013, si sono
stabilizzate nel 2014 e 2015 e potrebbero tornare a crescere, compatibilmente col quadro dei
trasferimenti nazionali, negli anni successivi;
- Il dinamismo di un terzo settore che nella fase di difficoltà sta attivandosi con significative
progettualità;
- La dotazione di professionalità di cui dispongono tanto il sistema pubblico, quanto il mondo
non profit;
- La presenza di due atenei, di cui uno con corsi di laura specifici per operatori sociali, in
grado di sostenere con attività di studio, ricerca e formazione, l’evoluzione del sistema di
welfare cittadino.
Per contro non mancano le criticità, quali:
-
L’aumento numerico, sostenuto dalle dinamiche demografiche, dei cittadini bisognosi di
supporto perché anziani o disabili;
-
L’insostenibilità del sistema anche a causa dell’attribuzione al sociale di quote di spesa
sanitaria con particolare riferimento alle residenzialità per la non autosufficienza grave;
-
La massiccia riemersione di bisogni legati alla povertà, aumentata in conseguenza al
perdurare della crisi economica;
-
Il dilatarsi del problema giovanile e della sempre più lunga e accidentata transizione verso la
condizione di “indipendente adulto lavoratore”;
-
La strutturale scarsità delle risorse rispetto ai bisogni e l’incombente problema della riforma
dell’ISEE che potrebbe provocare un impatto dell’ordine del 7/8% sulle risorse comunali
dedicate al welfare;
-
La rigidità dei modelli di produzione dei servizi – spesso resa obbligatoria dagli standard
previsti dalla normativa regionale – con conseguente impossibilità d’innovazione e
27
efficientamento;
-
Un modello di relazione pubblico privato consolidato da lungo tempo, ma inadatto a
generare innovazione e sviluppo.
Specifiche Criticità legate alle caratteristiche dell’Ambito 1
Soprattutto dal punto di vista di Collebeato, la sfasatura dimensionale dei comuni dell’Ambito 1
comporta peraltro alcune specifiche criticità:
- L’aggregazione anomala, rispetto alle altre realtà distrettuali, di due soli comuni con
dimensioni e contesti sociali molto differenti fra loro continua a determinare ripercussioni
oggettive sulla possibilità di condividere in modo più omogeneo e funzionale i molteplici
aspetti legati alla definizione e alla realizzazione del Piano di Zona.
- In effetti, dimensioni, contesti e caratteristiche così diverse incidono a cascata su quasi tutti i
livelli: dalla rilevazione dei bisogni alla definizione delle priorità, dalla programmazione e
progettazione alla valutazione, dall’individuazione di criteri comuni per l’erogazione di
servizi ed interventi alle risorse umane ed economiche a disposizione.
- In talune fasi, le difficoltà reciproche a rapportarsi a dimensioni “macro” e “micro”
comportano comprensibili livelli di autoreferenzialità.
Vanno peraltro rilevate alcune Positività:
- Si può altresì affermare che, nel tempo, tali aspetti di dissonanza e diversità sono da ritenersi
positivamente assimilati e hanno consentito la costruzione di un progetto maggiormente
condiviso a livello distrettuale, più consapevolmente e realisticamente dimensionato ai
contesti.
- Più nello specifico, per quanto concerne Collebeato, se è vero che l’aggregazione ad un
distretto con un buon numero di Comuni medio-piccoli consentirebbe maggiori affinità a
diversi livelli, è altrettanto vero che l’aggregazione con il Comune di Brescia ha offerto
l’opportunità di usufruire di alcuni servizi ed interventi mirati che il Comune di Collebeato
non avrebbe, diversamente, potuto realizzare.
Si rende quindi necessario un ripensamento complessivo degli interventi e dei servizi che sappia
rispondere in modo efficace e nuovo ai bisogni sempre crescenti. Un nuovo approccio che parta
dal presupposto che la singola istituzione, da sola, non può bastare e che tutti – cittadini singoli e
organizzazioni – sono chiamati a dare in una crescita collettiva nel segno della solidarietà
responsabile. A ciò potrebbe aggiungersi una valutazione prospettica circa l’opportunità di
mantenere l’attuale assetto del distretto.
28
La visione, la strategia e gli obiettivi del Piano di Zona
La visione a cui informare il Piano Di Zona non può essere che una: un Ambito coeso,
ispirato e guidata dalle Amministrazioni comunali, impegnate in un’azione corale volta
migliorare costantemente la qualità della vita della generalità dei cittadini attraverso un
sistema di servizi equo ed universalistico, governato dai principi di responsabilità e
solidarietà.
La strategia è caratterizzata da tre elementi chiave:
A. La riorganizzazione capillare, nel segno della territorialità, della rete di contatto con
i cittadini, con la città e le sue organizzazioni;
B. La costruzione di un nuovo e più evoluto sistema di relazioni con le forze vive della
città, siano esse impegnate nella produzione di risposte quanto nella promozione dei
diritti, nonché con quelle istituzionali (asl, consigli di quartiere, strutture sanitarie, …..);
C. La costante ricerca e promozione di innovazione ed efficienza nella produzione dei
servizi.
Gli obiettivi - e le relative linee d’azione - attraverso i quali concretizzare visione e strategia sono
rappresentati da:
1.
La nuova organizzazione dei Servizi Sociali Territoriali in funzione di un
approccio olistico al territorio e di prossimità ai cittadini;
2.
L’introduzione della coprogettazione come modalità ordinaria per costruire, tra
pubblica amministrazione e terzo settore, le modalità concrete di organizzazione
della produzione dei servizi;
3.
La promozione di strumenti di arricchimento diffuso della conoscenza e
dell’innovazione e di sviluppo costante delle risorse umane, nonché di intervento
per il miglioramento dei comportamenti collettivi;
4.
La creazione, attraverso trasparenti forme di partecipazione, Organismi di
Indirizzo cittadino e/o distrettuale, come luoghi di stimolo e di sintesi del dibattito
pubblico e di costruzione di orientamenti condivisi;
5.
La redazione del Bilancio Sociale partecipato come strumento di verifica e
valutazione trasparente;
6.
Per un approccio alla persona nella sua completezza: forme e priorità di
intervento nelle diverse aree di bisogno realizzati attraverso l’integrazione con
l’ASL ed in coerenza con le valutazioni dei 12 Ambiti territoriali della Provincia
di Brescia.
29
Le linee d’azione del Piano di Zona
1.
La capillare distribuzione dei Servizi
1.a La nuova organizzazione dei Servizi Sociali
La dettagliata analisi sopra illustrata evidenzia, per il Comune di Brescia, la necessità di
avvicinare le risposte ai cittadini integrando quelle formali a quelle informali.
Infatti, di fronte a bisogni aumentati e più complessi, le risposte del servizio pubblico appaiono
sempre meno adeguate ed esaustive. Anche lo sguardo attuale sui bisogni della città è comunque
oggi parziale, in quanto analizza sostanzialmente chi si rivolge al servizio pubblico. E’
assolutamente necessario offrire nuovi punti d’accesso più informali che consentano di intercettare
il maggior numero di persone offrendo loro risposte diversificate anche ricorrendo
all’autorganizzazione dalla società civile.
Per poter lavorare con il territorio e per il territorio il Servizio Sociale si deve ripensare in chiave
territoriale. Serve necessariamente immaginare un percorso di accompagnamento agli operatori
sociali da sempre impegnati a lavorare in aree di intervento rigide, serve sviluppare la capacità già
implicita nella formazione delle professioni sociali di forte interfaccia con il territorio e la
comunità. Intercettare le risorse oltre che ai bisogni in un approccio che sappia valorizzare le
risorse residue, anche nei casi di maggiore fragilità.
La maglia dei 33 quartieri, nati alla fine del 2014, appare oggi la trama naturale con cui il
Servizio Sociale deve necessariamente intrecciarsi, organizzando un Servizio Sociale Territoriale
in 5 zone, in grado di organizzarsi in rete nei diversi quartieri. A ogni Servizio Sociale di
Territorio afferiranno 6/7 quartieri e i loro residenti. Il Comune di Collebeato, confinante con la
Zona Ovest, sperimenterà l’integrazione della propria organizzazione partendo dalle già gestite in
forma associata.
La relazione con il Consigli di Quartiere consentirà di poter avere uno scambio continuo ed
aggiornato con la società civile impegnata nell’interesse della cittadinanza. Ogni Consiglio di
Quartiere ha, infatti, organizzato sottogruppi di lavoro su diverse aree, e tra queste l’Assistenza
Sociale è certamente quella che assume una rilevanza significativa. I Presidenti dei Consigli
incontrati recentemente hanno confermato la disponibilità e interesse a collaborare con il servizio
sociale, sia per la rilevazione dei bisogni sia per poter contribuire alla conoscenza delle singole
realtà presenti nei diversi territori.
30
Avvicinare il Servizio Sociale ai bisogni della città significa inoltre ridurre i tempi d’attesa per le
risposte, ma anche, e soprattutto, immaginare risposte più complete integrando l’offerta pubblica a
quella della comunità.
Nell’anno 2014 si è impostata una specifica formazione sul Lavoro di Comunità a cui hanno
partecipato tutti gli assistenti sociali; nella zona EST si sono inoltre sperimentate alcune tecniche
specifiche di conduzione di incontri con le associazioni del territorio al fine di poter evidenziare
un modello di lavoro di comunità condiviso con chi attualmente già opera.
Al fine di garantire la priorità alla dimensione del Territorio, ciascuna zona avrà un Responsabile
di Servizio con Posizione Organizzativa. Questo consentirà di analizzare la domanda, definire la
risposta integrandola con un raffinato lavoro di comunità e di autorizzare la risposta direttamente
dal territorio.
Nel triennio di vigenza del Piano, si ha l’obiettivo di studiare le risorse che ogni quartiere mette a
disposizione in termini autorganizzazione; tali risorse, accanto a quelle Comunali costituiranno
una base interessante di riflessione per comprendere come si stia rispondendo ai bisogni e creando
le condizioni affinché si possano realizzare nuovi interventi e servizi più evoluti rispetto agli
attuali assetti.
Il responsabile organizza il rapporto con le associazioni di volontariato afferenti a ciascun
quartiere, accompagna ed implementa forme di vicinanza sussidiaria tra i cittadini. Scambia
informazioni e dati con i consigli di quartiere. Curerà inoltre, oltre al coordinamento del personale
e delle attività con la massima attenzione all'integrazione e trasversalità, anche lo studio dei dati
connessi ai bisogni e alle risorse del territorio affinché vi sia una chiara e continua analisi e
ricomposizione a livello centrale.
I cinque Responsabili del Servizio Sociale Territoriale saranno, infatti, coordinati nella loro
attività dal Responsabile di Settore, che definirà con loro obiettivi e procedure affinché sia
garantita la massima omogeneità tra i diversi territori.
A livello centrale verranno invece mantenuti gli Uffici di Staff che consentiranno di implementare
le progettazioni sulle diverse aree di intervento integrando le competenze dei diversi Settori
Amministrativo e Servizi Sociali:
•
Ufficio Non autosufficienza,
•
Ufficio Emergenze e Tutela Minori,
•
Ufficio Politiche giovanili e Progetti educativi,
•
Ufficio Progetti per non Autosufficienti,
•
Ufficio Disagio adulto e contrasto alle povertà,
31
•
Staff di Coordinamento delle attività territoriali,
•
Ufficio di Piano,
•
Ufficio Contabilità, Bilancio e sistemi informativi,
•
Ufficio Amministrativo per le residenzialità,
•
Ufficio Amministrativo per i servizi diurni, semiresidenziali e domiciliari,
•
Ufficio Contributi economici e Buoni,
•
Servizio Contratti dell’Area Sociale.
Nell’Area Servizi alla Persona oltre al Settore Amministrativo e Servizi Sociali è compreso anche
il Settore Casa, Lavoro ed Inclusione Sociale che a sua volta si articola nei seguenti servizi ed
Uffici:
Afferenti al Settore:
- Ufficio trasporti sociali
- Ufficio Gestioni Patrimoniali
Servizio Promozione al Lavoro e Inclusione sociale che si articola in:
- Ufficio Promozione al Lavoro
- Ufficio Inclusione Sociale
Servizio Casa:
- Ufficio assegnazioni ERP
- Ufficio Fondo sostegno affitto e contenimento sfratti
- Ufficio Gestione Convenzione Aler
- Ufficio Emergenza alloggiativa
Si confronterà con questo assetto il Comune di Collebeato attualmente organizzato con:
• un responsabile d’area con funzioni di indirizzo e coordinamento e che rappresenta
riferimento per le problematiche di maggior rilievo;
• un istruttore con titolo di educatore professionale a tempo pieno che si occupa della gestione
complessiva dell’Ufficio: presa
in carico delle situazioni, attivazione degli interventi,
rapporti con enti e servizi territoriali, aspetti amministrativi, ecc..
32
Grazie alla rilevazione costante dei bisogni proveniente dai territori e dagli stimoli progettuali che
gli organi di indirizzo politico offriranno, saranno programmati gli interventi a favore dell’Ambito
che troveranno poi nelle zone territoriali terreno fertile ove potersi sviluppare.
A livello centrale inoltre l’Ufficio Coordinamento attività Territoriali garantisce l’omogeneità
degli interventi (tecnici e amministrativi) nelle diverse zone della città, il decentramento delle
risposte, il costante scambio di dati ed informazioni, la costruzione di procedure e prassi per il
mantenimento delle relazioni con i Punti Comunità e i Consigli di Quartiere e con Collebeato.
33
1.b La diffusione sul territorio dei Punti Comunità
Ogni Servizio Sociale, come detto, avrà tra i suoi obiettivi prioritari la costruzione di relazioni
con il territorio. Il Punto Comunità è da alcuni anni un prezioso tassello di un sistema di
welfare che garantisce il primo contatto con le situazioni di bisogno. I Punti Comunità sono
gestiti da associazioni/enti del Terzo Settore che mediante personale volontario, garantiscono
accoglienza, informazione e orientamento alla persone che vi si rivolgono Per le situazioni più
complesse vi è l’aggancio al servizio sociale territoriale. Attualmente, i Punti Comunità sono
11, ma nel triennio di vigenza del Piano di Zona si ha l’obiettivo di poter diffondere la loro
presenza in ogni quartiere e nel Comune di Collebeato
Obiettivo di ogni Servizio Sociale Territoriale sarà di costruire con ogni Punto Comunità una
partnership strutturata e diffusa per realizzare un diverso sistema di welfare, imperniato sulla
valorizzazione della dimensione comunitaria nelle funzioni di cura sociale. L’impatto che si
andrà a determinare porterà il Servizio professionale e i Punti Comunità ad agire in modo
coordinato passando dal ruolo di gestore del singolo caso, a quello di regista di risorse territoriali
in senso lato e promotore di sviluppo locale. Il Punto Comunità diventerà un ponte tra il servizio
professionale e il territorio, a partire da un’integrazione delle funzioni di base che è chiamato
a svolgere: esso sarà un primo livello – ancorché non esclusivo – dove il cittadino troverà
accoglienza/ascolto, informazioni, orientamento, ma anche accompagnamento; quest’ultima
funzione comporterà un’evoluzione dell’aiuto informale e solleciterà il Punto Comunità a censire
le realtà territoriali e raccordarsi con queste, per fare emergere quelle già presenti e attivarne di
altre. Nel triennio, inoltre, si andrà perfezionando la creazione di modalità di raccolta e scambio
dati, anche mediante il nuovo programma informatico che sarà messo a disposizione anche ai
Punti Comunità.
La nuova Piattaforma informatica, acquistata dal comune di Brescia e messa a disposizione anche
al Comune di Collebeato, consentirà di connettere i diversi punti della rete, compresi i Punti
Comunità, offrendo dati aggiornati in tempo reale utili alla lettura dei bisogni e alla
riprogrammazione degli interventi.
Integrazione capillare socio-sanitaria: i medici di base i farmacisti
Per completare la costruzione di alleanze a livello di quartiere e delle 5 zone, l’Assessorato al
Welfare ha incontrato insieme all’Assessorato all’Urbanistica i principali protagonisti della
medicina di territorio (ASL, medici di base e farmacisti) al fine di elaborare una nuova visione del
PGT che incorpori anche le problematiche sanitarie accanto a quelle sociali, possibilmente con
34
forme di forte integrazione.
La capillare presenza dei Punti Comunità e la riorganizzazione del Servizio Sociale Territoriale tra
loro strettamente integrati, l’interfaccia con i servizi sanitari sono tra le priorità di questo Piano di
Zona così come illustrato dalla grafica seguente e nel dettaglio dagli obiettivi specifici subito
dopo.
Figura 18 - La distribuzione territoriale del Servizio Sociale a cui si vuole pervenire nel triennio
35
1.c Obiettivi Specifici:
1.
Messa punto della riorganizzazione territoriale con individuazione delle 3 nuove sedi e
dei responsabili di Servizio Sociale Territoriale
Indicatore di risultato: nomina dei responsabili di servizio nelle tre zone mancanti
Tempi di realizzazione: entro luglio 2015
Indicatori di risultato: sedi adeguate operative e personale assegnato per ogni zona
Tempi di realizzazione: entro il 2016
2.
Formazione continua degli operatori del territorio sul lavoro di comunità
Indicatori di risultato: percentuale di partecipazione del personale comunale; percentuale dei
percorsi immaginati anche con la comunità e analisi della partecipazione dei diversi soggetti ai
percorsi.
Tempi di realizzazione: definizione condivisa dei percorsi entro dicembre 2015; avvio e
realizzazione dei percorsi anno 2016.
3.
Individuazione di procedure e prassi per il confronto con i consigli di Quartiere
Indicatori di risultato: definizione procedure per lo scambio d’informazioni condivise; n.
incontri con i consigli di quartiere nel triennio; numero delle iniziative condivise realizzate nelle
zone
Tempi di realizzazione: 2015 per la definizione delle procedure; anno 2015-2016-2017
mantenimento degli incontri periodici di confronto e scambio
4.
Rilevazione delle risorse comunali e della comunità (per quartiere e per zona)
Indicatore di risultato: rilevazione dei dati riguardanti le risorse del territorio in modo preciso e
dettagliato
Tempi di realizzazione: anno 2015 prima rilevazione delle realtà del territorio anche grazie al
confronto con i Punti Comunità e i Consigli di Quartiere; anno 2016 costruzione di una banca dati
condivisa
5.
Promuovere un Punto Comunità per ogni quartiere.
Indicatori di Risultato: apertura dei servizi; numero degli incontri con ogni Punto Comunità;
incremento dei numeri dei Punti Comunità osservata nel triennio; numero delle prese in carico
integrate tra servizio sociale e Punti Comunità; numero delle prese in carico integrate tra punti
36
Comunità e altri soggetti del territorio.
Tempo di attuazione: anno 2015 apertura di almeno 5 nuovi punti comunità; anno 2016 apertura
di nuovi 10 Punti Comunità; anno 2017 completamento della copertura dei quartieri
compatibilmente con le risorse disponibili. Durante la triennalità, verranno raccolti e studiati tutti
gli altri indicatori relativi alle modalità di relazione tra i Punti Comunità e l’Amministrazione
comunale ed agli accessi ed alle prese in carico integrate.
6.
Definire procedure di comunicazione e collaborazione tra il servizio sociale territoriale
e i Punti Comunità
Indicatori di risultato: definizione in modo condiviso le procedure/modalità di interscambio e
loro formalizzazione
Tempo di Attuazione: anno 2015 per la definizione delle procedure di comunicazione; anno 2016
per il coinvolgimento dei punti comunità come nodi della piattaforma informatica
7.
Aumentare il numero complessivo di persone che accedono alla rete dei servizi
Indicatori di risultato: aumento percentuale del numero di accessi confrontando i dati del
segretariato sociale anno 2014
Tempo di attuazione: 2015 perfezionamento del sistema di rilevazione dei dati degli accessi ai
punti comunità; 2016 definizione ed implementazione delle risposte opportune da parte dei punti
comunità con particolare riferimento all’orientamento ai banchi alimentari ed alle opportunità di
ricerca lavorativa/attività occupazionali/opportunità di volontariato
8.
Connettere i punti comunità alla piattaforma informatica del Servizio Sociale
Indicatori di Risultato: connessione alla rete e condivisione dei dati e delle scelte strategiche per
la risposta
Tempo di attuazione: 2016 connessione alla rete e condivisione di risultati a cadenza trimestrale
con ogni punto comunità e con i consigli di quartiere; verifica ed eventuale ri-definizione di
strategie di risposta.
37
2. L’innovazione nel coinvolgimento del Terzo Settore nella produzione dei
servizi in chiave territoriale
2.a La Coprogettazione
Le modalità di affidamento dei servizi sino ad oggi utilizzate siano esse gare che licitazioni
private con offerta su progetto e budget economico, sviluppano forme di competizione tra i
soggetti del terzo settore poco funzionali a raggiungere l’obiettivo della sussidiarietà e della
cooperazione nell’interesse pubblico.
Per questo tutta l’Area dei Servizi alla Persona ha approfondito la normativa riferita alla
Coprogettazione, studiando le precedenti esperienze lombarde e nazionali. Ha poi condiviso
con il Settore Provveditorato e con la Segreteria Generale la metodologia per giungere
all’Affidamento del Servizio.
I vantaggio indiscutibili di tale nuova metodologia, oltre alla totale trasparenza possono così
essere riassunti:
-
Viene ampliata la capacità progettuale da parte del terzo settore. Il servizio Pubblico
passa dalla richiesta di prestazioni a quella di idee progettuali realmente innovative
che sappiano porsi in termini di complementarietà e sviluppo di risorse della
comunità;
-
Viene richiesto al terzo settore la corresponsabilità e la compartecipazione al
risultato in termini di risorse umane, di volontariato, di strutture e progetti ma
soprattutto
di obiettivi da raggiungere, consentendo di arricchire l’offerta con
nuove opportunità per i destinatari degli interventi.
-
La convenzione che regola l’intesa tra le parti e co-costruita.
In verità già la precedente amministrazione aveva qualificato come “coprogettazione” un
affidamento di servizi diretto e senza Bando. La nuova amministrazione ha ritenuto tale
modalità inadeguata sotto il profilo della trasparenza ed ha messo a punto una procedura già
attuata per la prima coprogettazione e che verrà ripetuta per tutte quelle in pipe-line.
Si è così proceduto alla prima indizione Pubblica di un Bando di Coprogettazione sui 2
complessi interventi del Servizio Minori: il servizio Pluriprofessionale e a favore delle famiglie
con Minori e Servizio Educativo domiciliare per famiglie con minori. Si è scelto questo come
38
primo ambito su cui sperimentare in quanto era necessario poter integrare la fase valutativa a
quella dell’intervento educativo ed inoltre consentiva di sviluppare nuove forme di vicinanza e
solidarietà tra e per le famiglie con minori. Tale intervento riguarda anche le situazioni in
carico al Comune di Collebeato.
Nel triennio si ipotizza di estendere questa nuova modalità di affidamento dei servizi per altre
aree innovative di interventi come indicato negli obiettivi specifici, sviluppando in questo
modo un nuovo modo di scambio e collaborazione tra il Servizio Pubblico e il mondo della
cooperazione, dell’associazionismo e del volontariato.
2.b La sperimentazione
Accanto alla coprogettazione, la Regione Lombardia offre lo spazio di innovare i servizi con la
Sperimentazione. Se, infatti, da un lato è necessario porsi elevati obiettivi di qualità così come
la norma indica, per dare ai cittadini servizi sempre più efficaci e rispondenti, non bisogna
fermarsi nella ricerca di nuove modalità, ancora non normate, per dare nuove opportunità di
risposta. Negli anni si sono sperimentate con successo nuove forme di servizi residenziali per
anziani e per minori, informando la regione e l’ASL dell’avvio di tali attività e costruendo,
anche grazie al contributo ed alla professionalità degli enti gestori gli standard gestionali e
strutturali necessari. Tali servizi hanno consentito di rispondere con efficacia ai nuovi bisogni
(servizi d’accoglienza per i minori stranieri non accompagnati per esempio) accreditando poi le
strutture in grado di rispondere e mantenendo nei confronti delle stesse un dialogo costante sia
per garantire la massima qualità ma anche per raccogliere suggerimenti e stimoli per
ulteriormente accrescere l’offerta degli interventi.
Le sperimentazioni consentono inoltre di avere molto presente la dimensione della sostenibilità
economica degli interventi. La qualità come detto non può certo passare in secondo piano mai,
ma è anche necessario rivedere alcuni standard di intervento per alcune fasce di bisogno che
non trovano nella gamma dei servizi esistenti le risposte appropriate.
Anche l’Area della Prima infanzia sarà oggetto di Sperimentazione, per offrire a tutti i bambini
tra gli 0 e i 3 anni la fruizione dei servizi a loro dedicati. Nell’anno 2014 si sono avviati
approfondimenti con tutti i gestori privati dei servizi rivolti alla prima infanzia e si è
organizzato un convegno sulle nuove prospettive dei servizi rivolti a questa delicata fascia
d’età. Si è quindi consolidata l’idea che i servizi integrativi ai nidi tradizionali, quali i “tempi
39
per le famiglie” debbano essere ampliati per consentire da un lato ai bambini di accrescere le
proprie competenze relazionali e esplorative ed agli adulti accompagnatori di essere supportati
e di confrontarsi sui modelli educativi e sviluppare forme di auto aiuto. In prospettiva questo
intervento, rivisto in alcuni aspetti transculturali potrebbe accogliere un bacino d’utenza per ora
ancora lontano quale quello delle famiglie straniere e divenire anche un ottimo strumento di
integrazione. Nel corso del triennio, si procederà a sviluppare ulteriormente i servizi
complementare e diversi dai nidi, sia gestiti direttamente dal comune, sia dal privato sociale. In
questa prospettiva è allo studio anche la realizzazione di almeno due Poli per l’Infanzia 0-6
ipotizzati in stretto accordo con il Settore Pubblica Istruzione. Questo dovrebbe garantire, oltre
alla continuità educativa tra i servizi nido e scuole dell’Infanzia anche la messa in campo dei
vari servizi integrativi, facilitando le famiglie nell’interfaccia con l’istituzione e favorendo
accompagnamento educativo senza interruzioni tra un percorso formativo e l’altro. Questa
organizzazione, offerta alla generalità dei bimbi di un territorio cittadino, si immagina possa
favorire lo sviluppo di forme di associazionismo tra i genitori sempre più competenti
considerato il lasso di tempo a disposizione per crescere in termini di collaborazione e fiducia
nei confronti degli operatori educativi, delle insegnanti e dell’istituzione.
Di seguito vengono esposti gli obiettivi specifici riferiti alla Coprogettazione ed alla
Sperimentazione per il prossimo triennio
2.c Obiettivi specifici
1.
Coprogettazione dei servizi educativi domiciliari e servizi specialistici di
valutazione e presa in carico
Indicatori di risultato: aumento delle situazioni seguite con l’apporto anche delle risorse
informali del territorio. Completamento del percorso formativo tra Ambiti territoriali e terzo
settore su “La Riprogettazione dei Servizi per Minori” organizzato in collaborazione con
l’Associazione Intessere. Creazione di una cabina di regia pubblico e privato per il
monitoraggio degli esiti e la riprogrammazione degli interventi.
Tempi di realizzazione: entro il primo semestre 2015 avvio delle nuove modalità di lavoro.
40
2.
Coprogettazione dei minori servizi post scolastici territoriali per i minori tra i 6 e
i 14 anni
Indicatori di risultato: Migliore distribuzione dei servizi nelle diverse zone della città, con
attenzione a livelli diversificati di protezione educativa. Coinvolgimento delle famiglie nella
realizzazione degli interventi. Creazione di una cabina di regia pubblico e privato e il
monitoraggio degli esiti e la riprogrammazione degli interventi.
Tempi di realizzazione: 2015
3.
Coprogettazione dei Servizi informativi e di Orientamento per la fascia 15 29
anni
Obiettivi: organizzazione di poli informativi e di attività creative/culturali/sociali dislocati in
modo omogeneo nella città. Creazione di una cabina di regia pubblico (Comune di Brescia e
Collebeato) e privato per il monitoraggio degli esiti e la riprogrammazione degli interventi.
Indicatori di risultato: numero dei ragazzi/giovani coinvolti; percentuale di aumento alla
frequenza studiata annualmente; analisi delle competenze acquisite.
Tempi di realizzazione: predisposizione Bando entro il 2015; sviluppo dei nuovi servizi
entro il 2016.
4.
Anziani (quartiere San Polo): gestione di una filiera di interventi diversificati
Indicatori specifici: creazione di una nuova filiera di interventi nel quartiere di San Polo con
particolare riferimento alla residenzialità leggera; attivazione di nuovi servizi sperimentali ed
innovativi attivati rispetto all’esistente che sappiano tra l’altro integrare gli interventi del
volontariato con quelli professionali.
Indicatori di risultato: nuove associazioni/realtà coinvolte nella gestione. Nuovi servizi
attivati; incremento del numero di utenti seguiti
Tempi di realizzazione: Apertura del Bando entro il 2015; sviluppo dei nuovi interventi
anno 2016
5.
Sperimentazione nuovi servizi integrativi per la prima Infanzia
Indicatori di risultato: numero dei nuovi servizi avviati; conclusione accreditamento
41
Tempi di realizzazione: Avvio nuovi servizi entro il 2015; accreditamento dei servizi 2015 e
2016
6.
Sperimentazione Poli per l’Infanzia 0-6 anni
Indicatori di risultato: avvio sperimentazione in almeno due zone cittadine.
Tempi di realizzazione: entro il 2016 la prima sperimentazione; entro il 2017 la seconda
7.
Sperimentazione di un Sito WEB per le iniziative pubbliche e private rivolte ai
minori nel periodo estivo
Indicatori di risultato: co-costruzione del Sito, dedicando particolare attenzione al tema
della fruibilità per i bambini in situazione di disabilità
Tempi di realizzazione: giungo 2015
8.
Sperimentazione di iniziative di co-Housing sociale rivolto alle persone con
disabilità per favorire lo sviluppo di nuove forme di auto aiuto intergenerazionali e
l’integrazione nei quartieri
Indicatori specifici: numero dei servizi attivati; numero delle persone accolte; numero e
tipologia delle figure di sostegno reperite;
Tempi di realizzazione: anno 2015 per l’individuazione alloggi e loro messa a norma;
definizione criteri per la scelta del “co-inquilini sociali”; definizione beneficiari del servizio;
anno 2016 avvio del servizio. Nell’anno 2015 verrà inoltre consolidato il Progetto
Sperimentale “Durante Noi dopo di Noi” - Convivenza tra giovani adulti disabili e sostegno
alla loro autonomia attraverso il supporto di una rete di famiglie e la collaborazioni soci
dell’Associazione “Non solo Sport”.
42
3. La promozione di strumenti di arricchimento diffuso di conoscenza e
innovazione, di sviluppo permanente delle risorse umane e di
miglioramento dei comportamenti collettivi (behavior change)
3.a Conoscenza e innovazione
L’azione sociale, senza pensiero, senza ricerca, risulterebbe sterile, monca. Oggi, nel contesto
locale, privato sociale e pubblico sono entrambi privi di una propria funzione nell’ambito della
ricerca. Questo è, per certi versi, il frutto del vecchio rapporto committente – fornitore tra pubblico
e privato. I singoli non avrebbero le forze per sviluppare una propria funzione interna di
conoscenza e comunque non avrebbe senso, sia in un’ottica di economia complessiva, sia in
un’ottica di sviluppo sistemico. Allo stesso tempo, non convince il modello di acquisizione in toto
dall’esterno, attraverso commesse a enti di ricerca, della “conoscenza”, perché c’è bisogno di una
conoscenza situata, radicata nel contesto e perché essa non può essere disgiunta dalle funzioni di
governance e produzione, ma pensata all’interno di un humus e di un processo generativo e
evolutivo.
Al livello locale vi è un ufficio statistica comunale all’avanguardia e attivo e vi sono altri soggetti
(in particolare Enti e Fondazioni) che svolgono specifici lavori di studio. All’amministrazione non
manca dunque la possibilità di selezionare partner competenti, affidabili e già dotati di una
profonda conoscenza del contesto cittadino, coi quali sviluppare un’azione di lungo periodo per:
a.
Analizzare il sistema di produzione nei diversi aspetti (elementi macro-organizzativi,
andamento economico, lavoro, ecc.) per migliorarlo ed efficientarlo (ad esempio valutando
l’impatto dei diversi contratti di lavoro applicati dai produttori oppure il peso dei costi
generali sul totale dei costi);
b.
Analizzare i bisogni dei cittadini, la domanda espressa e potenziale, per verificare il gap tra
bisogni e offerta
c.
Creare una sorta di finestra sulle esperienze di innovazione realizzate altrove, su temi,
ambiti di attività di interesse (ad esempio i servizi alla prima infanzia alternativi agli asili
nido o i servizi per gli anziani con assistenza, protezione graduale e “diffusa”), che possano
essere utilmente riprodotte a Brescia al fine di cercare di mantenere il sistema del welfare
della città all’avanguardia in tutti i settori e per tutti i profili;
43
d.
Infine, ma non da ultimo, sarà investito dei compiti essenziali, trasversali a tutte le azioni
poste in essere, di monitoraggio delle iniziative e dei percorsi che verranno attivati, al fine
di tenere sotto controllo lo sviluppo progettuale e migliorarlo in itinere in una sorta di
laboratorio permanente (attraverso le analisi svolte e i dati di monitoraggio), e di
valutazione finale del Piano stesso.
3.b Sviluppo delle risorse umane
Gli obiettivi del Piano di Zona non potranno essere raggiunti senza un’evoluzione dei soggetti
coinvolti, organizzazioni e persone. L’Ambito ha molto chiaro che il modello di relazione con il
privato sociale, dalla commessa (più o meno competitiva) alla coprogettazione e le nuove modalità
di intervento, non si potranno realizzare appieno ed efficacemente senza un terzo settore idoneo,
maturo. Allo stesso tempo, anche agli operatori comunali, ai diversi livelli, è richiesto un profondo
cambiamento sia nell’identificazione di ruolo, che delle professionalità e delle modalità di
intervento.
L’idea di fondo è che, se l’intenzione è “lo sviluppo delle risorse umane”, si debba agire su un
triplice livello:
a.
Una ricognizione sullo stato attuale delle competenze e la realizzazione di percorsi
formativi e di accompagnamento finalizzati a sviluppare, nel breve termine, visioni,
competenze, abilità strategiche, chiave per traguardare gli obiettivi del progetto;
b.
Lo studio “partecipato” di un sistema (e di strumenti) di gestione delle risorse umane per
competenza che possa essere, senza pretesa di essere applicato uniformemente, un
mainstream (anche di qualità) di medio termine cui le diverse organizzazioni si orientano;
c.
La diffusione e il sostegno di modelli evolutivi di gestione delle risorse umane attraverso la
crescita delle figure professionali che hanno la responsabilità delle persone nelle
organizzazioni.
Per quanto riguarda le azioni formative, il pensiero di base è che ente pubblico e soggetti privati
possano crescere insieme, attraverso azioni di sviluppo delle risorse umane che favoriscano in
primo luogo l’incontro, il dialogo, la conoscenza reciproca e poi la specializzazione (ma una
specializzazione sistemica, costantemente aperta, insatura). Ciò costituirebbe un elemento di forte
accelerazione del processo di rapporto e di collaborazione inter-organizzativi.
44
Oltre a ciò, si intende sostenere gli obiettivi di ricambio generazionale che il privato sociale vorrà
darsi, favorendo la crescita, nelle organizzazioni, di giovani ad alto potenziale.
Per un corretto sviluppo delle risorse umane, dopo una prima essenziale ricognizione riguardo alle
competenze di partenza, si definiranno gli specifici percorsi per i diversi target e su diversi temi:
•
Temi di visione, di strategia e relativi alla valutazione, per i dirigenti pubblici, per i
membri del consiglio di indirizzo, per il top management;
•
Temi traversali di sviluppo professionale, ritenuti prioritari per l’evoluzione funzionale del
sistema di welfare, quali il community development, il project management, il fund/people
raising;
•
Per gli operatori dell’area sociale del Comune e per gli operatori del Terzo Settore, le aree
formative saranno di carattere tecnico e professionale (competenze specifiche di ruolo,
competenze metodologiche, ad esempio riguardo alla progettazione e alla valutazione
dell’efficacia degli interventi) e relative alle competenze trasversali (come la capacità di
lavorare in gruppo o le capacità relazionali).
La formazione sarà realizzata, il più possibile, attraverso modalità innovative: non solo aula, ma
visite,
testimonianze,
comunità
di
pratica,
stage
per
i
giovani,
azioni
di
coaching/accompagnamento di gruppo.
3.c Obiettivi specifici
1.
Strutturare in modo organico la raccolta e la diffusione dei dati utili all’assunzione di
consapevolezza e alla programmazione degli interventi, alla misurazione della loro efficacia,
alla quantificazione dei costi e delle risorse aggiuntive che la comunità mette a disposizione
Indicatori di risultato: creazione di metodologie condivise per la raccolta informazioni e
realizzazione di interventi integrati; strutturazione di una griglia condivisa per la misurazione degli
impatti
tempi di realizzazione: 2016/2017
2.
Organizzazione di percorsi formativi rivolti al personale del terzo settore e a quello
dell’amministrazione comunale al fine di potenziare lo sviluppo di linguaggi comuni e
45
condivisi
Indicatori di risultato: numero dei percorsi organizzati per ogni anno e numero partecipanti;
partecipazione equilibrata di persone provenienti dalla P.A. e dal Terzo Settore.
tempi di realizzazione: anno 2015 2016 2017
3.
Sperimentazione di campagne di miglioramento dei comportamenti in grado di
migliorare il benessere di specifici target di popolazione
Indicatori di risultato: almeno un’iniziativa per anno
Tempi di realizzazione: 2016 e 2017
46
4. La creazione di Organismi di Indirizzo come luoghi di stimolo e di sintesi
del dibattito pubblico e di costruzione di orientamenti condivisi
Per il Comune di Brescia, il “Consiglio di indirizzo del welfare della città” potrà rappresentare
l’approdo di alcune dinamiche partecipative che hanno caratterizzato le ultime tornate
amministrative del governo della città.
Da una parte la creazione delle “consulte” e dall’altra l’attivazione del “tavolo di coprogettazione”
legato specificamente alla redazione del PDZ, hanno, seppur in modo incompiuto, attivato
dinamiche di pubblica discussione e di partecipazione che richiedono di essere ulteriormente
riconosciute, stimolate, valorizzate.
L’attuale Amministrazione ha operato in proposito valorizzando il “Tavolo di coprogettazione” già
costituito in occasione del precedente PDZ, arricchito nella sua composizione con un
rappresentante delle fondazioni di erogazione e con i rappresentanti delle OOSS. Il Tavolo, da
luglio 2013 si è incontrato regolarmente diventando luogo di continuativo confronto ed
elaborazione delle linee operative del welfare cittadino e dei principali progetti messi in campo.
Anche questo PDZ è stato redatto attraverso un processo di confronto ed elaborazione col tavolo di
coprogettazione, scandito, nel corso del 2015, da incontri quindicinali.
Sempre nel quadro del confronto con le forze vive della città va ricordata la due giorni organizzata
nel mese di luglio 2014 con la partecipazione attiva di 40 operatori del privato sociale e 20
dell’amministrazione comunale.
Si tratta ora di compiere un passo ulteriore nel segno della partecipazione alla pubblica discussione
sul welfare della città.
Gli “stati generali del welfare della città” che verranno convocati entro l’estate 2015, una volta
approvato il PDZ, rappresenteranno un momento di condivisione, discussione e, si auspica,
sintonizzazione, non solo delle politiche pubbliche, ma delle prospettive di tutti gli operatori e dei
portatori di interesse della città.
Sarà importante poi, attraverso procedure adeguate e trasparenti, portare a coagulo le
rappresentanze dei soggetti vitali della città entro un organismo stabile – il Consiglio di indirizzo
del welfare – tale da svolgere un’azione permanente di orientamento stimolo e valutazione delle
politiche e azioni pubbliche e del privato sociale e assolvere eventuali compiti di coprogettazione
generale.
Al processo di costruzione partecipativa sperimentata a Brescia sarà associato stabilmente il
Comune di Collebeato (che negli anni ha già lavorato in forte integrazione con le associazioni ed il
Terzo settore presente) sul suo territorio, al fine di studiare possibili forme per giungere ad una
47
struttura di indirizzo dell’Ambito, tenuto conto della significativa asimmetria dei soggetti che la
compongono.
Obiettivi specifici:
1.
Organizzare gli stati Generali del Welfare della città
Obiettivi: condividere saperi e conoscenze; condividere linguaggi e obiettivi
Indicatore: realizzazione di almeno 2 giornate di studio
Tempi di realizzazione: 2015
2.
Definire le procedure per bandire la costituzione del Consiglio di Indirizzo ed il
regolamento dei suoi compiti:
Indicatori: definizione di regole condivise e loro formalizzazione
Tempi di realizzazione giugno 2016
3.
Approfondimento circa le modalità per dotare l’Ambito di un Consiglio di Indirizzo
Unitario
Obiettivi: Studiare con il Comune di Collebeato quali soggetti del Terzo settore con obiettivi
comuni possono essere coinvolti o coinvolgibili
Indicatori: incontri di approfondimento con Collebeato
Tempi di realizzazione: 2016
4.
Funzionamento Ordinario dei nuovi organismi
Tempi di realizzazione: 2016 e 2017
48
5. Verso la redazione del Bilancio Sociale Partecipativo come strumento di
verifica e valutazione trasparente
La costruzione collettiva del welfare dell’Ambito richiede la messa a punto di uno strumento di
condivisione delle informazioni e di analisi e valutazione delle attività svolte e dei risultati
conseguiti, che oggi manca. L’esperienza di molte altre pubbliche amministrazioni ci consegna il
“Bilancio sociale partecipativo” come la modalità più evoluta e consolidata per realizzare simili
obiettivi.
Nell’arco dell’orizzonte temporale del PDZ si lavorerà per dotare la città di un simile strumento
per quanto concerne l’area delle politiche di welfare. Il bilancio relativo all’esercizio 2015
rappresenterà una sorta di “numero zero”, una bozza martire utile ad avviare il processo che dovrà
consolidarsi nell’arco del biennio successivo.
Conoscere le esigenze della città in modo approfondito e integrato
Per realizzare l’obiettivo del BSP si procederà innanzitutto alla creazione di una base dati
adeguata.
A tal fine fondamentale è l’introduzione e la messa a regime nel corso dell’anno 2015 di una
nuova piattaforma informatica per la gestione delle cartelle sociali e dell’erogazione dei servizi
che sarà connessa al sistema informatico ASL. Nel prossimo mese di aprile 2015 verrà avviato il
sistema per i nuovi casi; entro luglio sarà concluso il trasferimento dell’intera memoria dei casi in
carico al comune di Brescia. Entro dicembre la connessione con ASL.
A questi dati si aggiungeranno quelli prodotti dal servizio statistico del Comune e quelli raccolti
attraverso il lavoro di territorio e il contatto con le organizzazioni del welfare cittadino. Il contatto
con l’associazionismo, il volontariato e i Consigli di quartiere porteranno nuovi sguardi dai
cittadini e sui cittadini, per poter meglio comprendere di cosa hanno bisogno e dove vogliono
orientare le risposte della Pubblica Amministrazione.
Tutto ciò confluirà nel BSP.
Obiettivi specifici:
1.
Avvio utilizzo nuova piattaforma informatica da parte del settore Servizi Sociali e del
Settore Amministrativo dell’Area
Indicatori di risultato: cartella sociale informatica su tutti i nuovi casi; autorizzazione ai servizi e
49
calcolo compartecipazione ai costi con nuovo sistema per tutti i nuovi casi
Tempi di realizzazione:triennio
2.
Scambio di informazioni con ASL sull’utenza comune
Indicatori di risultato: definizione dei progetti individualizzati con le informazioni offerte dal
sistema reciprocamente integrate.
Tempi di realizzazione: triennio
3.
Analisi dei dati condivisi
Indicatori di risultato: definizione di accordi operativi e protocolli che tengano conto dei dati
condivisi e studiati.
Tempo di realizzazione: Definizione della prima bozza martire sull’esercizio 2015 entro giugno
2016; Messa a punto procedure partecipative e realizzazione bilancio 2016 e 2017
50
6. Per un approccio alla persona nelle sua completezza: forme e priorità di
intervento
nelle
diverse
aree
di
Bisogno
realizzate
attraverso
l’integrazione con l’ASL in coerenza con le valutazioni dei 12 Ambiti
Territoriali
Nel capitolo introduttivo sulla Governance del Piano di Zona è stato descritto il processo di lavoro
del coordinamento degli Uffici di Piano nella Cabina di Regia, che hanno realizzato le presenti
linee Sovradistrettuali che impegnano tutti gli Ambiti Territoriali in modo omogeneo.
Rivedendo, infatti, le azioni poste in essere in questi mesi dalla Cabina di Regia, dal
Coordinamento degli Uffici di Piano e dai singoli Ufficio di Piano, sembra possibile intravedere
come i tre assi portanti della programmazione individuati e ribaditi a livello regionale
(RICOMPOSIZIONE, INTEGRAZIONE, OMOGENEIZZAZIONE), siano stati interpretati non
tanto a livello di singolo ambito territoriale, ma a livello sovra distrettuale.
Di fatto, rileggendo la parte inerente gli obiettivi e le priorità definite e assunte a livello sovra
distrettuale, nella parte iniziale del Piano di Zona Ambito 1 – 2012-2014 pag. 17-32, emerge
come, in particolare in questa tornata di programmazione, l’asse di tutte (o comunque della
maggior parte delle intese) si sia spostato dal livello locale (singolo Piano di Zona) a quello
sovradistrettuale (i dodici piani di zona afferenti all’Asl di Brescia).
La scelta di privilegiare la programmazione sovra distrettuale su partite importanti quali
l’integrazione socio sanitaria, l’integrazione delle policy (per esempio su temi quali il lavoro,
l’abitare, le politiche per i giovani, ecc.), di costruire degli obiettivi che riconoscono il tema della
“conoscenza” e degli strumenti per migliorarla come prioritari, di immaginare che le buone prassi
non siano da ritenere patrimonio esclusivo di qualcuno, più capace, più attrezzato, più innovativo,
ma possa esserci invece un impegno riconosciuto e esplicitato a diffonderle, a contaminare, ad
apprendere, anche per sostenere territori o realtà che fanno più fatica, che hanno meno
opportunità, ma che nel sistema devono stare, consente di affermare che per queste ragioni questo
piano di zona si sviluppa in assoluta coerenza con gli indirizzi regionali, ma anche secondo una
prospettiva che viene riconosciuta come prioritaria e probabilmente, in questo momento storico,
anche come l’unica veramente sostenibile, quella della CONNESSIONE dei soggetti, dei pensieri,
delle strategie, delle risorse (non solo finanziarie).
Quindi, quali sono le finalità, gli indirizzi strategici, gli “occhiali” con i quali leggere il presente
documento?
Una finalità RICOMPOSITIVA: avere previsto una parte corposa del Piano che sviluppa obiettivi
51
di carattere sovra distrettuale, omogenei per i dodici piani di zona, a partire da un’analisi condivisa
dei bisogni (più o meno approfondita), che afferiscono a ciascuna area, per pervenire
all’individuazione di obiettivi o piste di lavoro possibili sulle quali impegnarsi, condivise anche
con i soggetti del territorio che sulle singole partite sono rappresentativi o significativi, significa
avere tentato una ricomposizione di analisi, di pensiero, di programmazione, di realizzazione di
futuri servizi;
Una finalità di INTEGRAZIONE: una fetta consistente del lavoro fatto in questi mesi ha puntato
sul tema dell’integrazione, innanzitutto socio-sanitaria (e in questo senso la Cabina di Regia ha
lavorato, soprattutto in relazione al tema del Fondo non Autosufficienze), ma anche delle
politiche. I soggetti che si occupano di sociale, hanno oggi più chiaro di altri (un po’
probabilmente per necessità, ma anche certamente per la capacità che in questi anni hanno dovuto
affinare di analizzare i problemi e ricercare soluzioni secondo una prospettiva non solo di mera
erogazione di risposte tradizionali, ma innovativa, di ricerca di soluzioni fuori dal recinto
(qualcuno dice dal fortino) che i problemi delle persone, delle organizzazioni, dei sistemi sociali
sono strettamente interconnessi e che agire secondo logiche corporativistiche, prettamente
specialistiche, non funziona (ne è un chiaro esempio il tema dell’abitare, rispetto al quale, per
esempio, ci troviamo oggi in un sistema che presenta un’offerta molto elevata a fronte di una
domanda elevatissima ma di risposte con caratteristiche diverse, non conciliabili con la
disponibilità attuale, del mercato, che ha operato per anni senza tenere in considerazione i bisogni
reali delle persone , ecc.) e quindi da tempo hanno tentato di stare dentro una logica di
integrazione delle policy, pur con competenze insufficienti, ma che nel tempo stanno migliorando
e vengono anche riconosciute (le politiche di welfare di fatto vanno nella direzione di tenere
dentro tutti i soggetti del territorio, le istituzioni, il privato sociale, il privato);
Una finalità NEGOZIALE/GENERATIVA: nelle diverse aree di lavoro individuate l’accento
viene costantemente posto sulla necessità di condividere delle prassi di approccio ai problemi, le
possibili soluzioni, da sviluppare poi secondo modelli omogenei (nell’approccio e nella visione),
ma specifici nella declinazione operativa. L’impegno assunto dai diversi soggetti e territori è
quello di mettere a disposizione di tutti quello che funziona, in un’ottica generativa, di sostegno
reciproco, di crescita anche delle professionalità, che si arricchiscono nella misura in cui si
confrontano con altri approcci e altre competenze. In questa prospettiva le sperimentazioni
possono essere strade che alcune realtà approcciano, ma in condivisione con altri soggetti i quali si
pongono in una logica di apprendimento, di confronto, di verifica condivisa, per avvicinare,
omogeneizzare, innovare. Così agendo si mette, di fatto, in atto un’azione di “governo della rete”
e di tendenziale omogeneizzazione (come di fatto da tempo avviene per esempio rispetto al Fondo
52
Sociale Regionale, al Fondo non Autosufficienze, al Fondo Intesa, al Piano Nidi, ecc.).
A fronte di quanto sopra e in coerenza con la storia di questi anni, si ritiene che la prospettiva di
lavoro qui delineata ponga in capo all’Ufficio di Piano (come soggetto che anche la Regione, nelle
linee di indirizzo, valorizza come soggetto strategico che presidia la funzione di integrazione tra i
diversi soggetti del welfare, di promotore di connessioni e opportunità) la responsabilità di dare
concretamente corpo agli obiettivi indicati.
La fragilità che caratterizza tale soggetto sembra giocare contro questa ipotesi; tuttavia nei fatti (e
questa programmazione l’ha reso più evidente che in passato) si tratta di un soggetto che nella
realtà bresciana è riconosciuto, è radicato dentro la maggior parte dei territori soprattutto nella
relazione con i singoli comuni, è sufficientemente dinamico e ideativo da saper tradurre gli
obiettivi e i pensieri in azioni concrete, in progetti, in interventi, ha la capacità di tenere insieme il
livello micro (livello territorio, con realtà comunali o di Terzo settore anche molto piccole e
specifiche), ma di agire anche a livello più macro (degli altri Uffici di Piano, dell’Asl, della
Regione, ecc.).
Toccherà, quindi, soprattutto agli Uffici di Piano (e da qui il richiamo forte alla funzione del
Coordinamento provinciale) dare continuità ai contenuti del Piano di Zona qui descritti, agendo
secondo modalità che dovranno essere individuare e presidiate per mantenere fede, sul piano
ovviamente tecnico, agli impegni assunti anche con i vari soggetti che in questa partita sono stati
coinvolti.
Nel triennio 2015-2017 saranno rivisti tutti i protocolli in vigore e riprogrammati incontri di
confronto per sviluppare nuove forme di collaborazione sui casi in carico.
Gli obiettivi specifici tengono conto anche delle indicazioni sovra distrettuali condivise nella
Cabina di Regia.
4.a Definizione di Azioni Innovative e Sperimentali
• Area Minori e Famiglia
Pur nell’eterogeneità che caratterizza il territorio dei 12 ambiti territoriali dell’Asl di Brescia, il
tema emergente, per altro abbastanza diffuso in tutto il nostro paese, è quello della crescente
difficoltà delle famiglie a gestire le relazioni, sia al proprio interno che all’esterno. Da qui le
53
difficoltà in campo educativo e il malessere che sempre più frequentemente determina
l’interruzione del rapporto di coppia, con effetti spesso drammatici, soprattutto dove sono presenti
dei bambini.
La crisi economica attuale, con il suo carico di incertezze e tensioni, alimenta questo stato di cose
e l’evidente contrazione dello stato sociale, sia in termini quantitativi che di effettiva capacità
operativa rende inascoltate le richieste d’aiuto sempre più pressanti.
Questo fenomeno di disaggregazione o di crisi delle relazioni propone degli aspetti di maggiore
criticità all’interno delle famiglie dove sono presenti dei minori che, proprio per la loro condizione
di fragilità, pagano il maggior peso della situazione. E se, per i bambini più piccoli, il disagio si
consuma all’interno dell’universo della propria famiglia, con l’aumento dell’età esso tende ad
esplodere (come peraltro è naturale in un percorso evolutivo) verso l’esterno, verso un mondo più
complesso, con un’aggressività (quando non è violenza) inaspettata. Sono, infatti, numerose e
sempre più complesse le situazioni che entrano nel circuito giudiziario, sia per quanto riguarda
interventi di tutela dei minori in senso proprio, sia per quanto riguarda interventi di mediazione nel
contesto di separazioni conflittuali e in relazione al penale minorile.
Il numero dei minori in carico ai servizi per la Tutela dei minori degli Ambiti territoriali dell’Asl
di Brescia è passato dai 3359 del 2011 ai 3528 del 2013 (+ 4,79 %). Disaggregando il dato per
fasce d’età è interessante notare l’incremento del 20,35 % delle situazioni che riguardano i
bambini da 0 a 2 anni, segno forse di una fragilità delle giovani famiglie, nonché l’incremento dei
9,57 % degli adolescenti (14 – 17 anni). Questo secondo dato rappresenta due aspetti: da un lato
l’ingresso di nuovi adolescenti nel sistema “tutela” è il segno di un profondo disagio, dall’altro il
permanere di situazioni da tempo in carico è un preciso segnale sul “senso” degli interventi
attualmente attivi.
Il malessere relazionale all’interno delle famiglie è inoltre evidenziato da un dato molto
significativo: nel 2013 la “conflittualità di coppia” rappresenta il 24,89 % ( diventa 25,46 % nel
2014) delle tipologie di disagio e/o di problematiche familiari per le quali è in corso un
procedimento presso l’Autorità Giudiziaria dove sono coinvolti dei minori.
Nella triennalità 2012/2014, anche in relazione alla DGR 2508/2011 “ Linee di indirizzo per una
nuova governance delle politiche giovanili in Regione Lombardia 2012-2015 “ e il successivo duo
n. 2675 del 29.03.2012 gli ambiti distrettuali hanno proposto una progettualità sovradistrettuale
per ambiti contigui, con azioni mirate ai territori, che ha soprattutto avviato un processo
costruzione di rete di diversi soggetti, tra cui anche coloro che normalmente non operano nel
sistema dei servizi alla persona, come le imprese, le attività commerciali o le associazioni culturali
e/o di promozione del territorio. Il risultato di tali azioni per quanto caratterizzato da una mancata
54
continuità, ha comunque posto in rilievo la necessità e la disponibilità di molti soggetti a
condividere progetti che incidere in qualche modo sulla difficoltà di partecipazione sociale, in
particolare nel settore del lavoro, da parte di molti giovani.
Gli obiettivi di sistema e le conseguenti azioni del precedente Piano di Zona orientati alla
definizione di buone prassi condivise a livello sovra distrettuale alla definizione e sperimentazione
di nuovi servizi residenziali per minori economicamente sostenibili hanno avuto nel triennio 20122014 hanno avuto uno sviluppo altalenante:
− è stato costituito un coordinamento dei servizi tutela quale organo tecnico professionale
finalizzato a condividere buone prassi e linee guida organizzative per i diversi servizi;
− i servizi tutela minori dei diversi territori hanno avviato un percorso di condivisione linee
guida e prassi di intervento, anche in relazione alle modifiche normative che sono
subentrate nel frattempo (in particolare la legge 10.12.2012, n. 219), in relazione alle
situazioni complesse che coinvolgono più territori e più soggetti istituzionali (comuni,
Asl, Autorità Giudiziaria, USSM, avvocati, servizi specialistici territoriali,…);
− le sperimentazioni di nuovi servizi (Centri Diurni per adolescenti, Servizi di prossimità
familiare, Case di accoglienza sperimentali per minori stranieri non accompagnati, alloggi
protetti per l’autonomia) sono state avviate a macchia di leopardo, anche grazie alla
collaborazione degli enti gestori e del terzo settore; è comunque avviata una riflessione
profonda per la revisione del sistema attuale.
La rete attuale dei servizi che si occupano delle famiglie e minori in condizione di difficoltà
abbastanza diversificata e, per certi versi, frammentata. In generale l’impostazione dei servizi è
orientata al “problema” secondo uno schema classico di domanda-offerta di prestazioni; è
viceversa carente da un punto di vista di accoglienza e “presa in carico” della famiglia nel suo
insieme di unità sociale e di complessità di problematiche.
Il servizio di Assistenza domiciliare e/o educativa a favore dei minori, che è in qualche modo lo
strumento classico, pur con diverse sfaccettature organizzative da parte dei territori, attivato dai
servizi sociali per far fronte alle situazioni di disagio che coinvolgono i minori, dimostra
comunque almeno in termini quantitativi una sua tenuta, anche se da più parti emerge sempre di
più l’esigenza di ridefinizione di tale strumento, ampliandone il target di intervento, con il
coinvolgimento del nucleo familiare di appartenenza e del contesto sociale di vita del minore.
Gli interventi in area minori, con particolare riferimento alle situazioni di disagio, coinvolgono
una pluralità di soggetti (enti, istituzioni, organizzazioni del no profit), la cui necessità di
coordinamento, se non proprio di stretta integrazione, è indispensabile al fine di non disperdere le
55
già esigue risposte sia in termini professionali, che finanziari.
Le principali criticità rilevate nell’area sono:
la complessità delle situazioni in carico ai servizi tutela minori dei vari ambiti è in continua
crescita e necessita di interventi sempre più integrati, che coinvolgono più servizi e più territori.
Sono in aumento le situazioni in carico, sia su mandato del T.O. che del T.M. che interessano più
ambiti, in relazione alla residenza dei genitori dei minori in carico:
-
il costo elevato dei collocamenti dei minori presso i servizi residenziali che diventa sempre più
difficilmente sostenibile a fronte del presente contrarsi delle risorse economiche dei comuni;
-
la fascia d’età degli adolescenti sta facendo emergere criticità importanti che nell’ambito dei
servizi per la tutela dei minori sta mettendo in crisi l’intero sistema: affidi familiari che
saltano, comunità educative che non reggono la complessità di talune situazioni; e questo
impone una riflessione circa la sua efficacia;
-
vi è un’ampia fascia delle situazioni di disagio di minori e delle loro famiglie che è poco o
insufficientemente presidiata: si tratta di quelle situazioni ove si posso rilevare quegli elementi
di comportamento e di distorsione delle relazioni familiari che, spesso in concomitanza con un
elemento scatenante, possono deteriorarsi e portare a situazioni di grave pregiudizio per i
minori con la conseguente segnalazione all’Autorità giudiziaria.
Elementi di progettazione
Premessa alla progettazione di qualsiasi azione e/o intervento è la definizione e la legittimazione di
uno spazio di pensiero finalizzato a creare significato, ovvero a leggere la realtà sociale attuale e
orientare funzionalmente ad essa il senso delle azioni dei servizi e conseguentemente ridisegnarne
l’organizzazione.
Le linee di progettazione per il prossimo triennio possono essere definite su due macro obiettivi:
-
la tenuta del sistema di protezione e tutela dei minori, con particolare riferimento alle
situazioni di maggiore fragilità/disagio, grazie ad una necessaria ridefinizione dello stesso
mediante la costruzione di buone prassi condivise a livello sovradistrettuale;
-
la sperimentazione di nuovi o diversi servizi maggiormente efficaci ed economicamente più
sostenibili nell’attuale contesto.
Di seguito l’indicazione schematica degli obiettivi per il prossimo triennio:
1.
Obiettivo: Servizi tutela minori: definizione buone prassi condivise a livello sovra
distrettuale
56
Interventi ed azioni di sistema: Definire i rapporti con i diversi soggetti coinvolti nelle azioni
connesse con la tutela dei minori sottoposti a provvedimenti dell’Autorità giudiziaria, in particolar
modo il T.M., il T.O., l’USSM, gli avvocati, i servizi specialistici territoriali (NPI, SerT, CPS,…);
Definizione e regolamentazione degli “incontri protetti” previsti dal T.O. e dal T.M.
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione/ equipes multidisciplinari
Risorse impiegate: Servizi tutela minori e del Servizio professionale di base
Strumenti utilizzati: Protocolli operativi, Linee guida organizzative
Indicatori di esito: Definizione e approvazione atti da sottoporre alla Cabina di regia integrata
Strumenti di valutazione: Documenti condivisi definiti e Soggetti aderenti
Tempi di realizzazione: entro il triennio
2.
Obiettivo: Definizione e sperimentazioni di nuovi servizi residenziali e/o diurni
economicamente sostenibili
Interventi ed azioni di sistema: Progettare e promuovere, nell’ambito di quanto previsto dall’art.
13 della L.R. n. 3/2008, nuovi modelli gestionali per le comunità di accoglienza per i minori
tenendo conto del mutato contesto sociale ed economico di riferimento.
Avviare e, dove già esistenti, incrementare i servizi diurni dedicati ai minori, con particolare
attenzione agli adolescenti, curando il legame con il territorio.
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione/ equipe multidisciplinari
Risorse impiegate: Operatori dei Servizi tutela minori e del Servizio professionale di base Enti
gestori dei servizi
Strumenti utilizzati: Progettazioni/Studi di fattibilità
Indicatori di esito: Avvio di nuovi servizi (almeno 1 per ciascuna DGD)
Definizione di buone prassi
Strumenti di valutazione: Documenti di Progettazione
Tempi di realizzazione: Entro il Triennio
3.
Obiettivo: Attenzione alle situazioni di fragilità e di disagio
Interventi ed azioni di sistema: Valutare e ridefinire le modalità di intervento a favore delle
situazioni familiari in particolare condizione di disagio anticipandone in qualche modo la presa in
carico al fine di evitare la deriva di tali situazioni a condizioni di pregiudizio per i minori e quindi
la necessaria segnalazione all’Autorità Giudiziaria
Modalità di integrazione: Formazione condivisa
Laboratori di sperimentazione
57
Risorse impiegate: Operatori dei Servizi tutela minori e del Servizio professionale di base
Enti gestori dei servizi
Strumenti utilizzati:
Gruppi di formazione e di autoformazione
Laboratori di condivisione e sperimentazione
Azioni di sostegno alla genitorialità
Indicatori di esito:
Definizione di buone prassi
Avvio di almeno 2/3 gruppi/laboratori a valenza sovradistrettuale
Strumenti di valutazione: Documenti di progettazione, monitoraggio degli esiti
Tempi di realizzazione: triennio
Specificatamente per l’Ambito 1:Promuovere l’Affido familiare su tutto il territorio dell’Ambito ,
grazie anche al progetto Provinciale realizzato in collaborazione con il Forum del Terzo settore e
che ha permesso l’ottenimento di un Finanziamento specifico da Fondazione Cariplo.
• Politiche Giovanili
Oltre le situazioni già “esplose” vi è una realtà diffusa di spazio “vuoto” dove si può collocare una
parte consistente degli adolescenti e dei giovani: è lo spazio dei “NEET”, coloro cioè che non
studiano, né lavorano, ma anche degli abbandoni e/o del cambiamento di percorsi scolastici, dei
giovani precari che lavorano per periodi saltuari e/o per contratti a orario ridottissimo che non
garantisce un sufficiente, seppur incerta, entrata economica. Si tratta di una grossa parte di
popolazione a forte rischio di emarginazione sociale, quando non già ai margini di un sistema
sociale (e il sistema dei servizi alla persona è coerente al modello generale) basato sulla capacità
degli individui di essere attori con un potere contrattuale.
I dati ISTAT confermano che la percentuale dei “neet” è passata dal 17,7 % del 2009 (in
Lombardia 13,2%) al 22,2 % del 2013 (in Lombardia 16,5%) considerando la fascia d’età 15-24
anni; se consideriamo la fascia d’età 15 – 29 anni le percentuali sono maggiori: da un 20,5 % del
2009 (in Lombardia 14,3%) ad un 26 % del 2013 (in Lombardia 18,4 %). Parallelamente il tasso
generale di disoccupazione per la fascia d’età 15 – 29 anni è passato in Lombardia dal 12,1 % al
20,1 % (in Provincia di Brescia dal 10,5 % al 186 %).
58
% su popolazione per classe
d'età
Neet tra 15 - 29 anni Lombardia
20,0
18,0
16,0
14,0
12,0
10,0
8,0
6,0
4,0
2,0
0,0
18,4
14,3
2009
15,3
2011
2013
anni
% su popolazione per classe
d'età
neet 15 - 24 anni Lombardia
18,0
16,0
14,0
12,0
10,0
8,0
6,0
4,0
2,0
0,0
16,5
13,2
13,8
2009
2011
2013
anni
Figure 19 e 20 – Fenomeno dei NEET in Lombardia. Fonte: ISTAT
Interessante è, inoltre, il dato relativo ai sottoccupati che passano dal 2,3 % del 2009 al 4,4 % del
terzo trimestre 2014 (dato a livello nazionale relativo a giovani tra i 15 e i 34 anni) e soprattutto
quello del part-time involontario, ovvero coloro che si adattano a contratti di lavoro part-time, che
passano dal 56,7 % del 2009 al 77,4 % del terzo trimestre 2014 (dato a livello nazionale relativo
a giovani tra i 15 e i 34 anni; per i giovani maschi si passa dal 58,4 % del 2008 al 66,2 % del 2009
fino al 87,6 % del terzo trimestre 2014).
Il dato sulla dispersione scolastica è altrettanto indicativo dal momento che 1 studente su 5
abbandona l’anno in corso (in Lombardia 1l 15,5 % il primo anno e l’11,4% il secondo)
Anche la contrazione del welfare, o anche più semplicemente la crescita delle quote economiche di
partecipazione alla spesa richieste ai cittadini o l’orientamento della spesa pubblica alle emergenze
più critiche, tende a escludere chi non ha la possibilità di sostenere tale spesa.
Abbandono scolastico
I dati sulla dispersione scolastica (fonte: MIUR) ci restituiscono un’immagine preoccupante del
nostro Paese: nelle scuole secondarie di secondo grado 1 studente su 5 abbandona l'anno in corso
(in Lombardia il15,5% il primo anno e l’11,4% il secondo). Il tasso di bocciature nel primo anno è
in media il 20% ma negli istituti professionali sale fino al 35%. I dati sul ritardo scolastico ci
59
dicono che in provincia di Brescia il 42% degli studenti iscritti alla scuola secondaria di secondo
grado è in ritardo di almeno un anno rispetto al regolare percorso di studi. Anche i dati sulla
disoccupazione giovanile (15-24 anni) non descrivono una situazione migliore (fonte: Istat e
Osservatorio Provinciale di Brescia): in Italia è al 35,9% e in provincia di Brescia è intorno al
30%. Eppure, dal lato delle imprese, leggendo l’ultima indagine Excelsior emerge che il 19,7%
delle assunzioni non stagionali sono considerate dalle imprese di difficile reperimento.
L'inadeguatezza dei candidati richiama soprattutto la mancanza di una formazione/preparazione
adeguata (40,9%) e la mancanza di caratteristiche personali adatte allo svolgimento della
professione (21,5%).
Elementi di progettazione
Premessa alla progettazione di qualsiasi azione e/o intervento è la definizione e la legittimazione di
uno spazio di pensiero finalizzato a creare significato, ovvero a leggere la realtà sociale attuale e
orientare funzionalmente ad essa il senso delle azioni dei servizi e conseguentemente ridisegnarne
l’organizzazione.
Le linee di progettazione per il prossimo triennio possono essere definite attraverso un macro
obiettivo:
creare un sistema di “opportunità” per adolescenti e giovani, con particolare riguardo
all’orientamento (o ri-orientamento) da intendersi come un’attività dinamica centrata sul giovane
ove azione formativa, informativa ed educativa sono integrate; in quest’ottica l’orientamento può
essere connotato come un’azione in grado di promuovere percorsi di crescita mediante lo sviluppo
di competenze coerenti sia con attitudini e scelte personali, sia con le esigenze di inserimento nel
mondo del lavoro. Tale obiettivo si pone quale “sperimentazione di sistema” a livello
sovradistrettuale che si propone di coinvolgere i vari livelli di governance provinciale e regionale
(in particolare in tema di formazione e lavoro).
Di seguito l’indicazione schematica degli obiettivi per il prossimo triennio:
Obiettivo: Sostenere l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro
Interventi ed azioni di sistema:
•
Promuovere politiche territoriali che favoriscano l’inserimento dei giovani nel mondo del
lavoro attraverso l’elaborazione di progetti innovativi;
60
•
Azioni sinergiche al fine di creare opportunità;
•
Attività di orientamento e di riorientamento per favorire l’acquisizione di competenze.
Modalità di integrazione: Accordi di collaborazione
Risorse impiegate: Servizi per i lavoro e Associazioni di categoria, Centri di formazione
professionale, Risorse degli Enti locali, imprese, agenzie per il lavoro e centri per l’impiego, Terzo
Settore.
Strumenti utilizzati: Reti organizzative, progetti sperimentali di start up di impresa; Accordi di
collaborazione con i Centri di formazione professionale e le associazioni di impresa
Indicatori di esito: Progetti avviati
Strumenti di valutazione: documenti di valutazione e monitoraggio esiti
Tempi di realizzazione: entro il triennio
• Disabilità
Da un’attenta analisi a livello territoriale emerge non solo l’aumento esponenziale del numero
delle persone disabili, ma anche una significativa differenziazione delle caratteristiche patologiche
e del tipo di bisogno/offerta socio- assistenziale- sanitaria.
La contingenza economica attuale che non consente una moltiplicazione proporzionale di servizi e
delle strutture dedicate sia a livello sociosanitario, che a livello sociale, e l’esigenza di risposte
sempre più diversificate impongono l’individuazione in modo chiaro di obbiettivi prioritari e delle
conseguenti azioni da mettere in campo per affrontare le problematiche della disabilità.
A fronte di una saturazione dei servizi, di risorse limitate rispetto ad un continuo aumento di
richieste, è necessario promuovere una domiciliarità più sostenibile attraverso:
- il potenziamento della connessione tra il sistema sociale e sociosanitario nella valutazione
multidimensionale dei bisogni;
- la realizzazione di una progettazione individualizzata e l’attivazione di percorsi assistenziali
integrati con l’obiettivo di garantire l’appropriatezza delle cure e la semplificazione
dell’accesso per le famiglie.
- l'analisi delle unità d'offerta/servizi esistenti
- revisione dei progetti di doppia frequenza a servizi (CDD+ CSS, CSE+CSS) nel rispetto dei
bisogni della persona e con la conseguente messa a disposizioni di posti per nuovi inserimenti
o la possibilità di reinvestimento delle risorse resesi disponibili;
61
- l'utilizzo di una maggior flessibilità nei servizi socio assistenziali e introduzione di
servizi/interventi più sostenibili.
AZIONI avviate nei Piani di Zona 2012-2014 nell’area Disabilità
In riferimento agli obiettivi previsti a livello sovradistrettuale per i Piani di Zona 2012-2014
nell’area della disabilità, sono state realizzate le seguenti azioni:
- Approvazione Linee Guida sulla Protezione Giuridica a livello Provinciale;
- Avvio graduale dell’attivazione di progetti/azioni sperimentali all’interno delle strutture
residenziali per contenere la contemporanea frequentazione di strutture residenziali e di servizi
diurni;
- Sviluppo di accoglienze temporanee di disabili a sollievo dei care giver.
Obiettivo: Perseguire il benessere psico fisico e l’integrazione della persona disabile
all’interno di un sistema di servizi sostenibile nel tempo.
Interventi ed azioni di sistema:
•
Sviluppo di risposte alternative al “doppio servizio”, cioè alla frequenza di strutture
residenziali (CAH-CSS) e unità di offerta diurne (CDD, CSE, SFA) non solo per un
contenimento della spesa ma anche per garantire nuovi accessi alle strutture
semiresidenziali di persone in lista di attesa;
•
Avvio di interventi sperimentali in area sociale per i disabili lievi /medi tra cui progetti di
“servizi leggeri”, sostegno all'autonomia, tempo libero;
•
Potenziare gli interventi di inserimento/inclusione/socializzazione dei minori disabili
all’interno dei servizi territoriali extrascolastici (grest, CAG, oratori, ecc.), attraverso
l’utilizzo delle risorse del FNA (voucher) e mediante azioni di programmazione territoriale
finalizzate a creare sinergie e a mettere in rete i servizi esistenti;
•
Garantire l’avvio e/o la prosecuzione dei progetti di vita indipendente ai sensi della ex
legge 162 per persone in condizione di grave disabilità, con interventi a sostegno della
domiciliarità e dell'inclusione, anche al fine di contenere il ricorso a strutture residenziali;
•
Potenziare il servizio di inserimento per l'integrazione lavorativa delle persone disabili,
nelle forme che ogni Ambito valuterà più opportune, in collaborazione con i servizi
pubblici di cui alla L. 68/99, il Terzo Settore, la rete delle Agenzie per il Lavoro e le
Associazioni di categoria delle imprese.
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione/ equipe multidisciplinari
Risorse impiegate: Operatori degli Uffici di Piano, ASL, Terzo settore
62
Strumenti utilizzati: Incontri periodici di coordinamento
Indicatori di esito: Progetti avviati
Strumenti di valutazione: Documenti di progettazione e Monitoraggio
Tempi di realizzazione: Triennio
Specificatamente per l’Ambito 1, in continuità e coerenza con le indicazioni programmatiche
regionali (per limitarsi agli atti più recenti: Libro Bianco sul sistema sanitario e sociosanitario –
DGR 2941/2014 – DGR 2989/2014) si prevede di studiare lo strumento del budget di cura al fine
di orientare la trasformazione del welfare territoriale verso un sistema:
• basato sulla centralità del progetto individuale e quindi con la ricerca e la promozione del
massimo coinvolgimento possibile della persona;
• necessariamente flessibile;
• fortemente caratterizzato da una elevata integrazione e capacità di ricomposizione con l’ASL
sia per la componente tecnica che economica.
• Anziani
L’area anziani si è negli anni arricchita di una rete articolata e composita di servizi di cura oggi
presente e diffusa sul territorio, non solo le RSA e i Centri Diurni ma anche i servizi relativi alla
domiciliarità, sostenuti anche attraverso sostegni di carattere economico. Nel contempo è cresciuto
il numero dei fruitori degli interventi/servizi e in riferimento della presenza di patologie croniche,
quali demenza e/o di Alzheimer, si sono complessificate le esigenze di cura e di assistenza.
Le principali criticità rilevate nell’area sono:
•
Difficile sostenibilità economica dei servizi storici da parte delle famiglie e dei comuni
(RSA, Centro Diurno Integrato, alloggi protetti);
•
Significativo carico di cura richiesto alle famiglie, supportate solo in parte dai vari
interventi istituzionali (Sad, Adi) e aggravate dalle difficoltà a conciliare esigenze familiari
con quelle lavorative, e dal carico degli interventi di cura;
•
Tempi di attesa per eventuali ricoveri temporanei e/o provvisori;
•
Scarsa presenza di riposte di accoglienza residenziale “protette” del circuito socio
assistenziale, di possibile immediata attivazione, da utilizzare soprattutto come risposte a
bisogni abitativi alternativi, e con valenze diverse (avvicinamento alla residenzialità,
63
protezione sociale, monitoraggio, ecc) .
Di
seguito
l’indicazione
schematica
degli
obiettivi
per
il
prossimo
triennio:
Obiettivo: Sperimentare azioni innovative a sostegno delle famiglie
Interventi ed azioni di sistema:
- sperimentare in accordo con i soggetti del territorio servizi “leggeri” e risposte di housing
sociale per le persone anziane che restano sole e necessitano di un sistema di protezione
minimo;
- sviluppare strumenti di conoscenza rispetto alle modalità di supporto utilizzate dalle famiglie
per l’assistenza alle persone fragili a domicilio (assistenti familiari/badanti).
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione
Risorse impiegate: Operatori degli Uffici di Piano, ASL, Terzo settore
Strumenti utilizzati: Incontri periodici di coordinamento
Indicatori di esito: Progetti avviati
Strumenti di valutazione: Documenti di progettazione monitoraggio esiti
Tempi di realizzazione: Triennio
• Politiche del Lavoro
La tematica del LAVORO, negli ultimi anni, si è imposta con forza all’attenzione di chi si occupa
di Welfare poiché, la mancata occupazione, la fuoriuscita di un gran numero di persone dai
contesti produttivi, l’impossibilità a nuovi inserimenti e la rapidità con cui sono avvenuti i
cambiamenti hanno portato con sé gravi conseguenze sociali (povertà, esclusione sociale, acuirsi di
alcune patologie…).
Si rende pertanto necessario definire innanzitutto lo sguardo con cui si guarda alle politiche del
lavoro in un contesto programmatorio, qual è la costruzione del Piano di Zona per il triennio
2015/2017.
Ci pare di poter affermare che è qui nostro compito guardare al problema (bisogni, ma anche
risorse) con la duplice finalità di rispondere ad un problema emergente da un lato, e avviare la
costruzione di azioni strategiche e prospettiche per affrontare il mutato contesto lavorativo
dall’altro; ovvero differenziando le risposte di contenimento ed integrazione al reddito dagli
interventi promozionali ed incentivanti l’occupazione.
64
La complessità del tema e l’evidente trasversalità delle ricadute chiedono uno sforzo nella
direzione di una diminuita frammentazione delle risposte (di titolarità, distribuzione delle risorse,
nelle conoscenze su domanda e offerta possedute dai diversi soggetti, nei servizi stessi e nei
percorsi di presa in carico) e di una necessaria integrazione con le politiche abitative, politiche
giovanili e formative.
Analisi dei bisogni - alcuni dati
Di seguito i dati lavoro, tutti aggiornati e rivisti al 31/12/2014:
- occupazione/disoccupazione (Giornale di Brescia 28/02/2015)
Il centro per l'Impiego della Provincia di Brescia ha messo a consuntivo i dati raccolti negli otto
uffici dislocati nel nostro territorio, rilevando per il 2014 un ulteriore peggioramento della
situazione rispetto al 2013: il saldo tra avviamenti e cessazioni, al 31/12/2014, risulta negativo di
13.835 unità, rispetto alle 8.781 del precedente anno
In dodici mesi il mercato del lavoro locale ha segnato un significativo aumento dei disoccupati, da
126.896 a 142.337 unità, anche se è indispensabile chiarire che nella voce "disoccupati" sono
compresi coloro che non hanno mai avuto un lavoro e che ora sono alla ricerca di occupazione, le
persone che hanno cessato un lavoro e sono disponibili ad avviarne un altro, e i bresciani che pur
avendo un'occupazione percepiscono un reddito annuo inferiore a 8mila euro.
Senza questa precisazione, il dato espresso dalla nostra Provincia (disoccupazione vicina al 24%)
risulterebbe di gran lunga superiore a quello nazionale (13.2%), ma non comparabile in quanto
l'ISTAT non conteggia i soggetti con reddito inferiore agli 8mila euro lordi.
Il mercato del lavoro bresciano, secondo i dati del Centro per l'Impiego sta comunque vivendo un
momento piuttosto difficile. In tre anni (2012-2014) oltre 36.000 lavoratori sono entrati nel gruppo
dei disoccupati.
- occupazione femminile
Negli anni ’70 la forza lavoro femminile era considerata una forza lavoro debole, nel corso degli
anni ’90, è cresciuta la cosiddetta tendenza alla femminilizzazione dell’occupazione, ma gli anni
della crisi evidenziano un numero sempre più crescente di donne disoccupate che si rivolgono ai
Centri per l’Impiego provinciali. Al 31/12/2014 il numero delle persone disoccupate che si sono
rivolte ai Centri per l’Impiego provinciali, come sopra riportato, sono 142.337, suddiviso tra
69.600 maschi e 72.737 femmine. Le donne rappresentano il 51.10%, mentre i maschi il 48.90%
del numero totale dei disoccupati, con un live incremento ancora a sfavore per le donne rispetto al
2013 (m. 49.21% e f. 50.79%).
65
Rispetto alle 77.000 donne circa, avviate al lavoro nel corso del 2014, il 79.69% (1 punto
percentuale in meno dell'anno precedente) ha trovato lavoro nel settore terziario; tra i contratti
utilizzati il 68% è a tempo determinato e solo il 17% a tempo indeterminato (si arriva al 100% con
tutte le altre forme contrattuali).
MACRO OBIETTIVO: Favorire inserimento e il re-inseriemento al lavoro
1.
Obiettivo: Ricomporre i dati sull’occupazione a livello provinciale
Interventi ed azioni di sistema: Sviluppare strumenti di integrazione e di conoscenza dei dati
relativi all’occupazione
Modalità di integrazione: Scambio informazioni /Incontri / confronto
Risorse impiegate: Risorse umane in capo ai servizi ed enti coinvolti
Strumenti utilizzati: Protocollo per la condivisione dei dati e la loro elaborazione con enti
statistici e Banca dati/piattaforma provinciale comune
Indicatori di esito: Report integrati periodici
Strumenti di valutazione: qualità e quantità dei dati fruibili. Numero accessi piattaforma
Tempi di realizzazione: Triennio
2.
Obiettivo: Ridurre la frammentarietà e la diversità (equità)nelle risposte
Interventi ed azioni di sistema: Coordinamento sovra distrettuale con il coinvolgimento di tutti
gli ambiti sulle Politiche del Lavoro al fine di condividere e sperimentare nuove prassi.
Modalità di integrazione: Informazione/formazione
Incontri/ confronto
Risorse impiegate: Risorse umane dei diversi ambiti
Risorse economiche da reperire
Strumenti utilizzati: Incontri periodici di coordinamento
Formazione comune sul tema
Indicatori di esito: Partecipazione dei territori;Gradimento offerta formativa;Documenti
progettuali sottoscritti da più ambiti
Strumenti di valutazione: Registri presenze; Questionari di customer satisfaction; Documento
progettuale, accordi tra territori
Tempi di realizzazione: triennio
66
3.
Obiettivo: Progettare percorsi formativi/inserimenti temporanei nell’attesa di
collocamento (sia per le liste SIL che per i progetti destinati allo svantaggio non certificato)
Interventi ed azioni di sistema: Promozione di progettazioni sovradistrettuali di percorsi di
“riqualificazione” coerenti con reali necessità del mondo imprenditoriale e che coinvolgano nella
gestione stessa, il sistema aziendale e il sistema formativo.
Modalità di integrazione: Informazione/ formazione.
Risorse impiegate: Risorse umane dei soggetti coinvolti Risorse economiche da reperire.
Strumenti utilizzati: Corsi, laboratori, tirocini per la qualifica/riqualifica o per un'attivazione
funzionale all'inserimento lavorativo.
Indicatori di esito: Iscrizioni ai percorsi e partecipazione e n. collocamenti.
Strumenti di valutazione: Certificazioni di competenza rilasciate Contratti assuntivi realizzati.
Tempi di realizzazione: Triennio
• Area Penale (Adulti e Minori)
Gli interventi in area penale, relativamente sia agli adulti che ai minori, sono caratterizzati da una
elevata complessità determinata:
- dalla molteplicità dei soggetti coinvolti;
- dalla necessità di integrazione di politiche diverse: sanitarie, socio-sanitarie, sociali, abitative,
formative, lavorative, immigratorie;
- dall’ampiezza dei territori di riferimento;
- dalle problematiche molteplici di cui sono portatrici le persone interessate.
In questo contesto già nei Piani precedenti è stato individuato il livello sovradistrettuale come
ambito delle programmazione degli interventi.
Inoltre sia nel quadro della progettazione della L. R. 8/2005 che nella realizzazione dei patti di
rete sono stati individuati come territorio di riferimento i 12 ambiti dell’ASL di Brescia.
1.
Obiettivo: Creare un sistema di connessioni più efficace tra tutti i soggetti coinvolti
Interventi ed azioni di sistema:
Individuare il gruppo interistituzionale attivo presso l’ASL (LR 8/2005) quale luogo per:
- l’analisi dei bisogni e la definizione delle proposte delle priorità di intervento;
67
- la valutazione dei risultati dei progetti/iniziative attivati.
Strutturare e sistematizzare le modalità di informazioni tra il gruppo interistituzionale e il livello
territoriale.
Modalità di integrazione: Gruppo interistituzione LR 8 Cabina di regia
Risorse impiegate: Personale dell’ASL con funzioni di coordinamento, Responsabili Uffici di
Piano, personale degli Istituti penitenziari, dell’UEPE, USSM, enti gestori di interventi in materia
di prevenzione e recupero delle persone in esecuzione penale
Strumenti utilizzati: Piani e programmi /Incontro di verifica
Indicatori di esito: progetti avviati
Strumenti di valutazione: documenti di progettazione, monitoraggio esiti
Tempi di realizzazione: Triennio
2.
Obiettivo: Sostenere il reinserimento sociale delle persone in uscita dal carcere
Interventi ed azioni di sistema: Attivazione di interventi di housing sociale, anche con interventi
complementari a sostegno dello stesso, e di percorsi di inserimento lavorativo uniformando le
azioni specifiche a quelle previste per tutte le categorie di persone in condizioni di fragilità
sociale che hanno problemi di reinserimento, nella logica delle pari opportunità e nel rispetto della
programmazione locale e delle risorse disponibili.
Sensibilizzazione delle comunità locali, delle amministrazioni pubbliche e delle realtà del terzo
settore affinché possano essere ampliate le opportunità abitative di housing sociale e attivati borse
lavoro, tirocini lavorativi a favore di persone in esecuzione penale.
Modalità di integrazione: Gruppo interistituzione LR 8
Gruppo di progettazione
Risorse impiegate: Risorse del Piano integrate L.R. 8/2005
Strumenti utilizzati: Piani e programmi
Incontro di verifica
Indicatori di esito: Progetti attivati % di risorse impiegate rispetto alle allocate
Strumenti di valutazione: documenti di progettazione/monitoraggio esiti
Tempi di realizzazione: Triennio
3.
Obiettivo: Monitorare gli effetti della L. 67/2014 che introduce la sospensione del
procedimento con messa alla prova per i maggiorenni.
Definire prassi condivise per
l’attività di LPU prescritte dal nuovo istituto.
Interventi ed azioni di sistema: Di concerto con i diversi soggetti istituzionali coinvolti:
68
- verificare il numero delle potenziali messe alle prova, e dei contestuali LPU attivabili;
- valutare se esistono le condizioni per sistematizzare
tra i diversi soggetti
(UEPE,
Tribunale, Enti Locali) prassi condivise;
- predisposizione di protocolli/convenzione analogamente a quelli in essere per i
LPU
attivabili a seguito di reati del CdS.
Modalità di integrazione: interistituzione LR 8 Cabina di regia/ Gruppo di progettazione
Risorse impiegate: Personale dell’ASL, Responsabili Uffici di Piano, personale degli Istituti
penitenziari, dell’UEPE, USSM, enti gestori di interventi in materia di prevenzione e recupero
delle persone in esecuzione penale
Strumenti utilizzati: Accordi di collaborazione e di rete
Indicatori di esito: Realizzazione attività ricognizione/Protocolli di collaborazione
Strumenti di valutazione: documenti di progettazione/monitoraggio esito
Tempi di realizzazione: Nel primo anno attività ricognizione. A seguito degli esiti di tale attività
dal secondo anno valutare l’opportunità di dare corso a prassi condivise
• Nuove Povertà
L’ambito di intervento che attiene all’area “DISAGIO E INCLUSIONE SOCIALE/NUOVE
POVERTA’ ”, pur nella eterogeneità che caratterizza il territorio dei 12 ambiti territoriali dell’Asl
di Brescia, riguarda sia azioni da tempo radicate nell’attività dei comuni e degli ambiti distrettuali,
sia tentativi di nuove modalità di risposta ai problemi, sostenute attraverso forme di finanziamento
riconducibili sia al Fondo Nazionale Politiche Sociali che a fondi propri comunali.
Accanto alle tradizionali forme di disagio, legate in particolare a situazioni di forte fragilità
personale e familiare spesso caratterizzate da problematiche di dipendenza di vario genere,
malattia e/o insufficienza mentale, il tema oggi emergente, per altro abbastanza diffuso in tutto il
nostro paese, è quello della crescente difficoltà delle famiglie a gestire la contrazione della
capacità di reddito dovuta alla crescente situazione di perdita del lavoro, con le relative
conseguenze di incapacità economica a sostenere le spese relative ad affitti, mutui, utenze e
gestione della vita quotidiana familiare.
In particolare, quest’ultima tipologia di bisogno risulta essere trasversale a molte tipologie di
bisogno ed utenza, sia propria dei servizi sociali comunali, (casi sociali multiproblematici), sia
dovute al diffondersi di tutta una serie di condizioni sociali che hanno portato al cambiamento di
69
stile di vita delle persone sino ad approdare alla richiesta di aiuto al servizio sociale stesso:
famiglie che prima della crisi socio economica attuale non esprimevano nessun tipo di bisogno e
non “arrivavano” ai servizi: nuclei familiari dove viene meno il reddito da lavoro a causa della
disoccupazione, nuclei familiari separati o monoparentali che non riescono a sostenere le spese
familiari e di accudimento dei figli e tutta quella categoria di persone che possiamo definire in
condizione di “vulnerabilità”.
Gli interventi distrettuali messi sino a oggi in campo hanno come filo conduttore l’obiettivo del
raggiungimento dell’autonomia dei soggetti in carico ai servizi nonché l’autopromozione degli
stessi, strettamente connessi a politiche e servizi attivi in materia di casa (politiche abitative),
lavoro, orientamento e sostegno.
Nel triennio 2012/2014 le azioni dei distretti sono state indirizzate prevalentemente a mantenere le
progettazioni e i servizi attualmente in essere (di seguito descritti) a potenziare e valorizzare azioni
di accoglienza abitativa, in risposta a condizioni emergenziali (sfratti di nuclei familiari con
minori a carico) o in attuazione di percorsi di autonomia e/o accompagnamento e sostegno
continuativo di persone in stato di temporanea difficoltà socio economica.
Da una rilevazione effettuata in queste settimane con gli Uffici di Piano degli ambiti territoriali,
risulta che le attività in materia di politiche a contrasto delle nuove povertà e di inclusione sociale,
tralasciando gli interventi, anche se strettamente connessi, relativi alle politiche abitative, sono
molteplici e nel complesso omogenee, oltre che diffuse in maniera abbastanza capillare in tutti gli
ambiti, anche se in generale emerge la consapevolezza dell’insufficienza alla risposta che la
cittadinanza fragile e marginale esprime.
In generale, sia i soggetti pubblici, che del privato sociale, ma anche il mondo del volontariato e
dell’associazionismo, ciascuno dal proprio “osservatorio” e rispetto al proprio specifico ambito di
intervento, stimolano una riflessione continua in merito al costante emergere e consolidarsi del
bisogno e della ricerca di risposte nuove, efficaci, alternative, da sperimentare e implementare in
una prospettiva di efficace utilizzo delle risorse da parte di tutti gli interlocutori coinvolti,
chiamati soprattutto a programmare azioni “riparative” rispetto ai bisogni più gravosi e urgenti dei
cittadini.
L’analisi effettuata attraverso la collaborazione degli ambiti territoriali ha fatto emergere che le
azioni/gli interventi di contrasto alla povertà e finalizzati a favorire l’inclusione sociale realizzate
in questi anni a livello distrettuale sono:
•
azioni di sistema, legate alla programmazione zonale e all’organizzazione generale degli
interventi e dei servizi, compresa la messa in rete di soggetti del terzo settore;
•
interventi concreti e operativi per sostenere le fragilità e le nuove povertà, che hanno lo
70
scopo di rafforzare le capacità e i potenziali delle persone fragili (es. sostegno all’affitto,
inserimento lavorativo, microcredito,…).
Oltre a quanto sopra, sono state delineate azioni messe in atto sia a livello comunale con proprie
risorse, che con risorse di Ambito, quali nello specifico:
•
strumenti di sostegno al reddito finalizzati e diversificati, sia nel tempo che nella
quantificazione del contributo economico stesso, previsti a seguito della presa in carico da
parte del servizio sociale con modalità e tempi diversi;
•
potenziamento del servizio di segretariato sociale per far fronte all’incremento delle
richieste di accesso dell’utenza al servizio.
In generale si è verificato un aumento del numero di contributi economici straordinari una tantum
erogati, così come dei contributi economici continuativi, dove la presa in carico rende necessario
un accompagnamento nel tempo. I contributi erogati sono stati finalizzati a sostenere le famiglie e
le persone nel pagamento di affitti, mutui, utenze domestiche, utenze scolastiche per i figli, ecc..
Accanto al contributo economico tradizionale uno strumento che si è verificato utile nel
rispondere in modo rapido soprattutto all’emergenza è stato lo strumento del buono acquisto,
utilizzabile soprattutto per l’acquisto di beni di prima necessità o di medicinali, strumento diffuso
in quasi tutti gli ambiti territoriali; nel triennio 2012/2014alcuni ambiti hanno potenziato questo
strumento andando a destinare a tale intervento quote significative del FNPS, oltre che comunali.
Le azioni di sistema hanno visto i comuni soprattutto impegnati nel raccordo con il mondo del
terzo settore e soprattutto con le organizzazioni di volontariato attive a livello locale: è infatti
costante nella maggior parte dei territori l’impegno nella gestione coordinata della distribuzione di
pacchi alimentari con le realtà del territorio quali Caritas Parrocchiali, Banchi alimentari di
cooperative Sociali, e la messa in rete di associazioni di volontariato per le altre necessità (abiti,
attrezzature per neonati o bambini, ecc.). Tale coordinamento ha portato in molti casi a strutturare
un sistema di accesso alle opportunità offerte e gestite dalle associazioni concertato con il servizio
sociale comunale, mentre si assiste comunque a realtà e a situazioni dove prevale l’accesso
spontaneo e non mediato dal servizio sociale e quindi la presa in carico diretta da parte del terzo
settore.
Un altro filone di intervento che si è rilevato significativo nel triennio passato è stato l’utilizzo dei
“Voucher occupazionali” (voucher INPS o borse lavoro comunali, ecc.), visti come alternativi al
puro contributo economico e in pochi casi altri strumenti come il “Prestito d’Onore” o azioni di
promozione e accesso al Microcredito, (attivati in via sperimentale solo da alcuni comuni).
Conclusa la fase di valutazione degli interventi realizzati nel triennio concluso, si è affrontato,
invece, il tema della lettura aggiornata dei bisogni (febbraio 2015) e integrata da altri punti di vista
71
(Sindacati, ConfCooperative, realtà di volontariato locale), oltre a quelli specifici degli ambiti
territoriali, arricchiti in ogni caso del confronto avvenuto a livello locale con le diverse realtà.
A seguito di tale confronto è stato condiviso il seguente quadro di bisogni.
I “nuovi poveri” o cosiddetti “vulnerabili” possono essere oggi così individuati:
- le persone/famiglie che si trovano oggi a vivere una condizione di impoverimento dovuta alla
crisi economica (perdita del lavoro, riduzione delle risorse a disposizione, minori opportunità,
ecc.);
- le persone/famiglie che si trovano oggi a vivere una condizione di impoverimento dovuta alla
crisi economica, ma fortemente segnata anche da stili di consumo e di vita che si collocano al
di sopra delle loro effettive possibilità, conseguenti alla crisi economica generalizzata (con un
livello di responsabilità personale maggiore).
In sintesi si tratta di una tipologia di utenza che fino a alcuni anni fa non accedeva al servizio
sociale, in quanto le opportunità di lavoro presenti nel contesto sociale e le competenze personali
delle persone (soprattutto professionali e di esperienza) consentivano loro, in generale, di far
fronte ai propri bisogni.
Per rispondere a queste nuove esigenze gli strumenti tradizionali propri del servizio sociale non
funzionano o non risultano funzionali o comunque poco efficaci (sostegno economico ad
integrazione del reddito limitato ad alcune fasce di popolazione, alloggi a canone sociale,
comunque limitati nella disponibilità, percorsi di inserimento lavorativo per postazioni specifiche,
ecc.) o in ogni caso funzionano solo in una fase di emergenza, che per definizione deve essere
limitata nel tempo e nel numero di situazioni a cui rispondere, cui deve far seguito la
normalizzazione delle azioni (inserimento lavorativo nel circuito delle imprese/aziende,
individuazione alloggi a canone sociale o di mercato sostenibile, ecc.).
La situazione soprattutto nell’ultimo biennio è indubbiamente aggravata dall’uso/abuso di alcuni
strumenti (per esempio alcune tipologie di carte di credito/prepagate), che richiedono la messa in
campo anche di percorsi educativi/rieducativi.
Oltre al tema degli sfratti, c’è indubbiamente un’emergenza che riguarda anche le utenze
domestiche (energia elettrica, riscaldamento, acqua, ecc.), la cui gestione rischia di essere presa in
mano da realtà che si muovono secondo logiche proprie (Diritti per tutti), senza concertazione e
condivisione con le istituzioni.
72
L’analisi fa inoltre emergere che non esiste un sistema di rilevazione/conoscenza a disposizione
dei servizi per misurare concretamente l’incremento del numero di situazioni di povertà arrivate
negli ultimi anni. Spesso le valutazioni sono riconducibili a dati approssimativi, di massima,
influenzati dalla fatica di tenere/contenere la numerosità e pesantezza delle situazioni, oltreché la
poca incisività delle possibilità di incidere alla soluzione delle stesse.
In termini di obiettivi ai quali porre attenzione nel prossimo triennio (di sistema, di
ricomposizione delle conoscenze e dei servizi/interventi) si segnalano i seguenti:
• la condivisione della valenza dell’ambito di analisi definito “nuove povertà”
(ricomposizione di significato);
• la costruzione di un sistema di individuazione e rilevazione delle situazioni di nuova
povertà che consenta, in una logica evolutiva, di mappare concretamente (a livello di
singolo ambito, ma in un quadro di riferimento condiviso per tutto il territorio), il numero
di situazioni/persone che si rivolgono ai servizi (o che vengono conosciute anche
attraverso altri soggetti coinvolti nei processi di aiuto quali Caritas, associazioni,
cooperazione, ecc.) e il loro percorso evolutivo;
• la costituzione di un tavolo di confronto/concertazione con realtà pubblico/private che
gestiscono le forniture di utenze domestiche (quali A2A, AOB2, ecc.), per individuare
strumenti,
anche
sperimentali,
utili
a fronteggiare/contenere/gestire l’emergenza
economica (forme di riduzione del debito, procedure per la gestione delle interruzioni di
servizi, costituzione fondi di solidarietà, ecc.);
• l’individuazione di strumenti “assicurativi” o di tutela reciproca (cittadini/istituzioni) che
consentano di gestire l’attività di volontariato svolta dai cittadini che ricevono aiuti, come
impegno a favore della comunità/istituzione.
1.
Obiettivo: Accrescere il livello di conoscenza del fenomeno, a partire da una codifica
omogenea della tipologia di soggetti da considerare e dalla condivisione
Ricomporre la conoscenza e l’informazione
Interventi ed azioni di sistema: Condividere attraverso un confronto tra gli Uffici di Piano e
alcuni soggetti significativi del privato sociale (Caritas, associazioni, operazione, ecc.)
l’individuazione delle caratteristiche del bisogno considerato (condivisione indicatori target);
costruzione di un sistema di raccolta dati che, in un tempo definito, consenta di misurare in modo
maggiormente preciso rispetto all’oggi, la consistenza del fenomeno e alcune caratteristiche
significative delle situazioni
Modalità di integrazione: Coprogettazione dello strumento
73
Risorse impiegate: Risorse umane e informatiche
Strumenti utilizzati: Incontri
Indicatori di esito: costruzione indicatori, incremento dati confrontabili a disposizione
Strumenti di valutazione: documenti condivisi realizzati
Tempi di realizzazione: triennio
triennio
2.
Obiettivo: Costituzione di un tavolo di confronto/concertazione con realtà
pubblico/private che forniscono servizi pubblici
Interventi ed azioni di sistema: Individuazione soggetti da coinvolgere;
strutturazione tavolo di confronto/lavoro;
avvio lavoro del tavolo,
costruzione ipotesi di azione;
attivazione interventi in via sperimentale;
valutazione di esito;
consolidamento.
Modalità di integrazione: Lavoro integrato tra soggetti
Risorse impiegate: Umane (degli udp, dei soggetti coinvolti), economiche per sostenere le
eventuali azioni individuate
Strumenti utilizzati: costruzione progetti, accordi sperimentali etc.
Indicatori di esito: costituzione tavolo, identificazione azioni/interventi, avvio progettazioni
Tempi di realizzazione: triennio
3.
Obiettivo: Individuazione di strumenti “assicurativi” o di tutela reciproca
(cittadini/istituzioni) che consentano di gestire l’attività di volontariato svolta dai cittadini
Interventi ed azioni di sistema:
Modalità di integrazione:
-
Mappare le forme di impiego tipiche dei soggetti beneficiari di aiuto;
-
coinvolgere soggetti competenti per definire il problema;
-
costruire ipotesi di lavoro con eventuali partner
Risorse impiegate: Risorse umane e competenze specifiche
Strumenti utilizzati: Lavoro di confronto e costruzione di prassi e strumenti idonei Incontri,
approfondimenti giuridici
Indicatori di esito: disponibilità di una mappatura aggiornata; analisi approfondita del problema;
74
individuazione strumenti specifici
Tempi di realizzazione: triennio
Richiedenti Asilo
Specificatamente per L’Ambito 1 si assicura la disponibilità nella gestione delle accoglienze delle
persone in fuga dai propri territori a causa di guerre e violenza, qualora vengano confermati i
trasferimenti SPRAR. Grazie agli accordi con il Terzo settore sempre più competente nella
gestione degli accompagnamenti individualizzati così come richiesto dalla norma, si sono offerti
percorsi sempre più qualificati. Resta comunque necessario il supporto da parte dello Stato per
mantenere anche in futuro questa importante opportunità per le persone in questa condizione di
fragilità.
• Politiche Abitative
La sintesi qui presentata è il frutto del confronto realizzato nel corso dei mesi di febbraio e marzo
tra alcuni responsabili degli Uffici di Piano, referenti per il coordinamento degli Uffici di Piano
dell’area di lavoro sulle politiche abitative e alcune realtà del territorio provinciale, portatrici di
interesse e di competenze sul tema specifico.
L’approccio al tema è stato condotto partendo proprio dalla considerazione che era importante,
nella definizione di questo oggetto di lavoro, che troverà poi spazio dentro la programmazione
zonale dei singoli Piani di Zona, acquisire punti di vista, pensieri, sollecitazioni “altre”
dall’approccio tipicamente sociale alla questione dell’abitare, partendo dal presupposto che
l’approccio “da servizio sociale” possa, in alcuni casi, limitare la progettazione o, ancora meglio,
la visione del problema.
Certamente l’abitare, in questi anni di forte crisi economica, è una priorità strettamente
interconnessa con altre questioni fondamentali, quali le politiche del lavoro, la cui assenza,
riduzione, limitazione, scarsità, fatica, influisce negativamente sulla possibilità/capacità di
avere/tenere la casa e determina, aggrava o fa esplodere situazioni di forte vulnerabilità/povertà.
Quindi inevitabilmente i tre ambiti di lavoro sono da vedere in una logica di reciproco
influenzamento/condizionamento e molte delle riflessioni fatte rispetto ad un problema valgono
anche per l’altro.
75
Le domande di aiuto che arrivano dai cittadini ai servizi sociali, e in generale alle amministrazioni
comunali rispetto al bisogno abitativo sono in sintesi riferibili alle seguenti tipologie:
- bisogni espressi da alcune categorie di cittadini di poter accedere ad abitazioni a costi
sostenibili, inferiori a quelli di mercato (il FSA non è strumento sufficiente o che dà sufficiente
certezza e continuità in questo senso);
- bisogni abitativi di persone che non sono in grado di far fronte ai costi delle locazioni, anche
se inferiori a quelli di mercato, ma che potrebbero trovare una soluzione sufficientemente in
grado di “tenere” solo in relazione a tipologie di alloggi a bassissimo costo (alloggi ERP);
- bisogni abitativi di persone che non dispongono di alcuna entrata e che quindi non possono far
fronte ad alcuna spesa (si tratta spesso di persone che necessitano anche di livelli più o meno
intensi di supervisione, accompagnamento educativo, ecc.);
- bisogni abitativi di persone che necessitano di forte supervisione, pur non essendo ancora
idonei all’ingresso in strutture residenziali.
In ogni caso il perdurare della crisi economica determinerà presumibilmente per i prossimi anni
un’ulteriore crescita della fascia di popolazione impoverita, situazione che di fatto impedirà a
molte famiglie di stare, per un pezzo della loro vita (per un tempo la cui durata è da vedersi in
relazione a diverse variabili), nel mercato privato delle locazioni.
A tale criticità si aggiunge certamente il rischio rappresentato dalla revisione dell’attuale Legge
regionale sull’edilizia sociale che sembra andare nella direzione di lasciare fuori dall’ERP le
situazioni più svantaggiate.
A partire da tale situazione, la domanda di fondo che ha connotato l’incontro con i vari
stekeholder è stata quindi la seguente:
Quali azioni/misure/interventi potrebbero essere messe in campo per rispondere al bisogno
abitativo delle varie categorie di cittadini che esprimono difficoltà ed esigenze diverse rispetto
all’abitare?
Quali interventi promossi, realizzati, sostenuti dalle amministrazioni comunali/ambiti territoriali
possono incidere realmente nella direzione di convincere/motivare i privati a mettersi in
gioco/mettere in gioco il proprio patrimonio per rispondere ai bisogni dei cittadini?
Rispetto alle questioni di cui sopra, gli obiettivi di lavoro emersi dal confronto sono sinteticamente
i seguenti, alcuni dei quali significativi in un’ottica sovra distrettuale (1, 2, 3, 10), altri più
riconducibili ad un lavoro specifico di territorio:
•
l’individuazione di qualsiasi proposta/ipotesi da mettere in campo deve necessariamente
passare attraverso il lavoro di confronto/condivisione/corresponsabilizzazione tra più
soggetti, portatori di interessi diversi: da una parte in particolare soggetti pubblici, quali le
76
amministrazioni comunali, l’Aler, le diverse organizzazioni degli inquilini e dall’altra i
privati, singoli o associati, proprietari di immobili o alloggi. Tutti i soggetti coinvolti
(pubblici e privati) devono trovare una “coincidenza di interessi” tale da rendere
interessante/vantaggioso per il privato mettere a frutto il proprio patrimonio, secondo
proposte e progetti utili per il pubblico a contribuire al soddisfacimento dei bisogni di
alcune categorie di cittadini;
•
la costruzione di luoghi/opportunità di confronto/condivisione può/deve portare
all’individuazione di progettazioni/sperimentazioni, che risultano tanto più efficaci e
incisive (anche nei confronti di livelli di governo superiori), tanto più sono costruite con
l’apporto delle diverse componenti della società;
•
è opportuno avviare, in alcuni territori, in modo capillare e diffuso in relazione a
caratteristiche e opportunità specifiche, progetti sperimentali come possibili risposte al
problema abitativo e poi estendere i progetti che funzionano agli altri territori (in tal senso
sono un esempio i finanziamenti ottenuti da alcuni comuni della provincia, anche se non ad
alta tensione abitativa, in tema di mobilità locativa);
•
va valorizzato e messo a frutto tutto il patrimonio abitativo pubblico a disposizione degli
enti, anche attraverso interventi di recupero e risanamento;
•
deve essere rappresentata al legislatore la necessità di rivedere la norma che prevede la
possibilità di accedere ad alcune opportunità di finanziamenti o progetti solo per i comuni
ad alta tensione abitativa. Si tratta di una limitazione obsoleta, che di fatto lascia scoperti
dei bisogni importanti, creando situazioni di disomogeneità rispetto alle opportunità cui
indirettamente i cittadini possono accedere, con il rischio anche di
alimentare
impropriamente mobilità territoriale;
•
l’ipotesi di costituzione e sperimentazione di un fondo rotativo (riferito all’esperienza che
prenderà avvio nella città capoluogo), va attentamente monitorata e valutata al fine di
verificarne l’esportabilità su più territori;
•
vanno valutare a livello locale possibilità di interventi di “defiscalizzazione” della
proprietà in presenza di specifici accordi/progetti/condizioni;
•
deve essere dato risalto alle iniziative sperimentate che funzionano perché possono fungere
da volano e richiamo;
•
vanno messe in atto tutte le azioni possibili per recuperare fondi da destinare all’housing
sociale, con un forte ingaggio da parte delle realtà del terzo settore. In quest’ottica
l’accezione del termine “housing sociale” rimanda soprattutto ad esperienze rivolte ad
un’utenza particolarmente fragile/marginale, che necessita anche di monitoraggio
77
educativo/assistenziale (forme di semi – convivenza in condizioni di parziale autonomia
con condivisione di alcuni spazi/momenti di vita);
Al fine di creare regole di sistema generali, è necessario proporre al tribunale di Brescia la
definizione di Accordi/Linee Guida per la gestione delle procedure di sfratto, con l’obiettivo di
evitare il crearsi di situazioni di abuso e/o tensione sui territori e rendere chiaro e trasparente il
contesto di aiuto possibile in capo ai diversi soggetti coinvolti.
In sostanza quindi la programmazione sovra distrettuale potrà prevedere i seguenti obiettivi:
1.
Obiettivo: Costruzione a livello provinciale o in ogni caso a livello sovra ambito di
luoghi di incontro/confronto tra soggetti pubblici (istituzioni), privati (associazioni
proprietari) e rappresentanti di categoria (sindacati) per individuare, proporre, diffondere
progetti di sostegno al tema dell’abitare (rivolti ai conduttori e ai locatori)
Interventi ed azioni di sistema: Individuazione soggetti da coinvolgere;
strutturazione tavolo/gruppo di lavoro;
definizione proposte di lavoro;
avvio progettazione/sperimentazioni;
diffusione risultati
Modalità di integrazione: Incontri e definizione prassi di lavoro
Risorse impiegate: Risorse umane degli ambiti territoriali, del privato,
competenze specifiche per la valutazione di strumenti utili alla progettazione
Strumenti utilizzati: Mappatura esperienze utili;
progettazione partecipata;
costruzione partnershep;
fund raising,
Indicatori di esito: avvio effettivo tavolo; raccolta dati e definizione progetti
Tempi di realizzazione: Triennio
2.
Obiettivo: Diffusione di sperimentazioni, prassi, progetti che sono stati realizzati in
specifici territori e che sono stati utili a trovare risposte al tema dell’abitare e che possono
essere replicati anche in altri contesti
Interventi ed azioni di sistema: Proposta di progettazioni risultate efficaci a tutti gli ambiti
territoriali;
78
supporto alla progettazione di ambito;
adattamento alle specificità territoriali
Modalità di integrazione: Condivisione prassi/strumenti
Risorse impiegate: personale degli ambiti
Indicatori di esito: Diffusione di buone prassi in più territori e Ripetizione progetti in almeno 2
ambiti territoriali entro il triennio
Tempi di realizzazione: Triennio
3.
Obiettivo: Proporre al tribunale di Brescia la definizione di Accordi/Linee Guida per la
gestione delle procedure di sfratto (come da proposta allegata), con l’obiettivo di evitare il
crearsi di situazioni di abuso e/o tensione sui territori e rendere chiaro e trasparente il
contesto di aiuto possibile in capo ai diversi soggetti coinvolti.
Interventi ed azioni di sistema: Validazione Linee Guida da adottare come strumento di gestione
delle situazioni; proposta Linee Guida al tribunale;sottoscrizione condivisa;adozione e utilizzo
delle prassi
Risorse impiegate: risorse umane dei diversi soggetti coinvolti
Modalità di integrazione: definizione accordi tra servizi sociali e Uffici Giudiziari
Strumenti utilizzati: Linee Guida e buone prassi operative
Indicatori di esito: adozione linee guida dal maggior numero di ambiti e approvazione delle
stesse da parte del Tribunale
Tempi di realizzazione: triennio
4b. L’Integrazione Socio Sanitaria e Sociale: Obiettivi specifici
• Area Promozione della salute e prevenzione delle dipendenze
Obiettivo: Costituzione di un gruppo di Lavoro a livello di Ambito per Progettare percorsi di
educazione alla salute, di promozione del benessere e prevenzione del disagio e delle
dipendenze, anche delle ludopatie.
Interventi/azioni di sistema:
- Scelta dei partecipanti al gruppo di lavoro;
- Analisi degli interventi in atto a livello di Ambito;
79
- Definizione di interventi di prevenzione “possibili” e “sostenibili” a livello territoriale;
- Stesura di un progetto operativo di Ambito.
Modalità di Integrazione: Incontri di progettazione/equipe multidisciplinari
Risorse impiegate: operatori Uffici di Piano , operatori del terzo settore, Operatori ASL UO
Educazione alla salute
strumenti utilizzati :
- definizione e approvazione Piano Operativo per il 50% degli ambiti
- Ricognizione delle risorse di prevenzione attive sul territorio
Indicatori: definizione e approvazione Piano Operativo di Ambito
Strumenti si valutazione: Documenti condivisi definiti
Tempi realizzazione: Costituzione del Gruppo di lavoro entro il primo anno del PDZ; definizione
del progetto operativo di ambito entro il secondo anno del PDZ; realizzazione interventi entro il
Triennio del PDZ
• Valutazione Multidimensionale Integrata
Obiettivo: Rafforzamento delle modalità di presa in carico delle persone fragili, integrando
le diverse componenti sanitarie, socio sanitarie e sociali.
Interventi/azioni di sistema:
- Definizione Protocollo operativo per la valutazione multidimensionale integrata;
- Definizione e organizzazione a livello di singolo distretto/ambito delle modalità più
funzionali e operative per la realizzazione delle valutazioni integrate;
- Potenziamento utilizzo piattaforma informatizzata Vi.Vi.Di. per la definizione del progetto
Individualizzato.
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione/ equipe multidisciplinari
Risorse impiegate: Operatori degli Uffici di Piano e dei Comuni, operatori ASL (UCAM e EOH)
Strumenti utilizzati: Protocolli, Banca dati Vi.Vi.Di.,
Indicatori di esito: Ampliamento n. valutazioni multidimensionali integrate (Aumento di almeno
il 20% delle valutazioni multidimensionali integrate rispetto a quelle realizzate nel 2014)
Strumenti di valutazione: Monitoraggio
Tempi di realizzazione: Entro il Triennio
80
• Protocollo Donne Vittime di Violenza
Obiettivo: Garantire uniformità nella presa in carico delle donne vittime di violenza
Interventi/azioni di sistema:
- Valutare e ridefinire le modalità di presa in carico delle donne vittime di violenza;
- revisione del Protocollo d’intesa tra ASL di Brescia, Aziende Ospedaliere e Ambiti
distrettuali;
- rivisitazione del modello organizzativo con l’inserimento di nuove strutture di accoglienza.
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione
Risorse impiegate: Operatori Ufficio di Piano, operatori Asl, Consultori familiari privati
accreditati, Aziende Ospedaliere
Strumenti utilizzati: Definizione nuovo protocollo
Indicatori di esito: Definizione nuovo protocollo
Strumenti di valutazione: Definizione nuovo protocollo
Tempi di realizzazione: Entro il Triennio
• Conciliazione Famiglia – Lavoro
Obiettivo: Mantenere attive le tre Alleanze locali in materia di conciliazione famiglia-lavoro,
al termine delle progettualità avviate con il Piano di interventi 2014-2015.
Interventi/azioni di sistema: coinvolgimento nelle Alleanza di altri Ambiti oltre agli attuali 8
Ambiti aderenti;
- coinvolgimento di realtà profit e non profit per il cofinanziamento dei progetti in essere;
- stabilizzazione delle buone prassi avviate a livello territoriale
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione
Risorse impiegate: Operatori degli Uffici di Piano e dei Comuni, operatori AS, imprese profit e
no profit
Strumenti utilizzati: Accordi di rete
Indicatori di esito: Alleanze attive al termine dell’attuale programmazione
Strumenti di valutazione: Numero Alleanza attive/numero alleanza Attuali
Tempi di realizzazione: Entro il Triennio
• Protezione Giuridica
Obiettivo: Sviluppo di interventi per la protezione giudica in applicazione delle Linee di
81
Indirizzo regionali e Linee Guida Locali.
Interventi/azioni di sistema:
- potenziamento della rete dei servizi di protezione giuridica pubblici e del Terzo Settore che
garantiscono l’attività di ascolto, informazione, consulenza e orientamento nelle procedure a
tutti i cittadini;
- realizzazione di iniziative nell'ambito della protezione giuridica in collaborazione con la rete
territoriale
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione
Risorse impiegate: Operatori degli Uffici di Piano, ASL, Terzo settore
Strumenti utilizzati: Incontri periodici di coordinamento
Indicatori di esito: Iniziative attivate a livello territoriale
Strumenti di valutazione: numero iniziative avviate a livello territoriale
Tempi di realizzazione: Entro il Triennio
• Rapporti la UONPIA e CPS
Obiettivo: Potenziare il livello di integrazione relativo alla presa in carico delle persone
(minori e adulti) tra i comuni, l’ASL e i servizi della NPI e dei CPS.
Interventi/azioni di sistema:
- definizione protocolli operativi relativi alla presa in carico delle famiglie della tutela e degli
adolescenti borderline;
- definizione buone prassi/modalità operative per la presa in carico di persone con doppia
diagnosi, con problematiche di dipendenza e/o con grave disabilità.
Modalità di integrazione: Incontri di progettazione
Risorse impiegate: Operatori degli Uffici di Piano, ASL, Aziende Ospedaliere e Terzo settore
Strumenti utilizzati: Incontri periodici di coordinamento
Indicatori di esito: Definizione protocolli
Strumenti di valutazione: Documenti condivisi
Tempi di realizzazione: Entro il Triennio
82
Allegato 1: I Risultati raggiunti dal Piano di Zona 2012-2014
Nelle tabelle sotto indicate sono raccolte per le diverse aree di intervento, gli obiettivi
programmati e i risultati raggiunti nel precedente triennio. Le riflessioni emerse a seguito
dell’analisi sono oggetto di costante lavoro di approfondimento nei gruppi di lavoro: tra gli
operatori sociali ed il loro coordinamento, nei rapporti con la Sanità, nell’interfaccia con gli
erogatori dei servizi e con il mondo variegato del terzo settore e fungono da stimolo al costante
miglioramento delle attività.
Il presente Piano di Zona ha voluto, infatti, orientare la programmazione verso azioni di sistema,
ma certamente l’attività connesse alla cura del benessere della persona in tutte le sue fasi di vita
continua ad essere la priorità del lavoro del servizio sociale ma con un’importante nuova strada di
lavoro: la stretta integrazione con le opportunità che la comunità, dove la persona vive, mette a
disposizione.
83
Allegato 1: I risultati raggiunti nel precedente triennio
AREA ANZIANI
Azioni per
l'integrazione e la
socializzazione.
OBIETTIVI
Integrazione dei servizi di
socializzazione e di
aggregazione per anziani
AZIONI
PREVISTE
ANNUALITA' DI RIFERIMENTO E
RISULTATI RAGGIUNTI
Apertura di un
nuovo centro
diurno
anno 2014- Realizzazione di 1 servizio
di accoglienza diurna per anziani non
autosufficienti presso CE Cimabue
Collegare
l'operatività dei
centri diurni/aperti
anno 2012- collegamento operativo dei
Centri Diurni/Aperti comunali: incontri
tra gli operatori a cadenza trimestrale;
Circolarità della pubblicizzazione delle
iniziative di ogni centro
Incrementare l'offerta di
alloggi a favore degli
anziani
potenziamento
anno 2013 allestimento 8 nuovi alloggi
della rete dei mini
protetti x anziani- Lascito Arvedi;
alloggi
Incrementare l'offerta di
servizi alloggiativi a
protezione degli anziani
fragili, e in particolare
potenziamento del servizio
di convivenza maschile per
anziani che provengono
dalla fascia del disagio
adulto.
Messa a
disposizione e
allestimento di 1
anno 2012 avviate due case di
alloggio in
convivenza per anziani : n. 1 in Via del
convivenza (3/4
Sarto
persone) a
n.1 in via Monte Cengio
protezione leggera
prevalentemente
di carattere
educativo.
Azioni a sostegno
delle fragilità
Integrazione dei servizi
domiciliari all'anziano
Ampliamento delle reti di
solidarietà
Sperimentazione
di un nuovo
modello di
prestazioni a
favore degli
anziani finalizzato anno 2012- inserimento dei ragazzi del
a sostenere non
Servizio Civile all'interno dei Centri
diurni e Servizi domiciliari; anni 2013solo la
permanenza a
2014- utilizzo dei lavoratori
domicilio ma
Socialmente utili nei servizi per anziani
anche nel proprio
(SAD e Centri Diurni).
contesto abituale
di vita, attraverso
la costituzione di
una rete di
interventi integrati.
Coinvolgimento di
nuove
anno 2014- sostegno alla nascita di 1
associazioni nel
nuova Associazione nel Q.re Violino
progetto di buon
vicinato.
84
Aumentare la disponibilità
dei posti nei servizi
residenziali leggeri.
Azioni e interventi a
sostegno della Non
Autosufficienza
Realizzazione di
una Casa Famiglia
Anno 2014, sostegno alla
realizzazione della Nuova Casa
Famiglia: Via L.Manara
(coop.S.Giuseppe) n.10 posti
Migliorare la risposta al
bisogno di residenzialità
dell'anziano no
autosufficiente.
Realizzazione di
una nuova RSA in
Maggio 2013 apertura RSA Arici Sega
località S.Polo (ex
Arici-Sega).
Individuazione di
posti presso le
strutture
Incrementare l'offerta di
residenziali e
Anno 2013- Convenzioni con le RSA
posti finalizzati ai ricoveri di semiresidenziali
di: Borno, Berzo Inferiore, Lozio e Villa
ollievo per anziani non
convenzionate
Oceano di Sirmione
autosufficienti.
presenti sul
territorio da
destinare ai
ricoveri di sollievo.
85
AREA
DIPENDENZE
OBIETTIVI
AZIONI PREVISTE
Area prevenzione
Prevenzione nei
confronti degli
adolescenti e
preadolescenti
Consolidamento delle
attività di prevenzione
delle scuole secondarie di
primo e secondo grado;
Formazione per i genitori e
per gli educatori;
Consolidamento delle
attività sperimentali di
prevenzione in alcune
scuole primarie.
Progetti integrati di
intervento
Consolidare e
sviluppare le
collaborazioni con i
servizi specifici
Mantenere e
razionalizzare i servizi
specifici di primo contatto
anche con progetti
integrati ed intersettoriali.
ANNUALITA' DI RIFERIMENTO E
RISULTATI RAGGIUNTI
Il progetto di prevenzione nelle scuole
cittadine è proseguito con successo.
Ogni anno mediamente sono stati
raggiunti n.3400 ragazzi, n.130
insegnanti e n. 220 genitori.
Mantenuta collaborazione con
cooperative che si occupano della grave
emarginazione mediante il Progetto
Strada
86
AREA
IMMIGRAZIONE
Azioni di
informazione orientamento
OBIETTIVI
Mantenimento della
rete di sportelli
comunali e accreditati
e sviluppo di una
metodologia di
rilevazione uniforme
delle prestazioni
erogate
Azioni di
accoglienza
Riconversione delle
attuali strutture
alloggiative in modelli
di accoglienza
flessibili.
Azioni di tutela
delle fragilità
Mantenimento degli
interventi di sostegno
alle fragilità sociali.
Azioni di
integrazione e di
promozione della
cittadinanza
attiva
Mantenimento del
progetto "Brescia
aperta e solidale" e
implementazione di
nuove azioni.
AZIONI PREVISTE
ANNUALITA' DI RIFERIMENTO E
RISULTATI RAGGIUNTI
Sono state stanziate risorse comunali per il
mantenimento dei servizi; Il Coordinamento
Ricerca di nuove
degli sportelli per stranieri, istituito nel 2008,
fonti di
ha il compito di uniformare il più possibile le
informazioni, l'orientamento e la consulenza
finanziamento;
che gli operatori di vari sportelli offrono
Sviluppo di un
sistema informativo gratuitamente ai propri utenti. Tale compito
finalizzato a rendere
viene assolto attraverso incontri periodici
visibili i servizi resi del Comune con gli Sportelli accreditati, con
lo Sportello Carcere e con lo Sportello
ai cittadini migranti.
Rifugiati del Comune stesso, a cadenza
mensile o bimestrale.
Attuazione della
nuova disciplina per
il Centro di
Accoglienza
Corridoni e
monitoraggio della
situazione per
valutare l'efficacia
delle scelte
effettuate;
Definizione del
nuovo progetto
gestionale per il
Centro Chizzolini.
Mantenere
l'adesione al
progetto Tratta,
promuovere
maggiormente i
progetti sulla rete
NIRVA
Individuazione di
nuove fonti di
finanziamento;
Mantenimento e
sviluppo delle azioni
progettuali.
anno 2013- Attivato e applicato il nuovo
regolamento per il Centro Corridoni. Il
Centro Chizzolini ha continuato ad operare
con lo stesso regolamento
Mantenimento dei servizi esistenti.
anno 2012-2013-2014 E' stata attivata la
procedura di richiesta finanziamento alla
CE; sono stati utilizzati dei gruppi quali
risorse per favorire la convivenza fra
stranieri e italiani; Coinvolgimento delle
donne alle attività di gruppo;Non sono stati
attivati nuovi gruppi; Non è aumentata la
partecipazione degli abitanti di quartiere ai
gruppi.
87
Chiusura area di sosta
provvisoria e azioni di
accompagnamento
all'autonomia
1. Chiusura area di
sosta in via
Orzinuovi occupata
da famiglie "Sinti" e
supporto alle
famiglie nella
ricerca di soluzioni
abitative come
previsto nel patto di
cittadinanza
sottoscritto con le
famiglie medesime;
2. Prosecuzione del
progetto di
sostegno e
accompagnamento
verso l'autonomia
delle famiglie Rom
collocate nel Centro
per l'emergenza
abitativa di via
Borgosatollo.
1.L'area di Via Orzinuovi :dei 19 nuclei
presenti nel 2012 ne sono stati trasferiti
n.6.Attualmente nell'area vivono ancora 13
famiglie;
88
AREA DISABILITA'
AZIONI PREVISTE
OBIETTIVI
Realizzare modalità di informazione Realizzazione di una carta dei
corretta e diffusa che consenta
servizi per la disabilità a livello
anche la semplificazione degli
comunale
accessi ed una corretta azione di
consulenza ed orientamento
ANNUALITA' DI RIFERIMENTO E
RISULTATI RAGGIUNTI
Nell’anno 2013 è stata fatta una
mappatura dei servizi e sono state
elaborate delle schede di sintesi.
Azione oggetto di riconsiderazione.
Personalizzazione degli interventi,
In collaborazione con gli enti anno 2013-2014 Progetti personalizzati
in coerenza con le linee guida
gestori e con l'Asl si
rivalutati
regionali che propongono di fornire rivaluteranno i servizi socioai cittadini risposte sempre più
assistenziali diurni e
personalizzate e sempre meno
residenziali per verificare
indistinte.
l'appropriatezza in rapporto alle
caratteristiche dell'utenza.
1.Consolidamento
sperimentazione delle attività
previste nel "servizio
sperimentale diurno per
l'integrazione";
2. Individuazione di indicatori
di qualità del servizio e di
soddisfazione dell'utenza;
3. Sperimentazione di attività
innovative economicamente
compatibili ed appropriate alle
diverse categorie di utenza..
anno 2014 -Definizione del modello di
servizio diurno per l'integrazione, vedi
schede accreditamento
Sperimentazione di convivenze
protette e servizi leggeri
appropriati alla tipologia
dell'ospite.
anno 2014-Definizione del modello di
servizio residenziale a bassa
protezione, vedi "Fuori dal nido"
Mongolfiera
Sostegno alle iniziative ed alle
proposte dei servizi psichiatrici
relativamente alle situazioni di
disabilità psichica.
anno 2014- Predisposta bozza nuovo
Protocollo
Monitoraggio del servizio di
assistenza scolastica al fine di
approfondire le modalità di
intervento nei confronti deli
disturbi del comportamento in
sintonia con azioni sovradistrettuale.
Il servizio di assistenza scolastica ha
continuato ad operare secondo il
modello esistente
Apertura di una nuova RSD sul Nell’anno 2014 definiti gli Accordi con
territorio comunale nell'ex
Sospiro per il suo insediamento presso
complesso Arvedi
Arvedi nell’anno 2015
Sostenere le famiglie nel lavoro di
cura alle persone non
autosufficienti in condizioni di
gravità.
Realizzazione di una nuova
No
struttura da destinare a RSD
Utilizzo di buoni e di voucher anno 2013-2014 Sostegno ai care giver
sia per l'assistenza domiciliare
per il potenziamento dell’assistenza
che per i ricoveri di sollievo.
presso il domicilio attraverso voucher
alle famiglie (Misura B 2- finanziamento
regionale mediante progetti
individualizzati con ASL).
89
Promuovere e consolidare
iniziative del privato sociale che
hanno sperimentato risposte
personalizzate ai nuovi bisogni
emergenti: tempo libero,
sollievo alla famiglia, proposte
di integrazione ecc, con il
coinvolgimento
dell'associazionismo.
Si, vedi sperimentazioni estate e SFA
Junior; I ragazzi del servizio civile sono
stati utilizzati sui servizi domiciliari o c/o
strutture in attività di
accompagnamento, socializzazione e
attività ricreative con persone disabili.
90
AREA MINORI
OBIETTIVI
AZIONI PREVISTE
Area
prevenzione
Tutela e sostegno
della genitorialità e
del suo ruolo
educativo
Consolidamento delle
attività a sostegno alla
genitorialità fragile
attraverso figure educative,
psicologiche della
mediazione culturale ed
etnoclinica; Mantenimento e
consolidamento dei servizi
diurni a favore di minori in
situazioni personale e/o
familiare complessa;
Attenzione al
Area della
Riparazione
Attivazione di
interventi a
sostegno dei minori
con Provvedimento
dell’A.G., anche
alternativi al nucleo
familiare
Consolidamento del
Progetto Affido sovra
distrettuale; Definizione e
sperimentazione di nuovi
servizi residenziali
economicamente sostenibili;
Consolidamento dei servizi
d'accoglienza per i minori
stranieri non accompagnati;
Sperimentazione di forme di
sostegno domiciliare per
adolescenti in carico al
servizio tutela; Apertura
nuovo centro di pronto
intervento per minori
sottoposti a provvedimento
ANNUALITA' DI RIFERIMENTO
E
RISULTATI RAGGIUNTI
E' stato consolidato il servizio
pluriprofessionale a sostegno delle famiglie,
creando equipe stabili a livello di centro
sociale.
Nell'anno 2014 inoltre si è
costruito il capitolato per la Coprogettazione
1 che fonda il servizio SED con quello
plurispecialistico al fine di rendere ancora più
integrata la presa in carico delle situazioni
multiproblematiche. Ogni anno i nuclei seguiti
sono stati superiori alle 350 unità
I posti nei servizi diurni per minori in
situazione di fragilità è stato ampliato da 8 nel
2012 a 16 nel 2014.
Nel triennio si sono sviluppate le forme di
accoglienza specificatamente dedicate ai
minori stranieri non accompagnati, alternative
alle Comunità alloggio. Nell'anno 2014 si è
conclusa la procedura d'accreditamento delle
strutture. Nel 2013 è partito il servizio Centro
di pronta Accoglienza Azimut in una struttura
comunale in Via Orzinuovi, destinato ai
minori sottoposti a provvedimento dell'A.G.
anche Penale. Nel mese di settembre 2014
sono stati aperti anche i due posti destinati ai
minori arrestati e fermati. Il numero degli
affidi familiari nel triennio ha mantenuto un
trend costante pari a 75.
Incrementato contributo economico a favore
delle famiglie affidatari (da €350 a €500)
91
AREA
PRIMA INFANZIA
OBIETTIVI
AZIONI PREVISTE
Consolidamento e
apertura di servizi "più
leggeri" rispetto al nido
d'infanzia tradizionale
quali supporti all'attività di
cura dei bambini da 0 a 3
anni, nell'ambito della
promozione e sostegno
Diversificare i
alla solidarietà familiare e
servizi per la prima
sociale; Azioni di
infanzia
sostegno alla genitorialità
con opportunità educativoformative mirate ad
accompagnare lo sviluppo
del ruolo genitoriale e non
solo con la proposta del
nido o di altro servizio di
cura.
RISULTATI
ATTESI
Rispondere con
una rete di
servizi sempre
più diversificata,
alle attese e ai
bisogni delle
famiglie nella
cura e crescita
dei piccoli da 0
a 3 anni;
Mantenimento di
assenza di liste
di attesa;
Apertura tempo
per le famiglie.
ANNUALITA' DI
RIFERIMENTO
E RISULTATI
RAGGIUNTI
Si sono realizzati 2
spazi famiglia, uno
gestito dal terzo
settore ed uno
dall’amministrazione
comunale
Nel 2014 sviluppo
degli spazi famiglia
e sostegno all’avvio
sperimentazioni di
servizi integrativi 03 da parte del terzo
settore.
92
AREA
TRASVERSALE
Interventi di
solidarietà
sociale
Interventi di
accompagname
nto al lavoro
Interventi a
favore
dell'abitare
OBIETTIVI
AZIONI PREVISTE
Mantenere e
sviluppare
azioni e
interventi di
solidarietà
sociale volte a
sostenere
economicamen
te, in
particolare, le
famiglie
numerose e le
famiglie in
difficoltà
attraverso
contributi e
microcrediti
Definizione di nuovi
accordi di
collaborazione con le
organizzazioni presenti
sul territorio che
condividono la
responsabilità sociale di
sostenere le fasce
deboli e le famiglie in
difficoltà;
Ricerca delle
opportunità di
integrazione/sostituzion
e dei contributi
economici con offerte di
impegno lavorativo nei
settori di pubblica
utilità; Attivazione di
una family card da
utilizzare negli esercizi
commerciali
convenzionati per le
famiglie bisognose di
aiuto.
Partecipazione alle
iniziative di politiche
attive del lavoro in
stretto raccordo con la
provincia di Brescia e le
agenzie accreditate ai
sensi della legge
regionale 22/2006;
Individuazione di nuove
prassi operative che
consentano di
rispondere in maniera
più efficace alle
difficoltà delle persone
adulte in situazioni di
fragilità e che
necessitano di percorsi
di integrazione
lavorativa più flessibili e
graduali.
Sviluppare
iniziative di
sostegno
all'inserimento
lavorativo per
le categorie
svantaggiate,
anche in
collaborazione
con la
Provincia e le
agenzie
accreditate sul
territorio.
Incrementare la
disponibilità di
alloggi da
destinare a
convivenze
protette e a
iniziative di
housing
sociale, anche
con lo scopo di
incentivare e
sostenere la
permanenza o
Gestione delle
graduatorie di accesso
all'E.R.P. dove sono
previsti anche allogggi
adeguati per le persone
con disabilità;
Servizio
accompagnamento per
le nuove assegnazioni
di situazioni in difficoltà;
Gestione assegnazioni
in deroga per particolari
condizioni di disagio
ANNUALITA' DI RIFERIMENTO
E RISULTATI
RAGGIUNTI
In accordo con Unicredit si sono realizzati interventi
di sostegno economico mediante carte di credito
ricaricabile a favore di donne sole. Si sono aiutate
100 mamme sole con figli in carico al servizio
sociale erogando a loro favore €1.000 in un anno.
A favore delle donne vittime di violenza e delle
fasce deboli si è stipulato protocollo di
Collaborazione con la Procura Ordinari a la
Provincia e il Settore Vigilanza per assicurare
l’assistenza e la massima professionalità nella
ricezione della denuncia di maltrattamento e
nell’accompagnamento nell’iter giudiziario.
Prosecuzione all’attività corrente
Sostegno all’iniziativa del Forum del Terzo Settore
Dignità e Lavoro
Nell'arco del triennio sono stati banditi 3 bandi di
assegnazioni di alloggi ERP garantendo un riserva
a persone con disabilità;
E' stato
garantito un servizio di accompagnamento, gestito
da una cooperativa sociale, all'ingresso
nell'appartamento riservato a nuclei in situazione di
disagio o cmq con difficoltà;
Le assegnazioni in deroga sono state per particolari
situazioni di disagio documentato, sono state 13 nel
2012, 26 nel 2013 e 36 nel 2014; Per quanto
riguarda il Fondo Sostegno Affitti, la diminuzione dei
contributi statali e regionali ha comportato una
riduzione dei contributi erogati: anno 2012 n.2405
93
il rientro in città
delle giovani
coppier
attraverso la
messa a
disposizione di
alloggi a
canone
moderato.
Interventi per la
mediazione dei
conflitti
Creare spazi di
mediazione al
fine di
prevenire e
gestire con
efficacia i
conflitti che
vengono a
generarsi nelle
relazioni
familiari e
sociali, quale
alternativa ai
canali legali
tradizionali.
Interventi di
sostegno ed
accompagname
nto
all'autonomia
Incrementare
gli interventi di
integrazione
sociale a
sostegno
dell'autonomia
attraverso
l'attivazione di
interventi
personalizzati,
con particolare
riferimento ai
neomaggiorenn
i.
La promozione
di sani stili di
vita
Sviluppare
intese con le
associazioni no
profit e gli
organismi di
tutela per la
promozione di
documentate;
Gestione sostegno
all'affitto oneroso
attraverso il fondo
regionale e gestione
degli interventi di
sostegno economico
attraverso il "Buono
affitto oneroso";
Gestione
dell'assegnazione di
alloggi a canone
moderato; Azioni di
housing sociale
attraverso la messa a
disposizione di alloggi
sociali all'interno di un
progetto assistenziale
ed educativo.
Creare con la
collaborazione delle
associazioni presenti
sul territorio una rete di
sostegno alle situazioni
di conflittualità
familiare, unendo alle
risorse professionali, le
risorse di prossimità
necessarie alla
ricostruzione della
relazione in un contesto
di ascolto e di
accoglienza.
Incrementare gli
interventi
individualizzati con lo
scopo di sostenere
l'autonomia possibile e
sviluppare una migliore
integrazione sociale.
Interventi modulati sulla
singola situazione,
tenendo conto delle
risorse disponibili, delle
possibili integrazioni
con gli interventi dei
servizi specialistici,delle
risorse della rete
informale,delle capacità
del singolo, della sua
famiglia e del suo
gruppo sociale di
riferimento
Attivazione di una Casa
per la salute nella zona
stazione, un luogo
aperto per momenti di
incontro e di
informazioni per le
famiglie sulle tematiche
contributi,
Si è consolidata la collaborazione tra Comune di
Brescia , Provincie di Brescia, Bergamo, Cremona e
Mantova nell’ambito della gestione dell’Ufficio di
Mediazione Penale Minorile. Il comune di Brescia
ha messo a disposizione un proprio operatore del
Servizio Minori, specificamente formato, per 5 ore
settimanali
Si sono sviluppati accordi con il terzo settore per
accompagnare le situazioni di grave disagio
mediante il progetto Uno per Uno con l’obiettivo di
rivolgere, anche a chi è in grande difficoltà ed
estremo disagio, interventi di accompagnamento
personale, consulenza sanitaria e accoglienza.
Si è messa a disposizione a 3 Associazioni
(ADMO, Ass Medici Insieme, Associazione
Nazionale Artrite Reumatoide) lo spazio in Via
Stazione 61 garantendo momenti di incontro e
solidarietà a favore delle famiglie seguite e della
cittadinanze e sviluppare forme di prevenzione.
94
Interventi per la
coesione
sociale integrata
alla
riqualificazione
urbanistica
Interventi di
promozione
delle
responsabilità
familiari e la
partecipazione
sociale
iniziative a
favore della
diffusione di
sani stili di vita.
Promuovere
azioni integrate
di coesione
sociale nelle
zone di via
Milano e San
Polo, in
sinergia con gli
interventi di
riqualificazione
e di recupero
urbanistico
Sviluppare
interventi di
promozione
delle
responsabilità
familiari e della
partecipazione
sociale.
della salute e della
disabilità.
Promuovere azioni
integrate di coesione
sociale nelle zone di via
Milano e San Polo, in
sinergia con gli
interventi di
riqualificazione e di
recupero urbanistico
Nella zona di Via Milano:Realizzati interventi di
prevenzione per la popolazione giovanile nell’ambito
del progetto “Brescia Centro Ovest da casello a
Casello”
Il Comune promuove la
costituzione di spazi
dedicati alla famiglia, in
cui associazioni e
gruppi organizzati
possono sviluppare
attività ed iniziative di
sostegno e di ascolto,
al fine di prevenire
situazioni di disagio.
Si sono sviluppati nel triennio 11 Punti Famiglia.
Dall’anno 2014, grazie al Fondo Civico costituito
con la Fondazione Comunità bresciana al fine di
promuovere l’apertura di nuovi punti di accoglienza
ed orientamento nuovi Punti Comunità
95
Fly UP