...

Allegato G: Sistema valutazione posizione dirigenti

by user

on
Category: Documents
0

views

Report

Comments

Transcript

Allegato G: Sistema valutazione posizione dirigenti
Sistema di misurazione e
valutazione delle posizioni
dirigenziali
Approvato con Delibera di Giunta Comunale
87 del 21/04/2015
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
1
Sistema di valutazione della posizione dirigenziale
Premessa :
Il presente sistema disciplina la valutazione delle posizioni dirigenziali al fine di ottemperare ad una
precisa previsione del contratto collettivo che attribuisce ai dirigenti una retribuzione di posizione la
cui entità deve essere commisurata ai compiti, alle attività e alle responsabilità connesse al ruolo
ricoperto indipendentemente dal livello di prestazione e dalle qualità personali della persona che
ricopre la posizione oggetto della valutazione .
Finalità
Il sistema di misurazione e valutazione della posizione dirigenziale consente di descrivere :
-
lo scopo della posizione all’interno dell’organizzazione (ovvero l’insieme dei
processi e delle funzioni assegnate);
-
la dimensione della posizione (ovvero l’insieme dei dati quantitativi che
caratterizzano l’attività)
-
la complessità organizzativa della posizione (ovvero l’eterogeneità della attività
svolte, il livello di specializzazione richiesto per la copertura del ruolo, la
variabilità del contesto di riferimento)
-
il livello di responsabilità associato alla posizione (ovvero il grado di rischio
connesso al ruolo, la trasversalità della posizione, il grado di autonomia di cui
gode la posizione ed i suoi limiti di discrezionalità);
-
la rilevanza delle relazioni intesa come complessità negoziale da gestire
-
la rilevanza strategica che ciascuna posizione riveste rispetto alle altre in
relazione alle scelte politiche che l’Amministrazione intende perseguire.
Indennità di posizione: importi minimi e massimi
La retribuzione di posizione del personale dirigente può variare dal limite minimo di 17.000,00 € al
limite massimo di 40.000,00 €.
Gli importi suddetti sono comprensivi degli aumenti contrattuali fino al biennio economico
2006/2007.
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
2
Fattori di valutazione
I fattori di valutazione per la pesatura della posizione dirigenziale, definiti in coerenza con quanto
previsto dal contratto nazionale dei dirigenti e ponderati in correlazione con l’assetto organizzativo
del Comune di Prato e con le linee strategiche dell’Amministrazione, sono così sintetizzati :
FATTORI DI VALUTAZIONE
1.
2.
3.
4.
Complessità organizzativa
Responsabilità interne ed esterne
Relazioni
Rilevanza strategica
PESO
SOGGETTO
VALUTATORE
Max. 35 punti
Max. 35 punti
Max. 15 punti
Max. 15 punti
NDV
NDV
NDV
Sindaco
Per la gradazione dei fattori sono definiti i seguenti parametri di valutazione :
CRITERI
Max punti
Parametri di valutazione
valutazione
fino a 15 unità
da 16 a 30 unità
risorse umane gestite
da 31 a 60 unità
oltre 60 unità
fino a 500.000,00€
Complessità
organizzativa
Min 14 - Max
35
risorse finanziarie gestite
entrate /uscite (responsabile
procedurale)
2
3
4
5
2
Da 500.001,00€ a
1.000.000,00€
3
Da1.000.001,00€ a
5.000.000,00€
4
Oltre 5.000.001,00€
media
significativa
specializzazione richiesta
rilevante
elevata
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
punteggio
5
2
3
4
5
3
media
significativa
eterogeneità funzioni assegnate
rilevante
elevata
media
variabilità del contesto di
riferimento (normativo,
tecnologico, organizzativo)
significativa
rilevante
elevata
media
Responsabilità verso l'esterno
(civile, amministrativa, penale)
significativa
rilevante
elevata
media
Responsabilità
interne ed esterne
Attività intersettoriali
Min . 13 - Max
gestite/progetti trasversali
35
coordinati
significativa
rilevante
elevata
media
significativa
Livello di discrezionalità
rilevante
elevata
media
Rilevanza relazioni
Min. 8 - Max
15
significativa
Relazioni interne
rilevante
elevata
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
3
6
8
10
4
6
8
10
5
8
12
15
4
6
8
10
4
6
8
10
2
3
4
5
4
media
significativa
Relazioni con utenza esterna
rilevante
elevata
media
significativa
Relazioni istituzionali
rilevante
elevata
contenuta
media
Rilevanza strategica
Min. 3 - Max
15
Strategicità
significativa
rilevante
elevata
2
3
4
5
2
3
4
5
fino a 3
fino a 6
fino a 9
fino a 12
fino a 15
Min. 38 - Max
100
Fattore Plus
Per valorizzare le posizioni dirigenziali cui sono attribuiti incarichi aggiuntivi specifici (Vice
Segretario, Responsabile Unità di Staff ...) viene riconosciuto un fattore plus.
Il fattore plus consiste in un moltiplicatore che incrementa il valore finale della posizione da 1,01 a
1,30.
Il valore da attribuire al fattore plus è stabilito dal Nucleo di valutazione previa valutazione delle
responsabilità connesse all’esercizio dell’incarico aggiuntivo. L’importo totale non può comunque
superare il valore corrispondente alla fascia di retribuzione massima (A)
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
5
Collegamento con la retribuzione di posizione
Al fine della definizione del valore economico della retribuzione di posizione associato a ciascun
ruolo organizzativo si identificano le seguenti fasi :
1. Si individua l’ammontare delle risorse assegnate annualmente alla retribuzione di posizione
dirigenziale nel rispetto delle previsioni normative e contrattuali decurtato dell’importo
necessario a garantire il pagamento degli aumenti contrattuali previsti dal biennio
economico 2008/2009 (= 610.95€ x Nr. Dirigenti in servizio)
2. Si stabilisce che la fascia di posizione minima pari a 17.000,00€ viene corrisposta per
punteggi ≤44 punti.
3. Si calcola la somma necessaria per garantire la fascia di posizione minima a tutte le strutture
assegnate alla responsabilità dei dirigenti.
4. Si riduce l’ammontare delle risorse assegnate annualmente alla retribuzione di posizione
dirigenziale delle somme necessarie a garantire la fascia di posizione minima a tutte le
strutture assegnate alla responsabilità dei dirigenti ;
5. Si effettua la sommatoria della differenza tra punteggio ottenuto a seguito del processo di
valutazione e 44 punti (soglia della fascia minima).
6. Si divide il fondo residuo per tale sommatoria e si ottiene il valore punto.
7. Si moltiplica il valore punto per la differenza tra punteggio ottenuto a seguito del processo
di valutazione e 44 punti (soglia della fascia minima) e si individua il differenziale
economico di ciascuna posizione.
8. Si somma il differenziale economico di ciascuna posizione al valore economico della fascia
minima di posizione e si individua la retribuzione di posizione assegnata a ciascun dirigente.
9. La retribuzione di posizione non può comunque superare il tetto massimo
di Euro
40.000,00.
La destinazione delle somme non utilizzate
Il valore economico corrispondente all’indennità di posizione per le funzioni dirigenziali
attribuite al Segretario Generale costituisce economia di bilancio.
Le risorse della retribuzione di posizione non spese sono destinate al finanziamento della
retribuzione di risultato.
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
6
Modalità di valutazione e di attribuzione delle retribuzioni di posizione
La valutazione delle posizioni avviene, in sede di prima applicazione del presente sistema a seguito
dell’entrata in vigore della nuova struttura organizzativa del Comune di Prato, successivamente tale
valutazione è rivista con cadenza periodica dal NdV al fine di assicurare la corrispondenza tra
l’assetto organizzativo e la struttura retributiva dirigenziale.
Il processo di valutazione della posizione dirigenziale si realizza attraverso le seguenti fasi:
a) PROPOSTA DI GRADUAZIONE
Il Nucleo di Valutazione applica la metodologia di valutazione e attribuisce i punteggi
relativamente ai primi tre fattori di valutazione (complessità organizzativa, responsabilità
interne ed esterne, rilevanza relazioni).
Il NdV attribuisce altresì il valore da attribuire all’eventuale fattore plus.
Il fattore relativo alla rilevanza strategica è determinato dal Sindaco.
b) ISTRUTTORIA
In questa fase, l’ufficio competente, sulla base della proposta di graduazione e delle
disponibilità del fondo per la retribuzione della posizione, determina il valore economico di
ciascuna posizione e trasmette al Sindaco le risultanze del processo.
c) DETERMINAZIONE FINALE GRADUAZIONE E RETRIBUZIONE DI POSIZIONE
Il Sindaco dispone, con proprio atto, la graduazione ed i valori delle retribuzioni di
posizione dei dirigenti .
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
7
Allegato A) DESCRIZIONE DEI FATTORI DI PESATURA DELLA POSIZIONE
1. COMPLESSITA’ DELLA POSIZIONE
1.1. Risorse umane
• nr. dipendenti assegnati
1.2. Dimensione economica :
• quantità di entrate e di uscite attribuite alla posizione dirigenziale come responsabile di
procedura
1.3. Specializzazione richiesta
• rappresenta il grado di professionalità richiesta sia in relazione al percorso di studi che
alle abilità acquisite grazie all’esperienza
1.4. Eterogenità funzioni assegnate
• esprime la complessità che deriva dal dover gestire funzioni /attività plurime non
omogenee fra loro.
1.5. Variabilità del contesto di riferimento
• esprime la complessità che deriva dalla mancanza di stabilità del sistema normativo,
organizzativo,
tecnologico
di
riferimento
e
alle
necessità
di
aggiornamento/cambiamento/innovazione connesse.
2. RESPONSABILITA’
2.1. Responsabilità verso l'esterno (civile, amministrativa, penale)
•
Misura il rischio connesso alla responsabilità gestione
2.2. Trasversalità delle funzioni gestite, progetti intersettoriali coordinati
•
Fa riferimento alle attività che necessitano di interazione con altri servizi dell’Ente per il
perseguimento di obiettivi trasversali
2.3. Livello di discrezionalità
• Fa riferimento alla complessità derivante dall’assenza di procedure o processi
standardizzati che richiedono quindi il ricorso ad abilità manageriali
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
8
3. SISTEMA DELLE RELAZIONI
3.1. Relazioni interne
• Fa riferimento alla dimensione e alla complessità delle relazioni che la posizione
intrattiene all’interno dell’ente
3.1. Relazioni esterne
• Fa riferimento alla dimensione e alla complessità delle relazioni che la posizione
intrattiene all’esterno dell’ente
3.1. Relazioni istituzionali
• Fa riferimento alla dimensione e alla complessità delle relazioni che la posizione
intrattiene con altri soggetti istituzionali
4. RILEVANZA STRATEGICA
4.1. Strategicità
• Parametro utilizzato per la valorizzazione delle posizioni dirigenziali alle quali sono
attribuite funzioni cui la Giunta riconosce un particolare valore strategico in relazione
alle priorità dell’Amministrazione
5. FATTORE PLUS
5.1. Fattore Plus
• E’ un parametro finale che viene utilizzato esclusivamente per la valorizzazione delle
posizioni dirigenziali alle quali sono attribuiti incarichi aggiuntivi (vicesegretario,
coordinamento Unità di Staff, …..) rispetto alla responsabilità di servizio.
Comune di Prato – Regolamento per l’ordinamento degli Uffici e dei Servizi
9
Fly UP